Sei sulla pagina 1di 18

Appunti di Latino:

La terza declinazione
Liceo G.M. Dettori
Cagliari

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 1


Cagliari
Terza declinazione

Declinazione eterogenea che raggruppa


sostantivi in consonante e in –i.
• Si caratterizza per l’uscita molto
varia del nominativo.
• Non è possibile formulare una regola
generale che permetta di risalire al
nominativo dal genitivo o da un
qualsiasi altro caso

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 2


Cagliari
Uscite terza declinazione

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 3


Cagliari
Riepilogando

Generalmente hanno il gen. pl.


in –um i sostantivi in consonante
in –ium i sostantivi in i.

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 4


Cagliari
• Normalmente i sostantivi in:
–i sono parisillabi,
–consonante sono imparisillabi
gen. pl. collium
N. collis
G. collis
gen. pl. regum
N. rex
G. regis
Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 5
Cagliari
Ricerca del nominativo per i temi in
consonante

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 6


Cagliari
Imparisillabi
(con una sola consonante prima della –is del gen)

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 7


Cagliari
Esempi di declinazione: temi in
dentale, velare, gutturale

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 8


Cagliari
Lessico di base
(maschile e femminile)

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 9


Cagliari
Lessico di base
(Neutri)

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 10


Cagliari
Parisillabi ed
imparisillabi
(con due consonanti prima della –is del gen.)

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 11


Cagliari
Lessico di base
(maschile e femminile)

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 12


Cagliari
Lessico di base

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 13


Cagliari
Sostantivi neutri in –e, -al, -ar

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 14


Cagliari
Lessico di base

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 15


Cagliari
Sostantivo vis, roboris

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 16


Cagliari
Apofonia
• In sostantivi come miles, militis
agisce l’apofonia per cui la vocale in
una sillaba aperta, originariamente
all’inizio o alla fine della parola,
quando si trovi per effetto della
declinazione in posizione interna, si
indebolisce e si chiude:
a>e,i; e>i,o; o>u,i

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 17


Cagliari
Specchietto di consultazione

Prof.ssa F. Carta Liceo G.M. Dettori 18


Cagliari