Sei sulla pagina 1di 15

I

 DEVA  
Relazione  a  cura  di  Giuseppe  Dragotti  
I  Deva  sono  quelle  entità  in  corpo  sottile  conosciute  e  venerate  in  modo  particolare  in  India  ai  
tempi  della  cultura  Indo  vedica.  Gli  autori  dei  testi  teosofici  nel  secolo  scorso  ne  hanno  parlato  
ampiamente  e  sono  state  riportare  le  loro  immagini  sui  testi,  disegni  fatti  basandosi  sulla  
chiaroveggenza  dei  Teosofi  che  li  descrivevano.  I  Deva  sono  il  frutto  dell’evoluzione  terrestre  
e  non  provengono  da  altri  pianeti  come  alcuni  insegnanti  spirituali  sostengono.  Noi,  se  
vogliamo  possiamo  utilizzare  il  nome  “Deva”  per  indicare  anche  altri  esseri,  entità  
extraterrestri  per  esempio,  ma  nella  accezione  del  termine  teosofico,  il  significato  è  quello  di  
esseri  di  questa  Terra  che  hanno  dei  compiti  ben  specifici,  essi  possono  essere  dei  protettori  
di  montagne,  vulcani,  alberi  o  gruppi  di  alberi  per  es.  pinete,  parti  degli  oceani  e  hanno  molti  
altri  compiti  e  funzioni  nell’economia  planetaria.  
 

               
                                       Osserviamo  in  questa  immagine  il  Deva  protettore  di  un  bosco.  
 

 
 
 
 
 
 
 
 
  1  
 
Ma  vediamo  secondo  un  testo  teosofico  qual  è  il  significato  del  termine  Deva:  
   
(San.)  -­  Un  dio,  una  divinità  "risplendente".  Deva-­Deus  deriva  dalla  radice  div,  "lo  splendore".  Un  
deva  è  un  essere  celestiale,  sia  buono  che  malvagio  o  indifferente.  I  Deva  soggiornano  in  "tre  
mondi",  che  sono  i  tre  piani  al  di  sopra  di  noi.  Ci  sono  33  gruppi  e  330  milioni  di  Deva.  Devi  
significa  Dea.  Sono  Deva  gli  Dei,  gli  Angeli,  i  Sefiroti,  gli  Amshaspend,  i  Dhyan  Chohan,  gli  
Arcangeli,  gli  Spiriti  dell'Occidente,  gli  Spiriti  Cosmici,  gli  Elementali,  ecc.  Vanno  dalla  più  
assoluta  spiritualità  (  i  più  alti  )  alla  materialità  più  concreta.  Sono  tutti  esseri  che  sono  passati,  
o  dovranno  passare,  attraverso  i  cicli  umani.  I  Deva  superiori  sono  gli  assistenti  del  Sole,  i  
Creatori  Spirituali,  ecc.  Quelli  inferiori  sono  i  padroni  di  tutte  le  forze  cosmiche  della  Natura.  
Molti  di  loro  si  sono  incarnati  dando  origine  all'umanità  e  sono,  quindi,  Uomini  Divini,  Creatori,  
Progenitori,  ecc.  
Come  abbiamo  visto,  secondo  la  teosofia,  i  Deva  dimorano  nei  tre  piani  superiori  a  quello  
fisico  denso,  cioè  astrale,  mentale  e  causale  (o  buddhico).  
Il  fatto  che  un  Deva  può  essere  sia  “buono”  che  “malvagio”,  non  presuppone  l’esistenza  di  
esseri  mentalmente  evoluti  di  indole  malvagia,  contrari  all’evoluzione  spirituale,  che  magari  
girano  per  l’Universo  con  le  astronavi  conquistando  pianeti  e  istigando  i  popoli  alla  guerra  
fratricida;  gli  esseri  che  la  teosofia  chiama  “materiali”  sono  quelli  che  si  avvicinano  più  al  
piano  fisico,  alla  materia  e  quindi,  essendo  momentaneamente  divisi,  separati  dalla  sorgente  
di  Luce  da  cui  tutti  proveniamo,  sono  (come  gli  esseri  umani)  soggetti  all’illusione  e  alla  
possibilità  dell’errore.  
Per  il  momento  vorrei  descrivere  gli  angeli  immateriali,  gli  esseri  di  luce  denominati  Deva  
dalla  Teosofia,  questi  esseri  come  già  ho  accennato  precedentemente  sono  frutto  
dell’evoluzione  planetaria  su  questo  e  su  altri  pianeti  su  cui  l’onda  di  Vita  si  trovava  in  tempi  
precedenti  all’evoluzione  terrestre.  (Non  sono  visitatori  spaziali  che  si  divertono  a  spostarsi  
da  una  costellazione  a  un’altra  per  puro  divertimento  o  magari  per  conquistare  qualche  
pianeta  meno  evoluto,  si  spostano  solo  se  necessario  per  portare  aiuto  ad  altri  esseri).  I  Deva  
nel  caso  volessero  spostarsi  in  altri  sistemi  planetari,  non  hanno  bisogno  di  usare  astronavi  
poiché  non  avendo  un  corpo  fisico  denso,  possono  viaggiare  tranquillamente  col  corpo  
energetico  e  raggiungere  i  pianeti  che  vogliono  raggiungere  attraverso  la  concentrazione  del  
pensiero.  Questo  è  possibile  anche  per  esseri  umani  spiritualmente  evoluti,  per  i  Maestri,  che  
viaggiano  in  corpo  sottile  e  lasciano  il  loro  corpo  fisico  momentaneamente  in  uno  stato  di  
catalessi,  figuriamoci  se  non  fosse  possibile  ai  Deva.  Il  Maestro  Morya  parla  sovente  dei  Loro  
viaggi  nei  mondi  lontani.  Gli  extraterrestri  che  giungono  sulla  Terra  da  altri  pianeti  usando  
astronavi,  sono  esseri  che  hanno  un  corpo  fisico  simile  al  nostro  o  al  massimo  un  corpo  
eterico  che  si  danneggerebbe  a  viaggiare  fuori  dell’atmosfera  planetaria  bombardato  da  
particelle  subatomiche  di  vario  tipo.  
Secondo  il  teosofo  Hodson  autore  del  libro:  “Il  regno  degli  dei”,  i  Deva  (o  angeli)  li  possiamo  
suddividere  in:    
 
ANGELI  DELLE  NAZIONI:  
c’è  un  Arcangelo  di  grado  elevato  che  presiede  alla  razza  umana  nel  suo  complesso  ed  esercita  
continuamente  un’influenza  spiritualizzante  sui  Sé  Superiori  degli  uomini.  Questo  Arcangelo  
della  razza  umana  –  dice  Hodson  –  si  unisce  ad  ogni  Ego  (o  anima  individuale)umano  a  livello  
della  Volontà  spirituale  o  Atma  e  prestando  ad  ognuno  la  propria  facoltà  atmica  molto  più  
sviluppata,  accresce  l’influenza  della  loro  Monade  (Atman,  Buddhi  e  Manas)  e  del  relativo  
Raggio.  
Analogamente  ogni  nazione  ben  costituita  è  presieduta  da  un  Angelo  nazionale.  Questa  
altissima  intelligenza  è  più  particolarmente  associata  agli  Ego  di  tutti  i  membri  della  nazione.  

  2  
Egli  si  unisce  ad  ognuno  continuando  ad  accrescere  la  facoltà  e  la  vita  spirituale  degli  Ego  (o  
anime  individuali).  Talvolta  invia  anche  un  impulso  alla  personalità  perché  agisca  in  modo  da  
contribuire  meglio  alla  realizzazione  del  dharma  e  dell’evoluzione  fino  a  raggiungere  la  
statura  dell’uomo  perfetto.    
 
ANGELI  COSTRUTTORI  DI  FORME  UMANE  
Ogni  ciclo  di  rinascita  umana  è  presieduto  da  membri  degli  Ordini  di  angeli  particolarmente  
associati  all’uomo.  Questi  angeli  operano  in  parte  sotto  la  direzione  di  rappresentanti  dei  
Lipika  (i  Signori  del  Karma).  La  scelta  dell’epoca,  del  continente,  della  nazione,  della  religione,  
dei  genitori,  dell’ambiente  e  delle  occasioni,  del  sesso,  del  tipo  e  delle  condizioni  fisiche  
nonché  del  grado  di  salute  e  malattia  potenziale  o  effettiva,  vengono  tutte  decise  secondo  la  
Legge  da  queste  Intelligenze  e  dai  corrispondenti  funzionari  Adepti.  Vengono  compiutamente  
presi  in  considerazione  i  diversi  karma  dell’Ego  che  si  incarna,  della  nazione  di  nascita,  dei  
membri  dei  gruppi  con  i  quali  entrerà  in  società,  dell’intera  famiglia,  del  futuro  sposo  e  sposa  
e  dei  figli,  il  karma  del  passato  e  la  missione  per  il  presente  e  per  il  futuro  vengono  tutti  
passati  in  rassegna  e  le  scelte  più  favorevoli  vengono  effettuate  con  infallibile  giustizia  in  
condizioni  karmiche.  
 
GLI  ANGELI  DELLA  RELIGIONE  
Ogni  principale  Religione  Universale  ha  il  proprio  Arcangelo  ed  i  propri  ministri  angelici,  
designati  dagli  Alti  Ufficiali  planetari,  Adepto  ed  Arcangelo.  I  più  elevati  tra  gli  Arcangeli  delle  
Religioni  presiedono  ai  serbatoi  di  energie  spirituali  destinati  ad  ogni  Credo  Universale.  
Il  Maestro  supremo  degli  Angeli  e  degli  uomini,  noto  in  Oriente  come  Bodhisattva  ed  in  
Occidente  come  Cristo  Signore,  si  dice  diriga  grandi  compagnie  di  Arcangeli.  Egli  impiega  
schiere  di  angeli  per  conservare,  dirigere  ed  elargire  a  tutto  ciò  che  vive  queste  manifestazioni  
della  Sua  amorosa  compassione.  
 
ANGELI  DELL’ANIMA  DI  GRUPPO  
La  vita  cosciente  che  evolve  nei  regni  animale,  vegetale,  minerale  ed  elementare  della  natura,  
è  diretta  da  ordini  di  angeli  a  ciò  addetti.  L’evoluzione  delle  anime  gruppo,  una  specifica  vita  
animata  che  si  manifesta  nei  veicoli  fisici  di  minerali,  vegetali,  animali  ed  uccelli,  raggiunge  la  
sua  apoteosi  nel  regno  animale  in  cui  il  numero  di  rappresentanti  fisici  diviene  sempre  più  
esiguo  finchè  si  attua  infine  il  processo  di  individualizzazione  –  generalmente  un  animale  
domestico  –  e  ne  nasce  un’anima  umana.  Il  teosofo  Hodson  ci  spiega  che  questo  
dispiegamento  e  sviluppo  attraverso  eoni,  avviene  sotto  la  continua  supervisione  e  con  
l’ausilio  di  ministri  angelici  tra  i  quali  vi  sono  quelli  che  dirigono  il  processo  di  suddivisione  
dell’Anima  Gruppo  animale  in  singole  entità  umane.  
Esistono  poi  i  DEVA  DELLA  NATURA  che  operano  per  proteggere  determinati  luoghi,  zone  
degli  oceani,  monti,  laghi,  fiumi,  foreste,  pinete  ecc.  Questi  grandi  esseri  emanano  
continuamente  energie  sottili  ed  entrano  in  contatto  con  le  anime  gruppo  degli  animali,  dei  
vegetali  e  dei  minerali  che  sono  sotto  la  loro  protezione.  
La  trattazione  diverrebbe  molto  lunga  se  parlassi  dell’evoluzione  dei  Deva  dagli  Spiriti  di  
natura  dei  sette  sottopiani  del  piano  fisico  (i  sette  nani  di  Biancaneve).  Biancaneve  
rappresenta  l’anima  individuale  paradisiaca  che  si  incarna  la  prima  volta,  l'anima  nel  suo  
aspetto  virginale  (ha  la  bocca  di  rose,  d’ebano  i  capelli,  come  neve  è  bianca),  sedotta  e  portata  
verso  l’errore  dalle  apparenze  create  da  Arhimane  che  crea  l'illusione  dell'effimero  (la  mela  
rossa  bella  all’apparenza,  ma  velenosa,  cioè  che  induce  l’anima  all’inganno,  ad  allontanarsi  
dalla  sua  vera  fonte  interiore  e  a  cercare  la  felicità  nelle  apparenze  esteriori  che  la  portano  poi  
a  rimanere  isolata  come  in  una  bara  di  cristallo,  apparentemente  morta)  e  queste  illusioni  
vengono  portate  all’anima  attraverso  la  natura  materiale  che  è  solo  la  matrigna  di  Biancaneve  

  3  
e  che  non  può  essere  la  sua  vera  madre  e  non  può  mai  raggiungere  la  bellezza  interiore  
dell'anima.  (Bella,  tu  sei  bella  oh  mia  regina,  ma  al  mondo  una  fanciulla  c’è,  vestita  sol  di  
stracci,  poverina,  ma  ahimè,  assai  più  bella  di  te).  I  sette  nani  rappresentano  le  sette  categorie  
di  spiriti  di  natura  che  all’inizio  della  discesa  dell’anima  individuale  nel  corpo,  riuscivano  
ancora  ad  aiutarla  a  riequilibrarsi,  ma  che  dopo  la  caduta  dell’anima  nella  materia,  non  più  
libera  nel  volere,  non  poterono  più  aiutarla.  La  perdita  della  libertà  impoverisce  il  pensare  ed  
il  sentire  e  vanifica  anche  ogni  tentativo  di  soccorso  portato  dalle  forze  elementari  (i  nani  la  
sollevarono,  cercarono  se  mai  ci  fosse  qualcosa  di  velenoso,  le  slacciarono  le  vesti,  le  
pettinarono  i  capelli,  la  lavarono  con  acqua  e  vino,  ma  inutilmente).  
 
                                                 Vediamo  ora  alcune  immagini  di  Deva:  

                                             
         Questo,  come  potete  vedere  dall’immagine,  è  un  Deva  delle  catene  innevate.  

  4  
                                     
                                                                           Questo  è  un  Deva  della  natura  
 

  5  
                                               
                                                               Questo  è  un  Deva  protettore  di  un  albero  
 

 
Vorrei  ora  ritornare  un  attimo  al  discorso  precedente.  Ci  sono  degli  istruttori  spirituali  che  
parlano  dei  Deva  come  di  esseri  positivi  e  negativi  (gli  asura),  che  combattono  tra  di  loro,  
usano  astronavi  tipo  Star  Treck  per  venire  sulla  Terra  o  gigantesche  astronavi  che  poi  una  
volta  atterrate  restano  lì  e  vengono  trasformate  in  templi.  Secondo  gli  insegnamenti  di  
Eugenio  Siragusa,  non  ci  sono  nel  Cosmo  esseri  intelligenti  distruttivi  in  grado  di  danneggiare  
o  distruggere  l’ordine  del  Creato.  Esiste  è  vero  il  male  nelle  civiltà  di  terza  dimensione  bassa  
come  la  nostra,  ma  questo  ha  la  funzione  di  far  evolvere  gli  esseri  ed  è  previsto  dall’ordine  
naturale  del  Creato  come  è  stato  esposto  con  tanta  saggezza  da  Helena  Petrovna  Blavatsky  
nella  Dottrina  Segreta.  Queste  civiltà  non  possono  interferire  con  la  nostra  se  non  è  previsto  
dall’ordine  naturale  e  dal  Karma  planetario.  Se  gli  abitanti  di  qualche  pianeta  
tecnologicamente  avanzato  volessero  andare  a  conquistare  altri  pianeti  senza  che  questo  
fosse  previsto  da  un  progetto  karmico  evolutivo,  il  progetto  sarebbe  subito  fermato  dalle  
Potenze  Celesti  e  non  avrebbero  modo  di  attuarlo.  Se  ci  appare  a  volte  che  il  male  prevarichi  il  
bene  è  perché  in  questa  dimensione  il  male  ha  una  funzione  evolutiva.  Diceva  Eugenio  
Siragusa  che  non  si  può  conoscere  la  luce  se  non  si  conosce  il  buio  e  che  non  si  può  conoscere  
il  bene  se  prima  non  si  conosce  il  male.  
 
 

  6  
 
“I  Fratelli  Cosmici,  non  sono  qui  per  dare"spettacolo"  o  per  soddisfare  "esigenze  interiori"  di  
alcuni  individui...La  loro  missione  è  salvare  il  salvabile...Questo  è  un  tempo  di  grande  
confusione...IL  DISCERNIMENTO  è  la  chiave  che  apre  e  previene  alla  false  figure  che  si  dicono  
"illuminate"  
Eugenio  così  si  esprime:  Non  siamo  sulla  Terra  per  dare  spettacolo  
Non  siamo  sulla  Terra  per  dare  spettacolo,  ma  per  una  Missione  precisa,  inequivocabile  che  non  
dovreste  ignorare.  È  stato  detto,  scritto  e  tramandato:  "Il  tempo  passerà,  ma  le  mie  Parole  non  
passeranno  mai".  Avete  dimenticato?  Le  nostre  manifestazioni  vi  indurranno  a  ricordare,  a  
meditare,  a  dedurre.  La  Verità,  la  Eterna  ed  immutabile  Verità  che  avete  posta  sotto  il  moggio,  
verrà  alla  luce  per  Rivelare  agli  uomini  il  Reale  Sentiero  della  liberazione  dal  male  che  vi  cinge  e  
vi  tormenta.  La  nostra  presenza  ha  il  preciso  disegno  di  porvi  in  Ravvedimento,  affinché  possiate,  
seriamente  e  responsabilmente,  comprendere  e  mettere  in  atto  i  Valori  Insopprimibili  della  
Legge  che  Vivifica  e  sostiene  il  Grande  Amore  della  Forza  Creante  che  è  presente  in  ogni  cosa.  La  
nostra  Potenza  Spirituale,  anche  se  incomprensibile,  Opera  e  si  Manifesta,  affinché  siano  
consapevoli  le  vostre  anime  e  sensibilizzate  le  Coscienze.  Le  opposizioni  sono  inutili  tanto  quanto  
sono  inutili  le  repliche.  Il  Ravvedimento  è  la  sola  Via  della  vostra  Salvezza.  Pace.  
Dal  Cielo  alla  Terra  29  Gennaio  1980  ore  10,35  Eugenio  Siragusa.  

L’evoluzione  è  il  motivo  della  venuta  di  questi  esseri  celesti  sulla  Terra,  lo  scopo  principale  
della  loro  venuta  è  quello  di  portare  l’umanità  al  ravvedimento  e  non  quello  di  mettere  i  
popoli  l’uno  contro  l’altro  o  inebriarsi  dei  sacrifici  di  animali  o  di  neonati,  il  cui  grasso  bruciato  
calmerebbe  i  loro  nervi,  questa  è  un’aberrazione  creata  dall’uomo,  Mauro  Biglino  sostiene  che  
queste  cose  si  trovano  scritte  nella  Bibbia  e  che  i  cosiddetti  Annunaki  siano  venuti  sulla  Terra  
per  fare  esperimenti  genetici  sull’uomo,  per  mettere  i  popoli  l’uno  contro  l’altro,  fomentare  
guerre,  inebriarsi  di  sacrifici  sanguinari  e  chi  più  ne  ha  più  ne  metta.  In  primo  luogo  non  ci  
possiamo  fidare  della  sua  traduzione,  chi  è  che  controlla  se  è  esatta?  E  poi  anche  se  fosse  
esatta  non  è  perché  è  scritto  nella  Bibbia  che  qualcosa  debba  essere  vera,  chissà  quante  
manipolazioni  ci  sono  state.  L’istruttore  spirituale  a  cui  accennavo  prima,  sostiene  che  i  Deva  
possono  farsi  vedere  con  un  corpo  fisico  senza  proiettare  la  loro  ombra  (come  le  anime  che  
Dante  trova  in  Purgatorio  nella  Divina  Commedia  che  si  meravigliano  del  fatto  che  il  suo  
“lume  è  rotto”  cioè  che  Dante  ha  un  corpo  fisico  e  proietta  un’ombra):    

“Come  color  dinanzi  vider  rotta    


la  luce  in  terra  dal  mio  destro  canto,    
sì  che  l’ombra  era  da  me  a  la  grotta,  90  
restaro,  e  trasser  sé  in  dietro  alquanto,    
e  tutti  li  altri  che  venieno  appresso,    
non  sappiendo  ‘l  perché,  fenno  altrettanto.  93  
 
«Sanza  vostra  domanda  io  vi  confesso    
che  questo  è  corpo  uman  che  voi  vedete;    
per  che  ‘l  lume  del  sole  in  terra  è  fesso.  96  
 
Non  vi  maravigliate,  ma  credete    
che  non  sanza  virtù  che  da  ciel  vegna    
cerchi  di  soverchiar  questa  parete”    
 
Divina  Commedia  -­‐  Purgatorio  -­‐  Canto  III  
 

  7  
 
In  realtà  qualunque  corpo  reale  o  creato  con  il  potere  di  kryashakti  sul  piano  fisico,  se  colpito  
dalla  luce,  proietta  necessariamente  un'ombra.  Se  poi  parliamo  di  realtà  sovrasensibili  di  piani  
sottili  o  immagini  illusorie,  irreali  proiettate  direttamente  nella  mente  del  percepente  da  chi  è  
in  grado  di  farlo,  allora  in  quel  caso  è  possibile  che  non  venga  proiettata  nessuna  ombra.  
Questo  istruttore  inoltre  sostiene  che  Yogananda  avrebbe  visto  Krishna  (che  secondo  lui  
sarebbe  un  Deva),  sul  tetto  di  una  casa  che  lo  salutava  con  la  manina.  Il  Signore  Krishna  è  
Colui  che  si  manifesta  in  tutto  l’Universo  come  Amore  Universale,  il  Signore  Supremo,  se  si  è  
manifestato  a  Yogananda  su  un  tetto  di  una  casa  con  un  aspetto  umano,  limitato,  finito,  è  stato  
per  entrare  in  contatto  con  lui  e  farsi  riconoscere  nella  forma  umana  che  ebbe  5000  anni  fa,  
non  poteva  certo  manifestarsi  nella  Sua  forma  Universale  come  si  manifestò  ad  Arjuna  (nella  
Bhagavad  Gita)  che  ne  rimase  atterrito.  Questo  voler  sminuire  l’universalità  del  Divino  di  
certe  persone,  per  cercare  di  ridurre  Dio  ad  un  essere  banale,  comune,  un  Deva  limitato  con  
connotazioni  umane,  magari  con  la  barbetta  e  il  cellulare  in  mano,  io  lo  trovo  sconcertante.  Il  
filosofo  Feuerbach  diceva:  “Se  anche  i  leoni  avessero  le  mani  e  sapessero  dipingere,  
dipingerebbero  un  Dio  a  loro  immagine  e  somiglianza”.    
Spesso  quindi  non  è  Dio  che  crea  l’uomo  a  sua  immagine  e  somiglianza,  ma  l’uomo  che  crea  
Dio  a  sua  immagine  e  somiglianza  con  la  sua  fantasia  attribuendogli  caratteristiche  umane,  
limitate,  lo  immagina  con  le  sue  stesse  debolezze,  gli  stessi  suoi  errori,  la  stessa  impossibilità  
dell’uomo  odierno  di  superare  il  conflitto,  la  lotta  per  la  supremazia,  l’egoismo,  
l'irresponsabilità,  la  crudeltà.    
 
Questo  lo  troviamo  anche  in  Mauro  Biglino  e  in  Zeccaria  Sitchin  e  le  loro  traduzioni  della  
Bibbia  e  delle  tavole  degli  antichi  sumeri,  a  mio  avviso  sono  false,  create  ad  hoc,  volute  forse  
non  da  loro  ma  da  qualcuno  che  in  passato  così  come  nei  tempi  odierni,  ha  voluto  e  vuole  
cercare  di  ostacolare  la  diffusione  della  verità,  chiaramente  tutto  questo  all’interno  di  un  
karma  accettato  dai  Signori  del  Karma  nel  programma  di  evoluzione  dell’attuale  umanità  di  
quarto  raggio  (armonia  tramite  il  conflitto).  Niente  di  ciò  che  accade  può  accadere  al  di  fuori  
del  karma  prestabilito,  di  questo  dovremmo  rendercene  bene  conto,  la  libertà  che  crediamo  di  
avere  in  realtà  è  molto  più  limitata  di  quanto  pensiamo  e  non  può  superare  i  limiti  del  karma  
individuale  e  collettivo.  
Le  Entità  provenienti  da  dimensioni  superiori  sono  al  di  là  del  bene  e  del  male  e  agiscono  per  
servire  l’Intelligenza  Cosmica,  e  se  devono  intervenire  per  distruggere  una  civiltà  di  terza  
dimensione  inferiore  che  cerca  di  opporsi  all’ordine  cosmico,  intervengono,  ma  non  perché  
siano  crudeli  e  desiderano  distruggere  i  pianeti  per  conquistarli,  agiscono  per  ordine  
dell’Essere  Macrocosmico  essendo  al  Suo  servizio,  essi  sanno  molto  bene  che  la  morte  non  
esiste,  ma  che  tutto  si  trasforma,  e  l’intervento  distruttivo,  se  ritenuto  necessario  per  il  bene  
del  Tutto,  non  può  essere  considerato  come  un  “male”,  ma  come  un  mezzo  per  portare  
all’evoluzione,  al  cambiamento,  coloro  che  non  potevano  arrivare  al  cambiamento  se  non  in  
quel  modo.  La  distruzione  è  necessaria  alla  rigenerazione.  Nel  cap.  11  della  Bhagavad  Gita,  
Arjuna  dice  al  Signore  Krishna  quando  viene  atterrito  dalle  innumerevoli  bocche  che  vede  
nella  Sua  Forma  Universale:  “Come  guardo  i  Tuoi  volti,  ardenti  come  la  morte,  e  i  Tuoi  denti  
terribili,  i  sensi  mi  vengono  meno.  La  confusione  mi  assale  da  ogni  parte.  O  Signore  dei  signori,  o  
rifugio  dei  mondi,  sii  benevolo  con  me”.  
 
Quindi,  se  guardiamo  alla  distruzione  della  forma  come  a  qualcosa  di  terribile,  ci  
identificheremo  sempre  con  la  materia  e  non  avremo  una  giusta  visione  della  realtà,  se  invece  
ci  identifichiamo  con  l’essere  interiore,  l’anima  individuale  che  evolve  incarnandosi  in  
numerosi  corpi  materiali,  allora  la  morte  ci  apparirà  solo  come  una  trasformazione,  un  
liberarsi  di  un  abito  vecchio  o  non  più  adatto,  per  indossarne  uno  nuovo.  

  8  
                                                                                     
 
                                                                                                                   Un  Deva  rosa  guaritore  
 
Gli  angeli  guaritori  agiscono  sul  corpo  eterico  e  astrale  del  malato  aiutandolo  nel  processo  di  
guarigione.  C’è  una  classe  molto  potente  di  angeli  guaritori  e  sono  quelli  violetti  del  Settimo  
Raggio:  magia  e  cerimoniale.  Il  Sesto  Raggio  è  il  Raggio  della  devozione,  dell’aspirazione  verso  
l’alto  e  porta  energia  dalla  materia  allo  Spirito.  Il  Settimo  Raggio  invece  è  l’opposto,  partendo  
dallo  Spirito,  raggiunge  la  materia  e  concretizza,  cristallizza  l’idea,  il  progetto  spirituale,  
perciò  è  il  Raggio  della  guarigione  per  eccellenza.  Non  a  caso  San  Ciro  medico  è  rappresentato  
con  un  abito  di  colore  viola.  
 
 

  9  
                                                   
                                         
                                           Questa  invece  è  l’immagine  di  un  Deva  violetto  di  Settimo  Raggio.  
                             (chiaramente  è  un  disegno  che  si  basa  sulla  descrizione  di  un  veggente)  
 
Il  Conte  di  San  Germain,  l’Adepto  di  Settimo  Raggio,  ha  messo  a  punto  una  tecnica  di  
meditazione  sulla  fiamma  viola  di  trasmutazione  alchemica,  l’Invocazione  alla  Luce  Viola.  
(Io  sono  colui  che  è,  io  sono  colui  che  diventa,  io  sono  colui  che  sarà)…  

Per   concludere   questo   articolo   vorrei   inserire   alcuni   brani   tratti   dagli   insegnamenti   di  
Eugenio  Siragusa  in  cui  viene  chiarito  lo  scopo  della  missione  degli  extraterrestri  sul  pianeta  
Terra,   la   loro   presenza   anche   in   basi   sotterranee   e   sottomarine   e   altre   importantissime  
informazioni  sulla  costituzione  dell’Uomo  a  livello  sottile  e  dei  rapporti  che  intercorrono  tra  
Spirito,   Anima   individuale   e   corpo   fisico.   Solo   coloro   che   sono   predisposti   nei   corpi   sottili   per  
un  contatto,  possono  essere  contattati  da  Loro,  altri    credono  di  vedere  o  di  ricevere  messaggi  
ed   istruzioni   da   Loro   mentre   in   realtà   il   contatto   non   esiste   o   esiste   con   altre   entità   sottili,  
spesso   dei   sottopiani   inferiori   del   piano   astrale   che   non   hanno   niente   a   vedere   con   le   Potenze  
Celesti.  
Hoara  comunica:  
E'  inutile  che  vi  affanniate  logorando  energie  a  detrimento  delle  strutture  psichiche.  
L'esaltazione  porta,  inevitabilmente,  a  serie  distonie  e  allo  sviluppo  del  fanatismo,  e  di  turbe  al  
sistema  neuro-­vegetativo  con  conseguenze  assi  deleterie.  
La  calma  e  la  riflessione  sono  indispensabili  per  una  reale  sintonia  con  l'Ego  superiore,  e  quindi  
con  le  dimensioni  da  cui  noi  proveniamo.  
  10  
Noi  siamo  perfettamente  in  grado  di  sondare  le  vostre  strutture  ipersensitive  e  di  avere  la  esatta  
capacità  ricettiva  del  soggetto  che  desideriamo  contattare.  Coloro  che  non  posseggono  
determinate  predisposizione,  non  potranno  in  nessun  modo  sviluppare  le  capacità  visive  e  
uditive  che  consentono  una  relazione  con  noi.  
Sono  molti  che  credono  di  essere  in  contatto  con  noi,  che  ricevono  messaggi  e  comunicazioni  
varie.  Molti  di  costoro  si  ingannano  o  vengono  ingannati.  I  nostri  collaboratori  terrestri  
posseggono  delle  caratteristiche  ben  precise  e  sono  il  frutto  di  una  elaborazione  bio-­dinamica  
scaturita  da  una  manipolazione  genetica  da  tempo  programmata.  Eugenio  Siragusa  è  uno  di  
questi.  
Pace.  
Hoara  
Nicolosi,  2  Novembre  1978.  
Eugenio  Siragusa  
Eugenio   Siragusa,   come   abbiamo   letto   poc’anzi,   era   uno   di   loro,   così   come   lo   era   anche  
Adamsky  negli  Stati  Uniti,  tanto  per  chiarire.  
 

Dal  cielo  alla  Terra  

Alcune  caratteristiche  somatiche  e  comportamentali  del  Primate  dell'uomo  stanno  riemergendo.  


Il  trattamento  genetico  effettuato  diversi  milioni  di  anni  or  sono  dai  Genisti  Cosmici,  Archetipi  
Solari  della  specie  umana,  sta  subendo  modificazioni  assai  preoccupanti.  Giorno  dopo  giorno,  
anno  dopo  anno,  la  specie  umana  di  questo  pianeta  subisce  una  lenta  ma  inesorabile  perdita  
dell'innesto  genetico  che  l'avrebbe  dovuta  portare  verso  le  frontiere  della  quarta  dimensione.  
Gli  esseri  umani,  per  fortuna  non  tutti,  stanno  retrocedendo  rigettando  le  caratteristiche  
primarie  di  quell'innesto  che,  in  forza  a  quanto  è  stato  detto  e  scritto:  "Voi  siete  Dèi  e  farete  cose  
più  grandi  di  me",  avrebbe  dovuto  acquisire  i  superiori  valori  della  coscienza  cosmica  e,  quindi,  
della  deità.  
Purtroppo,  ed  è  noto  a  tutti,  la  maggior  parte  di  questa  umanità  priva  della  virtù  del  
discernimento,  valore  eterno  ed  immutabile  della  Legge  Divina,  sta  precipitando  nel  tenebroso  
abisso  delle  recessioni  con  la  probabile  perdita  dell'Ego-­Sum  e  con  il  tragico  e  penoso  ritorno  in  
uno  Spirito  collettivo  animale:  "morte  seconda".  
Le  Potenze  Celesti  hanno  fatto  e  detto  quanto  dovevano  fare  e  dire  per  risvegliare  le  coscienze  di  
quanti  si  sono  lasciati  andare  nel  vortice  delle  dissoluzioni  materiali,  morali  e  spirituali.  
I  validi  consigli  e  le  necessarie  sollecitazioni  al  ravvedimento  sono  state  appalesate  a  tutti  gli  
uomini  del  pianeta  in  modi  diversi  e  tutti  validi  per  fermare  i  perniciosi  mali  che  sconfiggono  la  
Giustizia,  l'Amore  e  la  Pace.  
"Il  terzo  segreto  di  Fatima,  che  la  Chiesa  ha  ritenuto  nascondere  all'intera  umanità,  sta  per  
realizzarsi  e  i  segni  sono  palesi  a  tutti.  Chi  ancora  non  conoscesse  il  contenuto  di  questo  Divino,  
Celeste  Messaggio,  si  premuri  a  conoscerlo  affinché  prenda  coscienza  che  la  Verità  fa  liberi  gli  
uomini,  liberi  davvero".  
Rimanere  ciechi  e  sordi  non  giova  alla  salvezza  dei  vostri  spiriti  dalla  "morte  seconda".  

Dal  Cielo  alla  Terra.  Eugenio  Siragusa  


Nicolosi,  26  Settembre  1991  ore  15,05  

  11  

“Vi  preghiamo  di  non  insistere  (nel  chiedere  a  loro  l’intervento  per  risolvere  i  nostri  problemi),  
la  nostra  presenza  sul  vostro  pianeta  non  ha  lo  scopo  di  risolvere  i  problemi  che  travagliano  la  
vostra  società.  Vi  abbiamo  già  detto,  e  lo  ripetiamo,  possedete  l’intelligenza  e  i  mezzi  necessari  
per  risolvere  da  soli  i  problemi  di  fondo  che  rendono  la  vostra  esistenza  priva  di  reale  significato  
e  magra  dei  più  elementari  diritti  e  doveri.  Avete  ammorbato  la  vita  di  nefandezze  e  di  violenza.  
Come  se  ciò  non  bastasse,  producete  come  panini  gli  ordigni  di  morte  e  di  distruzione  mettendo  
in  serio  pericolo,  non  solo  la  continuazione  della  vostra  specie  sul  vostro  pianeta,  ma  anche  gli  
equilibri  che  strutturizzano  le  linee  di  forza  che  governano  il  Sistema  Solare.  
La  nostra  presenza,  lo  ribadiamo,  mira  principalmente  a  sorvegliare  scrupolosamente  ed  
attentamente  l’involuzione  della  vostra  scienza  nucleare  al  fine  di  impedirvi  una  probabile  
caotica  azione  bellica.  Vi  abbiamo  anche  detto  che  il  nostro  intervento  diverrebbe  drastico,  
immediato  e  determinante  solo  in  questo  particolare  caso”.  
“Spesso  rivolgete  a  noi  la  seguente  domanda:  perché  gli  extraterrestri  non  intervengono  per  
risolvere  i  nostri  annosi  problemi?  –  Noi  vi  domandiamo:  Secondo  voi,  terrestri,  come  dovremmo  
intervenire?  Imponendovi  di  accettare  i  nostri  valori  scientifici,  sociali,  morali  e  religiosi?  In  
verità,  diteci,  quali  sarebbero  le  vostre  reazioni  se  lo  facessimo  violentando  così  la  vostra  libertà,  
il  vostro  libero  arbitrio?  Facendolo,  vorremmo  sapere  se  ci  credereste  migliori  o  peggiori  di  voi,  
abituati  come  siete  a  coercire,  violentare,  imporre  per  fini  egoistici  e  di  blasfemi  interessi  politici  
ed  economici.  Lo  vorremmo  proprio  sapere.  
Pensiamo  che  possedete  sufficiente  intelligenza  idonea  a  farvi  capire  che  l’imposizione  è  
deleteria  e  per  noi,  inconcepibile.  Noi  lo  ribadiamo  ancora  una  volta:  non  siamo  disposti  ad  
imporre,  perché  la  Legge  Cosmica  ce  lo  vieta,  siamo  disponibili  ad  offrire  consigli  e  metodologie  
capaci  farvi  seriamente  ragionare,  meditare  e  dedurre.  La  determinazione  deve  scaturire  da  voi,  
dal  vostro  buon  senso  saggiamente  corroborato  al  fine  di  edificare  le  cause    atte  a  sviluppare  
effetti  positivi,  costruttivi,  benefici  capaci  di  trovare  una  soluzione  ai  problemi  che  travagliano  
tutto  il  genere  umano  e  il  suo  habitat.  Il  nostro  compito  principale  non  è  quello  di  sostituirci  a  
voi,  bensì  quello  di  sorvegliare  attentamente  e  scrupolosamente,  l’attuale  perniciosa  involuzione  
che  avete  via  via  ampliata,  dopo  i  bombardamenti  atomici  di  Hiroshima  e  Nagasaki.  Da  allora  la  
vostra  pericolosità  si  è  rapidamente  accentuata  mettendo  in  serio  pericolo,  non  solo  la  stabilità  
del  vostro  pianeta,  ma  anche  le  vostre  esistenze.  Vi  abbiamo  già  detto  che  non  intendiamo  
rimanere  passivi  nella  malaugurata  ipotesi  di  un  conflitto  nucleare  sul  vostro  pianeta,  avendo  
piena  conoscenza  che  ciò  comporterebbe  una  serie  di  distonie  dei  flussi  e  dei  riflussi  dinamici  che  
governano  gli  equilibri  cosmo  fisici  del  vostro  e  di  altri  sistemi  solari  facenti  parte  della  galassia  
a  cui  il  vostro  pianeta  appartiene.  
Per  il  momento  ci  limitiamo  all’osservazione  manifestandovi,  anche  chiarissimamente  che  
esistiamo  nella  vostra  dimensione,  che  siamo  in  mezzo  a  voi,  che  solchiamo  i  vostri  cieli  e  che  le  
nostre  basi  sono  efficienti  ed  invulnerabili.  Sia  sulla  Terra  che  su  altri  pianeti  del  vostro  Sistema  
Solare,  non  escluso  il  satellite  Luna.  Dobbiamo  ancora  una  volta  ribadirvi  che  la  nostra  scienza  e  
la  nostra  tecnica  sono  per  voi  inimmaginabili  così  come  è  impensabile  la  nostra  evoluzione  sul  
piano  spirituale,  morale  e  sociale.  Ci  preme  infine  dirvi  che  per  un  legittimo  diritto  universale  di  
tutelare  la  naturale  evoluzione  di  miliardi  e  miliardi  di  esseri  viventi  in  altri  pianeti,  non  
esiteremo  un  solo  istante  ad  un  immediato  intervento  in  caso  di  un  conflitto  nucleare  sul  vostro  
pianeta.  Questo  volevamo  dirvi  e  vi  auguriamo  che  sia  la  pace  a  prevalere  sulla  guerra,  l’amore  
sull’odio,  e  il  bene  sul  male”.  

I  Fratelli  del  Cosmo  tramite  Eugenio  Siragusa.  

  12  
 

I NOSTRI TRACCIATORI MAGNETICI (DISCHI VOLANTI COME VOI LI CHIAMATE), SCIVOLANO SU


LINEE CHE POSSIAMO MODIFICARE NELLA VOLUTA DIREZIONE. NEGLI SPAZI ESTERNI DEL VOSTRO
SISTEMA SOLARE, LE NOSTRE ASTRONAVI PRATICANO UN’ALTRA TECNICA DI VOLO MOLTO VICINA
AL CONCETTO DELLA TELEPORTAZIONE.  

LA VOSTRA MERAVIGLIA È IN PARTE GIUSTIFICATA SE FATE UNA SIMILITUDINE CON LA TECNICA E


LA SCIENZA AEREONAUTICA CHE POSSEDETE. NOI NON USIAMO CARBURANTE. USIAMO SI ENERGIA
ATOMICA, MA NON PER DISINTEGRARE COME VOI FATE.

NEL NOSTRO HABITAT E NEI NOSTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE, IL PERICOLO DI CONTAMINAZIONE


È NULLO. L’ENERGIA È PULITA AL 100% E LA DISPONIBILITÀ ILLIMITATA.

A DIFFERENZA DELLA VOSTRA ATTUALE SCIENZA POCO IMPEGNATA A RISOLVERE QUESTI


PRIMARI PROBLEMI, LA NOSTRA SCIENZA È CONTINUAMENTE IMPEGNATA SUI BENI ESSENZIALI
MIRANTI A RENDERE COMODA, SICURA E FELICE L’ESISTENZA DELLA COMUNITÀ E IL SUO
CONTINUO DIVENIRE.

NON ABBIAMO PROBLEMI DI DIFESA E DI OFFESA, NÈ SIAMO IMPEGNATI SU COSE FUTILI ED


INUTILI. PUR POSSEDENDO UNA SCIENZA PER VOI IMPENSABILE, LA USIAMO PER FINI POSITIVI, PER
IL BENE UNIVERSALE.

PACE IN TERRA.

HOARA SALUTA

Nicolosi, 29 aprile 1985

NON SIAMO UFO

NON CI CLASSIFICATE COSÌ, COME IN REALTÀ, NON SIAMO.

NON SIAMO U.F.O. E NEMMENO MARZIANI! PER VOSTRA SPECIFICA CONOSCENZA CIÒ CHE VOI
DEFINITE U.F.O. DISCHI VOLANTI, SIGARI VOLANTI ETC., SONO IN VERITÀ ASTRONAVI SPAZIALI
CORREDATE DA UNA TECNICA PRODIGIOSA, PER VOI IMPENSABILE.

CERTO, NON PRETENDIAMO DI ESSERE CLASSIFICATI COSÌ COME CI CLASSIFICARONO I VOSTRI


ANTICHI PADRI, DEI, ANGELI ETC., A NOI BASTEREBBE CHIAMARCI FRATELLI! TUTTE LE RELIGIONI
DEL MONDO PARLANO DI NOI! I VOSTRI AVI CI DAVANO DEGLI ATTRIBUTI DI DEI, DI SPIRITI
ANGELICI PER I PRODIGI CHE I LORO OCCHI VIDERO E SI TRASMISERO DA UNA GENERAZIONE ALL’
ALTRA, SINO AI GIORNI VOSTRI. SIAMO SEMPRE NOI, NOI CHE ABBIAMO VISTO NASCERE IL VOSTRO
MONDO, NOI, CHE ABBIAMO GENETICAMENTE ELABORATO I PRIMATI DELLA VOSTRA SPECIE. NON
SIAMO NOI A VOSTRA IMMAGINE E SOMIGLIANZA, MA VOI! È LA VOSTRA ETERNA IDENTITÀ A
NOSTRA IMMAGINE E SOMIGLIANZA. LA COMPRENSIBILE, GIUSTIFICATA SPIEGAZIONE DEL

  13  
PROFETA EZECHIELE QUANDO DICE: “ERA COME UNA RUOTA, CON UNA MOLTITUDINE DI OCCHI
INTORNO”, E AGGIUNSE: “GLI ESSERI CHE ERANO VICINO ALLE RUOTE AVEVANO FORMA UMANA”.  

DOPO TANTE MIGLIAIA DI ANNI TRASCORSI, RIMANE INSPIEGABILE LA VERSIONE DEL PROFETA
EZECHIELE. COSA VIDE, IN REALTÀ EZECHIELE? VE LO DICIAMO NOI, CARI TERRESTRI!  

VIDE UNA NOSTRA PATTUGLIA OPERATIVA CON I LORO MEZZI VOLANTI SPAZIALI. VIDE CIÒ CHE
OGGI, NELLA VOSTRA INIZIALE ERA SPAZIALE, CHIAMATE U.F.O., DISCHI VOLANTI, SIGARI
VOLANTI, MARZIANI, ALIENI ETC. MA POICHÈ, ANCORA OGGI, FA COMODO METTERE SOTTO IL
MOGGIO LA VERITÀ, QUANTO È STATO VISTO E QUANTO SI CONTINUA A VEDERE SONO LUCCIOLE,
LANTERNE ED ALTRO TRANNE LA REALTÀ, LA VERITÀ.

EUGENIO SIRAGUSA
Nicolosi, dicembre 1987

Poimandres spiega (tramite Adoniesis-l'Uomo Dio)


Vi è stato detto:
L'uomo è la risultante di tre valori dimensionali, diversi l'uno dall'altro, seppure insieme operanti.
1) Lo Spirito (Intelligenza) - l'uomo reale, eterno, immutabile. Nota Giuseppe (Atman)
2) Pneuma o Anima (dinamismo vitale mutevole), Astrale. Nota Giuseppe (Anima individuale)
3) Corpo materiale (strumento mutevole coordinato dal dinamismo vitale o psiche, vincolato dalla
dimensione spazio-tempo).
1) Lo Spirito (Intelligenza individuale) scaturisce dall'Intelligenza o Spirito Creativo del cosmo.
Esso è immortale ed immutabile. Coordina, istruisce, determina e produce il processo operativo
dell'Astrale, Pneuma o Anima con cui è sempre in contatto, ed inseparabile durante il ciclo
sperimentativo ed operativo nelle dimensioni spazio-tempo.
2) Pneuma o Anima (dinamismo astrale vitale) scaturisce dalla Luce creata dallo Spirito Creativo
del cosmo o del macro-essere.

Esso è mutevole e immortale. Coordina e istruisce le strutturazioni degli edifici fisici-materiali e


determina la vitalità (Animismo) e i servizi necessari all'intelligenza (spirito), per lo svolgimento
dell'attività indispensabile al divenire continuo del cosmo o macro-essere, e alla sua cosmo-
economia o evoluzione del macro-essere.
3) Corpo Materiale (strumento mutevole) scaturente dalla luce astrale a cui è strettamente legato e
da cui dipende il suo dinamismo e la sua vitalità. Esso muta solo quando la luce astrale si distacca
definitivamente per raggiunta sperimentazione dello spirito.
Questa in sintesi, l'opera e la collaborazione dei tre aspetti mutevoli ed immutevoli, ma pur sempre
eterni, del manifestato o del creato.
L'immagine dell'uomo, in questi tre aspetti, è somigliante all'essere macro-cosmico, composto dai
valori operanti delle sette dimensioni e strutturato da 150 bilioni di universi. Di esseri
macrocosmici ve ne sono tanti. Vi è stato detto!
Voi, figli della Terra, siete enzimi di una sua macro-cosmica cellula.
Tutto è mutevole ed eterno. Lo spirito è eterno ed immutabile.
"L'ANIMA È LA RISULTANTE EVOLUTIVA DELLA DINAMICA PSICHICA DEI TRE REGNI INFERIORI:
MINERALE, VEGETALE, ANIMALE, CIOÈ DEGLI ELEMENTI E REGNI PLANETARI.
LE ANIMOSITÀ PLANETARIE VENGONO TRASFORMATE ATTRAVERSO L'UOMO, LA CUI ANIMA È LA
SINTESI EVOLUTIVA DELLA PROPRIA COSCIENZA, LA GENETICA CHE EDIFICA NEL CORPO UMANO
L'ATTIVITÀ INTELLETTIVA, MUOVENDO NUOVA VITA DALLE QUATTRO VIE ALLE TRE VIE,
RISORGENDO ATTRAVERSO LA MORTE.
LA GRANDE AUREOLA DEL PIANETA È IL RISULTATO DELLE AUREOLE UMANE. L'ENERGIA COSMICA
È L'ANIMA ETERNA DEL CREATO.

  14  
LA RIVELAZIONE, RADICE DELLE RELIGIONI, È L'ARMONIA DELL'ANIMA UMANA IN CONTINUA
OPERA CON L'INTIMO PENSIERO DEL CREATO. ALLE SOGLIE DELLA GNOSI, L'ANIMA È SOBRIA,
BUONA, SVEGLIATA DAL SUO DELIRIO, CON GLI OCCHI FISSI IN DIO.
NELLA BOCCA DELL'ANIMA VI È IL "SENTIRE".
IL MAESTRO DELLO SPIRITO, CON LA LUCE DI SAGGEZZA E DI SAPIENZA, FA VIBRARE L'ANIMA, CHE
HA GLI STESSI DONI DELLO SPIRITO.
BISOGNEREBBE APRIRE LE PORTE DELLE ANIME PER STABILIRE L'UNITÀ DELLA VITA IN TUTTI GLI
ESSERI. PER QUESTO BISOGNA AVERE IN ANIMO PURO AMORE PER IL CREATO, RISVEGLIARSI,
EDUCARSI ALLA INTUIZIONE CHE È LA FACOLTÀ PIÙ PROFONDA DELLO SPIRITO, LA PIÙ ALTA
EVOLUZIONE DELLA COSCIENZA PLANETARIA.
IN VERITÀ IO DICO CHE QUATTRO SONO I SENSI CHE LA MATERIA DÀ ALL'UOMO, MENTRE UNO È IL
SENSO DELLO SPIRITO E PER TAL SENSO ESSO RAGIONA.
IN VERITÀ IO DICO CHE ANCOR ALTRI DUE SENSI VI SON DELLO SPIRITO, IL SESTO ED IL SETTIMO.
IL SESTO, CHE L'UOMO USA INTERPRETARE COME FENOMENO PSICHICO È IL PADRE DIVINO DEGLI
OCCHI, ED ESSO VEDE LE COSE CHE STANNO AL DI LÀ QUANDO PER LUI SI USANO
 
PARTICOLARI RIGUARDI. ESSO VEDE L'IGNOTO NEL TEMPO DEI TEMPI E RENDE L'ESSERE
PARTECIPE DELLE COSE REMOTE E FUTURE.
IL SETTIMO, SEPPUR AL DI LÀ DEL SESTO, È LIMITANTE CON LO SPIRITO PURISSIMO ED IL SESTO
SENSO. ESSO È IGNOTO ALLA MASSA, E L'OPERA SUA SI MANIFESTA IN COLORO CHE SON PADRONI
ASSOLUTI DEL SESTO SENSO.
ED ANCOR IO DICO: QUINDI NON SIA TEMPO, MA BENSÌ SENSO CHE DIA ALL'UOMO PARTE DELLE
GRANDI CONOSCENZE UNIVERSALI.
4+3 = 7: 4 SENSI COMUNI MATERIALI + 5° SENSO, RAGIONE-MATERIALE-SPIRITUALE.
IL SESTO SENSO ALTRO NON È CHE RAGIONE SOLAMENTE SPIRITUALE, MENTRE IL SETTIMO ALTRO
NON È CHE RAGIONE DIVINA".
"SIATE SEMPLICI E PURI DI CUORE PER ESSERE GRADITI ALLE FORZE INVISIBILI CHE VI SPINGONO
VERSO UN DESTINO MIGLIORE".

Dall'evoluzione animica umana, la conclusione delle esperienze vissute si trasferisce come


memoria, sulla personalità astrale che rimarrà in eterno una vita parallela passata.
Naturalmente ogni esperienza vissuta, rimane nella memoria degli elementi, nel ciclo creativo del
ritorno. In questo flusso aumenta la evoluzione animica collegata con la Luce Creativa e con lo
Spirito Creativo, quindi collaborazione tra fasi sperimentali e memoria cosmica.

Non  ho  altro  da  aggiungere  alle  stupende  parole  cariche  di  saggezza  ricevute  da  Eugenio  
Siragusa  dalle  Potenze  Celesti.  Saluto  affettuosamente  tutti  coloro  che  leggeranno  questo  
articolo  e  auguro  loro  che  possano  trarre  da  questi  insegnamenti,  una  crescita.  

Giuseppe  Dragotti  

  15