Sei sulla pagina 1di 1

Madre Santa

melodia di P. Décha (1928 - 1996)


arm. G. Verardo

  
     

      

 
  


Ma - dre San - ta, il Cre - a - to - re dao - gni mac - chia ti ser - bò.

       
         
9

      
Sei tut - ta bel - la nel tuo splen - do - re: Im - ma - co - la - ta, noi tiac - cla - miam.

   
                  
17


A- ve, a - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a!

      
            
17

S
 
A - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a! A - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a!


C                        
                
A- ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a! A-ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a!

   
T

                               
A- ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a! A-ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a!

          
B     
     
A - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a! A - ve, a - ve, a - ve, Ma - ri - a!

Madre santa, il Creatore Nella gloria Assunta sei


da ogni macchia ti serbò. dopo tanto tuo patir.
Sei tutta bella nel tuo splendore: Serto di stelle splende per te:
Immacolata, noi ti acclamiam! nostra Regina, noi t'invochiam!

Ave, ave, ave, ave, Nelle lotte, nei timori,


ave, ave, Maria! in continue avversità,
della Chiesa Madre sei tu:
Tanto pura, Vergine, sei Ausiliatrice, noi t'invochiam!
che il Signor discese in te.
Formasti il cuore al Re dei re: Tanto grande, Vergine, sei
Madre di Dio, noi ti acclamiam! che dai ali al supplicar.
Esuli figli vegli dal cielo:
Gran prodigio Dio creò Consolatrice, noi t'invochiam!
quando tu dicesti: "sì".
Il Divin Verbo donasti a noi: Tu gloriosa vivi nei cieli
Vergine e Madre, noi ti con l'eterna Carità.
acclamiam! Per te accolga la nostra lode
ora e sempre la Trinità!
Hai vissuto con il Signore
in amore ed umiltà.
Presso la Croce fu il tuo dolore:
o Mediatrice, noi ti acclamiam!