Sei sulla pagina 1di 3

C’è qualcosa che lega il cerchio di pietre di Stonehenge ai templi

di Malta e ai dolmen francesi: le radici megalitiche dell’Europa

Una mega-civiltà
olto prima dei faraoni, dei pa- Prima delle piramidi. Spesso distrutte in

M lazzi di Creta e dell’Odissea esi-


steva nel Mediterraneo e in Eu-
ropa una civiltà progredita. Pos-
sibile? La risposta, fino a qualche tempo fa,
sarebbe stata un secco no. Poco più che sel-
quanto “cose da pagani” durante la cristia-
nizzazione dell’Europa, le costruzioni me-
galitiche furono attribuite alla “decadenza
barbarica” o tutt’al più ai Celti. Ma le data-
zioni con il carbonio-14 (basate sul decadi-
L’isola dei
trenta templi
L’isolotto di
Filfola visto dal
tempio superiore
di Mnajdra, a
vaggi, gli europei si riteneva avessero impa- mento di questo elemento nei resti organici
rato quasi tutto dai più avanzati popoli del trovati presso i megaliti) hanno chiarito che Malta. Qui, fra il
3600 e il 2500
Vicino Oriente. C’era però un neo in questa molte di esse furono erette 2.500 anni prima a. C., un popolo
visione, detta “diffusionista”: la presenza di delle piramidi egizie. E a Malta grandi bloc- megalitico
megaliti, imponenti blocchi di pietra, dispo- chi di pietra furono usati per erigere tem- costruì circa 30
sti ad arte in molte località europee, da Sto- pli, inaugurando così l’architettura sacra templi dedicati
nehenge, in Inghilterra, all’isola di Malta. 1.500 anni prima dei Sumeri o degli Egizi alla dea-madre.


Focus Storia 2 Focus Storia 37
I megaliti più I più grandi capolavori dei mega-architetti con simboli di rinascita e destinata a ospita-
re migliaia di defunti.
Ad Avebury, in Inghilterra, fu invece rea-
antichi? Quelli 1 3
N el disegno, le principali costruzioni
megalitiche e ciclopiche dell’Eu-
ropa e del bacino mediterraneo:
(Inghilterra); 2. “Bory” (abitazioni) della
Provenza (Francia); 3. “Tomba dei
giganti” (sepoltura collettiva) Li Lolghi
lizzato il cerchio di pietre più grande, con
un diametro di 427 metri. Vi si accedeva da
2
portoghesi e della 1. Cerchio di pietre di Stonehenge ad Arzachena (Sardegna); 4. Dolmen
di Bisceglie (Puglia); 5. Tomba reale
una strada lunga diversi chilometri, fian-
cheggiata da menhir. «Si ritiene che non fos-
di Micene (Grecia); 6. Villaggio di
Bretagna: hanno Khirokitia (Cipro); 7. Tomba di Megiddo
(Israele); 8. Templi di Mnajdra (Malta);
se solo un centro religioso, ma anche un luo-
go destinato a mercati e assemblee» spiega
Meozzi. Conclusione: edifici religioso-am-
14 4
oltre 7 mila anni RANC
IA
IT
A
9. “Sesi” (abitazioni) di Pantelleria
(Sicilia); 10. Tomba punica
di Tipasa (Algeria); 11.
ministrativi, architetture funerarie e “spazi
pubblici” sono elementi caratterizzanti una
F Nuraghe Santu Antine a civiltà (v. articolo a pag. 24). Non bisogna

LI
che costruirono la piramide a gradoni di Saq- Torralba (Sardegna); 12. però immaginare un solo popolo e una cul-

A
qara. Questi antichi architetti, però, non co- “Naveta” (sepoltura collet- tura omogenea. Gli uomini megalitici, poli-
noscevano la scrittura. «Ciò non significa tiva) di Minorca (Baleari); ticamente e culturalmente, erano divisi in
che la loro non fosse una civiltà» spiega Die- 13. “Talayot” (abitazioni) tanti centri. Se a Newgrange (Irlanda) riu-
go Meozzi, autore di numerose ricerche sul 13 IA 5 di Minorca (Baleari); scirono a costruire un tempio dove ogni sol-

EC
14. Filari di menhir
megalitismo e co-fondatore del primo sito a Carnac (Francia). stizio d’inverno i raggi del Sole passavano at-

GR
Internet sull’argomento (www.stonepa traverso uno stretto e lungo corridoio rag-
ges.com). «Per erigere quei monumenti giungendo la camera principale, altrove si
era infatti necessario un sistema sociale dimostrarono più “rozzi”. Tutti però cono-
molto organizzato». scevano l’arte della ceramica e la levigazione
Grandi opere. I megaliti erano di tre ti- TURC HI degli strumenti di pietra e molti produceva-
pi: i dolmen (grosse pietre sormontate da 12 A no oggetti di rara bellezza. Si facevano sep-
una lastra, di solito usati come sepolture), pellire con i resti di un animale-totem, sim-
i menhir (monoliti con funzioni sacre e ter- 8 6 bolo della comunità o di un personale “an-
ritoriali) e i cerchi di pietre, che delimitava- 11 gelo custode”. E tutti adoravano il Sole, gli
no zone sacre pubbliche. Ma non è tutto. A antenati e la dea-madre. Da quest’ultimo
Silbury Hill, non lontano da Stonehenge, culto, quando il megalitismo tramontò, deri-
4.600 anni fa venne eretta una montagna sa- varono le divinità femminili classiche, dalla
cra artificiale, alta 40 metri, spostando 250 10 Ishtar mesopotamica all’Astarte dei Fenici,
mila metri cubi di terra e pietre. Si è calcola- dall’Afrodite dei Greci alla Venere romana.
to che servirono 18 milioni di ore-lavoro. Vinti dal metallo. «Il megalitismo scom-
A Bougon, in Francia, si è invece prova- parve con la diffusione dei metalli. Come se
to a trasportare con la tecnologia dell’e- la nuova risorsa, decisiva in battaglia, aves-
poca una tipica pietra megalitica dai ri- se avuto bisogno di nuovi simboli» spie-
flessi bluastri, una blue stone, del peso di 7 ga Meozzi. Le spade e le lance in bronzo
32 tonnellate. Risultato: ci sono volute dei popoli dei kurgan, i guerrieri a cavallo
170 persone per spingerla su binari di legno 9 che dalle steppe del Volga invasero più vol-
e altre 30 per manovrare le leve che l’hanno te l’Europa, furono uno dei fattori determi-
fatta avanzare di soli 40 metri in una giornata nanti. Prima di finire, il megalitismo visse
di lavoro. Per trasportare una sola delle blue gine 20 metri e pesava 350 tonnellate, risulta bliche e un alto grado di coesione sociale» delle strutture religiose, ciascuna con un torità suprema, prototipo dei primi re, sacri- però una fase di transizione. Le stele erette
stone di Stonehenge, che provenivano dal evidente che per realizzare queste opere fu- sottolinea Meozzi. sancta sanctorum riservato alla divinità, rap- ficasse animali e distribuisse carne e cereali in Lunigiana (tra Liguria e Toscana), per
Galles, a 200 km di distanza, ci sarebbero rono necessari un solido potere centrale, una Cimiteri e mercati. Lo dimostrano an- presentata da statuette femminili dalle forme al popolo. Sull’isola, presso Hal Saflieni, cir- esempio, raffigurano guerrieri armati di spa-
voluti 14 anni. «Se si pensa che il menhir di produzione agricola in eccedenza per man- che le costruzioni megalitiche di Malta, le prosperose, simbolo della dea-madre. ca 5 mila anni fa venne inoltre scavata nella da e indicano che i tempi erano cambiati. ❏
Locmariaquer, in Bretagna, era alto in ori- tenere la gente impegnata nelle opere pub- cui grosse pietre delimitavano i diversi cortili Sembra che in questi centri pubblici un’au- roccia una necropoli sotterranea decorata Franco Capone

Solstizio Sentinella
d’annata del nord
La folla
convenuta a Un monolito
Stonehenge in sull’isola di
occasione del Arran, in Scozia.
solstizio d’estate Qui si trovano
del 1960. diversi cerchi
Questo tempio di pietre, il più
megalitico, che grande dei quali
forse era usato era costituito
anche come da ben 50
osservatorio megaliti.
astronomico,
attrae da
sempre gli spiriti
romantici.

Focus Storia 39

Potrebbero piacerti anche