Sei sulla pagina 1di 1

Filippo Gragnani (Livorno, 3 settembre 1768 – Livorno, 28 luglio 1820) è stato un chitarrista e compositore italiano.

Nacque nel 1768, in una famiglia di consolidate tradizioni musicali. Suo padre, Antonio Gragnani, fu un liutaio di discreto
prestigio[1]. Viene indirizzato alla musica sin da piccolo, dapprima studiando il violino, poi composizione
e contrappunto con il maestro pisano Giulio Maria Lucchesi. Mentre proseguiva i suoi studi, inizialmente incentrati sulla
musica sacra, la sua attenzione di strumentista si spostò sulla chitarra; in pochi anni ne apprese la tecnica con grande
sicurezza e virtuosismo. Verso la fine del Settecento[2] venne a contatto col maestro e chitarrista Ferdinando Carulli, e ne
fu allievo. Intorno al 1807 iniziò a pubblicare le sue prime composizioni. Nel 1810 si trasferì a Parigi, dove Carulli da
tempo soggiornava e riscuoteva successi. Le poche notizie biografiche che si hanno di Gragnani tacciono a partire
dal 1812.
Morì il 28 luglio[3] del 1820, nella sua Livorno.