Sei sulla pagina 1di 451

Piemonte

© Lonely Planet Publications. Per agevolarne l’utilizzo, questo libro non ha restrizioni digitali.Tuttavia ti ricordiamo che
l’uso è strettamente personale e non commerciale. Nello specifico, non caricare questo libro su siti di peer-to-peer,
non inviarlo via email e non rivenderlo. Per ulteriori informazioni, leggi le Condizioni di vendita sul nostro sito.
© Lonely Planet Publications

Piemonte
Il Nord e i laghi
Maggiore e d’Orta
p315
Canavese,
Gran Paradiso
e Valli di Lanzo
p132

Valli Susa, Torino e


Chisone, Pellice dintorni
e Germanasca p50 Asti, Alessandria
p155 e il Monferrato
p264
Langhe
e Roero
p224
Cuneo, Saluzzo
e le valli
p178

EDIZIONE SCRITTA DA

Giacomo Bassi, Sara Viola Cabras, Remo Carulli,


Anita Franzon, Rossana Cinzia Rando
PIANIFICARE ON THE ROAD
IL VIAGGIO
Benvenuti TORINO E DINTORNI. . . 50 Bassa Val Susa. . . . . . . . . . . . 161
in Piemonte. . . . . . . . . . . . . . . 4 Torino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53 Alta Val Susa. . . . . . . . . . . . . . 164
Le residenze reali Bardonecchia . . . . . . . . . . . . . 168
Top 16 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 e la collina torinese. . . . . . 118 Val Chisone . . . . . . . . . . . . . 170
In breve . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Venaria Reale . . . . . . . . . . . . . 118 Pinerolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
Parco e Certosa Reale Prali e la Val Germanasca. . . 172
Se vi piace... . . . . . . . . . . . . . 20 di Collegno . . . . . . . . . . . . . . . 122 Fenestrelle. . . . . . . . . . . . . . . . 173
Castello di Rivoli Sestriere e dintorni . . . . . . . . 174
Mese per mese. . . . . . . . . . . 24 e Museo d’Arte
Val Pellice . . . . . . . . . . . . . . 176
Contemporanea . . . . . . . . . . . 122
Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Stupinigi . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Torre Pellice e dintorni . . . . . 176

Attività all’aperto. . . . . . . . . 34 Chieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125


Moncalieri . . . . . . . . . . . . . . . . 129
CUNEO, SALUZZO
Viaggiare E LE VALLI. . . . . . . . . . . . 178
Carignano . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
con i bambini . . . . . . . . . . . . 38 Cuneo. . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
CANAVESE, Fossano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
GRAN PARADISO Bene Vagienna . . . . . . . . . . . . 188
E VALLI DI LANZO . . . . . 132 Borgo San Dalmazzo. . . . . . . 189
ROSTISLAV GLINSKY / SHUTTERSTOCK ©

Valle Maira. . . . . . . . . . . . . . . . 189


Ivrea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Valle Grana . . . . . . . . . . . . . . . 192
Anfiteatro Morenico
e Canavese . . . . . . . . . . . . . 141 Valle Stura. . . . . . . . . . . . . . . . 194
Settimo Vittone . . . . . . . . . . . . 141 Valle Gesso . . . . . . . . . . . . . . . 196
Carema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141 Valle Vermenagna . . . . . . . . . 198
Piverone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141 Valle Pesio. . . . . . . . . . . . . . . . 200
Azeglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142 Il Saluzzese. . . . . . . . . . . . . 201
Strambino . . . . . . . . . . . . . . . . 143 Saluzzo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
Candia Canavese . . . . . . . . . . 143 Savigliano . . . . . . . . . . . . . . . . 207
Colleretto Giacosa. . . . . . . . . 144 Valle Po . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
Agliè e dintorni. . . . . . . . . . . . 144 Valle Varaita. . . . . . . . . . . . . . .212
Torre Canavese. . . . . . . . . . . . 146 Il Monregalese . . . . . . . . . . 215
Castellamonte . . . . . . . . . . . . 146 Mondovì. . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
LE TORRI DI ALBA P227
Valperga. . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 Santuario di Vicoforte. . . . . . 219
Cuorgnè. . . . . . . . . . . . . . . . . . 148 Valle Tanaro. . . . . . . . . . . . . . . 220
Pont Canavese . . . . . . . . . . . . 148 Le località sciistiche . . . . . . . 222
Parco Nazionale
ANITA FRANZON / EDT ©

Gran Paradiso. . . . . . . . . . . 149 LANGHE E ROERO . . . . 224


Valle Orco . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Alba. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
Valle Soana . . . . . . . . . . . . . . . . 151 Roero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Valli di Lanzo. . . . . . . . . . . . 152 Bra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Lanzo Torinese . . . . . . . . . . . . 152 Canale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
Valle di Viù. . . . . . . . . . . . . . . . 152 Montà. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
Val d’Ala. . . . . . . . . . . . . . . . . . 153 Cherasco . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
Val Grande. . . . . . . . . . . . . . . . 154 Langhe. . . . . . . . . . . . . . . . 244
Treiso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
VALLI SUSA, Barbaresco . . . . . . . . . . . . . . . 245
CHISONE, PELLICE Neive. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
E GERMANASCA. . . . . . . 155 Roddi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
Val Susa. . . . . . . . . . . . . . . . 158 Grinzane Cavour e dintorni. 248
CAPPELLA DI SANT’ANASTASIA,
SALE SAN GIOVANNI P258 Susa e dintorni. . . . . . . . . . . . 158 La Morra . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
Sommario
CONOSCERE

Barolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250 Borgomanero . . . . . . . . . . . . . 329 Piemonte oggi. . . . . . . . . . . 376


Da Castiglione Falletto Lago Maggiore . . . . . . . . . 330
a Serralunga d’Alba . . . . . . . . 252 Storia. . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
Arona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
Monforte d’Alba e dintorni 252 Lesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332 Arte e architettura. . . . . . . 389
Dogliani . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253 Belgirate . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
Alta Langa. . . . . . . . . . . . . . . . 255 Letteratura e cinema. . . . . 397
Stresa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
Canelli e la Langa Baveno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336 Musica . . . . . . . . . . . . . . . . 404
Astigiana . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
Verbania. . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
Cannobio. . . . . . . . . . . . . . . . . 338 Il Piemonte a tavola. . . . . . 407
ASTI, ALESSANDRIA Lago d’Orta . . . . . . . . . . . . . 339
E IL MONFERRATO. . . . 264 Il paesaggio naturale. . . . . 416
Orta San Giulio. . . . . . . . . . . . 339
Asti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
Miasino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
Basso Monferrato
Armeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
astigiano . . . . . . . . . . . . . . . 277
Omegna. . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
GUIDA
Cocconato. . . . . . . . . . . . . . . . 277
Pella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343 PRATICA
Castelnuovo Don Bosco . . . . 279
Le colline alfieriane . . . . . . . 280 Val d’Ossola. . . . . . . . . . . . 343
Alto Monferrato Mergozzo. . . . . . . . . . . . . . . . . 343 Informazioni . . . . . . . . . . . . 422
astigiano . . . . . . . . . . . . . . . 283 Vogogna. . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
Macugnaga . . . . . . . . . . . . . . . 345 Trasporti . . . . . . . . . . . . . . 429
Costigliole d’Asti. . . . . . . . . . . 283
Nizza Monferrato. . . . . . . . . . 285 Valle Antrona. . . . . . . . . . . . . . 347 Indice . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
Mombaruzzo. . . . . . . . . . . . . . 286 Domodossola . . . . . . . . . . . . . 347
Il Monferrato casalese. . . . 289 Val Vigezzo. . . . . . . . . . . . . . . 349 Legenda
Val Divedro . . . . . . . . . . . . . . . 351 delle cartine . . . . . . . . . . . 446
Casale Monferrato. . . . . . . . . 289
Sacro Monte di Crea . . . . . . . 294 Baceno e Valle Devero. . . . . . 352
Moncalvo. . . . . . . . . . . . . . . . . 296 Formazza. . . . . . . . . . . . . . . . . 352
Alessandria . . . . . . . . . . . . 297 Vercelli. . . . . . . . . . . . . . . . . 353
Val Bormida e Ovadese. . 304 Quinto Vercellese. . . . . . . . . . 357
Sezzadio e dintorni . . . . . . . . 305 Trino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357
Cassine . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305 Livorno Ferraris . . . . . . . . . . . 358
Acqui Terme e dintorni . . . . . 305 Santhià. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
Tortona e l’Oltregiogo . . . . 307 Valsesia . . . . . . . . . . . . . . . . 359
Tortona. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308 Gattinara . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
Val Curone. . . . . . . . . . . . . . . . . 311 Romagnano Sesia . . . . . . . . . 359
Novi Ligure e dintorni . . . . . . 312 Borgosesia. . . . . . . . . . . . . . . . 360
Gavi e dintorni . . . . . . . . . . . . 313 Varallo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
Scopello. . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
IL NORD E I LAGHI Alagna Valsesia e dintorni 363
MAGGIORE E D’ORTA. . . 315 Val Mastallone . . . . . . . . . . . . 364
Novara . . . . . . . . . . . . . . . . . 317 Val Sermenza . . . . . . . . . . . . . 365
Il Novarese. . . . . . . . . . . . . . 323 Biella. . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
Galliate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324 Candelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370 IN QUESTA GUIDA
Trecate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324 Magnano . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
Casalbeltrame . . . . . . . . . . . . 324 Viverone. . . . . . . . . . . . . . . . . . 371 Attività all’aperto. . . . . . . . . 34
San Nazzaro Sesia. . . . . . . . . 325 Verso le montagne. . . . . . . 372
Le residenze reali. . . . . . . . . 42
Verso nord. . . . . . . . . . . . . . 326 Pollone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
Bellinzago Novarese . . . . . . . 326 Sordevolo. . . . . . . . . . . . . . . . . 372 I Sacri Monti. . . . . . . . . . . . . 44
Oleggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327 Santuario di Oropa. . . . . . . . .373
Il Piemonte a tavola . . . . . 407
Castelletto sopra Ticino . . . . 329 Rosazza e dintorni. . . . . . . . . 374
Benvenuti
in Piemonte
Connubio perfetto tra storia, arte, cultura
e natura, dietro l’eleganza e l’apparenza austera
il Piemonte nasconde un animo vitale
e sorprendente, da scoprire a passo lento.

Una terra elegante e raffinata delle Langhe e del Roero, con le colline
pettinate da lunghi e pittoreschi filari
Regione dal fascino antico e raffinato,
di viti che accarezzano il cielo.
e a tratti anche un po’ ingombrante, il
Piemonte appassionerà anche i viaggiatori
più compassati con il suo patrimonio di arte Enogastronomia
e cultura, paesaggi unici e tradizione enoga- Vino, certo, ma non solo: oltre all’impres-
stronomica. E sebbene il turismo internazio- sionante numero di etichette prestigiose,
nale abbia da tempo raggiunto luoghi come il Piemonte è da sempre meta imprescindibile
Torino, la Reggia di Venaria o le Langhe, per gli amanti della buona cucina. Andare
sarà sufficiente qualche giorno di viaggio per alla scoperta delle sue tante specialità agro-
rendersi conto di quanti luoghi straordinari alimentari significa viaggiare per tradizioni
ci siano ancora da scoprire. Basta lasciare gastronomiche che spaziano dal mare
per un attimo le confortevoli aree cittadine, (grazie alle influenze della vicina Liguria)
con il loro corredo di tesori, per incappare agli alpeggi montani. Senza dimenticare
in piccole chiese campestri, imponenti le pianure del nord della regione, che da
monasteri, coinvolgenti musei e paesaggi maggio si trasformano in un mare a qua-
punteggiati da piccoli borghi senza tempo. dretti preparato per la coltivazione del riso,
e le colline, dove nascono i profumati tartufi.
Il patrimonio UNESCO E in ultimo, la pasticceria fine e il cioccolato
in tutte le sue sublimi declinazioni.
Non stupisce che in Piemonte siano presenti
quattro siti dichiarati dall’UNESCO Patrimo-
nio mondiale dell’Umanità, in buona parte Tra laghi e montagne
fuori dalle aree urbane. Ci sono le residenze Ma il Piemonte non è solo arte, cultura
sabaude, maestosi castelli e dimore da sogno e ottimo cibo: da nord a sud, infatti, è un
sparpagliate in tutta la regione, da Venaria susseguirsi di aree naturali di straordinaria
al Canavese; ci sono i Sacri Monti, come bellezza. L’arco alpino, su cui svettano
quello di Varallo, in cui la religiosità popolare iconiche montagne come il Monte Rosa
si sublima nelle opere dei massimi pittori e il Monviso, farà la gioia degli amanti delle
e scultori rinascimentali; gli insediamenti attività all’aria aperta, che d’estate potranno
palafitticoli intorno al Lago di Viverone, dedicarsi all’escursionismo e d’inverno allo
prime testimonianze umane della regione; sci, mentre l’area dei laghi accontenterà
e i paesaggi vitivinicoli del Monferrato, chi cerca scenari più dolci.
FRANCESCO RICCA IACOMINO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Perché amo il Piemonte


Remo Carulli, autore
Si potrebbe celebrare il Piemonte per le splendide vallate, dove l’ispirata creatività della natura
ha composto scenari di incredibile varietà. Si potrebbero decantare le meraviglie artistiche
che costellano tutto il territorio, a partire da Torino, in ogni direzione. Si potrebbero esaltare,
senza bisogno di ricorrere all’iperbole, le idilliche morbidezze delle Langhe, l’aggraziata nobiltà
dei paesaggi lacustri più a nord o i vertici enogastronomici della regione. Ma è il carattere così
peculiare del Piemonte, altero e riservato, misterioso e ammaliante, sensuale e poetico, che in tutti
questi aspetti si rispecchia, a fare la differenza: così che la maggior parte dei viaggiatori, alla fine
del viaggio, sarà inesorabilmente costretta a porsi la stessa domanda alla quale rispondo io ora.
Per ulteriori informazioni sugli autori, v. p448

Sopra: Le Langhe, zona del Barolo


e 00 40 km
Piemonte 25 miglia

ALTITUDINE Monte Basodino


(3273 m)
2000m
1500m
1000m ÷
500m Parco Naturale
200m Veglia e Devero
100m Monte Leone
0 (3552 m)
Ivrea Locarno
#
^
Elegante e animata, Pizzo
non solo quando impazza d’Andolla ^
# Domodossola
Isola Bella, Lago Maggiore
la battaglia delle arance (3656 m) La perla del lago, tra ville
dello Storico Carnevale. (p135) Pallanzeno stupende e uno straordinario
÷
Parco Naturale giardino # Lago
botanico. (p334)
Lugano ^ di Lugano
Monte dell’Alta Valle
Parco Nazionale Cervino Antrona Lago
Monte di Como
Gran Paradiso (4478 m) Rosa Verbania
^
# Lago
Un verde spettacolo di vette montuose, (4634 m)
Maggiore
laghi e animali selvatici. (p149) Stresa
6
6

Varallo ^
# Varese #
Como ^
Monte Lago
Bianco d’Orta
(4810 m) Aosta
6

#
^ Arona
Borgosesia

Borgomanero

T #
Monza ^
Parco Nazionale ^
# Biella
icin

Gran Paradiso
o

÷ Vercelli
Ivrea Questa cittadina vi stupirà
#
^
#
Novara ^ con musei, chiese affrescate
Milano
e la splendida
Basilica di Sant’Andrea. (p353)
Sesia

Castellamonte D Santhià
ora

#
^
Ba
a
#
^
Caluso Vercelli
Aeroporto

Baltea
Reggia di Venaria Mole Antonelliana e
di Torino Museo Nazionale del Cinema
La residenza reale più visitata, Caselle
fastosa e circondata Rocciamelone –
# L’icona di Torino per eccellenza
(3538 m) ^
# Pavia
da splendidi giardini. (p119) Venaria Chivasso
ospita il tempio della
Susa Reale
Fiu me Po
storia del cinema. (p61)
Bussoleno
Casale
^ Monferrato
÷ # Torino
Parco Naturale Rivoli Museo Egizio di Torino
Orsiera-Rocciavrè Il secondo museo più importante
Chieri al mondo dedicato agli antichi Egizi,
Moncalieri
nel nuovo scenografico allestimento. (p55)
^
# Asti #
^
Pinerolo Poirino Alessandria
Tortona
Tàn o
ar
Vialattea Carmagnola
Il paradiso degli sciatori, Fiu me Po
tra borghi incantevoli
e piste interminabili. (p165) Nizza Novi Ligure
Bra Monferrato
Alba
Monviso Savigliano
Sacra di San Michele (3841 m) Acqui Terme
Saluzzo
Il simbolo della regione, Ovada
troneggiante all'imbocco Fossano Barolo
della Val Susa. (p161) Infernot
Ingegnose cantine scavate nel tufo
da generazioni di vignaioli,
Patrimonio dell’Umanità UNESCO. (p295)
Saluzzo
^
# Genova
Per una versione piemontese del
^
# Cuneo
Rinascimento venite in questa Mondovì Asti
cittadina ricca di arte e storia. (p202) Deliziosa cittadina di capolavori
Parco
Parco Naturale
d’arte, buon vino e con il Palio
Naturale più antico d’Italia. (p267)
delle Alpi Alta Valle
Marittime Pesio e Tanaro
÷ ÷
Valle Maira Alba
Arte e paesaggi incontaminati Rocche del Roero La base ideale
nella più selvaggia delle valli Monte
Argentera Esplorate da cui partire alla conquista
della regione. (p189) (3297 m) il ‘gran canyon’ del Roero delle Langhe. (p227)
a piedi o in bicicletta. (p240)
Top 16
9
Musei Reali di Torino Sacra di San Michele

1 Una volta varcato il cancello della


Piazzetta Reale, l’angolo più elegante di
Piazza Castello, sarete i protagonisti di un
2 Che lo osserviate da lontano o ne per-
corriate i corridoi interni, il simbolo della
regione mantiene intatta la sua maestosa
incredibile viaggio nel tempo. Attraverserete aura di grandezza. Il patrimonio artistico
le sale sontuose del Palazzo Reale e gli spazi qui custodito, poi, con lo strabiliante Portale
ordinati dei Giardini, nutrirete gli occhi e dello Zodiaco e i bei dipinti di Defendente
l’anima nella nuova Galleria Sabauda, soddi- Ferrari e Antonio Maria Viani, esalta ancor
sferete ogni curiosità nell’immenso Museo di più il fascino etereo di un luogo più vicino
Archeologico, nell’Armeria e in Biblioteca, e al cielo che alla terra, specie nelle giornate
scoprirete chi è vissuto a Palazzo Chiablese. nuvolose. Se a questo aggiungete che a
Gli edifici che raccontano la storia torinese, pochissimi chilometri si trovano la ridente
recentemente rinnovati, completati, colle- Avigliana (p162) e l’imperdibile Precettoria
gati fra loro e aperti al pubblico, saranno di Sant’Antonio di Ranverso (p162), uno
il primo insostituibile contatto con la città, dei più alti capolavori artistici dell’intero
con la sua cultura e il suo ruolo politico Piemonte, vi apparirà chiaro perché una gita
nei secoli. Benvenuti alla corte dei Savoia! da queste parti è altamente consigliata.
Palazzo Reale (p54) Sacra di San Michele, interni (p161)
LEONID ANDRONOV / SHUTTERSTOCK ©

CMON / FOTOLIA ©
LEONID ANDRONOV / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
3
10 PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6
11
4 5
ARTURKO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

FOTOVOYAGER / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6
Mole Antonelliana Ivrea Parco Nazionale
e Museo Nazionale
4 Sebbene sia ricordata Gran Paradiso
del Cinema
5
quasi esclusivamente Allacciate gli scarpon-

3
per il suo storico Carnevale, cini da trekking, chiu-
Nato per essere la
che culmina con l’appicci- dete lo zaino e imboccate
sinagoga della città,
cosa Battaglia delle Arance, uno dei numerosi sentieri
il bizzarro edificio-simbolo
in realtà Ivrea (p135) è che solcano la prima area
di Torino progettato da
una città animata e vivace, naturale dichiarata parco
Alessandro Antonelli è oggi
piena di negozi e ristoranti, nazionale in Italia, a cavallo
diventato un Museo del
con una quantità di eventi e tra Piemonte e Valle
Cinema alto 167,5 m. Salite
festival che richiamano ogni d’Aosta, amata dai Savoia
sull’ascensore da brivido
anno migliaia di persone e punteggiata da minuscoli
e godetevi il percorso che
e con un’offerta culturale borghi abbarbicati lungo
vi porterà dalle lanterne
di tutto rispetto, in grado i fianchi delle montagne.
magiche ai divi di Hollywood,
di accontentare anche Scoprirete allora strette
in uno degli esperimenti
i viaggiatori più esigenti. valli incontaminate, ampi
più riusciti in Italia di
E poi è stata per decenni laghi su cui si riflettono
comunione tra architettura
la patria della Olivetti, vette maestose e un
storica e museo, tra cinema
che ha lasciato da queste ecosistema delicato
e arti, tra sito turistico e
parti – tra l’elegante centro e fragile, nel quale avvistare
luogo cardine della cultura
storico pedonale e gli da lontano camosci,
cittadina. Tornati a terra, il
argini della Dora Baltea, stambecchi e marmotte,
Cinema Massimo, a pochi
che scorre ai piedi osservando il lento
passi dalla Mole, vi offrirà
dell’abitato – straordinari volteggiare delle aquile.
una panoramica quasi
edifici disegnati dai più Stambecco, Parco Nazionale
ininterrotta sui magici
importanti architetti Gran Paradiso (p149)
prodotti della settima arte.
del Novecento.
Mole Antonelliana (p61)
12
6

GIANCARLO TOVO / TURISMO TORINO E PROVINCIA ©


PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6

MAUDANROS / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Museo Egizio La Venaria Reale

6 L’imponente restyling durato anni,


l’allestimento suggestivo dello sceno-
grafo premio Oscar Dante Ferretti, alcuni
7 A 10 anni dal restauro, la Reggia di
Venaria (p119) è ancora uno dei luoghi
più visitati d’Italia. A calamitare i turisti non
dei reperti più interessanti della civiltà è solo il delizioso borgo e l’immensa reggia
egizia (che sia una mummia perfettamente destinata alle cacce, alle feste e ai diverti-
conservata, un corredo funebre di estrema menti di Casa Savoia, ma anche le stimolanti
raffinatezza custodito all’interno di un iniziative ludiche e culturali ospitate nei
sarcofago, la ricostruzione minuziosa di una saloni e nei giardini, cui fa da sfondo il solenne
tomba o un’imponente statua) hanno reso il profilo delle Alpi. Ce n’è per tutti: dall’arte
museo stesso e il suo allestimento un’‘opera alla storia, dalla musica al giardinaggio, dallo
d’arte’. L’egittologo Jean-François Champol- spettacolo serale di luci e suoni del Teatro
lion affermò che “la strada per Menfi e Tebe d’Acqua ai giochi per i bambini, dalle gare
passa da Torino”: i quattro piani del secondo di carrozze al gran ballo in abito lungo di
più importante museo egizio al mondo dopo novembre, con pranzo di gala e quadriglia
quello del Cairo sono un’esperienza fuori di mezzanotte. Tanti eventi in una cornice
dal comune e non possono che confermarlo. da sogno, dove ognuno può scegliere come
Sarcofago, Museo Egizio (p55) vivere al meglio la sua giornata da re.
13
8
FBXX / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6
9
ALESSANDROGIAM / FOTOLIA ©

Vialattea Valle Maira

8 Se amate gli sport invernali, le discese


in bicicletta o le passeggiate all’aria
aperta, il Comprensorio della Vialattea
9 Tra le innumerevoli forme in cui può
declinarsi il concetto di montagna, la
Valle Maira (p189) regala alcune tra le più
(p165), che include Oulx, Sauze d’Oulx, fulgide: i paesaggi sontuosi, duri e selvaggi,
Cesana e Claviere in Val Susa, e Sestriere dove l’urbanizzazione di altre località della
e Pragelato in Val Chisone (oltre a Mont- regione è lontana anni luce e il tempo sem-
genèvre in Francia), è un sogno a occhi bra essersi fermato; le cappelle affrescate
aperti: natura vestita a festa in ogni stagione, e le ombrose chiesette sparse su tutto
servizi efficientissimi e, per i viaggiatori il territorio, da cui il più profondo Medioevo
più trendy, tanti ristorantini azzimati. risale vorticosamente come in un incantesimo
Ma sono soprattutto gli appassionati e l’identità occitana (radicatissima in tutti
di sci a non dover perdere l’occasione i centri abitati) si afferma con vigore;
di venire qui: il tripudio di piste, di ogni e, soprattutto, l’incredibile Elva (p192),
livello e colore per la discesa, ma anche tra pascoli e strade impervie, dove la poesia
con ampie possibilità per il fondo, garantisce di uno dei capolavori dell’arte piemontese
avventure praticamente inesauribili. si accorda con il lirismo della natura.
Free rider sulle piste della Vialattea Laghetto montano, Valle Maira
14
10 11

CLAMON / FOTOLIA ©

BLACKMAC / FOTOLIA ©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6

Saluzzo Asti e il Palio Alba e le Langhe

10 Se c’è un luogo in
11 Circondata da un del vino

12
Piemonte in grado mare di colline Elegante e raccolta,
di evocare arie rinasci- che profumano di vino, Alba (p227) è una
mentali, intrighi di corte Asti (p267) è una meta città ricca di cultura e di
e quell’atmosfera ebbra per intenditori che apprez- storia. Adagiata tra colline
e sfumata dei luoghi che zano l’arte romanica e coltivate a vite e circondata
hanno conosciuto gloria e barocca, le torri antiche, le da castelli, Alba è il cuore
ricchezza, questo è Saluzzo cattedrali e le memorie di delle Langhe, dove tutto
(p202). In città sono un cittadino illustre, Vittorio (o quasi) ruota intorno
molteplici le vestigia della Alfieri, celebrato con vie, a una principale attività:
grandiosa stagione vissuta piazze, monumenti e una la produzione del vino.
tra il XV e gli inizi del XVI casa-museo da poco riaperta Recatevi a Barolo,
secolo (Casa Cavassa, al pubblico. Tra gli estimatori a Barbaresco o in uno
Il Duomo, la Castiglia), di questo delizioso, piccolo qualsiasi dei comuni della
quando sotto la protezione capoluogo del Piemonte ci Bassa Langa in autunno
di Ludovico I e Ludovico II sono però soprattutto i viag- per capire il fermento che
accorrevano qui artisti giatori che, oltre agli scorci la viticoltura provoca da
da tutta Europa. Oltre d’arte e architettura, amano queste parti: per quanto
a un cospicuo patrimonio portarsi a casa il ricordo faticosa, la vendemmia
artistico, Saluzzo vanta di un assaggio, un sorso di è sempre una festa. In tutte
un crescente dinamismo vino, il profumo inebriante di le altre stagioni, partecipate
culturale, che si concretizza tartufo bianco e l’emozione ai tour con degustazione
in molteplici manifestazioni di una corsa di cavalli che la organizzati nelle cantine,
nel corso dell’anno, ed è la terza domenica di settem- oppure munitevi di scarpe
base perfetta per esplorare bre trasforma la città comode e passeggiate
un territorio di grande in un affresco medievale. tra i ripidi e soleggiati filari.
fascino. Il Palio di Asti (p274) Barbaresco (p245)
15

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6
12
JAVARMAN3 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
16
13

ANITA FRANZON / EDT©


PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6

14

ROSSANA CINZIA RANDO / EDT©©

Le Rocche Gli infernot

13 Profonde spaccature originate da


un fenomeno geologico di erosione
attraversano le colline di Langhe e Roero. Qui
14 Capolavori di creatività contadina,
gli infernot (p295) sono cavità
sotterranee scavate nel tufo dai vignaioli
le chiamano Rocche (p240) e rappresentano del Monferrato fin dall’Ottocento per
un modo alternativo di scoprire il territorio conservare le bottiglie di vino migliori
entrando nel suo ventre. Nelle Langhe im- e passare un po’ di tempo in allegria con
mergetevi tra natura e leggenda nelle Rocche gli amici. Oggi queste singolari opere
dei Sette Fratelli di Treiso. Nel Roero seguite i dell’architettura popolare, attrezzate con
tanti sentieri tracciati che toccano la maggior tavoli, nicchie e ripiani in pietra dalle forme
parte dei borghi nati in bilico su questi dirupi. più estrose, costituiscono un valore aggiun-
La grande biodiversità che contraddistingue to dei ‘paesaggi vitivinicoli piemontesi’ che
le Rocche ne fa un paesaggio unico e incon- si unisce alle geometrie perfette dei filari,
taminato, adatto a gite di poche ore o di più al profumo di mosto e alle antiche tradizioni
giorni. E dopo le scarpinate concedetevi una dei processi di coltivazione e vinificazione
lenta e rigenerante pausa enogastronomica premiati dall’UNESCO come Patrimonio
nella patria di Slow Food, movimento nato dell’Umanità. Tesori nascosti di un antico
a Bra negli anni ’80 del secolo scorso. sapere popolare che oltre alla terra ha
Le Rocche dei Sette Fratelli (p244) saputo coltivare la cultura del savoir vivre.
17
L’Isola Bella Vercelli
sul Lago Maggiore
16 Cittadina piccola e ordinata,

15 Quella che fino al Cinquecento non circondata da un mare di risaie


era altro che un arido e inospitale e un po’ fuori dai circuiti turistici, Vercelli
scoglio affiorante dalle acque del Lago (p353) è in realtà uno dei capoluoghi
più straordinari del Piemonte: perdetevi

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 6
Maggiore, proprio davanti a Stresa (p333),
nel corso dei secoli è stata trasformata tra le sale dei tanti musei che ospitano
in un’isola da fiaba, con un immenso e capolavori dell’arte italiana, strabiliatevi
scenografico palazzo barocco colmo di opere davanti agli affreschi rinascimentali
d’arte, in grado di rivaleggiare con i più son- che impreziosiscono gli interni delle chiese,
tuosi castelli d’Oltralpe, e un profumatissimo poi spingetevi fino alla colossale Basilica
giardino a forma di nave nel quale vive una di Sant’Andrea (p355), sublime fusione
colonia di pavoni bianchi. Da qui sono passati di architettura romanica e gotica che svetta
re e regine, principi e capi di stato, e nei suoi sui tetti delle case da quasi mille anni.
immensi saloni sono state scritte importanti Piazza Cavour e la Torre dell’Angelo (p353)
pagine di storia; che cosa aspettate a venire
anche voi a curiosare tra queste mura?
Isola Bella (p335)

15
ELI77 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

16
LADIRAS / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
18
© Lonely Planet Publications

In breve
Per ulteriori informazioni v. Guida pratica (p421)

Banche
I bancomat sono diffusi Quando andare
e le carte di credito sono
in genere accettate in
alberghi e ristoranti, Temperature medie annue (°C)
mentre potrebbero non
esserlo in alcuni B&B, -2/0
rifugi e piccoli negozi: 1/2
verificate in anticipo. 3/4
5/6
7/8
9/10
Alloggio
11/12
Hotel, alberghi diffusi, 13/14
B&B, ostelli, cascine, 14/15
agriturismi, rifugi, ville
storiche e castelli: la
scelta di sistemazioni in
Piemonte è amplissima
(p422).

Pasti
La ricca tradizione ga-
stronomica piemontese
e l’eccellente qualità dei
vini saranno fra i ricordi
più gradevoli del vostro
viaggio: godetevi il caffè
e l’aperitivo nei locali
storici, i piatti classici Alta stagione Media stagione Bassa stagione
della tradizione e quelli ¨¨La stagione scii- ¨¨La primavera e ¨¨A luglio e agosto
della cucina creativa stica va da fine no- l'autunno sono ideali a Torino e nei capo-
dei grandi chef, senza vembre a fine marzo; per visitare le grandi luoghi di provincia fa
tralasciare la golosis- i prezzi degli alberghi città, anche perché caldo e molte attività
sima merenda sinoira aumentano nelle è tempo di festival, sono chiuse; Torino,
(p408). località di richiamo. sagre gastronomiche però, è abbastanza
¨¨Luglio e agosto ed eventi culturali; gli popolata di turisti
sono ideali per il alberghi hanno offerte anche in questi mesi.
Telefoni cellulari se si soggiorna fuori
turismo dei laghi e le ¨¨Gli inverni sono
La copertura è general- dai weekend. Sono
escursioni sui monti. freddi in città, sulle
mente buona in tutta la i periodi più adatti
¨¨Ottobre e novem- colline di Langhe e
regione, ma potrebbe anche per esplorare le
bre sono i mesi dei Monferrato e nelle
essere problematica in campagne piemontesi
funghi e dei tartufi in valli. A gennaio, però,
alcuni comuni minori e in bicicletta.
Langhe e Roero. è tempo di saldi.
nelle zone montane.
19
Siti web Arrivo Treno
Stazione ferroviaria
Lonely Planet Italia (lonelypla Aereo
netitalia.it) Informazioni, forum di Torino Porta Nuova (www.
Torino Airport (www.aeropor
dei viaggiatori e molto altro. torinoportanuova.it/it) e
toditorino.it) A circa 16 km
Stazione ferroviaria di Torino
Piemonte Italia – Tourism a nord del centro, a Caselle
Porta Susa Il vantaggio di
(piemonteitalia.eu) Sito ufficiale Torinese.
scendere dal treno e di essere in

PIANIFICARE IL VIAGGIO I n br e v e
del turismo in Piemonte. Autobus Sadem (www.sadem.it) centro città.
Turismo Torino e Provincia Collega lo scalo torinese con
Stazioni ferroviarie di
(www.turismotorino.org) le stazioni ferroviarie di Porta
Alessandria, Asti, Biella,
Convention & Visitors Bureau di Nuova (46 min) e Porta Susa
Cuneo, Novara, Vercelli e
Torino e del suo territorio con (34 min). Corse giornaliere ogni
della provincia del Verbano-
informazioni molto accurate. 15-30 min tra le 6.10 e le 0.30
Cusio-Ossola Consultare i siti:
dall’aeroporto (h6.35-23.45
Bambini con la valigia (www Trenitalia (www.trenitalia.com)
dom e festivi) e tra le 4.45 e
.bambiniconlavaligia.com) Per Italo (www.italotreno.it)
le 23.30 (h5.30-23 dom e
organizzare e vivere al meglio il festivi) da Torino. Tariffa: €6,50
viaggio in famiglia. (€5 per i possessori della Trasporti locali
Vacanze bestiali (www.vacanze Torino+Piemonte Card; + €1 per A piedi Spesso è il modo ideale
bestiali.org) Per viaggiare con i l’acquisto a bordo). (e a costo zero) per muoversi nei
vostri amici animali. centri storici e in molte località.
Taxi Aeroporto–centro città:
€34 (30 min) Autobus Diverse società
Numeri utili gestiscono i collegamenti interni
Treno Dalla stazione di Torino
Numero unico europeo di della regione, che raggiungono
Dora partono e arrivano i con-
emergenza (per ambulanza, la maggior parte delle località
vogli della linea sfmA Torino
Forze dell’Ordine, Soccorso trattate nella guida. Al di fuori
Dora–Aeroporto–Ceres (19 min,
Alpino e Speleologico, Vigili dell’alta stagione e del periodo
€3). Corse ogni 30 min tra le
del Fuoco) %112 scolastico per alcune località le
4.49 e 19.55 dall’aeroporto (tra
corse si riducono e sono addirit-
le 5.38 e le 23.13 da Torino). Il
tura assenti nei giorni festivi.
Budget giornaliero biglietto si acquista al livello
Basso: meno di €70 arrivi dell’aeroporto o a bordo, Automobile e motocicletta
con un supplemento di €2, e La soluzione migliore per
¨¨Alloggio economico: €30 per andare alla scoperta dei luoghi
consente di viaggiare anche sui
persona
mezzi pubblici urbani GTT e di più suggestivi della regione. Le
¨¨Sandwich: €4 effettuare una corsa in metro. località sono collegate da una
¨¨Ingresso libero in tutti gli buona rete di strade statali e
Aeroporto di Cuneo
edifici di culto e alcuni musei provinciali.
Levaldigi (www.aeroporto.
cuneo.it) Dista circa 65 km da Imbarcazioni Traghetti e piro-
Medio: €70-200
Torino. scafi garantiscono i collegamen-
¨¨Camera doppia in hotel di ti fra le principali località lacustri
media categoria: €70-160 Navetta BMC Bus (www.
della regione.
aeroportocuneo.it/aerobus)
¨¨Ristorante: €35 Treno Collega tutte le province e
Collega lo scalo cuneese con la
¨¨Aperitivo: €8 stazione di Torino Lingotto, in molti dei principali centri urbani.
coincidenza con l’orario di arrivo Alcune località sono tuttavia
Alto: più di €200 e partenza dei voli (€8 a tratta, raggiungibili solo in auto.
¨¨Camera doppia in hotel di si consiglia l’acquisto online),
categoria elevata: più di €160 e con la stazione ferroviaria
¨¨Ristorante di alta categoria: di Fossano (€7, prenotazione
più di €40 obbligatoria).
¨¨Caffè seduti a un tavolo Treno Da Fossano passano ogni
all’aperto: €4 ora i treni della linea sfm7 Tori-
no–Fossano (servizio ferroviario
metropolitano) che in 60 min Per saperne di più
raggiungono Torino Porta Susa sui trasporti
(€5,75). locali, v. p432
20

Se vi piace…
nell’elenco dei giardini storici del in un angolo incantato di Torino
Castelli, fortezze e Piemonte. (p308) dove s’incontrano sacro e profa-
no. (p66)
residenze nobiliari Forte di Fenestrelle La versione
sabauda della Muraglia Cinese Cattedrale di Asti Fatevi incan-
Palazzo Madama Visitate
non potrà che lasciarvi a bocca tare dalle sue dimensioni, le più
l’edificio che più di tutti racconta
aperta. (p173) imponenti del gotico piemontese,
la storia di Torino dall’antichità ai
e dalla concentrazione di splendi-
giorni nostri. (p58) Castello della Manta Un capo-
de opere custodite all’interno.
lavoro d’arte, con le suggestioni
Villa della Regina Giardini (p272)
pagane dei meravigliosi affreschi
incantati, vigne, fontane e un
quattrocenteschi. (p202) Sacro Monte di Crea Affreschi e
palazzo restaurato in questa raffi-
statue a grandezza naturale ren-
nata residenza estiva dei Savoia, Forte Albertino di Vinadio
dono vivo il racconto delle Sacre
a due passi dal centro di Torino. Fascino marziale, corridoi segreti
Scritture, che raggiunge l’apice
(p82) e spiccata multimedialità in una
nella Cappella del Paradiso,
struttura imponente. (p195)
Castello del Valentino Sulle rive animata da centinaia di angeli e
del Po, la splendida villa amata Castello del Roccolo di Busca santi sospesi nella volta celeste.
da Cristina di Francia è immersa Per un’atmosfera da brivido, (p294)
nel cuore verde del capoluogo questo stupendo maniero spicca
Santa Maria di Vezzolano Ca-
piemontese. (p70) per le linee neogotiche. Pare vi si
polavoro del romanico astigiano,
celi un fantasma... (p202)
Castello Falletti a Barolo Un vanta statue, rilievi e un magni-
ottimo pretesto per visitarne le Castello Reale di Racconigi Lo fico jubé illuminato dall’azzurro
nobili stanze è offerto dal WiMu, sfolgorante fasto della regalità lapislazzulo delle montagne del
Museo del Vino, un percorso in una delle più spettacolari resi- Caucaso. (p280)
sensoriale allestito all’interno del denze sabaude. (p209)
Sinagoga di Casale Monferrato
castello. (p250)
Castello di Masino Il tempo si è La più sontuosa del Piemonte,
Castello di Serralunga d’Alba fermato nel magnifico maniero decorata da stucchi dorati e
Slanciata e maestosa, la struttu- che fu dei conti di Valperga, arredi sacri del barocco e rococò
ra di questa roccaforte è unica in tra opere d’arte, carrozze e un piemontese e da una collezione
Italia: ve ne accorgerete anche a labirintico giardino. (p142) di lumi disegnati da noti artisti
distanza. (p252) contemporanei. (p292)
Castello Ducale di Agliè Una fa-
Forte di Gavi Con il suo stosa residenza ottocentesca di Parrocchiale di Santa Maria
impianto a stella e la posizione 300 stanze, luogo di villeggiatura Assunta a Elva Un capolavoro
abbarbicata sulla roccia domina estiva dei Savoia. (p145) dell’arte piemontese, immerso
l’intera valle, i boschi, i vigneti nella più selvaggia natura della
e la piramide del Monte Tobbio. Valle Maira. (p192)
(p313)
Luoghi della Santuario di Sant’Anna di
Castello di Rocca Grimalda Vinadio Spiritualità e devozione
Affascina la sua torre cilindrica di spiritualità allo stato puro in uno dei più
avvistamento con le pareti incise Santuario della Consolata Il intensi luoghi di pellegrinaggio
dei ricordi dei prigionieri, ma an- lato più bizzarro e affascinante del cuneese. (p195)
che il giardino pensile, compreso della spiritualità piemontese,
21
Abbazia di Staffarda Un tuffo nel
Medioevo profondo, a due passi
ANITA FRANZON / EDT ©

da Saluzzo e da Pinerolo. (p211)


Santuario di Vicoforte La più
grande cupola ellittica al mondo
e i suoi scenografici affreschi at-

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piac e …


traggono visitatori da ogni angolo
del Piemonte. (p219)
Sacra di San Michele Il simbolo
del Piemonte accoglie i viaggiatori
in tutta la sua maestà all’ingresso
della Val Susa. (p161)
Precettoria di Sant’Antonio
di Ranverso Per secoli luogo di
cura per i pellegrini lungo la Via
Francigena, è una delle più im-
portanti espressioni artistiche di
tutto il Quattrocento in Piemonte.
(p162)
Santuario di Oropa Alle spalle di
Biella, un santuario cresciuto nei
secoli intorno a una piccola statua
di una Madonna nera, oggetto
ancora oggi di pellegrinaggio.
(p373)
Sacro Monte di Varallo Una
Gerusalemme in miniatura in alta
Valsesia, dove la storia di Gesù
riprende vita tra statue e cappelle
deliziose. (p361)

Andar per cantine


ANITA FRANZON / EDT ©

Banca del vino a Pollenzo Non


è una vera e propria cantina di
produzione, ma un caveau che
conserva la memoria storica del
vino italiano. (p238)
Cantine del Roero Arneis e Neb-
biolo: andate a cercarli da Malvirà,
Matteo Correggia e tra i ragazzi
del progetto SoloRoero, che vi
racconteranno passato, presente
e futuro del Roero vitivinicolo.
(p242)
Cantine del Barbaresco Tra
Neive, Treiso e Barbaresco si
trova il regno del vino portato
al successo internazionale da
produttori illuminati come Angelo
In alto: Castello Falletti a Barolo (p250)
Gaja. (p245)
In basso: Balcone a Castiglione Falletto (p252)
22
Cantine del Barolo Più che un sente, nord e sud, prodotti locali un ‘mucchio’ di cose vecchie.
vino, un mito. Tante sono le can- e sapori lontani. Il più grande (p310)
tine che valgono il viaggio anche mercato all’aperto d’Europa.
per un solo sorso di Barolo. Noi vi (p64)
abbiamo segnalato alcune tra le
Balôn Tra antichi palazzi e
nostre preferite. (p251)
abitazioni popolari, un mare di
Passeggiate
Strada romantica Panorami,
PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piac e …

Cantine del Moscato Se vi fida- bancarelle dell’usato e d’antiqua-


te dei nostri consigli, durante il riato. (p64) stradine di campagna, le vigne al
vostro viaggio potrete assaggiare tramonto: qui tutto è romantico,
Mercatini di Natale di Borgo
il Moscato d’Asti come non lo compreso questo percorso che
Dora Nella zona del Balôn,
avete mai provato. (p248) unisce 11 suggestive tappe fra
nel cuore popolare di Torino,
Langhe e Roero. (p244)
Cantine Sotterranee di bancarelle colme di cibi e pro-
Canelli Cattedrali del vino, dotti di artigianato dove potrete Camminando con Fenoglio
chilometri di cunicoli e stanze comprare tutti i regali di Natale in Sembra davvero di camminare
scavate nella pietra conservano il un colpo solo. (p87) con lo scrittore, in questi luoghi
prezioso spumante. (p260) immersi nell’Alta Langa che sono
Mercati dell’antiquariato di
rimasti intatti, o quasi, in tutti
Antica Distilleria Quaglia a Cherasco Libri e mobili antichi,
questi anni. (p255)
Castenuovo Don Bosco Dal auto d’epoca, bijoux d’antan,
1890, la famiglia Quaglia produce giradischi: gli amanti del vintage Ecomuseo delle Rocche
grappe distillate lentamente, non si perdano questi mercati È grazie a questo ecomuseo se
con aromi e profumi oggi ormai che arrivano a contare anche non vi perderete tra i sentieri del-
dimenticati. (p280) 600 espositori. (p243) le Rocche del Roero. Consultate il
sito internet prima di mettervi in
Cascina Castlet a Costigliole I mercati di Asti Nota dal Medio-
cammino. (p241)
d’Asti Tutti i vini prodotti in que- evo per la vocazione mercantile,
sta storica cantina nascondono Asti riserva stuzzicanti sorprese Grande Traversata delle
un piccolo segreto. A cominciare sotto le volte del mercato coper- Langhe Abbreviato in GTL, è un
dal rosso Passum, ottenuto con to durante il mercato dell’anti- grande anello di oltre 100 km che
l’antica tecnica dell’appassi- quariato, la quarta domenica del permette di scoprire a piedi o in
mento riportata a nuova vita. mese, e nella Fiera Carolingia in bicicletta tutta l’Alta Langa; e ne
(p285) onore di san Secondo. (p271) vale la pena. (p256)
Distilleria Berta a Casalotto di Mercato dell’Antiquariato Bar to Bar Una rete di sentieri
Mombaruzzo Un parco natura- di Casale Monferrato Ogni da Barbaresco a Barolo, un modo
listico, un museo che racconta secondo fine settimana del diverso per andare alla scoperta
l’antica arte della distillazione e mese, presso l’ex foro boario in delle Langhe del vino senza
le cantine d’invecchiamento dove stile liberty, una sfilata di oltre rischiare il ritiro della patente.
le grappe riposano per anni in 300 banchi colmi di quadri, libri, (p256)
attesa del momento migliore per mobili e pezzi d’arte pregiati. Giro delle 5 Torri La Langa Asti-
l’imbottigliamento. (p288) (p289) giana che in pochi conoscono.
Cantina della Serra Tra la Serra Mercato dell’Antiquariato di Meglio è, allora, scoprirla a piedi
d’Ivrea e il Lago di Viverone, una Nizza Monferrato Ogni terza prendendo come riferimento le
piccola cantina in cui assaggiare domenica del mese, un’espo- cinque torri unite da un percorso
l’Erbaluce di Caluso. (p142) sizione di attrezzi in legno del ad anello di 30 km. (p262)
mondo contadino ma anche di Intorno alla Certosa di Pesio
Cantina sociale del Carema
pezzi di valore provenienti da Foreste, antiche vie percorse dai
Scoprite i segreti di uno dei
nobili dimore. E poi le stampe, i monaci e svariate opportunità
migliori rossi del Piemonte in
lumi, i giocattoli, la biancheria e i per gite domenicali e soggiorni
questo paesino del Canavese
pizzi della nonna. (p285) più lunghi. (p200)
ai confini con la Valle d’Aosta.
(p141) Cantarà e Catanaj È il mercato Passeggiate sul Monviso Alla
dell’antiquariato di Tortona, scoperta non solo della natura
che tre volte l’anno, le ultime grandiosa del territorio, ma an-
domeniche di aprile, settembre e
Mercati novembre, rallegra le piazze del
che della sua identità, risalendo
fino alle sorgenti del Po. (p212)
Porta Palazzo Un mercato che centro. In dialetto locale ‘cantarà’
riassume Torino: passato e pre- significa madia e ‘catanaj’ invece
23
Sentieri in Valle Varaita Borghi
sonnolenti, valloni vertiginosi,
GIACOMO BASSI / EDT ©

foreste millenarie e laghi alpini


costellano il territorio di una delle
più incontaminate valli piemonte-
si. (p213)

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piac e …


Gran Bosco di Salbertrand Una
sconfinata distesa di abetine e
larici cembreti che corre tra la Val
Susa e la Val Chisone. (p164)

Artigianato
e industria
L’oro di Valenza Da più di due
secoli Valenza è ritenuta una delle
capitali della gioielleria nel mondo,
con centinaia d’imprese e labora-
tori che lavorano con maestria il
metallo prezioso. (p303)
L’Arazzeria Scassa di Asti Nei lo-
cali restaurati dell’antica Certosa
di Valmanera, con l’antichissima
tecnica di tessitura ad alto liccio
si realizzano stupendi arazzi su
cartoni e soggetti dei più grandi
artisti contemporanei (Casorati,
De Chirico, Cagli, Klee, Mirò,
Kandijnski e altri). (p274)
I cappelli Borsalino Sui mercati
mondiali i cappelli della storica
azienda Borsalino sono ancora
al top delle richieste: coppole,
ROSTISLAV GLINSKY / SHUTTERSTOCK ©

panama, bombette, i grandi


cappelli neri confezionati per gli
ebrei ultraortodossi e quello, cele-
berrimo, indossato da Alain Delon
nel film Borsalino. (p300)
Ceramiche di Castellamonte
Non solo stufe: nel cuore del
Canavese i maestri plasmatori
realizzano da secoli raffinate
opere d’arte. (p146)
Design per la casa L’avreste mai
detto che in un piccolo centro a
nord del Lago d’Orta fossero nate
così tante eccellenze dell’industria
del design italiano? Andatele
a vedere esposte al Forum di
Omegna: le caffettiere, le pentole
In alto: Chiostro della Basilica di Sant’Andrea, Vercelli (p355) a pressione, gli oggetti per la casa
In basso: Formaggi piemontesi esposti a Cheese, Bra (p235) che hanno animato i Caroselli
della TV e ancora oggi abitano le
nostre cucine. (p342)
24

Mese per mese


z Storico di Alba si possono assaggia-
IL MEGLIO Carnevale di Ivrea re le ultime annate dei vini
(www.storicocarnevaleivrea.it) di Langhe e Roero.
Storico Carnevale Cortei in costume animano
d’Ivrea febbraio il capoluogo del Canavese
Salone Internazionale prima della scenografica
del Libro di Torino Battaglia delle Arance, una Maggio
maggio tre giorni di appiccicosa
‘guerriglia’ che richiama in
3 Salone
Collisioni Barolo luglio Internazionale
città migliaia di persone.
MITO – Settembre del Libro di Torino
Musica settembre (www.salonelibro.it) La fiera
Fiera Internazionale del di settore più importante
Tartufo Bianco di Alba Marzo d’Italia ha superato egre-
ottobre-novembre giamente la scissione con il
3 Biennale concorrente milanese.
Democrazia
(www.biennaledemocrazia.it) 5 Porté Disné
Gennaio Ogni due anni, tra marzo e (www.portedisne.it) Un tempo
aprile, a Torino voci auto- si usava portare il pranzo ai
3 Seeyousound revoli riflettono su società, familiari che lavoravano in
(www.seeyousound.org.it) politica e filosofia in questo vigna: la tradizione si ripete
L’incontro tra cinema e festival biennale ideato da ogni anno con un picnic
musica poteva avvenire solo Gustavo Zagrebelsky. itinerante nel Roero da
a Torino: il festival interna- Montà a Canale.
zionale del cinema musicale
si svolge nelle sale storiche 3 Festa della TV
del Massimo, all’ombra
Aprile e dei nuovi media
della Mole. (www.festivaldellatv.it) A Do-
3 Lovers gliani, un festival diventato
Film Festival in pochi anni un punto di
(www.loversff.com) Appunta- riferimento per il settore
Febbraio mento fisso con il cinema della comunicazione, ricco
z Baìo di Sampeyre a tematiche omosessuali,
punto di riferimento nel
di eventi e di incontri con
autori e personaggi tele-
Ogni cinque anni, in oc- visivi.
panorama culturale torine-
casione del Carnevale, la
se e nazionale.
rievocazione della cacciata
dei saraceni, gli strepitosi
z Festa di San
costumi, le colorite rappre- 6 Vinum Secondo ad Asti
sentazioni attirano visitato- (www.vinumalba.com) Un’oc- Il primo martedì di maggio
ri da molto lontano. casione da non perdere, gli astigiani si raccolgono
perché durante uno degli nella Collegiata di San
eventi di maggior richiamo Secondo per la cerimonia
25
FLORY / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO M e s e p e r m e s e
Sbandieratori al Palio di Asti

medievale dell’offerta del reading e concerti organiz-


Palio, con messa solenne e Giugno za anche un sacco di eventi
minestra dei poveri offerta per i più piccini.
a tutta la popolazione. 3 Festival
delle Colline Torinesi z OyOyOy!
5 Riso & Rose (www.festivaldellecolline.it) A La ricchezza della cultura
in Monferrato chi ama il teatro contempo- ebraica viene celebrata i
Per tutto il mese il fascino raneo e la sperimentazione primi di giugno a Casale
del Monferrato è raccontato artistica, Torino offre un Monferrato con appunta-
con eventi musicali, artistici mese intero del meglio delle menti culturali e la Sha-
e culturali, mercatini di produzioni italiane e inter- vuoth, la ‘Pasqua delle rose’,
hobbistica, florovivaismo, nazionali. durante la quale la sinagoga
gastronomia, appuntamenti viene inghirlandata di boc-
all’insegna dello sport. z C’è Fermento cioli profumati.
Appuntamento da non
3 Novara perdere a Saluzzo per gli z Rievocazione
Jazz Festival amanti della birra: quattro della Battaglia
(www.novarajazz.org) Non solo giorni di degustazioni e di Marengo
concerti per questo longevo spettacoli dove il luppolo la Se siete appassionati d’im-
festival jazz che per tre fa da padrone. prese napoleoniche, non
settimane invade strade, perdetevi la rievocazione
piazze e sale di Novara. 3 La Grande storica inscenata a giugno
Invasione sui campi di grano di Spi-
(www.lagrandeinvasione.it) A netta Marengo da 300 figu-
Ivrea arrivano scrittori da ranti che arrivano da tutta
tutto il mondo per questo Europa.
giovane e stimolante festi-
val della letteratura che tra
26

Luglio

NICO_CAMPO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


3 Collisioni Barolo
(www.collisioni.it) Non ha biso-
gno di presentazioni questo
festival agrirock che ha fatto
PIANIFICARE IL VIAGGIO M e s e p e r m e s e

il botto, anche grazie ai nu-


merosi e famosi ospiti che
ogni anno calcano i palchi
delle piazze di Barolo.

z Illuminata
Non solo stelle, nelle notti
estive di Cuneo, ma anche le
scenografiche installazioni
che brillano per 10 giorni nel
centro storico.

z Occit’amo
New entry tra i grandi eventi
piemontesi, questo straor-
dinario festival di Saluzzo
regala spettacoli di ogni
genere nelle valli occitane.

3 Settimane
Musicali di Stresa
(www.stresafestival.eu) Dal 1961,
in chiese, chiostri e aristo-
cratiche residenze sul Lago
Maggiore risuonano antichi
spartiti eseguiti da virtuosi
maestri di musica classica.

z L’Alpàa ROSSANA CINZIA RANDO / EDT ©


(www.alpaa.org) Mostra mer-
cato, concerti, spettacoli e
cene pantagrueliche a base
di prodotti tipici: i 10 giorni
più divertenti della Valsesia
sono quelli in cui Varallo si
mette l’abito da festa.

3 Flowers Festival
(www.flowersfestival.it) Nella
bella cornice del Parco della
Certosa di Collegno, concerti
pop e rock di grande qualità.

Agosto
3 TOdays Festival In alto: La Battaglia delle Arance allo Storico Carnevale di Ivrea (p138)
In basso: Rievocazione della battaglia di Bosco Marengo (p304)
(www.todaysfestival.com) Nel
2017 ha compiuto tre anni
27
ed è stato recensito come sione di questo festival che 3 Contemporary
uno dei migliori festival nutre spirito e mente. Art Torino Piemonte
rock/indie/alternativi d’Eu- (www.contemporarytorino
ropa. Oltre che nello storico 5 Cheese Bra piemonte.it) Un mese e una
locale torinese Spazio 211, (www.cheese.slowfood.com) Ad città interamente dediti
i concerti sono ospitati nel anni alterni Bra è invasa da all’arte contemporanea. La
Museo Ettore Fico e in una formaggi di tutto il mondo: mostra-mercato Artissima,

PIANIFICARE IL VIAGGIO M e s e p e r m e s e
ex fabbrica di cavi elettrici. di ogni tipo e per tutti i gli artisti emergenti di Pa-
gusti. Per la ghiotta manife- ratissima e The Others, le
5 Mangialonga stazione, la città si anima di manifestazioni della Notte
(www.mangialonga.com) Man- spettacoli e concerti. delle Arti Contemporanee e
giare, camminare e ancora le Luci d’Artista.
mangiare (e bere). Questo è z Palio di Asti
il mood della Mangialonga, Sembra di tornare al Me- 3 Torino Film
un percorso di 4 km scandi- dioevo, quando la terza Festival
to da diverse tappe di degu- domenica di settembre si (www.torinofilmfest.org) Nella
stazione dei prodotti tipici assiste alla corsa sfenata di città del cinema, un festival
di Langa. cavalli montati a pelo dai internazionale che è sinoni-
fantini che si disputano il mo di ricerca e qualità.
z Festival Palio assegnato al borgo
Internazionale vincitore. z Estate di San
del Folklore Martino a Paroldo
Per un solo weekend la son- In questo borgo sperduto
nolenta Susa si trasforma in tra Alta Langa e Liguria,
località di respiro interna- Ottobre ogni anno a novembre si
zionale, pronta ad accoglie-
re gruppi da tutta Europa. 5 Fiera ripete questa festa con i
Internazionale suoi racconti delle masche,
canti, balli e cene.
del Tartufo Bianco
(www.fieradeltartufo.org)
Settembre Nei weekend tra ottobre
e novembre dalle strade
3 Terra Madre – del centro di Alba emana
Dicembre
Salone del Gusto
(www.salonedelgusto.com) Due
ovunque l’odore del tartufo z Fiera del Bue
e si entra nella stagione più Grasso di Carrù
punti di vista diversi ma un amata dai gourmet.
unico protagonista: il cibo. Per un bollito cotto a
puntino venite a Carrù, in
Nati come eventi separati, 5 Elogio della occasione di questo evento
oggi sono uniti e per un Gallina Bionda
mese riempiono Torino di di portata ormai interna-
a Villanova d’Asti zionale.
conferenze e degustazioni.
Kermesse dedicata al pen-
3 MITO nuto dal manto fulvo e z Mercatini
Settembre Musica
dalla coda nera apprezzato di Natale
dagli chef per le sue carni Sono sparsi per tutto il
(www.mitosettembremusica.it) tenere e gustose.
Due città (Torino e Milano) Piemonte. Imperdibili quelli
unite dalla musica classica di Borgo Dora a Torino
(e non solo) per un mese di (p87), o nelle residenze
reali (p119), mentre i più
appuntamenti con il meglio Novembre grandi della regione sono
dall’Italia e dal mondo.
3 Club to Club allestiti nelle stradine mon-
3 Torino Spiritualità (www.clubtoclub.it) Il ritmo è
tane di Santa Maria Maggio-
re, in Val Vigezzo (p350).
(www.torinospiritualità.org) incalzante e la notte sempre Suggestivi anche quelli che
Partecipate agli incontri, ai giovane durante questo hanno per scenario il Ricet-
seminari, alle escursioni in grande festival torinese di to di Candelo (p370).
città e fuori porta in occa- musica elettronica, ormai
tra i più noti in Europa.
28

CLODIO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


Pianificare il viaggio
Itinerari
Sacra
di San
Michele Torino

# •
# •
#
Val Susa •
# Fenestrelle Precettoria

#
di Sant’Antonio

# di Ranverso
Sestriere

# Rocca di Cavour

#Abbazia di Staffarda

FRANCIA
Chianale •
# Brossasco •# Saluzzo

# •
#
Sampeyre •#
Piasco
Elva•#
Dronero

#
#Caraglio

Borgo • # Cuneo
Ecomuseo • # San Dalmazzo •
# LIGURIA

#
della Pastorizia •
#
Boves

#
Vinadio
Santuario
di Sant’Anna Mar
Ligure

1ONI Dalle valli cuneesi a Torino


GIOR

Boschi, si risale la meravigliosa Valle Stu-


Un percorso per chi vuole conoscere ra: tappe obbligate il Forte di Vinadio, il
il Piemonte più selvaggio, lirico e Santuario di Sant’Anna e, a Pontebernar-
impervio. Ma, oltre all’esplorazione di do, l’Ecomuseo della Pastorizia, possibil-
alcune delle valli più suggestive della mente all’ora dei pasti. Tornati indietro, ci
regione, non mancheranno le delizie si ferma a Borgo San Dalmazzo per visi-
artistiche e le atmosfere raffinate tare il Museo dell’Abbazia, a Caraglio, per
dei borghi della ‘Provincia Granda’, una mostra temporanea al Filatoio, e infine
incursioni nelle valli olimpiche e le mille a Dronero, per una profonda immersione
offerte culturali del capoluogo sabaudo. nella cultura occitana. Da lì la Valle Maira
si dispiega in tutta la sua bellezza, fino all’e-
Si parte dalla sorprendente Cuneo, non pifania della Parrocchiale di Santa Maria
senza aver fatto una lunga passeggiata sotto Assunta di Elva. Ancora in preda all’estasi,
gli interminabili portici, e, dopo una sosta a varrà la pena salire fino al Colle di Sam-
Boves per il Santuario della Madonna dei peyre, da cui si gode di un paesaggio moz-
29

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tin e rari

Il Forte Albertino di Vinadio (p195)

zafiato, e scollinare in Valle Varaita per della Val Chisone, per diffidare dei vostri
raggiungere Chianale, uno dei più bei bor- sensi al cospetto dell’imponenza del Forte
ghi alpini di tutto il territorio, e concedersi di Fenestrelle e godervi un po’ di meritato
qualche gradevole escursione. Ripercorsa la relax a Sestriere. A quel punto, inizia la
valle a ritroso, concedetevi una variazione vostra discesa verso la pianura passando
tematica visitando la Fabbrica dei Suoni a dalla Val Susa, dove dedicherete le ultime
Brossasco e il Museo dell’Arpa a Piasco, energie alla Sacra di San Michele e alla
per poi approdare, finalmente, a Saluzzo, Precettoria di Sant’Antonio di Ranver-
dove è moralmente obbligatoria una sosta so, per poi festeggiare in bellezza la conclu-
per apprezzare il patrimonio artistico, i sione della vostra avventura a Torino: una
vicoli ombrosi, l’atmosfera sognante della visita ai Musei Reali, un panorama sulla
città. Solo allora potrete puntare a nord e, città dalla cima della Mole Antonelliana, un
dopo aver visitato l’Abbazia di Staffarda e po’ di shopping sotto i portici e una cena in
la Rocca di Cavour, vi attenderà la risalita un ristorantino di San Salvario.
30
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tin e rari

Vignale •
#
Monferrato

# Vinchio
Castelnuovo •
Costigliole •
# Calcea
d’Asti •
#

# # Nizza

Bricco Lu Monferrato
Barbaresco

# •
# Neive

#
Alba •
# Canelli

#
Grinzane Treiso

#
La Morra •
# Cavour

# Castiglione
Barolo •
#
Falletto

#

Monforte

# Serralunga
d’Alba d’Alba
31

LARABELOVA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


7 NI Nel cuore di Langhe,
GIOR Roero e Monferrato
Il riconoscimento a Patrimonio Mondiale

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tin e rari


dell’Umanità UNESCO dei paesaggi
vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato ha
dato nuovo lustro a questi territori modellati
con sapienza dall’uomo e dal tempo.
Scopriteli attraversando i centri del cuore
storico del sud del Piemonte, concedendovi
qualche deviazione per strade che risalgono
colline, o scendendo al fresco di una delle
innumerevoli cantine profumate di mosto.

Il castello di Grinzane Cavour è un ottimo pun-


to di partenza per esplorare le Langhe, essendo
uno dei centri focali del Patrimonio UNESCO di
Langhe, Roero e Monferrato. Da qui si apre il
panorama sulle colline della Langa del Barolo.
Passando tra i castelli di Serralunga d’Alba e
Castiglione Falletto, che proteggono fiabeschi
paesini e distese di vigneti, fermatevi a Monfor-
te d’Alba, vivace borgo medievale. Poi fate rotta a
nord-ovest verso Barolo, dominata dal Castello
Falletti che ospita il WiMu, Wine Museum, quin-
di salite a La Morra, balcone sulle Langhe. Sci-
volate poi verso Alba, con le sue torri visibili da
lontano. Risalite quindi le colline del Barbaresco,
passando da Treiso, paesino attraversato dalla
Strada Romantica, e poi a Barbaresco, con
la torre da cui osservare anche il Roero; infine
giungete a Neive, uno dei borghi meglio conser-
ALESSANDRO CRISTIANO / SHUTTERSTOCK ©

vati delle Langhe. Proseguite tra vigne assolate di


Moscato fino a Canelli, con le sue ‘cattedrali sot-
terranee’ che custodiscono i segreti di vini eccel-
lenti. Varcate il confine tra Langhe e Monferrato
e raggiungete Nizza Monferrato per osservare i
bei palazzi barocchi e visitare il museo del mondo
enoico-contadino, che espone bellissimi torchi.
Continuate per Castelnuovo Calcea, per vedere
le installazioni artistiche trasformate da Lele Luz-
zati e Giancarlo Ferraris in un monumento alla
vigna al Parco Artistico Orme su La Court. Da qui
potete fare una deviazione per Vinchio, dove vi
attendono un magnifico belvedere e colline rico-
perte di vigneti di Barbera. Andando verso Costi-
gliole d’Asti, il posto ideale per cercar tartufi con
i trifulau, fate tappa al Bricco Lu per ammirare i
colli da una delle panchine giganti disegnate da
Chris Bangle. Concludete l’itinerario visitando un
altro patrimonio UNESCO, gli infernot, cantine
scavate sotto casa dai contadini per conservare le
In alto: Barolo (p250) e i suoi vigneti bottiglie migliori, per esempio nel bel borgo me-
In basso: Castello di Grinzane Cavour (p248) dievale di Vignale Monferrato.
32

ALEMASKE72 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


15NI Arte, natura e borghi
GIOR tra terra e acque
Dalla pianura segnata dalle risaie alle
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tin e rari

più alte montagne della regione, questo


itinerario vi porterà alla scoperta di eleganti
città di provincia ricche d’arte e storia,
di laghi cristallini, di suggestivi santuari
monumentali e di una natura rigogliosa.

La prima tappa di questo viaggio è Vercelli, che


nel piccolo centro storico nasconde inaspettate
meraviglie d’arte e architettura. Perciò, dopo
averla esplorata da cima a fondo, puntate verso
Ivrea, campo base per scoprire il Canavese:
il Castello di Masino, la residenza ducale
di Agliè e la piccola Chiesa di San Giorgio di
Valperga sono solo alcune delle destinazioni
imperdibili nei dintorni, così come obbligatoria
è almeno una giornata di escursioni lungo i
sentieri del Parco Nazionale Gran Paradiso.
Biella sarà comunque a un tiro di schioppo,
con il suo passato manifatturiero e un presente
tra Medioevo e contemporaneità, così come il
Santuario di Oropa e la cittadella fortificata
del Ricetto di Candelo, che incrocerete risalen-
do verso la Valsesia. Varallo non è solo il suo
Sacro Monte, ma anche chiese e musei raffinati
che vi prepareranno alla maestosa imponenza
del Monte Rosa, che domina Alagna e ha visto
crescere microscopici villaggi walser. Da qui
scavallate in direzione del Lago d’Orta, piccolo
e dall’acqua cristallina che vi inviterà a fare
ASMITHERS / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

qualche bracciata o a raggiungere in barca la


Basilica di San Giulio. Seguendone le sponde
sbucate ai piedi della Val d’Ossola, perdetevi
tra le foreste del Parco Nazionale Val Grande
e poi ritrovate la strada per Domodossola, con
la sua aria vagamente elvetica. Dalla Val Vi-
gezzo giungete dopo infiniti tornanti sulle rive
del Lago Maggiore: Verbania è stupefacente,
Stresa ha un fascino Belle Époque e le Isole
Borromee vi faranno sognare avventure da
Mille e una Notte tra giardini sempre fioriti e
strabilianti palazzi barocchi. Superata Arona, le
colline del Novarese rigate dalle vigne vi acco-
glieranno tra il Sesia e il Ticino mentre tornere-
te in pianura, non prima però di esservi fermati
a Oleggio e alla Badia di Dulzago, dove il tem-
po sembra fermo a cinque secoli fa. All’orizzonte
già si scorge la cupola della Basilica di San Gau-
denzio, a Novara. Salite fino al punto più alto,
affacciatevi e guardatevi intorno: rivedrete in
In alto: Arona, Lago Maggiore (p330)
un unico colpo d’occhio tutti i luoghi del viaggio In basso: Parrocchiale di Santa Maria Assunta,
che avete appena concluso. Orta San Giulio (p339)
33

# Val d’Ossola
• PIANIFICARE IL VIAGGIO I tin e rari

SVIZZERA

Domodossola •
#
Lago
Maggiore


#
Alagna Verbania

# Lago •
#
d’Orta Stresa

#
Varallo •
#
Arona

#
VALLE D’AOSTA
Colline
Biella •
# del Novarese

#•#
FRANCIA Ivrea Candelo LOMBARDIA
Parco Nazionale •
# •
#
Gran Paradiso Novara

# Castello

#
# •
• #
di Masino
Valperga Agliè

#
Vercelli
34
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’ap e rto

Sestriere (p174)

Pianificare il viaggio

Attività all’aperto
Il Piemonte è uno scrigno di possibilità per chi ama la vita all’aria
aperta e offre tanto per tutte le stagioni. Nel freddo inverno potrete
contare su alcuni dei comprensori sciistici più belli del Nord Italia,
in primavera e in autunno potrete dedicarvi alle passeggiate nelle
colline di Langhe e Monferrato, a pedalate lungo il Po o ai circuiti
per mountain bike delle valli cuneesi. In estate, godetevi un bagno
rinfrescante al lago oppure la scelta infinita di escursioni per i
sentieri alpini, al cospetto di monti imponenti o nei parchi naturali
in compagnia di marmotte e stambecchi.
35

Bicicletta
e mountain bike
REMO CARULLI / EDT ©

Le migliori
Una fitta rete di sentieri ciclabili si snoda
passeggiate nel territorio di Alessandria (p301) e
nei parchi verso Asti, Acqui Terme, Casale Monferra-

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’ap e rto


to e Ovada. E per chi non ama le salite, un
Parco Naturale delle Alpi Marittime anello di 40 km percorre le colline attorno
(p198) Acque termali, sentieri millenari, a Novi Ligure, terra dei campionissimi
lupi ululanti e vette acuminate da cui si Fausto Coppi e Costante Girardengo, cui
osserva persino il mare. queste terre hanno dato i natali. Per sce-
Parco Fluviale Gesso e Stura (p185) gliere il percorso più adatto alle proprie
Tutta la bellezza della natura in una semplice aspettative consultate il sito www.piemon-
passeggiata postprandiale vicino a Cuneo. tebike.eu/it/percorsi-ciclabili. Chi ama i
paesaggi del Grande Fiume potrà percor-
Parchi Alpi Cozie (p163) Paesaggi di gran- rere la ciclabile che dal ponte di Valenza
de varietà, ma dal fascino costante, a cavallo si addentra nel cuore del Parco Fluviale
tra Val Susa e Val Chisone. del Po (p303) fino al borgo di Frassineto
Parco Nazionale Gran Paradiso (p149) Po, con l’incantevole panorama di Alpi e
Nell’ultimo lembo di Canavese, la più longeva Appennini che pennellano l’orizzonte. Tra
area protetta d’Italia, dove osservare stam- le decine di itinerari nel versante canave-
becchi e marmotte. sano del Parco Nazionale Gran Paradiso,
uno dei più apprezzati è quello della
Parco Nazionale Val Grande (p349) Strada Reale di Caccia, che parte da Piam-
Migliaia di ettari di natura vergine tra le alte prato (p151): un tracciato di oltre 20 km
montagne della Val d’Ossola. che serpeggia tra boschi e alte vette fino
Parco Naturale delle Capanne di Marca- alla scenografica conca di Pian dell’Arzaia.
rolo (p314) Dalla vetta del Monte Tobbio, Per chi alla bici chiede vertigini, emozioni
nelle giornate serene il panorama abbraccia e brividi, l’avveniristico progetto dell’Alpi
il Mar Ligure e si spinge fino alla più remota Bike Resort (p166) è un’occasione da
Corsica. non perdere: 50 percorsi all’interno di
diversi bike park, più di 100 km di cross
Parco Fluviale del Po (p303) La bicicletta country e navette gratuite, nelle località
è il mezzo migliore per esplorare il Grande delle montagne olimpiche. Anche il cunee­
Fiume nel punto di confluenza con il Sesia, se regala grandi soddisfazioni, per gite
frequentato anche da garzette e aironi. in giornata nel Parco Fluviale Gesso e
Stura (p185) o spedizioni indimentica-
bili nel circuito di Bike Langhe Provenza
(p188). Da segnalare anche Véloviso
(p206), gigantesca rete di percorsi cicla-
bili per le valli occitane del cuneese, su
strada e per mountain bike, con tanto di
Arrampicata spazi informativi sul territorio, e le reti
Il Monte Rosa e il Gran Paradiso (p149), di percorsi per mountain bike della Valle
insieme con la Val d’Ala (p153), sono Maira, per esempio quelli in partenza dal
alcune delle più apprezzate località di Campo Base Acceglio (p190).
montagna in Piemonte per l’arrampicata,
tra decine di pareti attrezzate, palestre di
roccia, torri e guglie da scalare; ma natu-
ralmente dovete essere già piuttosto esperti
per affrontarle. Se invece volete avvicinarvi Escursionismo
a questa disciplina, potreste contattare le Le Valli di Lanzo (p152), le vallate del lato
guide alpine di Alagna Valsesia (p363) e piemontese del Parco Nazionale Gran Pa-
Macugnaga (p345), oppure imbragarvi radiso (p149) e la Val d’Ossola (p343),
e salire qualche via ferrata, come la Nito solcate da sentieri adatti a tutti i livelli di
Staich che sale sul Monte Mucrone, alle preparazione, in estate diventano il regno
spalle del Santuario di Oropa (p373). incontrastato dei camminatori. Nel Gran
36
Paradiso fate base a Campiglia (p151) o
a Ceresole Reale (p150), nella Val d'Os-
sola a Baceno (p352) e in Valle Devero
Gite in barca
(p352), in Val Vigezzo a Santa Maria Lungo le sponde del Lago di Viverone
Maggiore (p350). Dalle località dell’Alta (p371) sono tanti i club nautici nei quali
Val Susa (p164), così come da Pragelato prendere lezioni di vela o noleggiare canoe
(p175) e Sestriere (p174), partono sen- e barche a remi con le quali esplorare calet-
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’ap e rto

tieri adatti sia a chi vuole digerire il pranzo te e insenature sabbiose. Se però siete dei
sia ai più rudi esploratori. Nel cuneese, pigroni, allora potrete salire sui battelli che
infine, non avrete che l’imbarazzo della collegano Arona, Stresa, Verbania e le Isole
scelta, che vogliate raggiungere le sorgenti Borromee e farvi una mini-crociera sul
Lago Maggiore (p330).
del Po (p212) o inoltrarvi nei boschi della
Valle Varaita (p212), che il vostro obiet-
tivo sia risalire lungo i valloni più impervi
della Valle Maira (p189) o percorrere le
orme di partigiani e contrabbandieri in Golf
Valle Stura (p194), sentieri millenari in Nelle Langhe non è facile trovare anche
Valle Gesso (p196) o i percorsi dei mo- solo una collina senza vigneto. Ma Réva di
naci che hanno plasmato la natura della Monforte d’Alba (p253), cantina e resort,
Valle Pesio (p201). Percorrere a piedi le dispone anche di un campo da golf di due
Rocche del Roero (p240) è un’esperienza ettari tra i filari. Il territorio collinare di
insolita che si apprezza al meglio seguendo Astigiano e Alessandrino è particolarmente
i percorsi tematici ad anello (per un totale adatto al golf: tra i più prestigiosi a 18 bu-
di 300 km) approntati dall’Ecomuseo delle che il Golf Feudo di Asti progettato da Gra-
Rocche (p241). Nelle vicine Langhe, il Bar ham Cooke, con campo pratica e piscina,
to Bar (p256) collega in un sistema di e il Golf Club Margara di Fubine (p302).
itinerari a piedi le aree del Barbaresco e del Diciotto buche da campionato anche per
Barolo, incrociando anche la Grande Tra- il Golf Colline del Gavi (p313), capaci di
versata delle Langhe (p256), che permet- mettere alla prova l’abilità dei più esperti.
te di scoprire l’Alta Langa sulle dorsali che Per coniugare il piacere per il golf e quello
separano le valli Belbo, Bormida e Uzzone. per gli scenari d’alta montagna, il campo
Nell’Alessandrino, splendide passeggiate vi da golf di Sestriere (www.vialattea.it) regala
attendono nel Parco Naturale delle Ca- ore piacevoli a professionisti e neofiti. Se vi
panne di Marcarolo (p314). trovate fra Biellese e Serra d’Ivrea, il Golf

LA VIA FRANCIGENA PIEMONTESE

Lo storico itinerario dei pellegrini che da prima dell’anno Mille si mettevano in cammino
per raggiungere Roma, culla della cristianità, oggi è tornato in auge presso i fautori di un
turismo ‘slow’, che consenta di esplorare a piedi o in bicicletta le bellezze del paesaggio, di
scoprire deliziose chiesette romaniche lungo la via, ma anche di gustare sapori locali, ma-
gari nei punti ristoro disseminati lungo il cammino. Il ramo principale della Via Francigena
fa il suo ingresso in territorio piemontese dal Gran San Bernardo e dalla Val d’Aosta e at-
traversa l’Anfiteatro Morenico eporediese, toccando Ivrea, il Lago di Viverone, Santhià, per
proseguire verso Vercelli e la pianura, dove prende la ‘via del mare’ attraverso il Monferrato
astigiano e le sue testimonianze romaniche (v. lettura p280) e i borghi dell’alessandrino.
Un ramo secondario, dalla Francia, entra in territorio italiano dal Moncenisio e dal Mongi-
nevro, attraversa la Val Susa e giunge fino a Torino. Lungo il percorso s’incontrano alcuni
dei gioielli più preziosi del romanico piemontese, come la Sacra di San Michele (p161),
l’Abbazia di Novalesa (p167) e la Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso (p162). Chi
vuole affrontare questo percorso troverà molte informazioni sul sito web delle vie fran-
cigene europee (www.viefrancigene.org), mentre un’ottima fonte per il tratto piemontese
si trova sul sito di Turismo Torino (www.turismotorino.org/it/esperienze/la-francigena-piemon
tese). Buone notizie anche per i cicloturisti: è allo studio una ciclabile che collegherà i Laghi
di Avigliana al Moncenisio seguendo parte dell'itinerario francigeno per 55 km.
37
BUENA VISTA IMAGES / GETTY IMAGES ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’ap e rto


Un’escursionista su una cima, Parco Nazionale Val Grande (p349)

Club le Betulle (p371) di Magnano è di sci di fondo, qui troverete ciò che fa per
considerato tra i migliori al mondo. voi. Ad Alagna (p363) o a Mera (p363),
per esempio, potrete contare sui moderni
impianti di risalita e sulle piste del com-
prensorio Monterosa Ski, a Macugnaga
Rafting (p345) anche su un Parco della Neve e
su pittoreschi percorsi per lo sci di fondo,
Il team Rafting Aventure vi accompagnerà nel Biellese potete recarvi a Bielmonte
in un’incredibile esperienza lungo un tratto (p373), mentre i patiti della disciplina e
del Po nei pressi di Casale Monferrato, di scialpinismo potranno salire a Ceresole
durante la quale avvisterete aironi, cormo- Reale (p150), nel cuore del Parco Nazio-
rani, garzette e altre specie che nidificano nale Gran Paradiso. Ma è nelle valli più
sulle sue rive (www.raftingaventure.com). occidentali e meridionali della regione che
Se amate le emozioni forti, sappiate che raggiungerete l’estasi con gli straordinari
la Valsesia (p362) è considerata una delle comprensori di Bardonecchia (p169),
capitali italiane del rafting: molte le asso- della Vialattea (p165), tra Val Susa e
ciazioni che dalla primavera a fine estate vi Val Chisone, la Riserva Bianca (p200), a
accompagneranno lungo il Sesia, tra rapide Limone Piemonte, e Mondolé Ski (p222),
adrenaliniche e vorticosi mulinelli. Vivrete nel monregalese. Senza contare che potrete
belle emozioni anche nel cuneese, per sbizzarrirvi alla ricerca di piste e impianti
esempio in Valle Stura (p194). meno conosciuti a Prali (p172), guar-
dando dall’alto in basso il fiume più lungo
d’Italia in Valle Po (p209), nella tranquil-
la amenità della Valle Varaita (p212) o
Sci di discesa, sci nella selvaggia Valle Gesso (p196), dove
di fondo e snowboard ululano i lupi come ai tempi che furono.
Gli amanti del fondo, invece, non si perda-
Il nord del Piemonte è da sempre una no le piste della Valle Stura (p194), dove
meta degli amanti degli sport invernali. si è fatta le ossa la campionessa olimpica
Che vogliate gettarvi a capofitto sulle piste, Stefania Belmondo.
galleggiare tra la neve fresca dei canaloni
d’alta montagna, fare acrobazie in snow-
board o pattinare tra i boschi lungo anelli
38

Pianificare il viaggio

Viaggiare
con i bambini
Musei interattivi, spettacoli teatrali, parchi a tema dove insegna-
re il rispetto della natura, salite in funivia, gite in montagna o in
battello sul lago, giardini incantati popolati di animali, paesini da
fiaba, esplorazioni in miniera. Un viaggio in Piemonte non rischia di
annoiare i piccoli viaggiatori.

Da non perdere
Lago Maggiore da brivido Musei
Una salita mozzafiato con la cabinovia del Il luccichio metallico dei modelli più
Mottarone (p336), per ammirare dall’alto bizzarri, la storia dei motori raccontata
il panorama sul Lago Maggiore, e una corsa in modo divertente, l’interattività dei per-
adrenalinica sulla ‘slittovia’ Alpyland che corsi: tutto, nel grande MAUTO – Museo
divertirà grandi e piccini. Nazionale dell’Automobile di Torino
(p75), sembra fatto per divertire i bam-
Terre Ballerine bini e accendere la loro curiosità. Lo stesso
accade nello strepitoso Museo Nazionale
Una passeggiata alle Terre Ballerine (p140)
del Cinema (p61), ospitato all’interno
vicino a Montalto Dora, per saltare sul terre-
della Mole Antonelliana, dove a rapire gli
no boschivo come su di un materasso.
sguardi sono le luci del cinema, a mano
a mano che si sale fino in cima, a piedi
Un picnic in mezzo alle fiabe o con l’ascensore che lascia senza fiato.
I vostri bambini si stupiranno al cospetto del- Sempre a Torino, un improvviso interesse
le formazioni rocciose della Riserva Naturale per la storia sarà scatenato dalle mummie
Ciciu del Villar (p191), attrezzata anche per e dai sarcofagi del Museo Egizio (p55)
picnic e barbecue. e, senz’ombra di dubbio, dalle gallerie sot-
terranee del Museo Pietro Micca (p70),
Torino in mongolfiera allestito per raccontare l’assedio francese
Se sono stanchi dei musei, fate salire i vostri di Torino del 1706. I giocattoli di una volta
bambini sul grande pallone aerostatico sono un buon pretesto per raccontare la
TurinEye (p65), che si innalza dalla Storia ai propri figli: a Bra il Museo del
zona del Balôn per mostrare la città da una Giocattolo (p235) è un posto che ne rac-
prospettiva diversa, sospesi nel cielo (ma coglie tantissimi. Non lontano, nel centro
saldamente ancorati a terra!). di Cherasco, il Museo della Magia (p243)
è tra i più adatti per la curiosità e gli occhi
incantati dei più piccoli. Se invece volete
approfondire la storia del vino tramite un
percorso multisensoriale e interattivo adat-
to anche ai bambini, il WiMu, Wine Mu-
seum (p250) a Barolo è il luogo migliore.
39
LUCA LORENZELLI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiar e con i bambini


La funivia Stresa-Mottarone (p336)

La preistoria è uno degli argomenti grandi favolisti del mondo. A lui è dedi-
preferiti dai bambini, soprattutto quando cato il Parco della Fantasia, dove i bimbi
racconta la vita delle creature che abitava- potranno correre, giocare, disegnare e far
no i mari tropicali milioni di anni fa. È ciò volare l’immaginazione tra la ludoteca e il
che fa il Museo Paleontologico Territo- Giardino della Torta in Cielo.
riale dell’Astigiano (p271), dove si am- Davvero interessante poi la Fabbrica
mirano uno scheletro di balenottera lungo dei Suoni (p214) a Venasca, in Val Susa,
8 m e un acquario preistorico, con coralli un percorso didattico di grande ricchez-
e pesci vivi. Di solito i bambini impazzi- za, oltre che estremamente divertente, e
scono per gli animali: nel Museo di Storia l’Ecomuseo delle Miniere e della Val Ger-
Naturale ‘Faraggiana-Ferrandi’ (p321) manasca (p172) a Prali, dove il trenino
di Novara ne troveranno migliaia da ogni che s’inoltra nelle viscere della montagna
angolo del mondo. A Vernante (p199), consegnerà a ogni bambino ricordi indele-
detto non a caso il paese di Pinocchio, bili. Un’avventura simile attende i piccoli
potrete ammirare con i vostri bambini i esploratori in Valsesia, che non vorranno
murales che decorano le case del borgo, e perdersi una visita alla Miniera d’Oro della
visitare il museo dedicato all'illustratore Guia a Macugnaga (p345).
Attilio Mussino. Chi ha detto che il turismo enologico
è una cosa solo da grandi? Molte cantine
aprono le loro porte anche ai piccoli ospiti
grazie all’iniziativa Le Cantine dei Bam-
bini, una rete di cantine e produttori di
Attività Langhe, Roero e Monferrato che mettono
Per educare e divertire i più piccoli, il pic- a disposizione uno spazio per intrattenere
colo ma vivacissimo Caffè della Caduta i piccoli mentre i grandi degustano; non
(p107) di Torino organizza spettacoli, mancano poi giochi educativi a tema vi-
laboratori e merende per bambini. tivinicolo. Consultate eventi e indirizzi su
Omegna (p342), sul Lago d’Orta, è il https://fuoritracciacom.wordpress.com/
paese natale di Gianni Rodari, uno dei più le-cantine-dei-bambini/.
40
ai bambini. Il Lago di Candia (p143), nel
In inverno cuore del Canavese, offre ai bambini aman-
ti della natura un parco avventura sulle
Il grande comprensorio sciistico della rive del lago e interessanti attività naturali-
Vialattea (p165) offre molte attività per i stiche per i più piccoli.
bambini, come i bellissimi Baby Fun Park
di San Sicario e di Sestriere. In ogni caso,
PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiar e con i bambini

tutti i grandi comprensori sciistici del Pie-


monte (p37) hanno spazi pensati per far
divertire i bambini. A contatto
con gli animali
Fra i tanti giardini che colorano le spon-
de del Lago Maggiore, quello di Villa
Natura Pallavicino a Stresa (p333) sarà molto
Se cercate qualche facile passeggiata da apprezzato dai bambini: non solo il parco
fare con i vostri figli, perché non rag- è popolato di lama, daini e pavoni, ma ci
giungere le Terre Ballerine, alle spalle di sono anche un piccolo zoo con canguri e
Ivrea, dove potranno saltare come su un altri animaletti e una fattoria didattica in
materasso? Un’altra destinazione per la cui simpatiche caprette fanno la parte delle
quale impazziranno è la Bessa (p371), star. Nel Canavese, passeggiando in uno
un’area naturale lungo il torrente Elvo in dei tanti sentieri facili del Parco Nazionale
cui potranno anche cercare l’oro. Da non Gran Paradiso (www.pngp.it), potrete avere
perdere poi una bella passeggiata nell’Oasi la fortuna di avvistare le curiose marmotte,
Zegna (p373), una riserva naturale dove o perlomeno di sentire il loro fischio che
i bambini potranno cogliere il mutare echeggia fra le cime. Nel Cuneese, il Centro
delle stagioni passeggiando nel Bosco del Uomini e Lupi (p197) a Entracque regala
Sorriso, un percorso-natura intervallato da gioie indimenticabili a ogni bambino che
grandi libri in legno con fiabe ispirate al abbia la possibilità di avvistare un esem-
tema del bosco. plare dello splendido animale, il che per
Se state esplorando le valli cuneesi, il fortuna accade piuttosto spesso.
Bosco Incantato (p211) di Ostana, in Molto frequentato dalle famiglie di To-
Valle Po, ha percorsi naturalistici e didattici rino e dintorni, Zoom (%011 907 04 19; www.
che stregheranno grandi e piccini, mentre zoomtorino.it; Strada Piscina 36, Cumiana; interi/
a Villar San Costanzo, all’imbocco della ridotti €20/15; hmarzo-ott) è il primo biopar-
Valle Maira, la Riserva Naturale Ciciu del co italiano visitabile a piedi, ispirato al con-
Villar (p191) fa strabuzzare gli occhi gra- cetto di zoo-immersivo, con 160.000 mq di
zie alle sue fiabesche formazioni rocciose. habitat naturali popolati da animali africa-
Ma tutta la Valle Maira è un paradiso per ni e asiatici, e due piscine, che permettono
gli escursionisti, adulti e bambini: adatto di nuotare al cospetto di pinguini (Bolder
a questi ultimi c’è il Sentiero dei Cicla- Beach) e ippopotami (Malawi Beach).
mini (p191), uno dei cosiddetti ‘Percorsi
Occitani’.

Varie
Adrenalina Niente di meglio per intrattenere i vostri
figli dopo un ‘noioso’ giro nei musei tori-
Se siete dalle parti del Lago Maggiore salite nesi che una piccola avventura a bordo di
in funivia al Mottarone (p336) e portateli una mongolfiera: il TurinEye (p65), nel
ad Alpyland, dove potranno scendere a cuore della zona del Balôn, è un enorme
tutta velocità lungo la montagna a bordo pallone aerostatico da cui ammirare il
di un piccolo bob su rotaia. Se invece siete panorama sulla città trattenendo il fiato.
nell’alto Novarese prendete in considera- Senza andare troppo lontano, con una gita
zione il Bulè Adventure Park a Bellinzago nelle colline torinesi potrete ammirare il
Novarese (p327). Anche a Bardonecchia, cielo e le sue stelle al Planetario Digitale
in Val Susa, si trova un Adventure Park (p128) dell’osservatorio astronomico di
(p169) che ha un percorso adatto anche Pino Torinese.
41

ANITA FRANZON / EDT ©

Scoprire
il Piemonte
L'opulenza delle residenze sabaude, testimoni di
un grande passato, che oggi rinascono per diven- Sommario
tare fruibili a tutti, la ricchezza di una tradizione ¨¨Le residenze reali
gastronomica antica che ha salde basi nei prodotti ¨¨I Sacri Monti
di un territorio generoso, l'equilibrio perfetto tra ¨¨Cibo e tradizione
paesaggio, arte e spiritualità dei Sacri Monti. Sono
solo alcuni dei motivi che rendono il Piemonte una
In alto: Cappella del Barolo, Ceretto
regione che merita di essere esplorata e ammirata (p249).
passo dopo passo.
42

Le residenze 1

LUCA LORENZELLI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


reali
Nate per mostrare al mondo i fasti di Casa
Savoia e riportate agli antichi splendori, oggi
sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
Ecco alcune delle più scenografiche.

1. Palazzina di Caccia di Stupinigi


Una palazzina dalla forma ellittica, frutto del genio
di Filippo Juvarra, pervasa dal gusto rococò delle
residenze reali europee. I restauri hanno ridato
lustro agli Appartamenti del Re e della Regina con
arredi, dipinti e capolavori di ebanistica (p124). 3
2. La Venaria Reale

PIKAPPA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


Di tutte le residenze sabaude edificate intorno
a Torino, la Reggia di Venaria è la più grandiosa,
luogo prescelto dalla corte per la caccia, ma anche
per feste, balli, recite. A conquistare il cuore di chi
la visita, i giardini e la Galleria Grande, tripudio di
stucchi e giochi di luce fugaci e cangianti (p119).
3. Castello di Rivoli
Nato nell’XI secolo come roccaforte militare,
oggi è sede del Museo d’Arte Contemporanea,
con una rilevante collezione e prestigiose mostre
temporanee in un contesto storico-architettonico
che fa della sua incompiutezza una suggestiva linea
di continuità tra passato e futuro (p122).
4
4. Villa della Regina

CLAUDIO DIVIZIA / FOTOLIA ©


Vista dalla Piazza Vittorio Veneto affacciata sul Po,
sembra quasi una quinta teatrale incastonata nella
collina questa deliziosa residenza da poco tornata
agli antichi splendori, circondata da un incantevole
giardino dove passeggerete fra scaloni, fontane,
sculture e scorci meravigliosi su Torino e sulla sua
corona di montagne (p82).
5. Castello Ducale di Agliè
Questo grande castello dalle forme ottocentesche,
con lunghe e raffinate gallerie impreziosite da opere
d’arte, oltre 300 stanze e un grande parco alberato,
è stato per secoli la residenza estiva canavesana
della corte sabauda (p145).
6. Castello Reale di Govone
Le stanze tappezzate con carte cinesi hanno visto
il passaggio di ospiti illustri. Un tempo ‘maison de
plaisance’ dei Savoia, oggi è cornice perfetta per i
mercatini del Magico Paese di Natale, ma anche per
installazioni di arte contemporanea (p237).
7. Castello Reale di Racconigi
Un po’ decentrata rispetto alla ‘Corona di Delizie’,
è una delle regge più opulente, in grado di evocare
banchetti e ricevimenti al primo sguardo. Ammirate
ogni dettaglio, dal mobilio delle stanze ai ritratti
che costellano gli infiniti corridoi, fino agli alberi del
lussureggiante parco (p209).
43

GIM42 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO © CRISTIANO ALESSANDRO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO © DARIO EGIDI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
6
PHOTOERICK / FOTOLIA ©
2

7
44

I Sacri Monti

CLARA NILA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


Un modello di religiosità popolare che ha
avuto origine in Piemonte più di 500 anni
fa e che ancora oggi testimonia l’intima
unione tra arte sacra, architettura e pae-
saggio. Per questo motivo i Sacri Monti
sono stati dichiarati Patrimonio dell’U-
manità dall’UNESCO.

Sacro Monte di Crea (p294)


Un luogo dello spirito, mistico e natu-
ralistico insieme, in cima a un’altura
del Monferrato dove anche le querce e i
frassini sembrano assorti in meditazione.
Lungo il percorso devozionale gli affreschi
e le statue a grandezza naturale invitano i
fedeli a meditare sui Misteri del Rosario.

Sacro Monte di Varallo (p361)


La Gerusalemme in miniatura costruita
dal 1491 in alta Valsesia vi permetterà di
ripassare la vita di Cristo in 43 cappelle
popolate da centinaia di statue e ammi-
rare sublimi capolavori d’arte. E quando
avrete finito, scendete nella Chiesa di
Santa Maria delle Grazie, con i suoi strug-
genti affreschi rinascimentali.

Sacro Monte di Oropa (p373)


Insieme con il santuario secentesco che
custodisce la piccola statua della Madonna
Nera, questo percorso in 12 cappelle che
racconta la storia della Vergine costituisce
il più importante luogo di culto mariano
dell’arco alpino.

Sacro Monte di Orta (p340)


Edificate a partire dalla fine del
Cinquecento, le 20 cappelle che si sno-
dano a spirale lungo la montagnola alle
spalle dell’abitato di Orta San Giulio
furono affrescate da artisti del calibro dei
Fiamminghini, di Cristoforo Prestinari e
di Dionigi Bussola con scene della vita di
san Francesco d’Assisi.

Sacro Monte di Belmonte (p147)


Perdetevi tra le 13 cappelle d’ispirazione
neoclassica che popolano con le scene
della Passione di Cristo la montagna che
domina Valperga, nel Canavese: le statue
al loro interno, a grandezza naturale, sono
opera dei ceramisti di Castellamonte.
45
G.GRASSANO / ARCHIVIO ALEXALA ©

1. Sacro Monte di Orta 2. Cappella del Paradiso, Sacro Monte di Crea


3. Crocifissione, Santa Maria delle Grazie, Varallo 4. Cappella, Sacro
GIACOMO BASSI / EDT ©

Monte di Orta

CLARA NILA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


46

ALESSANDRO DI NOIA / TURISMO TORINO E PROVINCIA ©

1. Acciughe al verde 2. Tris di primi piemontesi


3. Cioccolatini di pasticceria 4. La bagna caôda

DIGIHELION / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


47

Cibo e tradizione

TURISMO TORINO E PROVINCIA ©


In Piemonte potrete permettervi pasti da
re, grazie a una cucina che strizza l’occhio
alla Francia, raggiunge le alte vette alpine e
arriva a sfiorare il mare. Pane, salse, pasta
e carne, formaggi e dolci delizie: tutto qui è
il frutto di scambi e dell’ingegno di conta-
dini e cucinieri di corte.

Gli antipasti
I sontuosi banchetti dei giorni di festa
non si possono definire piemontesi se non
partono con una serie di almeno cinque
antipasti. Tra i più comuni: salame crudo e
cotto, carne cruda, vitello tonnato, acciughe
al verde, flan di verdure e tomini; ma ne
troverete molti altri in base alla stagione e
all’estro del cuoco.

La pasta fresca
In Piemonte c’è chi fa a gara per raggiun-
gere la più grande quantità di tuorli per
ogni chilo di farina: nel caso dei tajarin,
sottilissime tagliatelle che trovano nel
tartufo bianco d’Alba il compagno ideale, i
tuorli possono essere anche 40. Ma in tutta
la regione la pasta fresca è ricca anche nei
ripieni: gli agnolotti al plin, per esempio,
VALENTINO CAZZANTI / SHUTTERSTOCK ©

sono capolavori di gustosa e minuziosa


architettura che solo mani sapienti riescono
a creare.

La bagna caôda
A partire dalla sòma d’aj, una semplice
fetta di pane sfregata con l’aglio, l’appa-
rente semplicità della cucina piemontese
ha saputo creare una salsa calda che, grazie
allo storico incontro di aglio, olio e acciu-
ghe, è divenuta il pilastro della tradizione
gastronomica regionale. Nella bagna caôda,
preparata solitamente nei mesi più freddi
dell’anno, si possono intingere diverse
verdure di stagione.

La cioccolata
Ma quale Svizzera! Il Piemonte è la vera
culla di questa dolcezza, che dell’incontro
con la nocciola tonda e gentile delle Langhe
ha fatto la sua fortuna. Creme e cremini,
cioccolatini da mangiare in un sol boccone:
la tradizione cioccolatiera piemontese
si può gustare in ogni pasticceria e caffè
storico della regione.
48

DONSTOCK / GETTY IMAGES / ISTOCK PHOTO ©


1. Giardini di Villa Taranto, Verbania (p337)
ROSSANA CINZIA RANDO / EDT ©

2. Chiesa dei Santi Nazario e Celso, Montechiaro


d’Asti (p357)
3. La cupola ellittica del Santuario di Vicoforte
(p219)
4. Il Forte di Gavi (p313)
FABER1893 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

M.CALZOLARI / ARCHIVIO ALEXALA ©


© Lonely Planet Publications

On the
Road

Il Nord e i laghi
Maggiore e d’Orta
p315
Canavese,
Gran Paradiso
e Valli di Lanzo
p132

Valli Susa, Torino e


Chisone, Pellice dintorni
e Germanasca p50 Asti, Alessandria
p155 e il Monferrato
p264
Langhe
e Roero
p224
Cuneo, Saluzzo
e le valli
p178
Torino e dintorni
Perché andare
TORINO. . . . . . . . . . . . . . 53 Colonia romana, cuore del regno dei Savoia, prima capitale
d’Italia, città dell’industria: sono tanti gli abiti che il capo-
LE RESIDENZE REALI
E LA COLLINA luogo piemontese ha indossato nei secoli e che lo hanno
TORINESE. . . . . . . . . . . 118 reso sempre facilmente riconoscibile. Oggi la sua natura è
Venaria Reale . . . . . . . . 118 più complessa: città di cultura, di grandi metamorfosi archi-
tettoniche e urbanistiche, vive dei tesori del passato, ma ha
Parco e Certosa Reale saputo interpretarli e riproporli al mondo contemporaneo.
di Collegno . . . . . . . . . . 122
Ebbene, bisogna visitare Torino e cercare di conoscerla a
Castello di Rivoli fondo proprio perché, oltre alla storia antica o alle vicende
e Museo d’Arte legate alla corte sabauda, all’innovazione tecnologica, alla
Contemporanea. . . . . . 122
società e alla cultura del lavoro, oggi è animata da una
Stupinigi . . . . . . . . . . . . 123 scena culturale che ha pochi rivali in Italia, che si tratti di
Chieri . . . . . . . . . . . . . . . 125 arte contemporanea, cinema, enogastronomia o design, e
Moncalieri . . . . . . . . . . . 129 da un fermento che tocca vari settori, tanto da essere stata
Carignano . . . . . . . . . . . 131 inserita dal New York Times fra le 52 mete mondiali da non
perdere nel 2016. Non ha però perso il suo carattere unico e
affascinante, fatto di molte sfumature: è un ponte tra passato,
presente e futuro, un unicum in Italia, una realtà nuova da
Il meglio – Hotel scoprire e una certezza consolidata da riscoprire.
¨¨Turin Palace Hotel (p87)
¨¨Victoria (p87)
Quando andare
¨¨NH Santo Stefano (p88)
Fredda città del nord, senza mare. Torino è rimasta intrap-
¨¨San Giors (p88) polata in questa immagine per lungo tempo, snobbata dal
¨¨Santa Giulia (p90) turismo d’inverno per il troppo freddo e da quello estivo
a causa del caldo e della desolazione. Ma il cliché è ormai
datato: l’inverno vive di cinema e d’arte, con festival presti-
giosi e fiere di richiamo internazionale; d’estate la noia è
Il meglio – bandita al ritmo dei festival musicali d’ogni genere e grazie
Ristoranti alle numerose manifestazioni all’aperto, che richiamano un
¨¨Sciamadda (p93) numero sempre crescente di visitatori dall’Italia e dal resto
¨¨Magazzino 52 (p93)
del mondo. Senza dimenticare, ovviamente, l’atmosfera dolce
e suggestiva della primavera, quando la natura incanta sulle
¨¨Gaudenzio (p94) colline e lungo i fiumi, e la vivacità dell’autunno, quando a
¨¨Pescheria Gallina (p94) farla da padrone sono le attività culturali e la possibilità di
¨¨Casa Vicina (p96)
esplorare i dintorni, tornando felici e a pancia piena.
Itinerari DA NON PERDERE 51

PRIMO GIORNO Palazzo Reale, Palazzo


Fate colazione alla Farmacia del Cambio nella cornice di Madama, Palazzo Cari-
Piazza Carignano, dove sorgono Palazzo Carignano, con gnano, Palazzo Chiable-
il Museo Nazionale del Risor­gimento Italiano e il Teatro se, la Biblioteca Reale,
Carignano. Dopo le mummie del Museo Egizio, imboccate l’Armeria Reale, la Ca-
Via Lagrange per fare qualche acquisto. Un boccone da De vallerizza Reale, la fac-
Filippis o Sodo, un caffè con ciocco­latino da Guido Gobino ciata del Teatro Regio, il
o Mulassano e sarete pronti per Piazza Castello e i Musei Castello del Valentino,
Reali, Palazzo Madama, la Chiesa di San Lorenzo e il la Villa della Regina e
Duomo. Cenate al Vitel Etonné o al Porto di Savona e poi l’Archivio di Stato sono
godetevi l’opera al Teatro Regio o uno spettacolo al Teatro solo alcuni dei tesori che
Carignano. Passando per la Galleria Subalpina e i portici formano il sito seriale
di Via Roma, concludete la giornata in Piazza San Carlo. delle 14 residenze sabau-
de Patrimonio dell’Uma-
SECONDO GIORNO nità UNESCO!
Dopo un cappuccino al Caffè Elena, in Piazza Vittorio
Veneto, entrate al Museo Nazionale del Cinema, nella
Mole Antonelliana. Pranzate a La Buta Stupa, oppure
fate due passi per raggiungere Sciamadda o Poormanger.
Siti utili
¨¨Comune di Torino (www.
Nel pomeriggio passeggiate tra piazze incantevoli prima di
una mostra da Camera. Attraversate poi il Ponte Vittorio comune.torino.it/torinoplus)
Emanuele I, visitate la Chiesa della Gran Madre di Dio e Informazioni redatte dall’am-
salite alla Villa della Regina. La notte chiama e Vanchiglia ministrazione cittadina.
risponde: un aperitivo alle Cantine Meccaniche; una cena ¨¨inpiemonteintorino
vegana da Soul Kitchen o dell’ottimo pesce al Chiosco dello (www.inpiemonteintorino.it)
Zoo; o uno spettacolo divertente al Caffè della Caduta. Molti link e informazioni sugli
eventi cittadini.
TERZO GIORNO ¨¨Lonely Planet Italia (www.
Fate la spesa al mercato di Porta Palazzo e un giro tra le lonelyplanetitalia.it/torino)
bancarelle del Balôn (il sabato). Pranzate alla Pescheria Consigli di viaggio e forum.
Gallina, immersi nell’atmosfera del mercato, o da Ranzini, ¨¨Muoversi a Torino (www.
per un assaggio di autenticità; a seguire, una sbirciatina muoversiatorino.it) Informa-
all’incantevole Largo IV Marzo e alla Porta Palatina. Chiese zioni su come spostarsi in
medievali e barocche, palazzi nobiliari e strade di sanpietrini città, a piedi, in bici, in auto e
piene di negozi vi condurranno nel cuore del Quadrilatero con i mezzi pubblici.
Romano, passando per il MAO, fino al Santuario della Con- ¨¨Piemonte Italia (www.
solata. Spezzate il pomeriggio con un bicerin nell’omonimo
piemonteitalia.eu) Sito ufficia-
caffè in Piazza della Consolata e terminate il tour al Polo
le del Turismo in Piemonte.
del ’900. Dopo un bicchiere di vino ai Tre Galli, cenate al
¨¨Turismo Torino e Provin-
Ristorante Consorzio e rilassatevi nel dehors del Pastis,
cia (www.turismotorino.org)
sotto gli alberi di Piazza Emanuele Filiberto.
Informazioni accurate.
QUARTO GIORNO ¨¨Zero Torino (zero.eu/torino)
È il giorno di San Salvario: dedicate la mattinata ai tre curiosi Eventi, concerti, locali, risto-
musei del quartiere, il Museo ‘Cesare Lombroso’, il Museo ranti.
di Anatomia Umana e il Museo della Frutta. Fate una
pausa da Cibo Container o in uno dei ‘kebabbari’ di zona e TORI IN CITTÀ
trascorrete il pomeriggio al Parco del Valentino, con la sua
verde tranquillità, il panorama sul Po, l’Orto Botanico e il Stanchi e assetati? Ci
Borgo Medievale. Per festeggiare l’ultima sera, partite con pensa il turèt. Le tipiche
le ottime tapas di Affini, proseguite, a seconda dei gusti e fontanelle verdi con la
delle tasche, con una cena da Scannabue, controllate che testa di toro sono spar-
cosa c’è in programma all’Astoria, sala concerti e cocktail se in tutta la città e vi
bar, e infine, se la notte è giovane e lo siete anche voi, passate disseteranno con acqua
di locale in locale. Tutto vi lascerà un bel ricordo della città. (pare) purissima.
Aeroporto Volpiano Or
Varisella – di Torino
# co
Stu Caselle Chivasso
ra

di
Fiume Po

La
A5

n
A4

zo
11
÷ SP
Parco Settimo
La Mandria Reggia di Venaria Torinese

0
59
SS
Venaria
Reale
San Mauro Castiglione
Pianezza A5
5
Torinese Torinese

Porta Palazzo Parco Regionale


E 70 Dora Riparia e il Balôn della Collina
÷ di Superga
Torino ^
#
Collegno Palazzo Mole Antonelliana
Rivoli Madama e Museo Nazionale
GAM del Cinema
Villa della Regina
Pino
Museo Egizio Musei Reali
Torinese
Parco
del Valentino Pecetto
Torinese
Sangon Stupinigi Chieri
e

Orbassano Moncalieri
SR
10
÷ Trofarello Riva presso
Piossasco Parco Naturale Chieri
di Stupinigi
÷
A5 5
Parco Fluviale
del Po E 70
Pessione
Candiolo
Santena
A6

Villanova
23 d’Asti
SR

Poirino
Carignano
la
iso
Ch

SR
20

Pralormo
Carmagnola

Vigone
o
eP

m
F iu
e 00 5 miglia
10 km

Il meglio di Torino e dintorni


1 Fate un viaggio nel tempo 4 Fate la spesa a Porta 7 Visitate la collezione d’arte
visitando i Musei Reali Palazzo (p64) e gironzolate contemporanea della GAM
(p54). tra le bancarelle del Balôn (p76).
2 Salite in cima alla Mole (p64). 8 Smarritevi nei giardini
Antonelliana e visitate il 5 Visitate Palazzo Madama della raffinata Villa della
Museo Nazionale del Cinema (p58), che racchiude la Regina (p82).
(p61). storia della città. 9 Ammirate la magnificenza
3 Non perdetevi il secondo 6 Immergetevi nel verde del della Reggia di Venaria
Museo Egizio (p55) più Parco del Valentino (p70). (p119) e passeggiate nei
importante al mondo. suoi splendidi giardini.
53
TORINO della città, consolidato nel secolo successivo dal
POP. 885.094 / ALT. 220-280 M
Conte Verde (Amedeo VI di Savoia). Nel 1563
Pur avendo iniziato la sua nuova vita in tempi il duca Emanuele Filiberto dispose il trasferi-
relativamente recenti, complici l’abbellimen- mento della capitale sabauda da Chambéry a
to e la ristrutturazione della città per i XX Torino. Nei decenni successivi la città avrebbe
Giochi Olimpici Invernali del 2006, Torino perso l’impronta medievale che ancora la carat-
può dichiarare archiviata la fama di fredda e terizzava per diventare una capitale moderna.

Torino e dintorni TO R I N O
grigia città industriale del Nord Italia. Anche Nel 1706 Torino resistette all’assedio dei
se, tutto sommato, a circa 20 anni dalla rivo- francesi, ricordato anche per l’episodio di Pie-
luzione architettonica e culturale di metà anni tro Micca, il soldato minatore che si sacrificò
2000, l’interesse nazionale e internazionale per arrestare un’incursione nemica sotto le
destato da tale metamorfosi si è oggi consoli- mura della Cittadella (v. lettura p70). Per
dato proprio grazie ai caratteri peculiari della tutto il secolo la città crebbe di dimensioni
città, comprese le strutture industriali, e al suo e d’importanza insieme al prestigio e alla
bagaglio storico. Se oggi i turisti abbondano potenza dei Savoia, e passata la grande paura
anche ad agosto, se il centro e le zone limitrofe napoleonica divenne il punto di riferimento
sono frequentati a tutte le ore e offrono una di quanti credevano in un’Italia unita sotto
quantità incredibile di eventi e siti da visitare, la guida dei Savoia. Nel 1861 fu proclamata
se la riqualificazione degli edifici e degli spazi capitale del Regno d’Italia, ma conservò il
che raccontano la storia industriale allarga a privilegio per appena quattro anni, prima di
ritmo costante il perimetro delle zone ‘da vi- cederlo a Firenze e in seguito a Roma. Nel
vere’, Torino insiste nel ricordare che è ancora settembre 1864 i torinesi insorsero a migliaia
la città dei Savoia, con la bellezza sontuosa contro la decisione del governo e la repressio-
dei palazzi nobiliari e il fascino rigoroso delle ne del moto costò la vita a 62 persone. Perduta
splendide piazze; e che è ancora la città delle l’importanza politica, verso la fine del secolo
luci tristi, romantiche e a tratti misteriose, del Torino divenne però un polo industriale e
profilo dei ponti sul Po, immersi nella nebbia innovativo di prim’ordine. Il 1899 è l’anno di
che avvolge i fianchi delle dolci colline, e di fondazione della FIAT, fabbrica di automobili
quello delle Alpi che si alzano improvvise sullo che prosperò rapidamente, tant’è che già nel
sfondo, cingendo la pianura. Un aperitivo vici- 1916 iniziarono i lavori di costruzione del
no al fiume, una cena nel ristorante dello chef gigantesco complesso del Lingotto. Colpita du-
di grido, un concerto di musica d’avanguardia ramente dai bombardamenti alleati e dall’oc-
o una folle notte di techno in un’ex fabbrica: cupazione nazista, alla fine della seconda
certo, anche questa è Torino; che però il giorno guerra mondiale Torino si rilanciò come città
seguente vi offre un po’ di relax in uno dei operaia e motore della ripresa italiana insieme
caffè storici del centro o vi invita a curiosare a Milano e Genova. In questa fase la popola-
tra le bancarelle di Porta Palazzo e del Balôn. zione aumentò a causa dell’immigrazione.
Il ponte tra passato e futuro, l’incontro tra il Dopo gli anni di piombo, tra crisi economiche
Piemonte e il resto del mondo, il legame tra e violente tensioni sociali, Torino ha dovuto
industria e cultura sono dunque solo alcuni prendere atto del progressivo indebolimento
degli aspetti del capoluogo piemontese, ma del modello di sviluppo basato sull’industria
sono i più intriganti, e tutti da scoprire. metalmeccanica e impegnarsi in nuovi settori,
come i servizi, la cultura e il turismo, incen-
Storia tivato dalle Olimpiadi Invernali del 2006. Ciò
ha portato una ventata di novità nell’ambito
È probabile, ma non certo, che la Augusta della riqualificazione degli ex spazi industriali,
Taurinorum romana sia sorta sul sito del pre- nell’architettura della città e nel rinnovamento
cedente insediamento di Taurasia, la capitale di interi quartieri (v. lettura p90).
della regione dei taurini, distrutta da Annibale
nel 217 a.C. Alla caduta dell’impero romano, la
città divenne sede vescovile e passò quindi dai
1 Che cosa vedere
longobardi ai franchi insieme al resto della
regione. I Savoia si affacciarono in Piemonte 1 Via Roma e dintorni
a partire dal 1045, ma impiegarono oltre 200 Delineata dall’arteria di Via Roma, che con
anni a impadronirsi di Torino, che nel 1136 i suoi negozi e caffè sotto i portici collega la
venne proclamata libero comune sotto la stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova
tutela dell’impero. Fu dunque solo nel 1280 alla ‘metafisica’ Piazza CLN, alla splendida
che Tommaso III di Savoia ottenne il controllo apertura di Piazza San Carlo e al cuore della
54
corte sabauda in Piazza Castello, questa parte maginandosi in compagnia di re e regine o
del centro cittadino alza il sipario sul volto si mette in posa per un modernissimo selfie
più elegante e spettacolare di Torino. negli incantati Giardini Reali, magari nella
pausa di una visita guidata, che consigliamo
oMusei Reali COMPLESSO MUSEALE a chi vuole conoscere tutti i segreti dei mu-
(cartina p56; % 011 436 14 55; www.museireali.beni sei. Tra la Biblioteca Reale e il Teatro Regio
culturali.it; interi/ridotti €12/6, gratuito prima dom c’è l’Archivio di Stato (% 011 54 03 82; www.
del mese; h 9-19 mar-dom, ultimo ingresso alle 18;
Torino e dintorni TO R I N O

archiviodistatotorino.it; Piazza Castello 209), con


g 11, 27, 51, 55, 56, 57, j 4, 6, 7, 13, 15) Palazzo Rea­ un patrimonio unico di documenti storici,
le, l’Armeria e la Biblioteca Reale, il Museo in un edificio progettato da Filippo Juvarra.
Archeologico, la Galleria Sabauda e Palazzo
Chiablese, simboli indiscussi del potere, della ¨¨Palazzo Reale
storia e della cultura torinese nei secoli, sono Nel 1561 Torino divenne la nuova capitale
stati rinnovati, completati, collegati e aperti del Ducato di Savoia. Per attribuirle un cen-
al pubblico, che passa dall’uno all’altro im- tro del potere nuovo di zecca, il duca Carlo

Torino e 00 400 m
0,2 miglia

map:quartieri v. cartina
Vanchiglia e Aurora (p80)
v. cartina
Verso Piazza Statuto (p66)

v. cartina
Via Roma e dintorni (p56)

v. cartina
Crocetta, San Paolo
e Cenisia Sud (p78)

v. cartina
Verso il Po (p62)

v. cartina Lingotto e v. cartina Oltrepò


Nizza Millefonti (p74) v. cartina e precollina (p82)
San Salvario (p72)
55
Emanuele I, all’inizio del Seicento, affidò ¨¨Museo Archeologico
all’architetto Ascanio Vittozzi la costruzione Preparatevi a un viaggio sorprendente
del Palazzo Reale. A questo primo disegno nell’archeologia di Torino e del Piemonte,
se ne aggiunsero altri nei secoli successivi, che inevitabilmente porta a scoprire quella
con gli interventi di modifica e ampliamento di tutto il Mediterraneo. Se approfondita, la
di Amedeo di Castellamonte nel Seicento, visita può rivelarsi davvero lunga e interes-
Filippo Juvarra nel Settecento, Pelagio Palagi sante, dato il numero di sale e la superficie

Torino e dintorni TO R I N O
nell’Ottocento. Il gioco perfetto di spazi, luci totale del museo, che si trova sotto la Galleria
e sobrietà della facciata vi aspetta oltre il Sabauda. Tra gli ‘imperdibili’, la Sala del
cancello sorvegliato dalle statue equestri di Tesoro di Marengo nella prima suggestiva
Castore e Polluce. All’interno, luce e rigore di- area espositiva, che conserva 31 oggetti di
minuiscono per dare spazio allo sfarzo della argento e numerose piccole lamine accar-
residenza dove i Savoia vissero fino al 1865. I tocciate, databili tra la seconda metà del
muri innalzati sulla pianta quadrangolare in- II e l’inizio del III secolo d.C., e il Papiro di
torno a una corte interna nascondono infatti Artemidoro, risalente alla fine del I secolo
enormi sale riccamente decorate: dopo aver a.C. ma di autenticità incerta.
ammirato lo Scalone d’Onore, non perdetevi
¨¨Galleria Sabauda
l’imponente Salone della Guardia Svizzera,
la Sala dei Paggi e la Sala del Trono; sognate Il nuovo allestimento ha reso questo museo,
nella Sala da Ballo, stupitevi nel Gabinetto che custodisce oltre 500 opere di artisti pie-
Cinese e poi uscite in giardino a prendere montesi, italiani e fiamminghi (tra cui Beato
un po’ d’aria. Se riuscite, ammirate anche la Angelico, Pollaiolo, Mantegna, Jan Van Eyck
cappella privata di Carlo Alberto, opera di e Rubens), uno dei più godibili in città. Al
Pelagio Pelagi che risale al 1837, restaurata pianterreno sono custoditi capolavori gotici
e aperta al pubblico nel 2017. Rifocillatevi e del Rinascimento, al primo piano una
infine tra argenti e porcellane nelle sale in- panoramica su Rinascimento e arte barocca,
terne o nel dehors del Caffè Reale di Gerla mentre l’arte fiamminga e quella settecen-
(% 011 561 99 86, 349 400 63 55; Piazzetta Reale; tesca sono concentrate al secondo piano.
h 8.30-19 mar-dom), l’ex Regia Frutteria che si La visita al museo e a Torino troveranno un
affaccia sul cortile d’onore. degno compendio nella Veduta di Torino
dal lato dei Giardini Reali e nella Veduta
¨¨Giardini Reali dell’antico ponte sul Po a Torino di Bernardo
Può un palazzo reale non avere un giardino Bellotto, entrambe commissionate all’artista
degno di tale nome? Lunghi anni di lavori da re Carlo Emanuele III nel 1745.
hanno restituito alla città un angolo verde
in pieno centro, dove l’essenzialità e le linee ¨¨Palazzo Chiablese
pulite che caratterizzano l’architettura ester- Edificio secentesco attiguo a Palazzo Reale,
na del palazzo trovano continuità. fu riprogettato da Alfieri nel Settecento e ha
ospitato i principi cadetti di Casa Savoia, Pao­
¨¨Armeria Reale e Biblioteca Reale lina Bo­naparte e consorte, e Margherita di
Una delle collezioni d’armi e armature più Savoia. In passato ha anche ospitato il Museo
ricche d’Europa, voluta da Carlo Alberto Nazionale del Cinema. Patrimonio dell’U-
nel 1837, è custodita nell’ambiente sontuoso manità UNESCO, oggi è sede di uffici del
della Galleria del Beaumont (la cui versione Ministero della Cultura e di grandi mostre.
originale collegava Palazzo Reale con Palazzo
Madama), riprogettata da Juvarra nel 1732 e oMuseo Egizio MUSEO
rinnovata da Benedetto Alfieri, e nel Meda- (cartina p56; % 011 561 77 76; www.museoegizio
gliere, decorato da Pelagio Palagi. Salutate .it; Via Accademia delle Scienze 6; interi/ridotti €13/9,
la folla come i sovrani di Casa Savoia dalla €15/11 in caso di mostre temporanee; h 9-14 lun,
Loggia che si affaccia su Piazza Castello e 9-18.30 mar-dom; g Star 1 e 2) Sei anni di lavori,
raggiungete la sontuosa biblioteca, in cui un restyling capillare che ha reso moderno e
è custodito l’Autoritratto di Leonardo da fruibile un vecchio museo bisognoso di cure,
Vinci (1513), prezioso acquisto fatto dal re l’allestimento da Oscar dello scenografo Dan-
nel 1839, oltre a un inestimabile tesoro di di- te Ferretti: i faraoni sarebbero soddisfatti. Lo
segni, manoscritti, codici miniati e incisioni. sono i torinesi, che hanno in città il secondo
L’ingresso alla biblioteca (% 011 54 38 55; www. museo egizio al mondo dopo quello del Cairo,
bibliotecareale.beniculturali.it; h 8-19 lun-ven, 8-14 e lo sono i visitatori, che si stupiscono di fron-
sab) è gratuito. te a una mummia perfettamente conservata
56
map:via_roma
Via Roma ePiazzetta
dintorni e 00 200 m

6
Visitazione 0,1 miglia
A B C D

bre
ane

6
ano

m
Orf

ette
Via

atin
Mi l
a
lezi
le
Cor

XS

Viale I Magg
Pal
del
1 te 1
6
e
Bel

X
d
ia

d’A

ta
Ver

Via
Via
ppe
ord

Via
Largo

Por
Mis della

llo P.za S.

/
te
eric

IV Marzo
Giovanni æ
Torino e dintorni TO R I N O

Via
Con
Via
#2
zzo
Via

io
Via
ma

Via
3
Dal

Via
Via a0
C ppe0
0 0 00 0 0 0 00
æ
# 0
000000 0
0 l Ve0
0 0 0 0 0 0 00 00000 0
0rde0000000
0 0 0 0 00 00000 0
San

Via Via Giu 00 00 000000 0

/
ri

sep Pala 0 0 0 0 0 00 000000 0


ato

San p e zz0 0 0 0 0100000000000


0 0 00 000000
ta ï0 o d0 0 0æ0
# 0
mp

ero

0 0 0 0
Via

Ma
0
00 0i
00
C0
it
00tà 0 0
0 0 00
0 0
00
00
00
00
00
0 0
0 rtigi
ani
Sta

Bar 0 0 0 0 0 00 000000 0
Bot

Piazza
si

ria
0 0 0 0 00 000000 0

bre
Ga0 0 0
bar

Pa
ssi

o 0iba0 0 0 0 0 0 00 000000 0
li

ux dei
Via

r0 0 0 Castello
0 0 0 00 000000 0
ldi0
deg

m
d’A

Via 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 ï0 0 0 0 0 Viale
i

2 2

ette
ant

0 0 0 0 0 0
æ0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
aso
Mo
Via

nte 0 0 0 0 0 #
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
erc

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

XS
m Via
Via di 0 0 0 0 0 05 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 le L
ei M

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Tom
Via Pie

X
Ber uzi

//
Rod tà 00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 o
Via
to
la 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
d

i 36
Via Via Micca 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Via

San

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
sco

Cer Pietro Mo 00 00 00 0æ
# 10
00 0 0 0 0 0 0 ý
#
0 0 0
tti
Piazzetta
nai nte 0 0 0
00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0
nce

Via
Vio
Via

a
a di P 0 00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Via

Rom
Accademia
iet0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Fra

Via 0
à 0
0 V0 00
0 0320 0
0 0
0 0
28
0 0
û
0 0
0û 0
0 ÿ
# 0
0 0
0
13 0
0 0
0 0
0 Militare
00 ia0
Ba 0 000000 000V000
Via

co
û

/ //
29

o
nze

ina
San Ber 0000000 isti 00000000 ia
tt0

in
Virgia
Sublleria

Vas
to0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Via

V
ta

alp
18 þ
# æ
#

e
l0a0 0 0 0 0 ú
#
0
00 00 00 000 0 00

Sci
00 000P.za
0 0 0 0
4200 0 0
8 00

Ga
Ter Carignano
0 0 0 0ý000 00 00 00 00 ú
#0
00 00 00 Po
rico
ede ia

esa
elle
0 70 0 0 0
33 0 0 0
San

#
S. F aller

0 0 0 0 0 0

Via
3 æ
#
0 0 0 00 00
û 0 0
00
350 0
00 0
00000000
æ
# 09 0 0 0
24 0 0 00 0
d 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 3
0 0 0 0
mia

00 0 0 0 0 0
G

Piazza 0
00 0000 0 0
0 0
0 0
00 00 00 00 0 0
00 00 00 00 0 0 0 0 0 0

/
Piazza
Via 0 0 0 0 0 0
ade

Solferino 0
0 0
0 0
0 0
040 0 0
æ00000
# 0 0 0 0 0
0
Carlo 0
0 0
0 0
0
Alberto 0
0 0
0 0 0 0 0 0 0
Vitt 0
0 0
0 0
0 0
0300
0
û 0
0 0
0 00
0 0
0
0 0
0
0 00
0 00
0 00
0 0
0
0 00 00
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Acc

orio 0 0 0 0 0 0 0 00 0
0 0
0 00 00 00 0
0 00 00 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 00 0
0 0
0
le
a

00 0000 0 0 0 00 0
0 0
0 V00 00 00 0
0 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
llal

i
ena

0 a 0 0 0 0 0
0 0 0
Via
De a

Via A 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0æ
#0 60 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Vi

Las l fier 0 0 0 0 0 0 1100


00 0
0
0 0
0
0 0
00 0
00 0
00 0
0
0 0
00 0
00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Ars

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 V
car i
0 0 0
31
00 00 00 00 00 0
000
0000 000 0000
00 000 00 0 0 0 0 0 0 0 ia000000
ino
Ma0 00 0 0 0 0 0 0
Pr0 000
æ
# ú
#
00 00
is 0
0 0
00 0 0 0 0 0 0 0ria0 0 0 0 0 0 0 0 0
inc000
Via

û ú0 0 0 0
00
Bog
0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 00
20 0 0
0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
ipe00
e

00 0 0 0 0 #
0 0 0
Via 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0A0
ang

Via 0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
26
0 0
0
0 00
0 0
0 0
0 0
00
0 0
0 0
0
0
0 0
0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 i0a 0 0
Via

0 0 0 0 ú
# 0 0
19 0 0 0 m
agr

del 0 0 0
. Fr 00000000
0 0 0 0 0
00 0 0
0
0 0 00
0 0 0
0
0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0V 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
V 0
0 0
0De0
0edeo
Via

S i t
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 00 0 0
0 ú
#0 0 0 0 0 0 0 0 to0
L

l’Ar
civ o
0la 0000000 0 0
0 0
0 00 00 0 0
0 0 0 r i a0 0 0 0 0 0s
Via

0 0 0 000 00 0 0
21 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Am
0
00 00
0 0 0 0 0 0 0 0 0
esc P.za 0 00 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 bro
4
ova
do 0 0
0 0
CLN 0
0 0
0 0
0 380
0 0
0 0
0 0
0 V0
0 ia 0
0 0
0 0
0
0
0 0
0 00
0 0
00 0
00 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
Piazza
0
0 0
0 is 4
0
0 0
0 0
0 0
0 V0
0
i 0
a T0 þ
# 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0
0 0
00
0 0
00
0 0
0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
Carlo
0
0
Emanuele
0
0 II
00
0 00 0
0000o00 0
. R 0
ss0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0 00
0 00
0 0 0 0 0 0 0 0 V 0
i a 00000
a

0 0G 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
le

00 0000 0
00 0 0
i 0000000 i o0
o
la

van San
ena

0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
ert
Ro
ndo

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 ni ta
Cor Via 0 0000 0 012
Alb

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Ars

so Cro
o
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
me

G. M 23 # ssim
ú B u 000000 æ
# V0000000000 G ce
tti

ia
A

ozz
ba

att 14 V ioli
eot i Cos ia tti
Via

obe

Ma
Pom
re

ge

ti Via ÿ
# ta
b

þ
#
ran
tem

Via

þ
# 43
Via

Lag

ý Gram 44
Set
Via

#
ina

San

34 sci 16 Piazzale
37
er t
XX

27 û ú
# þ 41
# Valdo
lo

Piazza û
Alb
Via

Via
Car

Paleocapa Fusi
5 40 # þV Andrea 5
Via

ia Cav
Do our
ú
# Piazza Piazza ria
Via

Giu Via
ia

17 Carlo Lagrange 22
azzi

la

sep Piazza
m

Piazza
Pao

p
ade

Felice V. G #
ú
Ratt

e
o

Bodoni #ú 25 dei Cavour


ssim

uarin
Acc
da

ï i 39 Ma
Via
hi

zzin
ra
Ma
ba

sco
c

¡
# i Mil
Via

and
Sac

þ
# le
Pom

nce

Porta
Cal
Via

Fra

Nuova
Via

l’
Via

del

ÿ
#
San

Via
15 £
Porta Co
Via

San

rso Giu
6 Nuova sep
6
i

Via p
tell

e
Via

FS Vit
to

Fra

to
Goi

rio Ma
zzo

San zzin
i
u

Sot
a

Sal

t
izz

Por opass Via Em


Via

Pio
ta N agg a
a

V nu
lmo
N

stin

uov io
ca

B. ele
aso
Via

Via

a
nse

Roc
Cri
Via

Gal
Via

t’A

Tom

ma

la

Via liar II
del

i
San

Via
ada
e

San
Via
cip
Via

M
lfiore

Pio
Prin

Via

Ber V
t hol Piazza
7 7
e

Via

let
Via B

Largo Madama
Saluzzo Cristina

A B C D
57

Via Roma e dintorni


æ Da non perdere 22 M**Bun.................................................... B5
1 Chiesa di San Lorenzo............................C2 23 Sedici 10 Bagel........................................ A4
2 Duomo di San Giovanni...........................C1 24 Sfashion Café..........................................C3
3 Musei Reali................................................C1 25 Sodo......................................................... C5
4 Museo Egizio...........................................C3 26 Stratta......................................................B4

Torino e dintorni TO R I N O
5 Palazzo Madama.....................................C2
û Locali
æ Che cosa vedere 27 Bar Zucca................................................. B5
Accademia delle Scienze di Torino........ v. 4 28 Baratti & Milano......................................C3
6 Chiesa di San Filippo Neri.......................C3 29 Caffè Mulassano......................................C3
7 Galleria San Federico.............................. B3 30 Caffè San Carlo........................................ B3
8 Galleria Subalpina...................................C3 31 Caffè Torino..............................................B4
9 Palazzo Carignano..................................C3 32 Mood........................................................C3
10 Piazza Castello........................................C2 33 Pepino......................................................C3
11 Piazza San Carlo..................................... B3 34 Roma Già Talmone.................................. A5
12 Via Lagrange............................................B4
ý Divertimenti
ÿ Pernottamento 35 Teatro Carignano.....................................C3
13 Colazione in Piazza Castello...................C3 36 Teatro Regio.............................................D2
14 Hotel Principi di Piemonte...................... B5 37 Teatro Vittoria.......................................... B5
15 Turin Palace Hotel................................... A6
þ Shopping
ú Pasti 38 Bertolini...................................................B4
16 Alla Baita dei Sette Nani......................... B5 39 Creativity Oggetti....................................B6
17 Confetteria Avvignano............................ A5 40 Cribì.......................................................... B5
18 Del Cambio..............................................C3 41 Libreria Bodoni........................................ C5
19 Eataly Incontra........................................C4 42 Libreria Luxemburg.................................C3
20 Guido Gobino...........................................C4 43 Perino Vesco............................................ B5
21 Kirkuk Kaffé.............................................C4 44 Top Ten..................................................... B5

o si commuovono per la perfezione artistica portò a Torino i 18.000 oggetti della propria
di una decorazione o la raffinatezza di un collezione, questo complesso di 800 mq ac-
corredo funebre. Aveva ragione l’egittologo coglie 1000 reperti protetti da teche di vetro.
Jean-François Champollion: “La strada per
¨¨Secondo piano
Menfi e Tebe passa da Torino”. Consultando
il sito del museo, potrete prenotare una Dall’ipogeo si passa subito al secondo piano,
visita guidata o acquistare il biglietto online per iniziare la visita con la sezione dedicata al
per evitare code. Non presentatevi con uno periodo predinastico e all’Antico Regno, per
zaino o una borsa grande: dovrete pagare poi passare a due esempi di tombe (la Tomba
1 per lasciarli al guardaroba. L’audioguida, degli Ignoti e la Tomba di Iti e Neferu) e
invece, è gratuita e vivamente consigliata. concludere con i reperti risalenti al Medio
Prima di entrare e prendere le scale mobili e Nuovo Regno.
che conducono al piano ipogeo, fermatevi ad ¨¨Primo piano
ammirare il cortile. In questo livello sono custoditi alcuni dei
¨¨Piano ipogeo reperti più interessanti, tra cui i sarcofagi
Se scegliete di seguire l’audioguida, optando (esterno, intermedio e interno) di Kha e
magari per la visita breve che vi darà più li- Merit, con i loro incredibili corredi per l’al-
bertà di movimento, il direttore del museo vi dilà, comprensivi di pagnotte. Dalla sezione
darà il benvenuto, spiegandovi perché il primo dedicata a Deir El-Medina, dove è custodito
reperto, la Mensa Isiaca, ovvero lo strumento un ostrakon con una ballerina la cui grazia e
con cui Athanasius Kircher tentò una prima originalità non sono facilmente descrivibili,
traduzione dei geroglifici, è il motivo per cui si passa per la Galleria dei Sarcofagi e la
esiste il museo. Nato quando l’archeologo Valle delle Regine, per arrivare ai reperti
Ernesto Schiaparelli, all’inizio del Novecento, dell’epoca romana e tardoantica.
58
¨¨Piano terra ¨¨Salone del Senato
Il piano più spettacolare, affidato alle mani Il grande salone del primo piano divenne la
esperte di Dante Ferretti, regala effetti sor- sede del primo Senato del Regno d’Italia nel
presa e prospettive incredibili sulle statue 1848, per volere di Carlo Alberto. Settecente-
della Galleria dei Re, che dallo sfondo scuro sche le decorazioni che rappresentano le pro-
si stagliano colpite da sapienti fasci di luci vince sabaude; del secolo successivo (1837)
sulla Sala Nubiana e sul Tempio di Ellesija. le storie di Casa Savoia dipinte sulla volta.
Torino e dintorni TO R I N O

¨¨Spazio mostre
oPalazzo Madama RESIDENZA REALE/MUSEO
(cartina p56; % 011 443 35 01; www.palazzomadama Retrospettive di grandi fotografi, mostre sulla
torino.it; Piazza Castello; interi/ridotti/under 18 e pri- vita di Primo Levi o Marilyn Monroe e su
mo mer del mese €10/8/gratuito; h 10-18 mer-lun, gioielli, moda e design. Il mondo moderno e
ultimo ingresso 1 h prima della chiusura; g 11, 27, 51, contemporaneo hanno un posto di prestigio
55, 56, 57, Star 2, j 4, 6, 7, 13, 15) Un palazzo che a Palazzo Madama.
fa ‘girare la testa’, racconto visivo della storia ¨¨Giardino Medievale
di Torino, da leggere percorrendo in tondo Il giardino dietro al palazzo è una piacevole
Piazza Castello. Porta orientale d’accesso ad area verde che dal 2011 rinfresca il fossato
Augusta Taurinorum in epoca romana, ca- con aiuole di piante medievali e alberi da
stello fortificato nel Medioevo, residenza dei frutto.
Principi d’Acaja, deve il nome alla madama
reale Cristina di Francia, che vi abitò dal oChiesa di San Lorenzo LUOGO DI CULTO

Seicento (con un po’ di (s)fortuna, vi capiterà (cartina p56; % 011 436 15 27; www.sanlorenzo
di avvistarne il fantasma, che pare si aggiri .torino.it; Via Palazzo di Città 4; h 7.30-12 e 15.30-19
irrequieto nel salone una volta all’anno), lun-sab, 9-19.30 dom; g 11, 27, 51, 55, 56, 57, Star 2,
prima che una seconda madama reale, Maria j 4, 6, 7, 13, 15) Barocca, trionfante, sfarzosa.
Giovanna Battista di Savoia Nemours, vi si Un voto formulato durante la battaglia di San
trasferisse nel 1675. Sede del primo Senato Quintino (vinta il 10 agosto 1557, giorno di
subalpino nel 1848, non ha mai smesso di San Lorenzo) da Emanuele Filiberto fu alla
essere un punto di riferimento, diventando base del restauro della precedente Chiesa di
infine il centro culturale e artistico di oggi. Santa Maria ad Praesepe. Nel 1667 i Savoia
Salite sulla torre panoramica: la vista su commissionarono a Guarino Guarini il pro-
Piazza Castello e sulla città è da non perde- getto della nuova Chiesa di San Lorenzo, che
re. Prima o dopo la visita, d’estate potrete si rivelò uno dei capolavori dell’architetto
bagnarvi i piedi nelle fontane della piazza e modenese, espressione vincente del gusto
d’inverno fermarvi a seguire le acrobazie di estetico e del clima religioso dell’epoca. In-
qualche giovane skater sul retro del palazzo. confondibile la mano dell’artista laddove le
¨¨Facciata e Scalone Juvarriano linee curve trascinano senza tregua il fedele
verso l’alto e il divino, fino alla cupola inon-
Anche se il palazzo progettato da Filippo Ju-
data di luce e priva di raffigurazioni perché
varra per Maria Giovanna Battista di Savoia
(miracolo!) gli affreschi sono visibili solo
Nemours non fu mai realizzato, l’architetto
nei giorni degli equinozi. Nell’antisacrestia
riuscì a completare la splendida facciata
della chiesa, osservate la copia a grandezza
barocca in pietra bianca che ancora oggi
naturale della Sindone. Nei fine settimana i
domina la piazza e mantiene per un attimo
volontari di San Lorenzo organizzano visite
il segreto delle effettive forme del palazzo. A
guidate gratuite, da prenotare.
Juvarra, scenografo teatrale, si deve anche
la doppia rampa dello splendido scalone di oDuomo di San Giovanni LUOGO DI CULTO
ingresso, che lascia a bocca aperta. (cartina p56; % 011 436 15 40; www.duomoditori
¨¨Museo Civico d’Arte Antica no.it; Via XX Settembre 87; h 9-12.30 e 15-19; g 11, 27,
Nato nel 1934 e riaperto nel 2006, il museo 51, 55, 56, 57, Star 2, j 4, 6, 7, 13, 15) Unica chiesa
offre quattro piani densi di storia e opere rinascimentale della città, iniziata nel 1491,
d’arte: il Medioevo è rappresentato al livello è caratterizzata da una facciata e da interni
dell’antico fossato medievale; il pianterreno in marmo bianco, puliti ed essenziali. Bello il
ospita opere dal gotico al Rinascimento (non colpo d’occhio dall’esterno, con le linee nitide
perdete il Ritratto d’uomo di Antonello da della piazza antistante, la grande scalinata e
Messina, conservato nella Torre dei Tesori); la torre campanaria quattrocentesca. Anche
il barocco è custodito al primo piano, mentre il duomo reca il segno ineguagliabile lasciato
il secondo è dedicato alle arti decorative. da Guarino Guarini: la Cappella della Sacra
59

I PASSAGES TORINESI
Quanto ad antiche gallerie commerciali, Torino non teme rivali. Le principali sono in
pieno centro: la prima è l’eclettica Galleria San Federico (cartina p56), costruita
tra il 1932 e il 1933, tipico esempio ‘cielo-terra’ con planimetria a T (i tre accessi sono
da Via Roma, Via Bertola e Via Santa Teresa). Ospita il Cinema Lux (ex Rex e poi ex

Torino e dintorni TO R I N O
Dux fascista), con uno scenografico scalone sotto la grande cupola centrale, Fiorfood,
bistrò e concept store Coop di recente apertura, la gelateria Mondello, dove provare
la deliziosa crema omonima, e vari negozi eleganti. Più antica, invece, è la Galleria
Subalpina (cartina p56), concepita per lo svago borghese ottocentesco. Articolata
su due piani e sormontata da un’incantevole copertura di vetro e ferro, collega Piazza
Carlo Alberto a Piazza Castello dal 1874; anche qui troverete un cinema, la sala d’essai
del Romano, una gelateria, il raffinato ristorante italiano e giapponese Arcadia, una
libreria antiquaria e le grandi vetrine di Baratti & Milano (p100), dalle quali ammira-
re gli arredi e spiare i movimenti dei clienti, come faceva Guido Gozzano. Nascosta alle
spalle del Museo Egizio c’è una terza piccola galleria centrale che collega la brevissima
Via Eleonora Duse a Via Maria Vittoria: un passaggio segreto che vi immetterà in Piazza
San Carlo. L’ultima antica galleria della città è la Galleria Umberto I (p68).

Sindone, che, dopo la chiusura in seguito l’unico: la Torre Littoria di Armando Melis
all’incendio del 1997, dovrebbe riaprire entro (1934), alta 109 m.
il 2018. Forse non sarà più come prima, ma
se avrete la fortuna di vederla potrete sco- Palazzo Carignano RESIDENZA REALE/MUSEO

prire se i 5000 conci di marmo nero staccati (cartina p56; www.polomusealepiemonte.benicul


dal calore saranno stati in qualche modo turali.it; % 011 564 17 33; Via Accademia delle Scienze
recuperati. Nel 1578, il sacro lino fu ospitato 5; interi/ridotti €5/2,50; g Star 1 e 2) Arrivare in
temporanea­mente nella Chiesa di Santa Piazza Carignano è come entrare in un sa-
Maria ad Praesepe, dopo il trasferimento lotto ben arredato: si passeggia in tranquillità
da Chambéry. Traslato nella Cappella del perché è pedonale, si è confortati dai gelati di
Duomo nel 1694, oggi è conservato in una Pepino (p100), dai pasticcini della Farmacia
teca, dopo il restauro del 2002 sempre a del Cambio (p92) o, budget permettendo,
seguito dell’incendio. L’ostensione avviene a dalle sale di lusso del ristorante Del Cambio
intervalli variabili, secondo la decisione del (p92), si ammira la bella facciata sette-
papa. Se avete tempo a disposizione, visitate centesca del Teatro Carignano (p104); ma,
il Museo Diocesano (% 011 515 64 08; www.mu soprattutto, si respira il profumo della storia
seodiocesanotorino.it; h 14-18 mer, 10-18 ven-dom, osservando i colori tiepidi della facciata
ultimo ingresso 17.15; interi/ridotti €5/3,50) accan- ondulata di Palazzo Carignano, i cui movi-
to al Duomo, con opere a tema cristiano, una menti sinuosi sono opera inconfondibile di
pinacoteca, un’area archeologica e l’accesso Guarino Guarini, che la realizzò tra il 1679
alla torre campanaria. e il 1684 (il lato rivolto verso Piazza Carlo
Alberto è invece ottocentesco). Qui nacquero
Piazza Castello PIAZZA il futuro re Carlo Alberto (nel 1798) e Vittorio
(cartina p56; g 11, 27, 51, 55, 56, 57, Star 2, j 4, 6, 7, Emanuele II (nel 1820), e si svolsero eventi
13, 15) Vi confluiscono le principali arterie del fondamentali della vita politica e culturale
centro (Via Po, Via Roma, Via Pietro Micca e piemontese: vi si riunì la Camera dei Depu-
Via Garibaldi), è circondata da portici (per- tati del Parlamento Cisalpino e nel 1861 vi fu
ché il re potesse spostarsi sempre al coperto), stabilita la sede della Camera dei Deputati del
al centro sfoggia Palazzo Madama (p58) Parlamento Italiano. Oggi ospita il sontuoso
e il suo angolo nord è delimitato da Palazzo Appartamento dei Principi o di Mezzo-
Reale, da Palazzo Chiablese (p358) e dalla giorno, restaurato e visitabile, ed è sede del
Chiesa di San Lorenzo (p58): questa piazza Museo Nazionale del Risorgimento Italiano
è una tappa imprescindibile di un giro in (www.museorisorgimentotorino.it; % 011 562 11 47;
città, quindi ci capiterete di sicuro, di giorno Piazza Carlo Alberto 8; interi/ridotti €10/8; h 10-18
o di notte. Alzando gli occhi vedrete il primo mar-dom, ultimo ingresso alle 17), il più antico e
grattacielo di Torino, fino a qualche anno fa famoso dei musei dedicati a tale momento
60
storico. Fondato all’inizio del XX secolo per una scuola di musica, ensemble corali, una
celebrare l’autorità della dinastia dei Savoia scuola di teatro e altri gruppi: consultate il
e dello stato sabaudo, assunse un respiro sito web, perché spesso vi si tengono concerti
europeo in occasione della grande esposi- di grande suggestione, mostre e varie attività.
zione del Centenario dell’Unità d’Italia, per
ritornare poi all’idea storiografica originaria Accademia delle Scienze
con il nuovo allestimento del 1965. I suoi di Torino ACCADEMIA/BIBLIOTECA/ARCHIVIO
Torino e dintorni TO R I N O

2579 oggetti, distribuiti sui 3500 mq delle 30 (Collegio dei Nobili; cartina p56; % 011 562 00
sale, narrano non solo le vicende italiane, ma 47; www.accademiadellescienze.it; Via Accademia
quelle coeve di tutta l’Europa. Non perdete delle Scienze 6) Promuovere il progresso della
la Camera dei Deputati Subalpina e il gran- scienza a vantaggio della società: questo il
dioso salone realizzato per ospitare la nuova messaggio (condensato nel motto latino)
Camera dei Deputati del Regno d’Italia (ma della storica Accademia delle Scienze di
mai utilizzato per via del trasferimento della Torino, fondata nel 1757 dal conte Giuseppe
capitale da Torino a Firenze e poi a Roma); Angelo Saluzzo di Monesiglio, dal medico
oggi vi sono esposte grandi tele raffiguranti Gianfrancesco Cigna e dal matematico Luigi
l’epica militare dal 1848 al 1860. Lagrange allo scopo di promuovere e diffon-
dere gli studi. Ente privato dal 2000, ha un
Chiesa di San Filippo Neri LUOGO DI CULTO archivio e una biblioteca aperta al pubblico
(cartina p56; Associazione San Filippo % 340 (sul sito web si può compilare un modulo
163 64 94; www.associazionesanfilippo.it; Via Maria per fissare un appuntamento) e organizza
Vittoria 5; ingresso su offerta; h 8-18 lun-ven, 8-12 congressi e conferenze per specialisti, mostre
sab, 10-11 dom; g Star 1 e 2) Fulcro del complesso ed eventi di divulgazione scientifica per il
di Filippo Neri è la chiesa dedicata alla figura pubblico. Chi riesce a formare un gruppo
del ‘santo della gioia’, un educatore ante di almeno otto persone può prenotare una
litteram che accoglieva ragazzi e ragazze di visita guidata (mostre@accademiadellescienze
strada nel suo oratorio. Un crollo avvenuto .it). Nella cappella del collegio è stato creato
durante l’assedio francese del 1706 distrusse un nuovo spazio espositivo.
il primo cantiere voluto da Carlo Emanue-
le II, motivo per cui Filippo Juvarra prese Piazza San Carlo PIAZZA
in mano il progetto e vi lavorò dal 1715 al (cartina p56; g Star 1) Quella che un tempo
1730. All’esterno si è accolti da un’imponente era Piazza Reale fu voluta da Maria Cristina
facciata neoclassica, con tanto di colonnato di Francia, giovane sposa di Vittorio Amedeo
e timpano; all’interno, invece, c’è la campata I di Savoia, nostalgica della sua Parigi. In
unica più grande della città, illuminata da effetti la bellezza e la grandiosità di questo
ampie finestre e coperta con una volta a spazio, sui cui lati lunghi si srotolano i portici
botte. L’interessante sepolcreto sotterraneo e si affollano le firme dell’alta moda, ricorda-
si può visitare con le guide dell’Associazione no quelle delle places parigine. E, come nella
San Filippo (v. www.associazionesanfilippo.it capitale francese, anche a Torino il numero
per il calendario delle date). La chiesa ospita di statue è notevole; qui ce n’è una delle più

MOLLINO, LUCIDO ED ECCENTRICO


Ricco, appassionato di fotografia, sci, automobilismo e aeroplani, scrittore e designer, il
torinese Carlo Mollino (1905-73) non ha dedicato l’intera vita all’architettura, ma quan-
do lo ha fatto è riuscito a concepire alcuni progetti straordinari. Il nuovo Teatro Regio
(p104) innanzitutto, con il boccascena a forma di ‘ostrica semiaperta’ (poi sostituito nel
restauro del 1996) e l’illuminazione a cascata che pare grondare sul pubblico durante i
concerti. L’Auditorium Rai ‘Arturo Toscanini’ (p105), progettato nel 1952 ma anch’es-
so profondamente modificato dal restauro del 2006. Il Palazzo degli Affari, che ospita
gli uffici della Camera di Commercio, con la sua facciata all’avanguardia che si affaccia su
Piazzale Valdo Fusi. Il Dancing Lutrario (ora Le Roi), tuttora attivo, con il suo folle gioco
architettonico e l’atmosfera stralunata di grande fascino. E soprattutto il Museo Casa
Mollino (cartina p80; %011 812 98 68; Via Napione 2; visite guidate su appuntamento scri-
vendo a cm@carlomollino.org), dove il bizzarro e audace artista non ha mai vissuto ma che
ha personalmente arricchito con i suoi inimitabili guizzi di designer d’interni.
61
famose, il Caval ’d Brôns, che ritrae il duca damente legato alla cultura cittadina: un
Emanuele Filiberto a cavallo, colui che, tra viaggio sorprendente nella storia del cinema,
l’altro, portò la Sindone da Chambéry a To- che porta dalle lanterne magiche ai divi di
rino nel 1578 (guardando dal lato del Caffè Hollywood. Il Massimo, cinema ufficiale del
Torino, agli angoli con Via Giolitti e Via Santa museo, vi ricondurrà al presente (o al passato
Teresa vedrete due dei quattro affreschi sulla prossimo) con una panoramica quasi ininter-
Sindone di datazione incerta – fine Seicento? rotta sui magici prodotti della settima arte.

Torino e dintorni TO R I N O
inizio Settecento? – sopravvissuti ai bombar- ¨¨L’edificio
damenti della seconda guerra mondiale). Con la sua forma audace e inconfondibile,
Caval ’d Brôns era anche il nome dello storico la Mole definisce lo skyline torinese fin dal
caffè, in attività dal 1948 al civico 155, che 1889. Progettata dal fantasioso Alessandro
purtroppo nel 2016 ha chiuso i battenti. Sul Antonelli (1798-1888), era destinata a esse-
lato corto verso Porta Nuova sorgono invece re la sinagoga della città, ma, in seguito a
le due chiese gemelle di Santa Cristina e dissidi tra l’architetto e la comunità ebraica,
di San Carlo Borromeo. Nel 1639 Maria fu comprata dal Comune. Oggi ha ceduto il
Cristina fece edificare la prima in seguito primato in altezza al grattacielo della Regione
alla morte del figlio; la cappella fu proget- Piemonte (205 m), in zona Lingotto, anche se,
tata da Amedeo di Castellamonte, mentre il con i suoi 167,5 m, vale a dire 50 cm in più del
campanile è del 1779 e la facciata ottocentesca nuovo Grattacielo Intesa Sanpaolo (p76),
è di Ferdinando Caronesi. I lavori per l’edifi- merita ancora la medaglia d’argento. Nel
cazione della seconda iniziarono invece nel 1904 un uragano abbatté la statua del genio
1619 per volere di Carlo Emanuele I, durante alato che ne sormontava la punta (ora conser-
l’opera di ammodernamento in stile barocco vata all’interno), che fu sostituita in seguito
della città; la facciata porta la firma di Ju- da una stella. All’esterno troverete sempre
varra, il cui progetto risale al 1715-8. Prima qualcuno con il naso all’insù che ammira
di lasciare la piazza, con la stazione Porta il possente pronao di colonne alte 30 m e
Nuova alle spalle, guardate in alto a destra: cerca di decifrare l’installazione luminosa
sul palazzo all’angolo con Via Giolitti vedrete del Volo dei numeri di Merz, ispirata alla nota
tre piccoli puntini, tra la prima e la seconda sequenza numerica di Fibonacci.
finestra del secondo piano, tra la seconda e
¨¨Il museo
la terza del piano nobile e sopra la pasticceria
Nel cuore di Torino, è uno dei ‘cuori’ della
Stratta: sono tre palle di cannone conficcate
città del cinema per eccellenza. Trasferito
nel muro, residui dell’assedio napoleonico.
in questa nuova sede allo scoccare del terzo
millennio con l’ardito allestimento dello
1 Verso il Po scenografo François Confino, il Museo del
Dal confine con il borgo multietnico di San Cinema si compone di varie sezioni: si parte
Salvario fino a quello con Vanchiglia, e da con le collezioni storiche dell’Archeologia
Piazza Castello al fiume Po, con la collina al del Cinema; si passa alla sorprendente Aula
di là del fiume come punto di riferimento, gli del Tempio, dove sinuose chaises longues
isolati perfetti ai due lati di Via Po, progettata rosso fuoco invitano a sdraiarsi per ammirare
perché il re potesse arrivare fino a Piazza memorabili spezzoni di classici che scorrono
Vittorio Veneto protetto dai portici, sfoggiano sugli schermi, in attesa dello spettacolo di son
palazzi del Settecento e dell’Ottocento, piazze et lumière sulle pareti della cupola; si passa
incantevoli, musei e boutique tra i più belli quindi alla Macchina del Cinema, poi alla
del centro. A dominare su tutto, la sagoma Galleria dei Manifesti e infine si sale lungo
inconfondibile della Mole Antonelliana. la Rampa Elicoidale per godere della magia
dell’insieme. Si esce con la sensazione di non
oMole Antonelliana e Museo Nazionale essere stati in un museo, ma al cinema, e non
del Cinema EDIFICIO DI RILIEVO/MUSEO solo come spettatori. Prima o dopo la visita,
(cartina p62; % 011 813 85 63; www.museocine prendete fiato, sgranchitevi le gambe e salite
ma.it; Via Montebello 20; interi/ridotti €10/8; h 9-20 i 573 gradini che portano alla Cupola (interi/
lun, mer-ven e dom, 9-23 sab; g 55, 56, 61, Star 1, j 7, ridotti €10/8, cumulativi con museo €14/11; h alle
13, 15, 16; c ) In uno degli edifici-simbolo più 12 e alle 16.30 sab, dom e festivi; orari a richiesta
bizzarri di Torino, è uno degli esperimenti più su prenotazione al % 011 813 85 64/65, 9-18 lun-
interessanti e riusciti in Italia di comunione ven). Vi sarà inoltre subito chiaro che non è
tra architettura storica e attività museale, davvero Mole Antonelliana se non si prende
cinema e arti, sito turistico e luogo profon- l’Ascensore Panoramico (www.gtt.to.it; interi/
62

/
Verso il Po
map:verso_il_po e 00 200 m
0,1 miglia
0 A 0000000000 B C D
0Via00 00 00 0
0 0 C0 0
ppe0
0
00 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0a0

ini
00 0 0l Ve0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Vi

/
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 aC

oss
0
0 Via0000
0 Pa0
rde00000000000 es
laz0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
00

Co
Largo

G. R
0
0 d0i Cit0
0 0 0
zo 0
0 00 00 00 00 00 000000 00 00 0
0 tigiani
ar
eB

rso
r Montebello
0 0 0
tà 0000000000000

Via
alb
00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Pa
10 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 d ei o 1
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 V0

llo
iale

o
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

rin
ebe
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Ta
0 0 0
00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 CENTRO
0
00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

ont
Via VANCHIGLIA
Torino e dintorni TO R I N O

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Sa
le L
0 0 00
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

M
Vi

//
uzi
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

n
o Piazza Vi aS

Via
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 ad

a
00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 an

Vi
Rossaro eg
0
0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 li A ta
Gi
a

Piazzetta
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

vio
0 0 0
Rom

38 þ
# rti uli
00 00 00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 30 a

tta
Accademia s
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 ti

ini

Ma
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4100 Militare
0

t’O
ý
#
Via

a
00 0 00 00 00 0 0 0 0 0 0 0
V ia 0 0 0

oss

ll
40

n
0 Via0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 14

uri

ta
Sa
þ
#
ina

co

as
/ //
o
Sub lleria

Ba
nze

G. R
0 þ 15
#
00
00 0 0 0 tt0isti00000000

zio
in
Virgia ú#
# þ Via G

Gu
Vas
alp

0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 æ3
#
V
e

00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 þ42 44 . Ferra #

a
P.za ú
Ga

Via
Sci

Vi

Vi
00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 24 û V #
0
00 0
020 00
Carignano
0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 þ ÿo
P i a ý
# ri 2
elle

00 00 00 00 00 00 00 00
00 00 0#

lo
00 0 0 0 35 Via æ
# 1
00 370 0 0 0 0

bel
00 0 0 0 0
00 00 00 00 00 00 00
00 00
d

00 0 0 0 0 0 0 0 0 0

a
mia

0 0 0 80 0 0 Giu

niv
ý
# 31

nte
00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0
00 0 0 00 0

ri

Co
00 0 0 0 0 0 0 0 0 00 00 æ seppï

/
Piazza

Bu
00 0 0160 ú0 0

ibe
ade

00 0 0 0 0 0 0 0 0
00 0
00
00 00

Mo
#

avio
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 e

rso
00 0 0 0 Carlo Alberto

a
00 00 00 ý
# #
0 0 0 0 0 0

Vi
00 0 0 0 0 0 0 00 0 0
Acc

0 0 0 0 0 0 4

’Ott
00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0

Via
0 33
0 0 0 0 0
00 0 0 0 0 0 0

ze
0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 ý Ver
#
00 00
Via

t
00 0 00 0 0 000000

tan
di

San
00 0 0 0 0 0 Vi 12
00 0 0 00 0 0Via000000
0 0 0 0 32
00 0Via0
0 0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0

Cor
00 0 0 0 a #
ino

Sa
0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0
Via
00 0 0 0 M ú
00 0 0 0 000 00 0
aria000000000 Pr0
inc000 7 æ
# Po
Bog

n
0Vi0
tto0 00 00 00 0 0
ipe00

Via
000
0
00 0000 00 000
0
000
0
00
0 0 0
0 0
0ria 0
00
00 00 00 00 0 0
0 0
0 0
0A0 0 þ 43
#
0000000 0 0
00 00 00 00
00 00

olo
00 0 0 Vi0a 0 0
Via

0 0 0 0 0 me
0 0 0 0 0 0
o

ar
00 0 0 0 0 0 0 deo
Vi
a
ert

00
000000 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0

iB
D

Ma
00 0 0 0 0 00þ0 0 0 0 0 0 0 e0
o

0 0 # û s
Alb

d
ssim

00300 00 0 00 0
0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 Am

lia
3
00 0 00 0390 0 0 0 0 0 0 0

u
00 0 0 0 0 0 29 Piazza bro
00 00 00 00 0 0 0 0 0 0 0 0

ia
/
iu

riz
arlo

00 0 0 0 is 23

l
0 00 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0

aG
Ma

hig
00 0 0 0 Carlo 0#
æ00 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0

io
0 00 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0

Vi
00 0 0 0 0 0 û
C

nc
0 0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 0
Emanuele 0 II 00 0 V
00 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0 0 0 ia000000
00 Via 00000 û 26
0 00 0 00 00 00
00 00 00
Via

Va
00 0 0 0 0 0 û 0 00 0 0 0 þ
# 0 0 0 0 00 00 0 0
0 0 0 000 Sa0 00 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
00 0 0 0 0 0 0 M 0 0 0 0

a
nta 10 ÿ 18 ú
#

Vi
00 0 0 0 0 0 0 22 0 0 0 0 0 0 450 0 0 0 00.0 0 0 0
San

0 0 ú
#0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0
00 0 0 0 0 0 0 Via
00
00 0 0 0 0 0 0
/ 0 0 0 0000 00 00 00 00 00 00
0 0P0 00 0
ine

va
ú
# 13 21
00 0 0 0 0 0 0 Gio Cro 0 0 0
20 0 0 0

Ba
00000000 V vanni 0 0 0 00 0 0 0 0 0 00 0 0
es 00
Ros

ce ú Via
#
0 0 0 00 0 0 0 0 0 00 0 0 c0 at 0
ba

Cos ia Gio ú
# 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
Via

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
Pom

litt o
le

ÿ ta i 19 M aria 000000 Piazza


0 0 0 0 00 0 0 0 0re
del

ý 34 0
0000 00 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
/
a
0 0 0 0Vittorio
0 0 0 00 0 0 0 0
a

Vi
Via 11 #
0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
an

6 0 0 0
Via

0 0
00 00 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
Cav 27 Veneto
Pl

our Piazzale û æ
# 00
0 0 0
0 0
0 ÿ0
0 0
00 0 0
0 0
0 0
00
0 0
0 0
0 0
0 0
0
a

0 0 0 0 0 0
90 0 0 0 00 0 0 0 0
cc

Valdo æ2
#
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
Ro

4 V û 4
0000 00 0 tto0 0 0 0 0 00 0
Vi 0 0 0
Via

Fusi i
0 0 0 0 0 0 0 0 00 0 0 0 0
Via Andrea Via
/ 0 0 0 0 0 0 25
ria 0000000 tt0
o 0 0
lla

Do 0 0 0 0 0
000 0 0 0 0 0 00 0 0 r 0 P0 o
0000 00 00 00 00 00 00 00
0000 00 Em0
i
de

o nt
a
o

ria 0 00 0 0
Gio
Vi
ssim

Via 0 e
0 00 00 00 00 00 00 00 00 00
0000 00 00
van
0 0 0
s
la

ni an
a

fou

Piazza Piazza
Pao

Vi

u
Ma

Piazza ele
a

na

Bodoni dei Cavour G


az
ndr

Maria Teresa iolitti


a

I
da

Bo

Di
r tin

û #
ala

V. R ú
Via
sco

Mil ola
lbe

28 17
lli C

le Via ndo
nce

ia A

te

cca

Po
Fra

Fra
em

Ro
San

Via Cav
cad

Via
San

G
ella

ius our
i

þ
#
er

epp
l’ Ac

eM Via
Via

li
li

5 36 5
Via

d
go

ca
airo

azz ei M
del

ini
un

ille L
on

BORGO PO
Via

oM

6
rso
Via

Co

rs
Co

A B C D

ridotti €7/5, cumulativi con museo €14/11) che progettato da Amedeo di Castellamonte e
raggiunge la terrazza, a 85 m d’altezza, da terminato da Benedetto Alfieri nel 1742, che
cui si gode una vista unica su Torino e le Alpi. fa parte della storica Zona di Comando (Pa-
lazzo Reale, l’attuale Prefettura, l’Archivio di
Cavallerizza Reale EDIFICIO DI RILIEVO Stato, l’ex Zecca), è tanto interessante quanto
(cartina p62; Via Verdi 9; g 18, 68, 55, 56, 61, Star è problematica quella attuale e incerta quella
1, j 13, 15) F Varcato uno dei due ingressi a venire: fino a qualche anno fa il complesso
sempre aperti su Via Verdi e Via Rossini, era abitato e ospitava due sale del Teatro Sta-
l’enorme corte acciottolata che si apre sui pa- bile, oltre a spettacoli del Festival delle Colli-
lazzi fatiscenti, sugli scaloni misteriosi, sulle ne e di danza. Poi, l’abbandono. I progetti di
finestre silenziose delle vecchie abitazioni e speculazione da parte delle istituzioni hanno
di un circolo oggi chiuso conduce alle porte portato allo sgombero, alla mobilitazione dei
delle antiche scuderie dei Savoia e, attraverso cittadini e all’occupazione. Molte le attività
un passaggio insospettabile, ai Giardini Rea­ culturali e le iniziative per animarlo e salvarlo
li. La storia passata di questo luogo unico, dall’abbandono, ma il futuro è appeso a un
63

Verso il Po
æ Da non perdere 21 Sciamadda............................................... B3
1
Mole Antonelliana
e Museo Nazionale del Cinema.........C2 û Locali
22 Amantes...................................................C3
æ Che cosa vedere 23 Caffè Elena...............................................C3

Torino e dintorni TO R I N O
2 Camera – Centro Italiano 24 Caffè Fiorio.............................................. B2
per la Fotografia..................................B4 25 La Drogheria............................................D4
3 Cavallerizza Reale................................... B2 26 Mad Dog................................................... B3
4 Museo della Radio e della Televisione....C2 27 Open Baladin Torino................................ A4
5 Museo di Arti Decorative – 28 Pepe.........................................................C4
Fondazione Accorsi-Ometto..............C3 29 Société Lutèce......................................... B3
6 Museo Regionale di Scienze Naturali....B4
7 Pinacoteca dell'Accademia Albertina ý Divertimenti
di Belle Arti.......................................... B3 30 Auditorium Rai 'Arturo Toscanini'...........C2
31 Blah Blah.................................................. B2
ÿ Pernottamento
32 Cinema Massimo....................................C2
8 A casa di Giò............................................ B2 33 Circolo dei Lettori.................................... B2
9 Foresteria degli Artisti.............................C4 34 Jazz Club Torino...................................... A4
10 NH Collection Piazza Carlina.................. B3 35 Teatro Gobetti.......................................... B2
11 Victoria..................................................... A4
þ Shopping
ú Pasti
36 Bagni Paloma.......................................... B5
12 Alberto Marchetti....................................C3 37 Comunardi............................................... B2
13 Carlina Restaurant & Bar........................ B3 38 F.R.A.V....................................................... A2
14 Gaudenzio................................................C2 39 Kristina Ti................................................. A3
15 La Buta Stupa..........................................C2 40 La Belle Histoire......................................C2
16 Le Vitel Etonné......................................... B2 41 La Bussola............................................... B2
17 Magazzino 52.......................................... C5 42 Les Yper Sound........................................C2
18 Pasticceria Ghigo....................................C3 43 Little Nemo..............................................C3
19 Poormanger.............................................C4 44 Melissa.....................................................C2
20 Porto di Savona.......................................C3 45 Poncif.......................................................D3

filo. Voi fateci un giro: è un Sito Patrimonio 1837 per scopi didattici, si è progressivamente
dell’Umanità a due passi da Piazza Castello. arricchita fino a diventare un museo aperto al
pubblico nel 1996, con un allestimento molto
Museo della Radio godibile e in un connubio insolito tra scuola
e della Televisione MUSEO
e sala espositiva. I 212 dipinti (dal 1400 al
(cartina p62; % 011 810 43 60; www.museora 1700) donati nel 1828 da monsignor Mossi
diotv.rai.it; Via Verdi 16; h 9.30-19 lun-ven, ultimo di Morano occupano le prime cinque sale,
ingresso alle 18; g 55, 56, 61, Star 1, j 13, 15; c ) tutte rosse, seguiti dalle copie dei capolavori
F Circa 1200 cimeli, per capire come si è di grandi maestri (Raffaello, Caravaggio,
passati dai telegrafi ottocenteschi al telefono, Rubens), raccolte per lo studio degli allievi
da Marconi alle radio degli anni ’60, dalle nella Sala delle Copie. Da qui si passa alle
telecamere portatili degli anni ’70 agli ultimi sale azzurre, che, oltre alle opere degli allievi
prodigi tecnologici. Il museo aziendale del e maestri dell’Accademia di primo Ottocento,
Centro di Produzione della Rai piemontese espongono i cartoni di Gaudenzio Ferrari e
attinge agli Archivi Rai e accompagna in un della sua scuola. Si conclude con due sale de-
bel viaggio nella storia della comunicazione dicate a opere che vanno da metà Ottocento
del Novecento, con tanto di colonna sonora. a inizio Novecento. Controllate il sito web: a
Pinacoteca dell’Accademia Albertina volte ci sono mostre in collaborazione con la
di Belle Arti PINACOTECA vicina Fondazione Accorsi-Ometto.
(cartina p62; % 011 089 73 70; www.accade­mi
albertina.torino.it; Via Accademia Albertina 8; interi/
ridotti €5/3; h 10-18, ultimo ingresso alle 17.30,
chiuso mer; g 18, 61, 68, Star 1 e 2) Creata nel
64
Museo di Arti Decorative – erano ancora in corso i lavori di riqualifica-
Fondazione Accorsi-Ometto MUSEO zione e messa in sicurezza dell’edificio dopo
(cartina p62; % 011 837 68 83; www.fondazione il grave incendio dell’agosto 2013.
accorsi-ometto.it; Via Po 55; interi/ridotti €10/8;
h 10-13 e 14-18 mar-ven, fino alle 19 sab e dom;
g 30, 53, 55, 56, 61, 70, Star 2, j 7, 13, 15, 16) Che
1 Verso Piazza Statuto
passione, quella di Pietro Accorsi, il ‘principe La zona più antica di Torino sfoggia ancora le
mura e il reticolo di vie del castrum romano
Torino e dintorni TO R I N O

degli antiquari’! E che lavoro, quello di Giulio


Ometto, quando nel 1999 ha materializzato il e gli ampliamenti del Sei e Settecento, fatti di
sogno del primo: 27 sale, oltre 3000 opere tra splendidi palazzi, piazzette che si schiudono
mobili, cristalli, arazzi, porcellane e argenti, all’improvviso, piccole chiese nascoste. Al
distribuiti lungo il percorso museale nella tempo stesso, è una delle aree che per prima
cucina, nella sala da pranzo, nei vari salotti si è aperta al mondo d’oggi, promuovendo
e camere da letto. Da non perdere, il ‘mobile la convivenza tra culture e strati sociali, di
più bello del mondo’ di Pietro Piffetti e la giorno e di notte.
scultura lignea fiamminga della Madonna
oPorta Palazzo e il Balôn MERCATO
delle Nevi. Si trova nel secentesco Palazzo
(cartina p66; g 11, 27, 51, 57, j 3, 4, 6, 16) Una
Accorsi, in origine sede piemontese degli
delle esperienze che più condensa tutti gli
Antoniani. Ammirate la bella corte dai muri
aspetti autentici di Torino è la spesa mattuti-
gialli e la Mole sullo sfondo.
na al mercato di Porta Palazzo (che pare sia il
mercato all’aperto più grande d’Europa), tra
Camera – Centro Italiano
banchi fitti fitti, contadini che arrivano dalla
per la Fotografia MUSEO
campagna piemontese e immigrati che porta-
(cartina p62; % 011 088 11 50; www.camera.to;
no colori e sapori lontani. Se poi si prosegue
Via delle Rosine 18; interi/ridotti €10/6; h 11-19 mer
curiosando tra le bancarelle dell’usato e nelle
e ven-lun, 11-21 gio; g 18, 55, 56, 61, 68 Star 1, j 13,
botteghe dei commercianti d’antiquariato
15) Un luogo in cui la fotografia italiana e
del Balôn e del Gran Balôn, il viaggio nella
internazionale trovano pieno riconoscimento
città di ieri e di oggi, concentrata e pulsante
e che fornisce la possibilità mai scontata
tra antichi palazzi e abitazioni popolari, sarà
di accedere a quest’arte in ogni sua forma.
ancora più intenso e memorabile.
Mostre eccellenti, archivi, incontri, concorsi,
attività per le scuole e un bookshop piccolo ¨¨Porta Palazzo
ma ben fornito, il Leica Store (% 011 812 76 71; Dal lunedì al sabato, all’alba, arrivano i
www.leicastore-torino.com; h 11-19 mar-sab, 14-19 furgoni e in pochi minuti i quattro spicchi
lun). Tutto questo dal 2015, in uno splendido dell’enorme Piazza della Repubblica, pro-
spazio di 2000 mq nel complesso di proprietà gettata da Juvarra, si riempiono di banchi
dell’Opera Munifica Istruzione, sede della colorati pronti per l’assalto dei clienti. Dopo
prima scuola pubblica del Regno d’Italia. la chiusura, una distesa impressionante di
cassette e di rifiuti invade lo spazio, ma, pas-
Museo Regionale sati i netturbini, tutto scompare per lasciare
di Scienze Naturali MUSEO posto alla movida serale e infine al silenzio
(cartina p62; % 011 432 15 17; www.mrsntorino della notte. Il mattino dopo si ricomincia.
.it; Via Giolitti 36; h chiuso all’epoca della stesura Dal 1825, il ciclo profondamente urbano e
della guida; g 18, 61, 68, Star 1 e 2, j 8; c ) Si molto suggestivo della vita quotidiana di
auspica che possa tornare presto visitabile questo grande mercato all’aperto si ripete
l’importante collezione di questo museo, nato ininterrotto, punto di riferimento impre-
nel 1978 in collaborazione con l’Università scindibile della vita cittadina. A prima vista
di Torino nell’edificio, progettato da Ame- sembra inevitabile perdersi, ma in realtà
deo di Castellamonte (1680), che un tempo le coordinate sono fisse e facili da impara-
ospitava l’Ospedale di San Giovanni Battista. re: nella metà della piazza verso il sud di
Nelle sale del museo, che consta di cinque Corso Regina Margherita ci sono i fiori, la
sezioni dedicate a botanica, entomologia, frutta e la verdura, i venditori di pesce e di
mineralogia-petrografia-geologia, paleon- formaggi; a nord, la Tettoia dell’Orologio,
tologia e zoologia, sono ospitati scheletri e un padiglione liberty del 1916, ospita, oltre a
animali impagliati o mummificati, percorsi formaggiai e macellai, anche i celebri banchi
interattivi che spiegano Mendel, Darwin e il dei contadini, che arrivano dalla campagna
DNA, una biblioteca specialistica e un centro con i loro prodotti di stagione; di fronte, il
didattico. Al momento delle nostre ricerche Centro Palatino (h 9.30-19.30) è il padiglione
65
dell’abbigliamento progettato da Fuksas e una linea immaginaria le quattro porte che
inaugurato nel 2011. Anche se non dovete permettevano l’accesso attraverso le mura:
fare acquisti, entrate a dare un’occhiata alle la Porta Praetoria, che si trovava dove ora
antiche ghiacciaie. sorge Palazzo Madama e che è stata da esso
inglobata; la Porta Principalis Dextera
¨¨Balôn e Gran Balôn
(anche Palatina o Doranea, v. lettura p65),
Dietro Porta Palazzo, proseguendo in Via l’unica ancora visibile; la Porta Principalis
Borgo Dora verso il fiume, ogni sabato si

Torino e dintorni TO R I N O
Sinistra, che sorgeva all’angolo tra le attuali
entra nel regno dell’antiquariato e del bro- Via Santa Teresa e Via San Francesco d’Assi-
cantage del Balôn, che la seconda domenica si; e la Porta Decumana, all’angolo tra Via
del mese si estende e diventa Gran Balôn. Garibaldi e Via della Consolata. Il decumanus
Qui c’è di tutto: rarità, curiosità, pezzi di maximus, la via principale, corrispondeva
valore, opere d’arte, chincaglierie e merce di all’attuale Via Garibaldi e, all’altezza di Via
dubbia provenienza (p113), quindi prepa- San Tommaso/Via Porta Palatina, incrociava
ratevi a un’esperienza unica e non mancate l’altra arteria, il cardus maximus. Tenete
di cogliere la suggestione di Via Borgo Dora, presente, però, che, quando un torinese vi
piena di ristorantini vecchi e nuovi. Per una parla del Quadrilatero, si riferisce a un’area
pausa andate alla Gelateria Popolare (% 348 più ampia del castrum originale: i confini si
670 87 13; Via Borgo Dora 3; h 12.30-24 in estate, estendono fino a Corso Regina Margherita a
13-20 in inverno), al Tartiflà Bistrot (% 331 nord e Corso Palestro a ovest.
735 83 23; Via Borgo Dora 6; h 12-15.30 lun-mar, Densamente popolata nei secoli e ab-
anche 18-23 mer-sab, 11-19 seconda dom del mese) bellita da splendidi palazzi soprattutto nel
o alla storica Trattoria Valenza (% 011 521 Seicento e Settecento, la zona ha poi subito
39 14; Via Borgo Dora 39; h 12-14.30 e 20-22.30 un processo di graduale decadenza che l’ha
mar-sab). Se raggiungete Piazza Borgo Dora, resa per un periodo quasi off-limits, con
fate felici i vostri bambini con un giro sulla abitazioni fatiscenti mal frequentate o del
mongolfiera TurinEye (% 011 436 70 33; www. tutto abbandonate. Questo fino agli anni
turineye.com; interi/ridotti €13,50/6,50 lun-ven, ’90 del Novecento, quando la speculazione
€15,50/8 sab e dom; h orario variabile, chiuso mar); edilizia da un lato e la generale ondata di
entrate poi nel Cortile del Maglio, la grande rinnovamento dall’altro hanno cambiato
piazza coperta ancora dominata dal maglio l’immagine del quartiere, che agli inizi del
delle fucine dell’ex Arsenale Militare; e date nuovo millennio è diventato il centro della
uno sguardo al Cortile dei Ciliegi, per poi movida, ‘il’ luogo dove andare a vivere o
proseguire verso il fiume cercando la torre aprire un’attività (con tutti i problemi e gli
con l’orologio dell’ex Caserma Cavalli, edificio eccessi del caso); destino poi toccato a San
oggi splendidamente ristrutturato. Più avan-
ti, prima del ponte sulla Dora, ecco la parte
dell’ex Arsenale riattata da Ernesto Olivero
LA PORTA PALATINA
per ospitare il Sermig (Servizio Missionario
Giovani). A nulla sono valsi i secoli, le intempe-
rie, l’incuria, l’aggiunta ingiustificabile
oQuadrilatero Romano QUARTIERE STORICO di edifici disarmonici o brutti nelle
(cartina p66; g 11, 27, 46, 49, 51, 52, 57, 72, Star 2, vicinanze: la Porta Palatina (cartina
j 3, 4, 6, 10, 16) Confidenzialmente noto come p66; Piazza Cesare Augusto; g 11, 27,
‘il Quadrilatero’, questo reticolo di viuzze 51, 57, j 4, 6, 7), una delle quattro
ortogonali, oggi denso di case, negozietti, porte originali del castrum romano del
atelier, locali e ristoranti, è la traccia ben I secolo a.C., è ancora lì, perfettamente
visibile e ordinata dell’accampamento mili- conservata e più imponente che mai.
tare romano del I secolo a.C., la colonia su E oggi si è conquistata il suo spazio
cui fu fondata Julia Augusta Taurinorum. La scenografico grazie al progetto di
struttura regolare ha influenzato il successivo riqualificazione dell’area firmato Aima-
sviluppo urbanistico della città, cosicché, ro Isola, che include il Parco Archeo-
quando un torinese cambia città e incontra logico (h 9-23 mag-set, 9-20 ott-apr),
curve, salite e discese, è molto probabile che con l’antica via romana fiancheggiata
perda la bussola! Immaginate di attraversare da alberi e colonne in mattoni rossi, le
le antiche porte del castrum (ne è rimasta rovine del teatro romano e un piacevo-
una sola) e scoprite dove tutto è iniziato. Per le prato su cui rilassarsi.
individuarne il perimetro, basta collegare con
66
map:verso_piazza_statuto
Verso Piazza Statuto

6
e 00
A B C D
Via io
gen Via

Vi
Co
e ESua Car

aS
Via Via rso
ip lo

ta
rinc

an
L . Ci nta Ign Re

s o

Bot
so P S azi gi

Do
bra
Cor na
rio Largo û o G

na
an iu Ma

to
Chi

a s
1 lio

to
35
t

ara r

aria

rios
Via Beaumon

Cibrario

oni

Via

o
o p

A
Dom

ecc

Alli

occ
Via

Via

ane
Torino e dintorni TO R I N O

e
eni

gon
Pin Via
oB
co

d
t t

Orf
Val
Via

C.s
San

ta

le
S o

ieri
ta C 1

No
Corso Francia Pia

del
Via
hia
zza

art
del ra æ
#

ata
e

Sta û#
æ 32
don

Via

Via
Qu

Via
ny
tuto 16 #
æ æ
#

sol
3 ú
#
ino
ÿ
#

Blig
Via
33
Od

Con
ve
34 B
tarosa

rt 19 San

so

dei

Pia
Ma
Via Piazzetta û #
þ

Cor
Car

Via
Som Via Via min Visitazione Via
Via P. San
ipe

e
San

Giu Dom S

o
Via

Via
is

ostin
la
2 Bou sep e
nc

9 nico

del
c her pe 18 #
ÿ
Pri

ni

t’Ag
Gar
so

on æ
#

ane
nzo
ti

iba æ
#
a
vet

San
Cor

ro
ldi
cqu

Via 14

Orf
Ma

est
Dro

Via
Cit 10 #
æ æ
#
sala

Via
# XVIII Via

Pal
so

tad

a
le
¡ Via 38 Be ÿ
#
Via

lezi
Via
ell

del
Cor

Dicembre
Pas

ý rtrandi a Cor

e
#

ron

Bel
te

6
Via

Via
Piazza

ia
P.za 2# æd’Ap

Per
Juv
Via

tti

ord
XVIII arr p

Mis della
Arbarello

aro
a

ro

eric
ú
# Dicembre

Via
Fab
Ass
ra

Via
24 Via 11
Via

Via
ter

Ber æ
# Via
tola 1
Porta
so
hil

Cer þ 40
#

i
Cor

Susa
Via
Via n

ri
3 aia
ng

car

ato
i

Via

Via
rdin

FS

o
Ruf 28 #
ú Via

azz
I

Sic
f

mp
ini
rso

San
ia

Sta
icc

ta

Dal
æ
#
bro
o
Co

Via
Gu
zan

ero
8 Via Ma Bar
a

ria

i
li
# Porta

s
V. F

Gra b

deg

Bot
San
Bol

so

ssi
¡ ndi 31
Susa
Via

21 #
Cor
ÿ #

d’A
s ú

i
ant
Via
II

Via
26 þ
#

erc
o

Via ú Bert 42
ede

Via Via Via #

ei M
G rat ola

Rod
Via

Am

ton Seb Via

Via

d
Do

i
dro
so

Via i a Pro

Via
Via stia Cer

sco
m
ini
Cor

n Pietro
ga
rio

o is n
is

Mo Via aia 36 û Via


nt

Goz

nce
Avo

Via
io

rrar

nte
o

4 zi Val
rca
Vitt
i

Via cuc
l
cch

frè
zag

Fra
Via col ý
#
Me
o Fe

i Via Gia Via


io
ro

nno
Via

Giu 39
Vin

Via

M
Sav
Pet

euc
cino

sti Via ne
alile

De ci
ti

San
o
Via

Cor
a

a
ede

ta
Don

Pap

so
so G

15
Via

Ott Son Via


Am

Ter
San

avi naz Ber æ


# e
o
Cor

za

tolo
ien

tti
Via

Mic no

/
le
f
Sag Via

Con

Rev Via
a
ca

ena
Gia
i

el
l

Piazza 0
Via

com Vitt
so

0
Ars
o orio 0
a

Solferino
Cor

Via

0
llal
De a

Via Via Alfi 0


Vi

0
ti

Via L asc eri


a

Via 0
Don

5 Vinzaglio Bro aris 0


Via

San Vi0
Via

ffer
0
ari

¡ io aG
Via

# Ma
del 0
stin

l’Ar
Qu tteo Via Via civ Via 00
Via
Via

esc
S. F 0
Co
Pre

in tino tti Pon Ros nte ova


ro0
za so d o 0
0
la
0
0
A B Via C D 0
0
San 0
oI

0
o

Qu Cor
i

ert
ras

in
santuario fu innestatasofra
tino
la

Salvario e, in tempi recenti, a Vanchiglia. G. Mil 1678 e il 1704 da


che

ndo

Via
t

ni
Fan

Um

le

Vn att
li

Oggi ile
Bri

ena

eot rettangolare
Bel

ceacque si sono calmate e l’equilibrio tra Guarino Guarini su una cappella


me

nzo ti
Via

Re

bre

Vel
Ars
Via

vivacità e vivibilità
a è decisamente migliorato. romanica. Il Santuario della Consolata porta
Via
so

em
Cor

la firma di grandi nomi dell’architettura in


Via
ett
Via

XS

oSantuario e Piemonte: oltre al citato Guarini, il cui spirito


X
Via

Piazza della Consolata LUOGO DI CULTO/PIAZZA


Via

continua a vivere nella cupola e nella sceno-


(cartina p66; %011 483 61 11; www.laconsolata. grafica Cappella delle Grazie seminterrata,
org; h6.30-19.45; g52, Star 2, j3, 16) Torino, il anche Filippo Juvarra, che progettò l’altare,
Piemonte, la fede ufficiale e quella popolare, e Carlo Ceppi, a cui furono commissionate
l’architettura religiosa e quella civile, le alcune cappelle. A colpire in particolare è il
stratificazioni storiche e culturali: c’è tutto lato ‘popolare’ del culto della Consolata, la
in questa bella chiesa dalle linee inconsuete Vergine Consolatrice (Augustae Taurinorum
e ingombranti che sorge al posto dell’antica Consolatrix Patrona, recita la scritta latina
Chiesa di Sant’Andrea, di cui sopravvive solo sopra la facciata), ed è impressionante e
la torre campanaria. La pianta a sei lati del commovente la raccolta degli ex-voto cu-
67

6 Co
e 0
0
E
Via Lanino
F
ÿ V. C
#
.N
400 m
0,2 miglia Verso Piazza Statuto
æ Da non perdere

Via
rso 23 oé 1 Porta Palazzo e il Balôn......................... F1

Co
Re

tto
gi na Piazza
2 Quadrilatero Romano...........................E3

le
Ma
to

ng
rgh Don Albera 1 3 Santuario e Piazza della Consolata.... D2
rios

o
eri
ta 29
A
Via

ane

Torino e dintorni TO R I N O
ú
# æ Che cosa vedere
æ1
#
Orf

4 Casa del Pingone...................................F2


le

12
del

#
æ Piazza della 5 Galleria Umberto I.................................F2
ata

ûæ
# 32 Repubblica
Via
Via

ú û 37 GVia Tre 6 MAO – Museo d’Arte Orientale.............E2


sol

3 #
33 alli
Con

34 Bonelli ne 7 Museo della Sindone............................ D2

ina
Piazzetta û þ
# 44 þ 41
# 8 Museo Pietro Micca............................. A3

at

bre
Visitazione Via

6
Pal
Dom San 27 #
ú
o

9 Palazzo Falletti di Barolo...................... D2

m
ostin

e ta C 5#
æ 2
9 nico

ette
di

hia
ra 10 Palazzo Saluzzo Paesana.................... D2
t’Ag

Egi

æ 17
#
ane

XS
æ
# 6
San

11 Palazzo Scaglia di Verrua..................... D3


Via

ta

X
Orf

ano

æ
#
Por

Via
Via

Via 4#
æ 12 Piazza Emanuele Filiberto....................E2
e
Mil

ÿ 22
a
le

#
d
lezi
del

Ver

Cor 13 Piazza Palazzo di Città..........................E3


20 ÿ
Bel

te
Via

te

14 Piazza Savoia........................................ D2
Via

2# æd’Ap
Con
Via

pel Largo
P.za S.

/
lo IV Marzo 15 Piazza Solferino.................................... D4
Via

Giovanni
11 25 #
ú
Via 16 Polo del ’900......................................... C2
30
Via

æ
# 13 #æ ú
#
40 Via 17 Porta Palatina........................................F2
Via Ca0
0
ppe000 00 000000
00
00
00
00
30
ri

0 l Ve00
0 rde00 00000
00
ato

ú
# 0 0000 0
00 0 00
Via Giu

/
Pala 0 0 00000
000
00
0
mp

sep ÿ Pernottamento
pe zz0 0 0 0 0 00 0
00
00
0 00 0000
o d0i C0
Sta

0
00 00 ittà0
0 000000
0000
00 0
00
0 18 Ai Savoia............................................... D2
ero

Ma
ria Bar 0 0 0 0 0 00
i

0 0 0 000
bre

0 0 0 00
s

bar # 43 19 Magazzini San Domenico.................... D2


Bot

ouþ
ssi

31 a0 0 0 000000
iba0 0
G
x r0 0ldi0 0 00 00
00
000
m

21 #ÿ #
d’A

ú 0
00 0 00 00 0
00
i

20 NH Santo Stefano.................................F2
ette
ant

0 00 00 000 0
so

6 þ
# 00 0 00 00 00 00 0
erc

ma

0 0 0 0 0 0 00 00
XS

ú Bert 42 00 00 00 000 21 Terre d'Aventures Suites...................... D3


0 0 0 00
#
ei M

0 0 0 0 0
00 0 0
Tom

ola

//
0 0 0 00 00 00 00
000 0 22 San Domenico.......................................E2
Via

0 0 0 0 0 0
Via

i
Via Micca 0 00 00 00 00 00
00 0
Via

San

0
00 00 0
00 00 23 San Giors............................................... F1
sco

Pietro Mo 00 0 00 00 00 00
000 0
tt i

6 û Via nte
di P 0 0 0 0 0
nce

Via
Vio

0 0 0 0 0 0 0 00 0 0
Via

4
Rom

0 00 00 0 00 00
0000
Fra

iet0à 0
Via 0 V0 0 00
0 00 0 00
0 00 000 ú Pasti
0 0
ia 0Ba 00000000
Via

nze

/ //
B e 0 0 0
rto00000000 0 0 0 0ttis
0 ti 000000
0 0 0 0 0 24 Chen Lon..........................fuori cartina A3
San 0
Via

cie

0 a 00000 0 0 0 0 0 0 0
00
ta l
00 0000 00 0P.za
00 00 0000 0000 0 25 Cianci Piola Caffè..................................E3
le S

0 00 0 0 0
Carignano
Ter 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
rico
ede ia
San

26 È Cucina................................................ D4
del

esa 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
S. F aller

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
mia

000 00 27 Hafastorie..............................................E2
0 00 00 00 0 0 0
00 0
G

0 0 0
00 00 00 00

/
0
00
le

0 0 0 0 0
ade

Via Piazza
00 00 00 00
ena

0 0 0 0 0 0 0 0 0
0000 00 00 00 000
0Carlo 000 0
0Alberto 00 28 La Deutsche Vita.................................. D3
Acc

Vitt
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0
0 0
0 0 0
0 0
0 0 0 0 00
Ars

orio 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0
0 0
0 0 0 0 0 0 0 00 29 Pescheria Gallina................................... F1
a

00 00 00 0 0 0 0 0 0 V0
0 0
0 0
0 0
0 0 0
0 0 0 0 00
llal

i
Via

0 aM0 0 0 0 0 0 0 0 00
0 0 0
De a

Alfi 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Vi

asc eri 0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0 0
0 0
0
0 0
0
0
0 0
0
0
0
a r0
ia V0
0
0
0 0
0 0
00 0
0
0 0
0 0
0 0
0 0
00
0 30 Ranzini...................................................E3
aris 0
00 0 0
0 0 0 0 0 0
0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 itt0
0
0 0
0 0 0 0 00
5
o

o
Vi0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0 ria0
0 0 0 0 00 31 Ristorante Consorzio........................... D3
ert

a G0000000
0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0 0
0 0
0
0 0 0 0 00
Via

0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
e

Alb

0 iov000000
0 0 0 0 0 0 0 0 0
ang

Via 000 0ann00000


0 0 0 0 0
0 0
0 0
0
0
0 0
0
0
0 0
0
0
0 0
0
0
0 0
0
0
0 0
0 0
0
0
0 0
0 0
0 0
0 0
00
0 Ristorante del Polo del ‘900..............v. 16
0 0
arlo

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
agr

cov S. F 0 0 0 0
i
0
G0
i
0 0
li0 0
0 0
0
0 0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0 0
0
0 0 0 0 00 32 Tre Galli..................................................E2
ro0 0 0 o
ado 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
C

0 0 0 0 0 t
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
L

t i
0
la 0 P.za
0 0 0 0 0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0 0 0
0 0 0 0 00
Via

0 0 0
Via

0 0 0
CLN 0
0 0
0 0
0 0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 0
0
0 00
0 0
0
0 0 0 0 00
0
0 0
0 0
0 0 0 0V 0 0 0 0 0 0 0 0
0 00 0
0 0
000
000
0000
00
0 û Locali
0 0E000 T. R0 i0
a 0000000 F000
0 0 0
0000000 0 0 0o s 0 0 0 0 0
si 00000000000000
0 0 0 0 0 0 0 0 00 33 Al Bicerin............................................... D2
ma
la

stoditi nella chiesa. A destra dell’ingresso


Ro

34 Hafa Café...............................................E2
ndo

principale che immette alla guariniana Aula 35 La Cricca................................................C1


me
bre

di Sant’Andrea c’è anche la cappella dove 36 Norman................................................. D4


Via
em

riposa il beato Cafasso (1811-60), il santo 37 Pastis......................................................E2


Via
ett
XS

dedito alla formazione del clero torinese che


X
Via

ý Divertimenti
accompagnava i condannati a morte al vicino
Rondò della Forca. Questo è dunque uno dei 38 Folk Club............................................... C2
luoghi di culto più antichi e importanti della 39 Teatro Alfieri.......................................... D4
città, sintesi perfetta del sentire religioso della þ Shopping
regione. Per una visita guidata gratuita, potete
40 Born in Berlin........................................ D3
rivolgervi al santuario (%011 483 61). Dietro
41 Damarco................................................F2
l’edificio, all’incrocio tra Via della Consolata
42 Hole....................................................... D4
e Via Carlo Ignazio Giulio, ci sono i resti di 43 Les Coquettes........................................E3
una torre angolare romana. 44 Magnifica Preda – The Vintage Way....E2
68
Uscendo dalla chiesa, lo sguardo è rapito lano, dove si affaccia la Basilica Mauriziana
dalla torre campanaria dell’XI secolo, alta costruita fra il 1679 e il 1699.
40 m e unico resto di monumento romanico
a Torino, e dalla bellezza dei palazzi che cir- Piazza Palazzo di Città PIAZZA

condano la raffinata Piazza della Consolata, (cartina p66; g 11, 27, 51, 57, Star 2, j 4, 6) Ret-
piccolo paradiso pedonale con una colonna tangolare e simmetrica, scandita dal disegno
al centro, eretta nel 1835 per grazia ricevuta elegante dei portici progettati da Benedetto
Alfieri nel 1756, è sempre stata sede di po-
Torino e dintorni TO R I N O

dopo un’epidemia di colera. Nell’ Antica


Erboristeria della Consolata (% 011 436 87 tere e di commerci. In epoca romana c’era
89; Piazza della Consolata 5; h 15.30-19 lun, anche il Foro, poi, dal 1472, il Palazzo Civico, sede
9-13 mar-sab) si possono fare acquisti che non dell’amministrazione cittadina, che si affaccia
turbano il sapore del luogo. I dehors estivi imponente su Via Milano e ha un meraviglio-
attirano come le poltrone di un intimo sa- so Cortile d’Onore. Fino al Settecento era la
lottino, mentre in inverno, in alcune ore del Piazza delle Erbe e ospitava il mercato, e
giorno, il silenzio è rotto solo dal rumore ancora oggi una volta al mese accoglie le
dei passi di chi cammina infreddolito. Tanti bancarelle dei produttori agricoli (p110).
vengono fin qui per assaggiare l’imperdibile La sua sobrietà è interrotta solo dalla Statua
bicerin (p100). del Conte Verde, che immortala Amedeo VI
di Savoia nell’atto di uccidere un infedele
Casa del Pingone EDIFICIO STORICO
durante le Crociate, e dal Tappeto volante,
(cartina p66; Via della Basilica angolo Via Porta l’installazione luminosa di Daniel Buren
Palatina; g 11, 27, 51, 57, Star 2, j 4, 6) Si nota per che fa parte della serie delle Luci d’Artista
il bel colore rosso acceso della facciata, per (p86). Passando in un giorno di pioggia,
il loggiato di archi a tutto sesto all’ultimo si vede che il gioco delle lanterne riflesse
piano e per le finestre cinquecentesche di sul bagnato crea un’illusione ottica molto
cui c’è ancora traccia sul lato di Via Porta suggestiva. Per un salto nel presente (e nel
Palatina. Si nota anche perché è un’interes- futuro!) della città, visitate l’Urban Center
sante sovrapposizione di stili ed epoche, dal Metropolitano (% 011 553 79 50; Piazza Palazzo
Quattrocento al Settecento, ben riassunta di Città 8/f; h 11-18 mar-sab), con informazioni
dalla presenza dell’unica torre medievale e materiale interattivo molto interessante
conservatasi in città, anche se inglobata e sulle trasformazioni urbane degli ultimi anni.
mimetizzata. Infine, la Cà ’d Monsù Pingön, Palazzo Scaglia di Verrua EDIFICIO STORICO
ossia Emanuele Filiberto Pingone, storico (cartina p66; Via Stampatori 4; h 9-12 gio feb-giu
di corte del duca Emanuele Filiberto, si fa e set-nov; g Star 2) Se, dopo aver ammirato la
notare per il restauro del 2000. Gli interni, facciata splendidamente affrescata in tonali-
che conservano i soffitti lignei decorati e le tà calde, vi accorgete che il giorno e l’ora sono
pareti dipinte a grottesche, si affittano per giusti e il portone è aperto, entrate nel cortile
eventi e feste. a loggia quadrata di questo incantevole pa-
lazzo realizzato fra il 1585 e il 1604, all’epoca
Galleria Umberto I GALLERIA
una delle tante abitazioni del genere ma
(cartina p66; da Piazza della Repubblica a Via della l’unica giunta intatta fino a noi, e indugiate
Basilica; g 11, 27, 51, 57, j 4, 6) Meno elegante ad ammirarne gli affreschi delicati, le finte
e più popolare delle altre gallerie cittadine nicchie decorate, la semplicità e il silenzio.
(p59), ha il fascino irresistibile dei luoghi
di mezzo: collega infatti le stradine intorno MAO – Museo d’Arte Orientale MUSEO
a Largo IV Marzo e i loro splendidi edifici (cartina p66; % 011 443 69 32; www.maotorino
con la bocca vorace di Porta Palazzo e il via- .it; Via San Domenico 11; collezioni permanenti interi/
vai multietnico di Piazza della Repubblica, ridotti €10/8; h 10-18 mar-ven, 11-19 sab e dom, la
conservando le atmosfere di entrambe nei biglietteria chiude 1 h prima; g Star 2, j 4, 6, 7)
piacevoli bar, nei negozi un po’ trasandati Nella splendida cornice di Palazzo Mazzonis
e soprattutto nella struttura, che ancora si raccontano la storia e la cultura millenarie
corrisponde a quella dei corridoi dell’Antico dei popoli d’Oriente e si costruisce un ponte
Ospedale Mauriziano, situato qui fino al 1884, tra la città, che ha una forte tradizione di
prima della trasformazione della galleria in studi di orientalistica e una solida presenza
spazio commerciale a opera dell’ingegner di comunità di origine asiatica, e l’arte di
Rivetti. Date un’occhiata alla farmacia, attiva questa parte del mondo. L’allestimento, fir-
dal 1575, e fate un salto nell’insolita piazzetta mato nel 2008 da Andrea Bruno, l’architetto
romboidale progettata da Juvarra su Via Mi- del Museo d’Arte Contemporanea di Rivoli,
69
comprende oltre 2200 opere divise in cinque
aree tematiche (Asia meridionale, Cina, Giap- LARGO IV MARZO
pone, regione himalayana e paesi islamici),
che vanno dall’iconografia buddhista a quella Come altre piazze di Torino, rinfrescate
hindu, dai paraventi del periodo Edo agli dagli alberi e animate dai dehors di bar
antichi manoscritti del Corano. Ammirate e ristorantini, anche questa piacereb-
i giardini giapponesi al piano terra e non be molto ai surrealisti francesi, che vi
respirerebbero aria di casa, ammiran-

Torino e dintorni TO R I N O
perdete le mostre temporanee sui temi più
vari, dal rapporto dei Beatles con l’Oriente do la bellezza degli edifici, la struttura
alle spade dei samurai. intima e accogliente dello spazio e le
tracce del passato, tra archetti me-
Piazza Emanuele Filiberto PIAZZA dievali e facciate secentesche. Per poi
(cartina p66; g 11, 27, 51, 57, Star 2, j 4, 6) I rifocillarsi da Cianci (p94).
piacevoli locali con dehors sotto gli alberi, i
ristoranti, gli splendidi edifici, l’antico nucleo
sotterraneo delle ghiacciaie pubbliche: cuore Piazza Savoia PIAZZA
della movida di inizio millennio, oggi la (cartina p66; g 52, Star 2) Non cadete nel
piazza mantiene il suo fascino mondano, al tranello nascosto nel suo nome: questa bella
centro della storia e all’incrocio tra le strade piazzetta molto piemontese, che interrompe
più belle del quartiere. dolcemente Via della Consolata, si chiama
così in onore della regione oggi appartenente
Palazzo Falletti di Barolo EDIFICIO STORICO
alla Francia, non della casa regnante. Offre
(cartina p66; % 011 263 61 11; www.operabarolo quattro zone alberate, qualche dehors, il
.it; Via delle Orfane 7; interi/ridotti €5/3 con visita profilo magnifico di Palazzo Saluzzo Paesana
guidata; h 10-12.30 e 15-17.30 mar-ven, 15-17.30 sab, e dello juvarriano Palazzo Martini di Cigala,
15-18.30 dom, la biglietteria chiude 1 h prima; g 52, e, soprattutto, l’obelisco centrale, costruito
Star 2) Uno dei palazzi più belli di Torino nel 1853 per celebrare le Leggi Siccardi, che
è anche testimone silenzioso della storia abolivano il foro ecclesiastico.
architettonica della città a partire dal XVI
secolo e dell’intenso intreccio di felicità e Palazzo Saluzzo Paesana EDIFICIO STORICO
tragedia nelle vite dei suoi illustri abitanti. (cartina p66; www.palazzosaluzzopaesana.it;
All’architetto Baroncelli, allievo di Guarini, si Via della Consolata 1 bis; g 52, Star 2) L’ingresso
deve il primo rifacimento secentesco, mentre non è su una strada principale e la facciata è
il secondo è di Benedetto Alfieri, a metà Set- sobria (una legge di inizio Seicento vietava ai
tecento. La facciata su Via Corte d’Appello è nuovi edifici di averne una più appariscente
novecentesca, ma porta ancora la traccia in di quella di Palazzo Reale). Due colonne en-
mattoni grigi di quella che fu l’estensione del fatizzano comunque il portone e il balconcino
palazzo fino al 1706. A sinistra del portone si al primo piano in corrispondenza del salone
vedono alcuni putti sorridenti, a destra putti principale. Varcato l’ingresso, ammirate la
che piangono: furono aggiunti da Alfieri per grandiosità della corte, che è un po’ la somma
volere di Ottavio Falletti di Barolo, figlio dei cortili torinesi dell’epoca, con doppio
addolorato di Elena Matilde Provana, che loggiato, doppio portico e doppio scalone
nel 1701 si uccise gettandosi da una finestra d’onore. Dallo sfarzo degli interni si capisce
dopo la fine del matrimonio con l’amato che il desiderio di stupire di Baldassarre
marchese Falletti di Barolo. Nel Salone delle Saluzzo Paesana fu pienamente soddisfatto
Feste spesso si organizzano eventi: potrebbe dall’architetto Gian Giacomo Plantery, il cui
essere un’occasione per ammirarne lo sfarzo, progetto portò alla costruzione, tra il 1715 e
dopo aver dato un’occhiata all’incredibile il 1722, della residenza nobiliare più vasta e
atrio progettato per accogliere le carrozze e articolata della città. Oggi è sede di uno spa-
all’infilata di cortili scenografici. Nel palazzo zio per eventi e mostre d’arte contemporanea
ha sede anche il MUSLI (Museo della Scuola e ed è ancora abitato.
del Libro per l’Infanzia; % 011 19 78 49 44; Via Corte
d’Appello 20/c; solo visite guidate interi/ridotti Museo della Sindone MUSEO
€6/4; h 9.30-12.30 lun-ven, 15.30-18.30 dom, ultimo (cartina p66; % 011 436 58 32; www.sindone.it; Via
ingresso 45 min prima della chiusura), curioso San Domenico 28; interi/ridotti €6/5 con audioguida;
museo dedicato al mondo della scuola tra h 9-12 e 15-19, ultimo ingresso 1 h prima della chiu-
il XIX e il XX secolo, anch’esso parte della sura; g 52, Star 2) È un museo sulla Sindone,
fondazione Opera Barolo. dove però non troverete il Sacro Lino, che è
70
custodito nella Cappella della Sacra Sindone la città di Torino ha dedicato alla storia e
del Duomo (p58), bensì fotografie, video alla cultura del secolo scorso una piccola
e documenti sulla storia e i misteri legati al città nella città, che ha unito il patrimonio
celebre sudario. L’edificio fu fondato nel 1937 di 19 enti culturali in 8000 mq di spazi rin-
dalla Confraternita del Santissimo Sudario, novati e accessibili a tutti. Palazzo San Celso
per diffonderne il culto. ospita il preesistente Museo Diffuso della
Resistenza (% 011 01 12 07 80; www.museodif
Piazza Solferino PIAZZA
Torino e dintorni TO R I N O

fusotorino.it; interi/ridotti €5/3; h 10-18 mar-dom,


(cartina p66; g 14, 29, 59, 67) Una piazza
14-22 gio), con installazioni al tempo stesso
grande, ariosa, elegante, con bellissime archi-
struggenti e ipertecnologiche e un rifugio
tetture ottocentesche, il vivace Teatro Alfieri e
antiaereo a 12 m di profondità al termine
un’ampia zona alberata scandita dalla statua
della visita. Altri spazi per i servizi del Polo
del patriota risorgimentale La Farina, da
sono Casa Gobetti in Via Fabro 6, la sede
quella di Ferdinando di Savoia a cavallo e
del Fondo Tullio de Mauro in Via Paolo
dalla Fontana Angelica; quest’ultima è una
Borsellino 17/c e l’Unione Culturale Franco
rappresentazione delle quattro stagioni le cui
Antonicelli in Via Cesare Battisti 4.
figure pare nascondano significati legati alla
simbologia esoterica.
1 San Salvario
Polo del ’900 POLO CULTURALE
(cartina p66; www.polodel900.it; Corso Valdocco A due passi dal centro dei musei e delle re-
angolo Via del Carmine; h Palazzo San Daniele 9-21 sidenze nobiliari, nutrito dal verde del Parco
lun-dom, fino alle 22 gio; g 52, Star 2) Un unicum del Valentino, è la quintessenza del quartiere
in Italia, nato nel 2016 negli isolati juvarriani storico, popolare, cool, multietnico, giovane e
degli ex Quartieri Militari formati dai palazzi nottambulo: qualità spesso imprescindibili in
San Celso e San Daniele. Un museo, mostre una zona dove la gentrificazione ha prodotto
permanenti e temporanee, una bellissima una metamorfosi profonda, pur mantenendo
biblioteca, uno spazio per eventi, un grande in vita i caratteristici punti di partenza. Esplo-
cortile, aule didattiche, sale per conferenze e ratelo con calma, sia di giorno sia di notte.
proiezioni e, soprattutto, un archivio stermi- oParco del Valentino PARCO
nato di monografie, audiovisivi e fotografie: (cartina p72; g 18, 42, 52, 67, j 9, 16; c ) I
550.000 mq di verde disegnati dal paesag-
gista Barillet-Deschamps fanno di questo
IL MUSEO PIETRO MICCA parco reale (divenuto pubblico tra il 1854 e
il 1864 e ampliato fino al Ponte Isabella nel
Non tutti sanno che Torino era dotata di 1871) il luogo ideale per una giornata di relax.
una Cittadella, una fortezza pentago- Il polmone verde della città, il suo parco più
nale voluta nel XVI secolo da Emanuele grande e frequentato, è un tesoro da vivere,
Filiberto di Savoia. E che dalla fortifica- partendo all’altezza del Ponte Umberto I e
zione si diramava una rete di gallerie passeggiando fino al ponte successivo, an-
(quelle dove perse la vita Pietro Micca, dando in bicicletta lungo il fiume, visitando
v. p53) oggi parzialmente visitabili. il Castello e il Borgo Medievale, sdraiandosi
A esse si accede dalle sale del Museo su un prato o meditando sotto gli alberi.
Pietro Micca (cartina p66; %011 54 Molte le cose da vedere: potrete raggiungere
63 17; Via Guicciardini 7/a; interi/ridotti la Fontana dei Dodici Mesi, realizzata in stile
€3/2; h10-18 mar-dom, ultimo ingresso liberty da Carlo Ceppi nel 1898, all’estremità
alle 17), che narra la vicenda dell’assedio meridionale; visitare una mostra alla Palaz-
di Torino da parte dei francesi nel 1706. zina della Società Promotrice delle Belle
Oltre alle gallerie, dell’antico sistema Arti o dare un’occhiata a Torino Esposizioni,
difensivo cittadino sono sopravvissuti lo spazio progettato da Ettore Sottsass nel
il Mastio, cioè l’edificio di ingresso alla 1938 e ampliato da Pier Luigi Nervi negli anni
Cittadella in Via Cernaia angolo Corso ’50; oppure fare un picnic sul prato e bere
Galileo Ferraris, e il Pastiss, una fortez- un drink in uno dei tanti locali, ammirando
za a 13 m di profondità sotto Via Papa- i graziosi ‘cottage’ sulle sponde del fiume, le
cino, all’angolo con Corso Matteotti. Il sedi delle società dei canottieri. Talvolta il
Mastio e il Pastiss sono visitabili solo parco ospita eventi, come la versione ‘diffusa’
nell’ambito di mostre temporanee. di Terra Madre – Salone del Gusto o il Salone
dell’Auto (p86).
71

IL BORGO DI SAN SALVARIO


Alla fine del Seicento, Torino è ancora racchiusa tra mura e San Salvario è una porzione
della pianura alluvionale del Po, il cui elemento più significativo è la Strada Reale di Nizza
(l’attuale Via Nizza). Nell’Ottocento si abbattono i bastioni e la compatta città dell’ancien
régime è definita dal perimetro dei viali alberati che attenuano la distinzione tra città e

Torino e dintorni TO R I N O
campagna. Nel 1846 viene avviato il piano regolatore, compilato in versione definitiva
nel 1852, e da quel momento l’edificazione della zona si fa molto densa: San Salvario si
riempie di case, chiese, esercizi commerciali, istituzioni scientifiche e culturali, benefiche
e di rappresentanza, e nascono la Stazione Torino Porta Nuova (1860), che favorisce lo
sviluppo della zona come quartiere della piccola e media borghesia, e nel 1885 i quattro
isolati della Città della Scienza Universitaria. A fine secolo, dunque, l’integrazione del
borgo con il resto della città può dirsi compiuta. All’inizio del XX secolo San Salvario è in
pieno sviluppo: la ricchissima borghesia industriale vive ormai nei palazzi che si affaccia-
no su Corso Massimo d’Azeglio, mentre l’interno del quartiere è caratterizzato da luoghi
di vita e cultura operaia. Caratteristica da sempre la convivenza dei templi valdese, catto-
lico e israelitico, a cui si sono aggiunti in anni recenti gli appartamenti adibiti a moschee.
San Salvario si conferma così come il quartiere multietnico per eccellenza della città.

¨¨Castello del Valentino drade per l’Esposizione Generale Italiana, sul


(Viale Mattioli 39) Patrimonio dell’Umanità modello dei castelli piemontesi e valdostani.
dell’UNESCO e sede della facoltà di Archi- Numerosi gli eventi, soprattutto d’estate nel
tettura del Politecnico di Torino, è stato la bel Giardino Medievale.
splendida villa fluviale cinquecentesca di
Emanuele Filiberto e poi una delle residenze Museo di Antropologia Criminale
di Cristina di Francia, la madama reale che ‘Cesare Lombroso’ MUSEO

nel Seicento ne commissionò l’ampliamen- (cartina p72; % 011 670 81 95; www.museounito
to di gusto francese (osservate i tetti con .it/lombroso; Via Giuria 15; interi/ridotti €5/3,
due piani mansardati) agli architetti Carlo cumulativi con Museo di Anatomia Umana e Museo
e Amedeo di Castellamonte. Fu stravolto, della Frutta €10/6, gratuito mer; h 10-18 lun-sab,
ulteriormente ampliato e definitivamente ultimo ingresso alle 17.30; g 18, 67, j 9) In un solo
inurbato nell’Ottocento. edificio, tre musei per un viaggio unico nella
¨¨Orto Botanico
scienza dell’Ottocento. Si comincia con quello
dedicato allo studioso Cesare Lombroso, un
(% 011 670 59 70/80; www.ortobotanico.unito.it;
vero figlio dell’epoca, che nel 1870, riponendo
Viale Mattioli 25; interi/ridotti €5/3; h 9-12 lun-ven,
nel metodo scientifico una fede cieca e osti-
15-19 sab, 10-13 e 15-19 dom metà apr-metà ott,
nata, sostenuta dalla pretesa di comprendere
visite guidate ogni ora sab e dom; c ) Nato nel
e controllare i misteri della mente umana,
1729 come Regio Orto Botanico, ha avuto sin
elaborò la teoria dell’atavismo, collegando
dall’inizio finalità didattiche. Ristrutturato e
la predisposizione a delinquere a caratteri
aperto al pubblico nel 1995, è un’istituzione
genetici ancestrali. Si è accolti da un video
universitaria del Dipartimento di Biologia
toccante sui pazienti dell’Ospedale Cottolen-
e si compone di un boschetto, un alpineto,
un giardino, una serra tropicale, una serra go di Torino e congedati dalla ricostruzione
di piante succulente e una di piante suda- dello studio privato dello scienziato, inizio
fricane. Offre un percorso tattile per ipo e e fine di un percorso a tratti agghiacciante,
non vedenti. fatto di foto, documenti, preparati anatomici,
strumenti e materiale ‘umano’.
¨¨Borgo e Rocca Medievale
(% 011 443 17 01/02; www.borgomedioevaletorino Museo della Frutta ‘Francesco
.it; Viale Virgilio 107; Rocca interi/ridotti €6/5, Borgo Garnier Valletti’ MUSEO
ingresso libero, Giardino €3; h Rocca mar-dom visite (cartina p72; % 011 670 81 95; www.museodella
guidate ogni ora 10-18 in inverno, 10-19 in estate; Bor- frutta.it; Via Giuria 15; interi/ridotti €5/3, cumulativi
go 9-19 in inverno, fino alle 20 in estate; Giardino metà con Museo di Anatomia Umana e Museo Lombroso
apr-metà ott; c ) Medievali ma non troppo: il €10/6, gratuito mer; h 10-18 lun-sab, ultimo
borgo e la rocca sono ricostruzioni (molto ingresso alle 17.30; g 18, 67, j 9) Quando la
fedeli!) realizzate nel 1884 da Alfredo d’An- passione diventa ossessione, ma si perdona
72
San Salvario
map:san_salvario e 00 200 m
0,1 miglia
A B C D
Porta Co Via Via
dei
Nuova
rso G ius Mil
na

epp le
eM
era

o
Vit

to
azz

ssim
to

Goi
ini
Cam

rio

o
uzz

Ma
1 S Via 1
San

za

Sal
ott

San
Por opass Via Pio Em
ta N agg Niz V a nu

Via
mo

ra
6

cca
uov io æ
# ele
Torino e dintorni TO R I N O

d
# .

sel
Via

lan
ÿ

Ro
Via Gal 5

t’An

i Ca
Via

ella
Via ý 23
# liar II
i

San

tell
Via

d
û

Via
San

Fra
stin
ú
# þ
#

Via
19
zo

31 Be Pio

Via
Cri
11
Saluz

rth Piazza V
olle

so
Via
re

33 t Madama

ma
Belfio

9#ú 17 þ
# Cristina B.

Tom
Via ú 15 û 20 Ga
2 Largo# 7 llia 2

66 66
Saluzzo Baretti û#
þ 28 ri

a
29 V
izza

dam
ÿ

ea
ý
# 18 ##
þ ia

Orm

lio
ú#

Ma
24 û 21 û
ipe

ú Ber
Via N

eg
ÿ 14 t

66
hol
nc

13
o
Via

let

’Az
nselm

8
Pri

# Marconi #
¡ þ 30 ú 12
# 16 #
ú Via
S

oD
Via ilvio
Pel
ant’A
Via

ilio
li g

m
Ces co Vir 25 #
Via

Cor are ý
Viale

ssi
so
Via S

Via

i
gn
Via

Bar

Ma
Lom ett

Ca
Via

bro i
Gug so

ale
rso
Via lielm

Vi
li
o 32 #
þ

ttio
zo

3 Co 3
so
Saluz

Ma
ma

G. Ma le
Via rco #
Tom

ú 10
Via
ni
ina

Camp
re

ana
Belfio

rist

a
gn
6 66 6 Gia
aC
ipe

rde
Via cos
a
m

Oddin
Princ

Sa
o Via Castello
ada

Morga

Po
ri del Valentino
Via

go
Cam
Via

Via

Lun
û 22 pan
Od a
Via

Via di no
Valpe
rga Mo
4 Calus rga 4
ea

o ri
6
Via

Orm

Via Via
Bidon Val
e p erg
aC
Via

26 Vi alu
so 1
le Crivelli

ý a
# æ
#
a

o
’Or
stin
re

Bid
ed
Cri

one
Belfio

li
Via

ag
ma

ria

San Vito
ed
Giu
da

eM

6 66

Via Cor
Ma

M so
l

ich
Via
tro

ela
Via

nge
Pie

ale
Via

5 lo B Raf 5
ed

uo nar fa ello pp
Via

Osp
i

roti Ce
ale
Strada

Vi
Via 4
G. D #
æ
o niz
ett #æ #
æ
i 2
Via 3
F. P
Via
ia

etr Borgo
a
r

rca
le
Giu

Medievale
i
M. B

27
ea

lio

oncalie
Orm

ý Palazzo
#
oiard
eg

Via
Viale

6 Torino- 6
tro

’Az

V. Via
F. P Esposizioni
o
Pie

Millo
Tur

Mo etr
oD

nti arc
Via

a
r

ebo
o
sim

Enric

Via
Via

Corso

Via F

Fos
as

col Via
o
Via
Cor
M

Po

V. Fontana dei
nco
so
rso

Dodici Mesi
are

Mo
Co

nti
ria

Sci
Via
V. P. Giu

op

Cors
o Pri Pont
is

Dant
7 e nc e 7
Isa ipess
Piazzale bel a
Parri
la

A B C D
73

San Salvario
æ Da non perdere 16 Teapot...................................................... B2
1
Parco del Valentino..................................C4
û Locali
æ Che cosa vedere 17 Affini......................................................... A2
2 Museo della Frutta ‘Francesco 18 Brasserie Bordeaux................................ B2

Torino