Sei sulla pagina 1di 1

r

Ciò significa che il numero delle vi- Abbiamo confrontato tutte le note
brazioni della corda che da il re e
I con il do e, per semplicità, abbiamo fis-
i
6 sato uguale a 1 il numero delle vibra-
del numero delle vibrailoni del do (ricor- zioni del do. Ma, per convenzione, tutte
datevi: se scorcio la corda, il numero le note si iiportano al la, al suono cioè
delle vibrazioni aumenta, e precisamen- che si ottiene pizzicando una corda di
te se la corda diventa la metà, il numero lunghezza tale da compiere 440 vibra-
delle vibrazioni raddoppia; se drventa zioni al secondo.
un terzo, il numero delle vibrazioni tripli- Allora, il numero delle vibrazioni
..8 delle altre note sara (tenete presente il
ca; se diventa gli il numero delle vi-
à, quadro delle note e del numero di vi-

braztonr
.9.
drvenlarr).
brazioni che abbiamo scritto prima):

.3
OO=: '440 = 264
5
Per ottenere il m| paftendo sempre
dalla corda «1» corrispondente al do, bi- o o
fe=
.
sogna prenderne
,4
i (fiO. 6).
iao = ;264 = 297
u
Il mlcorrisponde dunque a un numero 5
mi = Tdo =
]za+ = 330
di vibrazioni uguali ai
f; Oette vibrazioni l l
del do. la=1do= à264 =
352

do t----*---_l---- -
sol = |ao = |za+ = 3e6
mi r----t----t-+----t
fuino 6
la = 440
Ecco le sette note con indicato, in
corrispondenza, il numero delle vibra- si =f,ao=f,zo+=495
zioni:

Molti secoli sono passati dal


do re mi fa sol la si
tempo di Pitagora che è stato il
primo a capire la relazione mu-
,9543515
'843238 sica-numero. Variazioni e perfe-
zionamenti sono stati apporlati
alla scala naturale, ma lo stretto
Le frazionivanno via via aumentan- rapporto fra musica e numero
do (mentre le lunghezze delle corde di- rimane sempre. Quando
suonate la chitarra, assie-
minuisconoediventanoS
?f I me al suono, voi, senza
e questo vuol dire che i suoni diventa- accorgervene, fate del-
no via via più alti. la matematica!

::':-.;:,.: .:' UnO mOdefnO


cro sps
mento o
chitorro dollo formo por-
licolore.
r Mus|