Sei sulla pagina 1di 1

Relazione sulla ginnastica artistica

La ginnastica artistica è uno sport completo, poiché vede, nell'utilizzo dei vari attrezzi, il
coinvolgimento di tutti i gruppi muscolari.
La ginnastica artistica è una disciplina individuale olimpica, sia maschile che femminile.
Brevi cenni storici.
Le sue origini sono molto antiche e si possono individuare in diverse culture,quali quella
cinese,egizia e micenea.
Tra i Greci vi era però una concezione differente di ginnastica artistica, ovvero erano quegli esercizi
fisici che corrispondono all'attuale atletica leggera, alla lotta, al pugilato.
I romani invece non apprezzavano la ginnastica perché la ritenevano propria degli schiavi o degli
stranieri e perché erano contrari a mostrarsi nudi in pubblico.
Nel XIX secolo in Germania,ad opera di Jahn e di Spiess nacque la moderna ginnastica artistica
(sistema Jahn/Spiess).Attualmente in Italia sono due gli atleti più rappresentativi di questa
disciplina sportiva: Vanessa Ferrari (prima azzurra a vincere una medaglia d'oro ai Campionati
Mondiali) e Igor Cassina(medaglia d'oro alla sbarra).

Gli attrezzi comuni alla ginnastica artistica sia maschile che femminile sono: volteggio e corpo
libero (o suolo).
Gli attrezzi tipici della ginnastica artistica femminile sono: trave e parallele asimmetriche.
Gli attrezzi tipici della ginnastica artistica maschile sono: cavallo con maniglie,anelli,sbarra e
parallele simmetriche (o pari).
I movimenti codificati si chiamano elementi e sono contenuti nel codice internazionale.
I punteggi vengono stabiliti dal Codice dei punteggi (CdP). Questo sistema è stato radicalmente
rivisto nel 2006: in base al nuovo codice, i punti vengono "divisi" in due parti, in modo da valutare i
diversi aspetti della prestazione.
• D-Score: è dato dalle difficoltà eseguite, dai collegamenti tra gli elementi, dall'esecuzione
delle esigenze specifiche che ogni attrezzo ha e che comprendono anche il valore dell'uscita.
Le difficoltà vengono classificate in lettere: A, B, C, D, E, F, G, H
• E-Score: se nell'esercizio ci sono almeno 7 elementi, parte da 10 punti; va a scalare a
seconda della qualità dell'esecuzione dell'esercizio.