Sei sulla pagina 1di 21

ESERCIZI PER STUDENTI ANALISI DEI MEDICINALI (II FA)

A.A. 2013-2014
DOTT.ssa ERIKA DEL GROSSO

Titolazioni acido-base e miscele


1. Si effettua una titolazione con HCl 0.1650N di aliquote da 28.00 ml di miscele che possono
contenere Na2CO3, NaOH, NaHCO3. La titolazione viene ripetuta sia in presenza di
fenolftaleina che di metilarancio. Si determini per ciascuna miscela la composizione e si
esprima in mg/ml la concentrazione di ciascun componente.

V fen (ml) V met (ml)


A 22.00 22.00
B 15.50 31.00
C 14.37 30.50
D 0 25.30
E 15.65 28.30

(PM NaOH 40; PM NaHCO3 84; PM Na2CO3 106 )

composizione
A NaOH 5.18 mg/ml
B Na2CO3 9.68 mg/ml
C Na2CO3+NaHCO3 8.98 mg/ml Na2CO3
0.8712 mg/ml NaHCO3
D NaHCO3 12.52 mg/ml
E NaOH+Na2CO3 0.707 mg/ml NaOH
7.90mg/ml Na2CO3

2. Si vuole verificare la purezza di una soluzione di acido acetico glaciale. Si procede come segue:
12.37 ml della soluzione in esame (103.64% p/v; d = 1.045) vengono trasferiti
quantitativamente in un matraccio da 500 ml (SOL. A); di tale soluzione se ne prelevano 50,00
ml e si diluiscono a 250 ml con acqua deionizzata (SOL. B). 25.00 ml della SOL. B vengono
titolati con 17.30 ml di una soluzione di NaOH 0.105 M. Determinare il titolo reale della
soluzione di acido acetico analizzata, scrivere tutte le reazioni coinvolte nel processo e dire
quale indicatore dovrà essere utilizzato e le sue colorazioni durante la titolazione. (PM
CH3COOH 60.05) (purezza 85,1%)

3. Vi viene fornita una beutina contenente NH3 (SOL A). Dovete trattare il campione come
segue:
a. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 50.00 ml portando a volume
con acqua (SOL B)
b. prelevarne 25.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 500,00 ml portando nuovamente
a volume con acqua (SOL C)
Su 15,00 ml esatti di SOL C viene effettuata una titolazione che richiede 8.93 ml di HCl 0.794
M (fc 1.044) per la completa neutralizzazione della NH3. Si chiede di calcolare i grammi di
ammoniaca presenti nella SOL A. Si chiede inoltre di calcolare con quale volume di SOL C
avrebbe reagito lo stesso volume di HCl. (PM NH3 17 PM HCl 36) (8.39 g NH3; 15,01
ml)
4. Vi viene fornito un campione di CH3COOH (SOL A); tale campione deve essere trasferito
quantitativamente in un matraccio da 250 ml e portato a volume con acqua distillata (SOL B ).
Si prelevino 15 ml esatti di soluzione e si titoli con NaOH 0,5 N. Per la completa
neutralizzazione si utilizzano 18,2 ml di base. Calcolare i grammi di CH3COOH contenuti nella
SOL. A. (PM CH3COOH=60,05 g/mol; 9,11 g)

5. Una soluzione di 1,45 g di acido citrico in 40,0 ml di H2O viene titolata con 37,9 ml di NaOH
0,5 N. Calcolare la purezza % del campione. (PM acido citrico = 210 g/mol; 91,5%)

6. Si vuole verificare la purezza di una soluzione di acido acetico glaciale (SOL M). Si procede
come segue:
-15,86 ml della soluzione in esame (102,54% p/v; d = 1.054) vengono trasferiti
quantitativamente in un matraccio da 500 ml (SOL. A)
-di tale soluzione se ne prelevano 50,00 ml e si diluiscono a 250 ml con acqua deionizzata
(SOL. B)
-25.00 ml della SOL. B vengono titolati con 23,76 ml di una soluzione di NaOH di cui 1 ml
equivale a 4,05 mg di HCl.
Determinare il titolo reale % p/v della soluzione di acido acetico analizzata (SOL. M),
scrivere tutte le reazioni coinvolte nel processo e dire quale indicatore dovrà essere utilizzato
(R3) e le sue colorazioni durante la titolazione (PM CH3COOH 60.05; PM HCl 37;
98,42%p/v; fenolftaleina: dall’incolore al rosa)

7. Usando come titolante HCl 0.1 N e aliquote da 100 ml di una soluzione di basi di composizione
incognita contenente NaOH, NaHCO3 e/o Na2CO3 si sono utilizzati 4.6 ml di acido nella
titolazione in presenza di fenoftaleina e 12.2 ml nella titolazione in presenza di metilarancio.
Esprimere la concentrazione come % p/v delle basi presenti nella miscela. (PM
Na2CO3=105.99; PM NaHCO3=84.06; PM NaOH=40.00; 4.88 10-2 Na2CO3, 2,52 10-2
NaHCO3)

8. Un campione di Na2CO3 (1.68 g) contenente come impurezze del NaHCO3 o del NaOH è stato
sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da 250 ml. Un’aliquota da 25.00 ml è stata
titolata con 13.8 ml di HCl 0.1 N in presenza di fenoftaleina come indicatore. Un’altra aliquota
da 25.00 ml è stata titolata con 30.2 ml del medesimo acido utilizzando come indicatore
metilarancio. Calcolare le percentuali di Na2CO3 e impurezze del campione. (PM
Na2CO3=105.99; PM NaHCO3=84.06; PM NaOH=40.00; 86.9% Na2CO3, 13.1% NaHCO3)

9. Una miscela (0.750 g) contenente Na2CO3, NaOH e del materiale inerte è stata sciolta in un
matraccio da 250 ml (soluzione A). Titolando 50.00 ml di soluzione A con HCl 0.100 N il
colore della fenoftaleina scompare quando sono stati aggiunti 21.00 ml di acido.
Successivamente si aggiunge nella stessa beuta, del metilarancio e si continua a titolare con lo
stesso acido; la soluzione assume colorazione rossa dopo aver impiegato altri 5.00 ml dello
stesso acido. Calcolare la composizione percentuale del campione e la normalità totale come
base della soluzione A. (PM Na2CO3=105.99; PM NaOH=40.00; 34.67% Na2CO3, 42.67%
NaOH, 0.052 N)

10. Una miscela grezza del peso di 2,3 grammi può contenere NaOH, NaHCO3, Na2CO3. Il
campione viene sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da 250 ml. 20 ml della
soluzione risultante sono stati titolati con HCl 0,1 N, indicatore fenolftaleina. Un’altra aliquota
di 20 ml, della stessa soluzione, sono stati titolati con lo stesso acido, indicatore metilarancio; i
volumi di acido consumati sono stati rispettivamente 25,0 ml e 37,0 ml. Determinare quali
sostanze e in quale quantità erano presenti nel campione. Si determini inoltre la percentuale di
impurezze. (PGF Na2CO3 = 106; PGF NaOH = 40,0; PGF NaHCO3 = 84; 1,59 g Na2CO3;
0,65 g NaOH; 2,61% materiale inerte)

11. Si vuole verificare la purezza di una soluzione di acido acetico glaciale. Si procede come segue:
26.00 ml della soluzione in esame (99.18% p/p; d = 0.972) vengono trasferiti quantitativamente
in un matraccio da 500 ml (SOL A); di tale soluzione se ne prelevano 25.00 ml e si diluiscono
a 250 ml con acqua deionizzata (SOL B). 25.00 ml della SOL B vengono titolati con 19.25 ml
di una soluzione di NaOH 0.107 N. Scrivere le reazioni coinvolte nel processo, esprimere la
concentrazione della soluzione in esame come %p/v, determinare il titolo reale come %p/v
della soluzione di acido acetico analizzata e dire quale indicatore dovrà essere utilizzato e quali
saranno le sue colorazioni durante la titolazione.(PM CH3COOH=60.05)[96.40%, 95.14%]

12. E' data una soluzione (A) di Na2C2O4: 31,70 ml di (A) sono stati prelevati e portati a volume in
un matraccio da 100 ml (soluzione B); 27,30 ml di (A) sono stati prelevati e portati a volume in
un matraccio da 250 ml (soluzione C). Sapendo che sono necessari 25,00 ml di KMnO4 0,18 N
per titolare 48,50 ml di (B), determinare quanti ml dello stesso KMnO4 (R1) servono per
titolare 28,00 ml di ( C). (il KMnO4 viene impiegato in ambiente acido) [R3 = 4,95 ml]

13. Una soluzione (A) di NaOH è stata preparata in un matraccio da 250 ml. 35,00 ml di (A) sono
stati titolati con 38,00 ml di HCl 0,1000 N (sia in presenza di fenolftaleina che di metilarancio).
La soluzione (A), con il tempo, si è carbonatata e in una successiva titolazione sono stati
impiegati 36,00 ml di HCl 0,1000 N per titolare 35,00 ml di (A) impiegando come indicatore la
fenolftaleina. Calcolare la N di (A) prima (R1) e dopo la carbonatazione (R2); si calcoli inoltre
la percentuale (R3) di moli carbonatate di (A). (R1 0.109. R2 0.103 fen 0.109 met R3
5.26 %)

14. Una miscela grezza, del peso di grammi 13,493, può contenere NaOH, NaHCO3, Na2CO3.
L'intero campione è stato sciolto in acqua e portato a volume, in un matraccio da 250 ml. 20 ml
della soluzione vengono titolati con HCl 0,1 N, indicatore fenolftaleina. Altri 20 ml della
soluzione vengono titolati con lo stesso acido, indicatore metilarancio; i volumi di acido
consumati sono rispettivamente 25,0 e 37,0 ml. Determinare il tipo di sostanze presenti nel
campione e le loro percentuali (R1, R2). (PGF Na2CO3 = 105,99 PM NaOH = 39,997; R1
11.80% Na2CO3 R2 4.82% NaOH)

15. Una soluzione di NaOH (A) è stata standardizzata utilizzando una soluzione di HCl (B) a titolo
noto (1 ml di (B) è equivalente a 10,8 mg di HgO). Per la titolazione di 30,0 ml di (A) sono
stati impiegati 32,6 ml della soluzione (B) sia in presenza di fenolftaleina che di metilarancio
come indicatori. Dopo un certo tempo, durante il quale per negligenza la soluzione (A) è stata a
contatto con l'aria, è stato effettuato un controllo del titolo di (A) utilizzando la stessa soluzione
di HCl (B). In questo caso 30,0 ml di (A) hanno richiesto 30,5 ml di (B) impiegando
fenolftaleina come indicatore. Si calcolino la normalità come base (R1, R2) della soluzione (A)
con i dati relativi alle due titolazioni. Si motivi in modo esauriente la differenza tra i due valori
riportando tutte le reazioni coinvolte nelle titolazioni sopraindicate. Se la seconda titolazione
fosse stata condotta in presenza di metilarancio come indicatore quale valore di normalità come
base (R3) si sarebbe ottenuta nella seconda titolazione? (PGF HgO : 216,59 Int. Vir. Fenolft. :
8,3-10 Int. Vir. Metilar.: 2,9-4,6 ; R1: 0.1083 N; R2: 0.1014; R3: 0.1083)

16. Un campione di Na2CO3 (1,68 g) contenente come impurezze del NaHCO3 o del NaOH è
stato sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da 250 ml. Un aliquota di 25 ml è
stata titolata con 13,8 ml di HCl 0,1 M in presenza di fenolftaleina come indicatore. Un' altra
aliquota di 25 ml è stata titolata con 30,2 ml di HCl 0,1 M utilizzando come indicatore
metilarancio. Calcolare la percentuale di Na2CO3 (R1) e dell'impurezza nel campione (R2).
(PM Na2CO3 = 105,99 PM NaHCO3 = 84,007 PM NaOH = 39,997; R1: 87.0;R2: 13.09)

17. Una miscela grezza, del peso di grammi 13,493, può contenere NaOH, NaHCO3, Na2CO3.
L'intero campione è stato sciolto in acqua e portato a volume, in un matraccio da 250 ml. 20 ml
della soluzione vengono titolati con HCl 0,1 N, indicatore fenolftaleina. Altri 20 ml della
soluzione vengono titolati con lo stesso acido, indicatore metilarancio; i volumi di acido
consumati sono rispettivamente 25,0 e 37,0 ml. Determinare il tipo di sostanze presenti nel
campione e le loro percentuali (R1, R2). (PGF Na2CO3 = 105,99 PM NaOH = 39,997 PM
NaHCO3 = 84,007; R1 11.80% Na2CO3 R2 4.82% NaOH)

18. Si ha una miscela che potrebbe contenere NaOH e/o Na2CO3 e/o NaHCO3 insieme a materiale
inerte. 11.60 g di tale campione vengono sciolti in 200.0 ml di acqua demonizzata (SOL. A). il
campione viene analizzato come segue: - 25.00 ml di SOL. A sono titolati con 21.30 ml di HCl
0.674 N usando come indicatore fenolftaleina; - 25.00 ml di SOL. A sono titolati con 37.50 ml
di HCl 0.674 N usando come indicatore metilarancio. Calcolare la composizione % della
miscela. (79.79% Na2CO3; 9.48% NaOH; 10.73% materiale inerte)

19. Una miscela potrebbe contenere NaOH (PM 40), Na2CO3 (PM 106), NaHCO3 (PM 84) e
materiale inerte. 0.6000 g di tale campione vengono sciolti in acqua distillata e titolati con
24.28 ml di HCl 0.2318 N usando come indicatore fenolftaleina. Un campione della stessa
miscela pari a 0.4375 g ha invece richiesto 32.65 ml dello stesso acido, utilizzando come
indicatore metilarancio. Calcolare la composizione percentuale di 25.00 g della miscela ed i
grammi di materiale inerte in 25.00 grammi di miscela. (84.06% Na2CO3; 5.80 % NaOH;
2.536 g materiale inerte)

20. E’ stata effettuata una titolazione con HCl 0.1540 M di aliquote da 50,00 ml di una soluzione
contenente NaOH, NaHCO3 e/o Na2CO3. Nella titolazione in presenza di fenolftaleina si sono
utilizzati 32.47 ml di titolante, mentre in presenza di metilarancio se ne sono utilizzati 47.28
ml. Calcolare la concentrazione in mg/ml dei vari componenti della miscela. (PM Na2CO3
105.99; PM NaHCO3 84.06; PM NaOH 40.00; 4.835 mg/ml Na2CO3; 2.176 mg/ml NaOH)

21. Un campione di sostanza potrebbe contenere NaOH e/o Na2CO3 e/o NaHCO3 insieme a
materiale inerte. 1,5 Grammi di tale campione vengono sciolti in acqua deionizzata e titolati
con 24 ml di HCl 0,6839 N, usando come indicatore la fenoftaleina. Altri 1,5 grammi di
campione hanno invece richiesto 38 ml dello stesso acido utilizzando come indicatore
metilarancio. Calcolare la composizione percentuale della miscela. (PMNaOH = 40,0
PMNa2CO3 = 106.0 PMNaHCO3 = 84,01; 67.67% Na2CO3; 18.21% NaOH; 14.12
materiale inerte)

22. E’ stata effettuata una titolazione con HCl 0.3240 N di aliquote da 50,00 ml di una soluzione
contenente NaOH, NaHCO3 e/o Na2CO3. Nella titolazione in presenza di metilarancio si sono
utilizzati 31.50 ml di titolante, mentre in presenza di fenolftaleina se ne sono utilizzati 15.75
ml. Calcolare la concentrazione in mg/ml dei vari componenti della miscela. (PM Na2CO3
105.99; PM NaHCO3 84.06; PM NaOH 40.00; 10.82mg/ml Na2CO3)

23. Una miscela di basi potassiche di composizione incognita, che contiene anche materiale inerte,
viene analizzata nel modo seguente: 5,000 grammi di miscela vengono sciolti in 300 ml di
acqua distillata; 30 ml della soluzione risultante vengono titolati da 12.7 ml di HCl 0.1N, f. c. =
1.053, in presenza di fenolftaleina; altri 20 ml della stessa soluzione vengono titolati con 32.6
ml della stessa soluzione di acido, indicatore metilarancio. Calcolare la composizione
percentuale e le quantità in grammi dei componenti il campione di miscela iniziale. (KOH
PM=56,11; K2CO3 PM=138,2; KHCO3 PM=100; 2.476g KHCO3, 1.849g; K2CO3 0.675g
materiale inerte;49.52%; 36.88%; 13.5%)

24. Un campione di potassa caustica ( KOH) commerciale di 1.85 g viene sciolto in 250,00 ml di
H2O. Si vuole verificare se sono presenti dei contaminanti carbonati (KHCO3 e/o K2CO3) ed
eventuale materiale inerte pertanto si effettua un dosamento con HCl 0.1N (f.c. 1.035) nel
modo seguente: -25.00 ml vengono titolati con 24.2 ml di HCl in presenza di fenolftaleina; -
30.00 ml vengono titolati con 33.8 ml in presenza di metilarancio. Determinare la purezza del
campione in esame e la composizione percentuale dello stesso (PM KOH=56.11 PM
K2CO3=138.2 PM KHCO3=100.0; 63.51% purezza KOH; 30.70% K2CO3; 5.79%
materiale inerte)

25. Un campione contenente NaOH e/o Na2CO3 e/o NaHCO3 più materiale inerte è stato analizzato
nel seguente modo:2.111g sono sciolti in 200 ml di H2O distillata e dalla soluzione risultante
vengono prelevate due aliquote da 25 ml ciascuna. La prima viene titolata con11.5 ml di HCl
0.1n (f.c.1.094) con indicatore fenolftaleina; la seconda aliquota viene titolata in presenza di
metilarancio da 30.4 ml di HCl 0.09786N. calcolare la composizione % del campione
descrivendo le reazioni coinvolte (Na2CO3 50.52%, NaHCO3 14.59%, materiale inerte
34.87%)

26. Sono stati analizzati due campioni distinti di acido lattico (g 1,0000) sciolti in acqua distillata in
matracci da 100 ml. Su un'aliquota di 25 ml del primo campione sono state effettuate tre
determinazioni impiegando 24.9, 25.1, 25.0 ml di HCl 0,1000 N per retrotitolare l'eccesso di
NaOH 0,1000 N (50,00 ml) precedentemente aggiunto. 25 ml del secondo campione sono stati
invece titolati direttamente con NaOH 0,1000 N impiegando in tre determinazioni consecutive
20.6, 21.2, 20.8 ml. Calcolare la purezza (in %) (R1, R2) dei due campioni di acido lattico
indicando quale dei due metodi fornisce il risultato più corretto spiegandone le ragioni.(PM
Acido lattico = 90,1) [R1=90,1 %; R2=75,21 %]

27. 38 Millilitri di una soluzione di composizione incognita contenente basi potassiche (KOH e/o
K2CO3 e/o KHCO3) vengono diluiti a 250 ml ed analizzati nel modo seguente:
-20 ml della soluzione risultante vengono addizionati di metilarancio e titolati con 8 ml di HCl 0,2
N;
-altri 40 ml della stessa soluzione, dopo aggiunta di fenolftaleina, vengono titolati con 8 ml della
stessa soluzione di acido. Indicare: a) Quali basi sono presenti. b) Quale è la loro molarità e la loro
percentuale p/v nella soluzione di partenza. (PM KOH = 56,1 PM K2CO3= 138,2 PM KHCO3=
100,1; 0,2632 M ; 3,64%p/v)

28. Vi viene fornita una beuta contenente NH3 (MISCELA M; PM 17). Il campione è trattato come
segue:
- Si trasferisce quantitativamente il contenuto in un matraccio da 200,0 ml portando a
volume con acqua (SOL. A)
- Si prelevano 25,00 ml esatti della soluzione così preparata, si trasferiscono e si portano a
volume in un matraccio da 150,0 ml (SOL. B)
- Su 17,30 ml esatti di SOL. B si effettua poi una titolazione che richiede per la completa
neutralizzazione 10,50 ml di HCl 0,2570 N (f.c. 1,063)
Si chiede:
A. Di scrivere le reazioni coinvolte nel processo (R1)
B. Di calcolare i g di NH3 presenti nella MISCELA M (R2)
C. Di esprimere la concentrazione M e %p/v della SOL. A e della SOL. B (R3)
D. Di dire quale indicatore è stato utilizzato e perché (R4)
[R2: 3,382 g; R3: 0,9948 M e 1,69% p/v SOL. A – 0,1658 M e 0,28% p/v SOL. B]

29. Viene fornita una beutina contenente NH3 (SOL A). Trattare il campione come segue:
a. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 150.00 ml portando a volume
con acqua (SOL B)
b. prelevarne 20.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 200.00 ml portando nuovamente
a volume con acqua (SOL C)
Su 25.00 ml esatti di SOL C viene effettuata una titolazione che richiede 7.36 ml di HCl 0.802 M
(fc 0.996) per la completa neutralizzazione della NH3. Si chiede di calcolare i grammi di
ammoniaca presenti nella SOL A.
Si chiede inoltre di calcolare con quale volume di SOL B avrebbe reagito lo stesso volume di HCl.
(PM NH3 17, PM HCl 36; 5.997g; 2.50 ml)

30. Viene fornito un campione di CH3COOH (SOL A); tale campione deve essere trasferito
quantitativamente in un matraccio da 250 ml e portato a volume con acqua distillata (SOL B
). Si prelevino 15 ml esatti di soluzione e si titoli con NaOH 0.502 N. Per la completa
neutralizzazione si sono utilizzati 7.67 ml di base. Calcolare i grammi di CH3COOH contenuti
nella SOL A. (PM CH3COOH=60,05; 3.85)

31. Viene fornita una beutina contenente NH3 (SOL A). Dovete trattare il campione come segue: a.
trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 50.00 ml portando a volume con
acqua (SOL B); b. prelevarne 25.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 500.00 ml
portando nuovamente a volume con acqua (SOL C). Su 25,00 ml esatti di SOL C viene
effettuata una titolazione che richiede 16.34 ml di HCl 0.794 N (fc 1.044) per la completa
neutralizzazione della NH3. Si chiede di calcolare i grammi di ammoniaca presenti nella SOL
A. Si chiede inoltre di calcolare con quale volume di SOL C avrebbe reagito lo stesso volume
di HCl. (PM NH3 17, PM HCl 36; 9.21 g; 25 ml)

32. Calcolare con quale volume di SOL B dell’esercizio precedente avrebbe reagito lo stesso
volume di HCl. (1.25 ml)

33. Vi viene fornita una beutina contenente NH3 (SOL A). Dovete trattare il campione come segue:
a. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 50.00 ml portando a volume con
acqua (SOL B); b. prelevarne 25.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 500.00 ml
portando nuovamente a volume con acqua (SOL C). Su 21.00 ml esatti di SOL C viene
effettuata una titolazione che richiede 14.12 ml di HCl 0.8459 M (fc 0,9799) per la completa
neutralizzazione della NH3. Si chiede: a. di calcolare i grammi di ammoniaca presenti nella
SOL A. b. di calcolare con quale volume di SOL C avrebbero reagito 18.27 ml dello stesso
HCl; c. quale indicatore scegliereste tra fenolftaleina e metilarancio per determinare il punto
finale di questa titolazione? Spiegare il perché (PM NH3 17, PM HCl 36) [9.47 g, 27.17 ml,
metilarancio]

34. 0,6 g di un campione contenente Na2CO3 e CaCO3 e delle impurezze è stato trattato con 50 ml
di HCl 0,4000 N e portato a volume con H2O in un matraccio tarato da 100 ml. Una aliquota di
25 ml di questa soluzione viene titolata con 22,5 ml di NaOH 0,1000 N in presenza di
fenoftaleina. Una seconda aliquota di 25 ml è stata titolata con 20 ml di EDTA 0,0500 M in
presenza di un tampone ammoniacale. Calcolare la percentuale di CaCO3 (R1) e di Na2CO3
(R2).( PM CaCO3 = 100,09; PM Na2CO3 = 105,99). [R1 = 66,7 %; R2 = 26,5 %]
35. Si vuole verificare la purezza di una soluzione di acido acetico glaciale. Si procede come segue:
24.37 ml della soluzione in esame (99.18% p/p; d = 1.045) vengono trasferiti quantitativamente
in un matraccio da 500 ml (SOL A); di tale soluzione se ne prelevano 25.00 ml e si diluiscono
a 250 ml con acqua deionizzata (SOL B). 25.00 ml della SOL B vengono titolati con 18.30 ml
di una soluzione di NaOH 0.105 N. Determinare il titolo reale della soluzione di acido acetico
analizzata (come %p/p), scrivere tutte le reazioni coinvolte nel processo e dire quale indicatore
dovrà essere utilizzato e le sue colorazioni durante la titolazione. (PM CH3COOH=60.05;
90.62%)

36. Viene pesato esattamente circa 1 g di acido benzoico (pesata effettiva 0.9683), trasferito
quantitativamente in una beuta, sciolto in circa 30 ml di etanolo e titolato con 15.6 ml di NaOH
0.5 N, usando come indicatore rosso fenolo. Determinare la purezza dell’acido benzoico. (PM
acido benzoico 122.1; 98.36%)

37. Un campione di Na2CO3 (1,68 g) contenente come impurezze del NaHCO3 o del NaOH è stato
sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da 250 ml. Un’ aliquota di 25 ml è stata
titolata con 13,8 ml di HCl 0,1 M in presenza di fenoftaleina come indicatore. Un'altra aliquota
di 25 ml è stata titolata con 30,2 ml di HCl 0,1 M utilizzando come indicatore metilarancio.
Calcolare la percentuale di Na2CO3 (R1) e dell'impurezza nel campione (R2).(PM Na2CO3
=105,99; PM NaHCO3= 84,007; PM NaOH = 39,997) [R1=87,0%; R2=13,0%]

38. Si vuole verificare la purezza di una soluzione di acido acetico glaciale (SOL M). Si procede
come segue: a. 15.86 ml della soluzione in esame (97.29% p/p; d = 1.054) vengono trasferiti
quantitativamente in un matraccio da 500 ml (SOL. A); b. di tale soluzione se ne prelevano
50.00 ml e si diluiscono a 250 ml con acqua deionizzata (SOL. B); c. 25.00 ml della SOL. B
vengono titolati con 21.36 ml di una soluzione di NaOH di cui 1 ml equivale a 4.05 mg di HCl.
Determinare il titolo reale % p/v della soluzione di acido acetico analizzata (SOL. M), scrivere
tutte le reazioni coinvolte nel processo e dire quale indicatore dovrà essere utilizzato e le sue
colorazioni durante la titolazione. (PM CH3COOH=60.05; PM HCl= 37; 88.52%)

39. Una miscela di basi potassiche di composizione incognita, che contiene anche materiale inerte,
viene analizzata nel modo seguente: 5,390 g di miscela vengono sciolti in 300 ml di acqua
distillata; 30 ml della soluzione risultante vengono titolati da 13.20 ml di HCl 0.1037 N in
presenza di fenolftaleina; altri 20 ml della stessa soluzione vengono titolati con 33.50 ml della
stessa soluzione di acido, indicatore metilarancio. Calcolare la composizione percentuale e le
quantità in grammi dei componenti il campione di miscela iniziale. (KOH PM=56,11; K2CO3
PM=138,2; KHCO3 PM=100.1; R=2.476g KHCO3, 1.892g; K2CO3 1.022g materiale
inerte;45.9%; 35.1%; 19%)

40. Si è effettuata una titolazione con HCl 0.1540 N di aliquote di 50.00 ml di una soluzione
contenente NaOH, NaHCO3 e/o Na2CO3. Nella titolazione in presenza di fenoftaleina si sono
utilizzati 28.12 ml di titolante, mentre nella titolazione in presenza di metilarancio se ne sono
utilizzati, 43.37 ml. Calcolare la concentrazione espressa in mg/ml delle basi presenti in
miscela.
(PM Na2CO3=105.99; PM NaHCO3=84.06; PM NaOH=40.00)
[5.01 Na2CO3, 1.58 NaOH]

41. Si è effettuata una titolazione con HCl 0.3240 N di aliquote di 50.00 ml di una soluzione
contenente NaOH, NaHCO3 e/o Na2CO3. Nella titolazione in presenza di fenoftaleina si sono
utilizzati 16.75 ml di titolante, mentre nella titolazione in presenza di metilarancio se ne sono
utilizzati, 33.50 ml. Calcolare la concentrazione espressa in mg/ml delle basi presenti in
miscela.
(PM Na2CO3=105.99; PM NaHCO3=84.06; PM NaOH=40.00)
[11.50 Na2CO3]

42. In un matraccio da 250 ml sono stati successivamente introdotti e portati a volume:


12.70 g di Na2CO3, 15.28 g di NaOH, 14.22 g di NaHCO3.
Si determinino i ml di HCl 1.5 N necessari per titolare 20 ml della soluzione sopra preparata nel
caso di:
a. viraggio in presenza di fenoftaleina
b. viraggio in presenza di metilarancio
(PM Na2CO3=105.99; PM NaHCO3=84.06; PM NaOH=40.00)
[26.8 fenoftaleina, 42.2 metilarancio]

43. 1,27 g di acido acetico (PM 60) vengono sciolti in 200,0 ml di acqua (SOL. A). 15,00 ml esatti
di tale soluzione vengono trasferiti in un matraccio da 100,0 ml e portati a volume con acqua
(SOL. B).
La titolazione di 25,00 ml esatti di SOL. B ha richiesto 15,37 ml di una soluzione di NaOH
0,0237 M. Si chiede di:
A. Scrivere tutte le reazioni coinvolte nel processo (R1)
B. Calcolare la purezza percentuale dell’acido acetico analizzato (R2)
C. Calcolare la concentrazione M effettiva della SOL. A (R3)
D. Calcolare la concentrazione % p/v della SOL. B (R4)
[R2: 91,8%; R3: 0,0971 M; R4: 0,0874 % p/v]

44. Una miscela grezza del peso di 5,0 grammi può contenere NaOH, NaHCO3, Na2CO3 e
materiale inerte. Il campione viene sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da
250 ml (SOL A). 20,00 ml della soluzione risultante sono stati titolati con HCl 0,1 N usando
fenoftaleina come indicatore. Un’altra aliquota da 20,00 ml è stata titolata con HCl 0,1 N
usando metilarancio come indicatore. I due volumi di acido impiegati sono stati
rispettivamente 25,00 e 52,86 ml.
A. Determinare la composizione della miscela.
B. Determinare le quantità relative di ciascun componente
C. Calcolare la composizione percentuale della miscela
D. Esprimere la M di ciascun componente escluso il materiale inerte nella SOL A
(PM Na2CO3=106; PM NaHCO3=84; PM NaOH=40)
[Na2CO3 e NaHCO3; 3,3125 g Na2CO3 , 0,300 g NaHCO3 e 1,3875 g di materiale; 66,25%
Na2CO3 6% NaHCO3 27,75% materiale inerte; 0,125 M Na2CO3 e 0,0143 M NaHCO3]

45. Una miscela grezza del peso di 1,91 grammi può contenere NaOH, NaHCO3, Na2CO3 e
materiale inerte. Il campione viene sciolto in acqua e portato a volume in un matraccio da 200
ml. 16,00 ml della soluzione risultante sono stati titolati con HCl 0,08 N usando fenoftaleina
come indicatore. Un’altra aliquota da 20,00 ml è stata titolata con HCl 0,1 N usando
metilarancio come indicatore. I due volumi di acido impiegati sono stati rispettivamente 20,00
e 35,00 ml. Determinare la composizione percentuale della miscela.
(PM Na2CO3=106; PM NaHCO3=84; PM NaOH=40)
[83,25%Na2CO3 10,47% NaOH 6,28% materiale inerte]

Titolazioni redox
46. Una soluzione contenente cloro (SOL. M; PM 70,91) è stata analizzata come segue:
- 22,50 ml esatti vengono diluiti a 50,0 ml (SOL. A)
- 20,00 ml esatti di SOL. A vengono trasferiti e portati a volume in un matraccio da 100 ml
(SOL, B)
- 8,00 ml esatti di SOL. B vengono addizionati di un eccesso di KI e lo iodio che si sviluppa
viene retro titolato con 19,25 ml di una soluzione di tiosolfato sodico 0,0185 M.
Si chiede
A. di scrivere tutte le reazioni analitiche coinvolte nel processo (R1)
B. di calcolare il titolo in cloro attivo (g/l) della soluzione iniziale di cloro (R2)
C. di dire quale indicatore si deve usare e quando lo si deve aggiungere (R3)

(R2: 17,53 g/l; R3: salda d’amido verso la fine della titolazione)

47. La titolazione, di tipo iodometrico, di 25 ml di una soluzione A di NaClO ha richiesto


30,25 ml di Na2S2O3 1,2 M. Sapendo che la soluzione A è stata ottenuta prelevando
148,7 ml di una soluzione B di NaClO (densità = 1,15) e portandola a volume in un
matraccio da 500 ml, calcolare: 1) la % p/p della soluzione B (R1) 2) il titolo espresso come
% p/p in cloro attivo della soluzione B (R2). (PM NaClO 74.442; PM Cl2 90.906; R1:
15.80%; R2:15.05%)

48. Un'aliquota di 25,00 ml di una soluzione di H2O2 é stata titolata con una soluzione di KMnO4
0,3910 M; sapendo che sono stati impiegati 30,00 ml della soluzione di KMnO4 determinare la
concentrazione % p/v (R1) e il titolo in volumi (R2) della soluzione di H2O2. Si calcoli inoltre
il volume di ossigeno (R3) svolto in condizioni standard durante la titolazione stessa. Nel caso
fosse stato impiegato il metodo iodometrico per il dosamento della H2O2 calcolare i millilitri
teorici (R4) di Na2S2O3 (0,1000 N) 1,000 N che si sarebbero dovuti impiegare. (PM H2O2:
34,01; PM Na2C2O4: 134, 0; R1:3.99%; R2: 13.1 l; R3: 0.657 l; R4; 586.5 ml)

49. Si dispone di una soluzione (A) di H2O2. 23 ml di (A) sono stati trasportati in un matraccio da
100 ml e portati a volume con H2O (soluzione B). 47 ml di (A) sono invece stati trasferiti in un
matraccio da 250 ml (soluzione C). Sapendo che sono necessari 25 ml di KMnO4 0,18 N per
titolare 30 ml di (B), determinare quanti ml (R1) dello stesso KMnO4 servono per titolare 28 ml
di (C). [R1=18,7 ml]

50. Calcolare quanti ml (R1) di una soluzione di Na2S2O3 di 0,173 M sono necessari per titolare
40 ml di una soluzione di H2O2 ottenuta diluendo con acqua 75 ml di H2O2 a 12 volumi in un
matraccio da 500 ml. Si scrivano inoltre tutte le reazioni coinvolte nel dosamento (74,27 ml)

51. In un matraccio da 500 ml sono stati introdotti 16,45 ml di una soluzione di H2O2 al 20,0% p/p
(d = 1,13) e un volume X di una soluzione di H2O2 a 20 volumi. Sapendo che 30,0 ml della
soluzione preparata nel matraccio hanno richiesto per la loro titolazione 37,26 ml di KMnO4
1N si determini il valore di X (R1). (PM H2O2 = 34,01; 112.72 ml)

52. Un campione di Menadione di g 0,15 esattamente pesato è stato dosato secondo il metodo di
F.U. Se si usa come titolante una soluzione di Ce(NO3)4 x 2 NH4NO3 di cui 10 ml sono
equivalenti a 54,55 mg di H2C2O4 x KHC2O4, in presenza di ferroina come indicatore, calcolare
il volume (R1) teorico di titolante da impiegarsi nel dosamento. Scrivere inoltre tutte le
reazioni inerenti al metodo. (PM H2C2O4 x KHC2O4 = 218,20; PM Menadione = 172,2) [R1=
17,42 ml]
53. 1 ml di una soluzione A di acqua ossigenata sono stati diluiti a 200 ml con acqua distillata; 20
ml di questa soluzione vengono titolati con 14,05 ml di KMnO4. Sapendo che 1,0 ml equivale a
g 0,0084 di ferro ferroso, calcolare i grammi di acqua ossigenata (R1) ed i relativi volumi di
ossigeno (R2) che si possono svolgere dalla soluzione A; si calcoli inoltre il titolo in volumi
della stessa (R3). Supponendo di utilizzare per la stessa determinazione il metodo iodometrico,
calcolare i ml teorici di Na2S2O3 0.1 N che si dovrebbero impiegare per titolare i 20 ml
sopracitati (R4). Si calcolino infine i millilitri di soluzione A (R5)e di acqua (R6) che si
devono impiegare per ottenere 200 ml di acqua ossigenata a 10 volumi. (PAFe =55,847; PM
H2O2=34; PM O2 = 32) [R1 =0,358g; R2 = 118 ml; R3 =118 volumi; R4 =21,1ml; R5 =16,95
ml; R6=183,05 ml]

Durante la titolazione, con una soluzione di KMnO4, di 57,0 ml di una soluzione di H2O2 (A) si
sono sviluppati in condizioni standard, 1,30 litri di O2. Calcolare il titolo in volumi (R1) della
soluzione A; e determinare, inoltre, quanti litri (R2) di soluzione 0,350 M si possono preparare
partendo da 280 ml di soluzione A (R 1: 11.40; R2: 0.814 l)

54. Per analizzare un lotto di una soluzione di ipoclorito di sodio avente un titolo espresso in Cloro
attivo del 5,0% p/p (d= 1,08) sono stati utilizzati 28,2 ml di Na2S2O3 di cui 1 ml è equivalente
a 16,05 mg di KIO3. Si calcoli il volume (R1) della soluzione di ipoclorito impiegato in questa
titolazione. (PGF KIO3 = 214,0; PM Cl2 = 70,9; 8.33 ml)

55. 28,0 ml di una soluzione (A) di H2O2 vengono titolati con KMnO4,. Nel corso di questa
titolazione si liberano, in condizioni standard, 0,350 litri di O2. Determinare il titolo in volumi
(R1)della soluzione (A) e calcolare quanti litri (R2) di H2O2 0,110 M si possono preparare
partendo da 130 ml di soluzione (A). (R1= 6,25 R2= 0,6)

56. Si dispone di una soluzione (A) di H2O2. 23,00 ml di (A) sono stati trasportati in un matraccio
da 100 ml e portati a volume con H2O (soluzione B). 47,00 ml di (A) sono invece stati trasferiti
in un matraccio da 250 ml (soluzione C). Sapendo che sono necessari 25,00 ml di KMnO4 0,18
N per titolare 30,00 ml di (B) determinare quanti ml (R1) dello stesso KMnO4 servono per
titolare 28,00 ml di (C). (R1 19.04 ml)

57. Un'aliquota di 25,00 ml di una soluzione di H2O2 é stata titolata con una soluzione di KMnO4
di cui 1 ml é equivalente a 131,0 mg di Na2C2O4; sapendo che sono stati impiegati 30,00 ml
della soluzione di KMnO4 determinare la concentrazione % p/v (R1) e il titolo in volumi (R2)
della soluzione di H2O2. Si calcoli inoltre il volume di ossigeno (R3) svolto in condizioni
standard durante la titolazione stessa. Nel caso fosse stato impiegato il metodo iodometrico per
il dosamento della H2O2 calcolare i millilitri teorici (R4) di Na2S2O3 1.000N che si sarebbero
dovuti impiegare. (PM H2O2: 34,01; PM Na2C2O4: 134, 0; R1 3.99% R2 13.1 l R3
0.657 l R4 58.65)

58. Un campione di g 0,156, esattamente pesato su bilancia analitica, contenente menadione (PM
172.2) viene sciolto in 15 ml di acido acetico glaciale; a questa soluzione si aggiungono 15 ml
di acido cloridrico diluito e 1,00 g di zinco polvere. Si lascia a riposo la soluzione, protetta
dall'aria, per 1 ora. Dopo aver filtrato su cotone, il filtrato viene titolato con 17,4 ml di una
soluzione di esanitrato di cerio ammonio di cui 1 ml è equivalete a 5,58 mg di ferro
elettrolititco (PA Fe 55.847). Calcolare la purezza del farmaco e scrivere tutte le reazioni
coinvolte nel dosamento rispondendo inoltre al seguente quesito: quanti ml di permanganato di
potassio 0.02 M sono necessari per titolare 5,58 mg di ferro elettrolitico? [R1 = 96%; R2 =
1 ml]
59. Si calcoli la percentuale (R1) p/p di una soluzione A di H2O2 (d = 1,12) a 24 volumi. Quanti
ml di A (R1) e quanti (R2) di un'altra soluzione (B) al 15% p/v si devono miscelare per ottenere
200 ml di H2O2 al 10%. (PM H2O2 = 34,01; R1 6.50 R2 129.63 ml (A) 70.36 ml (B))

60. Calcolare quanti ml (R1) di una soluzione di Na2S2O3 di cui 1 ml é equivalente a 24,73 mg di
As2O3 sono necessari per titolare 40 ml di una soluzione di H2O2 ottenuta diluendo con acqua
75 ml di H2O2 a 12 volumi in un matraccio da 500 ml. Si scrivano inoltre tutte le reazioni
coinvolte nel dosamento. (PM As2O3 = 197,84; R1 25.71 ml)

61. Una soluzione di H2O2 (soluzione A) viene titolata con 14,05 ml di potassio permanganato di
cui 1 ml è equivalente a 0,0084 g di ferro elettrolitico. Calcolare i grammi di H2O2 ed i litri di
ossigeno svolti dalla soluzione A. Supponendo di utilizzare per la titolazione della stessa
soluzione di H2O2 il metodo iodometrico, calcolare i millilitri di una soluzione di Na2S2O3
0,1000 N che si dovrebbero impiegare. Si risponda inoltre al seguente quesito: se la soluzione
A ha un volume di 20 ml e si dispone di una altra soluzione di H2O2 (B) al 9% p/v, calcolare i
volumi (ml) delle due soluzioni necessari per ottenere 50 ml di una soluzione H2O2 3,5 N.
(PAFe= 55,85; PM H2O2=34,015) [R1= 0,0359 g; R2=0,0118 l; R3=21 ml; R4= 17,7
ml+32,3 ml B]

62. Un campione di Cloramina T (g 1,15 esattamente pesati; PM 281.7) è stato sciolto con acqua in
un matraccio da 250 ml. A 25,00 ml di questa soluzione è stato aggiunto, dopo acidificazione,
un eccesso di KI; lo iodio liberatosi è stato titolato con 10,7 ml di una soluzione di Na2S2O3 di
cui 1 ml è equivalente a 2,00 mg di KIO3( PM 214.0). Calcolare la purezza della Cloramina T
(R1). [R1 73.49%]

63. In un matraccio da 250 ml é contenuta una soluzione (A) costituita da una miscela di acido
ossalico e acido solforico. 25,000 ml di (A) hanno richiesto, per la titolazione, 43,00 ml di
idrossido di sodio 0,1000 N impiegando come indicatore fenolftaleina. Un'altra aliquota di
25,00 ml di (A) é stata inoltre titolata con 20,50 ml di permanganato di potassio 0,100N.
Calcolare i grammi di acido solforico (R1) e di acido ossalico (R2) presenti nella soluzione (A).
(PGF acido solforico = 98,08 PGF acido ossalico = 108,06; R1 1.103 g; R2 1.108 g)

64. Un campione di 2,5 g di Cloramina T (PM 281.7) è stato sciolto con acqua in un matraccio
tarato da 500 ml. Di questa soluzione sono stati prelevati 25,0 ml ai quali, dopo acidificazione,
è stato aggiunto un eccesso di ioduro di potassio; lo iodio liberatosi è stato titolato con 13,4 ml
di sodio tiosolfato. Tenendo presente che 26,0 ml di sodio tiosolfato sono equivalenti a 72,9 mg
di anidride arseniosa (PM 197.84) si calcoli la purezza del farmaco in esame e si scrivano tutte
le relative reazioni.[85.6%]

65. Si hanno a disposizione due soluzioni di acqua ossigenata A e B: A ha una concentrazione del
9% p/p d= 1,01; B ha una concentrazione tale che 20,0 ml sono equivalenti a 21,0 ml di sodio
tiosolfato 0,1 M. Si calcolino i volumi (R1, R2) di A e B che occorre miscelare per ottenere
50,0 ml di acqua ossigenata 3,5 N. (PM acqua ossigenata = 34,01; R1 32.39 ml; R2 17.61
ml)

66. Una soluzione di acqua ossigenata (A) è stata titolata sia mediante permanganometria sia per
via iodometrica. Nel primo caso per titolare 30,0 ml di (A) si sono impiegati 20,0 ml di una
soluzione di permanganato di potassio di cui 1 ml è equivalente a 10,0 mg di ossalato di sodio.
Nella titolazione iodometrica 30,0 ml della soluzione (A) hanno richiesto 26,8 ml di una
soluzione di tiosolfato di sodio di cui 1 ml è equivalente a 3,567 mg di iodato di potassio.
Calcolare la normalità della soluzione (A) ottenuta con le due diverse procedure (R1, R2)
fornendo adeguata spiegazione della eventuale differenza. (PGF ossalato di sodio: 134,0
PGF iodato di potassio: 214,0; R1:0.0995 N; R2:0.08933)

67. La titolazione, di tipo iodometrico, di 25 ml di una soluzione A di NaClO ha richiesto 30,25


ml di Na2S2O3 1,2 M. Sapendo che la soluzione A è stata ottenuta prelevando 148,7 ml di una
soluzione B di NaClO (densità = 1,15) e portandola a volume in un matraccio da 500 ml,
calcolare: 1) la % p/p della soluzione B (R1); 2) il titolo espresso come % p/p in cloro attivo
della soluzione B (R2). (PM NaClO 74.442; PM Cl2 90.906; R1 15.80% R2 15.05%)

68. Un campione di 2,3-dimercaptopropanolo (0,6500 g, titolo 93,8 %) esattamente pesato è stato


sciolto con acqua in un matraccio da 100 ml. Su questo campione è stata condotta una analisi
quantitativa di tipo volumetrico impiegando una buretta da 50 ml e una beuta da 300 ml. Si
calcolino i millilitri (R1) di soluzione di I2 (1 ml della quale è equivalente a 12 mg di Na2S2O3)
necessari per titolare 40,00 ml della soluzione in esame; si scrivano inoltre tutte le reazioni
coinvolte nel dosamento. Da un punto di vista sperimentale la procedura, proposta dal
problema, è corretta? Se la risposta è negativa si apportino le necessarie correzioni. (PM 2,3-
dimercaptopropanolo = 124,2; PM Na2S2O3 = 158,1) [R1 = 51,77 ml]

69. Calcolare il titolo in volumi (R1) di una soluzione di H2O2 (A) di cui 50 ml sviluppano 1,14
Litri di O2 se titolati con KMnO4 in ambiente acido.Si determini inoltre quanti ml (R2) di
soluzione di H2O2 0,300 M è possibile preparare utilizzando 250 ml della soluzione (A). (R1
11.4 R2 847.5 ml)

70. In un matraccio da 100,00 ml si introducono in successione: -22.75 ml di H2O2 0.795 M; -


39.40 ml di H2O2 25%p/p (d=1.25). Si porta a volume con acqua e si ottiene la SOL:A.
Determinare i grammi di permanganato di potassio necessari per titolare 50.00 ml di SOL. A.
(PM H2O2 34.01; PM permanganato di potassio 158.05) (12.01 g)

71. Una soluzione commerciale di H2O2, con densità pari a 0.987 g/ml, è dichiarata in etichetta a
12 volumi. Per controllare tale titolo, 15.0 ml di tale soluzione vengono acidificati con H2SO4
e quindi addizionati di 95.0 ml di una soluzione di KMnO4 0.1 M. La soluzione violetta così
ottenuta viene titolata con 10.40 ml di una soluzione di H2C2O4*H2O al 12% p/v.
Scrivere tutte le reazioni coinvolte e determinare:
- il contenuto percentuale (p/p) della soluzione di H2O2
- il titolo reale in volumi dell’H2O2 analizzata
(PM H2O2 = 34.01 PM H2C2O4*H2O = 126.1) (3.18% p/p; 10.34 volumi)

72. Una fornitura di ipoclorito è stata venduta ad un titolo nominale di 5,20 % p/p (d=1.02). Si
vuole controllare che il titolo sia effettivamente quello dichiarato e si effettua pertanto una
titolazione volumetrica di tipo iodometrica. Quale volume della soluzione in oggetto dovrà
essere analizzata per consumare nella titolazione 27.04 ml di Na2S2O3 0.45 M, considerando
titolo nominale e titolo dichiarato identici? (PM Cl2 70.91; 8.13 ml)

73. Un campione di Cloramina la cui purezza è del 95,5 % è stato analizzato secondo F.U. IX. A tal
fine ne sono stati pesati esattamente 2,800 g e sciolti in acqua distillata in un matraccio da 250
ml. Calcolare i millilitri (R1) di Na2S2O3 necessari per la titolazione di 20,00 ml della soluzione
di Cloramina sapendo che 1 ml della soluzione Na2S2O3 è equivalente a 2,0 mg di KIO3. Si
determini inoltre la concentrazione (R2), espressa in percentuale p/v, della soluzione di sodio
ipoclorito che si ottiene sciogliendo 6 g di Cloramina in 250 ml di acqua. (PM Cloramina =
281,7; PM KIO3 = 214; PM NaClO = 74,44) [R1 = 13,57 ml; R2 = 0.60 %]
74. Una soluzione commerciale di NaClO viene analizzata nel modo seguente: 22,50 ml di detta
soluzione vengono acidificati ed addizionati di un eccesso di KI; la miscela risultante viene
titolata con 29,35ml di una soluzione di tiosolfato sodico. 11,00 ml della soluzione di tiosolfato
utilizzata sono equivalenti allo iodio sviluppato per azione di 32,15 mg di KIO3 su una
soluzione di KI. Calcolare la concentrazione molare della soluzione di NaClO analizzata,
scrivere tutte le reazioni coinvolte nell’analisi e dire qual e’ l’indicatore da utilizzarsi nella
titolazione e quando deve essere aggiunto. (PM NaClO=74.4; PM KIO3=214.0; PM KI=166.0;
0.0534M)

75. Un lotto di 2,3-dimercaptopranolo è stato analizzato secondo F.U. In un matraccio da 100 ml


sono stati sciolti, dopo averli esattamente pesati 0,9200 g di farmaco; 30,00 ml della soluzione
risultante sono stati titolati con 40,00 ml di una soluzione di I2 di cui 1 ml è equivalente a 16,0
mg di Na2S2O3. Calcolare il titolo del farmaco (R1) riportando tutte le reazioni che
caratterizzano questa analisi. (PM 2,3-dimercaptopropanolo = 124,2; PM Na2S2O3= 158,1)
[R1= 91,08 %]

76. Calcolare quanti ml di una soluzione di KMnO4 di cui 1 ml è equivalente 49.46 mg di Na2C2O4,
sono necessari per titolare 25.00 ml di una soluzione di H2O2 ottenuta diluendo con acqua , in
un matraccio da 400 ml, 30 ml di un a soluzione di H2O2 15 %p/v. (PM H2O2 34.01 PM
Na2C2O4 133.98; 22.40ml)

77. Calcolare quanti ml (R1) di una soluzione di Na2S2O3 di cui 1 ml è equivalente a 24,73 mg di
As2O3 sono necessari per titolare 40 ml di una soluzione di H2O2 ottenuta diluendo con acqua a
75 ml di H2O2 a 12 volumi in un matraccio da 500 ml. Si scrivano inoltre tutte le reazioni
coinvolte nel dosamento.(PM As2O3 = 197,84) [R1=25,71]

78. Una soluzione commerciale di H2O2 dichiara in etichetta un titolo pari a 10 volumi.
Nell’analisi di controllo 27 ml di tale soluzione (d= 0,972) vengono acidificati con H2SO4 e
quindi addizionati di 125 ml di una soluzione di KMnO4 0,1 M. La soluzione violetta risultante
viene titolata con 12 ml di una soluzione di H2C2O4. H2O al 15% (p/v). Scrivere le reazioni
coinvolte nell’analisi e determinare: -il contenuto % p/p della soluzione di H2O2 -lo
scostamento % dal titolo dichiarato. (PM H2O2=34.01 PM H2C2O4.H2O=126.1; 2.20%p/p;
29.59% di differenza)

79. 20 ml di una soluzione ottenuta sciogliendo 2,800g, esattamente pesati di Cloramina T in un


matraccio da 250 ml sono stati titolati secondo FU. Sapendo che sono stati impiegati 26,8 ml di
Na2S2O3 0,0567 N calcolare la % (R1) in cloro attivo del campione di Cloramina T e la sua
purezza (R2). Si esprima inoltre la concentrazione (N) della soluzione di Na2S2O3 come titolo
espresso (R3) in mg di KIO3.( PM Cloramina T =281,7; PM Cl2 = 70,906; PM KIO3 = 214,00
[R1 = 24,04 %; R2 = 95,53 %; R3 = 2,02 mg]

80. 22 Millilitri di una soluzione di H2O2 vengono diluiti a 250 ml con acqua distillata. A 25 ml
della soluzione cosi' ottenuta si aggiunge KI in eccesso, quindi si acidifica con H2SO4. Lo
iodio sviluppato viene titolato con 27.5 ml di Na2S2O3 0,1N, f.c. = 1.018. Scrivere le reazioni
coinvolte e calcolare la concentrazione dell’acqua ossigenata nella soluzione di partenza,
esprimendola in molarità ed in volumi di ossigeno. Dire inoltre come deve essere usato e quale
e' l'indicatore nella titolazione. (PM H2O2 34.01; 0.6362M; 7.13 volumi)

81. Calcolare quanti millilitri (R1) di una soluzione di KMnO4, di cui 1 ml è equivalente a 55,85
mg di Fe, sono necessari per titolare 25 ml di una soluzione di H2O2 ottenuta diluendo con
acqua, in un matraccio da 400 ml, 30 ml di H2O2 a 25 volumi. (PA Fe = 55,85) [R1 = 8,4
ml]

82. E' data una soluzione (A) di ipoclorito di sodio (PM 74.442) al 15,8 % p/p d = 1,15. In un
matraccio da 250 ml vengono successivamente aggiunti: 85,4 ml di (A) + 72,8 g di (A). Dopo
aver portato a volume (soluzione B) di dederminano i millilitri (R1) di una soluzione di
tiosolfato di sodio 1,2 M necessari per titolare lo iodio che si libera trattando 25,00 ml di (B)
con un eccesso di potassio ioduro. [R1 = 60,5 ml]

83. Calcolare la concentrazione (in mg/ml) di una soluzione di NaClO (PM = 74,4) sapendo che
per aggiunta di un eccesso di KI a 22 ml di questa soluzione si sviluppa iodio il quale viene
titolato con 31,45 ml di una soluzione di tiosolfato sodico. Nel processo di standardizzazione
del tiosolfato sodico si sono pesati 0,186 g di KIO3 (PM = 214) e si sono aggiunti ad una
soluzione acida di KI in eccesso. Lo iodo sviluppatosi è stato titolato con 24,1 ml della
soluzione di tiosolfato. Scrivere anche le reazioni coinvolte. (11.31mg/ml)

84. Un campione (0,3500 g) esattamente pesato di Cloramina triidrata è stata determinata per via
iodometrica. Supponendo di aver impiegato 22,5 ml Na2S2O3 0,1000 N calcolare la purezza in
percentuale (R1) della Cloramina triidrata e i milligrammi (R2) di cloro attivo che si possono
sviluppare del campione. (PM Cloramina triidrata = 281,7; PM Cl2 = 70,906) [R1 = 90,54 %;
R2 = 79,8 mg]

85. Una soluzione contenente cloro è stata analizzata nel modo seguente:10 ml di tale soluzione
vengono diluiti a 50, ed a 5 ml della soluzione risultante si aggiunge un eccesso di KI; lo iodio
che si sviluppa viene titolato con 18,25 ml di una soluzione di tiosolfato sodico. Nel processo di
standardizzazione del tiosolfato sono stati pesati 0,0362 g di KIO3 che sono stati poi
addizionati ad una soluzione acida di KI. Lo iodo sviluppatosi ha richiesto 28.5 ml di titolante.
Calcolare il titolo (in g/l) della soluzione iniziale di Cl2. Scrivere anche tutte le reazioni
coinvolte. (PM KIO3= 214.0 PM Cl2= 70.9; R=23.04g/l)

86. Un campione di g 0,7500 di 2,3-dimercaptopropanolo (BAL; PM 124.2) esattamente pesato, è


stato sciolto in un matraccio tarato da 100,0 ml con adatto solvente. Sapendo che 25,0 ml della
soluzione in esame richiedono per la titolazione 30,0 ml di una soluzione di iodio di cui 1 ml è
equivalente a 3,10 mg di anidride arseniosa (PM 167.5) si chiede di: a) calcolare la percentuale
di BAL presente nel campione; b) scrivere tutte le reazioni coinvolte in questo dosamento. [R =
73.56 %]

87. Vi viene fornita una beutina contenente H2O2 (SOL M). Dovete trattare il campione come
segue:
c. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 50,00 ml portando a volume
con acqua (SOL A)
d. prelevarne 20,00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 250,00 ml portando nuovamente
a volume con acqua (SOL B)
Su 15,00 ml esatti di SOL B viene effettuata una titolazione (dopo opportuna acidificazione) che
richiede 17,73 ml di KMnO4 0.1640 N (fc 0,9799, SOL. C) per la completa ossidazione dell’H2O2.
Si chiede
A.di scrivere tutte le reazioni analitiche coinvolte nel processo (R1)
B.di dire quale acido avreste usato per l’”opportuna acidificazione” e perché (R2)
C.di esprimere la concentrazione della SOL C come N effettiva, M effettiva e %p/v(R3)
A. di calcolare i grammi di H2O2 presenti nella SOL M (R4)
B. di calcolare il titolo in volumi della SOL A (R5)
(PM H2O2 34,01 PM KMnO4 158,05)
(R2: H2SO4; R3: 0,1607 N - 0,0321 M - 0,508% p/v; R4: 2,017 g; R5: 13,29)

88. Durante la titolazione, con una soluzione di KMnO4, di 57.0 ml di una soluzione di H2O2
(SOL. A) si sono sviluppati in condizioni standard 1.30 litri di O2. Calcolare il titolo in volumi
(R1) della soluzione A; e determinare inoltre, quanti litri (R2) di soluzione 0.350 M si possono
preparare partendo da 280 ml di soluzione A.
[R1=11.40; R2=0.814 l]

89. Viene fornita una beuta contenente H2O2. Trattare il campione come segue:
a. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 100 ml portando a volume con
acqua (SOL A)
b. prelevarne 10.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 200 ml portando nuovamente a
volume con acqua (SOL B)
Su 20.00 ml esatti di SOL B viene effettuata una titolazione (dopo opportuna acidificazione) che
richiede 14.04 ml di KMnO4 0.030 M per la completa ossidazione dell’H2O2.
Determinare:
I grammi di acqua ossigenata presenti nella beuta (R1).
Le molarità e il titolo in volumi delle SOL A e SOL B (R2).
(PM H2O2 34.01; PM KMnO4 158.05)
[R1=3.58g; R2=SOL A 1.053 M, 11.79 l; SOL B 0.053 M, 0.59 l]

90. In un matraccio da 500 ml vengono introdotti:


a. 17.21 g di H2O2 al 24% p/p (d=1.13)(SOL A)
b. 13.70 ml di SOL A
c. 36.00 ml di H2O2 a 25 volumi
Successivamente si porta a volume il matraccio sopra indicato.
Determinare quanti ml (R1) di KMnO4 (di cui 1 ml di soluzione equivale a 64.05 mg di CaC2O4)
sono necessari per titolare un’aliquota da 30.00 ml prelevata dal matraccio. Determinare inoltre a
quanti mg (R2) di sale di Mohr (solfato ferroso ammonico esaidrato) corrisponde 1 ml di suddetta
soluzione di KMnO4.
(PM H2O2=34.016; PM CaC2O4=128.10; PM sale di Mohr=392.14)
[R1=37.2 ml; R2=392.14 mg]

91. Un campione di metile p-idrossibenzoato (g 0,5255) esattamente pesato è stato sciolto in un


matraccio da 100 ml; 25,00 ml della soluzione risultante sono stati titolati secondo F.U. Dopo
aver lasciato reagire il campione in presenza di un eccesso di una soluzione a titolo noto di Br2,
ottenuta impiegando 50,00 ml di KBrO3 0,1000 N si è retrotitolato con 18,00 ml di sodio
tiosolfato di cui 1ml è equivalente a 3,57 mg di KIO3. Calcolare la purezza (R1) del metile p-
idrossibenzoato. (PM metile p-idrossibenzoato = 152,15; PGF KIO3 = 214,00) [R1 = 92,6 %]

92. Un campione di Isoniazide (0,4500 g) esattamente pesato è stato solubilizzato con acqua
distillata in un matraccio da 100 ml e analizzato secondo F.U. Per titolare 25,00 ml della
soluzione di Isoniazide si sono impiegati 25,00 ml di KBrO3 di cui 1 ml è equivalente a 18,9
mg di Na2S2O3.Si calcoli la purezza in percentuale (R1) dell'Isoniazide descrivendo il
dosamento e le relative reazioni. (PM Isoniazide = 137,1; PM Na2S2O3 =158,1) [R1=91,02
%]

93. Una soluzione contenente cloro (SOL. M; PM 70,91) è stata analizzata come segue:
- 22,50 ml esatti vengono diluiti a 50,0 ml (SOL. A)
- 20,00 ml esatti di SOL. A vengono trasferiti e portati a volume in un matraccio da 100 ml
(SOL, B)
- 8,00 ml esatti di SOL. B vengono addizionati di un eccesso di KI e lo iodio che si sviluppa
viene retro titolato con 19,25 ml di una soluzione di tiosolfato sodico 0,0185 M.
Si chiede
D. di scrivere tutte le reazioni analitiche coinvolte nel processo (R1)
E. di calcolare il titolo in cloro attivo (g/l) della soluzione iniziale di cloro (R2)
F. di dire quale indicatore si deve usare e quando lo si deve aggiungere (R3)
(R2: 17,53 g/l; R3: salda d’amido verso la fine della titolazione)

94. Per analizzare un lotto di una soluzione di ipoclorito di sodio avente un titolo espresso in cloro
attivo del 5.0% p/p (d=1.08) sono stati utilizzati 28.2 ml di Na2S2O3 di cui 1 ml è equivalente a
16.05 mg di KIO3. Si calcoli il volume della soluzione di ipoclorito impiegato in questa
titolazione.
(PGF KIO3=214.0; PM Cl2=70.9)
[8.33 ml]

95. La titolazione, di tipo iodometrico, di 30.00 ml di una soluzione A di NaClO ha richiesto 30.25
ml di Na2S2O3 1.2 M. Sapendo che la soluzione A è stata ottenuta prelevando 148.70 ml di una
soluzione B di NaClO (densità = 1.15) e portandola a volume in un matraccio da 500 ml,
calcolare:
1) la % p/p della soluzione B (R1)
2) il titolo espresso come % p/p in cloro attivo della soluzione B (R2)
(PM NaClO=74.442; PM Cl2=70.9)
[R1= 13.17%; R2=12.54%]

96. Un'aliquota di 25,00 ml di una soluzione di H2O2 è stata titolata con una soluzione di KMnO4 di
cui 1 ml è equivalente a 131,0 mg di Na2C2O4; sapendo che sono stati impiegati 30,00 ml della
soluzione di KMnO4 determinare la concentrazione % p/v (R1) e il titolo in volumi (R2) della
soluzione di H2O2. Si calcoli inoltre il volume di ossigeno (R3) svolto in condizioni standard
durante la titolazione stessa. Nel caso fosse stato impiegato il metodo iodometrico per il
dosamento della H2O2 calcolare I millilitri teorici (R4) di Na2S2O3 1,000 N che si sarebbero
dovuti impiegare. (PM H2O2 = 34,01; PM Na2C2O4 = 134,0) [R1=3,99 %; R2=13,1 l;
R3=0,657 l; R4=58,65]

97. Si vuole determinare il titolo di una soluzione di ipoclorito commerciale col metodo
iodometrico (titolo in cloro attivo dichiarato 5.40% p/v). Determinare il volume (R1)
dell’aliquota di soluzione di ipoclorito commerciale da prelevare tale per cui portata a 250 ml
(SOL.A) e prelevata un’aliquota da 25.00 ml sia richiesto per la titolazione l’utilizzo di 25.00
ml di Na2S2O3 0.1 N.
Trasferita quindi l’aliquota R1 in un matraccio da 250 ml, vengono prelevati 25.00 ml e dopo
diluizione con acqua, acidificazione con CH3COOH e aggiunta di un eccesso di KI si titola con
Na2S2O3 0.1 N utilizzando 24.90 ml di titolante e salda d’amido come indicatore. Si chiede il titolo
effettivo in cloro attivo della soluzione commerciale di ipoclorito espresso come %p/v (R2).
(PM Cl2=70.9)
[R1=16.4 ml; R2=5.38%]

Titolazioni precipitimetriche e complessometriche

98. Una soluzione di AgNO3 (SOL. A, PM 169.9) viene standardizzata secondo il metodo di Mohr
con NaCl puro (PM 58). Si utilizzano 41.06 ml di soluzione A per titolare 0.3245 g di NaCl.
Calcolare la N e la %p/v della SOL. A. Se 42.36 ml della SOL. A vengono addizionati a 0.4255
g di KCl (PM 74) e si retrotitola con l’eccesso di ioni argento con 7.25 ml di KSCN 0.0922 N
(PM 97), quale sarà la purezza del KCl considerato? (N=0.136; 2.34% p/v; purezza 88.56%)

99. Un campione di 1,600 grammi di CaBr2 6 H2O e materiale inerte è stato sciolto in acqua e alla
soluzione risultante sono stati aggiunti 50,00 ml di Argento nitrato 0,200 N. La determinazione
quantitativa è stata completata titolando con 4,00 ml di una soluzione di KSCN 0,100 N.
-
Calcolare la percentuale di calcio bromuro esaidrato (R1), di materiale inerte (R2) e di Br (R3)
presenti nel campione. (PGF CaBr2 6 H2O = 307,8 PA Br = 79,90; R1: 92.34%; R2: 7.66%;
R3: 47.94%)

100. Un campione di una soluzione di 2,0 g contenente sodio solfato e calcio solfato viene
solubilizzato in un matraccio da 200,0 ml e portato a volume con acqua. 25,0 ml di soluzione
richiedono 35,0 ml di una soluzione di EDTA 0,01 M. Calcolare la % di sodio solfato nel
campione. (PM calcio solfato 136; 80,96%)

101. Un campione esattamente pesato di clorobutanolo (0,3500 g; PM 177.5) è stato sciolto in


etanolo in un matraccio tarato da 100 ml. Di questa soluzione sono stati prelevati 50,00 ml ai
quali, in adatto recipiente sono stati aggiunti 10 ml di NaOH diluito riscaldando a bagno maria
per 10 minuti. Dopo raffreddamento e acidificazione con HNO3 diluito, sono stati aggiunti 50,0
ml di AgNO3 0,1000 N (PM 169.87) e 1 ml di dibutilftalato; dopo aver agitato molto bene una
soluzione si è titolato con 24,2 ml di una soluzione di ammonio solfocianuro di cui 1 ml è
equivalente a 15,4 mg di AgNO3. Si calcoli la purezza del farmaco in esame e si scrivano tutte
le relative reazioni. [R=95 %]

102. Calcolare i millilitri (R1) di una soluzione di NH4SCN (1 ml della quale è equivalente a 5,29
mg di NaCl) necessari per titolare secondo F.U. 50,0 ml di una soluzione ottenuta sciogliendo
in un matraccio da 100 ml 350,0 mg, esattamente pesati di clorobutanolo la cui purezza è del
95,0 %. Si rammenta che la titolazione secondo F.U. Del clorobutanolo prevede il trattamento
dell'aliquota di soluzione da titolare con della NaOH diluita e successivamente dopo
acidificazione con acido nitrico diluito, l'impiego di 50,0 ml di AgNO3 0,1000 N in presenza di
1 ml di dibutilftalato.(PM Clorobutanolo = 177,5; PM NaCl = 58,443) [R1 = 24,20 ml]

103. Una soluzione di argento nitrato è stata standardizzata con il metodo di Mohr e 35,7 ml di tale
soluzione sono stati necessari per titolare 0,2145 g di sodio cloruro puro (PM 58.44). 50 ml
della stessa soluzione sono stati in seguito aggiunti ad un campione di potassio cloruro (PM
74.55) impuro del peso 0,4150 g. Per titolare l'eccesso di ioni argento sono stati necessari 15,2
ml di tiocianato di potassio 0,0917 N. Calcolare la normalità della soluzione di argento nitrato
(R1) e la percentuale di potassio cloruro (R2) contenuta nel campione.[R1=0.103N;
R2=67.5%]

104. Un campione di 0,8000 g esattamente pesato contenente CaCl2 (PM 110.98), CaSO4 (PM
134.14) e delle impurezze inerti è stato solubilizzato e portato a volume con H2O in un
matraccio da 200 ml. Si prelevano due aliquote da 100 ml ciascuna e si effettuano le seguenti
determinazioni: a. alla prima aliquota si aggiungono 50,0 ml di AgNO3 0,0500 M e si
retrotitola l'eccesso con 10,0 ml di KCNS 0,1000 M; b. la seconda aliquota è stata titolata
direttamente con 30,0 ml di EDTA 0,1000 M in presenza di opportuno indicatore. Calcolare la
percentuale di CaCl2 (R1) e di CaSO4 (R2). [R1 = 20,80 %; R2 = 76,58 %]

105. Un campione contenente KCl, CaCl2 e materiale inerte viene analizzato nel modo seguente:
8,000 grammi di campione vengono sciolti in 1,500 litri di acqua distillata; 150 ml della
soluzione risultante vengono addizionati di Ag+ in eccesso, ed il precipitato risultante, dopo
lavaggio ed essiccamento, risulta essere pari a 1,216 g. Altri 70 ml della soluzione iniziale
vengono trattati con Na2C2O4 in eccesso; il precipitato risultante, dopo esse stato disciolto in
una soluzione acida, viene titolato con 12,8 ml di KMnO4 0,1N (fattore di correzione pari a
1,043). Calcolare la composizione percentuale della miscela iniziale. Descrivere inoltre le
reazioni coinvolte. (KCl PM = 74.6; CaCl2 PM = 111.0; AgCl PM = 143.32; 19.85% CaCl2;
52.45% KCl; 27.7% materiale inerte)

106. Un campione contenente KCl e materiale inerte viene analizzato nel seguente modo: 2.702
grammi di tale campione vengono solubilizzati in 250 ml di acqua distillata; 20 ml di questa
soluzione vengono poi titolati secondo Mohr con 27,21 ml di AgNO3 0,1 N (f. c. = 1.056).
Calcolare la purezza percentuale del campione in esame (R1) e la percentuale di materiale
inerte presente nello stesso (R2). (PM KCl 74; R1 98,37%; R2 1,63%)

107. Una soluzione di AgNO3 (sol. A) viene standardizzata secondo il metodo di Mohr con NaCl
puro. Si utilizzano 42.30 ml di sol. A per titolare 0.2541 g di NaCl. Calcolare la N della sol. A.
Se 50,00 ml della sol. A vengono aggiunti a 0.4375 g di KCl e si retrotitola poi l’eccesso di ioni
argento con 9.70 ml di KSCN 0.0955 M, qual è la purezza del KCl considerato? (PM NaCl
58.44; PM KCl 74; N=0.103; 71.98%)

108. Vi viene fornita una beutina contenente NaCl (PM 58; SOL. M). Dovete trattare il campione
come segue:
a. trasferirne quantitativamente il contenuto in un matraccio da 100.00 ml portando a volume
con acqua (SOL. A)
b. prelevarne 15.00 ml e trasferirli in un secondo matraccio da 250,00 ml portando nuovamente
a volume con acqua (SOL. B)
Su 20,00 ml esatti di SOL B viene effettuata una titolazione con AgNO3 0.275 N che richiede 17.50
ml di titolante. Si chiede:
- di scrivere le reazioni coinvolte nel processo
- di calcolare i grammi di NaCl presenti nella SOL. M
- di dire in presenza di quale indicatore si è svolta la titolazione ed il viraggio previsto
- di dire che tipo di titolazione precipitimetrica si è effettuata.
(23,260 g NaCl)

109. Una soluzione di AgNO3 (SOL. A, PM 169.9) viene standardizzata secondo il metodo di Mohr
con NaCl puro (PM 58). Si utilizzano 20.50 ml di SOL. A per titolare 0.1617 g di NaCl.
Calcolare la N e la %p/v della SOL. A.
Se 22.00 ml della SOL. A vengono addizionati a 0.2010 g di KCl (PM 74) e si retrotitola con
l’eccesso di ioni argento con 6.55 ml di KSCN 0.0960 N (PM 97), quale sarà la purezza del KCl
considerato?
(N=0.136; 2.31% p/v; purezza 87.01%)

110. Un campione di KCl (0.3850 g) è stato titolato, secondo Vohlard, con 50 ml di una soluzione di
AgNO3 a titolo noto e 10.5 ml di KSCN 0.120 N.
La soluzione di AgNO3 utilizzata, era stata in precedenza standardizzata con il metodo di Mohr
impiegando 37.5 ml per titolare 0.2253 g di NaCl purissimo.
Determinare la purezza del campione di KCl.
(PGF NaCl= 58.44; PGF KCl= 74.55)
[75.14%]
111. Una soluzione di AgNO3 (SOL A, PM 169.9) viene standardizzata secondo il metodo di Mohr
con NaCl puro (PM 58). Si utilizzano 41.06 ml di soluzione A per titolare 0.3245 g di NaCl.
Calcolare la N e la %p/v della SOL A. Se 42.36 ml della SOL A vengono addizionati a 0.4255
g di KCl (PM 74.5) e si retrotitola l’eccesso di ioni argento con 7.25 ml di KSCN 0.0922 N
(PM 97), quale sarà la purezza del KCl considerato?
[0.136 N; 2,31%p/v; 89.17% purezza]

112. Un campione di 1.600 grammi di CaBr2•6H2O contenente del materiale inerte è stato sciolto in
acqua e alla soluzione risultante sono stati aggiunti 50.00 ml di argento nitrato 0.200 N. La
determinazione quantitativa è stata completata titolando con 4.00 ml di una soluzione di
tiocianato di potassio 0.100 N. Calcolare la percentuale di calcio bromuro esaidrato (R1), di
materiale inerte (R2) e di ioni Br- (R3) presenti nel campione.
(PGF CaBr2•6H2O=307.8; PA Br= 79.90)
[R1=92.34%; R2=7.66%; R3=47.94%]

113. Un campione di 0.4793 g contiene l’86.0% di argento (PA=107.9). Utilizzando il metodo di


Vohlard calcolare la normalità di KSCN tenendo presente che durante la titolazione non si
debbono usare più di 35.0 ml di titolante.[0.109 N]

114. Un campione di g 1,974 di Al2(SO4)3 * H2O (PM 666,4) è stato solubilizzato in H2O distillata
in un matraccio da 100 ml. Su 25,0 ml di questa soluzione è stato dosato, per via
complessometrica, l'alluminio aggiungendovi 50,0 ml di EDTA 0,0500 M e retrotitolando a
pH~6 l'eccesso di chelante con ZnSO4 0,0500 M in presenza di un opportuno indicatore.
Calcolare la percentuale di solfato di alluminio (R1) presente nel campione sapendo di avere
impiegato 20,4 ml della soluzione di ZnSO4. [R1 = 99,9 %]

115. 30 ml di una soluzione contenente ioni di calcio alla concentrazione di 0,005 M sono stati
titolati per via complessometrica con una soluzione di EDTA 0,01 M in presenza di un
tampone a pH = 9. Calcolare le concentrazioni (R1; R2) dello ione calcio dopo che sono stati
aggiunti 15 ml e 20 ml della soluzione di EDTA.( KCaY = 5,0 x 1010; α4 a pH = 9 = 5,2x10-
2
) [R1 = 1,13x10-6; R2=1,15x10-9]

116. Una soluzione di AgNO3 è stata standardizzata col metodo di Mohr e 35.7 ml di tale soluzione
sono stati necessari per titolare 0.2145 g di NaCl puro. 50 ml della stessa soluzione sono stati in
seguito aggiunti ad un campione di KCl impuro del peso di 0.4150 g. Per titolare l’eccesso di
ioni argento sono stati necessari 15.2 ml di KSCN 0.0917 N. Calcolare la normalità di AgNO3
(R1) e la percentuale di KCl (R2) contenuta nel campione.
(PGF NaCl= 58.44; PGF KCl= 74.55)
[R1= 0.103 N; R2=67.47%]

117. Un campione contenente KCl e materiale inerte viene analizzato nel seguente modo: 2.462 g di
tale campione vengono solubilizzati in 180 ml di acqua distillata; 20 ml di questa soluzione
vengono poi titolati secondo Mohr con 25.18 ml di AgNO3 0.1 N (f.c.=1.038). Calcolare la
purezza percentuale del campione in esame e la percentuale di materiale inerte presente nello
stesso .(PGF KCl= 74.55) [71.23% KCl; 28.77% inerte]

118. Un campione di magnesio cloruro esaidrato (PM 220.3) è stato analizzato per individuare
un'eventuale contaminazione di ferro solfato (oso) (PM 151.9). Un campione di g 1,0000 è
stato solubilizzato in un matraccio da 100 ml con acqua e, su due aliquote da 50 ml, sono state
eseguite le seguenti analisi: a) alla prima aliquota si aggiungono 50,00 ml di EDTA sodico
0.1000 M, l'indicatore nero eriocromo T, un tampone ammoniacale per fissare il pH = 10 e si
retrotitola con zinco cloruro 0,1000 M consumando 29,8 ml. b) alla seconda aliquota si
aggiunge una idonea quantità di acido solforico per avere una soluzione finale 1 M in acido e si
titola con esanitrato di cerio e ammonio 0,0100 M consumandone 15,0 ml in presenza di un
opportuna indicatore.Calcolare le percentuali (R1; R2) delle due sostanze presenti nel
campione. [R1=82.1%; R2= 4.56%]

119. Un campione contenente cloruro di calcio e materiale inerte (MISCELA M) è analizzato nel
modo seguente: 12,577 grammi di campione vengono sciolti in 1,500 litri di acqua distillata
(SOL. A) e 250 ml di tale soluzione sono ulteriormente diluiti a 500 ml (SOL. B); 24,00 ml di
SOL. B sono trattati con ossalato di sodio in eccesso ottenendo un precipitato che, dopo essere
stato disciolto in soluzione acida, è titolato con 2,85 ml di una soluzione di permanganato di
potassio (SOL. C) di cui 1 ml equivale a 0,273 ml di perossido di idrogeno 11,5 volumi (SOL.
D).
Dopo aver scritto tutte le reazioni coinvolte nel processo (R1), determinare:
A. La concentrazione M della SOL. D (R2)
B. La concentrazione N della SOL. C (R3)
C. La composizione percentuale della MISCELA M (R4)
D. La concentrazione percentuale p/v del calcio cloruro e del materiale inerte nella SOL. B
(R5)
E. La composizione g/l del calcio cloruro e del materiale inerte nella SOL. A (R6)
(Cloruro di calcio PM = 111.0)

[R1 CaCl2 + Na2C2O4  CaC2O4 + 2 NaCl oppure


2+ 2-
Ca + C2O4  CaC2O4
2MnO4- + 5H2C2O4 + 6H+  2Mn2+ + 10CO2 + 8H2O oppure
2MnO4- + 5C2O42- + 16H+  2Mn2+ + 10CO2 + 8H2O
- +
5 H2O2 + 2 MnO4 + 6H  5 O2 + 2 Mn2+ + 8H2O
H2O2  H20 + 1/2 O2
R2 1,026 M; R3 0,560 N; R4 88,08% CaCl2-11,92% materiale inerte; R5 0,3692% p/v CaCl2-
0,0499% p/v materiale inerte; R6 7,385 g/l CaCl2-0,99 g/l materiale inerte]

120. Un campione di Sodio solfato impuro (g 2,8530) è stato analizzato mediante retrotitolazione
complessometrica. Sono stati impiegati 100,0 ml di bario cloruro 0,200 M e 30,0 ml di una
soluzione di EDTA sodico 0,015 M. Calcolare la percentuale (R1) di analita contenuto nel
campione .Si calcoli inoltre quanti grammi (R2) di campione si sarebbero dovuti pesare qualora
il sodio solfato fosse stato decaidrato e se si dovessero mantenere gli stessi dati sperimentali.
(PGF sodio solfato = 142,04 PGF sodio solfato decaidrato = 322,04)
[R1:97.33; R2:6.468]

121. Un campione di 0,3867 g di calcio carbonato è disciolto in acido cloridrico e diluito con acqua
fino a 250,0 ml. Di questa soluzione se ne prelevano 30,0 ml che vengono titolati con 25 ml di
una soluzione di EDTA. Calcolare la concentrazione molare della soluzione di EDTA
utilizzata. (PM calcio carbonato 100,09; EDTA 0,0185 M)

122. 28,0 ml di una soluzione di zinco cloruro sono stati titolati con 40,27 ml di una soluzione di
EDTA 0,109 M (fc 0,988). Calcolare la quantità di zinco cloruro presente nella soluzione
analizzata ed esprimere la sua concentrazione come %p/v. (PM zinco cloruro 136,28; 0,591 g;
2,11 % p/v)

123. E' stato analizzato un campione (4,000 g) contenente solfato ferroso e alluminio solfato sciolto
in acqua e portato a volume in un matraccio da 200 ml. Sono state eseguite le seguenti
titolazioni: 1) a 25,00 ml della soluzione sono stati aggiunti 50,00 ml di una soluzione di EDTA
sodico 0.1000 N. Dopo aver tamponato a pH = 5 e aggiunto l'opportuno indicatore si retrotitola
con 20,00 ml di ZnSO4 0,1 M. 2) una seconda aliquota da 50,00 ml sono stati titolati in
ambiente acido con 20,00 ml KMnO4 0.1000 N. Sapendo che nella titolazione
complessometrica le Kf dei complessi dell'EDTA con il Fe2+ e Al3+ hanno valori non molto
diversi, calcolare le percentuali (R1, R2) dei componenti della miscela. (PGF Ferro solfato
(oso) = 151,9; PGF Alluminio solfato = 342,14) [R1=30,38 % FeSO4; R2=68,43 %
Al2(SO4)3]

124. 58,0 ml di una soluzione di EDTA sodico 0,05 M vengono addizionati a 0,4144 g di piombo e
l'eccesso di EDTA sodico viene retrotitolato con un volume Vx di una soluzione di solfato
di magnesio 0,1500 M. Calcolare il volume Vx.(PM piombo 201,19; Vx=5,6 ml)

125. Un campione di g 2,380 di solfato ferroso eptaidrato (PM 277.84) inquinato da solfato ferrico
(PM 399.7), viene disciolto in un matraccio da 100 ml e portato a volume con acqua
distillata. Si effettuano due determinazioni e si ottengono i seguenti dati sperimentali: a)
50,00 ml della soluzione richiedono 36,4 ml di potassio permanganato 0,1000 N in ambiente
acido; b) 50,00 ml, dopo opportuna aggiunta di BaCl2 al 5% (p/v), presentano i seguenti
valori di pesata relativi al precipitato secco (PM 233.44): 0,8776, 0,8777, 0,8779, 0,8788,
0,8785, 0,8791, 0,8776, 0,8795 grammi. Calcolare la percentuale di purezza del campione e
la percentuale di inquinante. [R1 (% FeSO4 7 H2O) = 84,87 %; R2 (% Fe2(SO4)3 ) =
1,34 %]

126. Un campione contenente NaI e materiale inerte è stato analizzato nel modo seguente:
0.45 g del campione vengono disciolti in 45 ml di H2O distillata, acidificati con H2SO4 ed
addizionati di KIO3 in sicuro eccesso. Dopo 15 minuti di riposo al buio la soluzione viene
titolata con 24 ml di Na2S2O3 0,1 N in presenza di salda d'amido.
a) Scrivere tutte le reazioni coinvolte.
b) Calcolare le percentuali dei componenti il campione.
c) Spiegare quale indicatore si utilizza nella titolazione ed in che modo.
(PM NaI=149,9 ; 66.62%NaI)