Sei sulla pagina 1di 1

IL PROTOCOLLO PER GLI AMBIENTI DI LAVORO

Informazione Pulizia Nelle aree geografiche Previsto l’uso della masche- ne degli spogliatoi
L’azienda affiggerà e sanificazione a maggiore endemia, rina chirurgica per tutti i Va garantita sanificazione
nei suoi uffici L’impresa assicura oltre le normali attività lavoratori che condividono periodica e pulizia
dépliant informativi pulizia giornaliera e di pulizia va prevista una spazi comuni giornaliera, con appositi
con le regole da rispettare sanificazione periodica sanificazione straordinaria Igiene personale detergenti dei locali
di tutti i locali aziendali alla riapertura mensa, delle tastiere
Obblighi Le precauzioni igieniche dei distributori
Restare a casa in presenza Se un dipendente è affetto Dispositivi di prote- sono obbligatorie,
da Covid-19, si procede zione individuale di bevande e snack
di febbre (oltre 37.5°) in particolare per le mani
o altri sintomi influenzali con pulizia e sanificazione Le mascherine dovranno L’azienda deve rendere Organizzazione
e ventilazione dei locali essere utilizzate in confor- accessibili a tutti i lavoratori aziendale
Divieto d’ingresso se (circolare numero 5443
a contatto con persone mità a quanto previsto dalle mezzi detergenti idonei Disporre la chiusura
del 22 febbraio 2020 del indicazioni dell’Organizzazi- per le mani di tutti i reparti diversi
positive al virus nei 14 ministero della Salute)
giorni precedenti one mondiale della sanità dalla produzione
Pulizia a fine turno Se la distanza tra le persone Gestione spazi Rimodulazione
In presenza di sintomi, e sanificazione periodica
informare il datore è forzatamente inferiore comuni dei livelli produttivi
di tastiere, schermi touch al metro, è necessario l’uso Turnazione dei dipendenti
di lavoro e mouse con adeguati Accesso contingentato agli
delle mascherine e di altri per diminuire le presenze
Ingresso in azienda detergenti dispositivi di protezione spazi comuni e sanificazio
Controllo della temperatu- Prediligere lo smart
ra prima dell’accesso working per le attività
al luogo di lavoro possibili a distanza
Chi rientra in azienda dopo Sospese e annullate tutte
aver avuto il Covid-19 deve le trasferte e i viaggi
portare un certificato in cui di lavoro nazionali
si attesta di essere negativi e internazionali
ai tamponi Riposizionamento
delle postazioni di lavoro
Accesso dei per garantire le distanze
fornitori esterni di sicurezza
Vanno individuate procedu-
re di ingresso, transito Entrata e uscita
e uscita specifiche dei dipendenti
per ridurre le occasioni di Si favoriscono orari
contatto con il personale di ingresso e uscita
Se possibile, gli autisti scaglionati
dei mezzi di trasporto Dove è possibile, occorre
devono rimanere a bordo dedicare una porta
dei propri mezzi di entrata e una porta
Per fornitori, trasportatori di uscita
e altro personale esterno Riunioni
individuare o installare ed eventi interni
servizi igienici dedicati 37.5° Non sono consentite
Va ridotto l’accesso riunioni in presenza
ai visitatori esterni Sospesi e annullati
tutti gli eventi interni

ALTRI CONSIGLI (PROGETTO “IMPRESE APERTE”)


Organizzazione Pulizia con panni in microfibra Utilizzo della mascherina
interna Va fatta con panni inumiditi con acqua
Riduzione al minimo diversi per ogni e sapone NON NECESSARIA Attività al chiuso, persona
dell'uso promiscuo superficie (ad esempio Smaltimento sola nella stanza/in auto
di strumenti di lavoro per porte, maniglie, dei rifiuti
finestre, vetri, tavoli, CONSIGLIATA Attività al chiuso,
Pasti in lunchbox, I rifiuti prodotti distanza sociale oltre 2 metri
da consumare in luogo interruttori)
dalle attività di pulizia Attività all’aperto,
aperto/in ufficio, Da eseguire, vanno raccolti
non in mense collettive con cadenza almeno distanza sociale 1 metro
in sacchetti sigillati
Prenotazione giornaliera, la pulizia e conferiti nella
per il ritiro di materiali delle griglie dell'im- raccolta indifferenziata NECESSARIA Attività al chiuso, distanza sociale
dal magazzino pianto di ventilazione compresa tra 2 metri e 1 metro

Fonte: "Imprese aperte", progetto coordinato dal Politecnico di Torino, con la partecipazione tra gli altri di: Università Bologna, Uni Pisa, Cgil, Cisl, Uil, Fca, Michelin, Confartigianato, Confesercenti