Sei sulla pagina 1di 1

MENDELSSOHN

Nonostante Mendelssohn sia nato un anno prima rispetto a Schumann e Chopin, questi viene considerato
più anziano di costoro poiché quando erano ancora giovani e sconosciuti, Mendelssohn aveva già scritto un
centinaio di composizioni, tra cui opere e sinfonie.
Nacque il 3 febbraio del 1809 ad Amburgo e trascorse la sua giovinezza a Berlino dove ricevette
l’educazione più elevata e completa, abbracciando sia gli studi umanistici che le arti figurative e musicali:
oltre al pianoforte e al violino studiò composizione fin dall’età di 10 anni. La casa dei Mendelssohn era il
salotto più importante di Berlino, dove si tenevano concerti ogni domenica, letture poetiche e
rappresentazioni teatrali.
Per completare la sua formazione musicale, Mendelssohn compì numerosi viaggi tra i quali quello in
Svizzera, in Francia, in Inghilterra, in Scozia e in Italia.
Educato sulla musica di Bach e dei classici viennesi, si cimentò in qualsiasi genere musicale con
stupefacente naturalezza: sonate, pezzi per pianoforte, fughette per organo, Lieder vocali o cori, Singspiel e
sinfonie per archi.
Verso i sedici anni acquisì un proprio stile indipendente e maturo, con l’Ottetto per archi op.20 e l’ouverture
per orchestra op.21.
Anche lui era uno strumentista virtuoso al pianoforte e all’organo, oltre ad essere un direttore d’orchestra
tra i più famose dell’epoca. Nella scelta dei suoi programmi si pose sempre finalità pedagogiche di
diffusione della nuova musica e di quella antica, rendendo così la città di Lipsia uno dei più propulsivi centri
musicali d’Europa.
A fianco della musica contemporanea e a quella dei classici viennesi, tra il 1834 e il 1838 inaugurò la pratica
dei “concerti storici”, ovvero la storia della musica in concerto con un repertorio che spaziava da Bach ai
suoi contemporaneinel 1829 vi fu l’esecuzione della Passione secondo Matteo di Bach, in una versione
rimodernata per renderla più accetta al pubblico ottocentesco.
L’assidua riproposizione degli oratori handeliani lo stimolò a comporne alcuni: Paulus, Elias, Christus.
Come direttore artistico fu impegnato tanto a Düsseldorf quanto a Lipsia, ma nel 1841 fu chiamato a
Berlino dal nuovo re di Prussia che aveva ambizioni progetti di riforme musicali: allestì delle tragedie greche
e drammi shakespeariani con musiche di scena scritte appositamenteMendelssohn compose quelle per
Antigone, Edipo a Colono, Sogno di una notte di mezza estate.

Il Conservatorio di Lipsia

Mendelssohn fu il fondatore e direttore del Conservatorio inaugurato nel 1843 e vi chiamò insegnanti di
altissimo livello come i coniugi Schumann, il danese Niels Gade e molti altri.
Nonostante l’atteggiamento mentale di stampo romantico, la sua formazione compositiva fa pensare
tutt’altro: basata principalmente sulle opere di Bach, Handel, Mozart e Beethoven e coagulata in una
scrittura classicamente limpida e netta, aliena dalle torbidezze armoniche, in molti lo hanno definito un
neoclassico, oppure un romantico classicheggiante.

Potrebbero piacerti anche