Sei sulla pagina 1di 1

In principio vi era il Caos. Da esso si generò Galam, l’Essere Originale.

Nella noia della solitudine però,


decise di dare ordine a tale Caos, generando l’Universo.
Galam generò quindi due figli, Garis e Zamon, ai quali donò rispettivamente il controllo dello spazio e del
tempo. I due fratelli però, cercando di entrare il possesso ognuno del potere dell’altro, iniziarono una
guerra fratricida.
Galam, osservando la scena con disprezzo, revocò i poteri ad entrambi, punendoli per il loro
comportamento rinchiudendoli in una realtà parallela. Subito dopo, creò una terza figlia, Sindiq, alla quale
donò tempo e spazio con il compito di nasconderli dai suoi fratelli.
Garis e Zamon, rinchiusi nella realtà parallela, complottarono per l’uccisione del loro padre ed il furto dei
loro vecchi poteri, preferendo dividerli tra loro piuttosto che rimanerne senza. I due infatti, in quanto creati
da Galam stesso, riuscirono ad evadere dalla loro prigione ed affrontarlo. Durante il combattimento, però, i
due fratelli si resero conto che l’Essere Supremo non era più in possesso di tali poteri, ma erano comunque
ancora esistenti in qualche luogo. Decisero quindi di imprigionare Galam, cercando di farsi dire dove li
avesse nascosti.
Sindiq nel mentre, capendo non solo la necessità di nascondere tali poteri nel miglior modo possibile ma
anche di doverli preservare, decise di creare un piccolo globo e chiamarlo Terra, sul quale avrebbe
suddiviso 6 zone ed ognuna delle quali avrebbe dovuto proteggere un frammento dei poteri. Prese quindi
tempo e spazio e li divise in 3 pezzi ciascuno, donandoli a 6 figli che generò dal proprio corpo: Europa, Asia,
Antartide, America, Oceania e Africa. I tre figli maschi avrebbero avuto il compito di proteggere i frammenti
dello spazio, mentre le tre figlie femmine gli altrettanti frammenti del tempo. Ognuno avrebbe dovuto
nascondere il proprio frammento in un luogo a loro scelta della zona del globo assegnatagli, nascondendolo
persino alla propria madre Sindiq. Fatto ciò quindi creò le condizioni affinché su Terra si potessero generare
esseri in grado di aiutare i suoi figli, sebbene inconsapevolmente dato che nemmeno a loro era possibile
conoscere l’ubicazione di tali frammenti. Questi esseri avrebbero avuto inconsciamente la capacità di
proteggere questi poteri, aiutando così i 6 fratelli a nasconderli dai propri zii. Una volta quindi create le
condizioni favorevoli all’occultazione di tali poteri trascendentali, Sindiq decise di tornare dal proprio padre,
trovandolo rinchiuso a causa dei suoi fratelli.