Sei sulla pagina 1di 91

Set Domande

BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Generato il 05/10/2019 12:53:27


N° Domande Aperte 282
N° Domande Chiuse 503
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 3
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 49
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 63
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 66
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 69
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 85
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 87
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 89

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 2/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 002
01. Gli oceani costituivano un ambiente adatto per i primi organismi, perché...

erano ricchi di ossigeno.

proteggevano gli organismi dalla luce ultravioletta.

proteggevano gli organismi dalla luce visibile.

contenevano ozono.

02. Quale dei seguenti gas NON si è probabilmente riversato nell'atmosfera in seguito alle intense eruzioni vulcaniche che ebbero luogo durante la storia
primordiale della Terra?

Diossido di carbonio

Azoto

Acido solfidrico

Ossigeno

03. Quali caratteristiche distinguono gli organismi viventi dagli oggetti non viventi?

04. Che cos'è un organismo eterotrofo?

05. Quali sono stati i passaggi fondamentali per lo sviluppo della vita sulla terra

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 3/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 006
01. Il peso molecolare di una molecola di ossigeno O2 (numero atomico O=8; peso atomico O=16) è

16 uma

32 grammi

32 uma

Corrisponde al valore del peso atomico di O ma misurato in unità di massa atomica (uma)

02. Il legame a idrogeno

È il legame che determina la formazione delle molecole di acqua

Lega atomi con parziali cariche elettriche di segno opposto

Si crea tra gli atomi di idrogeno di diverse molecole di acqua

Prevede la condivisione di un atomo di idrogeno tra due molecole

03. Quale delle seguenti affermazioni sul legame covalente NON è vera?

È più forte di un legame a idrogeno

È prodotto dalla condivisione di elettroni tra due atomi

Tra due atomi può formarsi solo un singolo legame covalente

Si può formare tra atomi del medesimo elemento

04. Un acido e una base

Sono due forme diverse di uno stesso elemento quando questo acquista o perde degli elettroni

Si creano per trasferimento di ioni idrogeno da un elemento a un altro

Sono due forme diverse dello stesso elemento quando questo acquista o perde ioni idrogeno

Possono reagire insieme dando luogo a un sale

05. Quale di queste formule chimiche descrive il numero e l'organizzazione degli atomi presenti in una molecola?

La formula semplice

La formula molecolare

La formula delle equazioni chimiche

La formula di struttura

06. Il peso atomico (massa atomica) di un elemento

È la media ponderata del numero di protoni più quello di neutroni pesato sull'abbondanza relativa degli isotopi in natura

È uguale al numero degli elettroni di un atomo dell'elemento

È uguale al numero di protoni di un atomo dell'elemento

È uguale al numero di neutroni di un atomo dell'elemento

07. La formula generale di un chetone (R = radicale alchilico) è:

R-OH

R-COOH

R-CHO

R-CO-R'

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 4/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Quale delle seguenti affermazioni sugli isotopi di un elemento NON è vera?

Hanno lo stesso numero atomico

Hanno identiche proprietà chimiche

Hanno lo stesso numero di elettroni

Hanno lo stesso numero di neutroni

09. Quale delle seguenti frasi può riferirsi ad un elettrone?

Carica positiva e massa trascurabile

Massa trascurabile e ubicazione nel nucleo

Massa trascurabile e ubicazione in un orbitale

Carica positiva e ubicazione in un orbitale

10. Si definiscono isomeri, composti ...

che hanno gli stessi punti di fusione

che hanno la stessa formula molecolare e diversa disposizione degli atomi nello spazio

con diversa formula molecolare ma stessa disposizione degli atomi nello spazio

che hanno gli stessi gruppi funzionali

11. La formula generale di un alcol (R = radicale alchilico) è:

R-OH

R-CHO

R-COOH

R-CO-R'

12. La formula generale di un acido organico (R = radicale alchilico) è:

R-COOH

R-CHO

R-CO-R'

R-OH

13. La formula generale di un'aldeide (R = radicale alchilico) è:

R-CN

R-CHO

R-OH

R-COOH

14. La mole di una sostanza

Varia se si stimano gli atomi o le molecole in essa contenuti

È data dal numero di Avogadro diviso il numero atomico

È costituita da un numero di particelle variabile, a seconda della sostanza considerata

Contiene sempre un numero costante di unità (atomi o molecole)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 5/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Nella formazione di un legame ionico

Il movimento degli elettroni è determinato dall'elettronegatività degli elementi coinvolti

Si generano isotopi

Può esserci trasferimento o condivisione di elettroni

Gli atomi sono tenuti insieme da una forza di attrazione elettrica

16. Quali delle sostanze riportate sotto sono isomere tra loro?
A) CH3-CH2-CHF2
B) CH2F-CHF-CH3
C) CH3-CH2-CF3
D) CHF2-CH2-CH3

AeB

AeC

AeD

BeC

17. Il gruppo funzionale -CO si chiama:

carbossilico

carbonilico

alcoolico

chetonico

18. Quale delle seguenti affermazioni sul legame covalente è vera?

È prodotto dalla cessione di elettroni da un atomo che forma il legame ad un altro

È più debole di un legame a idrogeno

Si può formare tra atomi del medesimo elemento

Tra due atomi può formarsi solo un singolo legame covalente

19. Quale di queste affermazioni su acidi e basi NON è vera

Le basi in soluzione acquosa determinano un pH inferiore a 7

Possono reagire insieme dando luogo a un sale

Le basi in soluzione acquosa determinano un pH superiore a 7

Gli acidi in soluzione acquosa determinano un pH inferiore a 7

20. Per triplo legame si intende:

nessuna delle risposte è corretta

un legame fra tre molecole

un legame derivante dalla compartecipazione di tre coppie di elettroni

un legame fra tre atomi

21. Quali delle sostanze riportate sotto sono isomere tra loro?
A) CH3-CHBr2
B) CH3-CH2Br
C) CH3-CBr3
D) CH2Br-CH2Br

AeB

AeD

BeD

AeC

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 6/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. La mole di una sostanza

Ha un peso che corrisponde al peso molecolare della sostanza espresso in grammi

È data dal numero di Avogadro diviso il numero atomico

È costituita da un numero di particelle variabile, a seconda della sostanza considerata

Varia se si stimano gli atomi o le molecole in essa contenuti

23. Il gruppo funzionale -CHO si chiama:

carbossilico

alcoolico

chetonico

aldeidico

24. Il gruppo funzionale -OH si chiama:

chetonico

aldeidico

carbossilico

alcoolico

25. Il gruppo funzionale R-CO-R si chiama:

chetonico

carbossilico

alcoolico

aldeidico

26. Il gruppo funzionale R-COOH si chiama:

carbossilico

alcoolico

chetonico

aldeidico

27. Un gruppo -OH è presente:

nelle ammine

negli alcoli

negli idrocarburi

nei chetoni

28. La formula generale di un acido organico è:

R-CO-R'

R-CH2OH

R-CHO

R-COOH

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 7/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Gli isomeri sono composti che hanno:

la stessa formula di struttura

le stesse proprietà chimiche

la stessa formula bruta

la stessa carica

30. L'isomeria ottica (stereoisomeria) è dovuta alla presenza nella molecola di:

un triplo legame

due gruppi funzionali diversi

un atomo di carbonio legato a 4 gruppi diversi

un doppio legame

31. Quando si ha l' isomeria geometrica?

quando si ha la presenza di un doppio legame tra due atomi di C legati a sostituenti diversi

quando si ha la presenza di un C legato a 4 gruppi diversi

quando si ha diversa posizione di un sostituente su una catena di atomi di C

quando si ha la presenza di un triplo legame tra due atomi di C legati a sostituenti diversi

32. Descrivi le diverse tipologie di legame intermolecolare importanti nelle molecole biologiche. Fai degli esempi

33. Descrivi il legame covalente. Inoltre cosa si intende per legame covalente polare o apolare?

34. Che cosa sono la formula molecolare e la formula di struttura di una molecola?

35. Descrivi il legame ionico

36. Cosa sono i sali?

37. Descrivi il fenomeno dell'idratazione

38. Cosa si intende per sostanze idrofobiche? Fai degli esempi

39. Descrivi il legame ad idrogeno. Perchè è importante nelle molecole biologiche? Fai degli esempi

40. Cosa sono le interazioni di Van der Waals? Fai degli esempi di interazioni di Van der Waals nelle molecole biologiche

41. Quali sono le proprietà coesive ed adesive dell'acqua? Cos'è la capillarità?

42. Cosa si intende per sostanze idrofiliche? Fai degli esempi

43. Cosa si intende per polarità e apolarità? Fai degli esempi

44. Cosa vuol dire che l'acqua tende a dissociarsi? Cos'è il pH?

45. A cosa servono i radioisotopi? Che cos'è la PET?

46. Che cos'è una molecola? Fai degli esempi

47. Descrivi la struttura dell'atomo

48. Com'è strutturato l'atomo del carbonio 14? Perchè è utile in biologia?

49. Cosa vuol dire che un legame covalente è polare? Quali sono le sue caratteristiche?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 8/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

50. Cosa sono gli orbitali? Quanti elettroni posso ospitare?

51. Descrivi le caratteristiche delle particelle subatomiche

52. A cosa può servire la regolazione del pH negli organismi e nelle cellule? Fai degli esempi

53. Che cosa rappresentano il numero atomico ed il numero di massa?

54. Descrivi le diverse tipologie di legame chimico

55. Cos è l elettronegatività? Perchè è una caratteristica importante per le molecole biologiche?

56. Quali sono stati i passaggi fondamentali per lo sviluppo della vita sulla terra?

57. Com'è definita l'uma?

58. Cosa vuol dire che un organismo è autotrofo o eterotrofo?

59. Quali sono le differenze tra gli organismi aerobi e anaerobi?

60. Quali sono le caratteristiche della vita?

61. Che cosa caratterizza un elemento chimico?

62. Com'è strutturato il sistema periodico (o tavola periodica) degli elementi?

63. Cosa significa il termine"periodicità" per alcune caratteristiche chimiche? Fai degli esempi

64. Qual'è la definizione di acido e di base? Cosa succede quando si mescolano?

65. Perché la massa o peso atomico di un elemento non è un numero intero?

66. Cosa sono gli isotopi?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 9/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 009
01. I polimeri possono essere degradati nei monomeri che li compongono mediante

Isomerizzazione

Esterificazione

Idrolisi

Condensazione

02. Nelle proteine, la struttura primaria è definita:

dai legami a idrogeno

dalla formazione di una alfa elica

dalla sequenza degli amminoacidi

dalla composizione in amminoacidi

03. I fosfolipidi presentano una porzione della molecola idrofila perché

Uno degli acidi grassi è sostituito da un fosfato legato a una colina

Sono dei lipidi privi di acidi grassi

Presentano delle code di acidi grassi polari

Uno degli acidi grassi è sostituito da un solfato

04. Gli acidi grassi sono...

generalmente presenti nelle proteine idrosolubili.

polimeri di monosaccaridi di elevate dimensioni.

acidi carbossilici dotati di lunghe code idrocarburiche.

idrocarburi saturi.

05. I fosfolipidi differiscono dai trigliceridi in quanto i primi...

non sono derivati del glicerolo.

sono anfipatici.

non contengono acidi grassi.

non possiedono porzioni idrofiliche e porzioni idrofobiche.

06. La struttura generale di un amminoacido è

Un atomo di carbonio a cui sono legati un gruppo amminico, un gruppo carbossilico e un gruppo R

Un atomo di carbonio da cui partono catene polisaccaridiche ramificate

Una struttura assiale composta da atomi di carbonio

Un atomo di carbonio a cui sono legati due gruppi carbossilici, che cedendo protoni formano legami

07. I trigliceridi sono:

steroidi

zuccheri complessi

i prodotti di idrolisi dei grassi

triesteri del glicerolo e 3 acidi grassi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 10/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Gli amminoacidi naturali sono:

64

20

più di 1000

09. Glucosio e fruttosio:

sono entrambi disaccaridi

hanno diverso numero di atomi di carbonio

hanno diverso gruppo funzionale

hanno diverso peso molecolare

10. Il legame che stabilizza l'alfa elica di una proteina è:

a ponte disolfuro

ammidico

a ponte idrogeno

peptidico

11. In un disaccaride i due monosaccaridi costituenti sono legati attraverso un legame:

peptidico

ammidico

glicosidico

secondario

12. Il colesterolo è:

un fosfolipide

un acido grasso

un trigliceride

uno steroide

13. Tutti i lipidi

Sono idrofili

Contengono acidi grassi

Sono delle cere

Sono insolubili in acqua

14. Le proteine sono polimeri costituiti:

da unità monosaccaridiche unite da legami glicosidici

da amminoacidi legati tra loro da legami peptidici

da amminoacidi legati tra loro con legami idrogeno

dall'unione di più molecole di acidi grassi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 11/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Quale delle seguenti sostanze NON è un lipide?

colesterolo

acido grasso

cortisolo

insulina

16. Quale delle seguenti sostanze NON è una proteina?

insulina

tirosin chinasi

mioglobina

colesterolo

17. Nei trigliceridi gli acidi grassi sono legati a:

propandiolo

1- propanolo

acido glicerico

glicerolo

18. Indicare quale tra seguenti composti è un carboidrato:

colesterolo

glicina

fruttosio

acido oleico

19. Tutti i carboidrati

sono costituiti da uno o più zuccheri semplici

sono più solubili in solventi apolari che in acqua

sono polimeri

si trovano nelle membrane biologiche

20. I monomeri possono essere uniti in polimeri mediante reazioni di:

Isomerizzazione

Condensazione

Idrolisi

Esterificazione

21. Cosa significa che una proteina è denaturata:

Si perde la sua attività biologica, a causa della rottura di legami e apertura della catene peptidiche

Si perde momentaneamente la sua attività biologica per l'azione di un inibitore competitivo

Varia la sua attività biologica in seguito al legame con un regolatore allosterico

La proteina è stata degradata dai lisosomi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 12/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Un acido grasso si definisce saturo

Se presenta degli atomi di carbonio uniti da doppi legami

Se non è solubile in acqua

Se al suo interno non si ritrovano gruppi funzionali

Se non presenta doppi legami

23. Le proteine con struttura quaternaria:

possono presentare ponti disolfuro, S-S, che stabilizzano l'interazione tra le subunità

non presentano strutture ad alpha elica o a beta foglietto

sono formate da un'unica catena polipeptidica

sono tutte formate da almeno quattro subunità

24. Quale di queste affermazioni sui lipidi è vera?

Contengono tutti colesterolo

Sono idrofobici

Sono solubili in acqua

Contengono tutti acidi grassi

25. Quale delle seguenti affermazioni è una differenza tra RNA e DNA?

L'RNA non contiene nucleotidi, il DNA si

L'RNA contiene ribosio, il DNA desossiribosio

L'RNA contiene 3 basi azotate, il DNA 4

L'RNA contiene adenina, al posto dell'adenina il DNA contiene timina

26. I legami peptidici che formano una proteina si costituiscono coinvolgendo

Un gruppo ossidrilico terminale e un idrogeno

Un gruppo carbossilico terminale e un gruppo aminico terminale

Un gruppo ossidrilico interno e un gruppo aminico terminale

Un gruppo ossidrilico terminale e un gruppo aminico terminale

27. Un acido grasso si definisce insaturo

Se non presenta doppi legami

Se non è solubile in acqua

Se presenta degli atomi di carbonio uniti da doppi legami

Se al suo interno non si ritrovano gruppi funzionali

28. Denaturazione di una proteina significa che:

Si perde la sua attività biologica, a causa della rottura di legami e apertura della catene peptidiche

Si perde momentaneamente la sua attività biologica, che viene poi recuperata in condizioni favorevoli

Aumenta la temperatura dell'organismo

Varia la sua attività biologica in seguito al cambiamento della struttura terziaria

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 13/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Gli acidi nucleici sono tenuti insieme da legami fosfodiesterici (o fosfodiestere) che si formano tra

Una base azotata e uno zucchero

Due purine

Due basi azotate

Un gruppo fosfato e due zuccheri

30. Quale dei seguenti composti contiene soltanto glucosio?

glicogeno

saccarosio

DNA

insulina

31. La struttura primaria di una proteina, formata da una o più catene polipeptidiche, è definita da:

la posizione nella catena proteica dei gruppi amminici primari

l'ordine di successione degli aminoacidi nelle catene polipeptidiche

la disposizione assunta dalle catene polipeptidiche quando sono denaturate

il ripiegamento ad alfa-elica presente in alcuni tratti delle catene polipeptidiche

32. Quali legami chimici determinano la struttura primaria di una proteina:

legami idrogeno

legami covalenti peptidici

interazioni idrofobiche

forze di Van der Waals

33. La struttura secondaria dei una proteina è data:

dalla forma tridimensionale del polipeptide

dal ripiegamento del polipepetide prodotto da legami ad idrogeno

dalla sequenza degli amminoacidi

dall'unione di 2 o più catene

34. Le proteine con struttura quaternaria:

sono formate dall'assemblaggio di più subunità distinte

presentano tutte ponti disolfuro, S-S, che stabilizzano l'interazione tra le subunità

sono formate da almeno quattro subunità

possono assumere quattro diversi tipi di conformazione

35. Fai degli esempi di molecole appartenenti alla categoria dei carboidrati

36. In cosa differiscono il DNA e l'RNA?

37. Fai degli esempi di molecole appartenenti alla categoria dei lipidi

38. Quali sono le categorie di biomolecole che costituiscono gli esseri viventi?

39. Perchè il carbonio è l'elemento ideale per formare molecole complesse?

40. I legami ad idrogeno e le interazioni di Van der Waals sonomolto più deboli dei legami covalenti; ciononostante sono fondamentali per gli organismi, perché?

41. Che tipologia di isomeri sono gli enantiomeri? Fai un esempio

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 14/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

42. Cosa sono gli isomeri?

43. Qual è la struttura base di un amminoacido? Quali tipologie di amminoacidi sono presenti nelle proteine?

44. Cosa sono le purine e le pirimidine? Che tipo di struttura hanno?

45. Com' è fatto un nucleotide?

46. Descrivi le tipologie di forme e di legami che caratterizzano i diversi livelli di struttura delle proteine

47. Descrivi i 4 livelli di struttura delle proteine

48. Descrivi le caratteristiche degli acidi grassi (saturi ed insaturi)

49. Quali sono i principali carboidrati di riserva?

50. Quali sono le principali caratteristiche dei carboidrati?

51. Cosa vuol dire che una molecola è anfipatica? Fai degli esempi di come queste molecole vengono "utilizzate" dalle cellule

52. Cosa sono i polimeri? Come si formano e come si degradano?

53. Quali sono i gruppi funzionali presenti nelle biomolecole e come si riconoscono?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 15/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 012
01. Quale delle seguenti affermazioni sui procarioti è falsa

non presentano ribosomi

sono privi della membrana nucleare

possiedono DNA o RNA

possiedono una membrana cellulare

02. Nella cellula eucariotica troviamo il DNA, oltre che nel nucleo

Nel reticolo endoplasmatico liscio

Nell'apparato di Golgi

Nei mitocondri

Nei ribosomi

03. Tutte le seguenti affermazioni riguardanti la membrana cellulare sono corrette, eccetto una. Quale?

Contiene colesterolo

Ha una struttura rigida composta da cellulosa

Separa la cellula dall'ambiente circostante

È una struttura a doppio strato composto da lipidi e proteine

04. Indicare quale dei sottoelencati organelli delle cellule eucariotiche è delimitato da una doppia membrana

perossisoma

Reticolo endoplasmatico liscio

mitocondrio

lisosoma

05. A livello del nucleolo avviene la sintesi di:

RNA transfer

istoni

RNA ribosomiali

RNA messaggero

06. Nelle cellule animali, il DNA è contenuto:

Nel nucleo e nei mitocondri

Nel nucleo e nei ribosomi

In tutti i compartimenti cellulari

Nel nucleo

07. Tra quelle elencate, qual è il distretto cellulare implicato nel processo di trascrizione in una cellula eucariotica?

Lisosoma

Apparato del Golgi

Citoplasma

Nucleo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 16/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Tra quelle elencate, qual è il distretto cellulare implicato nel processo di traduzione in una cellula eucariotica?

Membrana plasmatica

Matrice extracellulare

Nucleolo

Citoplasma

09. Quale delle seguenti affermazioni relativa ai mitocondri NON è vera?

Possiedono un loro DNA

Al loro interno viene prodotta una grande quantità di ATP

La loro membrana interna si introflette a formare delle creste

Sono verdi perchè contengono clorofilla

10. Nella cellula eucariotica troviamo RNA

Nei ribosomi

Nei mitocondri

Nel reticolo endoplasmatico liscio

Nell'apparato di Golgi

11. Nell'apparato del Golgi avviene

lo splicing degli mRNA

la sintesi di ATP

la modificazione e lo smistamento delle proteine

la degradazione delle molecole

12. Tutte le strutture sotto indicate concorrono alla costituzione del citoscheletro, eccetto una. Quale?

Filamenti di actina

Fibre di cromatina

Microtubuli

Filamenti intermedi

13. La struttura 9 + 2 fa riferimento

All'organizzazione dei microfilamenti intorno alle ciglia o ai flagelli

Nessuna delle risposte è corretta

Alla disposizione dei microtubuli all'interno delle ciglia e dei flagelli

Al numero di ciglia o flagelli

14. La struttura 9 + 1 fa riferimento

All'organizzazione dei microfilamenti intorno alle ciglia o ai flagelli

Alla disposizione dei microtubuli all'interno delle ciglia e dei flagelli

Nessuna delle risposte è corretta

Al numero di ciglia o flagelli

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 17/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Quale di queste è una funzione del reticolo endoplasmatico liscio?

La sintesi di carboidrati e lipidi

La sintesi di colesterolo e proteine

La sintesi di colesterolo ed enzimi

La sintesi di carboidrati e proteine

16. Quale di queste è una funzione del reticolo endoplasmatico liscio?

Lo smistamento delle sostanze nella cellula

La sintesi di fosfolipidi

La digestione intracellulare

La sintesi di proteine

17. Quale di queste è una funzione del reticolo endoplasmatico liscio?

La digestione intracellulare

Lo smistamento delle sostanze nella cellula

La degrazione di alcune sostanze tossiche

La sintesi di proteine

18. Qual è la funzione principale del complesso di Golgi?

La digestione intracellulare

La respirazione cellulare

La sintesi di proteine

Lo smistamento delle sostanze nella cellula

19. Qual è la funzione principale del reticolo endoplasmatico rugoso?

La digestione intracellulare

Lo smistamento delle sostanze nella cellula

La sintesi di proteine

La respirazione cellulare

20. Sia gli eucarioti sia i procarioti...

contengono nuclei.

dispongono di membrane plasmatiche.

sono pluricellulari.

possiedono organuli.

21. Quale delle seguenti affermazioni sui mitocondri è vera?

Contengono enzimi per la respirazione cellulare

Sono la sede della digestione cellulare

Contengono i perossisomi

Non sono rivestiti da membrane

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 18/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Qual è la funzione principale dei ribosomi?

La sintesi di proteine

La respirazione cellulare

La digestione intracellulare

L' immagazzinamento di energia

23. L'osservazione che le proteine della membrana plasmatica sono in grado di spostarsi è una prova:

Dell'interazione fra le proteine di membrana di due tipi diversi di cellule

Della struttura a doppio strato delle membrane biologiche

Del movimento a flip-flop delle proteine da uno strato all'altro della membrana

Del modello a mosaico fluido

24. La struttura 8 + 2 fa riferimento

Alla disposizione dei microtubuli all'interno delle ciglia e dei flagelli

Nessuna delle risposte è corretta

All'organizzazione dei microfilamenti intorno alle ciglia o ai flagelli

Al numero di ciglia o flagelli

25. Quale delle seguenti affermazioni è FALSA?

L'anello contrattile che separa le due cellule figlie al termine della mitosi (citochinesi) è formato da filamenti intermedi.

I filamenti di actina sono microfilamenti

I microfilamenti fanno parte del citoscheletro.

Actina e miosina sono componenti fondamentali del muscolo scheletrico.

26. La caratteristica più importante che distingue una cellula eucariotica da una procariotica è

la presenza di un nucleo

la presenza di DNA

la presenza di una membrana plasmatica

le minori dimensioni della cellula eucariotica

27. Gli chaperoni molecolari...

sono piccole molecole presenti nel citoplasma.

sono enzimi che aggiungono gruppi funzionali ai polipeptidi.

legano proteine in maniera irreversibile al fine della loro denaturazione.

possono impedire interazioni dannose causate da proteine ripiegate in maniera non appropriata.

28. Nelle cellule dei mammiferi, la principale funzione del reticolo endoplasmatico rugoso è quella di:

sintetizzare proteine

partecipare alla demolizione di alcuni farmaci e di altre sostanze potenzialmente nocive

sintetizzare carboidrati

sintetizzare lipidi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 19/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Quale delle seguenti affermazioni sulla cellula è vera?

I ribosomi sono la sede della sintesi delle proteine

I virus sono le cellule più semplici

I lisosomi contengono enzimi per la sintesi di sostanze fondamentali per la cellula

Il nucleo delle cellule procariotiche è circondato da una doppia membrana

30. Il nucleo della cellula contiene:

mitocondri

lisosomi

centrioli

cromosomi

31. Nelle cellule eucariote gli enzimi della catena respiratoria sono localizzati:

nei lisosomi

nella matrice mitocondriale

nei ribosomi

nella membrana nucleare

32. Quale delle seguenti affermazioni riguardanti i ribosomi è corretta?

Sono presenti nelle cellule eucariotiche e nelle cellule procariotiche

Sono gli organelli nei quali viene prodotta l'ATP

Sono presenti solo nelle cellule eucariotiche

Sono gli organelli di maggiori dimensioni dopo il nucleo

33. Il sito della sintesi proteica è

Il reticolo endoplasmatico rugoso

I mitocondri

La cisterna cis del Golgi

Il nucleo

34. Dove avviene gran parte dello smistamento delle sostanze prodotte nel reticolo endoplasmatico

Nei lisosomi

Nel Golgi

Nel nucleo

Nella membrana plasmatica

35. I mitocondri sono presenti nei procarioti?

Si, ma solo in particolari condizioni ambientali

Si, ma solo nei batteri a respirazione aerobica

No, mai

Si, ma solo nei batteri gram positivi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 20/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

36. Il citoscheletro comprende

Creste, microfilamenti e microtubuli

Reticolo endoplasmatico liscio e rugoso

Microtubuli e lisosomi

Microtubuli, microfilamenti e filamenti intermedi

37. L' espressione 9 + 2 fa riferimento

All'organizzazione degli istoni

Al numero di ciglia o flagelli

Alla disposizione dei microtubuli all'interno delle ciglia e dei flagelli

All'organizzazione dei microfilamenti intorno alle ciglia o ai flagelli

38. Secondo la teoria endosimbiotica, i mitocondri

Erano originariamente organismi procariotici, che pur avendo perso la capacità di vita autonoma hanno mantenuto la capacità di trasformazione dell'energia

Erano originariamente organismi procariotici, da cui si sono differenziati i cloroplasti

Erano originariamente organismi parassiti delle cellule eucariotiche

Derivano dalla fusione di più cellule, di cui sono rimaste le membrane a formare le creste mitocondriali

39. Quale dei seguenti organelli è circondato da una doppia membrana?

Golgi

Lisosoma

Perossisoma

Nucleo

40. Quale delle seguenti affermazioni riguardo i procarioti è VERA?

I batteri possono essere cocchi, bacilli e virus

Non hanno apparato di Golgi

Non hanno nucleo e quindi non hanno DNA

Non possiedono ribosomi

41. L'unità fondamentale degli organismi viventi è

La proteina

la cellula

la molecola di DNA

gli organelli

42. Qual è la funzione principale dei lisosomi?

La sintesi di glicoproteine

L' immagazzinamento di energia

La respirazione cellulare

La digestione intracellulare

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 21/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

43. Quale delle seguenti affermazioni sui mitocondri è falsa?

Presentano una doppia membrana

Sono la sede della respirazione cellulare

Contengono enzimi

Contengono i perossisomi

44. La membrana plasmatica si trova

Solo intorno al nucleo

Sia nelle cellule procariotiche che eucariotiche

Nel citoplasma

Solo intorno al nucleo e agli organuli intracellulari

45. I perossisomi sono organuli cellulari che

Contengono enzimi per la degradazione del perossido di idrogeno, altrimenti tossico per la cellula

Sono coinvolti nella sintesi del colesterolo

Tutte le risposte sono vere

Contengono enzimi per catalizzare reazioni che prevedono trasferimento di idrogeno e formazione di perossido di idrogeno

46. In una cellula eucariotica non troviamo DNA

Nei geni

Nei ribosomi

Nei cromosomi

Nei mitocondri

47. Una cellula eucariotica e una procariotica si differenziano perché

La cellula eucariotica ha la membrana plasmatica

La cellula eucariotica può avere parete cellulare

La cellula procariotica è priva di nucleo

La cellula eucariotica può avere flagelli

48. Perché una cellula eucariotica necessita sia degli organuli membranosi che dei componenti fibrosi del citoscheletro?

49. Descrivi (struttura e funzioni) del nucleo cellulare

50. Che forma hanno i microfilamenti? Ed i filamenti intermedi?

51. Qual è la principale differenza tra procarioti ed eucarioti?

52. Che cosa dice la teoria cellulare?

53. Descrivi (struttura e funzioni) del reticolo endoplasmatico

54. Descrivi (struttura e funzioni) dei ribosomi

55. Descrivi (struttura e funzioni) del complesso del Golgi

56. Descrivi la struttura di ciglia e flagelli

57. Dove si trova e che funzioni ha il nucleolo?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 22/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

58. Che funzioni svolgono le proteine MAP? Fai un esempio

59. Quali organelli cellulari hanno un proprio DNA e sono in grado di riprodursi?

60. Perchè si pensa che i mitocondri siano antichi procarioti che sono stati inglobati dalla cellula?

61. Da dove proviene l'energia che viene utilizzata nella cellula?

62. Come avviene il trasporto delle sostanze (carboidrati, proteine etc) nella cellula?

63. Cosa sono gli chaperoni molecolari? E i proteasomi?

64. Descrivi struttura e funzioni della cromatina

65. Descrivi (struttura e funzioni) dei lisosomi

66. Che forma e che caratteristiche hanno i microtubuli? In quali funzioni e meccanismi cellulari sono coinvolti?

67. Cosa costituisce e che funzioni ha la matrice extracellulare?

68. Descrivi i filamenti che compongono il citoscheletro (struttura e funzioni)

69. Descrivi i mitocondri (forma e funzioni) e disegnali. Inoltre che particolarità hanno rispetto agli altri organelli?

70. Cos'è l ATP? Come viene prodotta? Perchè è importante per le cellule?

71. Descrivi (struttura e funzioni) dei perossisomi

72. Cosa sono le ciglia ed i flagelli?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 23/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 015
01. Fagocitosi, pincitosi ed endocitosi mediata da recettori sono tutti processi che coinvolgono...

l'invaginazione della membrana plasmatica.

l'assunzione di particelle di elevate dimensioni.

la presenza di proteine recettoriali.

l'assunzione da parte della cellula di specifici fluidi.

02. Quando in una cellula aumenta il fabbisogno di una particolare molecola, la cui concentrazione è già più alta all'interno della cellula rispetto all'esterno, la
cellula può ricorrere al trasporto attivo che muove le molecole di regola...

dall'interno all'esterno della cellula.

nella direzione che tende a portare all'equilibrio.

nella direzione che induce un aumento di pH.

nella direzione opposta rispetto a quella in cui la molecola si sposta per diffusione.

03. Un esempio di trasporto attivo è

l'osmosi

l'ingresso di O2 nella cellula

La pompa Na+/K+

il canale del Calcio

04. La membrana plasmatica delle cellule eucariotiche presenta tutte le seguenti funzioni, tranne una. Quale?

È una barriera selettiva permeabile che circonda la cellula

È un sito per i recettori degli ormoni

Facilita il trasporto degli zuccheri

È il luogo dove avviene la sintesi proteica

05. Le pompe del sodio/potassio sulla membrana sono esempi di

proteine che mediano il trasporto passivo

pompe ATP-dipendenti

canali ionici

trasportatori accoppiati

06. Quale delle seguenti affermazioni riguardo ai lipidi di membrana è VERA?

La forma favorita da un doppio strato lipidico in acqua è un foglio piatto con i margini esposti

I lipidi di membrana diffondono all'interno del piano della membrana

I lipidi di membrana compiono spesso dei movimenti 'flip-flop' da uno strato all'altro

Negli eucarioti, tutti gli organelli racchiusi da membrane sono circondati da un unico doppio strato lipidico

07. L'endocitosi mediata da recettori è il meccanismo che provvede al trasporto di...

proteine integrali di membrana.

tutte le macromolecole.

ioni.

colesterolo.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 24/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Quale dei seguenti processi costituisce un esempio di trasporto passivo?

Fagocitosi

Diffusione facilitata

Esocitosi

Pompa sodio-potassio

09. Quale delle seguenti affermazioni riguardo ai lipidi di membrana è VERA?

I lipidi di membrana compiono spesso dei movimenti 'flip-flop' da uno strato all'altro

I lipidi di membrana si possono muovere all'interno dello strato della membrana

Negli eucarioti, tutti gli organelli racchiusi da membrane sono circondati da un unico doppio strato lipidico

La forma favorita di un doppio strato lipidico in acqua è un foglio piatto con i margini esposti

10. La diffusione facilitata ed il trasporto attivo:

Richiedono entrambi l'intervento di proteine trasportatrici

Avvengono entrambi contro un gradiente di concentrazione elettrochimico

Richiedono entrambi ATP

Provvedono entrambi al trasporto dei soluti in una sola direzione

11. Che tipo di molecole sono i detergenti?

sono molecole anfipatiche che formano strutture sferiche (micelle) in cui i lipidi si associano alla parte idrofoba interna

Sono molecole chelanti che inglobano le parti idrofobiche

Sono molecole anfipatiche che formano anch'esse come i fosfolipidi un doppio strato

sono molecole anfipatiche che formano strutture sferiche (micelle) in cui i lipidi si associano alla parte idrofila interna

12. Il trasporto attivo

È un processo che avviene secondo gradiente

Sfrutta l'ATP come fonte di energia per il movimento delle sostanze

È una forma di osmosi

Sfrutta l'energia del gradiente di concentrazione

13. Quale delle seguenti affermazione relative ai fosfolipidi di membrana è sbagliata:

Possiedono "code" idrofiliche

Possiedono 2 "code"

Sono anfipatici

Possiedono "teste" idrofiliche

14. Il processo di introduzione di particelle di sostanze solide dentro la cellula mediante la formazione di vescicole è detto

Diffusione facilitata

Pinocitosi

Fagocitosi

Osmosi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 25/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Quale di queste funzioni è svolta dalle proteine di membrana?

Identificazione (riconoscimento tra cellule)

Trasporto di molecole

Tutte le risposte sono corrette

Ancoraggio (tra matrice extracellulare e microfilamenti della cellula)

16. Un esempio di esocitosi è

Il meccanismo di trasporto assoplasmatico

Il rilascio dei neurotrasmettitori da parte del neurone presinaptico

L'attivazione dei recettori per i neurotrasmettitori

Il rilascio dei neurotrasmettitori da parte del neurone postsinaptico

17. L'esocitosi prevede

L'attivazione di un recettore di membrana

Il rilascio del materiale contenuto in una vescicola all'esterno della cellula

L'ingresso nella cellula di materiali liquidi

L'ingresso nella cellula di materiali solidi

18. Le giunzioni serrate hanno generalmente la funzione di

Sigillare temporaneamente alcuni vasi sanguigni.

Sigillare alcune cavità corporee, impedendo il passaggio di materiali tra le cellule

permettere il passaggio di ioni e la formazione di un gradiente di concentrazione

Permettere il trasporto di determinate sostanze tra le cellule

19. Quale delle seguenti attività NON è una funzione della membrana plasmatica degli eucarioti?

L'assunzione selettiva di sostanze.

L'adesione ad altre cellule.

La ricezione di segnali da altre cellule.

La generazione di energia.

20. Quale delle seguenti affermazioni sul modello a mosaico fluido è vera

Le membrane sono costituite da lipidi che localmente assumono lo stato liquido

Le molecole dei fosfolipidi sono libere di muoversi lateralmente

Le membrane sono costituite da un mosaico di fosfolipidi e trigliceridi

Le molecole di colesterolo non sono libere di muoversi lateralmente

21. Quale di queste funzioni NON è propria delle membrane cellulari?

Movimento della cellula sul substrato

Compartimentazione all'interno della cellula

Barriera che porta alla formazione di una differenza di concentrazione tra un lato e l'altro

Trasporto di materiali all'interno di vescicole

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 26/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Quale delle seguenti affermazione relative ai fosfolipidi di membrana è sbagliata:

Possiedono "teste" idrofiliche

Possiedono "code" idrofobiche

Sono anfipatici

Possono spostarsi rapidamente da un versante all'altro della membrana

23. Quale delle seguenti affermazioni sulla diffusione è FALSA?

La diffusione semplice dipende da specifiche proteine di trasporto (carrier).

La diffusione si basa sul movimento casuale delle molecole.

La diffusione facilitata non richiede ATP.

Le molecole si spostano da aree di maggiore concentrazione verso aree in cui la loro concentrazione è minore.

24. Le proteine integrali di membrana

Sono disposte sulla superficie interna della membrana

Sono prive di regioni idrofobe

Attraversano la membrana cellulare

Sono le proteine che vengono espulse dalla cellula

25. Perché un detergente in acqua solubilizza i lipidi?

Perché i lipidi formano strutture sferiche che inglobano il detergente, che si associa alla parte idrofoba

Perché i detergenti sono molecole chelanti

Perché le molecole anfipatiche del detergente formano anch'esse un doppio strato in cui i lipidi scompaiono

Perché le molecole anfipatiche del detergente in acqua formano strutture sferiche (micelle) in cui i lipidi si associano alla parte idrofoba interna

26. In accordo col modello a mosaico fluido

Le membrane sono costituite da lipidi che localmente assumono lo stato liquido

Le membrane sono costituite da un mosaico di diversi tipi di lipidi

Le molecole dei fosfolipidi sono libere di muoversi lateralmente

Le membrane presentano proteine posizionate in maniera fissa intorno alle quali i lipidi si muovono fluidamente

27. Le membrane cellulari degli eucarioti sono principalmente costituite da

fosfolipidi

trigliceridi

colesterolo

amminoacidi

28. La rottura della membrana plasmatica e il rigonfiamento del nucleo si ottengono trattando le cellule con una soluzione

con colchicina

ipertonica

isotonica

ipotonica

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 27/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Le molecole di ossigeno entrano in un globulo rosso mediante il processo di:

pinocitosi

diffusione

trasporto attivo

trasporto facilitato

30. La membrana cellulare è descritta dal modello a mosaico fluido perché

la compongono proteine e lipidi che possono muoversi lateralmente

la compongono proteine e acidi nucleici che possono muoversi liberamente

al microscopio elettronico appare costituita da tessere che formano una struttura simile ad un mosaico

le glicoproteine che la costituiscono sono saldamente addossate le une alle altre

31. La proprietà chimico-fisica "anfipatia" di alcune molecole di membrana consiste :

nel carattere di polarità e idrofobia delle teste dei fosfolipidi

in una caratteristica comune a tutte le molecole presenti in membrana

nel possedere teste apolari rivolte verso l'esterno della membrana e code polari rivolte verso l'interno della membrana

nella coesistenza di regioni polari e apolari nella stessa molecola

32. Per osmosi l'acqua si sposta da:

da una soluzione ad un'altra attraverso sistemi di pompaggio

da una soluzione ipertonica verso una soluzione isotonica

una soluzione ipertonica verso una soluzione ipotonica

una soluzione ipotonica verso una soluzione ipertonica

33. In che cosa consiste il fenomeno dell'osmosi

Tendenza di un solvente ad attraversare una barriera semipermeabile

Unione del nucleo di due cellule

Tendenza di un soluto ad attraversare una barriera semipermeabile

Passaggio dallo stato liquido allo stato solido

34. L'osmosi è un tipo di

Trasporto

Diffusione

Reazione

Movimento casuale

35. Il processo di introduzione di particelle di liquido dentro la cellula mediante la formazione di vescicole è detto

Pinocitosi

Diffusione facilitata

Trasporto mediato da carrier

Osmosi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 28/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

36. Le cellule connesse da giunzioni serrate hanno generalmente la funzione di

Sigillare temporaneamente alcune cavità corporee per permettere l'accumulo di sostanze solo da un lato della cavità

Impedire il passaggio di ioni e la conseguente formazione di un gradiente tra i diversi compartimenti dell'organismo

Sigillare alcune cavità corporee, impedendo il passaggio di fluidi e sostanze tra le cellule

Impedire il trasporto attivo di determinate sostanze in alcuni compartimenti dell'organismo

37. Una proteina carrier interviene

Solo in casi di trasporto contro gradiente

Nel trasporto attivo e nella diffusione facilitata

In tutte le forme di diffusione

Nel trasporto di molecole idrofobe

38. Quali di queste funzioni NON sono svolte dalle proteine di membrana?

Ancoraggio (tra matrice extracellulare e microfilamenti della cellula)

Trasporto di molecole

Locomozione

Identificazione (riconoscimento tra cellule)

39. L'endocitosi mediata da recettore prevede

La digestione delle particelle che vengono riconosciute dai recettori della membrana

La diffusione delle particelle in seguito al riconoscimento tra ligando della particella e recettore della membrana

La formazione di una vescicola per endocitosi dopo che le particelle sono state digerite

La formazione di una vescicola per endocitosi solo dopo che è avvenuto un legame tra ligando della particella e recettore della membrana plasmatica

40. La diffusione facilitata

Sfrutta l'energia del gradiente di concentrazione

È una forma di trasporto attivo di sostanze

È un processo che avviene contro gradiente

Sfrutta l'ATP come fonte di energia per il movimento delle sostanze

41. Dove troviamo le connessine? Cosa sono i desmosomi?

42. La presenza di fosfolipidi con acidi grassi insaturi come influisce sulla fluidità della membrana?

43. Come funziona il trasportatore del glucosio GLUT1?

44. Come avviene il processo di diffusione facilitata? E' necessario fornire energia sottoforma di ATP?

45. L'evoluzione delle membrane è stato un passaggio fondamentale nell'origine della vita. Fornire argomentazioni a supporto o contro questa affermazione.

46. Cosa succede se metto una cellula in una soluzione ipertonica? E in una ipotonica?

47. Quali sono le diverse tipologie di proteine di trasporto?

48. A quali sostanze sono permeabili in generale le membrane? E a quali sono impermeabili?

49. Descrivi le diverse strutture delle proteine di membrana

50. Che funzioni ha il colesterolo in membrana?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 29/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

51. Cos è la diffusione facilitata? Fai un esempio

52. Quali elementi influiscono sulla fluidità delle membrane?

53. Cosa succede alle membrane quando ci sono variazioni della temperatura?

54. Descrivi le diverse tipologie di giunzione cellulare

55. Come entra il colesterolo nella cellula?

56. Descrivi il processo di esocitosi. Fai un esempio

57. Quali sono i lipidi di membrana? Che caratteristiche hanno?

58. Descrivi le principali tipologie di proteine di membrana

59. Descrivi il fenomeno dell'osmosi

60. A cosa si riferisce il modello a mosaico fluido? Cosa influenza la fluidità di membrana?

61. Descrivi le diverse tipologie di endocitosi

62. Descrivi la struttura delle membrane biologiche

63. Descrivi un sistema di trasporto attivo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 30/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 018
01. Gli ioni calcio

normalmente terminano le cascate di segnalazione

scindono la calmodulina

fungono da secondi messaggeri

sono prodotti dalle protein chinasi

02. Un recettore accoppiato ad un enzima

si associa ad un altro recettore accoppiato ad enzimi quando si lega al ligando

normalmente attiva canali ionici

è normalmente una molecola di adenilato ciclasi

è una proteina istonica

03. Quando una molecola segnale si lega ad un recettore:

viene attivato un terzo messaggero

il recettore si attiva

la cellula che invia il segnale viene inattivata

le proteine G vengono inattivate

04. I recettori accoppiati ai canali ionici:

chiudono il canale e terminano il segnale

sono attivati esclusivamente da segnali elettrici

attivano le fosfatasi

aprono o chiudono il canale dopo il legame con il ligando

05. Le cellule possono ricevere segnali:

molto diversi (chimici, elettrici, fisici, etc)

solo elettrici

solo segnali ormonali

solo molecolari ed elettrici

06. Qual è la sequenza corretta?

risposta cellulare e trasduzione del segnale

risposta cellulare, trasduzione del segnale, ricezione e invio della molecola segnale

invio della molecola segnale, ricezione, trasduzione del segnale e risposta cellulare

trasduzione cellulare ed invio della molecola segnale

07. Nella segnalazione endocrina

il segnale viene terminato

le ghiandole rilasciano molecole segnale nel sangue

avviene una segnalazione elettrica tra due cellule vicine (es: due neuroni)

le proteine G vengono inattivate

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 31/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Le proteine scaffold

sono presenti solo nei procarioti

rilasciano enzimi nel citoplasma

aprono i canali ionici

organizzano gruppi di molecole della stessa via di segnalazione in complessi

09. Nel processo di trasduzione del segnale:

possono attivarsi solo i secondi messaggeri

la cellula converte il messaggio della molecola segnale in un segnale intracellulare

la molecola segnale attiva direttamente la trascrizione genica

il segnale viene terminato dalle chinasi

10. Una chinasi è

una proteina che si trova esclusivamente nel nucleo della cellula

un enzima che lega gruppi fosfato alle molecole substrato

un enzima che idrolizza le molecole substrato

una proteina che sintetizza l'RNA

11. Il signalling paracrino avviene:

solo tra cellule del sistema immunitario e neuroni

tra cellule lontane ed il segnale viene trasportato dalla circolazione sanguigna

tra cellule vicine

nella cellula stessa

12. Quale di queste molecole è un secondo messaggero:

Acetil-CoA

cAMP

glutammato

glucosio

13. Ogni molecola di adenilato ciclasi produce numerose molecole di cAMP. Questo è un esempio di:

amplificazione del segnale

down-regolazione del segnale

terminazione del segnale

impalcatura

14. Qual è la sequenza corretta? 1 Attivazione delle fosfolipasi, 2 Attivazione della proteina G, 3 Scissione del PIP2, 4 Fosforilazione di proteine, 5 Produzione di
DAG

2,3,5,4,1

5,2,3,1,4

4,3,2,5,1

2,1,3,5,4

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 32/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Qual è la sequenza corretta? 1 Attivazione della protein chinasi, 2 Attivazione dell'adenilato ciclasi 3 Produzione di cAMP, 4 Fosforilazione di proteine, 5
Attivazione della proteina G

5,2,3,1,4

2,3,1,4,5

1,2,3,5,4

5,2,3,4,1

16. Una volta attivata la proteina G

si stacca dall'adenilato ciclasi

rilascia GTP e lega GDP

rilascia GDP e lega GTP

è formata da 4 subunità

17. Le proteine G

chiudono i canali ionici

trasmettono un messaggio da un recettore attivato ad un enzima che termina il segnale

attivano direttamente le protein chinasi

trasmettono un messaggio da un recettore attivato ad un enzima che attiva un secondo messaggero

18. Un recettore accoppiato ad una proteina G

ha una coda che si estende nel citosol ed un sito di legame per una proteina G

inattiva le proteine

attiva i primi messaggeri

è costituito da 18 alpha eliche transmembrana

19. La calmodulina:

quando si lega al calcio attiva dei canali ionici

quando si lega al calcio attiva degli enzimi

è un trasportatore di ioni calcio

è un secondo messaggero

20. Quale di queste molecole è un secondo messaggero:

GDP

Na+

tirosin chinasi

Ca++

21. Quale di queste molecole è un secondo messaggero:

GTP

ATP

fosfolipidi

GDP

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 33/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Il signalling endocrino avviene:

solo tra cellule del sistema immunitario e neuroni

tra cellule lontane ed il segnale viene trasportato dalla circolazione sanguigna

nella cellula stessa

tra cellule vicine

23. Il signalling autocrino avviene:

nella cellula stessa

tra cellule vicine

solo tra cellule del sistema immunitario e neuroni

tra cellule lontane ed il segnale viene trasportato dalla circolazione sanguigna

24. Quale delle seguenti sequenze di eventi elenca in ordine corretto le tappe che si svolgono in una comune via di trasduzione del segnale?

La molecola segnale si lega alla regione extracellulare del recettore; la molecola segnale diffonde attraverso la membrana cellulare; il segnale viene trasdotto al nucleo, dove
specifici geni vengono attivati o disattivati.

La molecola segnale viene secreta da una cellula adiacente; la molecola segnale entra nella cellula; il segnale attiva un recettore.

La molecola segnale si lega al recettore; molecole all'interno della cellula trasducono il segnale; la cellula risponde.

La molecola segnale entra nel nucleo; la molecola segnale si lega al DNA; ha inizio la trascrizione di specifici geni.

25. Quale delle seguenti affermazioni sui recettori di membrana di una via di trasduzione del segnale è vera?

I recettori sono immersi nella membrana, ma non si estendono attraverso il suo intero spessore.

I ligandi si legano al recettore di membrana in maniera irreversibile.

I ligandi si legano al dominio extracellulare ed entrano successivamente nella cellula.

I ligandi si legano al dominio extracellulare e non entrano nella cellula.

26. Una cascata di proteina chinasi può amplificare un segnale intracellulare...

usando fattori di trascrizione per aumentare l'espressione genica.

aprendo giunzioni serrate per permettere la diffusione dei segnali provenienti da cellule adiacenti.

attivando una proteina G che lega e attiva successivamente una seconda proteina, amplificando il segnale.

attivando una chinasi in grado di indurre successivamente l'attivazione di numerose proteine.

27. La cellula converte il messaggio della molecola segnale in un segnale intracellulare

nella fase di spegnimento del segnale

nella fase di segnalazione cellulare

nel processo di trascrizione

nel processo di trasduzione

28. Le proteine G

sono presenti solo nei procarioti

trasmettono segnali a un'altra cellula

organizzano gruppi di molecole della stessa via di segnalazione in complessi

trasmettono segnali ai secondi messaggeri

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 34/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Come sono chiamate le proteine che organizzano gruppi di molecole della stessa via di segnalazione in complessi

calmoduline

proteine G

scaffold

polimerasi

30. I recettori a tirosin chinasi:

Attivano la trasduzione del segnale attraverso reazioni di fosforilazione

Attivano la trasduzione del segnale attraverso reazioni di idrolisi

aprono o chiudono il canale dopo il legame con il ligando

chiudono il canale e terminano il segnale

31. Quale delle seguenti affermazioni non è vera?

la cellula converte un segnale extracellulare in uno intracellulare

normalmente viene prodotto ossido nitrico

la trasmissione del segnale è regolata

il segnale viene terminato

32. Gli ormoni

sono segnali elettrici

includono i neurotrasmettitori

sono secreti dalle ghiandole endocrine

terminano i segnali dopo la trasduzione

33. Come funzionano i recettori accoppiati ad enzimi? Fai un esempio

34. Cosa sono i secondi messaggeri nella comunicazione cellulare? Fai un esempio

35. Che cos'è una cascata di segnalazione cellulare? Fai un esempio

36. Come funziona il recettore colinergico (per l'acetilcolina) nelle cellule muscolari?

37. Come funzionano i recettori a tirosina chinasi?

38. Nel genoma umano sono stati identificati oltre 500 geni che codificano protein chinasi. Cosa suggerisce questa evidenza relativamente alle protein chinasi?
Spiega la tua risposta

39. Come funzionano i recettori accoppiati alle proteine G?

40. Come funzionano i recettori accoppiati ai canali ionici? Fai un esempio

41. Descrivi le diverse tipologie dei recettori che hai studiato. Fai degli esempi

42. Descrivi le diverse tipologie di signalling che vengono utilizzate nella comunicazione cellulare

43. Descrivi i meccanismi fondamentali della comunicazione cellulare

44. Come fa una cellula a terminare la segnalazione?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 35/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 021
01. Quando una molecola specifica si lega al sito allosterico di un enzima

Nessuna delle risposte è corretta

L'enzima viene inibito in modo competitivo

L'enzima cambia conformazione

L'enzima opera una trasformazione chimica su questa molecola

02. Quale delle seguenti affermazioni sulla termodinamica è vera?

L'energia libera non può essere usata per compiere trasformazioni chimiche

L'entropia tende ad assumere il valore massimo possibile

L'energia libera viene assorbita in una reazione esoergonica

La quantità totale di energia può cambiare dopo una trasformazione chimica

03. Quale tra i seguenti composti rappresenta il principale trasportatore di energia chimica all'interno della cellula?

Enzimi

DNA

cAMP

ATP

04. La massima velocità di reazione catalizzata da un enzima si ha

A 25° C (temperatura di reazione)

Quando i siti catalitici sono liberi

Quando è disponibile molto ATP

Quando ci sono le condizioni ottimali di temperatura e pH per quell'enzima

05. Quale molecola si lega al sito allosterico di un enzima?

Il substrato

Un inibitore non competitivo

Un inibitore competitivo

Una molecola molto simile al substrato

06. Un enzima accelera una reazione metabolica

Abbassando l'energia di attivazione della reazione

Alzando l'energia di attivazione della reazione

Facendo in modo che una reazione esoergonica decorra spontaneamente

Spingendo la reazione lontano dalla condizione di equilibrio

07. In una reazione chimica

L'energia di attivazione dipende dalla variazione complessiva di energia libera nella reazione (?G)

Le variazioni di entropia dipendono dall'energia di attivazione

La variazione di energia libera dipende dall'energia di attivazione

La velocità dipende dal livello dell'energia di attivazione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 36/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Quale molecola si lega al sito attivo di un enzima?

Un inibitore allosterico

Un inibitore competitivo

Un attivatore allosterico

Un inibitore non competitivo

09. Quali dei seguenti regolatori dell'attività enzimatica probabilmente NON sono utilizzati dalle cellule?

Gli inibitori competitivi

Gli attivatori allosterici.

Gli inibitori irreversibili.

Gli inibitori non competitivi.

10. Il legame di un substrato con un enzima...

non induce cambiamenti di forma dell'enzima.

è irreversibile.

è sempre di tipo covalente.

può coinvolgere legami idrogeno e interazioni di Van der Waals.

11. Un catalizzatore biologico che influenza la velocità di una reazione chimica senza essere consumato dalla reazione stessa è un

Coenzima

Enzima

Prodotto

Cofattore

12. In una cellula il rapporto numerico tra ATP e ADP è

Bilanciato, perché l'ambiente cellulare non risulti disturbato dalla differenza di concentrazione

Bilanciato, perché tutte le reazioni terminano con un rapporto 1:1 tra reagenti e prodotti

Inesistente: l'ATP non è presente se non al momento della sintesi, dato che viene immediatamente ossidato ad ADP

Sbilanciato a favore dell'ATP

13. Un enzima accelera una reazione metabolica

Facendo in modo che una reazione esoergonica decorra spontaneamente

Rendendo più stabili le molecole del substrato

Abbassando l'energia di attivazione della reazione

Spingendo la reazione lontano dalla condizione di equilibrio

14. Cosa sono l'anabolismo ed il catabolismo? Fai degli esempi

15. Cosa sono gli enzimi? Come intervengono nelle reazioni biologiche?

16. Cosa sono le reazioni endoergoniche ed esoergoniche?

17. Cos'è il sito attivo di un enzima? Ed il sito allosterico?

18. Elenca i processi della respirazione aerobica

19. Qual è la definizione di energia e quali sono le sue unità di misura?

20. Descrivi e rappresenta graficamente come varia l'energia di attivazione di una reazione biochimica grazie all'azione di un enzima

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 37/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

21. Che cosa sono l'entalpia H e l'entropia S?

22. Che relazione lega l'entalpia H, l'entropia S e l'energia libera G?

23. Quali sono le molecole accettrici di elettroni nelle cellule?

24. Come agiscono i sulfamidici, la penicillina e altri antibiotici?

25. Descrivi i diversi processi di inibizione enzimatica

26. Come agiscono i regolatori allosterici?

27. Da quali fenomeni chimico/fisici può essere influenzata l'attività di un enzima?

28. Che cosa sono i cofattori e gli apoenzimi?

29. Che cosa sono l'energia libera e l' energia di attivazione di una reazione chimica?

30. Che tipologie di molecole sono gli enzimi? Fai degli esempi

31. Cosa vuol dire che l'equilibrio chimico è un equilibrio dinamico?

32. Da che cosa dipende la velocià di una reazione chimica?

33. Cosa vuol dire che una reazione biologica è reversibile?

34. Fai un esempio di una reazione esoergonica e spontanea.

35. Descrivi come varia l'energia libera durante il corso di una reazione esoergonica

36. Descrivi come varia l'energia libera durante il corso di una reazione endoergonica o esoergonica

37. Che differenza c'è tra inibizione competitiva e non competitiva?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 38/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 022
01. Cosa distingue la respirazione cellulare aerobica dalla fermentazione?

02. Elenca i 4 stadi della respirazione aerobica. Dove avvengono nella cellula?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 39/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 025
01. La frequenza di crossing over tra due geni associati sullo stesso cromosoma dipende dal/la:

rapporto di dominanza relativa

diverso grado di pleiotropia

distanza che intercorre tra i due geni

codominanza

02. Quale tra i seguenti eventi caratterissa la meiosi ma non la mitosi?

Migrazione verso i poli opposti dei cromatidi fratelli di ciascun cromosoma

Duplicazione del DNA prima che inizi il processo

Allineamento dei cromosomi nella regione mediana del fuso

Appaiamento dei cromosomi omologhi

03. Le cellule somatiche di un cane contengono 39 coppie di cromosomi. Quanti sono quindi gli autosomi?

39

37

76

78

04. Gli stadi dello sviluppo cellulare chiamati fase G1, fase S e fase G2 appartengono alla seguente fase del ciclo cellulare:

interfase

telofase

metafase

anafase

05. Quale dei seguenti processi utilizza la mitosi: 1)formazione di globuli rossi dal midollo osseo; 2) Rigenerazione della mucosa intestinale danneggiata; 3)
Sviluppo del sistema nervoso dell'embrione

Tutti

Solo 2 e 3

Solo 1 e 2

Solo 3

06. Nell'uomo qual è il numero diploide

64

61

23

46

07. In quale fase del ciclo cellulare si duplicano gli istoni?

G1

G2

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 40/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Il numero di cromosomi presenti in una cellula somatica di una donna è

23 + XX

44 + XX

46 + XX

22 + XX

09. In quale momento del ciclo cellulare si duplicano i cromosomi?

In interfase

In anafase

In mitosi

In telofase

10. Il processo che assicura in un organismo la corretta trasmissione del materiale genetico ai gameti è

il crossing over

la scissione binaria

la meiosi

la mitosi

11. Una cellula in fase G2 contiene 36 cromatidi fratelli. In fase G1 la stessa cellula avrebbe...

18 cromosomi

72 cromatidi fratelli

18 cromatidi fratelli

36 cromosomi

12. Quale delle seguenti affermazioni relative al ciclo cellulare non è vera?

il DNA si duplica durante la fase G1

le proteine vengono sempre prodotte in interfase

esso comprende una interfase ed una mitosi

la cellula può bloccarsi in G1, in questo caso chiamata G0

13. Quale delle seguenti affermazioni relative ai cromosomi eucariotici non e vera?

sono formati da cromatina

al microscopio sono sempre visibili come strutture discrete

talvolta sono fomati da due cromatidi

talvolta sono formati da un solo cromatide

14. Quale dei seguenti processi non avviene durante la mitosi?

separazione dei cromatidi fratelli

impacchettamento dei cromosomi

formazione del fuso

replicazione del DNA

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 41/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. In alcuni organismi la mitosi avviene senza essere seguita dalla citocinesi, ciò comporta:

la produzione di cellule con più di un nucleo

la produzione di cellule insolitamente piccole

la produzione di cellule prive di nucleo

la produzione di cellule con un patrimonio genetico dimezzato

16. Lo scambio di materiale genetico tra due cromosomi omologhi, durante la meiosi, si definisce

crossing-over

change-over

cromosomic-interchange

cromosomic-exchange

17. Se una cellula eucariotica con 14 cromosomi inizia la meiosi cosa si avrà al termine di tale processo?

2 cellule con 14 cromosomi ciascuna

4 cellule con 7 cromosomi ciascuna

2 nuclei con 14 cromosomi ciascuno

2 nuclei con 7 cromosomi ciascuno

18. Indicare quale delle seguenti affermazioni è FALSA per la meiosi

I prodotti della meiosi sono geneticamente differenti

Tutti i cromosomi paterni migrano in una cellula

Necessita della replicazione del DNA

I cromosomi omologhi si appaiano

19. Durante la meiosi II...

si realizzano i crossing over

ha luogo la duplicazione del DNA

si separano i cromatidi fratelli e si formano quattro cellule geneticamente identiche

si separano i cromatidi fratelli

20. Se il numero aploide di una cellula di mammifero è 32, durante la metafase della mitosi vi saranno ..... cromatidi fratelli

32

128

16

64

21. Il fuso mitotico si forma durante la ........... della mitosi

profase

citocinesi

telofase

anafase

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 42/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Quale dei seguenti eventi NON si verifica durante l'interfase?

La sintesi proteica.

La condensazione della cromatina.

La replicazione del DNA.

La sintesi di componenti cellulari necessari per la mitosi

23. Durante la meiosi

un singolo nucleo da origine a due nuclei figli

durante la profase I i cromosomi omologhi si appaiano

dopo la meiosi I si formano due cellule identiche

durante la profase II i cromosomi omologhi si appaiano

24. Cosa è la fase S del ciclo cellulare?

Il periodo di tempo del ciclo cellulare che corrisponde alla crescita della cellula

Il periodo di tempo in cui la cellula aumenta la sintesi proteica per prepararsi alla mitosi

Il periodo di tempo del ciclo cellulare in cui si duplica il DNA

Il periodo di tempo in cui la cellula va incontro a mitosi

25. Cosa è la meiosi?

La fase del ciclo cellulare in cui il DNA si replica

Il processo di divisione nucleare dal quale si ottengono 4 cellule figlie diverse fra loro, con patrimonio genetico dimezzato rispetto alla cellula madre

Il processo di divisione nucleare dal quale si ottengono due nuclei figli con lo stesso patrimonio genetico del nucleo della cellula madre

Il processo di divisione nucleare dal quale si ottengono 4 cellule figlie identiche, con patrimonio genetico dimezzato rispetto alla cellula madre

26. In quale momento del ciclo cellulare si duplica il DNA?

In profase

In metafase

In anafase

In interfase

27. In quale fase avviene la crescita cellulare:

Fase S

Fase G1 dell'interfase

Fase G2 dell'interfase

Profase mitotica

28. Le strutture proteiche sui cromosomi dove si agganciano i microtubuli del fuso mitotico si chiamano

Cinetocori

Centromeri

Centrioli

Cromatidi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 43/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Le parti centrali dei cromosomi che separano il braccio lungo dal braccio corto si chiamano

Centrioli

Cromatidi

Cinetocori

Centromeri

30. Le strutture proteiche sui cromosomi dove si agganciano i microtubuli del fuso mitotico si chiamano

Cinetocori

Centrioli

Cromatidi

Centromeri

31. Durante il crossing-over

Si separano i cromatidi fratelli

Avviene la sintesi del DNA

Si forma il fuso meiotico

I cromosomi materni e paterni si scambiano materiale genetico

32. Quale delle seguenti affermazioni non è riconducibile alla meiosi?

C'è variabilità nelle cellule prodotte

Le cellule figlie sono identiche alla cellula madre

Il numero di cromosomi si dimezza nelle cellule figlie

Nei gameti umani sono presenti 23 cromosomi

33. Le cellule in fase G0

si possono dividere

sono entrate in questa fase dalla fase G2

hanno replicato il loro DNA

possono rimanere in questo stato per tutta la loro vita

34. Nella meiosi

durante la profase 1 ogni cromosoma è costituito da 4 cromatidi

il DNA viene duplicato fra la meiosi I e la meiosi II

i cromosomi omologhi si separano durante l'anafase

la seconda divisione meiotica riduce il numero dei cromosomi da diploide ad aploide

35. Quale dei seguenti processi non avviene durante la fase M del ciclo cellulare?

Condensazione dei cromosomi

Crescita della cellula

Rottura dell'involucro nucleare

Formazione del fuso mitotico

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 44/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

36. Nei gameti umani il numero di cromosomi è

20

46

23

64

37. Cosa è la mitosi?

La fase del ciclo cellulare in cui il DNA è copiato

Il processo di divisione nucleare dal quale si ottengono due nuclei figli con lo stesso patrimonio genetico del nucleo della cellula madre

Il processo di divisione nucleare dal quale si ottengono due nuclei figli con patrimonio genetico dimezzato rispetto al nucleo della cellula madre

La fase del ciclo cellulare in cui il DNA si replica

38. In seguito a divisione mitotica, una cellula contenente 36 cromosomi darà luogo a due cellule contenenti ciascuna:

36 cromosomi

18 cromosomi

13 cromosomi

72 cromosomi

39. La sequenza corretta della mitosi è

interfase, profase, metafase, telofase, anafase

anafase, profase, interfase, metafase, telofase

profase, metafase, interfase, anafase, telofase

interfase, profase, metafase, anafase, telofase

40. Durante la fase mitotica del ciclo cellulare quando ha inizio la citocinesi o citodiesteresi?

durante l'interfase

nella metafase

durante la profase

durante la telofase

41. Nelle cellule somatiche umane il numero dei cromosomi è

64

46

20

23

42. Per organismo diploide si intende un organismo

costituito da due cellule

in cui ogni cromosoma è rappresentato due volte

costituito da cellule con due nuclei

con due cromosomi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 45/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

43. Cosa è la sinapsi che si verifica durante la meiosi?

L'appaiamento dei cromosomi omologhi in profase I

Il tipo di giunzione specializzata che si verifica tra una cellula nervosa e una non nervosa

La sintesi dei cromatidi fratelli in profase I

Il tipo di giunzione specializzata che si verifica tra due cellule nervose

44. Cosa è la fase M del ciclo cellulare?

Il periodo di tempo del ciclo cellulare in cui si duplica il DNA

Il periodo di tempo in cui la cellula va incontro a mitosi

Il periodo di tempo in cui la cellula va incontro a mutazionii

Il periodo di tempo del ciclo cellulare che corrisponde alla crescita della cellula

45. Che cos'è la citodiesteresi o citocinesi?

la separazione dei cromatidi durante l'anafase

il punto di aggancio dei microtubuli ai cinetocori durante la profase mitotica

la separazione del citoplasma che porta alla formazione di due cellule figlie

la scomparsa del fuso mitotico alla fine dell'anafase

46. Quali delle seguenti strutture fanno parte di un cromosoma?

Centromeri e cinetocori

Cromatidi e centrioli

Centrosomi e cromatina

Microtubuli polari

47. La cromatina è:

Un composto complesso costituito dall'aggregazione di sole proteine filamentose

Il termine con cui si indica il DNA quando si trova allo stato filamentoso

Una proteina

Costituita sia da DNA sia da proteine

48. Una cellula umana con 22 autosomi e un cromosoma Y è:

Una cellula spermatica

Una cellula somatica maschile

Una cellula uovo

Un gamete femminile

49. In una cellula che si divide, i cromosomi omologhi si allontanano spostandosi verso i poli opposti nel corso della:

crossing over

Meiosi I

Meiosi II

Mitosi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 46/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

50. Col termine tetrade si intende:

L'insieme delle fasi comuni alla divisione mitotica e meiotica

Il complesso dato dall'appaiamento di due cromosomi omologhi

La disposizione di quattro coppie di cromosomi durante la profase meiotica

L'insieme delle quattro fasi del ciclo cellulare

51. Cosa sono gli istoni?

Proteine ricche di aminoacidi carichi positivamente

Proteine ricche di aminoacidi carichi negativamente

Lipidi

Aminoacidi

52. La duplicazione del materiale genetico avviene nel seguente stadio del ciclo cellulare:

Fase G2 dell'interfase

Fase G1 dell'interfase

Fase S

Profase mitotica

53. Il crossing-over è un processo che

Si realizza nel corso dell'anafase meiotica

Caratterizza tanto la mitosi quanto la meiosi

Porta ad un aumento della variabilità genetica

Dà luogo alla formazione di cromosomi identici a quelli presenti prima del crossing over

54. Quali alterazioni genetiche possono essere causate da errori nella meiosi? Elencale e descrivile brevemente

55. Qual è la differenza fra cellule aploidi e cellule diploidi? Come si originano?

56. Cosa sono i cromosomi omologhi? Portano le stesse informazioni genetiche?

57. Quali sono i 5 stadi della mitosi? Descrivili brevemente e disegna una cellula in metafase

58. Cos'è un gamete? E cos'è uno zigote?

59. Descrivi il processo di meiosi

60. Cos'è il crossing over? Perchè è molto importante nella formazione dei gameti?

61. Qual è la differenza fra riproduzione asessuata e sessuata?

62. Descrivi i sistemi di regolazione del ciclo cellulare

63. Dopo la mitosi cosa succede ai mitocondri?

64. Cosa sono i cromatidi fratelli? In quali processi cellulari entrano in gioco? Disegnali e indica da quali parti sono costituiti

65. Descrivi il cariotipo umano

66. Cos'è la citocinesi? Che ruolo hanno actina e miosina in questo processo?

67. Qual è la prima fase del ciclo cellulare?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 47/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

68. Descrivi il ciclo cellulare

69. Com'è fatto un nucleosoma?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 48/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 028
01. In cosa consiste il fenomeno della dominanza incompleta? Fai un esempio

02. Cos'è un gene? Cosa indica il termine "locus"?

03. Parla del principio di assortimento indipendente e disegna il quadrato di Punnett per la generazione F2 da progenitori P omozigoti BBSS (cavie con pelo nero
e corto) e bbss (cavie con pelo marrone e lungo)

04. Descrivi gli esperimenti che hanno permesso a Morgan di osservare il fenomeno del linkage

05. A cosa servono i geni presenti sul cromosoma Y?

06. I cromosomi X e Y possono considerarsi omologhi?

07. Descrivi gli esperimenti di Mendel. Quali sono state le sue conclusioni?

08. Fai un esempio di malattia X-linked. Disegna il quadrato di Punnett e identifica i portatori della malattia e gli effetti

09. I due cromosomi X nelle femmine sono entrambi attivi? Com'è regolata l'espressione genica dei cromosomi X nelle femmine?

10. Perché per alcune malattie recessive legate a geni presenti sul cromosoma X le femmine sono quasi sempre portatrici sane, mentre i maschi sono affetti?

11. In cosa consiste il fenomeno della codominanza? Fai un esempio

12. Descrivi il fenomeno dell'epistasi. Fai un esempio

13. Descrivi il modello di ereditarietà poligenica

14. Cosa significa che i caratteri che seguono un'eredità poligenica sono quantitativi?

15. Come si definiscono il fenotipo ed il genotipo?

16. Cosa significa che alcuni caratteri sono dominanti e altri recessivi?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 49/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 032
01. se un filamento di DNA ha sequenza 5'-TAACCT-3', come sarà la sequenza del filamento complementare?

5'-ACCTTA-3'

5'-AGGTTA-3'

3'-AGGTTA-5'

3'-GAATTG-5'

02. se un filamento di DNA ha sequenza 5'-AGGCCT-3', come sarà la sequenza del filamento complementare?

5'-GAATTC-3'

3'-TCCGGA-5'

3'-GAATTC-5'

5'-AGGCCT-3'

03. Quale delle seguenti affermazioni è una differenza tra RNA e DNA?

L'RNA contiene glucosio, il DNA fruttosio

L'RNA contiene adenina, al posto dell'adenina il DNA contiene timina

L'RNA contiene gruppi fosfato, il DNA no

L'RNA contiene uracile, al posto dell'uracile il DNA contiene timina

04. La replicazione del DNA è considerata semiconservativa perché

dopo molti turni di replicazione la doppia elica originale rimane intatta.

ciascuna molecola di DNA figlia consiste di un filamento che deriva dalla molecola di DNA parentale e di un filamento di nuova sintesi

I nuovi filamenti di DNA devono essere copiati da uno stampo di DNA

ciascuna molecola di DNA figlia consiste di due nuovi filamenti copiati dalla molecola di DNA parentale.

05. L'RNA differisce dal DNA in quanto

i nucleotidi sono legati fra di loro in modo diverso

contiene la base uracile, che si appaia con la citosina

è a singolo filamento e si può ripiegare in molte strutture diverse

è a singolo filamento e non può formare appaiamenti fra le basi

06. Qual è la funzione della DNA topoisomerasi?

Replicare il filamento di DNA

Evitare sovravvolgimenti del DNA

Srotolare la doppia elica

Riavvolgere i due filamenti dopo la replicazione

07. Qual è la funzione della DNA ligasi?

Srotolare la doppia elica

Replicare il filamento di DNA

Legare i singoli filamenti impedendo il riappaiamento durante la replicazione

Legare i frammenti di Okazaki

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 50/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. A quale delle seguenti sequenze di RNA equivale la sequenza ATT CGT TCA del DNA?

UAA GCA AGU

TAA GCA TCA

AUU CGU UCA

UGA ACG AAU

09. Se in una molecola di DNA a doppio filamento la percentuale di C è pari a 30%, qual è la percentuale di T?

45%

15%

30%

20%

10. se un filamento di DNA ha sequenza 5'-GATTACA-3', come sarà la sequenza del filamento complementare?

3'-CGAAGTG-5'

3'-GTAATCT-5'

5'-CTAATGT-3'

3'-CTAATGT-5'

11. Se in una molecola di DNA a doppio filamento la percentuale di C è pari a 15%, qual è la percentuale di A?

45%

20%

15%

35%

12. Quale delle seguenti affermazioni sulla struttura del DNA è falsa?

Le basi azotate sono appaiate a 2 a 2

L'estremità 3' è fosforilata

Si tratta di una struttura antiparallela

Si tratta di un'elica a doppio filamento

13. Quale delle seguenti affermazioni sulla replicazione del DNA è falsa?

L'elica di DNA deve aprirsi prima della replicazione

I due filamenti vengono copiati con velocità diverse

il primer è una piccola molecola di DNA

Comporta l'intervento di proteine che si legano a filamenti singoli

14. Una funzione degli acidi nucleici è di...

formare una membrana cellulare.

codificare la sintesi degli acidi grassi.

realizzare la fotosintesi.

codificare la sintesi proteica.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 51/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Nella struttura a doppio filamento del DNA...

i due filamenti sono tenuti assieme da legami idrogeno.

i monomeri di ogni filamento sono reciprocamente uniti da legami idrogeno.

i due filamenti sono tenuti assieme da legami covalenti.

entrambi i filamenti decorrono nella stessa direzione.

16. Quale delle seguenti affermazioni descrive correttamente la differenza tra DNA e RNA?

Il DNA è situato nel nucleo, mentre l'RNA si trova esclusivamente fuori dal nucleo.

Il DNA viene replicato, mentre l'RNA viene tradotto.

Il DNA contiene quattro nucleotidi, mentre l'RNA ne contiene tre.

Il DNA è a singolo filamento, mentre l'RNA è a doppio filamento.

17. Oltre a provare che il DNA contiene l'informazione genetica, gli esperimenti di Avery e colleghi hanno anche dimostrato che...

il DNA si lega alla parete cellulare del batterio

le cellule eucariotiche possono essere geneticamente trasformate

il DNA può essere assunto da cellule batteriche e può essere attivo all'interno di queste cellule

il DNA è a doppia elica

18. I due filamenti di una molecola di DNA

Hanno alternanza di zuccheri ribosio e gruppi fosfato

Hanno sequenze di basi uguali

Hanno identica sequenza, appaiata nello stesso ordine, ma slittata di una base una rispetto all'altra

Hanno sequenze di basi complementari

19. La replicazione del DNA viene definita semiconservativa perché

Avviene soltanto in circa la metà delle cellule di un individuo

Ogni filamento singolo contiene metà materiale genetico originale e metà di nuova sintesi

Solo metà delle informazioni genetiche vengono duplicate

Solo un filamento della doppia elica figlia è derivato direttamente dalla molecola della cellula madre

20. Qual è la funzione della DNA elicasi?

Replicare il filamento di DNA

Riavvolgere i due filamenti dopo la replicazione

Srotolare la doppia elica

Legare i singoli filamenti impedendo il riappaiamento durante la replicazione

21. Qual è la funzione della DNA polimerasi?

Fornire un innesco alla replicazione del DNA

Polimerizzare i nucleotidi aggiungendoli al terminale 3' della catena polinucleotidica in via di formazione

Legare i frammenti di Okazaki tra loro per formare un filamento intero

Polimerizzare i nucleotidi aggiungendoli al terminale 5' della catena polinucleotidica in via di formazione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 52/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Le estremità di un filamento di DNA sono individuate dai termini 5' e 3'

A seconda che si trovi un gruppo fosfato legato al carbonio 3' e un gruppo ossidrile legato al carbonio 5'

A seconda della natura dell'ultimo zucchero presente (pentoso o esoso)

A seconda che la base legata allo zucchero terminale sia una purina o una pirimidina

Dal numero dell'atomo di carbonio dello zucchero che porta un gruppo terminale

23. Qual è la "regola di Chargaff"?

Il DNA è costituito da due filamenti avvolti ad alfa-elica

Il numero di adenine è uguale a quello di timine e il numero di guanine è la metà di quello di citosine

Il numero di adenine è la metà di quello di timine e il numero di guanine è uguale a quello di citosine

Il numero di adenine è uguale a quello di timine e il numero di guanine è uguale a quello di citosine

24. L'allungamento di un nuovo filamento di DNA durante la replicazione avviene

Solamente al terminale 5' della catena in corso di sintesi

Al terminale 5' e 3' indifferentemente

Con rilascio di energia

Al terminale 3' con liberazione di due fosfati

25. In una molecola di DNA si trova un gruppo fosfato

Legato a ogni zucchero, a congiungere trasversalmente i due filamenti singoli

Ogni due zuccheri

Lungo ogni filamento, alternato a uno zucchero

Lungo lo scheletro delle eliche, legato a uno zucchero e a una base azotata

26. Gli esperimenti di Griffith hanno avuto grande importanza perché

Hanno permesso di identificare un "principio trasformante" nei batteri

Hanno individuato nel RNA la natura di portatore dell'informazione genetica

Hanno dimostrato il ruolo centrale degli acidi nucleici nella trasmissione di informazione genetica

Hanno individuato nel DNA la natura di portatore dell'informazione genetica

27. Gli esperimenti (di Avery, Hersey e Chase) hanno avuto grande importanza perché

Hanno permesso la scoperta della struttura a doppia elica del DNA

Hanno individuato nel RNA la natura di portatore dell'informazione genetica

Hanno dimostrato il ruolo centrale dei lipidi nella trasmissione di informazione genetica

Hanno individuato nel DNA la natura di portatore dell'informazione genetica

28. Qual è la funzione dei telomeri?

Sono sequenze che portano all'invecchiamento cellulare

Sono sequenze che determinano l'apoptosi

Sono sequenze che portano all'evoluzione delle cellule in senso tumorale

Sono sequenze che permettono alla cellula di potersi replicare attivamente senza perdere informazioni genetiche

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 53/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Il filamento in ritardo è sintetizzato in maniera discontinua a livello della forca di replicazione perché

la DNA polimerasi può polimerizzare i nucleotidi solo in direzione 5'-3'

il filamento che funge da stampo è discontinuo

la DNA polimerasi si stacca comunque dal DNA stampo ogni circa 10 nucleotidi

la DNA polimerasi rimuove gli ultimi nucleotidi sintetizzati ogniqualvolta si ferma

30. Quale delle seguenti affermazioni che riguardano la sintesi di un nuovo filamento di DNA di un cromosoma umano è corretta?

Viene sintetizzato a partire da una singola origine di replicazione unicamente mediante sintesi continua

Viene sintetizzato a partire da origini di replicazione multiple unicamente mediante sintesi discontinua

Viene sintetizzato a partire da origini di replicazione multiple mediante un insieme di sintesi continua e discontinua

Viene sintetizzato a partire da origini di replicazione multiple mediante sintesi continua per alcuni cromosomi e sintesi discontinua per altri cromosomi

31. In una doppia elica di DNA

I due filamenti sono antiparalleli

la timina si appaia con la citosina

I due filamenti sono identici.

I nucleotidi sono ribonucleotidi

32. Tutti i seguenti enzimi partecipano alla replicazione del DNA tranne uno. Quale?

Elicasi

Topoisomerasi

DNA polimerasi

Chinasi

33. Una molecola di DNA a doppia elica subisce quattro cicli replicativi consecutivi, producendo 16 molecole; possiamo attendere che tali molecole siano

uguali a otto a otto

a) tutte diverse tra loro

tutte uguali fra loro

uguali a due a due

34. I telomeri sono necessari nelle cellule eucariotiche ma non nei batteri, perché le cellule eucariotiche:

contengono più cromosomi

sono diploidi

contengono cromosomi lineari

contengono un nucleo

35. Gli inneschi (primer) necessari per iniziare la sintesi dei frammenti di Okazaki sono costituiti da:

proteine SSB

Oligonucleotidi di DNA

Oligonucleotidi di RNA

tRNA

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 54/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

36. Assumendo che la timina costituisca il 25% delle basi di una specifica molecola di DNA a doppia elica, a quanto ammonta la percentuale di citosine?

0.25

0.35

0.45

0.15

37. Tutti gli acidi nucleici

sono polimeri di amminoacidi

sono doppio filamento

contengono desossiribosio

sono polimeri di nucleotidi

38. Qual è la funzione del primer nella replicazione del DNA?

Fornire un innesco alla replicazione del DNA

Polimerizzare i nucleotidi aggiungendoli al terminale 5' della catena polinucleotidica in via di formazione

Polimerizzare i nucleotidi aggiungendoli al terminale 3' della catena polinucleotidica in via di formazione

Legare i frammenti di Okazaki tra loro per formare un filamento intero

39. Qual è la funzione delle proteine SSB (Single Strand Binding Proteins)?

Legare i singoli filamenti impedendo il riappaiamento durante la replicazione

Replicare il filamento di DNA

Legare i frammenti di Okazaki

Srotolare la doppia elica

40. Il DNA differisce dall'RNA per

il tipo di purine utilizzato

il tipo di zucchero presente nello scheletro zucchero-fosfato

il numero di basi azotate presenti

il numero di fosfati presente tra gli zuccheri nello scheletro zucchero-fosfato

41. Quali caratteristiche della struttura del DNA determinano il fatto che la replicazione è continua su un filamento ma discontinua sull'altro?

42. Chi formulò nel 1953 il primo modello che descriveva in modo completo la struttura del DNA?

43. Descrivi brevemente gli esperimenti che portarono alla scoperta della composizione e della struttura del DNA

44. Descrivi le molecole che compongono la doppia elica di DNA (se ti è utile puoi disegnarla in maniera stilizzata)

45. In che modo durante la replicazione del DNA possono insorgere mutazioni? Queste mutazioni sono sempre dannose?

46. Per quale ragione le cellule eucariotiche necessitano della telomerasi mentre quelle batteriche no?

47. Spiegare quali sono le caratteristiche della molecola del DNA che la rendono particolarmente adatta a svolgere il suo ruolo di depositario del codice genetico.

48. Descrivi il meccanismo di replicazione del DNA

49. Perché ad ogni ciclo cellulare si "perdono" delle piccole porzioni di DNA? Cosa sono i telomeri?

50. Lo studio del funzionamento dei telomeri è utile alla medicina? Perché?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 55/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 035
01. Un frammento di DNA a doppia elica contiene 13 molecole di adenina e 15 molecole di guanina. Quanti singoli legami ad idrogeno tra basi azotate sono
complessivamente presenti all'interno di questo frammento di DNA?

83

56

71

30

02. Cosa rende il DNA carico negativamente?

i legami ad idrogeno

il gruppo fosfato

lo zucchero

le basi azotate

03. Quale delle seguenti proprietà non può essere usata per distinguere la molecola di DNA da quella di mRNA maturo?

presenza di una doppia elica

presenza di uracile

presenza di introni

presenza di legami fosfodiesterici

04. Quale affermazione riguardante la duplicazione del DNA è corretta?

avviene solo nei gameti prima di meiosi o mitosi

La direzione della nuova sintesi è 3'-5' antiparallela a quella del filamento stampo

Si tratta di un processo conservativo

La sintesi del DNA avviene in modo continuo per un filamento ed in modo discontinuo per l'altro, a causa dell'unica direzione di assemblaggio dei nucleotidi da parte della
DNA polimerasi

05. Durante la duplicazione del DNA eucariote si formano le bolle di replicazione. Indicare quale enzima, tra quelli elencati, determina la rottura dei legami ad
idrogeno fra le basi azotate

telomerasi

elicasi

DNA ligasi

DNA polimerasi

06. I frammenti di Okazaki

sono il prodotto del taglio da parte degli enzimi di restrizione

sono segmenti di DNA prodotti in modo discontinuo durante la replicazione del DNA

sono prodotti dall'azione della DNA elicasi

sono sequenze ripetute alla fine dei cromosomi

07. Una molecola di DNA va incontro a due successive duplicazioni. Quanto DNA delle 4 molecole risultanti deriva direttamente dalla molecola madre?

50%

12.5%

25%

100%

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 56/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. La tripletta AAT presente in un gene subisce una mutazione trasformandosi nella tripletta AAC. La proteina che si genera però non cambia la sua
funzionalità, ciò perché

l' mRNA ha corretto la mutazione

il tRNA trasporta solo l'amminoacido corrispondente alla tripletta AAT

le triplette danno origine a codoni sinonimi

la proteina è stata processata con un meccanismo post-traduzionale

09. Quale dei seguenti elementi non è coinvolto nella duplicazione del DNA?

DNA polimerasi

primer a RNA

ligasi

anticodone

10. Quale delle seguenti sostituzioni di singole basi nel filamento codificante del DNA darebbe origine all'arresto prematuro della traduzione?

da CCT a CCC

da CGA a UGA

da CAA a CAG

da CTG a CTT

11. Quanti codoni possiede la regione codificante di un mRNA lungo 2400 nucleotidi?

1200

600

7200

800

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 57/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

12. Dato il segmento di DNA TTTCTACCGGCA, quale tra i seguenti segmenti di mRNA si forma per trascrizione?

AAAGATGGCGCT

AAAGAUGGCCGU

UUUGUAGGCCGU

TTTCTACCGGCA

13. Indicare quale tra questi codoni genici è errato

AGG

GCC

CCC

ATT

14. Si dice che il codice genetico è ridondante perché

ad una tripletta corrispondono 2 amminoacidi

ad una tripletta corrispondono 3 amminoacidi

un amminoacido può essere codificato da più di una tripletta

ci sono 3 triplette di start

15. Il codone che corrisponde alla serina è UCA. La corrispondente sequenza sul DNA è:

TGA

UCT

AGT

ACU

16. Il numero di molecole di adenina presenti in una molecola di DNA è uguale al numero di molecole di

guanina

citosina

timina

uracile

17. Un frammento di DNA a doppia elica contiene 12 molecole di timina e 15 molecole di guanina. Quanti singoli legami ad idrogeno tra basi azotate sono
complessivamente presenti all'interno di questo frammento di DNA?

54

81

27

69

18. Scegliere quale delle seguenti caratteristiche NON è propria del codice genetico

Ridondanza

Corrispondenza esatta tra un singolo codone e un singolo aminoacido

Universalità

Presenza di triplette di inizio della traduzione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 58/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

19. Quale delle seguenti affermazioni relative al DNA è falsa?

E' a doppia elica

E' presente anche nei ribosomi

alcuni virus contengono DNA

E' formato da nucleotidi

20. Il tRNA ha una struttura a trifoglio e presenta:

L'anticodone nell'ansa centrale e l'amminoacido in estremità 3'

L'amminoacido all'estremità 5' e l'anticodone in una delle anse

L'anticodone all'estremità 3' e l'amminoacido nell'ansa opposta

L'anticodone in una delle anse e l'amminoacido in una delle altre

21. In una molecola di RNA due nucleotidi adiacenti sono uniti tra loro da

un legame fosfodiesterico

un ponte disolfuro

forze di Van der Waals

un legame peptidico

22. Le estremità di un filamento di RNA sono individuate dai termini 5' e 3'

A seconda della natura dell'ultimo zucchero presente (pentoso o esoso)

Dal numero dell'atomo di carbonio dello zucchero che porta il gruppo terminale

A seconda che lo zucchero abbia 3 o 5 atomi di carbonio

A seconda che la base legata allo zucchero terminale sia una purina o una pirimidina

23. Scegliere quale delle seguenti caratteristiche è propria del codice genetico

Esistono codoni che possono codificare per più amminoacidi

Codoni diversi possono codificare per lo stesso amminoacido

Corrispondenza esatta tra un singolo codone e un singolo aminoacido

Tutti i codoni del codice genetico codificano per amminoacidi

24. Nel corso del processamento del pre-mRNA o mRNA precursore

Viene rimossa una coda di poli-A all'estremità 3'

Vengono aggiunti introni

Viene aggiunto un codone di stop

Vengono rimossi gli introni

25. Quante sono le triplette che codificano per i 20 amminoacidi nel codice genetico?

64

61

32

46

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 59/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

26. Che tipo di RNA è l'mRNA?

È l'RNA che concorre alla formazione del ribosoma

È l'RNA con molecola a trifoglio che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

È una molecola di RNA che contiene l'informazione per la sintesi delle proteine

È l'RNA con molecola lineare che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

27. Quale delle seguenti affermazioni è VERA?

I ribosomi sono grandi strutture composte unicamente da rRNA

I ribosomi sono sintetizzati interamente nel citoplasma

Un ribosoma consiste di due subunità di dimensioni identiche

I ribosomi sono composti da rRNA e da numerose proteine

28. Il flusso di informazioni all'interno di una cellula procede con il seguente ordine di passaggi:

RNA - trascrizione - duplicazione - proteina

DNA - trascrizione - traduzione - proteina

RNA - DNA - duplicazione - traduzione

DNA - duplicazione - ricombinazione

29. Purine e pirimidine sono:

due diversi amminoacidi

due tipi di proteine della membrana plasmatica

due tipi di basi azotate

due tipi di zuccheri presenti negli acidi nucleici

30. Nel corso del processamento nucleare del pre-mRNA o mRNA precursore

Vengono aggiunti un "cappuccio" e una coda di poli-A

Viene aggiunto un codone di stop

Viene rimossa una coda di poli-A all'estremità 3'

Vengono aggiunti introni

31. Durante la trascrizione la molecola di mRNA cresce

In direzione 5' - 3'

In entrambe le direzioni, partendo dal centro

In direzione 3' - 5'

Nella stessa direzione in cui viene letto il DNA stampo

32. Cosa è il codice genetico?

Le 64 triplette che specificano i 20 aminoacidi delle proteine

I geni presenti nel DNA

I diversi alleli per ogni carattere

La sequenza di nucleotidi nel DNA

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 60/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

33. La fase di allungamento del polipeptide termina quando

Il fattore di rilascio si interpone tra l'mRNA e la catena polipeptidica

Il fattore di rilascio si lega al codone stop

Il codone stop richiama l'amminoacido di stop

Il fattore di rilascio si aggancia alla catena polipeptidica

34. A cosa ci si riferisce quando si afferma che i geni eucariotici contengono esoni?

Al fatto che nei geni eucariotici alcune sequenze siano più esterne, esoni, e altre più interne, introni

Al fatto che la RNA polimerasi trascriva solo le sequenze del gene dette appunto esoni

Al fatto che i geni eucariotici contengono sequenze codificanti, gli esoni, frammiste a sequenze non codificanti, gli introni

Al fatto che la DNA polimerasi trascriva solo le sequenze del gene dette appunto esoni

35. Quante sono le triplette che costituiscono il codice genetico?

30

64

20

60

36. Che tipo di RNA è l'rRNA?

È l'RNA con molecola a trifoglio che contiene l'informazione per la sintesi delle proteina

È l'RNA con molecola a trifoglio che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

È l'RNA con molecola lineare che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

È l'RNA che concorre alla formazione del ribosoma

37. Le due semieliche del DNA dono tenute insieme da:

proteine

legami covalenti

legami ad idrogeno

gruppi fosfato

38. Cosa è possibile trovare in un cromosoma umano? 1) Esoni; 2) Introni; 3) Proteine

solo 1

solo 2 e 3

solo 1 e 2

tutti

39. Che tipo di RNA è il tRNA?

È l'RNA con molecola a trifoglio che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

È l'RNA che concorre alla formazione del ribosoma

È l'RNA con molecola a trifoglio che contiene l'informazione per la sintesi delle proteina

È l'RNA con molecola lineare che si occupa di trasferire gli aminoacidi sul ribosoma

40. Come agiscono i proteasomi e che funzione hanno?

41. Cos'è una mutazione puntiforme? Descrivi le diverse tipologie

42. Descrivi i meccanismi di regolazione post-traduzionale

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 61/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

43. Descrivi i meccanismi di regolazione post-trascrizionale

44. Cosa sono le sequenze enhancer e silencer? Che funzione hanno?

45. Perché i meccanismi epigenetici sono importanti per spiegare le interazioni fra genoma e ambiente?

46. In che modo la struttura della cromatina influenza l'espressione genica? Descrivi i principali meccanismi coinvolti

47. Descrivi quali sono le principali modificazioni epigenetiche

48. Come avviene la regolazione della cromatina? Perchè è importante?

49. Perché negli organismi pluricellulari le cellule sono differenziate pur contenendo le stesse informazioni genetiche?

50. Cosa sono i polimorfismi microsatellite? Per cosa può essere utile l'analisi dei polimorfismi microsatellite?

51. Nel caso di un polimorfismo A/G, quali sono i 3 diversi genotipi che si possono determinare?

52. I polimorfismi genetici, di norma, hanno effetti rilevanti? Fai un esempio

53. Cosa sono gli agenti mutageni? Fai un esempio

54. Descrivi come avviene una mutazione frameshift, aiutandoti con una rappresentazione grafica

55. Fai un esempio che descriva come le mutazioni di senso possano avere effetti più o meno marcati a seconda degli aminoacidi che vengono sostituiti

56. Le mutazioni possono rivelarsi utili dal punto di vista evolutivo?

57. Quante RNA polimerasi conosci e che cosa sintetizzano?

58. Descrivi le diverse tipologie di RNA e le funzioni che svolgono

59. Descrivi i diversi passaggi della sintesi proteica

60. Descrivi la struttura di un ribosoma

61. Disegna una molecola di tRNA e descrivine le diverse regioni

62. Quali sono i principali "attori" della traduzione?

63. Descrivi i processi di maturazione dell'mRNA

64. Descrivi la sequenza di eventi che avvengono durante la trascrizione

65. Cosa sono e che funzione hanno i microRNA?

66. Cosa significa che il codice genetico è universale?

67. Quando due codoni sono detti "sinonimi"? Che tipo di mutazione di origina da una mutazione che modifica un codone in un suo sinonimo?

68. Come è stato decifrato il codice genetico?

69. Disegnare un semplice schizzo che illustri in che modo lo spicing alternativo può dare origine a proteine differenti.

70. Com'è strutturato e a che cosa serve il codice genetico?

71. Descrivi il processo di traduzione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 62/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 038
01. Quanti sono gli istoni all'interno dei nucleosomi

12

9+2

02. Cosa sono gli enhancers ed i silencers ?

Sono sequenze di DNA che regolano l'espressione di un gene

Sono proteine che attivano o disattivano le reazioni biochimiche

Sono sequenze di RNA che regolano l'espressione di un gene

Corrispondono rispettivamente agli esoni e agli introni

03. Il codone di start AUG codifica anche per

l'amminoacido metionina

l'amminoacido tirosina

l'amminoacido glicina

l'amminoacido cisteina

04. Con lo splicing alternativo:

Si possono ottenere due diversi mRNA da uno stesso pre-mRNA

Si modifica un segmento di DNA

Si modifica l'RNA con aggiunta di esoni

Vengono aggiunte code di poli-A all'mRNA

05. Cosa è il promotore?

Una sequenza cui si lega la DNA polimerasi per iniziare la trascrizione

Una sequenza cui si lega un repressore per inibire la trascrizione

Una sequenza cui si lega la RNA polimerasi per iniziare la trascrizione

Una sequenza cui si lega la RNA polimerasi per terminare la trascrizione

06. Il materiale nucleare costituito da DNA e proteine (istoni), che si organizzarà nei cromosomi prima della divisione cellulare, è detto:

cariotipo

cromoforo

cromatina

nucleotide

07. Quale molecola deve essere associata alle proteine per poter essere degradate dai proteasomi?

un recettore

ubiquitina

ATP

RNA

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 63/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Cosa sono i fattori di trascrizione?

Proteine modulari con più di un dominio che legano il DNA aumentando l'efficienza della trascrizione

Proteine modulari con un solo dominio che legano il DNA aumentando l'efficienza della trascrizione

Proteine modulari con un solo dominio che legano il DNA diminuendo l'efficienza della trascrizione

Proteine modulari con più di un dominio che legano il DNA e un attivatore/repressore della trascrizione per aumentarne l'efficienza

09. Una cellula della stomaco produce pepsina e non insulina

non sono presenti i recettori per l'insulina

non presenta il gene dell'insulina

non sono attivi i geni per la produzione di insulina

ha geni diversi rispetto ad una cella del pancreas

10. Quale dei seguenti meccanismi non contribuisce alla regolazione dell'espressione genica?

il processamento dell'RNA

l'apoptosi

la degradazione selettiva di proteine

il controllo della trascrizione

11. Nello stesso organismo cellule diverse sintetizzano corredi proteici diversi. Qual è di norma la causa?

il riassortimento dei caratteri

la presenza del genoma mitocondriale

la differente regolazione dell'espressione genica

il crossing over

12. Gli mRNA prodotti da un gene

sono diversi nelle cellula a seconda della loro dimensione

possono essere diversi nelle cellule di uno stesso individuo a seconda della popolazione cellulare

Sono identici in tutte le cellule somatiche degli individui della stessa specie

Sono identici in tutte le cellule del corpo di un individuo

13. Il codone di inizio è situato in prossimità dell'estremità (X) che corrisponde all'estremità (Y).

(X)= 5' dell'mRNA (Y)=N terminale della proteina

(X)= 5' dell'mRNA (Y)=carbossi terminale della proteina

(X)= 5' del DNA (Y)=N terminale della proteina

(X)= 3' dell'mRNA (Y)=N terminale della proteina

14. Apparentemente, le nostre cellule muscolari differiscono dalle cellule nervose soprattutto perché:

hanno cromosomi diversi

esprimono geni diversi

hanno ribosomi particolari

contengono geni differenti

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 64/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. L'epigenetica include cambiamenti dell'espressione di un gene o di un insieme di geni a opera

della metilazione del DNA; dell'alterazione di proteine istoniche

di fattori di trascrizione; della metilazione del DNA

di promotori; della metilazione del DNA

di promotori; dell'alterazione di proteine cromosomiche

16. Quale delle seguenti affermazioni sugli RNA transfer (tRNA) è falsa?

Interagiscono con l'mRNA.

Presentano un anticodone

Possono variare gli amminoacidi che legano.

Interagiscono con i ribosomi.

17. Quale delle seguenti affermazioni sullo splicing del pre-mRNA è falsa?

Può essere 'alternativo' e portare alla formazione di mRNA maturi diversi

Nei geni degli eucarioti questo processo provvede alla rimozione degli introni.

Si tratta di un processo comune nei procarioti.

Dopo la rimozione degli introni gli esoni vengono legati insieme

18. Le modificazioni epigenetiche sono:

Metilazioni del DNA e modificazioni degli introni

Metilazioni del DNA e modificazioni degli esoni

Fosforilazioni del DNA e modificazioni degli istoni

Metilazioni del DNA e modificazioni degli istoni

19. Le modificazioni epigenetiche sono:

Modificazioni degli introni

Modificazioni del DNA come l'aggiunta di gruppi metile alle citosine

Modificazioni del DNA come l'aggiunta di gruppi metile al desossiribosio

Modificazioni della sequenza del DNA

20. La cromatina

può essere in due forme: eucromatina ed eterocromatina

è un filamento di DNA posto nei mitocondri

è un ibrido di DNA e RNA

è un polipeptide

21. Gli istoni

fanno parte della cromatina

vengono legati insieme durante lo splicing

vengono rimossi durante lo splicing

vengono trascritti insieme agli esoni

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 65/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 040
01. In quale caso piante o animali possono essere definiti transgenici?

Quando sono stati fatti accoppiare con individui di specie diverse cosicchè il loro DNA risulta composto dal DNA di due specie diverse

Quando il DNA delle loro cellule è stato metilato

Quando un loro cromosoma è stato asportato

Quando il DNA delle loro cellule ha incorporato un gene estraneo

02. Quale delle seguenti sostanze NON è prodotta con tecniche di DNA ricombinante a scopi terapeutici?

Insulina umana

Insulina di maiale

Vaccino anti epatite B

Ormone della crescita umano

03. A cosa ci si riferisce parlando di estremità adesive?

Alle code di poliA dell'RNA messaggero

Alla formazione di nuove molecole di DNA

Ai frammenti di RNA creati dagli enzimi di restrizione

Ai frammenti di DNA creati dagli enzimi di restrizione

04. Perchè nella PCR si usa la polimerasi Taq del batterio Thermus aquaticus?

Perchè la polimerasi Taq è stabile al calore

Perchè è facile da estrarre da quel batterio

Perchè il batterio forma colonie molto numerose

Perchè il batterio è di facile reperimento

05. Cos'è un plasmide?

Un frammento di DNA ottenuto con un enzima di restrizione

Il cromosoma batterico

Una molecola di DNA batterico circolare separata dal cromosoma batterico

Un frammento di RNA ottenuto con un enzima di restrizione

06. Cosa sono gli enzimi di restrizione?

Enzimi che degradano il DNA estraneo

Enzimi capaci di tagliare il DNA in punti casuali

Enzimi capaci di tagliare il DNA in punti specifici

Enzimi che proteggono il DNA batterico dall'inserzione del DNA virale

07. In cosa consiste la tecnica della PCR, reazione a catena della polimerasi?

Nella amplificazione di una sequenza di DNA milioni di volte, grazie a reazioni a catena della DNA polimerasi

Nella amplificazione di una sequenza di RNA milioni di volte, grazie a reazioni a catena della RNA polimerasi

Nella ibridazione del DNA prodotto dalla DNA polimerasi con sequenze di DNA da identificare

Nella formazione del cDNA, il DNA complementare, grazie alla DNA polimerasi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 66/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. La terapia genica ha lo scopo di

effettuare la fecondazione artificiale

ottenere una nuova specie

clonare un organismo

sostituire un gene difettoso con uno sano

09. Per organismi transgenici si intende

organismi geneticamente identici

organismi derivanti dall'incrocio di genitori con patrimoni genetici diversi

organismi derivati dall'incrocio di specie diverse

organismi in cui è stato inserito un gene estraneo

10. Per DNA ricombinante si intende

l'appaiamento di due semieliche di DNA

la duplicazione rapida di un cromosoma

una molecola di DNA che contiene parti di DNA provenienti da altre specie

una molecola di DNA che ha subito il crossing over

11. Quali caratteristiche sono usate per identificare i cromosomi nel cariotipo?

Lunghezza, larghezza e peso

Posizione del centromero e peso

Bandeggiatura, lunghezza, posizione del centromero

Presenza/assenza del corpo di Barr, colore, lunghezza

12. Quale metodica è adatta per ottenere organismi transgenici?

Iniezione di un gene in una cellula adulta

Iniezione di un fattore di trascrizione in una cellula adulta

Uso di virus come vettori

Iniezione di un fattore di trascrizione in una cellula uovo fecondata

13. Cosa si intende con "junk DNA"?

14. Cos'è il progetto genoma umano (HGP)? Che risultati ha portato?

15. Per cosa possono essere utili gli animali transgenici? Fai un esempio

16. Cos'è la proteomica?

17. Cos'è e come avviene il clonaggio? Cosa sono i vettori?

18. Che funzione hanno gli enzimi di restrizione?

19. Quali sono le possibili applicazioni in medicina della tecnica del DNA ricombinante? Fai un esempio

20. Quali sono gli svantaggi dei "vaccini uccisi" e dei vaccini vivi attenuati?

21. Cos'è e che applicazioni ha l'NGS?

22. A cosa serve la PCR? Qual è la particolarità dell'enzima Taq polimerasi?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 67/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

23. Cosa sono i vaccini ricombinanti?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 68/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 043
01. Quale delle seguenti affermazioni sulla struttura primaria delle proteine NON è vera?

E' la sequenza amminoacidica della proteina

E' determinata dalla struttura del corrispondente DNA

E' peculiare di quella proteina

Può essere ramificata

02. Quale delle seguenti patologie è dovuta a una mutazione di un gene il cui prodotto trasporta ossigeno?

la sindrome dell'X fragile

la fenilchetonuria

l'anemia falciforme

la Corea di Huntington

03. Le malattie ereditarie legate al sesso

sono determinate da geni che si trovano sui cromosomi autosomici

si possono ereditare solo dal padre

sono determinate da geni che si trovano sui cromosomi sessuali

si verificano solo nelle femmine

04. Indicare quale dei seguenti processi biologici non aumenta la variabilità genetica

la ricombinazione

la riproduzione sessuata

la mitosi

la meiosi

05. Quale dei seguenti eventi non si verifica normalmente nella I divisione meiotica?:

separazione dei cromosomi omologhi

appaiamento dei cromosomi omologhi

ricombinazione tra cromosomi omologhi

separazione dei cromatidi fratelli

06. I gameti prodotti da un organismo con genotipo SsMm (geni indipendenti) sono:

Sm, SM, sm, sM

SM e sm

Ss e Mn

SS, ss, MM, mm

07. Da un incrocio tra un individuo AaBb con uno aabb sono attesi tutti i seguenti genotipi tranne uno. Quale?

aabb

Aabb

AaBB

AaBb

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 69/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Per omozigote s'intende un individuo che:

Manifesta un carattere dominante

Presenta cromosomi tutti uguali

Ha due alleli uguali di un determinato gene

Manifesta un carattere ad effetto soglia

09. Una mutazione nonsenso...

deriva da un cambiamento nel codone per un amminoacido di una proteina, che produce un codone di stop

non influisce probabilmente sull'attività di una proteina.

dà origine a una proteina troncata in corrispondenza dell'estremità N.

non influisce sulla struttura primaria di una proteina.

10. Quale dei seguenti fenomeni non cambia la quantità di materiale genetico presente in un cromosoma?

Una delezione.

Un'inversione.

Una duplicazione.

Una traslocazione

11. Un uomo è affetto da anemia falciforme, malattia autosomica recessiva. Egli è l'unica persona nella famiglia affetta da tale malattia. Qual è la probabilità che
la madre e il padre siano eterozigoti (portatori sani)?

Madre 50%, padre 25%

Madre 0%, padre 100%

Madre 50%, padre 50%

Madre 100%, padre 100%

12. Le aneuploidie possono essere conseguenza di:

ritardo durante la profase

alterazioni del ciclo cellulare

mutazioni puntiformi

eventi di non disgiunzione

13. Il figlio di primo letto di un uomo ha il gruppo sanguigno AB e sua madre il gruppo B. Il figlio di secondo letto ha gruppo 0 e sua madre gruppo A. Qual è il
genotipo dell'uomo?

IB i

IA IB

IA i

ii

14. Il figlio di primo letto di un uomo ha il gruppo sanguigno AB e sua madre il gruppo A. Il figlio di secondo letto ha gruppo 0 e sua madre gruppo B. Qual è il
genotipo dell'uomo?

IA i

ii

IA IB

IB i

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 70/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Quale delle seguenti affermazioni relative agli alleli è sbagliata?

Rappresentano forme diverse dello stesso gene

Gli alleli di un gene occupano differenti loci su uno stesso cromosoma

Un allele può essere dominante su un altro

Per un locus possono esistere molti alleli diversi

16. Quale delle seguenti coppie di genitori non può avere un figlio di gruppo sanguigno 0?:

AB x 0

AxB

0x0

BxB

17. Quale dei quattro nonni trasmette il cromosoma Y a un nipote maschio

Nonna paterna

Nonno materno

Nonno paterno

Nonna materna

18. Un allele si dice dominante:

quando si esprime solo in individui di sesso maschile

quando il fenotipo nell'eterozigote è identico a quello determinato dall'omozigosi per quell'allele

quando non dà luogo a mutazioni recessive

quando il suo mRNA viene trascritto in misura superiore di quello dell'allele omologo

19. In una cellula alla ..............ogni cromosoma consiste di una coppia di cromatidi attaccati

Profase II meiotica

Profase mitotica

Tutte le risposte sono corrette

Profase I meiotica

20. Un allele si dice recessivo

quando il fenotipo nell'eterozigote è identico a quello determinato dall'omozigosi per quell'allele

quando si esprime solo in individui di sesso maschile

quando non dà luogo a malattie genetiche

quando per determinare il fenotipo deve essere presente in duplica copia

21. Qual'è la percentuale di figli albini (fenotipo autosomico recessivo) attesi da un matrimonio tra un genitore portatore (Aa) ed un genitore albino (aa).

0.75

0.5

0.25

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 71/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

22. Qual'è la percentuale di figli albini (fenotipo autosomico recessivo) attesi da un matrimonio tra un genitore portatore (Aa) ed un genitore sano non portatore
(AA).

0.5

0.75

0.25

23. Qual'è la percentuale di figli albini (fenotipo autosomico recessivo) attesi da un matrimonio tra due genitori portatori (Aa).

0.75

0.25

0.5

0.45

24. Dati due individui omozigoti AA e aa per un gene a dominanza incompleta, nella F2 troverò un rapporto di genotipi AA, Aa e aa pari a:

1:3:1

1:2:1

1:4:1

1:1:1

25. Qual'è la probabilità che una donna, con il padre affetto da emofilia (patologia mendeliana legata al cromosoma X, recessiva), sia portatrice?

50%

0%

100 %

25 %

26. Un maschio riceve il corredo genetico legato al cromosoma X

dal padre

da ambedue i genitori

dal nonno paterno

dalla madre

27. Una femmina riceve il corredo genetico legato al cromosoma X

dalla madre

da ambedue i genitori

dal nonno materno

dal padre

28. Da due piante di pisello a fiori bianchi (carattere monogenico recessivo) può nascere una pianta con fiori rossi (dominante)?

Sì, se i genitori sono omozigoti

Sempre

no

Sì, se i genitori sono eterozigoti

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 72/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

29. Da due piante di pisello a fiori rossi (carattere autosomico dominante) può nascere una pianta con fiori bianchi (carattere recessivo)?

Sì, se i genitori sono eterozigoti

no

Sì, se i genitori sono omozigoti

Sempre

30. Gli ibridi della prima generazione negli esperimenti di Mendel

sono uniformi ed eterozigoti

sono diversi tra loro in rapporto 1:1

sono diversi tra loro in rapporto 1:2:1

sono uniformi ed omozigoti

31. Quale delle seguenti affermazioni è corretta per i geni che mappano sul cromosoma X?

si trasmettono dal padre al figlio solo nel 50% dei casi

Si trasmettono sempre dal padre alla figlia

si trasmettono sempre dal padre al figlio

si trasmettono sempre dalla madre alla figlia

32. Un individuo malato di una malattia genetica recessiva avrà ereditato la mutazione che la provoca

solo dal padre

solo dalla madre

da entrambi i genitori

dalla madre nel 75% dei casi

33. Un individuo maschio malato di una malattia genetica X-linked avrà ereditato la mutazione che la provoca

solo dalla madre

dalla madre nel 75% dei casi

solo dal padre

da entrambi i genitori

34. Per organismo diploide si intende un organismo

costituito da due cellule

con due cromosomi

costituito da cellule con due nuclei

nelle cui cellule somatiche ogni cromosoma è rappresentato due volte

35. Quale dei seguenti fattori fa aumentare la fluidità della membrana?

Una grossa percentuale di fosfolipidi insaturi

Una bassa temperatura

Un contenuto relativamente alto di proteine nella membrana

Un alto potenziale di membrana

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 73/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

36. Da un punto di vista genetico che malattia è la fenilchetonuria?

E' dovuta ad una delezione in un gene coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi

E' una malattia autosomica recessiva dovuta ad una mutazione in un gene coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi

E' una malattia autosomica dominante dovuta ad una mutazione in un gene coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi

E' una malattia dovuta ad una duplicazione in un gene coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi

37. Un individuo si definisce omozigote

Se porta due loci diversi per uno stesso gene

Se presenta almeno due geni che controllano l'espressione di uno stesso carattere

Se porta due alleli diversi di uno stesso locus

Se genera gameti con alleli uguali per il gene considerato

38. Una mutazione frameshift è causata da:

Delezione di 3 basi

Un errore post-traduzionale

Inserzione o delezione di 1 o 2 basi

Inserzione di 3 basi

39. Quando una sostituzione nucleotidica dà luogo ad una sostituzione amminoacidica si parla di mutazione:

Del sito di splicing

Frameshift

Non senso

Di senso

40. Quali mutazioni possono essere ereditate dalla prole?

Le mutazioni cromosomiche

Tutte le mutazioni

Le mutazioni di senso

Le mutazioni frameshift

41. Come è definita una mutazione che causa l'interruzione prematura della sintesi di una catena polipeptidica?

non senso

frameshift

dominante

di senso

42. Che cos'è la sindrome di Down?

Una patologia dovuta ad un maggior rischio di sviluppare tumori

Una patologia che deriva dalla presenza di un cromosoma soprannumerario nella coppia n° 21

Una patologia che deriva dalla mancanza di un cromosoma nella coppia n° 21

Una patologia che deriva dalla presenza di un cromosoma sessuale soprannumerario

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 74/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

43. Quale terapia permette che individui affetti da fenilchetonuria non sviluppino ritardo mentale?

La dieta appropriata, da seguire in alcuni casi per tutta la vita

La somministrazione di aspartame

La somministrazione di farmaci specifici per il metabolismo della fenilalanina

La somministrazione di diuretici per eliminare i metaboliti tossici della fenilalanina

44. Qual è il ruolo del DNA umano non organizzato in geni?

Ha il solo ruolo di regolare la sintesi delle proteine

È materiale insignificante, di scarto

Codifica per le proteine

Non è ancora del tutto chiarito ed è oggetto di studio

45. In quale patologia è coinvolto il cromosoma 14/21?

Nella sindrome di Edwards dovuta a traslocazione di un cromosoma 14 sul 21

Nella sindrome di Down dovuta a traslocazione di un cromosoma 14 sul 21 in uno dei due genitori

Nella sindrome della fibrosi cistica dovuta a traslocazione di un cromosoma 14 sul 21

Nella sindrome di Down in quanto gli individui affetti possono avere la traslocazione di un cromosoma 14 sul 21

46. A quali effetti fenotipici è associato il cariotipo XYY ?

Solo ad aggressività e violenza

Solo a ritardo mentale

Ad aggressività e violenza e sterilità

Ad acne grave e statura molto alta

47. Quali sono i fattori riconosciuti come associati ad un aumento di rischio per la sindrome di Down?

L'età materna avanzata

L'assunzione di farmaci in gravidanza

L'alcol

Il fumo

48. Cosa è il cariotipo?

Il corredo dei geni di un individuo

Ciò che indica il tipo di nucleo dei vari tipi cellulari

Il corredo cromosomico di un individuo

Ciò che indica il tipo di cariosside

49. Quale frazione della progenie dell'incrocio AaBb × AaBb è dominante per entrambi gli alleli, supponendo che questi siano situati su cromosomi differenti?

1/4

1/8

1/16

1/32

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 75/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

50. Che tipo di anomalia cromosomica è la duplicazione?

È la presenza di un cromosoma in più nella coppia dei cromosomi sessuali

È la presenza di un cromosoma soprannumerario all'interno di una coppia di cromosomi non omologhi

È la presenza di una regione cromosomica raddoppiata in uno (o entrambi) i cromosomi di una coppia di omologhi

È la presenza di un cromosoma soprannumerario all'interno di una coppia di cromosomi omologhi

51. Quale difetto è presente nei soggetti che sono affetti da anemia falciforme?

Una mutazione autosomica recessiva che rende i globuli rossi a forma di falce perchè la catena beta dell'emoglobina contiene una valina al posto dell'acido glutammico in
posizione 6

Una mutazione cromosomica recessiva che rende i globuli rossi a forma di falce a alte concentrazioni di ossigeno perchè si sintetizza emoglobina fetale anche durante la
vita adulta

Una mutazione genica recessiva che rende i globuli rossi a forma di falce a basse concentrazioni di ossigeno perchè si sintetizza emoglobina fetale anche durante la vita
adulta

Una mutazione genica dominante che rende i globuli rossi a forma di falce a basse concentrazioni di ossigeno perchè si sintetizza emoglobina fetale anche durante la vita
adulta

52. I geni vicini sullo stesso cromosoma

Tendono ad essere ereditati insieme

Le frequenze dei fenotipi nella F1 rispecchiano le attese secondo la legge dell'assortimento indipendente

Devono codificare per lo stesso carattere

Nessuna delle risposte è corretta

53. Quali tra le seguenti sono geneticamente identiche?

tutte le risposte sono corrette

due cellule risultanti da una divisione mitotica

quattro cellule risultanti dalla meiosi I seguita dalla meiosi II

due cellule risultanti dalla meiosi I

54. Che cos'è la sindrome del Cri du Chat?

Una patologia che deriva dalla delezione di una parte del cromosoma 5

Una patologia che deriva dalla presenza di un cromosoma in più nella coppia n° 21 (trisomia)

Una patologia che deriva dalla delezione di una parte del cromosoma 4

Una patologia che deriva dalla presenza di un cromosoma sessuale soprannumerario

55. Una delle seguenti affermazioni sul codice genetico è errata. Indicare quale

Diversi codoni possono essere riconosciuti dallo stesso tRNA

Un aminoacido può essere codificato da più codoni

Alcuni codoni non codificano per aminoacidi

Un codone può codificare per aminoacidi diversi

56. I geni:

Portano l'informazione ereditaria

Tutte le risposte sono corrette

Consistono in catene di molecole chiamate nucleotidi

Sono contenuti nel DNA all'interno del nucleo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 76/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

57. In un nucleosoma, il DNA è avvolto attorno

al nucleolo

a 8 istoni

al centromero

a molecole di DNA polimerasi

58. Da un punto di vista genetico che malattia è l' anemia falciforme?

E' una malattia autosomica dominante dovuta ad una mutazione nel gene dell'emoglobina

E' una malattia autosomica recessiva dovuta ad una mutazione nel gene dell'emoglobina

E' dovuta ad una delezione nel gene dell'emoglobina

E' una malattia dovuta ad una duplicazione nel gene dell'emoglobina

59. A quali effetti fenotipici è associato il cariotipo X0 ?

Ad aggressività e violenza

A sterilità ed in alcuni casi ad un leggero ritardo mentale

Ad aggressività e sterilità

A sterilità, statura bassa e tozza

60. A quali effetti fenotipici è associato il cariotipo XXY ?

Ad aggressività e sterilità

Ad acne grave e statura molto alta

Ad aggressività e violenza

A sterilità ed in alcuni casi ad un leggero ritardo mentale

61. Quando una sostituzione nucleotidica inserisce un codone che codifica per lo stesso amminoacido si parla di mutazione:

Silente

Frameshift

Non senso

Di senso

62. Dati due individui omozigoti AA e aa nella F2 troverò un rapporto di genotipi AA, Aa e aa pari a:

1:2:1

Solo AA e aa, in rapporto 1:1

1:1:1

1:3:1

63. Come è definita una mutazione che causa la sostituzione di un amminoacido?

Frameshift

Non senso

Silente

Di senso

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 77/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

64. Quando una sostituzione nucleotidica inserisce un codone di stop si parla di mutazione:

Frameshift

Non senso

Di senso

Del sito di splicing

65. Cosa causa una mutazione silente?

La proteina prodotta ha tutti gli amminocidi modificati dalla mutazione in avanti

La proteina prodotta è tronca

La proteina prodotta presenta un amminoacido diverso

Nulla, la proteina prodotta è identica a quella originaria

66. Quale carattere genetico si definisce dominante?

Quello che non si esprime nella generazione F2

Quello che non si esprime nella generazione F1

Quello che al momento della formazione dei gameti non è presente

Quello che si esprime nella generazione F1

67. La generazione F1 descritta da Mendel

E' composta da individui fenotipicamente diversi per quel carattere

E' composta da individui tutti eterozigoti

E' composta da individui geneticamente diversi per quel carattere

E' composta da individui tutti omozigoti

68. Il daltonismo è

Una alterazione della visione dei colori determinata da una mutazione autosomica dominante

Una alterazione della visione dei colori determinata da una mutazione sul cromosoma X

Una alterazione della visione dei colori determinata da una mutazione sul cromosoma Y

Una alterazione della visione dei colori determinata da una mutazione autosomica recessiva

69. Che cosa è un gene epistatico?

un gene espresso solo nelle femmine

un gene che per esprimersi ha bisogno di altri geni

un gene silenziato

un gene espresso solo nei maschi

70. Quale pattern di ereditarietà è associato ad un carattere che: - solitamente non è espresso nei genitori; - è espresso in circa un quarto dei figli; - è espresso sia
nei maschi che nelle femmine?

autosomico recessivo

recessivo associato all'X

dominante associato all'Y

autosomico dominante

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 78/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

71. Da un punto di vista genetico che malattia è la Corea di Hungtington?

E' dovuta ad una delezione nel cromosoma 5

E' una malattia autosomica dominante

E' una malattia dovuta ad una duplicazione nel cromosoma 4

E' una malattia autosomica recessiva

72. Una donna ha gruppo sanguigno B del sistema AB0. Sua madre ha gruppo sanguigno 0. In base a questi dati possiamo dedurre che il padre della donna...

non può avere gruppo AB

non può avere gruppo 0

non può avere gruppo B

ha gruppo sanguigno AB

73. Nella specie umana l'allele T che da sensibilità alla feniltiocarbamide (una sostanza di sapore amaro) è dominante sull'allele t che da insensibilità. Un uomo
sensibile sposa una donna non sensibile; hanno un figlio sensibile. Da tali dati si può dedurre che

il genotipo del figlio è TT

il genotipo del figlio è Tt

il genotipo del padre è tt

il genotipo della madre è Tt

74. Incrociando due conigli con pelo bruno si ottengono 130 femmine con pelo bruno, 63 maschi con pelo bianco e 70 maschi con pelo bruno. L'alle per il pelo
bianco è:

autosomico recessivo

autosomico dominante

recessivo legato all'Y

recessivo legato all X

75. Un padre eterozigote affetto da Corea di Huntington ed una madre che non porta la mutazione che probabilità avranno di avere un figlio che svilupperà la
malattia

0.75

0.25

0.5

76. Un uomo di gruppo sanguigno 0 si sposa con una donna di gruppo sanguigno A, il cui padre era di gruppo sanguigno 0. Con quale probabilità i figli della
coppia saranno di gruppo sanguigno 0?

0.25

0.5

Nessuna

77. Genitori di gruppo sanguigno A hanno un figlio di gruppo sanguigno 0. Si può affermare che per entrambi i genitori

il genotipo è A0

il fenotipo è 0

il genotipo è 00

il genotipo è AA

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 79/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

78. Quale tra le seguenti coppie non può avere figli con gruppo sanguigno 0

Madre gruppo A Padre gruppo 0

Madre gruppo A Padre gruppo B

Madre gruppo 0 Padre gruppo A

Madre gruppo 0 Padre gruppo AB

79. Genitori di gruppo sanguigno A hanno un figlio di gruppo sanguigno 0. Si può affermare che per entrambi i genitori

il fenotipo è A

il genotipo è AA

il fenotipo è 0

il genotipo è 00

80. Nelle zucche il colore bianco del frutto (W) è dominante sul giallo (w); la forma del frutto schiacciata a disco (D) è dominante sulla forma a sfera (d). Se si
incrociano due individui con genotipo rispettivamente WWdd e WWdd in che rapporti saranno le classi fenotipiche della progenie?

1:1

9 : 3 : 3: 1

1: 2

vi è una sola classe fenotipica

81. Considerando il caso dell'eredità legata al cromosoma X di un allele mutante recessivo, nella progenie ottenuta da un incrocio tra un maschio non affetto da
una malattia genetica e una femmina portatrice eterozigote...

tutti i discendenti maschi che ricevono il cromosoma X mutante recessivo manifestano il carattere

approssimativamente metà dei discendenti femmina manifestano il carattere

tutti i discendenti maschi sono portatori del carattere

tutti i discendenti femmina che ricevono l'X mutante recessivo manifestano il carattere

82. Se un gene è localizzato sul cromosoma X esso viene trasmesso dal padre a:

tutti i figli

metà delle figlie femmine

tutti i figli maschi

tutte le figlie femmine

83. Se un gene è localizzato sul cromosoma X esso viene trasmesso dalla madre a:

tutti i figli maschi

tutti i figli

tutte le figlie femmine

nessuno dei figli maschi

84. Cosa sono gli introni?

regioni non codificanti del gene

sequenze che non vengono trasmesse

geni che regolano la trascrizione di altri geni

sequenze che si trasmettono con il cromosoma X

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 80/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

85. Il contenuto di DNA presente nel nucleo delle diverse cellule di uno stesso organismo

è variabile a seconda delle funzioni svolte dalle cellula

è costante in tutte le cellule

è costante in tutte le cellule eccetto che nei gameti

è variabile a seconda delle dimensioni cellulari

86. Da un punto di vista genetico che malattia è la sindrome dell' X fragile?

E' una malattia dovuta ad una delezione del cromosoma X

E' una malattia dovuta alla mancanza di uno dei cromosomi X

E' una malattia recessiva X linked

E' una malattia dominante X linked

87. "Ogni individuo possiede nelle cellule somatiche due alleli per ciascun carattere autosomico, ma nei suoi gameti se ne riscontra uno solo". Ciò è dovuto:

all'assortimento indipendente

all'epistasi

alla codominanza

alla segregazione

88. Quale tra le seguenti rappresenta la discendenza di due piante eterozigoti entrambe a fiori rossi?

RR, RR, rr, rr

Rr, Rr, Rr, Rr

RR, Rr, rR, rr

RR, RR, RR, RR

89. L'allele è

un gene dominante in omozigosi

una delle due o più forme alternative di un gene

un gene recessivo in omozigosi

un gene disattivato

90. Quando è possibile l'assortimento indipendente di due coppie di alleli che si trovano sulla stessa coppia di cromosomi omologhi?

Solo se i caratteri non si influenzano tra loro nell'effetto fenotipico

Solo se i rispettivi loci genici sono distanti sul cromosoma

Solo se i rispettivi loci genici sono vicini sul cromosoma

Sempre

91. Un individuo si definisce eterozigote

Se genera gameti con alleli uguali per il gene considerato

Se porta due loci diversi per uno stesso gene

Se porta due alleli diversi di uno stesso locus

Se presenta almeno due geni che controllano l'espressione di uno stesso carattere

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 81/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

92. In genetica, la parola linkage indica che

Un gruppo di geni su uno stesso cromosoma ha la stessa probabilità di esprimersi nel fenotipo delle generazioni successive

Un gruppo di geni su uno stesso cromosoma tende ad essere ereditato insieme

I cromatidi fratelli sono legati dal centromero

Un gruppo di geni su uno stesso cromosoma tende ad essere ereditato separatamente

93. Quando siamo in presenza di due geni concatenati (linked)

Significa che quei geni codificano per lo stesso carattere

Significa che quei geni portano alleli dominanti

Le frequenze dei fenotipi nella F1 rispecchiano le attese secondo i principi mendeliani

Non abbiamo assortimento indipendente degli alleli

94. Dati due individui omozigoti AA e aa per un gene a dominanza incompleta, nella F2 troverò un rapporto di genotipi AA, Aa e aa pari a:

1:2:1

1:3:1

1:1:1

Solo AA e aa, in rapporto 1:1

95. Cosa sono i caratteri X-linked?

I caratteri che specificano malattie legate al sesso

I caratteri che specificano il sesso femminile perchè portati dal cromosoma X

I caratteri che seguono la linea di ereditarietà del cromosoma X

I caratteri che si manifestano solo nel sesso femminile perchè legati al cromosoma X

96. In generazione F2 (incrocio degli ibridi) si possono ottenere

individui omozigoti ed eterozigoti in rapporto 3 : 1

individui omozigoti ed eterozigoti in rapporto 1 : 1

individui omozigoti ed eterozigoti in rapporto 1 : 3

tutti individui eterozigoti

97. Chi è un ibrido?

Il discendente di due genitori geneticamente uguali

Il discendente di due genitori geneticamente diversi

Il discendente di due genitori geneticamente simili

Il progenitore di discendenti geneticamente diversi

98. Una ereditarietà distribuita con una curva a campana nella generazione F2 a quale tipo di carattere deve far pensare?

Ad un carattere codominante

Ad un carattere a dominanza incompleta

Ad un carattere poligenico

Ad un carattere soggetto ad epistasi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 82/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

99. A cosa è dovuta la variegazione delle femmine eterozigoti per un carattere X-linked?

Al diverso cromosoma X ereditato da ciascuna cellula

Ad una diversa espressione genica nelle varie cellule

All'inattivazione casuale del cromosoma X nelle varie cellule

Alla presenza di caratteri recessivi che si manifestano nelle femmine

100. Quale carattere genetico si definisce recessivo?

Quello che non si esprime nella generazione F1

Quello che si esprime nella generazione F1

Quello che non si esprime nella generazione F2

Quello che al momento della formazione dei gameti non è presente

101. Un polimorfismo genico:

Si trova solo nelle sequenze codificanti

Ha una frequenza superiore all'1% nella popolazione

Ha una frequenza superiore al 10% nella popolazione

Si trova solo nelle regioni del promotore

102. Da un punto di vista genetico che malattia è il daltonismo?

E' una malattia dovuta ad una delezione del cromosoma X

E' una malattia dovuta alla mancanza di uno dei cromosomi X

E' una malattia dominante X linked

E' una malattia recessiva X linked

103. In una razza di cani il carattere "assenza di pelo" è dovuto al genotipo eterozigote Hh. I cani con pelo normale sono omozigoti recessivi (hh); il genotipo
omozigote dominante (HH) è letale e gli individui nascono morti. Dall'incrocio tra due cani mancanti di pelo con quale frequenza si hanno cuccioli mancanti di
pelo sul totale dei cuccioli nati vivi?

nessuno mancante di pelo

tutti mancanti di pelo

2/3

1/3

104. Cosa sono le aneuploidie? Quali tipi di aneuploidie esistono?

105. Quali alterazioni cromosomiche si possono osservare analizzando il cariotipo?

106. Nella sindrome dell'X fragile, quale mutazione si osserva? Perchè i maschi mostrano sintomi più pronunciati rispetto alle femmine? Che conseguenze ha
sulla persona?

107. Quali sono le cause più frequenti di aneuploidie?

108. Quali sono le aneuploidie più frequenti nell'uomo?

109. Descrivi le alterazioni che si verificano nella sindrome di Down? Quali sono le conseguenze per la persona affetta? Quali sono i fattori di rischio?

110. Descrivi le cause genetiche e le caratteristiche cliniche della sindrome di Klinefelter

111. Descrivi le cause genetiche e le caratteristiche cliniche alla base della sindrome di Turner

112. Quale alterazione cromosomica si osserva nella sindrome del "cri-du-chat"? Quali sono le conseguenze?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 83/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

113. Cosa sono le malattie multifattoriali? Fai degli esempi

114. Qual è la causa più comune di ritardo mentale di tipo ereditario? Descrivi questa patologia

115. Cosa significa che una malattia si manifesta con ereditarietà autosomica recessiva? Fai un esempio

116. Che malattia è la fenilchetonuria? Che tipo di alterazione genetica sta alla base di questa patologia?

117. Che malattia è l'anemia falciforme? Che tipo di alterazione genetica sta alla base di questa patologia? Perchè si parla di vantaggio dell'eterozigote?

118. Cosa significa che una malattia si manifesta con ereditarietà autosomica dominante? Fai un esempio

119. Che malattia è la Corea di Huntington? Che tipo di alterazione genetica sta alla base di questa patologia?

120. Che tipo di analisi sono l'amniocentesi e la villocentesi? Cosa le distingue?

121. Cosa si intende con "consulenza genetica"? Qual è il ruolo dello psicologo nella consulenza genetica?

122. Cosa sono i cromosomi? Descrivine la struttura e le caratteristiche che permettono di distinguerli

123. Distinguere tra programmi di screening genetico nei neonati e negli adulti e discutere le finalità e le implicazioni della consulenza genetica

124. Come si procede per analizzare il cariotipo umano?

125. Come viene valutata l'entità della componente genetica nelle malattie complesse?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 84/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 045
01. I termini selezione naturale ed evoluzione sono spesso confusi. Qual'è la relazione fra questi due fenomeni?

La selezione naturale è uno dei diversi meccanismi dell'evoluzione

La selezione naturale rallenta l'evoluzione

Quando avviene la selezione naturale non agisce l'evoluzione

Tutti gli eventi che causano l'evoluzione fanno parte della selezione naturale

02. Le caratteristiche strutturali presenti in specie diverse ma derivate dalla stessa struttura presente in un antenato comune si definiscono

Analoghe

Omologhe

Omoplastiche

Sia omologhe, sia analoghe, indifferentemente

03. L'unità appropriata per definire e misurare la variabilità genetica è

La comunità

La cellula

La popolazione

La specie

04. Secondo la teoria di Darwin sull'evoluzione

Il principale fattore evolutivo è rappresentato dalle mutazioni

Le specie sono immutabili fin quando non vanno incontro a un collo di bottiglia

Le specie sono immutabili, sono gli individui che possono cambiare

Le specie (attraverso i cambiamenti delle popolazioni) possono mutare ad opera della selezione naturale

05. Secondo Darwin l'evoluzione naturale può avvenire attraverso

Variazioni metaboliche ed omeostatiche

La diretta azione dell'ambiente sul DNA del singolo individuo

Meccanismi di selezione naturale

L'aumento nel numero degli organismi

06. L'evoluzione convergente

Consiste nell'evoluzione di strutture con funzioni simili ma con origini ontogenetiche differenti, non evolutesi da strutture comuni appartenenti allo stesso antenato

È confermata prevalentemente dalla presenza di strutture vestigiali

È dimostrata da strutture omologhe presenti in specie differenti

Si manifesta con strutture che svolgono funzioni simili e che sono originate da strutture simili in un antenato comune

07. La teoria sintetica, o neo-darwinismo

Rifiuta il concetto darwiniano di selezione naturale, ma riconosce nella variabilità la base su cui agisce l'evoluzione

Include i principi della genetica nella teoria di Darwin, sviluppando una spiegazione unificata dell'evoluzione

Consiste nella sintesi estrema della teoria di Darwin, limitandone la validità al solo regno animale

Enfatizza la genetica come fine principale dell'evoluzione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 85/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Le popolazioni possono evolvere in quanto

Gli individui che le compongono sono dotati di fenotipi differenti tra loro

Gli individui che le compongono sono caratterizzati da variabilità dei caratteri, ereditabile

Appartengono a specie diverse

Le condizioni ambientali in cui vivono subiscono delle variazioni

09. Già Darwin, parlando di evoluzione, sottolineò che questa si realizza a livello di

Popolazioni

Individui

Genomi

Specie

10. Charles Darwin una volta disse: "Non è la specie più forte quella che sopravvive, ne la più intelligente ma la più capace di rispondere al cambiamento".
Spiegare cosa intendesse dire.

11. Come si definiscono i concetti di evoluzione, popolazione e specie?

12. In che modo la genetica e la biologia dello sviluppo contribuiscono allo studio dei meccanismi evolutivi?

13. Cosa si intende per: biogeografia, anatomia comparata ed evoluzioni convergente?

14. Quando nasce il concetto di evoluzione?

15. Perché i fossili sono utili per lo studio dell'evoluzione? Cosa sono i fossili indice?

16. Quali sono le differenze fra la teoria di Darwin e quella di Lamarck? Illustrale utilizzando l'esempio della giraffa

17. Illustra i concetti di variabilità, sovrapproduzione, lotta per la sopravvivenza e successo riproduttivo

18. Cosa dice la teoria dell'evoluzione di Darwin?

19. Cosa afferma la teoria dell'evoluzione di Lamarck? Che differenze ci sono in confronto a quella di Darwin?

20. Quali osservazioni e quali teorie dell'epoca sono servite a Darwin per sviluppare la sua teoria?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 86/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 046
01. Quali dei seguenti organismi richiedono altri organismi per riprodursi?

batteri

virus

procarioti

bacilli

02. Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

Le dimensioni dei virus sono generalmente inferiori rispetto ai batteri

I batteri non possiedono un nucleo

I batteri non si riproducono per scissione binaria

I virus non sono in grado di riprodursi autonomamente

03. Il genoma di un virus è costituito da

DNA

DNA e RNA

DNA o RNA

RNA

04. Il capside di un virus è costituito da

Lipidi elicoidali

Acidi nucleici

subunità proteiche

Un involucro di carboidrati

05. I virus che uccidono la cellula sono

profagi

temperati

lisogenici

litici

06. A quale motivo è principalmente dovuto il grande successo dei batteri sulla terra?

Alla loro capacità di vivere a spese di altri organismi

Alla semplicità della loro organizzazione

Alla mancanza di nemici naturali

Alla loro capacità di mutare e di trasformarsi resistendo quindi alle avversità

07. I virus...

sono in grado di riprodursi autonomamente.

nessuna delle risposte è corretta

possiedono una struttura cellulare.

possono ricavare energia dall'ambiente circostante.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 87/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. La cellula batterica possiede

lisosomi

mitocondri

nucleo

ribosomi

09. I prioni

causano malattie molto frequenti

sono proteine mal ripiegate

sono piccole catene di RNA

sono piccole molecole di DNA mal ripiegate

10. Il core dei virus è costituito da

DNA ed enzimi

DNA e proteine

DNA o RNA

RNA e ribosomi

11. Cosa sono i proni? Fai un esempio di malattia prionica

12. Con quale test si classificano i batteri in gram positivi e negativi? Descrivilo

13. Come si riproducono i batteri?

14. Che cosa sono il ciclo lisogenico ed il ciclo litico?

15. Descrivi la struttura dei batteri

16. Descrivi la struttura dei virus

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 88/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

Lezione 048
01. I neuroni post sinaptici nelle sinapsi chimiche:

Ricaptano il neurotrasmettitore dopo che ha compiuto la sua azione di segnalazione

Esprimono recettori che possono essere stimolati dai neurotrasmettitori

Rilasciano il neurotrasmettitore nello spazio sinaptico

Fanno entrare i neurotrasmettitori al loro interno attraverso proteine canale

02. Le cellule di Schwann sono:

cellule gliali del sistema nervoso centrale

neuroni periferici

cellule gliali del sistema nervoso periferico

cellule del sistema immunitario

03. Le cellule gliali

trasmettono il segnale attraverso le sinapsi elettriche

hanno funzioni di supporto ai neuroni

sono presenti solo nel midollo spinale

hanno sinapsi di tipo gliale

04. Gli assoni:

ricevono i segnali e li inviano al corpo cellulare

sono delle cellule di collegamento tra i neuroni

trasmettono segnali a un'altra cellula

producono mielina

05. La mielina

è una proteina che protegge gli assoni

è un neurotrasmettitore che apre dei canali ionici

è una proteina proinfiammatoria prodotta dagli astrociti

è una neurotrofina specifica del neurosviluppo

06. Il BDNF (Brain derived neurotrophic factor)

è espresso solo nel cervello

è coinvolto nella crescita dell'assone ma non nella neurogenesi

agisce solo in combinazione con l'NGF

è espresso nel cervello e anche in molte cellule del corpo, tra cui le cellule muscolari

07. Quale delle seguenti risposte è errata. Le neurotrofine

sono fattori neurotrofici che agiscono durante il neurosviluppo

sono dei promettenti target per lo sviluppo di nuovi farmaci

sono fattori neurotrofici che agiscono nel cervello adulto

sono proteine che agiscono principalmente sul differenziamento tra neuroni e glia durante lo sviluppo del cervello

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 89/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

08. Quale delle seguenti famiglie di proteine partecipa al movimento delle vescicole intracellulari?

miosina

dineina

polimerasi

chinasi

09. I neurotrasmettitori

vengono ricaptati dagli spazi sinaptici dai neuroni postsinaptici

entrano nei neuroni post-sinaptici

vengono ricaptati dagli spazi sinaptici dai neuroni presinaptici

vengono sintetizzati nell'assone

10. Gli oligodendrociti sono:

cellule del sistema immunitario

neuroni periferici

cellule gliali del sistema nervoso centrale

cellule gliali del sistema nervoso periferico

11. Le gap-junctions

sono presenti nelle sinapsi chimiche

sono presenti nelle sinapsi elettriche

sono utilizzate dai neuroni quando è necessaria una segnalazione lenta

sono caratteristiche della membrana del nucleo neuronale

12. Il soma è

la parte ramificata dell'assone

una proteina del citoscheletro

il corpo cellulare

il punto di contatto tra neuroni

13. Un neurone che trasmette il segnale rappresenta la cellula

intrasinaptica

presinaptica

cosinaptica

postsinaptica

14. I dendriti:

trasmettono segnali a un'altra cellula

formano sinapsi tra di loro

sono delle cellule di collegamento tra i neuroni

ricevono i segnali e li inviano al corpo cellulare

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 90/91
Set Domande: BIOLOGIA APPLICATA
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Bocchio Chiavetto Luisella

15. Una cellula nervosa invia dei messaggi alle altre cellule attraverso un neurotrasmettitore. Le vescicole, contenenti le molecole del neurotrasmettitore si
fondono con la membrana plasmatica della cellula nervosa e si aprono rilasciando il trasmettitore all'esterno della cellula. Questo è un esempio di:

Fagocitosi

Endocitosi

Esocitosi

Diffusione facilitata

16. Un neurone che riceve il segnale rappresenta la cellula

presinaptica

cosinaptica

postsinaptica

intrasinaptica

17. Chinesina e dineina

Sono proteine che agiscono da trasportatori lungo l'assone

Sono proteine che agiscono da neurotrasmettitori

Sono proteine che intervengono nella sintesi proteica

Sono cellule gliali

18. Quali alterazioni del sistema dopaminergico si osservano nella malattia di Parkinson e nella schizofrenia?

19. Qual è il ruolo del BDNF nella rigenerazione muscolare e nell'esercizio fisico?

20. Cosa sono le neurotrofine? Quali processi regolano?

21. Come agiscono i moderni farmaci antidepressivi di tipo SSRI?

22. In quale patologia si osservano deficit del sistema serotoninergico?

23. Quali sono le funzioni modulate dalla serotonina?

24. Disegna e descrivi il funzionamento di una sinapsi chimica

25. Quali sono le funzioni modulate dalla dopamina?

26. Definisci le diverse tipologie di cellule gliali e le loro funzioni

27. Quali sono le differenze principali fra sinapsi elettriche e sinapsi chimiche?

28. Come funziona una sinapsi elettrica?

29. Cos'è un neurotrasmettitore e qual è il suo ruolo nella sinapsi? Fai un esempio

30. Cos'è il trasporto assoplasmatico? Perché è importante?

31. Disegna e descrivi la struttura di un neurone

32. Cosa prevede la teoria neurotrofica della depressione?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/10/2019 12:53:27 - 91/91
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)