Sei sulla pagina 1di 58

Azione della neve e del vento

LEZIONE
2
Corso di PROGETTAZIONE STRUTTURALE – ing. Patrizio Ansovini
Azione della neve e del vento

Si definisce AZIONE ogni causa o insieme di cause capaci di indurre stati


limite in una struttura.

Le azioni sulle costruzioni, e quindi sulle strutture, si possono suddividere in 3


gruppi:

1) Azioni ANTROPICHE
azioni conseguenti all'uso della struttura secondo gli scopi per la quale è stata
progettata e costruita.

2) Azioni AMBIENTALI o NATURALI


vento, neve, sisma, azione termica, moto dei fluidi e moto ondoso del mare. I
fenomeni naturali sono funzione del tempo e hanno carattere ciclico. L'intensità
dell'azione è introdotta per un prefissato periodo di riferimento TR;

3) Azioni ACCIDENTALI o ECCEZIONALI


incidenti quali incendi, esplosioni ed urti.
Azione della neve e del vento

AZIONI PERMANENTI g

agiscono durante tutta la vita nominale della costruzione e la loro variazione di


intensità nel tempo è così piccola e lenta da poterle considerare con sufficiente
approssimazione costanti nel tempo

a) peso proprio della struttura;


b) peso proprio di tutti gli elementi non strutturali;
c) forze indotte dalla pressione del terreno;
d) forze risultanti dalla pressione dell'acqua (aliquota costanti nel tempo);
e) spostamenti e deformazioni imposte previste dal progetto e realizzate all'atto
della costruzione;
f) pretensione e precompressione P;
g) ritiro e viscosità, salvo un'eventuale fase transitoria iniziale
Azione della neve e del vento

Azioni Variabili Q

agiscono sulla struttura o sull'elemento strutturale con valori istantanei che


possono risultare sensibilmente diversi fra loro nel tempo:

a) pesi di cose ed oggetti disposti sulla struttura;


b) carichi di esercizio di breve/lunga durata;
c) azione del vento;
d) azione della neve;
e) azioni dovute alle variazioni termiche ambientali;
f) azione dei fluidi, del moto ondoso di mare e laghi
Azione della neve e del vento

MODALITÀ DI APPLICAZIONE
azioni dirette, cioè che agiscono sulla struttura senza intermediazioni e
sono indipendenti dalle proprietà strutturali
a) azioni gravitazionali;
b) azioni naturali;
azioni indirette, sono principalmente dovute a
a) spostamenti impressi;
b) deformazioni imposte (precompressione);
c) cedimenti vincolari;
d) variazioni termiche;
e) o possono essere causate da terremoti;

VARIABILITÀ NELLO SPAZIO


azioni fisse, quando sono applicate in una posizione ben definitiva e fissa
della struttura:
a) peso proprio;
b) pesi permanenti;
c) spinta delle terre;
azioni mobili, quando possono essere applicate in punti diversi della
struttura, o rappresentano oggetti mobili
a) neve;
b) vento;
c) carichi viaggianti;
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento

AZIONI DELLA NEVE (NTC 2008; PUNTO 3.4)

OSS:. Il carico da neve è spesso determinante nel dimensionamento delle


coperture, in particolare per quanto riguarda le coperture leggere.

Natura del carico


I carichi da neve sono classificati come azioni variabili libere

La neve può depositarsi sul tetto in molti modi differenti, in funzione


- della forma geometrica del tetto,
- del calore generato sotto al tetto,
- della vicinanza di altri edifici,
- del clima meteorologico locale,
- della rugosità della superficie del tetto,
- delle sue proprietà termiche,
- del terreno circostante
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento

AZIONI DEL VENTO (NTC 2008; PUNTO 3.3)

L’azione del vento è una delle azioni più importanti per le strutture caratterizzate
da elevata leggerezza e deformabilità.

Se la struttura è RIGIDA (strutture in c.a. ordinarie), l’azione del vento può essere
considerata più semplicemente come un’azione statica dovuta alla sola spinta che
essa esercita sulla struttura.
Azione della neve e del vento

Il vento, la cui direzione si considera di regola orizzontale, esercita sulle costruzioni


azioni che variano nel tempo provocando, in generale, effetti dinamici.

Queste si dividono in:


• azioni normali
• azioni tangenziali (solo per costruzioni o elementi di grandi dimensioni)

Pertanto si considera, per strutture convenzionali, la sola componente normale


del vento, presa positiva se spinge verso l'interno o negativa se invece spinge
verso l'esterno.
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento
Azione della neve e del vento