Sei sulla pagina 1di 36

I COLLEGAMENTI

Esercitazioni del Corso di


Teoria e Progetto delle
Costruzioni in Acciaio
I COLLEGAMENTI
• UNIONI BULLONATE

• UNIONI SALDATE 2
y Componenti di una giunzione bullonata: bulloni
a taglio

UNIONI BULLONATE 3
y Componenti di una giunzione bullonata: bulloni
ad attrito

UNIONI BULLONATE 4
y Trasferimento dello sforzo (con 1 o 2 sezioni
attive)

m=1

m=2

m=1

m=2

m=1

UNIONI BULLONATE 5
y Esempi di sollecitazioni

UNIONI BULLONATE 6
y Limitazioni dimensionali

Fig. 4.2.3 ; Tab. 4.2.XIII (N.T.C. 2008)

y Limiti Tensionali

Tab.11.3.XII.b (N.T.C. 2008)

UNIONI BULLONATE 7
y Verifiche (per il singolo DATI
bullone)
Bullonatura: d, Ares, A,
Bullonatura:
m, si, d0
CALCOLO DI VERIFICA: Azioni:: Vb,Sd, Nb,Sd
Azioni
Resistenze:: Vb,Rd, Nb,Rd,
Resistenze
BULLONI A TAGLIO Pr,Rd, Bp,Rd

VERIFICA A TAGLIO

nel gambo liscio

Classi 4.6, 5.6, 8.8


nella filettatura
Classi 6.8, 10.9

VERIFICA A TRAZIONE VERIFICA A TAGLIO


E TRAZIONE

VERIFICA A RIFOLLAMENTO

VERIFICA A PUNZONAMENTO
γM2 = 1.25

UNIONI BULLONATE 8
y Meccanismi di rottura per unioni a taglio

La resistenza a collasso dell’unione corrisponde al


meccanismo di collasso di minor resistenza tra i quattro
meccanismi caratteristici delle unioni a taglio:
a) rottura per taglio del bullone
b) rottura per rifollamento della lamiera
c) rottura per trazione della lamiera nella sezione netta

0 ,9 ⋅ An ⋅ ft
Nt ,Rd =
γ M2

d) rottura per taglio della lamiera

UNIONI BULLONATE 9
y Verifiche (per il singolo DATI
bullone)
Bullonatura: d, Ares, A, m, si, µ,
Bullonatura:
CALCOLO DI VERIFICA: d0, Ns
BULLONI AD ATTRITO Azioni:: Vb,Sd,ser, Vb,Sd
Azioni
Resistenze:: Vbs,Rd,ser, Vbs,Rd,
Resistenze
Vb,Rd, Pr,Rd

A. Azione tagliante

I. Unione resistente per II. Unione resistente per attrito


attrito allo SLE allo SLU

VERIFICA AD ATTRITO VERIFICA AD ATTRITO


(SLE)
( ) (SLU)
( )

m ⋅ µ ⋅ Ns m ⋅ µ ⋅ Ns
Vb ,Sd ,ser ≤ Vbs ,Rd ,ser = Vb ,Sd ≤ Vbs ,Rd =
γ M 3 ,ser γ M3
VERIFICA A TAGLIO (
(SLU)
) VERIFICA A
RIFOLLAMENTO (SLU)

Vb ,Sd ≤ Vb ,Rd Vb ,Sd ≤ Pr ,Rd

VERIFICA A
RIFOLLAMENTO (SLU)

Vb ,Sd ≤ Pr ,Rd
γM3,ser = 1.10
M3,ser γM3 = 1.25

UNIONI BULLONATE 10
y Verifiche (per il singolo DATI
bullone) Bullonatura:: d, Ares, A, m, si, µ,
Bullonatura
CALCOLO DI VERIFICA: d0, Ns
Azioni:: Vb,Sd,ser, Vb,Sd, Nb,Sd,ser,
Azioni
BULLONI AD ATTRITO Nb,Sd
B. Azione composta Resistenze:: Vbs,Rd,ser, Vbs,Rd,
Resistenze
taglio e trazione Vb,Rd, Nb,Rd, Pr,Rd

I. Unione resistente per II. Unione resistente per attrito


attrito allo SLE allo SLU

VERIFICA AD ATTRITO VERIFICA AD ATTRITO


(SLE) (SLU)
Vb ,Sd ,ser ≤ V bs ,Rd ,ser
m ⋅ µ ⋅ ( N s − 0.8 Nb ,Sd ,ser ) Vb ,Sd ≤ V bs ,Rd
V bs ,Rd ,ser =
γ M 3 ,ser
VERIFICA A TAGLIO (SLU) m ⋅ µ ⋅ ( N s - 0.8 Nb ,Sd )
V bs ,Rd =
γ M3
Vb ,Sd ≤ Vb ,Rd
VERIFICA A TRAZIONE VERIFICA A TRAZIONE
(SLU) (SLU)
Nb ,Sd ≤ Nb ,Rd Nb ,Sd ≤ Nb ,Rd
VERIFICA A TAGLIO E
TRAZIONE (SLU)

⎛ Vb ,Sd ⎞ ⎛ Nb ,Sd ⎞
⎜ ⎟+⎜ ⎟≤1
⎜V ⎟ ⎜ 1.4 N ⎟
⎝ b ,Rd ⎠ ⎝ b ,Rd ⎠
VERIFICA A VERIFICA A
RIFOLLAMENTO (SLU) RIFOLLAMENTO (SLU)

Vb ,Sd ≤ Pr ,Rd Vb ,Sd ≤ Pr ,Rd

UNIONI BULLONATE 11
DATI

Carico assiale di
progetto allo SLU:
Nt,Sd = 140 kN

Bulloni :
• determinazione dell’azione tagliante sul M16 – classe 8.8
bullone (Vb,Sd
b d) filettatura nello
spess. di serraggio
• determinazione della resistenza a taglio del
bullone (Vb,Rd) Fori: 17 mm

• determinazione della resistenza a Piatti di


rifollamento (Pr,Rdd) collegamento:
(150 x 5) mm
• determinazione della resistenza del piatto
Acciaio S235
del collegamento nella sezione forata (Nt,Rd)

y Controllo dimensionale della geometria del collegamento


70 mm > ( 2 ,2 ⋅ 17 ) = 37 ,4 mm
70 mm = min( 14 ⋅ 5 ;200mm ) = 70 ,0 mm
60 mm > ( 2 ,4 ⋅ 17 ) = 40 ,8 mm
60 mm < min( 14 ⋅ 5 ;200mm ) = 70 ,0 mm

50 mm > ( 1,2 ⋅ 17 ) = 20 ,4 mm
50 mm < ( 40 + 4 ⋅ 5 ) = 60 ,0 mm
45 mm > ( 1,2 ⋅ 17 ) = 20 ,4 mm
45 mm < ( 40 + 4 ⋅ 5 ) = 60 ,0 mm
9 Le verifiche dimensionali risultano soddisfatte

ESERCIZIO 1
Verifica a taglio di un’unione bullonata 12
y Determinazione dell’azione tagliante sul bullone (Vb,Sd) e
della relativa resistenza (Vb,Rd)
La sollecitazione su ogni bullone vale:
Nt ,Sd 140
Vb ,Sd = = = 35 kN
n 4
La resistenza a taglio del bullone vale:
0 ,6 ⋅ m ⋅ ftb ⋅ Ares 0 ,6 ⋅ 1 ⋅ 800 ⋅ 157 ⋅ 10 −3
Vb ,Rd = = = 60 ,3 kN
γ M2 1,25
y Determinazione della resistenza a rifollamento (Pr,Rd)
⎧ e1 ftb p ⎫ ⎧ 50 800 70 ⎫
α = min ⎨ ; ;1; 1 − 0 ,25 ⎬ = min ⎨ ; ;1; − 0 ,25 ⎬
⎩ 3d 0 ft 3d 0 ⎭ ⎩ 3 ⋅ 17 360 3 ⋅ 17 ⎭

α = min{0 ,980 ; 2 ,222 ;1;1,122 } = 0 ,980

⎧ 2 ,8 ⋅ e2 1,4 ⋅ p2 ⎫ ⎧ 2 ,8 ⋅ 45 1,4 ⋅ 60 ⎫
k = min ⎨ − 1,7 ; − 1,7 ; 2 ,5 ⎬ = min ⎨ − 1,7 ; − 1,7 ; 2 ,5 ⎬
⎩ d0 d0 ⎭ ⎩ 17 17 ⎭
k = min{5 ,71; 3 ,24 ; 2 ,5 } = 2 ,5
α ⋅ k ⋅ d ⋅ si ⋅ ft 0 ,98 ⋅ 2 ,5 ⋅ 16 ⋅ 5 ⋅ 360 ⋅ 10 −3
Pr ,Rd = = = 56 ,4 kN
γ M2 1,25
y Determinazione della resistenza del piatto del
collegamento nella sezione forata (Nt,Rd)
Valutazione dell
dell’area
area netta:
An = ( 5 ⋅ 150 ) - 2 ( 5 ⋅ 17 ) = 580 mm 2
Resistenza del piatto di collegamento:
0 ,9 ⋅ An ⋅ ft 0 ,9 ⋅ 580 ⋅ 360 ⋅ 10 -3
Nt ,Rd = = = 150 ,33 kN
γ M2 1,25

ESERCIZIO 1
Verifica a taglio di un’unione bullonata 13
y Determinazione della resistenza del piatto del
collegamento nella sezione forata (Nt,Rd)

Confronto:
Vb ,Rd = 60 ,3 kN
Vb ,Sd = 35 kN <
Pr ,Rd = 56 ,4 kN

Nt ,Sd = 140 kN < Nt ,Rd = 150 ,33 kN

ESERCIZIO 1
Verifica a taglio di un’unione bullonata 14
DATI

Bulloni:
M20 – classe 10.9 -
precaricati

Fori: 21 mm

Piatti di collegamento:
• calcolo della forza di precarico del bullone
y(140 x 8) mm.
(Ns)
yAcciaio S235
• determinazione della resistenza ad attrito
(Vbs,Rd) Superfici a contatto tra
i piatti e gli elementi:
• determinazione della resistenza a
rifollamento (Pr,Rd) sabbiate
meccanicamente
• determinazione della resistenza del piatto
(µ=0,45)
di collegamento nella sezione forata (Nt,Rd)
y Controllo dimensionale della geometria del collegamento
0 mm > ( 2 ,2 ⋅ 21 ) = 46 ,2 mm
50
50 mm < min( 14 ⋅ 8 ;200mm ) = 112 mm
70 mm > ( 2 ,4 ⋅ 21 ) = 50 ,4 mm
70 mm < min( 14 ⋅ 8 ;200mm ) = 112 mm
35 mm > ( 1,2 ⋅ 21 ) = 25 ,2 mm
35 mm < ( 40 + 4 ⋅ 8 ) = 72 mm
35 mm > ( 1,2 ⋅ 21 ) = 25 ,2 mm
35 mm < ( 40 + 4 ⋅ 8 ) = 72 mm
9 Le verifiche dimensionali risultano soddisfatte

ESERCIZIO 2
Capacità portante di un’unione a taglio con bulloni
ad attrito 15
y Calcolo della forza di precarico del bullone (Ns)

0 ,7 ⋅ Ares ⋅ ftb
Ns = = 0 ,7 ⋅ Ares ⋅ ftb = 0 ,7 ⋅ 245 ⋅ 1000 ⋅ 10 − 3 = 171,5 kN
γ ' M7
y Determinazione della resistenza ad attrito (Vbs,Rd) allo SLU
m ⋅ µ ⋅ Ns 2 ⋅ 0 ,45 ⋅ 171,5
Vbs ,Rd = = = 123 ,5 kN
γ M3 1,25
Calcolo della resistenza a scorrimento dell’unione allo SLU:

Fs ,Rd = n ⋅ Vbs ,Rd = 4 ⋅ 123 ,5 = 494 kN

y Determinazione della resistenza a rifollamento (Pr,Rd)

⎧ e1 ftb p ⎫ ⎧ 35 1000 50 ⎫
α = min ⎨ ; ;1; 1 − 0 ,25 ⎬ = min ⎨ ; ;1; − 0 ,25 ⎬
⎩ 3d 0 ft 3d 0 ⎭ ⎩ 3 ⋅ 21 360 3 ⋅ 21 ⎭

α = min{0 ,555 ; 2 ,778 ;1;0 ,544 } = 0 ,544

⎧ 2 ,8 ⋅ e2 1,4 ⋅ p2 ⎫ ⎧ 2 ,8 ⋅ 35 1,4 ⋅ 70 ⎫
k = min ⎨ − 1,7 ; − 1,7 ; 2 ,5 ⎬ = min ⎨ − 1,7 ; − 1,7 ; 2 ,5 ⎬
⎩ d0 d0 ⎭ ⎩ 21 21 ⎭
k = min{2 ,967 ; 2 ,967 ; 2 ,5 } = 2 ,5

α ⋅ k ⋅ d ⋅ si ⋅ ft 0 ,544 ⋅ 2 ,5 ⋅ 20 ⋅ 16 ⋅ 360 ⋅ 10 −3
Pr ,Rd = = = 125 ,34 kN
γ M2 1,25
y Determinazione della resistenza a rifollamento (Pr,Rd)

Calcolo della resistenza a rifollamento dell


dell’unione:
unione:

Fb ,Rd = n ⋅ Pr ,Rd = 2 ⋅ 125 ,34 = 250 ,48 kN

ESERCIZIO 2
Capacità portante di un’unione a taglio con bulloni
ad attrito 16
y Determinazione della resistenza del piatto centrale del
collegamento nella sezione forata (Nt,Rd)
Valutazione dell’area netta:

An = ( 16 ⋅ 140 ) − 2 ( 16 ⋅ 21 ) = 1568 mm 2
Resistenza del piatto di collegamento:
0 ,9 ⋅ An ⋅ ft 0 ,9 ⋅ 1568 ⋅ 360 ⋅ 10 −3
Nt ,Rd = = = 406 ,42 kN
γ M2 1,25

Capacità portante del collegamento:

Fs ,Rd = 494 kN
Fb ,Rd = 250 ,48 kN 250,48 kN (valore minimo della
capacità portante)
Nt ,Rd = 406 ,42 kN

ESERCIZIO 2
Capacità portante di un’unione a taglio con bulloni
ad attrito 17
290 300

y determinazione dell’azione assiale sul DATI


bullone (Nb,Sd);
y determinazione dell’azione tagliante Momento di progetto
allo SLU:
sul bullone (Vb,Sd);
MSd = 125 kNm.
y determinazione della resistenza a
Taglio di progetto allo
trazione del bullone (Nb,Rd); SLU:
VSd = 200 kN.
y d
determinazione
t i i d
della
ll resistenza
i t a
taglio del bullone (Vb,Rd); Bulloni:
M24 – classe 8.8
y determinazione della resistenza a
rifollamento (Pr,Rd); Colonna: HEA 300

y determinazione della resistenza a Trave: IPE 200


punzonamento (Bp,Rd)
Acciaio S355
y verifiche

ESERCIZIO 3
verifica a taglio e trazione di un’unione trave -
colonna (bulloni a taglio) 18
y Determinazione dell’azione assiale massima sul bullone
(Nb,Sd)
1 MSd 1 125 ⋅ 10 3
Nb ,Sd = ⋅ y max = ⋅ 250 = 159 kN
2 ∑ y i2 2 ( 60 2 + 180 2 + 250 2 )
y Determinazione dell’azione tagliante sul bullone (Vb,Sd)
VSd 200
Vb ,Sd = = = 33 ,4 kN
n 6
y Determinazione della resistenza a trazione del bullone
(Nb,Rd)
(
0 ,9 ⋅ Ares ⋅ ftb 0 ,9 ⋅ 353 ⋅ 800
Nb ,Rd = = = 203 kN
γ M2 1,25
y Determinazione della resistenza a taglio del bullone
(Vb,Rd) fuori filettatura
0 ,6 ⋅ m ⋅ A ⋅ ftb 0 ,6 ⋅ 1 ⋅ 452 ⋅ 800
Vb ,Rd = = = 173 ,5 kN
γ M2 1,25
y Verifica a taglio e trazione
Vb ,Sd Nb ,Sd 33 ,4 159
+ = + = 0 ,75 < 1
Vb ,Rd 1,4 Nb ,Rd 173 ,5 1,4 ⋅ 203

y Determinazione della resistenza a rifollamento (Pr,Rd)


α ⋅ k ⋅ d ⋅ si ⋅ ft 0 ,66 ⋅ 2 ,5 ⋅ 24 ⋅ 10 ⋅ 510
Pr ,Rd = = = 161,5 kN
γ M2 1,25
y Verifica a rifollamento
Vb ,Sd = 33 ,4 < 161,5 = Pr ,Rd
y Determinazione della resistenza a punzonamento
(Bp,Rd) 0 ,6 ⋅ π ⋅ d ⋅ s ⋅ f 0 ,6 ⋅ π ⋅ 38 ⋅ 10 ⋅ 510
Bp ,Rd = m min t
= = 292 kN
γ M2 1,25
y Verifica a punzonamento
Nb ,Sd = 159 kN < 292 kN = Bp ,Rd
9 Le verifiche di resistenza risultano soddisfatte

ESERCIZIO 3
verifica a taglio e trazione di un’unione trave -
colonna (bulloni a taglio) 19
290 300

Si ipotizza di verificare la bullonatura DATI


in modo che funzioni ad attrito allo
SLE
SLE. Momento di progetto
allo SLE:
y determinazione dell’azione assiale
MSd = 87 kNm.
sul bullone (Nb,Sd,ser);
Taglio di progetto allo
y determinazione dell’azione tagliante SLE:
sul bullone (Vb,Sd,ser); VSd = 140 kN.

y determinazione dello sforzo di Bulloni:


precarico (Ns); M24 – classe 8.8

y verifica Acciaio S355

Superfici a contatto:
spazzolate (µ = 0,30)
0 30)

ESERCIZIO 4
verifica a taglio e trazione di un’unione trave -
colonna (bulloni ad attrito) 20
y Determinazione dell’azione assiale massima sul bullone
(Nb,Sd,ser)
1 MSd 1 87 ⋅ 10 3
Nb ,Sd ,ser = ⋅ y max = ⋅ 250 = 110 ,4 kN
2 ∑ y i2 2 98500

y Determinazione dell’azione tagliante sul bullone (Vb,Sd,ser)

VSd 140
Vb ,Sd ,ser = = = 23 ,4 kN
n 6

y Determinazione dello sforzo di precarico (Ns)

ftb ⋅ Ares 800 ⋅ 353


N s = 0 ,7 ⋅ = 0 ,7 ⋅ = 198 kN
γ ' M7 1,00
y Verifica
m ⋅ µ ⋅ (N s − 0 ,8 Nb ,Sd ,ser ) 1 ⋅ 0 ,30 ⋅ (198 − 0 ,8 ⋅ 110 ,4 )
V bs ,Rd ,ser = = = 29 ,9 kN
γ M 3 ,ser 1,10

Vb ,Sd ,ser = 23 ,4 kN < 29 ,9 kN = V bs ,Rd , ser


9 La verifica di resistenza risulta soddisfatta

ESERCIZIO 4
verifica a taglio e trazione di un’unione trave -
colonna (bulloni ad attrito) 21
y Procedimenti di saldatura

Le unioni realizzate mediante saldatura devono essere


realizzate con uno dei procedimenti all’arco elettrico codificati.

I procedimenti di saldatura utilizzabili per unire elementi


metallici
ll possono essere classificati
l f tenendo
d conto del
d l livello
l ll di d
automazione che si applica, distinguendo in questo modo:

saldatura
procedimenti ossiacetilenica
manuali saldatura ad arco con
elettrodi rivestiti
UNI EN ISO 4063

procedimenti
saldatura a filo continuo
semiautomatici sotto protezione di gas

procedimenti
saldatura ad arco
automatici somme so
sommerso
UNI EN ISO 15614

UNIONI SALDATE 22
y Controllo e qualifica della saldatura

L’entità e il tipo di tali controlli sono definiti dal progettista,


eseguiti sotto la responsabilità del direttore dei lavori.

I controlli potranno essere estesi o integrati in funzione


d ll’ d
dell’andamento d lavori.
dei l

Il collaudatore può accettare tali controlli ed eventualmente


integrarli.

I metodi di controlli e qualifica si dividono in due categorie:

‰ metodi di superficie: ƒ esame visivo

ƒ liquidi penetranti

‰ metodi volumetrici: ƒ raggi X

ƒ ultrasuoni

ƒ sistemi magnetoscopici

UNI EN 12062

UNIONI SALDATE 23
y Controllo e qualifica della saldatura

Esame visivo

Nei controlli con i metodi visivi l’operatore può valutare la


presenza di difetti superficiali sulla saldatura, la qualità della
preparazione dei lembi e il procedimento di saldatura
utilizzato.

Tale metodo può essere utilizzato quando:

‰ è possibile accedere a una distanza della superficie < 60


cm e con una angolazione > 30°;

‰ si ha a disposizione una illuminazione compresa tra 150 e


600 lux.

Q
Quando
d non sono soddisfatte
ddi f tt l
le i t i
ipotesi precedenti
d ti per
l’esecuzione degli esami visivi, è necessario passare ad esami
remotizzati in cui si utilizzano apparecchiature dotate di una
risoluzione almeno equivalente a quella dell’occhio umano.

UNIONI SALDATE 24
y Controllo e qualifica della saldatura

Esami con liquidi


q p
penetranti

L’esame serve esclusivamente per la ricerca di difetti affioranti


in superficie come discontinuità fessurazioni, non rilevabili ad
occhio nudo.

La tecnica sfrutta la capacità di alcuni liquidi (miscele di


idrocarburi) di penetrare per capillarità all’interno dei difetti
superficiali.

Il metodo è suddiviso in quattro fasi.

UNIONI SALDATE 25
y Controllo e qualifica della saldatura

Esame con metodi radiografici


g

Tali metodi si basano sulle alterazioni che le radiazioni


elettromagnetiche subiscono incontrando un difetto nel loro
percorso all’interno del materiale.

Con i raggi X è possibile esaminare spessori di acciaio fino a


200 mm; per spessori superiori è neccessario ricorrere ai raggi
γ i quali, avendo lunghezza d’onda minore, sono più
pe et a t
penetranti.

‰ Le radiazioni penetranti attraversano il campione indagato.

‰ I raggi impressionano una lastra fotografica con una


immagine bidimensionale in scala di grigi.

‰ Dall’immagine possono rivelarsi: variazioni di spessore,


densità o di composizione.

‰ La valutazione viene eseguita per confronto della densità


radiografica con standard radiografici dello stesso oggetto
di qualità accettabile.

Una sola immagine bidimensionale non consente una completa


individuazione del difetto all’interno del p
pezzo indagato
g per cui
p
occorrono più immagini.

UNIONI SALDATE 26
y Controllo e qualifica della saldatura

Esame con metodi ultrasonici

Il metodo è simile a quello radiografico, sfruttando però il


principio della riflessione delle onde.

‰ Un
Un’impulso
impulso ad alta frequenza viene introdotto nel campione
da esaminare.

‰ La riflessione dell’onda sonora è prodotta dalle discontinuità


presenti e dai bordi dell’elemento.

‰ Le riflessioni sono rappresentate su un diagramma


opportuno, sul quale è possibile rilevare la posizione della
discontinuità in funzione della distanza dal picco iniziale

UNIONI SALDATE 27
y Controllo e qualifica della saldatura

Esame con metodi magnetoscopici


g p

L’oggetto da testare è magnetizzato per cui le discontinuità


trasversali al campo magnetico (difetti) determinano una
deviazione delle linee di flusso del campo magnetico stesso,
rilevata utilizzando polveri ferromagnetiche.

Se si cosparge il pezzo con particelle magnetizzabili (mezzo


rivelatore), queste saranno attirate nelle posizioni nelle quali
le linee di forza passano nell
nell’aria
aria e si addenseranno in
corrispondenza di una discontinuità interna capace di
provocare la perturbazione delle linee di forza.

Il campo magnetico può essere ottenuto appoggiando sul


pezzo i due poli di una elettrocalamita (magnetizzazione
diretta).

UNIONI SALDATE 28
y Difetti e alterazioni delle saldature

I principali difetti delle saldature, rilevabili mediante controlli


superficiali o profondi a seconda che siano esterni o interni al
cordone depositato, sono costituiti da:

‰ INCISIONI MARGINALI

‰ INSUFFICIENTE PENETRAZIONE AL ROVESCIO

‰ CRICCHE ƒ a caldo

ƒ a freddo

‰ EFFETTI DOVUTI AI RITIRI E ALLE TENSIONI RESIDUE

UNIONI SALDATE 29
y Resistenza delle unioni di testa e a T a piena
penetrazione

La resistenza di progetto di una saldatura a completa


penetrazione (di testa o a T) si considera pari alla resistenza del
più debole tra i materiali base connessi dalla saldatura,
pp
utilizzando elettrodi e materiale d’apporto tali da avere tensioni
di snervamento e rottura maggiori o uguali al materiale base
(elettrodi secondo UNI 5132)

Sezioni resistenti:

a) per σ ⊥ e τ Aw = smin· ℓ (ℓ lunghezza del cordone)


b) per σ Aw = Ar (Ar area del pezzo saldato)

Indicazione delle tensioni per una Indicazione delle tensioni per una
saldatura
ld t a piena
i penetrazione
t i con ld t
saldatura a piena
i penetrazione
t i con
giunto a T giunto testa a testa

UNIONI SALDATE 30
y Resistenza delle unioni a cordoni d’angolo

METODO CONVENZIONALE

Si basa sulla scomposizione delle forze trasmesse al cordone di


saldatura in componenti agenti normalmente e parallelamente
alla direzione del cordone stesso (t ⊥ e τ ).

L’area di gola resistente di una saldatura a cordone d’angolo è


definita come:
Aw = a ⋅ l

a è l’altezza di gola del cordone costituente la saldatura

ℓ è la lunghezza del cordone costituente la saldatura

Aw per la verifica va ribaltata indifferentemente su uno dei due


lati del cordone l

UNIONI SALDATE 31
y Resistenza delle unioni a cordoni d’angolo

METODO CONVENZIONALE

Considerando la sezione di gola in posizione ribaltata, si


indicano con σ⊥ e τ⊥ la tensione normale e la tensione
tangenziale perpendicolari all’asse
all asse del cordone (dalla
scomposizione di t⊥ ).

La verifica dei cordoni d’angolo si effettua controllando che


siano soddisfatte simultaneamente le due condizioni:

σ ⊥2 ,Sd + τ ⊥2 ,Sd + τ =2,Sd ≤ β 1fy

σ ⊥ ,Sd + τ ⊥ ,Sd ≤ β 2 fy

UNIONI SALDATE 32
DATI

Carico assiale di
progetto allo SLU:
NSd = 700 kN.

Piatti di collegamento:
180 x 20 mm.
Acciaio S235

La capacità portante dell’unione saldata testa a testa viene


determinata calcolando la resistenza della sezione di progetto
, )
della parte più debole di quelle collegate (Nt,Rd
Afy ( 180 ⋅ 20 ) ⋅ 235
Nt ,Rd = N pl ,Rd = = = 805 ,7 kN
γ M0 1,05

700 kN ( = NSd ) < 805 ,7 kN ( = Nt ,Rd )

9 La verifica di resistenza risulta soddisfatta

ESERCIZIO 5
Verifica di un’unione saldata testa a testa 33
DATI

C i
Carico assiale
i l di
progetto allo SLU:
NSd = 450 kN.

Acciaio S355

Ribaltando la sezione di gola sul lato orizzontale:


NSd 450000
σ⊥ = = = 225 N mm 2
2 ⋅ l ⋅ a 2 ⋅ 200 ⋅ 5
β1 = 0,70 ; β2 = 0,85

⎧⎪ σ 2 = 225 < 0 ,70 ⋅ 355 = 248 ,5



⎨ [ N / mm 2 ]
⎪⎩σ ⊥ = 225 < 0 ,85 ⋅ 355 = 302

9 La verifica di resistenza risulta soddisfatta

ESERCIZIO 6
Verifica di un’unione saldata a cordone d’angolo 34
a1 a1

Il momento flettente MSd,x sollecita la sezione, DATI


compresi i cordoni della saldatura, sulle cui
sezioni normali si ha: Sollecitazioni:

MSd , x MSd,x , TSd,y


σ = σz = y
Jx
Dimensioni
che non va presa in considerazione. piattabanda:

Per il taglio TSd,y: (b x t)

TSd ,y ⋅ Sr TSd ,y ⋅ b ⋅ t ⋅ ( y + t 2 )
τ = τ yz = = ≤ β 1f y Lato del
J x ⋅ br J x ⋅ 2 a1 2
cordone di
⎡ ⎛ t ⎞ ⎤ s (2 y )
2
⎛ 1 ⎞ 3
3
J x = 2 ⎜ ⎟bt + 2 ⎢bt ⎜ y + ⎟ ⎥ + saldatura: a1
⎝ 12 ⎠ ⎣⎢ ⎝ 2 ⎠ ⎦⎥ 12

(β1 dipendente dal tipo di acciaio)

ESERCIZIO 7
Verifica di un’unione saldata a cordone d’angolo in trave
composta a I inflessa 35
y Determinazione delle tensioni agenti sui
cordoni di saldatura
⎛h⎞
2
2 al 3 ⎛ bh 2 l 3 ⎞ ⎛ 150 ⋅ 300 2 260 3 ⎞ DATI
J x = 2 ab⎜ + = a⎜⎜ + = 8⎜ +
⎝2⎠ 12 ⎝ 2 6 ⎠ ⎜ 2 6
⎝ ⎠
G2= 70 kN
J x = 1104 ⋅ 10 mm
6 4
Qk= 100 kN
2 1104 ⋅ 10 ⋅ 2
6
Carico di progetto
W sald = J x ⋅ = = 7 ,36 ⋅ 10 6 mm 3
h 300
allo SLU:
PSd ⋅ e 255 ⋅ 10 3 ⋅ 300
σ⊥ = = = 10 ,39 N mm 2 PSd = 255 kN
Wsald 7 ,36 ⋅ 10 6

e = 300 mm
P 255 ⋅ 10 3
τ = Sd = = 61,29 N mm 2
2 ⋅ a ⋅ l 2 ⋅ 8 ⋅ 260 Acciaio S235

y Verifica tensionale
Dimensioni:
σ + τ ≤ β 1 ⋅ fy
2

2
⎧ β 1 = 0 ,85 h = 300 mm;;

σ ⊥ ≤ β 2 ⋅ fy ⎩β 2 = 1 b = 150 mm;

2 2 ℓ = 260 mm
10 ,39 + 61,29 = 62 ,16 < 0 ,85 ⋅ 235 = 199 ,75 N mm 2
10 ,39 N mm 2 < 1 ⋅ 235 = 235 N mm 2 Altezza di gola:
a = 8 mm
9 La verifica di resistenza risulta soddisfatta

ESERCIZIO 8
3
Verifica di un giunto saldato a cordoni d’angolo 6