Sei sulla pagina 1di 4

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE ASSONOMETRIE

ASSONOMETRIE ORTOGONALI

Isometrica Dimetrica Trimetrica

ASSONOMETRIE OBLIQUE
Le a s s o n o m e t r i e o b l i q u e p o s s o n o e s s e -
re n u m e r o s i s s i m e : i n q u e s t a p a g i n a s o -
no rappresentate quelle più c o m u n e -
mente u s a t e , l a cavaliera, la monome-
trica e l a planometrica.
La cavaliera è presentata i n d u e v a r i a n -
ti, uguali d a l p u n t o d i vista geometrico
m a diverse per d i s p o s i z i o n e degli assi. Cavaliera - 1 ° metodo Cavaliera - 2 ° metodo
A n c h e la monometrica è in d u e varian-
z z
ti. L ' a s s o n o m e t r i a p l a n o m e t r i c a è detta
a n c h e militare, p e r il s u o f r e q u e n t e i m -
piego nella progettazione
zioni e nell'urbanistica.
di fortifica-
/ / \ \
In r e l a z i o n e a l l e e s i g e n z e g r a f i c h e e a l -
lo s p a z i o d i s p o n i b i l e sul f o g l i o d a d i s e -
g n o , g l i assi x e y p o s s o n o essere u g u a l - y X

m e n t e i n d i r i z z a t i v e r s o il b a s s o o verso
/ y x \
/
/
/ \ \
l'alto: l'importante è mantenere i rap- / \
\

porti angolari tra gli assi. ± x


N.B. In a s s o n o m e t r i a c a v a l i e r a , l e m i s u r e l u n g o l'asse i n -
2 ' clinato vanno d i m e z z a t e , per una miglior v i s u a l i z z a z i o n e

135'

Monometrica - 1 ° metodo Monometrica - 2 ° metodo Planometrica militare

60°^—- -25/ \ 4 j r __ 4 5 = /

30?C T V
/ 4 5
4 5 / \ / \ °

U . A . 3 L E RAPPRESENTAZIONI G R A F I C H E 117
quadro
LE CARATTERISTICHE triangolo assonometrico
fondamentale
DELL'ASSONOMETRIA
Assonometria significa misura sugli assi' p e r c h é , u n a
v o l t a i n d i v i d u a t e le p r o i e z i o n i d e i tre assi d e l t r i e d r o f o n -
damentale s u l q u a d r o a s s o n o m e t r i c o , n o n resta altro d a
fare c h e riportare l u n g o g l i assi le m i s u r e d e l l ' o g g e t t o d a
rappresentare e m a n d a r e le o p p o r t u n e linee p a r a l l e l e agli
assi stessi, c h e a n d r a n n o a f o r m a r e l a p r o i e z i o n e a s s o n o -
m e t r i c a . M a c o m e si r i c a v a n o l e p r o i e z i o n i d e g l i a s s i ?

Gli elementi fondamentali dell'assonometria


Gli elementi fondamentali di riferimento per eseguire
un'assonometria sono:
• l a t e r n a f i s s a d i p i a n i o r t o g o n a l i f r a l o r o (nv n2 e 7t )
3

corrispondenti a Piano Orizzontale, Piano Verticale e Pia-


1. G l i elementi fondamentali dell'assonometria sono: 3 piani
no Laterale del triedro nelle Proiezioni O r t o g o n a l i . D a l l a
ortogonali jt e Jt ), 3 assi cartesiani (x, y e z), un quadro
2 3

l o r o i n t e r s e z i o n e d e r i v a u n t r i e d r o c o n tre assi c a r t e s i a n i assonometrico (TI) con le relative tracce sul triedro che, in-
(x, y e z ) e o r i g i n e i n O : l e p r o i e z i o n i d i q u e s t i a s s i s u l contrandosi con gli assi, determinano i punti Tx, Ty e Tz.
quadro assonometrico i d e n t i f i c a n o g l i assi dell'assono-
m e t r i a (x', y ' e z ' ) c o n o r i g i n e i n O ' ;
• i l p i a n o JI ( d e t t o quadro assonometrico, coincidente
col foglio da disegno), sul q u a l e v e n g o n o proiettati gli as-
direzione
si d e l t r i e d r o ;
assonometrica
• l a d i r e z i o n e d, l u n g o l a q u a l e s i p r o i e t t a n o g l i a s s i d e l
triedro;
• un'unità d i m i s u r a u (detta a n c h e c o e f f i c i e n t e d i r i d u -
z i o n e ) d a m i s u r a r s i a p a r t i r e d a l p u n t o d i o r i g i n e O : il
r a p p o r t o f r a l e m i s u r e s u g l i a s s i r e a l i (x, y e z ) e q u e l l e s u i
rispettivi assi proiettati sul q u a d r o n (x', y ' e z') è f u n z i o -
ne d e l l ' a n g o l o f o r m a t o d a l q u a d r o n c o n g l i assi c a r t e s i a -
ni e d e l l a d i r e z i o n e d d e i raggi p r o i e t t a n t i ;
• i l c o s i d d e t t o triangolo fondamentale, d a riportare sul
foglio d a disegno, area definita dalle tracce di sezione del
p i a n o a s s o n o m e t r i c o a l l ' i n t e r n o d e l t r i e d r o : s u d i e s s o si
r i p o r t a n o le p r o i e z i o n i d e g l i assi, c o n g l i o p p o r t u n i c o e f -
ficienti di riduzione.

raggi proiettanti
ortogonali al quadro

2. La proiezione degli assi cartesiani x, y e z sul quadro as-


sonometrico determina una terna di segmenti x', y' e z' che
hanno origine in O ' , proiezione di O , origine degli assi.
Su questi tre segmenti, a partire da O ' , vanno riportate le mi-
sure dell'oggetto proiettato in assonometria, eventualmente
ridotte applicando un opportuno coefficiente di riduzione.

3. Visualizzazione tridimensionale riassuntiva del metodo


delle proiezioni assonometriche: in questo caso l'assonome-
tria è ortogonale (vedi pagina seguente) e l'oggetto rappre-
sentato è una poltrona.

114 U . A . 3 LE RAPPRESENTAZIONI G R A F I C H E
TIPI DI ASSONOMETRIE
C o m e p o s s i a m o v e d e r e n e l l o s c h e m a r i a s s u n t i v o d i pag. 57 e n e l l o s c h e m a d e l l a pagi-
na precedente, l e p r o i e z i o n i a s s o n o m e t r i c h e s o n o proiezioni parallele, p o i c h é il c e n t r o d i
p r o i e z i o n e è p o s t o a l l ' i n f i n i t o e i raggi proiettanti s o n o p a r a l l e l i fra l o r o .
T u t t a v i a p o s s o n o e s s e r e oblique o d ortogonali, in relazione a l l ' i n c l i n a z i o n e c h e faccia-
m o a s s u m e r e ai raggi proiettanti rispetto al q u a d r o a s s o n o m e t r i c o .

1. Assonometria ortogonale
I raggi proiettanti s o n o p e r p e n d i c o l a r i al q u a d r o a s s o n o m e t r i c o , c h e però è i n c l i n a t o r i -
spetto al t r i e d r o d i r i f e r i m e n t o .
In r e l a z i o n e a l l a d i s p o s i z i o n e d e l q u a d r o a v r e m o r a p p o r t i d i r i d u z i o n e d i v e r s i e t r e t i p i
di a s s o n o m e t r i a :
• assonometria isometrica, q u a n d o x, y e z f o r m a n o tre a n g o l i u g u a l i e q u i n d i a n c h e i
r a p p o r t i d i r i d u z i o n e (x', y ' e z ' s o n o u g u a l i ) ;
• assonometria dimetrica ( q u a n d o g l i assi f o r m a n o d u e a n g o l i u g u a l i e u n o d i v e r s o , p e r
c u i il r a p p o r t o d i r i d u z i o n e è i l m e d e s i m o s u d u e a s s i e d i v e r s o s u l t e r z o ;
• assonometria trimetrica, q u a n d o g l i a n g o l i s o n o d i v e r s i e d i v e r s o è p u r e il r a p p o r t o d i
r i d u z i o n e sugli assi.

Fra le p o s s i b i l i c o n f i g u r a z i o n i a s s o n o m e t r i c h e o r t o g o n a l i , q u e l l a m a g g i o r m e n t e usata
nel d i s e g n o architettonico e nel progetto di elementi m e c c a n i c i è l'assonometria isome-
trica, p o i c h é l ' e s i g e n z a p r i n c i p a l e , i n q u e s t i c a s i , è d i r i c a v a r e l a f o r m a p r e c i s a e le d i -
m e n s i o n i reali degli oggetti rappresentati.

1. Assonometria isometrica 2. Assonometria dimetrica 3. Assonometria trimetrica


xVy'=z' x'*y'*z'

120 130°

Nell'assonometria ortogonale isometrica (fig. 7) la perpendicolare al L'assonometria ortogonale dimetrica (fig. 2) prevede due angoli uguali
quadro passante per l'origine O forma con gli assi del triedro tre ango- (con lo stesso coefficiente di riduzione sugli assi corrispondenti) e un
li uguali: di conseguenza, sul quadro assonometrico, si formano tre a n - terzo diverso. Nell'assonometria trimetrica (fig. 3) la perpendicolare al
goli uguali, ciascuno di 120° e le dimensioni restano proporzionate. quadro passante per l'origine forma tre angoli diversi, ciascuno c o n il
proprio coefficiente di riduzione.

U . A . 3 LE RAPPRESENTAZIONI G R A F I C H E 115
2. Assonometria obliqua
In q u e s t o caso, i raggi proiettanti sono
raggi proiettanti
obliqui rispetto al q u a d r o assonometrico,
c h e però è p a r a l l e l o (per nostra comodità) a
obliqui al quadro
u n o d e i tre p i a n i d e l triedro d i riferimento.
Nelle assonometrie oblique esiste una
più a m p i a libertà n e l l a d i s p o s i z i o n e d e g l i
assi e q u i n d i a v r e m o numerosi tipi diversi
d i a s s o n o m e t r i e : le più c o m u n e m e n t e usa-
t e s o n o l a c o s i d d e t t a cavaliera e la cavalie-
ra planometrica (nella variante detta mo-
nometrica convenzionale).

Le configurazioni assonometriche obli-


q u e s o n o r a p p r e s e n t a z i o n i d i facile lettura,
in p a r t i c o l a r e :

• nell'assonometria dimetrica (cavaliera)


u n o d e i p i a n i c o i n c i d e c o n i l q u a d r o e, s o -
litamente, c o n la vista di fronte (prospetto)
a misure reali;

• nell'assonometria monometrica le m i -
sure n o n v a r i a n o nella vista dall'alto (pian-
ta) c h e v a d i s e g n a t a c o n m i s u r e r e a l i .

L a libertà n e l l a d i s p o s i z i o n e a n g o l a r e e
nella scelta dei rapporti di r i d u z i o n e per
questo tipo di a s s o n o m e t r i e può indurre in
c o n f u s i o n e e le stesse n o r m e U N I lasciano
e c c e s s i v a facoltà d i s c e l t a . L'assonometria obliqua dimetrica (cavaliera) prevede il quadro parallelo a n
e quindi mantiene il prospetto con misure reali (come se fosse la vista di fron-
A scanso di equivoci, conviene, per m o - te nelle proiezioni ortogonali): sull'asse y le misure vanno riportate dimezza-
tivi d i d a t t i c i , s o f f e r m a r e la nostra a t t e n z i o - te, per una più realistica resa grafica e visiva.
ne s o l o sui tipi più c o m u n i d i a s s o n o m e t r i e
o b l i q u e (cavaliera e planometrica nella va-
r i a n t e monometrica) lasciando alla sensi-
bilità d e l d i s e g n a t o r e d i d e t e r m i n a r e scelte
angolari e coefficienti di riduzione diversi.
Inoltre, c o m e v e d i a m o negli s c h e m i rias-
s u n t i v i d e l l e a s s o n o m e t r i e d i pag. 117, p e r
e s i g e n z e d i r a p p r e s e n t a z i o n e grafica, in a l - raggi proiettanti
c u n i c a s i g l i assi x e y s o n o r i v o l t i v e r s o il obliqui al quadro
b a s s o e i n altri c a s i v e r s o l'alto, o p p u r e v e r -
so sinistra piuttosto c h e verso destra, m a
identici sono i principi geometrici in ogni
situazione.

Assonometria obliqua planometrica (nella variante


monometrica convenzionale): il quadro assonometri-
co è parallelo a re e su di esso si riporta la vista d a l -
1

l'alto dell'oggetto, senza applicare coefficienti di r i -


duzione delle misure.

116 U . A . 3 LE RAPPRESENTAZIONI G R A F I C H E