Sei sulla pagina 1di 1

Mauro Marchionno

IV Liceo

 Nella seconda metà dell'Ottocento, i progressi tecnologici portarono a una crescita economica straordinaria
che ha preso il nome di "seconda rivoluzione industriale".
 In questo contesto l'Italia iniziò ad affrontare i problemi del nuovo Stato unitario, come la diffusione di una
lingua comune, l'industrializzazione attraverso una politica e una politica coloniale sul continente africano.
 Negli anni Cinquanta e Sessanta dell'Ottocento si verificò uno straordinario sviluppo economico, determinato
dalla diffusione delle ferrovie, della navigazione a vapore e dalla massiccia circolazione di merci e capitali
 Il settore importante era siderurgico meccanico, legato alle tecnologie del ferro e del carbone, ma furono
compiuti importanti progressi anche nel campo della chimica
 Si usa il petrolio come fonte di energia e della elettricità. Queste innovazioni ebbero un impatto rilevante
sia sulla vita pratica sia sulla cultura e sull'arte.
 Intorno agli anni Settanta, le innovazioni in campo industriale causarono un aumento di produttività che si
trasformò in sovrapproduzione. L’uso delle navi a vapore aumentò l'importazione in Europa dei cereali.

Questi eventi provocarono una forte caduta dei prezzi e una fase di depressione economica.

 Nei Paesi di industrializzazione più recente, come gli Stati Uniti e la Germania, si crearono situazioni di
monopolio o di oligopolio il mercato finì cioè nelle mani di un solo o di pochi produttori
 Prima Internazionale dei lavoratori un'organizzazione internazionale che aveva lo scopo di creare legami
sovranazionali tra gruppi politici di sinistra e le organizzazioni dei lavoratori
 Regno d'Italia gli elettori avevano dato il compito di governare alla Destra storica
 Poi, passò alla Sinistra storica processo di industrializzazione che portò allo sviluppo del settore tessile e di
quello delle industrie meccaniche, chimiche e siderurgiche
 Giolitti realizzo numerose riforme sociali ed migliorò le condizioni dei lavoratori
 Regolando le ore di lavoro, la previdenza, la assicurazione per gli infortuni
 Nel 1912, Giolitti fece approvare in parlamento una legge il suffragio universale maschile, portando il
numero degli elettori a nove milioni
 La opinione pubblica era favorevole nuove possibilità per l’emigrazione italiana