Sei sulla pagina 1di 6

N.

107 APRILE 2013 articolo

2
RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET
REG. TRIBUNALE DI LUCCA N° 785 DEL 15/07/03
SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 – 55054 BOZZANO (LU)
TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273
DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO
COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

ESERCITAZIONI

Combinazioni a 3: allenare gli sviluppi a 3


giocatori senza e con la presenza avversaria.
A cura di RAFFAELE BARRA

Allenare la collaborazione ed il dialogo tattico tra i giocatori con


esercitazioni specifiche.

Raffaele Barra, nato a Venezia il 5 gennaio 1975, è laureato in


comunicazione ed in possesso dell’abilitazione come istruttore Coni Figc.
Ha frequentato un corso di specializzazione in psicologia dello sport.
Da diversi anni svolge il ruolo di istruttore presso alcune tra le società più in
vista della sua provincia.
E’ l’attuale tecnico del 2° anno della categoria Esordienti nella Clodiense SSD
società della città di Chioggia (VE) che milita nel campionato di serie D.

In questo articolo ci soffermeremo sulle Il nucleo, la base da cui partire,


combinazioni a 3 giocatori, tentando di pertanto, parlando di sviluppi offensivi,
trovare utili esercitazioni per gli sviluppi è la collaborazione tra 2 giocatori.
offensivi lavorando sia senza, sia in I concetti fondamentali del “dai e vai” e
presenza degli avversari. L’argomento, del “dai e segui” sono il fulcro da dove
in parte, lo abbiamo già anticipato nel nascono tutte le combinazioni offensive
contributo pubblicato il mese scorso (triangolo, corto-lungo,
(focus 106 marzo 2013) quando ci sovrapposizione). Prima di iniziare,
siamo occupati delle combinazioni allora, a proporre negli allenamenti
laterali. Ci siamo soffermati infatti sui combinazioni complesse a tre o più
concetti di tempo e di spazio e sul giocatori, la nostra squadra deve avere
concetto di “Gioca dove vedi”. Abbiamo ben chiare le combinazioni più semplici.
visto anche le sovrapposizioni a tre Partendo da queste, abbinandole e
giocatori con appoggio e sostegno, aggiungendo dei movimenti senza palla,
iniziando ad accennare così gli sviluppi quali l’inserimento del cosiddetto “terzo
a più giocatori. Sempre nel focus scorso uomo”, trasformeremo questi sviluppi
abbiamo parlato del significato stesso offensivi in combinazioni più complesse
della parola combinazione, a tre giocatori.
comprendendo facilmente che si tratta Dobbiamo aggiungere altresì, prima di
di una concomitanza di movimenti, si addentrarci in questi sviluppi, che
tratta, in definitiva, di mettere insieme qualsiasi movimento non può
2 o più cose (2 o più giocatori nel prescindere dalle capacità tecniche e
nostro caso) per ottenere un dato tattiche di ogni giocatore.
risultato. Un’adeguata ricezione, un corretto
passaggio, oltre che un giusto
smarcamento, sono la base per la Con una situazione come quella appena
realizzazione di qualsiasi sviluppo accennata, che in definitiva parte da un
offensivo. Lo smarcamento in passaggio a muro verso un giocatore in
particolare, che non va inteso solo appoggio, si possono costruire alcuni
come liberarsi dalla marcatura, ma sviluppi offensivi in grado di mettere in
indica il muoversi in zona luce (andare difficoltà (ribadiamo, se eseguiti con i
cioè dove il portatore ci vede e dove giusti tempi) una difesa schierata.
può trasmetterci la palla) nel corretto Proviamo a vedere il giocatore a muro
tempo di gioco per la migliore soluzione cosa potrebbe fare.
della situazione venutasi a creare. Da In figura 2A sul dai e vai di 7, il
un corretto smarcamento seguito da giocatore 9 mette la palla dietro la linea
una ricerca di triangolazione può dei difensori cercando l’inserimento
nascere, ad esempio, un primo sviluppo della mezzala 8.
a tre giocatori. Con un dai e vai Con la stessa giocata l’attaccante 9 può
eseguito internamente si può liberare, servire anche, sul contro movimento, il
con i giusti tempi, l’inserimento di un giocatore 11 che finta di venire incontro
terzo compagno. (fig. 1). per poi buttarsi nello spazio (fig. 2B).

Il giocatore A trasmette al giocatore B


in appoggio e cerca il passaggio di
Ancora può giocare sul terzino 2 che
ritorno inserendosi internamente in A1
aveva giocato sul compagno 7 e che ha
e liberando così lo spazio per C che si
proseguito la corsa (fig. 2C).
inserisce con i giusti tempi sopra la
linea della palla e riceve in C1.

2
Una combinazione a tre giocatori con In figura 4, A cede a B e va in
compagno a muro, può avvenire non profondità, B gioca verso C venuto a
necessariamente attraverso scambi sostegno, il quale chiude la
ravvicinati ma anche attraverso un combinazione passando ad A in A1.
lancio lungo, mediante cioè il recupero Questi sviluppi offensivi vengono anche
della cosiddetta “seconda palla”. chiamati attacchi a 2 tempi.
L’attaccante 9 riceve il lancio del In questi sviluppi la sequenza tipica di
centrocampista 4 e gioca esecuzione vede un giocatore davanti la
sull’inserimento della mezzala 8 (fig. linea della palla che riceve e scarica
3). dietro per un sostegno.
Un secondo giocatore che riceve lo
scarico per creare una palla aperta di
rifinitura e, per concludere, un terzo
giocatore che attacca la profondità
senza palla alle spalle della linea
difensiva.
Infine, partendo ancora dalle
combinazioni più semplici, non
possiamo non nominare la
sovrapposizione.
La sovrapposizione a tre giocatori può
essere effettuata con un compagno in
appoggio o a sostegno.
In appoggio quando il giocatore che
chiude la sovrapposizione è sopra la
Facendo riferimento sempre alle
linea della palla, a sostegno quando
combinazioni base, un ulteriore
invece si troverà sotto.
sviluppo offensivo a 3 giocatori può
Per alcune esercitazioni e per una
avvenire anche a seguito di un corto-
disamina più approfondita, rimandiamo,
lungo.
come già detto, al focus del mese
Il giocatore in possesso, che passa al
scorso.
compagno in appoggio si butta nello
Partendo da queste tre semplici
spazio in profondità per ricevere il
proposte possiamo trovare,
passaggio di un terzo compagno venuto
logicamente, innumerevoli varianti (per
a sostegno.
andare al cross, per entrare con un
taglio, per una sponda con successivo
tiro da fuori, ecc) starà a noi,
allenamento dopo allenamento cercare
di incrementare le proposte per
arricchire il bagaglio dei nostri giocatori.
Per allenare queste combinazioni
dobbiamo iniziare proponendo
allenamenti che non prevedano la
presenza degli avversari, cercando di
curare solo i giusti tempi di
inserimento.
Non dobbiamo però dimenticare che il
calcio è uno sport di situazione.
Pertanto una volta assimilati i
movimenti dobbiamo portarli in

3
situazione attraverso esercitazioni che ESERCITAZIONE 2
vedano la presenza degli avversari.
Iniziando ovviamente, da quelli
numericamente ridotti.
Gli esercizi situazionali sono il giusto
ponte verso la partita.
Vediamo ora alcuni esercizi.

ESERCITAZIONE 1

Combinazioni a rombo interno -


esterno

Ancora un’esercitazione per stimolare la


ricerca delle combinazioni. In un rombo
di 20 m di lato i giocatori alternano un
passaggio all’interno del rombo ad uno
all’esterno, sempre in dai e segui. A
passa a B internamente al rombo, B
apre su C posto sul lato esterno, C
gioca su D il quale fa tornare la palla
Combinazioni a rombo all’interno su E. Il giocatore E torna
verso l’esterno giocando su F il quale
chiude la sequenza su G (fig. 6).
I giocatori iniziano a prendere
confidenza con le combinazioni a 3 ESERCITAZIONE 3
attraverso un’esercitazione in un rombo
di 15m di lato (possono anche essere
allungati i lati di A e C per poter
lavorare sul corto-lungo) in dai e segui.
A passa a B e si pone a sostegno, B
scarica su A che gioca a C.
C riceve e gioca con B venuto a
sostegno, il quale riceve e gioca a D.
D gioca su C, venuto a sua volta a
sostegno il quale gioca con E.
L’esercizio inizialmente svolto a 2 tocchi
curando la corretta postura del corpo,
può essere provato di prima.
La sequenza è molto utile anche come
riscaldamento (fig. 5). Combinazioni a rombo interno –
esterno 2

Esercitazione simile a quella appena


proposta ma con sequenza variata.
4
In un rombo uguale al precedente e ESERCITAZIONE 5
sempre in dai e segui, A gioca su B
internamente al rombo, B apre su C
posto sul lato esterno, il quale gioca
nuovamente su A venuto a sostegno.
A gioca lungo su D il quale fa tornare la
palla all’interno su E.
Il giocatore E allarga verso F che
scarica sul giocatore D venuto anch’egli
a sostegno, il quale chiude la sequenza
su G (fig. 7).

ESERCITAZIONE 4

Combinazioni in sequenza
Conclusione con combinazioni
Esercitazione svolta su una metà campo
nella quale le combinazioni vengono
Con un esercitazione simile alla
portate su spazi reali, ma ancora senza
precedente i giocatori iniziano ad
avversari.
andare alla conclusione.
A gioca verso B e corre sul lato
A passa verso B posto in appoggio e si
opposto.
inserisce.
B cede a C, il quale gioca
B scarica a C, il quale gioca
sull’inserimento di A in A1 chiudendo la
sull’inserimento di A in A1 che va al
combinazione.
tiro.
L’esercizio continua finché tutti i
Cambiare i giocatori al centro (fig. 9).
compagni sono passati dall’altro lato e
poi riprende andando in direzione
ESERCITAZIONE 6
opposta.
Cambiare i giocatori al centro (fig. 8).
Giro palla e attacco a 2 tempi

Le combinazioni fin qui proposte


vengono ora inserite in situazioni
semplici partendo prima dalla
superiorità numerica.
Su spazi regolamentari 2 attaccanti e
un centrocampista devono andare a
rete serviti dalla propria retroguardia,
su una porta difesa da due centrali.
I difensori rossi fanno girare palla in
attesa che una delle 2 punte si smarchi
incontro.
Gli attaccanti devono avvalersi del
centrocampista a sostegno per andare a
rete mediante un attacco a 2 tempi.
(fig. 10).

5
ESERCITAZIONE 8

ESERCITAZIONE 7

8 vs 8 + 2 jolly a meta

Partita a tema dove l’obiettivo è quello


di andare a meta.
2 squadre composte da 8 giocatori e
schierate secondo il modulo adottato, si
affrontano aiutate da 2 jolly che
giocano con la squadra in possesso.
L’obiettivo è quello di andare a meta
attraverso una combinazione (fig. 12).
Questo tipo di esercitazioni dove
l’obiettivo è quello di superare una linea
di meta sono un buon modo per
allenare le combinazioni e l’attacco a 2
4 vs 4 + 2 jolly per combinazioni e tempi.
tiro Partendo dall’esercitazione proposta si
possono perciò inserire molte varianti,
cambiando il numero di giocatori o
Ancora in superiorità ma in una spostando la posizione dei giocatori
situazione più complessa. jolly.
2 squadre di 4 giocatori aiutate da 2
jolly giocano con l’obiettivo di effettuare
5 passaggi per poi proporsi in
profondità attraverso una combinazione
a 3 e andare a rete (fig. 11).

Potrebbero piacerti anche