Sei sulla pagina 1di 5

APPARATO DIGERENTE E NUTRIZIONE

INGESTIONE DIGESTIONE

Per poter utilizzare l’energia del cibo l’organismo lo deve


trasformare.

ASSORBIMENTO ELIMINAZIONE

“Le fasi della nutrizione avvengono in diverse parti dell’apparato


digerente, questo apparato è composto dal TUBO DIGERENTE
attraverso cui passa il cibo e da alcune ghiandole che partecipano
alla digestione come le GHIANDOLE SALIVARI, il PANCREAS e il
FEGATO”.
Negli esseri umani l’apparato digerente inizia con la BOCCA e
termina con l’ANO tra queste due aperture si trova il TUBO
DIGERENTE che misura circa 10 metri.

LA DIGESTIONE NELLA BOCCA


Il primo tratto del tubo digerente è la BOCCA qui il cibo viene
triturato dai denti e ammorbidito con la saliva.
LA LINGUA è un muscolo pieno di recettori che ci permette di
sentire il sapore dei cibi inoltre li impasta e li sposta verso la gola,
sopra la lingua c’è il PALATO DURO, mentre la parta più interna
della bocca si chiama FARINGE.
DENTI

ARCATA SUPERIORE ARCATA INFERIORE

16 DENTI: 6 MOLARI 4
PREMOLARI 2 CANINI 4
INCISIVI

LA DIGESTIONE NELLA BOCCA COMPRENDE:


1. Azione meccanica di sminuzzamento del
cibo
2. Azione chimica degli enzimi che
trasformano l’amido di zucchero in
zuccheri semplici grazie alla saliva.

VERSO LO STOMACO
La deglutizione permette al cibo triturato di arrivare alla faringe e
di scendere giù per l’esofago.

DALL’ESOFAGO ALLO STOMACO


L’esofago è un tubo lungo 25 cm formato da 2 strati di muscoli
che contraendosi e dilatandosi permettano al cibo triturato e
ammorbidito (BOLO) verso lo stomaco, questo movimento viene
chiamato PERISTALSI, alla fine dell’esofago si apre la cavità dello
STOMACO che ha la forma di una sacca legata nella parte
superiore all’esofago e nella parte inferiore all’intestino “NELLO
STOMACO INIZIA LA DIGESTIONE DELLE PROTEINE E DEI GRASSI”.

IL CIBO PASSA NELL’INTESTINO


Attraverso la valvola del PILORO il cibo ulteriormente scisso dai
succhi gastrici dello stomaco passa all’intestino che è diviso in
due parti L’INTESTINO TENUE e CRASSO.
“nell’intestino tenue si completa la digestione degli alimenti
grazie ai liquidi prodotti dal FEGATO e dal PANCREAS”.

LA DIGESTIONE NEL DUODENO


Nell’intestino tenue arrivano i succhi prodotti dal fegato e dal
pancreas che contribuiscono a scindere ulteriormente il cibo.

Dal fegato arriva la BILE un liquido amaro di colore verde-giallo


che ha la funzione di scindere i grassi e ridurli in piccole
goccioline, dal pancreas arriva il SUCCO PANCREATICO questo
contiene 3 enzimi:
1. L’AMILASI che trasforma l’amido in zuccheri semplici
2. LA TRIPSINA che continua la demolizione delle proteine
3. LA LIPASI PANCREATICA che attacca i grassi e li divide in acidi
grassi e glicerina.

L’ASSORBIMENTO
Nell’intestino tenue avviene l’assorbimento del cibo digerito, cioè
il trasferimento della parte buona del cibo digerito nel sangue
che lo trasporterà alle cellule trasformandole in energia per il
nostro organismo.
Sulla parete dell’intestino tenue sono presenti delle piccole
sporgenze chiamate VILLI INTESTINALI che si occupano di far
passare le sostanze dall’intestino al sangue.

L’INTESTINO CRASSO E LA FLORA BATTERICA


“Nell’intestino crasso è presente un’enorme quantità di batteri
essenziali per il nostro organismo questi formano la FLORA
BATTERICA”.

I residui finali della digestione contenuti nell’intestino crasso


prendono il nome di FECI che vengono espulse attraverso il
RETTO e L’ANO quest’ultimo è un muscolo volontario, le feci sono
formate per il 75% da acqua e per il resto da batteri morti.