Sei sulla pagina 1di 2

IL DIO DELLA PAROLA:

LA FIGURA DEL PROFETA

Un altro modo che Dio ha scelto per rivelare se stesso al mondo, oltre a quello di implicarsi direttamente con
la vita e la storia degli uomini, è quello di annunciare la sua Parola per mezzo di alcuni uomini, i profeti. Il
profeta è l’uomo che vive della Parola del Signore, che sa fare spazio dentro di sé per accogliere, prima, e
annunciare, poi, la salvezza operata dal Signore. Nel battesimo, ognuno di noi è costituito profeta.

La vocazione di un profeta … la storia di Geremia

Mi fu rivolta la parola del Signore:


«Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo,
prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato;
ti ho stabilito profeta delle nazioni».
Risposi: «Ahimè, Signore Dio, ecco io non so parlare,
perché sono giovane».
Ma il Signore mi disse: «Non dire: Sono giovane,
ma và da coloro a cui ti manderò
e annunzia ciò che io ti ordinerò.
Non temerli,
perché io sono con te per proteggerti».
Oracolo del Signore.
Il Signore stese la mano, mi toccò la bocca
e il Signore mi disse:
«Ecco, ti metto le mie parole sulla bocca.
Ecco, oggi ti costituisco
sopra i popoli e sopra i regni
per sradicare e demolire,
per distruggere e abbattere,
per edificare e piantare».

Una Parola esigente che sconvolge la vita… la storia di Osea

Quando il Signore cominciò a parlare a Osea, gli disse:


«Và, prenditi in moglie una prostituta
e abbi figli di prostituzione,
poiché il paese non fa che prostituirsi
allontanandosi dal Signore».

La fuga del profeta… la storia di Giona

La parola del Signore fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, in questi termini:


«Àlzati, va' a Ninive, la gran città, e proclama contro di lei che la loro malvagità è salita fino a me».
Ma Giona si mise in viaggio per fuggire a Tarsis, lontano dalla presenza del Signore. Scese a Iafo, dove
trovò una nave diretta a Tarsis e, pagato il prezzo del suo viaggio, si imbarcò per andare con loro a Tarsis,
lontano dalla presenza del Signore.
Il Signore scatenò un gran vento sul mare, e vi fu sul mare una tempesta cosí forte che la nave era sul punto
di sfasciarsi. I marinai ebbero paura e invocarono ciascuno il proprio dio e gettarono a mare il carico di
bordo, per alleggerire la nave. Giona, invece, era sceso in fondo alla nave, si era coricato e dormiva
profondamente. Il capitano gli si avvicinò e gli disse: «Che fai qui? Dormi? Àlzati, invoca il tuo dio! Forse
egli si darà pensiero di noi e non periremo». Poi si dissero l'un l'altro: «Venite, tiriamo a sorte e sapremo
per causa di chi ci capita questa disgrazia». Tirarono a sorte e la sorte cadde su Giona.
Allora gli dissero: «Spiegaci dunque per causa di chi ci capita questa disgrazia! Qual è il tuo mestiere? Da
dove vieni? Qual è il tuo paese? A quale popolo appartieni?» Egli rispose loro: «Sono Ebreo e temo il
Signore, Dio del cielo, che ha fatto il mare e la terraferma». Allora quegli uomini furono presi da grande
spavento e gli domandarono: «Perché hai fatto questo?» Quegli uomini infatti sapevano che egli fuggiva
lontano dalla presenza del Signore, perché egli li aveva messi al corrente della cosa. Poi gli dissero: «Che
dobbiamo fare di te perché il mare si calmi per noi?» Il mare infatti si faceva sempre piú tempestoso. Egli
rispose: «Prendetemi e gettatemi in mare, e il mare si calmerà per voi; perché io so che questa gran
tempesta vi piomba addosso per causa mia».
Tuttavia quegli uomini remavano con forza per raggiungere la riva; ma non riuscivano, perché il mare si
faceva sempre piú tempestoso e minaccioso. Allora gridarono al Signore e dissero: «Signore, non lasciarci
perire per risparmiare la vita di quest'uomo e non accusarci del sangue innocente; poiché tu, Signore, hai
fatto come ti è piaciuto». Poi presero Giona, lo gettarono in mare e la furia del mare si calmò. Allora
quegli uomini furono presi da un grande timore del Signore; offrirono un sacrificio al Signore e fecero dei
voti.

La vita e il messaggio dei profeti

Ci sono alcune caratteristiche importanti nella vita dei profeti:

 Il profeta non cerca Dio, ma è cercato da Dio. È Lui che lo sceglie tra tutti per annunciare la sua
Parola.

 È un intermediario tra Dio e l’uomo. Diventa “tutto Parola”.

 Impara a leggere la presenza e la voce di Dio negli avvenimenti quotidiani

 Il suo messaggio mette al centro l’unicità di Dio (contro l’idolatria) e spinge gli uomini alla
conversione (= essere autentici di fronte a Dio, riconoscere la propria colpa e mettersi in ricerca di
Dio)

 La predicazione del profeta, quando è efficace, ha come conseguenza il cambiamento dello stile di
vita: dalla ricerca del proprio interesse alla cura del debole.

 Il messaggio dei profeti apre sempre alla speranza: sono uomini, apparentemente disperati, che
accendono con la Parola la speranza nel cuore di coloro ai quali sono mandati.

Potrebbero piacerti anche