Sei sulla pagina 1di 3

Corso di ECONOMIA PER INGEGNERI

Prof. Manfredi Bruccoleri

ESERCITAZIONE LEZIONE 4
Uno studente deve decidere come allocare la sua disponibilità mensile di 150€ tra un
numero di uscite a cena con gli amici (qcena) e un numero di uscite al cinema (qcin). Il
prezzo medio di un’uscita a cena (pcena) con gli amici è di 15€, mentre il prezzo medio di
un cinema è di 7€ (qcin).
Si assuma che la funzione di utilità dello studente sia descrivibile attraverso una mappa di
funzioni di indifferenza di espressione:
U(qcena, qcin) = qcena0,7· qcin0,3

1. Sapendo che il valore di utilità massimo raggiungibile dallo studente, in base al suo
reddito ed ai prezzi dei beni, è pari a 6,82, si determinino le condizioni di ottimalità,
definendo sia il numero di uscite a cena con gli amici che il numero di uscite al
cinema;
2. Si evidenzino, in un grafico riportante in ascissa le cene ed in ordinata i cinema, la
regione preferita e la regione non preferita;
3. Si calcoli il tasso di scambio delle uscite al cinema rispetto alle uscite a cena con gli
amici e si dica cosa esso rappresenti;
4. Si calcoli il tasso marginale di sostituzione delle uscite al cinema rispetto alle uscite
a cena con gli amici in corrispondenza delle condizioni di ottimalità e si dica cosa
esso rappresenti;
5. Si calcoli il tasso marginale di sostituzione tra uscite al cinema ed uscite a cena con
gli amici in corrispondenza di qcena = 5 e qcena = 9, commentando i risultati.

Ipotizziamo adesso che vi sia stato un decremento del prezzo delle cene da 15 € a 10 €.
Sapendo che in corrispondenza del nuovo punto di ottimalità le cene ed i cinema sono pari
rispettivamente a 9 ed 8,57:
6. Si calcoli l’effetto di sostituzione e l’effetto di reddito. Posso affermare che le cene
siano un bene normale? Perché?
Corso di ECONOMIA PER INGEGNERI
Prof. Manfredi Bruccoleri

SOLUZIONE
1. Le condizioni di ottimalità sono individuate dal punto in corrispondenza
del quale la linea di bilancio e la funzione di utilità del consumatore
sono TANGENTI. Noi abbiamo 1 linea di bilancio, individuabile
conoscendo il reddito del consumatore ed i prezzi dei beni che
costituiscono il paniere:
150=15*qcena + 7*qcin LINEA DI BILANCIO
Dopodichè abbiamo infinite curve di utilità definite dall'equazione U(qcena, qcin) =
qcena0,7· qcin0,3. Per semplicità, all'interno del testo vi è stato scritto che la
massima utilità conseguibile è pari a 6,82. Pertanto la funzione di utilità
sarà pari a:
0,7 0,3
6,82 = q cena · q cin FUNZIONE DI UTILITA' MAX
Il punto di tangenza delle due curve è quel punto in corrispondenza del
quale il coeff. Angolare risulta identico. Pertanto, per trovarlo, è
sufficiente eguagliare le derivate prime di entrambe le curve
qcin=6,45
qcena=7

2.
22
21
20
19
18
17
16
15 ZONA
14
13
12
PREFERITA
Cinema

11
Utilità
10
9 Vincolo di Bilancio
8
7
6
5
4 ZONA NON
3
2
1
PREFERITA
0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
Cene
Corso di ECONOMIA PER INGEGNERI
Prof. Manfredi Bruccoleri
2. Vedere grafico
3. Il tasso di scambio delle uscite al cinema rispetto alle uscite a cena con amici è pari
al numero di di uscite al cinema alle quali devo rinunciare per andare una
volta in più a cena con amici, rispettando il vincolo di bilancio .
Posso facilmente trovarlo calcolando il
prezzo relativo: in questo caso sarà pari al rapporto tra il prezzo
di una uscita a cena con gli amici ed una uscita al cinema:
TS = pcena/pcin = 15/7 = 2,14
Devo quindi rinunciare a 2,14 uscite al cinema per andare 1 volta in più a
cena con amici
cena con amici
4. Il tasso marginale di sostituzione delle uscite al cinema rispetto alle uscite a cena
con gli amici è pari al numero di uscite al cinema alle quali devo
rinunciare per andare una volta in più a cena con gli amici, mantenendo
l'utilità costante. In questo caso, dato che ci troviamo in corrispondenza
del punto di tangenza tra funzione di utilità e vincolo di bilancio, sarà
pari al tasso di scambio prima trovato, ossia 2,14 .
pari al tasso di scambio prima trovato, ossia 2,14 .
5. In questo caso non ci troviamo più in corrispondenza del punto di
ottimalità, pertanto il tasso marginale di sostituzione
si calcolerà trovando la derivata prima
della funzione di utilità e calcolandone il valore in corrispondenza dei
punti richiesti.
TMS = 6,59 quando qcena = 5
TMS = 0,93 quando qcena = 9
Ovviamente, all'aumentare della quantità di uscite a cena il TMS diminuisce,
in quanto lo studente è disposto a sacrificare sempre meno uscite al
cinema per incrementare il numero di uscite a cena.
cinema per incrementare il numero di uscite a cena.
6. Per trovare l'effetto di sostituzione bisogna trovare il punto di tangenza tra la
funzione di utilità tangente alla vecchia linea di bilancio (ossia la funzione di utilità
con valore pari a 6,82, quella blu nella figura) e la parallela alla nuova linea di
bilancio. Possiamo subito trovare il punto di tangenza, senza dover trovare per
forza la retta parallela, poiché ci basta trovare quel punto della funzione di
utilità il cui coeff. Angolare sia pari alla nuova linea di bilancio:
150 = 10*qcena + 7*qcin → qcin = 21,429 - 1,429 q cena
Pertanto il coeff. Angolare è pari a -1,429
Ponendo la derivata prima della funzione di utilità pari a 1,429, si toverà il punto di
tangenza:
qcin=4,853
qcena=7,914
Possiamo quindi concludere che l'effetto di sostituzione ha incrementato di 0,914
il numero di cene . Ma il numero di cene del nuovo punto di ottimalità è pari a 9.
L'aliquota mancante, ossia 1,086 cene, è causata dall'effetto di reddito.
In virtù del fatto che l'effetto di reddito è positivo, il bene in questione è un bene
normale.