Sei sulla pagina 1di 52

Angelo Pagliardini

Angelo Pagliardini
Angelo Pagliardini
Mappe interculturali della letteratura

Mappe interculturali della letteratura italiana nel Risorgimento


italiana nel Risorgimento
IIl volume rilegge il rapporto fra identità una serie di mappe letterarie interculturali
Mappe interculturali
della letteratura italiana
italiana e letteratura del Risorgimento, del Risorgimento, che mostrano come
analizzando scrittori di fasi cronologiche e gli stereotipi eroici dell’italianità siano in
tipologie testuali differenziate. Per abbat- realtà posticci e artificiali.

nel Risorgimento
tere l’idea che il Risorgimento italiano sia
una costruzione chiusa e autoreferenziale,
tutti gli autori sono stati sottoposti a una L 'Autore
griglia di domande che costituiscono i Angelo Pagliardini (Letteratura italiana
parametri della ricerca. Come si definisce all’Università di Innsbruck) si è occupato
l’identità italiana? Come contribuisce la di questioni di storia letteraria italiana Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco,
letteratura alla realizzazione nazionale
concreta? Che rapporto c’è fra unità e
interculturale e di letteratura nell’epoca
delle migrazioni. Ha compiuto ricerche
Giuseppe Mazzini,
culture locali? Come si colloca l’identità sulla poesia dialettale e sull’apporto Cristina Trivulzio di Belgiojoso,
italiana all’interno di una rete europea? Il della letteratura italiana alla letteratura
procedimento ha consentito di tracciare europea. Giuseppe Gioachino Belli

ISBN 978-3-631-64174-3

264174_Pagliardini_GR_A5HC PLE edition new.indd 1 30.08.13 12:17


Mappe interculturali della letteratura italiana nel Risorgimento
Angelo Pagliardini
Institut für Romanistik, Universität Innsbruck

Mappe interculturali
della letteratura italiana
nel Risorgimento

Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco, Giuseppe Mazzini,


Cristina Trivulzio di Belgiojoso, Giuseppe Gioachino Belli
Bibliografische Information der Deutschen Nationalbibliothek
Die Deutsche Nationalbibliothek verzeichnet diese Publikation
in der DeutschenNationalbibliografie; detaillierte bibliografische
Daten sind im Internet über http://dnb.d-nb.de abrufbar.

Gedruckt mit der Unterstützung des Vizerektorats für Forschung und


des Forschungsschwerpunkts Kulturelle Begegnungen und Konflikte

Gedruckt auf alterungsbeständigem,


säurefreiem Papier.

ISBN 978-3-631-64174-3 (Print)


E-ISBN 978-3-653-03348-9 (E-Book)
DOI 10.3726/978-3-653-03348-9

© Peter Lang GmbH


Internationaler Verlag der Wissenschaften
Frankfurt am Main 2013
Alle Rechte vorbehalten.
Peter Lang Edition ist ein Imprint der Peter Lang GmbH.
Peter Lang – Frankfurt am Main · Bern · Bruxelles · New York ·
Oxford · Warszawa · Wien

Das Werk einschließlich aller seiner Teile ist urheberrechtlich


geschützt. Jede Verwertung außerhalb der engen Grenzen des
Urheberrechtsgesetzes ist ohne Zustimmung des Verlages
unzulässig und strafbar. Das gilt insbesondere für
Vervielfältigungen, Übersetzungen, Mikroverfilmungen und die
Einspeicherung und Verarbeitung in elektronischen Systemen.

Dieses Buch erscheint in der Peter Lang Edition


und wurde vor Erscheinen peer reviewed.

www.peterlang.com
Ringraziamenti
Devo porgere un ringraziamento particolare alla Prof. Sabine Schrader per lo
stimolante confronto metodologico e per i preziosi e impagabili suggerimenti.
Sono grato per l’approfondimento del tema nel dibattito seguito al mio intervento
al Circolo Filologico Linguistico Padovano, nella seduta del 18 aprile 2012; quindi
ringrazio sentitamente il Prof. Furio Brugnolo e il Prof. Gianfelice Peron per avermi
invitato.
Indice

1.1. RISORGIMENTO E LETTERATURA ITALIANA: COORDINATE STORICHE ............ 11

1.1. Premessa .................................................................................................................................... 11


1.2. Scelta del corpus........................................................................................................................ 11
1.3. Le tappe storiche e letterarie ................................................................................................... 12
1.3.1. Italia napoleonica: il ruolo di Foscolo e Cuoco ....................................................................... 13
1.3.2. La Restaurazione: l’esilio europeo di Foscolo, Mazzini e Trivulzio ....................................... 16
1.3.3. Le rivoluzioni del 1848 ........................................................................................................... 18
1.3.4. La nascita del Regno d’Italia ................................................................................................... 20
1.3.5. Le ultime tappe dell’unificazione italiana ............................................................................... 21
1.4. Scrittori e identità italiana ....................................................................................................... 22

2. COORDINATE PER LE MAPPE DELLA LETTERATURA NEL RISORGIMENTO ........ 25

2.1. Premessa .................................................................................................................................... 25


2.2. Storia letteraria nazionale ....................................................................................................... 26
2.3. Dalla storia alla geografia letteraria ....................................................................................... 29
2.4. Una griglia di coordinate per le mappe letterarie del Risorgimento ................................... 31
2.4.1. La definizione di identità ......................................................................................................... 31
2.4.2. Il ruolo della letteratura ........................................................................................................... 32
2.4.3. Il rapporto con le identità locali............................................................................................... 35
2.4.4. Letteratura e identità europea .................................................................................................. 37

3. UGO FOSCOLO, ESULE PERENNE, E LA COSTRUZIONE DELL’IDEA DI «ITALIA»


NELLA DIMENSIONE EUROPEA, IN RAPPORTO DIALETTICO CON L’EPOPEA
NAPOLEONICA ................................................................................................................................. 45

3.1.Premessa ..................................................................................................................................... 45
3.2. Coordinate biografiche ............................................................................................................ 47
3.3. Ugo Foscolo definisce l’identità italiana fra il ricordo della classicità greca e le utopie di
una rivoluzione napoleonica ........................................................................................................... 50
3.3.1. Identità nazionale e confine ..................................................................................................... 50
3.3.2. Il giacobinismo di Foscolo: identità nazionale e ideali di libertà ............................................ 52
3.3.3. Il mito dell’identità nazionale.................................................................................................. 54
3.3.4. Il ruolo identitario della lingua ................................................................................................ 55
3.4. Letteratura e definizione identitaria: il «canone nazionale» secondo Foscolo .................... 60
3.4.1. Classicismo e letteratura italiana ............................................................................................. 61
3.4.2. Impegno civile e canone letterario italiano ............................................................................. 68
3.4.3. Il ruolo di poeta nazionale ....................................................................................................... 73
3.5. Sintesi unitaria delle differenze locali: il colpo d’occhio dell’esule ...................................... 75
3.6. Identità italiana e appartenenza europea secondo Foscolo................................................... 78
8 Indice

3.6.1. Cultura dell’esilio e identità europea....................................................................................... 80


3.6.2. La matrice culturale classica e l’identità europea.................................................................... 86
3.6.3. Verso un canone europeo della letteratura .............................................................................. 87

4. VINCENZO CUOCO, DA NAPOLI A MILANO ALLA RICERCA DELL’IDENTITÀ


ITALIANA ........................................................................................................................................... 91

4.1.Premessa ..................................................................................................................................... 91
4.2. Coordinate biografiche ............................................................................................................ 92
4.3. «Italia» e «italiani» negli scritti di Vincenzo Cuoco .............................................................. 94
4.3.1. Esilio e ricerca dell’identità italiana ........................................................................................ 94
4.3.2. Italia pre-romana come modello identitario per l’Italia napoleonica ...................................... 97
4.3.2. Identità linguistica italiana ...................................................................................................... 99
4.4. Il ruolo della letteratura e del giornalismo come fattori d’identità nazionale .................. 101
4.4.1. Alla ricerca di un canone nazionale....................................................................................... 101
4.4.2. Letteratura, identità e valori etici........................................................................................... 103
4.4.3. Letteratura e identità italiana: l’eredità classica. ................................................................... 106
4.4.4. Pedagogia dell’identità nazionale .......................................................................................... 108
4.5. Vincenzo Cuoco e la costruzione unitaria a partire dalle identità locali ........................... 110
4.5.1. La resistenza all’omologazione ............................................................................................. 111
4.5.2. La ricchezza delle identità locali ........................................................................................... 113
4.5.3. La varietà dialettale ............................................................................................................... 115
4.6. Identità italiana nel contesto dell’Europa napoleonica ....................................................... 115
4.6.1. Europa e cultura illuministica napoletana ............................................................................. 116
4.6.2. Rivoluzione francese e identità europea ................................................................................ 117
4.6.3. Italia ed Europa nella Repubblica napoletana del 1799 ........................................................ 120
4.6.4. Europa e antichità classica .................................................................................................... 121

5. LETTERATURA ITALIANA E IDENTITÀ EUROPEA NEL «SISTEMA» DI GIUSEPPE


MAZZINI ........................................................................................................................................... 129

5.1.Premessa ................................................................................................................................... 129


5.2. Coordinate biografiche .......................................................................................................... 129
5.3. Mazzini e la letteratura .......................................................................................................... 130
5.4. La definizione dell’identità nazionale secondo Mazzini ...................................................... 131
5.4.1. Religione e identità nazionale ............................................................................................... 131
5.4.2. Libertà e repubblica ............................................................................................................... 136
5.4.3. La dimensione storico-geografica dell’identità nazionale ..................................................... 137
5.5. Il ruolo civico e identitario della letteratura italiana .......................................................... 140
5.5.1. Dante poeta nazionale ........................................................................................................... 141
5.5.2. Canone letterario e valori civici ............................................................................................ 144
5.5.3. Identità italiana: letteratura ed esilio ..................................................................................... 148
5.6. Elementi identitari locali e regionali nella costruzione nazionale unitaria secondo Mazzini
......................................................................................................................................................... 151
5.6.1. Identità nazionale e Stati italiani pre-unitari ......................................................................... 153
5.6.2. Il rapporto fra le culture locali e l’identità nazionale ............................................................ 155
Indice 9

5.7. Mazzini fra identità nazionale ed Europa. ........................................................................... 156


5.7.1. Identità europea e religione ................................................................................................... 158
5.7.2. La costruzione di una mappa dell’identità europea ............................................................... 159
5.7.3. Letteratura ed Europa ............................................................................................................ 161

6. DEFINIZIONE INTERCULTURALE DELL’IDENTITÀ ITALIANA NELL’OPERA DI


CRISTINA TRIVULZIO DI BELGIOJOSO E CANCELLAZIONE DEL RISORGIMENTO
AL FEMMINILE .............................................................................................................................. 169

6.1. Premessa .................................................................................................................................. 169


6.2. Coordinate biografiche .......................................................................................................... 170
6.3. Ricezione e stato attuale della critica .................................................................................... 171
6.4. Identità nazionale e storia italiana al femminile .................................................................. 173
6.4.1. Unità territoriale e geografica................................................................................................ 173
6.4.2. Base democratica dell’identità italiana.................................................................................. 176
6.4.3. Metafora «patria come famiglia» .......................................................................................... 182
6.4.4. Religiosità e identità nazionale.............................................................................................. 185
6.5. Giornalismo, letteratura e azione politica nel Risorgimento .............................................. 194
6.5.1. Giornalismo come pedagogia nazionale ................................................................................ 194
6.5.2. Letteratura e identità nazionale ............................................................................................. 197
6.5.3. La messa in scena del proprio personaggio ........................................................................... 209
6.6. Differenze locali e identità nazionale ................................................................................... 211
6.7. La dimensione europea: l’identità nazionale fra Parigi e Istanbul .................................... 214
6.7.1. L’esilio come dimensione identitaria europea ....................................................................... 214
6.7.2. Una cultura per l’identità europea ......................................................................................... 215
6.7.3. Parigi centro della cultura europea ........................................................................................ 216
6.7.4. Verso la frontiera dell’Europa, alle origini della cultura comune ......................................... 217
6.7.5. L’Europa vista da Oriente ..................................................................................................... 222
6.7.6. Europa e identità migrante .................................................................................................... 225

7. GIUSEPPE GIOACHINO BELLI: LA «PLEBE» DI ROMA DI FRONTE ALL’ITALIA E


ALL’EUROPA .................................................................................................................................. 229

7.1.Premessa ................................................................................................................................... 229


7.2. Coordinate della vita e dell’opera di Belli ............................................................................ 229
7.3. Belli e la dimensione culturale e politica del Risorgimento ................................................ 233
7.3.1. La delegittimazione del potere papale ................................................................................... 233
7.3.2. La legittimazione delle riforme di Pio IX e del Risorgimento .............................................. 245
7.3.3. La rappresentazione dello spazio identitario ......................................................................... 246
7.4. Rappresentazione (dialettale) dell’italianità: lingua, cultura, letteratura......................... 247
7.4.1. Belli e la tradizione letteraria italiana.................................................................................... 247
7.4.2. Belli scrittore italiano e il «libro» dei Sonetti romaneschi. ................................................... 249
7.5. Le identità linguistiche, culturali e sociali locali .................................................................. 255
7.5.1. Giochi, superstizioni e tradizioni popolari. ........................................................................... 257
7.5.2. Archeologia e urbanistica romanesca. ................................................................................... 264
7.5.3. Roma e la storia sacra. ........................................................................................................... 269
10 Indice

7.6. Belli e la cultura europea ....................................................................................................... 275

8. CONCLUSIONI ............................................................................................................................ 287

BIBLIOGRAFIA ............................................................................................................................... 291

Bibliografia primaria .................................................................................................................... 291


Bibliografia secondaria ................................................................................................................. 298
Fonti Internet ................................................................................................................................. 311
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel
Risorgimento

2.1. Premessa
Niccolò Machiavelli (1469-1527), in un momento in cui si vedeva escluso dalla vita
pubblica, e non aveva speranze migliori per il futuro dell’Italia, nell’ultimo capitolo
del Principe, il più teso e politicamente intenso, auspica una «redenzione» dell’Italia,
sotto la guida dei Medici, con l’adozione di una metafora religiosa molto vicina a
quella che sarà adottata in seguito, il Risorgimento (Machiavelli, Principe 95), guarda
alla tradizione letteraria e a Petrarca per trovare una legittimazione culturale al suo
disegno politico italiano e chiude il capitolo con i versi dalla canzone Italia, mia,
rivolta ai signori e principi italiani, invitati da Petrarca a cessare le guerre intestine e a
liberarsi delle truppe straniere presenti in Italia: «Virtù contro a furor / Prenderà
l’arme; e fia ’l combatter corto: / Ché l’antico valore / Negli italici cor non è ancor
morto» (Machiavelli, Principe, 98).
Con un’analoga operazione filologico-politica, nella fase incerta del Risorgimento
che segue le fallite insurrezioni costituzionali del 1830-31, Mazzini, in esilio a Londra,
cerca il conforto culturale della tradizione letteraria. Per questo pubblica l’edizione
commentata della Commedia, ancora inedita, realizzata da Foscolo, a sua volta esule
sul Tamigi dopo la fine dell’Italia napoleonica (Alighieri-Foscolo, Commedia) 1.
Su questa linea si colloca De Sanctis, che con la sua Storia della letteratura
italiana (De Sanctis 1871-72), elabora per lo Stato italiano la prima storia letteraria
nazionale, in cui pone al centro dello sviluppo storico della letteratura Dante e
Petrarca. De Sanctis era stato rivoluzionario, prigioniero politico dei Borboni, quindi
esule, ma aveva poi partecipato da protagonista alla creazione del nuovo Stato italiano,
diventando Ministro della Pubblica Istruzione: anche per lui l’identità nazionale
realizzata politicamente deve basarsi sul patrimonio della tradizione formato dalla
storia letteraria 2. Per questo motivo costruisce un modello esemplare di canone
letterario nazionale.
In questo capitolo inquadreremo il nostro studio nell’ambito delle riflessioni più
rilevanti sul canone letterario nazionale, sviluppate a partire dall’Ottocento fino al
dibattito contemporaneo, in cui si registra la necessità di considerare in modo più
aperto e pluralistico la storia letteraria italiana. Definiremo inoltre i rapporti fra i
concetti di cosmopolitismo e nazione, che vengono elaborati in Italia e in Europa a

1 Thies Schulze osserva: «Der Grund, weshalb Mazzini den Italienern die Göttliche Komödie ans Herz
legte, lag in der geschlossenen Zielsetzung, die er dem Werk Dantes unterstellte. Das Vorhaben,
Italien zur Nation und zum Ausgangspunkt eines neuen europäischen Zivilisationsprozesses zu
formen, habe allen Werken des Dichters zugrunde gelegen» (Schulze 2005, 42).
2 Per la ricostruzione di questa preistoria dell’Italia è molto ricco e suggestivo il volume collettivo
curato da Claudio Gigante ed Emilio Russo, frutto del convegno del Centro Pio Rajna tenutosi a
Roma nel 2011 (Gigante; Russo 2012).
26 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

partire dal periodo napoleonico, destinati a giocare un ruolo specifico nella costruzione
dell’identità nazionale italiana. In funzione di ciò elaboreremo la griglia di parametri
che guiderà, nei capitoli successivi, l’analisi dei singoli autori del nostro corpus.

2.2. Storia letteraria nazionale


Ci sono due caratteristiche nella costruzione delle nazioni nel corso dell’Ottocento che
si ritrovano accentuate nell’ambito del Risorgimento italiano 3: la lunga durata
cronologica della tradizione letteraria italiana, preesistente alla costituzione di uno
Stato italiano unitario, e non legata necessariamente a essa; il forte contributo della
letteratura alla creazione identitaria nazionale 4. Se l’espressione nazione italiana si
trova già nel Cinquecento, tuttavia il processo di codifica dell’identità nazionale e il
legame di questa con la lingua e con la letteratura s’inserisce in pieno nell’insieme dei
«risorgimenti» ottocenteschi, da quello greco a quello tedesco (Putzu 2012, 15-19). In
seguito all’enfatizzazione del concetto di «popolo», non in senso sociale, quanto
piuttosto culturale e identitario, proprio del Romanticismo, si fa strada il principio di
identità nazionale. Tale presa di coscienza era stata fra le cause del fallimento
dell’Europa napoleonica, ma la Restaurazione non ne terrà conto e per questo entrerà
in crisi l’equilibrio europeo sancito nel Congresso di Vienna e, alla fine dell’Ottocento,
vacilleranno anche i grandi imperi transnazionali.
La novità e la peculiarità della storia letteraria di De Sanctis rispetto a quelle
precedenti, come quella pubblicata pochi anni prima, nel 1865, da Cesare Cantù
(1804-1895), è la narrazione per via letteraria del processo di formazione nazionale.
Pur collocandosi nell’alveo del Romanticismo e affermando l’esistenza di una
letteratura e cultura italiana (Cantù 1865, X), Cantù dichiara esplicitamente la
continuità di questa storia letteraria con la sua precedente Storia della letteratura

3 «The process moved forward relatively slowly in the economically leading countries of England and
France, precisely because these countries had already robust self-images. Gustave Lanson’s first
great French literary history was published only in 1895, in the aftermath of France’s defeat by
Prussia in 1870-71. In Germany, Italy, some Scandinavian, and most East-Central European
cultures the institutionalization progressed faster because these societies wanted to further their
national identity: constructing a national literature was in these countries a major contribution to
the struggle for a national language, culture and political independence» (Cornis-Pope;
Neubauer 2004, 8).
4 Recentemente si è riproposto in studi e convegni il tema dell’identità nazionale italiana e in
particolare dell’apporto della letteratura alla creazione e alla definizione di tale identità. Per
quanto riguarda i volumi miscellanei, mi limiterò qui a citare Ascenzi; Melosi 2008; Tatti 1999;
Alfonzetti; Cantù et al. 2011; Fedi; Capecchi 2010. Fra le monografie da segnalare Bruni 2010 e
Banti 2011a; si pone in termini forti la questione del rapporto fra letteratura e identità nazionale
nel volume in cui Mariasilvia Tatti va alla ricerca delle coordinate letterarie del Risorgimento
(Tatti 2011a). Secondo Fabio Danelon, l’idea letteraria di «Italia», consolidatasi nell’opera dei
tre classici Foscolo, Leopardi, Manzoni, ha fortemente influenzato la costruizione del Regno
d’Italia sotto la dinastia sabauda: «La stessa idea di patria in Foscolo resta in fondo retorico-
poetica, su fondamenta pariniano-alfieriane, come denuncia l’Ortis stesso. È costantemente
collegata a immagini di una storia classica mitizzata, come nel Leopardi dei primi canti o nel
Manzoni giacobino, del Trionfo della libertà in particolare» (Danelon 2012, 183).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 27

latina. La sua storia letteraria inizia con un capitolo dedicato alle origini della lingua
italiana: «Anche nel maggior fondo del medioevo le scienze e le lettere non perirono in
Italia; anzi qui può dirsi conservato quanto sopravviveva della antica coltura» (Cantù
1865, 1). Tuttavia già Cantù va alla ricerca di una cesura che possa distinguere la
storia letteraria nazionale e afferma, riferendosi alla letteratura latina medievale «vi
mancava l’impronta caratteristica che deriva da uno sviluppo spontaneo, e che discerne
i lavori d’una nazione da quelli d’un’altra» (Cantù 1865, 2). A differenza di Cantù, De
Sanctis compone un quadro unitario dalle analisi critiche e dalle singole informazioni
storico-letterarie, con un disegno narrativo in cui gli elementi filologici e letterari sono
ricondotti alla formazione etica e morale di una comunità nazionale. È un processo che
De Sanctis fa partire dalla letteratura in volgare siciliano del Duecento, per arrivare
alla letteratura romantica contemporanea:
Il dialetto siciliano era già sopra agli altri, come confessa Dante. E in Sicilia troviamo
appunto un volgare cantato e scritto, che non è più dialetto siciliano, e non è ancora lingua
italiana, ma è già, malgrado gli elementi locali, un parlare comune a tutt’i rimatori italiani, e
che tende più e più a scostarsi dal particolare del dialetto, e diventare il linguaggio delle
persone civili.
La Sicilia avea avuto già due grandi epoche di coltura, l’araba e la normanna. Il mondo
fantastico e voluttuoso orientale vi era penetrato con gli arabi, e il mondo cavalleresco
germanico vi era penetrato co’ Normanni, che ebbero parte così splendida nelle crociate.
(De Sanctis 1871-72, I, 6)
Con la sua opera De Sanctis definisce il processo di costruzione dell’identità nazionale
italiana per via letteraria. L’idea storico-letteraria dello sviluppo unitario della
letteratura nazionale, nel caso dell’Italia, è stata sovrapposta a una storia plurisecolare
di divisioni interne, di conflitti e di forti identità locali. È questo il nucleo centrale del
discorso narrativo che trova espressione nella Storia della letteratura italiana di De
Sanctis, che Quondam giudica «il più grande ʿromanzo storicoʾ di quella stagione,
perché attraverso la letteratura sa narrare splendidamente l’epopea di tutto un popolo
alla conquista della propria identità: proiettata nel futuro» (Quondam 2005, IX).
La concezione di un’identità nazionale italiana spiccata e unitaria attraversa, come
vedremo, tutto il Risorgimento, e affonda le sue radici nella filosofia di Giambattista
Vico (1668-1744), e in particolare nei suoi Principi di una Scienza Nuova intorno alla
natura delle nazioni, la cui ultima versione risale al 1744, un testo che ricorre come
lettura di riferimento negli scrittori che analizzeremo:
Però qui si dànno gli schiariti princìpi come delle lingue così delle lettere, dintorno alle
quali ha finora la filologia disperato [...]. L’infelice cagione di tal effetto si osserverà ch’i
filologi han creduto nelle nazioni esser nate prima le lingue, dappoi le lettere; quando
(com’abbiamo qui leggiermente accennato e pienamente si pruoverà in questi libri)
nacquero esse gemelle e camminarono del pari [...], le lettere come le lingue. (Vico, Scienza
Nuova 270)
I principi di Vico avranno una fortuna particolare nell’Ottocento e verranno
considerati dai protagonisti del Risorgimento italiano il fondamento della cultura
nazionale 5; essi sono in consonanza con l’idea europea di nazione, basata

5 A proposito dell’acquisizione di Vico nel pantheon dell’identità storico-culturale italiana, vorremmo


qui citare De Sanctis che ne parla in questi termini nella sua Storia della letteratura italiana:
28 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

sull’identificazione dei popoli come singoli soggetti, individuati da lingua e cultura,


che trova riscontro nei filosofi del Romanticismo tedesco, da Fichte a Hegel a von
Humboldt (Putzu 2012, 17).
Nel dibattito seguito all’unificazione nazionale una concezione idealistica di storia
letteraria nazionale viene promossa da Carducci e ripresa organicamente da Benedetto
Croce (1866-1952). Secondo il filosofo italiano, l’arte e la letteratura come somma di
momenti lirici, in cui entra in campo il principio dell’intuizione, sfuggono a una
codifica che ne analizzi lo sviluppo diacronico, fino alla separazione di «poesia» e
«letteratura», comprendendo nella prima la manifestazione estetica pura, scissa dalle
vicende storiche e sociali, e nella seconda le tecniche espressive e l’aspetto
istituzionale della letteratura e dell’arte 6. Premessa filologica del sistema crociano era
stato il metodo carducciano, che alla storia letteraria aveva sostituito l’analisi
monografica del singolo autore o del singolo testo. A proposito della storia letteraria
italiana, Carducci nei discorsi Dello svolgimento della letteratura nazionale ci offre
una serie di immagini forti e suggestive, con cui mette a fuoco in quadri successivi le
varie epoche letterarie, dal Medioevo fino alla fine del Rinascimento, che dal suo
punto di vista rappresenta la fine della grande letteratura italiana e il passaggio del
testimone dall’Italia agli altri paesi europei per quanto riguarda la guida culturale
dell’Occidente:
Spettacolo che altri potrà dir vergognoso e che a me apparisce pieno di sacra pietà, cotesto
di un popolo di filosofi di poeti di artisti, che in mezzo ai soldati stranieri d’ogni parte
irrompenti séguita accorato e sincero l’opera sua di civiltà. Crosciano sotto le artiglierie di
tutte le genti le mura che pur videro tante fughe di barbari: guizza la fiamma intorno ai
monumenti dell’antichità, e son messe a ruba le case paterne: la solitudine delle guaste
campagne è piena di cadaveri: e pure le tele e le pareti non risero mai di più allegri colori,
non mai lo scalpello disascose dal marmo più terribili fantasie e forme più pure, non mai piú
allegre selve di colonne sorsero a proteggere ozii e sollazzi e pensamenti che oramai
venivano meno; e il canto de’ poeti supera il triste squillo delle trombe straniere, e i torchi di
Venezia di Firenze di Roma stridono all’opera d’illuminare il mondo. (Carducci, Letteratura
nazionale 160-161)

«Era la resistenza della coltura italiana, che non si lasciava assorbire, e stava chiusa nel suo
passato, ma resistenza del genio, che cercando nel passato trovava il mondo moderno. Era il
retrivo che guardando indietro e andando per la sua via, si trova da ultimo in prima fila, innanzi
a tutti quelli che lo precedevano. Questa era la resistenza di Vico. Era un moderno, e si sentiva e
si credeva antico, e resistendo allo spirito nuovo, riceveva quello entro di sè.» (De Sanctis 1871,
II, 68)
6 La distinzione viene codificata nel volume di Croce sulla «poesia», risalente al 1936, non a caso
dedicato alla memoria di De Sanctis e Carducci, che inizia con le parole: «Nella coscienza
estetica odierna si è venuta incidendo sempre più profonda la differenza tra ‛poesia’ e
‛letteratura’» (Croce 1966, 5). La distinzione fra «poesia» e «letteratura» era stata applicata nel
libro dedicato alla letteratura barocca (Croce 1929), in seguito in parte superata con la formula
«poesia letteraria» in una nota del 1950 pubblicata nei Quaderni della critica: «La distinzione di
una poesia maggiore e di un’altra minore, di una superiore e di un’altra inferiore, urta nel
dilemma: - O è poesia o non è; la misura non si presta a misure ed è pari solo a se stessa: - [...].
Quest’altra cosa, che superficialmente guardando viene confusa e scambiata con lei, è stata
variamente denominata, ora ʿpoesia piacevoleʾ, ora ʿdilettantescaʾ, ora ʿumanisticaʾ, ora ʿpoesia
sulla poesiaʾ [...]. Meglio adatto è dunque dirla ʿpoesia letterariaʾ, perché nella letteratura essa
veramente rientra [...]» (Croce 1950, 91).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 29

Lo storicismo desanctisiano e l’idealismo carducciano hanno generato lo stereotipo di


una letteratura italiana storicamente lineare e fortemente unitaria e compatta, una
successione di autori e di opere ricondotte in uno sviluppo coerente, fatto di tappe
consecutive, quello che Carducci definisce «fluire maestoso di questo fiume divino»
(Carducci, Letteratura nazionale 57).

2.3. Dalla storia alla geografia letteraria


Tutto ciò ha fatto perdere di vista gli aspetti plurali dell’identità letteraria italiana,
legati alla geografia culturale della Penisola, alla storia di una rete policentrica, con
forti peculiarità locali e parzialmente non comunicanti. Recentemente il dibattito su
questo tema del pluralismo identitario italiano è stato ravvivato dall’attenzione agli
aspetti peculiari dell’identità nazionale italiana, alla ricerca di ciò che consente di
guardare alle differenze regionali e socio-culturali con un colpo d’occhio unitario, ma
senza annullarle 7. La messa a fuoco della presenza di elementi centrifughi che rendono
problematica una visione coerente e unitaria dell’identità italiana porta la riflessione a
esiti molto fecondi. Lo storico Walter Barberis, in un suo recente saggio, individua il
«Bisogno di patria» degli italiani, percepito come deficit identitario dagli osservatori
stranieri come dagli italiani stessi nel corso della storia, fino all’epoca contemporanea.
Ebbene, secondo Barberis, questo vulnus, se considerato consapevolmente come
carattere peculiare può aprire una prospettiva di arricchimento culturale,
controbattendo l’analisi sconfortata della situazione italiana degli anni Venti
dell’Ottocento, così afferma lo studioso:
Che l’Italia non avesse Stato e spirito pubblico, che vivesse di superstizione e di
individualismo, era un dato inconfutabile; che quello la distinguesse da altre situazioni e la
penalizzasse, che la caduta da momenti alti di civiltà la facesse oggetto di sguardi curiosi
come una società primitiva era nel senso comune. E ardua sarebbe stata negli anni a venire
la risalita; forse a tutt’oggi incompiuta. Tuttavia, una delle risorse della società italiana era
stata e sarebbe rimasta proprio nell’altra faccia di quella stessa medaglia: nella composita
associazione di culture regionali, nello scambio e nell’integrazione fra centri e periferie
molteplici e differenti, nel contagio proficuo fra un mezzogiorno orientaleggiante e africano
e un settentrione variamente proteso verso il centro e il nord dell’Europa. (Barberis 2004,
125)
Questa dialettica fra continuità e discontinuità e il rapporto con l’eredità classica sono
stati variamente interpretati dagli studiosi intervenuti nel dibattito. Amedeo Quondam
mette in evidenza l’«anomalia» della ricerca di un’originaria identità italiana nella
romanità classica, in quanto non si hanno origini italiche con peculiarità preromane o
antiromane, né la classicità latina può essere considerata prerogativa italiana, anche se
in tal senso si sono mossi i vari nazionalismi nostrani, e in qualche misura anche il
Risorgimento stesso (Quondam 2008, 6). A conclusioni diverse arriva Francesco
Bruni, che ricerca la genesi dell’idea di «Italia» partendo dalla costruzione culturale
legata al principato di Augusto (Bruni 2010). In un precedente contributo, Quondam
individuava all’interno del concetto di identità italiana il gioco dialettico di una serie di

7 Potremmo citare i volumi collettivi Tatti 1999 e Carpentieri; Pagliardini; Tasser; Zybatow 2010.
30 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

miti e di anti-miti, da quello di un’alterità originaria perduta, appunto quella romana,


alla «primavera italica dell’età delle libertà comunali» (Quondam 2005, VIII), cui si
contrappongono i secoli della decadenza, della soggezione agli spagnoli, e le tenebre
della Controriforma e dell’influsso negativo derivante dalla presenza del Papato. Su
questa prospettiva di decostruzione della linea narrativa, diacronica e unitaria, della
letteratura italiana, si pone Remo Ceserani, che individua nel testo di De Sanctis i nodi
irrisolti e la rimozione di tutte quelle pluralità e aperture presenti nella storia letteraria
e culturale italiana:
Vediamo anzitutto la storia culturale e letteraria italiana sotto l’aspetto della geografia. Da
questo punto di vista, quello che ci consegnano i tradizionali manuali di storia letteraria è un
tentativo continuo e disperato di ridurre a unità una molteplicità che è spesso, addirittura,
particolarismo, frammentarietà, separatezza fra realtà geopolitiche e culturali fortemente
differenziate. […] Quel che si perde, in questi casi, è il grande numero di situazioni
particolari e locali che caratterizza la realtà sociale e culturale italiana, la quantità di
frontiere interne. (Ceserani 1990, 65)
Si tratta di una lettura al plurale della storia letteraria italiana che trae origine dal
saggio fondamentale di Carlo Dionisotti, che nel 1967 aveva introdotto il concetto di
«geografia e storia della letteratura italiana» (Dionisotti 1967), per indicare come sia
stato riduttivo leggere l’identità italiana in termini troppo unitari. Lo studioso separa
esplicitamente quella che era stata una costruzione concettuale, nata per conferire una
convalida storico-letteraria alla realizzazione dello Stato nazionale italiano, dall’analisi
dei fenomeni letterari e culturali italiani, prodotto in un sistema policentrico fin
dall’inizio della storia letteraria italiana 8. L’impostazione di Dionisotti è stata ripresa
negli anni Ottanta del secolo scorso con la Letteratura italiana diretta da Alberto Asor
Rosa 9.
Nel nostro lavoro prenderemo in considerazioni queste letture pluralistiche della
storia letteraria italiana per individuare il ruolo specifico della letteratura nella
costruzione dell’identità italiana nell’Ottocento. Lo storico della cultura Alberto Maria
Banti, studiando i paradigmi concettuali alla base del Risorgimento, ha codificato
alcuni «simboli figurali» o «persistenze di lungo periodo» associati al concetto di
«nazione italiana», che permangono fino al fascismo e oltre: «famiglia», «comunità

8 Il saggio di Dionisotti parte dalla storia letteraria di De Sanctis e ne misura sul campo il valore
ripercorrendo, con attenzione alla geografia letteraria, le vicende e gli autori principali, per
arrivare all’affermazione: «A questo punto può essere provvisoriamente conclusa una sommaria
revisione del processo unitario che di una letteratura toscana ha fatto una letteratura
linguisticamente e geograficamente italiana. La durata e la complessità del processo
testimoniano per sé della sua importanza storica. Si può discutere se quel che in una letteratura
piú importa, l’offerta che essa reca di umana poesia, soffra o no distinzioni e definizioni di
spazio e di tempo. Ma discutibile non sembra il principio che, ove a tali distinzioni e definizioni
per qualunque motivo si ricorra, esse debbano farsi avendo riguardo alla geografia e alla storia,
alle condizioni che nello spazio e nel tempo stringono ed esaltano la vita degli uomini»
(Dionisotti 1967, 45).
9 Lo studioso, che ha concepito la Letteratura italiana da lui diretta in termini anti-narrativi, illustra
questa impostazione in uno dei saggi iniziali (Asor Rosa 1986, 90-102).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 31

sessuata», «martirio-sacrificio religioso» 10. I concetti elaborati da Banti per descrivere


la mitogenesi del Risorgimento italiano si orientano verso una direzione monoculturale
di identità nazionale, in quanto essi costituiscono i macro-riferimenti culturali che
hanno orientato le direttrici principali della storia politica e sociale dell’Italia unita, pur
con momenti di discontinuità, fino all’epoca contemporanea. Nel nostro lavoro ci
proponiamo di ritagliare e approfondire il ruolo della letteratura nella genesi di tali
miti identitari, mostrando che, se andiamo alle origini della costruzione identitaria
italiana operata dal Risorgimento, possiamo reperire le tracce di una diversa
costruzione d’identità, orientata al plurale, che non presenta i caratteri monoculturali
ed esclusivi che Banti ha acutamente individuato e descritto negli sviluppi successivi.

2.4. Una griglia di coordinate per le mappe letterarie del


Risorgimento
La domanda di fondo che ci poniamo è in che misura la costruzione identitaria che è
stata alla base del Risorgimento ha potuto conciliarsi con la presenza di componenti di
multiculturalità. La questione presenta risposte molteplici e particolarmente proficue
nel dibattito contemporaneo, in quanto il multiculturalismo è diventato una chiave di
lettura indispensabile del contesto identitario attuale 11. La verifica dell’applicabilità di
questo tipo di categoria alla formazione culturale che ha accompagnato la
realizzazione del Risorgimento ci pare fondamentale per la comprensione del ruolo
della letteratura nella costruzione unitaria dell’identità italiana, all’interno dell’Europa
ottocentesca. Al fine di verificare questo schema interpretativo, applicheremo alla
figura e all’opera di ogni autore una griglia di analisi formata da quattro assi: anatomia
della definizione d’identità italiana, funzione della letteratura nella costruzione
identitaria, rapporto fra identità unitaria e articolazioni culturali locali, apertura delle
frontiere identitarie verso il contesto europeo.

2.4.1. La definizione di identità


Il primo parametro della nostra analisi consiste nella definizione dell’identità italiana
secondo gli autori presi in esame. Il nostro corpus comprende l’opera di Foscolo e
Cuoco, due scrittori e intellettuali che hanno preso parte attivamente, pur con posizioni
differenti, alla costruzione «italiana» sostenuta e protetta dalle armi napoleoniche.

10 Si fa riferimento a Banti 2004, ma anche a certi aspetti particolari già presentati in Banti 2000.
Infine in Banti 2011b si offre una sintesi dello schema concettuale elaborato nei saggi
precedenti.
11 Nel saggio introduttivo a un volume dedicato nel 1994 al «multiculturalismo» così scrive David
Theo Goldberg: «Multiculturalism and commitments to cultural diversity emerged out of this
conflictual history of resistance, accommodation, integration, and transformation. Accordingly,
no sooner had multicultural demands and aspirations begun to be articulated than they were
imparted multiple and conflicting interpretations, meanings, and implication. Broadly
conceived, multiculturalism is critical of and resistant to the necessarily reductive imperatives of
monocultural assimilation» (Goldberg 1994a, 7).
32 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

Intendiamo così risalire alle origini della creazione e definizione dei miti
risorgimentali, agli anni degli esperimenti «italiani» nell’ambito dell’Europa
napoleonica 12. Per la prima volta, gli intellettuali si sono trovati a dover conferire un
significato culturale e letterario a soggetti istituzionali e politici concreti che si
definivano, almeno in parte, come «italiani». Con la realizzazione di una Repubblica e
poi di un Regno d’Italia, pur non comprendente tutta la Penisola, alle proiezioni ed
elaborazioni concettuali degli intellettuali corrispondeva un soggetto politico e
istituzionale, alla cui realizzazione gli intellettuali erano chiamati a collaborare. Dopo
aver analizzato che contenuto aveva l’idea di «Italia» per questi due autori passeremo
in rassegna l’opera di uno scrittore e una scrittrice attivi nel periodo che va dalla
Restaurazione alle varie tappe dell’unificazione politica italiana: Mazzini e Trivulzio.
Il primo è stato soprattutto studiato come ispiratore politico e ideologico del
Risorgimento e come organizzatore di cospirazioni e moti rivoluzionari, ma accanto a
ciò è centrale l’interesse da lui manifestato per la letteratura e in particolare per il
rapporto fra letteratura, costruzione nazionale ed Europa. Trivulzio, su posizioni
ideologiche differenti e più moderate, ha avuto un ruolo rilevante di sostenitrice e
animatrice del Risorgimento, e al tempo stesso è stata attiva su più fronti della
scrittura, come scrittrice e giornalista, oltre che direttrice e finanziatrice di giornali.
Tuttavia la sua opera e la sua attività sono state oggetto di studi specifici oppure
orientati nel campo della letteratura e della storia femminile. Sarebbe invece
importante a nostro avviso analizzarla all’interno del dibattito letterario a lei
contemporaneo e valutarne a pieno il rilievo letterario e culturale.
Nei loro scritti potremo seguire l’evoluzione della concezione di identità italiana
nel corso delle varie fasi del Risorgimento, prima fra fasi alterne di successi e
insuccessi, quindi con la realizzazione dell’unificazione italiana. Analizzando l’opera
di Belli, si cercherà la conferma o la smentita dello stesso paradigma, e cioè in che
misura anche il poeta romanesco, in italiano ma soprattutto in dialetto, elabori una
qualche forma d’identità italiana.

2.4.2. Il ruolo della letteratura


Il secondo parametro della nostra griglia di analisi s’incentra sul ruolo attribuito alla
letteratura come catalizzatore nella costruzione di un’identità nazionale. Il binomio
«letteratura» e «identità nazionale» è stato oggetto alla fine degli anni Novanta di un
ciclo di lezioni di Ezio Raimondi, poi raccolte in volume (Raimondi 1998), in cui la
riflessione sulla costruzione del canone letterario nazionale parte significativamente da
De Sanctis e si chiude (meglio sarebbe dire si apre) nel capitolo finale con la raccolta
di saggi Letteratura e vita nazionale di Antonio Gramsci, passando per Benedetto
Croce. L’idea di fondo è che sia stata costruita una letteratura nazionale, rivelatasi non

12 Mauro Pala osserva: «Anche l’idea di democrazia fece la sua comparsa nel mondo occidentale in
una forma nazionale, ma, nonostante l’iniziale corrispondenza fra l’idea di nazione e quella di
assetto democratico – proclamata nell’apologia dell’egalité –, allorché un altro dei fondamenti
della nazione, la sovranità, venne riaffermata per enfatizzare il potere di un popolo, ovvero di
un’etnia, l’originale equivalenza fra democrazia e nazione si dissolse» (Pala 2012, 59).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 33

aderente al referente sociale e culturale cui fa riferimento il canone letterario.


L’Ottocento è stato il secolo della canonizzazione della letteratura nazionale: nel
nostro lavoro vedremo come si pongono gli autori esaminati di fronte alla
configurazione di un canone nazionale, a che criteri rispondono le scelte relative al
canone, che funzione nazionale hanno dato alla letteratura da essi prodotta 13.
L’operazione di costruzione di un canone nazionale ufficiale ha avuto come reazione,
nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, la nascita di un movimento che contro quel
canone si poneva e si proponeva la costruzione di un «anti-canone»: la Scapigliatura.
Questo elemento di assoluta novità del movimento milanese di fine Ottocento è stato
evidenziato per la prima volta da Sabine Schrader, che mostra come gli scapigliati non
si pongono contro i classici dell’Ottocento per questioni inerenti alle caratteristiche
letterarie interne dei testi, bensì il loro obiettivo è proprio denunciare l’artificiosità di
un canone letterario ufficiale costruito come unitario e forzatamente coerente, e
sostenere che tale canone deve essere al contrario modernizzato ed europeizzato 14.
Tutti e cinque gli autori da noi analizzati hanno espresso, teoricamente o
direttamente nella propria produzione letteraria, un’idea specifica del binomio
«letteratura» e «identità nazionale». Nel corso del Risorgimento, un elemento costante
è stato il giudizio negativo sulla letteratura non dotata di una funzione etico-
pedagogica, non portatrice di valori civici, in altri termini la letteratura espressa nelle
epoche storiche di maggiore asservimento della società italiana alla dominazione
straniera o al controllo ecclesiastico, dalla fine del Cinquecento all’inizio del
Settecento 15. Misureremo il fenomeno della costruzione di un canone letterario

13 Mauro Pala, nello studio appena citato, ricorre al concetto bachtiniano di «cronotopo» per definire i
rapporti concettuali fra storia della letteratura e costruzione dell’identità nazionale: «La scelta
del cronotopo per designare la relazione variabile al cui interno si manifestano non una, ma idee
plurime di nazione è legata alla versatilità dell’ipotesi epistemologica bachtiniana. Senza
privilegiare né gli indicatori cronologici, né quelli spaziali, il cronotopo è esclusivamente il sito
di un’intersezione: l’assenza di una natura sostanziale è la sua forza, poiché l’accoppiata
inscindibile di spazio e tempo condensa così la dimensione empirica del Mitwelt attraverso una
serie di immagini emblema di ʿmomenti di vita così essenziali e grandiʾ da rasentare
l’ineffabile» (Pala 2012, 54).
14 «Umso überraschender ist die Hartnäckigkeit der Negativkanonisierung der Scapigliati. In der Tat
stellen diese bis heute eine negative Folie für die italienische Kanonbildung dar, d. h. sie dienen
der Begründung des nationalen Kanons ex negativo. [...] Dank der vielen intertextuellen und
intermedialen Bezüge auf die europäische Literatur und Malerei, die ein herausragendes
Kennzeichen ihrer Poetik sind, tragen die Scapigliati maßgeblich zur Europäisierung und damit
auch zur Modernisierung der italienischen Kultur bei. Besonders ihre produktive Rezeption der
französischen Kultur verhält sich dabei diametral entgegengesetzt zum hegemonialen nationalen
Kulturbegriff seit der Einigung» (Schrader 2013, 9).
15 Andrea Battistini mette in evidenza come, a partire dal Settecento, si costruisca un canone
nazionale italiano che esclude la letteratura considerata accademica e chiusa in sé stessa, mossa
solo da una preoccupazione retorica interna, e si legano queste caratteristiche alla situazione
storico-politica dell’Italia, parzialmente dipendente da una o più potenze straniere, un
pregiudizio sulle manifestazioni più formali della letteratura che sarà radicato fino alla storia
letteraria di Francesco De Sanctis (Battistini 2011, 33-34); Mauro Pala nel suo studio sulla
strutturazione concettuale del nodo letteratura-identità nazionale osserva: «In questa verifica
degli ideali cui la nazione dovrebbe ispirarsi, la letteratura si pone nel solco di una funzione
pedagogica che compete precisamente alla nazione: in altre parole, la letteratura illumina l’idea
34 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

«civico» e nazionale negli autori esaminati, osservando anche le eventuali diffrazioni


da questo sistema in un poeta come Belli, da noi assunto nel corpus, almeno in parte,
come controcanto rispetto alle tendenze più generalizzate nel Risorgimento. Sullo
sfondo delle istanze di rinnovamento, non solo letterario, presenti nel Romanticismo,
la nostra analisi mostrerà anche l’impossibilità di innalzare una frontiera netta fra
classici e romantici, in quanto il riferimento ideale alla classicità latina e greca si
ritrova nei nostri autori anche in relazione alle idee politiche e culturali più innovatrici:
da questo punto di vista lo scritto più emblematico è il Carme dei Sepolcri di Foscolo.
Un oggetto della canonizzazione letteraria e patriottica risorgimentale è costituito dal
mito di Dante poeta nazionale italiano. Peter Herde, partendo dalla ricostruzione dello
scontro medievale fra Guelfi e Ghibellini, individua nel Neoguelfismo non solo un
partito nel dibattito politico Risorgimentale, bensì una sorta di categoria di lunga
durata della cultura italiana, fortemente innervata nel dibattito politico fino all’inizio
del Novecento (Herde 1997). Diversa la prospettiva del recente studio di Thies
Schulze, che ricostruisce come nel Risorgimento si sia costruito, a livello letterario,
culturale e infine politico, un vero e proprio mito di Dante patriota italiano, una
costruzione in cui Foscolo e Mazzini hanno giocato un ruolo centrale. Schulze mostra
come Dante sia stato letto e reinterpretato come profeta dello Stato nazionale italiano:
il politico medievale ha sofferto la condanna e l’esilio per gli stessi mali contro cui
combattono i protagonisti del Risorgimento, le discordie interne e gli eserciti stranieri
presenti in Italia; il poeta ha dato all’Italia il poema epico nazionale e la lingua 16.
Mazzini, se da un lato investe tanto nell’azione o meglio nell’orientamento politico
dell’azione rivoluzionaria, dall’altro si occupa direttamente di critica e teoria letteraria
e vede nella letteratura, come anche nella pittura e nella musica, un sussidio
imprescindibile per la costruzione della nazione italiana (Mastellone 2000, 133-140).
È necessario a questo punto precisare quali sono i rapporti fra il canone letterario
ottocentesco e gli autori del corpus da noi analizzato. Si tratta di autori che, a parte
Mazzini e Belli, si sono dedicati sia alla produzione letteraria in senso stretto, in prosa
o in versi, sia alla pubblicistica o alla trattatistica. Che le frontiere di genere letterario
fra il giornalismo e la letteratura sono estremamente permeabili è stato affermato con
dovizia di argomenti da Alberto Asor Rosa (Asor Rosa 1999, 189-90), ma nel nostro
lavoro la scelta intende recuperare un valore aggiunto nell’uso di tipologie testuali non
strettamente letterarie 17. Nella ricerca dello specifico rapporto fra letteratura e

– o le idee – di nazione che possono evidenziarsi soltanto attraverso un complesso, spesso


contraddittorio, dispiegarsi cronologico» (Pala 2012, 50).
16 Thies Schulze analizza la progressiva fama di Dante come poeta nazionale italiano a partire
dall’epoca napoleonica, fino al compimento dell’unificazione italiana: «An den Kriegen für die
italienische Einheit hatten sich viele Schriftsteller beteiligt. Das Hauptwerk Dantes war als
ʿBibelʾ der italienischen Nation eine bevorzugte Lektüre der kämpfenden Literaten: So soll
Ippolito Nievo, der sich als Autor diverser patriotischer Schriften Garibaldis Zug der Tausend
angeschlossen hatte, stets eine kleine Ausgabe der Divina Commedia mit sich geführt haben»
(Schulze 2005, 90).
17 A proposito dell’importanza del giornalismo nel dibattito culturale e letterario dopo la metà del
Settecento, Giuseppe Ricuperati afferma: «L’aumento di istruzione secondaria e professionale
fa supporre un salto di qualità rispetto al secolo precedente. È un pubblico che vive la lettura
non solo come una scelta solitaria, ma anche organizzata in una fitta rete di accademie
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 35

costruzione di un patrimonio identitario nazionale, la vicenda biografica stessa e


l’attività pubblicistica di autori come Foscolo, Cuoco e Trivulzio hanno giocato un
ruolo non trascurabile. Nel caso di Mazzini, la focalizzazione continua del discorso
politico sulla tradizione letteraria e culturale, oltre alla produzione saggistica che ha
per oggetto la critica letteraria, rendono assai pertinenti alla nostra analisi i suoi testi,
siano essi proclami politici, saggi letterari, articoli giornalistici o saggi storico-
culturali. Inoltre il misticismo laico presente nella sua comunicazione politica rende
molte delle sue pagine vicine al genere letterario classico dell’oratoria. Nel caso di
Belli, si è scelto di indagare in primo luogo la produzione poetica inedita in dialetto e
quella pubblicata in lingua italiana, con l’uso delle altre prose non destinate alla
pubblicazione con valore documentario o per l’approfondimento di temi solo accennati
nei testi poetici. Nell’opera di Belli, di cui il libro incompiuto e inedito dei Sonetti
romaneschi costituisce l’apice dell’elaborazione poetica e concettuale, porta alla luce
certe contraddizioni interne del processo di unificazione nazionale che è importante
analizzare per evitare di dare un’immagine troppo idealizzata del Risorgimento come
operazione culturale. I testi di Belli ci mostrano quindi ambiguità e contraddizioni
nell’appartenenza al canone letterario italiano.

2.4.3. Il rapporto con le identità locali


Il terzo parametro del nostro schema di analisi è il rapporto fra identità nazionale e
particolarità locali, potremmo dire, in metafora, fra centralismo e federalismo
culturale. Già alla fine degli anni Settanta, Alfredo Stussi dedicava un volume
miscellaneo al rapporto fra la letteratura e le culture regionali in Italia, con una serie di
fotografie della storia letteraria italiana al plurale, dalla Toscana del Duecento al
Piemonte dell’Ottocento. Stussi richiama come precedente illustre della propria
iniziativa Croce che aveva promosso, fra il 1909 e il 1926, la pubblicazione sulla
rivista «La Critica» di saggi dedicati alle culture regionali contemporanee 18.
A proposito dell’affermazione dell’idea di patria italiana e delle riflessioni sul
rapporto fra unità d’Italia e federalismo, inteso in senso istituzionale e in senso
culturale e geografico, sarà interessante ricordare l’elaborazione concettuale in
proposito, non solo nelle opere di Vincenzo Cuoco, ma anche in altri protagonisti del
Triennio giacobino, come Carlo Botta (1766-1837), Matteo Angelo Galdi (1765-
1821), o Melchiorre Gioia (1767-1829). Il dibattito aveva ricevuto un impulso
particolare dal concorso indetto, dall’Amministrazione della Repubblica Cisalpina nel

provinciali, in società di ʿcivil conversazioneʾ, con diversa specializzazione cetuale, dal salotto,
al club, al caffé, alla bettola; che magari forgia il suo linguaggio politico nelle logge, che
gestisce i teatri locali, che si prepara a moltiplicare i gabinetti di lettura, i quali esploderanno nel
secolo successivo. Di questo mondo fanno parte anche le donne, alcune delle quali superano la
scrittura privata e segreta e si fanno, come Elisabetta Caminer Tura e più tardi Eleonora Fonseca
Pimentel, giornaliste consapevoli emancipate e militanti» (Ricuperati 2003, 52-53).
18 Le indicazioni bibliografiche di questi saggi sono in Stussi 1979a, 1-2; gli autori dei contributi
vanno dallo stesso Croce, ad Alessandro Casati, a Giovanni Gentile e a Gioachino Brognoligo
(tutti gli articoli sono consultabili sul sito Internet http://bibliotecafilosofia.uniroma1.it/b-
croce/riv_croce.htm – 29.05.2013).
36 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

1796, per iniziativa dello stesso Napoleone, sul tema: Quale dei governi liberi meglio
convenga alla felicità d’Italia. Le proposte inviate al concorso si dividono fra i fautori
di uno Stato italiano unitario e i sostenitori di uno Stato federale, costituito da regioni,
da repubbliche o da regni: si trattava di una prima prova generale per tastare il polso
sul problema di unificare le tante differenze sociali, culturali e geografiche italiane, in
quanto il concorso non era limitato a chi faceva parte degli Stati già liberati dai
francesi, bensì aperto a tutti gli italiani (cfr. Formica 2011, 220-225).
Attraverso la letteratura, da un lato ci si fa carico di queste differenze e si cerca di
aprire la strada al superamento, dall’altro si registrano le reazioni e le resistenze delle
differenze e peculiarità locali 19. Si tratta di uno dei nodi cruciali nella costruzione di
una base identitaria comune, come osserva anche Mariasilvia Tatti:
Nella fase delle celebrazioni postunitarie e fino ad anni recenti, gli intrecci tra letteratura e
politica sono stati prevalentemente ricostruiti attraverso delle categorie omologanti, legate a
schemi interpretativi tradizionali – da De Sanctis a Carducci, a Croce – che erano utili
all’intento celebrativo della stagione risorgimentale, ma che vanno contestualizzati e che
risultano ora poco funzionali a comprendere pienamente il Risorgimento italiano e a
rispondere al tentativo, diffuso soprattutto negli ultimi anni, di negare il valore identitario e
nazionale della stagione risorgimentale.» (Tatti 2011a, 1)
Esiste una tensione che attraversa tutta la storia culturale e d’Italia, quella fra «patria»
e «nazione» non coincidenti. Il Risorgimento effettua una rilettura «patriottica» per
arrivare a una identificazione unitaria del contenuto da dare al concetto di nazione e
patria italiane 20.
La definizione identitaria si è confrontata con un’operazione di reductio ad unum
di specificità locali e regionali, che non era solo frammentazione politica in tanti Stati
diversi, ma anche pluralità di tradizioni, di culture, oltre che pluralità linguistica, fatta
eccezione per la lingua letteraria comune, appannaggio di una ristretta cerchia

19 Significative a questo proposito le parole che Roberto Antonelli premette alla nuova edizione della
Letteratura italiana del Risorgimento, del 2011, dove si interrroga sulla scelta di Contini di
costruire un canone incentrato su quattro autori «maggiori», Monti, Foscolo, Leopardi e
Manzoni, e sul significato di «letteratura del Risorgimento»: «Una letteratura che se pure
prodotta in molteplici Stati regionali, con interessi economico-politici e culturali autonomi e
spesso conflittuali, si costituì quale codice scritto sostanzialmente comune, o comunque
comprensibile, l’elemento di un minimo immaginario ‛italiano’ condiviso e di una possibile
comunicazione e riflessione solidale» (Antonelli 2011, 5). A proposito del rapporto fra culture
dialettali e lingua letteraria, Nicola De Blasi offre un punto di vista particolare, mostrando come
il patrimonio lessicale della lingua letteraria italiana si sia arricchito con molti termini ereditati
dai differenti dialetti italiani (De Blasi 2012).
20 A questo proposito Franca Sinopoli, mettendo in relazione patria ed esilio a proposito della
costruzione della nazione italiana, illustra il nesso particolare fra i due concetti di patria e
nazione: «La differenza fra ʿpatriaʾ e ʿnazioneʾ è stata individuata nell’essere quest’ultima una
comunità politica e allo stesso tempo una proiezione identitaria in senso forte, mentre alla
ʿpatriaʾ andrebbe riconosciuta, secondo gli storici, un’antecedenza non solo cronologica ma
logica, essendo essa un luogo fisico e un insieme di manufatti culturali (verbali e non) destinati
a produrre una sicurezza esistenziale, basata sul carattere dell’affinità tra i membri di una
comunità» (Sinopoli 2011, 378-79).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 37

d’intellettuali 21. Per sottolineare questo aspetto abbiamo inserito nel nostro corpus
anche un autore come Belli, che da un lato sperimenta una vita letteraria pubblica e
ufficiale, in parte anche artificiosa, pubblicando versi in lingua italiana, dall’altra
costruisce il suo «monumento» poetico in dialetto, prendendo come oggetto la
rappresentazione della comunità sociale e culturale che lui chiama «plebe di Roma»,
imitandone e riprendendone il linguaggio culturale e il dialetto.

2.4.4. Letteratura e identità europea


Il quarto parametro della nostra analisi mira a collocare la costruzione identitaria
nazionale in rapporto alla visione di un quadro europeo. Il periodo di origine del mito
risorgimentale coincide con l’epoca napoleonica in cui entrano in conflitto il
cosmopolitismo illuministico e le idee di nazione. Nel corso dei non lineari processi
politico-istituzionali, che si succedono fra la nascita delle repubbliche giacobine filo-
napoleoniche, a partire dal 1796, e l’annessione di Roma all’Italia, nel 1870, esistono
fattori di condizionamento politico che spingono verso una definizione identitaria netta
e univoca, basata sull’esclusione e sulla distinzione. La cultura ufficiale italiana ha
conferito alla definizione della storia letteraria italiana un profilo orientato su una
chiusura all’interno delle frontiere, con una sorta di autarchia culturale, in nome di una
presunta superiorità ed eccellenza autoreferenziale 22. Nel nostro lavoro si faranno
riemergere, nell’azione e nell’opera degli scrittori italiani analizzati, gli elementi di
una visione dell’identità nazionale definita nel quadro di una sovra-ordinata identità
europea 23. Un punto di riferimento importante è lo storico Friedrich Meinecke, con il
suo studio sul rapporto fra cosmopolitismo e stato nazionale, dove individua due
categorie di Stati-Nazione 24. La prima comprende quei soggetti che devono la propria

21 Claudio Gigante presenta la posizione di Massimo d’Azeglio, che prima dell’unificazione italiana
aveva molti dubbi sulla possibile integrazione in uno Stato di tutte le regioni italiane, in
particolare di quelle meridionali, e dopo la nascita del Regno d’Italia poneva al centro del
dibattito la necessità dell’integrazione, «far l’Italia» (Gigante 2012, 405-406).
22 Risultano ancora attualissime le parole di Carlo Dionisotti: «Fra Otto e Novecento, nella lunga e
inquieta pace, il sistema accademico italiano si applicò a difendere e promuovere la tradizione
nazionale, unico fondamento storico di un regime minoritario sovrapposto a una larga
maggioranza eterogenea» (Dionisotti 1988b, 62).
23 Non manca nel dibattito critico contemporaneo l’esigenza di recuperare questa dimensione
interculturale della letteratura italiana, focalizzando la dinamica del rapporto con la cultura
europea; nel 2003, per il Convegno Nazionale dell’Associazione degli Italianisti è stato scelto il
tema «Letteratura italiana, letterature europee» (Baldassarri; Tamiozzo 2004),
24 Per la ricezione del pensiero storicistico di Meinecke in Italia Fulvio Tessitore si sofferma
soprattutto sul rapporto con il nazionalsocialismo, che Meinecke analizza e interpreta
mettendolo in relazione con la storia tedesca nel suo insieme; riguardo alle categorie da noi
riprese, lo storico italiano scrive: «Problema dello Stato e problema dell’individuo
costituiscono, infatti, le dimensioni antropologiche dell’esperienza storica, di quell’esperienza
che forma oggetto specifico d’indagine d’una moderna storia delle idee politiche e sociali. In
tale direzione il discorso ʿpoliticoʾ sullo stato, inteso come uno dei momenti polari dell’alterità
su cui si fonda ʿl’organizzazioneʾ costitutiva della persona, si lega con il discorso metodologico
sulle possibilità storicistiche della storia delle idee» (Tessitore 1969, 7-8).
38 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

identità nazionale a un apparato politico-militare strutturato per un lungo arco


cronologico su un territorio ben definito («Staatnationen»), la seconda è riferita a
quegli Stati la cui identità nazionale si affida a fattori culturali e religiosi
(«Kulturnationen») 25.
Al fine di applicare alla nostra analisi questa categoria d’indagine, occorre
distinguere preliminarmente le idee di «cosmopolitismo» e di «Europa», nel sistema
concettuale dei nostri autori. Un concetto da introdurre a questo punto è quello di
confine, in quanto la definizione di un’identità nazionale italiana passa senz’altro per
quella di frontiera 26. Nel momento in cui la letteratura è chiamata ad arricchire ma
anche a strutturare culturalmente il patrimonio identitario di una comunità nazionale,
assumono un valore assoluto le frontiere, viste come termini di un processo binario di
esclusione/inclusione, con la cancellazione di ogni zona grigia. Nella dinamica fra
centro e periferia, la storia dell’Italia è stata caratterizzata dalla mancanza di un centro
unico, una presunta necessità culturale già indicata da Dante Alighieri nel De vulgari
eloquentia, che non ha trovato nessuna realizzazione successiva. In quest’ottica di
mancanza di una capitale che potesse anche costituire il centro attorno cui si aggrega la
vita culturale nazionale, subentra la logica dell’impero, secondo cui si guarda oltre le
frontiere e si cerca un punto di riferimento che sia il centro di un’aggregazione più
ampia 27.
Fra il Seicento e il Settecento la creazione della cosiddetta repubblica delle lettere,
erede dell’Umanesimo, ha costituito una sorta di comunità ideale in cui si sono
collocati gli scrittori e gli intellettuali in quanto tali, muovendosi al di fuori della

25 Meinecke 1915, 1-4; come esempi di Kulturnationen Meinecke dà proprio l’Italia e la Germania,
mentre Francia e Inghilterra sono da lui considerate come appartenenti a entrambe le categorie.
26 Monika Schmitz-Emans così descrive l’operazione culturale della costruzione di frontiera: «Gehe
es nun um kulturelle und soziale oder um symbolische Grenzen: Über Grenzen zu sprechen,
bedeutet über Prozesse der Kartierung des Unterscheidens und Subsumierens, der Festlegung
von genera proxima und spezifischen Differenzen zu sprechen – und damit nicht zuletzt über
die Konstitution von Umwelten, von ʿLebensweltenʾ. Innerhalb von deren Grenzen verortet
wird traditionellerweise das Eigene und Vertraute, außerhalb situiert wird demgegenüber das
Unvertraute, das als Fremdes wahrgenommen und entsprechend markiert wird» (Schmitz-
Emans 2006, 38).
27 Tale problematica ricerca di un centro come riferimento culturale della letteratura italiana persiste
nel Novecento, tanto che all’argomento dedica spazio il progetto di Storia letteraria del
Novecento diretto da Ezio Raimondi (Raimondi 2004). Nel capitolo dedicato al rapporto fra
tradizione letteraria e letteratura fra le due guerre, Roberto Fiorini si sofferma sul ruolo
ricoperto da Firenze, Trieste e Roma come centri di rispettivi moti che si proponevano di
strutturare un certo orientamento culturale, senza nessun esito esclusivo e decisivo (Fiorini
2004, 202-203); Gian Luigi Beccaria così scrive nell’Introduzione al volume da lui curato su
Letteratura e dialetto: «La nostra storia è frazionata in mille storie comunali e provinciali
dialetticamente attive e partecipi al dialogo con la cultura della nazione. Per secoli i nostri centri
regionali sono stati portatori di una mentalità culturalmente autonoma; se non egemone,
certamente avanzata, di avanguardia. [...] Ancora nel secondo Ottocento, a unificazione
avvenuta, un piemontese, un lombardo, un siciliano continuano a esperimentare la drammatica
scelta tra dialettale e libresco, tra naturale e culto, tra koinè e mediazione dialetto-lingua, tra
equilibrio puristico e mistilinguismo provocatorio» (Beccaria 1983, 2).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 39

logica della frontiera 28. Uno dei maestri di Foscolo è stato il padovano Melchiorre
Cesarotti, acceso sostenitore delle tendenze cosmopolitiche dell’Illuminismo e
sostenitore fervente del progetto napoleonico. Nel suo Saggio sopra la lingua italiana,
pubblicato per la prima volta nel 1785, non troviamo un principio di esclusione che
leghi lingua e identità nazionale, ma la più ampia apertura e inclusione culturale:
La scoperta d’un mondo incognito, il commercio e la comunicazione universale da un
popolo all’altro, la propagazione dei lumi per mezzo della stampa, le conoscenze
enciclopediche diffuse nella massa delle nazioni, che trapelano insensibilmente fino nel
popolo, i tanti capi d’opera di cui abbondano tutte le lingue piú celebri, e attraggono da ogni
parte gli sguardi, e attraggono da ogni parte gli sguardi, i pregiudizi d’una tolleranza
filosofica sostituiti in ogni genere a quelli del patriottismo, non solo hanno prodotta una
rivoluzione generale in tutti gli spiriti, ma insieme atterrarono tutte le barriere che
separavano anticamente una nazione dall’altra, e confusero in ciascheduna le tracce del loro
carattere originario. [...] l’Europa tutta nella sua parte intellettuale è ormai diventata una
gran famiglia, i di cui membri distinti hanno un patrimonio comune di ragionamento, e
fanno tra loro un commercio d’idee, di cui niuno ha la proprietà, tutti l’uso. (Cesarotti,
Saggio 171)
Il rapporto fra nazione e cosmopolitismo comprende alcuni fattori specifici della
definizione dell’identità italiana. Il primo è il riferimento ideale alla civiltà romana,
identificata come uno degli archetipi della cultura italiana da rivivere per andare a
costruire quel «risorgimento» tramite il quale si realizza l’identità nazionale italiana; il
mito della classicità presenta delle differenziazioni e in particolare Cuoco e Foscolo
guardano piuttosto alla cultura greca come archetipo italiano (Croce 1964, 1-2; 9-14).
Una delle caratteristiche della civiltà romana e della realizzazione concreta
dell’apparato geo-politico della Repubblica e poi dell’Impero romano, era stato il
cosmopolitismo, la capacità d’inglobare culture e lingue diverse e di uniformarne il
diritto e i rapporti pubblici (Dal Lago 2006, 52-54). Il riferimento identitario all’eredità
romana da parte degli scrittori italiani si spinge fino al Medioevo, con la costruzione
concettuale di Dante, incentrata sull’Impero romano (Bruni 2010) e anche con
Petrarca, che nella risposta polemica a un denigratore degli italiani e della loro cultura,
così si esprime: «sumus enim non greci, non barbari, sed itali et latini» (Petrarca, In
difesa dell’Italia 134). Si tratta di un riferimento costante alla civiltà romana, come
mito all’origine dell’idea stessa di «Italia», di cui si ritrovano, potremmo dire, le
«rovine» nei sonetti romaneschi di Belli 29.
Un’altra forma peculiare di universalismo cosmopolitico legato all’identità
italiana è il rapporto con la Roma papale e in generale con la Chiesa cattolica. Ricorre
nelle opere di Cuoco, Foscolo, Mazzini, Trivulzio il tema della dicotomia medievale
fra guelfi e ghibellini come irriducibile ostacolo alla formazione di una comunità

28 Gianfranco Folena ne sintetizza così il valore linguistico-culturale: «Leggendo le lettere del


Muratori poco più che ventenne, attraverso l’ultimo decennio del Seicento, si ha l’impressione
viva e concreta della ʿRepubblica letterariaʾ nuova: il giovane bibliotecario dell’Ambrosiana
domina dalla sua biblioteca un vasto orizzonte europeo. È in breve tempo al centro della cultura
più attiva del suo tempo. E anche quella sua lingua che è stata spesso giudicata lenta e scialba, è
pure cosa nuova e moderna [...]» (Folena 1983, 15).
29 Gli argomenti di Petrarca nell’epistola citata sono ripresi da Guido Baldassarri e messi in relazione
con l’idea del rapporto fra Italia e Roma in Dante e in Cola di Rienzo (Baldassarri 2012).
40 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

nazionale in Italia. Nella sua visione culturale Trivulzio cerca di conciliare la


modernità delle idee sociali e politiche con la propria fede e con la convinzione che la
religione cattolica costituisca un elemento identitario molto potente per l’Italia, mentre
Belli, mettendo in scena nei suoi sonetti la rappresentazione della decadenza estrema
del potere politico-religioso del papato, mostra la resistenza della cultura religiosa
popolare nei confronti dell’unificazione politica e della possibile caduta del governo
papale. Questo stretto legame fra costruzione d’identità nazionale e religione trova
applicazione anche nella metafora insita nel termine «Risorgimento», per cui Banti
rileva una sorta di «raddoppio semantico» in quanto fra il Settecento e l’Ottocento si
carica progressivamente di un significato politico e civile che va a sovrapporsi al
significato religioso, come sinonimo di «resurrezione» di Cristo (Banti 2011c, 33).
Gli esiti della Rivoluzione francese e l’Impero napoleonico da un lato, il
movimento romantico dall’altro, hanno introdotto nel dibattito politico, culturale e
letterario italiano il principio di nazione e il diritto all’indipendenza nazionale. Gli
intellettuali italiani interpretano la politica europea di Napoleone alla luce dei principi
enunciati da Giambattista Vico, che aveva sostenuto l’esistenza di una profonda
identità culturale europea 30. Gli scrittori che prendono parte all’esperienza napoleonica
vanno alla ricerca di un equilibrio tra questi due assi, quello europeo e quello
nazionale 31. Per Foscolo sono cadute le speranze cosmopolitiche che la rivoluzione
francese e in seguito le imprese napoleoniche avevano acceso e tentato di realizzare
(Foscolo, Origine e limiti della giustizia, 26-27). Secondo lui esisterebbero gli stessi
principi e le stesse norme giuridiche da attribuire a tutti i popoli e a tutte le nazioni
indistintamente, ma tale ideale non è realizzabile, quindi è necessario individuare
autorità e leggi nazionali.
Nella dinamica fra nazione e cosmopolitismo, Mazzini si muove in modo
originale: da un lato condanna e rifiuta il cosmopolitismo, dall’altro considera
inscindibile il nesso fra identità/libertà italiana e identità/libertà europea. Secondo lui
solo attraverso la riscoperta, il «risorgimento», delle nazioni, si può costruire

30 Nel suo saggio sulla storia della concezione dell’Europa unitaria, Dante Visconti illustra in questi
termini il pensiero europeista di Vico: «Vediamo così riaffermarsi nel pensiero vichiano l’idea
del primato europeo, primato civile che è strettamente unito e dipendente dal Cristianesimo
perché è opera di quest’ultimo. L’unità europea è però in lui affermata non solo come unità
religiosa, ma anche come unità giuridica e civile, cioè come unità spirituale di cui il
Cristianesimo è solo una parte: che ha radici più antiche e più profonde del Cristianesimo e di
cui affiorano i segni nelle odierne lingue europee che mostrano una comune origine dei primi
concetti fattori di civiltà e delle prime scienze da cui essi derivano» (Visconti 1948, 67-68).
31 Per la riedizione del concetto di «impero» in riferimento all’identità europea, così si esprime Pietro
Rossi: «Anche l’età moderna ha conosciuto in Europa formazioni imperiali, che hanno tenuto
insieme popoli etnicamente diversi e consapevoli della propria diversità [...]. La stessa autorità
dell’impero, risorta con l’incoronazione di Carlo Magno e mantenuta in vita dalla translatio
dell’autorità imperiale attraverso le successive dinastie di stirpe germanica, si è gradualmente
appannata di fronte alla sua crescente impotenza, cui faceva riscontro il potere ben più effettivo
dei sovrani nazionali. Essa ha avuto sì delle rinascite, ad esempio con Carlo V o con Napoleone,
ma non è sopravvissuta al fallimento dei loro progetti. Più che l’impero nel senso antico,
l’Europa ha conosciuto degli imperi d’oltremare, fondati sulla conquista di territori lontani nei
quali lo sfruttamento delle risorse locali si è asociato a qualche forma di dominio politico»
(Rossi 2007, 126).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 41

un’identità europea, tanto a livello culturale e letterario, quanto a livello politico-


sociale. Per questo negli scritti mazziniani s’identifica chiaramente uno spazio
identitario europeo cui si devono estendere gli ideali democratici del Risorgimento
italiano, una famiglia di popoli con governi nazionali e repubblicani.
Trivulzio è per formazione un’erede della tradizione illuministica lombarda, ma la
sua convinzione della necessità di possedere un’identità nazionale è molto ferma fin
dall’inizio della sua attività rivoluzionaria. Come pubblicista e saggista in esilio,
promuove in Europa la causa dell’autonomia e dell’indipendenza italiana, che a suo
avviso deve diventare una questione europea. Secondo Trivulzio l’opinione pubblica
costituisce ormai una scena di ampiezza europea, e quindi denuncia in tutte le sedi la
mancanza di libertà di stampa negli stati italiani rispetto al resto dell’Europa 32.
Negli scritti di Mazzini e Trivulzio si fa strada un’altra caratteristica dello spazio
europeo e cioè l’individuazione di un centro, che nel loro caso si identifica con la città
di Parigi 33. Mazzini, pur esule a Londra, fa riferimento sostanzialmente agli ambienti
parigini come centro di una nuova Europa democratica, per la memoria del passato
napoleonico, per la partecipazione attiva e diretta della Francia alla costruzione
nazionale italiana, per la presenza a Parigi di esuli italiani e di un vivace dibattito
politico democratico, legato alle vicende istituzionali francesi, dalla monarchia
orleanista, fino al secondo impero 34.
L’identificazione dello spazio europeo si precisa nell’opera di Trivulzio con
l’elemento della frontiera. Le culture orientali, in particolare quelle legate all’Impero
ottomano, diventano oggetto della sua memorialistica di viaggio e della sua narrativa
di materia orientale. In questi testi le coordinate orientali costituiscono un elemento
contrastivo di identificazione dello spazio europeo, la cui definizione si presenta
unitaria, in opposizione allo spazio extra-europeo, e non più suddivisa in ambiti
nazionali. Esule in Francia, Trivulzio individua nella capitale francese tutte le
caratteristiche del centro dello spazio europeo, che si rivelano anche nella scelta del
francese per dare la massima visibilità ai suoi scritti per la promozione della causa
nazionale italiana. Dopo la caduta della Repubblica romana, provocata proprio dal
corpo di spedizione francese intervenuto per la restaurazione del trono papale,
Trivulzio decide di partire esule in Oriente. Nel diario di quel viaggio, l’itinerario da

32 I suoi interventi avranno grande risonanza, ma la successiva cancellazione di Trivulzio dal canone
letterario del Risorgimento è esemplare per mostrare come la scrittura femminile sia stata
oggetto di riduzione rispetto alla realtà identitaria plurale in cui si erano formati gli stereotipi su
cui si reggeva l’azione concreta del Risorgimento (Rigotti 2006, 30-31).
33 Il concetto è stato sviluppato dal punto di vista architettonico e di storia del costume da Walter
Benjamin in una conferenza del 1939, pubblicata in Benjamin 1982; Novella Bellucci ha
ricostruito la rete di rapporti esistenti fra scrittori italiani e francesi durante la Restaurazione, in
Bellucci 2004.
34 Il discorso che costruisce lo spazio europeo nell’Ottocento è strettamente legato all’eurocentrismo,
nei termini descritti da Robert Stam ed Ella Shohat: «Eurocentrism is the discursive residue or
precipitate of colonialism, the process by which the European powers reached positions of
economic, military, political and cultural hegemony much of Asia, Africa, and the Americas»
(Stam; Shohat 1996, 297). La strutturazione culturale di Parigi come capitale al tempo stesso di
uno spazio nazionale e di uno transnazionale si trova in Mathis-Moser 2006, 99-101.
42 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

Malta alla Grecia a Istanbul si caratterizza uno spazio di frontiera, in cui vengono a
contatto elementi europei ed extraeuropei (Trivulzio, Ricordi nell'esilio).
L’idea di Europa si affaccia anche nella poesia di Belli, dove alla denuncia
spietata della fine dell’universalismo che aveva caratterizzato Roma imperiale e poi
Roma papale, si affianca l’esigenza ideale di uno spazio europeo moderno, di cui si
delineano, in modo sfumato, frontiere e confini.
Nei testi letterari che hanno accompagnato il processo di unificazione italiana, si
trova spesso un’idea di nazione non intesa come rafforzamento delle frontiere, ma
come costruzione di una rete letteraria e culturale, a livello europeo. In tale rete non si
va alla ricerca di uno spazio esclusivo da ritagliare, quanto piuttosto di un diritto di
cittadinanza identitaria all’interno della «famiglia» delle culture europee moderne. In
quest’ambito occorrerà distinguere la costruzione o la ricerca di una cultura europea
dalla componente del multiculturalismo. Si tratta di una tematica che assume un ruolo
centrale nell’interpretazione della società contemporanea e nella gestione dei conflitti
identitari che caratterizzano l’attuale società della migrazione. Il paradigma delle
«scontro di civiltà» può essere evocato nel momento in cui si considerano
problematiche la presenza di stranieri e la varietà centrifuga delle identità locali in
Italia. Al superamento di questo paradigma sono dedicate le analisi in chiave di
multiculturalismo delle società complesse moderne. Elementi di una lettura di questo
tipo potrebbero essere utili per capire come era percepita una possibile identità
europea, che, a differenza del cosmopolitismo, prevedeva che nell’ambito della cultura
europea fossero fortemente caratterizzate le identità nazionali 35.
Tuttavia nel corso del Risorgimento questo tipo di ideologie riduttive ed esclusive,
sono state controbilanciate dal forte riferimento alla cultura comune europea, e ad una
forma di comunità sovranazionale europea 36. Nei suoi scritti giornalistici e saggistici
risalenti all’esilio in Francia, Trivulzio risponde spesso alle accuse di rappresentare
un’identità nazionale non ancora formatasi o appartenente allo spazio dell’esotico,
piuttosto che allo spazio inclusivo europeo 37.

35 Andrea Semprini, a proposito delle problematiche della strutturazione di uno spazio pubblico
multiculturale afferma: «Uno stereotipo tenace attribuisce alla comunicazione soltanto virtù
coesive, ma questa può al contrario anche essere fonte di conflitto, perché può far emergere gli
interessi opposti e le prospettive divergenti dei gruppi che entrano in contatto. La
comunicazione è realmente produttrice di coesione solo quando gli interlocutori condividono un
terreno d’intesa, dei valori di base comuni» (Semprini 2000, 134); su una base di valori comuni,
nazionali e democratici, si basa sia la rete europea cui guarda Trivulzio che la costruzione di
un’Europa come famiglia di nazioni che progetta Mazzini.
36 Si veda per la «decostruzione» del concetto di «scontro di civiltà» Dal Lago 2006, 49-60; a
proposito dell’europeismo dei protagonisti del Risorgimento italiano, lo storico Robert
Demoulin osserva: «La ténacité de Cavour dans sa lutte contre les particularismes et les
adversaires de l’expansion de la monarchie de Savoie dans l’ensemble de la Péninsule est
inspirée aussi par ce souci d’établir une harmonieuse construction non seulement en Italie, mais
encore dans le bassin meditérranéen et dans toute l’Europe» (Demoulin 1959, 769).
37 Il tema della dinamica Oriente/Occidente nel confronto culturale fra Italia e Inghilterra, fino
all’epoca contemporanea, è stato dibattuto in un recente volume collettivo (Sandrock; Wright
2013).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 43

A proposito del colpo d’occhio sull’Europa e del superamento delle frontiere


nazionali, assume rilievo in Foscolo, in Cuoco, in Mazzini e in Trivulzio, la
dimensione biografica e soprattutto culturale dell’esilio, tanto presente nella loro
esperienza biografica da diventare categoria culturale e identitaria. Il fatto che molti
scrittori del Risorgimento abbiano scritto una parte delle loro opere in esilio ha
comportato una diversa visione del significato e del ruolo svolto dalle frontiere, e li ha
portati a una maggiore interazione con gli ambiti culturali e letterari con cui sono
venuti a contatto nell’esilio. Alla categoria dell’esilio presente non solo nel
Risorgimento nella tradizione culturale e letteraria italiana, è stato attribuito anche un
valore ontologico più generale in riferimento alla storia letteraria 38. Nel volume
collettivo diretto da Asor Rosa, dedicato al rapporto fra letteratura italiana ed esilio, il
curatore richiama nel saggio introduttivo il rapporto fra l’esilio e l’idea del territorio di
appartenenza 39. La parola latina (exilium) è ricondotta a una fantasiosa etimologia di
Isidoro di Siviglia, dal concetto di «ex solo» (fuori dalla propria terra) e messa in
riferimento con la storia letteraria italiana (Asor Rosa 2011b, 9-10).
L’esilio in epoca risorgimentale produce un vero e proprio rovesciamento di
stereotipi, in quanto gli intellettuali in esilio formano una comunità che interagisce con
gli intellettuali del paese ospitante, e nella quale si elabora una forma nuova di
immagine dell’Italia 40. La presenza di lunga durata dell’esilio nell’elaborazione della
cultura e dell’identità italiana ha generato quella che Salman Rushdie chiama «patria
immaginaria» («Imaginary Homeland»), nel senso che essendo per secoli gli scrittori
italiani al di fuori di una «Italia» non ancora esistente, possono essere stati indotti a

38 William Thomas Rossiter mette in relazione la poetica dell’esilio che si ritrova nelle canzoni civili
di Petrarca e nella sua epistola indirizzata ai posteri, con le tematiche delle opere di Chaucer. Lo
studioso ha applicato questo tipo di lettura alla fine dell’Impero romano e della classicità, tanto
da poter parlare di un «postcolonialismo» medievale: «In brief, the temporal colonization which
characterizes petrarchan historicism is born of a temporal exile which is itself postcolonial»
(Rossiter 2010, 34); nel suo saggio su «Foscolo esule», Dionisotti denuncia l’incapacità degli
studiosi di letteratura degli ultimi decenni dell’Ottocento di comprendere tale dimensione
culturale dell’esilio: «Alla provincialità sedentaria della cultura professorale italiana si
aggiungeva il pudore di una classe dirigente incapace di riconoscere apertamente, nonché di
curare, la piaga dell’emigrazione. Non erano condizioni favorevoli a uno studio sul Foscolo
esule» (Dionisotti 1988b, 62).
39 Lucia Strappini mostra come Vittorio Alfieri, uno dei personaggi diventato mito e icona per il
Risorgimento, ha concepito l’esilio come liberazione da ogni legame per conseguire la
condizione assoluta di scrittore: «La scelta della letteratura si configura come scelta di vita
assoluta, simboleggiata dalla decisione di cedere gran parte del patrimonio alla sorella, potendo
così ʿcomprare con essa l’indipendenza della mia opinione, e la scelta del mio soggiorno, e la
libertà dello scrivereʾ. Nelle parole di chiusura del Principe e delle lettere la prospettiva
staëliana appare completamente rovesciata: la libertà del cittadino potrà scaturire solo dalla
piena libertà intellettuale [...]» (Strappini 2011, 191).
40 Questo processo viene analizzato da Donatella Abbate Badin nel suo saggio sulla vicenda di Lady
Morgan, che prima descrive le caratteristiche problematiche dell’Italia, nel diario di viaggio
Italy, pubblicato nel 1821, quindi ritornata in patria stringe rapporti con gli esuli italiani che
sono arrivati dopo il fallimento delle rivolte del 1820-21: «Italy thus was a series of exempla
from the past, but also a book based on the present and projected towards the future and its
success resulted in a more favourable attitude towards Italy and Italians, usually represented
quite negatively in 18th century literature» (Abbate Badin 2010, 95).
44 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

crearsi quello spazio identitario per via immaginaria, come accadeva nel Risorgimento
per gli esuli che seguivano da lontano la realizzazione dell’unificazione italiana 41.
L’idea di estendere agli intellettuali esuli italiani le riflessione di Rushdie è stata
applicata nel saggio dedicato da Tobias Döring alle opere di Dante Gabriele Rossetti
(1828-1882) esule in Inghilterra 42.
Considerando anche questa categoria culturale dell’esilio, nel nostro lavoro
offriremo una reinterpretazione del rapporto con l’identità italiana, all’interno della
letteratura del Risorgimento, analizzando le opere di Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco,
Giuseppe Mazzini, Cristina Trivulzio di Belgiojoso, Giuseppe Gioachino Belli. Per
abbattere l’idea di un Risorgimento italiano come definizione dell’italianità in senso
chiuso e autosufficiente, sottoporremo i loro testi a una griglia di analisi che
comprende le seguenti domande: come si definisce l’identità italiana nel
Risorgimento? come contribuisce la letteratura alla costruzione dell’Italia? che
rapporto c’è fra unità italiana e culture autonome locali? come si definisce meglio
l’identità italiana attraverso una rete identitaria europea? Questo procedimento di
analisi ci consentirà di tracciare una serie di mappe letterarie interculturali del
Risorgimento che mostrino come gli stereotipi eroici dell’italianità siano in realtà
costruzioni posticce e artificiali.

41 Raoul Mordenti mette acutamente in relazione anche la visione d’insieme sulla letteratura italiana
di Francesco De Sanctis con la sua condizione di esule in Svizzera: «Influì l’esilio a determinare
questa maturazione decisiva? Aiutarono Zurigo e la Svizzera a liberare De Sanctis dalla
verniciatura hegeliana e a fare emergere una critica più originalmente sua? La risposta non può
che essere affermativa, e per molti aspetti sono proprio gli anni zurighesi che fanno del brillante
conferenziere e dell’appassionato professore il grande critico, [...] che, insomma, ci
restituiscono dall’esilio il De Sanctis che conosciamo» (Mordenti 2011, 262).
42 Si fa riferimento a Rushdie 1991; Tobias Döring suggerisce: «In this sense I suggest exploring
Rossetti’s writing, too, in postcolonial terms, i.e., in a context of contemporary critical
approaches where issues of exile and diaspora have long been discussed and worked through»
(Döring 2010, 274).
Bibliografia

Bibliografia primaria
Giuseppe Cesare Abba (1961): Da Quarto al Volturno. Noterelle di uno dei Mille. Bologna:
Zanichelli.
Dante Alighieri (1842): La commedia. A c. di Ugo Foscolo. Londra: Pietro Rolandi, 3 voll.
(=Alighieri-Foscolo, Commedia).
Dante Alighieri (1994): La Commedia secondo l’antica vulgata. A cura di Giorgio Petrocchi. Torino:
Le Lettere (Alighieri, Commedi cantica, canto, verso).
Dante Alighieri (2011): De vulgari eloquentia. A c. di Mirko Tavoni. In Dante Alighieri (2011):
Opere. Volume Primo. Diretto da Marco Santagata. Milano: Mondadori, 1065-1547
(=Alighieri, DVE).
Dante Alighieri (2011): Rime. A c. di Claudio Giunta. In Dante Alighieri (2011): Opere. Volume
Primo. Diretto da Marco Santagata. Milano: Mondadori, 3-744. (=Alighieri, Rime numero del
componimento, verso)
Giuseppe Gioachino Belli (1843): Versi inediti. Lucca: Tipografia Giusti. (=Belli, Versi inediti)
Giuseppe Gioachino Belli (1851): Le età dell’oro. Roma: Tipografia Salviucci. (=Belli, Età dell’oro)
Giuseppe Gioachino Belli (1856): Inni ecclesiastici secondo l’ordine del Breviario romano
volgarizzati da Giuseppe Gioachino Belli. Roma: Tipografia della Reverendissima Camera
Apostolica. (=Belli, Inni ecclesiastici)
Giuseppe Gioacchino Belli (1896): I sonetti. A c. di Luigi Morandi. Città di Castello: Lapi, 5 voll.
Giuseppe Gioachino Belli (1916): Canzoniere inedito. A. c. di A. Canaletti-Gaudenti. Roma: Rivista
d’Italia (Estratto). (=Belli, Canzoniere)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Lettere. Giornali. Zibaldone. A c. di Giovanni Orioli. Introduzione
di Carlo Muscetta. Torino: Einaudi.
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Appunti vari. In Belli 1962, 657-579. (=Belli, Appunti vari)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Lettere. In Belli 1962, 107-417. (=Belli, Lettere)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Lettere autobiografiche. In Belli 1962, 3-31. (=Belli, Lettere
autobiografiche)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Lettere e prose critiche. In Belli 1962, 363-417. (=Belli, Lettere e
prose critiche)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Prose di viaggio. In Belli 1962, 33-106. (=Belli, Prose di viaggio)
Giuseppe Gioachino Belli (1962): Zibaldone. In Belli 1962, 469-555. (=Belli, Zibaldone)
Giuseppe Gioachino Belli (1975): Belli italiano. A c. di Roberto Vighi. Roma: Colombo, 3 voll.
(=Belli, Poesie italiane)
Giuseppe Gioachino Belli (2005): Tutti i sonetti romaneschi. A. c. di Marcello Teodonio. Roma:
Newton Compton, 4 voll. (=Belli, Sonetti numero, verso)
Giuseppe Gioachino Belli (2005): Introduzione. In G.G.B.: Tutti i sonetti romaneschi. A c. di Marcetto
Teodonio. Roma: Newton Compton, I, 2-8. (Belli, Introduzione)
Giuseppe Gioachino Belli (2006): Journal du voyage de 1827, 1828, 1829. A. c. di Laura Biancini,
Giulia Boschi Mazio, Alda Spotti. Roma: Editore Colombo. (=Belli, Journal du voyage)
Pietro Bembo (2001): Prose della volgar lingua. A c. di Claudio Vela. Bologna: CLUEB.
Carlo Botta (1914): Scritti musicali, linguistici e letterari. A c. di Giuseppe Guidetti, Reggio Emilia.
292 Bibliografia

Cesare Cantù (1865): Storia della letteratura italiana. Firenze: Le Monnier.


Giosue Carducci (1874): Presso la tomba di Francesco Petrarca. Livorno: Vibo. (=Carducci, Tomba
di Francesco Petrarca)
Giosue Carducci (1931): Della «Canzone di Legnano». In G.C.: Poesie (MDCCCL-MCM). Bologna:
Nicola Zanichelli, 1039-1047. [Diciannovesima edizione] (=Carducci, Canzone di Legnano)
Giosue Carducci (1931): Levia gravia. In G.C.: Poesie (MDCCCL-MCM). Bologna: Nicola Zanichelli,
367-374. [Diciannovesima edizione] (=Carducci, Levia Gravia)
Giosue Carducci (1939): Del Risorgimento italiano. In G.C.: Poeti e figure del Risorgimento. Serie
prima. Bologna: Nicola Zanichelli, 1-53. (=Carducci, Risorgimento)
Giosue Carducci (1941): Dello svolgimento della letteratura nazionale. In G.C.: Discorsi letterari e
storici. Bologna: Nicola Zanichelli, 1-161. (=Carducci, Letteratura nazionale)
Carlo Cattaneo (1967): La città. In C.C.: Scritti storici e geografici. A c. di Gaetano Salvemini,
Ernesto Sestan. Firenze: Felice Le Monnier, II, 383-437 [pubblicato nel 1858 nel Crepuscolo].
(=Cattaneo, La città)
Melchiorre Cesarotti (1788): Saggio sopra la lingua italiana dell’abate Melchior Cesarotti. Vicenza:
Stamperia Turra. (=Cesarotti, Saggio)
Luca Cicconi (1846): Dell’officio della poesia in Italia. In Ausonio, vol. I, sem. I, 1846, 115-121.
(=Cicconi, Dell'officio)
Mario Pieri Corcirese (1825): Compendio di storia del Risorgimento della Grecia dal 1740 al 1824.
Italia [sic!].
Giambattista Corniani (1804-1812): I secoli della letteratura italiana dopo il suo risorgimento.
Commentario ragionato. Brescia: Niccolò Bertoni, 8 voll.
Vincenzo Cuoco (1916-1924): Platone in Italia. A c. di Fausto Nicolini. Bari: Laterza, 2 voll.
(=Cuoco, Platone in Italia)
Vincenzo Cuoco (1924): Educazione popolare. In Cuoco, Scritti milanesi, 93-102. (=Cuoco,
Educazione popolare)
Vincenzo Cuoco (1924): Due frammenti d’una storia della politica italiana. In Cuoco, Scritti
milanesi, 44-61. (=Cuoco, Frammenti)
Vincenzo Cuoco (1924): Programma. A Francesco Melzi d’Eril vicepresidente della Repubblica
italiana. In Cuoco, Scritti milanesi, 3-12. (Cuoco, Programma)
Vincenzo Cuoco (1924): Rapporto al re Gioacchino Murat e progetto di decreto per l’organizzazione
della pubblica istruzione. In Cuoco, Scritti napoletani, 3-122. (=Cuoco, Rapporto)
Vincenzo Cuoco (1924): Scritti vari. Parte prima. Periodo milanese (1801-1806). A c. di Nino
Cortese e Fausto Nicolini. Bari: Laterza. (=Cuoco, Scritti milanesi)
Vincenzo Cuoco (1924): Scritti vari. Parte seconda. Periodo napoletano (1806-1815). A c. di Nino
Cortese e Fausto Nicolini. Bari: Laterza. (=Cuoco, Scritti napoletani)
Vincenzo Cuoco (1924): Il sistema politico europeo al principio dell’Ottocento. In Cuoco, Scritti
milanesi, 13-43. (Cuoco, Sistema politico)
Vincenzo Cuoco (1976): Saggio storico sulla Rivoluzione napoletana del 1799. A c. di Pasquale
Villani. Bari: Laterza. (=Cuoco, Saggio storico)
Vincenzo Cuoco (2006): Platone in Italia. Traduzione dal greco. A c. di Antonino De Francesco;
Annalisa Andreoni. Roma-Bari: Laterza.
Edmondo De Amicis (1886): Cuore. Milano: Treves.
Edmondo De Amicis (2012): Costantinopoli. A c. di Silvia Masaracchio. s.l.: Creative Commons.
(pubblicato sul sito http://bachecabookgratis.blogspot.com/ – 14.6.2013) (De Amicis,
Costantinopoli)
Francesco De Sanctis (1871-72): Storia della letteratura italiana. Napoli: Morano, 2 voll.
Bibliografia 293

John Fante (2010): Le storie di Arturo Bandini. A c. di Emanuele Trevi. Torino: Einaudi.
Ugo Foscolo (1831): Poesie inedite. Lugano: Giuseppe Ruggia & C. (=Foscolo, Poesie inedite)
Ugo Foscolo (1842): Discorso sul testo e su le opinioni diverse prevalenti intorno alla storia e alla
emendazione critica della Commedia di Dante. In Alighieri-Foscolo, Commedia I, 1-447
(=Foscolo, Sulla Commedia).
Ugo Foscolo (1844): Scritti politici inediti, a c. di Giuseppe Mazzini. Tipografia della Svizzera
italiana: Lugano. (=Foscolo-Mazzini, Scritti politici)
Ugo Foscolo (1860): Discorsi sulla servitù dell’Italia. In U.F.: Opere complete. Napoli, 636-657.
(=Foscolo, Discorsi)
Ugo Foscolo (1869): Le donne italiane. In Opere complete. Volume I. Napoli, 401-411. (=Foscolo,
Donne italiane)
Ugo Foscolo (1869): Lettera apologetica. In U.F.: Opere. Napoli, I, 671-714. (=Foscolo, Lettera
apologetica)
Ugo Foscolo (1913): La Chioma di Berenice. Poema di Callimaco tradotto da Valerio Catullo.
Volgarizzato ed illustrato [1803]. In U.F.: Prose. A c. di Vittorio Cian. Bari: Laterza, II, 227-
342. (=Foscolo, Chioma di Berenice)
Ugo Foscolo (1913): Commentari della storia di Napoli. (1803-4). In U.F.: Prose. A c. di Vittorio
Cian. Bari: Laterza, II, 207-226. (=Foscolo, Commentari)
Ugo Foscolo (1952): Epistolario. Volume secondo (luglio 1804-dicembre 1808). A c. di Plinio Carli.
Firenze: Le Monnier. (=Foscolo, Epistolario 1804-1808).
Ugo Foscolo (1953): Parallelo fra Dante e il Petrarca. In U.F.: Saggi e discorsi critici. A cura di
Cesare Foligno. Firenze: Le Monnier, 279-297. (=Foscolo, Dante e Petrarca)
Ugo Foscolo (1953): Sopra l’amore del Petrarca. In U.F.: Saggi e discorsi critici. A cura di Cesare
Foligno. Firenze: Le Monnier, 213-233. (=Foscolo, Sopra l’amore del Petrarca)
Ugo Foscolo (1958): Epoche della lingua italiana. A c. di Cesare Foligno. Firenze: Le Monnier.
(=Foscolo, Epoche della lingua italiana)
Ugo Foscolo (1961): Bonaparte liberatore. In U.F.: Tragedie e poesie minori. A c. di Guido Bezzola.
Firenze Le Monnier, 331-341. (=Foscolo, Bonaparte liberatore, «Orazione» o numero del
verso)
Ugo Foscolo (1970): Le ultime lettere di Jacopo Ortis. Edizione nazionale. Volume IV. A c. di
Giovanni Gambarin. Firenze: Le Monnier. [Si cita la variante tratta dall’ultima edizione
pubblicata a Londra nel 1817] (=Foscolo, Ortis).
Ugo Foscolo (1972): Discorso su la Italia. In U.F.: Scritti letterari e politici dal 1796 al 1808. A c. di
Giovanni Gambarin. Firenze: Le Monnier, 157-162. (=Foscolo, Discorso su la Italia)
Ugo Foscolo (1972): Istruzioni popolari politico-morali. In U.F.: Scritti letterari e politici dal 1796 al
1808. A c. di Giovanni Gambarin. Firenze: Le Monnier, 135-155 (=Foscolo, Istruzioni
popolari)
Ugo Foscolo (1972): Orazione a Bonaparte pel Congresso di Lione. In U.F.: Scritti letterari e politici
dal 1796 al 1808. Edizione Nazionale. Volume VI. A c. di Giovanni Gambarin. Firenze: Le
Monnier, 207-236. (=Foscolo, Orazione a Bonaparte)
Ugo Foscolo (1972): Piano di studi. [1796]. In U.F.: Scritti letterari e politici dal 1796 al 1808. A c.
di Giovanni Gambarin. Firenze: Le Monnier, 1-9 (=Foscolo, Piano di studi).
Ugo Foscolo (1972): Alla Società d'Istruzione Pubblica di Venezia. In U.F.: Scritti letterari e politici
dal 1796 al 1808. A c. di Giovanni Gambarin. Firenze: Le Monnier, 10-18. (=Foscolo, Società
d'Istruzione Pubblica)
294 Bibliografia

Ugo Foscolo (1983): Notizia intorno a Didimo Chierico. In Sterne; Foscolo 1983, 335-346. (=Foscolo,
Didimo Chierico)
Ugo Foscolo (1985): Le Grazie. S c. di Mario Scotti. In U.F.: Poesie e carmi. Edizione nazionale.
Volume I. Firenze: Le Monnier, 157-1267. (=Foscolo, Grazie)
Ugo Foscolo (1985): Poesie. In U.F.: Poesie e carmi. A c. di Francesco Pagliai; Gianfranco Folena.
Firenze: Le Monnier, 67-120. (=Foscolo, Poesie)
Ugo Foscolo (1985): Dei Sepolcri. A c. di Francesco Pagliai; Gianfranco Folena. In U.F. (1985):
Poesie e carmi. Edizione Nazionale Volume I. Firenze: Le Monnier, 120-140. (=Foscolo,
Sepolcri verso)
Ugo Foscolo (2005): Dell’origine e dell’ufficio della letteratura. A c. di Enzo Neppi. Firenze: Olschki.
(=Foscolo, Origine e ufficio)
Ugo Foscolo (2009): Sull’origine e i limiti della giustizia. Como: Ibis. (=Foscolo, Origine e limiti
della Giustizia).
Ugo Foscolo: Frammenti. In Niccolò Machiavelli (s.d.): Il Principe e i Discorsi sopra la Prima Deca di
Tito Livio. Torino: UTET, 19-33. (=Foscolo, Frammenti)
Galileo Galilei (1970): Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo tolemaico e copernicano. A c.
di Libero Sosio. Torino: Einaudi.
Vincenzo Gioberti (1925): Del primato morale e civile degli Italiani. A c. di G. Balsamo-Crivelli.
Torino: UTET. (=Gioberti, Primato).
Gerog Wilhelm Friedrich Hegel (1821): Naturrecht und Staatswissenschaft im Grundrisse. Berlin: In
der Nikolaischen Buchhandlung.
Giacomo Leopardi (1997): Canti. In G.L.: Tutte le poesie e tutte le prose. A c. di Lucio Felici;
Emanuele Trevi. Roma: Newton Compton, 61-234. (=Leopardi, Canti, numero del
componimento, verso)
Giacomo Leopardi (1997): Lettere. In G.L.: Tutte le poesie e tutte le prose. A c. di Lucio Felici;
Emanuele Trevi. Roma: Newton Compton, 1123-1448. (=Leopardi, Lettere)
Niccolò Machiavelli (1981): Il Principe e le opere politiche. A c. di Delio Cantimori. Milano:
Garzanti. [prima ediz. 1976] (=Machiavelli, Principe)
Terenzio Mamiani (1846): La lingua italiana. In Ausonio, vol. I, sem. I, 1846, 125-127. (=Mamiani,
Lingua italiana)
Alessandro Manzoni (1992): Tutte le poesie. A c. di Gilberto Lonardi. Commento e note di Paola
Azzolini. Venezia: Marsilio. (=Manzoni, Poesie)
Alessandro Manzoni (1994): Adelchi. Introduzione e note di Alberto Giordano. Milano: Rizzoli.
(=Manzoni, Adelchi)
Alessandro Manzoni (1840): I promessi sposi. Milano: Guglielmini e Redaelli. (=Manzoni, Promessi
sposi, capitolo)
Jean-François Marmontel (1818): Œuvres complètes. Tome II. Contes moraux. Premier Volume. Paris:
Verdier Éditeur. (=Marmontel, Contes moraux)
Giuseppe Mazzini (1844): A chi legge. In Foscolo-Mazzini 1844, VII-XXXIX. (=Mazzini, A chi
legge)
Giuseppe Mazzini (1847): Scritti letterari di un italiano vivente. Lugano: Tipografia della Svizzera
italiana 1847. 3 voll.
Giuseppe Mazzini (1847): Ai Poeti del secolo XIX. In G.M. Scritti letterari di un italiano vivente.
Lugano: Tipografia della Svizzera italiana, II, 103-133. [1832] (=Mazzini, Ai Poeti)
Giuseppe Mazzini (1847): Colpo d’occhio sul movimento letterario italiano dopo il 1830. In G.M.
Scritti letterari di un italiano vivente. Lugano: Tipografia della Svizzera italiana, III, 275-322.
[pubblicato nel 1839] (=Mazzini, Colpo d’occhio)
Bibliografia 295

Giuseppe Mazzini (1847): Machiavelli. In G.M. Scritti letterari di un italiano vivente. Lugano:
Tipografia della Svizzera italiana, III, 219-225. [pubblicato nel 1843] (=Mazzini, Machiavelli)
Giuseppe Mazzini (1849): Ai Signori Tocqueville e Falloux, ministri di Francia. In L’Italia del
popolo. Losanna: L’Unione, 6-28. (Mazzini, Ai Signori Tocqueville e Falloux)
Giuseppe Mazzini (1849): L’Italia del popolo. Losanna: Società Editrice L’Unione. (=Mazzini, Italia
del popolo)
Giuseppe Mazzini (1853): Agli Italiani. Alcune pagine. Genova: Tipografia Moretti
Giuseppe Mazzini (1887): Ai giovani d’Italia. Parole. Roma: Commissione editrice degli scritti di
Giuseppe Mazzini. (=Mazzini, Ai giovani d’Italia)
Giuseppe Mazzini (1906): Carlo Botta e i Romantici. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti. Volume
I. A c. di G. Daelli, 61-66. [1828] (=Mazzini, Carlo Botta e i Romantici)
Giuseppe Mazzini (1906): Dell’amor patrio di Dante. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti. Volume
I. A c. di G. Daelli, 61-79. [prime linee scritte dall’autore, affacciatosi appena agli studi: 1826
o 1827] (=Mazzini, Dell’amor patrio di Dante)
Giuseppe Mazzini (1906): Del dramma storico. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti. Volume I. A
c. di G. Daelli, 255-332. [1830] (=Mazzini, Dramma storico)
Giuseppe Mazzini (1906): Faust. Tragédie de Goethe. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti.
Volume I. A c. di G. Daelli, 125-151. [1829] (=Mazzini, Faust)
Giuseppe Mazzini (1906): D’una Letteratura Europea. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti.
Volume I. A c. di G. Daelli, 177-224. [pubblicato nel 1829 in L’Antologia] (=Mazzini,
Letteratura Europea)
Giuseppe Mazzini (1906): Prefazione di un periodico letterario. In G.M.: Scritti letterari editi ed
inediti. Volume II. A c. di G. Daelli. Imola: Galeati, 79-104. [1836] (=Mazzini, Prefazione di
un periodico letterario)
Giuseppe Mazzini (1906): Del romanzo in generale e anche dei Promessi Sposi. In G.M.: Scritti
letterari editi ed inediti. Volume I. A c. di G. Daelli, 31-44. [1828] (=Mazzini, Romanzo)
Giuseppe Mazzini (1906): Storia della letteratura antica e moderna di Federico di Schlegel. In G.M.:
Scritti letterari editi ed inediti. Volume I. A c. di G. Daelli, 111-124. [1830] (=Mazzini,
Schlegel)
Giuseppe Mazzini (1906): Storia letteraria. In G.M.: Scritti letterari editi ed inediti. Volume II. A c. di
G. Daelli. Imola: Galeati, 103-116. [1836] (=Mazzini, Storia letteraria)
Giuseppe Mazzini (1906): Trent’anni o La vita d’un giuocatore. In G.M.: Scritti letterari editi ed
inediti. Volume I. A c. di G. Daelli, 53-85. [1828] (=Mazzini, Trent’anni)
Giuseppe Mazzini (1907): A Carlo Alberto di Savoia. In G.M.: Scritti politici editi ed inediti. Volume
I. Roma: Galeati, 15-41. [1831] (=Mazzini, A Carlo Alberto)
Giuseppe Mazzini (1907): Corrispondenza con Sismondi. In G.M.: Scritti politici editi ed inediti.
Volume II. Imola: Galeati, 1-23. (=Mazzini, Corrispondenza con Sismondi)
Giuseppe Mazzini (1909): Fede e avvenire. In G.M.: Scritti politici editi ed inediti. Volume IV. Imola:
Galeati, 295-358. [settembre 1835] (=Mazzini, Fede e avvenire)
Giuseppe Mazzini (1967): Al conte di Cavour. In G.M.: Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 631-669.
[pubblicato nel 1858 sull'Italia del Popolo] (=Mazzini, Al conte di Cavour)
Giuseppe Mazzini (1967): A Pio IX. In G.M.: Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 361-368.
[pubblicato in opuscolo nel 1847] (=Mazzini, A Pio IX)
Giuseppe Mazzini (1967): Lettere slave. In G.M.: Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 587-606.
[pubblicate nel 1857 sull'Italia del Popolo] (=Mazzini, Lettere slave)
296 Bibliografia

Giuseppe Mazzini (1967): Anniversario della Scuola Italiana Gratuita in Londra. In G.M.: Opere. A
c. di Luigi Salvatorelli, II, 329-350. [pubblicato nel 1842 in L'Apostolato popolare]
(=Mazzini, Scuola Italiana)
Giuseppe Mazzini (1967): Ai giovani delle università d’Italia. In G.M.: Opere. A c. di Luigi
Salvatorelli, II, 579-585. [pubblicato nel 1848 in L’Italia del Popolo] (=Mazzini, Ai giovani
delle università)
Giuseppe Mazzini (1967): Al Battaglione degli Studenti. In G.M.: Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II,
381-384. [pubblicato nel 1848 in L’Italia del Popolo] (=Mazzini, Al Battaglione degli
Studenti)
Giuseppe Mazzini (1967): Il Cesarismo. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 792-807.
[pubblicato nel 1863 sull’Unità italiana] (=Mazzini, Cesarismo)
Giuseppe Mazzini (1967): Ugo Foscolo. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 875-882.
[pubblicato nel 1871 in Roma del popolo] (=Mazzini, Foscolo)
Giuseppe Mazzini (1967): Lettere. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, I, 67-905. (=Mazzini,
Lettere)
Giuseppe Mazzini (1967): Per i Martiri di Cosenza. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 385-
394. [pubblicato nel 1848 in L’Italia del popolo] (=Mazzini, Martiri di Cosenza)
Giuseppe Mazzini (1967): Per la proclamazione della Repubblica Romana. In G.M. Opere. A c. di
Luigi Salvatorelli, II, 435-439. [pubblicato nel 1849 in Costituente Italiana] (=Mazzini,
Proclamazione)
Giuseppe Mazzini (1967): A Vittorio Emmanuele. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli, II, 683-
696. [stampato a Lugano e poi a Firenze nel 1859] (=Mazzini, A Vittorio Emmanuele)
Giuseppe Mazzini (1967): Missione della stampa periodica. In G.M. Opere. A c. di Luigi Salvatorelli,
II, 375-380. [Pubblicato sull'Italia del Popolo nel 1848] (=Mazzini, Stampa periodica)
Giuseppe Mazzini (1969): Atto di fratellanza. In Scrittori politici dell’Ottocento. A c. di Franco della
Peruta. Milano: Ricciardi, I, 443-445. (=Mazzini, Atto di fratellanza)
Giuseppe Mazzini (1969): D'alcune cause che impedirono finora lo sviluppo della libertà in Italia. In
Franco Della Peruta (a c. di): Scrittori politici dell'Ottocento. Milano: Ricciardi, I, 360-416.
(=Mazzini, Libertà in Italia)
Giuseppe Mazzini (1993): La pittura moderna in Italia. A c. di A. Tugnoli. Bologna: Clueb.
(=Mazzini, Pittura)
Giuseppe Mazzini (2002): Note autobiografiche, a c. di R. Pertici. Milano: Rizzoli. (=Mazzini, Note)
Giuseppe Mazzini (2003): Pensieri sulla democrazia in Europa. Traduzione e cura di Salvo
Mastellone. Milano: Feltrinelli. (=Mazzini, Pensieri)
Giuseppe Mazzini (2005): Doveri dell’uomo. Associazione Mazziniana Italiana, [s.l.]. (=Mazzini,
Doveri)
Giuseppe Mazzini (2007): L’Indicatore genovese: foglio commerciale d’avvisi, d’industria e di
varietà. A c. di Emilio Costa; Leo Morabito: Savona, Sabatelli. (=Mazzini, Indicatore
genovese)
Ippolito Nievo (1964): Le confessioni d’un italiano. Prefazione di Emilio Cecchi. Torino: Einaudi.
(=Nievo, Confessioni)
Francesco Petrarca (1995): In difesa dell’Italia (Contra eum qui maledixit Italie). A c. di Giuliana
Crevatim. Venezia: Marsilio. (=Petrarca, In difesa dell’Italia)
Francesco Petrarca (2001): Canzoniere. Milano: Mondadori. [Prima edizione I Meridiani 1996]
(=Petrarca, Canzoniere, numero del componimento, verso]
Carlo Porta (2000): Poesie. A c. di Dante Isella. Milano: Mondadori.
Felice Romani (1814): Il Turco in Italia. Milano: Dalle Stampe di Giacomo Pirola.
Bibliografia 297

Le sacre ceremonie della messa privata secondo il rito della chiesa romana. Roma: Tipografia
Poliglotta Vaticana 1868. [con l’indicazione d’autore «V.S. prete della congregazione della
missione»] (=Sacre cerimonie)
Friedrich Schlegel (1815): Friedrichs Schlegel Geschichte der alten und neuen Literatur: Vorlesungen
gehalten zu Wien im Jahre 1812, Wien, Erster.
Friedrich Schlegel (1827): Storia della letteratura antica e moderna. Traduzione di Francesco
Ambrosoli. Milano: Società Tipografica de’ Classici Italiani. 2 voll.
Lawrence Sterne; Ugo Foscolo (1983): Viaggio sentimentale di Yorick lungo la Francia e l’Italia.
Milano: Garzanti.
Lawrence Sterne (1983): The Life and Opinion of Tristram Shandy, Gentlemen. A c. di I. Campbel
Ross. Oxford: Oxford University Press.
Domenico Tessari (1831): La esaltazione di Sua Santità Gregorio XVI al soglio pontificio. Belluno:
Tipografia Tissi.
Titus Livius (1963): Ab urbe condita liber primus. A c. di Jacques Heurgon. Paris: Presses
Universitaires de France. (Titus Livius, Ab urbe condita libro, capitolo)
Cristina Trivulzio di Belgioioso (1842): Essai sur la formation du dogme catholique. Paris: J.
Renouard & C., 4 voll. (=Trivulzio, Essai)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1844): Introduction. In Vico-Trivulzio, Science Nouvelle, I-CXX.
(=Trivulzio, Vico)
Cristina Trivulzio (a c. di) (1846-1848): L'Ausonio. Parigi: Guirandet et Jouaust, 5 voll. [Rivista
italiana] (=Trivulzio, Ausonio)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1846): Brevi cenni sulle vicende dell’antico governo milanese. In
Trivulzio, Ausonio, I, 321-337. (=Trivulzio, Antico governo milanese)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1846): Sullo stato attuale dell'Italia. In Trivulzio, Ausonio, I, 5-20.
(=Trivulzio, Stato attuale dell'Italia)
Cristina Trivulzio (a c. di) (1848): Il Crociato. Milano: Tipografia Valentini e C. [Giornale politico.
Supplemento dell'Ausonio] (=Trivulzio, Crociato)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1849): «L'Italie et la révolution italienne. La guerre dans le Tyrol
italien». In Revue des Deux Mondes, Nouvelle période, tome 1, 1849, 201-230. (=Trivulzio,
Tyrol italien).
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1857a): Un principe curdo. Racconto turco-asiatico. Emina. Milano:
Tipografia Pirotta, 2 voll.
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1857b): Un principe curdo. In Trivulzio 1857a, I, 5-102. (=Trivulzio,
Un principe curdo).
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1857c): Emina. In Trivulzio 1857a, I, 105-159; II, 1-79. (=Trivulzio,
Emina)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1858): Asie Mineure et Syrie. Souvenirs de voyages. Paris: Lévy.(=
Trivulzio, Asie Mineure et Syrie)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1859): Rachel. In Revue des Deux Mondes, 15 maggio e 1 giugno
1859, 429-464; 641-688. (=Trivulzio, Rachel)
Cristina Trivulzio di Belgioioso (1860): Histoire de la Maison de Savoie. Paris. (=Trivulzio, Maison
de Savoie)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1866): «Della presente condizione delle donne e del loro avvenire».
In Nuova Antologia – Scienze, lettere ed arti, vol. 1, 31 gennaio 1866, 96-113. (=Trivulzio,
Condizione delle donne)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1869): Osservazioni sullo stato attuale dell'Italia e sul suo avvenire.
Milano: Vallardi. (=Trivulzio, Osservazioni)
298 Bibliografia

Cristina Trivulzio di Belgiojoso (2002): Ricordi nell’esilio. A c. di Maria Francesca Davì. Pisa:
Edizioni ETS. (=Trivulzio, Ricordi nell’esilio)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (2010): Ai suoi concittadini. Parole. In Maria Chiara Fugazza;
Karoline Rörig (a c. di), 224-241. (=Trivulzio, Ai suoi concittadini)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (2011): Il 1848 a Milano e Venezia. A c. di Sergio Bortone. Milano:
Feltrinelli. (=Trivulzio, Milano e Venezia)
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (2012): Rachele. Storia lombarda del 1848. Traduzione di Tiziana
Orlando. Con saggi di Alberto Mario Banti e Novella Bellucci. Roma: Viella. (=Trivulzio,
Rachele)
Cristina Trivulzio di Belgioioso (?) (1847): Studi intorno alla storia della Lombardia negli ultimi
trent’anni. Parigi: Tipografia Elvetica. [Il testo contiene l’indicazione d’autore «Manoscritto
in francese di un Lombardo voltato in italiano da un Francese] (= Trivulzio, Storia della
Lombardia)
Atto Vannucci (1848): I martiri della libertà italiana nel secolo decimonono. Firenze: Società editrice
fiorentina.
Giovanni Verga (1972): I Malavoglia. A c. di Corrado Simioni. Milano: Mondadori. (=Verga,
Malavoglia, capitolo)
Vergilius Maro, Publius (2012): Eneide. A cura di Alessandro Fo. Torino: Einaudi. (=Vergilius,
Eneide libro, verso)
Giambattista Vico (1844): La Science Nouvelle par Vico. Vico et ses ouvres Paris: J.Renouard & C.
[con l’indicazione d’autore: «Traduite par l’auteur de l’Essai sur la formation du dogme
catholique»] (=Vico-Trivulzio, Science Nouvelle)
Giambattista Vico (1996): La Scienza nuova. a c. di Nicola Abbagnano. In G.B. Vico: La Scienza
nuova e altri studi. Torino: UTET, 247-809. [prima ediz. 1952] (=Vico, Scienza nuova)
Giovanni Winckelmann (1767): Monumenti antichi inediti spiegati ed illustrati. Volume I. Roma: A
Spese dell’Autore.
Andrea Zanzotto (1991): Leopardi, Belli, Manzoni e la situazione italiana. In A.Z.: Fantasie di
avvicinamento. Milano: Mondadori, 136-139.

Bibliografia secondaria
Donatella Abbate Badin (2010): «Lady Morgan, an Ambassador of Goodwill to Italian Exil». In
Schaff 2010b, 87-116.
Beatrice Alfonzetti, Francesca Cantù, Marina Formica, Silvia Tatti (a c. di) (2011): L’Italia verso
l’unità. Letterati, eroi, patrioti. Roma: Edizioni di Storia e Letteratura.
Febo Allevi (a c. di) (1960): Testi di critica romantica (1803-1826). Milano: Marzorati.
Mario Allegri (2007): «Venezia e il Veneto dopo Lepanto». In Alberto Asor Rosa (a c. di): Letteratura
italiana. L’età moderna. La storia e gli autori. Roma-Torino: La Repubblica-Einaudi, 267-
378.
Annalisa Andreoni (2006): «Un ‛immortale romanzo italiano’». In Vincenzo Cuoco: Platone in Italia.
A c. di Antonino De Francesco; Annalisa Andreoni. Roma-Bari: Laterza, LXXV-XCV
Franca Angelini (2007): «Adelchi di Alessandro Manzoni». In Asor Rosa 2007, 217-243.
Bibliografia 299

Gian Mario Anselmi (2010): «Letteratura italiana e radici umanistiche e mediterranee». In Saverio
Carpentieri, Angelo Pagliardini et al. (a c. di): Italia e ‛Italie’. Identità di un paese al plurale.
Frankfurt: Peter Lang, 237-244.
Roberto Antonelli (2011): «Introduzione». In Gianfranco Contini (a c. di) (2011): Letteratura italiana
del Risorgimento. Milano: Rizzoli, 5-15.
Ferrante Aporti (1846): «Istituzioni di comune educazione e soccorso fondate in Locate (provincia di
Milano) dalla contessa Cristina Trivulzio principessa Belgiojoso». In Annali universali di
statistica, II, IX, agosto 1846, 169-179.
Angelo Ara; Rudolf Lill (a c. di) (1991): Immagini a confronto: Italia e Germania dal 1830
all’unificazione nazionale / Deutsche Italienbilder und italienische Deutschlandbilder in der
Zeit der nationalen Bewegungen (1830-1870). Bologna-Berlin: Il Mulino-Duncker &
Humboldt.
Giuseppe Armani (2004): Cattaneo riformista. La linea del Politecnico. Venezia: Marsilio.
Anna Ascenzi, Laura Melosi (a c. di) (2008): L’identità italiana ed europea tra Sette e Ottocento.
Firenze: Leo S. Olschki.
Alberto Asor Rosa (a c. di) (1982-2000): Letteratura italiana. Torino: Einaudi, 17 voll.
Alberto Asor Rosa (1986): «La fondazione del laico». In Letteratura italiana. Volume V. Le Questioni,
a c. di Alberto Asor Rosa, Torino, Einaudi, 17-124.
Alberto Asor Rosa (1999): «Letteratura e giornalismo». In I.D.: Un altro Novecento. Firenze: La
Nuova Italia, 185-221. [Prima edizione del saggio 1981]
Alberto Asor Rosa (a c. di) (2007): Letteratura italiana. 9. L’Età moderna. Le opere 1800-1860.
Einaudi-La Repubblica: Torino-Roma.
Alberto Asor Rosa (a c. di) (2008): Letteratura italiana. 20. Dizionario degli autori. N-Z. Torino-
Roma: Einaudi-L’Espresso.
Alberto Asor Rosa (a c. di) (2011a): La letteratura italiana e l’esilio. Bollettino di italianistica. Rivista
di critica, storia letteraria, filologia e linguistica. N.s., anno VIII, n.2
Alberto Asor Rosa (2011b): «La letteratura italiana e l’esilio». In Asor Rosa 2011a, 7-14.
Guido Baldassarri (2012): «Una figurazione dell’Italia nell’opera e nell’azione di intellettuali e
politici: Dante, Petrarca, Cola di Rienzo». In Gigante; Russo 2013, 49-64.
Guido Baldassarri; Silvana Tamiozzo (a c. di) (2004): Letteratura italiana, letterature europee. Atti
del Congresso Nazionale dell’ADI. Roma: Bulzoni.
Ferdinando Balsano (1897): La Divina Commedia giudicata da Gian Vincenzo Gravina. Lapi: Città di
Castello.
Alberto Mario Banti (2000): La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini
dell’Italia unita. Torino: Einaudi.
Alberto Mario Banti (2004): Il Risorgimento italiano. Roma-Bari: Laterza.
Alberto Mario Banti (2011a): Sublime madre nostra. La nazione italiana dal Risorgimento al
fascismo. Roma-Bari: Laterza.
Alberto Mario Banti (2011b): «Simboli figurali e persistenze di lungo periodo nella politica culturale
del Risorgimento». In Alfonzetti, Cantù et al. (2011, 19-28).
Alberto Mario Banti (2011c): «Risorgimento». In Banti; Chiavistelli; Mannori; Meriggi 2011, 33-39.
Alberto Mario Banti (2012): «Dal patriottismo alla domesticità: la parabola narrativa di una donna del
Risorgimento lombardo». In Cristina Trivulzio: Rachele. Storia lombarda del 1848.
Traduzione di Tiziana Orlando. Roma: Viella, 139-146.
Alberto Mario Banti; Antonio Chiavistelli; Luca Mannori; Marco Meriggi (a c. di) (2011): Atlante
culturale del Risorgimento. Roma-Bari: Laterza.
Gennaro Barbarisi (2007): «ʿIliadeʾ di Omero di Vincenzo Monti». In Asor Rosa 2007, 169-192.
300 Bibliografia

Gennaro Barbarisi; William Spaggiari (a c. di) (2006): Dei Sepolcri di Ugo Foscolo. Milano:
Cisalpino, 2 voll.
Walter Barberis (2004): Il bisogno di patria. Torino: Einaudi.
Andrea Battistini (2008): «Temi vichiani nei Sepolcri». In Fabio Danelon (a c. di): «A egregie cose».
Studi sui Sepolcri di Ugo Foscolo, 31-52.
Andrea Battistini (2011): «Giorno verrà...» Le premesse letterarie del Risorgimento». In Alfonzetti et
al. (2011, 29-45).
Gian Luigi Beccaria (1983): «Introduzione». In G.L. Beccaria (a c. di): Letteratura e dialetto.
Bologna: Zanichelli, 1-19. [prima ediz. 1975]
Novella Bellucci (2004): «Italia e Francia negli anni della Restaurazione: aspetti di una storia della
cultura europea». In Baldassarri; Tamiozzo 2004, 491-502.
Novella Bellucci (2011): Le ambulanze militari. In Dillon Wanke 2011, 102-106.
Walter Benjamin (1982): «Paris capitale du XIXe siècle». In Das Passagen-Werk. A c. di Rolf
Tiedemann. Frankfurt am Main: Suhrkamp, 60-77. [da una conferenza in francese del 1939]
Stefan Berger (1997): The Search of Normality. National Identity and Historical Consciousness in
Germany since 1800. Providence-Oxford: Berghahn Books.
Walter Binni (1982): Ugo Foscolo. Storia e poesia. Torino: Einaudi.
Luigi Biscardi, Antonino De Francesco (2002): Vincenzo Cuoco nella cultura di due secoli. Atti del
Convegno Internazionale (Campobasso 20-22 gennaio 2000). Roma-Bari: Laterza.
Giulio Bollati (1983): L’italiano: il carattere nazionale come storia e come invenzione. Torino:
Einaudi.
Sandro Bortone (2011): «Prefazione». In Cristina Trivulzio di Belgiojoso: Il 1848 a Milano e Venezia.
A c. di S.B. Milano: Feltrinelli, 5-48.
Giovanni Battista Bronzini (1985): «Belli e la cultura popolare». In Merolla 1985, 131-158.
Giovanni Battista Bronzini (2003): «Altre sorgenti letterarie popolari del sacro belliano». In Onorati
2003, 1-29.
Piero Brunello (2005): «Introduzione». In Cristina di Belgiojoso: Capi e popolo. Il Quarantotto a
Venezia. Santa Maria Capua Vetere: Spartaco.
Francesco Bruni (2010): Italia. Vita e avventura di un’idea. Bologna: Il Mulino.
Beate Burtscher-Bechter; Peter W. Haider; Birgit Mertz-Baumgartner; Robert Rollinger (a c. di)
(2006): Grenzen und Entgrenzungen. Historische und kulturwissenschaftliche Überlegungen
am Beispiel des Mittelmeerraums. Würzburg: Königshausen & Neumann.
Francesca Cantù (2010): «Cristina di Belgiojoso e la storia del dogma cattolico: prospettive critiche».
In Conti Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010, 69-100.
Francesca Cantù (2011): «Cristina di Belgiojoso e la rivoluzione italiana». In Alfonzetti, Cantù et al.
2011, 139-154.
Roberto Cardini (2010): «A proposito del commento foscoliano alla ʿChioma di Bereniceʾ». In R.C.:
Classicismo e modernità. Monti, Foscolo, Leopardi. Firenze: Polistampa, 149-178.
Lanfranco Caretti (1996): Foscolo. Persuasione e retorica. Pisa: Nistri Lischi.
Saverio Carpentieri; Angelo Pagliardini; Barbara Tasser; Lew Zybatow (a c. di): Italia e «Italie».
Identità di un paese al plurale. Frankfurt am Main: Peter Lang 2010
Peter Caws (1994): «Identity: Cultural, Transcultural, and Multicultural». In Goldberg 1994a, 371-
387.
Emilio Cecchi; Natalino Sapegno (a c. di) (1965-1969): Storia della letteratura italiana. Milano:
Garzanti, 9 voll.
Remo Ceserani (1990): Raccontare la letteratura. Milano: Bollati Boringhieri.
Daniela Maldini Chiarito (2010): «Gli scritti della vecchiaia». In Fugazza; Rörig 2010, 193-220.
Bibliografia 301

Gino Chiellino (2005): «La letteratura degli scrittori italiani in Germania». In El Ghibli, Anno 2,
Numero 8, June 2005, rivista online sul sito http://www.el-ghibli.provincia.bo.it (25.6.2013).
Filippo Coarelli (2000): Belli e l’antico. Con 50 sonetti di G.G. Belli. Roma: «L’Erma» di
Bretschneider.
Paolo Colagrossi (1913): L’anfiteatro Flavio. Firenze: Libreria Editrice Fiorentina.
Claudio Colaiacomo (2007b): «Canti di Giacomo Leopardi». In Asor Rosa 2007, 505-608.
Daniela Coli (1986): «Il caso storiografico Giovanni Gentile». In Studi Storici, Anno 27, No. 2 (apr. -
giu.), 503-518.
Ilde Consales; Gabriele Scalessa (a c. di) (2011): Belli e l’archeologia. Roma: Aracne.
Domenico Conte (2002): «Il giornalismo di Vincenzo Cuoco tra Milano e Napoli» in Biscardi, De
Francesco (2002), 84-105.
Fulvio Conti (2011): «Patria, amore e famiglia nell’Italia del Risorgimento». In Alfonzetti; Cantù:
Formica; Tatti 2011, 295-310.
Ginevra Conti Odorisio, Cristina Giorcelli, Giuseppe Monsagrati (a c. di) (2010): Cristina Belgiojoso.
Politica e cultura nell’Europa dell’Ottocento. Casoria: Loffredo University Press.
Gianfranco Contini (1963): «Saggio introduttivo». In Carlo Emilio Gadda: La cognizione del dolore.
Torino: Einaudi, 5-28.
Marcel Cornis-Pope; John Neubauer (2004): «General Introduction». In Cornis-Pope; Neubauer 2004-
2010, I, 1-18.
Marcel Cornis-Pope; John Neubauer (a c. di) (2004-2010): History of the literary cultures of East-
Central Europe: junctures and disjunctures in the 19th and 20th centuries. John Benjamins:
Amsterdam, Philadelphia. 4 voll.
Manlio Cortelazzo / Paolo Zolli (1985): Dizionario etimologico della lingua italiana. 4/O-R. Bologna:
Zanichelli.
Alfredo Cottignoli (2011): Fratelli d’Italia. Tra le fonti letterarie del canone risorgimentale. Milano:
Franco Angeli.
Benedetto Croce (1922): «Note sulla poesia italiana e straniera del secolo decimonono. XVIII.
Foscolo». In La Critica. Rivista di Letteratura, Storia e Filosofia diretta da B. Croce, 1922, n.
20, 129-139. (consultabile online sul sito http://ojs.uniroma1.it/index.php/lacritica –
13.5.2013)
Benedetto Croce (1929): Storia della eta barocca in Italia: pensiero - poesia e letteratura - vita
morale. Bari: Laterza.
Benedetto Croce (1950): «Poesia poetica e poesia letteraria». In Quaderni della «Critica», marzo
1950, n. 16, 91-93. (consultabile online sul sito
http://ojs.uniroma1.it/index.php/quadernidellacritica – 13.5.2013)
Benedetto Croce (1964): Storia della storiografia italiana nel secolo decimonono. Volume primo.
Bari: Laterza. [prima ediz. 1921]
Benedetto Croce (1966): La poesia. Bari: Laterza. [prima ediz. 1936]
Ernst Robert Curtius (2006), Letteratura europea e Medio Evo latino, a c. di Roberto Antonelli,
Firenze, La Nuova Italia. [Prima edizione dell’originale in tedesco 1948. Prima edizione della
traduzione italiana 1992]
Alessandro Dal Lago (2006): «Esistono davvero i conflitti fra le culture? Una riflessione storico-
metodologica». In Galli (2006, 45-79).
Fabio Danelon (2012): «Un’idea romantica dell’Italia: Foscolo, Leopardi, Manzoni». In Gigante;
Russo 2013, 175-197.
Maria Francesca Davì (2001): «Introduzione». In Trivulzio, Ricordi nell’esilio, 9-21.
302 Bibliografia

Renata De Benedittis (a c. di) (2012): Memorie del Risorgimento. Avvenimenti e protagonisti del
Molise. Campobasso: Associazione Culturale «Vincenzo Cuoco».
Nicola De Blasi (2012): «Unità linguistica nella diversità: l’italiano e i dialetti». In Gigante; Russo
2012, 117-139.
Davide De Camilli (1994): Ugo Foscolo e il viceré. Studi di filologia e letteratura. Pisa: Giardini.
Antonino De Francesco (2006): «Leggere il Platone in Italia agli inizi del secolo XXI». In Vincenzo
Cuoco: Platone in Italia. A c. di Antonino De Francesco; Annalisa Andreoni. Roma-Bari:
Laterza, XVII-LXXIV
Franco Della Peruta (1969): «Giuseppe Mazzini. Nota introduttiva». In F.D.P. (a c. di): Scrittori
politici dell’Ottocento. Tomo I. Giuseppe Mazzini e i democratici. Milano: Ricciardi, 205-270.
Franco Della Peruta (1974): Mazzini e i rivoluzionari italiani. Il «partito d’azione» 1830-1845.
Milano: Feltrinelli.
Paolo Grassi (2011): «Gli aspetti urbanistici della Roma belliana». In Senales; Scalessa 2011, 185-
254.
Stefan Delureanu (2003): «Le figure di Balcescu, Andreuzzi e Mazzini. Protagonisti del Risorgimento
europeo». In Il pensiero mazziniano, 2-3, 164-175.
Christian Del Vento (2002): «Una nuova ʿeloquenza popolareʾ: Vincenzo Cuoco e Ugo Foscolo tra
dibattito politico e riforma letteraria. In Biscardi, De Francesco (2002, 111-123).
Christian Del Vento (2003): Un allievo della rivoluzione. Ugo Foscolo dal «noviziato letterario» al
«nuovo classicismo» (1795-1806). Bologna: CLUEB.
Robert Demoulin (1959): «Nationalité et Equilibre». In Max Beloff; Pierre Renouvin; Franz Schnabel;
Franco Valsecchi (a c. di): L’Europe du XIXe et du XXe siècle. (1815-1870). II. Milano:
Marzorati, 765-811.
Cesare De Seta (1992): L'Italia del Grand Tour. Da Montaigne a Goethe. Napoli: Electa.
Nicola Di Nino (2008): Giuseppe Gioachino Belli poeta-linguista. Padova: Il Poligrafo.
Carlo Dionisotti (1967): «Geografia e storia della letteratura italiana». In C.D.: Geografia e storia
della letteratura italiana. Torino: Einaudi, 23-44.
Carlo Dionisotti (1988a): «Venezia e il noviziato di Foscolo ». In Appunti sui moderni. Foscolo,
Leopardi, Manzoni e altri. Bologna: Il Mulino, 33-53.
Carlo Dionisotti (1988b): «Foscolo esule». In Appunti sui moderni. Foscolo, Leopardi, Manzoni e
altri. Bologna: Il Mulino, 55-77.
Eugenio Di Rienzo (2000): «Neogiacobinismo e movimento democratico nelle rivoluzioni d’Italia
(1796-1815)». In Studi Storici, Anno 41, No. 2 (Apr. - Giu.), 403-431.
Tobias Döring (2010): «Imaginary Homelands? D.G. Rossetti and his Father between Italy and
England». In Schaff 2010, 271-288.
Anna Esposito (2001): «Pellegrini, stranieri, curiali ed ebrei». In André Vauchez (a c. di) Roma
Medievale. Roma-Bari: Laterza, 213-240.
Antonio Fabris (a c. di) (2010): Cristina Trivulzio di Belgiojoso. An Italian Princess in the 19th C.
Turkish Countrisyde. Venezia: Filippi Editore.
Giovanni Falaschi (2012): «La letteratura preunitaria del medio Ottocento: da Giusti a De Sanctis a
Nievo (e Gustavo Modena)». In Gigante; Russo 2012, 247-273.
Angela Fariello (2004): «Il paesaggio nella letteratura preromantica e romantica. Riflessi del pensiero
internazionale sulla letteratura italiana». In Baldassarri; Tamiozzo 2004, 467-476.
Pino Fasano (1985): «Verità sublime e verità sfacciata. L’alternanza italiano/romanesco nello
svolgimento della poesia belliana». In Merolla 1985, 297-311.
Pino Fasano (1991): I tarli dell’Alberone. Roma: Bulzoni.
Pino Fasano (2004): L’Europa romantica. Milano: Bruno Mondadori.
Bibliografia 303

Roberto Fedi; Giovanni Capecchi (a c. di) (2010): L’Italia in Italia. Storia, formazione, immagini di
una mutevole identità nazionale. Perugia: Guerra.
Giulio Ferroni (1981): «Divagazioni sulla citazione». In Letture belliane. I sonetti del 1831. Roma:
Bulzoni, 21-49.
Pietro Finelli (2011): «Municipalismo». In Banti; Chiavistelli; Mannori; Meriggi 2011, 330-342.
Roberto Fiorini (2004): «La tradizione alla prova». In Raimondi 2004, 202-208.
Giuseppe Flores d’Arcais (1939): La pedagogia di Vincenzo Cuoco. Padova: Cedam.
Gianfranco Folena (1983): L’italiano in Europa. Torino: Einaudi.
Marina Formica (2011): «Del federalismo e della nazione». In Alfonzetti et al. 2011, 219-232.
Jean-Yves Frétigné (2010): «Cristina Trivulzio di Belgiojoso et l'intelligentsia française libérale». In
Conti Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010, 167-184.
Mariachiara Fugazza (2010): «Dal ‛Crociato’ alla ‛Revue des Deux Mondes’: gli scritti sul 1848
milanese». In Fugazza; Rörig 2010, 135-168.
Mariachiara Fugazza; Karoline Rörig (a c. di) (2010): «La prima donna d’Italia». Cristina Trivulzio di
Belgiojoso tra politica e giornalismo. Milano: Franco Angeli.
Carlo Galli (a c. di) (2006): Multiculturalismo. Ideologie e sfide. Bologna: Il Mulino.
Monica Galfrè (2002): «La fortuna di Vincenzo Cuoco nella scuola fascista». In Biscardi, De
Francesco 2002, 287-301.
Giovanni Gentile (1923): I profeti del Risorgimento. Firenze: Vallecchi.
Giovanni Gentile (1927): Vincenzo Cuoco: studi e appunti. Firenze: La Nuova Italia.
Enrico Ghidetti (2006): «Dei Sepolcri o del ʿpatriottismo disperatoʾ». In Barbarisi, Spaggiari (2006),
II, 741-778.
Pietro Gibellini (1974): La Bibbia del Belli. I sonetti biblici di G.G.Belli raccolti e commentati.
Milano: Adelphi.
Pietro Gibellini (1979): Il coltello e la corona. La poesia del Belli tra filologia e critica. Roma:
Bulzoni.
Pietro Gibellini (1983): «L’area francese». In Damiano Abeni; Raffaella Bertazzoli; Cesare G. De
Michelis; Pietro Gibellini (a c. di): Belli oltre frontiera. La fortuna di G.G.Belli nei saggi e
nelle versioni di autori stranieri. Roma: Bonacci, 11-98.
Pietro Gibellini (2003): «Belli e la religione dei romani». In Onorati 2003, 87-121.
Claudio Gigante (2011): «La costruzione di un’identità storica. Massimo d’Azeglio dall’Ettore
Fieramosca al Niccolò de’ Lapi». In Gigante; Vanden Berghe 2011, 85-107.
Claudio Gigante (2012): «Effetti dell’unificazione tra entusiasmo, disincanto, delusione (Cattaneo,
D’Azeglio, Nievo, Zola, Carpi)». In Gigante; Russo 2012, 397-423.
Claudio Gigante; Dirk Vanden Berghe (a c. di) (2011): Il romanzo del Risorgimento. Frankfurt: Peter
Lang.
Claudio Gigante; Emilio Russo (a c. di) (2012): Pre-sentimenti dell’Unità d’Italia. Roma: Salerno
Editrice.
Sandra M. Gilbert (1984): «From patria to Matria: Elizabeth Barrett Browning’s Risorgimento». In
Modern language Association, Vol. 99, No 2 (Mar., 1984), 194-211.
Cristina Giorcelli (2010): «L'orientalismo di Cristina di Belgiojoso: Scènes de la vie turque». In Conti
Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010, 101-122.
Edouard Glissant (1989): Caribbean Discourse: Selected Essays. Charlottesville: University of
Virginia Press.
David Theo Goldberg (1994a): «Introduction. Multicultural Conditions». In Goldberg 1994b, 1-41.
David Theo Goldberg (a c. di) (1994b): Multiculturalism. A Critical Reader. Blackwell: Oxford.
304 Bibliografia

Alain Goussot (2000), Giuseppe Mazzini, Formazione intellettuale e rapporti con la cultura europea
(1805-1872), Pisa, Domus Mazziniana.
Alberto Granese (2004): Ugo Foscolo. Tra le folgori e la notte. Salerno: Edisud.
Elvio Guagnini (2003): «Letteratura odeporica tra Sette e Ottocento». In Santato 2003b, 351-366.
Laura Guidi (2000): «Patriottismo femminile e travestimenti sulla scena risorgimentale». In Studi
storici, Anno 41, No. 2 (Apr.-Jun. 2000), 571-587.
Peter Herde (1997): Von Dante zum Risorgimento. Stuttgart: Hiersemann.
Maurizio Isabella (2011): Risorgimento in esilio. L'internazionale liberale e l'età delle rivoluzioni.
Roma-Bari: Laterza. [traduz. di David Scaffei; prima ediz. in inglese 2009]
Anna Maria Isastia (2011): «Unità/Risorgimento». In Alfonzetti, Cantù et al. (2011), 263-280.
Dante Isella (2003): Carlo Porta. Cinquant'anni di lavori in corso. Torino: Einaudi.
Emanuele Kanceff (1995): Poliopticon italiano. CIRVI: Moncalieri, 2 voll.
Wolfram Krömer (1961): Ludovico Di Breme (1780-1820). Der erste Theoretiker der Romantik in
Italien. Geneve: Droz.
Enza Lamberti (2009): «Il Dante ’europeo’ di Foscolo». In Clizia Gurreri, Angela Maria Jacopino,
Amedeo Quondam (a c. di): Moderno e modernità: la letteratura italiana. Roma:
Dipartimento di Italianistica e Spettacolo. (pubblicazione online senza pagine sul sito
http://www.disp.let.uniroma1.it [26.11.2012])
Sergio Landucci (1965): «L’hegelismo in Italia nell’età del Risorgimento». In Studi Storici, Anno 6,
No. 4 (Oct.-Dec., 1965), 597-628.
Giuseppe Langella (2005): Amor di patria. Manzoni e altra letteratura del Risorgimento. Novara:
Interlinea.
Maria Laura Lanzillo (2006): «Noi o gli altri? Multiculturalismo, democrazia, riconoscimento». In
Galli 2006, 61-108.
Gianfranca Lavezzi (2011): «Un migrante della libertà: la Svizzera nel lungo esilio di Foscolo». In
Bollettino di Italianistica. La letteratura italiana e l’esilio. Anno VIII, n. 2 - Speciale. Roma:
Carocci.
Henri Legras (1907): La table latine d’Héraclé. Paris: Rousseau.
Rita Librandi (1993): «L’italiano nella comunicazione della Chiesa e nella diffusione della cultura
religiosa». In Storia della lingua italiana. A cura di Luca Serianni; Pietro Trifone. Torino:
Einaudi, I, 335-382.
Rita Librandi (2002): «Le idee linguistiche di Vincenzo Cuoco e le varianti fra le due edizioni del
Saggio storico». In Biscardi, De Francesco 2002, 124-150.
Christiane Liermann (2010): «Tendenze politiche e tensioni religiose nell’opera di Cristina di
Belgiojoso». In Fugazza; Rörig 2010, 61-81.
Rocco Li Volsi (2005), «Giuseppe Mazzini e le ideologie dell’Ottocento». In Stefano Gambarotto (a c.
di), Giuseppe Mazzini a duecento anni dalla nascita. Treviso: Istituto per la Storia del
Risorgimento Italiano. Comitato di Treviso. 42-43.
Domenico Losurdo (1989): «Vincenzo Cuoco, la révolution napolitaine de 1799 et l’étude comparée
des révolutions». In Revue historique. In T. 281, Fasc. 1 (569) (Javier-Mars), 133-157.
Giorgio Luti (2002): «Foscolo e il mito della Francia repubblicana». In G.L.: Letteratura e rivoluzioni.
Firenze: Polistampa, 31-52.
Joseph Luzzi (2002): «Italy without Italians: Literary Origins of a Romantic Myth». In MLN, Vol.
117, No. 1, Italian Issue (Jan. 2002), 48-83.
Alberto Magagnato (2005): «L’Europa di Mazzini». In Mazzini a duecento anni dalla nascita. Atti del
convegno di studi. Treviso 15-16 aprile 2005. A c. di Stefano Gambarotto. Treviso: Istituto per
la Storia del Risorgimento Italiano. Comitato di Treviso, 123-159.
Bibliografia 305

Enrico Malato (a c. di) (1995-1998): Storia della letteratura italiana. Roma: Salerno Editrice, 14 voll.
Enrico Malato (a c. di) (1998): Storia della letteratura italiana. Volume VII. Il primo Ottocento.
Roma: Salerno Editrice.
Aldobrandino Malvezzi (1936): Cristina di Belgiojoso. Milano: Treves, 3 voll.
Marco Mancini (1992): «Il romanesco del Ghetto». In Pietro Trifone (a c. di): Roma e il Lazio. Torino:
U.T.E.T, 203-207.
Francesco Luigi Mannucci (1919): Giuseppe Mazzini e la prima fase del suo pensiero letterario.
L’aurora di un genio. Milano: Casa Editrice del Risorgimento.
Philip Mansel (2003): Paris capitale de l’Europe 1814-1852. Paris: Perrin.
Luca Marcozzi (2011): «Retorica dell’esilio nel canzoniere di Petrarca». In A. Asor Rosa 2011, 71-93.
Quinto Marini (1998): «La letteratura del pieno Romanticismo». In E. Malato (a c. di): Storia della
letteratura italiana. Volume VIII. Il primo Ottocento. Roma: Salerno Editrice, 831-999.
Adrian Marino (1990): «La ’letteratura europea’ oggi». In I Quaderni di Gaia I, 1, 103-105.
Sebastiano Martelli (2009): «Rappresentazioni letterarie dell’emigrazione italiana in California tra
Ottocento e Novecento. In Forum Italicum, 43, 1, Spring 2009, 155-191.
Sebastiano Martelli (2012): Emigrazione e immigrazione: mappe letterarie a confronto. In Alexandra
Vranceanu; Angelo Pagliardini (a c. di): Migrazione e patologie dell’humanitas nella
letteratura europea contemporanea. Frankfurt: Peter Lang, 51-81.
Sebastiano Martelli (2013): «Due secoli di sfortune editoriali e un ritrovamento fortunato». In
Giuseppe Maria Galanti: Scritti giovanili inediti. A c. di Domenica Falardo. Napoli: Istituto
Italiano per gli Studi Filosofici Press, IX-CXXII.
Salvo Mastellone (1955): Victor Cousin e il Risorgimento italiano. Firenze: Le Monnier.
Salvo Mastellone (2000): La democrazia etica di Mazzini (1837-1847). Roma: Archivio Guido Izzi.
Salvo Mastellone (2007): «Giuseppe Mazzini - Dai ‛Pensieri sulla democrazia’ all’‛Azione per la
democrazia europea’/1846-1855». In Il pensiero mazziniano. Democrazia in azione. LXII, 3,
settembre-ottobre, 110-133.
Ursula Mathis Moser (2006): «Französische Literatur aus der Feder von Fremden. Zur Konstruierheit
der Grenzen von Nationalliteraturen». In Burtscher-Bechter; Haider; Mertz-Baumgartner;
Rollinger 2006, 97-121.
Paolo Mauri (1988): «La Lombardia». In Alberto Asor Rosa (a c. di): Letteratura italiana. Geografia
e storia. II. L'età moderna. Torino: Einaudi, 875-933.
Muzio Mazzocchi Alemanni (1985): «L'Europa di Belli». In Merolla 1985, 41-66.
Muzio Mazzocchi Alemanni (2006): «Prefazione». In G.G.Belli. Journal du voyage de 1827, 1828,
1829. A c. di L. Bianchini; G. Boschi Mazio; Alda Spotti, V-VIII
Friederich Meinecke (1915): Weltbürgertum und Nationalstaat. Studien zur Genesis des deutschen
Nationalstaates. München und Berlin: Oldenbourg. [prima ediz. 1907]
Alberto Merola (2007): «Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799 di Vincenzo Cuoco». In
Asor Rosa 2007, 3-34.
Riccardo Merolla (a c. di) (1985): G.G. Belli. Romano, italiano ed europeo. Atti del II convegno
internazionale di studi belliani. Roma, 12-15 dicembre 1984. Roma: Bonacci Editore.
Riccardo Merolla (2007a): «I Ducati di Modena e Parma». In Alberto Asor Rosa (a c. di): Letteratura
italiana. L’età moderna. La storia e gli autori. VII. Roma: La Biblioteca di Repubblica-
L’Espresso 2007, 505-552.
Riccardo Merolla (2007b): «Il Regno di Napoli». In Alberto Asor Rosa (a c. di): Letteratura italiana.
L’età moderna. La storia e gli autori. VII. Roma: La Biblioteca di Repubblica-L’Espresso
2007, 553-612.
Bruno Migliorini (1995): Storia della lingua italiana. Milano: Bompiani. [Prima ediz. 1960]
306 Bibliografia

Giuseppe Monsagrati (2010): «Cristina di Belgiojoso e il dibattito filosofico degli anni ’40». In Conti
Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010, 27-45.
Eric Moormann; Wilfried Uitterhoeve (2004): Miti e personaggi del mondo classico. A c. di Elisa
Tetamo. Traduzione di Luca Antonelli; Giandomenico Montinari; Davide Spanio. Paravia-
Bruno Mondadori: Milano. [ediz. originale in olandese del 1987-1989]
Raoul Mordenti (2011): «Gli esili del professor De Sanctis». In Asor Rosa 2011, 251-269.
Franco Moretti (1993): «La letteratura europea». In Storia d’Europa. A cura di P. Anderson, M.
Aymard, P. Bairoch, W. Barberis, C. Ginzburg. Torino: Einaudi, I, 837-866
Franco Moretti (1999): Il romanzo di formazione. Torino: Einaudi. [edizione originale in inglese del
1987]
Attilio Motta (2003): «I cambiamenti della forma-romanzo fra Illuminismo e Romanticismo: il caso
Piazza». In Santato 2003b, 253-274.
Attilio Motta (2004): «Retoriche dell’autenticazione nella narrativa e nella critica». In Baldassarri;
Tamiozzo 2004, 233-246.
Giovanna Motta (a c. di) (2013): L’idea di nazione e l’impero fra storia e letteratura. Roma: Edizioni
Nuova Cultura.
Carlo Muscetta (1981): Cultura e poesia di G.G. Belli. Bonacci: Roma.
Laura Nay (2010): «‛Ti narrerò storie feroci’: la guerra della spada e quella della penna nella prosa
risorgimentale italiana». In Anselmi; Ruozzi 2010, 231-256.
Enzo Neppi (2005): «Foscolo, pensatore europeo. La dualità dell’essere nell’Orazione pavese». In
Foscolo, Origine e ufficio 5-85.
Enzo Neppi (2009): «Foscolo e la rivoluzione francese. Momenti e figure del pensiero politico
foscoliano». In Laboratoire italien, 9 (2009), 165-209.
Giuseppe Nicoletti (1989): La memoria illuminata. Autobiografia e letteratura fra Rivoluzione e
Risorgimento. Firenze: Vallecchi.
Giuseppe Nicoletti (2006): Foscolo. Roma: Salerno Editrice.
Giuseppe Nicoletti (2007a): «Ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo». In Asor Rosa 2007, 35-
92.
Giuseppe Nicoletti (2007b): «Dei Sepolcri di Ugo Foscolo». In Asor Rosa 2007, 93-168.
Fausto Nicolini (1924): «Nota». In Cuoco, Platone in Italia, II, 321-345.
Susan Noakes (1986): «The Rhetoric of Travel: The French Romantic Myth of Naples». In
Ethnohistory, Vol. 33, No. 2 (Spring), 139-148.
Adolfo Omodeo (1941): Vincenzo Gioberti e la sua evoluzione politica. Torino: Einaudi.
Adolfo Omodeo (1969): L’età del Risorgimento in Italia. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane. [Nona
edizione riveduta, con profilo di Benedetto Croce]
Franco Onorati (a c. di) (2003): Il sacro nella letteratura in dialetto romanesco. Da Belli al
Novecento. Roma: Edizioni Studium.
Paolo Orvieto (2011): Buoni e cattivi del Risorgimento. I romanzi di Garibaldi e Bresciani a
confronto. Roma: Salerno Editrice.
Anna Teresa Ossani (1973): Letteratura e politica in Giuseppe Mazzini. Urbino: Argalìa.
Letizia Pagliai; Francesca Sofia (a c. di) (2012): Sismondi e la nuova Italia. Atti del Convegno di
Studi. Firenze, Pescia, Pisa, 9-11 giugno 2010. Firenze: Polistampa.
Angelo Pagliardini (2009a): Tipologie e formule di preghiera nei Sonetti di Belli. In Ivano
Paccagnella; Elisa Gregori (a c. di): Mimesis. L’eredità di Auerbach. Esedra: Padova, 399-
410.
Bibliografia 307

Angelo Pagliardini (2009b): Gli ebrei romani nei Sonetti di Belli. In Atti del Congresso
interdisciplinare Italia terra di rifugio, Torino, 3 - 4 giugno 2005. A c. di Emanuele Kanceff.
Torino: CIRVI 2009, vol. III, 667-684.
Angelo Pagliardini (2011): La creazione di lingue di frontiera nella letteratura italiana
dell’Ottocento: da Belli a Pascoli, in Holzer, Peter; Kienpointner, Manfred; Pröll, Julia;
Ratheiser, Ulla (a c. di). An den Grenzen der Sprachen. Innsbruck: Innsbruck University Press
2011, 219-236.
Angelo Pagliardini (2012): «La tematica del ritorno del migrante in Abate, Pascoli, Pavese,
Consolo».In Alexandra Vranceanu; Angelo Pagliardini (a c. di): Migrazione e patologie
dell’humanitas nella letteratura europea contemporanea. Frankfurt: Peter Lang 2012, 83-100.
Mauro Pala (2012): «Comunità letterarie immaginate». In Putzu; Mazzon 2012, 46-74.
Francesca Iolanda Palazzolo (2010): «Una principessa all’Indice: le motivazioni della Santa Sede». In
Conti Odorisio; Giorcelli; Monsagrati (2010), 263-273.
Matteo Palumbo (2005): «La ferocia e la bellezza. Foscolo storiografo della Rivoluzione napoletana
del 1799». In Esperienze letterarie, XXX/3-4, 2005, 205-224
Davide Papotti (2009): «Paesaggi letterari del medio Po». In Gerhild Fuchs, Barbara Tasser (a c. di):
Obiettivo sulla Pianura Padana. Die Poebene im Blickpunkt. Innsbruck: Innsbruck University
Press, 231-244.
Emilio Pasquini (2006): «Il ‛ghibellin fuggiasco’». In Barbarisi; Spaggiari 2006, I, 461-476.
Silvana Patriarca (2011): «Italiani/Italiane». In Banti; Chiavistelli; Mannori; Meriggi 2011, 199-213.
Gilles Pécout (2011): Il lungo Risorgimento. La nascita dell’Italia contemporanea (1770-1922).
Traduzione dal francese di Marco Di Sario. Bruno Mondadori: Milano. [prima edizione
francese 1997]
Giorgio Petracchi (1998), Nazione e nazionalità nell’Europa dell’Ottocento. Una riconsiderazione
alla luce della «morte della nazione», in Ester Capuzzo (a c. di), Atti del convegno Italia e
Ungheria (1848-49), Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, pp. 117-136.
Gilberto Pizzamiglio (in stampa): «Esili di Foscolo, tra vita e letteratura». In Dan Cepraga; Alexandra
Vranceanu: Terra aliena. L’esilio degli intellettuali europei. Bucuresti: Editura Universitatii
Bucuresti.
Gianna Proia (2010): «Cristina di Belgiojoso e Victor Considerant: una principessa liberale ed un
socialista fourierista». In Conti Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010, 287-306.
Ignazio Putzu (2012): «Lingua e letteratura nella formazione degli stati nazionali in Europa e nel
Mediterraneo: aspetti di un quadro». In Putzu; Mazzon 2012, 13-45.
Ignazio Putzu; Gabriella Mazzon (2012): Lingue, letterature, nazioni. Centri e periferie tra Europa e
Mediterraneo. Milano: Franco Angeli.
Amedeo Quondam (1968): Cultura e ideologia in Gian Vincenzo Gravina. Milano: Mursia.
Amedeo Quondam (1981): «Il ‛cumulo’ dei ‛quadretti’. Enunciazione e personaggio nei primi
sonetti». In Letture belliane. I sonetti del 1831. Roma: Bulzoni, 69-105.
Amedeo Quondam (2005): «Introduzione». In Quondam; Rizzo (a c. di): L’identità nazionale. Miti e
paradigmi storiografici ottocenteschi. Roma: Bulzoni, III-XII.
Amedeo Quondam (2008): «Introduzione». In Ascenzi; Melosi 2008, 5-11.
Eugenio Ragni (1981): «Giochi e tradizioni». In Letture belliane. I sonetti del 1831. Roma: Bulzoni,
43-67.
Eugenio Ragni (1987): «E a cche sserveno poi tante parole?». In Letture belliane. I sonetti del 1846-
1849. Roma: Bulzoni, 52-94
Stefano Ragni (2008): Giuseppe Mazzini e la musica della «Giovine Italia». Perugia: Guerra Edizioni.
Ezio Raimondi (1997): Romanticismo italiano e Romanticismo europeo. Milano: Bruno Mondadori.
308 Bibliografia

Ezio Raimondi (1998): Letteratura e identità nazionale. Milano: Bruno Mondadori.


Ezio Raimondi (a c. di) (2004): La letteratura italiana. Il Novecento. 1. Da Pascoli a Montale. A c. di
Gabriella Fenocchio. Milano: Paravia Bruno Mondadori.
Anna Maria Rao (2011): «La costruzione della nazione dal Triennio repubblicano all’Unità». In
Alfonzetti et al. (2011), 3-18.
Giuseppe Ricuperati (2003): «La cultura italiana nel secondo Settecento europeo». In Santato 2003a,
33-64.
Francesca Rigotti (2006): «Le basi filosofiche del multiculturalismo». In Galli 2006, 29-44.
Edoardo Ripari (2008): Giuseppe Gioachino Belli. Un ritratto. Napoli: Liguori.
Vittorio Roda (2008): «Giosue Carducci e il Risorgimento» in Gli scrittori italiani. Il patrimonio e la
memoria della tradizione letteraria come risorsa primaria. Atti dell’XI congresso
dell’Associazione Degli Italianisti. Napoli 26-29 settembre 2007. A c. di C.A. Addesso, V.
Caputo, O. Petraroli. Graduus: Grottammare (edizione elettronica http://www.italianisti.it –
13.3.2013)
Valerio Romitelli (2011): «Risorgimento e passione politica. Noi credevamo di Mario Martone». In
Storicamente, art. 30, vol. 7, 2011 (disponibile online sul sito http://www.storicamente.org –
13.6.2013)
Lauro Rossi (1995): Mazzini e la Rivoluzione napoletana del 1799. Ricerche sull’Italia giacobina.
Manduria: Lacaita.
Pietro Rossi (2007): L'identità dell'Europa. Bologna: Il Mulino.
William Thomas Rossiter (2010): «ʿAmydde the seeʾ (ʿin alto marʾ): Chaucer, Petrarch, and the
Poeties of Exile». In Schaff 2010, 23-46.
Karoline Rörig (2010a): «Gli scritti di Cristina di Belgiojoso tra storiografia e politica». In Fugazza;
Rörig (2010), 27-59.
Karoline Rörig (2010b): «ʿCooperare al progresso de’ veri principii di libertà, di indipendenza, di
nazionaliàʾ. Il giornalismo politico di Cristina Trivulzio di Belgiojoso». In Conti Odorisio,
Giorcelli, Monsagrati (2010), 319-345.
Salman Rushdie (1991): Imaginary Homelands: Essays and Criticism 1981-1991. London: Granta.
Edward Said (2001): Orientalismo. L’immagine europea dell’Europa. Traduzione di Stefano Galli.
Milano: Feltrinelli. [prima edizione in inglese 1978]
Luigi Salvatorelli (1960): Pensiero e azione del Risorgimento, Einaudi, Torino. [prima ediz. 1944]
Luigi Salvatorelli (1967a): «Introduzione». In Giuseppe Mazzini: Opere. A c. di L.S., I, 9-64. [prima
ediz. 1938]
Luigi Salvatorelli (1967b): «Introduzione». In Giuseppe Mazzini: Opere. A c. di L.S., II, 9-32. [prima
ediz. 1938]
Kristen Sandrock; Owain Wright (a c. di) (2013): Locating Italy. East and West in British-Italian
Transactions. Amsterdam: Rodopi.
Marco Santagata (2007): La letteratura nei secoli della tradizione. Roma-Bari: Laterza.
Francesco Scattolin (2005): Mazzini, letteratura e impegno civile, in S. Gambarotto (a c. di), Giuseppe
Mazzini a duecento anni dalla nascita, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
Comitato di Treviso, Treviso, 95-108.
Guido Santato (1990): Il giacobinismo italiano. Utopie e realtà fra Rivoluzione e Restaurazione.
Padova: Piccin-Vallardi.
Guido Santato (2003a): «Introduzione». In Santato 2003b, 9-29.
Guido Santato (a c. di) (2003b): Letteratura italiana e cultura europea tra Illuminismo e
Romanticismo. Genève: Droz.
Barbara Schaff (2010a): «Introduction: Paradise of Exiles?». In Schaff 2010b, 9-19.
Bibliografia 309

Barbara Schaff (2010b): Exiles, Emigrés and Intermediaries. Anglo-Italian Cultural Transactions.
Amsterdam: Rodopi.
Monika Schmitz-Emans (2006): «Vom Archipel des reinen Verstandes zur Nordwestpassage.
Strategien der Grenzziehung, der Reflexion über Grenzen und des äesthetischen Spiels mit
Grenzen». In Burtscher-Bechter; Haider; Mertz-Baumgartner; Rollinger 2006, 19-47.
Sabine Schrader (2013): La Scapigliatura: Schreiben gegen den Kanon. Heidelberg: Winter.
Thies Schulze (2005): Dante Alighieri als nationales Symbol Italiens (1793-1915). Tübingen: Max
Niemeyer.
Mario Scotti (1985): «Introduzione». In Foscolo, Grazie 159-608.
Cesare Segre (1985): «Il teatro dell'Io nei Sonetti del Belli». In Merolla 1985, 329-338.
Andrea Semprini (2000): Il multiculturalismo. La sfida della diversità nelle società contemporanee.
Milano: Franco Angeli.
Luca Serianni (1986): «Le varianti fonomorfologiche dei Promessi Sposi 1840 nel quadro dell’italiano
ottocentesco». In Studi linguistici italiani, 12, 1986, 1-63.
Luca Serianni (1989): Storia della lingua italiana. Il primo Ottocento. Bologna: Il Mulino.
Luca Serianni (1996): «La letteratura dialettale romanesca». In Lingua e dialetto nella tradizione
letteraria italiana. Roma: Salerno Editrice, 233-253.
Franca Sinopoli (2011): «Patria/esilio nel discorso letterario risorgimentale: alcuni esempi». In
Alfonzetti; Cantù; Formica; Tatti 2011, 377-389.
Carlotta Sorba (2005), Mazzini e le arti, in G. Berti (a. c. di), L’eredità di Giuseppe Mazzini, Padova,
Il Poligrafo, pp. 115-125.
Raniero Speelman-Özkan (2013): «Cristina di Belgioioso, da protagonista del Risorgimento a
viaggiatrice in Turchia». In Motta 2013, 101-107.
Alda Spotti (2006): «Introduzione». In Belli, Journal du voyage, IX-XVIII.
Robert Stamand; Ella Shohat (1994): «Contested Histories: Eurocentrism, Multiculturalism, and the
Media». In Goldberg 1994a, 296-324.
Lucia Strappini (2011): «La ʿmia prigione natìaʾ. L’autoesilio di Vittorio Alfieri». In Asor Rosa 2011,
184-192.
Alfredo Stussi (1979a): Introduzione. In Stussi 1979b, 1-18.
Alfredo Stussi (a c. di) (1979b): Letteratura italiana e culture regionali. Bologna: Zanichelli.
Alfredo Stussi (1996): «Lingua e dialetto nella tradizione letteraria italiana». In Lingua e dialetto nella
tradizione letteraria italiana. Roma: Salerno Editrice, 3-28.
Carol O’ Sullivan (2004): «Translation, Pseudotranslation and Paratext: the Presentation of
Contemporary Crime Fiction set in Italy». In EnterText 4.3 Supplement, Winter 2004/5, 62-
76.
Xavier Tabet (2007): «Il ‛mito risorgimentale’ di Machiavelli». In Paolo Carta, Xavier Tabet (a c. di):
Machiavelli nel XIX e XX secolo. Machiavel aux XIXe et XXe siècles. Padova: CEDAM, 67-
86.
Mariasilvia Tatti (a c. di) (1999): Italia e Italie tra Rivoluzione e Restaurazione, Atti del convegno di
Roma 7-9 novembre 1996. Roma: Bulzoni.
Mariasilvia Tatti (2011a): Il Risorgimento dei letterati. Roma: Edizioni di Storia e Letteratura.
Silvia Tatti (2011b): «Foscolo, scrittore dell’Italia». In Alfonzetti; Cantù; Formica; Tatti 2011, 47-60.
Mirko Tavoni (2012): «Il concetto dantesco di ʿunitàʾ linguistica e le prime intuizioni di una
«nazione» italiana», in Gigante; Russo 2012, 23-48.
Marcello Teodonio (2003): «Ebrei ed ebraismo in Belli». In Onorati 2003, 45-85.
Marcello Teodonio (2005): «Introduzione». In Giuseppe Gioachino Belli: Tutti i sonetti romaneschi. A
c. di M.T. Roma: Newton Compton, I, VII-XXIII.
310 Bibliografia

Marcello Teodonio; Roberto Vighi (1991): La proverbiade romanesca di Giuseppe Gioachino Belli.
Proverbi e forme proverbiali nei versi e nelle prose del poeta. Roma: Bulzoni.
Leonardo Terrusi (2012): I nomi non importano. Funzioni e strategie onomastiche nella tradizione
letteraria italiana. Pisa: ETS.
Maria Antonietta Terzoli (1998): «Ugo Foscolo». In Malato 1998, 379-482.
Fulvio Tessitore (1969): Friedrich Meinecke storico delle idee. Firenze: Le Monnier.
Fulvio Tessitore (1984): «Cuoco e Galanti». In Giuseppe Galanti nella cultura del Settecento
meridionale. Napoli: Guida, 79-101.
Fulvio Tessitore (2002): «Cuoco lungo due secoli». In Biscardi, De Francesco 2002, 5-25.
Sebastiano Timpanaro (1983): Il socialismo di Edmondo De Amicis. Verona: Bertani.
Duccio Tongiorgi (2006): «‛Terribile e distruggitrice filosofia’: i Sepolcri nelle antologie
ottocentesche». In Barbarisi; Spaggiari 2006, II, 891-913.
Pietro Trifone (2000): L’italiano a teatro: dalla commedia rinascimentale a Dario Fo. Ist. Ed. e
Poligrafici Internazionali: Pisa.
Pietro Trifone (2008): Storia linguistica di Roma. Roma: Carocci.
Gabriele Turi (2002): «Il ’pedagogista politico’ di Giovanni Gentile». In Biscardi, De Francesco 2002,
268-286.
Marco Vanzulli (2005): «La soglia invalicabile della politica. Su Machiavelli e Vico». In Isonomia,
sez. storica, edizione online (http://www.uniurb.it/Filosofia/isonomia/2005vanzulli.pdf
20.6.2013)
Claudio Varese (1982): Foscolo: sternismo, tempo e persona. Ravenna: Longo.
Pier Luigi Vercesi (2010): «La principessa di Belgiojoso giornalista, direttore ed editore di giornali».
In Fugazza; Rörig 2010, 83-106.
Marcello Verdenelli (2007): Foscolo: una modernità al plurale. Albano (Roma): Anemone Purpurea.
Marcello Verga (2011): «Decadenza». In Banti; Chiavistelli; Mannori; Meriggi 2011, 5-18.
Valerio Vianello (2008): «ʿMeta politicaʾ e ʿutilità dell’Italiaʾ negli scritti di Ugo Foscolo. In Gli
scrittori d’Italia. Il patrimonio e la memoria della tradizione letteraria come risorsa primaria.
XI Congresso ADI. Napoli 26-29 settembre 2007. [Pubblicato online sul sito www.italianisti.it
30.04.2013]
Roberto Vighi (1975): «Le poesie italiane del Belli». In Giuseppe Gioachino Belli: Belli italiano. A c.
di R.V. Roma: Colombo, I, VII-XXV.
Giorgio Vigolo (1963): Il genio del Belli. Milano: Il Saggiatore.
Lucio Villari (2012): Bella e perduta. L’Italia del Risorgimento. Roma-Bari: Laterza. [prima ediz.
2009]
Pasquale Villani (1976): «Introduzione». In Vincenzo Cuoco: Saggio storico sulla rivoluzione
napoletana del 1799. A c. di Pasquale Villani. Bari: Laterza.
Marco Antonio Visceglia (1972): «Genesi e fortuna di un’interpretazione storiografica: la rivoluzione
napoletana del 1799 come ‛rivoluzione passiva’». In Annali della Facoltà di Magistero,
dell’Università degli Studi di Lecce. I, 1972, 163-207.
Dante Visconti (1948): La concezione unitaria dell’Europa nel Risorgimento italiano e nei suoi
prededenti storici. Milano: Vallardi.
Maurizio Vitale (1967): La questione della lingua. Palermo: Palumbo.
Ugo Volli (2008): Lezioni di filosofia della comunicazione. Roma-Bari: Laterza.
Alexandra Vranceanu (2012): «Gli scrittori esiliati e le malattie del canone. Lo strano caso di D.
Tsepeneag e Mister Pastenag». In Alexandra Vranceanu; Angelo Pagliardini (a c. di):
Migrazione e patologie dell’humanitas nella letteratura europea contemporanea. Frankfurt:
Peter Lang, 101-124.
Bibliografia 311

Daniel Winkler (in stampa): «Vittorio Alfieris theatrales Neapel. Reisen und Blicken gegen Süden aus
transarealer Perspektive revisited». In Johanna Borek; Juliane Zeiser: Theater und Theatralität
in Wien und Neapel seit dem 17. Jahrhundert. Wien, Don Juan Archiv/Hollitzer
Wissenschaftsverlag.
Owen Wright (2013): «Orientalising Italy: The British and Italian Political Culture». In Sandrock;
Wright 2013, 33-57.

Fonti Internet
http://bibliotecafilosofia.uniroma1.it/b-croce/riv_croce.htm (29.05.2013)
http://bachecabookgratis.blogspot.com/ (14.6.2013)
http://letteraturaitaliana.open-word.com/Bibliografia+di+Ugo+Foscolo&structure=Letteratura
(13.4.2013)
http://ojs.uniroma1.it/index.php/lacritica (13.5.2013)
http://ojs.uniroma1.it/index.php/quadernidellacritica (13.5.2013)
http://www.camaldolesiromani.it (16.05.2013)
http://www.cristinabelgiojoso.it (21.5.2013)
http://www.disp.let.uniroma1.it (26.11.2012)
http://www.el-ghibli.provincia.bo.it (25.6.2013)
http://www.inforoma.org (13.6.2013)
http://www.intratext.it (13.8.2013)
http://www.italianisti.it (2.8.2013)
http://www.quirinale.it (20.05.2013)
http://www.storicamente.org (13.6.2013)
http://www.treccani.it (16.07.2013)
http://www.uniurb.it/Filosofia/isonomia/2005vanzulli.pdf (20.6.2013)