Sei sulla pagina 1di 312

Angelo Pagliardini

Angelo Pagliardini
Angelo Pagliardini
Mappe interculturali della letteratura

Mappe interculturali della letteratura italiana nel Risorgimento


italiana nel Risorgimento
IIl volume rilegge il rapporto fra identità una serie di mappe letterarie interculturali
Mappe interculturali
della letteratura italiana
italiana e letteratura del Risorgimento, del Risorgimento, che mostrano come
analizzando scrittori di fasi cronologiche e gli stereotipi eroici dell’italianità siano in
tipologie testuali differenziate. Per abbat- realtà posticci e artificiali.

nel Risorgimento
tere l’idea che il Risorgimento italiano sia
una costruzione chiusa e autoreferenziale,
tutti gli autori sono stati sottoposti a una L 'Autore
griglia di domande che costituiscono i Angelo Pagliardini (Letteratura italiana
parametri della ricerca. Come si definisce all’Università di Innsbruck) si è occupato
l’identità italiana? Come contribuisce la di questioni di storia letteraria italiana Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco,
letteratura alla realizzazione nazionale
concreta? Che rapporto c’è fra unità e
interculturale e di letteratura nell’epoca
delle migrazioni. Ha compiuto ricerche
Giuseppe Mazzini,
culture locali? Come si colloca l’identità sulla poesia dialettale e sull’apporto Cristina Trivulzio di Belgiojoso,
italiana all’interno di una rete europea? Il della letteratura italiana alla letteratura
procedimento ha consentito di tracciare europea. Giuseppe Gioachino Belli

ISBN 978-3-631-64174-3

264174_Pagliardini_GR_A5HC PLE edition new.indd 1 30.08.13 12:17


Mappe interculturali della letteratura italiana nel Risorgimento
Angelo Pagliardini
Institut für Romanistik, Universität Innsbruck

Mappe interculturali
della letteratura italiana
nel Risorgimento

Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco, Giuseppe Mazzini,


Cristina Trivulzio di Belgiojoso, Giuseppe Gioachino Belli
Bibliografische Information der Deutschen Nationalbibliothek
Die Deutsche Nationalbibliothek verzeichnet diese Publikation
in der DeutschenNationalbibliografie; detaillierte bibliografische
Daten sind im Internet über http://dnb.d-nb.de abrufbar.

Gedruckt mit der Unterstützung des Vizerektorats für Forschung und


des Forschungsschwerpunkts Kulturelle Begegnungen und Konflikte

Gedruckt auf alterungsbeständigem,


säurefreiem Papier.

ISBN 978-3-631-64174-3 (Print)


E-ISBN 978-3-653-03348-9 (E-Book)
DOI 10.3726/978-3-653-03348-9

© Peter Lang GmbH


Internationaler Verlag der Wissenschaften
Frankfurt am Main 2013
Alle Rechte vorbehalten.
Peter Lang Edition ist ein Imprint der Peter Lang GmbH.
Peter Lang – Frankfurt am Main · Bern · Bruxelles · New York ·
Oxford · Warszawa · Wien

Das Werk einschließlich aller seiner Teile ist urheberrechtlich


geschützt. Jede Verwertung außerhalb der engen Grenzen des
Urheberrechtsgesetzes ist ohne Zustimmung des Verlages
unzulässig und strafbar. Das gilt insbesondere für
Vervielfältigungen, Übersetzungen, Mikroverfilmungen und die
Einspeicherung und Verarbeitung in elektronischen Systemen.

Dieses Buch erscheint in der Peter Lang Edition


und wurde vor Erscheinen peer reviewed.

www.peterlang.com
Ringraziamenti
Devo porgere un ringraziamento particolare alla Prof. Sabine Schrader per lo
stimolante confronto metodologico e per i preziosi e impagabili suggerimenti.
Sono grato per l’approfondimento del tema nel dibattito seguito al mio intervento
al Circolo Filologico Linguistico Padovano, nella seduta del 18 aprile 2012; quindi
ringrazio sentitamente il Prof. Furio Brugnolo e il Prof. Gianfelice Peron per avermi
invitato.
Indice

1.1. RISORGIMENTO E LETTERATURA ITALIANA: COORDINATE STORICHE ............ 11

1.1. Premessa .................................................................................................................................... 11


1.2. Scelta del corpus........................................................................................................................ 11
1.3. Le tappe storiche e letterarie ................................................................................................... 12
1.3.1. Italia napoleonica: il ruolo di Foscolo e Cuoco ....................................................................... 13
1.3.2. La Restaurazione: l’esilio europeo di Foscolo, Mazzini e Trivulzio ....................................... 16
1.3.3. Le rivoluzioni del 1848 ........................................................................................................... 18
1.3.4. La nascita del Regno d’Italia ................................................................................................... 20
1.3.5. Le ultime tappe dell’unificazione italiana ............................................................................... 21
1.4. Scrittori e identità italiana ....................................................................................................... 22

2. COORDINATE PER LE MAPPE DELLA LETTERATURA NEL RISORGIMENTO ........ 25

2.1. Premessa .................................................................................................................................... 25


2.2. Storia letteraria nazionale ....................................................................................................... 26
2.3. Dalla storia alla geografia letteraria ....................................................................................... 29
2.4. Una griglia di coordinate per le mappe letterarie del Risorgimento ................................... 31
2.4.1. La definizione di identità ......................................................................................................... 31
2.4.2. Il ruolo della letteratura ........................................................................................................... 32
2.4.3. Il rapporto con le identità locali............................................................................................... 35
2.4.4. Letteratura e identità europea .................................................................................................. 37

3. UGO FOSCOLO, ESULE PERENNE, E LA COSTRUZIONE DELL’IDEA DI «ITALIA»


NELLA DIMENSIONE EUROPEA, IN RAPPORTO DIALETTICO CON L’EPOPEA
NAPOLEONICA ................................................................................................................................. 45

3.1.Premessa ..................................................................................................................................... 45
3.2. Coordinate biografiche ............................................................................................................ 47
3.3. Ugo Foscolo definisce l’identità italiana fra il ricordo della classicità greca e le utopie di
una rivoluzione napoleonica ........................................................................................................... 50
3.3.1. Identità nazionale e confine ..................................................................................................... 50
3.3.2. Il giacobinismo di Foscolo: identità nazionale e ideali di libertà ............................................ 52
3.3.3. Il mito dell’identità nazionale.................................................................................................. 54
3.3.4. Il ruolo identitario della lingua ................................................................................................ 55
3.4. Letteratura e definizione identitaria: il «canone nazionale» secondo Foscolo .................... 60
3.4.1. Classicismo e letteratura italiana ............................................................................................. 61
3.4.2. Impegno civile e canone letterario italiano ............................................................................. 68
3.4.3. Il ruolo di poeta nazionale ....................................................................................................... 73
3.5. Sintesi unitaria delle differenze locali: il colpo d’occhio dell’esule ...................................... 75
3.6. Identità italiana e appartenenza europea secondo Foscolo................................................... 78
8 Indice

3.6.1. Cultura dell’esilio e identità europea....................................................................................... 80


3.6.2. La matrice culturale classica e l’identità europea.................................................................... 86
3.6.3. Verso un canone europeo della letteratura .............................................................................. 87

4. VINCENZO CUOCO, DA NAPOLI A MILANO ALLA RICERCA DELL’IDENTITÀ


ITALIANA ........................................................................................................................................... 91

4.1.Premessa ..................................................................................................................................... 91
4.2. Coordinate biografiche ............................................................................................................ 92
4.3. «Italia» e «italiani» negli scritti di Vincenzo Cuoco .............................................................. 94
4.3.1. Esilio e ricerca dell’identità italiana ........................................................................................ 94
4.3.2. Italia pre-romana come modello identitario per l’Italia napoleonica ...................................... 97
4.3.2. Identità linguistica italiana ...................................................................................................... 99
4.4. Il ruolo della letteratura e del giornalismo come fattori d’identità nazionale .................. 101
4.4.1. Alla ricerca di un canone nazionale....................................................................................... 101
4.4.2. Letteratura, identità e valori etici........................................................................................... 103
4.4.3. Letteratura e identità italiana: l’eredità classica. ................................................................... 106
4.4.4. Pedagogia dell’identità nazionale .......................................................................................... 108
4.5. Vincenzo Cuoco e la costruzione unitaria a partire dalle identità locali ........................... 110
4.5.1. La resistenza all’omologazione ............................................................................................. 111
4.5.2. La ricchezza delle identità locali ........................................................................................... 113
4.5.3. La varietà dialettale ............................................................................................................... 115
4.6. Identità italiana nel contesto dell’Europa napoleonica ....................................................... 115
4.6.1. Europa e cultura illuministica napoletana ............................................................................. 116
4.6.2. Rivoluzione francese e identità europea ................................................................................ 117
4.6.3. Italia ed Europa nella Repubblica napoletana del 1799 ........................................................ 120
4.6.4. Europa e antichità classica .................................................................................................... 121

5. LETTERATURA ITALIANA E IDENTITÀ EUROPEA NEL «SISTEMA» DI GIUSEPPE


MAZZINI ........................................................................................................................................... 129

5.1.Premessa ................................................................................................................................... 129


5.2. Coordinate biografiche .......................................................................................................... 129
5.3. Mazzini e la letteratura .......................................................................................................... 130
5.4. La definizione dell’identità nazionale secondo Mazzini ...................................................... 131
5.4.1. Religione e identità nazionale ............................................................................................... 131
5.4.2. Libertà e repubblica ............................................................................................................... 136
5.4.3. La dimensione storico-geografica dell’identità nazionale ..................................................... 137
5.5. Il ruolo civico e identitario della letteratura italiana .......................................................... 140
5.5.1. Dante poeta nazionale ........................................................................................................... 141
5.5.2. Canone letterario e valori civici ............................................................................................ 144
5.5.3. Identità italiana: letteratura ed esilio ..................................................................................... 148
5.6. Elementi identitari locali e regionali nella costruzione nazionale unitaria secondo Mazzini
......................................................................................................................................................... 151
5.6.1. Identità nazionale e Stati italiani pre-unitari ......................................................................... 153
5.6.2. Il rapporto fra le culture locali e l’identità nazionale ............................................................ 155
Indice 9

5.7. Mazzini fra identità nazionale ed Europa. ........................................................................... 156


5.7.1. Identità europea e religione ................................................................................................... 158
5.7.2. La costruzione di una mappa dell’identità europea ............................................................... 159
5.7.3. Letteratura ed Europa ............................................................................................................ 161

6. DEFINIZIONE INTERCULTURALE DELL’IDENTITÀ ITALIANA NELL’OPERA DI


CRISTINA TRIVULZIO DI BELGIOJOSO E CANCELLAZIONE DEL RISORGIMENTO
AL FEMMINILE .............................................................................................................................. 169

6.1. Premessa .................................................................................................................................. 169


6.2. Coordinate biografiche .......................................................................................................... 170
6.3. Ricezione e stato attuale della critica .................................................................................... 171
6.4. Identità nazionale e storia italiana al femminile .................................................................. 173
6.4.1. Unità territoriale e geografica................................................................................................ 173
6.4.2. Base democratica dell’identità italiana.................................................................................. 176
6.4.3. Metafora «patria come famiglia» .......................................................................................... 182
6.4.4. Religiosità e identità nazionale.............................................................................................. 185
6.5. Giornalismo, letteratura e azione politica nel Risorgimento .............................................. 194
6.5.1. Giornalismo come pedagogia nazionale ................................................................................ 194
6.5.2. Letteratura e identità nazionale ............................................................................................. 197
6.5.3. La messa in scena del proprio personaggio ........................................................................... 209
6.6. Differenze locali e identità nazionale ................................................................................... 211
6.7. La dimensione europea: l’identità nazionale fra Parigi e Istanbul .................................... 214
6.7.1. L’esilio come dimensione identitaria europea ....................................................................... 214
6.7.2. Una cultura per l’identità europea ......................................................................................... 215
6.7.3. Parigi centro della cultura europea ........................................................................................ 216
6.7.4. Verso la frontiera dell’Europa, alle origini della cultura comune ......................................... 217
6.7.5. L’Europa vista da Oriente ..................................................................................................... 222
6.7.6. Europa e identità migrante .................................................................................................... 225

7. GIUSEPPE GIOACHINO BELLI: LA «PLEBE» DI ROMA DI FRONTE ALL’ITALIA E


ALL’EUROPA .................................................................................................................................. 229

7.1.Premessa ................................................................................................................................... 229


7.2. Coordinate della vita e dell’opera di Belli ............................................................................ 229
7.3. Belli e la dimensione culturale e politica del Risorgimento ................................................ 233
7.3.1. La delegittimazione del potere papale ................................................................................... 233
7.3.2. La legittimazione delle riforme di Pio IX e del Risorgimento .............................................. 245
7.3.3. La rappresentazione dello spazio identitario ......................................................................... 246
7.4. Rappresentazione (dialettale) dell’italianità: lingua, cultura, letteratura......................... 247
7.4.1. Belli e la tradizione letteraria italiana.................................................................................... 247
7.4.2. Belli scrittore italiano e il «libro» dei Sonetti romaneschi. ................................................... 249
7.5. Le identità linguistiche, culturali e sociali locali .................................................................. 255
7.5.1. Giochi, superstizioni e tradizioni popolari. ........................................................................... 257
7.5.2. Archeologia e urbanistica romanesca. ................................................................................... 264
7.5.3. Roma e la storia sacra. ........................................................................................................... 269
10 Indice

7.6. Belli e la cultura europea ....................................................................................................... 275

8. CONCLUSIONI ............................................................................................................................ 287

BIBLIOGRAFIA ............................................................................................................................... 291

Bibliografia primaria .................................................................................................................... 291


Bibliografia secondaria ................................................................................................................. 298
Fonti Internet ................................................................................................................................. 311
1.1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate
storiche
1.1. Premessa
Nella definizione dei processi di elaborazione concettuale per la costruzione
dell’identità nazionale italiana, la letteratura entra in gioco come un solido punto di
riferimento. A proposito del nesso peculiare fra letteratura e identità nazionale il
filologo e poeta Giosue Carducci dichiara esplicitamente 1:
Quando il principe di Metternich disse l’Italia essere una espressione geografica, non aveva
capito la cosa; ella era una espressione letteraria, una tradizione poetica. [...] Io non so se sia
vero ciò che il Villemain racconta, che il governo austriaco vietasse certa volta a Milano la
recita della canzone all’Italia: ma, se lo fece, certo n’ebbe ragione, benché ormai fosse tardi.
(Carducci, Tomba di Francesco Petrarca, 15)
Il giudizio carducciano si colloca a pochi anni dal coronamento istituzionale di tale
prospettiva culturale e letteraria, dopo la cosiddetta «breccia di Porta Pia», che ha
comportato il (ri-)congiungimento di Roma all’Italia come capitale, il 20 settembre
1870, una data tradizionalmente indicata come conclusione del Risorgimento, cioè del
processo storico-politico e movimento culturale che ha portato la realizzazione,
geograficamente concreta, di uno Stato nazionale italiano 2. Per quanto riguarda
l’interpretazione storica, il dibattito diverge su questo punto in quanto da un lato si
sostiene che l’unificazione politica e militare dello Stato italiano abbia realizzato
concretamente una costruzione concettuale e identitaria secolare, dall’altra che, dopo
la formazione dello Stato italiano, si sia cercato un significato identitario culturale da
attribuire al nuovo soggetto statale 3. Nel nostro lavoro non intendiamo intervenire
sulle interpretazioni storiche generali del Risorgimento italiano, bensì analizzare il
ruolo assegnato alla letteratura e la funzione attiva degli scrittori nella costruzione
d’identità che ha preceduto e accompagnato la realizzazione dello Stato nazionale.

1.2. Scelta del corpus


Di fronte a una visione dell’identità italiana, e in particolare del suo rispecchiamento
letterario, basata su una persistente idea di unitarietà, primato e autoreferenzialità,
riteniamo opportuno andare alla ricerca di quegli elementi di rottura e contraddizione
identitaria interna che proprio nella letteratura si enucleano e si attivano. Da
un’adeguata lettura di testi centrali nella letteratura del Risorgimento emerge la
tensione avvertita nel costruire, su base letteraria e culturale, il fondamento di un

1 Il discorso è pronunciato ad Arquà, oggi Arquà Petrarca, in occasione del quinto centenario della
morte del poeta.
2 Anche Francesco Bruni attribuisce la stessa centralità alla letteratura nella formazione di quella che
lui chiama l’«idea dell’Italia che da Roma tardorepubblicana e imperiale arriva a oggi» (Bruni
2010, 13).
3 Gilles Pécout lo ricostruisce a partire dalle divergenze presenti fra i protagonisti del Risorgimento
(Pécout 2011, 189-194).
12 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

progetto di unificazione politica che non aveva precedenti storici diretti. Per questo
abbiamo scelto cinque scrittori protagonisti del Risorgimento con ruoli molto diversi e
appartenenti a fasi cronologiche differenti del processo. Essi hanno contribuito nelle
loro opere a costruire, analizzare e promuovere l’identità nazionale italiana, con i
mezzi della letteratura, e le loro cinque voci, in parte discordi, mostrano sia
l’orientamento corale seguito per contribuire alla costruzione nazionale, sia le
dissonanze e le contraddizioni di tale processo.
La costruzione dell’identità italiana ha fatto uso della letteratura richiamandosi
alla tradizione letteraria italiana, ma è stato durante il Risorgimento che gli scrittori
hanno elaborato l’idea d’identità nazionale da attribuire al nuovo Stato italiano
realizzato concretamente nel 1861. Sono stati inoltre gli scrittori del Risorgimento che
hanno rivisitato e rimodulato in chiave identitaria italiana la tradizione letteraria a
partire dal Medioevo e, cercando elementi di continuità, hanno attribuito in parte
all’italianità anche la cultura classica greca e latina, che aveva avuto i suoi centri di
irradiazione nelle città italiote della Magna Grecia e nell’antica Roma.
Prenderemo in considerazione un corpus formato dalle opere di cinque autori,
rappresentativi di tipologie differenti per provenienza geografica, scrittura e azione
concreta, per cui appare proficua un’analisi in parallelo: Ugo Foscolo (1778-1827),
Vincenzo Cuoco (1770-1823), Giuseppe Mazzini (1805-1872), Cristina Trivulzio di
Belgiojoso (1808-1871), Giuseppe Gioachino Belli (1791-1863). Cuoco e Foscolo
sono esponenti della prima fase del Risorgimento, coincidente con il periodo
napoleonico, ma il primo si è integrato pienamente nelle politiche dei regimi
napoleonici, mentre il secondo ne ha combattuto il dispotismo e ha lottato come
intellettuale per denunciarne le contraddizioni. Mazzini e Trivulzio sono protagonisti
del processo di unificazione italiana culminante nella realizzazione del Regno d’Italia
nel 1861, l’uno su posizioni repubblicane e democratiche estreme, l’altra su posizioni
moderate, tuttavia entrambi sono stati esclusi dalla realizzazione concreta
dell’unificazione italiana, il primo perché portatore di istanze socialmente e
politicamente troppo aperte e avanzate, la seconda in primo luogo perché, essendo
donna, non poteva corrispondere ai prototipi dell’eroe e dello scrittore risorgimentale.
Il poeta Belli, la cui esperienza biografica e produzione poetica comprende tutte le fasi
del Risorgimento, costituisce una voce in controcanto, ufficialmente contrario al
Risorgimento, nel segreto della poesia romanesca testimone di una forte identità
culturale locale, di cui però denuncia al tempo stesso, per via letteraria, tutti i limiti.

1.3. Le tappe storiche e letterarie


Il processo storico di unificazione italiana, intrapreso alla fine del Settecento e portato
a termine nel secolo successivo, è stato denominato Risorgimento, termine che
comprende un’intrinseca contraddizione, in quanto designa come «resurrezione» una
realizzazione statale senza precedenti, non essendo mai esistito uno Stato
corrispondente al nuovo Stato italiano, una contraddizione strettamente legata al ruolo
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 13

che la tradizione culturale e letteraria è stata chiamata a svolgere 4. Sarà battezzato


Risorgimento il giornale fondato a Torino nel 1847 da Camillo Benso Conte di Cavour
(1810-1861), il futuro primo ministro del Regno di Sardegna che riuscirà a trovare la
via politico-diplomatica per realizzare militarmente l’unificazione italiana. Il termine
compare in alcuni autori della seconda metà del Settecento, come il milanese Pietro
Verri (1728-1797) (Cortelazzo-Zolli 1985, 1091), per indicare un auspicato
rinnovamento politico, ma soprattutto etico e culturale, dell’Italia, mentre sarebbe poi
diventato uno dei concetti chiave dell’azione e della storiografia 5.
Carducci mette a fuoco in questi termini l’orientamento etico e civico del
Risorgimento, di cui invita a non cosiderare solo l’aspetto politico-istituzionale:
La storia delle idee e della letteratura del Risorgimento è la ricerca e l’esposizione dei
contrasti e degli accordi fra le iniziative innovatrici e le tradizioni conservatrici nell’intento
di restaurare o d’instaurare lo spirito moderno e l’impronta nazionale nelle produzioni della
fantasia e del sentimento: storia contemporanea e consentanea all’altra d’una stessa
restaurazione o instaurazione nelle dottrine filosofiche e morali e negl’istituti e ordini
politici: comincia co ’l 1749 e va fino al 1870. (Carducci, Risorgimento 3)
Come si può notare, le contraddizioni e le interferenze fra il piano storico e quello
culturale riguardano anche la definizione dei termini cronologici del Risorgimento.

1.3.1. Italia napoleonica: il ruolo di Foscolo e Cuoco


La storiografia ufficiale italiana, affermatasi negli ultimi decenni del XIX secolo, ha
minimizzato o escluso dal processo di formazione dello Stato unitario italiano il

4 Alberto Maria Banti trova, fra le prime attestazioni della metafora religiosa del Risorgimento riferita
all’Italia, la dedica del Misogallo di Alfieri, il libello contro gli eccessi giacobini della
rivoluzione francese, in cui l’autore così si rivolge all’Italia: «[a te], che un giorno (quando ch’ei
sia) sei per risorgere, virtuosa, magnanima, libera, ed Una» (Banti 2012, 35). È interessante
notare che nel periodo napoleonico si era stabilizzato il valore positivo del termine, ma non
altrettanto il significato politico, tanto che il generale austriaco Nugent, nel 1813, esorta gli
italiani al loro «Risorgimento», intendendo con ciò la rivolta a Napoleone e il ritorno agli
antichi sovrani e al dominio austriaco in Lombardia e in Veneto, mentre Antonio Maghella,
ministro della polizia del Regno di Napoli, invita a concorrere al «Risorgimento di tutta
l’Italia», intendendo con ciò la difesa del regno napoleonico di Murat a Napoli e la lotta contro
l’Impero austriaco e le altre potenze europee che progettano la Restaurazione degli antichi
sovrani (vedi Banti 2011c, 35).
5 Per il significato del termine si registra l’uso analogo a proposito di un altro moto di liberazione e
unificazione nazionale, quello che ha interessato la Grecia, anch’esso collegato alla cultura e
alla storia dell’antichità classica, in questo caso greca, in cui tuttavia un vero e proprio Stato
greco unitario non era mai esistito. Nel 1824, dunque prima della fondazione del Regno di
Grecia, esce in Italia un’opera dell’esule greco Mario Pieri Corcirese, sulla storia della rivolta
dei Greci contro i Turchi dal titolo: Compendio della storia del Risorgimento della Grecia dal
1740 al 1824 (Pieri Corcirese 1825). Nel già citato Atlante culturale del Risorgimento si trova la
voce «Decadenza»: come presupposto logico al concetto di «Risorgimento» ci deve essere il
principio di un’identità originaria perduta e di una decadenza contro cui reagire, identificati
genericamente da Marcello Verga con il concetto di «spagnolismo» e «antispagnolismo» (Verga
2011, 15-17); si occupa del significato e della storia del termine Risorgimento anche Anna
Maria Isastia (Isastia 2011, 267-268).
14 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

periodo napoleonico, in cui, pur sotto la forte ipoteca del sostegno delle armi francesi,
per la prima volta si è arrivati alla costituzione di una Repubblica, poi Regno d’Italia,
con capitale a Milano 6. Napoleone Bonaparte (1769-1821), accolto in Italia come il
paladino degli ideali giacobini di libertà, entra trionfalmente a Milano il 15 maggio
1796, realizzando un fatto del tutto imprevedibile: la nascita di un’Italia napoleonica 7.
A Venezia Foscolo è tra i primi a celebrare Napoleone come liberatore: ancor prima
della caduta della Repubblica di San Marco varca il confine e si arruola a Bologna fra i
Cacciatori delle Alpi della Repubblica Cispadana, fondata dai soldati francesi,
mantenendo la propria condizione di militare fino alla fine dell’avventura napoleonica.
Il generale Bonaparte incoraggia la formazione di istituzioni in parte democratiche
formate da intellettuali e scrittori 8, purché restino divise e non riunite in un solo Stato
(cfr. Villari 2012, 19-21); nascono le cosiddette Repubbliche sorelle, cioè una serie di
Stati repubblicani con capitale a Genova, Milano, Bologna, Venezia, poi anche Roma
e Napoli 9.
In questa prima fase del Risorgimento «napoleonico», il laboratorio politico più
indipendente è quello di Napoli, dove la repubblica è fondata nel 1799 dal generale
francese Jean Étienne Championnet (1762-1800), ma cade sotto i colpi della
restaurazione borbonica a pochi mesi dalla fondazione. Dalla riflessione e
dall’autocritica di un protagonista nasce l’opera di Cuoco, che fa della rivoluzione
napoletana una rilettura moderata, e che cerca di elaborare un’immagine identitaria
dell’Italia da costruire, collocandola all’interno di un nuovo equilibrio europeo.

6 Le realizzazioni politiche dell’età napoleonica in Italia hanno dato l’occasione di manifestarsi alle
posizioni dei sostenitori dell’esigenza di un risorgimento dell’Italia. Una posizione particolare è
occupata dalla figura di Vittorio Alfieri (1749-1803), il poeta e drammaturgo piemontese che
acclama la Rivoluzione francese e invoca una resurrezione dello spirito nazionale e democratico
italiano, ma prende in seguito le distanze dal giacobinismo e arriva a scrivere un’opera
antifrancese, il Misogallo (Battistini 2011, 31).
7 «Designato da Carnot come sostituto di Schérer, prende il comando di un esercito disorganizzato e
privo di equipaggiamento offensivo pesante, esercito al quale il Direttorio ha affidato la
missione di una manovra diversiva a sud dell’Impero austriaco, proprio come l’armata
dell’Ovest, che deve rivolgere la sua attenzione verso l’Irlanda. In brevissimo tempo, sotto il
coendo di questo ʿgenerale che alla testa di un giovane esercito [...] che aveva dimostrato al
mondo come dopo tanti secoli Cesare e Alessandro avessero finalmente un successoreʾ (come
scrive Stendhal nell’Incipit della sua Certosa di Parma, la campagna d’Italia sarebbe diventata
ben più che una semplice concatenazione di manovre diversive» (Pécout 2011, 46).
8 A proposito della fioritura della pubblicistica e del giornalismo in Italia durante il primo Triennio
napoleonico, così osserva Guido Santato: «Il giornalismo politico del triennio, se non fu un
fenomeno quantitativamente paragonabile a quello francese, fu comunque di dimensioni
assolutamente inedite per l’Italia, e non troverà riscontri ad esso paragonabili per intensità nella
storia italiana successiva» (Santato 1990, 45).
9 Nel governo di Milano viene coinvolto il gruppo di intellettuali che, come i fratelli Pietro e
Alessandro Verri (1741-1816), si raccoglievano attorno al giornale milanese «Il Caffè» e
avevano dato vita all’Illuminismo lombardo, l’ambiente in cui si forma Alessandro Manzoni
(Santato 2003a, 23); anche il poeta Giuseppe Parini (1729-1799), autore del Giorno, satira
spietata della decadenza e mancanza di valori nella nobiltà dell’ancien régime, entra a far parte
del governo della città.
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 15

Fra i protagonisti della rivoluzione c’erano stati gli intellettuali che


rappresentavano l’elemento di continuità fra la cultura illuministica meridionale e il
giacobinismo dell’Italia napoleonica (Santato 1990, 40-41). Al giurista Francesco
Pagano e alle altre vittime della repressione borbonica, Cuoco dedica l’ultimo capitolo
del suo Saggio storico, un vero e proprio martirologio della rivoluzione.
Nel 1799, dopo la controffensiva delle potenze europee e la caduta delle
repubbliche giacobine italiane. Napoleone riprende l’iniziativa e riesce a stabilire la
sua egemonia su tutta la Penisola: Milano è la capitale della Repubblica poi diventata
Regno d’Italia. La duplice incoronazione di Napoleone a Parigi e a Milano, imperatore
dei francesi e re d’Italia, apre un nuovo corso della costruzione nazionale italiana. A
Napoli s’instaura un Regno napoleonico, guidato da Giuseppe Bonaparte (1768-1844),
fratello dell’imperatore, poi dal cognato Gioacchino Murat (1767-1815). Questo
consentirà a Cuoco di rientrare a Napoli dopo l’esilio a Milano, per partecipare
attivamente alla politica culturale del sovrano 10.
Foscolo produce i suoi capolavori poetici nell’Italia napoleonica, dal
monumentale Carme Dei Sepolcri (1807), alla tormentata scrittura delle Grazie, e
prosegue nell’attività di promozione letteraria e culturale per costruire la libertà e
l’identità italiana. Il paradigma imperiale napoleonico presenta una notevole
consonanza con la cultura del Neoclassicismo: l’intellettuale che interpreta la linea
ufficiale della cultura italiana napoleonica è Vincenzo Monti (1754-1824), prima
amico poi avversario di Foscolo 11. Come animatore della vita culturale della
Repubblica e poi del Regno d’Italia, è Monti che promuove l’iniziativa di affidare a
Foscolo il corso di retorica istituito nell’Università di Pavia, nel 1809. Ciononostante,
Foscolo rimane in rapporto polemico, con il regime napoleonico, anche se torna a
combattere con le truppe napoleoniche nel 1813, quando le milizie dell’impero
francese e del regno italico cominciano a perdere su tutti i fronti di battaglia. Nella sua
vicenda ritroviamo le tracce della contraddizione, secondo cui il dominio napoleonico,
con i suoi compromessi fra imperialismo e democrazia partecipata, ha portato, non
solo in Italia, al risveglio della coscienza nazionale.
Nella Milano napoleonica trova rifugio l’esule Cuoco, che si lega di amicizia ad
Alessandro Manzoni (1785-1873), intellettuale e scrittore alle prime prove poetiche,
acceso sostenitore dell’Illuminismo e delle idee democratiche. In quello stesso

10 Nel rapporto fra scrittori e Risorgimento, Fabio Danelon osserva che, pur condividendo
sostanzialmente tutti e tre la stessa idea di «Italia», Foscolo e Manzoni celebrano l’impresa
murattiana e deplorano la sua sconfitta a Tolentino, mentre Leopardi celebra la sua sconfitta
interpretandola come sconfitta del tiranno straniero (Danelon 2012, 176).
11 La sua traduzione italiana dell’Iliade (1811) costituisce a un tempo l’esaltazione della lingua
letteraria italiana e la celebrazione della rinascita culturale nazionale sotto l’egida imperiale
napoleonica, sullo sfondo di un primato della classicità, come osserva anche Gennaro Barbarisi:
«Intento primario del Monti fu raccontare ai contemporanei la storia della guerra troiana,
esempio eccelso e insuperabile di grandezza umana e di eloquenza, cercando nella tradizione
letteraria italiana le forme piú adeguate per una moderna narrazione epica, capace di avvincere
il lettore senza mai venir meno alla solennità del dettato. Ed era quanto (e in ciò il Foscolo
concordava pienamente con lui) non aveva saputo fare nessuno dei traduttori italiani
settecenteschi, ai quali egli, come il Foscolo) intendeva nettamente contrapporsi» (Barbarisi
2007, 178).
16 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

periodo, a Roma Belli partecipa attivamente all’Accademia Ellenica, fondata


dall’archeologo Antonio Nibby (1792-1839) nel 1809. Le attività accademiche si
pongono nel solco del recupero e della valorizzazione dell’eredità classica, di cui
rimarranno tracce anche nei sonetti in dialetto romanesco, e dell’esaltazione del ruolo
imperiale di Napoleone per la rinascita culturale e politica dell’Italia.
Dopo la sconfitta di Waterloo e la definitiva abdicazione di Napoleone, il Regno
d’Italia tenta di salvarsi, ma dovrà tornare sotto il dominio dell’Impero austriaco, nella
forma istituzionale di Regno Lombardo-Veneto. Un resoconto efficace e dettagliato di
questa vicenda, con il linciaggio e l’assassinio del primo ministro Giuseppe Prina, si
trova nel libro sulla storia lombarda attribuito a Trivulzio (Trivulzio, Storia della
Lombardia).

1.3.2. La Restaurazione: l’esilio europeo di Foscolo, Mazzini e


Trivulzio
Inizia la Restaurazione: il Congresso di Vienna (1814-1815) ridisegna la carta europea
e stabilisce il ritorno dell’Italia alla situazione precedente al dominio napoleonico. Il
processo di restaurazione comporta tre fattori che rinvigoriscono le idee del
Risorgimento: la delusione per le promesse mancate di «risorgimento» nazionale, fatte
per incitare alla rivolta contro l’imperialismo napoleonico; l’abolizione delle riforme
giuridiche e delle forme di partecipazione democratica negli Stati napoleonici; la forte
egemonia straniera, in forma di controllo poliziesco e militare contro ogni tentativo di
insurrezione o cospirazione liberale, con il dominio austriaco diretto sul Regno
Lombardo-Veneto e i presidi militari austriaci nello Stato della Chiesa. Belli
rappresenta nei suoi sonetti dialettali l’arretratezza culturale e politica, la corruzione e
il clima di oppressione poliziesca che si vive a Roma fra gli anni Venti e gli anni
Trenta dell’Ottocento: la sua produzione dialettale si colloca quasi tutta in questa fase
del Risorgimento.
Nella Restaurazione si colloca l’esilio londinese di Foscolo, che dopo la fine del
regno napoleonico non farà più ritorno in Italia, appendendo al chiodo la penna del
poeta per prendere quella del critico e del filologo. Lo scrittore in esilio si dedica alla
rielaborazione delle Grazie, epopea della storia civile e culturale dell’Italia e
dell’Europa, rimasta significativamente incompiuta e frammentaria, e scrive articoli e
saggi, in italiano e in inglese, dove affronta la riflessione sull’Italia napoleonica e sulle
linee identitarie della storia letteraria e culturale italiana.
Mazzini, che inizia in questo periodo la sua attività di critico letterario
sull’Indicatore genovese, e in seguito sull’Indicatore livornese, farà riferimento alle
idee romantiche di rinnovamento e di forte impegno della letteratura nel Risorgimento
italiano, espresse a Milano nelle pagine del Conciliatore. 12 Pur sotto la morsa del
controllo ideologico e anti-cospirativo, nella capitale lombarda il dibattito culturale si
accende sulla disputa fra Classicisti e Romantici, rispettivamente sulle pagine di due
periodici: la Biblioteca italiana, di orientamento classicista, e il Conciliatore, che

12 Il profondo significato rivoluzionario e la dimensione europea del Romanticismo sono stati


affrontati in modo panoramico da Pino Fasano (Fasano 2004).
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 17

ospita gli scritti di orientamento romantico. Quando la discussione assume una forte
valenza politica, la Biblioteca adotta una linea del tutto reazionaria, mentre il
Conciliatore, nato nel 1818 per controbattere questa linea, è costretto a chiudere dalla
censura già nel 1819.
Se alcuni aspetti del Romanticismo potevano andare incontro alla restaurazione
anti-illuministica del potere ecclesiastico e della repressione delle idee laiche e
democratiche, d’altra parte la valorizzazione dell’individuo e della sua indipendenza
dalle regole, la riscoperta dei valori popolari, cioè dei valori identitari di un popolo,
l’idea stessa di identità dei popoli, l’attenzione per le forme comunicazione culturale
rivolte al pubblico popolare, come il teatro, si scontravano frontalmente contro i regimi
instaurati in Italia dopo il Congresso di Vienna.
Dopo una prima attività giovanile di saggista e critico letterario militante, Mazzini
intraprende l’attività di ispirazione e organizzazione di moti rivoluzionari e congiure,
che gli procureranno l’esilio già nel 1831. Destinato a diventare il principale punto di
riferimento dei democratici repubblicani, di quel partito per la creazione dell’Italia
unita che voleva il massimo grado di rottura rispetto all’assetto basato su una serie di
monarchie reazionarie, Mazzini inizia dalla riflessione letteraria e culturale
l’elaborazione del proprio sistema concettuale.
L’iniziativa politica del Risorgimento, nonostante l’apparato repressivo messo in
atto dal Congresso di Vienna, aveva visto l’azione delle sette o società segrete, in
primo luogo, in Italia, della Carboneria. Già nel 1821, in seguito al pronunciamento
militare di Cadice, in Spagna, anche nel Regno delle Due Sicilie i militari insorgono e
impongono al re l’adozione della costituzione spagnola del 1812, innestando una serie
di successive rivolte e richieste di separazione della Sicilia dalla parte continentale del
Regno. Mazzini annota fra i suoi ricordi d’infanzia l’incontro a Genova, con i
proscritti del 1821 che chiedevano aiuto economico in nome della causa italiana
(Mazzini, Note 49).
Manzoni dedica una delle sue liriche più famose a questi fatti, l’ode Marzo
1821 13. Lo scrittore milanese inoltre contribuisce in modo concreto alla costruzione
nazionale italiana con la sua elaborazione letteraria e linguistica del romanzo, I
promessi sposi, pubblicato nel 1827 e riscritto, in versione linguistica rinnovata, nel
1840 (cfr. Serianni 1986) 14. Al romanzo di Manzoni, ma anche alla scelta del milanese
Carlo Porta (1775-1821) di scrivere un’epopea dialettale in milanese e di dare voce
letteraria direttamente al popolo, s’ispira la poesia dialettale di Belli: nel suo «libro» di
Sonetti romaneschi rappresenta il modo di vivere, il mondo delle idee, ma soprattutto

13 Per l’ode di Manzoni (Manzoni, Poesie 197-200) così si esprime Fabio Danelon, che vede l’Italia
sabauda e poi repubblicana (e democristiana) molto vicina all’idea nazionale espressa dal poeta
milanese: «È emblematico che uno storico di oggi, ben attento al problema dell’identità
nazionale, Ernesto Galli Della Loggia, abbia proposto sulla prima pagina del ʿCorriere della
seraʾ, il quotidiano nazionale per eccellenza, proprio il 17 marzo 2011 [150° anniversario del
Regno d’Italia, n.d.r.], le ultime quattro strofe di Marzo 1821, presentata come ʿla più bella
poesia del Risorgimentoʾ» (Danelon 2012, 191).
14 Massimo D’Azeglio pubblica nel 1841 il suo romanzo storico Niccolò de’ Lapi; per l’analisi in
chiave risorgimentale della letteratura di questo periodo si vedano i saggi di Giovanni Falaschi e
Claudio Gigante (Falaschi 2012; Gigante 2011).
18 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

l’universo espressivo del popolo romano del suo tempo, con tutte le articolazioni
sociali e culturali interne 15.
Un’altra ondata rivoluzionaria, nel 1830-1831, interessa i Ducati di Modena e di
Parma e Reggio oltre che Bologna, la Romagna e le Marche nello Stato pontificio, con
l’instaurazione di governi locali e la proclamazione a Bologna delle «Provincie unite»
d’Italia 16. In seguito a queste cospirazioni, tutte represse, si stringono i controlli delle
autorità di polizia: anche Mazzini e Trivulzio vengono banditi rispettivamente dal
Regno di Sardegna e dal Lombardo-Veneto. Costretta all’esilio all’inizio degli anni
Trenta per le sue attività illegali di sostegno alle cospirazioni delle società segrete,
Trivulzio farà di Parigi il centro della sua azione, orientata alla promozione culturale
della causa dell’unificazione italiana. A Parigi si dedica inoltre alla scrittura delle
prime opere storiche e all’attività giornalistica. Mazzini e Trivulzio, appartenenti alla
generazione successiva a quella di Foscolo e Cuoco, avranno modo di partecipare
attivamente alle vicende degli anni Quaranta fino al culmine della cosiddetta
«primavera dei popoli» del 1848-49.

1.3.3. Le rivoluzioni del 1848


La fase storica successiva del Risorgimento vedrà scoppiare le rivolte democratiche in
tutta Europa, nel 1848. In Italia, al papato autoritario e oscurantista di Gregorio XVI
(1831-1846) succede Pio IX (1846-1878), che si dimostra all’inizio incline a riforme
democratiche nello Stato della Chiesa e raccoglie i favori dei patrioti di tutta Italia 17.
Al nuovo papa va anche il pieno appoggio del cinico e sfiduciato Belli, che ne canta le
lodi nei suoi sonetti in dialetto romanesco. Il partito dei cattolici democratici moderati
aveva fra i suoi sostenitori anche Trivulzio, pur essendo i suoi scritti condannati
esplicitamente dalle autorità pontificie. A partire da gennaio 1848 in seguito a rivolte
vengono concesse carte costituzionali a Palermo, a Napoli e a Torino: le costituzioni
vengono successivamente approvate in tutti gli Stati italiani, a parte il Lombardo-
Veneto. Alla notizia di moti democratici scoppiati a Vienna, la città di Milano insorge,
e si instaura un governo cittadino dopo le cosiddette Cinque Giornate, dal 18 al 22
marzo. A Milano accorrono allora tutti i democratici, anche molti esuli, come Mazzini
e Giuseppe Garibaldi (1807-1882), e anche Trivulzio. Durante gli stessi giorni scoppia
la rivolta a Venezia, dove s’instaura un governo repubblicano retto da Daniele Manin
(1804-1857) e dallo scrittore Niccolò Tommaseo (1802-1874).
Il re di Sardegna Carlo Alberto (1831-1849), per guidare l’iniziativa nazionale ed
evitare che a Milano si gettino le basi di una futura repubblica italiana, dichiara guerra
all’Impero d’Austria. Sotto la pressione popolare e costituzionale, si organizzano corpi

15 L’operazione di Belli può essere letta alla luce di quanto intende Maria Laura Lanzillo con il
concetto «decostruire il multiculturalismo» (Lanzillo 2006, 104-108).
16 In questa occasione il poeta Giacomo Leopardi era stato eletto come rappresentante della città di
Recanati nell’Assemblea di Bologna, ma non fece in tempo a partecipare per la repressione
tempestiva della rivolta, come lui stesso scrive in una lettera indirizzata da Firenze al Comitato
di Governo Provvisorio di Recanati, del 29 marzo 1831 (Leopardi, Lettere 1397).
17 Un evento puntualmente salutato da Belli nel suo «libro» di sonetti in dialetto (Belli, Sonetti 2173).
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 19

di spedizione per la causa italiana, ufficiali oppure su base volontaria, dal Regno di
Sicilia, dallo Stato pontificio e dal Granducato di Toscana. Dopo le prime vittorie, i
piemontesi, per una serie di errori tattici e per la continua diffidenza verso i volontari,
si ritirano: il re Carlo Alberto viene considerato addirittura un traditore, in quanto
nell’armistizio cede di nuovo il Veneto, ancora indipendente, all’Impero austriaco, e
abbandona Milano per rientrare a Torino. L’iniziativa resta allora in mano ai
democratici che premono per ottenere maggiori libertà costituzionali a Firenze e a
Roma, e resistono nella difesa della Repubblica di Venezia.
Nello Stato della Chiesa, dopo che Pio IX aveva ritirato le sue truppe dalla guerra
d’indipendenza il 29 aprile 1848, consentendo ai soldati e agli ufficiali di rimanere a
combattere a titolo personale, il papa perde l’appoggio dei liberali e dei patrioti. Dopo
aver dichiarato illegittimo il governo di orientamento democratico di monsignor Carlo
Emanuele Muzzarelli, da lui stesso nominato, il papa scappa e si rifugia a Gaeta sotto
la protezione del re di Napoli Ferdinando di Borbone (1830-1859).
S’instaura così a Roma un governo democratico, cui partecipa attivamente
Mazzini, fra i triumviri alla guida dello Stato. A Roma arriva anche Trivulzio, che sarà
incaricata di dirigere il servizio delle ambulanze e degli ospedali militari, nella città
sotto l’assedio dei francesi guidati dal generale Nicholas Charles Victor Oudinot
(1791-1863). Durante il governo della Repubblica romana si trova in città anche il
poeta Belli, che proprio in quelle settimane scrive il suo ultimo sonetto, amareggiato e
sfiduciato dopo la fine delle riforme e dalle novità promosse da Pio IX al suo
insediamento 18. L’avventura «italiana» del 1848-49 finisce con la totale sottomissione
delle città insorte, in quanto a Roma i francesi entrano in città (3 luglio) e restaurano il
potere pontificio, con i difensori che si ritirano e cercano di raggiungere Venezia. La
Repubblica di Venezia resiste ancora, ma gli asburgici la stringono d’assedio sotto il
tiro delle artiglierie e in città fa la sua comparsa anche il colera, cosicché la resa arriva
il 24 agosto. Nel 1849 era ripresa l’iniziativa militare del Regno di Sardegna,
definitivamente sconfitto nella battaglia di Novara, con la successiva abdicazione di
Carlo Alberto a favore del figlio, Vittorio Emanuele II (1849-1878). Le libertà
costituzionali furono abolite in tutti gli Stati italiani, fatta eccezione per il Regno di
Sardegna. Riprendono la via dell’esilio sia Mazzini, di nuovo a Londra, che Trivulzio,
diretta verso Istanbul 19.
In Piemonte entra nella scena politica Camillo Benso Conte di Cavour, che
promuove il mantenimento delle garanzie costituzionali. Diventato capo del governo

18 Belli, Sonetti 2272.


19 In questo periodo assume grande rilievo l’attività degli esuli che denunciano di fronte all’opinione
pubblica europea i regimi scandalosamente repressivi dello Stato della Chiesa e del Regno delle
Due Sicilie. Owain Wright, nell’ambito della costruzione dello stereotipo levantino della
politica italiana, cita da un lato l’indignazione di fronte alla situazione italiana precedente
all’unificazione nazionale, dall’altro le delusioni per i caratteri autoritari della politica coloniale
del Regno d’Italia nei confronti delle regioni meridionali (Wright 2013, 44-45). Per le attività
degli esuli italiani in Inghilterra si veda anche Isabella 2009, 270-278, che afferma: «Fra il 1799
e il 1860 l’esperienza dell’esilio riguardò una parte significativa delle classi colte italiane, non
tanto in termini numerici quanto per l’importanza che quel gruppo di intellettuali esuli ebbe in
Italia e continuò ad avere all’estero nella creazione di un movimento nazionale e di una identità
nazionale» (Isabella 2011, 3).
20 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

del Regno di Sardegna nel 1852, Cavour inizia una politica italiana basata su due linee
guida: la modernizzazione tecnologica e infrastrutturale del Regno e l’inserimento
nella politica estera europea per far entrare nel gioco delle alleanze internazionali la
questione dell’indipendenza italiana.

1.3.4. La nascita del Regno d’Italia


La trama diplomatica di Cavour e l’attività pubblicistica di democratici e moderati
preparano la seconda guerra d’indipendenza, che inizia nel 1859, con l’entrata
dell’esercito austriaco nel Regno di Sardegna. Il Regno di Sardegna aveva allacciato
rapporti diplomatici molto stretti con Parigi. La controffensiva delle truppe franco-
piemontesi, sotto il comando di Napoleone III (1852-1870), consente di respingere
l’attacco e, grazie anche all’appoggio dei volontari raccolti nei Cacciatori delle Alpi
guidati da Garibaldi, il 4 giugno Napoleone III e Vittorio Emanuele II (1849-1878)
entrano a Milano, accolti dalla folla e dal tricolore italiano. Al contingente di volontari
guidati da Garibaldi fa riferimento Trivulzio nel suo romanzo breve Rachel (vedi
capitolo 6). Dopo la vittoria dei franco-piemontesi a Solferino, Napoeone III, a
sorpresa, firma con l’Impero d’Austria l’armistizio di Villafranca, che mette fine alla
guerra: la Lombardia passa al Regno di Sardegna, mentre il Veneto rimane
nell’Impero d’Austria.
Si colloca a questo punto l’impresa più popolare del Risorgimento italiano, la
Spedizione dei Mille. Garibaldi era partito con i suoi volontari da Quarto, in Liguria,
con la tacita approvazione di Cavour, sequestrando due navi, la Piemonte e la
Lombardo. Dopo la prima grande sconfitta dell’esercito borbonico a Calatafimi, inizia
il crollo di quello che era il più grande Stato italiano. Per evitare che si formi uno Stato
italiano repubblicano, l’esercito piemontese entra nello Stato pontificio, sconfiggendo
le truppe del papa a Castelfidardo. In tutta l’Italia centrale si organizzano plebisciti per
far votare l’annessione al Regno di Sardegna. Nel celebrato incontro di Teano,
Garibaldi saluta Vittorio Emanuele re d’Italia e gli cede in seguito il comando di tutto
il Meridione italiano 20.

20 La spedizione garibaldina ha lasciato vaste tracce nella memorialistica, ad esempio nel diario di
Giuseppe Cesare Abba, Da Quarto al Volturno (1880), ma l’opera letteraria che costituisce la
testimonianza più importante di questo periodo è il romanzo di Ippolito Nievo, Le confessioni di
un Italiano (1867). Lo scrittore padovano Nievo aveva scritto il suo romanzo prima di
partecipare come volontario garibaldino alla guerra in Lombardia e poi alla Spedizione dei
Mille, dove aveva ricoperto, già colonnello a ventinove anni, incarichi di amministrazione e
logistica. Inviato nel 1861 di nuovo in Sicilia per recuperare i documenti contabili, muore nel
naufragio della nave che lo riportava da Palermo a Napoli. Nel suo romanzo, attraverso la
travagliata storia della relazione fra Carlino e Pisana, offre un affresco delle vicende storiche del
Risorgimento, partendo dal punto di vista della nobiltà della provincia veneta, fra gli ultimi anni
della Repubblica di San Marco e la fine delle rivoluzioni del 1848-49, con l’incipit profetico che
pone l’accento sulla dialettica fra divisioni regionali e unità d’Italia: «Io nacqui veneziano ai 18
di ottobre del 1775, giorno dell’evangelista san Luca; e morrò per la grazia di Dio italiano
quando lo vorrà quella Provvidenza che governa misteriosamente il mondo» (Nievo,
Confessioni 3).
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 21

Il 17 marzo 1861 segna un traguardo simbolico del Risorgimento: il parlamento di


Torino sancisce la nascita del Regno d’Italia, che comprende tutte le regioni italiane
attuali, fatta eccezione di Lazio, Trentino Alto-Adige, Veneto e Friuli-Venezia Giulia.
Roma e il Lazio rimangono in mano al potere papale, sotto tutela delle truppe francesi
di stanza a Roma dal 1849, e che in questa fase sono alleate del neonato Regno
d’Italia.
Mazzini non avrà nessun ruolo nella politica del nuovo Stato, anzi si troverà a
vivere in Italia con la vecchia condanna a morte non ancora revocata, mentre lo
scrittore Manzoni, dedicatosi agli studi linguistici e alla politica culturale italiana nella
seconda metà dell’Ottocento, svolgerà un ruolo attivo nelle politiche di
alfabetizzazione e italianizzazione linguistica del nuovo Stato. Un intellettuale
destinato a un ruolo importante nella definizione dell’identità letteraria italiana è il
campano Francesco De Sanctis (1817-1883): arrestato e imprigionato a Napoli nel
1850, per aver partecipato alla rivoluzione costituzionale del 1848, andò in esilio in
Svizzera. Tornato in Italia dopo la spedizione dei Mille, entra nel primo governo del
Regno d’Italia come Ministro della pubblica istruzione. A lui si deve la Storia della
letteratura italiana, uscita fra il 1870 e il 1871, che consacra l’unificazione politica e
istituzionale italiana con l’identificazione di una linea unitaria di sviluppo della
letteratura nazionale.

1.3.5. Le ultime tappe dell’unificazione italiana


Mancano ancora due tappe dell’unificazione italiana compiutasi nell’Ottocento, cui
fanno in tempo ad assistere Mazzini e Trivulzio, pur essendone entrambi del tutto
esclusi. In quest’ultima fase il Risorgimento italiano si salda strettamente a quello
tedesco, guidato dalla Prussia, tanto che è stato fatto il paragone fra le due nazioni,
Italia e Germania, che conseguono l’unificazione nazionale entrambe nella seconda
metà dell’Ottocento 21. La diplomazia piemontese si avvicina alla Prussia e riesce a
stringere un patto di alleanza, secondo cui, in caso di guerra della Prussia contro
l’Impero austriaco, l’Italia sarebbe tempestivamente intervenuta e avrebbe ricevuto in
cambio, dopo la guerra, Venezia e il Veneto. La guerra scoppiò nel giugno 1866 ed era
già conclusa a ottobre, con la completa disfatta dell’esercito italiano, a Custoza e nello
scontro navale di Lissa, ma con le vittorie prussiane che costrinsero l’Austria alla resa.
Per il rispetto dei patti, il Veneto, con Venezia, poté essere annesso tempestivamente
all’Italia con un plebiscito.
Roma era considerata la città-simbolo della libertà italiana per il mito
dell’antichità classica come precedente dell’identità italiana, rinvigorito dalla recente
vicenda della Repubblica romana 22. A partire dal 1849 il trono del papa era sotto la
protezione diretta di Napoleone III. Anche in questo caso la svolta fu dovuta alle
vicende della Prussia, che, sconfitta la Francia nel 1870, fonda l’Impero di Germania,

21 Per un’analisi parallela dei due movimenti nazionali si veda Ara; Lill 1991.
22 Anche i cattolici liberali, pur auspicando una tutela giuridica del ruolo spirituale del papa,
consideravano una usurpazione l’esistenza dello Stato pontificio, come afferma anche Cristina
Trivulzio in uno dei suoi ultimi scritti, che verrà analizzato nel capitolo 6.
22 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

proclamato ufficialmente a Versailles. Dopo aver perso la protezione francese, Pio IX,
ormai su posizioni estreme reazionarie e autoritarie, rifiuta di arrendersi all’Italia e
provoca l’intervento armato. Con la cosiddetta «Breccia di Porta Pia», il
combattimento di fronte alla porta e il cannoneggiamento con l’apertura di un varco
sulle Mura Aureliane, il 20 settembre 1870, termina la storia dello Stato pontificio: il 1
luglio 1871, la capitale d’Italia è spostata a Roma.

1.4. Scrittori e identità italiana


L’elaborazione delle forme e dei contenuti dell’identità italiana si deve essenzialmente
agli scrittori e ai critici letterari, fra i quali hanno giocato un ruolo significativo i
cinque autori che prenderemo in esame. Il processo identitario culturale del
Risorgimento si trova già a un primo livello di elaborazione negli scritti di Foscolo e
Cuoco, che non erano arrivati a concepire concretamente la formazione di uno Stato
unitario italiano, come invece auspicheranno fin dalle prime opere Mazzini e
Trivulzio. Belli rappresenta nella sua poesia dialettale la voce del popolo di Roma,
contrario a ogni mutazione dell’ordine esistente e lontano da ogni possibile
coinvolgimento nell’identità italiana 23. Gli scrittori analizzati rappresentano tutti in
modo problematico il Risorgimento, in quanto Foscolo aderì in modo conflittuale
all’Italia napoleonica, anche se con coerenza fino all’esilio finale, Cuoco, bandito da
Napoli dopo la Repubblica del 1799, visse il suo primo periodo di attività pubblicistica
e giornalistica in esilio a Milano, Mazzini e Trivulzio, pur protagonisti delle vicende
principali del Risorgimento, furono costretti all’esilio e non coinvolti nella fondazione
dello Stato italiano, alla cui concezione avevano peraltro molto contribuito. Nel caso di
Belli siamo di fronte ad uno scrittore che rappresenta un punto di vista reazionario,
localistico e antirisorgimentale, tuttavia nella sua poesia denuncia la corruzione e i
limiti culturali del regime papale che si opponeva alla realizzazione dell’Italia.
Il greco-veneziano Foscolo ha attraversato l’esperienza problematica dei primi
Stati italiani indipendenti e democratici, sotto la protezione della Francia napoleonica,
prima repubblicana, poi imperiale. Nelle sue opere, entrate nel canone classico della
letteratura italiana, si ritrovano tutte le contraddizioni identitarie della liberazione (o
dominazione) napoleonica e delle successive repubbliche e regni italiani instaurati
durante il ventennio napoleonico in Italia. L’interesse delle sue opere per il nostro
lavoro risiede nell’intento programmatico di conciliare una serie d’irriducibili
contraddizioni: Foscolo sostiene e difende gli Stati creati da Napoleone in Italia, pur
opponendosi al dispotismo di Napoleone; codifica e certifica l’identità italiana,
collocandola al tempo stesso nella continuità con la cultura greca classica e con gli
orientamenti culturali più moderni esistenti in Europa.
Il molisano Cuoco, esule dell’effimera Repubblica napoletana del 1799, integrato
nell’amministrazione napoleonica della Repubblica d’Italia e poi del Regno di Napoli,

23 Sembra di poter applicare quanto afferma Peter Caws a proposito dell’identità in un contesto
multiculturale: «Each person’s identity is built of individual variability and of possibilities
within each dimension, compared with the total number of actual human beings who have ever
existed, are large enough to make it quite conceivable that nobody has any really near
neighbours» (Caws 1994, 381).
1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche 23

è stato scelto per la rilevanza della sua riflessione critica sull’esperimento


rivoluzionario della Repubblica «giacobina» napoletana, per l’impegno giornalistico
nella Repubblica italiana con capitale Milano e nel Regno di Napoli sotto lo scettro di
Gioacchino Murat. Nel romanzo storico Platone in Italia rivela alcuni meccanismi
molto sottili di creazione e definizione dell’identità italiana 24.
Gli scritti del genovese Mazzini mostrano come le esperienze patriottiche e
nazionali del periodo napoleonico siano state il primo laboratorio da cui sviluppare la
struttura concettuale del Risorgimento italiano storicamente inteso. Con i suoi scritti
teorici, Mazzini ha inquadrato la letteratura in un progetto di costruzione identitaria,
indicando, come farà in seguito De Sanctis, una linea unitaria della letteratura
nazionale che parte da Dante, Petrarca e Boccaccio e arriva fino all’Ottocento.
La milanese Trivulzio costituisce una testimone d’eccezione del complesso
processo di inclusione/esclusione che sta alla base della costruzione dell’identità
nazionale italiana, in quanto lei stessa, ora protagonista diretta durante le Cinque
giornate di Milano e la Repubblica romana, ora esule, prima a Parigi, poi in Turchia, si
confronta con tutti i problemi di credibilità come scrittrice, come giornalista e come
attivista politica, in quanto donna. La scrittrice può essere presa come caso esemplare
delle protagoniste e scrittrici che hanno partecipato al Risorgimento e che sono state
del tutto cancellate dalla memoria storica e dalla storia letteraria nel momento in cui,
dopo la realizzazione dell’unificazione italiana, si è creata una celebrazione ufficiale
del moto di unificazione. Questa cancellazione ha a che fare con il catalogo dei miti
costitutivi dell’identità italiana, così come sono stati recepiti e istituzionalizzati.
Attraverso l’opera di Trivulzio si può studiare il punto di vista femminile della
scrittura risorgimentale, per vedere come sia stato oggetto di riduzione rispetto alla
realtà identitaria plurale in cui si erano formati originariamente i concetti su cui si
basava l’azione concreta del Risorgimento 25.
L’opera poetica dialettale di Belli si pone su un asse opposto rispetto a quello
delle figure eroiche del Risorgimento. Nella sua poesia dialettale si ritrovano esigenze
di superamento di ogni orizzonte politico, sociale e culturale ristretto, ma al tempo
stesso la testimonianza della persistenza delle identità locali, anche le più anguste. Nel
nostro lavoro focalizzeremo l’attenzione sugli inediti Sonetti romaneschi, l’opera in
cui si concentrano gli aspetti di documentazione e di denuncia dei limiti della cultura
locale, tuttavia li leggeremo parallelamente alla sua produzione poetica in lingua
italiana, destinata alla pubblicazione e alla circolazione, e alle prose inedite da lui
lasciate. Belli non è stato né un rivoluzionario né un sostenitore dell’unificazione
italiana e della fine del potere temporale dei papi nello Stato della Chiesa, tuttavia

24 Antonino Di Francesco ricostruisce il percorso della fortuna critica di Cuoco e cerca di individuare
la via di una possibile riscoperta e rilettura attuale sia del Saggio storico che del Platone in
Italia (Di Francesco 2006, XXVI-XXXII). Nello stesso volume Annalisa Andreoni mostra
invece che fortuna e che impatto abbia avuto il romanzo epistolare di Cuoco negli anni in cui fu
dato alle stampe (Andreoni 2006, LXXV-LXXVI).
25 Silvana Patriarca ricostruisce le articolazioni culturali particolari e le sintesi necessarie alla
formazione di una identità italiana e inscrive nelle pluralità insite in questo concetto anche il
discorso inclusivo/esclusivo legato alle differenze di genere (Patriarca 2011).
24 1. Risorgimento e letteratura italiana: coordinate storiche

nella sua produzione letteraria ha saputo costruire una testimonianza sulla necessità
morale della fine di quel potere e delle sue basi culturali 26.
Abbiamo scelto autori provenienti da aree regionali diverse, per mostrare come
interagiscono appartenenze regionali e costruzione letteraria dell’identità italiana.
Foscolo proveniva da un’isola greca dipendente dalla Repubblica di Venezia, Cuoco
da Civitacampomarano, in provincia di Campobasso, alla periferia del Regno di
Napoli, Mazzini da Genova, nel Regno di Sardegna, Trivulzio da Milano, nel Regno
Lombardo-Veneto, Belli, romano, dalla capitale dello Stato della Chiesa.
Un elemento che accomuna quattro dei cinque autori scelti è l’esilio, che ha
caratterizzato la vicenda di Cuoco, e soprattutto di Foscolo, mentre Mazzini e
Trivulzio hanno scritto la maggior parte delle loro opere nei periodi di esilio all’estero,
una dimensione che analizzeremo concettualmente, e che dal punto di vista geografico
ha consentito di entrare in contatto con il dibattito culturale e politico europeo.

26 Si tratta di una lettura che era stata ad esempio effettuata da Pino Fasano in Fasano 1991. A
proposito della scelta d’includere Belli nel dibattito che verrà ricostruito nelle pagine del
presente lavoro, si dovrà ricordare che il secondo convegno internazionale belliano, tenutosi a
Roma nel 1984, aveva per tema generale: G.G.Belli romano, italiano ed europeo (Merolla
1985).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel
Risorgimento

2.1. Premessa
Niccolò Machiavelli (1469-1527), in un momento in cui si vedeva escluso dalla vita
pubblica, e non aveva speranze migliori per il futuro dell’Italia, nell’ultimo capitolo
del Principe, il più teso e politicamente intenso, auspica una «redenzione» dell’Italia,
sotto la guida dei Medici, con l’adozione di una metafora religiosa molto vicina a
quella che sarà adottata in seguito, il Risorgimento (Machiavelli, Principe 95), guarda
alla tradizione letteraria e a Petrarca per trovare una legittimazione culturale al suo
disegno politico italiano e chiude il capitolo con i versi dalla canzone Italia, mia,
rivolta ai signori e principi italiani, invitati da Petrarca a cessare le guerre intestine e a
liberarsi delle truppe straniere presenti in Italia: «Virtù contro a furor / Prenderà
l’arme; e fia ’l combatter corto: / Ché l’antico valore / Negli italici cor non è ancor
morto» (Machiavelli, Principe, 98).
Con un’analoga operazione filologico-politica, nella fase incerta del Risorgimento
che segue le fallite insurrezioni costituzionali del 1830-31, Mazzini, in esilio a Londra,
cerca il conforto culturale della tradizione letteraria. Per questo pubblica l’edizione
commentata della Commedia, ancora inedita, realizzata da Foscolo, a sua volta esule
sul Tamigi dopo la fine dell’Italia napoleonica (Alighieri-Foscolo, Commedia) 1.
Su questa linea si colloca De Sanctis, che con la sua Storia della letteratura
italiana (De Sanctis 1871-72), elabora per lo Stato italiano la prima storia letteraria
nazionale, in cui pone al centro dello sviluppo storico della letteratura Dante e
Petrarca. De Sanctis era stato rivoluzionario, prigioniero politico dei Borboni, quindi
esule, ma aveva poi partecipato da protagonista alla creazione del nuovo Stato italiano,
diventando Ministro della Pubblica Istruzione: anche per lui l’identità nazionale
realizzata politicamente deve basarsi sul patrimonio della tradizione formato dalla
storia letteraria 2. Per questo motivo costruisce un modello esemplare di canone
letterario nazionale.
In questo capitolo inquadreremo il nostro studio nell’ambito delle riflessioni più
rilevanti sul canone letterario nazionale, sviluppate a partire dall’Ottocento fino al
dibattito contemporaneo, in cui si registra la necessità di considerare in modo più
aperto e pluralistico la storia letteraria italiana. Definiremo inoltre i rapporti fra i
concetti di cosmopolitismo e nazione, che vengono elaborati in Italia e in Europa a

1 Thies Schulze osserva: «Der Grund, weshalb Mazzini den Italienern die Göttliche Komödie ans Herz
legte, lag in der geschlossenen Zielsetzung, die er dem Werk Dantes unterstellte. Das Vorhaben,
Italien zur Nation und zum Ausgangspunkt eines neuen europäischen Zivilisationsprozesses zu
formen, habe allen Werken des Dichters zugrunde gelegen» (Schulze 2005, 42).
2 Per la ricostruzione di questa preistoria dell’Italia è molto ricco e suggestivo il volume collettivo
curato da Claudio Gigante ed Emilio Russo, frutto del convegno del Centro Pio Rajna tenutosi a
Roma nel 2011 (Gigante; Russo 2012).
26 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

partire dal periodo napoleonico, destinati a giocare un ruolo specifico nella costruzione
dell’identità nazionale italiana. In funzione di ciò elaboreremo la griglia di parametri
che guiderà, nei capitoli successivi, l’analisi dei singoli autori del nostro corpus.

2.2. Storia letteraria nazionale


Ci sono due caratteristiche nella costruzione delle nazioni nel corso dell’Ottocento che
si ritrovano accentuate nell’ambito del Risorgimento italiano 3: la lunga durata
cronologica della tradizione letteraria italiana, preesistente alla costituzione di uno
Stato italiano unitario, e non legata necessariamente a essa; il forte contributo della
letteratura alla creazione identitaria nazionale 4. Se l’espressione nazione italiana si
trova già nel Cinquecento, tuttavia il processo di codifica dell’identità nazionale e il
legame di questa con la lingua e con la letteratura s’inserisce in pieno nell’insieme dei
«risorgimenti» ottocenteschi, da quello greco a quello tedesco (Putzu 2012, 15-19). In
seguito all’enfatizzazione del concetto di «popolo», non in senso sociale, quanto
piuttosto culturale e identitario, proprio del Romanticismo, si fa strada il principio di
identità nazionale. Tale presa di coscienza era stata fra le cause del fallimento
dell’Europa napoleonica, ma la Restaurazione non ne terrà conto e per questo entrerà
in crisi l’equilibrio europeo sancito nel Congresso di Vienna e, alla fine dell’Ottocento,
vacilleranno anche i grandi imperi transnazionali.
La novità e la peculiarità della storia letteraria di De Sanctis rispetto a quelle
precedenti, come quella pubblicata pochi anni prima, nel 1865, da Cesare Cantù
(1804-1895), è la narrazione per via letteraria del processo di formazione nazionale.
Pur collocandosi nell’alveo del Romanticismo e affermando l’esistenza di una
letteratura e cultura italiana (Cantù 1865, X), Cantù dichiara esplicitamente la
continuità di questa storia letteraria con la sua precedente Storia della letteratura

3 «The process moved forward relatively slowly in the economically leading countries of England and
France, precisely because these countries had already robust self-images. Gustave Lanson’s first
great French literary history was published only in 1895, in the aftermath of France’s defeat by
Prussia in 1870-71. In Germany, Italy, some Scandinavian, and most East-Central European
cultures the institutionalization progressed faster because these societies wanted to further their
national identity: constructing a national literature was in these countries a major contribution to
the struggle for a national language, culture and political independence» (Cornis-Pope;
Neubauer 2004, 8).
4 Recentemente si è riproposto in studi e convegni il tema dell’identità nazionale italiana e in
particolare dell’apporto della letteratura alla creazione e alla definizione di tale identità. Per
quanto riguarda i volumi miscellanei, mi limiterò qui a citare Ascenzi; Melosi 2008; Tatti 1999;
Alfonzetti; Cantù et al. 2011; Fedi; Capecchi 2010. Fra le monografie da segnalare Bruni 2010 e
Banti 2011a; si pone in termini forti la questione del rapporto fra letteratura e identità nazionale
nel volume in cui Mariasilvia Tatti va alla ricerca delle coordinate letterarie del Risorgimento
(Tatti 2011a). Secondo Fabio Danelon, l’idea letteraria di «Italia», consolidatasi nell’opera dei
tre classici Foscolo, Leopardi, Manzoni, ha fortemente influenzato la costruizione del Regno
d’Italia sotto la dinastia sabauda: «La stessa idea di patria in Foscolo resta in fondo retorico-
poetica, su fondamenta pariniano-alfieriane, come denuncia l’Ortis stesso. È costantemente
collegata a immagini di una storia classica mitizzata, come nel Leopardi dei primi canti o nel
Manzoni giacobino, del Trionfo della libertà in particolare» (Danelon 2012, 183).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 27

latina. La sua storia letteraria inizia con un capitolo dedicato alle origini della lingua
italiana: «Anche nel maggior fondo del medioevo le scienze e le lettere non perirono in
Italia; anzi qui può dirsi conservato quanto sopravviveva della antica coltura» (Cantù
1865, 1). Tuttavia già Cantù va alla ricerca di una cesura che possa distinguere la
storia letteraria nazionale e afferma, riferendosi alla letteratura latina medievale «vi
mancava l’impronta caratteristica che deriva da uno sviluppo spontaneo, e che discerne
i lavori d’una nazione da quelli d’un’altra» (Cantù 1865, 2). A differenza di Cantù, De
Sanctis compone un quadro unitario dalle analisi critiche e dalle singole informazioni
storico-letterarie, con un disegno narrativo in cui gli elementi filologici e letterari sono
ricondotti alla formazione etica e morale di una comunità nazionale. È un processo che
De Sanctis fa partire dalla letteratura in volgare siciliano del Duecento, per arrivare
alla letteratura romantica contemporanea:
Il dialetto siciliano era già sopra agli altri, come confessa Dante. E in Sicilia troviamo
appunto un volgare cantato e scritto, che non è più dialetto siciliano, e non è ancora lingua
italiana, ma è già, malgrado gli elementi locali, un parlare comune a tutt’i rimatori italiani, e
che tende più e più a scostarsi dal particolare del dialetto, e diventare il linguaggio delle
persone civili.
La Sicilia avea avuto già due grandi epoche di coltura, l’araba e la normanna. Il mondo
fantastico e voluttuoso orientale vi era penetrato con gli arabi, e il mondo cavalleresco
germanico vi era penetrato co’ Normanni, che ebbero parte così splendida nelle crociate.
(De Sanctis 1871-72, I, 6)
Con la sua opera De Sanctis definisce il processo di costruzione dell’identità nazionale
italiana per via letteraria. L’idea storico-letteraria dello sviluppo unitario della
letteratura nazionale, nel caso dell’Italia, è stata sovrapposta a una storia plurisecolare
di divisioni interne, di conflitti e di forti identità locali. È questo il nucleo centrale del
discorso narrativo che trova espressione nella Storia della letteratura italiana di De
Sanctis, che Quondam giudica «il più grande ʿromanzo storicoʾ di quella stagione,
perché attraverso la letteratura sa narrare splendidamente l’epopea di tutto un popolo
alla conquista della propria identità: proiettata nel futuro» (Quondam 2005, IX).
La concezione di un’identità nazionale italiana spiccata e unitaria attraversa, come
vedremo, tutto il Risorgimento, e affonda le sue radici nella filosofia di Giambattista
Vico (1668-1744), e in particolare nei suoi Principi di una Scienza Nuova intorno alla
natura delle nazioni, la cui ultima versione risale al 1744, un testo che ricorre come
lettura di riferimento negli scrittori che analizzeremo:
Però qui si dànno gli schiariti princìpi come delle lingue così delle lettere, dintorno alle
quali ha finora la filologia disperato [...]. L’infelice cagione di tal effetto si osserverà ch’i
filologi han creduto nelle nazioni esser nate prima le lingue, dappoi le lettere; quando
(com’abbiamo qui leggiermente accennato e pienamente si pruoverà in questi libri)
nacquero esse gemelle e camminarono del pari [...], le lettere come le lingue. (Vico, Scienza
Nuova 270)
I principi di Vico avranno una fortuna particolare nell’Ottocento e verranno
considerati dai protagonisti del Risorgimento italiano il fondamento della cultura
nazionale 5; essi sono in consonanza con l’idea europea di nazione, basata

5 A proposito dell’acquisizione di Vico nel pantheon dell’identità storico-culturale italiana, vorremmo


qui citare De Sanctis che ne parla in questi termini nella sua Storia della letteratura italiana:
28 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

sull’identificazione dei popoli come singoli soggetti, individuati da lingua e cultura,


che trova riscontro nei filosofi del Romanticismo tedesco, da Fichte a Hegel a von
Humboldt (Putzu 2012, 17).
Nel dibattito seguito all’unificazione nazionale una concezione idealistica di storia
letteraria nazionale viene promossa da Carducci e ripresa organicamente da Benedetto
Croce (1866-1952). Secondo il filosofo italiano, l’arte e la letteratura come somma di
momenti lirici, in cui entra in campo il principio dell’intuizione, sfuggono a una
codifica che ne analizzi lo sviluppo diacronico, fino alla separazione di «poesia» e
«letteratura», comprendendo nella prima la manifestazione estetica pura, scissa dalle
vicende storiche e sociali, e nella seconda le tecniche espressive e l’aspetto
istituzionale della letteratura e dell’arte 6. Premessa filologica del sistema crociano era
stato il metodo carducciano, che alla storia letteraria aveva sostituito l’analisi
monografica del singolo autore o del singolo testo. A proposito della storia letteraria
italiana, Carducci nei discorsi Dello svolgimento della letteratura nazionale ci offre
una serie di immagini forti e suggestive, con cui mette a fuoco in quadri successivi le
varie epoche letterarie, dal Medioevo fino alla fine del Rinascimento, che dal suo
punto di vista rappresenta la fine della grande letteratura italiana e il passaggio del
testimone dall’Italia agli altri paesi europei per quanto riguarda la guida culturale
dell’Occidente:
Spettacolo che altri potrà dir vergognoso e che a me apparisce pieno di sacra pietà, cotesto
di un popolo di filosofi di poeti di artisti, che in mezzo ai soldati stranieri d’ogni parte
irrompenti séguita accorato e sincero l’opera sua di civiltà. Crosciano sotto le artiglierie di
tutte le genti le mura che pur videro tante fughe di barbari: guizza la fiamma intorno ai
monumenti dell’antichità, e son messe a ruba le case paterne: la solitudine delle guaste
campagne è piena di cadaveri: e pure le tele e le pareti non risero mai di più allegri colori,
non mai lo scalpello disascose dal marmo più terribili fantasie e forme più pure, non mai piú
allegre selve di colonne sorsero a proteggere ozii e sollazzi e pensamenti che oramai
venivano meno; e il canto de’ poeti supera il triste squillo delle trombe straniere, e i torchi di
Venezia di Firenze di Roma stridono all’opera d’illuminare il mondo. (Carducci, Letteratura
nazionale 160-161)

«Era la resistenza della coltura italiana, che non si lasciava assorbire, e stava chiusa nel suo
passato, ma resistenza del genio, che cercando nel passato trovava il mondo moderno. Era il
retrivo che guardando indietro e andando per la sua via, si trova da ultimo in prima fila, innanzi
a tutti quelli che lo precedevano. Questa era la resistenza di Vico. Era un moderno, e si sentiva e
si credeva antico, e resistendo allo spirito nuovo, riceveva quello entro di sè.» (De Sanctis 1871,
II, 68)
6 La distinzione viene codificata nel volume di Croce sulla «poesia», risalente al 1936, non a caso
dedicato alla memoria di De Sanctis e Carducci, che inizia con le parole: «Nella coscienza
estetica odierna si è venuta incidendo sempre più profonda la differenza tra ‛poesia’ e
‛letteratura’» (Croce 1966, 5). La distinzione fra «poesia» e «letteratura» era stata applicata nel
libro dedicato alla letteratura barocca (Croce 1929), in seguito in parte superata con la formula
«poesia letteraria» in una nota del 1950 pubblicata nei Quaderni della critica: «La distinzione di
una poesia maggiore e di un’altra minore, di una superiore e di un’altra inferiore, urta nel
dilemma: - O è poesia o non è; la misura non si presta a misure ed è pari solo a se stessa: - [...].
Quest’altra cosa, che superficialmente guardando viene confusa e scambiata con lei, è stata
variamente denominata, ora ʿpoesia piacevoleʾ, ora ʿdilettantescaʾ, ora ʿumanisticaʾ, ora ʿpoesia
sulla poesiaʾ [...]. Meglio adatto è dunque dirla ʿpoesia letterariaʾ, perché nella letteratura essa
veramente rientra [...]» (Croce 1950, 91).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 29

Lo storicismo desanctisiano e l’idealismo carducciano hanno generato lo stereotipo di


una letteratura italiana storicamente lineare e fortemente unitaria e compatta, una
successione di autori e di opere ricondotte in uno sviluppo coerente, fatto di tappe
consecutive, quello che Carducci definisce «fluire maestoso di questo fiume divino»
(Carducci, Letteratura nazionale 57).

2.3. Dalla storia alla geografia letteraria


Tutto ciò ha fatto perdere di vista gli aspetti plurali dell’identità letteraria italiana,
legati alla geografia culturale della Penisola, alla storia di una rete policentrica, con
forti peculiarità locali e parzialmente non comunicanti. Recentemente il dibattito su
questo tema del pluralismo identitario italiano è stato ravvivato dall’attenzione agli
aspetti peculiari dell’identità nazionale italiana, alla ricerca di ciò che consente di
guardare alle differenze regionali e socio-culturali con un colpo d’occhio unitario, ma
senza annullarle 7. La messa a fuoco della presenza di elementi centrifughi che rendono
problematica una visione coerente e unitaria dell’identità italiana porta la riflessione a
esiti molto fecondi. Lo storico Walter Barberis, in un suo recente saggio, individua il
«Bisogno di patria» degli italiani, percepito come deficit identitario dagli osservatori
stranieri come dagli italiani stessi nel corso della storia, fino all’epoca contemporanea.
Ebbene, secondo Barberis, questo vulnus, se considerato consapevolmente come
carattere peculiare può aprire una prospettiva di arricchimento culturale,
controbattendo l’analisi sconfortata della situazione italiana degli anni Venti
dell’Ottocento, così afferma lo studioso:
Che l’Italia non avesse Stato e spirito pubblico, che vivesse di superstizione e di
individualismo, era un dato inconfutabile; che quello la distinguesse da altre situazioni e la
penalizzasse, che la caduta da momenti alti di civiltà la facesse oggetto di sguardi curiosi
come una società primitiva era nel senso comune. E ardua sarebbe stata negli anni a venire
la risalita; forse a tutt’oggi incompiuta. Tuttavia, una delle risorse della società italiana era
stata e sarebbe rimasta proprio nell’altra faccia di quella stessa medaglia: nella composita
associazione di culture regionali, nello scambio e nell’integrazione fra centri e periferie
molteplici e differenti, nel contagio proficuo fra un mezzogiorno orientaleggiante e africano
e un settentrione variamente proteso verso il centro e il nord dell’Europa. (Barberis 2004,
125)
Questa dialettica fra continuità e discontinuità e il rapporto con l’eredità classica sono
stati variamente interpretati dagli studiosi intervenuti nel dibattito. Amedeo Quondam
mette in evidenza l’«anomalia» della ricerca di un’originaria identità italiana nella
romanità classica, in quanto non si hanno origini italiche con peculiarità preromane o
antiromane, né la classicità latina può essere considerata prerogativa italiana, anche se
in tal senso si sono mossi i vari nazionalismi nostrani, e in qualche misura anche il
Risorgimento stesso (Quondam 2008, 6). A conclusioni diverse arriva Francesco
Bruni, che ricerca la genesi dell’idea di «Italia» partendo dalla costruzione culturale
legata al principato di Augusto (Bruni 2010). In un precedente contributo, Quondam
individuava all’interno del concetto di identità italiana il gioco dialettico di una serie di

7 Potremmo citare i volumi collettivi Tatti 1999 e Carpentieri; Pagliardini; Tasser; Zybatow 2010.
30 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

miti e di anti-miti, da quello di un’alterità originaria perduta, appunto quella romana,


alla «primavera italica dell’età delle libertà comunali» (Quondam 2005, VIII), cui si
contrappongono i secoli della decadenza, della soggezione agli spagnoli, e le tenebre
della Controriforma e dell’influsso negativo derivante dalla presenza del Papato. Su
questa prospettiva di decostruzione della linea narrativa, diacronica e unitaria, della
letteratura italiana, si pone Remo Ceserani, che individua nel testo di De Sanctis i nodi
irrisolti e la rimozione di tutte quelle pluralità e aperture presenti nella storia letteraria
e culturale italiana:
Vediamo anzitutto la storia culturale e letteraria italiana sotto l’aspetto della geografia. Da
questo punto di vista, quello che ci consegnano i tradizionali manuali di storia letteraria è un
tentativo continuo e disperato di ridurre a unità una molteplicità che è spesso, addirittura,
particolarismo, frammentarietà, separatezza fra realtà geopolitiche e culturali fortemente
differenziate. […] Quel che si perde, in questi casi, è il grande numero di situazioni
particolari e locali che caratterizza la realtà sociale e culturale italiana, la quantità di
frontiere interne. (Ceserani 1990, 65)
Si tratta di una lettura al plurale della storia letteraria italiana che trae origine dal
saggio fondamentale di Carlo Dionisotti, che nel 1967 aveva introdotto il concetto di
«geografia e storia della letteratura italiana» (Dionisotti 1967), per indicare come sia
stato riduttivo leggere l’identità italiana in termini troppo unitari. Lo studioso separa
esplicitamente quella che era stata una costruzione concettuale, nata per conferire una
convalida storico-letteraria alla realizzazione dello Stato nazionale italiano, dall’analisi
dei fenomeni letterari e culturali italiani, prodotto in un sistema policentrico fin
dall’inizio della storia letteraria italiana 8. L’impostazione di Dionisotti è stata ripresa
negli anni Ottanta del secolo scorso con la Letteratura italiana diretta da Alberto Asor
Rosa 9.
Nel nostro lavoro prenderemo in considerazioni queste letture pluralistiche della
storia letteraria italiana per individuare il ruolo specifico della letteratura nella
costruzione dell’identità italiana nell’Ottocento. Lo storico della cultura Alberto Maria
Banti, studiando i paradigmi concettuali alla base del Risorgimento, ha codificato
alcuni «simboli figurali» o «persistenze di lungo periodo» associati al concetto di
«nazione italiana», che permangono fino al fascismo e oltre: «famiglia», «comunità

8 Il saggio di Dionisotti parte dalla storia letteraria di De Sanctis e ne misura sul campo il valore
ripercorrendo, con attenzione alla geografia letteraria, le vicende e gli autori principali, per
arrivare all’affermazione: «A questo punto può essere provvisoriamente conclusa una sommaria
revisione del processo unitario che di una letteratura toscana ha fatto una letteratura
linguisticamente e geograficamente italiana. La durata e la complessità del processo
testimoniano per sé della sua importanza storica. Si può discutere se quel che in una letteratura
piú importa, l’offerta che essa reca di umana poesia, soffra o no distinzioni e definizioni di
spazio e di tempo. Ma discutibile non sembra il principio che, ove a tali distinzioni e definizioni
per qualunque motivo si ricorra, esse debbano farsi avendo riguardo alla geografia e alla storia,
alle condizioni che nello spazio e nel tempo stringono ed esaltano la vita degli uomini»
(Dionisotti 1967, 45).
9 Lo studioso, che ha concepito la Letteratura italiana da lui diretta in termini anti-narrativi, illustra
questa impostazione in uno dei saggi iniziali (Asor Rosa 1986, 90-102).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 31

sessuata», «martirio-sacrificio religioso» 10. I concetti elaborati da Banti per descrivere


la mitogenesi del Risorgimento italiano si orientano verso una direzione monoculturale
di identità nazionale, in quanto essi costituiscono i macro-riferimenti culturali che
hanno orientato le direttrici principali della storia politica e sociale dell’Italia unita, pur
con momenti di discontinuità, fino all’epoca contemporanea. Nel nostro lavoro ci
proponiamo di ritagliare e approfondire il ruolo della letteratura nella genesi di tali
miti identitari, mostrando che, se andiamo alle origini della costruzione identitaria
italiana operata dal Risorgimento, possiamo reperire le tracce di una diversa
costruzione d’identità, orientata al plurale, che non presenta i caratteri monoculturali
ed esclusivi che Banti ha acutamente individuato e descritto negli sviluppi successivi.

2.4. Una griglia di coordinate per le mappe letterarie del


Risorgimento
La domanda di fondo che ci poniamo è in che misura la costruzione identitaria che è
stata alla base del Risorgimento ha potuto conciliarsi con la presenza di componenti di
multiculturalità. La questione presenta risposte molteplici e particolarmente proficue
nel dibattito contemporaneo, in quanto il multiculturalismo è diventato una chiave di
lettura indispensabile del contesto identitario attuale 11. La verifica dell’applicabilità di
questo tipo di categoria alla formazione culturale che ha accompagnato la
realizzazione del Risorgimento ci pare fondamentale per la comprensione del ruolo
della letteratura nella costruzione unitaria dell’identità italiana, all’interno dell’Europa
ottocentesca. Al fine di verificare questo schema interpretativo, applicheremo alla
figura e all’opera di ogni autore una griglia di analisi formata da quattro assi: anatomia
della definizione d’identità italiana, funzione della letteratura nella costruzione
identitaria, rapporto fra identità unitaria e articolazioni culturali locali, apertura delle
frontiere identitarie verso il contesto europeo.

2.4.1. La definizione di identità


Il primo parametro della nostra analisi consiste nella definizione dell’identità italiana
secondo gli autori presi in esame. Il nostro corpus comprende l’opera di Foscolo e
Cuoco, due scrittori e intellettuali che hanno preso parte attivamente, pur con posizioni
differenti, alla costruzione «italiana» sostenuta e protetta dalle armi napoleoniche.

10 Si fa riferimento a Banti 2004, ma anche a certi aspetti particolari già presentati in Banti 2000.
Infine in Banti 2011b si offre una sintesi dello schema concettuale elaborato nei saggi
precedenti.
11 Nel saggio introduttivo a un volume dedicato nel 1994 al «multiculturalismo» così scrive David
Theo Goldberg: «Multiculturalism and commitments to cultural diversity emerged out of this
conflictual history of resistance, accommodation, integration, and transformation. Accordingly,
no sooner had multicultural demands and aspirations begun to be articulated than they were
imparted multiple and conflicting interpretations, meanings, and implication. Broadly
conceived, multiculturalism is critical of and resistant to the necessarily reductive imperatives of
monocultural assimilation» (Goldberg 1994a, 7).
32 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

Intendiamo così risalire alle origini della creazione e definizione dei miti
risorgimentali, agli anni degli esperimenti «italiani» nell’ambito dell’Europa
napoleonica 12. Per la prima volta, gli intellettuali si sono trovati a dover conferire un
significato culturale e letterario a soggetti istituzionali e politici concreti che si
definivano, almeno in parte, come «italiani». Con la realizzazione di una Repubblica e
poi di un Regno d’Italia, pur non comprendente tutta la Penisola, alle proiezioni ed
elaborazioni concettuali degli intellettuali corrispondeva un soggetto politico e
istituzionale, alla cui realizzazione gli intellettuali erano chiamati a collaborare. Dopo
aver analizzato che contenuto aveva l’idea di «Italia» per questi due autori passeremo
in rassegna l’opera di uno scrittore e una scrittrice attivi nel periodo che va dalla
Restaurazione alle varie tappe dell’unificazione politica italiana: Mazzini e Trivulzio.
Il primo è stato soprattutto studiato come ispiratore politico e ideologico del
Risorgimento e come organizzatore di cospirazioni e moti rivoluzionari, ma accanto a
ciò è centrale l’interesse da lui manifestato per la letteratura e in particolare per il
rapporto fra letteratura, costruzione nazionale ed Europa. Trivulzio, su posizioni
ideologiche differenti e più moderate, ha avuto un ruolo rilevante di sostenitrice e
animatrice del Risorgimento, e al tempo stesso è stata attiva su più fronti della
scrittura, come scrittrice e giornalista, oltre che direttrice e finanziatrice di giornali.
Tuttavia la sua opera e la sua attività sono state oggetto di studi specifici oppure
orientati nel campo della letteratura e della storia femminile. Sarebbe invece
importante a nostro avviso analizzarla all’interno del dibattito letterario a lei
contemporaneo e valutarne a pieno il rilievo letterario e culturale.
Nei loro scritti potremo seguire l’evoluzione della concezione di identità italiana
nel corso delle varie fasi del Risorgimento, prima fra fasi alterne di successi e
insuccessi, quindi con la realizzazione dell’unificazione italiana. Analizzando l’opera
di Belli, si cercherà la conferma o la smentita dello stesso paradigma, e cioè in che
misura anche il poeta romanesco, in italiano ma soprattutto in dialetto, elabori una
qualche forma d’identità italiana.

2.4.2. Il ruolo della letteratura


Il secondo parametro della nostra griglia di analisi s’incentra sul ruolo attribuito alla
letteratura come catalizzatore nella costruzione di un’identità nazionale. Il binomio
«letteratura» e «identità nazionale» è stato oggetto alla fine degli anni Novanta di un
ciclo di lezioni di Ezio Raimondi, poi raccolte in volume (Raimondi 1998), in cui la
riflessione sulla costruzione del canone letterario nazionale parte significativamente da
De Sanctis e si chiude (meglio sarebbe dire si apre) nel capitolo finale con la raccolta
di saggi Letteratura e vita nazionale di Antonio Gramsci, passando per Benedetto
Croce. L’idea di fondo è che sia stata costruita una letteratura nazionale, rivelatasi non

12 Mauro Pala osserva: «Anche l’idea di democrazia fece la sua comparsa nel mondo occidentale in
una forma nazionale, ma, nonostante l’iniziale corrispondenza fra l’idea di nazione e quella di
assetto democratico – proclamata nell’apologia dell’egalité –, allorché un altro dei fondamenti
della nazione, la sovranità, venne riaffermata per enfatizzare il potere di un popolo, ovvero di
un’etnia, l’originale equivalenza fra democrazia e nazione si dissolse» (Pala 2012, 59).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 33

aderente al referente sociale e culturale cui fa riferimento il canone letterario.


L’Ottocento è stato il secolo della canonizzazione della letteratura nazionale: nel
nostro lavoro vedremo come si pongono gli autori esaminati di fronte alla
configurazione di un canone nazionale, a che criteri rispondono le scelte relative al
canone, che funzione nazionale hanno dato alla letteratura da essi prodotta 13.
L’operazione di costruzione di un canone nazionale ufficiale ha avuto come reazione,
nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, la nascita di un movimento che contro quel
canone si poneva e si proponeva la costruzione di un «anti-canone»: la Scapigliatura.
Questo elemento di assoluta novità del movimento milanese di fine Ottocento è stato
evidenziato per la prima volta da Sabine Schrader, che mostra come gli scapigliati non
si pongono contro i classici dell’Ottocento per questioni inerenti alle caratteristiche
letterarie interne dei testi, bensì il loro obiettivo è proprio denunciare l’artificiosità di
un canone letterario ufficiale costruito come unitario e forzatamente coerente, e
sostenere che tale canone deve essere al contrario modernizzato ed europeizzato 14.
Tutti e cinque gli autori da noi analizzati hanno espresso, teoricamente o
direttamente nella propria produzione letteraria, un’idea specifica del binomio
«letteratura» e «identità nazionale». Nel corso del Risorgimento, un elemento costante
è stato il giudizio negativo sulla letteratura non dotata di una funzione etico-
pedagogica, non portatrice di valori civici, in altri termini la letteratura espressa nelle
epoche storiche di maggiore asservimento della società italiana alla dominazione
straniera o al controllo ecclesiastico, dalla fine del Cinquecento all’inizio del
Settecento 15. Misureremo il fenomeno della costruzione di un canone letterario

13 Mauro Pala, nello studio appena citato, ricorre al concetto bachtiniano di «cronotopo» per definire i
rapporti concettuali fra storia della letteratura e costruzione dell’identità nazionale: «La scelta
del cronotopo per designare la relazione variabile al cui interno si manifestano non una, ma idee
plurime di nazione è legata alla versatilità dell’ipotesi epistemologica bachtiniana. Senza
privilegiare né gli indicatori cronologici, né quelli spaziali, il cronotopo è esclusivamente il sito
di un’intersezione: l’assenza di una natura sostanziale è la sua forza, poiché l’accoppiata
inscindibile di spazio e tempo condensa così la dimensione empirica del Mitwelt attraverso una
serie di immagini emblema di ʿmomenti di vita così essenziali e grandiʾ da rasentare
l’ineffabile» (Pala 2012, 54).
14 «Umso überraschender ist die Hartnäckigkeit der Negativkanonisierung der Scapigliati. In der Tat
stellen diese bis heute eine negative Folie für die italienische Kanonbildung dar, d. h. sie dienen
der Begründung des nationalen Kanons ex negativo. [...] Dank der vielen intertextuellen und
intermedialen Bezüge auf die europäische Literatur und Malerei, die ein herausragendes
Kennzeichen ihrer Poetik sind, tragen die Scapigliati maßgeblich zur Europäisierung und damit
auch zur Modernisierung der italienischen Kultur bei. Besonders ihre produktive Rezeption der
französischen Kultur verhält sich dabei diametral entgegengesetzt zum hegemonialen nationalen
Kulturbegriff seit der Einigung» (Schrader 2013, 9).
15 Andrea Battistini mette in evidenza come, a partire dal Settecento, si costruisca un canone
nazionale italiano che esclude la letteratura considerata accademica e chiusa in sé stessa, mossa
solo da una preoccupazione retorica interna, e si legano queste caratteristiche alla situazione
storico-politica dell’Italia, parzialmente dipendente da una o più potenze straniere, un
pregiudizio sulle manifestazioni più formali della letteratura che sarà radicato fino alla storia
letteraria di Francesco De Sanctis (Battistini 2011, 33-34); Mauro Pala nel suo studio sulla
strutturazione concettuale del nodo letteratura-identità nazionale osserva: «In questa verifica
degli ideali cui la nazione dovrebbe ispirarsi, la letteratura si pone nel solco di una funzione
pedagogica che compete precisamente alla nazione: in altre parole, la letteratura illumina l’idea
34 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

«civico» e nazionale negli autori esaminati, osservando anche le eventuali diffrazioni


da questo sistema in un poeta come Belli, da noi assunto nel corpus, almeno in parte,
come controcanto rispetto alle tendenze più generalizzate nel Risorgimento. Sullo
sfondo delle istanze di rinnovamento, non solo letterario, presenti nel Romanticismo,
la nostra analisi mostrerà anche l’impossibilità di innalzare una frontiera netta fra
classici e romantici, in quanto il riferimento ideale alla classicità latina e greca si
ritrova nei nostri autori anche in relazione alle idee politiche e culturali più innovatrici:
da questo punto di vista lo scritto più emblematico è il Carme dei Sepolcri di Foscolo.
Un oggetto della canonizzazione letteraria e patriottica risorgimentale è costituito dal
mito di Dante poeta nazionale italiano. Peter Herde, partendo dalla ricostruzione dello
scontro medievale fra Guelfi e Ghibellini, individua nel Neoguelfismo non solo un
partito nel dibattito politico Risorgimentale, bensì una sorta di categoria di lunga
durata della cultura italiana, fortemente innervata nel dibattito politico fino all’inizio
del Novecento (Herde 1997). Diversa la prospettiva del recente studio di Thies
Schulze, che ricostruisce come nel Risorgimento si sia costruito, a livello letterario,
culturale e infine politico, un vero e proprio mito di Dante patriota italiano, una
costruzione in cui Foscolo e Mazzini hanno giocato un ruolo centrale. Schulze mostra
come Dante sia stato letto e reinterpretato come profeta dello Stato nazionale italiano:
il politico medievale ha sofferto la condanna e l’esilio per gli stessi mali contro cui
combattono i protagonisti del Risorgimento, le discordie interne e gli eserciti stranieri
presenti in Italia; il poeta ha dato all’Italia il poema epico nazionale e la lingua 16.
Mazzini, se da un lato investe tanto nell’azione o meglio nell’orientamento politico
dell’azione rivoluzionaria, dall’altro si occupa direttamente di critica e teoria letteraria
e vede nella letteratura, come anche nella pittura e nella musica, un sussidio
imprescindibile per la costruzione della nazione italiana (Mastellone 2000, 133-140).
È necessario a questo punto precisare quali sono i rapporti fra il canone letterario
ottocentesco e gli autori del corpus da noi analizzato. Si tratta di autori che, a parte
Mazzini e Belli, si sono dedicati sia alla produzione letteraria in senso stretto, in prosa
o in versi, sia alla pubblicistica o alla trattatistica. Che le frontiere di genere letterario
fra il giornalismo e la letteratura sono estremamente permeabili è stato affermato con
dovizia di argomenti da Alberto Asor Rosa (Asor Rosa 1999, 189-90), ma nel nostro
lavoro la scelta intende recuperare un valore aggiunto nell’uso di tipologie testuali non
strettamente letterarie 17. Nella ricerca dello specifico rapporto fra letteratura e

– o le idee – di nazione che possono evidenziarsi soltanto attraverso un complesso, spesso


contraddittorio, dispiegarsi cronologico» (Pala 2012, 50).
16 Thies Schulze analizza la progressiva fama di Dante come poeta nazionale italiano a partire
dall’epoca napoleonica, fino al compimento dell’unificazione italiana: «An den Kriegen für die
italienische Einheit hatten sich viele Schriftsteller beteiligt. Das Hauptwerk Dantes war als
ʿBibelʾ der italienischen Nation eine bevorzugte Lektüre der kämpfenden Literaten: So soll
Ippolito Nievo, der sich als Autor diverser patriotischer Schriften Garibaldis Zug der Tausend
angeschlossen hatte, stets eine kleine Ausgabe der Divina Commedia mit sich geführt haben»
(Schulze 2005, 90).
17 A proposito dell’importanza del giornalismo nel dibattito culturale e letterario dopo la metà del
Settecento, Giuseppe Ricuperati afferma: «L’aumento di istruzione secondaria e professionale
fa supporre un salto di qualità rispetto al secolo precedente. È un pubblico che vive la lettura
non solo come una scelta solitaria, ma anche organizzata in una fitta rete di accademie
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 35

costruzione di un patrimonio identitario nazionale, la vicenda biografica stessa e


l’attività pubblicistica di autori come Foscolo, Cuoco e Trivulzio hanno giocato un
ruolo non trascurabile. Nel caso di Mazzini, la focalizzazione continua del discorso
politico sulla tradizione letteraria e culturale, oltre alla produzione saggistica che ha
per oggetto la critica letteraria, rendono assai pertinenti alla nostra analisi i suoi testi,
siano essi proclami politici, saggi letterari, articoli giornalistici o saggi storico-
culturali. Inoltre il misticismo laico presente nella sua comunicazione politica rende
molte delle sue pagine vicine al genere letterario classico dell’oratoria. Nel caso di
Belli, si è scelto di indagare in primo luogo la produzione poetica inedita in dialetto e
quella pubblicata in lingua italiana, con l’uso delle altre prose non destinate alla
pubblicazione con valore documentario o per l’approfondimento di temi solo accennati
nei testi poetici. Nell’opera di Belli, di cui il libro incompiuto e inedito dei Sonetti
romaneschi costituisce l’apice dell’elaborazione poetica e concettuale, porta alla luce
certe contraddizioni interne del processo di unificazione nazionale che è importante
analizzare per evitare di dare un’immagine troppo idealizzata del Risorgimento come
operazione culturale. I testi di Belli ci mostrano quindi ambiguità e contraddizioni
nell’appartenenza al canone letterario italiano.

2.4.3. Il rapporto con le identità locali


Il terzo parametro del nostro schema di analisi è il rapporto fra identità nazionale e
particolarità locali, potremmo dire, in metafora, fra centralismo e federalismo
culturale. Già alla fine degli anni Settanta, Alfredo Stussi dedicava un volume
miscellaneo al rapporto fra la letteratura e le culture regionali in Italia, con una serie di
fotografie della storia letteraria italiana al plurale, dalla Toscana del Duecento al
Piemonte dell’Ottocento. Stussi richiama come precedente illustre della propria
iniziativa Croce che aveva promosso, fra il 1909 e il 1926, la pubblicazione sulla
rivista «La Critica» di saggi dedicati alle culture regionali contemporanee 18.
A proposito dell’affermazione dell’idea di patria italiana e delle riflessioni sul
rapporto fra unità d’Italia e federalismo, inteso in senso istituzionale e in senso
culturale e geografico, sarà interessante ricordare l’elaborazione concettuale in
proposito, non solo nelle opere di Vincenzo Cuoco, ma anche in altri protagonisti del
Triennio giacobino, come Carlo Botta (1766-1837), Matteo Angelo Galdi (1765-
1821), o Melchiorre Gioia (1767-1829). Il dibattito aveva ricevuto un impulso
particolare dal concorso indetto, dall’Amministrazione della Repubblica Cisalpina nel

provinciali, in società di ʿcivil conversazioneʾ, con diversa specializzazione cetuale, dal salotto,
al club, al caffé, alla bettola; che magari forgia il suo linguaggio politico nelle logge, che
gestisce i teatri locali, che si prepara a moltiplicare i gabinetti di lettura, i quali esploderanno nel
secolo successivo. Di questo mondo fanno parte anche le donne, alcune delle quali superano la
scrittura privata e segreta e si fanno, come Elisabetta Caminer Tura e più tardi Eleonora Fonseca
Pimentel, giornaliste consapevoli emancipate e militanti» (Ricuperati 2003, 52-53).
18 Le indicazioni bibliografiche di questi saggi sono in Stussi 1979a, 1-2; gli autori dei contributi
vanno dallo stesso Croce, ad Alessandro Casati, a Giovanni Gentile e a Gioachino Brognoligo
(tutti gli articoli sono consultabili sul sito Internet http://bibliotecafilosofia.uniroma1.it/b-
croce/riv_croce.htm – 29.05.2013).
36 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

1796, per iniziativa dello stesso Napoleone, sul tema: Quale dei governi liberi meglio
convenga alla felicità d’Italia. Le proposte inviate al concorso si dividono fra i fautori
di uno Stato italiano unitario e i sostenitori di uno Stato federale, costituito da regioni,
da repubbliche o da regni: si trattava di una prima prova generale per tastare il polso
sul problema di unificare le tante differenze sociali, culturali e geografiche italiane, in
quanto il concorso non era limitato a chi faceva parte degli Stati già liberati dai
francesi, bensì aperto a tutti gli italiani (cfr. Formica 2011, 220-225).
Attraverso la letteratura, da un lato ci si fa carico di queste differenze e si cerca di
aprire la strada al superamento, dall’altro si registrano le reazioni e le resistenze delle
differenze e peculiarità locali 19. Si tratta di uno dei nodi cruciali nella costruzione di
una base identitaria comune, come osserva anche Mariasilvia Tatti:
Nella fase delle celebrazioni postunitarie e fino ad anni recenti, gli intrecci tra letteratura e
politica sono stati prevalentemente ricostruiti attraverso delle categorie omologanti, legate a
schemi interpretativi tradizionali – da De Sanctis a Carducci, a Croce – che erano utili
all’intento celebrativo della stagione risorgimentale, ma che vanno contestualizzati e che
risultano ora poco funzionali a comprendere pienamente il Risorgimento italiano e a
rispondere al tentativo, diffuso soprattutto negli ultimi anni, di negare il valore identitario e
nazionale della stagione risorgimentale.» (Tatti 2011a, 1)
Esiste una tensione che attraversa tutta la storia culturale e d’Italia, quella fra «patria»
e «nazione» non coincidenti. Il Risorgimento effettua una rilettura «patriottica» per
arrivare a una identificazione unitaria del contenuto da dare al concetto di nazione e
patria italiane 20.
La definizione identitaria si è confrontata con un’operazione di reductio ad unum
di specificità locali e regionali, che non era solo frammentazione politica in tanti Stati
diversi, ma anche pluralità di tradizioni, di culture, oltre che pluralità linguistica, fatta
eccezione per la lingua letteraria comune, appannaggio di una ristretta cerchia

19 Significative a questo proposito le parole che Roberto Antonelli premette alla nuova edizione della
Letteratura italiana del Risorgimento, del 2011, dove si interrroga sulla scelta di Contini di
costruire un canone incentrato su quattro autori «maggiori», Monti, Foscolo, Leopardi e
Manzoni, e sul significato di «letteratura del Risorgimento»: «Una letteratura che se pure
prodotta in molteplici Stati regionali, con interessi economico-politici e culturali autonomi e
spesso conflittuali, si costituì quale codice scritto sostanzialmente comune, o comunque
comprensibile, l’elemento di un minimo immaginario ‛italiano’ condiviso e di una possibile
comunicazione e riflessione solidale» (Antonelli 2011, 5). A proposito del rapporto fra culture
dialettali e lingua letteraria, Nicola De Blasi offre un punto di vista particolare, mostrando come
il patrimonio lessicale della lingua letteraria italiana si sia arricchito con molti termini ereditati
dai differenti dialetti italiani (De Blasi 2012).
20 A questo proposito Franca Sinopoli, mettendo in relazione patria ed esilio a proposito della
costruzione della nazione italiana, illustra il nesso particolare fra i due concetti di patria e
nazione: «La differenza fra ʿpatriaʾ e ʿnazioneʾ è stata individuata nell’essere quest’ultima una
comunità politica e allo stesso tempo una proiezione identitaria in senso forte, mentre alla
ʿpatriaʾ andrebbe riconosciuta, secondo gli storici, un’antecedenza non solo cronologica ma
logica, essendo essa un luogo fisico e un insieme di manufatti culturali (verbali e non) destinati
a produrre una sicurezza esistenziale, basata sul carattere dell’affinità tra i membri di una
comunità» (Sinopoli 2011, 378-79).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 37

d’intellettuali 21. Per sottolineare questo aspetto abbiamo inserito nel nostro corpus
anche un autore come Belli, che da un lato sperimenta una vita letteraria pubblica e
ufficiale, in parte anche artificiosa, pubblicando versi in lingua italiana, dall’altra
costruisce il suo «monumento» poetico in dialetto, prendendo come oggetto la
rappresentazione della comunità sociale e culturale che lui chiama «plebe di Roma»,
imitandone e riprendendone il linguaggio culturale e il dialetto.

2.4.4. Letteratura e identità europea


Il quarto parametro della nostra analisi mira a collocare la costruzione identitaria
nazionale in rapporto alla visione di un quadro europeo. Il periodo di origine del mito
risorgimentale coincide con l’epoca napoleonica in cui entrano in conflitto il
cosmopolitismo illuministico e le idee di nazione. Nel corso dei non lineari processi
politico-istituzionali, che si succedono fra la nascita delle repubbliche giacobine filo-
napoleoniche, a partire dal 1796, e l’annessione di Roma all’Italia, nel 1870, esistono
fattori di condizionamento politico che spingono verso una definizione identitaria netta
e univoca, basata sull’esclusione e sulla distinzione. La cultura ufficiale italiana ha
conferito alla definizione della storia letteraria italiana un profilo orientato su una
chiusura all’interno delle frontiere, con una sorta di autarchia culturale, in nome di una
presunta superiorità ed eccellenza autoreferenziale 22. Nel nostro lavoro si faranno
riemergere, nell’azione e nell’opera degli scrittori italiani analizzati, gli elementi di
una visione dell’identità nazionale definita nel quadro di una sovra-ordinata identità
europea 23. Un punto di riferimento importante è lo storico Friedrich Meinecke, con il
suo studio sul rapporto fra cosmopolitismo e stato nazionale, dove individua due
categorie di Stati-Nazione 24. La prima comprende quei soggetti che devono la propria

21 Claudio Gigante presenta la posizione di Massimo d’Azeglio, che prima dell’unificazione italiana
aveva molti dubbi sulla possibile integrazione in uno Stato di tutte le regioni italiane, in
particolare di quelle meridionali, e dopo la nascita del Regno d’Italia poneva al centro del
dibattito la necessità dell’integrazione, «far l’Italia» (Gigante 2012, 405-406).
22 Risultano ancora attualissime le parole di Carlo Dionisotti: «Fra Otto e Novecento, nella lunga e
inquieta pace, il sistema accademico italiano si applicò a difendere e promuovere la tradizione
nazionale, unico fondamento storico di un regime minoritario sovrapposto a una larga
maggioranza eterogenea» (Dionisotti 1988b, 62).
23 Non manca nel dibattito critico contemporaneo l’esigenza di recuperare questa dimensione
interculturale della letteratura italiana, focalizzando la dinamica del rapporto con la cultura
europea; nel 2003, per il Convegno Nazionale dell’Associazione degli Italianisti è stato scelto il
tema «Letteratura italiana, letterature europee» (Baldassarri; Tamiozzo 2004),
24 Per la ricezione del pensiero storicistico di Meinecke in Italia Fulvio Tessitore si sofferma
soprattutto sul rapporto con il nazionalsocialismo, che Meinecke analizza e interpreta
mettendolo in relazione con la storia tedesca nel suo insieme; riguardo alle categorie da noi
riprese, lo storico italiano scrive: «Problema dello Stato e problema dell’individuo
costituiscono, infatti, le dimensioni antropologiche dell’esperienza storica, di quell’esperienza
che forma oggetto specifico d’indagine d’una moderna storia delle idee politiche e sociali. In
tale direzione il discorso ʿpoliticoʾ sullo stato, inteso come uno dei momenti polari dell’alterità
su cui si fonda ʿl’organizzazioneʾ costitutiva della persona, si lega con il discorso metodologico
sulle possibilità storicistiche della storia delle idee» (Tessitore 1969, 7-8).
38 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

identità nazionale a un apparato politico-militare strutturato per un lungo arco


cronologico su un territorio ben definito («Staatnationen»), la seconda è riferita a
quegli Stati la cui identità nazionale si affida a fattori culturali e religiosi
(«Kulturnationen») 25.
Al fine di applicare alla nostra analisi questa categoria d’indagine, occorre
distinguere preliminarmente le idee di «cosmopolitismo» e di «Europa», nel sistema
concettuale dei nostri autori. Un concetto da introdurre a questo punto è quello di
confine, in quanto la definizione di un’identità nazionale italiana passa senz’altro per
quella di frontiera 26. Nel momento in cui la letteratura è chiamata ad arricchire ma
anche a strutturare culturalmente il patrimonio identitario di una comunità nazionale,
assumono un valore assoluto le frontiere, viste come termini di un processo binario di
esclusione/inclusione, con la cancellazione di ogni zona grigia. Nella dinamica fra
centro e periferia, la storia dell’Italia è stata caratterizzata dalla mancanza di un centro
unico, una presunta necessità culturale già indicata da Dante Alighieri nel De vulgari
eloquentia, che non ha trovato nessuna realizzazione successiva. In quest’ottica di
mancanza di una capitale che potesse anche costituire il centro attorno cui si aggrega la
vita culturale nazionale, subentra la logica dell’impero, secondo cui si guarda oltre le
frontiere e si cerca un punto di riferimento che sia il centro di un’aggregazione più
ampia 27.
Fra il Seicento e il Settecento la creazione della cosiddetta repubblica delle lettere,
erede dell’Umanesimo, ha costituito una sorta di comunità ideale in cui si sono
collocati gli scrittori e gli intellettuali in quanto tali, muovendosi al di fuori della

25 Meinecke 1915, 1-4; come esempi di Kulturnationen Meinecke dà proprio l’Italia e la Germania,
mentre Francia e Inghilterra sono da lui considerate come appartenenti a entrambe le categorie.
26 Monika Schmitz-Emans così descrive l’operazione culturale della costruzione di frontiera: «Gehe
es nun um kulturelle und soziale oder um symbolische Grenzen: Über Grenzen zu sprechen,
bedeutet über Prozesse der Kartierung des Unterscheidens und Subsumierens, der Festlegung
von genera proxima und spezifischen Differenzen zu sprechen – und damit nicht zuletzt über
die Konstitution von Umwelten, von ʿLebensweltenʾ. Innerhalb von deren Grenzen verortet
wird traditionellerweise das Eigene und Vertraute, außerhalb situiert wird demgegenüber das
Unvertraute, das als Fremdes wahrgenommen und entsprechend markiert wird» (Schmitz-
Emans 2006, 38).
27 Tale problematica ricerca di un centro come riferimento culturale della letteratura italiana persiste
nel Novecento, tanto che all’argomento dedica spazio il progetto di Storia letteraria del
Novecento diretto da Ezio Raimondi (Raimondi 2004). Nel capitolo dedicato al rapporto fra
tradizione letteraria e letteratura fra le due guerre, Roberto Fiorini si sofferma sul ruolo
ricoperto da Firenze, Trieste e Roma come centri di rispettivi moti che si proponevano di
strutturare un certo orientamento culturale, senza nessun esito esclusivo e decisivo (Fiorini
2004, 202-203); Gian Luigi Beccaria così scrive nell’Introduzione al volume da lui curato su
Letteratura e dialetto: «La nostra storia è frazionata in mille storie comunali e provinciali
dialetticamente attive e partecipi al dialogo con la cultura della nazione. Per secoli i nostri centri
regionali sono stati portatori di una mentalità culturalmente autonoma; se non egemone,
certamente avanzata, di avanguardia. [...] Ancora nel secondo Ottocento, a unificazione
avvenuta, un piemontese, un lombardo, un siciliano continuano a esperimentare la drammatica
scelta tra dialettale e libresco, tra naturale e culto, tra koinè e mediazione dialetto-lingua, tra
equilibrio puristico e mistilinguismo provocatorio» (Beccaria 1983, 2).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 39

logica della frontiera 28. Uno dei maestri di Foscolo è stato il padovano Melchiorre
Cesarotti, acceso sostenitore delle tendenze cosmopolitiche dell’Illuminismo e
sostenitore fervente del progetto napoleonico. Nel suo Saggio sopra la lingua italiana,
pubblicato per la prima volta nel 1785, non troviamo un principio di esclusione che
leghi lingua e identità nazionale, ma la più ampia apertura e inclusione culturale:
La scoperta d’un mondo incognito, il commercio e la comunicazione universale da un
popolo all’altro, la propagazione dei lumi per mezzo della stampa, le conoscenze
enciclopediche diffuse nella massa delle nazioni, che trapelano insensibilmente fino nel
popolo, i tanti capi d’opera di cui abbondano tutte le lingue piú celebri, e attraggono da ogni
parte gli sguardi, e attraggono da ogni parte gli sguardi, i pregiudizi d’una tolleranza
filosofica sostituiti in ogni genere a quelli del patriottismo, non solo hanno prodotta una
rivoluzione generale in tutti gli spiriti, ma insieme atterrarono tutte le barriere che
separavano anticamente una nazione dall’altra, e confusero in ciascheduna le tracce del loro
carattere originario. [...] l’Europa tutta nella sua parte intellettuale è ormai diventata una
gran famiglia, i di cui membri distinti hanno un patrimonio comune di ragionamento, e
fanno tra loro un commercio d’idee, di cui niuno ha la proprietà, tutti l’uso. (Cesarotti,
Saggio 171)
Il rapporto fra nazione e cosmopolitismo comprende alcuni fattori specifici della
definizione dell’identità italiana. Il primo è il riferimento ideale alla civiltà romana,
identificata come uno degli archetipi della cultura italiana da rivivere per andare a
costruire quel «risorgimento» tramite il quale si realizza l’identità nazionale italiana; il
mito della classicità presenta delle differenziazioni e in particolare Cuoco e Foscolo
guardano piuttosto alla cultura greca come archetipo italiano (Croce 1964, 1-2; 9-14).
Una delle caratteristiche della civiltà romana e della realizzazione concreta
dell’apparato geo-politico della Repubblica e poi dell’Impero romano, era stato il
cosmopolitismo, la capacità d’inglobare culture e lingue diverse e di uniformarne il
diritto e i rapporti pubblici (Dal Lago 2006, 52-54). Il riferimento identitario all’eredità
romana da parte degli scrittori italiani si spinge fino al Medioevo, con la costruzione
concettuale di Dante, incentrata sull’Impero romano (Bruni 2010) e anche con
Petrarca, che nella risposta polemica a un denigratore degli italiani e della loro cultura,
così si esprime: «sumus enim non greci, non barbari, sed itali et latini» (Petrarca, In
difesa dell’Italia 134). Si tratta di un riferimento costante alla civiltà romana, come
mito all’origine dell’idea stessa di «Italia», di cui si ritrovano, potremmo dire, le
«rovine» nei sonetti romaneschi di Belli 29.
Un’altra forma peculiare di universalismo cosmopolitico legato all’identità
italiana è il rapporto con la Roma papale e in generale con la Chiesa cattolica. Ricorre
nelle opere di Cuoco, Foscolo, Mazzini, Trivulzio il tema della dicotomia medievale
fra guelfi e ghibellini come irriducibile ostacolo alla formazione di una comunità

28 Gianfranco Folena ne sintetizza così il valore linguistico-culturale: «Leggendo le lettere del


Muratori poco più che ventenne, attraverso l’ultimo decennio del Seicento, si ha l’impressione
viva e concreta della ʿRepubblica letterariaʾ nuova: il giovane bibliotecario dell’Ambrosiana
domina dalla sua biblioteca un vasto orizzonte europeo. È in breve tempo al centro della cultura
più attiva del suo tempo. E anche quella sua lingua che è stata spesso giudicata lenta e scialba, è
pure cosa nuova e moderna [...]» (Folena 1983, 15).
29 Gli argomenti di Petrarca nell’epistola citata sono ripresi da Guido Baldassarri e messi in relazione
con l’idea del rapporto fra Italia e Roma in Dante e in Cola di Rienzo (Baldassarri 2012).
40 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

nazionale in Italia. Nella sua visione culturale Trivulzio cerca di conciliare la


modernità delle idee sociali e politiche con la propria fede e con la convinzione che la
religione cattolica costituisca un elemento identitario molto potente per l’Italia, mentre
Belli, mettendo in scena nei suoi sonetti la rappresentazione della decadenza estrema
del potere politico-religioso del papato, mostra la resistenza della cultura religiosa
popolare nei confronti dell’unificazione politica e della possibile caduta del governo
papale. Questo stretto legame fra costruzione d’identità nazionale e religione trova
applicazione anche nella metafora insita nel termine «Risorgimento», per cui Banti
rileva una sorta di «raddoppio semantico» in quanto fra il Settecento e l’Ottocento si
carica progressivamente di un significato politico e civile che va a sovrapporsi al
significato religioso, come sinonimo di «resurrezione» di Cristo (Banti 2011c, 33).
Gli esiti della Rivoluzione francese e l’Impero napoleonico da un lato, il
movimento romantico dall’altro, hanno introdotto nel dibattito politico, culturale e
letterario italiano il principio di nazione e il diritto all’indipendenza nazionale. Gli
intellettuali italiani interpretano la politica europea di Napoleone alla luce dei principi
enunciati da Giambattista Vico, che aveva sostenuto l’esistenza di una profonda
identità culturale europea 30. Gli scrittori che prendono parte all’esperienza napoleonica
vanno alla ricerca di un equilibrio tra questi due assi, quello europeo e quello
nazionale 31. Per Foscolo sono cadute le speranze cosmopolitiche che la rivoluzione
francese e in seguito le imprese napoleoniche avevano acceso e tentato di realizzare
(Foscolo, Origine e limiti della giustizia, 26-27). Secondo lui esisterebbero gli stessi
principi e le stesse norme giuridiche da attribuire a tutti i popoli e a tutte le nazioni
indistintamente, ma tale ideale non è realizzabile, quindi è necessario individuare
autorità e leggi nazionali.
Nella dinamica fra nazione e cosmopolitismo, Mazzini si muove in modo
originale: da un lato condanna e rifiuta il cosmopolitismo, dall’altro considera
inscindibile il nesso fra identità/libertà italiana e identità/libertà europea. Secondo lui
solo attraverso la riscoperta, il «risorgimento», delle nazioni, si può costruire

30 Nel suo saggio sulla storia della concezione dell’Europa unitaria, Dante Visconti illustra in questi
termini il pensiero europeista di Vico: «Vediamo così riaffermarsi nel pensiero vichiano l’idea
del primato europeo, primato civile che è strettamente unito e dipendente dal Cristianesimo
perché è opera di quest’ultimo. L’unità europea è però in lui affermata non solo come unità
religiosa, ma anche come unità giuridica e civile, cioè come unità spirituale di cui il
Cristianesimo è solo una parte: che ha radici più antiche e più profonde del Cristianesimo e di
cui affiorano i segni nelle odierne lingue europee che mostrano una comune origine dei primi
concetti fattori di civiltà e delle prime scienze da cui essi derivano» (Visconti 1948, 67-68).
31 Per la riedizione del concetto di «impero» in riferimento all’identità europea, così si esprime Pietro
Rossi: «Anche l’età moderna ha conosciuto in Europa formazioni imperiali, che hanno tenuto
insieme popoli etnicamente diversi e consapevoli della propria diversità [...]. La stessa autorità
dell’impero, risorta con l’incoronazione di Carlo Magno e mantenuta in vita dalla translatio
dell’autorità imperiale attraverso le successive dinastie di stirpe germanica, si è gradualmente
appannata di fronte alla sua crescente impotenza, cui faceva riscontro il potere ben più effettivo
dei sovrani nazionali. Essa ha avuto sì delle rinascite, ad esempio con Carlo V o con Napoleone,
ma non è sopravvissuta al fallimento dei loro progetti. Più che l’impero nel senso antico,
l’Europa ha conosciuto degli imperi d’oltremare, fondati sulla conquista di territori lontani nei
quali lo sfruttamento delle risorse locali si è asociato a qualche forma di dominio politico»
(Rossi 2007, 126).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 41

un’identità europea, tanto a livello culturale e letterario, quanto a livello politico-


sociale. Per questo negli scritti mazziniani s’identifica chiaramente uno spazio
identitario europeo cui si devono estendere gli ideali democratici del Risorgimento
italiano, una famiglia di popoli con governi nazionali e repubblicani.
Trivulzio è per formazione un’erede della tradizione illuministica lombarda, ma la
sua convinzione della necessità di possedere un’identità nazionale è molto ferma fin
dall’inizio della sua attività rivoluzionaria. Come pubblicista e saggista in esilio,
promuove in Europa la causa dell’autonomia e dell’indipendenza italiana, che a suo
avviso deve diventare una questione europea. Secondo Trivulzio l’opinione pubblica
costituisce ormai una scena di ampiezza europea, e quindi denuncia in tutte le sedi la
mancanza di libertà di stampa negli stati italiani rispetto al resto dell’Europa 32.
Negli scritti di Mazzini e Trivulzio si fa strada un’altra caratteristica dello spazio
europeo e cioè l’individuazione di un centro, che nel loro caso si identifica con la città
di Parigi 33. Mazzini, pur esule a Londra, fa riferimento sostanzialmente agli ambienti
parigini come centro di una nuova Europa democratica, per la memoria del passato
napoleonico, per la partecipazione attiva e diretta della Francia alla costruzione
nazionale italiana, per la presenza a Parigi di esuli italiani e di un vivace dibattito
politico democratico, legato alle vicende istituzionali francesi, dalla monarchia
orleanista, fino al secondo impero 34.
L’identificazione dello spazio europeo si precisa nell’opera di Trivulzio con
l’elemento della frontiera. Le culture orientali, in particolare quelle legate all’Impero
ottomano, diventano oggetto della sua memorialistica di viaggio e della sua narrativa
di materia orientale. In questi testi le coordinate orientali costituiscono un elemento
contrastivo di identificazione dello spazio europeo, la cui definizione si presenta
unitaria, in opposizione allo spazio extra-europeo, e non più suddivisa in ambiti
nazionali. Esule in Francia, Trivulzio individua nella capitale francese tutte le
caratteristiche del centro dello spazio europeo, che si rivelano anche nella scelta del
francese per dare la massima visibilità ai suoi scritti per la promozione della causa
nazionale italiana. Dopo la caduta della Repubblica romana, provocata proprio dal
corpo di spedizione francese intervenuto per la restaurazione del trono papale,
Trivulzio decide di partire esule in Oriente. Nel diario di quel viaggio, l’itinerario da

32 I suoi interventi avranno grande risonanza, ma la successiva cancellazione di Trivulzio dal canone
letterario del Risorgimento è esemplare per mostrare come la scrittura femminile sia stata
oggetto di riduzione rispetto alla realtà identitaria plurale in cui si erano formati gli stereotipi su
cui si reggeva l’azione concreta del Risorgimento (Rigotti 2006, 30-31).
33 Il concetto è stato sviluppato dal punto di vista architettonico e di storia del costume da Walter
Benjamin in una conferenza del 1939, pubblicata in Benjamin 1982; Novella Bellucci ha
ricostruito la rete di rapporti esistenti fra scrittori italiani e francesi durante la Restaurazione, in
Bellucci 2004.
34 Il discorso che costruisce lo spazio europeo nell’Ottocento è strettamente legato all’eurocentrismo,
nei termini descritti da Robert Stam ed Ella Shohat: «Eurocentrism is the discursive residue or
precipitate of colonialism, the process by which the European powers reached positions of
economic, military, political and cultural hegemony much of Asia, Africa, and the Americas»
(Stam; Shohat 1996, 297). La strutturazione culturale di Parigi come capitale al tempo stesso di
uno spazio nazionale e di uno transnazionale si trova in Mathis-Moser 2006, 99-101.
42 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

Malta alla Grecia a Istanbul si caratterizza uno spazio di frontiera, in cui vengono a
contatto elementi europei ed extraeuropei (Trivulzio, Ricordi nell'esilio).
L’idea di Europa si affaccia anche nella poesia di Belli, dove alla denuncia
spietata della fine dell’universalismo che aveva caratterizzato Roma imperiale e poi
Roma papale, si affianca l’esigenza ideale di uno spazio europeo moderno, di cui si
delineano, in modo sfumato, frontiere e confini.
Nei testi letterari che hanno accompagnato il processo di unificazione italiana, si
trova spesso un’idea di nazione non intesa come rafforzamento delle frontiere, ma
come costruzione di una rete letteraria e culturale, a livello europeo. In tale rete non si
va alla ricerca di uno spazio esclusivo da ritagliare, quanto piuttosto di un diritto di
cittadinanza identitaria all’interno della «famiglia» delle culture europee moderne. In
quest’ambito occorrerà distinguere la costruzione o la ricerca di una cultura europea
dalla componente del multiculturalismo. Si tratta di una tematica che assume un ruolo
centrale nell’interpretazione della società contemporanea e nella gestione dei conflitti
identitari che caratterizzano l’attuale società della migrazione. Il paradigma delle
«scontro di civiltà» può essere evocato nel momento in cui si considerano
problematiche la presenza di stranieri e la varietà centrifuga delle identità locali in
Italia. Al superamento di questo paradigma sono dedicate le analisi in chiave di
multiculturalismo delle società complesse moderne. Elementi di una lettura di questo
tipo potrebbero essere utili per capire come era percepita una possibile identità
europea, che, a differenza del cosmopolitismo, prevedeva che nell’ambito della cultura
europea fossero fortemente caratterizzate le identità nazionali 35.
Tuttavia nel corso del Risorgimento questo tipo di ideologie riduttive ed esclusive,
sono state controbilanciate dal forte riferimento alla cultura comune europea, e ad una
forma di comunità sovranazionale europea 36. Nei suoi scritti giornalistici e saggistici
risalenti all’esilio in Francia, Trivulzio risponde spesso alle accuse di rappresentare
un’identità nazionale non ancora formatasi o appartenente allo spazio dell’esotico,
piuttosto che allo spazio inclusivo europeo 37.

35 Andrea Semprini, a proposito delle problematiche della strutturazione di uno spazio pubblico
multiculturale afferma: «Uno stereotipo tenace attribuisce alla comunicazione soltanto virtù
coesive, ma questa può al contrario anche essere fonte di conflitto, perché può far emergere gli
interessi opposti e le prospettive divergenti dei gruppi che entrano in contatto. La
comunicazione è realmente produttrice di coesione solo quando gli interlocutori condividono un
terreno d’intesa, dei valori di base comuni» (Semprini 2000, 134); su una base di valori comuni,
nazionali e democratici, si basa sia la rete europea cui guarda Trivulzio che la costruzione di
un’Europa come famiglia di nazioni che progetta Mazzini.
36 Si veda per la «decostruzione» del concetto di «scontro di civiltà» Dal Lago 2006, 49-60; a
proposito dell’europeismo dei protagonisti del Risorgimento italiano, lo storico Robert
Demoulin osserva: «La ténacité de Cavour dans sa lutte contre les particularismes et les
adversaires de l’expansion de la monarchie de Savoie dans l’ensemble de la Péninsule est
inspirée aussi par ce souci d’établir une harmonieuse construction non seulement en Italie, mais
encore dans le bassin meditérranéen et dans toute l’Europe» (Demoulin 1959, 769).
37 Il tema della dinamica Oriente/Occidente nel confronto culturale fra Italia e Inghilterra, fino
all’epoca contemporanea, è stato dibattuto in un recente volume collettivo (Sandrock; Wright
2013).
2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento 43

A proposito del colpo d’occhio sull’Europa e del superamento delle frontiere


nazionali, assume rilievo in Foscolo, in Cuoco, in Mazzini e in Trivulzio, la
dimensione biografica e soprattutto culturale dell’esilio, tanto presente nella loro
esperienza biografica da diventare categoria culturale e identitaria. Il fatto che molti
scrittori del Risorgimento abbiano scritto una parte delle loro opere in esilio ha
comportato una diversa visione del significato e del ruolo svolto dalle frontiere, e li ha
portati a una maggiore interazione con gli ambiti culturali e letterari con cui sono
venuti a contatto nell’esilio. Alla categoria dell’esilio presente non solo nel
Risorgimento nella tradizione culturale e letteraria italiana, è stato attribuito anche un
valore ontologico più generale in riferimento alla storia letteraria 38. Nel volume
collettivo diretto da Asor Rosa, dedicato al rapporto fra letteratura italiana ed esilio, il
curatore richiama nel saggio introduttivo il rapporto fra l’esilio e l’idea del territorio di
appartenenza 39. La parola latina (exilium) è ricondotta a una fantasiosa etimologia di
Isidoro di Siviglia, dal concetto di «ex solo» (fuori dalla propria terra) e messa in
riferimento con la storia letteraria italiana (Asor Rosa 2011b, 9-10).
L’esilio in epoca risorgimentale produce un vero e proprio rovesciamento di
stereotipi, in quanto gli intellettuali in esilio formano una comunità che interagisce con
gli intellettuali del paese ospitante, e nella quale si elabora una forma nuova di
immagine dell’Italia 40. La presenza di lunga durata dell’esilio nell’elaborazione della
cultura e dell’identità italiana ha generato quella che Salman Rushdie chiama «patria
immaginaria» («Imaginary Homeland»), nel senso che essendo per secoli gli scrittori
italiani al di fuori di una «Italia» non ancora esistente, possono essere stati indotti a

38 William Thomas Rossiter mette in relazione la poetica dell’esilio che si ritrova nelle canzoni civili
di Petrarca e nella sua epistola indirizzata ai posteri, con le tematiche delle opere di Chaucer. Lo
studioso ha applicato questo tipo di lettura alla fine dell’Impero romano e della classicità, tanto
da poter parlare di un «postcolonialismo» medievale: «In brief, the temporal colonization which
characterizes petrarchan historicism is born of a temporal exile which is itself postcolonial»
(Rossiter 2010, 34); nel suo saggio su «Foscolo esule», Dionisotti denuncia l’incapacità degli
studiosi di letteratura degli ultimi decenni dell’Ottocento di comprendere tale dimensione
culturale dell’esilio: «Alla provincialità sedentaria della cultura professorale italiana si
aggiungeva il pudore di una classe dirigente incapace di riconoscere apertamente, nonché di
curare, la piaga dell’emigrazione. Non erano condizioni favorevoli a uno studio sul Foscolo
esule» (Dionisotti 1988b, 62).
39 Lucia Strappini mostra come Vittorio Alfieri, uno dei personaggi diventato mito e icona per il
Risorgimento, ha concepito l’esilio come liberazione da ogni legame per conseguire la
condizione assoluta di scrittore: «La scelta della letteratura si configura come scelta di vita
assoluta, simboleggiata dalla decisione di cedere gran parte del patrimonio alla sorella, potendo
così ʿcomprare con essa l’indipendenza della mia opinione, e la scelta del mio soggiorno, e la
libertà dello scrivereʾ. Nelle parole di chiusura del Principe e delle lettere la prospettiva
staëliana appare completamente rovesciata: la libertà del cittadino potrà scaturire solo dalla
piena libertà intellettuale [...]» (Strappini 2011, 191).
40 Questo processo viene analizzato da Donatella Abbate Badin nel suo saggio sulla vicenda di Lady
Morgan, che prima descrive le caratteristiche problematiche dell’Italia, nel diario di viaggio
Italy, pubblicato nel 1821, quindi ritornata in patria stringe rapporti con gli esuli italiani che
sono arrivati dopo il fallimento delle rivolte del 1820-21: «Italy thus was a series of exempla
from the past, but also a book based on the present and projected towards the future and its
success resulted in a more favourable attitude towards Italy and Italians, usually represented
quite negatively in 18th century literature» (Abbate Badin 2010, 95).
44 2. Coordinate per le mappe della letteratura nel Risorgimento

crearsi quello spazio identitario per via immaginaria, come accadeva nel Risorgimento
per gli esuli che seguivano da lontano la realizzazione dell’unificazione italiana 41.
L’idea di estendere agli intellettuali esuli italiani le riflessione di Rushdie è stata
applicata nel saggio dedicato da Tobias Döring alle opere di Dante Gabriele Rossetti
(1828-1882) esule in Inghilterra 42.
Considerando anche questa categoria culturale dell’esilio, nel nostro lavoro
offriremo una reinterpretazione del rapporto con l’identità italiana, all’interno della
letteratura del Risorgimento, analizzando le opere di Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco,
Giuseppe Mazzini, Cristina Trivulzio di Belgiojoso, Giuseppe Gioachino Belli. Per
abbattere l’idea di un Risorgimento italiano come definizione dell’italianità in senso
chiuso e autosufficiente, sottoporremo i loro testi a una griglia di analisi che
comprende le seguenti domande: come si definisce l’identità italiana nel
Risorgimento? come contribuisce la letteratura alla costruzione dell’Italia? che
rapporto c’è fra unità italiana e culture autonome locali? come si definisce meglio
l’identità italiana attraverso una rete identitaria europea? Questo procedimento di
analisi ci consentirà di tracciare una serie di mappe letterarie interculturali del
Risorgimento che mostrino come gli stereotipi eroici dell’italianità siano in realtà
costruzioni posticce e artificiali.

41 Raoul Mordenti mette acutamente in relazione anche la visione d’insieme sulla letteratura italiana
di Francesco De Sanctis con la sua condizione di esule in Svizzera: «Influì l’esilio a determinare
questa maturazione decisiva? Aiutarono Zurigo e la Svizzera a liberare De Sanctis dalla
verniciatura hegeliana e a fare emergere una critica più originalmente sua? La risposta non può
che essere affermativa, e per molti aspetti sono proprio gli anni zurighesi che fanno del brillante
conferenziere e dell’appassionato professore il grande critico, [...] che, insomma, ci
restituiscono dall’esilio il De Sanctis che conosciamo» (Mordenti 2011, 262).
42 Si fa riferimento a Rushdie 1991; Tobias Döring suggerisce: «In this sense I suggest exploring
Rossetti’s writing, too, in postcolonial terms, i.e., in a context of contemporary critical
approaches where issues of exile and diaspora have long been discussed and worked through»
(Döring 2010, 274).
3. Ugo Foscolo, esule perenne, e la costruzione
dell’idea di «Italia» nella dimensione europea, in
rapporto dialettico con l’epopea napoleonica

3.1.Premessa
La collocazione di Ugo Foscolo (1778-1827) al centro del canone letterario italiano,
accademico e scolastico, è consacrata nelle successive storie letterarie e nell’editoria
istituzionale, che ha decretato al poeta una «Edizione nazionale» delle opere 1, ma nel
nostro lavoro vorremmo mostrare piuttosto come abbia contribuito in prima persona
alla formazione di un canone letterario italiano e alla definizione identitaria nazionale
utilizzando in primo luogo i mezzi della letteratura. Per questo l’indagine sulla
formazione dell’identità nazionale italiana nel Risorgimento che abbiamo presentato
nei due capitoli introduttivi prende le mosse proprio da Ugo Foscolo 2.
In primo luogo analizzeremo come il poeta e scrittore, partendo da una condizione
biografica di esule e dall’adesione a un progetto universalistico e transnazionale, come
la Campagna d’Italia del giovane Napoleone Bonaparte, abbia costruito per via
letteraria una sua idea d’identità nazionale italiana. Vedremo il rapporto ambivalente
per cui in questa concezione identitaria la cultura, le arti e la letteratura in particolare
costituiscono un elemento centrale. A proposito di Foscolo come icona del
Risorgimento, Mariasilvia Tatti attira l’attenzione sullo stereotipo del patriota, che in
Foscolo univa lo scrittore alla figura del guerriero, o meglio del guerriero ribelle che
combatte solo per la causa della libertà. Si tratta di un paradigma cui guardarono anche
i successivi protagonisti del Risorgimento, come Mazzini o Carlo Cattaneo (1801-
1869) o Garibaldi, in quanto poteva costituire un primo tassello della storia militare
della nazione che si stava costruendo. 3

1 L’edizione nazionale delle opere di Foscolo è stata pubblicata dalla casa editrice Le Monnier di
Firenze, in 23 volumi dal 1933 al 1994 (l’informazione è contenuta nel sito
http://letteraturaitaliana.open-word.com/Bibliografia+di+Ugo+Foscolo&structure=Letteratura –
13.4.2013)
2 Uno dei massimi esperti foscoliani, Giuseppe Nicoletti, ha sottolineato a questo proposito una
particolarità nelle caratteristiche di fondo della sua figura, che risulta rilevante in rapporto
all’appartenenza nazionale: «È spettato a uno scrittore nato oltremare da madre greca e che
apprese l’italiano da adolescente, ad uno scrittore tacciato non di rado di estenuanti esercizi di
stile e di compiaciute stilizzazioni neoclassiche, lasciare una confessione tanto esplicita e
inequivocabile circa il proprio impegno di civis e la propria consapevolezza patria. E non si
creda questa un’acquisizione tardiva o valutazione strumentalmente retrospettiva, ché anzi
questa impostazione ‛politica’ è ravvisabile nella scrittura foscoliana fin dalle prime sue prove,
lui che pure fu motivo di scandalo per certi suoi spregiudicati comportamenti, dapprima in Italia
(e sia negli anni della dominazione francese sia nei primi tempi della Restaurazione), e poi in
Inghilterra dove agli occhi di alcuni altri esuli sembrò assumere un ruolo negativo e
controproducente per l’immagine del proprio paese, allora alle prove con i primi moti
risorgimentali» (Nicoletti 2006, 15).
3 Tatti 2011a, 66-67.
46 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Alla figura di Foscolo sono state attribuite valenze nazionalistiche, in quanto si è


visto nella sua militanza attiva e nei suoi scritti soprattutto la determinazione con cui
ha promosso e direttamente incoraggiato la libertà e l’indipendenza dell’Italia, di
fronte alle potenze che la dominavano nell’Ancien régime, e anche di fronte a
Napoleone. A questo proposito Christian Del Vento ricostruisce la catena di letture che
da un lato ha accumunato Cuoco, Foscolo e Mazzini in direzione nazionalistica, fino a
Gentile 4, dall’altra la reazione che si è prodotta nel secondo Dopoguerra contro
l’interpretazione fascista del Risorgimento, che ha avuto delle ripercussioni anche
sulla ricezione di Foscolo:
Nel tentativo di reinserire Cuoco nella tradizione liberale e di sottrarre forza al teorema
gentiliano, Salvatorelli avrebbe tratteggiato il pensiero politico foscoliano con le tinte di
un’ideologia reazionaria, condannando in tal modo anche il fascismo, che proprio in
Foscolo si era sforzato di individuare un antesignano. (Del Vento 2002, 111)
Foscolo viene anche inserito fisicamente nel pantheon risorgimentale, con una
cerimonia cui è dedicata la celebrazione di Carducci, in una lirica datata proprio 24
giugno 1871, lo stesso giorno della traslazione dei resti di Foscolo a Santa Croce a
Firenze:
«Chi a le libere muse
Puro si addisse e per l’augusto vero
Spregiò vulghi e tiranni e ’l fato a prova,
Chi al popol suo dischiuse
Dal cor profondo e da l’ingegno altero
L’onda e la luce de la vita nova,
Ben posa qui da la mortal fatica
A l’ombra de la grande Italia antica.» (Carducci, Levia Gravia, 365)
La celebrazione agiografica e patriottica si accompagna al commento di Carducci in
nota, dove esprime la necessità di esplorare i pregi artistici e formali di Foscolo e di
non limitarsi ai suoi contenuti patriottici (Carducci Levia Gravia 372-373). Nel caso di
Foscolo è difficile separare il movente etico della letteratura dalla tensione stilistico-
formale, entrambi elementi fortemente indirizzati alla sottolineatura del ruolo della
letteratura nella costruzione di una identità e di una coscienza nazionale. La posizione
di Foscolo nel canone letterario nazionale viene consacrata anche nella storia letteraria
di De Sanctis, che lo inserisce fra i poeti della nuova letteratura e così si esprime
riguardo al Carme dei sepolcri:
«Queste cose Foscolo non le pensa solo, le sente. Ci era già il patriota, il liber uomo. Qui
apparisce l’uomo nella sua intimità, ne’ delicati sentimenti della sua natura civile. L’uomo
nuovo s’integra, il mondo interiore della coscienza si aggiunge nuovi elementi. Ed è da
questa profondità di sentire che sono uscite le più belle ispirazioni della lirica italiana, il
lamento di Cassandra, le impressioni di Maratona, l’apoteosi di Santacroce.» (De Sanctis
1870-71, II, 454)
Nel caso di Foscolo non troviamo un particolare sviluppo delle articolazioni
pluralistiche locali della cultura e dell’identità italiana, tuttavia coglieremo anche nei
suoi testi la registrazione della geografia della letteratura italiana e le sue articolazioni

4 Si veda in primo luogo Gentile 1923.


3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 47

nei differenti centri di elaborazione e produzione letteraria, come la Firenze medievale


e la Ferrara del Rinascimento, inoltre, data la sua provenienza da uno spazio esterno
rispetto alla geografia nazionale italiana, non ci sono in lui tracce di un’appartenenza
locale specifica, se non riferite allo spazio dell’esule. Da ciò deriva la definizione della
dimensione europea nell’elaborazione culturale di Foscolo, la sua idea di cultura
europea come sviluppo unitario da quella classica, in primo luogo greca.
Prenderemo in considerazione le sue opere poetiche di maggior respiro, come il
Carme dei sepolcri, del 1802, un vero e proprio monumentum di poesia civile
impegnata, e le Grazie, opera composta e rielaborata fra il 1812 e il 1814 5, in cui la
concezione identitaria della cultura trova, pur nella poesia del frammento, uno
sviluppo narrativo articolato e complesso. Accanto a queste considereremo anche
alcuni esempi di poesia e oratoria giovanile, come l’Ode e l’Orazione a Bonaparte
liberatore composte rispettivamente nel 1799 e nel 1802 6, e i testi delle lezioni della
cattedra di eloquenza ottenuta a Pavia, del 1809, sul ruolo della letteratura in rapporto
alla storia delle civiltà. Per collegare l’opera di Foscolo a quella di Cuoco
analizzeremo anche la sua opera storiografica sulla rivoluzione napoletana del 1799, i
Commentari sulla rivoluzione napoletana.
La stretta correlazione fra messa in scena del ruolo di intellettuale libero al
servizio degli ideali, non del principe, lega strettamente la produzione letteraria a
quella saggistica di Foscolo. Per questo motivo l’indagine sulla base dei parametri da
noi individuati verrà condotta prendendo in esame le tipologie testuali differenti degli
scritti foscoliani, dalla poesia, alla narrativa, fino alla pubblicistica e alla saggistica
filologica.

3.2. Coordinate biografiche


Per quanto riguarda le coordinate biografiche, sarà opportuno ricordare alcune fasi
specifiche della sua vita. Innanzitutto assume rilievo il dato che Ugo Foscolo era nato
nel 1778 nell’isola greca di Zante/Zacinto, appartenente ancora ai domini veneziani, da
madre greca e padre di origine veneziana. La sua madrelingua era il greco ed era
approdato a Venezia nel 1793, dopo i primi studi abbastanza irregolari fra la città
dalmata di Spalato e la sua Zante.

5 L’edizione critica di Mario Scotti rende conto della caratteristica di Work in Progress e di
incompiutezza dell’opera, per questo prenderemo come riferimento il testo del cosiddetto
Quadernone autografo. Per tutta la questione ecdotica e la storia compositiva rimandiamo a
Scotti 1985, 280-319.
6 L’ode A Bonaparte liberatore è preceduta da un’Orazione che costituisce una dedica aggiunta nel
1799, nel momento in cui dopo i primi successi, era caduta la Repubblica napoletana e le truppe
francesi stavano perdendo terreno in Italia (Foscolo, Bonaparte liberatore, «Orazione»). Nel
1802, in occasione dei Concili di Lione da cui sarebbe sorta la Repubblica italiana, Foscolo
compone una più articolata Orazione a Bonaparte, che fa sempre riferimento ai versi dedicati da
Foscolo alle prime vittorie napoleoniche (Foscolo, Orazione a Bonaparte).
48 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Seguono gli anni della formazione sulla tradizione letteraria e retorica italiana,
mentre la Repubblica di San Marco vive gli ultimi anni della sua storia 7. Lo studio è
tanto intenso da consentirgli di comporre nel 1794 la sua prima raccolta poetica in
italiano, affidata in manoscritto all’amico Costantino Naranzi, e pubblicata a Lugano
postuma nel 1831: Poesie inedite di Nicolò Ugo Foscolo tratte da un manoscritto
originale (Foscolo, Poesie inedite). Possiamo affermare che il percorso formativo di
Foscolo non fu tanto dalla greca Zante all’Italia, quanto da Zante all’Europa. A
Venezia Foscolo si cimenta nella composizione di versi in lingua italiana, anche come
esercizio di apprendistato linguistico, ma si dedica soprattutto allo studio e alle letture
nella Biblioteca Marciana, dove predilige gli autori greci e latini, e i moderni scrittori
francesi, inglesi e tedeschi (Dionisotti 1988b). È significativo di questi interessi che
già nella citata prima raccolta poetica giovanile, accanto alle liriche originali, troviamo
una sezione di traduzioni, non solo da classici greci e latini, ma anche dallo svizzero
Salomon Gessner (Foscolo, Poesie inedite 80-85) 8. A Venezia, da un lato, aveva
intrapreso una formazione retorica tradizionale, dall’altra, soprattutto attraverso il
contatto con lo Studio di Padova, era entrato in contatto con le nuove idee per un
orientamento in senso illuministico della sua posizione culturale e politica. Questo
aveva costituito il terreno fertile per l’adesione personale, fino in fondo, all’impegno
intellettuale e politico-istituzionale nell’avventura napoleonica. In questo contesto, a
contatto con Ippolito Pindemonte (1753-1828), Saverio Bettinelli (1718-1808) e
Aurelio Bertola (1753-1798) avviene la formazione culturale e civica di Foscolo negli
ultimi anni di vita della Repubblica di San Marco.
Si entra in una nuova fase con l’inizio dell’avventura napoleonica in Italia. Il
poeta aderisce in pieno agli ideali di libertà della rivoluzione francese e accoglie
l’avanzata dei liberatori francesi in Italia, con l’ode Ai novelli repubblicani, e nel
gennaio 1797 trionfa al Teatro Sant’Angelo di Venezia con la tragedia Tieste,
d’ispirazione anti-tirannica secondo il modello di Vittorio Alfieri (1749-1803). Sarà
opportuno ricordare che Foscolo al suo arrivo a Venezia nel 1793, all’età di 15 anni,
era ancora culturalmente e linguisticamente greco, con conoscenze di latino e
letteratura latina, ma senza aver ancora avuto accesso all’italiano (Allegri 2007, 359).
Il suo attivismo filo-francese attira l’attenzione della polizia della Serenissima, che lo
costringe a fuggire a Bologna. Qui si arruola nei Cacciatori a cavallo della Repubblica
Cispadana, dove inizia la sua vicenda di esule al tempo stesso radicato nelle istituzioni
italiane, in quanto militare. La sua appartenenza nazionale italiana, prima alla
Repubblica Cispadana, poi alla Cisalpina, poi alla Repubblica italiana e infine al
Regno d’Italia, sempre sotto l’egida napoleonica, sarà scandita, da un lato, dalla forte
dipendenza istituzionale, essendo militare, dall’altro dalla sua vocazione di
intellettuale, interpretata dal punto di vista etico come autonomia e libertà di denuncia
di tutto quello che non condivideva nei vari regimi napoleonici in Italia e in Europa; a

7 Sulle ipotesi che riguardano la formazione di Foscolo prima di arrivare a Venezia, si veda Dionisotti
1988a, 36-37.
8 Il poeta svizzero Salomon Gessner (1730-1788) fa parte di quei poeti in lingua tedesca amati dai
preromantici alla fine del Settecento; Aurelio Bertola, oltre a tradurne gli Idyllien, pubblica un
Elogio di Gessner nel 1789 (Santato 2003a, 22).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 49

questo è stato attribuito il fatto che la carriera militare di Foscolo si sia arrestata al
grado di capitano 9.
Durante la vicenda degli stati napoleonici che si susseguono in Italia, che vedono
Foscolo partecipe e oppositore, impegnato nelle battaglie che segnano la crisi delle
armate francesi nel 1798-99, torna a Milano nel 1800, dove ricopre incarichi militari
non operativi. Sono gli anni dei capolavori, la raccolta delle Odi e sonetti, il romanzo
epistolare Le ultime lettere di Jacopo Ortis e il Carme dei Sepolcri.
All’avvento dell’impero napoleonico, fra il 1804 e il 1806, è in Bretagna, con i
corpi che preparano lo sbarco francese in Gran Bretagna, mai realizzato, quindi nel
1809 a Pavia tiene per qualche mese la cattedra di eloquenza in una delle università
più prestigiose del Regno d’Italia, nelle fasi alterne della sua amicizia con il poeta
ufficiale dell’Italia napoleonica, Monti. Nel 1811 debutta alla Scala di Milano la sua
seconda tragedia, l’Aiace, subito vietata per le allusioni alla tirannia dispotica di un
Agamennone/Napoleone.
Si fa più difficile il rapporto con il potere, seguono anni di viaggi, in particolare a
Firenze, e di ripiegamento nella poesia delle Grazie, oltre che nella traduzione del
Viaggio sentimentale di Lawrence Sterne (1713-1768). Alla notizia delle prime
sconfitte di Napoleone, Foscolo riprende la sua posizione di militare in difesa del
Regno d’Italia, che vorrebbe salvo e non coinvolto nel crollo del potere napoleonico in
Francia, un estremo sostegno al viceré Eugenio di cui troviamo traccia anche nelle
Grazie.
Con il ritorno di Milano e della Lombardia all’Impero d’Austria, di fronte alle
offerte di incarichi culturali prestigiosi da parte del nuovo governo, Foscolo, essendo
legato dal giuramento militare e non volendo venir meno a tutta la sua vicenda
intellettuale favorevole all’indipendenza italiana, sceglie le via dell’esilio, prima in
Svizzera poi in Inghilterra, dove vivrà fino alla morte, nel 1827, dedicandosi
all’edizione delle sue opere precedenti e all’attività filologica e critica, compreso il
testo e il commento della Commedia dantesca che verranno recuperati e pubblicati da
Giuseppe Mazzini (Alighieri-Foscolo, Commedia).
Date queste coordinate biografiche e geografiche, andremo alla ricerca di come
abbia contribuito lo scrittore alla formazione del nucleo concettuale di identità italiana
adottato nel Risorgimento, seguendo la griglia metodologica già predisposta per cui
vedremo prima come si costituisce secondo Foscolo l’identità italiana, in secondo
luogo che funzione assegna alla letteratura o in generale alla cultura, quindi se ci sono
spazi per individuare articolazioni locali o regionali per tale identità culturale, in
quarto luogo come tale identità nazionale viene inserita o raccordata o messa in rete in
un contesto europeo.

9 Per le conseguenze nella carriera di Foscolo della sua intransigenza nel rifiuto di adulare le autorità
dei governi napoleonici in Italia, si veda De Camilli 1994, 108; 127. Proprio a proposito del
Tieste, Giuseppe Nicoletti va alla ricerca dei moduli formali che Foscolo riprende da Alfieri, sia
a livello stilistico e lessicale che a livello metrico e retorico. Secondo lo studioso la grande
differenze fra i due autori è che Foscolo applica tutti gli elementi formali all’espressione della
sua tesi politica, la critica del tiranno, ottenendo effetti artistici più schematici e rozzi rispetto ad
Alfieri (Nicoletti 1989, 142-144).
50 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

3.3. Ugo Foscolo definisce l’identità italiana fra il ricordo


della classicità greca e le utopie di una rivoluzione
napoleonica

3.3.1. Identità nazionale e confine


Considerando la provenienza di Foscolo da uno spazio esterno rispetto alla definizione
territoriale dell’identità italiana, e anche la sua continua non appartenenza a uno spazio
cittadino o territoriale specifico, si trova nell’opera di Foscolo un riferimento
identitario primario alla territorialità, all’estensione concreta dello spazio italiano e
delle sue frontiere. Ugo Foscolo, che si è formato come italiano a Venezia proprio
negli anni del tramonto e della scomparsa della Repubblica di San Marco, guarda
all’Illuminismo francese, o meglio al giacobinismo rivoluzionario, legando fortemente
le idee di democrazia e libertà a un’appartenenza italiana ancora tutta da costruire.
Nella sua produzione letteraria si definisce così una consistenza territoriale per
l’identità italiana da definire, accogliendo e superando i principi della Rivoluzione
francese.
Questo elemento, messo in relazione oppositiva con il suo status di esule perenne,
è il nucleo centrale del romanzo epistolare Le ultime lettere di Jacopo Ortis.
L’antefatto del romanzo è notoriamente la delusione politica del Trattato di
Campoformio (1797), con la cessione da parte di Napoleone all’Impero d’Austria della
ex-Repubblica di Venezia, che aveva aperto democraticamente le porte ai francesi,
descritto nell’incipit epigrafico del romanzo: «Il sacrificio della patria nostra è
consumato: tutto è perduto; e la vita, seppure ne verrà concessa, non ci resterà che per
piangere le nostre sciagure, e la nostra infamia» (Foscolo, Ortis 295). Il protagonista
Jacopo decide di partire esule per la Francia, ma a Ventimiglia la barriera delle Alpi,
sentita come estremo confine patrio, lo ferma trasmettendogli da un lato un senso forte
di appartenenza, dall’altro la frustrazione per la presenza di un governo straniero in
Italia; Foscolo contrappone la realtà concreta del territorio al suo significato:
Alfine eccomi in pace! – Che pace? stanchezza, sopore di sepoltura. Ho vagato per queste
montagne. Non v’è albero, non tugurio, non erba. Tutto è bronchi; aspri e lividi macigni; e
qua e là molte croci che segnano il sito de’ viandanti assassinati. – Là giù è il Roja, un
torrente che quando si disfanno i ghiacci precipita dalle viscere delle Alpi, e per gran tratto
ha spaccato in due questa immensa montagna. V’è un ponte presso alla marina che
ricongiunge il sentiero. Mi sono fermato su quel ponte, e ho spinto gli occhi sin dove può
giungere la vista; e percorrendo due argini di altissime rupi e di burroni cavernosi, appena si
vedono imposte su le cervici dell’Alpi altre Alpi di neve che s’immergono nel Cielo e tutto
biancheggia e si confonde – da quelle spalancate Alpi cala e passeggia ondeggiando la
tramontana, e per quelle fauci invade il Mediterraneo. La Natura siede qui solitaria e
minacciosa, e caccia da questo suo regno tutti i viventi. (Foscolo, Ortis 434)
In questo primo brano il territorio non è ancora paesaggio, non si è ancora caricato del
significato culturale e politico di confine, ma è ancora regno della «Natura», non
segnato da appartenenze nazionali (cfr. Papotti 2009, 231). Ci sembra notevole come
in questa descrizione si concentrino immagini di continuità e di discontinuità, data
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 51

l’ambiguità e l’artificiosità della sovrapposizione del confine al territorio naturale.


Nella parte che segue immediatamente il brano appena citato, troviamo la
concretizzazione del significato che la storia e la cultura hanno assegnato a quel
territorio:
I tuoi confini, o Italia, sono questi! ma sono tutto dì sormontati d’ogni parte dalla pertinace
avarizia delle nazioni. Ove sono dunque i tuoi figli? Nulla ti manca se non la forza della
concordia. [...] – Ov’è l’antico terrore della tua gloria? Miseri! noi andiamo ogni dì
memorando la libertà e la gloria degli avi, le quali quanto più splendono tanto più scoprono
la nostra abbietta schiavitù. Mentre invochiamo quelle ombre magnanime, i nostri nemici
calpestano i loro sepolcri. E verrà forse giorno che noi perdendo e le sostanze, e l’intelletto,
e la voce, sarem fatti simili agli schiavi domestici degli antichi, o trafficati come i miseri
Negri; [...]. (Foscolo, Ortis 434-435)
In prima istanza l’alter ego di Foscolo dichiara il valore identitario assoluto del
confine, con tutto il senso culturale su di esso accumulato dalla storia, in seconda
battuta si ricordano i valori civici e morali, i doveri etici che dovrebbe ispirare il senso
di appartenenza, cui fa seguito una riflessione che accumuna tutti coloro che sono
oppressi e a cui è tolta la libertà, portando come esempio l’uso degli schiavi nel mondo
antico e la più recente tratta degli schiavi neri, in riferimento soprattutto alle colonie
europee in America 10. Tale riflessione sul valore universale della libertà e sulla
condanna di ogni forma di schiavitù viene poi sviluppata nei paragrafi seguenti, dove
la storia universale, da quella dell’Italia pre-romana, a quella greca, a quella di Israele,
fino alla vicenda di Alessandro Magno, viene letta alla luce del pensiero di
Giambattista Vico come una catena di sopraffazioni in cui chi è prima oppressore,
diventerà in seguito oppresso 11. A questo proposito si ricostruisce una linea di
continuità fra le vicende dei popoli italici e la situazione italiana attuale, seguendo un
percorso che si ritroverà anche nel Platone in Italia di Cuoco, da noi analizzato nel
capitolo 4: «Così sbranavansi gli antichi Italiani finché furono ingojati dalla fortuna di
Roma. Ma in pochissimi secoli la regina del mondo divenne preda de’ Cesari, de’
Neroni, de’ Costantini, de’ Vandali, e de’ Papi» (Foscolo, Ortis 436).
La visione di Foscolo non è ristretta all’orizzonte patriottico (e potenzialmente
nazionalistico), in quanto il ricordo delle vicende della penisola italiana richiama in lui
un’analogia con il colonialismo europeo e il suo futuro superamento:
Oh quanto fumo di umani roghi ingombrò il Cielo della America, oh quanto sangue
d’innumerabili popoli che né timore né invidia recavano agli Europei, fu dall’Oceano
portato a contaminare d’infamia le nostre spiagge! ma quel sangue sarà un dì vendicato e si
rovescierà su i figli degli Europei! Tutte le nazioni hanno le loro età. (Foscolo, Ortis 436)

10 Angela Fariello ha analizzato il ruolo del paesaggio nella letteratura italiana preromantica e
romantica, partendo dal prototipo europeo costituito da Rousseau. A proposito di Foscolo, la
studiosa afferma: «Il paesaggio foscoliano, pur tanto spesso ritratto in squarci di solenne e
stupefacente bellezza, non è suscitatore di emozioni per la sua intrinseca e stupefacente
bellezza, ma solo se in possesso di certi requisiti che lo associano ad altri valori; il ʿsentimento
della naturaʾ è condizionato, non autonomo: è piuttosto un sentimento umano e letterario che
attraversa occasionalmente, anche se intensamente, il paesaggio» (Fariello 2004, 473).
11 Andrea Battistini ricorda che a partire dall’edizione milanese del 1801 della Scienza nuova di Vico
il pensiero del filosofo torna a circolare e anche Foscolo ha occasione di leggere direttamente il
testo (Battistini 2008, 33).
52 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Da queste pagine risulta che Foscolo legge la realizzazione ideale dell’indipendenza


nazionale e dell’autonomia come il superamento di uno status coloniale, affermando la
necessità, e quindi il diritto, di questo percorso per qualsiasi popolo e cultura, e non in
riferimento specifico all’identità italiana. Si tratta di un ulteriore passo avanti rispetto
all’idea che si trovi in Foscolo una sintesi fra gli ideali di libertà e di uguaglianza
ereditati dall’Illuminismo e il superamento del cosmopolitismo in nome del bisogno
umano di un’identità di appartenenza 12.

3.3.2. Il giacobinismo di Foscolo: identità nazionale e ideali di


libertà
Sono questi gli elementi per ricostruire il secondo pilastro dell’identità nazionale
italiana secondo Foscolo, l’ideale di libertà che risulta per lui alla base della nazione
italiana da costruire 13. Nell’opera di Foscolo l’idea di costruire l’indipendenza italiana
è strettamente legata alla sua natura democratica, anche se su questo punto la critica
non è unanime, in quanto esiste una linea d’interpretazione del pensiero foscoliano,
che fa capo essenzialmente a Luigi Salvatorelli, secondo cui dopo il 1800 la posizione
di Foscolo si sarebbe spostata su una visione moderata della democrazia (Neppi 2009,
165).
Nell’ode Bonaparte liberatore, con cui come si è detto Foscolo accoglie nel 1797
le prime vittorie di Napoleone e lo esorta a liberare l’Italia, il legame identitario fra
Italia e libertà è reso esplicito nella prima strofa, in cui si parla dell’antica Repubblica
romana, come della terra da cui è partita la dea della libertà, tanto che adesso si chiede
a Napoleone di riportarla in qualche modo a casa liberando l’Italia:
Dove tu, diva, da l’antica e forte
Dominatrice libera del mondo
Felice a l’ombra di tue sacre penne,
Dove fuggivi, quando ferreo pondo
Di dittatoria tirannia le tenne
Umìl la testa fra servaggio e morte?
[...]

12 Lanfranco Caretti sintetizzava così il significato del romanzo di Foscolo, mostrando come lo
scrittore si stava orientando sul valore della cultura e dell’arte come fondanti dell’identità e
della libertà italiane: «E nello stesso tempo testimonia, con bruciante eloquenza, la caduta delle
grandi speranze politiche, libertarie ed egualitarie, insieme col tramonto del mito napoleonico, e
l’amaro ripiegamento delle coscienze di molti giovani italiani, còlti da acuta sfiducia nella storia
presente, come accadde al Foscolo stesso, sopra miti universalmente consolatorî: l’amore e la
bellezza, la solidarietà degli affetti privati e dell’amicizia anche dopo la morte, il culto
commemorativo delle glorie patrie» (Caretti 1996, 56).
13 La novità del paradigma culturale identitario presentata nelle Ultime lettere di Jacopo Ortis non
sfuggirà agli scrittori della Scapigliatura e in particolare a Iginio Ugo Tarchetti, che assume
anche il nome dello scrittore greco-veneziano e si riferisce direttamente al romanzo foscoliano
nel suo La nobile follia (Schrader 2013, 122; 211-212).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 53

Ve’ ricomporsi i tuoi vulghi divisi


Nel gran Popol che fea
Prostrare i re col senno e col valore,
Poi l’universo col suo fren reggea;
Vedi la consolar guerriera pompa
E gli annali e le leggi e i rostri e il nome!
Come non più del civil sangue intrisi
Vestonsi i campi di feconde messi
E di spiche alla pace ornan le chiome!
E come benedice
Il cittadin villano,
Tergendo il fronte, Libertà felice! (Foscolo, Bonaparte liberatore 1-6; 193-204)
Nel testo la libertà torna come elemento necessario nell’identità del nuovo Stato
italiano, quello formatosi (o quelli formatisi) in seguito alla liberazione napoleonica,
che porta come contrassegni specifici l’unione fra popoli che si erano divisi, la pace e i
frutti della pace. Il parametro della libertà ha valore esclusivo, come viene ribadito
nell’Orazione premessa all’Oda due anni dopo, nel 1799, in cui il poeta ribadisce la
necessità della guida sicura di Napoleone per la Repubblica da lui fondata in Italia, ma
anche e soprattutto di ordinamenti democratici che garantiscano la giustizia e
combattano la corruzione (Foscolo, Bonaparte liberatore, «Orazione»). Lo stesso
concetto si ritrova anche nel Discorso su la Italia, rivolto nello stesso anno al generale
Championnet, reduce dall’impresa napoletana, a cui chiede di liberare l’Italia, in
quanto un’Italia libera sarà una valida alleata della Francia. Il generale era reduce dalla
Repubblica napoletana del 1799, instaurata a Napoli dai giacobini locali con
l’appoggio delle truppe francesi. Si tratta dell’impresa politica cui aderì Cuoco, che ne
ricavò l’esilio dopo la restaurazione del trono borbonico.
Anche nell’Ortis il protagonista manifesta chiaramente il suo attaccamento alla
democrazia, di cui solo l’indipendenza nazionale italiana consentirebbe l’espressione.
Come osserva giustamente Giuseppe Nicoletti, il personaggio è bloccato nel suo
estremismo eroico che non vede una possibile via di azione fra l’offerta delle armate
napoleoniche, che si presentano come falsi liberatori, e il blocco delle potenze
reazionarie guidato dall’Impero austriaco (Nicoletti 2007a, 63-64). Tuttavia Foscolo
attraverso il punto di vista del suo personaggio, in particolare quando nel romanzo
rappresenta la democrazia imperfetta e corrotta instaurata a Milano, nella capitale della
Repubblica Cisalpina, denuncia come debba essere legata la giustizia e la democrazia
all’identità nazionale italiana:
Alcuni altri de’ nostri, veggendo le piaghe d’Italia, vanno pur predicando doversi sanarle co’
rimedi estremi necessari alla libertà. Ben è vero; l’Italia ha più preti e frati, non già
sacerdoti: perchè dove la religione non è inviscerata nelle leggi e ne’ costumi d’un popolo,
l’amministrazione del culto è bottega. L’Italia ha de’ titolati quanti ne vuoi; ma non ha
propriamente patrizj: da che i patrizj difendono con una mano la repubblica in guerra, e con
l’altra la governano in pace; e in Italia sommo fasto de’ nobili è il non fare e il non saper
54 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

mai nulla. Finalmente abbiamo plebe; non già cittadini; o pochissimi.» (Foscolo, Ortis 334-
335)
È chiara nel testo la denuncia della mancanza in Italia di una struttura equilibrata degli
ordini, tale che siano garantiti il rispetto delle leggi e la libertà. Attraverso l’accusa
estrema del cittadino disperato Jacopo, Foscolo mostra i limiti delle democrazie
napoleoniche instaurate in Italia e ne auspica il superamento. Nella stessa lettera, il
giovane rifiuta la violenza rivoluzionaria, con particolare riferimento a quanto
accaduto con la rivoluzione francese, come mezzo per raggiungere quella democrazia
basata su una concordia degli ordini sociali, ma soprattutto su un rinnovamento morale
e civico profondo.
Questo forte legame fra democrazia e identità nazionale si ritrova nella lezione
conclusiva del ciclo pavese del 1809, dedicata al tema dell’Origine e i limiti della
Giustizia, tenuta nel giugno di quell’anno. Il testo ricalca una visione della storia e dei
rapporti sociali secondo il sistema di pensiero di Giambattista Vico, in quanto si
cercano strutture ricorrenti e parametri di evoluzione validi presso popoli e civiltà
differenti e appartenenti a diverse epoche storiche. Nell’orazione si dichiara lo stretto
legame fra un sistema giuridico basato sulle libertà democratiche e la realizzazione
piena dell’identità nazionale. Il punto di partenza è il quesito sulle ragioni
dell’esistenza di risposte giuridiche diversificate alla soluzione degli stessi problemi, il
che ha generato di fatto sistemi giuridici e istituzionali differenti. Il discorso va alla
ricerca di una possibile risposta a questa apparente anomalia, fino al brano a nostro
avviso centrale per l’argomentazione della posizione foscoliana:
La civilis aequitas, ch’io mi contentava di limitare alle singole nazioni, la trovai dai
giurisprudenti coronata regina del mondo. [...] Perché se i pochi pratici di governo
tendessero alla conservazione del genere umano, il genere umano o dovrebbe esser retto da
un solo governo, o non dovrebbe essere in guerra mai. L’estensione delle terre e de’ mari, e
le guerre di tante genti in tutte le età escludono e l’una e l’altra ipotesi. Dunque la ragion di
stato, che non è naturalmente conosciuta da ogni uomo, ma da’ pochi pratici di governo, non
può tendere che alla conservazione del solo popolo governato. (Foscolo, Origine e limiti
della Giustizia, 26-27)
Foscolo mostra di aver superato le utopie del cosmopolitismo, secondo cui
esisterebbero gli stessi principi e le stesse norme giuridiche da attribuire a tutti i popoli
e a tutte le nazioni indistintamente, e la non realizzabilità di questo ideale, quindi la
necessità di individuare istituzioni e leggi nazionali: giustizia e democrazia sono
strettamente legate all’identità nazionale, quindi non possono essere concretamente
realizzate che con la costruzione di uno Stato nazionale.

3.3.3. Il mito dell’identità nazionale


La persistenza coerente di questo legame fra identità nazionale e democrazia ritorna
anche nelle Grazie, poema rimasto in una forma incompiuta, composto a più riprese
nella seconda fase della partecipazione di Foscolo alla vita culturale e politica del
Regno d’Italia, dopo che la rappresentazione dell’Aiace lo aveva messo in una luce
non favorevole di fronte al viceré Eugenio, anche se per quest’ultimo Foscolo ebbe
sempre grande stima. Nel poema incompiuto sulle Grazie Foscolo ricostruisce sulle
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 55

tracce del mito la storia culturale dell’Europa e dell’Italia, una ricostruzione in cui non
manca un elogio della libertà e della democrazia (cfr. Granese 2004, 256-257). In
particolare i Versi del velo (Foscolo, Grazie 825-858), dedicati a Minerva, si aprono
sullo scenario di Atlantide, luogo ideale, ma anche prefigurazione di una patria italiana
ideale, della quale Foscolo non trovava un riscontro concreto nel Regno d’Italia:
Isola è in mezzo all’Ocean, là dove
Sorge più curvo agli astri; immensa terra,
Come verace è grido, un dì beata
D’eterne messi e di mortali altrice. (Foscolo, Grazie 829)
La dea, simbolo della forza della giustizia e del diritto, viene qui introdotta come
principio supremo di democrazia e giustizia che tutela i deboli e punisce i soprusi:
Onde, qualvolta per desìo di stragi
Si fan guerra i mortali, e alla divina
Libertà danno impuri ostie di sangue;
[...]
Allor concede le Gorgoni a Marte
Pallade, e sola tien l’asta paterna
con che i regi precorre alla difesa
delle leggi e dell’are, [...] (Foscolo, Grazie 842-843)
All’interno dell’affresco storico-mitico che Foscolo fornisce nell’opera, su cui
torneremo in seguito, in questo passaggio si mette a fuoco la necessità di giustizia,
basata su libertà e democrazia, il cui valore etico è superiore a qualsiasi autorità regale
e la cui forza è destinata a vincere ogni dispotismo e tirannia. Foscolo aveva espresso
le stesse istanze con la tragedia che gli aveva attirato la disgrazia del governo
milanese, l’Aiace, dove il personaggio di Agamennone, detentore di un potere basato
sul sopruso e sulla violenza, senza nessun fondamento di giustizia, dipingeva a tinte
fosche quello che era diventato l’ideale democratico e libertario legato a Napoleone
agli inizi delle sue imprese in Italia 14.

3.3.4. Il ruolo identitario della lingua


Per Foscolo mettere a fuoco l’aspetto linguistico dell’identità di appartenenza doveva
rivestire un particolare rilievo, dato che aveva appreso l’italiano letterario dopo essersi
formato in un’altra madrelingua, quella neogreca (Dionisotti 1988a). Nel suo Carme
dei Sepolcri si richiama alla memoria l’elemento di appartenenza identitaria che
s’innesta direttamente sul ricordo di Firenze, quello linguistico-letterario, essendo nel
capolouogo toscano l’origine della letteratura e della lingua italiana. Il suo canone dei

14 Secondo Marcello Verdenelli: «Le Grazie non sono solo un grande progetto artistico-letterario, ma
anche un grande progetto politico-culturale, presupponendo proprio quel particolare scenario
storico, là dove le forti contraddizioni della storia trovano una soluzione moderata nel segno di
un classicismo pacificatore» (Verdenelli 2007, 303).
56 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

grandi italiani comprende i poeti «fondatori» della lingua letteraria italiana, Dante e
Petrarca, di cui si esalta il contributo alla causa dell’identità italiana. Il passaggio
analogico avviene proprio attraverso la menzione della lingua, in origine fiorentina,
che si ricollega anche al luogo che ha accolto le tombe dei grandi italiani ricordati nel
Carme, anch’essi tutti fiorentini:
E tu prima, Firenze, udivi il carme
Che allegrò l’ira al Ghibellin fuggiasco,
E tu i cari parenti e l’idïoma
Desti a quel dolce di Calliope labbro
Che Amore in Grecia nudo e nudo in Roma
D’un velo candidissimo adornando,
Rendea nel grembo a Venere Celeste; (Foscolo, Sepolcri 173-179)
Si presenta a questo punto, come elemento del patrimonio dell’identità nazionale
italiana, l’appartenenza linguistica, ricondotta correttamente alla sua origine retorico-
letteraria, una tradizione e una lingua poetica che saranno riprese e raffinate, nella
forma che troverà la sua definizione sistematica nella prima «grammatica» della lingua
letteraria italiana, le Prose della volgar lingua, di Pietro Bembo 15.
Il concetto trova continuità nelle Grazie, dove la rievocazione mitica traccia anche
una storia della cultura e della letteratura italiana, e rientra nella cornice di un rito di
celebrazione e di sacrificio in onore delle Grazie tenutosi nei pressi di Firenze, in cui
ritroviamo la rinascita della civiltà, dopo la fine dell’epoca greca classica, proprio in
Italia, prima con la latinità, a Roma, quindi con l’italianità, a Firenze, personificata con
figura etimologica nel passo seguente con la dea Flora:
Fra l’arti io coronato e fra le muse,
Alla patria dirò come indulgenti
Tornate ospiti a lei, sì che più grata
In più splendida reggia e con solenni
Pompe v’onori: udrà come redenta
Fu due volte per voi, quando la Fiamma
Pose Vesta sul Tebro, e poi Minerva
Diede a Flora per voi l’attico Ulivo. (Foscolo, Grazie 798-799)
Dal punto di vista filologico, l’elemento linguistico identitario verrà ulteriormente
sviluppato nelle opere di critica testuale di Foscolo, e in particolare nella sua
incompiuta edizione del poema dantesco e nei saggi su Dante e Petrarca, in parte
recuperati e pubblicati da Mazzini esule a Londra (cfr. Mazzini, A chi legge). Nel suo

15 Scrive Carlo Dionisotti: «Notevole è a questo proposito la consapevolezza che il Foscolo ebbe della
esistenza e importanza, nell’età sua, di una questione della lingua. Il volumetto di Odi che
nell’agosto del 1795 egli vagheggiava di pubblicare, avrebbe dovuto presentarsi così ai lettori:
ʿLa dedica di cinque righe all’Alfieri; il neologismo ai puristi, i margini a quei che si dilettano
di scarabocchiarvi i loro pensieri, ed il restante a’ barbassori ed a’ criticiʾ» (Dionisotti 1988a,
38-39).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 57

articolato Discorso sulla Commedia, compilato prevalentemente a Londra e ivi


pubblicato in parte nel 1825, poi pubblicato in forma completa, da Mazzini, nel 1842,
troviamo una serie di considerazioni sull’operazione di costruzione della lingua
letteraria italiana da parte di Dante, in riferimento a quanto scritto nel De vulgari
eloquentia: «Poscia nel libro, ch’ei nomina della Volgare Eloquenza, cominciò ad
illustrare l’idioma poetico ch’egli creava; e tracciandone i primordj e i progressi,
desunse la teoria più sicura della lingua letteraria degli Italiani» (Foscolo, Sulla
Commedia 252). Nello stesso testo, identificata come fiorentina la radice della lingua
italiana, contesta l’affermazione dantesca che i fiorentini non possano arricchire e far
progredire la lingua italiana con il loro dialetto, dichiarando invece la necessità che la
lingua letteraria italiana sia resa viva dal rapporto con l’evoluzione dei dialetti toscani
(Foscolo, Sulla Commedia 252-253). Si tratta di una posizione a ben vedere
anticipatrice di quanto affermerà e praticherà di lì a pochi anni lo stesso Alessandro
Manzoni, che guarderà al fiorentino usato dai parlanti colti di Firenze come la lingua
da adottare che possa al tempo stesso continuare la tradizione letteraria italiana ed
essere la lingua «viva e vera» della nazione italiana. 16
Il primo saggio di Foscolo su Petrarca sviluppa il concetto che il poeta aveva
costruito la nuova poesia italiana ed europea, rinnovando e rifondando la poesia
d’amore che era stata greca e poi latina, e si apre proprio con la stessa immagine che
Foscolo aveva usato nel Carme dei Sepolcri, quella dell’amore nudo o vestito,
intendendo con la prima forma quella più perfetta e non ricoperta da paludamenti e
pudori che hanno offuscato l’amore ideale: «Benché il Petrarca siasi studiato di
ricoprire d’un bel velo la figura di Amore, che i poeti greci e romani si piacquero di
rappresentar nudo; questo velo è sì trasparente, che lascia tuttavia scernere le stesse
forme» (Foscolo, Sopra l’amore del Petrarca 213). In altri termini nella poesia di
Petrarca si concentrano sia gli aspetti della rinascita della nuova poesia italiana ed
europea che l’eredità della più elevata tradizione letteraria greca e latina, e la sua
poesia perfeziona quella classica in quanto si uniscono i valori di castità simboleggiati
dall’amore velato, alla bellezza ideale dell’amore nudo, in quanto il velo di cui lo dota
Petrarca ne lascia trasparire tutte le fattezze.
Gli scritti inglesi di Foscolo sono contemporanei al dibattito fra Classici e
Romantici sulle pagine delle riviste milanesi, ma non entrano nel merito della disputa.
Foscolo si orienta su una linea innovativa e moderna per quanto riguarda i contenuti e i
valori veicolati dalla letteratura, e su un classicismo formale che per lui ha una valenza
ideale in quanto esprime la continuità della letteratura italiana rispetto all’eredità
culturale antica (cfr. Cardini 2010).
Il diverso apporto che all’identità italiana viene da Petrarca e Dante è oggetto
specifico di un saggio incentrato sul confronto fra i dai due poeti (Parallelo fra Dante

16 Luca Serianni così sintetizza l’operazione di Manzoni: «Alla messa a fuoco del progetto teorico e
delle condizioni della sua realizzazione si accompagna un allargamento delle prospettive.
Quello che in origine era un semplice problema letterario diventerà un problema sociale: la
questione non è solo quella di creare una lingua conveniente per il moderno romanzo storico,
ma di dotare la comunità dei parlanti di uno strumento funzionale e funzionante. La vecchia
questione della lingua ha perso i suoi contorni tipicamente accademici [...]» (Serianni 1989,
136).
58 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

e il Petrarca), fino al punto che Foscolo individua con argomenti socio-culturali il


motivo per cui sia stato scelto Petrarca come paradigma linguistico-letterario italiano
nel XVI secolo:
Nel secolo di Leone X una erudizione strabocchevole recò i raffinamenti della critica
tant’oltre da preferire persino la eleganza del gusto agli ardimenti del genio. Così le leggi
della lingua italiana vennero desunte, e i modelli della poesia trascelti esclusivamente
dall’opere del Petrarca: il quale proclamato allora da più di Dante, la sentenza durò fino a’
dì nostri indisputata. (Foscolo, Dante e Petrarca 279)
Tuttavia se Foscolo ha grandi riserve sulla cultura del Cinquecento e sulle scelte
normative di Bembo, che hanno portato a preferire il modello letterario petrarchesco a
quello dantesco, non arriva a un giudizio di censura della poesia di Petrarca, in quanto
secondo Foscolo l’uno e l’altro hanno avuto un ruolo diverso ma fondante rispetto alla
cultura italiana, e in qualche misura nell’ambito della cultura europea, tanto che decide
di mettere a confronto lo stesso concetto espresso in un verso di Dante e in un verso di
Petrarca, con un verso di Shakespeare, che in qualche misura li eredita entrambi:
Questi due fondatori dell’italiana letteratura furono dotati di genio disparatissimo,
proseguirono differenti disegni, stabilirono due diverse lingue e scuole di pensiero, ed
esercitarono fino al tempo presente differentissima influenza. [...] Una semplice idea, una
parola volgare piglia diverso colore e spirito diverso dalla loro penna. Il confronto di
popositi contrarii suona nel cuore del Petrarca, e tenzona nel cervello di Dante:
Né sì né no nel cor dentro mi suona –
Petrarca
Che sì e no nel capo mi tenzona –
Dante
At war ’twixt will and will not –
Shakespeare (Foscolo, Dante e Petrarca 280)
Il tema della lingua italiana come elemento cardine dell’identità nazionale è al centro
di una serie di lezioni tenute in inglese durante l’esilio, nel 1823, quindi pubblicate con
il titolo di Epoche della lingua italiana. Nel testo Foscolo risale alle origini
dell’identità italiana mostrando che, fra quelle che lui chiama «Prima epoca» e
«Seconda Epoca», si passa da un uso esteso della lingua provenzale in Italia da parte
dei trovatori, all’elaborazione di letteratura in una lingua legata ai dialetti che si
parlano in Italia; un uso «nazionale» della lingua letteraria dovuto al progetto politico
di Federico II di Svevia:
Federigo II aspirava a riunire l’Italia sotto un solo principe, una sola forma di governo e una
sola lingua, e tramandarla a’ suoi successori potentissima fra le monarchie d’Europa: né
dopo l’emigrazione di Costantino e della sede imperiale su l’Ellesponto i tempi erano
sembrati mai sì opportuni, se Federigo non avesse dovuto perpetuamente combattere contro
i Papi, allora più onnipotenti che mai, quando la loro scomunica bastava a giustificare la
ribellione, il regicidio e il parricidio, ed imponeva ad ogni uomo di avventarsi contro i
monarchi profughi ed esuli ne’ loro stessi dominj. (Foscolo, Epoche della lingua italiana,
130)
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 59

Il ruolo principale di sintesi fra la realtà linguistica di una differenziazione fra i dialetti
che costituivano la lingua parlata nelle diverse regioni e città e l’elaborazione di una
lingua letteraria unitaria viene attribuito a Dante Alighieri, analizzando anche nel
dettaglio le sue scelte linguistiche:
Ma tanto Dante che Petrarca, avendo succhiato il loro dialetto materno col latte di madri e di
nudrici fiorentine, dovevano necessariamente avere il dialetto toscano per fondo della loro
lingua italiana scritta; [...]. Quella di Dante è più originale e più italiana, sì perché fu il
primo, e sì perché aveva ricavati materiali del suo stile da vari dialetti d’Italia; [...] (Foscolo,
Epoche della lingua italiana, 51)
A questo proposito Foscolo individua anche alla fine del Duecento il momento in cui
comincia a prevalere in Italia l’uso letterario di una lingua italiana, rispetto al
provenzale, in un periodo che Foscolo chiama «Seconda epoca della lingua italiana»:
Qui cessa del tutto ogni predominio di dialetto provenzale, lombardo e siciliano, e vi prevale
bella di originalità e di vigore la letteratura e la lingua, che, diffondendosi a un tratto da tutta
l’Italia, rinovellò la civiltà del genere umano europeo. (Foscolo, Epoche della lingua
italiana, 137).
La sua analisi storica si conclude con alcune considerazioni sulla situazione
linguistica a lui contemporanea, a proposito della quale afferma, in linea con il
pensiero linguistico che troverà espressione letteraria e teorica nell’opera di Manzoni,
tutto il limite derivante dalla dicotomia fra lingua parlata e lingua letteraria: alla
comunità nazionale italiana in effetti manca ancora nella prima metà dell’Ottocento
una lingua comune:
La lingua traversò tanti corsi di secoli e di vicissitudini morali e politiche della nazione,
preservando quasi tutte le sue parole armoniose, evidenti ed energiche, e tutti i suoi modi
eleganti, acquistandone sempre de’ nuovi, e senza perdere mai gli antichi, e scrivendoli tutti
con la medesima uniformità. Sì fatti vantaggi non potranno essere controbilanciati che da
danni ignoti alla storia delle altre lingue, fra’ quali il peggiore si è: che la lingua
rimanendosi esclusivamente letteraria, la nazione in generale non ne ricavò molto profitto;
né ha mai potuto decidere sul merito degli scrittori o su le loro dispute grammaticali. Gli
autori essendo per lo più i soli lettori in simili argomenti, e certamente i soli giudici, non è
meraviglia se le dispute stesse non cessarono mai, e se tutti scrivendo del come si dovrebbe
scrivere, pochissimi scrivono di ciò che pur si dovrebbe. (Foscolo, Epoche della lingua
italiana, 154)
Alla denuncia di questo limite del rapporto fra lingua e identità nazionale italiana
Foscolo ha affiancato come risulta dalla precedente citazione, la rivendicazione di un
primato retorico e culturale italiano, che ritroveremo anche nel paragrafo seguente,
incentrato sul rapporto fra letteratura e identità italiana 17.

17 Concordiamo pienamente a questo proposito con quanto afferma Mariasilvia Tatti: «La
rifondazione della letteratura italiana infatti per Foscolo non può avvenire che sulla base di
un’eloquenza popolare, che si nutre ovviamente di lingua italiana, attraverso la lotta alla
retorica: ed è un problema che immerge Foscolo nel pieno della cultura risorgimentale, [...]»
(Tatti 2011a, 88)
60 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

3.4. Letteratura e definizione identitaria: il «canone


nazionale» secondo Foscolo
Dopo aver preso in esame le linee del concetto di identità nazionale che emergono
dagli scritti di Foscolo esamineremo nel dettaglio la funzione attribuita alla letteratura
nella costruzione identitaria italiana. In questo ambito possiamo individuare due
elementi portanti, fortemente intrecciati nell’opera e nell’elaborazione critica
foscoliana: l’identità italiana come continuità con il mondo e la cultura classica, con
una funzione modellizzante rispetto alla cultura europea; la tradizione italiana
linguistico-letteraria di impegno civile a partire dalla letteratura medievale. Prima di
analizzare i due elementi portanti che sono stati enunciati, sarà opportuno precisare
che l’elaborazione concettuale ha costituito un fascio dinamico piuttosto che un
sistema strutturato, contrariamente all’immagine di Foscolo costruita da chi ha cercato
in lui il profeta di un’idea monolitica di identità nazionale 18. Al contrario proprio le
sue incertezze e contraddizioni rendono particolarmente vivo e attuale il discorso
nazionale foscoliano. Enrico Ghidetti, in un recente saggio dedicato al patriottismo di
Foscolo nel Carme Dei Sepolcri, descrive Foscolo come un «meteco», un marginale,
dal punto di vista delle radici e dell’appartenenza. Tuttavia è stato un intellettuale che
ha cercato con tutti i mezzi, in primo luogo quelli della letteratura, di costruire quella
patria di cui si sentiva non intimamente partecipe (Ghidetti 2006, 746) 19. Vorremmo
qui ricordare che ci fu una fioritura di poesia giacobina e libertaria in Italia nata come
adesione alla rivoluzione francese e ai suoi ideali, una poesia che vede la luce in
raccolte, come Il Parnasso democratico, uscito a Bologna nel 1801, a cui collaborano
anche Monti e Foscolo. Tuttavia ben presto questi poeti, come lo stesso Foscolo, si
accorsero che in Francia al governo rivoluzionario era successo il Direttorio, la cui
politica era molto più moderata degli ideali rivoluzionari che erano stati accolti in
Italia, e che non mirava alla liberazione, quanto piuttosto alla conquista dell’Italia. Si
trattava di una contraddizione e di un’amara scoperta che attraverserà tutta l’opera
poetica di Foscolo (Nicoletti 1989, 76-79).
Un altro elemento centrale nell’idea di canonizzazione della letteratura è
l’assimilazione, da parte di Foscolo, del pensiero vichiano, fortemente presente nel
dibattito culturale della Milano napoleonica 20. Foscolo fa sua e applica nella

18 Un riflesso della visione di Foscolo come precursore di un’idea forte di identità e unità nazionale
italiana, come anticipazione e preparazione dell’idea fascista di patria, sarà anche la presenza
dei testi di Foscolo nei programmi scolastici del periodo fascista, come evidenziato da Monica
Galfrè (Galfrè 2002, 293).
19 A conforto di questa complessa, contraddittoria e non lineare collocazione concettuale della poesia
foscoliana, Duccio Tongiorgi segnala l’assenza delle opere foscoliane dai programmi scolastici
e dalle antologie e raccolte di testi per le scuole italiane nel periodo napoleonico e quindi
successivamente in quelle dell’Italia unita. Lo studioso riscontra una notevole difficoltà
nell’ammettere fra le letture scolastiche, ai livelli inferiori e superiori del ginnasio, versi
foscoliani, che trovano la loro fissa collocazione nei programmi della scuola italiana solo
nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, una fortuna a cui fa seguito la celebrazione apologetica da
parte del fascismo (Tongiorgi 2006, 910-913).
20 Nel 1801 era uscita a Milano una ristampa della Scienza nuova seconda di Vico (cfr. Nicoletti
2007b, 134).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 61

produzione poetica e nella riflessione teorica l’idea che la letteratura, con la sua opera
di costruzione di miti, costituisca una forma conoscitiva delle articolazioni identitarie
della storia, indispensabile per cogliere i processi storici nella loro organicità e non
solo nella loro concatenazione di singoli fatti 21.
Andrea Battistini, a proposito della presenza di temi vichiani all’interno dei
Sepolcri, richiama l’idea vichiana della dualità umano/bestiale all’origine della società
e del ruolo dei monumenti funebri come luoghi fondanti della memoria e dell’identità
nazionale italiana nel testo foscoliano:
Naturalmente Foscolo ragionava così in una stagione in cui l’Italia, reduce dall’annosa
querelle settecentesca sulla sua decadenza, cercava un’identità nazionale attraverso la
cultura, celebrando con una nuova religione civile gli antichi poeti, Dante, Petrarca, Ariosto
e Tasso, alle cui tombe di Ravenna, Arquà, Ferrara e Roma era andato in pellegrinaggio
Vittorio Alfieri. Vico non appartenne ancora a questa temperie, ma poté insegnare a Foscolo
l’insostituibile funzione identitaria delle tombe, mostrando come nei primordi dell’umanità
esse offrissero un segno di riconoscimento, di appartenenza e di contiguità, perché garanti
delle genealogie famigliari. (Battistini 2008, 39-40)
Già nelle prime prove poetiche di Foscolo risulta chiaro l’intento di guardare alla
tradizione letteraria classica come ad una premessa di quella italiana, secondo
quell’idea già precocemente romantica di storicismo culturale per cui non si guarda ai
classici come modelli insuperabili di perfezione formale, ma piuttosto come padri
spirituali di una tradizione che non può non essere sempre perfettibile, sulla linea della
filosofia della storia e della storia culturale di Giambattista Vico.
Questo è il quadro concettuale in cui si colloca la costruzione identitaria di
Foscolo, nel sottoparagrafo seguente esamineremo l’operazione letteraria della
costruzione di una funzione nazionale identitaria per la letteratura. Durante la sua
attività di scrittore, di poeta e anche di intellettuale negli anni della Repubblica
Cisalpina e poi del Regno d’Italia, Foscolo elabora nella poesia quella che dovrebbe
essere l’immagine letteraria dell’identità nazionale, collocando in un canone ideale gli
scrittori italiani che lui stesso sceglie come canonici, a partire da Dante Alighieri, visto
da lui come prototipo del patriota e del letterato italiano.

3.4.1. Classicismo e letteratura italiana


Il primo elemento su cui Foscolo costruisce l’identità italiana per via letteraria e più in
generale culturale, è quello che possiamo ascrivere all’area del classicismo, cioè la
visione della profonda continuità fra cultura classica antica, greca poi latina, e

21 «Principi di tal’origini e di lingue e di lettere si truova essere stato ch’i primi popoli della gentilità,
per una dimostrata necessità di natura, furon poeti, i quali parlarono per caratteri poetici; la qual
discoverta, ch’è la chiave maestra di questa Scienza, ci ha costo la ricerca ostinata di quasi tutta
la nostra vita letteraria, perocché tal natura poetica di tai primi uomini, in queste nostre
inegntilite nature, egli è affatto impossibile immaginare e a gran pena ci è concesso d’intendere»
(Vico, Scienza nuova 271).
62 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

tradizione letteraria e culturale italiana 22. Il tema del classicismo e della diretta
filiazione della cultura italiana dalla cultura latina e greca è stato presente in molti
intellettuali e scrittori italiani; per quanto riguarda il Risorgimento basti citare Cuoco,
di cui analizzeremo, nel capitolo 4, il romanzo epistolare Platone in Italia, oppure le
grandi canzoni civili di Giacomo Leopardi (All’Italia; Ad Angelo Mai) 23. Tuttavia in
Foscolo il tema della translatio studiorum dalla Grecia all’Italia riveste anche un
significato peculiare 24. Nella visione culturale e letteraria di Foscolo, alla Grecia
corrisponde sia l’universo storico, politico e culturale classico, sia il luogo di nascita e
la cultura e la lingua della madre. Si tratta del punto di partenza della parabola
culturale del giovane Foscolo, che da un lato si forma sulla cultura classica latina, e
soprattutto greca, dall’altro mette in stretta relazione l’identità italiana che per lui è
conseguimento e conquista, con la propria appartenenza originaria. In altri termini egli
trasferiva, sovrapponendo storia personale e mito, l’ascendenza greca dal piano
personale al piano culturale, e individuava nella propria situazione personale una certa
immagine dell’italianità, lui italiano di madre greca e di padre italiano, per cui la
grecità era in qualche misura la «cultura madre» di quella italiana.
Questa vicenda culturale, costruita secondo i canoni dello sviluppo drammatico e
organico della storia teorizzato da Giambattista Vico all’interno del Carme dei
Sepolcri, trova uno svolgimento mitico nelle Grazie, la cui contrastata composizione
viene assegnata, per quanto riguarda la maggior parte del testo, al soggiorno fiorentino
fra il 1812 e il 1813, poi nell’ultimo periodo trascorso a Firenze, nel 1814, e ancora a

22 Mariasilvia Tatti conferma ciò affermando: «Una questione centrale riguarda il modo in cui il
rapporto con la classicità, con la tradizione e con gli antichi si lega, nel pensiero critico di
Foscolo, alla questione della costruzione di un’identità nazionale italiana» (Tatti 2011a, 78).
23 Nella prima, programmaticamente posta dall’autore all’inizio della raccolta leopardiana, c’è il
riferimento alle rovine, testimoni del passato cui deve guardare la poesia e la coscienza civica e
nazionale italiana (Leopardi, Canti, I, 1-6). Nella seconda ricordiamo l’elogio del filologo
nell’incipit: «Italo ardito, a che giammai non posi / di svegliar dalle tombe / i nostri padri? ed a
parlar gli meni / a questo secol morto, al quale incombe / tanta nebbia di tedio? [...]» (Leopardi,
Canti III, 1-4). Quindi si passa in rassegna il canone poetico italiano, con Dante, Petrarca,
Ariosto, Tasso, Alfieri; Ezio Raimondi dedica al Discorso sopra lo stato presente dei costumi
degli Italiani di Leopardi il secondo capitolo del suo volume su Letteratura e identità nazionale,
dove così sintetizza la visione dell’identità nazionale che emerge dallo scritto: «In Italia è
assente quella ʿletteratura nazionale modernaʾ, che, invece, altrove aveva creato una conformità,
un’omogeneità, un insieme di opinioni, gusti, caratteri e maniere individuali in grado di creare
un’identità. In Italia le città sono un mondo a sé stante: ʿCiascuna città italiana non solo, ma
ciascuno italiano fa tuono e maniera da séʾ. E, dal momento che non esiste un ʿbuon tuonoʾ, non
possono esistere nemmeno ʿconvenienze di societàʾ o bienséances, la presenza, cioè, di regole
di comportamento a cui tutti si conformano e che tutti accettano spontaneamente» (Raimondi
1998, 55-56).
24 In questa chiave di lettura si conclude anche il profilo che Maria Antonietta Terzoli traccia di Ugo
Foscolo nella Storia della letteratura italiana diretta da Enrico Malato, che invita però a
considerare anche gli aspetti neo-ellenici e relativi alla religiosità ortodossa dello scrittore: «Di
questa originaria grecità di Foscolo – che certo sarebbe stato difficile rimuovere interamente per
chi dalla nascita in terra greca faceva discendere la propria investitura poetica – era assunto
l’aspetto piú astratto e piú nobile, quello classico dell’antica Ellade: una sorta di categoria
atemporale, letteraria piuttosto che geografica e storica, che non intaccava, ma semmai
nobilitava, la tradizione nazionale» (Terzoli 1998, 474).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 63

Milano fino alla partenza per l’esilio, prima in Svizzera e poi in Inghilterra, dove
avrebbe scritto ancora altri frammenti, pubblicati nel 1822 (Granese 2004, 238-242). I
filologi hanno discusso e risolto in modo molto divergente il problema della
consistenza dell’opera foscoliana, ma ci sembra opportuno, come documentato da
Mario Scotti e confermato da Antonio Granese, che dopo vari tentativi di ricostruzione
unitaria dell’opera si dia spazio alla multi-direzionalità e alla pluralità interna del
processo compositivo. Questa soluzione formale aperta, con un testo perennemente
incompiuto, pare la risposta poetica di Foscolo al problema dell’unitarietà/molteplicità
della cultura italiana. In altri termini Foscolo, con mezzi letterari, in quest’opera offre
la sua rappresentazione, del tutto multiforme e plurale, della formazione di un’identità
letteraria e culturale italiana innestata sull’origine greca 25.
La storia, o meglio la proto-storia, compositiva dell’opera inizia, per due ragioni,
con la traduzione e il commento del poemetto greco di Callimaco, già tradotto da
Catullo, La Chioma di Berenice, di cui Foscolo pubblica la traduzione in italiano nel
1803, con un articolato e dotto commento (Granese 2004, 120). La prima ragione è
testuale e interna: nella «Considerazione decimaseconda» del commento si citano, in
traduzione, versi di un Inno alle Grazie, in realtà composti direttamente dall’autore,
che costituiranno il primo nucleo del futuro poemetto, denominato dai filologi «Proto-
Grazie». La seconda ragione è concettuale, in quanto nel commento alla traduzione del
poemetto di Callimaco e Catullo Foscolo analizza il ruolo della poesia in quella che
Vico aveva definito «Età eroica», accumunando come poeti «primitivi» Omero, i
profeti biblici, Dante e Shakespeare. Si ritrova qui il ruolo della poesia come
civilizzatrice della società, e fondatrice delle identità nazionali, una delle ossature
concettuali delle Grazie:
Ma i poeti primitivi, teologi e storici delle loro nazioni, vissero, siccome Omero e i profeti
d’Israele, in etá ferocemente magnanime; e Shakespeare, che insegna anche oggi al volgo
inglese gli annali patri, viveva fra le discordie civili, indotto d’ogni scienza; e l’Alighieri
cantò i tumulti d’Italia sul tramontare della barbarie, valoroso guerriero, devoto cittadino ed
esule venerando. Argomento della originalitá delle loro nazioni; dalla quale erano educati
quegl’ingegni supremi, si è che, essendo tutti eguali nelle forze e nella tempra, sono però
così diversi ed incomparabili, che non si può trovare orma di somiglianza fra di loro, né
d’imitazione dagli altri. (Foscolo, Chioma di Berenice 268)
Nel commento alla traduzione del poemetto greco-latino, Foscolo aveva inserito le sue
considerazioni sul ruolo fondante della poesia nei confronti di una società e di una
«nazione» 26. Analogamente i nuclei concettuali delle Grazie sono costituiti proprio

25 Claudio Varese inscrive nella polarità mito/frammento il nucleo significativo dell’opera: «La teoria
e il mito delle Grazie si configurano, si aprono e si attuano attraverso una serie di idee
accessorie, non in un rapporto di tesi e di antitesi, né in un’affermazione di tesi assolute in sé,
ma piuttosto in un rapporto di avvicinamento e di contiguità, tra momenti affini o diversi e
contrastanti. Nel complesso giuoco della presenza e dell’assenza delle dee, del loro allontanarsi,
del loro velo e dell’utopia del palladio ciel, si delinea un livello di contiguità con la vita
secondo un confine continuamente richiamato e superato. » (Varese 1982, 105-106).
26 Concordiamo pienamente con Roberto Cardini, che afferma: «Ne risulta un’opera singolarissima,
anche contraddittoria e farraginosa, ma in cui sarà anzitutto da rilevare, da un lato, appunto,
l’acceso autobiografismo, e dall’altro il carattere integrale, militante e vivo dell’approccio ai
classici» (Cardini 2010, 151).
64 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

dalla trasposizione in racconto mitologico del ruolo civilizzante della poesia nei
confronti del genere umano, della funzione della poesia di creare la civiltà, di
procurare il superamento dello stato selvaggio del genere umano. Attraverso una
ricostruzione mitica della storia letteraria italiana, si mostra quanto la letteratura, e più
in generale la cultura, abbiano avuto una funzione identitaria in riferimento all’Italia. Il
poema presenta anche inserti dedicati alla politica e all’identità nazionale italiana
contemporanea, come le parti che riguardano il viceré di Milano, Eugenio, e la moglie,
Amalia, in cui si fa riferimento alle ultime drammatiche tappe della storia napoleonica
in Italia, fra la fallimentare spedizione in Russia e la battaglia di Lipsia, cui è seguita la
caduta di Napoleone e il suo primo esilio all’Isola d’Elba.
Ritorna qui la contraddizione sempre presente in Foscolo: da un lato solo con
l’aiuto del regime napoleonico e con il supporto delle idee sviluppate in Francia dopo
la rivoluzione francese, esiste per l’Italia una possibilità di realizzazione istituzionale
della propria autonomia e indipendenza nazionale; dall’altro percepisce come
dispotico e opprimente il potere di Napoleone e il rischio che gli Stati italiani possano
dipendere troppo strettamente dalla Francia. Di qui il suo costante impegno a favore
della Repubblica e poi del Regno d’Italia, in particolare nei momenti di maggiori
difficoltà militari, parallelamente alla continua denuncia del dispotismo napoleonico e
degli intellettuali troppo inclini a sostenerlo incondizionatamente. Nelle Grazie
Foscolo esprime tutta la sua adesione al Regno d’Italia e in particolare alla politica del
viceré, soprattutto nel momento in cui Napoleone è indebolito o addirittura messo
fuori gioco, tanto da non poter più dettare la sua politica a Eugenio Beauharnais.
Per quanto riguarda invece il ruolo della letteratura e della cultura a sostegno
dell’identità nazionale italiana, nell’esordio del primo Inno, dedicato a Venere, si porta
attraverso la poesia un messaggio di conforto e di sostegno all’Italia, nel momento in
cui si avvicinano venti di guerra e il rischio di una conclusione violenta dell’esperienza
napoleonica:
Cantando, o Grazie, degli eterei pregi
Di che il cielo v’adorna, e della gioja
Che vereconde voi date alla terra,
Belle vergini! a voi chieggio l’arcana
Armoniosa melodia pittrice
Della vostra beltà: sì che all’Italia
Afflitta di regali ire straniere
Voli improvviso a rallegrarla il carme. (Foscolo, Grazie 786)
Il ruolo fondamentale della letteratura per la definizione dell’identità italiana si
preannuncia allorché si indica l’Italia esplicitamente come erede diretta della cultura
che si era sviluppata in Grecia:
Venite o Dee, spirate Dee, spandete
La Deità materna, e novamente
Deriveranno l’armonia gl’ingegni
Dall’Olimpo in Italia: e da voi solo
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 65

Né dar premio potete altro più bello


Sol da voi chiederem Grazie un sorriso. (Foscolo, Grazie 799)
La conclusione di questo primo Inno anticipa la vicenda della lingua, della letteratura,
dell’arte ed anche della scienza italiana, che sarà oggetto della narrazione del secondo
Inno, dedicato a Vesta, la dea a cui è stato attribuito il passaggio della poesia dalla
Grecia antica a Roma, nei versi già citati. Al ricordo di Canova, autore della scultura
cui è stata dedicata l’intera composizione delle Grazie, si aggiunge quello di Raffaello,
nominato come architetto, quindi quello di Galileo, richiamato come astronomo dalla
vicinanza della villa della sua prigionia, vicino ad Arcetri, nei pressi della villa di
Bellosguardo in cui si ambientano i riti descritti nel poemetto. La vera e propria storia
mitica della letteratura italiana inizia con il ricordo di Petrarca, in quanto Foscolo narra
che le Grazie ogni anno, nell’anniversario dell’incontro fra il poeta e Laura, il 6 aprile,
offrono a Venere una ghirlanda di fiori raccolti a Valchiusa, dove aveva abitato il
poeta in Provenza (Foscolo, Grazie 812). Dopo Petrarca viene celebrata Ferrara,
abitata successivamente dalle Grazie, dove era nata la poesia epica italiana con
Boiardo, Ariosto e Tasso, e a questo punto viene ricordata la caduta di Costantinopoli
come momento in cui l’eredità culturale greca viene integrata nella cultura italiana:
Però che quando su la Grecia inerte
Marte sfrenò le tartare cavalle
Depredatrici, e coronò la schiatta
Barbara d’Ottomano, allor l’Italia
Fu giardino alle Muse, e qui lo stuolo
Fabro dell’auro mèl pose a sua prole
Il felice alvear. [...] (Foscolo, Grazie 814)
Foscolo introduce anche il racconto del passaggio dalla metrica quantitativa greca (e
latina) alla metrica accentuativa italiana (e romanza). Quindi l’identità letteraria
italiana viene mostrata come diretta erede di quella greca e la nascita della poesia
italiana si va a collocare proprio in corrispondenza della decadenza dell’Impero
bizantino, che aveva tenuta viva la cultura greca.
In un certo senso per Foscolo la grecità gioca il ruolo che riveste l’identità locale
negli altri autori che esamineremo. A partire da qui si ripercorre la storia della poesia
italiana secondo il canone tradizionale, inaugurato da Dante nel De vulgari eloquentia,
per cui i primi poeti italiani sono i membri della Magna Curia di Federico II di Svevia,
a cui segue il passaggio delle Grazie in Toscana e in particolare a Firenze, dove si
descrive in ordine la poesia dantesca, poi quella di Petrarca e infine la poesia e la prosa
di Boccaccio, con una menzione della fioritura dell’architettura a Firenze nel
Rinascimento (Foscolo, Grazie 803). Un altro volo delle api, simbolo della poesia
partita dalla Grecia, ci conduce a Ferrara, dove si ricordano i capolavori epici, da
Boiardo ad Ariosto (Foscolo, Grazie 1049-1051). Con questi versi si presentano la
nascita e lo sviluppo della letteratura italiana come elemento fondante dell’identità
nazionale, anche dal punto di vista territoriale, in quanto i luoghi della produzione
letteraria vanno dalla Sicilia, a Firenze, fino alla valle del Po. Il testo, frammentario e
incompiuto, nella stesura del Quadernone si chiude con un inserto politico riferito
66 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

all’attualità, alla città di Milano dove si avvicina la guerra dopo le prime sconfitte di
Napoleone. Il poeta si rivolge direttamente alla regina di Milano, Amalia moglie del
vicerè Eugenio:
Tutto il cielo t’udia quando al marito
Guerreggiante a impedir l’Elba a’ nemici
Pregavi lenta l’invisibil Parca
Che accompagna gli Eroi vaticinando
L’inno funereo e l’altro avello e l’armi
Più terse e giunti alla quadriga i bianchi
Destrieri eterni a correre l’Eliso. (Foscolo, Grazie 819)
Dopo aver mostrato come la letteratura italiana, grazie alla diretta eredità della cultura
greca, è elemento fondante dell’identità nazionale, una transizione tematica ci porta
nella Milano capitale del Regno d’Italia, unica città in cui la tradizione letteraria
nazionale si lega al potere istituzionale, unico luogo in cui si può trovare un altare in
cui la regina d’Italia possa rendere onore alle Grazie. Segue l’elogio di Amalia, moglie
del vicerè d’Italia, e la presentazione del sovrano di Milano, il solo che in questo
momento difficile per le sorti dell’Europa napoleonica potrebbe riscattare con
l’autonomia politica tutta la tradizione italiana di cui è erede il suo Stato 27. Un elogio
in cui tuttavia Foscolo non si astiene dal condannare gli eccessi e le violenze compiuti
da Eugenio nei confronti dei russi, invece di limitarsi a difendere il confine, violenze
per cui rischia di perdere il favore degli dei e in particolare delle Muse, le quali:
Sdegnan chi a’ fasti di fortuna applaude
Le Dive mie, e sol fan bello il lauro
Quando Sventura ne corona i prenci. (Foscolo, Grazie 819)
Nel finale dell’Inno torna l’auspicio che la poesia, per mezzo della lingua italiana,
possa costituire anche in futuro il cemento dell’unità nazionale:
Spesso per l’altre età, se l’idioma
D’Italia correrà puro a’ nepoti
(È vostro, e voi deh! lo serbate, o Grazie!)
Tentai ritrar ne’ versi miei l’imago. (Foscolo, Grazie 820)
Il procedimento di validazione della letteratura e della cultura italiana attraverso il
richiamo alla civiltà classica e a quella greca trova una più esplicita, distesa e
argomentata formulazione nell’orazione Dell’origine e dell’ufficio della letteratura, la
prolusione del corso di retorica per cui era stato chiamato all’Università di Pavia,
tenutasi il 22 gennaio 1809, poi pubblicata a marzo dello stesso anno (Neppi 2005, 87-
89).

27 Questo elogio viene analizzato, con tutte le varianti d’autore che il passo ha subito, in De Camilli
1994, 137-160; secondo De Camilli, si tratta di un luogo che risente da un lato degli sviluppi
politico-militari e infine dei rovesci subiti negli ultimi anni dell’impero napoleonico dal Regno
d’Italia, dall’altro dell’atteggiamento di Foscolo nei confronti del viceré, improntato a fasi
alterne di stima e di delusione, da entrambe le parti.
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 67

L’orazione ha un significato pregnante: il poeta è chiamato a convalidare la


tradizione letteraria italiana, rendendola attuale e moderna, come uno degli assi
portanti dell’identità del Regno appena costituito, erede della Repubblica d’Italia e
destinato a costituire il nucleo politico dell’Italia all’interno dell’assetto europeo
nell’orbita napoleonica 28. Foscolo, chiamato alla cattedra di retorica istituita
all’università di Pavia, intende esprimere la piena convalida dell’italianità degli Stati
italiani napoleonici, e in particolare del Regno d’Italia, in quanto in essi si è
concretizzata la prima occasione di costruzione di una indipendenza e il primo
embrione di unità nazionale. Al tempo stesso egli non vuole passare sotto silenzio il
proprio dissenso dagli aspetti più dispotici e autoritari del regime napoleonico,
soprattutto dopo la proclamazione dell’Impero, ribadendo con tutti i mezzi a sua
disposizione l’assoluta autonomia e indipendenza intellettuale dal potere costituito 29.
A questo proposito, la prolusione avrebbe avuto un’eco notevole negli ambienti
culturali e politici del Regno, ma, nonostante la pressione degli amici, in particolare di
Monti, l’autore si era rifiutato di inserire nel testo un elogio dell’imperatore e del
viceré 30. L’argomento che Foscolo ha scelto per l’orazione è, secondo le sue stesse
parole «particolarmente ambizioso», in quanto egli intende: «[...] discorrere
filosoficamente e eloquentemente la storia letteraria di tutti i secoli e di tutti i popoli»
(cit. in Neppi 2005, 5).
L’orazione introduce un corso generale, del primo anno di studio, sui fondamenti
della letteratura, e per questo Foscolo sceglie di non dare spazio esclusivo alla
letteratura italiana nella sua orazione, anche se inserisce nel discorso elementi fondanti
per la messa a punto identitaria della letteratura e della nazione italiana, la
responsabilità e il primato come erede diretta della cultura classica, in particolare
greca.
Per Foscolo la letteratura e l’arte hanno un ruolo centrale nella definizione e anche
nella testimonianza di un’identità nazionale come quella italiana, dal punto di vista
politico fallita e perdente per secoli, non avendo l’Italia ancora raggiunto la propria
unificazione e avendo alle spalle periodi di dominazione straniera.

28 Pochi anni prima, nel 1802, era stato Monti a tenere a Pavia un ciclo di lezioni in cui aveva esaltato
il ruolo identitario della letteratura italiana, seguendo il favore con cui il vicepresidente della
Repubblica italiana, il visconte Francesco Melzi D’Eril, aveva incoraggiato gli intellettuali che
si orientavano su una soluzione italiana unitaria. Sono anni in cui il progetto culturale italiano di
Monti e quello di Foscolo si incontrano verso un classicismo civile e impegnato, alla base della
loro idea identitaria sull’Italia da costruire, sotto l’egida della potenza europea francese (Del
Vento 2003, 152-153).
29 Come fa osservare Giuseppe Nicoletti, le lezioni pavesi si collocano nel momento in cui la classe
degli intellettuali va ad occupare le funzioni di vertice dell’apparato statale napoleonico a
Milano, a differenza del poeta. Tuttavia questi intellettuali non avrebbero saputo utilizzare a
fondo le posizioni raggiunte al fine di gettare le basi di quella nazione italiana libera che
avrebbero potuto costruire sia culturalmente che concretamente con l’azione politica (Nicoletti
2006, 196); la netta distinzione fra la propria posizione e quella degli altri intellettuali inquadrati
nelle istituzioni napoleoniche era stata dichiarata anche nel Carme dei Sepolcri (Nicoletti 2006,
173).
30 Informazioni ben documentate sull’orazione e sull’incarico universitario affidato a Foscolo si
trovano in Neppi 2005.
68 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

3.4.2. Impegno civile e canone letterario italiano


Un altro elemento che individua secondo Foscolo il canone della letteratura italiana, a
partire dal Medioevo, è l’impegno civile e morale degli autori, che procura a molti
sofferenza, persecuzione e l’esilio. Questi elementi riguardano tutta la galleria degli
autori citati, a partire da Dante e Petrarca, nel Carme Dei Sepolcri, che si colloca al
centro di questa elaborazione di un pensiero letterario nazionale. Nel testo, pur fra i
fittissimi richiami classici, e in presenza del richiamo al poeta classico per eccellenza,
Omero, il primo poeta che viene nominato, con una perifrasi che lo celebra degno del
Parnaso classico, è Parini: «[...]. E senza tomba giace il tuo / Sacerdote, o Talia, [...]»
(Foscolo, Sepolcri 53-54).
Il poeta milanese viene celebrato con gli attributi sacri al mito antico della poesia,
in quanto per Foscolo il riferimento nobilitante alla tradizione greca è costante e
imprescindibile, come la diretta derivazione della cultura italiana dalla cultura greca
antica, e nel contempo se ne esalta il radicamento civico nella sua città e il carattere di
denuncia e di impegno sociale presente nella sua poesia, contrapposto al
riconoscimento da parte delle autorità e alla denuncia di poeti e intellettuali che
cercano piuttosto il favore dei potenti 31:
E tu gli ornavi del tuo riso i canti
Che il lombardo pungean Sardanapalo
[...] A lui ombre non pose
Tra le sue mura la città, lasciva
D’evirati cantori allettatrice, [...] (Foscolo, Sepolcri 57-58; 72-74)
Parini era già stato presentato come oggetto di venerazione da parte del protagonista
dell’Ortis, dove lo stesso protagonista racconta l’incontro con l’anziano poeta,
ritraendone tutta la dignità e la forza morale, ancora evidenti nonostante l’età avanzata:
Il Parini è il personaggio più dignitoso e più eloquente ch’io m’abbia mai conosciuto; e
d’altronde un profondo, generoso, meditato dolore a chi non dà somma eloquenza? Mi parlò
a lungo della sua patria, e fremeva e per le antiche tirannidi e per la nuova licenza. Le lettere
prostituite; tutte le passioni languenti e degenerate in una indolente vilissima corruzione:
non più la sacra ospitalità, non la benevolenza, non più l’amore figliale – e poi mi tesseva
gli annali recenti, e i delitti di tanti uomicciattoli ch’io degnerei di nominare, se le loro
scelleraggini mostrassero il vigore d’animo, non dirò di Silla e di Catilina, ma di quegli
animosi masnadieri che affrontano il misfatto quantunque e’ si vedano presso il patibolo –
ma ladroncelli, tremanti, saccenti – più onesto insomma è tacerne. – (Foscolo, Ortis 413-
414)
Il ritratto di Parini è incentrato sulla funzione civica e altamente morale del poeta, una
costante nella costruzione del canone letterario nel Risorgimento italiano, e che
rimanda alla cultura settecentesca che andava alla ricerca di una galleria di autori di
testi anche non strettamente letterari, come il Principe di Machiavelli, o i dialoghi in

31 Il concetto della derivazione della cultura italiana direttamente da quella greca, raccogliendone
l’eredità non solo formale, ma anche etica e civile, si trova in Battistini 2008, 47-48.
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 69

cui Galilei sosteneva le proprie scoperte scientifiche, entrambi scrittori che avevano
subito delle persecuzioni. Parini diventa dopo la celebrazione di Foscolo un’icona del
Risorgimento, e viene assunto come un classico nel canone della storia letteraria
italiana a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Nel suo caso si assiste a un
duplice processo che lo porta a essere anacronisticamente il poeta delle classi popolari,
per la sua poesia antinobiliare, e anche il rinnovatore della stanca retorica letteraria
dell’Arcadia 32.
Si passano quindi in rassegna gli autori in cui Foscolo riconosce la storia letteraria
nazionale, partendo dalla triade Machiavelli, Michelangelo, Galileo. I tre personaggi
sono tutti accumunati dalla sepoltura nella Basilica di Santa Croce, a Firenze, che si
lega tematicamente al contenuto del Carme Dei Sepolcri, e che conferma il ruolo di
costituzione del patrimonio della memoria, assegnato alla sepoltura. La scelta delle tre
figure serve a mostrare la presenza della cultura italiana in più campi del sapere, nella
letteratura, nell’architettura e nell’arte, nella scienza, e non a caso si scelgono un
artista e uno scienziato che sono stati anche scrittori 33. Il ruolo centrale di Firenze nella
definizione linguistica (e letteraria) dell’identità italiana si presenta come una costante
in tutta la produzione poetica foscoliana, e in particolare nelle pagine del suo romanzo
dedicate alla visita di Jacopo Ortis a Firenze, che anticipa questi versi centrali del
Carme dei Sepolcri (Foscolo, Ortis 401-402). Nel romanzo, inoltre, Jacopo dichiara
apertamente che la rinata civiltà italiana, che nella visione di Foscolo è la diretta
continuatrice della greca e della latina, si è sviluppata proprio in Toscana: «In queste
terre beate si ridestarono dalla barbarie le sacre muse e le lettere. Dovunque io mi
volga, trovo le case ove nacquero e le pie zolle ove riposano que’ primi grandi toscani:
ad ogni passo pavento di calpestare le loro reliquie» (Foscolo, Ortis 407).
In questa enunciazione del patrimonio culturale universale associato all’idea
d’italianità si fa riferimento al periodo cui si attribuisce tradizionalmente il culmine del
successo europeo del modello culturale italiano, il Rinascimento, cui si attribuiscono
anche le scoperte scientifiche di Galileo:
[...] Io quando il monumento
Vidi ove posa il corpo di quel grande
Che temprando lo scettro a’ regnatori
Gli allor ne sfronda, ed alle genti svela
Di che lagrime grondi e di che sangue;
E l’arca di colui che nuovo Olimpo
Alzò in Roma a’ Celesti; e di chi vide

32 Si veda ad esempio quanto affermato in Tatti 2011a, 48-49. Su questa linea di ricerca dei valori
civili e morali sottesi all’identità letteraria italiana, Laura Nay analizza il modulo stereotipico
del patriota italiano come combattente, uno stereotipo auspicato da chi, come Pisacane,
sosteneva che alla gloria artistica e letteraria legata alla cultura italiana occorreva recuperare il
titolo di «popolo più guerriero del mondo» (Nay 2010, 233).
33 David Theo Goldberg nel saggio introduttivo al volume da lui curato sul «multiculturalismo» cita
un elenco di intellettuali europei che hanno avuto un’esistenza con poli di appartenenza
geografica differente, da Agostino d’Ippona a Freud, e fra questi troviamo anche Galileo Galilei
(Goldberg 1994a, 23).
70 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Sotto l’etereo padiglion rotarsi


Più mondi, e il Sole irradïarli immoto,
Onde all’Anglo che tanta ala vi stese
Sgombrò primo le vie del firmamento; (Foscolo, Sepolcri 154-164)
La scelta degli autori orienta e definisce l’idea di nazione che ha Foscolo, in quanto si
parte con lo scrittore e pensatore politico Machiavelli, che richiama l’idea di denuncia
dei soprusi dei potenti, già espressa con Parini, e si ancora il poeta milanese, citato per
primo, con la tradizione letteraria italiana che trae le sue origini da Firenze. Il trattato
politico del segretario fiorentino non viene letto come guida per la conquista del
principato e come esposizione della politica in quanto scienza autonoma, bensì come
manifesto di denuncia dei crimini segreti che nasconde il potere dispotico del principe.
Foscolo attribuisce a Machiavelli una forma di repubblicanesimo molto vicina al
rapporto che aveva lui stesso con il potere e in particolare con il potere napoleonico.
Machiavelli quando scriveva il Principe era pronto a tornare al servizio di Firenze,
anzi nel finale dell’opera era arrivato ad auspicare che i Medici, tornati di nuovo
signori di Firenze, potessero anche instaurare quello Stato italiano che il Valentino,
Cesare Borgia, non era riuscito a costituire, tuttavia, secondo Foscolo, nel suo trattato
non manca di denunciare quelle che sono le insidie e i soprusi nascosti nel potere del
principe (Machiavelli, Principe 98). Da qui nasce l’ideale patriottico assegnato a
Machiavelli nei versi dei Sepolcri: il ruolo dell’intellettuale che pur servendo la
propria patria ha come missione quella di levare la sua voce per denunciare ciò che va
contro giustizia e libertà (cfr. Foscolo, Frammenti 23-24). Machiavelli era stato fra i
bersagli polemici di Vico, in particolare nella Scienza nuova, pur costituendo gli scritti
di Machiavelli uno dei suoi punti di partenza concettuali, in quanto la lettura che fa
Vico della storia romana presuppone la lettura di Machiavelli. Per lo scrittore
fiorentino la storia costituiva un laboratorio cui poter applicare leggi astratte valide in
qualsiasi contesto geo-culturale e in qualsiasi epoca, di qui gli esempi utilizzati nel
Principe tratti da contesti molto eterogenei. Su questo Vico non concorda e storicizza
le teorie di Machiavelli, introducendo la necessità di considerare la peculiarità dei
singoli popoli, e anche introducendo l’elemento mitico come possibile chiave di lettura
della storia 34. Foscolo costruisce con Machiavelli il mito di uno scrittore italiano,
fortemente impegnato civilmente, riletto secondo i parametri vichiani.

34 «Imperciocché, essendosi incominciata ad addimesticare la ferocia dei tempi, e, con le leggi


giudiziarie, incominciate a proibirsi le violenze private, tutte le private forze andandosi ad unire
nella forza pubblica, che si dice ʿimperio civileʾ, i primi popoli, per natura poeti, dovettero
naturalmente imitare quelle forze vere, ch’avevan innanzi usate per conservarsi i loro diritti e
ragioni [...]» (Vico, Scienza nuova 702); per un esame critico della posizione di Vico rispetto a
Machiavelli si veda il saggio di Antonio Vanzulli, in cui si mostra che da un lato Vico può
essere considerato un allievo del pensiero di Machiavelli, mentre dall’altro il suo metodo di
analisi della storia è totalmente differente, pur arrivando a conclusioni non troppo lontane da
quelle di Machiavelli: «La chiave maestra della nuova scienza vichiana è così la teoria degli
universali fantastici e con essa la teoria della sapienza poetica. La politica in Vico passa dunque
anche attraverso la mitologia – di cui è data un’interpretazione radicale di tipo esclusivamente
civile – come chiave della sapienza poetica, e non soltanto attraverso la lettura del modello
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 71

A proposito dell’interpretazione «repubblicana» e anti-tirannica di Machiavelli,


sarà da ricordare che il giovane Foscolo nel 1797 aveva tenuto un discorso pubblico a
Venezia, proprio a sostegno della tesi di Rousseau che Machiavelli avesse scritto un
manifesto dei repubblicani (Folena 1986, 36). D’altra parte si tratta di una linea
d’interpretazione di Machiavelli assai più antica, come rileva Alberto Granese,
risalente ad Alberigo Gentile, in uno scritto del 1585, e sarà ripresa alla fine del
Settecento da Alfieri e da Lomonaco (Granese 2004, 158).
La galleria di scrittori italiani presentata nei Sepolcri prosegue con la figura di
Michelangelo, presentato come architetto, a proposito del quale si evidenzia la
dinamica fra continuità e discontinuità (nel senso di superamento e primato) della
cultura italiana rispetto alla cultura e alla religione classica: la sua massima opera
architettonica, la cupola di San Pietro, viene letta come una traslatio dell’Olimpo
greco, tanto che i Santi cristiani in onore dei quali è innalzata la cupola
michelangiolesca, ai quali si attribuisce certo un valore identitario rispetto alla nazione
italiana, vengono assimilati agli dei classici, nella denominazione «i Celesti». Il
concetto di eredità diretta da parte dell’Italia della cultura greca è una costante
nell’opera di Foscolo, come risulta anche dalla storia culturale del genere umano
contenuta nelle Grazie, e anche nella Orazione inaugurale.
Nei versi del Carme, Galileo è esaltato come scienziato, con il ricordo della sua
tesi più coraggiosa, quella della rotazione della Terra attorno al Sole, con la
conseguente negazione della tesi aristotelico-cattolica della Terra fissa al centro
dell’Universo. La tesi era stata espressa nel Dialogo sopra i due massimi sistemi, che
avrebbe costituito il nucleo della sua condanna da parte del tribunale del Sant’Uffizio.
Dal punto di vista letterario, la figura dello scienziato viene assimilata per analogia a
quella di Michelangelo, in quanto «l’etereo padiglion», la volta celeste da lui esplorata
richiama la cupola, il «nuovo Olimpo» eretto da Michelangelo. Anche per quanto
riguarda Galileo tornano i valori identitari del coraggio civile di chi sfida il potere, in
questo caso quello ecclesiastico, in nome della proclamazione dei valori di libertà
scientifica e di autonomia.
Alla celebrazione di Galileo segue la presentazione di Isaac Newton (1642-1727),
che fra l’altro nasce proprio nell’anno della morte di Galileo, e a cui Foscolo riconosce
il merito di aver sviluppato le scoperte di Galileo, pur riconoscendo al primo il primato
di avergli aperto le strade, le «vie del firmamento». Nella consacrazione dello
scienziato inglese entra in gioco la particolare posizione di Foscolo nei confronti
dell’Italia napoleonica. Foscolo è infatti un sostenitore del sistema europeo
napoleonico, pur essendone fortemente critico: lui stesso fa parte negli anni 1804-1806
dei contingenti napoleonici che stanno preparando sulle rive della Manica lo sbarco
per l’invasione dell’Inghilterra, mai avvenuto. Tuttavia l’intellettuale ribelle e sempre
critico verso il crescente dispotismo napoleonico, non può non guardare positivamente
al ruolo dell’Inghilterra, come argine per evitare che in Europa il dispotismo
napoleonico trionfi.

storico-politico romano, della trasformazione dell’autorità romana, com’era comune nella sua
epoca» (Vanzulli 2005, 5).
72 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Tale attenzione alla presenza di autori scienziati, filosofi, storici, e in generale


portatori di contenuti etici e civili, era una reazione alla letteratura fine a sé stessa, anzi
fortemente sottoposta al potere delle corti, anche straniere, dominanti in Italia, con
particolare riferimento al Seicento, visto come un periodo da cancellare per quanto
riguarda l’apporto della letteratura all’identità nazionale (cfr. Battistini 2011). Nel
Settecento, a partire dalla costruzione ideale di una repubblica italiana delle lettere
risalente a Ludovico Antonio Muratori (1672-1750), abbiamo questa insistenza
sull’inserimento di scienziati, filosofi e trattatisti all’interno del canone letterario
italiano. 35
Non ci può essere per Foscolo in Italia, come negli altri paesi, una letteratura
nazionale che non sia impregnata di senso civico e morale; a questo proposito nella sua
orazione inaugurale pronuncia una condanna senza mezzi termini contro i sofisti nel
panorama della letteratura greca:
Primo Gorgia, che non poteva amare una città ov’egli era mercenario e straniero, insegnò in
Atene a blandire i vizj e l’ignoranza del popolo, ammaliandogli l’intelletto con la pompa
delle figure, chiudendogli il cuore alla voce degli affetti e del vero, lusingandogli i sensi con
l’azione teatrale e con la cadenza dei periodi aculeati e sonanti. (Foscolo, Origine e ufficio
131)
Il tema dell’impegno civile della letteratura si ritrova espresso con mezzi letterari
anche nelle Grazie. Nella complessa trama dell’opera, la cultura è rappresentata dalle
Grazie lasciate sulla terra da Venere, ritiratasi sull’Olimpo per non vedere la violenza
bruta dell’uomo. Alle dee delle arti e della cultura Venere affida il compito di rendere
meno selvaggio l’uomo; fuor di allegoria si attribuisce all’arte e alla letteratura una
funzione etica e civile nei confronti del genere umano, come dice Venere nel momento
in cui saluta le Grazie prima del suo ritorno sull’Olimpo:
– Assai beato, o giovinette, è il regno
De’ Celesti ov’io riedo. All’infelice
Terra ed a’ figli suoi voi rimanete
Confortatrici; sol per voi sovr’essa
Ogni lor dono pioveranno i Numi.
E se vindici fien più che clementi
Anzi al trono del padre io di mia mano
Guiderovvi a placarlo. [...] (Foscolo, Grazie 796)
Per questo motivo Foscolo nella sua Orazione inaugurale richiama l’esempio di quegli
autori che hanno scelto la lingua italiana come lingua della comunicazione scientifica,
dalle opere storiche di Machiavelli, alle opere astronomiche di Galileo, dal trattato
giuridico di Cesare Beccaria (1738-1794), agli scritti economici di Ferdinando Galiani
(1728-1787), quindi auspica che possa nascere una vera e propria storiografia italiana,
con la celebre esortazione «alle storie» rivolta agli italiani (Foscolo, Origine e ufficio

35 Per la ricostruzione dell’operazione culturale promossa da Ludovico Antonio Muratori si veda


Merolla 2007a, 516-518.
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 73

141-143), e infine accumuna strettamente la formazione di un’identità nazionale con il


patrimonio della letteratura:
«Amate palesemente le lettere e la vostra nazione, e potrete alfine conoscervi tra di voi, e
assumerete il coraggio della concordia; né la fortuna né la calunnia potranno opprimervi
mai, quando la coscienza del sapere e dell’onestà v’arma del desiderio della vera e utile
fama» (Foscolo, Origine e ufficio 147).

3.4.3. Il ruolo di poeta nazionale


In questo canone letterario italiano basato sull’impegno civile entra anche lo
stesso Foscolo come autore, destinato a diventare una vera e propria icona del
Risorgimento, una figura di scrittore-eroe-patriota che verrà accostata a quella dello
stesso Dante, anche in virtù del suo rapporto con il potere, fino alla svolta dell’esilio
finale.
Nel Carme dei Sepolcri, proprio nel ricordo dei due poeti che hanno fondato la
poesia italiana, entra in gioco la condizione del poeta nazionale. La qualifica che
Foscolo assegna in prima instanza a Dante è il celebre attributo «ghibellin fuggiasco»
(Foscolo, Sepolcri 174), con una trasposizione storico-politica dal campo dei guelfi, in
cui Dante aveva storicamente militato, a quello opposto, per accentuarne la carica
antipapale e favorevole all’imperatore, e per offrire in Dante un vero e proprio
autoritratto-manifesto.
Ma a proposito di questo passo dei Sepolcri possiamo andare oltre, proseguendo
sulla via interpretativa aperta da Emilio Pasquini, che ha analizzato il significato e
l’origine del sintagma foscoliano, attribuendo a esso in sostanza una valenza
fortemente autobiografica:
È probabile invece che, al di là del fatto storico che i fuoriusciti Bianchi avessero stretto
lega con gli esuli ghibellini, l’epiteto foscoliano esprima lo spirito giacobino e democratico
di chi, come già Dante al suo tempo, non desisteva dal lottare contro la fraudolenta tirannia
dei pontefici, la frode guelfa e la papale avarizia. (Pasquini 2006, 465)
Partendo da questo gioco di riflessi e rispecchiamenti fra il Dante, e anche, come
vedremo, l’Alfieri, dei Sepolcri e lo stesso Foscolo, possiamo trarre elementi più
generali sull’identità nazionale che il poeta qui intende rappresentare. Possiamo a
questo punto leggere nella figura dantesca la formula foscoliana della nascente Italia
napoleonica, in quanto lui, al tempo stesso critico, ma sostenitore della politica italiana
di Napoleone, alla ricerca e di una patria in costruzione e in via di definizione
territoriale, si sente, come italiano «ghibellino» e «fuggiasco». Approfondendo questo
concetto, non possiamo non osservare che nel canone foscoliano dell’identità culturale
italiana Petrarca viene ricordato in particolare per l’origine fiorentina dei genitori e
della lingua poetica adottata, facendo anche di lui un italiano in quanto esule. Nel già
citato saggio su Dante e Petrarca, definiti «fondatori dell’italiana letteratura» (Foscolo,
Dante e Petrarca 280), Foscolo afferma che uno degli elementi che accumunano i due
poeti è l’esperienza dell’esilio, poiché nella stessa lista di esiliati, risalente al 27
gennaio 1302, figurano sia il nome di Dante che quello del padre di Petrarca (Foscolo,
Dante e Petrarca 280).
74 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Tale ferma convinzione del forte legame fra appartenenza nazionale e carattere
civico della letteratura attraversa tutta l’opera foscoliana, fina dai primi scritti
giovanili, a sostegno delle prime imprese di Napoleone in Italia, ma anche con
repentine prese di distanza da ogni servilismo al potere che minacciava subito di
diventare tirannico. È il caso dell’Oda a Bonaparte liberatore, composta nel 1799, cui
si abbina la successiva Orazione a Bonaparte per congresso di Lione, composta alla
fine del 1801 e pubblicata nel 1802 insieme alla riedizione dell’Oda.
Nel testo in versi Foscolo identifica il proprio ruolo di poeta nazionale, in primo
luogo come colui che deve risvegliare la coscienza dei concittadini e mostrare loro la
via aperta da Napoleone per il conseguimento dell’indipendenza nazionale, come
risulta dal fatto che Foscolo chiama i suoi interlocutori «de l’Italia [...] genti future», in
quanto grazie alla parola del poeta e alle imprese di Napoleone, potrà nascere uno
Stato italiano; in secondo luogo come guida morale, in quanto alla presa di coscienza
di appartenere all’Italia del futuro, Foscolo associa valori morali profondi, come risulta
dalla parte finale della citazione:
Ma de l’Italia o voi genti future,
Me vate udite cui divino infiamma
Libero Genio e ardor santo del vero: [...]
Itale genti, se Virtù suo scudo
Su voi non stende, Libertà vi nuoce;
Se patrio amor non vi ama d’ardimento,
Non di compre falangi, il petto ignudo,
E se furenti modi
Dal pacifico tempio
Voi non cacciate, e sacerdozie frodi,
Sarete un dì a le età misero esempio: (Foscolo, Bonaparte liberatore 209-211; 224-231)
Del tutto diverso è il tono dell’orazione premessa all’ode nel 1801, alla vigilia dei
comizi di Lione da cui sarebbe nata la Repubblica d’Italia, con Napoleone presidente e
il milanese Enrico Melzi d’Eril vicepresidente. Sono trascorsi i primi anni di vita delle
repubbliche napoleoniche in Italia, e Foscolo, che è stato chiamato dai governanti
milanesi a tessere l’elogio di Bonaparte, interpreta il suo ruolo di poeta e oratore
nazionale innanzitutto in senso morale, cogliendo l’occasione per additare a
Napoleone quali sono i suoi meriti e quali sono i suoi errori, al fine di spronarlo a non
commetterne altri. Inoltre l’orazione contiene una denuncia severa degli attuali
governanti della Repubblica Cisalpina, presentati da Foscolo come disonesti in assenza
di Napoleone. Per questo il poeta invita il generale corso a tornare in Italia, sia per
tenere lontano i nemici che stavano riconquistando gli stati italiani da lui appena
liberati, sia per dare alla repubblica giuste leggi e onesti governanti: «Ed ora pur te la
dedico non per lusingarti col suono delle tue gesta, ma per mostrarti col paragone la
miseria di questa Italia che giustamente aspetta restaurata la libertà da chi primo la
fondò» (Foscolo, Bonaparte liberatore «Orazione»).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 75

Il testo costituisce la messa in scena drammatica del contrasto fra il genio di


Napoleone come interlocutore, e l’individualità del poeta che si pone con la dignità di
cittadino libero che invoca dal futuro imperatore la consacrazione dell’identità italiana:
solo lui potrebbe concederla, liberando l’Italia da secoli di catene e di divisioni. Di
questo programma retorico e politico al tempo stesso, le lezioni di Pavia degli anni
successivi costituiscono lo sviluppo e l’approfondimento, e anche la messa a fuoco del
ruolo centrale della letteratura nella costruzione nazionale italiana 36.
Foscolo ha avuto una relazione controversa e conflittuale anche con l’ambiente
letterario contemporaneo, a suo avviso troppo incline a celebrare acriticamente il
Regno d’Italia e la politica napoleonica, un fatto cui troviamo riscontri in molte delle
sue opere, fra cui Il Carme dei Sepolcri e le Grazie. Nell’esilio inglese Foscolo
piomberà in una fase di totale sfiducia nelle possibilità di realizzazione di una
unificazione nazionale italiana, convertendosi da scrittore a critico e filologo.
Tuttavia, soprattutto grazie alla mediazione mazziniana, Foscolo è destinato a
conquistare una posizione centrale e stabile nel canone letterario, dopo esser stato
l’autore preferito di molti protagonisti del Risorgimento. Foscolo verrà infatti indicato
da Giuseppe Mazzini come una delle letture indispensabili per la formazione di una
coscienza nazionale italiana, e proprio a tale proposito, e per saldare in un’unica catena
di precursori del Risorgimento tutta la linea cronologica identitaria della letteratura
italiana, Mazzini si adoprerà per pubblicare gli scritti politici inediti di Foscolo e la sua
edizione commentata della Commedia (Alighieri-Foscolo, Commedia).

3.5. Sintesi unitaria delle differenze locali: il colpo d’occhio


dell’esule
Vincenzo Cuoco, come vedremo nel capitolo 4, negli anni dell’esilio milanese entra in
contatto con tutti i protagonisti culturali della Milano napoleonica, fra cui Foscolo e
Manzoni. L’esule molisano sperimenta su di sé l’incontro fra culture regionali italiane
diverse e la possibile compositio ad unum nel disegno politico italiano che ha avuto lo
stimolo dalla creazione politica napoleonica, fino alla fondazione napoleonica del
Regno di Napoli, che gli consentirà di rientrare in patria, anche se nella sua opera si
dichiara sempre italiano. A differenza di lui, Foscolo, che si trova ad agire e a scrivere
nello stesso ambiente, avrà la necessità di ridefinire la sua identità culturale, essendosi
per adozione legato alla cultura italiana, e non avendo più quindi alle proprie spalle né
l’identità greca, da cui è partito, né l’identità veneta, da lui mai assunta. Lo scrittore
non mostra nessun rimpianto per la fine della Repubblica di San Marco, quanto
piuttosto il forte desiderio di un’acquisizione di tutte le regioni ad un’unica identità
nazionale, nell’ambito della costruzione istituzionale di uno Stato italiano, o di una
federazione di Stati italiani. Nella sua opera, e in primo luogo nell’Ortis, denuncia
quello che per lui è il tradimento di Napoleone non a Venezia, ma agli italiani, la

36 Giuseppe Nicoletti nota che nel testo di Foscolo «l’appello all’uomo che ormai aspirava al ʿsommo
potereʾ si trasforma in monito e la figura vendicatrice di Bruto, in filigrana, sembra vigilare su
quella, apertamente evocata, di Cesare» (Nicoletti 2006, 73).
76 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

cessione all’Impero d’Austria con il Trattato di Campoformio delle terre prima


dominate da Venezia, quindi affidate a Napoleone da un’insurrezione popolare.
Le domande che ci poniamo in questo paragrafo riguardano il rapporto di Foscolo
con le articolazioni interne dell’identità culturale italiana: ci chiederemo se e come
Foscolo abbia individuato e rappresentato nella sua opera tali identità locali. In via
preliminare possiamo osservare che nell’opera di Foscolo agiscono due elementi che
lo portano a idealizzare un’unità culturale, linguistica e nazionale italiana in senso
unitario e accentratore. Il primo è costituito dalla sua provenienza «periferica» rispetto
alla cultura italiana, vissuta da lui piuttosto come appartenenza alla cultura greca e
come esigenza di rivendicare la paternità (o meglio maternità) culturale greca in
rapporto all’italianità, piuttosto che come un’articolazione identitaria interna. Il
secondo elemento è l’adesione agli ideali politici della repubblica francese e della
rivoluzione che ne era stata all’origine, fra cui quello del centralismo, per un governo
unitario e democratico, piuttosto che una frammentazione e un decentramento del
potere a favore delle autonomie locali. Fatte queste premesse, vorremmo a questo
punto indicare in che modo Foscolo renda tuttavia testimonianza dell’articolazione
plurale di quella che dovrebbe costituire secondo lui la nazione italiana.
Forte è l’attenzione di Foscolo alla varietà di regioni e di città che costituiscono,
secondo quanto abbiamo visto in precedenza, il tessuto territoriale dell’identità
italiana, le cui diversità rappresentano però piuttosto un aspetto problematico. Nelle
Ultime lettere di Jacopo Ortis, oltre a insistere sulle discordie e lotte interne che hanno
minato l’unità territoriale italiana, il protagonista Jacopo sente l’esigenza di percorrere
anche fisicamente tutto quel territorio cui si sente legato per appartenenza nazionale. Il
personaggio si muove da Bologna, a Milano, capitali delle repubbliche napoleoniche, a
Firenze, dove trova le memorie della nascita e dello sviluppo della letteratura e della
cultura italiana, a Ravenna, dove cerca la tomba di Dante, fino al confine francese. La
letteratura odeporica era un genere ampiamente diffuso nel Settecento e nel romanzo
foscoliano il viaggio diventa presa di contatto diretta e identificazione del territorio
nazionale 37. Significativo il fatto che vorrebbe recarsi anche a Roma, ma il viaggio gli
è impedito per l’impossibilità di ottenere il passaporto:
Neppure mi è conceduto di proseguire il mio viaggio: avea decretato di andare a Roma a
prostrarmi su le reliquie della nostra grandezza. Mi negano il passaporto; quello già
mandatomi da mia madre è per Milano: e qui, come s’io fossi venuto a congiurare, mi hanno
circuito con mille interrogazioni: non avran torto; ma io risponderò domani, partendo. –
Così noi tutti Italiani siamo fuoriusciti e stranieri in Italia: e lontani appena dal nostro
territoriuccio, nè ingegno, nè fama, nè illibati costumi ci sono scudo; [...] (Foscolo, Ortis
407-408)
Nel brano citato è molto esplicita la contraddizione fra l’appartenenza nazionale, che
viene posta su un piano ideale e ricondotta alla matrice della grandezza culturale e
morale classica, con il riferimento a Roma, e l’appartenenza locale, sminuita anche
dall’uso del diminutivo («territoriuccio»).

37 Per un inquadramento del genere si possono consultare i due volumi che raccolgono i saggi di
Emanuele Kanceff, e in particolare i contributi teorici sul genere odeporico contenuti nel primo
volume (Kanceff 1994, I).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 77

Nel periodo napoleonico, a fronte degli esperimenti di indipendenza nazionale e di


governi e legislazioni democratiche, si era sviluppato anche il dibattito sulla forma
politica unitaria o federalistica. Questo dibattito s’inseriva nella tensione sempre
presente fra intellettuali e politici italiani, appartenenti a «partiti» diversi, e la
contrarietà francese alla realizzazione di un forte Stato unitario, che sarebbe stato
certamente più difficile costringere a una politica del tutto subordinata a quella
francese. Dall’opera di Foscolo e dalla sua attenzione a tutti gli Stati che formavano
l’Italia napoleonica, è chiaro che la sua idea d’italianità va oltre i confini del Regno
d’Italia, che corrisponde all’Italia Settentrionale. Peraltro la consapevolezza delle
differenze culturali fra le varie regioni italiane emerge in uno scritto risalente agli anni
1803-1804, in cui ripercorre la storia della repubblica napoletana del 1799. Si tratta di
un testo che imita lo stile asciutto e in parte nominale delle opere di Cornelio Tacito:
Commentari della storia di Napoli 38. Nel secondo libro si parla dell’insediamento del
governo repubblicano e delle armate francesi del generale Championnet a Napoli,
Foscolo mostra come il generale francese si sia calato nelle tradizioni locali per
conquistare il favore popolare:
Sparsesi Championnet permettere, compenso e coraggio ai soldati, il saccheggio; patrioti
avere ricevuto biglietti di sicurezza. Moliterno ed altri capi placavano il generale. Non pare
giusto la cittá, amica de’ francesi, che per altro faceali liberi, pagar la pena del furor pazzo
de’ lazzaroni. Il sacco fu esentato con due milioni e mezzo [di] ducati alla sola città. E furon
tutti contenti. Arcivescovo canta il Te Deum. Championnet lo ascolta con grande ceremonia,
come col re. Moltitudine ama la devozione da’ francesi mostrata; Championnet donò un
anello al santo, e distribuì danaro a’ lazzaroni, uscendo di chiesa. (Foscolo, Commentari
207)
Foscolo attribuisce al generale la capacità di assumere, come massima autorità dello
Stato repubblicano creato dai francesi a Napoli, i parametri del potere che erano insiti
nella cultura di quella città e di quella regione. Possiamo trovare altre tracce di
quest’attenzione alle geografie culturali locali nelle Grazie, quando si ripercorre il
viaggio delle api, simboleggianti la poesia, a partire dalla Grecia, fino a Roma e quindi
nelle varie regioni italiane. Tornando al testo dei Commentari, qui Foscolo si
pronuncia a favore di una soluzione unitaria alla costruzione dell’identità italiana, in
quanto appare chiaro che anche il Regno di Napoli deve entrare a far parte a pieno
titolo della futura Italia. Inoltre nel testo di Foscolo la solidarietà ai giacobini
napoletani è ancora più forte e incondizionata di quanto aveva espresso Cuoco nel suo
Saggio storico:
A differenza di Cuoco, infatti, Foscolo non individua la causa della rovina della repubblica
napoletana e delle altre repubbliche giacobine negli errori dei patrioti meridionali, o nella
natura superstiziosa e feroce dei lazzaroni, ma nella politica italiana del Direttorio francese e
dei suoi commissari. (Del Vento 2003, 132)
Negli scritti di Foscolo troviamo inoltre, come già accennato, riferimenti alla presenza
in Italia di parlate molto differenti, ad esempio nel lungo e articolato Discorso sul testo
e su le opinioni diverse prevalenti intorno alla storia e alla emendazione critica della
Commedia di Dante, steso e in parte pubblicato nel 1825, quindi ripreso e pubblicato

38 Si veda l’analisi di Matteo Palumbo (Palumbo 2005).


78 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

integralmente da Mazzini nel 1842 (Foscolo, Sulla Commedia). Il saggio prende in


esame tutta l’opera e la biografia dantesca e nelle pagine dedicate al De vulgari
eloquentia si analizza la varietà linguistica esistente fra i dialetti italiani, confrontando
la situazione descritta da Dante con quella contemporanea a Foscolo. Il fenomeno è
associato alla mancanza secolare di un centro politico in Italia e all’influsso negativo
della Chiesa e del suo potere, anche in campo culturale, un potere che ha creato
divisioni e ha depresso il contenuto civico e morale della letteratura italiana:
E che altro poteva fare l’Accademia della Crusca, fondatasi mentre Filippo II, e il Concilio
di Trento, e l’istituzione de’ Gesuiti occupavano a un tratto l’Italia? Allora i magnanimi
tacquero, e se taluno dell’età riparlò con l’eloquenza degli avi, la loro patria non era più atta
ad intendere; e la lingua piacque ridotta a musica senza pensiero, finché la filosofia del
secolo scorso e poi la vittoria trapiantarono in Italia lo stile Francese che la sviò da’ latini e
da’ greci. Tuttavia accrebbe le idee; e perché imbarbariva la lingua per mezzo della
tirannide, irritò l’amor patrio, e taluni la depuravano anche della scabbia insinuatasi per
vezzo d’usi stranieri da un secolo e più. (Foscolo, Sulla Commedia 255-256)
Ci pare notevole notare a questo punto che pur da posizioni molto differenti, come
vedremo nel capitolo 7, anche Belli accusa l’Accademia della Crusca della distanza fra
lingua letteraria e lingue effettivamente parlate in Italia, facendola oggetto di satira nei
suoi versi. Foscolo rileva quindi le differenze linguistiche da regione a regione,
segnalandole come un problema per il raggiungimento di un’identità nazionale,
arrivando a lodare il pesante influsso francese sulla lingua e sulla cultura italiana, se
non altro per il merito di aver contribuito a liberare quest’ultima dal peso della Chiesa
cattolica e del suo controllo sulla cultura. E riguardo alla pluralità delle «lingue»
parlate in Italia, secondo Foscolo Dante ha previsto quello che sarebbe successo nei
secoli successivi, cioè che le rivalità e le vere e proprie guerre fra le città italiane,
iniziate dopo la fine dell’Impero romano e destinate a continuare, avrebbero
ostacolato, anzi negato, la possibilità di una lingua comune. Di qui l’idea di Dante di
adottare una lingua che non fosse ristretta a una sola città italiana e anche l’importanza
data alla corte siciliana degli Svevi, perché solo un forte potere avrebbe potuto
spingere all’unificazione linguistica (Foscolo, Sulla Commedia 256-258). Lo scritto si
conclude con un rafforzamento della funzione della lingua letteraria usata dagli
intellettuali. Secondo Foscolo, dato che il rapporto fra identità linguistica e identità
nazionale è imprescindibile, visto che ancora al suo tempo è lontana la possibilità di
adottare una sola lingua come lingua parlata da tutti gli italiani, allora occorre insistere
sull’importanza di una lingua italiana adottata come lingua letteraria scritta, anche
accanto alle numerose «lingue popolari» o «dialetti municipali» che costituiscono le
lingue parlate della maggior parte degli italiani (Foscolo, Sulla Commedia 446-447).

3.6. Identità italiana e appartenenza europea secondo


Foscolo
Il quarto parametro d’indagine che applicheremo nell’analisi dell’opera di Foscolo sarà
la ricerca di se e come Foscolo collochi l’identità italiana nel contesto di una più ampia
identità europea. Verificheremo se la definizione identitaria italiana secondo Foscolo
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 79

presuppone una rete culturale europea, cui si rivendica l’appartenenza, anzi la


primogenitura, dell’Italia, oppure se prevale la definizione netta di frontiere identitarie
nazionali. Molti sono stati i critici che hanno evidenziato il carattere europeo
dell’opera e dell’esperienza di intellettuale di Foscolo, ma nel nostro studio vorremo
analizzare in particolare il rapporto di Foscolo «europeo» con la sua definizione
dell’identità nazionale. Benedetto Croce attribuisce l’etichetta di «scrittore europeo» a
Foscolo, motivandola sia con la sua produzione poetica e letteraria, sia per la sua
concezione filosofica sensibile alle tendenze europee più moderne: inoltre sottolinea la
distanza fra questo spessore europeo di Foscolo e la lettura angustamente nazionale
fattane a partire dal Risorgimento (si veda Croce 1922). Un punto di svolta importante
è costituito dalle parole di Walter Binni, che aprendo le celebrazioni per il bicentenario
della nascita dello scrittore, a fronte delle interpretazioni estreme di Foscolo, apostolo
dell’unità nazionale e del Risorgimento, oppure materialista e nichilista, proponeva un
ulteriore percorso interpretativo complesso, che andava:
dalla discussione con la nozione libertaria-aristocratica alfieriana («né visto è mai dei
dominanti a lato») al suo cambiamento in quella dell’intellettuale militante giacobino, a
quella del collaboratore critico del sistema napoleonico (critico fino al più aperto dissenso
ed opposizione), all’elaborazione della nozione e pratica dell’intellettuale letterato delle
lezioni pavesi in netto distacco dalla vecchia e nuova nozione del letterato cortigiano e
creatore del consenso al potere e non ai profondi bisogni della società nazionale che il vero
letterato deve, dove è possibile, assecondare in una via autonoma e creatrice di nuovi
problemi, a quella dell’intellettuale europeo del periodo inglese in opposizione alle
prospettive degli intellettuali reazionari della Restaurazione. (Binni 1982, 7-8)
Tale chiave di lettura s’incentra sulla concezione di letteratura come impegno civile,
già prese in considerazione nel sottoparagrafo precedente, secondo cui dovevano
essere accolti nel canone letterario italiano, che era destinato anche a ricoprire un ruolo
importante nella definizione dell’identità nazionale, quegli autori che esprimevano
valori e contenuti civili. Ma il discorso di Binni apre anche la strada alla collocazione
su un piano diverso di Foscolo, ascrivibile al ruolo di intellettuale europeo, che si
muove in un panorama culturale che spazia oltre le frontiere (più o meno definite)
della letteratura e della cultura nazionale 39.
Nella nostra indagine supereremo queste posizioni per cercare nell’opera di
Foscolo un possibile collegamento fra la costruzione identitaria italiana e l’idea di
Europa come spazio culturale e di comune appartenenza. A tale scopo ci muoveremo
essenzialmente in tre direzioni: il rapporto fra dimensione culturale dell’esilio e
visione identitaria europea; la matrice culturale classica greca come fonte d’identità
europea; la costruzione di un canone letterario europeo.

39 Vorremmo qui citare anche l’excursus storico-letterario di Marco Santagata, che affronta il
percorso storico della letteratura italiana attraverso la trattazione di singoli «quadri», con un
esplicito richiamo al metodo di Auerbach in Mimesis. Al fine di mostrare il percorso «europeo»
della tradizione letteraria italiana, Santagata parte dalla Chanson de Roland, a suo avviso opera
fondante di tutta la letteratura romanza, per concludere il viaggio con il sonetto di Foscolo Né
più mai toccherò le sacre sponde. La sua idea è quella di mostrare come la letteratura italiana,
nata in Europa e attiva nella diffusione dei suoi moduli in Europa fino al Rinascimento, con
Foscolo sia rinata ricercando le sue origini europee (Santagata 2007, VIII; 310-311).
80 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

3.6.1. Cultura dell’esilio e identità europea


Abbiamo già fatto riferimento al tema dell’esilio come appartenenza identitaria fluida,
dinamica, in quanto Foscolo approda come conquista alla sua appartenenza italiana
come una sorta di migrante proveniente da un’altra cultura, in rapporto di dipendenza
coloniale dalla Repubblica di San Marco, e indirettamente dalla cultura italiana. Nella
lettera del 29 settembre 1808 a Salomon Bartholdy, diplomatico tedesco suo amico,
autore di un Viaggio in Grecia, Foscolo scrive in questi termini: «Quantunque italiano
d’educazione e d’origine [...], io, finché sarò memore di me stesso, non oblierò mai
che nacqui da madre greca, che fui allevato da greca nutrice, e che vidi il primo raggio
di sole nella chiara e selvosa Zacinto, risonante ancora de’ versi con che Omero e
Teocrito la celebravano» (Foscolo, Epistolario 1804-1808, 492) 40. Il poeta nato
nell’isola greca di Zante individua nella cultura greca una sorta di fase originaria e
primigenia della cultura italiana, che fa da culla alla cultura europea 41.
Da questa condizione di esule e migrante, Foscolo guarda anche alla vicenda
dell’Italia napoleonica, inserita in un progetto che riguarda un progetto di Europa
democratica prodotto dal mito di Napoleone. Lo scrittore vive l’esperienza dell’Italia
napoleonica, da lui più o meno condivisa, ma comunque cui aderisce, in una visione
dell’Italia come parte di un sistema che fa capo alla Francia e agli altri alleati europei
di Napoleone 42. Anche l’epilogo del suo esilio a Londra dopo la fine del Regno d’Italia
fondato da Napoleone mostra una sua apertura in senso europeo, dato che l’Inghilterra
era stata la maggiore oppositrice della Francia napoleonica 43.
Il suo impegno intellettuale e politico lo porta a guardare verso la Francia e la
rivoluzione francese, anche se modelli politici di democrazie e libertà sono per lui
anche gli Stati Uniti e la Confederazione Svizzera. Nella sua visione politica,
l’autonomia e l’indipendenza non sono un concetto ristretto e nazionalistico e trovano

40 A questo proposito, scrive Gianfranca Lavezzi: «Esule ancor prima dell’esilio, si direbbe esule da
sempre, perché la patria è innanzitutto Zante, che avrà solo il canto del figlio cui ʿprescrisse / il
fato illacrimata sepolturaʾ; poi Venezia, dove vive la madre e dove è sepolto il fratello Giovanni
[...]» (Lavezzi 2011, 194).
41 Il Carme dei Sepolcri si conclude con l’immagine della tomba della ninfa Elettra, figlia di Giove e
progenitrice dei re troiani, che chiede al padre l’immortalità della fama. Il mito mostra la
funzione che ha avuto la poesia per la nascita della civiltà europea, come osserva Giuseppe
Nicoletti, secondo cui «[...] il Foscolo, pur in un rapporto intertestuale con l’episodio di Teti e
Zeus nel primo libro dell’Iliade appena tradotto, ha voluto vichianamente ritrovare in un
sostrato primitivo e fantasioso della civiltà (e questa volta senza alcuna intermediazione
razionalistica o storica) la ragione prima della sopravvivenza della memoria di Troia: consacrata
da un atto d’amore di Giove, la tomba di Elettra diventa mausoleo e altare della patria attorno al
quale raccogliersi nei momenti difficili» (Nicoletti 2006, 177).
42 Anche Giorgio Luti individua questa direzione europea dell’identità nazionale secondo Foscolo, in
particolare durante il Triennio giacobino: «Ma intanto con le odi politiche Foscolo rivelava la
sua piena adesione, dopo il periodo del Terrore, alla prospettiva di un allargamento europeo
delle idee rivoluzionarie che avrebbe condotto inevitabilmente anche al risveglio delle coscienze
italiane e al loro conseguente riscatto» (Luti 2002, 36).
43 Per un’analisi della decisione di Foscolo di partire da Milano si veda Lavezzi 2011.
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 81

la loro consistenza solo in condizioni irrinunciabili di libertà democratica, in quanto a


suo avviso non basta che uno Stato non sia sotto la dominazione straniera perché sia
considerato veramente libero. Data questa premessa, già in un articolo del 1798,
pubblicato sul Genio democratico durante la prima campagna napoleonica in Italia,
nega che la Repubblica di Venezia e l’antica Roma sotto il governo dei re siano state
libere: «dove il popolo non è libero, la nazione non è indipendente» (Foscolo,
Istruzioni popolari 136). Piuttosto secondo Foscolo occorre guardare ad altri esempi e
modelli, anche stranieri:
La Francia divenne libera con la spada, e si mantenne libera con la guerra. Sparta, Atene,
Roma, l’antica Venezia, l’Elvezia, l’America ci fanno fede di questa verità; e queste istesse
Repubbliche ci serviranno d’esempio per dimostrare che, quando il popolo lasciò l’armi e
non si difese da se medesimo, divenne vile, vizioso, povero e schiavo. (Foscolo, Istruzioni
popolari 136-137)
Fra le espressioni del giovane Foscolo sulla necessità di una liberazione e unificazione
nazionale italiana da parte dei francesi, possiamo ricordare il Discorso su la Italia,
pubblicato a Genova nel 1799 e rivolto al generale Championnet, reduce dalla
fondazione e dalla fine cruenta della Repubblica napoletana in cui era stato coinvolto
in prima persona Vincenzo Cuoco. A Genova erano presenti molti esuli da Napoli e da
altre città, come Bologna, in cui erano stati temporaneamente abbattuti dalla coalizione
austro-russa i governi appoggiati dai francesi. A fronte di un atteggiamento delle
autorità francesi di Genova tiepido se non ostile e diffidente nei confronti degli esuli e
patrioti italiani, Foscolo rompe gli indugi e pubblica il suo opuscolo in cui esprime
direttamente, con toni che ritroveremo in Cuoco e soprattutto in Mazzini, la necessità
che lo Stato italiano sia costituito non solo per il bene degli italiani, bensì anche per il
bene dell’Europa e della sua pace e stabilità (Del Vento 2003, 107-109).
Tutta la produzione letteraria di Foscolo si colloca in queste coordinate, per cui si
guarda all’orizzonte europeo e in particolare alle idee di libertà portate dalla
rivoluzione francese e sostenute in Italia dalle armate francesi sotto la guida di
Napoleone. Lo scrittore ribadisce a più riprese la sua adesione alla politica francese in
Italia in quanto consente l’attuazione concreta di una forma seppur parziale di
autonomia e unità nazionale. Tale adesione, che si concretizza con il suo arruolamento
militare fin dai tempi della Repubblica Cispadana, nel 1796, procede di pari passo con
le prese di distanza e le rivendicazioni della propria autonomia di intellettuale, cui si
lega la continua denuncia della deriva dispotica del potere napoleonico e delle
malversazioni e corruzioni dei governanti italiani degli stati napoleonici.
Nell’Orazione a Bonaparte, discorso che saluta il nuovo presidente della neonata
Repubblica italiana, dopo la fondazione nei cosiddetti Comizi di Lione, tutta la
vicenda di Napoleone viene proiettata sullo spazio europeo ed è chiaro che Foscolo
chiede al presidente di farsi fondatore e garante di un nuovo ordine europeo:
Che s’io ti appello «ricuperator di Tolone», «fulminatore di eserciti», «conquistatore
dell’Italia e dell’Egitto», «redentore della Francia», «terror dei tiranni e de’ demagoghi»,
«Marte di Marengo», «signore della vittoria e della fortuna», «amico alle sacre muse»,
«cultore delle scienze», «profondissimo conoscitore degli uomini» e (quel che ogni merito
avanza) «pacificatore d’Europa», non odo io prima di me tutti i popoli viventi acclamarti
con questi nomi? (Foscolo, Orazione a Bonaparte 210)
82 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Foscolo in quest’orazione, destinata a rafforzare il processo di fondazione della


Repubblica italiana, riprende l’argomentazione, già presente nel Saggio storico di
Cuoco che esamineremo nel prossimo capitolo, sull’importanza di uno Stato italiano
indipendente, alleato della Francia, per garantire un equilibrio in Europa e la sicurezza
per la Francia ai suoi confini sud-orientali. Nel testo Foscolo si spinge oltre,
affermando che se lo Stato italiano sarà totalmente dipendente dalle armi francesi,
l’equilibrio sarà destinato a cadere alla fine del governo napoleonico. Al contrario se
Napoleone incoraggerà e favorirà la nascita di uno Stato italiano autonomo e alleato
con la Francia, gli effetti benefici per l’intera Europa saranno duraturi.
Foscolo chiede a Bonaparte leggi e indipendenza per l’Italia, così che la Francia
avrà per sempre una riconoscente alleata, non potendo altrimenti assicurare la
giustizia:
Or se, te vivo, vacillante sarebbe la libertà, qual mai v’ha speranza che ferma ritorni quando
i destini ti rapiranno alla terra? No; non v’è libertà, non sostanze, non vita, non anima in
qualunque paese e con qualunque più libera forma di governo, dove la nazionale
indipendenza è in catene. (Foscolo, Orazione a Bonaparte 231-232)
Nella parte finale dell’orazione esalta il valore della letteratura che esprime
liberamente il proprio magistero morale, come vera gloria per il principe giusto:
Tue laudi non sono, non dirò le arti che prodighe vedo di egregj monumenti e alla crudeltà
di Nerone e alla sovrumana virtù di Traiano, ma le vere lettere che a gloria dei padri de’
popoli, e ad infamia de’ tiranni propagano splendidamente la verità; e la storia che con
maschio e schietto dire italiano consegna a quei che verranno lo specchio de’ nostri vizi e la
gratitudine a’ tuoi beneficj; e questi miei liberi sensi, ch’io non avrei osato tacere e perché a
te favellava e perché favellava in nome del popolo il quale con universale voce me li dettò, e
la di cui maestà avrei offeso tacendoli? (Foscolo, Orazione a Bonaparte 234)
Questa forma di adesione critica alla politica napoleonica, legata alla ricerca di
realizzazione dell’identità nazionale italiana nell’ambito dell’Europa napoleonica, sarà
il filo rosso di tutta l’attività pubblicistica foscoliana, e si ritroverà anche negli scritti
successivi, fino alle pagine della Lettera apologetica, stesa durante l’esilio volontario
in Inghilterra. Nel documento Foscolo ripercorre tutta la propria attività intellettuale,
militare e politica, affermando la propria indipendenza di giudizio e al tempo stesso la
propria costanza nell’aver sempre appoggiato gli aspetti positivi della politica
napoleonica.
A questo punto Foscolo ripercorre l’avventura napoleonica mostrando come il
tiranno si sia avvalso della diffusione delle idee di libertà della rivoluzione francese
per rafforzare il proprio potere in Europa e anche in Francia. Di qui il benefico influsso
delle idee europee più moderne portate e diffuse in Italia proprio da Napoleone e dai
governi da lui sostenuti in Italia: «Bonaparte, accattandosi la cooperazione di ogni
uomo, da’ frati in fuori, annientò tutti i loro istituti, e distrusse la selva popolata di
mostri che da più secoli sovrapponevasi, dividendo la vostra mente dalla mente della
nazione» (Foscolo, Lettera apologetica 680-81).
L’elemento dell’esilio è fortemente presente nel tessuto del Carme Dei Sepolcri,
dove è stata già analizzata la figura di Dante come alter ego dell’autore. L’evocazione
di Firenze come città di origine anche di Petrarca, conduce Foscolo al cuore
dell’identità d’Italia, espressa nel testo con «itale glorie», «Italia». Con una
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 83

trasposizione dell’oggetto sepolcro da monumento particolare e personale, a simbolo


di identità nazionale negata, il testo passa dal tempio di Santa Croce di Firenze al
concetto di memoria collettiva, di memoria come patrimonio culturale, secondo
Foscolo l’unico elemento rimasto, dopo le varie invasioni straniere che si sono
susseguite, per identificare l’italianità:
Ma più beata, chè in un tempio accolte
Serbi l’Itale glorie, uniche forse
Da che le mal vietate Alpi e l’alterna
Onnipotenza delle umane sorti
Armi e sostanze t’invadeano ed are
E patria e, tranne la memoria, tutto. (Foscolo, Sepolcri 180-185)
Chiude la galleria di scrittori, artisti e scienziati il ricordo di un altro poeta, Alfieri, in
modo da ricongiungere l’arco cronologico aperto con il Parini, ritornando alla
contemporaneità. Il canone poetico offerto da Foscolo come specimen identitario è
così attraversato da un motivo comune, perché in tutti i personaggi nominati, da Dante
ad Alfieri e Parini, è presente come costante il motivo dell’esilio, che per Parini è un
esilio post mortem per la mancanza di un sepolcro (Foscolo, Sepolcri 75-77). A questo
punto il richiamo a Omero consacra la poesia italiana con un riferimento diretto alla
tradizione classica greca:
[...]. Un dì vedrete
Mendico un cieco errar sotto le vostre
Antichissime ombre, e brancolando
penetrar negli avelli, e abbracciar l’urne,
E interrogarle. Gemeranno gli antri
Secreti, e tutta narrerà la tomba
Ilio raso due volte e due risorto
[...]
E tu onore di pianti, Ettore, avrai
Ove fia santo e lagrimato il sangue
per la patria versato, e finché il Sole
Risplenderà sulle sciagure umane. (Foscolo, Sepolcri 279-285; 292-295)
La rievocazione della città di Troia distrutta, ritrovata e visitata da Omero, e dei lutti
che ne sono conseguiti, costituisce un nuovo richiamo alla situazione italiana, con
l’apoteosi finale non dei greci vincitori, ma dello sconfitto Ettore, che avrà anche la
propria città distrutta, da cui esule partirà il fondatore della cultura europea, Enea.
L’idea di identità nazionale che nasce dal lutto e dall’esilio si ritrova nella citata
orazione inaugurale del corso pavese, dove Foscolo esalta il primato riconosciuto in
Europa agli artisti maggiori del Rinascimento italiana, allorché l’Italia veniva invasa e
dominata da potenze straniere. A questo proposito, proprio per mostrare l’universalità
dei valori culturali, Foscolo introduce un’analogia con la civiltà dell’antico Egitto che
ha lasciato in eredità le piramidi, una creazione culturale e religiosa che ha sfidato tutti
84 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

i successivi dominatori dell’Egitto, Romani e Turchi, la cui potenza si inchina in


qualche misura ad esse, così come, nel secolo in cui l’Italia era dominata dagli
stranieri:
Michelangiolo e Rafaele astraendo dalla commista ed inquieta materia le forme più nobili e
le più venuste apparenze, ed animandole o perpetuandole nelle tele e ne’ marmi,
consecrarono in Italia un’ara alla bellezza celebrata dalle offerte di tutta l’Europa. (Foscolo,
Origini e ufficio 111)
Quindi la condizione di oppressione, di sconfitta, e di esilio può caricarsi di un valore
etico che diventa anche senso di appartenenza:
Nè la barbarie de’ Goti, nè le animosità provinciali, nè le devastazioni di tanti eserciti, nè le
folgori de’ teologi, nè gli studj usurpati da’ monaci, spnsero in quest’aure quel fuoco
immortale che animò gli Etruschi e i Latini, che animò Dante nelle calamità dell’esilio, e il
Machiavelli nelle angosce della tortura, e Galileo nel terrore della inquisizione, e Torquato
nella vita raminga, nella persecuzione de’ retori, nel lungo amore infelice, nella
ingratitudine delle corti, nè tutti questi nè tant’altri grandissimi ingegni nella domestica
povertà. (Foscolo, Origini e ufficio 148)
Nella chiusa dell’orazione, Foscolo traccia questa storia dell’identità italiana sotto il
segno della persecuzione e dell’esilio. Siamo in un’occasione solenne e istituzionale,
in cui nel costituito Regno d’Italia, su incarico delle massime autorità, Foscolo è
chiamato a tracciare un profilo della letteratura e del suo valore civile e sociale, ma la
ricostruzione storica della letteratura italiana non è monumentale e trionfale. Al
contrario Foscolo affronta direttamente la contraddizione di una lunga tradizione,
celebrata in tutta Europa, ma che si è trovata per secoli, e si trova tuttora, in esilio, dato
il carattere solo parzialmente nazionale del Regno d’Italia, e per questo arriva a
definire la letteratura come una lunga serie di autori che sono stati o esiliati o
perseguitati od oppressi 44. Una letteratura che ha sofferto di invasioni esterne, di
guerre civili e dell’oscurantismo religioso, che però trova in tutto ciò non un motivo di
debolezza, ma la sua intima essenza e il suo valore. A simbolo di questo strettissimo
legame instaurato da Foscolo fra poesia ed esilio, non possiamo non citare i sonetti Né
più mai toccherò le sacre sponde e Un dì s’io non andrò sempre fuggendo, pubblicati
nel 1803. Nel primo Foscolo lega inscindibilmente il canto poetico alla patria lontana e
per il poeta ormai irraggiungibile: «Tu non altro che il canto avrai del figlio, / O
materna mia terra» (Foscolo, Poesie 95); nel secondo il poeta sottolinea il proprio
perenne esilio con espressioni come: «Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo / Di
gente in gente, [...]», «E se da lunge i miei tetti saluto», «Straniere genti, l’ossa mie
rendete/Allora al petto della madre mesta» (Foscolo, Poesie 96).
La vicenda letteraria, culturale, ma prima di tutto biografica, di Foscolo lo colloca
in una posizione di esule, su vari piani, fino all’esilio inglese scelto deliberatamente
dopo il ritorno degli austriaci al governo di Milano e alla caduta degli stati italo-
napoleonici.
Dapprima esule «interno», partito da una delle ultime isole del dominio
«coloniale» veneziano, Zacinto/Zante, dopo un’infanzia e un’adolescenza trascorse fra

44 Troviamo una considerazione analoga di G.G. Belli sui grandi scrittori europei acccumunati dalla
persecuzione e dall’esilio, affidata a un appunto (Belli, Appunti vari 564-565).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 85

la propria isola e Spalato, perviene alla formazione letteraria italiana nella madrepatria
lagunare ormai al suo estremo crepuscolo. Quindi diventa partecipe del movimento
culturale e politico legato al ventennio napoleonico, nella prospettiva di una più estesa
identità culturale italiana, per poi scegliere, dopo la restaurazione asburgica a Milano,
l’esilio ’esterno’ in Inghilterra. 45
All’interno di queste coordinate si pone lo stretto rapporto fra l’idea di letteratura
di Foscolo e la missione civile dell’intellettuale, idea già presente in una lettera del
giugno 1797, inviata, all’indomani della caduta della Repubblica di San Marco, alla
Società d’Istruzione Pubblica di Venezia. Nello scritto si esalta il valore di persuasione
civica, sentito come ufficio proprio della letteratura: «Eccomi alfine ritornato alla
Patria, eccomi amico de’ miei doveri, e capace de’ miei diritti: il diritto di persuadere i
propri concittadini non è men fra i filosofi del diritto di comandare» (Foscolo, Società
d'Istruzione Pubblica 13). Tale centralità del valore civico della letteratura attraverserà
tutta l’attività politico-intellettuale di Foscolo, e si ritroverà ancora nella Lettera
apologetica, stesa durante l’esilio inglese e concepita come prefazione a una edizione
mai conclusa della Commedia dantesca, lettera pubblicata postuma da Mazzini nel
1844: «[…] io mi studiava che tutte le mie scritture sotto apparenza di versi e romanzi
e pedanteria di letteratura e di tattica e profezie e bizzarrie d’immaginazioni,
corressero tuttavia a una meta politica e all’utilità della Italia» (Foscolo, Lettera
apologetica 680).
Come argomenta Carlo Dionisotti (Dionisotti 1988b), la condizione dell’esilio
gioca un ruolo più profondo di quello strettamente biografico 46. Se l’appartenenza
identitaria italiana diventa assimilabile alla condizione di esilio, allora le frontiere
nazionali non appaiono come barriere chiuse o confini da estendere in nome
dell’imperialismo, bensì canali di un’identità aperta alla conoscenza e all’esperienza di
altre culture e di altre lingue, quasi passaporto di una più estesa cittadinanza europea.
Questo legame molto stretto fra condizione di esilio e cittadinanza europea, come
elemento convalidante dell’identità nazionale, si ritroverà in maniera molto potente in
Mazzini (capitolo 5).

45 Il rapporto fra la presenza femminile della madre e la cultura greca in particolare nel sonetto A
Zacinto è al centro dell’indagine in Santagata 2007, 305-307. A proposito della funzione
stimolante e creatrice dell’esilio per Foscolo Marcello Verdenelli afferma: «C’è non solo
doloroso e tragico senso dell’esilio, del distacco, ma anche un senso di difficile e rischiosa
ricerca di un valore più profondo e più vero della civiltà; quello che cresce sui grandi temi
dell’amore, dell’ospitalità, della generosità, della virtù, della pietà, della compassione, veri e
propri punti cardinali della poetica foscoliana» (Verdenelli 2007, 23).
46 Gilberto Pizzamiglio ha riletto in chiave semantico-letteraria il rapporto instaurato fra Foscolo e
l’esilio nella sua opera, in un confronto contrastivo: da un lato la costruzione concettuale
dell’esilio come dimensione di identità nazionale italiana nella poesia foscoliana, dall’altro
l’esilio concreto, anche se non legalmente frutto di un bando, in Inghilterra, con il
contemporaneo allontanamento dalla produzione letteraria (Pizzamiglio, in stampa).
86 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

3.6.2. La matrice culturale classica e l’identità europea


Dalla particolare condizione di esule impersonata da Foscolo, e dalla sua appartenenza
ideale alla cultura greca classica, deriva l’idea di una progenitura morale della cultura
greca rispetto a quella italiana, sua erede diretta, e indirettamente rispetto all’intera
cultura europea.
Lo schema identitario di Foscolo guarda alla cultura classica greca come alla
progenitrice della cultura occidentale, la cui erede diretta è la cultura italiana, ma da
cui deriva l’intera cultura europea. Questo concetto viene sviluppato nell’impegnativa
prolusione del corso di retorica all’Università di Pavia, del 1809, dove Foscolo si
propone di tracciare il percorso storico comune di tutte le letterature di tutte le epoche.
Il poeta, divenuto professore universitario di retorica, peraltro una cattedra subito
soppressa, in una delle più prestigiose università del «bello Italo regno», come lo
aveva definito ironicamente lui stesso nel carme Dei Sepolcri (Foscolo, Sepolcri 143),
non rinuncia a tracciare un profilo della letteratura italiana, come abbiamo già visto,
ma nell’architettura di fondo dell’orazione non c’è spazio per alcuna distinzione di
cultura nazionale. Come avverrà poi in forma poetica anche nelle Grazie, la cultura
europea si presenta come percorso linguistico, artistico, letterario e filosofico-sociale
unitario su cui si svolge il progresso culturale di una sola famiglia umana. Sulla scia di
Vico, il mito è individuato all’origine di moduli culturali più raffinati per aiutare gli
uomini nella costruzione delle prime identità comunitarie:
Tutte le nazioni esaltando il loro Ercole patrio ripeteano con quante fatiche egli avesse
protetti dagl’insulti delle umane belve ancor vagabonde per la grande selva della terra, que’
primi mortali che la certezza della prole, delle sepolture e dei campi, e lo spavento delle
folgori e delle leggi aveano finalmente rappacificati; e quegl’inni accendeano i condottieri
alla gloria e i combattenti al valore. (Foscolo, Origini e ufficio 122)
Il discorso prosegue presentando la poesia come il mezzo per educare l’uomo al
superamento delle forme più primitive e selvagge di culto religioso e di pratiche
sociali:
Fumavano le viscere palpitanti delle vergini e dei giovanetti su l’are, perché i popoli nella
prima barbarie libano al cielo col sangue innocente e coi teschi; ma i simulati consigli di
Egeria al pio successore di Romolo, e la frode della cerva immolata sotto le sembianze
d’Ifigenia placarono ne’ templi della Grecia e del Lazio il desiderio di vittime umane.
(Foscolo, Origini e ufficio 122-123)
La cultura e la cultura scritta in primo luogo, dalla Grecia antica fino all’Europa
moderna, ha costituito con la lingua il mezzo per approfondire le facoltà razionali e
intellettuali dell’uomo:
Poiché i suoni e i significati degl’idiomi si trasfusero nelle combinazioni degli alfabeti,
questo ritrovato perfezionò la facoltà di pensare e i mezzi di abbellire e perpetuare il
pensiero. [...] Intanto il tempo e le vicende, svelando molti arcani della legislazione
teologica, dileguarono le prime illusioni; però la poesia seguì a confortare con l’entusiasmo,
con la pittura e con l’armonia le utili passioni degli uomini, ma concesse agli storici
d’illuminarle con l’osservazione degli avvenimenti, ed agli oratori di persuaderle col calore
della poesia, con l’esperienza della storia e con l’evidenza della ragione. (Foscolo, Origini e
ufficio 128)
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 87

Anche nel momento in cui Foscolo prende in considerazione un elemento


caratterizzante di una cultura nazionale, come la lingua, l’ottica non è quella di
distinguere i singoli ambiti specifici, ma piuttosto di mostrare la struttura evolutiva, e
il ruolo generale che la lingua, e in seconda battuta la lingua letteraria, hanno ricoperto
nel segnare le tappe evolutive di tutte le culture e civiltà. Il quadro generale di
riferimento non è tuttavia universale, bensì riferito a quelle lingue e culture per cui
Foscolo trovava l’archetipo nella grecità classica, cioè la cultura europea:
Quindi la greca letteratura fu sorgente ed esempio agli studj di tutta l’Europa, perché niun
popolo trapassò al pari degli Ateniesi dalla fierezza della barbarie alla raffinatissima civiltà;
e niuno potè riunire, quant’essi, le passioni e il criterio, che pur sogliono preponderare ad età
ad età differenti negl’individui, ne’ popoli e nelle lingue. (Foscolo, Origini e ufficio 128-
129)
Come risulta da questo brano, la cultura greca viene vista come quella che non ha
avuto bisogno di uno sviluppo storico-culturale in varie fasi, ma viene piuttosto
considerata come un paradigma culturale originario, che fa da matrice alle culture e
alle lingue dell’Europa.

3.6.3. Verso un canone europeo della letteratura


Una testimonianza importante degli interessi letterari di Foscolo nella fase della
formazione è costituita dal suo Piano di studi del 1796, un vasto programma di letture
comprendente molti autori stranieri, da Montesquieu a Rousseau, a Locke; da Francis
Bacon agli storici francesi Guillaume Raynal e Jean-François De La Harpe. Per quanto
riguarda il canone delle letture letterarie, suddivise per generi, si può notare che in
ognuno sono presenti autori stranieri, francesi e inglesi in primo luogo, e nelle
categorie «Romanzi I» e «Romanzi II» gli autori sono tutti stranieri, con la sola
eccezione di Ariosto (Foscolo, Piano di studi, 3-5).
Se ci spostiamo all’ultima fase della sua vita, l’esilio inglese, ritroviamo lo stesso
intento di trascendere la cultura italiana per arrivare a cogliere un’appartenenza
europea comune. Come analizzato da Enza Lamberti, Foscolo a Londra si orienta nella
nuova funzione di critico e filologo, con due articoli pubblicati sulla «Edinburgh
Review» nel 1819, in vista della successiva edizione commentata della Commedia
dantesca. I due saggi danteschi di Foscolo comportano un pieno inserimento della
tradizione letteraria italiana nel quadro della cultura europea. Dal punto di vista teorico
e metodologico, Foscolo mette in relazione il «poeta nazionale» italiano con il
drammaturgo nazionale Shakespeare, ma anche con i francesi Molière, De Sade e
Delille, per mostrare come si possa costituire una sorta di canone europeo dei classici.
Dal punto di vista tematico e contenutistico, Foscolo assimila la condizione di Dante
esule alla propria e nelle pagine foscoliane l’Italia medievale in cui si muove Dante fra
Guelfi e Ghibellini o Guelfi Bianchi diventa una prefigurazione dell’Europa
ottocentesca divisa fra bonapartisti e antibonapartisti 47.

47 La trasposizione simbolica di Dante dall’Italia medievale all’Europa napoleonica da parte di


Foscolo è analizzata in Lamberti 2009.
88 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

Accanto all’adesione di Foscolo alle idee di libertà portate da Napoleone, e


all’accettazione di una forma di identità e indipendenza nazionale fortemente legata
alla Francia napoleonica, un ulteriore elemento di apertura verso l’Europa si ritrova
nelle opere giovanili di Foscolo. Caratteristici del primo periodo sono gli scritti
autobiografici e quelli di polemica e pubblicistica politica, tematiche entrambe presenti
nell’Ortis. La vicinanza formale e contenutistica dell’Ortis con i Dolori del giovane
Werther di Goethe è stata oggetto di un fitto dibattito tra Foscolo e i suoi detrattori che
lo accusavano di plagio, tanto che Foscolo stesso arriva ad affermare di aver avuto
avuto occasione di leggere il romanzo di Goethe solo dopo la redazione della prima
edizione a stampa del proprio romanzo, senza negare che da quel momento in poi
l'opera tedesca sia diventata una sorta di modello guida (Nicoletti 2007a, 50-56).
Foscolo, in una lettera già citata all’amico Jakob Salomon Bartholdy del 29 settembre
1808, analizza i rapporti fra le due opere per marcare le differenze e inoltre inserisce
fra i modelli del romanzo anche la Bibbia (Foscolo, Epistolario 1804-1808, 480-493).
Un altro punto di riferimento per il Foscolo dell’Ortis è Lawrence Sterne, di cui
tradurrà il Sentimental Journey; inoltre al Tristram Shandy, dello stesso autore inglese,
s’ispira la Storia di Lauretta, digressione narrativa nell’Ortis, che riprende la storia di
Maria del romanzo inglese 48. Il romanzo epistolare foscoliano si presenta erede di una
rete di opere che avevano inaugurato in Europa il genere, «dalle Confessions di
Rousseau alle Notti di Young, dall’Ossian di Macpherson, letto nella traduzione di
Cesarotti, al Temple de Gnyde di Montesquieu, dal Voyage du jeune Anacharsis di
Barthélemy alle Aventures de Télémaque di Fénelon, dal Socrate delirante di Wieland
alla Pamela di Richardson. per citare solo qualche titolo» (Terzoli, 1998, 406) 49.
Nella struttura e nell’articolazione del romanzo di Foscolo dobbiamo senz’altro
individuare come modelli la Nouvelle Eloïse di Rousseau e la Clarissa di Richardson
(Nicoletti 2007a, 49-52). Ciò significa che Foscolo, nel momento in cui intraprende la
sua prima opera letteraria di grande respiro decide di adottare come strumento
espressivo il genere del romanzo epistolare europeo moderno, a discapito di generi
letterari tradizionali della tradizione italiana, e decide anche di dichiarare in termini di
imitatio poetica i suoi debiti a questo corpus di testi stranieri, prevenendo così ogni
accusa di plagio.
Per quanto riguarda il rapporto di Foscolo scrittore con la moderna letteratura
europea, sarà da inscrivere nella sua idea di matrice europea, e non nazionale,
dell’identità letteraria tutta la vicenda che riguarda la traduzione del romanzo di
Lawrence Sterne (Sterne; Foscolo 1983). Secondo Claudio Varese il lungo lavoro di
traduzione sul testo di Sterne e le assidue letture hanno apportato un contributo
essenziale e quasi una caratteristica di fondo al classicismo foscoliano:
Il significato storico e politico di tutta l’opera foscoliana e, in particolare, delle Grazie, non
si coglie nella ricerca delle contraddizioni né nella sottolineatura di alcune affermazioni
prese alla lettera, ma nel riconoscere la capacità d’intendere, di sentire e di esprimere

48 La storia di Lauretta si trova in Foscolo, Ortis 43-46. Per il testo di Sterne diamo il riferimento alla
traduzione foscoliana, inserita nel Viaggio sentimentale: Sterne; Foscolo 1983, 297-301.
49 Walter Binni mostra i molti parallelismi formali fra l’Ortis e il Socrate delirante di Wieland, uscito
in traduzione italiana a Venezia nel 1781, pur rilevando lo stacco fra le due opere in quanto
Foscolo supera totalmente il cosmopolitismo del romanzo tedesco (Binni 1982, 121-145).
3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea 89

momenti e aspetti diversi della situazione umana, nella concretezza della realtà storica
(Varese 1982, 92).
La vicenda della traduzione è in sé interessante per approfondire il rapporto di Foscolo
con la cultura europea. Il romanzo inglese faceva parte delle sue letture giovanili e
negli anni del suo servizio militare in Bretagna, in occasione della preparazione
dell’invasione napoleonica dell’Inghilterra, Foscolo continua a interessarsi alla cultura
inglese e inizia la traduzione del romanzo di Sterne. Tale traduzione, che non lo
convince stilisticamente, sarà finalmente completata e pubblicata nel 1813, proprio in
concomitanza con gli ultimi tempestosi eventi del Regno d’Italia, prima dell’esilio in
Svizzera e poi in Inghilterra. Ma alla traduzione letteraria di Sterne è legata
l’invenzione del traduttore Didimo Chierico, in quanto in appendice al romanzo
Foscolo pubblica la Notizia intorno a Didimo Chierico, biografia fittizia del presunto
traduttore, un personaggio che riassume in sé molti tratti dell’autore in questi anni
finali dell’esperienza napoleonica (Granese 2004, 228-236). L’ironico profilo di
questo personaggio ci mostra in particolare la predilezione di Foscolo per una
posizione culturale di mediatore, di traduttore, aspirante ad occupare uno spazio di
appartenenza intermedia e trasfrontaliera. Un personaggio che denuncia i limiti di una
letteratura italiana troppo legata alla propria tradizione e ai luoghi accademici
tradizionali, come risulta dall’inizio della Notizia:
Un nostro concittadino mi raccomandò, mentr’io militavo fuori d’Italia, tre suoi manoscritti
affinché se agli uomini dotti parevano meritevoli della stampa, io ripatriando li pubblicassi.
Esso andava peregrinando per trovare un’università, «dove, diceva egli, s’imparasse a
comporre libri utili per chi non è dotto ed innocenti per chi non è corrotto; da che tutte le
scuole d’Italia gli parevano piene o di matematici, i quali standosi muti s’intendevano fra di
loro; o di grammatici che ad alte grida insegnavano il bel parlare e non si lasciavano
intendere ad anima nata; o di poeti che impazzavano a stordire chi non li udiva, e a dire il
benvenuto a ogni nuovo padrone de’ popoli, senza fare né piangere, né ridere il mondo; e
però come fatui noiosi, furono più giustamente d’ogni altro esiliati da Socrate, il quale,
secondo Didimo, era dotato di spirito profetico, specialmente per le cose che accadono
all’età nostra». (Foscolo, Didimo Chierico 335)
In questa presentazione di Didimo ritroviamo un sommario di tutte le caratteristiche
culturali di quello che doveva essere a suo avviso l’intellettuale nazionale ed europeo.
In primo luogo lo presenta come cittadino e partecipe di un’identità nazionale, ma al
tempo stesso non chiuso all’interno delle frontiere, lettore e traduttore di opere di altre
culture e letterature. Inoltre deve essere civilmente impegnato su valori etici che non
siano ristretti agli interessi nazionali e soprattutto non legato in modo servile al potere,
soprattutto se iniquo e imposto dall’estero. Infine dovrà svolgere la funzione di
comunicatore e promotore di un contenuto culturale, non ripetitore di formule che non
dicono nulla o di cose che tutti già conoscono.
L’identità culturale europea non si è rivelata per Foscolo come apertura delle
frontiere ed estensione di secondo livello dell’appartenenza culturale nazionale, quanto
piuttosto una costruzione culturale a sé sviluppatasi secondo tre linee identitarie:
l’aspetto archetipico, in quanto alla classicità come patrimonio ideale succede la
moderna cultura europea, per il tramite della cultura latina e italiana che hanno fatto da
tramite; la rete letteraria, in quanto Foscolo arriva a individuare una vera e propria
comunità di scrittori europei, la cui comunicazione avviene anche tramite le
90 3. Ugo Foscolo e la costruzione dell'idea di «Italia» nella dimensione europea

traduzioni; la politica napoleonica, che non dovrebbe essere espressione dispotica ma


estensione a livello europeo degli ideali di libertà e di giustizia. Si tratta di un profilo
europeo che ritroveremo in parte anche in Cuoco, scrittore molisano che ha avuto un
rapporto molto più integrato e collaborativo con le istituzioni napoleoniche, ma che
rivela corrispondenze concettuali profonde con quanto abbiamo rilevato nell’opera e
nella figura di Ugo Foscolo.
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca
dell’identità italiana

4.1.Premessa
In questo capitolo analizzeremo le linee della costruzione identitaria nazionale nelle
opere di Vincenzo Cuoco (1770-1823), che ha assegnato alla letteratura e al
giornalismo un ruolo importante per la creazione di un’identità nazionale condivisa e
anche per la formazione di un’opinione pubblica nazionale. Inoltre l’opera di Cuoco
mostra il rapporto dialettico fra il forte legame con il Regno di Napoli e la piena
adesione alla costruzione di una nuova identità nazionale italiana. Infine vedremo
come si pone in rapporto all’identità europea, con particolare riferimento all’Europa
napoleonica, l’immagine dell’Italia che emerge dai suoi scritti.
Le opere di Cuoco sono entrate ben presto a far parte del patrimonio ideale del
Risorgimento, lette con interesse da Manzoni, da Pisacane da Mazzini e anche da
Belli, per questo intendiamo indagare il suo apporto alla costruzione identitaria
italiana. Per quanto riguarda i testi presi in esame, considereremo in primo luogo il suo
Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799 e il romanzo filosofico-allegorico
Platone in Italia, quindi faremo riferimento ai suoi scritti giornalistici e anche ai suoi
documenti istituzionali, fra cui la proposta di riforma dell’Istruzione nel Regno di
Napoli.
L’idea di Italia di Cuoco si è affiancata, e in parte adattata, al progetto europeo e
italiano di Napoleone, per poi andare a costituire la base culturale delle realizzazioni
politiche del Risorgimento 1. Il Saggio storico ha circolato con grande successo per
tutto l’Ottocento (e non solo), a esso si è attribuita, almeno in parte, la presa di
distanza da parte del pensiero risorgimentale italiano nei confronti della rivoluzione
francese, o meglio, la genesi di quella componente moderata del Risorgimento, che poi
è stata quella storicamente vincente, che si è incarnata nella politica dello Stato
unitario. Su questa scia sarà da segnalare anche la lettura nazionalistica delle
affermazioni anti-giacobine di Cuoco, che hanno condotto ad esempio Giovanni
Gentile, a basare la sua visione del Risorgimento in linea con le idee fondanti del
fascismo, proprio sugli elementi anti-illuministici presenti negli scritti di Cuoco e
Mazzini (Gentile 1927; Ossani 1973, 15; Coli 1986, 508-509; Merola 2007, 25-26;
Tessitore 2002, 11-13).
Tenendo conto degli interventi critici più recenti sullo scrittore e pubblicista, nella
nostra analisi andremo a individuare nell’opera di Cuoco a quale costruzione d’identità
nazionale è pervenuto, e anche il suo rapporto identitario ambiguo, ora con l’Italia nel
suo insieme, ora con il Regno di Napoli, poi Regno Delle Due Sicilie, in secondo

1 A questo proposito ci si scosterà dalla lettura gramsciana di Cuoco come fonte di tutti gli aspetti
negativi del moderatismo italiano, e dall’interpretazione etico-nazionalistica di Gentile, per
riprendere piuttosto il filo della lettura di Cuoco fatta da Pisacane, che sosteneva
l’antidispotismo, o anticesarismo, di Cuoco e l’attenzione alle peculiarità territoriali, in
particolare con riferimento al Mezzogiorno d’Italia (cfr. Tessitore 2002).
92 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

luogo quale ruolo devono avere in essa la letteratura e il discorso culturale. Vedremo
in seguito quale ruolo gioca nella costruzione identitaria di Cuoco il rapporto con le
identità locali e particolari, e infine il quadro europeo in cui Cuoco inserisce la
definizione dell’identità nazionale. Nel Saggio storico troviamo la chiave di lettura
della macchina allegorica del romanzo Platone in Italia, quella di un’Italia
multiculturale pre-romana, sotto il benefico influsso greco, il suo ideale di nazione
italiana, inserita nell’Europa, sotto la benefica tutela della Francia guidata da
Napoleone.

4.2. Coordinate biografiche


La vita dello scrittore Cuoco attraversa esperienze distinte, tutte sotto il segno della
costruzione dell’Italia napoleonica: la prima durante la rivoluzione e la repubblica
napoletana del 1799, la seconda all’interno della repubblica italiana con capitale a
Milano, nella Lombardia post-illuminista governata con l’appoggio di Napoleone e dei
francesi, in un ambiente in cui erano attivi fra gli altri Monti, Foscolo e il giovane
Manzoni, la terza a Napoli nel rinnovato Regno napoleonico, posto sotto lo scettro del
fratello dell’imperatore, Giuseppe, cui subentra Murat, con cui lo scrittore collabora
attivamente.
Cuoco era giunto a Napoli dal Molise per completare gli studi giuridici e per
intraprendere la carriera forense, ma si era anche interessato, nel contesto della sua
«patria», il Regno di Napoli, ad un recupero delle tradizioni e delle culture locali, in
particolare attraverso lo studio e l’approfondimento dell’opera di Giambattista Vico.
Questo interesse particolare per il territorio e per le culture e le tradizioni trova una
realizzazione concreta nella collaborazione con Giuseppe Maria Galanti, suo maestro,
nella stesura del IV volume della Nuova descrizione storica e geografica delle Sicilie,
pubblicato a Napoli nel 1794 (Tessitore 1984; Martelli 2013).
L’avvento della Repubblica partenopea (1799) lo vede partecipare in prima
persona, con l’assunzione di incarichi amministrativi e la stesura di documenti politici
della Repubblica, ma il fatto che gli costerà la successiva condanna e l’esilio sarà la
denuncia della congiura antirepubblicana dei Baccher, un intervento che verrà lodato
da Eleonora De Fonseca Pimentel (1752-1799) sul Monitore napoletano. Con la fine
cruenta della repubblica e il ritorno sul trono di Ferdinando IV, dopo la fuga dei
francesi, Cuoco si vedrà la casa saccheggiata e verrà condannato alla confisca dei beni
e all’esilio per venti anni, di fatto interrotto dalla caduta successiva del regno
borbonico nel 1806 (Merola 2007, 7). La riflessione su questa esperienza costituirà una
delle linee portanti dell’opera successiva, e costituisce l’oggetto della sua opera di
maggior successo, il Saggio sulla rivoluzione napoletana del 1799 (1801), in cui,
come dichiara esplicitamente nella Prefazione alla seconda edizione (1806), non mira
tanto a una ricostruzione minuziosa dei fatti, quanto ad una profonda riflessione sulle
cause che hanno portato al tragico insuccesso di quell’esperienza di governo, con la
sconfitta e la susseguente sanguinosa repressione. Tale testo riveste particolare
interesse dal nostro punto di vista, dato che l’autore, alla ricerca delle cause del
fallimento della rivoluzione repubblicana, riflette sulla mancata aderenza delle idee del
gruppo di rivoluzionari alle peculiarità culturali italiane e in particolare a quelle del
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 93

Mezzogiorno d’Italia, e sulla problematica identità plurale dell’Italia; al tempo stesso


Cuoco fa riferimento alle idee e agli scrittori che circolano in Europa ed esprime la
necessità che la creazione di uno Stato o di una coalizione di Stati italiani sia inserita
nel contesto dell’Europa napoleonica.
Il Saggio storico, almeno per quanto riguarda la prima edizione, va anche
annoverato fra le opere del Risorgimento italiano prodotte in esilio, in quanto
Vincenzo Cuoco inizia la stesura del testo sulla nave su cui si era imbarcato da Napoli
per scontare la condanna all’esilio; con queste parole l’autore rievoca l’inizio del
lavoro in una lettera al fratello Michele scritta due anni dopo, il 7 gennaio 1801:
«Saprai come io sono partito per Francia. Io non avea un abito. Non avea un soldo. Il
primo giorno in cui m’imbarcai, non avea che mangiare [...]. Travaglio ad un’operetta
che avea incominciata sopra la barca, che avea proseguita nel viaggio in Francia e su
di cui fondava tutte le mie speranze» (cit. in Merola 2007, 9).
Così inizia anche l’attività giornalistica di Cuoco, che a Milano collabora con il
Redattore cisalpino, fino ad essere incaricato a stendere il programma del giornale
ufficiale della vicepresidenza della Repubblica italiana, il Giornale italiano, da lui
diretto fra il 1804 e il 1806.
A Milano Cuoco curerà una seconda edizione del Saggio storico, con
aggiustamenti e aggiornamenti, ma sostanzialmente non troppo difforme dalla prima,
anche se si ammorbidiscono certi giudizi troppo netti sui francesi che avevano
abbandonato la repubblica napoletana, inoltre si è trattato di una riscrittura stilistica e
linguistica per togliere dall’opera quei tratti eccessivi di passionalità e immediatezza,
essendo stata scritta come reazione a caldo alla fine della repubblica e all’esperienza
dell’esilio (Merola 2007, 15; Librandi 2002, 146).
Si colloca nel periodo milanese anche il romanzo epistolare Platone in Italia,
pubblicato a Milano, in tre tomi fra il 1804 e il 1806, destinato a diventare una delle
letture più importanti nel periodo del Risorgimento. Nella Milano, capitale
napoleonica, Cuoco si era impegnato intensamente nella politica culturale, sostenendo
e indirizzando la politica della Repubblica in direzione italiana. Dal 1804 al 1806
s’impegna nella redazione e nella direzione di un foglio dal titolo significativo: Il
giornale italiano. Non solo Cuoco stende il programma di fondazione e dirige il
foglio, ma contribuisce attivamente con i suoi scritti: suoi sono circa duecento articoli
alcuni dei quali pubblicati su diversi numeri in più puntate, come afferma Conte,
«quasi dei veri e propri saggi» (Conte 2002, 84-85).
Nel 1806, quando i soldati francesi cacciano di nuovo i Borboni da Napoli, inizia
per Cuoco un nuovo periodo di attività giornalistica, in quanto viene subito invitato a
dirigere il Corriere di Napoli: un nuovo giornale filo-governativo che doveva
promuovere e approfondire la politica di conciliazione nazionale e la formazione di
una nuova e moderna élite, di un’opinione pubblica per accompagnare e anche
indirizzare la politica riformistica del regno napoleonico (Merola 2007, 15). L’attività
giornalistica di Cuoco prosegue fino alla caduta del regno napoleonico, nel 1815. A
Napoli Cuoco è tornato da giornalista famoso e personalità politica di prestigio, oltre
che esule e in qualche modo martire della repubblica partenopea, e a lui si aprono le
porte per collaborare ai massimi livelli con l’amministrazione culturale del regno,
tanto da essere chiamato a guidare i lavori e redigere la relazione conclusiva della
94 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

commissione per la riforma della pubblica istruzione nel regno murattiano, nel 1809.
Arrivato ai massimi vertici dell’amministrazione militare negli anni 1814-15, che sono
anche quelli del crollo del Regno di Murat, con il ritorno a Napoli dei Borboni cade in
una forte depressione che lo rende del tutto infermo negli ultimi anni della vita (Villani
1976, LIII).

4.3. «Italia» e «italiani» negli scritti di Vincenzo Cuoco


La costruzione dell’identità nazionale nell’ambito dell’Italia napoleonica ha occupato
gran parte dell’attività e della produzione letteraria e giornalistica di Cuoco. Esule da
Napoli a Milano Cuoco è fortemente incardinato nella cultura locale in cui è cresciuto
e si è formato, il che ha comportato anche l’elaborazione di una sorta di «patriottismo
napoletano». Tuttavia la convinzione nella validità culturale e politica del progetto
italiano lo ha spinto alla riflessione per l’elaborazione di forme e contenuti di
un’identità nazionale. Il punto di partenza dell’elaborazione è la prospettiva dell’esule,
che soffre dell’esilio da Napoli a Milano, ma lavora per costruire una comune base di
appartenenza italiana; quindi va alla ricerca, nell’Italia pre-romana e nella Magna
Grecia, dell’archetipo per la costruzione della moderna Italia napoleonica, che
comunque, per volontà dei francesi, non potrà essere unitaria come non lo era la
Magna Grecia; in terzo luogo individua nella lingua letteraria, pur essendo
consapevole delle differenze dialettali notevoli, un parametro importante dell’identità
nazionale; in quarto luogo, vichianamente, cerca un modello mitico-religioso che
possa contribuire alla costruzione nazionale; infine individua una specifica funzione
pedagogica nella costruzione dell’identità nazionale, che porti ad una convivenza
sociale basata sulla giustizia e sulla democrazia, oltre che sulla comune appartenenza.

4.3.1. Esilio e ricerca dell’identità italiana


La nostra analisi inizia dall’opera di Cuoco che è frutto della prima, traumatica, fase
dell’esilio, il Saggio storico. Dal punto di vista del genere l’opera si colloca fra
memorialistica, saggistica e riflessione storica, come dichiara esplicitamente l’autore
nella lettera introduttiva:
Quando io incominciai ad occuparmi della storia della rivoluzione di Napoli, non ebbi altro
scopo che quello di raddolcire l’ozio e la noia dell’emigrazione. È dolce cosa rammentar nel
porto le tempeste passate. Io avea ottenuto il mio intento; né avrei pensato ad altro, se tu e
gli amici, ai quali io lessi il manoscritto, non aveste creduto che esso potesse esser utile a
qualche altro oggetto. (Cuoco, Saggio storico 11)
Il carattere programmatico non strettamente storiografico dell’opera viene ribadito
ancora nell’introduzione alla seconda edizione, in risposta alle critiche di non aver
narrato integralmente i fatti della rivoluzione napoletana:
Questo mio libro non deve esser considerato come una storia, ma bensí come una raccolta di
osservazioni sulla storia. Gli avvenimenti posteriori han dimostrato che io ho osservato con
imparzialità e non senza qualche acume. Gran parte delle cose che io avea previste si sono
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 95

avverate; l’esperimento delle cose posteriori ha confermati i giudizi che avea pronunziati
sulle antecedenti. (Cuoco, Saggio storico 7)
La vicenda della Repubblica partenopea, consumatasi fra il 23 gennaio e l’8 luglio
1799, ha segnato la vita di Cuoco, anche con l’esperienza dell’esilio, ed è stata la
molla che lo ha spinto verso la letteratura, come dichiara lui stesso nella lettera a
Nicola Quagliarelli, 2 premessa al Saggio, dove sintetizza tutto questo in poche righe:
Così va il mondo! Il re di Napoli dichiara la guerra ai francesi ed è vinto; i francesi
conquistano il di lui regno e poi l’abbandonano; il re ritorna e dichiara delitto capitale l’aver
amata la patria mentre non apparteneva piú a lui. Tutto ciò è avvenuto senza che io vi avessi
la minima parte, senza che neanche lo avessi potuto prevedere: ma tutto ciò ha fatto sí che io
sia stato esiliato, che sia venuto in Milano, dove, per certo, seguendo il corso ordinario della
mia vita, non era destinato a venire, e che quivi, per non aver altro che fare, sia diventato
autore. «Tutto è concatenato nel mondo», diceva Panglos: possa tutto esserlo per lo meglio!
(Cuoco, Saggio storico 11)
Nel suo Saggio l’autore, esule dopo la sconfitta della repubblica napoletana, è molto
critico verso la politica praticata dai francesi a Napoli, tuttavia rimane costante il suo
riferimento alla cultura e alla letteratura francese, in questo caso con l'accenno al
precettore del Candide di Voltaire. Secondo la dichiarazione dell’autore la genesi della
scrittura letteraria è stata per lui la condizione di esiliato, quindi l’assunzione di un
punto di vista ben determinato, esterno, ma con un orientamento preciso, nei confronti
degli avvenimenti e dei ricordi che analizza. Come abbiamo già accennato, la costante
dell’esilio segna profondamente la scrittura di molti autori risorgimentali. Questo
sguardo da fuori di chi è lontano dalla patria, sarà presente, anche nel romanzo
epistolare di Cuoco, il Platone in Italia, in cui i due protagonisti e narratori, autori
fittizi della maggior parte delle lettere, sono anch’essi in viaggio e lontano dalla patria
greca. Nella lettera di Cleobolo che costituisce il primo capitolo. Il giovane racconta il
suo viaggio per nave dalla Grecia all’Italia meridionale e ricorda nel pensiero la patria
lontana, un’immagine dell’autore esule a Milano.
La condizione di esilio detta a Cuoco in primo luogo un’appassionata rievocazione
delle vicende che hanno portato alla fine morale della monarchia borbonica, quindi al
tentativo di riscatto con la rivoluzione napoletana, finito drammaticamente con la
restaurazione, vissuta da lui come negazione della legittima identità nazionale italiana.
La struttura del Saggio storico, comprende, oltre alla già citata lettera di presentazione,
due capitoli introduttivi sulla situazione politica europea e italiana negli anni della
rivoluzione francese, rispettivamente fino al 1793 e fino al 1797. Per Cuoco sono anni
significativi, in quanto nel 1793 tramonta in Francia la fase monarchico-costituzionale
della rivoluzione e inizia il Terrore del regime giacobino, nel 1797 il Trattato di
Campoformio fra la Francia e l’Impero d’Austria riconosce a livello europeo lo Stato
francese uscito dalla rivoluzione, ormai sotto il governo moderato del Direttorio, e la
costituzione delle repubbliche napoleoniche nell’Italia centrale e settentrionale. Dal
punto di vista di Cuoco quel trattato non è legato al fatto che la ex Repubblica di
Venezia viene lasciata all’Impero d’Austria, quanto piuttosto al riconoscimento
ufficiale in Europa degli Stati che erano direttamente o indirettamente il risultato della

2 Per l’identificazione delle iniziali N.Q. usate da Cuoco, cfr. Merola 2007, 10.
96 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

rivoluzione francese. Secondo Cuoco Napoleone realizza la profezia di Machiavelli,


secondo cui l’Italia non avrebbe potuto resistere ad un principe straniero che avesse
voluto far cadere tutti gli Stati in cui si divideva e che erano in continua lotta fra loro, e
in particolare la Repubblica di San Marco, che non aveva mai avuto una politica a
vantaggio degli interessi italiani. Ecco come Cuoco descrive la fine della Serenissima,
senza assegnare a essa alcuna funzione di rappresentare una seppur parziale identità
nazionale italiana:
Per qual forza di destino avrebbe potuto resistere un governo, il quale da due secoli avea
distrutto ogni virtú ed ogni valor militare, che avea ristretto tutto lo Stato nella sola capitale,
e poscia avea concentrata la capitale in poche famiglie, le quali, sentendosi deboli a tanto
impero, non altra massima aveano che la gelosia, non altra sicurezza che la debolezza de’
sudditi e, piú che ogni altro nemico esterno, temer doveano la virtú de’ propri sudditi? Non
so che avverrà dell’Italia; ma il compimento della profezia del segretario fiorentino, la
distruzione di quella vecchia imbecille oligarchia veneta, sarà sempre per l’Italia un gran
bene. (Cuoco, Saggio storico 22)
Segue nel Saggio storico il racconto cronologico degli eventi che hanno preceduto e
accompagnato la costituzione della repubblica partenopea e la sua caduta, con i
commenti e le riflessioni dell’esule, quindi un capitolo dedicato a tracciare il ritratto
dei martiri della repubblica, e un capitolo di conclusioni. Dalla struttura dell’opera
emerge già il rilievo che Cuoco ha voluto dare all’inserimento della vicenda della
Repubblica napoletana, da un lato nel contesto della «patria» italiana, e non solo
partenopea, dall’altra nel quadro generale dell’Europa, in particolare in relazione alla
Francia uscita dalla rivoluzione e all’inizio della costruzione del sistema politico
europeo napoleonico 3.
La riflessione di Cuoco si orienta in primo luogo sugli errori della repubblica
partenopea, a proposito di continuità e discontinuità identitarie con il regno borbonico
che aveva abbattuto. Nonostante ciò, il riferimento nazionale è verso l’Italia, tanto che
uno dei capitoli iniziali è dedicato alla ricostruzione della storia italiana durante il
triennio giacobino, cioè nei primi tre anni delle imprese napoleoniche in Italia (Cuoco,
Saggio storico 20-23). In questo capitolo Cuoco prende in esame la situazione italiana
nel suo complesso facendo riferimento a quanto Machiavelli aveva scritto sui problemi
dell’Italia, sulla dipendenza dalle potenze straniere e sulla mancanza di unità al suo
interno. Si tratta di un concetto su cui insiste più volte l’autore del Principe, e che
ritorna nell’ultimo capitolo (Machiavelli, Principe 98) 4.

3 Francesco Bruni conclude con l’analisi del Saggio storico di Cuoco la sua storia dell’«idea» di
«Italia», dandone questo giudizio: «Il Saggio s’impone per l’originalità dell’interpretazione,
frutto di un pensiero politico che evidentemente era andato maturando negli anni
prerivoluzionari e nei mesi della Repubblica e del dopo» (Bruni 2010, 507).
4 A Machiavelli Cuoco aveva dedicato un articolo uscito nel 1804 sul Giornale italiano, in cui
riprende gli argomenti del segretario fiorentino a favore dell’indipendenza nazionale italiana
come necessità (Cuoco, Frammenti 45-52).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 97

4.3.2. Italia pre-romana come modello identitario per l’Italia


napoleonica
Nel Platone in Italia di Cuoco, la ricerca delle origini e la definizione dell’identità
italiana sono fra i temi centrali, tuttavia il romanzo non si presenta come una mera
celebrazione del primato italico, bensì rispecchia la delicata situazione in cui Cuoco ha
scritto l’opera, e anche le contraddizioni dell’Italia napoleonica. Al romanzo di Cuoco
assegna un ruolo centrale Giulio Bollati, per comprendere la formazione, per via
letteraria, dell’identità nazionale italiana. In un suo saggio dedicato all’identità
italiana, ricostruisce, a partire dalla Repubblica italiana fondata da Napoleone, la
costruzione degli stereotipi che hanno formato e formano tuttora l’identità nazionale
italiana. Secondo Bollati la repubblica che aveva l’italiano Francesco Melzi d’Eril
come vicepresidente e il francese Napoleone presidente, costituisce un esperimento
istituzionale importante per la creazione di una mentalità italiana, per quell’idea
temperata di patria al tempo stessa gelosa dell’autonomia e dell’indipendenza, ma
aperta all’influsso e all’appoggio straniero, che rimarrà radicato nella cultura italiana
(Bollati 1983, 33-39). La frequentazione di Cuoco a Milano con il giovane Manzoni,
di cui segue anche puntuali consigli riguardo alla composizione del Platone ha spinto
qualche studioso a sostenere un possibile ruolo del romanzo di Cuoco sulla scelta di
Manzoni di presentare i Promessi sposi come traduzione in italiano moderno di un
manoscritto seicentesco considerato incomprensibile per i propri lettori 5.
Ritorna il topos dell’«ubi sunt?», con il riferimento a un periodo glorioso passato,
che appare costante nella costruzione dell’identità italiana, che faceva sempre
riferimento ad un’epoca che fu e ad un primato che non è più, anche se si tratta di un
riferimento fittizio (cfr. Battistini 2011, 32). Il Platone in Italia, seguendo un genere in
auge fra Settecento e Ottocento, è un romanzo epistolare, come il contemporaneo
romanzo foscoliano Le ultime lettere di Jacopo Ortis; Fausto Nicolini cita come
modelli i romanzi didascalici del tedesco Christoph Martin Wieland (1733-1813), fra
cui il Socrate delirante, già tradotto in italiano nel 1781, presentato dall’autore come
traduzione da un originale greco perduto (Nicolini 1924, 334-335). Del romanzo
epistolare Cuoco fa un uso particolare, in quanto le lettere che costituiscono i capitoli
del libro sono in gran parte resoconti di dialoghi o di discorsi di altri personaggi, in
modo che le voci vengono riflesse in una sorta di gioco degli specchi: i personaggi
parlano, i discorsi vengono riferiti nelle lettere, l’autore fittizio ha raccolto le lettere, il
traduttore fittizio le ha tradotte dal greco, l’autore del romanzo riprende questa
traduzione 6. I dialoghi riferiti nel testo costituiscono inoltre un richiamo al dialogo
filosofico, il genere letterario usato da Platone.

5 Avanza questa ipotesi anche Fausto Nicolini nella sua nota al testo di Cuoco nella collana degli
Scrittori d’Italia (Nicolini 1924, 343-344); inoltre il giovane Manzoni era in rapporto di
amicizia e stima reciproca con l’esule Cuoco, come riferisce fra gli altri Giulio Bollati, il quale
identifica anche con Manzoni il personaggio di Nearco, che fa la sua comparsa nel romanzo di
Cuoco (Bollati 1983, 42).
6 Il romanzo di Cuoco è citato da Attilio Motta nel suo saggio dedicato alle tecniche della «retorica
dell’autenticazione», fra cui si colloca anche la pseudo-traduzione (Motta 2004, 235-236).
98 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

La trama principale del romanzo è costituita dal viaggio di Platone in Italia,


accompagnato dal giovane Cleobolo, una sorta di alter ego dell’autore, per visitare le
città appartenenti alle diverse popolazioni, compresi i Romani, per incontrare i
personaggi illustri, e anche i filosofi e i poeti più importanti, per andare alla ricerca
della cultura pitagorica ammirata da Platone e dal suo giovane discepolo 7. A questo
proposito in Cuoco troviamo un forte richiamo all’identità italiana, da difendere e
sostenere nel quadro della situazione politica di estrema frammentazione:
Allora si vide quanto lo stato politico degl’italiani fosse infelice, non solo perché divisi in
tanti piccoli Stati (ché pure la divisione non sarebbe stata il piú grave de’ mali), ma perché
da duecento anni o conquistati o, quel che è peggio, protetti dagli stranieri, all’ombra del
sistema generale di Europa, senza aver guerra tra loro, senza temerne dagli esteri, tra la
servitú e la protezione, avean perduto ogni amor di patria e ogni virtú militare. Noi, in questi
ultimi tempi, non solo non abbiam potuto rinnovar gli esempi antichi de’ nostri avi
antichissimi, i quali, riuniti, conquistarono tanta parte dell’universo, ma neanche quei meno
illustri dei tempi a noi piú vicini, quando, divisi tra noi, ma indipendenti da tutto il
rimanente dell’Europa, eravamo italiani, liberi ed armati. (Cuoco, Saggio storico 21-22)
Cuoco si richiama a due possibili stati o livelli di unità nazionale, l’una, con il
richiamo mitico all’Italia romana, in riferimento ad una unificazione politica,
considerata piuttosto utopistica e non più realizzabile, l’altra intesa come alleanza fra
gli Stati in cui l’Italia è divisa. Un elemento notevole nell’idea di identità nazionale in
Cuoco emerge allorché si parla della «protezione» come forma più subdola di
dipendenza dagli stranieri rispetto alla «conquista». Da un lato Cuoco colloca l’idea
identitaria su un piano etico, per cui diventa più grave una «protezione» che non lascia
piena autonomia nazionale, rispetto ad un’aperta conquista e occupazione; dall’altro
Cuoco tocca qui un concetto che doveva risultare particolarmente delicato nel contesto
dei vari Stati italiani che si erano creati in seguito alle guerre intraprese da Napoleone
in Italia, e per i quali rivendicare una piena autonomia anche rispetto alla «protezione»
francese costituiva un messaggio molto forte. La natura etica di questa rivendicazione
di identità nazionale italiana torna in uno dei concetti di Cuoco che hanno avuto più
fortuna nel pensiero politico successivo: la sua denuncia dei limiti della «rivoluzione
passiva», che in quanto importata e imposta dall’alto a Napoli non ha potuto avere
quell’efficacia e quella forza che avrebbe avuto se fosse stata condotta attraverso un
coinvolgimento e una sollevazione popolare più generalizzata e profonda 8.
Cuoco sostiene che per una rivoluzione italiana occorrono una base popolare di
consenso e una radicata coscienza di appartenenza nazionale. Nella repubblica
napoletana il popolo non ha potuto comprendere le idee astratte rivoluzionarie, non
supportate da un’adeguata opera educativa per formare una cultura nazionale. Così si
spiega secondo lui, senza attribuire la colpa al popolo, perché le masse hanno aderito

7 Nella prefazione al lettore, in cui parla del finto manoscritto tradotto dal greco, Cuoco colloca
cronologicamente la data del viaggio nell’anno 406 di Roma (348 a.C.), secondo una
testimonianza desunta da Cicerone (Cuoco, Platone in Italia I, 11); Annalisa Andreoni parla
delle incongruenze cronologiche del romanzo di Cuoco e colloca storicamente il viaggio di
Platone in Italia prima del 361 a.C. (Andreoni 2006, LXXVII).
8 Fulvio Tessitore, nel ripercorrere due secoli di fortuna di Vincenzo Cuoco, parla delle controversie a
proposito di questa categoria introdotta da Cuoco e utilizzata in seguito per interpretare altri
momenti della storia politica italiana (Tessitore 2002, 23; vedi anche Visceglia 1972, 168-170).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 99

alla controrivoluzione del cardinale Fabrizio Ruffo (1744-1827), invece di essere


fedeli ai «patrioti» giacobini napoletani, che guidavano il governo repubblicano. Per
questo Cuoco chiama la rivoluzione napoletana che ha portato alla repubblica del 1799
«rivoluzione passiva»:
Le rivoluzioni attive sono sempre piú efficaci, perché il popolo si dirige subito da sé stesso a
ciò che piú da vicino l’interessa. In una rivoluzione passiva conviene che l’agente del
governo indovini l’animo del popolo e gli presenti ciò che desidera e che da se stesso non
saprebbe procacciarsi. (Cuoco, Saggio storico 106)
Nelle pagine drammatiche scritte all’indomani della caduta della repubblica, con
l’uccisione di tanti suoi amici, e con la sua condanna all’esilio, Cuoco lamenta il non
coinvolgimento del popolo nella rivoluzione napoletana. Per lo scrittore è molto
importante analizzare anche gli errori che hanno fatto i rivoluzionari filofrancesi
perdendo anche l’appoggio della classe media. 9
Nella seconda opera letteraria composta durante l’esilio milanese, il romanzo
Platone in Italia, sono chiamati italiani gli abitanti della Magna Grecia e i membri
delle popolazioni italiche della penisola. Come il Saggio storico, anche il romanzo
epistolare di Cuoco entra nel canone letterario del Risorgimento, e gode anche di
notevole fortuna editoriale. Il romanzo è stato tuttavia accantonato dopo la fine del
fascismo perché, a differenza del Saggio storico, è parsa opera estremamente legata ad
una visione nazionalistica di primato dell’identità italiana 10.

4.3.2. Identità linguistica italiana


L’elemento strutturale del romanzo che fa riferimento alle contraddizioni identitarie è
la finzione sulla lingua, in quanto l’opera viene presentata come traduzione di un
originale greco, ritrovato fra le rovine di una villa, nel sito dell’antica città greca di
Eraclea, nei pressi di Policoro 11. La città era stata teatro di un’importante battaglia fra
Romani e Tarantini nel 280 a.C., lo scontro fra la futura Italia romana e la preesistente
Italia greca, che come vedremo costituisce per Cuoco una prefigurazione di un’identità
italiana al plurale. 12 La finzione del testo presentato come traduzione di un originale

9 Come ha rilevato Lauro Rossi, Mazzini, in uno scritto inedito dedicato alla storia della rivoluzione
napoletana, fa sua in pieno l’interpretazione di Cuoco e l’idea che il punto debole che ha fatto
fallire la repubblica giacobina sia stata la separazione dei patrioti democratici dal popolo (Rossi
1995, 141-142).
10 Si veda De Francesco 2006, XXIX-XXX; il saggio è inserito in una nuova edizione del romanzo,
curata da Antonino De Francesco e Annalisa Andreoni, per ravvivare l’interesse verso
quest’opera che aveva avuto grande fortuna nell’Ottocento (Cuoco 2006).
11 Attilio Motta ha rilevato che il romanzo settecentesco in Italia sembra andare alla ricerca di una
certificazione documentaria per sostenere il patto narrativo, una certificazione che viene dalla
storia e dalle sue rovine, messe in scena nei rmanzi di Antonio Piazza, oppure dal presentare il
testo come traduzione, come nel caso del Platone in Italia di Cuoco (Motta 2003, 268-269).
12 In effetti a Eraclea è stato trovato alla metà del Settecento un importante documento linguistico
dell’Italia pre-romana, le Tavole di Eraclea, conservate al Museo archeologico di Napoli; scritte
in un dialetto dorico con influenze attiche, le due tavole contengono un testo giuridico della città
100 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

greco, da un lato, mette in scena la traduzione e il passaggio di testi da una cultura


all’altra, dall’altro attribuisce un carattere di ibrido all’identità linguistico-culturale
dell’autore. Si tratta naturalmente di un modello che godeva all’epoca di una certa
fortuna, la pseudotraduzione, di cui l’esempio quasi contemporaneo più famoso, a
livello europeo, era quello dei Canti di Ossian, tradotti in italiano da Melchiorre
Cesarotti nel 1763, ma per il genere del romanzo si deve citare come antecedente
illustre anche il capolavoro di Cervantes. 13 La cornice narrativa iniziale del Platone in
Italia, in cui si riferisce il ritrovamento del manoscritto, ci informa anche che il nonno
dell’autore, dopo aver ritrovato e tradotto il manoscritto, si era opposto decisamente
alla pubblicazione, con queste parole:
Che vale – egli mi dicea – rammentar oggi agl’italiani che essi furono una volta virtuosi,
potenti, felici? oggi non lo sono piú. Che vale rammentar loro che furono un giorno
gl’inventori di quasi tutte le cognizioni che adornano lo spirito umano? Oggi è gloria
chiamarsi discepoli degli stranieri – (Cuoco, Platone in Italia I, 3) 14
Sono idee che si presentano con una notevole continuità nell’opera di Cuoco, in quanto
anche nel Saggio storico Cuoco rivendica la peculiarità linguistica italiana, contro le
esterofilie linguistiche, mettendole sullo stesso piano dell’introduzione di mode
straniere abbracciate solo per il gusto dell’esotico:
La nazione napoletana sviluppò prima una frivola mania per le mode degli esteri. Questo
produceva un male al nostro commercio ed alle nostre manifatture: in Napoli un sartore non
sapeva cucire un abito, se il disegno non fosse venuto da Londra o da Parigi.
Dall’imitazione delle vesti si passò a quella del costume e delle maniere, indi all’imitazione
delle lingue: si apprendeva il francese e l’inglese, mentre era più vergognoso il non sapere
l’italiano. L’imitazione delle lingue portò seco finalmente quella delle opinioni. La mania
per le nazioni estere prima avvilisce, indi ammiserisce, finalmente ruina una nazione,
spegnendo in lei ogni amore per le cose sue. (Cuoco, Saggio storico 28-29)
Nella nota al testo scritta dallo stesso Cuoco, la polemica contro l’esterofilia viene
estesa anche all’analisi della situazione francese. Secondo Cuoco le idee giacobine,
quelle che hanno portato agli estremismi catastrofici del Terrore, sono da attribuire a
«cinquant’anni» di diffusione dell’«anglomania» in Francia attraverso la letteratura,
che hanno prodotto le idee rivoluzionarie.
Nell’opera di Cuoco troviamo il filo rosso della ricerca di un’identità nazionale
italiana su cui fondare i progetti politici di riforma democratica condotti nei vari Stati
filo-napoleonici con cui lo scrittore ha collaborato. In ogni caso fondamentale nella
sua visione dell’identità popolare è l’aspetto del coinvolgimento pedagogico popolare

di Eraclea per una vertenza che riguardava certe terre appartenenti al santuario di Dioniso
(Legras 1907).
13 Per un’interpretazione di questa finzione di Cervantes cfr. Anselmi 2010, 239-240.
14 A proposito del rapporto che la scuola deve avere con la lingua nazionale, così lo sintetizza Rita
Librandi: «Cuoco ribadisce, qui e altrove, la convinzione che pervade tutto il suo impegno
politico e culturale, secondo il quale non le parole vuote, ma le ‛verità eterne’ ‛ciò che è
universalmente grande’ possono rendere ‛i cittadini più virtuosi e la patria più felice’. Si
comprende pertanto l’indifferenza verso gli aspetti formali dell’italiano e l’atteggiamento che lo
porta a non intervenire mai su questioni riguardanti i modelli e le norme: egli è piuttosto
interessato, come si è visto, alle lingue come testimonianze primarie della storia umana e
all’italiano come segno di una possibile unità politica» (Librandi 2002, 134).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 101

più esteso possibile. Nel prossimo paragrafo analizzeremo nello specifico la funzione
che letteratura e scrittura giornalistica devono avere in questa costruzione d’identità
nazionale.

4.4. Il ruolo della letteratura e del giornalismo come fattori


d’identità nazionale
Fra i fattori dell’identità italiana, come abbiamo accennato, Cuoco considera anche
l’elemento linguistico, che insieme alla tradizione letteraria ha costituito un elemento
di lunga durata nella formazione di un’identità nazionale. Andrà qui ricordato che
Cuoco si pone come erede della tradizione dell’Illuminismo meridionale, e in primo
luogo di Giuseppe Maria Galanti (1743-1806): un merito degli illuministi meridionali
era stato l’adozione dell’italiano nelle lezioni universitarie, pratica introdotta per la
prima volta a Napoli nel 1754 da Antonio Genovesi, nel corso di Economia civile (cfr.
Migliorini 1995, 470-471; Vitale 1967). Nel caso di Cuoco è opportuno abbinare il
ruolo identitario affidato alla letteratura e quello affidato al giornalismo, data la grande
produzione di Cuoco in quest’ultimo campo e data anche la sua attività di promotore e
direttore di testate giornalistiche, sia nel periodo milanese che nel periodo napoletano
(cfr. Conte 2002). Per Cuoco letteratura e giornalismo rispondono agli stessi fini di
educazione pedagogica, per la costruzione di un progetto identitario e democratico, e
sono destinati a un pubblico parzialmente differenziato 15.
L’esaltazione del valore della letteratura nella costruzione identitaria italiana si
trova in misura più consistente nel romanzo di Cuoco, Platone in Italia. L’opera si
colloca in una produzione allegorico-utopistica di cui fa menzione anche Benedetto
Croce, parlando della storia del romanzo storico nell’Ottocento. Il romanzo di Cuoco
vene inserito in un vero e proprio filone, che molta fortuna ebbe all’epoca, e che Croce
lega alla fioritura degli studi vichiani, in quanto questo concetto del primato
cronologico e culturale dell’Italia rispetto alla Grecia era stato espresso e poi in parte
abbandonato da Giambattista Vico. In concomitanza con i primi esperimenti di uno o
più Stati italiani, facenti parte del sistema instaurato in Italia e in Europa da Napoleone
Bonaparte, con una forte partecipazione di intellettuali ed esponenti politici italiani, si
diffonde questo genere di romanzi storici in cui si va alla ricerca di una identità
italiana in un passato remoto italico visto come utopica età dell’oro perduta (Cfr.
Croce 1964, 52-62).

4.4.1. Alla ricerca di un canone nazionale


La riflessione di Cuoco sulle peculiarità culturali della nazione si fa più stringente
quando analizza le cause del fallimento della rivoluzione, per cui l’autore risale alla
linea di pensiero degli scrittori napoletani e italiani cui avrebbe dovuto riferirsi la
politica della repubblica napoletana. La lontananza dei politici «giacobini» da questa

15 Al tema è dedicato un ancora utile volume di Giuseppe Flores D’Arcais, con una scelta di scritti
commentati (Flores D’Arcais 1939).
102 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

tradizione culturale è denunciata esplicitamente nel capitolo dedicato a «Cagioni ed


effetti della rivoluzione»:
Per quella classe poi che era superiore al popolo, io credo, e fermamente credo, che il
maggior numero de’ medesimi non avrebbe mai approvate le teorie dei rivoluzionari di
Francia. La scuola delle scienze morali e politiche italiane seguiva altri princìpi. Chiunque
avea ripiena la sua mente delle idee di Machiavelli, di Gravina, di Vico, non poteva né
prestar fede alle promesse né applaudire alle operazioni de’ rivoluzionari di Francia,
tostoché abbandonarono le idee della monarchia costituzionale. Allo stesso modo la scuola
antica di Francia, quella per esempio di Montesquieu, non avrebbe applaudito mai alla
rivoluzione. Essa rassomigliava all’italiana, perché ambedue rassomigliavan molto alla
greca e latina. (Cuoco, Saggio storico 40-41)
Il Principe di Machiavelli è il modello concettuale dell’analisi delle cause che hanno
portato alla fine della repubblica partenopea. Cuoco lo cita esplicitamente più volte,
come ad esempio a proposito dei comportamenti che avrebbero dovuto tenere i
rivoluzionari per farsi seguire dal popolo, cioè «menare il popolo in modo che faccia
da sé quello che vorresti far tu». E a questo proposito si cita una frase di Machiavelli:
«Volendo – dice Machiavelli – che un errore non sia favorito da un popolo, gran
rimedio è fare che il popolo istesso lo abbia a giudicare» (Cuoco, Saggio storico 107).
Se in questi e altri casi abbiamo una citazione particolare dei suoi scritti, il segretario
fiorentino offre il modello della sua argomentazione binaria a molti passaggi
concettuali di Cuoco, in cui si mettono a confronto due concetti antitetici per sostenere
la propria tesi. Ad esempio nel capitolo XXXVI del suo Saggio storico, intitolato
«Polizia», Cuoco afferma che aver arruolato in polizia solo persone moralmente
integerrime è stato un errore, perché queste non riusciranno mai a capire quali intrighi
si stanno tessendo, né riusciranno a ricavare le necessarie informazioni segrete dal
popolo. Per motivare il ricorso a spie che facessero per denaro questo tipo di servizio,
si seguono argomentazioni che ricordano da vicino alcuni passaggi del trattato di
Machiavelli:
Felice quella nazione ove le idee e i costumi sono tanto uniformi agli ordini pubblici, che
non vi sia bisogno di polizia. Ma, dovunque essa vi è, non è e non deve essere altro che il
segreto di saper render utili pochi scellerati, impiegandoli ad osservare e contenere i molti.
(Cuoco, Saggio storico 157)
Non può per tanto uno signore prudente, né debbe, osservare la fede, quando tale
osservanzia li torni contro, e che sono spente le cagioni che la feciono promettere. E se li
uomini fussino tutti buoni, questo precetto non sarebbe buono; ma, perché sono tristi e non
la osserverebbano a te, tu etiam non l’hai ad osservare a loro. (Machiavelli, Principe XVIII)
Fra le ragioni individuate da Cuoco per la debolezza della repubblica napoletana, che
alla fine risulterà ad essa fatale, ritorna il tema della mancanza di milizie proprie, dato
che i francesi, temendo l’infedeltà dei napoletani, hanno scoraggiato in tutti i modi la
costituzione di un forte esercito napoletano, argomento presentato anche da
Machiavelli, che deplorava la mancanza di soldati che combattono per la propria
patria, in modo che si rende necessario per gli Stati italiani il ricorso alle truppe
mercenarie 16.

16 Si mettano a confronto Cuoco, Saggio storico 132 con Machiavelli, Principe, 32-38.
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 103

Abbiamo già visto con Foscolo che nel Risorgimento Machiavelli occupa una
posizione stabile accanto a Dante come anticipatore dell’unificazione italiana, per la
tensione morale e per il suo progetto politico, tanto che nonostante le riserve religiose,
apprezzamenti a Machiavelli verranno anche dal neoguelfo Vincenzo Gioberti (1801-
1852), il quale pur prendendo le distanze dalle sue posizioni su morale e religione,
saluta in lui il «Galilei della politica», colui che «abbraccia l’idea dantesca dell’unità
nazionale e perfezionalla esortando a colorirla e incarnarla un principe italico» (Scritti
letterari, cit. in Tabet 2007, 77).
Oltre a Machiavelli, Cuoco richiama come auctoritas della tradizione culturale e
letteraria italiana Gian Vincenzo Gravina (1664-1718), giurista e scrittore, importante
per la sua produzione drammaturgica, ma soprattutto per il suo ruolo di fondatore, a
Roma, dell’Accademia dell’Arcadia, che ha costituito dal punto di vista letterario un
vero e proprio luogo di alfabetizzazione poetica e di unificazione culturale italiana,
con tutte le sue colonie e succursali 17. Inoltre nella Critica della Ragion Poetica
(1708) ha dedicato grande spazio a Dante, la cui visione politica viene interpretata
come «nazionale» (cfr. Balsano 1897, 66-68). In altri termini in Gravina troviamo un
anticipatore di quell’interpretazione risorgimentale che considererà Dante uno dei
profeti del moto di unificazione politica e istituzionale dell’Italia.
La terna di auctoritates cui si richiama Cuoco si conclude con Vico, la cui visione
della storia è ben presente nella tessitura del Saggio e nell’impostazione culturale e
pedagogica di Cuoco. Il filosofo è indicato tra i precursori dell’idea di nazione e di
popolo italiano ed è ripreso nella ricostruzione, in parte fantasiosa, della storia d’Italia
fatta nel Platone in Italia. Da un lato Vico era stato il primo dei moderni promotori di
un primato italiano nelle scienze e nel sapere in generale, con la sua opera incompiuta
De antiquissima Italorum sapientia (1710), che abbozzava già le idee della Scienza
nuova (1744), dall’altro il suo sistema di pensiero costituisce la base anche della
visione della storia di Cuoco, e si inseriva nelle correnti più moderne del pensiero
filosofico e linguistico (cfr. Librandi 2002, 128-130).

4.4.2. Letteratura, identità e valori etici


A proposito dell’immagine dell’identità italiana che si ritrova nel Saggio storico,
Cuoco attribuisce un ruolo speciale agli intellettuali: nella galleria di martiri che
conclude il testo, dedicata ai patrioti morti nella repressione seguita alla caduta della
repubblica, troviamo in prevalenza intellettuali che si erano messi al servizio della
Repubblica. Il penultimo capitolo del Saggio storico, il numero L., costituisce un vero
e proprio martirologio della rivoluzione, relativo alla repressione seguita al ritorno dei
Borboni sul trono di Napoli. Lo scrittore condanna i persecutori per ragioni etiche, in
quanto sono stati traditi i patti della resa finale dei repubblicani, un accordo che né gli
Inglesi di Nelson, né il contingente di soldati francesi ancora rimasto a Napoli,

17 Un profilo articolato del contributo di Gravina alla canonizzazione della letteratura italiana si trova
in Quondam 1968; nel 1712 Gravina compone e pubblica le sue cinque tragedie, Palamede,
Andromeda, Appio Claudio, Papiniano, Servio Tullio.
104 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

ripartito senza subire danni, hanno garantito (Cuoco, Saggio storico 191-203) 18. Come
abbiamo già detto nel capitolo 2, la categoria del martirio entra a far parte dei miti del
Risorgimento, con il genere letterario del martirologio laico di coloro che danno la vita
per la libertà e l’unificazione dell’Italia. Cuoco ci offre nove medaglioni, brevi profili
di vittime della repressione. Ebbene di questi nove, sei sono intellettuali, giuristi o
letterati, di cui si ricordano le pubblicazioni. Particolare rilievo è dato a Eleonora De
Fonseca Pimentel, per cui, a livello di identificazione culturale italiana, si richiamano
le parole dell’Eneide di Virgilio su Pentesilea, regina delle Amazzoni morta nella
difesa di Troia, e la figura di Camilla, combattente a fianco di Turno contro Virgilio,
morta nella difesa del Lazio. Cuoco ricorda inoltre che Fonseca Pimentel aveva
ricevuto le lodi del poeta Pietro Metastasio (1698-1782) 19:
Pimentel Eleonora Fonseca. ‛Audet viris concurrere virgo’. Ma essa si spinse nella
rivoluzione, come Camilla nella guerra, per solo amor della patria. Giovinetta ancora, questa
donna avea meritata l’approvazione di Metastasio per i suoi versi. Ma la poesia formava una
piccola parte delle cognizioni che l’adornavano. Nell’epoca della repubblica scrisse il
Monitore napolitano, da cui spira il più puro e il più ardente amor di patria. Questo foglio le
costò la vita ed essa affrontò la morte con un’indifferenza eguale al suo coraggio. Prima di
avviarsi al patibolo, volle bevere il caffè, e le sue parole furono: – Forsan hec olim
meminisse iuvabit. – (Cuoco, Saggio storico 208)
Nel conciso necrologio della Fonseca notiamo il rilievo dato alla componente
letteraria, insieme alla menzione della sua attività giornalistica. L’attività letteraria è
strettamente legata all’identità nazionale, con la ripetizione dell’espressione «amor di
patria» presente con due occorrenze pur in un testo così breve. Da ultimo vorremmo
notare come l’aneddoto del caffè bevuto come ultimo desiderio possa essere un
riferimento alla più avanzata cultura illuministica, quella che si raccoglieva intorno
alla rivista milanese Il Caffè, promossa dagli illuministi lombardi, come Cesare
Beccaria (1738-1794) e i fratelli Pietro e Alessandro Verri. L’icona del martirio, che
nel Saggio storico di Cuoco è drammatico resoconto di fatti storici, entrerà poi come si
è detto nel canone dei valori risorgimentali, come ha osservato Banti nei suoi studi
sulla costruzione concettuale del Risorgimento (cfr. Banti 2011b, 27-28). Il Saggio
storico si muove su un equilibrio, a volte contraddittorio e precario, fra le critiche a un
modello politico non condiviso pienamente dall’autore, di cui si analizzano punti di
forza e soprattutto errori, e una sintonia morale profonda con chi ha intrapreso questo
esperimento politico. Cuoco conferisce al tentativo di governo repubblicano e ai
singoli patrioti che lo hanno portato avanti, il massimo valore civico e morale. Non a
caso questo martirologio è tutto napoletano e italiano, mentre ai francesi vengono
tributate lodi e riconoscimenti di gratitudine. Nel momento in cui Cuoco intende

18 Si veda nel capitolo 7 la lettura del testo di Cuoco, a proposito di questo episodio finale, fattane da
Belli in un sonetto in dialetto (Belli, Sonetti 10).
19 I due versi latini sono tratti dal primo libro dell’Eneide: Vergilius, Eneide I, 493; 203. Per Camilla
è significativo il richiamo di un personaggio ricordato anche nella Commedia dantesca, a
proposito della profezia del «veltro» che avrebbe salvato l'Italia, in versi che possono essere letti
in chiave fortemente patriottica: «Di quella umile Italia fia salute / per cui morì la vergine
Cammilla / Eurialo e Turno e Niso di ferute.» (Dante, Commedia Inferno, I, 106-108).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 105

costruire per via letteraria un tempio delle glorie nazionali, un sancta sanctorum dei
martiri della patria, allora ritaglia uno spazio circoscritto ai soli eroi italiani.
Oltre al Platone in Italia, Cuoco ha pubblicato, durante la sua attività giornalistica,
alcuni racconti fantapolitici. In un articolo che risale agli anni milanesi finge di
pubblicare due «Frammenti di storia d’Italia» in latino, ritrovati da un sedicente suo
zio, che sarebbe stato contrario alla loro pubblicazione, ma li lascia tradurre e
pubblicare al nipote (Cuoco, Frammenti 44-61). Abbiamo anche in questo caso la
finzione del manoscritto antico tradotto da un’altra lingua, come avviene nella cornice
narrativa del Platone in Italia. Uno dei due frammenti riporta il dialogo fra un antenato
di Cuoco e Machiavelli, in cui si ripercorrono tutti gli stereotipi della mancata
unificazione dell’Italia, della sottomissione agli stranieri, dell’ingratitudine verso chi
ama la patria, come era stato il caso dello stesso Machiavelli. Il dialogo contiene anche
un passaggio contro la Repubblica di Venezia, altro topos storiografico, in cui si
attribuiscono a Venezia forza e capacità, mentre era mancata la volontà politica di
unificare l’Italia e liberarla dagli stranieri. Nel testo di Cuoco il passaggio serve a
sostenere la non italianità del governo veneziano dei dogi, e quindi la necessità che ad
esso si ponesse fine, per rendere accettabile uno dei punti più difficili da giustificare
nella vicenda italiana di Napoleone, il Trattato di Campoformio, con cui nel 1797
cedeva all’Impero d’Austria Venezia e il Veneto. Un fatto che come abbiamo visto nel
capitolo 3 aveva segnato profondamente il rapporto di Foscolo con Napoleone.
Il secondo documento fittizio è costituito da un’inedita confessione di Cassiodoro,
che era stato ministro di re Teodorico, prima di entrare in dissenso con il sovrano e
fondare un monastero in Calabria. Il monaco attribuisce alla presenza del papato la
mancata unificazione dell’Italia, e in particolare il fallimento del Regno di Teodorico,
e Cuoco finge che questo documento scottante sia stato tenuto nascosto a
Montecassino proprio per ordine espresso del papa (Cuoco, Frammenti 52-61).
Anche nel suo progetto di riforma dell’istruzione, Cuoco assegna una funzione
rilevante alla letteratura, che dovrà costituire un punto di forza dell’educazione, ma a
patto che si tratti di letteratura avente come scopo la costruzione dei valori di
convivenza civica e di partecipazione:
L’educazione letteraria è inutile, quando non tende a formare buoni cittadini, e buoni
cittadini non si hanno senza virtù politica. Per le infelici vicende alle quali questo Regno è
stato soggetto, e per gli errori ed i pregiudizi che di tali vicende sono sempre gli effetti piú
durevoli e funesti, era estinto ogni amor delle arti, che si consideravano come vilissimo
mezzo di sostener la vita della plebe; poche delle umane cognizioni promettevano ricchezze
e onori: onde esse sole eran coltivate; e, coltivate senza norma e senza modo, eran divenute
cagioni di nuovi e più gravi mali. Le stesse vicende politiche avevano indebolito l’amor
della patria; la trascuranza delle arti utili e delle arti belle avea estinto l’orgoglio nazionale,
poiché non si è mai orgogliosi in faccia a coloro che sono nostri provveditori e maestri
nostri. (Cuoco, Rapporto 12)
Nel testo ritroviamo il nesso inscindibile fra letteratura e identità nazionale, con la
necessità di promuovere una letteratura che non sia servilismo e adulazione, bensì un
mezzo per educare alla virtù politica. Cuoco, dopo aver partecipato alla repubblica
partenopea e aver subito la condanna dell’esilio, trovandosi a collaborare ai massimi
livelli con i governi napoleonici a Milano e nel Regno di Napoli, mantiene e difende
un ideale di letteratura molto simile a quello incarnato da Foscolo, anche se, a
106 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

differenza di quest’ultimo, Cuoco elabora le sue concezioni sull’identità nazionale


italiana dall’interno delle strutture dell’amministrazione napoleonica, in quanto si era
integrato, senza contestare la dipendenza dell’Italia dalla politica francese e
napoleonica.

4.4.3. Letteratura e identità italiana: l’eredità classica.


Il Platone in Italia di Cuoco sviluppa in senso narrativo le idee che Vico aveva
abbozzato nell’opera incompiuta De antiquissima Italorum sapientia, e costituisce
secondo Croce «sotto specie di storia, un non istorico romanzo» (Croce 1964, 53). Si
identifica l’Italia con la mitica Atlantide nominata da Platone, su cui avrebbe regnato il
re Atlante, patriarca degli Atalanti o Italanti, la cui lingua sarebbe stata l’etrusco. In
quest’opera la supposta lingua italica diventa la più antica, da cui derivano greco,
latino, arameo e tutte le lingue orientali, e italici sono Omero, Orfeo e Pitagora 20. Nel
romanzo di Cuoco questa versione della storia è presentata in uno dei capitoli
conclusivi, in cui si fanno varie ipotesi di storia della civiltà e della cultura. In una
lettera di Cleobolo a Platone, che costituisce il capitolo LXXIV del romanzo, il
giovane viaggiatore riferisce il dialogo con il sannita Ocello, che gli espone la storia
della civiltà partendo da un antichissimo popolo italico già civilizzato prima della
guerra di Troia:
– La Grecia non avea né nome né civiltà, ed era Grecia quella che oggi chiamasi Italia. [...]
A que’ tempi tu non trovi per certo di lá del Ionio tanta ricchezza e tanta civiltá. E che
diresti tu se io ti narrassi le storie piú antiche e ti dimostrassi essere tutti di origine italiana
quegli eroi vostri, i nomi de’ quali suonan con tanta gloria nelli canti di Troia, e quel
Nestore che tante etá avea vissuto, e quell’Ulisse a cui Minerva istessa avea insegnata la
prudenza? Ma noi non tessiamo genealogie; non parliamo della storia degli uomini ma di
quella de’ popoli; e la storia di un popolo non in altro consiste che nella storia della sua
civiltá. (Cuoco Platone in Italia II, 227)
In questo passaggio oltre alla rivendicazione della priorità cronologica della cultura
italica su quella greca, troviamo una dichiarazione della natura preminentemente
culturale dell’identità nazionale, in quanto quella che Cleobolo chiama qui «civiltá» è
in primo luogo costituita da lingua e cultura, come si specifica nel contesto. Nel
penultimo capitolo del romanzo, nella cornice di Paestum, un sacerdote rivela a
Cleobolo il grande mistero: erano gli etruschi il popolo che un tempo aveva unificato
l’Italia e che dominava su tutto il Mediterraneo, tanto che quando il fato dispose il
viaggio di Enea da Troia distrutta alle coste dell’Italia, si trattò di un ritorno alle
origini. Dunque nel romanzo il mito nascente del «risorgimento italiano» riceve la più
elevata conferma letteraria, a esso si associa il mito omerico, il mito fondante di tutta
la tradizione letteraria occidentale, e la presunta progenitura italica e mediterranea
degli etruschi inserisce anche l’elemento identitario della lingua, associando l’italiano,

20 Secondo la fantasiosa ricostruzione storica di Angelo Mazzoldi questa civiltà viene interrotta da un
cataclisma del 1986 a.C. che separa Sicilia e Sardegna dal continente e costringe gli Italianti a
disperdersi in Oriente, dove fondano le altre civiltà, per poi tornare in Italia come Greci,
Etruschi e altre popolazioni, senza riconoscere più la loro terra di origine (Croce 1964, 52-54).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 107

toscano per origini letterarie, all’antica lingua unitaria italiana, l’etrusco, radicato nella
stessa regione del toscano (Cuoco, Platone in Italia II, 242-256).
Tale fantasiosa visione dell’originaria identità nazionale italiana per via letteraria
ha il duplice valore di richiamare le tradizioni autoctone, italiche, più radicate nel
territorio, e al tempo stesso di dare a essa un respiro internazionale, conferendo per via
mitica il ruolo di civiltà originaria da cui sono derivate la greca e la latina, seguendo
un’idea di primato culturale italiano che abbiamo già rilevato anche in Foscolo. Fra i
molteplici livelli di lettura del romanzo allegorico, è presente anche l’allusione ai
francesi, rappresentati nelle vesti dei Greci, oggi più forti, un tempo debitori della
civiltà a Roma e all’Italia, con un riferimento implicito sia alla latinizzazione della
Gallia che alla diffusione in Francia della cultura del Rinascimento italiano. Come i
Greci del romanzo, i francesi sono però al tempo stesso coloro che hanno portato una
nuova cultura in Italia con l’Illuminismo e con la rivoluzione francese.
A proposito del ruolo della letteratura e della cultura per la formazione
dell’identità nazionale, nella lunga lettera di Cleobolo riportata nel capitolo XXVIII si
racconta un incontro con il poeta e commediografo greco Alesside, nato in Calabria, a
cui segue un discorso di Platone che rettifica e attenua l’esclusione dei poeti dalla città
ideale da lui descritta nella Politica (Cuoco, Platone in Italia I, 201-219). In tutto il
capitolo si riflette sul rapporto fra poesia «italiana» (cioè della Magna Grecia) e greca,
del primato della prima e del positivo influsso che essa ha esercitato sulla seconda, in
particolare per quanto riguarda il passaggio dalla commedia antica di Aristofane,
biasimata da Cuoco, alla commedia nuova di Menandro, secondo la tradizione nipote
di Alesside. Della commedia nuova Cuoco esalta la moralità e la maggiore capacità di
rappresentazione dei personaggi, come conseguenza del divieto di nominare
esplicitamente sulla scena i personaggi che vengono criticati. Da un lato si mostrano le
ramificazioni e interconnessioni delle diverse letterature nazionali, che non possono
che trarre beneficio da scambi e influssi reciproci, dall’altra la necessità che la poesia e
la letteratura in generale siano al servizio della morale civica e dell’educazione dei
cittadini. Per smentire l’avversione di Platone verso i poeti, Cuoco fa riferimento a una
notizia biografica di Quintiliano citata nel testo, secondo cui alla morte di Platone si
trovano sotto il suo guanciale i mimi di Sofrone. Il personaggio di Platone estrae dalla
tasca un libro che contiene proprio questi mimi e comincia a leggerne il testo: «Un
antico proverbio dice che non si fanno carmi senza vino; ed io, o mio figlio Senarco, ti
dico che non si fanno bei carmi senza mente e senza cuore.» (Cuoco, Platone in Italia
I, 215)
Il lungo frammento letto da Platone continua distinguendo i buoni poeti dai cattivi
a seconda del loro senso civico e morale, con un aneddoto:
La Grecia intera stupí, quando il rapsodo Cleomene ripeté nell’arena olimpica i carmi di
Empedocle: gli altri rapsodi rinunciarono al certame, disperando della vittoria, e
dimandavan tra loro: – Chi è dunque quest’uomo, i di cui canti si misurano coll’universo? –
Quando udirono che quest’istesso uomo avea nobilitato la sua patria cogli studi del vero,
l’avea ornata con costumi piú puri e piú santi, riordinata con leggi migliori, i rapsodi
mercenari dissero: – Come mai un uomo, che sapeva e faceva tante altre cose, ha potuto
cantar anche quei carmi? – Ma i pochi sapienti, che vi erano, dissero: – Se non sapeva e non
oprava tante altre cose belle e sublimi, non poteva cantar tanto belli e sublimi carmi. –
(Cuoco, Platone in Italia II, 216-17)
108 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

Il capitolo si chiude con l’affermazione che la poesia deve comunque elevarsi al di


sopra di tutti i particolarismi, e in particolare guardare oltre i confini, un concetto che
riprenderemo nell’ultimo paragrafo di questo capitolo:
Le sole passioni generose innalzan l’anima come aquila alle regioni più vicine alla divinità;
e la parola acquista allora, non l’arroganza di uno schiavo indisciplinato, ma la
magnificenza di un sovrano, e diventa immensa come l’orizzonte ch’è sotto gli occhi,
infinita come il numero degli oggetti che comprende lo sguardo di colui, il quale dalla cima
dell’Etna vede nel tempo istesso il dorso selvoso della Sila, la vetta fumante d’Inarime, le
isole che rompono il corso del Ionio e le basse arene che si stendono lungamente tra il mare
e le sassose spalle di Atlante. (Cuoco, Platone in Italia II, 219)

4.4.4. Pedagogia dell’identità nazionale


Nel capitolo XX del Saggio storico, si parla delle proposte per la formazione di un
nuovo governo rivoluzionario, allorché si avvicinava la crisi finale per la repubblica
napoletana. Si tratta di un governo che oggi chiameremmo di salvezza nazionale, in
quanto dovrà comprendere i rappresentanti di tutte le forze, anche di quelle che
sarebbero le più lontane alla rivoluzione, per poter conquistare il favore popolare più
esteso possibile. Anche in questo caso, Cuoco individua un compito importante per
l’istruzione, che deve formare l’élite della nuova nazione, da cui deriva la necessità di
un sistema scolastico che trasmetta dei contenuti pertinenti alle caratteristiche locali e
non solo riferiti a nozioni lontane e peregrine:
Per effetto della nostra mal diretta educazione pubblica, la cognizione delle nostre cose si
trova riunita al potere ed alla ricchezza: coloro che hanno per loro porzione il sapere, per lo
più, tutto sanno fuorché ciò che saper si dee. Allevati colla lettura de’ libri inglesi e francesi,
sapranno le manifatture di Birmingham e di Manchester, e non quelle del nostro Arpino; vi
parleranno dell’agricoltura della Provenza, e non sapranno quella della Puglia; non vi è tra
loro chi non sappia come si elegga un re di Polonia o un imperatore dei romani, e pochi
sapranno come si eleggono gli amministratori di una nostra municipalità; tutti vi diranno il
grado di longitudine e di latitudine di Othaiti: se domandate il grado di Napoli, nessuno
saprà dirlo. [...]
Ma, affinché le cognizioni delle cose patrie non siano scompagnate dai lumi della
filosofia universale di Europa, ed affinché coloro de’ quali abbiam bisogno per opinione non
diventino i nostri padroni per necessità, affinché gli antichi interessi (se pure costoro
avessero interesse per l’antico governo) non opprimano i nuovi, a costoro si unirà un doppio
numero di savi e virtuosi patrioti: così avremo il vantaggio delle cognizioni patrie
nell’esame e dell’opinione pubblica nell’esecuzione. (Cuoco, Saggio storico 110-111)
Tre sono gli elementi che emergono dal testo: in primo luogo il rilievo dato
all’istruzione, come collante nazionale, per ottenere il consolidamento della
rivoluzione, attraverso la diffusione popolare della cultura nazionale; in secondo luogo
la necessità che la cultura, con particolare riferimento in questo caso alla storia e alla
geografia, sia quanto più possibile aderente al contesto locale e regionale; in terzo
luogo Cuoco esprime la necessità che non ci siano chiusure troppo nazionalistiche o
localistiche, ma che la cultura nazionale venga inserita nel contesto della più moderna
cultura europea.
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 109

Durante il suo esilio milanese, Cuoco s’impegna in prima persona come


collaboratore del governo della repubblica e in particolare si dedica specificamente
come giornalista a un’attività di pedagogia culturale volta alla costruzione di una base
condivisa per l’identità nazionale. Nel Giornale italiano, Cuoco porta avanti
«un’incisiva operazione di pedagogia popolare intesa a coinvolgere strati quanto più
ampi possibile di lettori» (Conte 2002, 86). La Repubblica italiana era stata fondata
dopo i Comizi di Lione, cui aveva dato la sua adesione anche Foscolo, ed aveva due
organi al vertice, la Presidenza, guidata da Napoleone in persona, e la Vicepresidenza,
guidata dal milanese Melzi D’Eril. Proprio su incarico diretto della Vicepresidenza
Vincenzo Cuoco redige il «Programma del Giornale italiano» datato 3 agosto 1803, in
cui tocca direttamente il problema del rapporto fra lo Stato che comprende solo una
parte della nazione italiana e questa nel suo insieme, di cui ben mette a fuoco
l’identità:
A quest’oggetto io credo utile presentare alle menti degli abitanti della Repubblica italiana
tutto ciò che appartiene all’Italia intera. Se parlasi di uomini illustri, avezziamoli a
considerar comune la gloria di tutti gli angoli d’Italia; se parlasi di atti utili, facciamo sì che
questo foglio sia il centro ed il deposito comune dell’Italia intera. Finora l’Italia non ha
avuto mai un foglio simile: tra le tante lodi che voi meritate, non sará l’ultima certamente
quella di averle dato un punto di riferimento per tutte le idee che posson nascere nelle menti
de’ suoi figli. (Cuoco, Programma 7-8).
L’orizzonte di riferimento del progetto di giornalismo politico presentato da Cuoco è
quello dell’Italia nel suo insieme, di cui auspica l’unità nel momento in cui formula il
programma del giornale. Il futuro direttore dichiara esplicitamente che il foglio, in
quanto «italiano» dovrà accogliere tematiche e rivolgersi a lettori dell’intera Italia,
anche se la «Repubblica italiana» ne comprende solo una parte. Francesco Conte
osserva che nel periodo milanese l’attività giornalistica s’indirizza maggiormente
verso la costruzione identitaria di un’Italia unita, mentre piuttosto dopo il ritorno a
Napoli si rivolgerà più alle problematiche politiche e amministrative interne allo Stato,
cioè al Regno di Napoli (Conte 2002, 101-102).
Nell’articolo «Morale privata e ragion pubblica» (Cuoco, Scritti milanesi 86-88)
affronta il tema del rapporto fra la politica e l’educazione morale del popolo, in quanto
a suo avviso la politica non può agire imponendo le sue scelte, senza svolgere nel
contempo una profonda opera pedagogica nei confronti del popolo, di quella comunità
di cittadini su cui si fonda l’identità nazionale, che devono essere coinvolti e non
sottoposti all’autorità dello Stato. Il concetto ritorna anche nell’articolo «Educazione
popolare», in cui si definisce nel livello di educazione diffuso fra il popolo il punto di
forza di una nazione:
Quanti uomini contiene il tale o il tal altro impero? ecco l’unica misura che noi abbiamo per
conoscerne la forza. In quale di esso sieno gli uomini migliori, né lo sappiamo né curiamo
saperlo. Ma, se non m’inganno, è poco lontano il tempo in cui l’educazione del popolo sará
annoverata tra le prime arti per accrescere e conservare la grandezza di uno Stato; in cui si
domanderá, non giá quale nazione sia composta di maggior numero di uomini, ma bensí
quale contenga gli uomini migliori. (Cuoco, Educazione popolare 100)
Cuoco aderisce in pieno all’esperimento «italiano» di Napoleone, al contrario di
Foscolo, e cerca di estendere l’autonomia italiana delle istituzioni attraverso un
110 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

coinvolgimento «popolare», con un giornalismo con funzioni pedagogiche in relazione


alla costruzione condivisa di un’identità nazionale (cfr. Del Vento 2002, 116-119; De
Francesco 2006, XLIV-XLV).
Date queste posizioni di Cuoco sulla necessità di creare un fondamento condiviso
alle idee sull’identità nazionale, dopo il suo ritorno a Napoli si mette a disposizione del
re Gioacchino Murat, e oltre a continuare la sua attività giornalistica, lo troviamo alla
guida della commissione nominata nel 1809 per la riforma dell’educazione. Si tratta di
un progetto organico che interessa tutti i livelli dell’Istruzione, dalla scuola elementare
fino all’università, il cui testo, pur essendo il lavoro conclusivo della commissione
nominata dal re, è stato redatto in gran parte da Cuoco (Librandi 2002, 124-125).
La riforma prevede un rinnovamento organico di tutto il sistema, secondo una
struttura logica unitaria, dall’istruzione elementare fino all’università, una riforma non
realizzata concretamente per la caduta del regno napoleonico, ma a cui guarderanno
con interesse sia De Sanctis che Gentile (Tessitore 2002, 14), ed entrambi ne
applicheranno i principi alla propria riforma del sistema scolastico (Turi 2002, 279). In
questa occasione Cuoco riflette sulle vicende storiche passate, che erano state oggetto
del Saggio, e delinea un ruolo ben preciso per la cultura, all’interno della formazione e
dell’istruzione popolare, al fine di creare lo spirito identitario necessario per il
rinnovato Regno di Napoli, sotto lo scettro di Gioacchino Murat, all’interno di quella
che secondo lui dovrebbe essere un’Italia pacificata, formata da diversi Stati italiani
con la protezione di Napoleone Bonaparte (Cuoco, Rapporto).
Nella parte iniziale del «Rapporto», Cuoco si occupa della definizione del grado
«medio» dell’istruzione, destinato ai «molti» (mentre la scuola primaria è per «tutti» e
l’università per «pochi») che formeranno il tessuto della nazione, porranno le scienze
elaborate dai «pochi» al servizio di «tutti» i cittadini e dovranno fare da mediatori
(Cuoco, Rapporto 8).
Pur essendo il progetto orientato concretamente sul Regno di Napoli, non manca il
riferimento alla legislazione scolastica del Regno d’Italia. Il sistema d’istruzione
previsto è inserito nel contesto europeo, con riferimenti anche ad altre riforme
scolastiche già effettuate Italia, giudicate positive da Cuoco, come quella introdotta da
Giuseppe II (1741-1790) in Lombardia (Cuoco, Rapporto 131).
Dopo aver visto come Cuoco costruisce la sua idea di identità nazionale e come
considera l’apporto della letteratura e del giornalismo a questa definizione identitaria,
analizzeremo nel paragrafo seguente la presenza nella sua opera di tracce della
frammentazione e articolazione a livello identitario locale dell’Italia, tenendo conto
che Cuoco era fortemente legato al Regno di Napoli e alla sua tradizione culturale.

4.5. Vincenzo Cuoco e la costruzione unitaria a partire


dalle identità locali
Il discorso s’inserisce sulla questione dell’identificazione di uno o più «Sud»
all’interno dell’identità italiana, discorso che noi potremmo estendere
all’individuazione di un «sud», cioè di una zona arretrata rispetto al resto dell’Europa.
In questo senso si collocavano gli Stati italiani sicuramente rispetto alla Francia, e in
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 111

questo senso si collocava il Regno di Napoli rispetto agli altri Stati italiani. Queste
differenziazioni interne entravano nel dibattito identitario che accompagnava
l’esperienza delle repubbliche del cosiddetto Triennio giacobino, tanto che non era
acquisita l’idea di unificazione nazionale all’interno di un unico Stato, bensì si
discuteva fra una forma federale di Stato italiano, o quella di una semplice federazione
di Stati italiani culturalmente, istituzionalmente e politicamente omogenei (Rao 2011,
3-4).

4.5.1. La resistenza all’omologazione


La forza e la resistenza dalle culture locali, la storia e la tradizione dei vari Stati
italiani pre-unitari, fra cui il Regno di Napoli, il più esteso ma non il più omogeneo e
coeso, genera all’interno del Saggio storico di Cuoco una contraddizione che si
ritroverà in parte anche nelle sue iniziative culturali all’interno del Regno di Napoli.
La contraddizione riguarda la definizione di identità nazionale, talora riferita da
Vincenzo Cuoco alla Repubblica napoletana o al Regno di Napoli, la cui individualità
culturale è definita nettamente, talora esplicitamente all’identità italiana tout court. Nel
capitolo dal titolo Stato del Regno – Avvilimento della nazione, quest’ambivalenza del
concetto di nazione gioca un ruolo, in quanto non è ben chiaro se Cuoco includa fra gli
stranieri anche i cittadini degli altri Stati italiani. Si parla degli intrighi che hanno
condotto il Regno di Napoli ad intervenire contro i Francesi che avevano fondato la
Repubblica di Roma, intervento che ha provocato la reazione francese e la successiva
formazione a Napoli della Repubblica napoletana:
Acton e la regina quasi congiurarono insieme per perdere il Regno. La regina spiegò il più
alto disprezzo per tutto ciò ch’era nazionale. Si voleva un genio? Dovea darcisi dall’Arno.
Si voleva un uomo dabbene? Dovea venirci dall’Istro. Ci vedemmo inondati da una folla di
stranieri, i quali occuparono tutte le cariche, assorbirono tutte le rendite senz’avere verun
talento e verun costume, insultarono coloro ai quali rapivano la sussistenza. Il merito
nazionale fu obbliato, fu depresso e poté credersi felice quando non fu perseguitato.
[…] Quel nobile sentimento di orgoglio, che solo ispira le grandi azioni, facendocene
credere capaci; quel sentimento, che solo ispira lo spirito pubblico e l’amor della patria; quel
sentimento, che in altri tempi ci fece esser grandi e che oggi fa grandi tante altre nazioni di
Europa, delle quali fummo un tempo e maestri e signori, era interamente estinto presso di
noi. Noi diventammo a vicenda or francesi or tedeschi ora inglesi; noi non eravamo più
nulla. Tante volte e sì altamente per venti anni ci era ripetuto che noi non valevamo nulla,
che quasi si era giunto a farcelo credere. (Cuoco, Saggio storico 28)
Nel testo un toscano e un austriaco (dai relativi fiumi «Arno» e «Istro», cioè Danubio)
sono messi sullo stesso piano come «stranieri», inesperti della realtà locale, e per
questo non dovevano essere chiamati al governo dal re di Napoli; nella seconda parte
si fa riferimento al contesto europeo e in questo caso la patria evocata è quella comune
italiana, contrapposta alle altre nazioni dell’Europa.
Secondo la concezione espressa nel Saggio storico di Cuoco non si può costruire
una nazione, e in particolare l’identità di una nazione, senza una profonda conoscenza
del territorio, delle sue particolarità locali e delle sue culture e tradizioni. Nel brano
seguente, Cuoco mostra come i governanti francesi e filo-francesi avrebbero dovuto
112 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

tener conto della religione, o meglio della religiosità popolare, che assume a Napoli
caratteristiche spiccatamente differenti rispetto alla Francia:
La nazione napolitana trovavasi in uno stato meno violento. La religione era un affare
individuale; e, siccome esso non interessava né il governo né la nazione, cosí le ingiurie
fatte agli dèi si lasciavano agli dèi stessi. Il popolo napolitano amava la religione, ma la
religione del popolo non era che una festa, e, purché la festa gli fosse lasciata, non si curava
di altro. In Napoli non c’era da temere nessuno dei mali che l’abuso della religione ha
persuasi a tanti popoli. (Cuoco, Saggio storico 129)
Il testo rientra nell’analisi degli errori politici della repubblica giacobina, in particolare
in campo religioso. Al fine di costituire una solida base di consenso nazionale, il
governo avrebbe dovuto tener conto di queste caratteristiche della religione che sono
vere e proprie peculiarità culturali locali, senza alcuna rilevanza politica e ideologica.
Al contrario il governo ha considerato le idee della rivoluzione francese in questo
settore irrinunciabili e inderogabili.
Recriminazioni analoghe vengono espresse da Cuoco a proposito della riforma dei
dipartimenti, introdotti dai giacobini napoletani sul modello francese. Così facendo si
sono creati molti problemi che non sarebbero sorti se fosse stato mantenuto il
precedente ordinamento in province; il testo s’inserisce inoltre nella critica al fatto che
i repubblicani hanno prestato troppa attenzione alla capitale, senza spingere la loro
azione nel territorio, un’azione che però avrebbe dovuto avere come presupposto una
conoscenza profonda del territorio e un rispetto maggiore delle identità locali:
Ma quale intanto era lo stato delle province? Esse finalmente doveano richiamar l’attenzione
del governo, forse, fino a quel punto, troppo occupato della sola capitale. Il miglior partito
sarebbe stato di farvi le minori novitá possibili; ma, come sempre suole avvenire,
s’incominciò dal farsene le piú grandi e le meno necessarie. Il maggior numero delle
rivoluzioni ha avuto un esito infelice per la soverchia premura di cangiare i nomi delle cose.
S’incominciò dalla riforma dei dipartimenti. Volle incaricarsi di quest’opera Bassal,
francese, che era venuto in compagnia di Championnet. Qual mania è quella di molti di
voler far tutto da loro! Quest’uomo, il quale non avea veruna cognizione del nostro
territorio, fece una divisione ineseguibile, ridicola. Un viaggiatore, che dalla cima di un
monte disegni di notte le valli sottoposte che egli non abbia giammai vedute, non può far
opera più inetta. (Cuoco, Saggio storico 141)
Si tocca qui un punto critico del triangolo identità nazionale, ideali di libertà della
rivoluzione francese, cultura locale, che comporta, nel testo di Cuoco, il conflitto fra
gratitudine per i liberatori e accusa di colonialismo, in quanto non sono state rispettate,
dai francesi e dai rivoluzionari napoletani loro alleati, le identità culturali locali. A
questo proposito si deve richiamare il motivo, ricorrente nella letteratura europea, di
«Italia senza italiani» (cfr. Luzzi 2002), che consiste nella costruzione, in Europa, di
una struttura concettuale di tipo postcoloniale per quanto riguarda l’italianità del Sud.
L’idea di fondo è che l’annessione alla comune patria italiana delle regioni
meridionali, che formavano il Regno delle Due Sicilie, in seguito denominato
«Mezzogiorno», sarebbe avvenuta a opera di intellettuali, scrittori e politici
appartenenti alla parte settentrionale dell’Italia, un’area per storia e per cultura del
tutto distinta da quella meridionale. Si tratta di una tesi certo suggestiva e in parte
corrispondente alla concreta realizzazione istituzionale dell’unificazione italiana,
anche se le tante voci di intellettuali meridionali che hanno contribuito alla
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 113

costituzione identitaria nazionale, fra cui lo stesso Cuoco, ci invitano a non accettarla
integralmente e troppo rigidamente. D’altra parte Cuoco non è stato certo l’unico
intellettuale pur profondamente legato alla cultura meridionale, che ha sostenuto
coerentemente e intensamente l’identità nazionale italiana 21.
Questo tratto colonialista della «rivoluzione passiva» attuata dai giacobini francesi
e filofrancesi a Napoli, che alienò loro il consenso popolare, si ritroverà anche un
sessantennio più tardi in occasione dell’unificazione italiana conseguente alla
spedizione garibaldina del 1860 22. A conferma dell’analisi e delle riflessioni di Cuoco
c’è il caso delle memorie di Giuseppe Ferrarelli (1832-1921), un ufficiale borbonico
convinto fautore dell’unità d’Italia, e passato al servizio dell’esercito italiano, all’inizio
formato soltanto da piemontesi. I suoi scritti hanno avuto la fortuna di essere
pubblicati e accedere alla notorietà per un fatto del tutto casuale: nipote dell’ufficiale
era Benedetto Croce, che avrebbe raccolto e curato come editore le sue memorie. Il
Ferrarelli lamenta le discriminazioni subite da lui e dagli altri militari ex-borbonici
passati nell’esercito italiano, che ottenevano difficilmente, all’interno dell’esercito
italiano, il mantenimento del proprio grado e una pari dignità con gli altri italiani.
L’ufficiale denuncia anche i limiti dell’azione «nazionale» dei piemontesi, che
volevano uniformare sistematicamente secondo il modello piemontese le particolarità
sociali, gli usi, le peculiarità culturali dei soldati e dei cittadini del Mezzogiorno
d’Italia 23. È interessante registrare le analogie fra le critiche di Cuoco ai liberatori
rivoluzionari francesi e le lamentele di Ferrarelli sul razzismo dei successivi liberatori
italo-piemontesi.

4.5.2. La ricchezza delle identità locali


Quasi a contrastare questa deriva tendenzialmente colonialista della Repubblica
napoletana sorta sotto la protezione francese, Cuoco ipotizza un corso diverso degli
eventi se, alla fuga del re da Napoli, i patrioti locali si fossero organizzati e avessero
creato una repubblica indipendente prima dell’arrivo delle truppe del generale francese
Championnet. Le istituzioni e le leggi dello Stato devono essere secondo Cuoco

21 Basterebbe citare la raccolta di testimonianze sulla partecipazione alle vicende del Risorgimento di
protagonisti provenienti dalla stessa regione di Cuoco, il Molise, raccolte in De Benedittis 2012.
22 A proposito della distanza fra la realtà concreta mancata reale conoscenza Napoli e la conoscenza
da parte dei francesi, Susan Noakes ricostruisce tutte le vicende che legano la storia di Napoli a
quella della Francia fra Settecento e Ottocento, e analizza quali sono gli stereotipi su Napoli che
prendono piede in Francia e che vengono diffusi attraverso la letteratura, e in primo luogo
abbiamo lo stereotipo romantico delle rovine abbandonate, poi quello della città che tiene
prigioniero il suo popolo, con descrizioni più o meno pittoresche della folla di lazzaroni, cioè di
poveri che vagano per la città, e infine vari miti legati alle vicende di eroine napoletane che
hanno subito la morte per aver cercato di liberare la propria città (Noakes 1986, 145-147).
23 Così riassume questa denuncia Anna Maria Rao: «La storia nazionale, a suo parere, non doveva
nascondere le differenze ma doveva, anzi valorizzarle. Le ʿdissimiglianze che vi sono nelle
popolazioni delle varie regioni d’Italiaʾ, scriveva, erano da considerarsi ʿpregi e non difetti da
correggereʾ. E a proposito della costruzione della nazione osservava: ʿfare gli’Italiani, vale a
dire rendere gl’Italiani eguali, è concetto giacobino, perché le nazioni non si fanno, come le
frittateʾ» (Rao 2011, 3).
114 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

ancorate a quelle che sono le peculiarità identitarie locali. Una repubblica instaurata
autonomamente da governanti locali avrebbe garantito in misura maggiore il rispetto
per le culture del territorio:
Le idee della rivoluzione di Napoli avrebbero potuto esser popolari, ove si avesse voluto
trarle dal fondo istesso della nazione. Tratte da una costituzione straniera, erano
lontanissime dalla nostra; fondate sopra massime troppo astratte, erano lontanissime da’
sensi, e, quel ch’è più, si aggiungevano ad esse, come leggi, tutti gli usi, tutt’i capricci e
talora tutt’i difetti di un altro popolo, lontanissimi dai nostri difetti, da’ nostri capricci, dagli
usi nostri. (Cuoco, Saggio storico 83)
Nel Saggio storico è ben chiaro il ruolo positivo che nella costituzione di un’identità
nazionale viene attribuito agli aspetti culturali, qui rappresentati da un lato dal «fondo
istesso della nazione», dall’altro dai «capricci» e dagli «usi», necessariamente diversi
per i francesi e i napoletani. Il problema maggiore che si è manifestato a Napoli
durante la vicenda repubblicana è la mancanza di coesione nazionale, non promossa e
ricercata dai governanti:
La nazione napolitana si potea considerare come divisa in due popoli, diversi per due secoli
di tempo e per due gradi di clima. Siccome la parte colta si era formata sopra modelli
stranieri, così la sua coltura era diversa da quella di cui abbisognava la nazione intera, e che
potea sperarsi solamente dallo sviluppo delle nostre facoltà. Alcuni erano divenuti francesi,
altri inglesi; e coloro che erano rimasti napolitani e che componevano il massimo numero,
erano ancora incolti. Così la coltura di pochi non avea giovato alla nazione intera; e questa,
a vicenda, quasi disprezzava una coltura che non l’era utile e che non intendeva. (Cuoco,
Saggio storico 90)
Anche in questo caso Cuoco torna sul ruolo civico della cultura e accusa gli
intellettuali napoletani che si erano posti alla guida della repubblica di non aver
seguito le peculiarità nazionali e per questo di essere del tutto separati dal popolo. Al
contrario sarebbe stato loro dovere istruirlo ed educarlo agli ideali repubblicani e
democratici, rispettandone al tempo stesso la cultura profonda, il «fondo istesso della
nazione». Nella sua ricostruzione del tema del «municipalismo» all’interno del
Risorgimento italiano, Pietro Finelli si richiama proprio a Cuoco, considerandolo il
primo pensatore che abbia riflettuto sulla dinamica patria-nazione / patria-municipio,
una riflessione che attraversa tutta la cultura dell’Ottocento in Europa e che trova un
fondamento nelle idee del cosiddetto «Circolo di Coppet», con particolare riferimento
agli scritti di Sismondi (Finelli 2011, 331; 336).
Questa profonda attenzione di Cuoco per le articolazioni plurali dell’identità
italiana ricorre anche nel romanzo allegorico, in cui il viaggio di Platone e di
Cleobolo/Cuoco in Italia, se da un lato costituisce una continua celebrazione dei meriti
di Archita/Melzi d’Eril nella costruzione di una patria comune italiana, dall’altra offre
una rassegna e un’esaltazione delle innumerevoli differenze e peculiarità culturali che
s’incontrano all’interno dell’Italia pre-romana.
Nel secondo capitolo si riporta una lettera di Cleobolo con il ritratto di Archita,
allegoria del vicepresidente della Repubblica italiana, cui segue le descrizione della
città italo-greca di Taranto, allegoria della Milano capitale napoleonica, italo-francese
come Taranto è italo-greca. In questa lettera si passano in rassegna anche le varietà,
che formano il nocciolo dell’identità nazionale italiana:
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 115

Tutta l’Italia riunisce tanta varietà di siti e di cielo e di caratteri, e nel tempo istesso sono
questi caratteri tanto marcati e forti, che per essi mi par che non siavi via di mezzo. Daranno
gl’italiani nella storia, come han dato finora, gli esempi di tutti gli estremi, di vizi e di virtù,
di forza e di debolezza. Se saranno divisi, si faranno la guerra fino alla distruzione: tu conti
più città distrutte in Italia in pochi anni che in Grecia in molti secoli. Se saranno uniti
daranno leggi all’universo. (Cuoco, Platone in Italia I, 18)
In questa rappresentazione allegorica della storia d’Italia torna il tema della debolezza
dovuta alle guerre intestine fra le città italiane, un topos ricorrente, dato che sia
Foscolo, sia Mazzini e Cristina Trivulzio individuano nella lotta fra Guelfi e Ghibellini
uno dei fenomeni più negativi della storia italiana. Oltre alla recriminazione per le
discordie, nel testo di Cuoco si esprime anche l’auspicio d’individuare per l’Italia
un’identità nazionale che tenga conto di queste differenze e varietà locali.

4.5.3. La varietà dialettale


Un ultimo aspetto dell’attenzione di Cuoco alla varietà culturale locale riguarda
proprio la lingua, o meglio le lingue locali. Se da un lato Cuoco è un pieno assertore
dell’unificazione linguistica italiana e del fatto che la lingua italiana debba essere un
collante identitario per tutti gli italiani, dall’altra parte riconosce anche la ricchezza e
la varietà dei dialetti italiani. Tale concezione si ritrova in alcune pagine del romanzo,
in cui si rappresenta allegoricamente l’italiano attraverso le lingue parlate nell’Italia
pre-romana:
Un lucano non ha d’uopo di alcun interprete in Taranto: ben ne avrebbe bisogno un romano.
Pare che la differenza de’ dialetti sia stato effetto della fisica divisione della terra e cagione
della divisione politica de’ popoli. I nostri dialetti principali sono il lucano, il sannitico, il
latino, l’etrusco: pari numero tu trovi di federazioni politiche. Riunisci questi vari popoli
con un centro comune. Le picciole differenze svaniranno, e di tanti dialetti avrai una lingua
sola. (Cuoco, Platone in Italia II, 222)
Cuoco evidenzia l’esistenza di differenze linguistiche in Italia, come un dato inerente
alla sua identità culturale, tuttavia ne auspica il superamento per via politica, in quanto
se si realizza l’unificazione politica con una capitale, intesa come centro politico,
culturale e civile della nazione, si potrà raggiungere l’unificazione linguistica del
territorio (cfr. Librandi 2002, 134-135). Nel romanzo di Cuoco ha un rilievo centrale la
città di Taranto, che era stata la più strenua e irriducibile avversaria della
romanizzazione dell’Italia meridionale, che avrebbe finito per livellare e cancellare le
culture e le lingue locali.
Queste idee di Cuoco sulla necessità di tener conto delle identità locali si legano
direttamente al suo concetto europeo, secondo cui la pace napoleonica in Europa
costituisce il quadro ideale in cui si possano esprimere al meglio l’indipendenza e
l’autonomia nazionale italiana, come vedremo nel paragrafo seguente.

4.6. Identità italiana nel contesto dell’Europa napoleonica


Il quarto asse della nostra analisi della costruzione identitaria presentata nelle opere di
Vincenzo Cuoco riguarda le coordinate europee del quadro identitario, cioè la
116 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

collocazione in un sistema di riferimento che vada oltre le frontiere nazionali.


L’elaborazione dell’identità nazionale in Italia durante il cosiddetto Triennio giacobino
si muove in direzione del superamento del cosmopolitismo illuministico settecentesco,
ma deve fare i conti con il rapporto di alleanza/dipendenza con la Francia, grazie alle
cui armate tutta l’esperienza politica di questi primi Stati «italiani» è possibile. La
posizione moderata di Cuoco si muove in direzione della ricerca di un accordo
all’interno di queste contraddizioni, non senza rivendicare una serie di precise richieste
nei confronti dei francesi, dettate dall’esperienza fallimentare della repubblica
napoletana. Molto più conflittuale era la posizione di Foscolo, per il quale la cessione
della ex Repubblica di San Marco agli austriaci getterà una luce molto più pesante
sulla visione del ruolo positivo delle truppe napoleoniche e dei governi da loro
appoggiati in Italia, pur rimanendo ad essi fedele anche in quanto militare. Cuoco
manifesta invece tutta la sua convinzione riguardo all’importanza dell’integrazione
della futura nazione italiana all’interno dell’Europa napoleonica, che secondo lui dovrà
realizzarsi nel corso degli anni successivi, instaurando un nuovo ordine internazionale
di pace e di libertà.

4.6.1. Europa e cultura illuministica napoletana


Prima di entrare in medias res Cuoco parla nel suo Saggio storico delle ultime mosse
politiche della monarchia borbonica, che hanno portato all’arrivo a Napoli dellle
truppe francesi guidate dal generale francese Championnet. Cuoco ne denuncia la
corruzione e la totale mancanza di coordinamento nell’azione politica: il re, la regina e
i vari ministri, che si sono avvicendati a guidare il governo del Regno di Napoli,
conducevano politiche parallele e in parte tra loro conflittuali. Inoltre la corte si
trovava nella totale ignoranza delle reali condizioni ed esigenze del popolo, delle
caratteristiche peculiari della cultura locale e di come avrebbero potuto avvalersi della
parte migliore della nobiltà e dell’amministrazione, quella fedele al servizio dello
Stato, per poter governare equamente e senza temere alcun contagio delle idee
rivoluzionarie. In altri termini il re avrebbe dovuto proseguire la politica illuminata di
riforme che era stata tentata precedentemente, seguendo le idee dei vari pensatori
illuministi napoletani, da Antonio Genovesi (1713-1769) a Ferdinando Galiani (1728-
1787), ai discepoli della scuola genovesiana Gaetano Filangieri (1753-1788) e
Francesco Mario Pagano (1748-1799) e Vincenzio Russo (1770-1799) (Nigro 2007,
587-597). Gli ultimi due in particolare, di fronte alle chiusure del re verso le riforme,
avrebbero poi sviluppato in senso giacobino le idee di Giambattista Vico, e sarebbero
stati tra i protagonisti della Repubblica napoletana. Esso verranno poi giustiziati al
ritorno dei Borboni, e la loro memoria sarà celebrata da Cuoco nella sua galleria di
«Taluni patrioti», in cui troviamo i profili di alcuni dei martiri della rivoluzione
napoletana (Cuoco, Saggio storico 203-210).
Il pensiero politico di Cuoco si è alimentato delle letture degli illuministi
napoletani e francesi, ma anche dei testi di Machiavelli e Vico, in virtù delle quali
concepisce, al di là dei confini del Regno di Napoli (o della decaduta Repubblica
napoletana), una costruzione unitaria italiana in un nuovo contesto europeo,
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 117

instaurando una dialettica, a volte anche sofferta e contraddittoria, fra patria/nazione


napoletana, patria/nazione italiana ed Europa, come si esprime nelle ultime amare
parole che concludevano il Saggio storico nella prima edizione:
Quale sarà il destino di Napoli, dell’Italia, dell’Europa? Io non lo so: una notte profonda
circonda e ricopre tutto di un’ombra impenetrabile. Sembra che il destino non sia ancora
propizio per la libertà italiana; ma sembra dall’altra parte che egli, col nuovo miglior ordine
di cose, non ne tolga ancora le speranze, e fa che gli stessi re travaglino a preparar
quell’opera che con infelice successo hanno tentata i repubblicani. Forse la corte di Napoli,
spingendo le cose all’estremo, per desiderio smoderato di conservare il Regno, lo perderà di
nuovo; e noi, come della prima è avvenuto, dovremo alla corte anche la seconda
rivoluzione, la quale sarà più felice, perché desiderata e conseguìta dalla nazione intera per
suo bisogno e non per solo altrui dono. (Cuoco, Saggio storico 211)
Con queste parole, poste a conclusione del saggio già nella prima edizione 24, Cuoco
profetizzava quindi una definitiva caduta per implosione del governo monarchico dei
Borboni, evento che sarebbe accaduto ancora due volte, a distanza di pochi anni, di
fronte alle truppe napoleoniche nel 1806, quindi definitivamente in seguito alla
spedizione garibaldina nel 1860. Da questa pagina, come da quelle di elogio per i
«martiri», cioè per i «patrioti» napoletani che avevano sostenuto la repubblica e che
hanno subito la feroce repressione al ritorno di Ferdinando IV di Borbone (capitolo L),
emerge la posizione sofferta di Cuoco, sospesa fra denuncia degli errori commessi dai
francesi, che non hanno ben orientato e promosso la creazione della repubblica a
Napoli, e l’adesione senza remore al progetto francese di democratizzazione dell’Italia
e dell’Europa.

4.6.2. Rivoluzione francese e identità europea


La presa di posizione senza incertezze di Cuoco a favore della rivoluzione francese si
trova già nel citato capitolo VII, in cui si va alla ricerca delle cause di quella che
Cuoco chiama «persecuzione» da parte degli altri stati europei nei confronti della
Francia uscita dalla sua rivoluzione. In quel capitolo Cuoco prende le distanze dalla
logica razionale e astratta che aveva animato la rivoluzione francese, ma al tempo
stesso esprime una piena adesione a quella che considera la cultura francese più
genuina, che a suo avviso non è né giacobina né estremistica e s’inserisce pienamente
nel più moderno pensiero europeo:
Chi paragona la Dichiarazione de’ diritti dell’uomo fatta in America a quella fatta in
Francia, troverá che la prima parla ai sensi, la seconda vuol parlare alla ragione: la francese
è la formola algebraica dell’americana. Forse quell’altra Dichiarazione che avea progettata
Lafayette era molto migliore. (Cuoco, Saggio storico 39)
Secondo Cuoco non può essere una «formula algebraica» a guidare una rivoluzione o
la stesura di una carta costituzionale, bensì occorre un contenuto sociale e culturale
concreto, che dia identità al progetto nazionale. Il Saggio storico di Cuoco conduce su
un doppio binario l’analisi delle ragioni della sconfitta e del fallimento della

24 Dall’appendice alla citata edizione (Cuoco, Saggio storico 283) risulta che questo brano è stato
ripreso senza correzioni dalla prima alla seconda edizione.
118 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

repubblica napoletana, in quanto denuncia gli errori che si sarebbero potuti evitare, pur
esaltando le idee e le buone intenzioni dei patrioti e dei francesi. Secondo lui anche la
«rivoluzione passiva», portata a Napoli dai francesi avrebbe avuto reali possibilità di
successo e portato un rinnovamento e un regime di libertà nel territorio del Regno di
Napoli, inserendolo in un contesto politico e culturale europeo. In tutto il discorso di
Cuoco l’aiuto delle armi e dei patrioti francesi per la causa della libertà e
dell’autonomia italiana si considera imprescindibile e dal suo punto di vista l’identità
italiana deve essere collocata nel contesto di questa Europa napoleonica. Inoltre nella
sua analisi l’apporto francese alla causa nazionale napoletana e italiana è
indispensabile, e inoltre Cuoco non intende chiudere la porta alle idee che circolano in
Europa 25.
Ancora più esplicito è Cuoco nella nota in calce al passo già citato sul concetto di
«rivoluzione passiva», dove si afferma che, se si esamina la storia della presenza
francese in Italia come Paese conquistatore, a partire dal Cinquecento, si vede
chiaramente la necessità che la Francia promuova l’unificazione e l’indipendenza
dell’Italia, assicurandosi così una «potentissima alleata», secondo il principio per cui
«l’Italia è più utile alla Francia come amica che come serva» (Cuoco, Saggio storico
178 nota). L’idea che l’indipendenza nazionale italiana sia da inserire nell’Europa
napoleonica viene espressa nel Saggio con questi riferimenti all’Europa e con il
continuo elogio dei francesi che hanno promosso e sostenuto la repubblica partenopea.
A suo avviso, anche se ci sono stati singoli protagonisti della rivoluzione che hanno
agito per ambizione o interesse personale, tradendo la causa di Napoli e della Francia,
tuttavia pieno è il suo elogio per quanto i francesi hanno fatto per Napoli e per l’Italia,
e anche per le singole personalità che hanno guidato gli eventi. Basti per tutti il
giudizio di Cuoco sul generale Championnet, che aveva condotto le truppe francesi da
Roma a Napoli, provocando la fuga del re, quindi sostenuto e animato la nascita della
repubblica:
O Championnet, tu ora piú non esisti; ma la tua memoria riceva gli omaggi dovuti alla
fermezza e alla giustizia tua. Che importa che il Direttorio abbia voluto opprimerti? Egli non
ti ha però avvilito. Tu diventasti allora l’idolo della nazione nostra.
Il richiamo di Championnet fu un male per la repubblica napolitana. Io non voglio
decidere del suo merito militare: ma egli era amato dal popolo di Napoli; e questo era un
merito ben grande. (Cuoco, Saggio storico 141)
Ferma e senza sfumature è la condanna di Megéant, il generale francese rimasto a capo
dell’ultimo contingente di soldati a Napoli. Egli avrebbe dovuto garantire, tramite gli
ostaggi che aveva in mano, il rispetto delle condizioni della resa, controfirmate dai
rappresentanti del Regno di Napoli, della Repubblica napoletana, dei francesi e degli
inglesi, e invece si preoccupò solo di ottenere il salvacondotto per la fuga senza subire
danni da parte dei soldati francesi, arrivando a smascherare e denunciare i giacobini
napoletani che si erano nascosti fra i suoi per scampare a una sicura morte sul patibolo.

25 In un articolo del 1803, Cuoco espone la sua visione dell’Europa contemporanea, molto realistica e
non idealizzata: «Quello che si chiama in Europa ’tempo di pace’ non è che il tempo della minor
guerra possibile. L’equilibrio politico dell’Europa è la causa principale di tutte le guerre e di
tutte le paci: gli uomini travagliano con una mano a distruggerlo e con l’altra a ristabilirlo»
(Cuoco, Sistema politico 13)
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 119

Tuttavia Cuoco distingue nettamente le responsabilità dell’ufficiale dal ruolo della


Francia, anzi si dice che il generale è stato anche traditore dell’onore del proprio paese,
che avrebbe dovuto difendere mantenendo i patti e tutelando i napoletani dalla
repressione:
Segnò una capitolazione vergognosissima al nome francese. [...] Fu imbarcato con la sua
truppa, partì solo colla sua truppa e non domandò neanche dei napolitani.
E vi è taluno il quale ardisce di mettere in dubbio che Megéant sia un traditore? E
quest’uomo intanto ancora ʿdisonora, portandolo, l’uniforme franceseʾ, che è l’uniforme
della gloria e dell’onore? Bravi ed onorati militari destinati a giudicarlo, avvertite: il
giudizio, che voi pronuncerete sopra di lui, sarà il giudizio che cinque milioni di uomini
pronunzieranno sopra di voi! (Cuoco, Saggio storico 191)
Cuoco riprende l’espressione virgolettata da un discorso di Napoleone, che comunque
resta sempre per lui un punto di riferimento e un’auctoritas. Cuoco non solo vede nella
Francia rivoluzionaria, e soprattutto dopo l’instaurazione di un governo moderato e
quindi dell’autorità napoleonica, l’alleata che può sostenere la libertà italiana, ma
inserisce l’identità e la storia nazionale italiana nel contesto europeo, in quanto tutto il
discorso sull’identità nazionale italiana fa riferimento al pensiero illuministico
europeo.
L’idea d’integrazione europea, secondo Cuoco, non poggia solo su dati culturali o
concettuali, bensì anche su aspetti concreti, come il sistema della tassazione. Nel
capitolo XLII del Saggio storico, l’ultimo dedicato alle riforme tentate nella
Repubblica napoletana (nel capitolo successivo si comincia a descrivere il ritiro della
truppe francesi da Napoli e la successiva avanzata degli «insorgenti», comandati dal
Cardinale Ruffo), si affronta il tema della riforma fiscale. Si parla del sistema
impositivo come di una costante nella storia dell’Europa, in quanto le nazioni europee
si sono formate, secondo Cuoco, proprio aggregando «piccole nazioni» sulla base di
imposizioni fiscali. Quindi anche nel funzionamento dei meccanismi fiscali, e in
particolare nella rimozione delle ingiustizie fiscali, si possono ritrovare le linee guida
per trovare una comune identità europea (Cuoco Saggio storico 174).
L’idea di nazione italiana che troviamo in Cuoco è un’idea aperta non solo,
quindi, alle particolarità culturali e alle tradizioni locali, ma anche al contesto
sovranazionale, in quanto per Cuoco è possibile la piena realizzazione di una nazione
italiana sotto la tutela della Francia repubblicana e poi imperiale, pienamente inserita
nel contesto europeo. Quando Cuoco analizza le cause della fine della Repubblica
napoletana, lega esplicitamente la sorte di questa a quelle dell’intera Italia e denuncia
che il nesso fra le sorti delle varie repubbliche giacobine sorte in Italia non sia stato
compreso a fondo dei governanti. Tutto ciò viene anche letto in un’ottica europea, in
quanto secondo Cuoco l’autonomia e indipendenza italiana costituirebbe un elemento
di equilibrio per la politica del continente:
La rivoluzione di Napoli potea solo assicurar l’indipendenza d’Italia, e l’indipendenza
d’Italia potea solo assicurar la Francia. L’equilibrio tanto vantato di Europa non può esser
affidato se non all’indipendenza italiana; a quell’indipendenza, che tutte le potenze, quando
seguissero più il loro vero interesse che il loro capriccio, dovrebbero tutte procurare.
Chiunque sa riflettere converrà meco che, nella gran lotta politica che oggi agita l’Europa,
quello dei due partiti rimarrà vincitore che più sinceramente favorirà l’indipendenza italiana.
(Cuoco, Saggio storico 178)
120 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

4.6.3. Italia ed Europa nella Repubblica napoletana del 1799


Il Saggio storico, scritto da Cuoco dopo il completo fallimento della repubblica
partenopea è una riflessione sui fatti, e al tempo stesso la testimonianza di chi si è
ritrovato al centro di una vicenda drammatica, ma anche di una grande avventura
conclusasi tragicamente per una serie di errori che sono stati commessi, sia da parte
dei patrioti che hanno governato la repubblica, sia, e soprattutto, da parte dei francesi
che hanno appoggiato il governo repubblicano (Cuoco, Saggio storico 11-12). Il
Saggio storico di Cuoco è stato avvicinato a un’opera analoga, le «Réflexions sur la
Révolution française» di Edmund Burke, in cui si traccia un confronto fra Glorious
Revolution inglese e rivoluzione francese, e si afferma il totale fallimento della
seconda. Come ben mostra Domenico Lo Surdo, nel testo di Cuoco non abbiamo
nessuna denigrazione della rivoluzione francese, di cui si esalta l’importanza storica e
il valore: si cerca solo di individuarne gli errori politici e strategici, oltre alle singole
responsabilità personali, al fine di mostrare l’orientamento che dovrebbe avere la
regime napoleonico. Secondo Cuoco infatti, dal punto di vista politico ed etico,
Napoleone è l’erede e il continuatore della rivoluzione francese (Losurdo 1989, 133-
135).
Nella sua analisi critica della «giacobina» Repubblica napoletana, una critica
sofferta, che manifesta tutta la partecipazione di chi vi aveva aderito e aveva subito
l’esilio per tale adesione, l’autore inscrive le sue accuse al modello rivoluzionario
francese con l’«esportazione» delle idee rivoluzionarie, sotto il segno dell’astrattezza,
cioè la pretesa di calare dall’alto, o meglio dell’esterno, un concetto di libertà e le
relative modalità di realizzazione, senza tener conto delle contingenze concrete, e nello
specifico, di ciò che era peculiare del «popolo» e della «nazione» italiana e napoletana
(cfr. Di Rienzo 2000, 421). Nel saggio questo contrasto viene spiegato in particolare
nel trittico formato dai capitoli XVII-XIX, intitolati rispettivamente «Idee dei patrioti»
(napoletani), «Rivoluzione francese», «Quali erano le idee della nazione», in cui si
vogliono evidenziare le differenze fra quanto accaduto in Francia, in ogni caso
esaltando la fine della dittatura di Robespierre e l’instaurazione di un governo
moderato, e quanto poteva accadere a Napoli:
Il male, che producono le idee troppo astratte di libertà, è quello di toglierla mentre la
vogliono stabilire. La libertà è un bene, perché produce molti altri beni, quali sono la
sicurezza, l’agiata sussistenza, la popolazione, la moderazione dei tributi e tanti altri beni
sensibili; ed il popolo, perché ama tali beni, viene poi ad amare la libertà, Un uomo, il quale,
senza procurare ad un popolo tali vantaggi, venisse a comandargli di amare la libertà,
rassomiglierebbe all’Alcibiade di Marmontel, il quale voleva essere amato «per se stesso».
(Cuoco, Saggio storico 102-103)
In questo passaggio possiamo osservare da un lato l’ancoramento nei contenuti
concreti del concetto di libertà, dall’altra l’uso di una citazione apparentemente
casuale, da uno dei Contes moraux di Jean-François Marmontel, una citazione che
inserisce le idee di Cuoco in un orizzonte culturale ben preciso. Si fa qui riferimento
all’inizio dell’Alcibiade, ou le moi, in cui si racconta del desiderio (e dei successivi
tentativi) dello statista ateniese per ottenere di essere amato disinteressatamente:
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 121

La nature et la fortune semblaient avoir conspiré au bonheur d’Alcibiade. Richesses, talents,


beauté, naissance, le fleur de l’âge et de la santé; que de titres pour avoir tous les ridicules!
Alcibiades n’en avait qu’un: il voulait être aimé pour lui-même. (Marmontel, Contes
moraux 2) 26
Per sottolineare la sua critica al carattere astratto dell’idea di libertà che gli eredi dei
giacobini francesi avevano voluto trapiantare a Napoli, fulcro dell’incomprensione da
parte loro di quello che poteva essere il carattere nazionale del paese che si voleva
governare e «democratizzare», Cuoco non evoca voci misogalliche, ma cita l’opera
satirico-moraleggiante di un autore francese legato al gruppo dell’Encyclopédie e
caduto in disgrazia con il governo del Direttorio francese, da cui dipendevano i
francesi che avevano instaurato la Repubblica napoletana del ’99. La citazione del
protagonista dell’Alcibiade di Marmontel, introduce anche implicitamente la critica ai
francesi di non aver voluto rispettare la natura e la peculiarità della «nazione» che
intendevano sostenere e promuovere con il loro intervento a Napoli, in quanto anche i
«liberatori» francesi in qualche modo, avevano preteso di essere graditi al popolo
napoletano «pour soi même», senza calarsi nelle esigenze e peculiarità di esso.

4.6.4. Europa e antichità classica


Una «europeizzazione» dell’identità nazionale italiana è ribadita nel romanzo
allegorico Platone in Italia, già nell’idea di fondo del libro, il racconto del viaggio
effettuato da Platone in Italia, presentato come uno straniero illustre che osserva e
ammira personaggi storici e pensatori di una Magna Grecia e di una penisola italica,
con caratteri fortemente autoctoni 27. Il legame fra il romanzo e la seconda esperienza
«napoleonica» di Cuoco è molto forte, dato che fra i vari personaggi «italiani» che
compaiono nel romanzo, il primo che entra in scena e che avrà un ruolo preminente è
il politico e filosofo tarantino Archita, per allegoria Francesco Melzi d’Eril,
vicepresidente della Repubblica Cisalpina, poi Repubblica italiana. Inoltre in tutto il
romanzo sia i personaggi greci che vengono nominati nelle lettere, sia i personaggi
italici, hanno come riferimento intellettuale e morale la filosofia greca, in particolare
Pitagora e Socrate, che con il loro pensiero comunemente accettato rappresentano per

26 [La natura e la fortuna sembravano aver cospirato per la felicità di Alcibiade. Ricchezze, talenti,
bellezza, nascita nobile, il fiore degli anni e la salute: quanti titoli per avere tutti i piaceri! Ma
Alcibiade non aveva che un desiderio: voleva essere amato per se stesso] (Traduzione di chi
scrive).
27 Antonino De Francesco, nel saggio introduttivo alla recente edizione del romanzo, in cui s’insiste
sulla modernità e sull’attualità dell’opera, così spiega il rapporto fra identità italiana ed Europa
nel Platone in Italia: «In questo viaggio a ritroso, sulle tracce di un’antica sapienza italica, fanno
non di meno riflesso due distinte preoccupazioni: d’un lato è lo scrupolo di ossessivamente
sottolineare la straordinaria tradizione culturale della penisola, che viene proposta, grazie al
mito pitagorico, quale culla della civiltà d’Europa, perché maestra (e non allieva) del mondo
greco; e dall’altro si affaccia una sofferta riflessione circa lo iato esistente nelle città italiche tra
lo sviluppo culturale e l’articolazione della vita politica, alla cui insufficienza si imputa il
rischio della perdita dell’indipendenza a fronte dell’espansionismo romano» (De Francesco
2006, XXI)
122 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

Cuoco l’auspicio di un ideale intellettuale e morale che abbia una validità, potremmo
dire, transnazionale 28.
Il romanzo è pieno di riferimenti alle divisioni esistenti nell’Italia pre-romana e ai
tentativi dell’una o dell’altra città di organizzare un’alleanza che abbia un profilo
nazionale. Gli auspici del personaggio Cleobolo/Cuoco, insieme alle sue apostrofi
sulle battaglie e divisioni dell’Italia antica sono allusioni dirette, più o meno velate,
allo stato dell’Italia contemporanea e alle speranze di una sua prossima libertà e
unificazione:
Sembrerà strano, ma pur è vero: gli uomini non si riconoscon simili alla forma del corpo e
della mente, che la natura ha data comune a tutti, e, per credersi fratelli, debbono
incominciare dall’aver degl’iddii comuni. A misura che i costumi e la lingua diventan simili,
i vari popoli diventano più umani. L’ateniese incomincia a veder nello spartano un greco; il
tarantino nel crotonese un italiano: allora la saviezza compisce l’opera e dice a tutti: – Voi
siete figli della stessa terra. – (Cuoco, Platone in Italia I, 46)
Cleobolo/Cuoco, con l’aiuto di Platone, analizza le affinità culturali che dovrebbero
portare gli italiani a riconoscersi in una nazione comune. Il primo riferimento è alla
religione, e in ciò si riflette il fatto che la visione politica di Cuoco è improntata ad un
profondo radicamento nella religione cattolica e alla valorizzazione del ruolo civico
della religione e della relativa morale, secondo certi moduli che riprendono la filosofia
vichiana. Il secondo riferimento è alla lingua come segno d’identità nazionale, un
elemento ampiamente valorizzato, e anche mitizzato, nel Risorgimento per consolidare
il profilo e il primato storico dell’italianità. All’inizio del romanzo Archita racconta di
un presunto tentativo di Pitagora di unificare l’Italia, in cui la lingua costituisce il
fattore principale di omogeneità, il motivo che dovrebbe essere deterrente per qualsiasi
guerra combattuta fra città italiane:
Egli dava il nome di «barbari» a tutti coloro che s’intromettono armati in un paese che non è
loro patria e chiamava poi «barbari» e «pazzi» quegli altri, i quali, parlando una stessa
lingua non sanno vivere in pace tra loro e invocano nelle loro contese l’aiuto degli stranieri.
(Cuoco, Platone in Italia I, 74)
E questa costruzione identitaria dell’Italia viene portata avanti per tutto il romanzo,
fino alle ultime pagine, dove troviamo infine quella che può essere un’immagine
plastica del concetto di Risorgimento:
Vedi, da una parte, l’Italia simile a un vasto edificio rovinato dal tempo, dalla forza delle
acque, dall’impeto del terremoto: là un immenso pilastro che torreggia intero, qua un portico
si conserva ancora per metá: in tutto il rimanente dell’area, mucchi di calcinacci, di colonne,
di pietre, avanzi preziosi, antichi, ma che oggi non sono altro che rovine. Ben si conosce che
tali materiali han formato un tempo un nobile edificio, e che lo potrebbero formare un’altra
volta; ma l’antico non è piú, ed il nuovo deve essere ancora. (Cuoco, Platone in Italia II,
258)

28 Questa interpretazione trova conforto nell’analisi condotta del romanzo da Antonino De Francesco,
che mette in relazione l’inserimento dei romani, insieme al timore per la loro potenza
egemonica in Italia, a partire dal terzo tomo della prima edizione, in concomitanza con gli
sviluppi imperiali della politica napoleonica in Italia, che mostrava di lasciare sempre meno
spazio ad una possibile realizzazione dell’unificazione nazionale italiana (De Francesco 2006,
XLVII-LI).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 123

Il testo prosegue con una nota di ottimismo nell’affermazione che qualcosa sta
cambiando e che si preannuncia un rinnovamento e una nuova costruzione
dell’edificio rovinato. In questa immagine troviamo i due caratteri essenziali: il
riferimento all’antichità classica per trovare la radice remota dell’identità italiana e la
rappresentazione del moto per l’unificazione italiana come «rinnovamento» e
«risorgimento». Cuoco, che nell’esilio scrive il suo capolavoro in cui manifesta tutte le
caratteristiche nazionali che dovrebbe avere uno Stato italiano e che sono mancate alla
fallimentare repubblica partenopea, continua nella Milano napoleonica e poi nel Regno
di Napoli il suo lavoro di promotore culturale dell’identità nazionale, per trasformare
in soggetto statale l’idea di italianità che per tanti secoli era stata una sorta di «patria in
esilio» che deve ritornare nella sua terra desolata e abbandonata, come risulta
dall’ultima citazione 29.
Platone scrive ad Archita e tesse l’elogio della sua politica, cui segue la risposta
dello stesso Archita, che difende la propria scelta politica di moderazione,
presentandola come l’unica possibile data la situazioni in cui versa l’Italia:
La tua modestia taccia per un momento. Io non posso nasconderti la gioia che ho provato
udendo, ed in Turio ed in Crotone ed in Locri, ragionar di te e chiamarti concordemente il
primo tra gl’italiani, l’unico che gl’iddii abbian dato com’esempio da seguirsi nella presente
corruzione d’idee e di costumi, l’unico che abbian donato come salvatore nella presente
miseria de’ tempi.
Alcuni pochi ti accusano di soverchia moderazione: non negano te aver fatto
moltissime cose utili all’Italia; ma, siccome ti reputano atto a farne molte altre e maggiori,
così non ti credono esente dalla taccia di qualche ommissione. (Cuoco, Platone in Italia II,
33)
La risposta di Archita, che suona anche come autodifesa rispetto a queste accuse
riferite da Platone, introduce direttamente il tema della necessità dell’Italia di guardare
all’Europa e in particolare al sostegno della Francia al fine di raggiungere la propria
indipendenza e autonomia: «Né io, quando le sciagure d’Italia incominciarono, avea
ancora parte nel governo della mia patria; né, quando l’ebbi, erano i mali più reparabili
dalle sole forze della patria mia» (Cuoco, Platone in Italia II, 34).
Nella stessa epistola di Archita/Melzi d’Eril si pone anche uno dei problemi più
spinosi dell’adesione italiana all’alleanza con Napoleone, rappresentata nel testo
dall’alleanza fra la Taranto di Archita e i Siracusani di Dionisio il Giovane, e cioè se è
lecito farsi coinvolgere dagli alleati in guerre lontane che non riguardano affatto la
propria patria, come le molte guerre combattute da Napoleone su tutti i fronti, a cui
erano chiamati a contribuire soldati arruolati negli stati napoleonici italiani,
profetizzando in qualche modo uno dei fattori di debolezza della costruzione politica
europea di Napoleone, che gli sarà fatale dopo la disfatta nella campagna di Russia: «E
difatti è di rado utile prender parte nelle guerre degli stranieri, perché di rado è giusto;
e ciò che in origine non è giusto, di rado nell’esito è felice.» (Cuoco, Platone II, 35)

29 Annalisa Andreoni rileva le irregolarità e incongruenze del romanzo sul rapporto fra culture ed
etnie, in quanto ad esempio il giovane Cleobolo arrivato a Taranto rappresenta l’esilio di Cuoco
a Milano, anche il suo alter-ego è greco e qui la grecità con il suo influsso benefico e la sua
tutela politica della Magna Grecia è un’immagine della cultura e politica francese, mentre
Cuoco non è francese (Andreoni 2006, LXXX).
124 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

Il romanzo di Cuoco si conclude con la lettera di Platone a Cleobolo che rientrerà


in Grecia dopo il viaggio, lettera in cui il maestro affida il suo pensiero al discepolo, e
in cui si esprimono parole di speranza sul futuro dell’Italia. In questa lettera troviamo
l’auspicio di un «risorgimento» degli italiani, concetto su cui ritorneremo in seguito, e
anche la massima lode della capacità degli italiani di prendere il meglio da tutte le altre
culture:
Tu intanto parte di queste cose, che hai apprese, custodirai nel tuo segreto. Non è sempre
prudente rivelare al volgo le verità delle origini dei popoli, perché esse sono troppo
strettamente legate colla religione. Ma i saggi non le debbono ignorare, onde, a tempo ed a
luogo opportuno, sappiano difendersi da quella boria, dalla quale i popoli, quanto piú sono
fanciulli, tanto maggiormente sono afflitti, e per la quale credendo se stessi piú antichi e piú
sapienti di tutti, sdegnano gli altri e non s’inducono mai ad apprendere ed imitare ciò che
essi possono aver di buono. Imperciocché né noi mai imitiamo coloro che disprezziamo, né
senza imitar molte cose buone dagli altri noi possiamo mai divenir perfetti. E questa è la
virtù che principialmente manca ai greci, gente che non conosce misura nel lodar se stessa.
Gl’italiani al contrario sono naturalmente piú giusti, né sdegnano imitar lo straniero, se mai
in esso trovan qualche cosa degna d’imitazione. (Cuoco, Platone in Italia II, 258-259)
Da quanto fin qui analizzato risulta che nel romanzo Platone in Italia Cuoco sviluppa
e articola in una visione utopistica e unitaria quelle che nel Saggio erano state
riflessioni sull’esperienza della Repubblica Napoletana e sugli errori che avevano fatto
fallire quel tentativo di costruzione nazionale.
In ogni caso Cuoco, quando parla dei valori connessi al concetto di patria fa
riferimento ad un soggetto che va al di là della contingenza del potere istituzionale in
carica, tanto che nel suo Saggio da un lato vengono esaltati personaggi come il giurista
Francesco Conforti (1743-1799). Questi aveva servito fedelmente il re con le sue
consulenze a proposito delle controversie fra poteri della corona e della Chiesa,
contribuendo a risolverle a favore del re, quindi aveva messo le sue competenze al
servizio alla Repubblica Napoletana, che aveva costituito a Napoli un governo
legittimo, riconosciuto dagli altri governi europei, e legittimato implicitamente dalla
fuga del re. Dopo la caduta della repubblica si era reso ancora disponibile a servire la
restaurata monarchia, che ne avrebbe approfittato avvalendosi delle sue competenze.
Nonostante tutto fu poi condannato a morte e giustiziato, una condanna secondo
Cuoco feroce e ingiusta, perché l’unica colpa di Conforti era stata quella di aver
servito la patria, indipendentemente da chi la governasse (cfr. Cuoco, Saggio storico
208). Parallelamente Cuoco critica il governo giacobino, in quanto non ha voluto fare
affidamento sulle forze di coloro che erano stati fedeli al servizio del re, e si sarebbero
volentieri impiegati a favore della repubblica, e cioè soldati, funzionari, giudici,
amministratori locali. Tutti questi avrebbero messo le loro competenze al servizio del
governo rivoluzionario, se non per amor di patria, almeno per fedeltà alla legge e per
necessità d’impiego e di sostentamento per sé e per la propria famiglia. Licenziandoli
per principio generale, la Repubblica aveva commesso tre errori: aveva rinunciato a
competenze preziose, si era creata inutilmente nemici che avrebbero aderito alla
controrivoluzione, aveva rinnegato la continuità dell’identità nazionale, indipendente
dal governo o dal regime in carica (Cuoco, Saggio storico 132-135; 152-154; 156-
158).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 125

La complessa costruzione narrativa del Platone in Italia rivela, in modo a volte


lacerante e drammatico, ma con un ottimismo di fondo che potremmo definire di
stampo illuministico, la comune appartenenza internazionale, potremmo dire europea,
e al tempo stesso la forte esigenza di autonomia e indipendenza della «nazione
italiana». Cuoco trasferisce in un’epoca mitica, a cavallo fra classicità greca e
classicità romana, il dilemma della nascita della nazione italiana che ha bisogno di
riferirsi alle nazioni già esistenti, ma che da un lato dovrebbe sfruttare tutto il beneficio
della cultura greca, dell’egemonia greca sovranazionale, ma non imperialistica,
dall’altro deve scampare al rischio di finire sotto il dominio di Roma, di cui si
preannuncia la potenza, ma anche la volontà di annientare tutte le «nazioni» ad essa
sottoposte.
Il progetto del Melzi d’Eril e del gruppo dirigente che lo affianca, in gran parte
formato dagli aristocratici che avevano animato il dibattito illuministico milanese
settecentesco, era quello di creare una federazione di repubbliche che costituisse nel
suo insieme uno stato italiano corrispondente all’Italia settentrionale, con una
sostanziale autonomia e indipendenza, pur in una stretta alleanza con la Francia. Come
è stato acutamente notato da Lucio Villari, la politica napoleonica in Italia nel
cosiddetto Triennio giacobino era stata di fatto più avanzata di quella portata avanti dal
Direttorio in Francia, da cui Napoleone, almeno formalmente, ancora dipendeva.
Napoleone puntava così sul consenso che riceveva in Italia come liberatore, per
ottenere più potere in madrepatria. In quest’ottica nascono e si consolidano la
Repubblica Cisalpina, e le altre repubbliche con lo scopo di riunirsi almeno in una
federazione italiana (Villari 2012, 18). Un disegno che dovrà essere del tutto rivisto
quando nel 1804, in seguito ad un plebiscito, Napoleone si farà eleggere e poi
incoronare imperatore dei Francesi e re d’Italia, accentrando nelle sue mani tutto il
potere. Il romanzo di Cuoco, pubblicato fra il 1804 e il 1806, riflette queste
contraddizioni e a nostro avviso si potrebbe vedere nella scelta di ricercare un’identità
italiana filo-greca, piuttosto che filo-romana, una forma di sollecitazione perché
Napoleone in primo luogo, e con lui i francesi, portino avanti in Italia un’azione
culturale di democratizzazione e di difesa dei diritti civili, lasciando ampia autonomia
amministrativa, sul modello della Grecia antica, piuttosto che una politica imperiale,
sul modello romano, che miri ad una completa unificazione ed uniformazione
istituzionale, in altri termini la scelta di rappresentare l’identità italiana attraverso le
città delle Magna Grecia, in una forma pre-romana, rappresenta, con tutte le sfumature
di un discorso politico mascherato in un’allegoria letteraria, e con tutte le prudenze del
moderato Cuoco, una perorazione a favore di un equilibrio europeo fondato sulla
Repubblica francese, piuttosto che sull’Impero napoleonico 30.
I Comizi di Lione nel 1802, che erano stato l’ultimo tentativo di dar vita ad uno
stato italiano democratico e con una base rappresentativa effettiva, vengono richiamati
allegoricamente nel romanzo di Cuoco, nella narrazione dei «Concili di Eraclea», cioè

30 Antonino De Francesco riscostruisce il dibattito storiografico settecentesco e la posizione della


corrente antiromana, che mirava in Francia a recuperare il rilievo storico e culturale dei Celti e
in Italia alla valorizzazione degli Etruschi e delle popolazioni italiche nella formazione della
cultura europea e occidentale (De Francesco 2006, LXIX-LXX).
126 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

di quelle riunioni che portarono alla Lega di Eraclea fra alcune città della Magna
Grecia, contro i Lucani e contro Dionisio il Giovane di Siracusa:
Io non so che sperare dagl’italiani. Si era pur destata qualche speranza ne’ bei giorni dei
concili di Eraclea; ma oh quanto male giudica de’ veri sensi degli uomini colui che gli
osserva in quelle numerose adunanze, nelle quali si obblia la patria, la casa, se stesso, e non
si vuole il bene o il male se non a detto di tre, di due, talvolta di uno solo, che vale, ora per
buone, ora per male arti, un popolo intero! (Cuoco, Platone II, 31)
Nel testo segue una parodia dell’assemblea e delle buone intenzioni di chi interviene,
ma anche l’amara constatazione che solo un filosofo può credere che poi verranno
seguite le dichiarazioni d’intenti e i proclami. Lo stesso Platone racconta di essere
ritornato a Eraclea e a Locri qualche tempo dopo e di aver ritrovato tutti i protagonisti
di quell’assemblea, ormai ritornati alle preoccupazioni e ai particolarismi locali, non
più memori degli impegni unitari già presi. Cuoco esprime allora la possibile esigenza
di affidare a un uomo solo la difesa dello Stato, ma solo come soluzione estrema, per
una ragione morale, in quanto se il popolo non è coinvolto nel governo, chiede al
governo di risolvere i propri problemi, di essere reso felice, ma non si assume
l’impegno morale di essere virtuoso 31. Troviamo qui la forte carica etica e civica che
Cuoco assegna come valore principale all’identità nazionale, unita a un’espressione
contraddittoria e sofferta dell’adesione, e al tempo stesso delle riserve, che Cuoco
nutre rispetto alla tutela napoleonica sull’Italia. Come abbiamo notato, si tratta sempre
di critiche velate e indirette, del tutto differenti dalla plateale opposizione e
contestazione da parte di Foscolo, e d’altra parte Cuoco individua in ogni caso in
Napoleone e nei francesi un insostituibile sostegno per il raggiungimento dell’unità e
indipendenza italiane, come scriveva esplicitamente a conclusione della lettera
dell’autore a N.Q., premessa al Saggio storico, con parole che l’autore immagina di
rivolgere direttamente a Napoleone:
Un grande uomo dell’antichità che tu eguagli per cuore e vinci per mente, uno che, come te,
prima vinse i nemici della patria e poscia riordinò quella patria per la quale avea vinto,
Gerone di Siracusa, per prezzo della vittoria riportata sopra i cartaginesi, impose loro
l’obbligo di non ammazzare piú i propri figli. Egli allora stipulò per lo genere umano.
Se tu ti contenti della sola gloria di conquistatore, mille altri troverai, i quali han fatto,
al pari di te, tacere la terra al loro cospetto; ma, se a questa gloria vorrai aggiungere anche
quella di fondatore di governi e di ordinatore di popoli, allora l’umanità riconoscente ti
assegnerà, nella memoria de’ posteri, un luogo nel quale avrai pochissimi rivali o nessuno.
(Cuoco, Saggio storico 13)
In queste pagine del Saggio storico troviamo la chiave di lettura della macchina
allegorica del romanzo, in cui Cuoco nasconde dietro la finzione di una Italia
multiculturale e multietnica pre-romana, sotto il potente e benefico influsso greco, il
suo ideale di patria italiana inserita in un contesto europeo sotto la guida e la tutela
della Francia napoleonica.
Un altro motivo presente nel romanzo orienta l’identità nazionale verso un
panorama europeo: l’idea che la cultura e la conoscenza si arricchiscono tramite il
contatto e lo scambio, allorché non rimangono il patrimonio chiuso ed esclusivo di un

31 Tale concetto sarà ripreso da Mazzini e sarà alla base del suo volumetto del 1860 intitolato I doveri
dell’uomo (Mazzini, Doveri).
4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana 127

popolo, ma vengono fatte circolare. Questo concetto, già insito in tutto il romanzo
concepito come viaggio che porta all’arricchimento morale e culturale del protagonista
attraverso gli incontri con tutti i personaggi delle differenti città visitate, viene
espresso nel capitolo XXXVII, in una epistola indirizzata da Platone a Critone, dal
titolo «Paragone della filosofia italiana e greca». Nel testo si dichiara il primato
cronologico della cultura italiana, ma si fa riferimento anche all’idea che l’originaria
sapienza italica, di cui poi si è persa memoria nella Penisola, era stata l’archetipo da
cui era derivata la cultura greca. Ebbene, secondo Platone, la filosofia, nata in Italia,
trapiantata in Grecia, poi rientrata in Italia attraverso le colonie greche, si è
notevolmente arricchita in ognuno di questi passaggi. Cuoco usa una metafora
particolare per esprimere, con un’immagine derivata da una tradizione locale molto
specifica, i benefici derivanti dal passaggio delle conoscenze da una cultura all’altra:
La filosofia passerá dai greci agli altri popoli, ma come passa, nel nostro corso delle
lampadi, da una mano all’altra una face giá vicina a spegnersi; il moto par che le dia una
nuova vita, e splende, ma per un momento, di una fiamma passaggiera. (Cuoco, Platone in
Italia II, 9)
La conoscenza è come la lampada che viene passata di mano in mano in una popolare
festa ateniese, lampada che rischia di spegnersi se viene tenuta ferma in mano, mentre
si ravviva e diventa luminosissima quando passa di mano in mano. In tutto il libro si
celebra continuamente il valore degli intellettuali e la superiorità universale della
cultura rispetto alla politica e alla storia delle singole città e popolazioni. Così si
chiude l’elogio di Timeo, il filosofo pitagorico di Locri, amico di Socrate e
protagonista dell’omonimo dialogo platonico, dopo che il giovane Cleobolo ha
raccontato una sua lezione e trascritto un suo presunto frammento sull’esistenza di
Dio:
Un uomo di questa natura non vale forsi un’intera cittá? E quando la sua patria non esisterà
più, quando la sorte delle cose umane avrá distrutto l’impero del gran re, e giaceranno
nell’obblio le gare di Sparta e di Atene, e gli uomini avranno obbliata quella lingua che or
parlano, non credi tu che Timeo conserverá il suo impero sopra le menti che nasceranno e
che i suoi pensieri, simile al formento nascosto sotto terra, riprodurranno di nuovo altri
pensieri e spingeranno il genere umano a quella perfezione di cui è capace? (Cuoco, Platone
in Italia II, 21)
I due protagonisti del romanzo di Cuoco arrivano nel Sannio proprio quando Roma ha
i primi contatti con i Sanniti, e cominciano quelle relazioni conflittuali che poi
condurranno alle guerre sannitiche. Viene qui presentata come inevitabile un’alleanza
fra i Sanniti e Roma, per la salvaguardia dei primi e per la loro indipendenza e
autonomia, ma al tempo stesso se ne descrivono anche tutti i rischi, data la natura del
potere di Roma e dato il tipo di rapporti da essa instaurato con le città che fanno parte
del suo dominio. Come già anticipato si potrebbe leggere quest’ultima parte alla luce
degli sviluppi in senso imperiale della politica napoleonica e vedere nel romanzo di
Cuoco l’espressione del suo dubbio intimo sulle conseguenze di questo mutamento, al
quale avrebbe preferito senz’altro una Francia repubblicana sotto la tutela di
128 4. Vincenzo Cuoco, da Napoli a Milano alla ricerca dell'identità italiana

Napoleone, che volesse estendere la sua influenza dando impulso a una federazione di
repubbliche italiane autonome e indipendenti, pur fedeli alleate 32.
Vorremmo concludere questa rassegna dei motivi di europeismo presenti
nell’opera di Cuoco con una citazione dall’articolo pubblicato da Cuoco sul Giornale
italiano, in cui viene trascritto, come pseudo-documento, un dialogo fra Machiavelli e
un antenato dello scrittore. Nel testo, come abbiamo detto, si riprende il giudizio
negativo che il fiorentino aveva dato su Venezia, e si esprime anche la
contrapposizione fra una capitale aperta e multiculturale come Roma antica e una
capitale chiusa in sé stessa e isolata come la Venezia della Serenissima:
[...] Il senato di Venezia rassomigliava il senato di Cartagine, che amava meglio cedere a
Roma che far grande Annibale.
I veneziani non avean mai concepita un’idea grande. Essi non avean virtù, perché la
mente loro non si era mai livellata all’ampiezza de’ loro destini. Il loro imperio era rimasto
in Venezia, anzi in una piccola parte di Venezia. Roma accettava per romani quanti uomini,
quante città ambissero la sua cittadinanza: Roma pensava dunque ad ingrandirsi. I veneziani
pensavano solo a moltiplicare il numero delle provincie e non ad ingrandire la cittá: la cittá
rimaneva sempre picciola. Le provincie esigevano molta forza per esser contenute a dovere,
perché ti rimane attaccato facilmente colui che tu ti scegli per compagno al comando, ma
colui, che vuoi tuo servo, non ci rimane se non per forza. [...] L’estension dell’impero non
misura la grandezza della cittá: la cittá si estende fin dove non si ode né il nome di
ʿstranieroʾ né di ʿsudditoʾ. Gli abitatori delle ultime lagune dell’Adriatico, per voler essere
troppo veneziani, perdettero i mezzi di divenire italiani. (Cuoco, Frammenti 50-51)
Cuoco insiste sull’importanza della capitale di uno Stato e sulla funzione della
circolazione di usi e costumi diversi all’interno della grande città come fattore di
coesione e unità nazionale di un popolo: secondo Cuoco l’aspetto che più conta in una
vera capitale deve essere l’apertura internazionale e la capacità di includere nuovi
cittadini, quindi anche culture diverse 33.
Dopo aver preso in esame due scrittori protagonisti della prima fase del
Risorgimento, che hanno vissuto e prodotto le loro opere nel periodo delle «Italie»
napoleoniche, analizzeremo le opere e la figura di un protagonista del Risorgimento,
dai primi tentativi di insurrezione, fino alla realizzazione dell’unità nazionale italiana.
Giuseppe Mazzini è stato ampiamente studiato come teorico della politica e come
uomo d’azione, mentre nel nostro lavoro ci occuperemo di lui come scrittore e teorico
della letteratura e della cultura, applicando la griglia metodologica che ha guidato
finora la nostra indagine.

32 A tal proposito anche Annalisa Andreoni coglie la contraddizione interna al romanzo per cui
all’iniziale dicotomia greci/italici subentra l’opposizione sanniti/romani e la spiega con
l’evoluzione della posizione di Cuoco nei confronti della politica napoleonica da repubblicana a
imperiale (Andreoni 2006, LXXX).
33 Nel capitolo 6, a proposito dell'esilio parigino di Cristina Trivulzio, verrà evidenziata l'importanza
della città francese nel ruolo di capitale europea.
5. Letteratura italiana e identità europea nel
«sistema» di Giuseppe Mazzini

5.1.Premessa
Il terzo fulcro della nostra riflessione è costituito dagli scritti dell’autore che viene
considerato l’ideologo principale del Risorgimento italiano, Giuseppe Mazzini (1805-
1872) 1. Sono sostanzialmente due le motivazioni che ci hanno indotto a prendere in
considerazione nel nostro studio il cospiratore e pubblicista genovese: in primo luogo
l’attenzione riservata alla cultura e in particolare alla letteratura nel suo sistema di
pensiero, in secondo luogo l’orientamento teorico fondamentale, che si trova negli
scritti mazziniani, riguardo alla necessità di concepire l’identità nazionale e culturale
italiana integrata in un quadro europeo.

5.2. Coordinate biografiche


Mazzini era nato nel 1805 a Genova, nel Regno di Sardegna, quello che avrebbe poi
guidato il moto di unificazione nazionale e sarebbe diventato nel 1860 il Regno
d’Italia. Studente di giurisprudenza a Genova, si interessa subito alla cultura e alla
letteratura. La critica letteraria e lo studio della letteratura italiana, con l’orecchio
attento a quanto si stava pubblicando in Europa, erano fra gli interessi che avevano
caratterizzato la sua attività giovanile di giornalista e pubblicista. Negli anni
dell’università molto varie e prevalentemente letterarie erano state le sue letture,
puntualmente registrate nei suoi appunti, e rimangono orientati sulla letteratura gli
interessi di Mazzini dopo il conseguimento, nel 1827, della laurea (Della Peruta 1969,
206-207) 2. Insieme agli amici e compagni di studi, aveva trasformato l’Indicatore
genovese (1828), un foglio di notizie economiche e commerciali, in un vero e proprio

1 In questa sede non si approfondiscono tanto il ruolo storico e il profilo politico di Giuseppe Mazzini,
su cui la bibliografia è ricca e articolata, quanto gli aspetti culturali e specificamente letterari
delle sue prese di posizione e dei suoi scritti, tuttavia si rimanda per una presentazione generale
sulla sua figura politica a Mastellone 2000; vorremmo qui ricordare quanto scritto da Luigi
Salvatorelli sull’apporto di Mazzini al Risorgimento: «Rimane pur sempre al Mazzini il vanto
della concezione più integrale del Risorgimento, quella che più strettamente associava il
pensiero all’azione escludendo ogni infecondo dilettantismo ideologico, la risurrezione politica
all’elevazione morale sradicando ogni macchiavellismo, le sorti dell’Italia a quelle di tutta
l’Europa eliminando ogni tentativo d’isolamento, ogni pretesa di dominio.» (Salvatorelli 1960,
103); molto netto anche il giudizio sul ruolo politico e ideologico di Mazzini espresso da Lucio
Villari: «Di tutte le novità del pensiero mazziniano due devono essere sottolineate:
l’impostazione democratica che egli diede al movimento patriottico e la affermazione dell’unità
nazionale come condizione indispensabile per il rinnovamento dell’Italia» (Villari 2012, 100).
2 Le letture annotate da Mazzini durante la sua formazione universitaria vanno da Foscolo a Cuoco, da
Delisle, da Diderot a Voltaire a Rousseau, da Dante a Boccaccio a Machiavelli a Manzoni, da
Frédéric a Richardson a Lady Morgan, a M.me De Staël a Wieland a Goethe (Mannucci 1919,
59-60).
130 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

organo politico-culturale, dove il giovane giurista pubblicava recensioni e articoli di


argomento letterario e culturale. L’esperienza sarebbe proseguita, dopo il 1829, in
seguito alla soppressione del giornale da parte della censura, nell’analogo Indicatore
livornese. La sua attività rivoluzionaria inizia nella Carboneria, con attività di
propaganda e di cospirazione per cui viene arrestato nel 1831 e posto dal governo
sabaudo di fronte all’alternativa del confino o dell’esilio. Inizia così un lungo periodo
di esilio che lo porterà in Francia, in Svizzera, dove sarà espulso nel 1836, quindi a
Parigi, dove entra in contatto con Cristina Trivulzio, e infine a Londra, a partire dal
1837, dopo essere stato bandito anche dalla Francia. Nel frattempo aveva preso le
distanze dalla Carboneria e aveva fondato un nuovo progetto politico-culturale,
l’associazione Giovine Italia, che mirava a dare una base popolare al movimento di
creazione di uno Stato nazionale italiano (nel 1832 fonda la rivista Giovine Italia). Nel
1834, dopo una fallita insurrezione italiana in Savoia, Mazzini coordina la federazione
della Giovine Italia con analoghe associazioni tedesche e polacche: nasce la Giovine
Europa, un’associazione democratica per il riscatto nazionale a livello europeo. Nel
1848 inizia la fase della partecipazione attiva alle rivoluzioni in Italia, prima a Milano,
dopo le Cinque Giornate, quindi a Roma, ai vertici della Repubblica Romana del 1849.
Dopo il fallimento di queste due esperienze, cui aveva partecipato anche Cristina
Trivulzio, torna in esilio a Londra, da cui rientra in Italia durante l’impresa di
Garibaldi, nel 1860. A Napoli tenta di convincere il dittatore a non cedere i territori
liberati dal Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna, per gettare le basi di una
repubblica italiana, ma Garibaldi preferisce favorire l’unificazione italiana.
Dopo quest’ultima tentata azione politica diretta Mazzini vive in una condizione
di semi-clandestinità i primi anni di vita del Regno d’Italia, in quanto viene eletto al
Parlamento, ma non può accettare perché non intende prestare giuramento al re
d’Italia, e d’altra parte senza una richiesta di perdono non può essergli concessa la
grazia dalla condanna a di morte che aveva ricevuto nel Regno di Sardegna nel 1834.
Muore a Livorno nel 1872, ospite in casa di amici, la famiglia Nathan Rosselli, sotto
falso nome. 3

5.3. Mazzini e la letteratura


Per quanto riguarda il suo rapporto con la letteratura, prenderemo in considerazione gli
articoli pubblicati su vari periodici, raccolti quindi nei volumi Scritti letterari di un
italiano vivente, pubblicati a Lugano nel 1847, senza tralasciare i saggi che hanno
accompagnato la pubblicazione di inediti foscoliani da lui recuperati in Inghilterra, e
altri interventi sulla letteratura e sulla cultura italiana pubblicati a più riprese o presenti
nelle sue lettere.
Se escludiamo un incompiuto poemetto rimasto inedito nei suoi zibaldoni
autografi, il primo scritto di Giuseppe Mazzini, appena ventiduenne, era stato il saggio
«Dell’amor patrio di Dante», inviato a Firenze all’Antologia e rimasto inedito fino al
1837, quando fu pubblicato nel periodico torinese Il Subalpino (cfr. Salvatorelli 1967a,
12-13). Il concetto d’identità italiana viene proiettato nel Medioevo e fatto risalire al

3 Queste informazioni biografiche sono tratte da Della Peruta 1969 e Villari 2012.
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 131

poeta indicato già da Foscolo come scrittore nazionale italiano, una corrispondenza
che, come vedremo, indica anche le linee guida della sua concezione di identità
nazionale italiana. A proposito dell’interesse di Mazzini per la letteratura, una sintesi
organica e approfondita della tematica, sviluppata e sceverata in tutte le fasi del
pensiero e della biografia mazziniana, si trova nel volume di Anna Teresa Ossani
dedicato a Letteratura e politica in Giuseppe Mazzini, fino all’approdo ad una
concezione etica della questione sociale, in cui la cultura e la letteratura svolgono un
ruolo pedagogico centrale:
Il «dovere», principio etico, individuale, ha un risvolto politico e collettivo nell’idea di
missione, il cui compimento è indispensabile per realizzare la libertà dello Stato
democratico, in cui il sociale deve trionfare attraverso la cultura, l’educazione, la politica.
(Ossani 1973, 153).
Da questo punto di vista possiamo riscontrare un filo rosso con Cuoco e la sua azione
pedagogica, culturale e letteraria per la costruzione di un’identità nazionale italiana e
con il forte impegno letterario, civico e politico di Foscolo.
Procederemo all’analisi del contributo di Mazzini alla costruzione dell’identità
italiana secondo la griglia metodologica fin qui applicata. Secondo quali parametri
costruisce il proprio concetto d’identità italiana? Quale spazio assegna alla letteratura
in questa costruzione identitaria? Come si rapporta alle differenze, particolarità e
peculiarità locali all’interno dell’identità italiana? In che relazione si pongono le
identità nazionali e la comune appartenenza europea?

5.4. La definizione dell’identità nazionale secondo Mazzini


Gli scritti di Mazzini e la sua attività di promozione del riscatto dell’identità nazionale
italiana ebbero notevole diffusione e successo di pubblico, tanto che lo stesso Stato
nazionale italiano si è formato seguendone in parte gli stereotipi concettuali. Per
questo individueremo le idee di Mazzini sull’identità nazionale e andremo alla ricerca
delle intersezioni fra il suo percorso identitario politico e le implicazioni letterarie e
culturali. In tale definizione culturale dell’identità italiana possiamo individuare tre
nodi concettuali: nazione e fede religiosa, repubblica e libertà, unità territoriale
storico-geografica 4.

5.4.1. Religione e identità nazionale


Fra i valori fondamentali che Mazzini pone alla base dell’identità nazionale e culturale
italiana, la religione occupa una posizione centrale 5. Come abbiamo visto nel capitolo

4 Per il concetto di costruzione culturale dell’identità nazionale e per un confronto fra la formazione
delle identità nazionali tedesca e italiana, si veda Berger 1997, 10. Per la strutturazione
dell’identità nazionale italiana si rimanda al già citato Banti 2000.
5 Per mostrare la stretta correlazione fra la religione e la concezione politica democratica di Mazzini,
vorremmo citare a questo proposito anche un passaggio dal vero e proprio manifesto politico I
doveri dell’uomo, del 1860, che dedica un capitolo a Dio: «La terra non è soggiorno
d’espiazione o di tentazione: è il luogo del nostro lavoro per un fine di miglioramento, del
132 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

3, Foscolo poneva una forma di religiosità mitica alla base del patrimonio culturale
identitario della nazione, una religiosità laica e civica, basata sul ricordo degli eroi
defunti e dei caduti, sui riti legati ai monumenti della storia nazionale. A fronte di ciò
erano molto forti il materialismo filosofico assoluto e la totale condanna delle forme
liturgiche della religiosità cattolica, rinnegando questo tipo di eredità culturale, per
riagganciarsi piuttosto a valori morali e tipologie religiose della mitologia classica
greco-romana, prima dell’avvento del cristianesimo. Anche Cuoco individuava una
funzione mitica della religione pagana, mentre la religione cattolica era confinata negli
aspetti culturali locali che secondo lui le autorità dovrebbero tollerare e rispettare,
perché non rilevanti a tal punto da condurre battaglie alienandosi il favore delle masse
popolari (vedi capitolo 4).
Nel discorso identitario di Mazzini, la religiosità cristiana è uno dei temi portanti e
viene espressa in termini religiosi, addirittura mistici, una vera e propria «missione»
dell’Italia: porsi alla guida dei popoli liberi europei. Per quanto riguarda il
Risorgimento, lo stretto legame fra religiosità e identità è indicato anche da Alberto
Maria Banti fra gli elementi centrali della simbologia nazionale. Lo studioso individua
quelle che chiama costanti strutturali dell’identità italiana, fra cui troviamo la categoria
della nazione come «comunità sacrificale» (Banti 2011b, 20), secondo cui si definisce
il dovere dei membri della comunità nazionale di essere «disposti al sacrificio della
vita» (Banti 2011b, 21), si produce un discorso sulla nazione che diventa «discorso
para-religioso». Alla luce di questo discorso si costruisce una vera e propria fede nella
nazione, che in Foscolo si era già manifestata nella forma di una «religione del
sepolcro», come abbiamo osservato nel capitolo 3. Mazzini attribuisce a tale idea
fondante forme più propriamente religiose, tanto da collocare la religione della patria
in un ambito strutturalmente teologico. La visione religiosa di Mazzini si svincola
dall’autorità ecclesiastica, che a suo avviso dal Rinascimento in poi ha perso la propria
autorità morale, ma mantiene elementi di contiguità fra presenza storica del papato a
Roma e identità nazionale italiana. Per questo Mazzini esalta la storia della Chiesa
medievale e in particolare di quei papi che si sono opposti all’instaurazione del potere
imperiale germanico in Italia, una storia da cui deriva la componente religiosa e
mistica della nazionalità italiana, e che contribuisce al principio che Roma debba
essere la capitale italiana 6. Nei suoi scritti che accompagnano la nascita della
Repubblica Romana del 1849, da un lato si annuncia la lecita cessazione del potere

nostro sviluppo verso un grado di esistenza superiore» (Mazzini, Doveri 37). Interessanti sono
anche le considerazioni fatte da Mazzini in una lettera a Natalie A. Ogareva del 2 marzo 1866,
riportata in Goussot 2000, 27-28, in cui a un giovanile ateismo che caratterizzava la sua visione
della vita all’epoca degli studi universitari, è subentrata una concezione della storia governata
da un Dio che orienta l’agire dell’uomo in direzione di un ideale di libertà.
6 Il fatto che per Mazzini l’idea di Roma capitale d’Italia sia una costruzione meramente culturale e
concettuale è evidente allorché, nel 1870, dopo che le truppe del Regno d’Italia avevano preso
possesso di Roma ed era stato abbattuto il potere temporale dei papi, Mazzini avrà l’occasione
di essere amnistiato e di entrare nella nuova capitale italiana. In una lettera al repubblicano
napoletano Niccolò Le Piane esprime tutta la propria delusione per la Roma capitale monarchica
e afferma di non voler neanche uscire dall’albergo, tanto è lo sconforto per la distanza fra la
Roma ideale da lui vagheggiata e la capitale politico-amministrativa del nuovo Regno d’Italia
(Villari 2012, 330).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 133

temporale del papa, non più rappresentante degno della religione e dei suoi valori
morali, dall’altro si proclama la continuità con la tradizione imperiale antica e con la
storia papale di Roma. Possiamo vedere a titolo di esempio l’annuncio della nascita
della Repubblica Romana, pubblicato il 15 febbraio 1849, in cui si ritrova quella eco
misticheggiante che caratterizza tutti gli scritti mazziniani che accompagnano l’azione
politica diretta:
Roma, la Santa, l’Eterna Roma, ha parlato. E la sua prima parola è la prima d’un’Era, della
terza Era Italiana. [...] La religione, tradita dal suo Ministro, sta in noi, chiesa eterna di
credenti nel sagrificio, nell’amore e nel progresso comune. Qui non regnano che Dio e il
Popolo: Dio padrone nel cielo ed in terra; il Popolo, adoratore e interprete progressivo della
sua Legge. Roma e la fede. Noi possiamo scrivere sulle nostre bandiere come a’ tempi di
Gregorio III: ecclesia sancta Dei et respublica romanorum. 7 (Mazzini, Proclamazione 436-
437)
In questo, come in altri scritti mazziniani, s’identifica l’Italia attraverso il binomio
«Dio» e «Popolo», i due termini polari con cui egli limita il campo semantico del
concetto di Patria. In quest’ottica la cultura italiana diventa un asse di continuità fra
l’antichità latina, dove Roma aveva posto le basi del suo potere politico-giuridico, ma
anche morale, il Medio Evo cristiano, in cui era stata innestata la religione cristiana
nell’identità nazionale italiana, con il suo fulcro in Roma, sede del Papato, e l’Italia
repubblicana, di cui Mazzini profetizza la resurrezione con la Repubblica romana del
1849.
Tale fondamento religioso cristiano dell’identità italiana non si ritrova solo in
riferimento alla Repubblica romana, dove c’era anche la contingenza storica
immediata di succedere al potere temporale del pontefice, ma anche in un precedente
scritto teorico, il saggio Fede e avvenire, pubblicato in francese nel 1835 in forma di
opuscolo, poi tradotto dallo stesso autore (Mazzini, Fede e avvenire). Il testo prende le
mosse dalla svolta autoritaria della monarchia orleanista, nel 1835, in seguito
all’attentato di Luigi Fieschi contro il re Luigi Filippo. In questo testo, partendo
dall’importanza della libertà di stampa e dal collegamento fra il concetto di patria e
quello di libertà, Mazzini puntualizza in termini formalmente e concettualmente
teologici il fondamento religioso della sua visione di patria:
Quando, davanti alla giovine Europa che sorge, tutti gli altari del vecchio mondo saranno
caduti, due altari s’innalzeranno su questo suolo fecondato dal Verbo divino:
E il dito del popolo iniziatore scriverà sull’uno: Patria, e sull’altro Umanità.
Come figli d’una stessa madre, come fratelli che si stringono insieme, i popoli si
raccoglieranno tutti intorno a quei due altari e sagrificheranno nella pace e nell’amore.
E l’incenso del sagrificio salirà fino al cielo su due colonne che si ravvicineranno l’una
all’altra salendo, finché si confondano in un solo punto, che è Dio.
E qualunque volta, nel salire, divergeranno, il fratricidio sarà sulla terra; e le madri
piangeranno sulla terra e gli angioli in cielo. (Mazzini, Fede e avvenire 350)
L’autore non si limita nel testo alla ripresa di un impianto concettuale religioso, ma
arriva ad adottare formule evangeliche e perfino liturgiche, tanto da trasformare il

7 Il riferimento è a un episodio delle lotte iconoclastiche che vedeva opporsi papa Gregorio III
all’imperatore bizantino Leone III Isaurico, nell’VIII secolo (cfr. la voce «Gregorio III» in
http://www.treccani.it – 26.04.2013).
134 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

progetto politico nella concisa narrazione di un apologo religioso. Il popolo italiano


viene personificato in modo che, nell’atto fondante di scrivere le parole «Patria» e
«Umanità» sui due altari, assume la funzione di guida degli altri popoli, e l’allegoria
dell’«incenso del sacrificio», che sta per l’azione politica congiunta di tutti i popoli
europei 8.
L’immagine del «sacrificio», di cui Mazzini si serve nel brano appena
commentato, richiama anche implicitamente il tema del martirio, del «pro patria
mori» 9. L’abbinamento del tema della patria a quello della religione trova così un suo
corollario nella mitologia dei martiri della patria, che ha dato origine ad un vero e
proprio genere, quello del martirologio risorgimentale. Possiamo citare come esempio
quello di Atto Vannucci, dalla notevole fortuna editoriale, ma anche la già citata
rassegna finale di martiri che conclude il Saggio storico di Cuoco, oltre a tutto il
patriottismo sepolcrale di Ugo Foscolo 10. Mazzini tratta questo tema in un articolo
dedicato ai «martiri di Cosenza», pubblicato sul giornale Italia del popolo nel 1848. I
fratelli Bandiera e gli altri patrioti giustiziati in Calabria il 25 luglio 1844, morti per
realizzare la patria italiana, sono assimilati al sistema simbolico dei martiri della
religione, come fondamento ideale dell’azione a favore dell’indipendenza e autonomia
nazionale:
Torniamo alle sepolture dei nostri Martiri, o giovani, a chiedere alle ispirazioni di quei che
morirono per tutti noi il segreto della vittoria, l’adorazione d’un Principio, la Fede.
L’Angelo del Martirio e l’Angelo della Vittoria sono fratelli: ma l’uno guarda al cielo,
l’altro alla terra; e soltanto, quando d’epoca in epoca i due sguardi s’incontrano fra terra e
cielo, la creazione s’abbella di nuova vita, e un popolo sorge dalla culla o dalla tomba,
evangelista o profeta. (Mazzini, Martiri di Cosenza 387)

8 Il filone religioso dell’identità italiana è fortemente presente sia nel dibattito politico che nella
letteratura del Risorgimento, ma a differenza di Cristina Trivulzio, che s’inserisce nella
tradizione cattolica, pur essendo condannata dalla Chiesa, Mazzini introduce una religiosità
laica. Vorremmo inoltre evidenziare in questa sede la distanza della religiosità di Mazzini da
quella di Manzoni. Pur muovendo entrambe da influssi giansenistici, orientati verso
un’intransigenza etica severa e coerente, il cristianesimo di Manzoni si colloca all’interno
dell’ortodossia cattolica, denunciandone le contraddizioni e i soprusi, mentre Mazzini crea su
base cristiana una vera e propria religione della patria, destinata a soppiantare quella cattolica,
sovvertendo la gerarchia ecclesiastica e i suoi poteri (Liermann 2010, 61-64).
9 Nel suo saggio Bisogno di patria Walter Barberis contrappone da un lato la costruzione di un canone
di martiri come pretesto per giustificare le imprese guerresche del nuovo Stato, ad esempio le
imprese coloniali in Africa alla fine dell’Ottocento, dall’altro la costante di lunga durata della
storia italiana, in cui questo elemento del «pro patria mori» era stato declinato in modo del tutto
diverso, essendo stato frequente il ricorso all’uno o all’altro alleato straniero contro il nemico
italiano, data la frammentazione politica italiana (Barberis 2004, 104-105).
10 Atto Vannucci, esule dopo la caduta della Repubblica romana del 1849, aveva iniziato a pubblicare
il proprio martirologio in articoli di giornale fra il 1847 e il 1848, quindi lo ha raccolto in
volume e più volte integrato e ristampato, fino all’ultima edizione, postuma, del 1934, a cura di
Ettore Fabietti (cfr. Rao 2011, 8-9); allo sviluppo letterario del genere della «vita patriottica»
nel Risorgimento dedica ampie riflessioni Mariasilvia Tatti, interpretandola come «un modo per
regolare le questioni aperte con i padri della patria e per interrogarsi sulle dinamiche culturali
contemporanee» (Tatti 2011a, 133).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 135

L’appello alla centralità della sepoltura come monumento identitario ricorda da vicino
il tema sepolcrale che abbiamo analizzato negli scritti foscoliani (vedi capitolo 3).
L’identità italiana e la sua realizzazione nel Risorgimento, per Mazzini, non si
riducono a formula politica o contrattazione diplomatica, ma devono essere frutto di
azione eroica diretta, e per questo viene definita in termini religiosi e attribuita per via
immediata alla volontà divina, come si esprime Mazzini, sempre sull’Italia del popolo,
rivolgendosi al «Battaglione degli Studenti», impegnato nella guerra di liberazione
iniziata con le Cinque Giornate di Milano:
Non abbiate, nella veglia dell’armi, in faccia al nemico, tra le gioie della vittoria, altro grido
che Viva Italia! [...] Respingete da voi con disprezzo le false dottrine, le ambagi della vuota
politica, che segue o ricopia ma non crea: interrogate santamente e con intelletto d’amore i
battiti del vostro cuore e gli istinti frementi nel nostro popolo; è più scienza in essi che non
in molti libri degli uomini dell’equilibrio e dei tre poteri. L’Unità d’Italia è cosa di Dio,
preparata dall’opera provvidenziale dei secoli e matura, dacché ogni iniziativa di grandi
cose trapassò dalle caste e dagli individui nel Popolo: l’altre tutte sono concetti effimeri
d’uomini che gli eventi sommergeranno. Rimanetevi, o giovani, con Dio e col Popolo: essi
soli eterni, soli che non tradiscano. (Mazzini, Al Battaglione degli Studenti 382-383)
Il testo contiene due concetti rilevanti: in primo luogo, si prendono le distanze dal
pensiero illuminista, che pur avendo elaborato e prodotto le idee democratiche di
libertà, tuttavia era rimasto su un piano astratto e non aveva conferito all’azione
politica la componente dell’identità nazionale; in secondo luogo, attraverso lo sguardo
alla situazione politica italiana, si pone l’idea dell’identità nazionale superando ogni
ostacolo derivante dalla potenziale identità dei singoli Stati italiani preunitari. Si
accenna nel testo alla polemica con la politica del Regno di Sardegna, che, pur essendo
intervenuto per la liberazione della Lombardia dal dominio austriaco, catalizzando così
le energie di tutti i movimenti di liberazione risorgimentali, mirava piuttosto a un
proprio allargamento territoriale o al massimo alla formazione di uno Stato italiano che
comprendesse solo parte dell’Italia del Nord, indicata nel testo come «vuota politica,
che segue o ricopia ma non crea». L’elemento mistico religioso riconduce direttamente
alla volontà di Dio l’auspicata liberazione nazionale e trova nella storia religiosa
dell’Italia tutto lo spessore storico dell’idea d’italianità 11.
Il rapporto peculiare e privilegiato fra identità italiana e religiosità è sintetizzato
da Mazzini in una lettera attribuita al 1853, a destinatario ignoto, in cui si definisce
così la formola politica italiana:
La prima è la formola francese: Libertà: Eguaglianza: Fratellanza; uscita dalla Rivoluzione
del 1789, e accettata da quanti popoli seguirono allora e poi l’iniziativa di Francia.
La seconda è la formola italiana: Dio e il Popolo; adottata spontaneamente dai
repubblicani e consecrata dagli eroici fatti di Venezia e di Roma, nel 1849. […]
Tutte le caste desumono la loro origine dalla credenza in una rivelazione immediata,
limitata, arbitraria. La formola italiana sostituisce a questa la rivelazione continua,

11 Fra ottobre e novembre 1832, Mazzini ha uno scambio epistolare con Sismondi, che invita a
partecipare con suoi scritti al periodico Giovine Italia. Pur nell’estrema correttezza e
ammirazione reciproca, dalle lettere emerge una distanza incolmabile in quanto Mazzini
subordina valori religiosi e democratici allo slancio mistico per la realizzazione di uno Stato
nazionale, il che entra in conflitto con la visione più cosmopolitica e tollerante di Sismondi
(Mazzini, Corrispondenza con Sismondi).
136 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

progressiva, universale di Dio attraverso l’Umanità; re, papi, patriziati, sacerdozi privilegiati
spariscono. La formola italiana, generalizzata da una Nazione all’associazione delle Nazioni
dichiara fondamento d’una teoria della Vita: Dio è Dio e l’Umanità è suo Profeta. (Mazzini,
Lettere 545; 547)
La concezione religiosa emerge come struttura profonda della costruzione identitaria
italiana, una religiosità da cui derivano le caratteristiche intrinsecamente democratiche
e repubblicane. Inoltre ritorna l’idea che in nome della religione, sulla scia della storia
del cristianesimo, all’Italia si deve attribuire un ruolo guida fra le nazioni
democratiche, per la costruzione di un nuovo ordine politico europeo 12.

5.4.2. Libertà e repubblica


Il secondo cardine dell’identità italiana secondo Mazzini è il binomio «libertà» e
«repubblica», strettamente legato a quello della religiosità, poiché per Mazzini non
può esserci una mediazione fra i due termini che costituiscono il nucleo della sua
visione politica, Dio e Popolo: nessuno spazio per un mediatore, come sarebbe il
sovrano nel caso della monarchia. S’incentrano su questo tema anche le pagine del
saggio «Il Cesarismo», pubblicato nel 1863, in cui Mazzini contesta che il genio, il
singolo personaggio che guida l’azione di un popolo nella storia, possa essere
identificato come il motore del progresso di quel popolo:
Il mondo della Storia si svolge lentamente fra l’azione continua di due elementi: l’opera
degli individui e il disegno provvidenziale. La parola che definisce la prima è Libertà: la
parola che definisce il secondo è Progresso. Il tempo e lo spazio sono nostri: noi possiamo
ritardare o accelerare il Progresso, non impedirlo. (Mazzini, Cesarismo 798)
Il saggio è una recensione negativa della biografia celebrativa di Giulio Cesare scritta
da Luigi Napoleone Bonaparte (1808-1873), il futuro imperatore Napoleone III, con
una sorta di auto-identificazione fra il personaggio e l’autore. Mazzini solleva una
duplice contestazione: in primo luogo non è possibile celebrare la figura di un tiranno,
quale Cesare è stato, né il cesarismo, cioè l’idea che un solo uomo possa guidare con il
suo genio l’azione della storia, in secondo luogo Luigi Napoleone non può prefigurare
in nessun caso in Cesare il proprio destino, in quanto non ne ha né la levatura né il
rilievo storico. Nel testo Mazzini prevede anche, con quasi un decennio di anticipo, la
fine del suo regno senza il consolidamento della dinastia. Nello scritto troviamo una
breve sintesi della storia dell’umanità, in cui si mostra come l’idea della libertà
dell’individuo si sia fatta strada a partire dall’antichità remota, fino all’età classica
greca e romana, pagana e cristiana, e che questa vicenda si sia compiuta totalmente

12 La religiosità mazziniana, che in questo testo e nel precedente assume un carattere profetico, è stata
accostata da Ossani al sistema di pensiero del gioachimismo medievale, ripreso anche dal
giansenismo, in cui si ritrova l’instanza di un profondo rinnovamento religioso che dovrebbe
passare per una totale riforma o addirittura abolizione delle gerarchie ecclesiastiche (Ossani
1973, 152-153). Vorremmo ricordare qui come a livello criptico certe idee di pauperismo
medievali e di catarismo circolassero in Europa nel XIX secolo, in particolare in ambienti legati
alla Massoneria e alla Carboneria. Sulla centralità dell’idea di libertà e democrazia nel sistema
mazziniano è incentrato anche lo studio di Salvo Mastellone, che mira a ricostruire la posizione
di Mazzini nell’esilio inglese che precede il biennio rivoluzionario 1848-49 (Mastellone 2000).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 137

con la rivoluzione francese. Mazzini utilizza una formula per sintetizzare tutto questo
corso storico: «Tra il Caucaso di Prometeo e il Calvario di Gesù si svolse l’epoca
dell’emancipazione dell’Uomo. E fu conchiusa dalla Rivoluzione francese, che diede,
in una Dichiarazione di diritti, la formola politica della vita dell’individuo» (Mazzini,
Cesarismo 803).
L’idea di libertà repubblicana pervade la visione politica generale di Mazzini e, a
suo avviso, fa parte integrante dell’identità italiana. Allo scoppiare delle rivolte che
instaurano governi provvisori a Venezia e a Roma, Mazzini esorta a proclamare subito
la repubblica, per stabilire i primi due nuclei della futura repubblica italiana, prima di
accorrere in persona a Roma e prendere parte al governo della Repubblica come uno
dei triumviri. Così scrive rispettivamente a Daniele Manin e ad Aurelio Saffi,
animatori dei due governi, nel 1849:
Proclamate il Governo Repubblicano: chiamate Lombardia e Italia tutta a seguirvi, salvo
l’appello en dernier ressort alla costituente (non Dieta) Nazionale Italiana. (Mazzini, Lettere
430)
Ma la repubblica in Roma è cosa italiana; e voi non potete né dovete rinunziare a questo
privilegio: voi avete in mano la soluzione del problema Italiano (Mazzini, Lettere 444)
Come abbiamo già detto, secondo Mazzini, dopo che la Francia, con la rivoluzione, ha
avuto l’iniziativa in Europa come nazione guida sulla via della libertà repubblicana, è
giunto il momento che l’Italia assuma tale funzione, in quanto libertà e repubblica
sono componenti fondamentali della sua identità nazionale (cfr. Ossani 1973, 68-74).

5.4.3. La dimensione storico-geografica dell’identità nazionale


Riguardo al terzo concetto su cui Mazzini costruisce l’identità italiana, quello storico-
geografico, troveremo in lui due costanti, e cioè l’avversione a ogni soluzione politica
che preveda la persistenza degli Stati italiani preunitari, come l’opposizione ad una
struttura federalista nel nuovo Stato italiano, che ne limiti l’identità territoriale
unitaria. 13
Dopo essere già stato in carcere a Savona per la sua attività con la Carboneria e
dopo aver scelto l’esilio piuttosto che il confino in una località isolata dell’interno,
Mazzini decide di scrivere una lettera aperta al re di Sardegna Carlo Alberto, con un
opuscolo clandestino, stampato anonimo a Marsiglia fra giugno e luglio 1831. Mazzini
delinea nel documento l’identità unitaria dell’Italia, invitando il re del Piemonte a
conquistarsi il trono di re d’Italia, identificando l’integrità territoriale italiana 14. Dal
nostro punto di vista è interessante analizzare in che modo Mazzini definisce

13 Il tratto dell’unità come fattore di identità viene analizzato da Giuseppe Langella nella poesia di
Manzoni, e individuato come caratteristica fondamentale della costruzione identitaria nel
Risorgimento (Langella 2005, 69-99).
14 L’operazione di Mazzini è stata interpretata come un mezzo indiretto per provare, attraverso la non
adesione del sovrano alle sue richieste, che in realtà non avesse nessun fondamento confidare
nell’azione dei monarchici e in particolare nel giovane principe Savoia-Carignano, appena
incoronato re, che in passato aveva manifestato aperture liberali, in modo da spingere anche i
dubbiosi ad aderire alle posizioni repubblicane e democratiche della Giovine Italia che era
allora in fase di gestazione (Della Peruta 1969, 210).
138 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

territorialmente l’identità italiana. Le formule politiche democratiche si alternano al


linguaggio epico volto a definire il ruolo di Carlo Alberto come futuro re d’Italia:
Ponetevi alla testa della nazione, e scrivete sulla vostra bandiera: Unione, Libertà,
Indipendenza! Proclamate la santità del pensiero! Dichiaratevi vindice, interprete dei diritti
popolari, rigeneratore di tutta l’Italia! [...] Siate il Napoleone della libertà italiana! [...]Date
una mentita alla storia, e alla umanità: costringetela a scrivere sotto i nomi di Washington e
Kosciuszko, nati cittadini: v’è un uomo più grande di questi: vi fu un trono eretto da venti
milioni d’uomini liberi che scrissero sulla base: A CARLO ALBERTO, NATO RE, LA
ITALIA RINATA PER LUI! (Mazzini, A Carlo Alberto 36)
Mazzini esprime nel testo la necessità che sia mantenuta l’integrità territoriale italiana
utilizzando formule già stereotipiche, come le frontiere «naturali» italiane, la ricchezza
della memoria culturale e le bellezze naturali:
Sire! non avete mai cacciato uno sguardo, uno di que’ sguardi d’aquila, che rivelano un
mondo, su questa Italia, bella del sorriso della natura, incoronata da venti secoli di memorie
sublimi, patria del genio, potente per mezzi infiniti, a’ quali non manca che unione, ricinta
di tali difese, che un forte volere, e pochi petti animosi basterebbero a proteggerla
dall’insulto straniero? (Mazzini, A Carlo Alberto 33)
Il brano è costruito sull’entità fisica, geograficamente definita, dell’identità italiana,
con il recupero di elementi che ricorrevano già nella canzone petrarchesca Italia mia,
benché ’l parlar sia indarno (Petrarca, Canzoniere CXXVIII), scelta da Machiavelli
per concludere il Principe.
Nell’opuscolo mazziniano indirizzato a Carlo Alberto, l’idea dell’integrità
territoriale identitaria dell’Italia ha uno scopo duplice: porre l’accento sulla non
corrispondenza della futura nazione italiana né con il Regno di Sardegna, al cui
sovrano Mazzini si rivolge, né con nessun altro degli Stati italiani allora esistenti;
respingere soluzioni politiche o diplomatiche che costituirebbero in un allargamento
dello Stato sabaudo, o una realizzazione parziale, dal punto di vista territoriale,
dell’identità nazionale italiana.
A questo documento si potrebbe raffrontare l’analogo scritto del 1859 in cui
Mazzini si rivolge al figlio e successore di Carlo Alberto, Vittorio Emanuele II,
destinato a diventare nel 1861 il primo re d’Italia. La situazione è delicata per
l’esistenza stessa del partito mazziniano, dato che le posizioni dei moderati, favorevoli
alla monarchia costituzionale, trovano riscontro nella guerra che sta conducendo il
Regno di Sardegna contro l’Impero d’Austria, con l’appoggio di Napoleone III
imperatore dei francesi. Si tratta di una fase in cui, come vedremo nel capitolo 5,
Cristina Trivulzio sostiene questo progetto, esaltando sia il ruolo della monarchia
sabauda che quello di Napoleone III, suo vecchio amico.
A fronte di ciò, Mazzini, repubblicano e democratico, vuol saldare il favore
popolare con le posizioni repubblicane. Secondo lui non ci sono alternative a una
soluzione democratica e all’idea dell’identità italiana unitaria, mentre Napoleone III
mirava piuttosto alla formazione di un Regno d’Italia del Nord, come riedizione del
Regno d’Italia dell’epoca di Napoleone I. Mazzini non si limita a pubblicare il suo
scritto, ma lo fa pervenire personalmente al sovrano, per spingerlo ad accogliere
l’invito a diventare re dell’Italia che Mazzini definisce chiaramente in termini
geografici e storici:
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 139

Sire, voi siete forte: forte, sol che voi vogliate, di quella vita; forte della potenza invincibile
che è in un popolo di ventisei milioni concorde in un solo volere; forte più di qualunque
altro principe che or vive in Europa, dacché nessuno ha oggi tanto affetto dalla propria
Nazione, quanto voi potreste suscitarne con una sola parola: Unità. [...]
L’Italia cerca Unità. Essa vuole costituirsi Nazione una e libera. Dio decretava questa
Unità quando ci chiudeva tra l’Alpi eterne e l’eterno Mare. La storia scriveva Unità sulle
mura di Roma; e il concetto unitario ne usciva così potente che varcando i limiti della Patria,
unificava due volte l’Europa. [...] Nel nome dell’Unità muoiono da mezzo secolo, col
sorriso sul volto, sui patiboli e coll’armi in pugno, da Messina a Venezia, da Mantova a
Sapri, i nostri migliori. (Mazzini, A Vittorio Emmanuele 684-685)
La lettera aperta viene pubblicata in occasione dell’armistizio di Villafranca, in cui
Napoleone III si era accordato con l’Austria, per l’annessione della Lombardia al
Regno del Piemonte, lasciando il Veneto all’Impero e rispettando la sovranità di tutti
gli altri Stati nelle regioni centrali e meridionali. Si tratta in qualche modo della
riproposizione della Pace di Campoformio, siglata da Napoleone I nel 1797, contro cui
aveva tuonato Foscolo.
Mazzini si rivolge al re del Piemonte, che in quel momento ha in mano la guida di
una guerra che potrebbe diventare guerra di unificazione nazionale, accantonando le
proprie idee repubblicane, come dice esplicitamente in un altro passo del documento,
ma ribadendo alcuni punti fermi della sua idea di identità nazionale: unità territoriale,
base popolare dell’identità nazionale, continuità fra la storia di Roma e l’identità
nazionale italiana, apporto della letteratura all’identità italiana, martirologio italiano.
Nel testo s’introduce il tema dell’unità territoriale italiana, posto come
imprescindibile per ottenere il consenso popolare e portare a termine la costruzione di
un Regno d’Italia, unità territoriale esplicitata anche nei termini democratici di
unificazione del «popolo italiano», di cui si richiama esplicitamente la totalità nel
numero degli abitanti. Come nello scritto rivolto a Carlo Alberto, si richiama il mito
dei confini naturali dell’Italia, indicati come segnali divini costituiti dalle Alpi e dal
Mare Mediterraneo, confini la cui sacralità è ribadita anche nella parte dedicata al
martirologio, con la rassegna delle città in cui sono stati uccisi o giustiziati gli eroi
caduti per la lotta di liberazione nazionale. Il martirologio costituisce un richiamo a
tutti i territori che idealmente fanno parte dell’Italia, Sicilia e Veneto, Lombardia e
Campania. Vengono così significativamente ricordate città che appartengono a Stati
italiani differenti e s’insiste anche sull’idea che Roma capitale costituisca un elemento
fondamentale dell’identità italiana. Il ruolo di Roma si associa ai due periodi storici in
cui a Roma sono stati fondati poteri che hanno esteso la propria influenza all’intera
Europa, cioè l’Impero romano e il Papato, solo implicitamente nominati 15. Torna
l’idea di religiosità nazionale e civica di Mazzini, per cui il patrimonio morale e ideale
del Papato, non più attivo nell’attuale istituzione pontificia, entra a far parte della
futura identità nazionale italiana. L’ultimo elemento che emerge da questa serie di
definizioni è il riferimento allo spessore storico dell’italianità, che passa per i
tradizionali antecedenti del Risorgimento, dal poeta esule Dante Alighieri, al teorico
dello Stato moderno, Niccolò Machiavelli, al poeta della rivendicazione nazionale

15 Il concetto è ripreso più volte da Mazzini, ad esempio in un articolo dedicato al panorama letterario
italiano dopo il 1830, pubblicato a Londra nel 1839 (Mazzini, Colpo d’occhio 276).
140 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

Vittorio Alfieri, forse qui citato da Mazzini invece di Foscolo anche per ragioni
geografico-culturali, essendo Alfieri un aristocratico piemontese, appartenente quindi
al Regno di Vittorio Emanuele di Savoia, cui Mazzini si rivolge nello scritto. Il tema
dell’unità nazionale è affidato anche all’auspicio di unificare simboli come la bandiera
e la capitale, riconoscendo anche il potere del re, che come sovrano dovrà
rappresentare nella propria persona l’unità dello Stato.

5.5. Il ruolo civico e identitario della letteratura italiana


La riflessione sul ruolo identitario della letteratura occupa un posto di rilievo
nell’opera di Mazzini, in particolare per quanto riguarda la definizione della cultura
italiana in riferimento alla cultura europea 16. Inoltre al bagaglio retorico, culturale e
teorico che sta alla base della sua concezione di letteratura, assegna un ruolo centrale
nel suo sistema politico. In uno dei passaggi iniziali delle sue Note autobiografiche,
scritte negli anni 1861-65, Mazzini definisce «un sacrificio» la decisione di passare
dalla letteratura all’azione politica diretta, accennando anche al proprio desiderio, non
realizzato, di scrivere opere letterarie teatrali o narrative:
In me [Tommaseo e Montani] rinfiammavano l’idea dell’Aprile 1821 e determinavano la
mia vocazione di rinunziare alla via delle Lettere per tentare l’altra più diretta dell’azione
politica.
E fu il primo grande mio sacrificio. S’affaccendavano in quel tempo nella mia mente
visioni di Drammi e Romanzi Storici senza fine, e fantasie d’Arte che mi sorridevano come
immagini di fanciulle carezzevoli a chi vive solo. La tendenza della mia vita era tutt’altra
che non quella alla quale mi costrinsero i tempi e la vergogna della nostra abbiezione.
La via dell’azione a ogni modo era chiusa; e la questione letteraria mi parve campo ad
aprirmela quando che fosse. (Mazzini, Note 58)
Per quanto riguarda il rapporto fra il concetto di «patria» e la letteratura italiana,
Mazzini opera una sorta di rovesciamento in termini logici della questione. Nel
momento in cui si stava cercando una base culturale per legittimare la costruzione di
uno stato unitario italiano, Mazzini afferma che sono stati gli scrittori italiani, da Dante
in poi, ad aver affermato l’esigenza dell’indipendenza nazionale italiana, anteponendo
quindi le basi letterarie e culturali dell’identità italiana a quelle politico-istituzionali.
Il legame fra letteratura e identità nazionale è definito da Mazzini sulla base di tre
linee principali: Dante poeta nazionale italiano; canone letterario italiano basato sui
valori civici e sulla missione degli intellettuali; la categoria dell’esilio e della
persecuzione, come condizione biografica degli autori e come categoria concettuale.

16 La dimensione multiculturale del pensiero di Mazzini viene messa a fuoco in Goussot 2000, 81:
«La storia era secondo Mazzini presa di coscienza del nostro esistere come soggetti aperti alla
relazione con le altre culture; un popolo che sapeva chi fosse, da dove veniva e dove andava,
non temeva il contatto interculturale ma ne faceva l’essenza stesa della sua ricchezza interiore».
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 141

5.5.1. Dante poeta nazionale


Nel primo saggio letterario scritto da Mazzini su Dante Alighieri, risalente al 1827,
che ha per titolo Dell’amor patrio di Dante 17, si analizza il significato di concetti come
«patria» e «Italia» fra il Duecento e il Trecento, quando le città italiane erano in guerra
fra loro e dilaniate al loro interno dalle lotte fra Guelfi e Ghibellini («nomi infausti a
ogni orecchio italiano» Mazzini, Dell’amor patrio di Dante 7-8). Operando quella
costruzione di un certo tipo di mitologia dantesca, per cui Dante diventerà nel
Risorgimento il poeta nazionale italiano ante litteram, come si è detto nel capitolo 2,
Mazzini esalta la funzione della letteratura nella creazione di uno spirito nazionale
italiano. Per ottenere ciò assegna a Dante l’appartenenza a un’entità «nazionale» che
supera le mura cittadine 18:
In tutti i suoi scritti, di qualunque genere essi siano, traluce sempre sotto forme diverse
l’amore immenso ch’ei portava alla patria; amore, che non nudrivasi di pregiudizietti, o di
rancori municipali, ma di pensieri luminosi d’unione, e di pace; che non ristringevasi ad un
cerchio di mura, ma sibbene a tutto il bel paese, dove il sì suona, perché la patria d’un
italiano non è Roma, Firenze, o Milano, ma tutta Italia. (Mazzini, Dell’amor patrio di Dante
17)
Mazzini fa riferimento esplicitamente alla Monarchia e al De vulgari eloquentia, per
affermare che Dante, pur lamentando il proprio esilio da Firenze (ad esempio nelle
canzoni Tre donne intorno al cor mi son venute; Amor, da che convien pur ch’io mi
dolga) 19, considera nazione e patria l’Italia nel suo insieme. Secondo Mazzini Dante
non si lamenta da esule perché si sente straniero nelle altre città italiane in cui è
costretto a vivere, soffrendo per non poter rientrare nella sua patria, limitata alla città
di Firenze, quanto perché il proprio esilio solo è conseguenza delle guerre e delle
controversie intestine che impediscono libertà, pace e unità all’Italia (Mazzini,
Dell’amor patrio di Dante 18-20).
Nello stesso saggio Mazzini riformula secondo i propri valori il canone classico
costituito dalle cosiddette tre corone, cioè attribuisce spirito patriottico e appartenenza
italiana anche a Boccaccio e a Petrarca. L’autore del Decameron viene esaltato per i
«tratti non meno aspri e pungenti» con cui rimprovera i costumi italiani
contemporanei, mentre di Petrarca Mazzini cita a mo’ di esempio i «tre sonetti, nei
quali impreca ogni castigo a Roma;» (Mazzini, Dell’amor patrio di Dante 15-16).
Petrarca viene anche ricordato come poeta che ha esplicitamente tematizzato l’Italia

17 Mirko Tavoni mette a fuoco acutamente la natura del «patriottismo» di Dante: «Questa speculare e
complementare ʿitalianità del latinoʾ e ʿlatinità dell’italianoʾ, ovvero questo ʿdoppio orgoglioʾ,
se non patriottismo, linguistico, costituisce a mio modo di vedere un’ottima chiave per capire il
peculiare orgoglio, se non patriottismo, politico, che Dante associa all’idea di Italia. È ovvio che
Dante non pensa in alcun modo a una unità politica dell’Italia nei termini di uno stato. Non
pensa minimamente a un Regno d’Italia analogo al Regno di Francia, o d’Aragona, o
d’Inghilterra. Il suo è un ʿpatriottismoʾ imperiale» (Tavoni 2012, 43)
18 Francesco Bruni ha ricostruito filologicamente e culturalmente questa linea di definizione dell’idea
di «Italia», analizzando il ruolo fondamentale che ha avuto Dante nel riprendere e trasmettere a
partire dal Medio Evo quello che era stato il ruolo dell’Italia nella costruzione politica e
culturale del Principato di Cesare Augusto (Bruni 2010, 69-103)
19 Alighieri, Rime XLVII, LIII.
142 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

come patria, ne ha lamentate le divisioni interne e la corruzione morale e civile, in


particolare nelle canzoni Italia mia, benché ’l parlar sia indarno e Spirto gentil che
quelle membra reggi (Mazzini, Dell’amor patrio di Dante 16) 20. Il saggio su Dante si
chiude con alcune considerazioni sulla funzione dell’eredità culturale e in particolare
letteraria nella costituzione dell’identità nazionale:
Apprendete da lui, come si serva alla terra natía, finché l’oprare non è vietato; come si viva
nella sciagura. – La forza delle cose molto ci ha tolto; ma nessuno può torci i nostri grandi:
né l’invidia, né l’indifferenza della schiavitù poté struggerne i nomi, ed i monumenti; ed ora
stanno come quelle colonne, che s’affacciano al pellegrino nelle mute solitudini dell’Egitto,
e gli additano, che in que’ luoghi fu possente città. (Mazzini, Dell’amor patrio di Dante 22-
23)
Il brano presenta notevoli coincidenze con il passo già commentato dell’Orazione
inaugurale di Foscolo in cui si parlava della persistenza delle creazioni di una cultura,
ben oltre la fine della società e della civiltà di cui era espressione 21. Anche Foscolo,
come Mazzini, parlando della cultura italiana faceva l’esempio dei monumenti lasciati
dagli antichi egizi e sopravvissuti alle successive dominazioni ben oltre la fine della
cultura e della società egizie, con una estensione e generalizzazione del concetto
oraziano di monumentum (si veda il capitolo 3 del presente lavoro).
La necessità che la letteratura contribuisca alla costruzione dell’identità nazionale
riguarda anche la letteratura contemporanea, cui Mazzini dedica saggi, articoli, e anche
molte delle sue lettere 22. In una lettera scritta da Berna nel 1834, durante il primo esilio
in Svizzera, firmata «nipote Emilia», in cui, per ragioni di censura, finge che sua
madre sia la zia della scrivente fittizia, Mazzini parla del romanzo storico Marco
Visconti di Tommaso Grossi, appena uscito in quell’anno. Pur dando un giudizio
estetico positivo sul romanzo, si lamenta la mancanza di un contenuto nazionale o
morale, la mancanza di riferimenti alla successiva dominazione straniera in Italia:
Grossi non ha potuto, o non ha voluto esser né l’uno né l’altro – dipinge, recita – senza
versare sul quadro o nel racconto un po’ dell’anima sua, dell’anima del XIX secolo – non
v’è una parola – una sola parola, che ricordi a chi legge che l’autore è Italiano – e che i
discendenti di Ludovico il Bavaro premono col piede sul collo de’ suoi fratelli, e de’
discendenti di Marco Visconti – non una di quelle parole che fanno balzare il core
d’orgoglio, o di rabbia – indifferenza alla Goethe. (Mazzini, Lettere 143-145)
Tutti gli elementi che legano letteratura e identità nazionale si ritrovano
nell’operazione filologica condotta da Mazzini a Londra per il recupero degli inediti di

20 A proposito del rapporto di Petrarca con la «patria» e l’esilio, Luca Marcozzi ricostruisce come
Petrarca nelle sue opere abbia costruito su di sé un vero e proprio personaggio in esilio, pur non
avendo mai subito un provvedimento che lo mettesse al bando da qualche luogo: «Il tema
dell’esilio è destinato a trovare in Petrarca un’espressione lirica nuova, che eliminerà del tutto la
dimensione civica del bando e si rivolgerà all’elegia latina, più che alla lirica volgare
precedente, per le metafore e le allegorie della condizione esistenziale, non contingente, di esule
e pellegrino» (Marcozzi 2011, 74).
21 Per la ripresa della concezione identitaria di Foscolo si veda il breve ma denso saggio dedicato da
Mazzini all'autore dei Sepolcri (Mazzini, Foscolo).
22 Come si mostra nello studio di Ossani per ricostruire il pensiero letterario di Mazzini occorre
leggere con attenzione l’epistolario mazziniano e in particolare le lettere indirizzate alla madre
(Ossani 1973, 61 e passim).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 143

Foscolo e della sua edizione della Commedia dantesca 23. Secondo Mazzini Foscolo
aveva il doppio merito, non ancora riconosciuto, di aver emendato filologicamente il
testo dantesco da aggiunte e correzioni spurie, fornendo al lettore italiano la possibilità
di accedere al tesoro linguistico-letterario costituito dal testo di Dante, e di aver
ricostruito l’italianità della biografia dantesca. In particolare dal commento foscoliano,
integrato da Mazzini, risulta che il poeta fiorentino ha saputo porsi al di sopra delle
dispute municipali fra città e città e dei due partiti, guelfo e ghibellino, che avevano
portato gli italiani alla guerra fratricida all’interno della stessa città:
E Vita e Testo si stanno tuttavia a rischio d’essere fraintesi in Italia dove l’assoluta
mancanza di critica letteraria lascia l’inesperienza dei giovani ai pericoli della diffidenza
cieca e della cieca venerazione, e gl’indizi del vero dati, com’è concesso, dai pochissimi
savi vanno sommersi nella farragine degli errori: il testo, sviato e guasto in mille guise dalla
molteplicità de’ copisti, dalla ignoranza dei più fra loro, dall’esclusiva fiducia d’ogni
Editore nel proprio Codice, e dal meschinissimo pregiudizio che trascina i più fra gli
scrittori toscani [...] a ringrettire il Verbo della Nazione futura per entro i termini d’una
provincia, e la maestà severa della lingua Dantesca tra gl’idiotismi e le sincopi effeminate
d’un dialetto – e sia pure il migliore – d’Italia[...].
Dante è tal uomo i cui libri studiati in un colla vita sarebbero da tanto da ritemprare
tutta una generazione e riscattarla dall’infiacchimento che tre secoli d’inezie o di servilità
hanno generato e mantengono. (Mazzini, A chi legge 181-182)
Mazzini esalta l’operazione filologica foscoliana e attribuisce a Dante una funzione di
fondazione dell’identità nazionale. Per quanto riguarda l’elemento identitario italiano
della lingua, ciò che più conta è il riferimento alla tradizione letteraria e in particolare
alla costruzione linguistica operata da Dante Alighieri, che soprattutto nella sua opera
maggiore ha cercato di superare i tratti municipali del proprio volgare. Per Mazzini la
lingua nazionale deve fondarsi su questa tradizione letteraria e culturale e per questo
prende le distanze dal progetto linguistico-culturale di Manzoni, pur non nominandolo:
secondo lui si restringe la lingua nazionale al dialetto di una sola città italiana se si
guarda come modello per l’italiano al fiorentino colto dell’Ottocento 24. In secondo
luogo Mazzini sostiene il valore dell’opera filologica foscoliana per quanto concerne
la ricostruzione della vicenda politica e biografica dantesca, in cui Foscolo ha
attribuito a Dante il ruolo nazionale di poeta con una propria appartenenza identitaria
italiana, non ristretta alle mura cittadine e ai partiti interni dei Guelfi e Ghibellini 25.

23 Facciamo riferimento alla Prefazione all’edizione di Dante Alighieri illustrata dal Foscolo del
1842, e all’Articolo premesso all’edizione di Lugano degli scritti politici di Ugo Foscolo, del
1844, ripubblicati nel secondo volume degli Scritti italiani di un italiano vivente, a Lugano, nel
1847; l’edizione Foscolo-Mazzini di Dante viene pubblicata nel 1840-1842.
24 Come noto Manzoni, negli scritti teorici ma soprattutto nella riscrittura del suo romanzo,
dall’edizione dei Promessi sposi del 1827 a quella del 1840, ha preso posizione nella questione
della lingua italiana sostenendo che si dovesse far riferimento non a tutta la tradizione letteraria
italiana, quanto ad una lingua viva contemporanea che fosse la più vicina a quella tradizione
letteraria, scegliendo di adottare il fiorentino parlato contemporaneo dai ceti colti (cfr. Serianni
1986).
25 Rientra fra gli autori topici citati da Mazzini come sostenitori dell’unità nazionale italiana anche
Niccolò Machiavelli, che ha testimoniato con la vita il proprio patriottismo e nei suoi scritti ha
portato avanti tre idee importanti per la realizzazione dell’unificazione italiana: la lotta al potere
144 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

5.5.2. Canone letterario e valori civici


Fin dai suoi primi scritti, Mazzini teorizza per la letteratura questa forte missione civile
e politica. A suo avviso lo scrittore non deve cercare il diletto del pubblico, né avere il
timore di turbare il lettore, ma neanche un formalismo basato sul rispetto assoluto del
genere letterario. Mazzini va oltre i principi espressi, da Manzoni, Tommaso Grossi
(1790-1853) e Silvio Pellico (1789-1854), in continuità con il gruppo milanese del
Conciliatore: secondo lui le idee da loro espresse sul rapporto fra letteratura e vita
politica e sociale vanno sviluppate in senso propositivo e non vittimistico (cfr. Tatti
2011a, 114-115). Sul piano politico molta è la distanza fra le posizioni di Mazzini e
quelle di Manzoni, come abbiamo mostrato a proposito della religiosità, mentre sul
piano letterario Mazzini prende posizione più volte a favore delle scelte manzoniane 26.
Il principio dell’autonomia dai generi letterari si ritrova nella recensione di una
rappresentazione della «commedia, o dramma, o melodramma, o azione tragica»,
tradotta dal francese, Trent’anni o la vita di un giuocatore, di Victor Ducange. Dopo
aver stigmatizzato le critiche formali rivolte all’opera, basate sul fatto che l’azione
messa in scena ha la durata di trent’anni, e quindi infrangerebbe l’unità di tempo
aristotelica, Mazzini giustifica la crudezza della rappresentazione drammatica degli
eventi, anch’essa oggetto di censura da parte della critica:
V’ha un’altra classe di critici, i quali si lagnano, che si presentino agli italiani spettacoli
d’orrore, a cui le loro menti ripugnano; ed affermano, che uno sgherro, un assassino, un
falsario son fuor dei limiti che s’assegnano all’arti dell’imitazione. – [...] Questi
contemplino sempre, se il possono, i prati ridenti di fiori; sorridano allo spettacolo d’un
avaro, che spegna l’ultima candela; e blandiscano la propria indolenza coi sonettini
d’Arcadia. – Ma non condannino a imbambolire tra le inezie le menti italiane, alle quali
Dante offriva un dì la pittura d’un uomo, che rode il teschio ad un altro; e d’un padre, tratto
dagli orrori della fame a pascersi delle carni de’ figli, perché sperava ritrarli dalla ferità dei
supplizi; e il cielo d’Italia era sereno, come a’ dì nostri – Io so, che il sorriso d’un bel cielo
azzurro, in una serena notte d’estate, è bello, e commove l’anima innamorata ad una
ineffabil dolcezza. Ma so pure, che il fremito della tempesta, e del mare agitato è sublime; e
rapisce l’uomo al freddo calcolo e all’egoismo individuale. (Mazzini, Trent’anni 57-58)
L’autore coglie l’occasione di questa recensione per enunciare la sua poetica e anche
la sua concezione di tradizione letteraria italiana, istituendo in qualche modo un
doppio canone, l’uno di letteratura impegnata, con alto valore etico e civile, l’altro di
pura evasione che si è avuta storicamente nel corso della letteratura italiana, ma che
Mazzini rigetta totalmente.
Il passo seguente in quest’uso della letteratura come attestato identitario della
nazione italiana è la costruzione di un canone di autori basato sul valore civico e sul
messaggio etico da essi espresso. Mazzini dedica al tema uno scritto teorico,

temporale corrotto della Chiesa, la messa in luce dei metodi di governo tirannici dei principi dei
vari stati italiani, l’idea che si dovesse realizzare una repubblica italiana (cfr. Mazzini,
Machiavelli).
26 Un ruolo importante viene assegnato da Mazzini all’Adelchi di Manzoni, nell’ambito del suo
discorso sul dramma storico (Mazzini, Dramma Storico). Anche il romanzo manzoniano viene
indicato come fondamentale per la nascita di un romanzo italiano (Mazzini, Romanzo).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 145

pubblicato in Svizzera nel 1836 (Mazzini, Storia letteraria), in cui va alla ricerca
dell’elemento popolare della storia letteraria, non più intesa come storia della
letteratura praticata nelle accademie e nelle corti. In ciò Mazzini segue le tendenze
della critica romantica europea, inoltre l’idea che la storia letteraria deve andare alla
ricerca dell’elemento popolare e nazionale viene sviluppato con originalità e inserito
da Mazzini nel proprio sistema di pensiero (cfr. Raimondi 1997; Ossani 1973, 82-83).
In questo senso il canone letterario nazionale dovrà essere costituito da quegli autori
che potranno essere indicati come guida, sia in passato che per gli italiani
contemporanei, sulla via della presa di coscienza di una comune identità nazionale. Per
Mazzini la storia letteraria italiana deve essere anche anche interpretazione filosofica
della storia dal punto di vista della costruzione della nazione, una costruzione che
Mazzini identifica con il progresso civile di un popolo:
Lo sviluppo civile di un popolo non si concentra oggimai più da chi ne imprende la storia,
nello sviluppo d’un ordine privilegiato, d’una famiglia, d’un individuo o d’alcuni individui
potenti. Sottentrano alle famiglie le razze, agl’individui le idee per essi rappresentate,
all’analisi nuda e gretta de’ fatti senza scorta o tentativo d’interpretazione, la fede in una
legge di progresso che attribuisce valore ai menomi eventi, edifica sulle vicende de’ popoli
la tradizione del genere umano, e protende l’ombra di Dio su tutto quanto il passato.
(Mazzini, Storia letteraria 110-111)
L’idea che la storia della letteratura italiana debba escludere quegli autori che non
hanno veicolato valori civici, o morali, lo porta a rinnegare gran parte della letteratura
compresa fra la fine del Rinascimento e l’avvento della letteratura illuministica. Come
abbiamo detto già a proposito di Foscolo, non si tratta di una novità poiché nel corso
del Settecento si era manifestata questa tendenza ad escludere dal canone letterario i
testi visti come mero esercizio formalistico e accettazione completa della volontà del
principe e della dominazione straniera in Italia 27.
Anche Mazzini, come Foscolo, riprende la triade Dante, Petrarca, Boccaccio,
insistendo sul valore civile e morale dei loro testi e, nel caso di Petrarca scegliendo, i
testi che più si orientano in questa direzione. Nella Prefazione a un periodico
letterario, redatta da Mazzini nel 1836, si pone la necessità, per l’Italia, di una critica
letteraria che possa promuovere, incoraggiare e indirizzare la letteratura, perché a suo
avviso ai suoi tempi tutto quello che accade in campo letterario in Italia è morto:
Un’epoca dell’Arte è conchiusa; e noi rinnegando lo scetticismo, suicidio dell’anima:
rinnegando le teoriche che si prostrano davanti all’individuo e l’adorano com’unica sorgente
di Poesia: rinnegando la scuola che col precetto l’Arte per l’Arte, innalza l’ateismo letterario
a credenza e fa legge dell’anarchia: rinnegando gli sforzi di tutti coloro che retrocedono nel
passato, cercano ispirarsi a’ cadaveri, e piantano le loro tende sulle ceneri e tra le rovine:
dobbiamo, scevri di cieca audacia e di cieca venerazione, discuter quell’epoca, chiederne i
procedimenti alle storie, le sorgenti d’ispirazioni a’ suoi Grandi, l’ultima formola alla
filosofia, costituire evidente la tradizione, coronar di fiori le sepolture de’ suoi Potenti,
prostrarci un istante alle sue rovine: e andar oltre.

27 Sul concetto insiste Battistini, analizzando la costituzione nei testi letterari delle idee
risorgimentali, quando afferma che a partire dal Settecento si diffonde la tendenza a includere
nel canone letterario italiano anche scienziati e filosofi in quanto s’insiste sulla necessità che la
letteratura veicoli un sistema di valori e non sia mero esercizio formalistico (Battistini 2011,
33).
146 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

Andar oltre, perché stando o retrocedendo, mal si provvede all’onore ed all’incremento


della nazione, perché vita e moto e progresso son voci sinonime, perché gli studi delle altre
nazioni procedono e i nostri giacciono da tre secoli. (Mazzini, Prefazione di un periodico
letterario 98-99)
Mazzini auspica una storia letteraria che attraverso lo studio dello sviluppo storico
della letteratura sia soprattutto incentivo e orientamento per la cultura e la letteratura
del presente. In un altro passo del testo citato troviamo anche l’indicazione di altri due
nomi emblematici che affiancano quello di Dante, e cioè Giordano Bruno (1548-1600)
e Vico. Nel caso di Bruno siamo di fronte a una particolare figura di filosofo e
scrittore, morto sul rogo nel 1600, visto da Mazzini come un martire per la libertà
italiana dall’oppressione della Chiesa. Per quanto riguarda Vico, come Foscolo e
Cuoco, anche Mazzini considera i suoi scritti e la sua particolare visione della
continuità della storia culturale e identifica una linea originale di pensiero, considerata
un elemento fondante del patrimonio culturale italiano inteso in senso nazionale.
Strettamente legato al valore etico e civile della letteratura è il concetto che la
letteratura debba promuovere la libera circolazione delle idee, come dichiarato nel
brano seguente tratto dal saggio Fede e avvenire (1835). Si tratta di un’ampia
riflessione sulla visione mazziniana della società, che aveva avuto come occasione
immediata il varo in Francia di una legge che limitava la libertà di stampa:
Ma ponete un paese privo assolutamente di Stampa, senza Parlamento o Consigli che
discutano, senza Giornali letterari, senza teatro nazionale, senza insegnamento popolare,
senza libri stranieri. [...] Or quel Paese esiste. Quel paese ha nome Italia, Polonia, Germania
da qualche tempo. Quel paese abbraccia i due terzi quasi d’Europa. (Mazzini, Fede e
avvenire 302-303)
Nell’articolo intitolato Missione della stampa periodica, pubblicato in Italia del
popolo a Milano nel 1848, Mazzini passa in rassegna i grandi mutamenti che si stanno
producendo in Italia e in Europa, aprendo la via alla realizzazione dell’unità nazionale
italiana. A fronte di tali mutamenti Mazzini esprime la necessità di una capillare opera
di educazione popolare, indispensabile perché gli italiani «imparino ad amarsi», cioè
possano costituire una vera e propria comunità unitaria. A tale scopo si rende
improcrastinabile in Italia la libertà di diffusione della stampa periodica con una
missione precisa e specifica:
E base, principio sommo di questa opera educatrice a cui noi invitiamo i nostri fratelli della
stampa politica, è la santità, l’inviolabilità del Pensiero. È il nostro palladio; e noi ne siamo
custodi. Ognuno di noi, qualunque sia l’opinione particolare alla quale appartiene, dovrebbe
farsi mallevadore per tutti della libertà del pensiero. Ognuno di noi, repubblicano,
monarchico, unitario o federalista, dovrebbe stringersi agli altri come a fratelli su questo
terreno comune. […]
Il primo atto collettivo del giornalismo ne fonderà a un tempo la moralità e la potenza.
In noi sta oggi l’espressione molteplice della coscienza italiana. È deposito sacro; e dovremo
vegliarvi sopra, come i Leviti vegliano sull’Arca del Patto. (Mazzini, Della stampa
periodica 379-380)
Ritorna qui il concetto illuministico del pluralismo delle idee e della libertà di
pensiero, ma a ciò si aggiunge l’elemento dell’identità nazionale italiana, a cui
secondo Mazzini, si legano necessariamente tali libertà. Il ruolo della letteratura viene
qui accumunato a quello della della stampa, rappresentate come deposito identitario
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 147

della nazione, reso con l’immagine del «palladio» della mitologia greca e con quella
dell’«Arca» e dei «Leviti» della mitologia biblica. Tale componente libertaria della
letteratura nazionale si esprime in modo specifico nell’esaltazione della figura di
Giordano Bruno, cui Mazzini, come abbiamo detto, dedica molti riferimenti nella sua
opera 28.
Come era stato anche per Cuoco, letteratura e giornalismo hanno un ruolo
fondante di una comunità nazionale in quanto contribuiscono all’educazione del
popolo al fine di costruire una comunità nazionale. Per Mazzini il concetto di
letteratura popolare si viene a costituire così nel senso di letteratura destinata
all’educazione popolare, con lo scrittore che viene a ricoprire il ruolo di guida, per
certi versi profetico, per mostrare al popolo la strada verso la libera costruzione
dell’identità nazionale (cfr. Ossani 1973).
Mazzini rivolge queste considerazioni sul ruolo della letteratura direttamente agli
scrittori contemporanei, come accade per l’articolo del 1832 intitolato «Ai Poeti del
secolo XIX». Nel testo si parte dalla rassegna del panorama letterario europeo, per
arrivare ad analizzare la situazione italiana, rivolgendo anche richieste e istanze ben
precise ai poeti contemporanei. Al grido diffuso che la poesia è morta, che dopo la fine
dell’era napoleonica non c’è più poesia in Europa, Mazzini oppone la sua visione di
poesia e di letteratura nazionale: se è morta la letteratura della vecchia Europa, è ora
giunto il tempo che la poesia sia espressione dei popoli che si sono ribellati al dominio
napoleonico in Spagna e in Germania:
Vorreste opporre la poesia gretta, angusta, pallida, degl’individui, poesia di forma, poesia
che vive e more nel cerchio angusto d’una reggia, d’una cappella, d’un vecchio castello, alla
grande poesia sociale, solenne, tranquilla, fidente, che non riconosce se non Dio nel cielo, il
popolo sulla terra? (Mazzini, Ai Poeti 124)
La nascita di una poesia che sia espressione dei popoli è auspicio di Mazzini per tutta
l’Europa, ma questo rinnovamento deve interessare in particolare la letteratura italiana.
Per Mazzini, come approfondiremo nell’ultimo paragrafo di questo capitolo, il male
maggiore della letteratura italiana contemporanea è la mancanza di apertura verso
l’Europa e verso le altre letterature, per questo occorre innanzitutto che i poeti italiani
conoscano e leggano quanto si scrive negli altri Paesi europei, nelle altre letterature
europee, che non si chiudano nel culto delle memorie e delle glorie del passato.
Mazzini afferma che, se sul campo di battaglia esistono stranieri nemici, non
bisogna per questo considerare nemici gli stranieri sul piano culturale. Si deve al
contrario conoscere e approfondire quello che è stato elaborato in altri paesi europei
per quanto riguarda la filosofia e la giurisprudenza, tanto più che spesso sono state
riprese e sviluppate le idee di scrittori e pensatori italiani, come Vico e Beccaria.
Dunque Mazzini esorta gli scrittori contemporanei, in particolare negli anni che
seguono il 1830, a guardare al panorama culturale europeo e a sviluppare la propria

28 L’interesse di Mazzini per il filosofo nolano morto sul rogo a Roma è documentato in una lettera
alla madre dall’esilio svizzero, il 28 febbraio 1836, in cui chiede di incaricare l’amico Filippo
Bettini di reperire e spedirgli materiale bibliografico sulla figura di Giordano Bruno, «tutto ciò a
bell’agio, dando di tempo in tempo una mezz’ora a questo, ed avendone la mia gratitudine, ed
anche il piacere di contribuire a qualche cosa che sarà fatto in onore d’Italia presso lo straniero»
(Mazzini, Lettere 160).
148 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

eredità culturale senza chiudersi in un gretto e sterile culto delle glorie culturali
nazionali:
Pensate a questo, pensate a rinnovare l’edificio intellettuale cogli scritti, poiché il politico
non potete: scotete le menti, mutando il punto di mossa, e la linea di direzione, scrivete
storie, romanzi, libri di filosofia, giornali letterari: ma sempre colla mente all’intento unico,
che dobbiamo prefiggerci, col core alla patria. […] Dissotterrate i documenti delle nostre
glorie, e delle nostre virtù, ch’oggi dormono nei sepolcri de’ nostri grandi; risuscitate colla
pittura delle antiche battaglie, e degli antichi sacrifici, l’antico valore. Ricordatevi sempre,
che alla patria non si giova adulandola, o riposando sugli allori de’ padri, o sui simulacri
d’illustri, che vi lasciarono una eredità pur troppo oggi contaminata, e che forma la nostra
condanna, dove non sappiamo aumentarla. (Mazzini, Ai Poeti 132-133).

5.5.3. Identità italiana: letteratura ed esilio


Il terzo elemento che lega la letteratura alla costruzione dell’identità italiana è il fattore
dell’esilio, considerato da Mazzini una costante della storia letteraria italiana. Nel
saggio sulla «storia letteraria», in cui si affronta il tema del rapporto fra scrittori e
popolo, Mazzini tenta di superare l’idea di storia letteraria costruita sui grandi scrittori
e assegna un ruolo particolare all’esilio. Nel suo progetto di storia letteraria italiana
emerge come punto centrale quello della ricerca d’identità come tentativo di dare una
casa a un popolo, quello italiano, che non ne ha mai avuta una sua, ma che può
ottenerla in virtù della sua tradizione culturale e letteraria e della sua appartenenza alla
storia europea (Mazzini, Storia letteraria), un tema che verrà promosso con vigore
negli scritti giornalistici e pubblicistici di Trivulzio (vedi capitolo 6).
Alla definizione identitaria italiana elaborata negli scritti di Mazzini si aggiunge
una categoria che rende la sua idea di nazione in qualche misura più fluida e aperta,
quella dell’esilio. Come abbiamo visto la caratteristica dell’esilio accumuna come dato
concreto tutti e tre gli autori fin qui trattati, e come vedremo riguarderà gran parte della
vita di Trivulzio. Dal punto di vista biografico, per Mazzini, cospiratore, organizzatore
di moti rivoluzionari, ispiratore della Carboneria, poi fondatore della Giovine Italia e
della Giovine Europa, l’esilio ha costituito una costante.
Gli anni di esilio in Francia, in Svizzera e soprattutto i due lunghi soggiorni in
Inghilterra, dal 1837 al 1848 e dal 1851 al 1859, sono stati periodi assai fecondi per la
produzione ed elaborazione di scritti sul Risorgimento italiano 29. Nel profilo
identitario nazionale da lui elaborato, da un lato si guarda alla letteratura d’impegno
civile, ai nomi paradigmatici di Dante e Machiavelli, e anche a Foscolo, come
elemento di continuità, un legame fra Risorgimento italiano e mito di Roma e della
Grecia antica, dall’altro emerge l’idea che l’Italia possiede una sua identità ben

29 Un particolare rilievo ha avuto nel Risorgimento la comunità degli italiani in esilio a Londra, a
partire dalla generazione di Foscolo, come nota Maurizio Isabella: «Non vi era dubbio che una
valutazione delle qualità degli inglesi confermasse nella mente degli esuli la supposizione che il
degrado morale che affliggeva gli italiani fosse dovuto alla natura dispotica dei loro governi.
Questa degenerazione morale aveva non solo condannato il volgo all’ignoranza e
all’indifferenza, ma anche, come osservava Foscolo, coinvolto le classe superiori. La società
inglese appariva così come l’esatto opposto dell’Italia del tempo, ed era alla libertà inglese che
gli italiani dovevano aspirare se volevano diventare una nazione» (Isabella 2011, 164).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 149

individuata da secoli, ma che questa identità sia quella di una schiava da liberare e di
un’esule cui restituire un suo territorio, come abbiamo già visto precedentemente.
Durante il primo esilio londinese Mazzini istituisce una scuola operaia gratuita, anche
con lo scopo di riunire la comunità degli emigranti italiani e trasmettere loro la lingua
e la cultura italiana, come racconta in una lettera alla madre del 1841 (Mazzini, Lettere
280). Tuttavia la vita della scuola non è facile soprattutto per l’avversione della chiesa
e in particolare della cappella sarda, cioè la parrocchia costituita dalla chiesa cattolica
per gli emigrati a Londra provenienti dal Regno di Sardegna. In un’altra lettera alla
madre, risalente all’aprile 1842, quando i corsi sono ormai avviati, Mazzini racconta
che il cappellano sardo a Londra non solo ha minacciato la scomunica al Mazzini
stesso, ma ha rivolto questa minaccia dal pulpito e dal confessionale anche ai bambini
che frequentano la sua scuola e ai loro genitori (Lettere, 294-295). Nonostante le
censure ecclesiastiche, il progetto mazziniano si consolida e la scuola conclude
felicemente il primo anno di corsi, dando l’occasione per una celebrazione in cui
Mazzini pronuncia parole significative sul rapporto fra migrazione e identità
nazionale:
Quello che voi avete fatto qui in Londra, altri Italiani usciti come voi senza istruzione dal
loro paese, lo fanno in Boston, a New York, a Montevideo, dove scuole simili alla nostra si
sono, per opera dei buoni, fondate. Lo farebbero in qualunque punto scuole siffatte
s’aprissero. Lo farebbero e lo fareste con tanto più calore in Italia, se in Italia i potenti, i più
non Italiani, ma stranieri d’origine o imparentati cogli stranieri, non avessero per regola
generale di soffocare, quanto è possibile, ogni sviluppo d’intelligenza, e specialmente in
quella parte della nazione ch’essi chiamano popolo. (Mazzini, Scuola Italiana 341)
Con questa riflessione Mazzini individua un segmento importante del popolo, inteso
come soggetto nazionale, non solo negli esuli che appartengono all’élite intellettuale, e
che svolgono in qualche modo una funzione di testimonianza e di guida, ma anche fra
le masse di emigranti, che nel caso dell’Italia erano consistenti già nella prima metà
dell’Ottocento. Mazzini indica in loro non soltanto una quota di popolazione da
recuperare alla vita della comunità nazionale, ma addirittura una sorta di avanguardia
che potrebbe costituire il nucleo vitale del «Risorgimento» nazionale e della futura vita
nazionale. In altri termini Mazzini individua nella condizione di esuli quella libertà e al
tempo stesso quella visione della questione nazionale al di sopra della ristrettezza degli
interessi locali, per cui, partendo dagli esuli e dagli emigranti, si può elaborare e
costruire un concetto di nazione più moderno e più aperto all’integrazione
internazionale 30.
Abbiamo già parlato della cura di Mazzini nella raccolta e pubblicazione di scritti
inediti di Foscolo, in quanto il suo esilio viene visto come simbolo e incarnazione
dello spirito nazionale italiano. Nella prefazione Mazzini dichiara di voler esaltare
Foscolo come «uomo», come testimone di una lotta appassionata per la liberazione
della patria italiana, pur non condividendone il materialismo e lo scetticismo. La

30 Come abbiamo già riferito, la centralità della categoria dell’esilio, presente sia nell’esperienza e
nell’opera di Foscolo e di Cuoco, sia come vedremo in quella di Cristina Trivulzio, accompagna
tutto il Risorgimento italiano, come risulta dallo studio già citato di Maurizio Isabella (Isabella
2011).
150 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

rappresentazione che Mazzini dà dell’Italia napoleonica è nettamente negativa, in


quanto parlando di Foscolo afferma:
Scriveva in mezzo al tumulto d’una rivoluzione non italiana, promossa dall’armi straniere,
diretta con norme straniere e da uomini stranieri o ligi agli stranieri; e più tardi; tra la
solitudine delle rovine, caduto anche l’eco di quel tumulto che non foss’altro era vita;
caduto l’uomo che l’Europa aveva salutato invincibile e dal quale egli aveva sperato, non
certo libertà e leggi eque, ma che s’educasse l’Italia all’armi. Vedeva, tornati
apparentemente in nulla trenta anni di sforzi giganteschi e di sangue versato a torrenti, i
popoli d’Europa ricollocarsi spossati, tremanti, sotto l’antico giogo riconsecrato dalla
vittoria, e l’Italia, tradita, venduta, trafficata da amici e nemici, giacerci come cadavere che
fu scosso da moti galvanici, senza scintilla di vita propria, senza indizio visibile di futura
risurrezione. (Foscolo-Mazzini, Scritti politici 35)
Mazzini rigetta le varie esperienze dell’Italia napoleonica, per l’esito storico, cioè la
sconfitta e la restaurazione dei regimi precedenti, per i presupposti giacobini e
illuministici da cui lo allontana la sua visione mistica della storia e della politica,
perché basata sul dispotismo di Napoleone che, come successivamente Napoleone III,
aveva mirato ad una costellazione di Stati italiani, senza mai accettarne l’unificazione.
In altri testi il giudizio mazziniano su Napoleone e sulla rivoluzione francese è più
articolato e meno nettamente contrario, in quanto si riconosce al cosmopolitismo e alla
sua realizzazione con la rivoluzione francese il merito di aver lottato contro i regimi
tirannici che non costituivano in sé la realizzazione di libere nazioni 31.
Durante la sua formazione culturale e letteraria, Mazzini ha rivolto la sua
attenzione a due autori come Dante e Foscolo, per i quali la categoria dell’esilio è
strettamente legata alla loro produzione letteraria e al valore civico della loro opera. In
seguito il genovese ha sperimentato tutto ciò in prima persona, avendo vissuto gran
parte della sua vita in esilio, tanto che, anche dopo il compimento dell’unificazione
italiana, gli è stata preclusa qualsiasi possibilità di azione politica e istituzionale
(Salvatorelli 1967a, 59; 64). Come nel caso di Foscolo, la condizione dell’esule ha
contribuito a fornire a Mazzini una visione dell’identità nazionale non ristretta e chiusa
all’interno delle frontiere, ma aperta allo spazio europeo. In virtù di ciò Mazzini andrà
alla ricerca a Londra di scritti foscoliani inediti, e s’impegnerà per dare alle stampe il
commento dantesco di Foscolo: come per Foscolo anche per Mazzini, Dante Alighieri
era primo poeta, primo esule, primo patriota italiano 32.

31 In Mazzini, Libertà in Italia 392, si attribuisce alla rivoluzione francese e a Napoleone l’aver
introdotto il principio democratico dell’uguaglianza, che ha avuto il potere di spingere il popolo
a combattere e ha ottenuto che si formassero tutti gli eserciti che hanno combattuto sotto la
guida francese dalla rivoluzione fino alla fine del potere napoleonico. Una rappresentazione in
toni mitici dell’epopea napoleonica si trova anche in un articolo del 1832 indirizzato «Ai Poeti
del secolo XIX», laddove si parte dal confronto fra la situazione della Francia napoleonica alla
nascita del figlio dell’Imperatore e la situazione europea alla sua morte, venti anni dopo, a
Vienna (Mazzini, Ai Poeti, 106-117).
32 Alberto Asor Rosa apre il già citato volume dedicato al tema «La letteratura italiana e l’esilio» con
un saggio in cui inserisce gli esuli rinascimentali in una più ampia vicenda che mostra la
centralità di questa categoria nello sviluppo della letteratura italiana (Asor Rosa 2011b, 11).
Significativamente fa riferimento a Dante Alighieri anche Dante Gabriele Rossetti, che
sovrappone la propria posizione autobiografica di intellettuale in esilio a quella di Dante,
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 151

Dopo aver analizzato la costruzione identitaria di Mazzini in rapporto alle idee del
Risorgimento italiano e le funzioni che vengono assegnate alla letteratura nel suo
sistema di pensiero, metteremo a fuoco il rapporto di Mazzini con le particolarità
regionali e locali che in qualche modo contrastano l’idea unitaria d’identità nazionale.

5.6. Elementi identitari locali e regionali nella costruzione


nazionale unitaria secondo Mazzini
Nella visione politica mazziniana, religiosa e misticheggiante, le peculiarità e diversità
regionali e locali, come ogni elemento che potrebbe incrinare l’unitarietà della
nazione, sono rigettate e contestate. Giuseppe Mazzini è genovese, suddito del Regno
di Sardegna, in seguito diventa animatore del governo provvisorio di Milano, nel 1848,
quindi triumviro, cioè uno dei capi, nella Repubblica romana del 1849, infine a Napoli
a fianco di Giuseppe Garibaldi, che era dittatore del decaduto Regno delle Due Sicilie.
Aveva fatto così esperienza nella sua vita della somma di contrasti e di peculiarità
locali delle varie regioni italiane, tuttavia per lui tutto ciò era da considerare sempre
come un limite e un ostacolo da superare, non cessando mai di predicare la necessità di
uno Stato italiano unitario, democratico e centralizzato, contro ogni particolarismo
locale. Si tratta di una visione negativa delle differenze e particolarità locali che
ritroveremo in Trivulzio, secondo cui non sarebbe stata adatta per l’Italia una forma di
Stato federale (si veda il capitolo 6). Vedremo in questo paragrafo come Mazzini
individua e compone le differenze culturali nell’ambito del suo ideale d’identità
italiana unitaria 33.
Nella tenace opera mazziniana di costruzione e realizzazione dell’identità italiana,
ogni pluralismo culturale, ogni identità regionale o locale aveva una valenza
potenzialmente negativa, tanto che Mazzini rigetta le ipotesi di costituire un regime
federale in Italia. In una lettera del 21 febbraio 1848, dopo lo scoppio delle prime
rivolte in Sicilia, con le successive concessioni di una costituzione da parte del
governo toscano e di quello piemontese, Mazzini critica questa nascita di tante «Italie»
democratiche, poiché secondo lui l’identità italiana deve essere unitaria:
L’anima mia è difficile alla gioia; e non è colpa mia. Forse, una sola cosa potrebbe
ringiovanirla; e ne siamo ben lontani. Un’idea ha dominato la mia vita intera; e questa idea
non è un po’ più o un po’ meno di libertà; questa idea non è né Genovese, né Piemontese, né
Napoletana, né Toscana; è italiana. Il mio culto politico è all’Italia una, una dall’Alpi alla
Sicilia, col senno Italiano concentrato in Roma, nella Roma del Popolo, dettandosi leggi
dedotte dalla coscienza della Verità eterna, diverse quindi radicalmente da tutte quelle

nell’ambito della propria creazione letteraria di una patria immaginaria o ideale (Döring 2010,
280).
33 Questa contraddizione viene analizzata da Luigi Salvatorelli, che mette anche a confronto la
posizione di Mazzini con quelle federalistiche di Cattaneo e Ferrari, in Salvatorelli 1960, 99-
100; 111-112. Giuseppe Langella sottolinea che autori come Giuseppe Cesare Abba e Massimo
D’Azeglio, pur convinti sostenitori dell’unificazione nazionale italiana, non mancano di rilevare
e sottolineare le differenze linguistiche e culturali fra le varie regioni italiane e fra gli Stati
italiani preunitari (Langella 2005, 263-70).
152 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

ch’esistono, e che sono tutte più o meno basate sulla menzogna, su quelle che chiamano
finzioni legali. (Mazzini, Lettere 410-411)
L’identità nazionale secondo Mazzini non lascia spazi a possibili compromessi, dato il
suo fondamento mistico-religioso. Mazzini non ammette nessuna articolazione
identitaria interna rispetto alla realizzazione dell’unità nazionale, ma ciò non significa
che la pluralità culturale dell’Italia gli sia sconosciuta: le ripetute insistenze sulla
necessità di superare i particolarismi sono anche frutto della consapevolezza che le
diversità culturali fra le diverse regioni e città italiane fossero molto spiccate. A questo
proposito, Foscolo non dà grande peso alla questione dell’unificazione politica, e dal
suo punto di vista l’unità nazionale è basata piuttosto su ideali democratici e libertari e
sul patrimonio culturale comune a livello di letteratura, di storia culturale e di arte; per
Cuoco ci sono oscillazioni nell’identificarsi con una patria italiana o con il Regno delle
Due Sicilie, a seconda del momento storico-politico; Mazzini vede sempre e in ogni
caso le diversità locali come ostacoli da abbattere per costruire una identità nazionale
italiana considerata un valore assoluto.
In questo campo è tradizionale la contrapposizione fra le posizioni di Giuseppe
Mazzini e Carlo Cattaneo, in quanto il secondo era un convinto assertore della pluralità
irriducibile delle identità locali italiane (cfr. Armani 2004, 58-74). Uno dei saggi più
rilevanti di Carlo Cattaneo, risalente al 1858, è quello in cui lo scrittore sostiene che
l’unico elemento che unisce gli italiani è la civiltà cittadina, cioè l’aver costruito la
propria civiltà su una rete di città, che ne costituiscono i tanti centri autonomi:
Ed ora, per quanto l’angustia dello spazio il consente, vorremmo ampliare questo vero fino
al punto di dire che la città sia l’unico principio per cui possano i trenta secoli delle istorie
italiane ridursi a esposizione evidente e continua. Senza questo filo ideale, la memoria si
smarrisce nel labirinto delle conquiste, delle fazioni, delle guerre civili e nell’assidua
composizione e scomposizione degli stati; la ragione non può veder lume in una rapida
alternativa di potenza e debolezza, di virtù e corruttela, di senno e imbecillità, d’eleganza e
barbarie, d’opulenza e desolazione; e l’animo ricade contristato e oppresso dal sentimento
d’una tetra fatalità. (Cattaneo, La città 383-384)
Cattaneo analizza e mette a confronto in modo dialettico la varietà culturale, storica e
politica fra le regioni italiane, dall’Italia pre-romana all’Italia del Risorgimento, e
mostra la costante strutturale della centralità della città, individuando in essa la
peculiarità italiana fin dai primordi della storia di Roma:
Fin dai primordi la città è altra cosa in Italia da ciò ch’ella è nell’oriente o nel settentrione.
L’imperio romano comincia entro una città; è il governo d’una città dilatato a comprendere
tutte le nazioni che circondano il Mediterraneo. La fede popolare derivò la città di Roma
dalla città d’Alba; Alba da Lavinio, Lavinio dalla lontana Troia; le generazioni dei popoli
apparvero alla loro mente generazioni di città. (Cattaneo, La città 384)
A differenza di Cattaneo, secondo cui l’identità italiana s’incentra sulla differenza e
sulla specificità locale, tanto che l’unico elemento connettivo italiano è la presenza
della città, Mazzini ha fondato la costruzione nazionale italiana sul superamento e
l’abbattimento di ogni possibile differenziazione o frontiera interna.
Mazzini non manca di rilevare sia le diversità geografiche e culturali interne alle
regioni italiane, sia il significato e il peso delle divisioni secolari, da cui è derivata la
molteplicità degli Stati in cui si dividevano le regioni italiane, fino alla proclamazione
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 153

del Regno d’Italia nel 1861. La nostra analisi del rapporto di Mazzini con le culture e
le identità locali interne all’Italia si articola su due punti: radicamento e superamento
del sistema degli stati preunitari; apporto delle diverse città e regioni all’identità
nazionale.

5.6.1. Identità nazionale e Stati italiani pre-unitari


Mazzini fa spesso riferimento alla divisione politica dell’Italia, criticandone l’assetto,
in quanto le divisioni che hanno caratterizzato tutta la storia italiana non sono da
considerare, come per Cattaneo, elementi intrinseci alla sua identità, bensì soltanto un
grave problema da risolvere. Nel 1858, alla vigilia della serie di spedizioni, moti e
ribellioni che avrebbero accompagnato la seconda guerra per l’indipendenza italiana,
conclusasi con la proclamazione del Regno d’Italia, Mazzini scrive un lungo articolo
in forma di messaggio rivolto al primo ministro del Regno di Sardegna, il Conte di
Cavour. Lo scritto accompagna i contatti fra Mazzini e la corte di Savoia per mettere
da parte l’esclusiva repubblicana e accompagnare e sostenere l’iniziativa regia per la
realizzazione dell’indipendenza e dell’unificazione italiana. Fatta salva l’idea
repubblicana, che Mazzini non poteva proporre al primo ministro del Regno di
Sardegna, troviamo qui i numerosi punti programmatici che lo separano dalla politica
piemontese, e che intende sostenere per concedere il suo appoggio politico
all’unificazione italiana per conto della monarchia. In particolare Mazzini considera
inaccettabile qualsiasi soluzione futura che mantenga l’assetto della divisione
dell’Italia in più Stati:
Non so se gli uomini ai quali alludo s’avvedano che l’alleanza col Bonaparte vale
inevitabilmente da parte vostra: accettazione dell’assassinio di Roma: – negazione di libertà
per qualunque parte d’Italia rovesciasse, sotto i vostri auspicii, il suo Governo: – patto
nefando di promuovere la dedizione del Sud a un prefetto dell’Impero, Murat, purché il
Bonaparte cooperi a che i dominii del re vostro s’impinguino dei Ducati e non d’altro,
perché le segrete millanterie sul Lombardo-Veneto non sono per voi che artificio di chi
chiede il più per ottenere il meno più agevolmente. (Mazzini, Al conte di Cavour 656-657)
L’integrità territoriale ha un valore dogmatico nella concezione mazziniana: non si può
neanche prendere in considerazione una soluzione parziale all’unificazione italiana. Di
qui la sua insistenza sul fatto che debbano cadere tutti gli Stati che suddividono il
territorio italiano. Per questo Mazzini è pronto a concedere al Re di Sardegna di porsi a
capo del moto risorgimentale, solo a patto di rinunciare alla politica regionale per
assumere la guida e l’orizzonte di una politica italiana:
Non so se i vostri s’illudano; ma voi di certo non v’illudete. L’Italia, checché avvenga, non
può farsi Piemonte. Il centro dell’organismo Nazionale non può trasferirsi all’estremità. Il
core d’Italia è in Roma non in Torino. Un monarca Piemontese non conquisterà Napoli mai:
Napoli si darà alla Nazione, non mai a un principe d’altra provincia italiana. (Mazzini, Al
conte di Cavour 663)
Mazzini, pur in assenza di un precedente storico, punta tutto sul proprio progetto
unificatore, negando qualsiasi legittimità alla realizzazione di un sistema politico
italiano ricalcato su quello che aveva impiantato in Italia Napoleone I, basato su due
154 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

stati maggiori (il Regno d’Italia nell’Italia settentrionale e il Regno di Napoli


comprendente tutto il Meridione), il primo controllato direttamente dall’imperatore
francese, pur con governo e parlamento italiani, il secondo sotto lo scettro di un
parente fidato, Murat. Per Mazzini il Regno di Napoli, pur forte di un’unità territoriale,
una storia culturale e una continuità politica ben definita e risalente addirittura al
Medioevo, è parte integrante dello Stato italiano da costruire. Il progetto francese di
far risorgere a Napoli un regno affidato a un discendente di Gioachino Murat spinge
Mazzini a prendere posizione nettamente contro questa ipotesi che viene definita
murattismo 34.
In uno scritto del 1859, indirizzato ai giovani d’Italia, Mazzini ritorna a parlare in
termini mistici delle divisioni politiche italiane e della necessità di superarle:
Non vi sono cinque Italie, quattro Italie, tre Italie. Non v’è che una Italia. I tiranni stranieri e
domestici l’hanno tenuta e la tengono tuttavia serva e smembrata, perché i tiranni non hanno
patria: ma qualunque tra voi intendesse smembrarla redenta o accettasse, senza lotta di
sangue, ch’altri la smembrasse, sarebbe reo di matricidio e non meriterebbe perdono né in
cielo né in terra. (Mazzini, Ai giovani d’Italia 26)
Date queste premesse, non sarà accettabile per Mazzini né una soluzione di
compromesso all’unificazione italiana, in modo da mantenere in vita almeno una parte
degli stati preunitari, né una soluzione federalista, per cui il nuovo stato possa in
qualche modo articolarsi secondo le differenze e peculiarità locali:
Noi siamo dichiaratamente e prima d’ogni altra cosa unitari. Noi respingiamo l’unione, voce
equivoca, non definita, che usurpa le forme e tradisce l’anima del concetto italiano,
sostituendo al futuro un rimaneggiamento delle condizioni del presente, al trionfo
dell’elemento nazionale una transazione d’accordo fra gli elementi provinciali che
costituiscono attualmente il paese. Noi respingiamo, se pur esiste, come anarchico,
retrogrado e negativo d’ogni missione, d’ogni potenza, d’ogni progresso italiano, il progetto,
che concedendo predominio all’elemento locale, ricondurrebbe l’Italia alle repubblichette
dell’evo medio. Noi respingiamo la proposta d’una Dieta italiana che mandataria dei
principi o di Stati, come anche oggi sono, politicamente divisi, non potrebbe che costituire
ordinato il federalismo e dare autorità di sanzione legale al fatto transitorio dell’oggi:
l’assemblea del popolo italiano può sola sciogliere il nostro problema. (Mazzini, Italia del
popolo 575)
Il brano è tratto dal programma del giornale pubblicato a Milano fra il 13 maggio e il 3
agosto 1848, nel pieno dell’insurrezione milanese e della prima guerra d’indipendenza,
quando da un lato incoraggiava l’iniziativa della liberazione della Lombardia,
dall’altro prendeva le distanze da qualsiasi soluzione di compromesso al problema
dell’unificazione italiana. Nel documento, non solo Mazzini respinge l’idea che gli
Stati preunitari possano partecipare alla costruzione dell’Italia unita, che sarebbe non
più che una federazione di principati, ma esprime anche il concetto che le tante
diversità e peculiarità locali debbano essere annullate per non ricadere in quella che

34 In una lettera del 1855 indirizzata a Nicola Fabrizi a Malta Mazzini espone tutta la sua
preoccupazione per i preparativi in corso di un moto a Napoli che abbatterebbe i Borboni e
metterebbe sul trono un discendente di Murat, gettando le basi per un regno sostenuto dalla
Francia che diventerebbe il massimo impedimento alla realizzazione di un’Italia unita (Mazzini,
Lettere 625-628).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 155

era la barbarie medievale di un’Italia divisa in tante piccole repubbliche cittadine. 35 Lo


scritto s’inserisce nel dibattito politico che accompagna l’esperienza del governo
provvisorio milanese, un dibattito in cui sono coinvolti anche Trivulzio e Cattaneo.

5.6.2. Il rapporto fra le culture locali e l’identità nazionale


Mazzini conosce le culture locali, le tematizza e le interpreta, cercandone la sintesi
nella cultura unitaria italiana. Quando Mazzini si rivolge agli studenti delle università
italiane, intellettuali di diversi Stati italiani, in un articolo pubblicato a Genova nel
1856 sull’Italia del popolo, chiede loro di aderire totalmente alla causa della lotta per
la liberazione e unificazione italiana. Auspica in questa occasione l’unità ideale fra gli
studenti di tutte le università e fa riferimento all’apporto di popolazioni e personaggi
provenienti da regioni diverse all’identità culturale italiana:
E il Genio Italiano, quando Genio Italiano fu, non guasto, non traviato dal vezzo
dell’imitazione straniera, ebbe sempre, unico in Europa, capacità singolare di porre in
perfetta armonia due cose sempre disgiunte, la sintesi e l’analisi, la teorica e la pratica, il
pensiero e l’azione. La civiltà dei padri nostri, gli Etruschi, faceva tutta la legislazione
interprete d’un concetto religioso, e architettava la terra, la città sull’ideale che si formava
del cielo. Pitagora, italiano, se non per nascita, per adozione, e gl’Italiani di lui seguaci, non
soddisfatti d’essere depositari del più alto e profetico sapere che allora fosse, sentivano il
bisogno di tradurlo in atti e ordinavano associazioni segrete e città repubblicane nel
mezzogiorno della Penisola. Dante era poeta, guerriero, pensatore politico e cospiratore a un
tempo. Machiavelli affrontava tortura e persecuzioni. Michelangiolo fortificava i bastioni di
Firenze. Tommaso Campanella scendeva dalla sfera delle utopie filosofiche per proporre
ordinamenti di Stati e congiurava audacemente contro la dominazione straniera. I nostri più
potenti intelletti furono apostoli e martiri. L’unità delle umane facoltà non s’è mai rivelata
tanto quaggiù quanto nella nostra Italia. Voi siete degni, o giovani, d’altri destini che non
quelli ai quali ancor oggi ancor soggiacete. (Mazzini, Ai giovani delle università 582-583)
Nell’articolata riflessione Mazzini illustra come la varietà geo-culturale che emerge
dallo studio storico della cultura italiana, tenendo conto della distribuzione geografica
delle università italiane su tutto il territorio, ancora suddiviso nel 1856 in Stati diversi,
e al tempo stesso il contributo all’unità.
Mazzini pubblicava questo scritto a Genova, quindi pensando soprattutto a un
pubblico di lettori diffusi nelle università del Regno di Sardegna e del Settentrione
d’Italia e il bersaglio della polemica di Mazzini era la possibile realizzazione di un
Regno dell’Italia del Nord, nell’ambito di una più ampia confederazione con gli altri
Stati italiani, guidato dalla Monarchia di Savoia e sostenuto dalla Francia. Da qui
deriva l’insistenza di Mazzini sull’unitarietà della storia culturale italiana, sulla piena
inclusione «italiana» di scrittori e pensatori di altre regioni, innanzitutto toscani, ma
anche meridionali. Riprendendo le tesi e le ricostruzioni letterarie di Vincenzo Cuoco,

35 Secondo Salvo Mastellone una possibile apertura al riconoscimento delle autonomie locali si
potrebbe ricavare dagli scritti inglesi e in particolare dal volumetto Italy, Austria and the Pope,
del 1845, un’apertura che potrebbe essere attribuita in questo testo ad un adattamento del
pensiero di Mazzini a quello che era il sistema democratico inglese, da Mazzini in quegli anni
direttamente sperimentato (Mastellone 2000, 51).
156 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

insiste sull’italianità della configurazione politico-amministrativa dell’Italia pre-


romana, attribuendo caratteristiche italiane sia agli Etruschi che alle città della Magna
Grecia, fino ad arrivare all’idea espressa da Vincenzo Cuoco che Pitagora sia stato
scienziato e filosofo italiano 36. Nello scritto mazziniano si parte dall’affermazione
della necessaria unificazione di tutte le componenti culturali italiane, incitando gli
studenti universitari alla lotta con due similitudini, la prima con gli ebrei in esilio sulla
propria terra, la seconda alla mitica vicenda dei trecento spartani che arrestarono i
persiani alle Termopili (Mazzini, Ai giovani delle università 580; 583). Il primo
paragone ritorna sullo stereotipo dell’esilio all’interno del concetto di identità italiana,
che abbiamo già trattato, il secondo si richiama ad un’altra identità nazionale, quella
greca, che da poco aveva trovato realizzazione politica e indipendenza, ma al tempo
stesso aveva alle spalle la storia di un modello culturale pluricentrico e frammentato
politicamente, come gli antecedenti storici dell’auspicata unificazione italiana. D’altra
parte il paragone fra le identità culturali italiana e greca era stato tematizzato e anche
codificato in termini di derivazione già da Foscolo, come abbiamo messo in evidenza
nel capitolo 3.
Risulta chiaramente che le idee politiche, culturali e letterarie di Mazzini sono
univocamente orientate alla sua concezione unitaria dell’identità italiana, tanto da
negare o voler annullare ogni potenziale differenziazione culturale, geografica o
politica interna. Oltre a ciò non manca mai l’auspicio di un superamento in senso
verticale, di una proiezione su un orizzonte superiore, di ampiezza europea, delle
questione legate all’identità nazionale italiana, come vedremo nel paragrafo seguente.

5.7. Mazzini fra identità nazionale ed Europa.


Contigui, e in gran parte coincidenti, sono i percorsi dell’elaborazione politica e le
riflessioni sulla letteratura italiana verso una dimensione europea della concezione
politica e culturale nazionale (cfr. Goussot 2000). Il primo passo politico compiuto da
Mazzini, nel 1831, all’inizio del suo esilio dal Regno di Sardegna per l’appartenenza
alla Carboneria, è l’idea di far uscire la lotta di liberazione nazionale dai modi della
cospirazione segreta e settaria dei Carbonari, da lui sperimentata, in direzione di una
nuova, capillare, democratica, e soprattutto unitaria, azione politica di fondazione dello
Stato italiano (Della Peruta 1969, 209-210). Nel giro di pochi anni, Mazzini sviluppa
l’idea che non si potesse considerare il percorso di formazione dell’unità nazionale
italiana senza orientare in senso europeo l’azione del Risorgimento: per questo arriva
alla fondazione della Giovine Europa, nel 1834:
La Giovine Germania, la Giovine Polonia e la Giovine Italia, associazioni repubblicane
tendenti ad un fine identico che abbraccia l’umanità sotto l’impero d’una stessa fede di
libertà, d’eguaglianza e di progresso, stringono fratellanza, ora e per sempre, per tutto ciò
che riguarda il fine generale. [...] La Congrega della Giovine Europa determinerà un

36 Per le ricostruzioni storico-utopistiche fatte da Cuoco nel suo romanzo epistolare Platone in Italia
rimandiamo al capitolo 4. Vorremmo qui ricordare che le opere di Cuoco erano state fra le
letture di Mazzini, come documentato, per quanta riguarda le annotazioni e le citazioni fatte da
Mazzini su articoli del Giornale d’Italia, in Mannucci 1919, 66-70.
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 157

simbolo comune a tutti i membri delle tre associazioni; essi tutti si riconosceranno a quel
simbolo. Un motto comune posto in fronte agli scritti contrassegnerà l’opera
dell’associazione. (Mazzini, Atto di fratellanza 444-445)
Come osserva Anna Ossani, dal punto di vista politico l’europeismo di Mazzini ha tre
matrici principali. In primo luogo la polemica con le strategie anarchico-
cosmopolitiche di Buonarroti e Baboeuf, con i quali pure resta per un certo tempo
legato durante la prima fase del suo esilio 37. In secondo luogo ritiene che l’azione di
liberazione nazionale e al tempo stesso la marcia del progresso in nome della
democrazia non debba essere isolata e divisa, ma possa procedere di pari passo in
Europa. In terzo luogo ritiene che dopo la Francia, la quale prima con la rivoluzione e
poi con Napoleone aveva avuto l’iniziativa del progresso e del rinnovamento
dell’Europa, l’Italia debba rivestire questo ruolo di guida dell’azione democratica
europea, appunto con l’istituzione della Giovine Europa (Ossani 1973, 70-75).
Quest’attenzione verso l’Europa, per l’elaborazione del modello politico repubblicano
e democratico, da lui posta alla base della propria concezione di «risorgimento»
italiano, ha delle solide basi culturali e letterarie. Fin dagli anni della formazione, poi
nel periodo del lungo esilio, è sua particolare preoccupazione restare in contatto con
gli ambienti culturali di tutti i paesi europei, e perseguire l’idea che la letteratura debba
avere un quadro di riferimento europeo, in altri termini che si possa guardare a un
pubblico europeo 38. Le singole letterature nazionali devono concorrere a questo
patrimonio europeo arricchendolo e ricevendo da esso forza e legittimazione. 39 La sua
idea di Europa considera tramontato il sistema astratto e razionalistico del
cosmopolitismo illuminista, che pur ha portato frutti nel campo del progresso e della
democrazia, ma che ha avuto il grave limite di non riconoscere basi identitarie
differenziate e peculiari per l’individuo. Come accade in altri contesti, ad esempio in
quello tedesco, per Mazzini il processo avviato dalla rivoluzione francese e compiutosi
con la costruzione politico-militare dell’impero napoleonico ha fatto circolare idee di
democrazia e di progresso e forme di autogoverno, suscitando anche una presa di
coscienza delle peculiarità nazionali in chiave antinapoleonica (cfr. Berger 1997, 23;
Omodeo 1960, 236-237).
Mazzini si spinge oltre l’elaborazione del concetto di nazione italiana, secondo
quanto era stato concepito dai circoli romantici italiani e in particolare nel gruppo del

37 In particolare Mazzini avrà posizioni distanti sia dagli anarchici che in seguito dai socialisti e in
particolare da Marx per la sua convinzione che la proprietà privata sia da tutelare e suddividere,
ma in nessun caso da abolire, e per gli aspetti mistico-religiosi del suo sitema politico (Ossani
1973, 159-163).
38 Salvo Mastellone sottolineava già l’influenza del filosofo dell’eclettismo francese, Victor Cousin,
sulla visione europea di Mazzini: «Dietro l’esempio di Cousin e di Guizot, i quali non
annegavano nello spirito europeo la realtà della loro patria, ma consideravano la Francia
elemento attivo, anzi determinante del complesso organico della civiltà europea, anche Mazzini
ecletticamente dà valore alla tradizione nazionale italiana, quale parte essenziale della civiltà
europea, e pertanto preconizza una letteratura, universale in quanto interpreti la tendenza
europea, nazionale in quanto sgorghi dalle viscere d’una nazione» (Mastellone 1955, 31).
39 Queste valutazioni riguardo all’iniziativa democratica e rivoluzionaria francese si ritrovano anche
nello scritto rimasto inedito sulla rivoluzione napoletana del 1799, risalente agli anni 1834-40,
pubblicato e commentato da Lauro Rossi (Rossi 1995, 129-132).
158 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

periodico milanese Il Conciliatore (cfr. Ossani 1973, 14-15), fino ad affermare che
l’appartenenza nazionale specifica rafforza l’identità europea e, di pari passo, la
consapevolezza di una comune appartenenza europea rafforza la coscienza nazionale,
come vedremo in questo paragrafo.

5.7.1. Identità europea e religione


Come già visto a proposito della costruzione dell’identità nazionale italiana, il rapporto
con la religione costituisce per Mazzini un punto nodale nella ricerca e nella
ridefinizione delle radici culturali europee, in quanto la sua l’idea di Europa, come
peraltro quella di Italia, è fortemente intrisa di religiosità 40. Lo scrittore, pur prendendo
costantemente le distanze dal ruolo giocato nella storia italiana dal Papato, considerato
sia come il principale nemico della causa dell’unificazione che come il primo
responsabile delle ingiustizie sociali nel corso della storia d’Italia, non manca di
sottolineare l’importanza della religione e della religiosità nella costruzione ideale e
concreta dell’identità italiana ed europea, come risulta dalle due citazioni seguenti,
tratte dal saggio Fede e avvenire del settembre 1835, sorta di lettura profetica della
storia europea recente e degli auspicati sviluppi futuri di questa:
Il pensiero religioso è la respirazione dell’Umanità: anima, vita, coscienza e manifestazione
ad un tempo. L’Umanità non esiste che nella coscienza della propria origine e nel
presentimento de’ propri fati. [...]
Dio e la sua Legge, l’Umanità e il suo lavoro d’interpretazione, progresso,
associazione, libertà, eguaglianza, e il dogma del Popolo, principio vitale del partito
repubblicano, tutto si collega nella nostra credenza. (Mazzini, Fede e avvenire 335; 348)
La religione occupa uno spazio costante nella rappresentazione che Mazzini traccia
dello sviluppo storico dell’Europa, in quanto mostra come grazie alla religione pagana
si sia stabilito in epoca classica un principio di uguaglianza, pur limitata a gruppi
ristretti di cittadini. Tale uguaglianza diventa generalizzata nel Medioevo, per merito
della religione cristiana, ma si dovrà però attendere la rivoluzione francese e la fine
dell’Ancien Régime per trovare una realizzazione politica, secondo un’interpretazione
apocalittica della storia che è stata avvicinata alle teorie medievali gioachimite 41.
La posizione di Mazzini verso la Chiesa cattolica e il Papato non è univoca, in
quanto pur essendo nemico acerrimo del potere temporale dei papi e delle conseguenze
negative di questo nei confronti del moto di unificazione dell’Italia, non manca di
riconoscere il ruolo della religione come spinta etica e morale, come elemento
culturale identitario non solo italiano ma anche europeo. Nella lettera a Pio IX, scritta
nel 1847 per spingere il nuovo pontefice ad abbracciare la causa della libertà e

40 Si veda il primo paragrafo di questo capitolo, dove abbiamo indicato la religiosità come struttura
portante dell’identità italiana elaborata nel sistema mazziniano.
41 Abbiamo giá riferito a questo proposito quello che afferma Anna Ossani a proposito delle tracce di
gioachimismo nel pensiero mazziniano in Ossani 1973, 155-158. L’elemento apocalittico ed
escatologico del progetto politico mazziniano è individuato anche da Luigi Salvatorelli nella sua
introduzione alle opere di Mazzini (Salvatorelli 1967b, 22).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 159

dell’indipendenza non solo italiana, ma per il rinnovamento dell’Europa, Mazzini


richiama l’esempio di Gregorio VII:
Vi chiamo a farvi il «Servo di tutti»; a sagrificarvi, occorrendo, perché «la volontà di Dio sia
fatta sulla terra com’è nel Cielo»; a tenervi pronto a glorificare Dio nella Vittoria, o a
ripetere, rassegnatamente, se mai soccombeste, le parole di Gregorio VII: «Muoio nell’esilio
perché ho amato la Giustizia e odiato l’iniquità». (Mazzini, A Pio IX 364)
In questo stesso testo è chiaro che per Mazzini le sorti dell’Italia sono ancorate a
quelle dell’Europa, motivo per cui Mazzini chiede al papa di scendere in campo e
occuparsi della causa italiana:
«E nella grande Tradizione dell’Umanità ho studiato la tradizione italiana, e v’ho trovata
Roma due volte direttrice del mondo, prima per gli Imperatori, più tardi dei Papi; v’ho
trovato che ogni manifestazione di vita Italiana è stata manifestazione di vita Europea, e che,
sempre, quando cadde l’Italia, l’unità morale Europea cominciò a smembrarsi nell’analisi,
nel dubbio, nell’anarchia» (Mazzini, A Pio IX 362).
Come rileva anche Salvo Mastellone, dalla lettura del primo articolo sulla Democrazia
in Europa, la costruzione della democrazia per Mazzini non può che essere su base
europea e il fondamento di tale costruzione è il progetto di una «cultura civile
europea» (Mastellone 2007, 117) 42. Mazzini non arriva soltanto su basi politico-sociali
all’idea della Giovine Europa, bensì ne elabora l’unità culturale identitaria negli scritti
di argomento letterario. Come osserva Stefano Ragni, Mazzini tocca il tema negli
articoli apparsi sull’Indicatore genovese: «È palese che questo giornale commerciale
non era un affare di letteratura, ma si era trasformato in una piattaforma per lanciare
una nuova progettualità politica legata alla meditazione su un uso propulsivo della
letteratura [...].» (Ragni 2008, 98). Negli articoli pubblicati da Mazzini nei primi anni
dopo gli studi universitari, compreso il saggio più impegnativo dedicato alla letteratura
europea, si trova un forte interesse per la letteratura medievale come fase fondante,
con l’attenzione rivolta agli aspetti libertari e dissidenti del Medioevo rispetto
all’establishment della cultura cristiana e papale in particolare. Recentemente Carlotta
Sorba ha affermato che la visione di Mazzini supera una concezione dell’arte e della
letteratura che siano solo limitate a un canone identitario nazionale, in quanto egli
arriva a schizzare le prerogative di un carattere «meticcio» della letteratura, che non
deve limitarsi all’interno delle frontiere (Sorba 2005, 116 e 119).

5.7.2. La costruzione di una mappa dell’identità europea


La dimensione europea del progetto politico mazziniano non si è espressa soltanto
nella federazione di associazioni democratiche di paesi diversi, ma anche nella
prospettiva europea che ha sempre accompagnato l’idea di nazione e di identità
nazionale secondo Mazzini 43. Tale orientamento europeistico della concezione

42 I testi mazziniani, tradotti e raccolti dallo Salvo Mastellone in Mazzini, Pensieri, sono una serie di
otto articoli pubblicati in inglese a Londra fra il 1846 e il 1847.
43 Dante Visconti, parlando dell’europeismo nel Risorgimento italiano, così si esprime a proposito di
Mazzini: «Fra i pensatori del Risorgimento italiano il Mazzini è però certamente quello che più
160 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

patriottica e democratica mazziniana si è espressa con la costruzione di una rete di


contatti fra patrioti di tutta Europa, con particolare attenzione a quelle aree come
Polonia o Principati Danubiani, dove arrivavano, come in Italia, l’egemonia e il
controllo diretto da parte dell’Impero d’Austria. In una lettera ad Adriano Lemmi, a
Costantinopoli, spedita durante la spedizione garibaldina del 1860, che aveva già
provocato la caduta del Regno borbonico a Napoli. Chiede all’amico un articolo che
descriva la situazione politica nell’«Oriente Europeo», esprimendo l’auspicio che la
rinascita democratica interessi tutto il continente europeo: «Se Serbi, Greci, e Moldo-
Valacchi potessero intendersi per insorgere – se l’Ungheria agisse simultaneamente –
se noi, ottenuto il Regno di Nap[oli], movessimo al Veneto – l’Europa sarebbe rifatta
da capo a fondo» (Mazzini, Lettere 768-769). Per Mazzini la letteratura deve mirare
alla costituzione di una famiglia di spiriti europea e anche questo deve essere visto
come un grado progressivo per arrivare alla costruzione di un sistema di giustizia per
tutta l'umanità.
Questa vasta e profonda opera di elaborazione culturale 44 precede l’Atto di
Fratellanza di Berna con cui Mazzini, nel 1834, promuove la fondazione della Giovine
Europa, costituita tramite la fusione di tre associazioni nazionali, la Mloda Polsko, la
Junge Teutsczhland e la Giovine Italia 45. L’idea di estendere le caratteristiche
d’identità culturale e socio-politica dal piano nazionale a quello europeo, aveva già
avuto una lunga gestazione e non era legata solo a motivi politici o strategici. Alla base
del progetto europeo di Mazzini c’erano stati senz’altro i numerosi contatti avuti negli
anni di esilio, da quelli con Filippo Buonarroti in Francia nel 1831-32, a quelli con i
polacchi della Società Democratica, nel 1832, ai rapporti con i protagonisti delle
insurrezioni in Germania degli anni 1830-33, come Karl Wenzezslaus von Rotteck e
poi Franz Stromeyer, Heirich Nast e Franz Peters, che poi avrebbero sottoscritto L’atto
di Fratellanza della Giovine Europa. Nel 1834 Mazzini aveva anche contribuito
attivamente alla fondazione della Giovine Polonia, con Karl Stolzman, Bohdan
Zalesky e Franzisek Gordasrewsky, e infine, nel 1850, lo storico rumeno Nicolae
Balcescu aveva contattato a Londra circoli mazziniani per proporre la fondazione di un
Comitato per l’Europa Orientale, e di un Comitato Rivoluzionario Europeo, sotto la
direzione di Mazzini e Alexandre Ledru-Rollin 46.
La particolare attenzione di Mazzini alla creazione di un’entità europea che si
estenda da Sud a Nord e da Est a Ovest emerge più volte nei suoi scritti e possiamo qui
ricordare le «Lettere slave», pubblicate sull’Italia del popolo nel 1857 (Mazzini,
Lettere slave 587-606). In queste lettere, indirizzate a un generico «Amico» slavo, si
pone al centro la necessità della creazione di nazioni indipendenti nella parte orientale
e sud-orientale dell’Europa, con un esplicito riferimento alla peculiarità culturale in

sente e vive l’idea di Europa. La sua opera rivoluzionaria egli cercò costantemente di portarla e
mantenerla su di un piano europeo» (Visconti 1948, 194).
44 In Goussot 2000, 81, analizzando quelle che sono le tappe della formazione di un’identità italiana,
da un lato si evidenzia lo stretto rapporto fra letteratura e politica, privilegiando il ruolo di
personaggi come Dante, Campanella, Galileo, Bruno, Vico e Foscolo (accanto a patrioti e
rivoluzionari come Pagano, Gioia, Pisacane), dall’altro il «ripudio di ogni ’egoismo nazionale’».
45 Vedi Della Peruta 1969, 220-227.
46 Magagnato 2005, 143-144; Delureanu, 2003, 165.
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 161

quell’area di greci e romeni, le cui nazionalità, ben individuate dalla lingua, fortemente
inserite nel contesto della religione cristiana ortodossa, hanno mantenuto elementi di
continuità con le culture antiche greca e romana. Poesia e letteratura sono, insieme alla
religione, i pilastri della costruzione dell’identità nazionale. Mazzini parla di poeti e
scrittori, ma anche di iniziative editoriali, di riviste e anche dell’apertura di teatri
nazionali, come elementi indispensabile per la formazione di una coscienza nazionale
in quella parte dell’Europa, per arrivare a scardinare i sistemi politici degli imperi
sovranazionali, austriaco, russo e ottomano, e arrivare a costituire una «Carta della
nuova Europa» (Mazzini, Agli italiani 20).
Le idee di Mazzini a proposito dell’estensione geografica dell’Europa verso Nord
e verso Est erano ben chiare nel saggio sulla letteratura europea del 1829, dove erano
elencati anche i paesi scandinavi. Gli esempi per sostenere l’esistenza di una
letteratura europea erano tratti dalle letterature italiana, francese, spagnola, inglese,
tedesca e russa. In seguito alla concreta organizzazione dell’azione politica mazziniana
in direzione dei movimenti per l’unificazione della Germania e della Polonia, si
elabora una sorta di schema tripartito della cultura europea, comprendente quelle che
Mazzini chiama le famiglie greco-latina, germanica e slava, di cui si devono fare
portavoce rispettivamente i movimenti nazionali di Italia, Germania e Polonia (Della
Peruta 1974, 163).
Un altro interessante spunto mazziniano riguarda i confini dell’Europa, anch’essi
fluidi e disegnati piuttosto secondo una geografia dell’inclusione. Partendo dalla base
culturale e letteraria, Mazzini estende quella che definisce la nuova «Carta
dell’Europa», in cui colloca l’area che va dall’Atlantico agli Urali, dall’Italia e dalla
Grecia alla Scandinavia, nominando esplicitamente il «mondo slavo», e le «valli,
troppo dimenticate dall’Italia, dove s’agita, in cerca dell’avvenire, una gente romana di
nome, di ricordi e d’affetti, da Traiano in poi» (Mazzini, Agli italiani 20; 26),
un’Europa che arriva a comprendere anche l’antica Bisanzio:
Dalla penisola Iberica, destinata ad unificarsi, fino alla Grecia, alla quale apparterrà un
giorno, chcché facciano le diplomazie per galvanizzare un cadavere, il primato su
Costantinopoli; (Mazzini, Agli Italiani 26)

5.7.3. Letteratura ed Europa


Nel campo della letteratura, la costituzione di un’identità nazionale italiana non può
prescindere, secondo Mazzini, dall’appartenenza ad una comune rete culturale e
letteraria europea, di pari passo con l’apertura della concezione mazziniana politica ad
una visione democratica dell’intera Europa. Questa visione europea della letteratura
compare molto precocemente negli scritti di Mazzini, tanto che possiamo trovare
contributi rilevanti nei suoi primi anni di attività giornalistica e pubblicistica, quando
sceglie di recensire traduzioni di opere letterarie straniere. Molto significativo a questo
proposito è il fatto che si lamenti di dover recensire una traduzione in francese del
Faust, non essendo ancora l’opera tradotta in italiano. Si tratta della recensione a
Faust. Tragédie de Goethe. Nouvelle traduction complète en prose, et en vers, par
Gérard, Paris Dudey Dupré etc. 1828, pubblicata nell’Indicatore Livornese del
162 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

maggio 1829. In questa recensione Mazzini imposta una riflessione teorica, che pone
le basi per una teoria della letteratura europea:
ad ogni modo, poiché è vero, che alle nazioni s’educa prima il cuore, poi l’intelletto,
traduzioni siffatte preparano, non foss’altro, la via al tempio della scienza Europea, della
verità universale, e fecondano a novissime ispirazioni la fantasia dei giovani poeti francesi.
(Mazzini, Faust 127)
Si muoveva in questa direzione tutta l’esperienza giovanile della collaborazione
all’Indicatore genovese 47, un foglio di avvisi commerciali trasformato da Mazzini in
giornale di critica letteraria pienamente impegnato nell’elaborazione e nella diffusione
delle idee del Romanticismo, sulla scia degli autori del Conciliatore milanese, come
nel caso dell’articolo pubblicato sul numero 14, in cui si controbattono le accuse ai
Romantici formulate in una lettera dello storico Carlo Botta. Il tema della polemica è
proprio il rapporto fra l’identità letteraria nazionale e le altre culture e letterature.
Mazzini sostiene che la letteratura italiana non può che trarre giovamento dal rapporto
e dall’interscambio con le altre letterature europee. La lettera del Botta era stata
parzialmente ripresa e pubblicata nel Giornale Arcadico di Scienze Lettere e Arti N.
37 48, e Mazzini attacca il periodico per averla pubblicata e diffusa riprendendone le
tesi:
Traditori dell’Italia! – No, traditori dell’Italia sono i venduti d’ingegno, e d’anima alla forza,
che impone, o all’opulenza che paga; – son quei, che colle pazze superbie municipali, e
colle eterne contese di lingua, perpetuano tra fratelli le divisioni; [...]
Del resto è strano oramai accusare i Romantici d’essere schiavi delle idee forestiere,
dei mostri Caledonici, ed Ercinici. I veri Romantici non sono né boreali, né scozzesi; sono
italiani, come Dante, quando fondava una letteratura, a cui non mancava di Romantico, che
il nome [...]. (Mazzini, Carlo Botta e i Romantici 66)
Accanto alla difesa dei motivi polemici adottati dai Romantici contro i Classicisti 49.
Fra i concetti che tornano nelle affermazioni di Mazzini, un luogo importante occupa il
genio, inteso come forza unitaria che caratterizza e identifica la letteratura o l’arte
appartenente a una comunità riconoscibile, per cui si parla di un genio della letteratura
italiana, ma anche di un genio della letteratura europea 50.
Mazzini pubblica anche una recensione della traduzione italiana della Geschichte
der neuen und der alten Literatur, pubblicata nel 1815 a Vienna da Friedrich Schlegel,
un ciclo di lezioni tenute presso quella università nel 1812. Nella recensione di
Mazzini, a proposito della lezione dedicata da Schlegel al Medioevo, Mazzini
apprezza il valore conferito a questa epoca, e il parallelo fatto da Schlegel fra
Medioevo europeo e periodo arcaico della cultura greca, quello che va dalla guerra di
Troia all’epoca di Solone, cosicché il Medioevo risulta essere per Schlegel «la poetica

47 Cfr. Della Peruta 1974, 12. Il foglio genovese del 1828 è oggi disponibile nella recente ristampa:
Mazzini, Indicatore genovese.
48 La lettera in questione è stata ripubblicata in Botta 1914.
49 Cfr. Krömer 1961, Allevi 1960, 73-86.
50 Lo stretto legame fra il progetto politico nazionale di Mazzini e la proiezione di questo in campo
europeo è stato da più parti sottolineato, qui basti citare a supporto Salvatorelli 1960, 98-99.
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 163

antichità dell’Europa moderna» come quella era stata «la poetica età dei Greci» 51. Si
tratta di una periodizzazione mitica della storia che riprende le epoche delle singole
civiltà illustrate da Vico (Vico, Scienza nuova).
Mazzini approfondisce il paradigma culturale romantico di profonda empatia con
la civiltà medievale e arriva a postulare quella necessità di rigore scientifico, di
indagine filologica per andare alla scoperta del ruolo fondante del Medioevo per quella
che definisce esplicitamente «civiltà europea» (Mazzini 1847, I, 43). Queste idee
hanno avuto una trattazione più sistematica nel saggio dal titolo D’una letteratura
Europea, che risale al periodo finale degli studi universitari, in cui Mazzini si era
dedicato a tematiche di letteratura e critica letteraria, ma a differenza degli altri articoli
questo saggio ha avuto una risonanza maggiore, essendo stato accolto dalla prestigiosa
rivista fiorentina Antologia 52.
La prospettiva culturale europea, che costituisce il nucleo del saggio procede di
pari passo con la convinzione che la letteratura sia elemento costitutivo di primo piano
dell’identità nazionale. Uno dei punti di partenza della sua concezione europea della
letteratura è l’abbinamento di una «concordia», un’identità comune europea delle
letterature nelle singole lingue, e di una «tendenza», cioè una linea di sviluppo che si
orienta nel futuro e proviene da solide radici nel passato. La letteratura, che a sua volta
«dovrà farsi Europea» 53, ha il dovere di svolgere un ruolo passivo di testimonianza e
uno attivo di sostegno e di orientamento:
XIV. – Esiste dunque in Europa una concordia di bisogni, e di desiderj, un comune pensiero,
un’anima universale, che avvia le nazioni per sentieri conformi ad una medesima meta –
esiste una tendenza Europea.
Dunque la Letteratura – quando non voglia condannarsi alle inezie - dovrà inviscerarsi
in questa tendenza, esprimerla, aiutarla, dirigerla – dovrà farsi Europea. (Mazzini,
Letteratura Europea 215)
Superando le posizioni illuministiche, Mazzini si pone sulla scia delle elaborazioni
teoriche di autori come Goethe e Schlegel, nel quadro delle dispute fra Classici e
Romantici, con una presa di posizione univoca e decisa verso le tesi romantiche di

51 Per la recensione, si veda Mazzini, Schlegel; nel testo originale il passo si trova in Schlegel 1815,
233-268.
52 Il saggio viene citato a proposito dello sviluppo degli studi di letterature comparate, e in particolare
accostato ai testi di Goethe in cui si teorizzano i concetti di Weltliteratur o Europäische
Litaratur: ad esempio in Marino 1990, 103-105. A proposito dell’individuazione da parte di
Mazzini di questa trama comune sottesa alla letteratura europea, Franco Moretti ha osservato
che questa apertura di Mazzini verso la letteratura mondiale, di cui sono stati alfieri e banditori
anche il vecchio Goethe e il giovane Marx, ha costituito un avvio che è poi stata ridimensionato
piuttosto nel senso della letteratura europea occidentale dai grandi filologi romanzi come
Curtius o Auerbach (Moretti 1999, XIX-XX, ma vedi anche Moretti 1993).
53 Giorgio Petracchi, pur non nominando esplicitamente Mazzini, in un saggio sulle possibili
attualizzazioni del concetto di nazione e nazionalità nell’Europa dell’Ottocento, individua
questa tendenza dalla singola nazione alla costituzione di un’identità europea, dato che secondo
lui l’unica via per poter modernizzare e convalidare l’identità nazionale è la sua
internazionalizzazione, in quanto «In questa prospettiva vanno privilegiati i concetti di patria-
Heimat (non Vaterland), non contrapposta ma ‛sorella’ alle altre patrie (si pensi alla solidarietà
liberale e democratica sviluppatasi nella congiuntura del primo Ottocento tra tedeschi, italiani,
polacchi, ungheresi).» (Petracchi 1998, 136).
164 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

rinnovamento in senso antiretorico della letteratura italiana e di apertura alla


conoscenza e all’imitazione dei modelli letterari stranieri 54. Questo nucleo letterario e
culturale romantico e post-giacobino costituisce solo il basamento su cui si va a
fondare poi il cosiddetto «sistema mazziniano» (cfr. Della Peruta 1974, 11-12), che
oltre a mirare all’identificazione e alla realizzazione concreta dell’Italia unita e
indipendente, estende il progetto a una costruzione culturale, politica e sociale di
livello europeo 55.
Partendo da un’affermazione di Goethe sull’avvento di una «Letteratura europea»
e sulla non appartenenza esclusiva di questa a singoli «popoli», Mazzini prende in
esame la storia della letteratura europea dall’antichità greca all’epoca contemporanea,
includendo esempi che vanno dalla Spagna alla Russia, dall’Inghilterra all’Italia, e
mostrandone la linea unitaria di sviluppo. Si paragona il salto di qualità, nella
letteratura, dalla concezione nazionalistica alla concezione europea, a conquiste sociali
dell’umanità come la fine della schiavitù (Mazzini, Letteratura Europea 178). Allo
stesso modo sono state bandite dalla cultura ufficiale le idee di Vico, mentre «ora
molti libri commentano i Principii di Scienza Nuova, molte teoriche sono sviluppo
d’alcuna idea, ch’egli seminava, oscuramente al solito, ne’ suoi scritti» (Mazzini,
Letteratura Europea 178) 56.
Mazzini contrappone la propria visione di una letteratura europea pienamente
inserita nel dibattito civile e politico, a un’idea di letteratura, o meglio di filologia,
nelle mani di accademici privi di un riferimento concreto con la realtà sociale, politica
e storica, in quanto «i Letterati, avvezzi a considerare l’arte loro, più come lusinga
all’orecchio dei pochi potenti, che come ministero utile alle moltitudini, non
guardavano alla sostanza delle cose, ma alle forme» (Mazzini, Letteratura Europea
181). All’opposto di questa logica Mazzini traccia un profilo unitario della storia
culturale europea, in cui risulta chiaro che la letteratura europea è il frutto di benefici
influssi reciproci di culture diverse: non esistono aree culturali detentrici di un primato
o di una centralità 57. Per quanto riguarda il Medioevo, Mazzini attribuisce alla cultura
araba un ruolo di primo piano per la rinascita letteraria e culturale: «Gli Arabi avevano
comunicato all’Europa il loro gusto, la loro fecondità descrittiva, la loro tendenza al
mistico, all’aereo: e questa tendenza era aiutata dalle opinioni Platoniche trasfuse nel
Cristianesimo.» (Mazzini, Letteratura Europea 183-184)

54 Questa eredità raccolta dal pensiero mazziniano viene analizzata da A. Tugnoli nella sua
introduzione a Mazzini 1993, XIV-XVI, dove si mette anche in evidenza il forte riferimento
mazziniano a Kant e alla sua concezione etica.
55 Si mettono a confronto l’adesione di Mazzini alle idee del Romanticismo con il superamento di tale
impianto concettuale, in particolare per quanto riguarda gli aspetti religiosi e più tradizionalistici
del Romanticismo stesso in Li Volsi 2005, 42-43; sul respiro europeo delle idee letterarie e
culturali mazziniane cfr. anche Marini 1998, 832-833.
56 Secondo Rocco Li Volsi, Mazzini, parte da una grande ammirazione per Foscolo, e per il suo
impegno civile, e si schiera a favore dei Romantici e apprezza nella nuova scuola di pensiero e
corrente letteraria quell’attenzione all’individuo immerso nel divenire storico delle civiltà e
delle nazioni già anticipato da Vico con la sua «scienza nuova» (Li Volsi 2005, 37).
57 Si tratta della concezione di cultura europea rappresentata da Foscolo nella figura di Didimo
Chierico, traduttore fittizio di Sterne, che rigetta il cosmopolitismo, ma si muove liberamente in
un’Europa delle nazioni libere (vedi capitolo 3).
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 165

Come affermato nella già citata recensione al Faust di Goethe, per Mazzini lo
scrittore nazionale deve essere europeo in quanto si deve rivolgere a un pubblico
europeo. Per poter arrivare ad una presenza della letteratura nazionale nel circuito
europeo di circolazione della cultura, lo scrittore deve rinunciare a tutto quanto possa
restringere l’orizzonte delle sue opere entro i confini nazionali. Mazzini lancia così
agli scrittori la forte esortazione ad avere come «teatro», per le loro opere, l’Europa
intera:
Un tempo la Patria consegnava al Poeta il volume delle leggi, e delle religioni de’ padri,
dicendogli: Tu veglierai perché questo deposito rimanga intatto nel core de’ concittadini; i
tuoi voti non saranno sacri, che al cerchio di mura dov’io t’ho collocato. – Ma ora, voi avete
un mondo a teatro di vostra gloria; voi dovete parlare ad un mondo: ogni suono della vostra
cetra è patrimonio dell’umana stirpe, né potete toccare una corda, che l’eco non si propaghi
fino all’ultimo limite dell’Oceano. (Mazzini, Letteratura Europea 121)
Un altro passo della riflessione mazziniana sulla letteratura e sulla cultura europea lo
troviamo nei tre contributi dedicati al Dramma storico, pubblicati sull’Antologia nel
1830. Nell’analisi di questo genere letterario, che costituiva una sorta di bandiera del
movimento romantico, Mazzini identifica le potenzialità pedagogiche di
rappresentazione della storia e dell’attualità, ma vi individua anche un codice
espressivo che accumuna l’intera Europa. L’autore non si limita alla presentazione di
singole personalità e opere letterarie appartenenti alle diverse nazionalità europee, ma
traccia un quadro di fondo che collega le tradizioni linguistiche differenti (Scattolin
2005, 103):
Il Dramma romantico è l’esposizione d’una frazione dell’universo. L’universo si compone
di fatti e principii: il dramma deve abbracciare gli uni e gli altri: svolgere un fatto, e
predicare un principio: presentare un quadro storico, e trarne una lezione applicabile
all’umanità. Lo scopo dell’arte è riposto nell’arrivare alla più grande efficacia possibile; né
scrittore di drammi potrà conseguirla mai tutta intera, se la rappresentazione del fatto non
procede in tal guisa che tu possa leggervi il grado segnato da quel fatto sul termometro della
civiltà, la proporzione in cui si sta col vero morale. (Mazzini, Dramma storico 294)
Gli articoli s’inseriscono nelle polemiche fra i sostenitori delle regole classiche del
teatro, e quelli a favore del dramma romantico, come forma di esplorazione della
realtà, della diffrazione fra il reale e il vero dei principi morali. Mazzini pur
focalizzando la sua attenzione sull’Adelchi e sul Conte di Carmagnola di Manzoni 58, si
riferisce al dramma romantico e alla tragedia classica come generi letterari non italiani
ma europei, considerando nel suo discorso, alla stessa stregua di Manzoni, anche
Schiller e Byron. In questo quadro di riferimento europeo sta la peculiarità della
letteratura:
Aprite le storie: eccovi l’uomo del paganesimo, l’uomo del feudalesimo, l’uomo del secolo
XVII – eccovi l’uomo del nord, l’uomo del mezzogiorno: ma, superiore a tutti questi

58 Franca Angelini sottolinea la molteplicità dei piani culturali all’interno dei due drammi
manzoniani: «Le tragedie si presentano cosí come lo spazio privilegiato alla rapresentazione del
del momento storico del passato, un momento altamente rappresentativo anche del presente,
nella convinzione che non si conosce quest’ultimo senza conoscere il passato; uno spazio
privilegiato, infine, per sperimentare, in modo assai problematico, la possibilità che vero storico
e vero poetico si incontrino» (Angelini 2007, 220).
166 5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini

uomini, che sono la rappresentazione d’un grado di sviluppo intellettuale, il prodotto di tutte
le cause fisiche e morali, particolari ad una nazione in un dato tempo, sta l’uomo di tutti i
tempi, di tutti i luoghi; l’uomo primogenito della natura, immagine di Dio, creato al
progresso del perfezionamento indefinito; l’uomo, centro dell’universo, considerato nella
sua parte immortale, nella pienezza delle sue potenze morali: l’uomo insomma, non Inglese,
non Francese, non Italiano, ma cittadino della vasta terra, miniatura di tutte le leggi eterne,
universe, invariabili: l’Uomo.
Là è il perno del dramma sociale moderno, che noi abbiam chiamato romantico, per
farci intendere in sulle prime da chi si è avvezzato a non riconoscere nel campo delle lettere
che due bandiere! (Mazzini, Dramma storico 312)
Per Mazzini la letteratura è elemento fondamentale nella costruzione dell’identità
nazionale italiana, tuttavia non si può prescindere dalla costruzione di una sorta di
patria europea dei popoli, concepita come fratellanza di spiriti da parte degli
intellettuali, come ha osservato acutamente Anna Ossani: nella sua analisi delle
posizioni letterarie e politiche di Mazzini, evidenzia il rilievo assunto dalla figura del
poeta, che da un lato promuove la cultura e stimola il progresso delle idee di un
popolo, dall’altro non può non portare avanti una missione che si rivolga all’Europa
nel suo insieme (Ossani 1973, 59-146).
Questo riferimento all’Europa costituisce un punto fermo sia nelle riflessioni
letterarie e culturali che in quelle politiche. Nei Pensieri sulla democrazia in Europa,
una raccolta di articoli pubblicati in inglese sul People’s Journal dal 28 agosto 1847 al
17 aprile 1847, Mazzini dedica un saggio al tema «Nazionalità e cosmopolitismo».
Mazzini, esule a Londra, fronteggiando la penetrazione popolare delle idee marxiste e
in particolare l’idea dell’internazionalismo, afferma il principio: «Per noi, il fine è
l’Umanità; il fulcro o punto d’appoggio, la patria. Anche per i Cosmopoliti, il fine, lo
ammetto, è l’Umanità; ma il fulcro, o punto d’appoggio, è l’uomo, l’individuo»
(Mazzini, Pensieri 129).
Dunque per Mazzini l’identità nazionale non costituisce il fine, ma solo un mezzo
per la realizzazione di quello che potremmo chiamare umanesimo mazziniano. A suo
avviso, il sistema del cosmopolitismo non potrebbe realizzare una vera democrazia, in
quanto senza il riferimento all’identità nazionale l’individuo sarebbe orientato al
dispotismo oppure all’impossibilità di agire, essendo il contesto dell’intera umanità
troppo ampio per poter costituire una comunità democratica. Occorre che ciascun
popolo europeo sia libero, perché i popoli possano costruire insieme una libera Europa.
Il cosmopolitismo, secondo Mazzini, ha avuto un ruolo nell’abbattere il sistema che
noi oggi chiameremmo dell’ancien régime, come descrive con una personificazione
molto efficace lo stesso Mazzini: «[Il cosmopolitismo] Si guardò intorno e, vedendo
soltanto Nazionalità regali e patrie senza popolo, negò patria e Nazionalità, per non
vedere più che la terra e l’individuo.» (Mazzini, Pensieri 132)
Questo è stato il ruolo storico positivo del cosmopolitismo, ma deve essere
superato per costruire un sistema di nazioni che formi l’Europa come un’associazione
di popoli liberi:
Il Cosmopolitismo ha dunque finito l’opera sua. Un’altra comincia. Quella
dell’Associazione dei Paesi; l’alleanza delle Nazioni per compiere in pace e amore la loro
missione sulla terra; l’organizzazione dei Popoli liberi e eguali, aiutantisi a vicenda,
ciascuno approfittando delle risorse che gli altri posseggono nella civiltà e nel progresso, e
5. Letteratura italiana e identità europea nel «sistema» di Giuseppe Mazzini 167

procedendo liberi da ogni vincolo verso la realizzazione di quel capitolo della Provvidenza
di Dio che è iscritto sui luoghi della loro nascita, nelle loro tradizioni, nei loro idiomi
nazionali, sulle loro sembianze. (Mazzini, Pensieri 132)
Per Mazzini anche gli aspetti culturali e letterari dell’identità nazionale vanno inseriti
in un quadro europeo. Per questo dopo aver fondato la Giovine Italia, associazione che
aveva per scopo la lotta per l’indipendenza nazionale, i suoi sforzi si concentrano
sull’associazione di tutti i movimenti di indipendenza nazionale in ambito europeo, per
poter arrivare anche concretamente ad una Europa di liberi popoli 59.
Con l’analisi dei testi di Mazzini siamo entrati nella fase centrale del
Risorgimento, i suoi scritti e la sua azione si collocano in quell’arco cronologico che
va dalla Restaurazione, con i vari moti e tentativi falliti per l’indipendenza nazionale
italiana, fino alla realizzazione concreta con la fine degli Stati italiani preunitari,
compreso lo Stato della Chiesa. Pur essendo la figura di Mazzini orientata all’azione
politica e all’organizzazione concreta del moto risorgimentale, abbiamo visto a vari
livelli il rilievo e l’attenzione da lui accordata al valore identitario della letteratura e
più in generale della cultura. Da convinto assertore di un’identità nazionale unitaria, il
suo atteggiamento nei confronti delle differenze e peculiarità culturali è stato piuttosto
duro e orientato ad una uniformazione dell’identità a livello nazionale, mentre più
fluida appare la sua definizione delle frontiere esterne.
Il nostro studio procederà ora con un’altra scrittrice e pubblicista che ha avuto un
ruolo attivo in questa fase del processo di unificazione italiana, Cristina Trivulzio.
L’analisi dei suoi scritti e più in generale della sua figura ci offrirà l’occasione di
ascoltare un’altra voce che è entrata nel dibattito identitario del Risorgimento, e al
tempo stesso potremo introdurre l’elemento della differenza di genere per vedere
come, da donna, ha agito ed è stata ascoltata e giudicata questa protagonista del
Risorgimento e della letteratura risorgimentale.

59 A proposito della dimensione europea della visione identitaria di Mazzini, Salvo Mastellone cita lo
scritto in cui Mazzini denuncia l’annessione di Cracovia all’Impero austriaco nel 1846, come
negazione del principio di nazionalità, che secondo lui è la base dell’identità europea
(Mastellone 2000, 123).
6. Definizione interculturale dell’identità italiana
nell’opera di Cristina Trivulzio di Belgiojoso e
cancellazione del Risorgimento al femminile

6.1. Premessa
Un contributo importante alla costruzione dell’identità italiana nel Risorgimento è
offerto dalla vita e dall’opera di Cristina Trivulzio di Belgioioso (1807-1871),
scrittrice e giornalista, in francese e in italiano, ma anche protagonista diretta del
Risorgimento. L’analisi della sua figura apporterà un contributo importante alla
costruzione delle nostre mappe interculturali, in quanto nelle sue opere fornisce
elementi originali per la definizione dell’identità nazionale italiana, con elementi di
natura politica, sociale e letteraria. Riguardo all’articolazione interna delle identità
culturali e geografiche, la sua posizione si avvicina a quella di Mazzini, dato che ha
rilevato tutte le resistenze di una storia culturale italiana plurale, ma al tempo stesso ha
auspicato la risoluzione di tutte queste differenze identitarie in un modello politico
istituzionale unitario senza aperture federali. Nei suoi scritti si trova anche la sua
testimonianza del rapporto di inclusione e di esclusione nella costruzione nazionale di
cui è stato oggetto l’elemento femminile, con un suo progetto per il superamento
politico e culturale di questo limite. Come per Foscolo, Cuoco e Mazzini, l’esilio ha
caratterizzato sia la sua vita che la sua opera, in quanto i suoi scritti sono stati elaborati
prevalentemente durante i due periodi di esilio, il primo a Parigi fra gli anni Trenta e
Quaranta, il secondo in Turchia e Asia Minore dopo la fallita rivoluzione del 1848. Nel
primo esilio Cristina Trivulzio ha lavorato alla definizione dell’identità nazionale
italiana in una forma tale da poter essere accolta nella famiglia delle nazioni europee,
nelle opere dall’esilio in Turchia e Asia Minore, invece, entrano in gioco le dimensioni
culturali dell’Europa e dell’Oriente, in particolare rispetto al parametro della
condizione culturale e sociale femminile. Vorremmo qui introdurre anche il contributo
di Cristina Trivulzio nel mettere a fuoco le implicazioni culturali e sociali della
differenza di genere, una distinzione di ruolo che avevano avuto effetti considerevoli
sulla sua vita e sulla sua opera 1.

1 Il filosofo francese Victor Cousin, amico ed estimatore di Cristina Trivulzio, si pone del tutto
all’interno di questa gerarchia di genere, tanto che nell’elogio funebre la esalta con le parole
«Foemina sexu, ingenio vir» (Brunello 2005, 14). Inoltre a questo proposito Mariasilvia Tatti
ricorda anche il sostanziale atteggiamento negativo di Ugo Foscolo, diffidente nei confronti
delle donne colte che scrivono e intervengono nel dibattito itellettuale, tanto da aver voluto
evitare di incontrare o entrare in relazione con Madame de Staël, nonostante le consonanze di
pensiero e nonostante Foscolo abbia ripreso nelle sue lezioni pavesi alcune idee eslresse dalla
scrittrice nel suo saggio De la littérature (Tatti 2011a, 94).
170 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

6.2. Coordinate biografiche


Trivulzio 2, pur appartenendo a una potente e ricca famiglia nobile milanese, ha avuto il
destino famigliare, specificamente femminile, di un matrimonio contratto in giovane
età, a sedici anni, con il principe Emilio Barbiano di Belgiojoso, da cui si è separata
poco più che ventenne, entrando così, per le regole sociali del tempo, in una
condizione di vita irregolare, complicata in seguito dalla nascita della figlia Maria, con
un ruolo di madre al di fuori del matrimonio difficile da accettare nella società del
tempo. È costretta all’esilio dal Regno Lombardo-Veneto per la partecipazione alla
rete di cospirazioni carbonare in preparazione ai moti del 1830 e 1831. Stabilitasi a
Parigi diventa animatrice di un salotto che sarà un punto d’incontro importante per
mazziniani, moderati, come lo stesso Conte di Cavour, ma anche politici e intellettuali
francesi, presso i quali la Belgiojoso portava avanti un’opera di sensibilizzazione alla
causa dell’indipendenza nazionale italiana 3. Rientrata in Italia nel 1840, si dedica
all’organizzazione delle sue proprietà agricole a Locate, vicino a Milano, dove
organizza il lavoro e la vita dei contadini secondo i principi di Fourier, fornendo loro
anche un sistema d’istruzione e un servizio di assistenza medica.
Nel biennio 1848-49 prende parte direttamente alle vicende della prima guerra
d’indipendenza italiana, sia a Milano, dopo la rivolta delle Cinque Giornate, sia a
Roma, nella Repubblica romana guidata da Giuseppe Mazzini.
Dopo queste esperienze rivoluzionarie inizia il secondo esilio di Cristina
Trivulzio: ricercata dalle autorità pontificie e da quelle francesi, parte per Malta,
quindi per Costantinopoli. Fonderà un’azienda agricola nelle campagne centrali
dell’Anatolia, vicino ad Ankara, da dove effettuerà un viaggio in Medio Oriente, fino a
Gerusalemme. Rientrata a Parigi nel 1855, dopo il fallimento economico delle sue
attività agricole in Turchia, dove era stata anche gravemente ferita da un suo
domestico nel 1853, è di nuovo a Locate nel 1856, per occuparsi dei suoi terreni.
Riprende anche a scrivere, ma alla costituzione del Regno d’Italia nel 1861 non è
considerata fra i protagonisti del dibattito politico.
Gli scritti di Trivulzio comprendono saggistica, giornalismo, memorialistica di
viaggio e narrativa, con tematiche legate ai diversi momenti della sua biografia. Nel
nostro lavoro prenderemo in considerazione i primi lavori saggistici prodotti in

2 La figura di Cristina Trivulzio, esclusa dalla storiografia letteraria e anche dalla storiografia
dell’Ottocento, ha avuto una fama recente essendo fra i «protagonisti della narrazione» del film
dedicato al Risorgimento Noi credevamo (2011), di Mario Martone, «nato dal desiderio di
ricercare le più lontane origini nazionali di quel che non va, che continua a non andare nel
nostro paese» (Romitelli 2011).
3 La biografia più completa della Trivulzio, anche se considerata non del tutto attendibile, è quella di
Aldobrandino Malvezzi, uscita a Milano in tre volumi nel 1936 (Malvezzi 1936). Un breve
profilo critico di Cristina Trivulzio è stato tracciato recentemente da Francesca Cantù (Cantù
2011). Per farsi un’idea della rete di rapporti molto varia che si creava intorno al suo salotto,
possiamo ricordare la presenza di Filippo Buonarroti, Niccolò Tommaseo, Vincenzo Gioberti,
Giuseppe Ferrari, Pellegrino Rossi, Terenzio Mamiani, François Mignet, Augustin Thierry,
Victor Cousin, Victor Considerant, Jules Mohl, Alexis de Tocqueville, Honoré de Balzac,
George Sand, Alfred de Musset, Alain Villemain, François Guizot, Adolphe Thiers, Claude
Fauriel, Vincenzo Bellini, Franz Liszt (Bortone 2011, 9).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 171

francese durante il suo esilio parigino, dedicati alla teologia cattolica e alla filosofia di
Vico, di cui traduce la Scienza nuova in francese e introduce l’opera e il pensiero.
Analizzeremo gli scritti giornalistici in francese e in italiano che hanno accompagnato
la sua attività di sovvenzione, fondazione e direzione di giornali a Parigi, e anche in
Italia durante il biennio 1848-49 4. La sua attività giornalistica prosegue anche
nell’ultima fase della vita e accompagna i primi anni della costituzione del Regno
d’Italia (cfr. Chiarito 2010). Prenderemo quindi in considerazione la sua opera
narrativa, in francese, costituita da racconti di argomento orientale, Emina, Un prince
curde e Les deux femmes de Ismaïl-Bey, Un paysan turc, Zobeideh e dal racconto
Rachel, ambientato nella Lombardia fra la Restaurazione e il Risorgimento. Durante il
suo esilio in Oriente, Cristina Trivulzio ha scritto due opere di memorialistica di
viaggio, i Ricordi nell’esilio e il diario di viaggio Asie Mineure et Syrie. Souvenirs de
voyage 5.

6.3. Ricezione e stato attuale della critica


La figura di Trivulzio è stata indagata a fondo dal punto di vista storico, sociologico e
anche storico-culturale, ma intendiamo mostrare il suo contributo di scrittrice che
introduce nel panorama culturale e letterario del Risorgimento elementi di apertura
rispetto alla codifica culturale che ne è stata fatta dopo il compimento politico-
istituzionale. Trivulzio non trova collocazione come scrittrice nella Storia della
letteratura italiana di Emilio Cecchi e Natalino Sapegno (Cecchi; Sapegno 1965-
1969), né all’interno dell’articolata Letteratura italiana diretta da Alberto Asor Rosa
(Asor Rosa, 1982-2000), se non nel Dizionario degli autori (Asor Rosa 2008), con un
accenno alla sua attività giornalistica nel volume dedicato alla storia dell’età moderna
(Mauri 1988, 928-931), e neanche nella Storia della letteratura italiana diretta da

4 L’attività editoriale della Trivulzio nel campo della fondazione e direzione di giornali viene
ricostruita in Vercesi 2010.
5 Per quanto riguarda la nostra analisi faremo riferimento per le opere giornalistiche di Cristina
Trivulzio alle raccolte dell'Ausonio e del Crociato, indicate in bibliografia, e allo scritto sulla
questione femminile pubblicato sulla rivista Nuova Antologia (Trivulzio, Condizione delle
donne); i saggi sulla rivoluzione del 1848 a Milano e a Genova sono citati dall'edizione moderna
in traduzione italiana (Trivulzio, Milano e Venezia). Per la saggistica e la traduzione in francese
della Scienza nuova di Vico si fa riferimento alle edizioni antiche (Trivulzio, Essai; Vico-
Trivulzio, Science Nouvelle; Trivulzio, Osservazioni). Esistono edizioni moderne del diario
dell'esilio da Malta a Costantinopoli e della novella Rachel, bilingue la prima, solo in italiano la
seconda: per questo abbiamo fatto riferimento all'edizione in francese e in italiano di Ricordi
nell'esilio, mentre per Rachel abbiamo citato sia l'edizione in rivista in francese che la moderna
traduzione italiana. Il diario del pellegrinaggio dalla Turchia a Gerusalemme è citato
dall'edizione in volume in francese, seguita alla pubblicazione in rivista (Trivulzio, Asie
Mineure et Syrie). I racconti di narrativa orientale da noi analizzati (Emina e Un principe curdo)
sono citati dalla prima edizione in italiano (Trivulzio, 1857a), seguita alla pubblicazione in
francese in rivista (Revue des Deux Mondes, «Emina» 1 febbraio 1856 e 15 febbraio 1856; «Un
prince curde» 15 marzo 1856 e 1 aprile 1956). Per le informazioni bibliografiche complete sono
molto molto utili le indicazioni offerte sul sito Internet curato da Sandro Fortunati
http://www.cristinabelgiojoso.it (13.12.2012).
172 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

Enrico Malato (Malato 1995-1998). In quest’ultima, nel volume dedicato al primo


Ottocento, troviamo solo accenni al suo salotto parigino come luogo d’incontro di
scrittori e intellettuali (Malato 1998). Recentemente sono stati dedicati alla scrittrice e
giornalista due volumi collettivi: il primo, curato da Ginevra Conti Odorisio, Cristina
Giorcelli e Giuseppe Monsagrati, inquadra la sua figura nel panorama storico-culturale
italiano ed europeo (Conti Odorisio; Giorcelli; Monsagrati 2010); il secondo, curato da
Mariachiara Fugazza e Karoline Rörig, approfondisce l’attività giornalistica e
saggistica (Fugazza; Rörig 2010).
Trivulzio ha scritto gran parte delle sue opere, e in particolare tutta la
memorialistica e tutta la narrativa, in francese, ma ciononostante non può non essere
considerata scrittrice italiana almeno per due motivi. Dal punto divista funzionale
Cristina Trivulzio sceglie di usare una lingua internazionale per dare rilievo a livello
europeo alla sua promozione della causa dell’identità nazionale italiana. Se si guarda
poi al contenuto della sua opera, per quanto riguarda la saggistica e gli scritti
giornalistici, essi sono sempre riferiti all’Italia, alla sua storia, alla sua cultura, alla
politica contemporanea, mentre dalla memorialistica risalta sempre in misura molto
evidente l’appartenenza italiana della narratrice e protagonista, che si mette in scena
come personaggio anche nei racconti di argomento orientale. Per quanto riguarda
l’inclusione nel canone letterario, potremmo citare il caso dello scrittore italo-
americano John Fante, che pur avendo scritto e pubblicato i suoi romanzi in inglese, ad
esempio la serie delle Storie di Arturo Bandini, è considerato a pieno titolo scrittore
italiano, dato che nella sua opera, autobiografica, ricostruisce la propria identità
culturale di immigrato italiano negli Stati Uniti 6.
Intraprendiamo ora la nostra analisi degli scritti di Cristina Trivulzio applicando la
griglia metodologica basata su quattro coordinate, identità nazionale, ruolo identitario
della letteratura, aspetti pluralistici e articolazioni locali dell’identità, rapporto fra
identità nazionale ed europea. Trivulzio intende includere a pieno titolo nella
costruzione dell’indipendenza italiana, con un ruolo attivo anche nei combattimenti, la
parte femminile della società. Tutti gli scritti di Trivulzio ci invitano a riflettere sulla
differenza di genere come elemento di inclusione o di esclusione. Tutto ciò costituisce
un nucleo vitale e controverso, poiché la famiglia è un paradigma caratterizzante nella
costruzione dell’identità italiana del Risorgimento, cui la scrittrice aderisce in pieno,

6 Un’edizione italiana di questa raccolta di romanzi, a cura di Emanuele Trevi, si trova in Fante 2010;
per quanto riguarda l’assegnazione di John Fante alla letteratura italiana possiamo riferirci agli
studi di Sebastiano Martelli sulla letteratura italiana dell’emigrazione (Martelli 2009 e Martelli
2012). Inoltre in Germania si è sviluppata nelle seconda metà del Novecento una letteratura
italiana dell’emigrazione, con scrittori italiani, come Gino Chiellino e Carmine Abate che hanno
prodotto opere in tedesco (cfr. Pagliardini 2012, 84-86); Carmine Chiellino lamentava nel 2005
la scarsa attenzione della ricerca scientifica letteraria italiana nei confronti di questa produzione
letteraria (cfr. Chiellino 2005). Un caso contrastato di appartenenza al canone letterario
nazionale di uno scrittore che scrive in una lingua straniera è quello del romeno Dumitru
Tsepeneag, che ha scritto parte delle sue opere in francese, analizzato da Alexandra Vranceanu
con considerazioni generali su appartenenza al canone e scelta della lingua (Vranceanu 2012).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 173

inoltre nel suo concetto democratico di costruzione nazionale non ci possono essere
spazi che rimangono esclusi, come quello del genere femminile 7.
Metteremo quindi a fuoco, all’interno di questo schema, aspetti che riguardano il
ruolo della distinzione di genere nel procedimento di inclusione/esclusione operante
nella costruzione dell’identità nazionale 8.

6.4. Identità nazionale e storia italiana al femminile


Se analizziamo l’apporto di Cristina Trivulzio alla definizione della costruzione
identitaria italiana, troviamo sostanzialmente quattro direttrici concettuali: l’unità
territoriale e geografica, la base democratica dell’identità italiana, la metafora «patria
come famiglia», con particolare riferimento ai ruoli di genere, la religiosità come
elemento identitario nazionale.

6.4.1. Unità territoriale e geografica


Nell’opera di Cristina Trivulzio, in piena consonanza con quanto sosteneva anche
Mazzini, troviamo il concetto di unità territoriale e geografica, con l’idea che l’identità
italiana dovesse portare a uno Stato unitario e che questo Stato dovesse avere una
struttura istituzionale centralizzata. La riflessione della Trivulzio in tema di
unificazione nazionale si lega alla valutazione storica dell’esperienza del Regno
d’Italia nell’epoca napoleonica, con capitale a Milano. Vorremmo qui ricordare uno
scritto circolato sotto il nome di Cristina Trivulzio, di cui lei stessa ha rigettato la
paternità, ma che secondo la Rörig si deve per lo meno ad ambienti a lei vicini e la
scrittrice ne ha promosso la traduzione italiana 9. Il volume ricostruisce la storia della
Lombardia dalle ultime vicende del Regno d’Italia fino alla vigilia della rivoluzione
del 1848. Nel testo si mostrano le divisioni politiche interne al Regno d’Italia che sono
state la causa della sua caduta, dopo la fine di Napoleone. Lo scopo è dimostrare che il
Regno d’Italia aveva in realtà in sé tutte le strutture per sopravvivere come Stato
autonomo, con ordinamenti democratici, alla fine dell’Impero napoleonico, mentre si è
arrivati alla sua soppressione e all’annessione all’Impero asburgico soltanto per le

7 A proposito di famiglia e Risorgimento, si veda Conti 2011. Vorremmo segnalare a questo punto che
la cultura ufficiale italiana dell’Ottocento, anche in campo laico e anticlericale, era talmente
ostile nei confronti di situazioni famigliari irregolari che, nella biografia ufficiale di Giuseppe
Garibaldi, si faceva di tutto per eliminare, o per lo meno tacere, il fatto che la relazione con
Anita fosse iniziata quando lei era ancora sposata con il primo marito (Guidi 2000, 576-577).
8 Come vedremo queste esperienza si cristallizzeranno in un suo scritto della maturità sulla condizione
delle donne in Italia, pubblicato sulla Nuova Antologia nel 1866 (Trivulzio, Condizione delle
donne).
9 Si tratta di Storia della Lombardia, che riporta la singolare indicazione d’autore: «Manoscritto in
francese di un Lombardo voltato in italiano da un Francese»; si tratta di un’epigrafe
contraddittoria che suggerisce l’idea che ci sia un intento di nascondere, attraverso un enigma,
la mano dell’autore o dell’autrice; per le informazioni sulla paternità del testo rimandiamo a
Rörig 2010, 50-51; si assegna invece l’opera a Trivulzio in Bortone 2011, 23-24.
174 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

divisioni interne fra partiti, fra l’altro tutti diretti da esponenti italiani, non stranieri
(Trivulzio, Storia della Lombardia 24-34; 400-402).
Sempre sulla linea della difesa di un’identità italiana unitaria si muove uno degli
scritti più strettamente politici di Trivulzio, il pamphlet pubblicato a Milano durante il
governo provvisorio instaurato in seguito alla rivolta delle Cinque Giornate: Ai suoi
concittadini. Parole 10.
Il testo è strutturato in due parti: la prima mira a dimostrare che uno Stato
accentrato e unitario sarebbe l’unico compatibile con la storia e con la cultura italiana,
mentre la seconda parte è dedicata alla confutazione di una soluzione repubblicana a
favore dell’adozione della monarchia costituzionale. In entrambe le sezioni,
argomentazioni storico-culturali si affiancano a quelle politico-sociali.
Innanzitutto Trivulzio mette a fuoco quello che secondo lei è stato il maggiore
ostacolo alla nascita di uno Stato unitario italiano, il «municipalismo»:
L’Italia ebbe sorti diverse dal rimanente delle nazioni Europee. Queste si formarono nel
medio evo in Stati forti e possenti, mentre quella rimase ognor divisa in molti piccoli Stati
fra loro rivali e nemici, per modo che l’intervento e il dominio straniero furono ogni tratto, e
dagli Italiani medesimi, richiesti come solo rimedio agli intestini disordini. Non fu già
valore che mancò agli Italiani e ai Lombardi in particolare. Dove mai risplendeva maggior
eroismo che in quei Lombardi collegati contro Federico? Già sino in quei remoti tempi, le
città Lombarde cacciarono l’esercito Teutono, sostennero gli assedii, corsero alla mischia
senz’armi, pugnarono coi petti, e vinsero. Ma quale fu poi il risultato di questi fasti da
giganti? La schiavitù; varii secoli di schiavitù. E perché ciò? Quale fu la colpa e l’errore che
fruttò tale infortunio ai Lombardi? Il municipalismo: il Sosia della nazionalità.
Molti valenti scrittori di questi tempi si sono accinti a guarire gli Italiani della piaga del
municipalismo, e menarono vanto di esservi riesciti. Io pure unii alla loro la mia voce, e più
d’una volta mi portai presso gli stranieri garante, che lo spirito municipale era spento in
Italia. (Trivulzio, Ai suoi concittadini 226) 11
Nel passaggio abbiamo l’argomentazione storica secondo cui le divisioni interne e le
rivalità municipali hanno fatto sì che non si potesse realizzare né l’unità né
l’indipendenza dalle potenze straniere degli italiani. 12 Il riferimento al Medioevo e alla
lotta contro Federico Barbarossa sarebbe diventato un altro degli stereotipi del

10 Nel governo provvisorio milanese del 1848, e parallelamente a Venezia, era vivo il dibattito fra la
scelta politica di formare un Regno dell’Alta Italia, cioè semplicemente un possibile
allargamento territoriale dei territori del Regno di Sardegna, e quella sostenuta dai mazziniani,
la proclamazione a Milano di una Repubblica, embrione della futura Repubblica italiana. Il
dibattito era inasprito dalle divisioni fra i mazziniani che auspicavano una repubblica unitaria e
la posizione di Cattaneo, che aveva preso in mano la guida dell’azione militare della Lombardia,
il quale auspicava una forte autonomia della municipalità di Milano. La sua ottica era quella di
costruire una repubblica italiana federalistica e democratica. Per questo dibattito si veda
Omodeo 1969, 357-364.
11 Tra gli scrittori cui fa riferimento la Trivulzio ci potrebbero essere Ugo Foscolo e Alessandro
Manzoni, ma anche Giovanni Berchet o Massimo D’Azeglio, oltre a scrittori politici come
Giuseppe Mazzini e Carlo Pisacane.
12 Cristina Trivulzio dedica un saggio pubblicato sull’Ausonio nel 1846 proprio alla storia medievale
del comune di Milano (Trivulzio: Antico governo milanese); la scrittrice aveva anche progettato
di scrivere una Histoire des Municipes italiens (Rörig 2010, 45).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 175

Risorgimento, fino alla poesia di Giosue Carducci 13. Il testo ricorda quanto aveva
scritto Mazzini, ad esempio nel saggio sull’Amor patrio di Dante Alighieri, sulle
divisioni fra le città, ma anche fra i partiti dei Guelfi e dei Ghibellini, nel Medioevo e
sulla concezione unitaria che Mazzini attribuiva a Dante, Petrarca e Boccaccio (vedi
Capitolo 5).
L’insistenza della Trivulzio sulla necessità di uno Stato unitario e non federale
viene apprezzata anche negli ambienti mazziniani milanesi, tanto che nel giornale
fondato a Milano da Mazzini, Italia del popolo esce una recensione in cui, certamente,
si critica la difesa della monarchia costituzionale nell’opuscolo della Trivulzio, ma si
lodano le posizioni della scrittrice a favore di uno Stato italiano unitario e accentrato, e
anche l’idea della sovranità popolare, cui accenneremo in seguito 14.
Durante la rivoluzione lombarda seguita alle Cinque Giornate, Cristina Trivulzio è
a Milano, dove pubblica e dirige, dall’aprile al luglio 1848, il giornale Il Crociato, un
foglio di quattro pagine che esce due o tre volte la settimana 15. Esplicito è
l’orientamento per la costruzione di un solo Stato che si ritrova nell’epigrafe del
giornale: «Italia Una!». Nell’editoriale del secondo numero, Trivulzio contesta le voci
secondo cui il governo provvisorio lombardo avrebbe di mira una soluzione soltanto
locale, o al massimo federale della questione nazionale italiana. Anche in questo testo
l’idea di unità nazionale è contrapposta alle divisioni del municipalismo e, in linea con
le idee di Mazzini, si identifica l’esistenza di un solo popolo italiano:
L’Italia tutta è superba di essere radicalmente guarita dalla piaga del municipalismo. Chi
dicesse a un Italiano, delle parti più remote e meno civili d’Italia, ch’egli non sente fraterno
affetto per l’abitante di qualunque altra parte da lui remotissima della penisola, si udrebbe
rispondere: voi mi offendete, sono Italiano, ed amo gli Italiani tutti come fratelli. (Trivulzio,
Crociato II, 23 aprile 1848, 1)
Lo stesso editoriale, facendo un’analogia fra sentimento nazionale e sentimento
religioso, insiste sul fatto che gli italiani hanno superato il loro municipalismo:
Ora ch’è estinto in Italia il municipalismo, l’ombra di esso basta ancora a suscitare fra noi la
discordia. Perisca quell’ombra infausta, come periva quel corpo immondo, eterna rovina
d’Italia, morbo pestilenziale, il cui nome stesso dev’essere bandito da noi, come i divoti
Cattolici si astengono dal proferire il nome dello spirito delle tenebre, per timore di
svegliarne l’influenza e di chiamarlo fra di essi.

13 Basti citare la «Canzone di Legnano» del 1879 (Carducci, Canzone di Legnano), oppure il Canto
degli italiani di Goffredo Mameli, del 1847, che in ricordo della vittoria dei comuni milanesi
auspica «Dall’Alpi a Sicilia / Dovunque è Legnano» (dal sito http://www.quirinale.it
20.05.2013).
14 A questo proposito è interessante notare che gli autori della recensione profetizzano il passaggio
della Trivulzio fra le fila dei repubblicani, il che avverrà puntualmente l’anno dopo quando
Carlo Alberto di Savoia terminerà con un completo insuccesso la guerra regia, tanto che verrà
proclamata la repubblica a Venezia e a Roma, dove accorrerà la scrittrice e giornalista. Il testo
della recensione, come la risposta della stessa Belgiojoso, pubblicate entrambe sull'Italia del
popolo, sono state ripubblicate nel volume di saggi Fugazza; Rörig 2010, 242-245.
15 Per un profilo storico della pubblicazione di questo giornale si veda in particolare Vercesi 2010,
104-106. La raccolta dei 40 numeri di questo giornale è stata digitalizzata e resa meritoriamente
disponibile, insieme ad altri preziosi materiali, da Sandro Fortunati, sul sito Internet
http://www.cristinabelgiojoso.it (21.5.2013).
176 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

Perisca chi tenta insinuare che un confine debba innalzarsi al di qua delle Alpi.
(Trivulzio, Crociato II, 23 aprile 1848, 2)
Ritroviamo qui l’argomento tradizionale dei confini naturali e in particolare il concetto
che la catena delle Alpi costituirebbe il confine assegnato all’Italia dalla provvidenza
divina, un concetto presente in diversi scritti dell’autrice 16.

6.4.2. Base democratica dell’identità italiana


La visione dell’identità nazionale italiana di Trivulzio coincide con quella di Mazzini
anche per un altro elemento: la natura democratica di questa identità. La scrittrice e
giornalista dichiara sempre la propria convinzione che non si possa costruire
un’identità nazionale italiana che non sia fondata sulla democrazia e sul pieno
coinvolgimento di tutto il popolo, comprese le classi sociali meno abbienti, nell’assetto
dello Stato italiano. Questo tema viene focalizzato nel già ricordato opuscolo scritto e
diffuso durante la rivoluzione milanese del 1848. Nella prima parte del testo Cristina
Trivulzio sosteneva la necessità di creare uno Stato italiano unitario, scartando l’idea
di un Regno dell’Alta Italia, sul modello del Regno d’Italia fondato da Napoleone I, o
quella di uno Stato italiano federale, che lasciasse intatte le istituzioni degli Stati
preunitari esistenti in Italia. Nella seconda parte del documento, la scrittrice sostiene
che il futuro Stato italiano dovrà essere monarchico e costituzionale, individuando in
questa forma l’unica garanzia di poter costituire uno Stato italiano democratico:
Se i diritti del popolo sono imperscrittibili, tale debb’essere il potere del Re costuzionale; se
il popolo trasmette i suoi diritti ai posteri, il Re deve trasmettere il potere a’ suoi figli. In
questo modo il Re raffigura l’essere morale [di] detto popolo, e concentrando in sé tutti i
diritti individuali, impedisce lo sviluppo dei sentimenti e delle viste personali, conservatore
fedele del principio della Unità.
Il principio della eguaglianza è l’anima d’ogni istituzione democratica; ma dove il
principio monarchico, conservatore dell’Unità, non fa da contrappeso a quello
dell’eguaglianza, come serbare l’unione? Questa città ha altrettanti diritti quanto quest’altra:
questo individuo quanto quello; ora come potrassi ottenere che i contrarj interessi delle varie
città e dei vari individui non abbiamo a produrre fazioni e divisioni? (Trivulzio, Ai suoi
concittadini 232)

16 In uno dei saggi che compongono la serie dedicata a L’Italie et la révolution italienne, usciti sulla
Revue des Deux Mondes, Trivulzio ricostruisce la rivolta scoppiata in Trentino, cui hanno dato
man forte volontari inviati dal governo provvisorio milanese. In questo contributo si semplifica
la geografia della regione, affermando che esistono due Tiroli, uno tedesco e uno italiano,
rispettivamente a Nord e a Sud delle Alpi, in quanto, a suo dire, l’arco alpino separa due popoli
e due comunità linguistiche ben distinte (Trivulzio, Tyrol italien). Nel saggio la Trivulzio fa
riferimento in modo dettagliato alle località in cui è scoppiata la rivolta, che sono tutte fra
Trento, Brescia e Verona, tuttavia nella sua visione idealizzata del rapporto fra unità nazionale e
morfologia, colloca il confine linguistico esattamente in corrispondenza delle Alpi. Altri
riferimenti al concetto di confine naturale dell’Italia si ritrovano nelle già citate Osservazioni
sullo stato presente dell’Italia, pubblicate in volume nel 1868, in cui l’iniziale panorama geo-
politico richiama le Alpi e il Mare Mediterraneo come confini naturali della nazione italiana
(Trivulzio, Osservazioni 5-6).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 177

Per Trivulzio la concezione democratica fa parte integrante della visione di identità


nazionale italiana: dal punto di vista sostanziale la nazione si identifica con il popolo
nel suo insieme. Nel saggio sulla storia della rivoluzione lombarda, analizza i fatti che
hanno portato al fallimento della rivoluzione stessa, con il fine di mostrare che il
popolo e i volontari, non hanno avuto alcuna responsabilità nel fallimento, attribuibile
solo alle scelte sbagliate del governo provvisorio milanese, del re e dei generali del
Regno di Sardegna 17.
Trivulzio intende mostrare all’opinione pubblica francese ed europea che il popolo
italiano ha combattuto per la propria indipendenza nazionale in Lombardia e che in
seguito a ciò la causa della creazione di uno Stato italiano unitario e indipendente ha
piena validità morale: la tesi di Trivulzio è che il popolo italiano è consapevole della
propria identità nazionale ed è pronto a combattere per la concreta realizzazione di
questa. La narrazione della rivoluzione milanese tende ad evidenziare quindi
soprattutto l’adesione popolare e l’intervento spontaneo di volontari provenienti da
tutti gli Stati italiani, nonostante le ambiguità dei vari sovrani italiani, che hanno
inviato questi corpi di volontari per cedere alle manifestazioni popolari di piazza, ma
che hanno dato ai rispettivi comandanti ordini ambigui e contraddittori:
Chi solleverà il fitto velo in cui sono avviluppati questi avvenimenti? Chi si pronuncerà in
ultima istanza sull’innocenza o sulla colpevolezza dei principali attori di questa triste scena?
Per parte mia ritengo che sarebbe fuori posto emanare la sentenza oggi, mentre il processo è
ancora in fase istruttoria; le parti interessate sono ancora sul proscenio, l’ultimo atto del
dramma non è stato ancora recitato, non sappiamo quale sarà il suo scioglimento. Abbiamo
da fare di meglio che accusarci o discolparci. C’è un solo accusato che non è lecito lasciare
sotto l’ombra del sospetto, è il popolo; perché se il popolo è giudicato indegno della libertà,
non può sperare di conquistarla. (Trivulzio, Milano e Venezia 116)
È chiaro l’intento della scrittrice di incentrare sul concetto di popolo italiano la sua
idea d’identità nazionale, quindi di accreditarne i meriti e il livello di consapevolezza
della propria appartenenza, per sostenere presso l’opinione pubblica europea la
necessità di favorire la costruzione dello Stato italiano. Quest’ottica è presente in tutto
il resoconto della rivoluzione. Esemplare di questa distinzione fra meriti popolari e
colpe dei principi e di comandanti è la ricostruzione delle vicende del corpo di
spedizione papale, agli ordini del generale Durando, al quale nonostante tutto la
Trivulzio accorda la propria fiducia, ma la cui strategia, del tutto contraddittoria, ha
tolto ogni possibilità di azione efficace al corpo di volontari da lui guidati:
La prima armata che si formò nell’Italia centromeridionale per marciare in soccorso
dell’Italia del nord fu l’armata romana. Il popolo romano pretese la formazione immediata
di un corpo di truppe che il generale Durando avrebbe dovuto condurre nel Veneto.
Parecchie legioni di guardie nazionali, un consistente numero di volontari, truppe regolari e
circa settemila svizzeri formavano un’armata di quattordicimila uomini che rappresentavano
il contingente romano nel grande esercito italiano.

17 Il testo esce in una serie di articoli sulla Revue des Deux Mondes, a breve distanza dagli
avvenimenti e quando la rivolta a Venezia era ancora viva, fra settembre e ottobre 1848, quindi
in volume in traduzione italiana nel dicembre dello stesso anno, a Lugano (per le informazioni
si veda Bortone 2011).
178 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

L’Italia provò un sentimento di profonda sicurezza quando apprese la notizia della


nomina del generale Durando al rango di comandante delle forze attive della Santa Sede.
(Trivulzio, Milano e Venezia 74-75)
Dopo l’arrivo delle truppe al comando di Durando a Ferrara, il generale inizia una
serie di mosse e di temporeggiamenti incomprensibili, durante i quali pretende anche
un contributo in denaro molto alto al governo provvisorio di Milano per equipaggiare i
suoi soldati. Nonostante gli venga concesso tutto ciò, non marcia verso Milano o verso
il Veneto. A questo punto, dato che il generale non si risolve a dare l’ordine di
avanzare, l’iniziativa popolare prende il sopravvento anche nel corpo di spedizione:
Come sempre e dappertutto, anche durante i quattro mesi della guerra furono le masse a
trascinare i capi. L’armata romana costrinse il generale a passare il Po e a marciare contro il
nemico. Le truppe avevano appena varcato il fiume, quando un’allocuzione di Pio IX
annunciò ai popoli che la missione della sua armata si limitava alla difesa dell’integrità del
territorio romano e ingiunse al generale di non prendere l’offensiva contro gli austriaci.
Questa allocuzione, che era seguita, si dice, da un ordine segreto con la raccomandazione di
retrocedere fino a Ferrara, suscitò in Roma e nelle province una minacciosa irritazione.
(Trivulzio, Milano e Venezia 76)
Nel suo resoconto critico della rivoluzione milanese trova spazio anche l’impresa
militare di cui la Trivulzio è protagonista in prima persona. All’inizio del 1848, dopo
la concessione, a Palermo e a Napoli, di una costituzione che consentiva, almeno
parzialmente, la libertà di stampa, Cristina Trivulzio si trasferisce da Parigi a Napoli,
per portare direttamente in Italia la propria attività editoriale e giornalistica. Al
precipitare degli eventi e soprattutto alla notizia dell’inizio della guerra
d’indipendenza, dopo la rivoluzione milanese delle «Cinque Giornate» 18, Trivulzio
organizza un contingente di circa duecento volontari da portare con sé in nave verso
Milano e la Lombardia:
Quando scoppiò la rivoluzione milanese, mi trovavo a Napoli. Non seppi resistere al
desiderio di raggiungere subito i miei concittadini e mi affrettai a noleggiare una nave a
vapore per farmi portare a Genova. Appena si diffuse la notizia della mia partenza, ebbi la
misura di quanto vasta e calda fosse la simpatia che la causa lombarda ispirava alla
popolazione napoletana. Durante le quarantott’ore che precedettero il mio imbarco la mia
casa fu sempre piena di gente: erano persone di ogni classe sociale che venivano a chiedere
che le conducessi con me. I napoletani che avrebbero voluto partire erano parecchie
migliaia, ma la nave da me noleggiata non poteva trasportare più di duecento passeggeri.
Acconsentii dunque a prendere con me un corpo di duecento volontari e la piccola falange,
come è facile immaginare, si trovò presto a ranghi completi. Raramente si era vista tutta una
popolazione voltare le spalle in modo così brusco a vecchie abitudini tranquille per un
medesimo pensiero di guerra e di dedizione. (Trivulzio, Milano e Venezia 88)
Segue una descrizione analitica di varie contesti sociali da cui provengono i duecento
volontari, giovani aristocratici, ma in gran parte funzionari, ufficiali dell’esercito, tutti
sono uomini, e alcuni sono padri di famiglia che lasciano moglie e figli per andare a

18 Dal 18 al 22 marzo 1848 la popolazione milanese era insorta e il podestà Gabrio Casati, che
esercitava la sua carica nell’ambito dell’amministrazione imperiale di Milano, diventa capo di
un governo provvisorio, mentre la guarnigione austriaca agli ordini del maresciallo Radetzky si
ritira a Verona, all’interno delle quattro città fortificate denominate «il quadrilatero»: Verona,
Mantova, Peschiera, Legnago (Omodeo 1969, 356).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 179

combattere. Dal racconto risulta chiaramente che la funzione di volontario che parte
per la guerra di liberazione italiana è svolta esclusivamente da uomini, pur essendo
Cristina Trivulzio, in funzione delle sue risorse economiche e della sua iniziativa
politica, il «comandante» di questo gruppo. Nella rievocazione giornalistica Trivulzio
riprende schemi narrativi evangelici, come quello di chi segue Cristo rompendo i
legami famigliari più forti e profondi 19.
Anche nella narrazione di questo episodio Trivulzio coglie l’occasione per
mostrare il carattere popolare della sua concezione di patria, con la descrizione della
folla festante alla partenza da Napoli, quindi all’arrivo dei volontari al porto di
Genova, fino all’ingresso trionfale a Milano, dove la principessa sfila per le vie con i
suoi volontari e viene ricevuta dal governo della città, con il presidente Casati che si
affaccia al balcone insieme a lei per tenere un discorso 20. A questo punto, però, anche
se ciò risulta implicitamente dal suo racconto, è costretta a lasciare il comando dei
volontari, limitandosi ad esercitare una sorta di patronato politico su di loro:
La popolazione milanese si era preparata allo stesso modo per salutare il nostro arrivo con
dimostrazioni di simpatia, e il governo provvisorio giudicò prudente associarsi. I miei
duecento volontari erano, dopo i soldati piemontesi, i primi italiani venuti in Lombardia per
partecipare a quella che allora era chiamata «la crociata» o «la guerra santa». La presenza a
Milano del primo corpo di volontari napoletani era una sorta di garanzia che la guerra contro
l’Austria sarebbe stata una guerra italiana anziché lombardo piemontese. […] Mi sentivo in
certo modo responsabile dei giovani che mi avevano seguito da Napoli e quindi cercai piú di
una volta di ottenere per loro l’interessamento del governo provvisorio, ma troppo spesso mi
scontrai con una cattiva volontà che non si mascherava per nulla. Mi capitò per esempio di
presentare i miei volontari napoletani come l’avanguardia di un esercito di centomila uomini
composto da tutti i giovani italiani, i quali non avrebbero tardato a accorrere al primo
appello. «Dio ci scampi da un simile soccorso», si esclamò. (Trivulzio, Milano e Venezia
88) 21

19 In Evangelium secondum Matthaeum troviamo questa esortazione di Cristo, secondo il testo della
versione latina nella Vulgata: «qui amat patrem aut matrem plus quam me non est me dignus et
qui amat filium aut filiam super me non est me dignus» (X, 37 dal sito www.intratext.com –
13.6.2013).
20 La nota esplicativa al testo riporta la relazione sull’avvenimento di un diplomatico austriaco, il
conte Hübner, che da parla di 180 volontari, descrivendo da un lato l’accoglienza festosa e
trionfale della popolazione milanese, dall’altra il discorso di benvenuto del presidente Casati,
definito «eloquentissimo». Una rappresentazione del tutto rovesciata dell’avventura napoletana
di Trivulzio viene rilevata da Paolo Ovieto nel romanzo del padre Antonio Bresciani L'ebreo di
Verona da lui analizzato, dove il personaggio reazionario Pippetto, arrivato a Napoli viaggiando
in incognito insieme ai rivoluzionari, racconta che i napoletani erano del tutto indifferenti ai
discorsi di Cristina Trivulzio, milanese elegante e raffinata, mentre essi amavano e sostenevano
il loro re (Orvieto, 105-106).
21 I curatori dell’edizione italiana citata riportano in nota una serie di testimonianze dell’arrivo a
Milano del contingente di volontari guidato da Cristina Trivulzio. Massari, moderato e seguace
di Gioberti, ne riferisce sulla stampa dichiarando che il fatto che una donna si affacci dal
balcone con il podestà, in quanto è lei alla guida del contingente di volontari, va taciuto per
pudore. Lo stesso podestà Gabrio Casati scrive al segretario del Re Carlo Alberto: «È arrivata la
principessa Belgiojoso con una truppa di centocinquanta avventurieri. Temo che m’abbia fatto
un cattivo regalo. Tuttavia ho dovuto rappresentare la scena di arringare questa truppa» (Nota a
Trivulzio, Milano e Venezia, 87-88).
180 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

L’idea di popolo di Cristina Trivulzio è inclusiva e comprende anche la parte


femminile, allora esclusa sia dal dibattito politico che dalle funzioni militari o
rivoluzionarie. Nel 1849, dopo che il Regno di Sardegna ha gestito in modo
catastrofico la guerra d’indipendenza in Lombardia, e anche temporaneamente
abbandonato l’azione, Trivulzio abbandona il campo dei sostenitori della monarchia e
si trasferisce a Roma, dove è stata proclamata la repubblica, per andare in aiuto a
Mazzini e ai mazziniani che reggono lo Stato del decaduto pontefice. Tuttavia anche
qui non può prendere parte ai combattimenti, ma in compenso le viene affidato
l’incarico di organizzare gli ospedali e i soccorsi per i feriti di guerra 22.
Nel resoconto di questa esperienza Trivulzio mostra una piena inclusione
democratica delle donne nella sua costruzione dell’identità italiana. Le esperienze fatte
durante la Repubblica romana si ritrovano come ricordi nel suo primo diario di
viaggio, i Ricordi nell’esilio. La scrittrice rievoca l’opera di assistenza ai feriti e agli
ammalati prestata negli ospedali romani da lei organizzati e diretti. Il servizio era
affidato a donne romane, che in qualche caso erano anche prostitute. La pubblicazione
di questi fatti attirò sull’autrice accuse e polemiche, in quanto il racconto dei fatti
viene recepito come giudizio morale negativo sulla vita delle donne di Roma
(Trivulzio, Ricordi nell’esilio 70-71).
Nel racconto Rachel 23, l'unico ambientato in Italia, nucleo centrale dell’azione
della protagonista è il suo tentativo, destinato a fallire per lei in quanto donna, di
conciliare rivoluzione e ideali famigliari, passione politica e amore per Paolo.
Attraverso l’elaborazione di questo personaggio e la sua interazione e in parte
l’incomunicabilità con l’amato Paolo, Cristina Trivulzio mostra che non sono e non
devono essere tutti rivoluzionari i futuri cittadini italiani. E con questo aspetto del
personaggio di Rachel si preannuncia l’esito del processo rivoluzionario, la
costruzione del fondamento della futura vita comunità nazionale. Protagonista insieme
a Rachel della conclusione del racconto è Pietro, il figlio maggiore e capo della
famiglia dopo la morte del Signor Stella. Il giovane viene presentato come portatore di
tutte le qualità e di tutti i valori tradizionali, ma anche, a differenza del fratello Cesare,
di un equilibrio e di una sensibilità speciali, tanto che pur essendo stato destinato dal
padre in sposo a Rachel, non esige mai per diritto questo matrimonio, ma cerca di
conquistare in tutti i modi il rispetto e l’amore della sposa a lui destinata. Quando
intuisce i sentimenti che ci possono essere fra Rachel e il fratello Paolo, pur soffrendo,
non cessa di agire per il loro bene e in nessun momento diminuisce il suo affetto per il
fratello.

22 Una documentata rievocazione della direzione delle «ambulanze militari» a Roma da parte di
Cristna Trivulzio si trova in Bellucci 2011.
23 Il racconto Rachel è uscito in francese in due puntate sulla Revue des Deux Mondes, il 15 maggio e
il 1 giugno 1859. Vi si narrano le vicende di una famiglia di ricchi agricoltori lombardi,
amministratori di un fondo agricolo, in cui sono accolte le due sorelle rimaste orfane, Rachel e
Lucie, figlie di un fratello del capo-famiglia. Rachel è subito la prediletta dello zio e padrone di
casa, che la destina in moglie al primogenito Pietro, ma di lei s’innamora anche il figlio minore
della famiglia ospitante, Paolino. Il tutto accade durante gli anni che vanno dalla restaurazione
dopo la fine di Napoleone alla vigilia della partenza della spedizione garibaldina per la Sicilia.
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 181

Un altro personaggio femminile del racconto dal profilo complesso è quello della
Signora Stella. Dopo la morte del vecchio Stella, la vedova prende in mano
l’amministrazione e la contabilità della fattoria e si rivela particolarmente dotata e
autorevole in questa funzione di comando 24. Per questo figli e figlie discutono a tavola
su queste doti che non si erano rivelate prima della morte del marito. Rachel interviene
presentando il punto di vista femminile, per contestare che si possano apprezzare le
doti della Signora solo dopo la disgrazia della morte del marito, e che le mogli
debbano rimanere sempre nell’ombra accanto al marito (Trivulzio, Rachel 661-662).
Rachel accusa la società di mettere in ombra le donne e soprattutto le donne di valore,
di riconoscere i meriti delle donne solo dopo la morte del marito. Nella discussione
che segue Pietro non esita a prendere le difese di Rachel per affermare che i diritti
delle donne che la cugina proclama sono giusti in sé e non possono essere contestati
(Trivulzio, Rachel 662).
Tale principio si ritrova nel saggio del 1866, in cui la scrittrice traccia un bilancio
della condizione delle donne in Italia e ne indica le prospettive e gli auspici 25. Il testo
ricostruisce la situazione di oggettiva inferiorità economica, sociale e giuridica in cui
si trovano le donne in Italia, e l’impossibilità, secondo l’autrice, che tale condizione
possa migliorare da un giorno all’altro. Tuttavia la scrittrice esprime l’augurio che
proprio nel giovane Stato italiano, poiché la democrazia fa parte dell’identità nazionale
che ha portato alla realizzazione del Regno d’Italia, ci possano essere condizioni
favorevoli a un precoce riconoscimento dei diritti delle donne. La sua prospettiva si
spinge fino alla convinzione che le italiane, per prime, avranno pari opportunità. Per
Cristina Trivulzio l’identità italiana è frutto di un «risorgimento», quindi tra le novità
che questa rivoluzione deve portare c’è anche la fine della disuguaglianza fra i ruoli di
genere:
La nostra Italia sta ora componendosi con gravi stenti, e vincendo potenti ostacoli. La
nazione italiana non teme di separarsi dalle cose passate, e le novità di qualsiasi natura non
la spaventano solo perché son novità: ma in questo momento ogni cura che non si riferisca
direttamente al suo ordinamento e assetto politico, ogni riforma che non tenda a tutelarla da
un imminente pericolo, deve essere rimandata a giorni più securi e tranquilli. I nostri
legislatori, coloro che rappresentano la nazione italiana fatta libera, non debbano venir
distratti dal gravissimo loro incarico; ma l’opera che a mio parere deve precedere la
giustizia, a cui anelano alcune donne, può incominciarsi oggi. Si educhino e s’istruiscano
quelle donne che per la natura del loro ingegno, e per il loro stato sentono il bisogno di una
intellettuale coltura e possono procacciarsela. Anche in mezzo ai gravi pensieri che oggi
travagliano la italiana società, il lento ma continuo progresso della mente femminile non
rimarrà inosservato, e forse prima ch’io non credo le donne otterranno spontaneamente dagli
uomini la dovuta giustizia. (Trivulzio, Condizione delle donne 184)

24 Anche nel contemporaneo romanzo manzoniano troviamo la stessa centralità della famiglia come
cellula fondamentale della società, il cui valore etico si confronta con la corruzione dello Stato,
e anche un ruolo da protagoniste per i personaggi femminili (Lucia, Gertrude), ma a questi non
vengono attribuite funzioni di amministrazione o di governo. Per trovare un personaggio
letterario femminile cui era stata attribuita un’analoga funzione di amministratrice dobbiamo
forse risalire alla Mirandolina di Goldoni.
25 Si tratta dello scritto «Della presente condizione delle donne e del loro avvenire», pubblicato sulla
prestigiosa rivista fiorentina Nuova antologia, fondata da Francesco Protonotari in quell’anno,
come ideale ripresa della rivista di Viesseux (Trivulzio, Condizione delle donne).
182 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

Il testo si conclude con una sorta di celebrazione in toni profetici di quale sarà il futuro
dell’Italia, di una nazione in cui le donne avranno pieno diritto di integrazione ed
emancipazione, un progresso civile che apporterà vantaggi e benefici non solo alle
donne ma a tutta la società, per quanto riguarda le condizioni della vita famigliare.

6.4.3. Metafora «patria come famiglia»


A quanto appena detto si ricollega l’idea di fondo dell’identità italiana secondo la
metafora che accumuna la patria alla famiglia. Quello che troviamo nei suoi scritti
costituisce una variazione molto originale rispetto al cliché di fondo, di uno di quelle
«strutture profonde» individuate da Alberto Mario Banti alla base del Risorgimento
italiano. La famiglia costituisce uno dei campi d’indagine preferiti dalla scrittrice: sia
essa la famiglia italiana o europea, o quella turca o musulmana. Ma anche lo Stato
italiano è visto da lei nei termini di una famiglia, tanto che la figura del re assume
spiccati tratti paterni:
Una gran parte degli uomini che ne governano, e la real famiglia intorno alla quale va
stringendosi l’Italia, governarono sino al 59 un picciol paese, una picciola, ma forte e saggia
popolazione: quindi si trovarono quasi magicamente trasportati alla testa di una nazione di
oltre venti milioni di anime, sparse lungo la penisola italica, colla missione di formare uno
stato compatto di tanti stati divisi, e spesso stati nemici fra di loro; di comporli a nazione; di
correggere, o, diciamo meglio, di distruggere i letali effetti di tanti secoli di servitù e di
pessimo reggimento; di dotare le provincie annesse dei benefizi di una civiltà, da cui i loro
governi assoluti e tirannici le avevano tenute deliberatamente lontane, e al tempo stesso di
difendersi dai nemici che sono tuttora sul nostro territorio, e di scacciarneli al più presto.
(Trivulzio, Osservazioni 110)
Tutto quello che contiene questo saggio a proposito dello Stato italiano già costituitosi,
si trovava come auspicio nel già citato scritto diffuso a Milano durante la rivoluzione
del 1848, in cui si sosteneva la necessità di dare un ordinamento unitario, monarchico
e costituzionale al futuro Stato italiano:
Poniam fine alle gare puerili, e non attribuiamo ai nomi l’importanza che appartiene alle
cose. Noi abbisogniamo di libertà, d’indipendenza e di Unione, perché di forza. La
monarchia costituzionale ci offre codesti beni. Accettiamoli unanimi e con trasporto.
All’ombra di essa, dietro il possente baluardo ch’essa presenta al sempre vigile nemico,
facciamo che si compia e poi si cimenti la fusione delle varie parti d’Italia; ne basti ciò;
educhiamoci alla libertà, all’esercizio dei civili diritti, alla scienza del politico reggimento,
alle sociali virtù. E quando questa fusione e questa educazione saranno compite, se allora
giudicate non essere sufficiente la libertà di cui godete, non temete di dovervi decidere ad
una nuova rivoluzione. (Trivulzio, Ai suoi concittadini 241)
L’idea della monarchia costituzionale secondo la Trivulzio si accosta al modello
famigliare piuttosto che a un modello monarchico mistico-sacrale, dato che la scrittrice
enumera vari argomenti logici per cui, secondo le condizioni socio-culturali e le
differenze identitarie da comporre nell’unità nazionale italiana, uno Stato retto dal re
con norme democratiche costituzionali costituisce il primo e più realistico mezzo per
la costruzione dell’identità nazionale italiana. Per le condizioni culturali e d’istruzione
variamente arretrate delle diverse popolazioni che formeranno il popolo italiano, la
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 183

repubblica rischierebbe di degenerare in dittatura o in oligarchia, mentre il modello


«famigliare» di un re padre della patria, garantisce l’equilibrio dei poteri e l’esercizio
delle libertà democratiche. Tutto ciò secondo la dinamica famigliare per cui il popolo
italiano, dopo essere stato condotto dalla monarchia a diventare «adulto», avrà la
possibilità di scegliersi un’altra forma di governo, più aperta e democratica, la
repubblica:
Quando la monarchia costituzionale vi sembri una vieta istituzione, allora fate sentire quella
formidabile voce popolare, che ogni altra voce domina ed annienta, pronunziate senza
sdegno né violenza la condanna di essa, e la vedrete svanire in un momento come un
edifizio cui vien meno subitamente la base.
Ed allora pure, quando sarete esciti da quest’ultima tutela, non vi dimenticate dei
benefizj che da essa traeste, e mostrate che i popoli non sono come i re, di cui più volte fu
condannata l’ingratitudine. (Trivulzio, Ai suoi concittadini 241)
Il paradigma famigliare ipotizza un equilibrio ideale fra rottura e continuità, fra
rinnovamento e tradizione, per cui anche un eventuale futuro passaggio dalla
monarchia alla repubblica non sarebbe caratterizzato dalla rottura violenta nei
confronti del «padre», della casa regnante la cui «tutela» avrebbe comunque consentito
alla comunità nazionale di muovere i primi passi e diventare adulta. Questo modello di
rispecchiamento fra famiglia e comunità nazionale caratterizza anche la narrativa della
Trivulzio, dove sia le famiglie turche che sono oggetto dei racconti orientali, sia la
famiglia Stella di cui fa parte Rachel, la protagonista dell’omonimo racconto
ambientato in Lombardia, funzionano al loro interno come degli Stati in miniatura 26.
La famiglia Stella può essere vista come una metafora della monarchia
costituzionale, in cui il potere del sovrano, prima il vecchio Monsieur Stella, poi il
figlio primogenito Pietro Stella, è sempre temperato dal consiglio famigliare, formato
dagli uomini e dalle donne della famiglia, convocato e ascoltato prima di ogni
decisione importante. Il racconto inizia con la descrizione della casa in cui abitano i
ricchi contadini, una sorta di castello in rovina riadattato, che da un lato richiama la
storia e la tradizione culturale italiana, dall’altro uno dei simboli concreti, nel
paesaggio italiano, del potere regio:
Dans un district reculé de la Basse-Lombardie, à quelques heures de Pavie et tout près de la
frontière du Piemont, loin des habitations élégantes et modernes de l’aristocratie et de la
finance milanaises, on peut aujourd’hui encore voir une habitation dont l’aspect imposant
annonce un château, et qui depuis longtemps déjà n’est plus qu’une ferme. D’épais taillis,
des canaux remplis d’une eau presque stagnante entourent et isolent les bâtiments de ce
rustique manoir. Huit tours délabrées, qui paraissent avoir servi autrefois de retraite aux
farouches barons du moyen âge, se dressent aux angles de la cour principale. Sous ces tours
s’ouvrent d’immenses souterrains que des éboulements successifs ont rendus presque
impraticables, et qui s’étendent à une distance de plusieurs lieues. (Trivulzio, Rachel 429) 27

26 Questo ruolo politico fondante della famiglia si trovava anche nel sistema concettuale hegeliano,
laddove si mostra che i tre gradi per la costruzione etica nazionale sono «Familie», «bürgerliche
Gesellschaft», «Staat» (Hegel 1821, 142-310). Per la diffusione dell’hegelismo in Italia durante
la Restaurazione, si veda il saggio di Sergio Landucci (Landucci 1965).
27 [In un distretto arretrato della Bassa Lombardia, a qualche ora da Pavia e al confine con il
Piemonte, lontano dalle eleganti e moderne abitazioni dell’aristocrazia e della finanza milanese,
ancora oggi possiamo vedere una dimora il cui aspetto imponente ricorda un castello, ma che
184 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

In questo spazio, secondo una distribuzione che ricalca una sorta di cerimoniale
gerarchico, sono stati ricavati i locali per la vita della famiglia, al cui vertice troviamo
la camera da letto dei genitori e patriarchi della famiglia. Il potere del capofamiglia è
sovrano, ma equo ed equilibrato, dato che in tutti i momenti in cui occorre prendere
una risoluzione importante, Monsieur Stella convoca a consiglio la famiglia, ad
esempio quando si tratta di decidere se mandare il figlio minore Paolino in collegio,
secondo il giudizio del cognato, oppure quando, dopo il fallimento della rivoluzione
lombarda, si deve prendere una decisione riguardo ai figli Filippo e Paolino, entrambi
ricercati dal governo austriaco e il secondo anche ferito:
L’opinion du beau-frère nous est connue; voici maintenant le dialogue qui s’établit entre le
signor Stella et Paolino, alors âgé de douze ans et demi, tandis que la fermière, assise sous le
manteau de son immense cheminée et ravaudant des bas qui formaient devant elle une
espèce d’obélisque, écoutait en silence et poussait de temps à autre des soupirs qui
entretenaient la flamme dans l’âtre. (Trivulzio, Rachel 437)
Le signor Stella consulta ses autres enfans, qui partageaient tous l’avis de Pietro et la
résolution fut bientôt arrêtée. (Trivulzio, Rachel 460) 28
Il racconto Rachel è scritto e pubblicato nel 1859, quando il Re di Sardegna ha iniziato
la Seconda guerra d’indipendenza, con l’appoggio di Napoleone III Imperatore dei
francesi. L’autrice è passata attraverso il primo esilio, le esperienze rivoluzionarie del
1848/49 e il secondo esilio in Oriente. Nel personaggio di Rachel si ritrova il percorso
individuale di Cristina Trivulzio, che, passando per una fase repubblicana e
rivoluzionaria, ha recuperato la fiducia nella famiglia come metafora dell’identità
nazionale, realizzabile nel migliore dei modi sotto la guida paterna della monarchia 29.
Si tratta di un modello concettuale che rimanda ad un altro ambito, quello della
religione, che costituisce un’altra delle idee forti che stanno alla base della costruzione
identitaria italiana secondo Cristina Trivulzio. La religione occupa un ruolo importante
anche nel «sistema mazzianiano»: non mancheremo di notare convergenze e

ormai da tempo è solo una fattoria. Gli edifici di questo rustico maniero sono circondati e isolati
da folti boschi cedui e da canali pieni d’acqua quasi stagnante. Otto torri scalcinate, che in
passato sembra abbiamo ospitato gli accaniti baroni del Medio Evo, si innalzano agli angoli del
cortile principale. Al di sotto di queste torri si sviluppano immensi sotterranei che si estendono
per diversi chilometri, diventati quasi impraticabili a causa delle frane avvenute nel corso degli
anni] (Trivulzio, Rachele 45).
28 [Conosciamo l’opinione del cognato a proposito; vediamo adesso il dialogo stabilitosi tra il Sig.
Stella e Paolino, all’epoca dodici anni e mezzo compiuti, mentre la fattoressa, seduta sotto la
cappa dell’immenso camino e intenta a rammendare delle calze che formavano davanti a lei una
specie di obelisco, ascoltava in silenzio, emettendo occasionalmente dei sospiri che andavano ad
alimentare il fuoco del camino] (Trivulzio, Rachele 52-53). [Il Sig. Stella consultò gli altri figli,
i quali condividevano tutti il parere di Pietro, e la decisione della famiglia fu presto presa]
(Trivulzio, Rachele 79).
29 La parabola dell’involuzione reazionaria del personaggio di Rachel è oggetto di forte critica da
parte di Alberto Maria Banti, che vede in questo testo i limiti ideologici di Trivulzio (Banti
2012); sarà da ricordare che, in occasione di questo riavvicinamento alla monarchia piemontese,
Trivulzio pubblica in francese una storia della Casa Savoia, con intento al tempo stesso
celebrativo e documentario (Trivulzio, Maison de Savoie).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 185

divergenze fra Mazzini e Trivulzio a proposito del rapporto fra religione e identità
nazionale.

6.4.4. Religiosità e identità nazionale


La religione e in particolare la fede cattolica era vissuta drammaticamente da Cristina
Trivulzio anche per la condanna da parte della Chiesa per la sua condizione famigliare
di separata dal marito e per la sua maternità al di fuori del matrimonio. Ciononostante
gli elementi religiosi costituiscono, secondo le convinzioni della scrittrice, fattori
fondamentali per la costruzione dell’identità italiana. Non a caso la sua prima opera è
dedicata a temi teologici e di storia sacra: Essai sur la formation du dogme catholique,
pubblicato a Parigi nel 1842 30. L’opera non venne accolta favorevolmente dagli
ambienti giornalistici cattolici né tantomeno dalle autorità ecclesiastiche, tanto da
essere inserita nell’Indice dei libri proibiti con decreto del 17 agosto 1843. 31 Il testo
della Trivulzio, in quattro volumi, è costituito da una serie di monografie che hanno
per oggetto singole figure di padri della Chiesa, come Ireneo (Trivulzio, Essai I, 1),
Tertulliano (Trivulzio, Essai I, 135) o Agostino (Trivulzio, Essai II, 144), e temi
storico-religiosi come De la vie solitaire (Trivulzio, Essai I, 197) o Tableau de
l’Empire Romain jusqu’à Constantin (Trivulzio, Essai I, 242).
Può apparire inoltre singolare che la principessa aristocratica esule e animatrice di
un salotto letterario e culturale, con un passato da cospiratrice e dopo viaggi
avventurosi in Italia e in Francia, esordisca come scrittrice con un libro di argomento
teologico. Francesca Cantù fa risalire a due ordini di motivazioni la scelta: da un lato
al fitto dibattito sull’attualizzazione del pensiero e dei contenuti dottrinali presentati
dalla chiesa cattolica, che si svolgeva con vivacità negli ambienti culturali della
Francia «orleanista», fra il 1830 e il 1840, dall’altro all’esigenza di aprire alla scrittura
femminile anche campi scientifici e di pensiero che erano ancora considerati
appannaggio esclusivo di parte maschile (Cantù 2010, 69-75; 98-99). A nostro avviso,
la scelta di Trivulzio, che fa il paio con quella della traduzione in francese della
Scienza nuova, va letta anche in un’altra prospettiva. Scegliere di scrivere sui dogmi
cattolici, presentandoli in chiave moderna di storicizzazione della costruzione delle
verità di fede significa anche rafforzare il ruolo del cattolicesimo come fondamento
culturale dell’identità nazionale italiana. Tale posizione, nel quadro politico italiano,
andava contro l’atteggiamento dell’autorità pontificia, che era di ostacolare
l’unificazione italiana e lo sviluppo degli Stati italiani in senso democratico. Potremmo
citare a questo proposito l’opera di Belli, dove si fa esplodere in chiave ferocemente
satirica il dissidio insanabile fra autorità spirituale della chiesa e potere politico
dell’amministrazione pontificia 32.

30 Cfr. per la genesi dell’opera in relazione alle vicende biografiche della Trivulzio quanto scrive
Francesca Cantù (Cantù 2010, 69-70).
31 Si veda per la condanna Cantù 2010, 98.
32 Basti citare qui la lunga serie di sonetti belliani che raccontano le storie bibliche attualizzandole e
conferendo ai personaggi della Bibbia una sovrapposizione con scene di vita quotidiana e con
aspetti della vita e dell’attività politica del Papato. Nel sonetto 1249, invece, l’autore
186 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

Trivulzio si dichiara del tutto soggetta alla dottrina cattolica (Trivulzio, Essai I, II;
IV), tuttavia il fatto stesso di considerare il dogma cattolico come un insieme di
principi che si sono formati nel corso della storia contraddice il carattere assoluto
dell’autorità ecclesiastica e dei contenuti dottrinali. Inoltre la scrittrice mette in campo
esplicitamente la propria istanza autoriale, cioè la consapevolezza che anche lei, donna
e semplice fedele, senza titoli accademici teologici, ha il diritto di scrivere su temi
dogmatici:
[…]; mais, en lisant l’histoire de l’établissement de notre religion, en apercevant les traces
du rare génie des premiers Pères, et celle de la prudence des églises, en voyant ceux-là
choisir parmi les croyances vieillies les parcelles les parcelles de vérité que Dieu a
accordées de tout temps à l’humanité, les épurer, les rassembler et leur donner le
complément nécessaire; et celles-ci, appelées à juger du mérite de ces travaux, agir avec une
sagesse constante, et ne se prononcer jamais ni vainement, ni avec précipitation, j’ai quitté
la foi aveugle pour recevoir, de la connaissance, une foi non moins entière. (Trivulzio, Essai
I, II) 33
La religiosità cattolica della Trivulzio si stacca dal dogmatismo cieco e diventa
conquista ed elaborazione individuale. Si tratta di una posizione distante dalla
religiosità laica di Mazzini, ma possiamo ritrovare dei parallelismi sul rapporto fra
religione cristiana e identità nazionale. Da un lato la stessa idea del ruolo di Roma
come capitale della cristianità, rientra nello stereotipo delle tre identità di Roma, che
abbiamo visto anche in Giuseppe Mazzini: la Roma antica, la Roma papale e
l’auspicata Roma italiana. Un rapporto molto forte lega il trattato religioso all’intera
opera di Trivulzio per la costruzione dell’identità nazionale italiana, caratterizzata da
una relazione di attrazione-repulsione verso il corredo di dogmi e valori della Chiesa.
In ogni caso la scrittrice è sempre critica verso i soprusi e l’atteggiamento anti-italiano
dei papi 34.
Trivulzio tesse un elogio del ruolo ricoperto dal Papato nel periodo delle origini
del Cristianesimo. A suo avviso i primi papi hanno dimostrato una qualità politica che
ha portato il cristianesimo a diventare una religione a diffusione mondiale: la
moderazione. I primi pontefici non hanno avuto secondo lei doti eccelse di dottrina e
di santità, ma un’onestà e dirittura morale media, legata con una capacità di
mediazione e di equilibrio: queste doti hanno consolidato e rafforzato l’esistenza e la
continuità della Chiesa (Trivulzio, Essai I, 171-172). Si tratta delle stesse doti

rappresenta le trattative fra un’orfana devota, che chiede di celebrare una messa per liberare suo
padre defunto dal Purgatorio, ma non ha che una piccola moneta da offrire. Il sacerdote allora,
beffardo, le risponde che non si può certo uscire dal Purgatorio pagando solo una «callalessa»
(una castagna lessa); si veda il capitolo 7: il testo citato è Belli, Sonetti 1249.
33 [(...); ma, leggendo la storia del consolidamento della nostra religione, scorgendo le tracce del
genio raro dei primi Padri, e quelle della prudenza delle chiese, vedendo quelli scegliere fra le
credenze consolidate le particelle di verità che Dio ha accordato in ogni tempo all’umanità,
depurarle, paragonarle e dar loro il completamento necessario; e quelle, chiamate a giudicare in
merito su questi lavori, agire con una saggezza costante, e non pronunciarsi mai né inutilmente,
né con precipitazione, ho lasciato la fede cieca per ricevere, dalla conoscenza, una fede non
meno integra.] (Traduzione di chi scrive)
34 Concordiamo per questo con le considerazioni conclusive di Francesca Cantù nel suo saggio
dedicato all’analisi del testo teologico di Trivulzio (Cantù 2010, 99).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 187

auspicate nei vari partiti che lottano per il nascente Stato italiano, in quanto per
Trivulzio occorre unire le idee dei monarchici con l’istanza democratica dei
repubblicani. Avendo compreso che il Regno di Sardegna avrebbe autorità e
autorevolezza per assumere la guida politico-militare del Risorgimento, alla sua azione
si dovrebbe unire la spinta all’equità sociale profondamente democratica, per poter
veramente coinvolgere il popolo italiano nella creazione di una identità nazionale
italiana (si veda ad esempio Trivulzio, Ai suoi concittadini) 35.
Nella sua prima opera aveva scelto d’intraprendere in prima persona la trattazione
sul dogma cattolico. L’affermazione che l’idea del libro è partita dalla propria
esperienza personale, costituisce un aspetto di grande innovazione, almeno nel
panorama italiano. Ancora più forte è l’intenzione di voler includere anche una sorta di
cittadinanza al femminile all’interno dell’identità religiosa italiana. Tale intento si
mostra riuscito, dato che le critiche della stampa cattolica e gli strali delle autorità
vaticane che portarono all’inserimento del testo fra le letture proibite non mirarono a
colpire i contenuti, quanto l’audacia di aver scelto una donna, laica, e anche separata
dal marito, di scrivere di teologia. 36 Consapevole di questo impatto, pur scrivendo
un’opera che tutti i lettori le attribuiranno, sceglie di non inserire esplicitamente il
proprio nome sul frontespizio, e di nascondersi anche dal punto di vista deittico, dato
che i molti riferimenti in prima persona nel saggio sono riferiti al maschile: «Il est vrai
que quelques-unes des opinions que j’étais habitué à considérer comme catholiques
révoltaient ma raison et me semblaient mal s’accorder avec l’infinie miséricorde de
Dieu» (Trivulzio, Essai II, 43). Tuttavia l’autrice non si limita a riprendere e riferire
notizie e informazioni storiche riprese da altre fonti, ma interviene direttamente per
commentare la storia ecclesiastica e per confermare la tesi di fondo del libro.
Un’implicita critica all’atteggiamento della Chiesa verso i rapporti fra uomo e
donna si trova nella biografia del vescovo di Antiochia Leonzio, nella cui storia
personale c’era stato anche una barbara mutilezione che si era imposto il prelato:
L’Arien Léonce, nommé par les Eusébiens évêque d’Antioche après la déposition d’Ètienne,
obéissait sans peine à l’impulsion pacifique du moment. Doux, aimable et prudent, il avait
éprouvé de bonne heure l’atteinte de cette passion, reflet ou contre-coup matériel d’un
sublime besoin de l’âme qui s’élance vers Dieu. Il avait aimé fortement. Entrainé par ce
sentiment qui distrait, mais qui ne sépare pas de Dieu, il s’était étroitement uni à la jeune
fille Eustolie. Ses supérieurs, gardiens et protecteurs nécessaires de l’ordre dans le clergé,
voulurent le forces à se séparer d’elle. En vain, ayant recours au mensonge, protesta-t-il de

35 La stessa moderazione attraversa tutta l’opera di Cristina Trivulzio e si ritrova in uno dei suoi
ultimi scritti, le Osservazioni sullo stato presente dell’Italia, del 1868, in cui si affronta la
questione romana, cioè la necessità che anche Roma entri a far parte dell’Italia, ma prendendo le
distanze al tempo stesso dal partico clericale e dalla spedizione garibaldina, che ha causato lo
scontro di Mentana, perché ritiene che si debba affrontare la questione per via politica e
diplomatica (Trivulzio, Osservazioni 68; 151-152)
36 Come documentato da Maria Iolanda Palazzolo, sia il nunzio a Parigi, Antonio Garibaldi, sia il
consultore romano incaricato della perizia, il gesuita Augustin de la Croix, basano la denuncia
del testo su considerazioni che riguardano in primo luogo il profilo dell’autrice, senza entrare
nel merito del contenuto. Viene proposta una condanna parziale che il papa Gregorio XVI, di
suo pugno, rende invece assoluta e così il testo finisce all’Indice nel 1843 (Palazzolo 2010, 269-
263).
188 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

son innocence; en vain déclara-t-il que cette jeune fille ne lui était attachée que par les liens
d’une amitié sainte: rien ne put fléchir l’inexorable résolution de son évêque. Désespéré
alors, et croyant sentir qu’il ne pouvait vivre loin d’Eustolie, il se détermina à exercer sur
lui-même une affreuse mutilation, pour ne pas être condamné à l’insupportable malheur de
la perdre. Dès lors, en effet, il put la voir et l’aimer sans s’attirer de reproches. (Trivulzio,
Essai I, 327-328) 37
Dunque per Cristina Trivulzio il patrimonio della tradizione religiosa costituito da
dogmi ed episodi della storia ecclesiastica è del tutto inserito nel progredire storico
delle idee e delle vicende politiche. Per questo la scrittrice si sente in diritto di non
porre filtri o censure alla storia dalle relazioni fra gli uomini di chiesa e le donne, fino
al racconto della feroce auto-amputazione che il futuro vescovo si è inflitta. Inoltre
l’autrice si riserva lo spazio per il commento in prima persona, condotto secondo il
proprio metro morale, senza sottostare a censure ecclesiastiche.
Lo stretto legame fra religiosità e identità nazionale si ritrova nell’unico racconto
di ambientazione italiana, Rachel. La vita quotidiana della famiglia patriarcale dei
signori Stella si svolge nell’ambito di una religiosità profonda e vissuta, che costituisce
il patrimonio di valori della loro vita, a anche lo sfondo culturale di appartenenza. Così
sono descritti i coniugi:
L’un et l’autre appartenaient à une variété de l’espèce humaine presque perdue aujourd’hui,
qui prenait au pied de la lettre tous les préceptes imposés à son enfance, et qui paissait sa vie
sans songer seulement à en examiner un. Pour de tels êtres, il n’y avait pas de plus ni de
moins dans le péché, ou plutôt il n’y avait dans le monde qu’un seul grand péché, source de
tous les autres, celui d’Adam, la déobéissance. (Trivulzio, Rachel 433) 38
Quando il figlio minore, Paolo, tornerà dagli studi con le sue nuove idee
rivoluzionarie, fino alla sua manifesta adesione al governo provvisorio della
Lombardia dopo le Cinque Giornate di Milano, da parte della famiglia si cercherà di
rapportare i nuovi valori, le idee sulla costruzione di uno Stato italiano indipendente,
alla religiosità di fondo che delimita la loro cornice culturale identitaria. Paolo,
diventato ufficiale del governo provvisorio milanese, decide di partire insieme al

37 [L’Ariano Leonzio, nominato dagli Eusebiani vescovo d’Antiochia dopo la deposizione di Stefano,
obbediva senza difficoltà alla spinta di pacificazione del momento. Dolce, gentile e prudente,
aveva provato ben presto l’abbraccio di quella passione, che è riflesso o contraccolpo materiale
di un sublime bisogno dell’anima che si innalza verso Dio. Aveva amato fortemente. Trascinato
da questo sentimento che distrae, ma non separa da Dio, si era strettamente unito alla giovane
Eustolia. I suoi superiori, guardiani e protettori necessari delle regole nel clero, vollero
costringerlo a separarsi da lei. Invano protestò la sua innocenza ricorrendo alla menzogna;
invano dichiarò che la ragazza non era legata a lui che dai legami di una casta amicizia: niente
potè flettere l’inesorabile risoluzione del suo vescovo. Disperato dunque, e credendo di sentire
che non avrebbe potuto vivere lontano da Eustolia, decise di esercitare su se stesso una
mutilazione terribile, per non essere condannato all’insopportabile disgrazia di perderla. Da quel
momento, infatti, poté vederla e amarla senza attirare rimproveri. (…)] (Traduzione di chi
scrive).
38 [Entrambi appartenevano a una varietà di specie umana oggi quasi estinta, che prendeva alla lettera
tutti i precetti imposti sin dall’infanzia e che trascorreva la propria vita senza metterne in
discussione alcuno. Per tali esseri non esistevano peccati più o meno gravi, o meglio, al mondo
esisteva solo un unico grande peccato, origine di tutti gli altri, quello di Adamo: la
disobbedienza.] (Trivulzio, Rachele 48)
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 189

fratello Filippo per partecipare alla spedizione a sostegno della rivolta del Tirolo
italiano (cioè del Trentino); nel discorso di congedo del padre la sua cultura cristiana,
profondamente onesta e sincera, si combina con gli ideali di un riscatto nazionale
italiano, attraverso una profonda crisi interiore:
L’autorité de Monsieur Stella se ressentait, à vrai dire, de l’ébranlement du trône, et si ses
fils étaient tous aussi obéissans que de coutume, lui-même était moins impérieux, moins
absolu dans ses volontés. Depuis qu’il s’était dit que ses opinions étaient peut-être
surannées, depuis surtout que le pape semblait s’être rangé sous le drapeau révolutionnaire,
M. Stella avait découvert que personne ici-bas ne pouvait se croire à l’abri de l’erreur, et sa
confiance en lui-même s’était altérée. (Trivulzio, Rachel 451) 39
Il vecchio Stella è cresciuto nel sistema culturale della secolare civiltà contadina, in cui
la religiosità cattolica costituisce un tratto identitario profondo, tuttavia non è del tutto
chiuso verso le novità e insensibile alla giustizia dei decreti del nuovo governo
provvisorio milanese. L’appoggio del papa Pio IX alle prime vicende della guerra
d’indipendenza, combattuta in Lombardia contro il governo asburgico di Milano,
costituisce per lui un elemento di convalida morale fondamentale. Date queste
premesse, non solo non ostacola la partenza dei due figli Paolo e Filippo per la guerra
di liberazione, ma concede loro anche la rituale benedizione paterna, che nel testo
segue immediatamente il passo appena citato:
– Soyez honnêtes et soyez chrétiens, leur dit-il. Je n’ose pas vous faire d’autres
recommandations, puisque les temps sont changés, les hommes aussi, et moi qui ne change
pas, peut-être suis-je dans mon tort. Allez, mes enfans: que Dieu vous protège et vous
garde! Ayez soin de vous, ne commettez pas d’imprudence, et faites-nous savoir ce qui
arrivera. Et toi, Filippo, qui es le plus fort, fais attention à ton frère, Adieu, adieu.
(Trivulzio, Rachel 451) 40
Nella dinamica religiosa della famiglia Stella gioca un ruolo anche la strategia
onomastica 41, che veicola valori cristiani trasparenti. La protagonista, che attraversa
tutto il percorso iniziatico per diventare una perfetta madre di famiglia italiana, ha il
nome di una delle matrone bibliche, la moglie del patriarca Giacobbe, il che la
qualifica come una sorta di modello femminile. Suscettibili d’interpretazione religiosa
sono anche i nomi dei due figli e coprotagonisti del racconto, Paolo e Pietro,
rivoluzionario il primo, legato ai valori tradizionali il secondo, ma sempre in armonia
fra loro. I loro nomi li accostano ai santi fondatori della Chiesa. San Paolo è stato in

39 [L’autorità del Sig. Stella risentiva, a dire la verità, del vacillamento del trono, e se i figli erano
obbedienti come di consueto, era lui ad essere meno autoritario, meno assoluto nelle sue
volontà. Da quando aveva ammesso che forse le sue opinioni erano antiquate, soprattutto da
quando il Papa sembrava essersi schierato sotto la bandiera rivoluzionaria, il Sig. Stella aveva
scoperto che al mondo nessuno poteva credersi al riparo da errori e la fiducia in se stesso era
cambiata] (Trivulzio, Rachele 69-70).
40 [Siate onesti e cristiani, disse loro. Non oso farvi altre raccomandazioni, poiché i tempi sono
cambiati e così anche gli uomini e io, che non cambio mai, forse sono nel torto. Andate, figli
miei; che Dio vi protegga e vi sorvegli! Abbiate cura di voi, non commettete imprudenze e
fateci sapere cosa sarà di voi. E tu Filippo, che sei il più forte, stai attento a tuo fratello. Addio,
addio] (Trivulzio, Rachele 69-70).
41 Per un inquadramento generale dell’onomastica letteraria possiamo rimandare a Terrusi 2012, 33-
44.
190 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

qualche misura rivoluzionario, in quanto ha proposto con successo di allargare la


predicazione cristiana al di fuori della comunità ebraica, gettando le basi per la
diffusione romana, italiana e mondiale del Cristianesimo, mentre San Pietro, primo
papa, pur essendo su posizioni più conservatrici, ha accolto le idee di Paolo,
trasferendosi a Roma; ciò riflette parzialmente quanto accade nel racconto ai due
personaggi 42.
Per quanto riguarda la protagonista Rachel, che a poco a poco accorda e concilia
la religione cattolica con gli ideali patriottici e democratici italiani, la sua religiosità
può essere assimilata al concetto espresso nell’Essai teologico della Trivulzio, di cui
abbiamo già parlato, poiché non si tratta di una religione fissata per sempre, ma capace
di storicizzarsi e dare spessore spirituale alle idee più moderne. Secondo Trivulzio
questa religiosità può andare a costituire uno degli elementi fondanti della nascente
nazione italiana. Questo appare con particolare evidenza nell’episodio in cui Rachel
prova una gioia profonda nel sentire i fedeli in chiesa che cantano e pregano in
italiano, e qui abbiamo le sole parole in italiano nel testo:
Depuis ses chagrins, Rachel était animée d’une pitié plus fervente que dans ses jours
d’insouciante gaieté. Elle se rendait plus souvent que par le passé à une cérémonie presque
exclusivement italienne, et qui consiste dans la bénédiction du saint sacrement, donnée à la
fin du jour par le prêtre, revêtu de ses riches et amples vêtemens, enveloppé dans un nuage
d’encens, entouré d’une multitude de cierges que le contraste du crépuscule extérieur rend
encore plus éclatans. […] Rachel aimait à joindre sa voix aux voix fraîches et pures des
jeunes filles qui chantent, soutenues seulement par quelques accords de l’orgue, les litanies
de la Vierge, et ce simple cantique, le seul en langue italienne qu’on entende dans nos
églises:
Vi adoro ogni momento,
O vivo pan del ciel,
Gran sacramento,
E sempre sia lodata
la Vergine del ciel,
Nostra avvocata!
Lodato sempre sia
Il nome di Gesù
E di Maria! (Trivulzio, Rachel 663) 43

42 La vicenda di Rachele e Lia, mogli di Giacobbe è narrata nel capitolo 31 di Genesis, mentre il
dibattito fra Pietro e Paolo viene narrato in Acta Apostolorum, al capitolo 15 (per il testo latino
della Vulgata si fa riferimento al sito Internet www.intratext.it – 13.6.2013).
43 [Rachele, dopo tutti quei dispiaceri, era animata da una devozione più fervida rispetto a quella dei
giorni di spensierata allegria. Si recava più spesso che in passato alla cerimonia, quasi
esclusivamente italiana, che consisteva nella benedizione del santo sacramento, che il parroco,
rivestito di ricchi e ampi abiti, avvolto in una nuvola di incenso, circondato da una moltitudine
di ceri resi ancora più luminosi dal contrasto con il crepuscolo esterno, effettuava a fine
giornata. (...) Rachele amava unire la sua voce a quella fresca e pura delle giovani fanciulle che
cantavano, accompagnate solo da qualche accordo dell’organo, le litanie della Vergine e questo
semplice cantico, l’unico in italiano che si sentisse nelle nostre chiese: Vi adoro ogni
momento...] (Trivulzio, Rachele 109-110).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 191

In questa pagina è presente anche una polemica implicita con le norme liturgiche della
Chiesa che proibivano la preghiera il italiano, pur essendo il latino del tutto
incomprensibile per la maggior parte dei fedeli. Una polemica linguistica in tal senso è
portata avanti esplicitamente e in chiave parodistica nei sonetti dialettali di Belli. Dal
punto di vista della Trivulzio si tratta di un punto in cui la Chiesa potrebbe avvicinarsi
maggiormente all’identità italiana adottando la lingua nazionale 44.
Il legame identitario fra italianità e religione cattolica si ritrova nel diario di
viaggio del pellegrinaggio intrapreso con la figlia Maria, dalla sua azienda agricola,
sede dell’esilio in Anatolia, alla città di Gerusalemme, pubblicato in forma di singoli
articoli nella Revue des deux Monde, e poi in volume a Parigi nel 1858. Nel diario
troviamo anche espliciti riferimenti al legame fra la religione cattolica e l’identità
italiana, ad esempio in occasione dell’arrivo a Nazareth:
Notre plus grande mésaventure fut de n’arriver à Nazareth qu’en pleine nuit. [...] Un moine
franciscain se tenait sur le seuil un flambeau à la main. Nous avion atteint notre gîte. Ce ne
fut pas sans une profonde émotion que j’entendis le moine me souhaiter la bienvenue en
italien, et avec un accent du nord de la péninsule auquel mon enfance a été accoutumée.
J’éprouvais une joie singulière à entendre résonner sous la voûte d’un cloître d’Orient les
pieuses formules qui avaient si souvent frappé mes oreilles dans les campagnes lombardes.
(Trivulzio, Asie Mineure et Syrie 186-187) 45
Rimane legata a questa religiosità critica la moderata denuncia degli aspetti autoritari
della chiesa cattolica, sia per ciò che il fedele è obbligato a credere in modo acritico,
sia per il potere politico esercitato dalla chiesa. Come abbiamo visto tale critica era
anche alla base del saggio sul dogma cattolico. 46 Nel suo diario di viaggio, Trivulzio
non manca di evidenziare la propria diffidenza nel credere che proprio nei luoghi in
cui sono state edificate le rispettive chiese e cappelle siano veramente avvenuti i fatti
ricordati della vita di Cristo, anche se ritiene che i religiosi che le mostrano quei luoghi
siano in buona fede. A questo proposito riporta i dubbi che erano propri anche dei
protestanti riguardo al valore storico di tali luoghi, critiche fortemente avversate dalla
Chiesa cattolica:
À chacun des incidents de la passion correspond un sanctuaire. Comment imaginer qu’un
espace aussi exigu que celui de l’église du Saint-Sépulcre, bâtie sur l’emplacement même du
Calvaire, ait suffi à contenir tant d’épisodes divers du grand mystère? Les protestants se

44 Sul tema si veda il saggio di Rita Librandi (Librandi 1993, 340-347).


45 [La nostra più grande disavventrura fu non arrivare a Nazareth che nel pieno della notte. (...) Un
frate francescano stava sulla porta con una fiaccola in mano. Avevamo raggiunto la nostra meta.
Non fu senza una profonda emozione che sentii il frate darmi il benvenuto in italiano, e con un
accento del nord della penisola al quale la mia infanzia mi aveva abituato. Provai una gioia
singolare nell’udire risuonare sotto la volta di un convento dell’Oriente le formule pie che
avevano spesso colpito le mie orecchie nelle campagne lombarde] (Traduzione di chi scrive).
46 La religiosità civica e nazionale auspicata da Cristina Trivulzio va in direzione opposta a quella
predicata nei suoi romanzi da Padre Antonio Bresciani, analizzati da Paolo Orvieto
parallelamente a quelli scritti di Giuseppe Garibaldi. Il personaggio di Aser, protagonista del
romanzo L’ebreo di Verona, nel biennio 1848-49 attraversa la duplice conversione da ebreo e
mazziniano a cattolico e reazionario. Aser conduce un tipo di itinerario spirituale del tutto
opposto a quello etico-morale e religioso in direzione di una piena appartenenza nazionale
italiana che Cristina Trivulzio rappresenta nella famiglia Stella (Orvieto 2011, 84-85).
192 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

récrient contre cette prétention des catholiques à retrouver et à vénérer tous les lieux
mentionnés dans les Évangiles. J’avoue que sur toute cette topographie sacrée je n’ai moi-
même que des doutes; quant à la bonne foi des pères, elle me paraît évidente, mais j’ai déjà
dit avec quel sentiment il me semble qu’on doit accueillir leurs naïves indications.
(Trivulzio, Asie Mineure et Syrie 196) 47
Nei Ricordi nell’esilio, Trivulzio ricorda le difficoltà incontrate ad ottenere dalle
monache di clausura, che vivevano in poche in spazi enormi, il permesso di utilizzare
parte dei locali come ospedali per i feriti di guerra. La scrittrice racconta un’ispezione
ad un convento di monache camaldolesi, in vista della richiesta di locali per ospitare i
feriti di guerra 48. In quel caso le monache rifiutano di aprire le loro stanze ai feriti per
difendere l’intangibilità della propria clausura. La monaca che parla con Cristina
Trivulzio contrappone esplicitamente gli ideali di una vita sedentaria, addirittura di
recluse in casa, alla vita di chi, come la principessa, ha viaggiato e viaggia per il
mondo e non ha un luogo fisso di dimora (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 57-58). Tale
chiusura delle monache, in qualche modo rappresentanti ufficiali della Chiesa,
contrasta con la grande disponibilità popolare, veramente evangelica, a donare tutto
quello che avevano per i feriti di guerra:
Pendant que j’étais assise dans le bureau de l’Hôpital des Pèlerins, un homme hâve, amaigri,
vêtu comme un pauvre s’approche, me priant timidement de l’entendre en particulier. Alors
il tire de dessous son bras une chemise usée en toile grossière, et me dit:
- Je ne possède rien, pas même de quoi m’acheter le pain qu’il me faudra demain; je
n’ai que deux chemises; une peut me suffire; donnez celle-ci à un blessé.
[Mentre me ne stavo seduta nell’ufficio dell’Ospedale dei Pellegrini, mi si avvicina un
uomo smunto, magro, vestito come un poveraccio, e mi prega timidamente di riceverlo in
privato. Tira fuori da sotto il braccio una camicia logora di tela grezza, e mi dice:
- Non posseggo nulla, neanche di che comprarmi il pane per domani, non ho che due
camicie; per il momento una mi basta. Date quest’altra a un ferito.] (Trivulzio, Ricordi
nell’esilio 92; 93)
Questo brano contiene due elementi fondamentali dell’idea di religiosità che la
Trivulzio abbina all’identità italiana: il forte radicamento della religione cristiana nella

47 [Ad ogni incidente della sua passione (di Cristo) corrisponde un santuario. Come immaginare che
uno spazio così ristretto, come quello della Basilica del Santo Sepolcro, costruita sul luogo
stesso del Calvario, sia stato sufficiente a contenere tanti episodi diversi di questo grande
mistero? I protestanti dubitano di fronte a questa pretesa dei cattolici di aver ritrovato e venerato
tutti i luoghi menzionati nei Vangeli. Confesso che su tutta questa topografia sacra io stessa ho
dei dubbi; quanto alla buona fede dei padri, questa mi sembra evidente, ma ho già detto con che
atteggiamento mi sembra che si debbano accogliere le loro ingenue informazioni] (Traduzione
di chi scrive). Nel resoconto della sosta a Nazareth, il primo luogo legato alla vita di Cristo
visitato dalla Trivulzio, aveva affermato di credere che tutti i luoghi sacri della Terrasanta
risalgano al tempo in cui sono arrivati i missionari a Gerusalemme, che li hanno individuati a
partire dalle tradizioni orali che circolavano. Questo genere di critiche agli aspetti cattolici più
estremi della devozione religione avvicina le idee di Cristina Trivulzio alla chiesa francese, più
indipendente di quella italiana o addirittura a posizioni protestanti, come è stato notato in
Liermann 2010, 64-66.
48 Si tratta verosimilmente del Monastero di Sant’Antonio Abate all’Esquilino, di fronte alla basilica
di Santa Maria Maggiore, sede della comunità di monache camaldolesi dal 1778 al 1871 (cfr. il
sito Internet http://www.camaldolesiromani.it – 16.05.2013).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 193

spiritualità popolare, come fa notare il chiaro accostamento dell’offerta da parte del


popolano di una delle due sole camicie da lui possedute a un noto passo evangelico 49;
il fondamento religioso della Repubblica romana, che era visto come una sorta di
nucleo di un futuro Stato italiano 50.
La critica al potere temporale del papa si ritrova in uno degli ultimi scritti della
Trivulzio, il saggio sulle condizioni del nuovo Stato italiano in cui si prendono in
esame anche le prospettive future del suo sviluppo. Trivulzio dedica uno spazio
importante alla questione dei rapporti fra lo Stato italiano, che non comprendeva
ancora Roma, ma che la considerava parte integrante dell’Italia, e la curia romana, che
guidava il «partito clericale». Quest’ultimo non solo mirava a influenzare in senso
antidemocratico la politica italiana, ma utilizzava l’autorità religiosa per sostenere il
mantenimento del potere temporale del papa. La scrittrice, con argomentazioni molto
ponderate ed equilibrate, sostiene il diritto del papa, come capo di una confessione
religiosa, a una forma di immunità, ma al tempo stesso ribadisce il diritto del popolo
della città di Roma di essere libero dalla sudditanza al potere non democratico del
papato. Secondo Trivulzio questo genera un problema di coscienza molto grave, in cui
emerge la grande religiosità del popolo italiano, che non perde la propria fede
nonostante l’autorità dispotica del papa e l’oppressione del clero:
- Ma ciò che eccita lo sdegno degli italiani, è appunto quel confondere la convenienza
politica degli uni e degli altri coi doveri del cristiano, quel far intervenire la santità della
religione, e tutto ciò che ad essa ne lega, in una questione tutta mondana e politica, benché
interessi il ben essere del clero, e le prerogative a cui esso non vuol rinunziare. – Di ciò
appunto si sdegnano gli italiani; e se la quistione politica non è degenerata in quistione
dommatica, in uno scisma o in una eresia, dobbiamo rendere grazia al profondo senso
religioso della nazione italiana, che si mantenne sin qui non meno salda nella convinzione e
nella difesa de’ suoi diritti civili e politici, che nella integrità della sua fede. La religione
cattolica è tuttora professata e rispettata dagli italiani, ma il clero è da essi veduto con
diffidenza e sospetto. (Trivulzio, Osservazioni 120)
A differenza di Trivulzio, Mazzini riconosceva il valore storico della religione
cattolica per l’Europa e in particolare per l’Italia, ma ne predicava il superamento, per
arrivare a una religiosità laica basata sul rapporto diretto fra il popolo e Dio, mediato
soltanto dalle leggi che regolano la vita democratica della futura repubblica. Da questa
forma di religiosità laica Trivulzio prende le distanze in quello stesso saggio: «Mazzini
al suo primo apparire cercava di farsi un alleato di Dio; ma il suo Dio era quello dei
rivoluzionari francesi, e non quello che adorano i popoli d’Italia; era un Dio senza

49 «et praecepit eis ne quid tollerent in via nisi virgam tantum non peram non panem neque in zona
aes sed calciatos sandaliis et ne induerentur duabus tunicis» (Evangelium secundum Marcum,
capitolo 6, nella traduzione latina della Vulgata, dal sito http://www.intratext.it – 17.04.2013)
50 Nel testo troviamo anche la confutazione dell’accusa da parte delle autorità pontificie secondo cui
la Repubblica romana sarebbe stata una dittatura di stranieri sulla città di Roma e non un
governo democratico su base popolare, il che era servito come pretesto per l’intervento francese.
Mazzini aveva risposto a questa accusa con un messaggio indirizzato ai due deputati francesi,
Toqueville e Falloux, che in Parlamento avevano giustificato l’intervento militare e mosso
quest’accusa alla repubblica romana (Mazzini, Ai signori Tocqueville e Falloux).
194 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

culto, senza ministri, senza templi, e quasi senza leggi.» (Trivulzio, Osservazioni 34-
35) 51.
Abbiamo visto che le categorie secondo cui Trivulzio costruisce l’identità italiana
sono in linea con il profilo identitario mazziniano per quanto riguarda l’aspetto
culturale, sociale e territoriale, ma con un forte ancoramento nella monarchia e in un
assetto istituzionale moderato. Una particolarità è il tentativo di inclusione femminile
nel discorso identitario, che non emerge negli altri scrittori che abbiamo fin qui
analizzato. Nel prossimo paragrafo cercheremo in che modo la letteratura e anche la
comunicazione giornalistica sono chiamati a contribuire a questa costruzione
identitaria.

6.5. Giornalismo, letteratura e azione politica nel


Risorgimento

6.5.1. Giornalismo come pedagogia nazionale


Trivulzio come Cuoco, si è dedicata sia alla letteratura propriamente detta che al
giornalismo, dimostrandosi anche abile nel costruire e orientare attraverso la stampa
un’opinione pubblica favorevole alla causa dell’indipendenza nazionale italiana in
Italia e in Francia 52.
L’attività giornalistica di Trivulzio svoltasi fra Parigi, Milano e Napoli, in francese
e in italiano, ha accompagnato tutte le fasi della sua vita, e comprende anche una
cospicua serie di scritti di argomento orientalistico, risalenti all’esilio in Oriente dopo
la capitolazione della Repubblica romana del 1849 53. I testi giornalistici di Cristina
Trivulzio sono molto vari dal punto di vista strutturale, dati anche i contesti
diversissimi in cui vennero alla luce: possiamo distinguere varie tipologie, come
l’editoriale, il saggio breve, la corrispondenza di viaggio.
Come schematizza acutamente Karoline Rörig (Cfr. Rörig 2010b, 332-334), il
giornalismo militante di Cristina Trivulzio segue un programma di tre fasi, illustrate

51 Nello stesso scritto si analizza il rapporto fra il clero e la popolazione rurale, spiegando con ciò il
grado di arretratezza culturale della popolazione contadina, sia nel Sud che nel Nord dell’Italia
(Trivulzio, Osservazioni 91-92).
52 All’attività giornalistica di Cristina Trivulzio, sia come editrice e finanziatrice, che come direttrice
di giornali ed essa stessa giornalista, è stato dedicato un recente volume collettivo (Fugazza;
Rörig 2010); Cristina Trivulzio ha una piena consapevolezza del potere della stampa, per la
creazione di un’opinione pubblica all’estero favorevole alla causa nazionale italiana, e anche per
orientare l’opinione pubblica italiana, come lei stessa afferma nel citato saggio sulla rivoluzione
milanese (Trivulzio, Milano e Venezia 53).
53 Si rimanda all’Introduzione (in Fugazza; Rörig 2010) per un profilo generale dell’attività
giornalistica di Trivulzio; l’attività editoriale e da direttrice e fondatrice di giornali viene
analizzata in Vercesi 2010, con particolare attenzione alle relazioni e collaborazioni
internazionali; si rimanda invece a Rörig 2010b per una ricostruzione puntuale, sulla base della
consultazione di documentazione inedita archivistica, di tutta l’attività giornalistica della
Trivulzio.
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 195

dalla scrittrice nel giornale L’Ausonio del settembre 1847. La prima fase comprende la
partecipazione, con la direzione e il sostegno finanziario, alla Gazzetta Italiana,
pubblicata a Parigi in italiano dal marzo al dicembre 1845, e la fondazione
dell’Ausonio, diretto da Trivulzio e pubblicato, anch’esso a Parigi, dal dicembre 1845
al settembre 1847. Lo scopo che si prefigge la scrittrice in questa prima fase è formare
l’opinione pubblica italiana, in patria e in esilio, insistendo sulla necessità di una
politica riformistica comune per far circolare liberamente le idee sul futuro dell’Italia.
Quindi si tratta di un’iniziativa editoriale e giornalistica che parte dall’esilio e che si
prefigge di uno sguardo dall’esterno sulla storia, sulla cultura, sull’economia italiana,
indirizzata a un pubblico scelto ed essenzialmente nazionale.
Nel 1847 Trivulzio compie una scelta, che coinvolge ancora direttamente la lingua
da usare nella sua attività giornalistica: a partire da settembre, l’Ausonio non esce più
in italiano, ma in francese. Da questo momento inizia la seconda fase del programma
giornalistico, il cui scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale
sulla necessità di dare piena realizzazione alle esigenze della costruzione di una
identità nazionale italiana. L’intelligentja francese legata alla cosiddetta Monarchie de
Juillet è in primo luogo destinataria di questo messaggio, inoltre la Trivulzio si sente
particolarmente vicina al futuro presidente francese, Luigi Napoleone Bonaparte, che
conosce personalmente e in cui ripone tutta la sua fiducia 54:
Lorsque, sortie victorieuse de cette crise, l’Italie aura assuré son existence et son
indépendance, plus calmes et plus rassis, nous reprendrons le cours de nos recherches sur les
institutions et les lois qui lui conviennent davantage. (Trivulzio, Ausonio IV, 1, 1847, 3) 55
La terza fase inizia a febbraio 1848, quando la costituzione concessa dal re di Napoli
consente alla Trivulzio di pubblicare un giornale in Italia: la scrittrice parte subito da
Parigi, dopo aver chiuso la redazione dell’Ausonio. Questa terza fase, secondo le
intenzioni espresse dalla Trivulzio nel già citato primo numero in francese
dell’Ausonio, si sarebbe dovuta aprire dopo il raggiungimento dell’indipendenza
nazionale, quando sarebbe stato possibile far uscire il giornale direttamente in Italia, e
si sarebbe dovuta indirizzare all’opinione pubblica italiana per favorire e stimolare il
dibattito sulle questioni amministrative e sull’assetto istituzionale dello Stato italiano,
ancora da costruire. Trivulzio promuove la nascita a Napoli di un quotidiano politico-

54 I rapporti politici intessuti in Francia dalla Trivulzio nel suo esilio fra gli anni Trenta e gli anni
Quaranta vengono puntualmente ricostruiti in Frétigné 2010. Ad esempio il re Luigi Filippo
consente, o tollera, che il vecchio generale Lafayette, eroe delle rivoluzioni americana e
francese, fondi un Comité pour la résurrection des peuples latins (Frétigné 2010, 169). Per il
rapporto fra Cristina Trivulzio e il futuro imperatore Napoleone III, si veda Vercesi 2010b, 94 e
Bortone 2011, 26. La sua stima e amicizia per Luigi Napoleone renderà particolarmente amaro
per lei l’intervento dei soldati francesi contro la Repubblica romana del 1849, anche se in
seguito si riavvicinerà all’imperatore e lo solleciterà all’alleanza con il Piemonte in occasione
della seconda guerra d’indipendenza (la scrittrice ricostruisce tali rapporti durante il suo esilio in
oriente in Trivulzio, Ricordi nell’esilio 212-223).
55 [Allorché, uscita vittoriosa da questa crisi, l’Italia avrà assicurato la sua esistenza e la sua
indipendenza, più calmi e più stabili, riprenderemo il corso delle nostre ricerche sulle istituzioni
e sulle leggi che convengono meglio] (Traduzione di chi scrive).
196 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

letterario, Il Nazionale, e di un giornale politico popolare, il Padre Rocco. 56 Il


programma non verrà portato a termine per l’incalzare degli eventi, e cioè lo scoppio
della rivoluzione milanese del 1848 e in seguito l’avventura della Repubblica romana e
il successivo esilio in Oriente.
Per quanto riguarda il rapporto fra giornalismo e identità italiana, ci sembra molto
rilevante la scelta del nome del giornale fondato a Milano nel marzo 1848: Il Crociato.
Il titolo è stato giustamente messo in relazione da Pier Luigi Vercesi con l’ardore
mistico che Trivulzio attribuisce alla lotta politica e rivoluzionaria in corso a Milano
(Vercesi 2010, 104), ma a nostro avviso all’origine della scelta possono esserci
motivazioni ancora più sottili. Il simbolo dei crociati, lo scudo bianco con la croce
rossa, è l’emblema della città di Milano, mentre lo stesso emblema, con il fondo rosso
e la croce bianca, era lo stemma del Regno di Sardegna, quindi il simbolo del crociato
poteva associare la lotta per la libertà della Lombardia alla guida dell’unificazione
italiana da parte del Re di Sardegna.
Durante la breve esistenza del governo provvisorio milanese, Cristina Trivulzio
interviene regolarmente nel dibattito politico con il suo giornale, instaurando un
rapporto dialettico con altre testate, in particolare l’Italia del popolo, fondata da
Mazzini. Le discussioni sono condotte su un piano di rispetto reciproco, nonostante gli
scontri politici. La scrittrice e giornalista persegue l’idea che il giornalismo abbia una
funzione fondamentale nello stimolare il dibattito politico nell’opinione pubblica: pur
in una situazione di emergenza e di guerra, si sta costruendo un nuovo Stato
democratico. Già nell’editoriale del primo numero sono notevoli le espressioni di
Trivulzio a sostegno del pluralismo delle idee, ritenuto necessario per la vita della
democrazia italiana che si sta costruendo:
Le parole nostre piaceranno a pochi, imperocché le lodi essendo rade volte profittevoli a chi
le riscuote, noi ci asterremo generalmente dal profonderle, e i consigli sono raramente
accetti: e tanto meno in un paese come il nostro, in cui la publicità è essa ancora del tutto
nuova. Pochi saranno in Milano coloro i quali tollereranno di leggere il nome loro sul nostro
foglio accompagnato da qualche espressione di biasimo, senza pensare che la nostra penna
sia mossa da odio privato, invidia od altra segreta cagione. Noi però tireremo innanzi per la
nostra via, dicendo il vero, ossia ciò che a noi sembra il vero, avvertendo, biasimando,
consigliando, raccomandando secondo a noi sembrerà opportuno; disposti a tutto soffrire pel
trionfo del vero, e disposti altresì ad abbandonare la opinione nostra quando ci sia
dimostrata essere questa erronea ed impropria allo scopo da noi unicamente prefisso: che è
la felicità, la forza e la grandezza della patria nostra. (Trivulzio, Crociato I, martedì 18
aprile 1848, 1)
Ci pare notevole che nonostante l’intento patriottico e la situazione di guerra, l’idea di
democrazia sia talmente connaturata alla sua visione di identità nazionale da esprimere
così esplicitamente la necessità di un dibattito politico in cui si confrontano posizioni

56 Risulta difficile ritrovare a Napoli le tracce della sua attività nei due giornali, dall’altro si è avuta
una vera e propria negazione forzata, operata in prima persona anche da Benedetto Croce, di
ogni apporto di Trivulzio al Nazionale, per la cui fondazione la storiografia ufficiale ha fatto
riferimento soltanto al maestro e zio di Croce, Silvio Spaventa (cfr. Rörig 2010b, 334-335;
Vercesi 2010, 103).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 197

diverse per arrivare ad una sintesi che non necessariamente sia l’opinione da cui la
giornalista era partita 57.
Oltre all’attività di fondatrice e direttrice di giornali, Cristina Trivulzio ha
un’intensa attività giornalistica su altre testate, in primo luogo francesi, come la Revue
des Deux Mondes, dove pubblica i saggi sulla rivoluzione lombarda e veneta dopo
l’esperienza politica del 1848 e in seguito, durante l’esilio, i suoi racconti esotici
inviati dall’Oriente. Veri e propri saggi storici sono stati quelli dedicati alle rivoluzioni
lombarda e veneta del 1848, pubblicati non senza difficoltà sul periodico francese,
dato il clima di restaurazione che si stata diffondendo in Francia con la presidenza
della repubblica di Luigi Napoleone Bonaparte 58. Trivulzio aveva inoltre collaborato
con la Démocratie pacifique, per cui presumibilmente aveva scritto nel 1844 un
articolo su Les paysans de la Lombardie 59. Alla base di questa produzione giornalistica
c’era il rapporto molto stretto con il direttore Victor Considerant (1808-1893), seguace
e collaboratore di Charles Fourier (1768-1830) e della sua rivista Le Falanstère 60. Le
idee di democrazia economica e di rapporto armonico con la terra per produrre
benessere e uguaglianza secondo un sistema fortemente intriso di religiosità erano
particolarmente accette alla Trivulzio. Tali principi umanitari verranno concretamente
applicati nelle sue proprietà agricole di Locate, instaurando con i contadini che
lavoravano per lei un rapporto basato sull’attenzione per il loro benessere e sulla loro
istruzione 61.

6.5.2. Letteratura e identità nazionale


Cristina Trivulzio ha considerato la produzione letteraria, al pari di quella
giornalistica, come apporto alla costruzione dell’identità nazionale italiana,
esprimendo la sua visione del ruolo identitario della letteratura, e con la sua
produzione letteraria narrativa e memorialistica.
Nel 1844 Trivulzio pubblica a Parigi la sua traduzione della Scienza nuova di
Vico, preceduta da un saggio introduttivo sull’autore. Il lavoro di Trivulzio si colloca
in un periodo di grande interesse in Francia per la filosofia di Vico, di cui esisteva una
traduzione parziale in francese di Jules Michelet (1798-1874), uscita nel 1827, su

57 In Fugazza 2010, 137-145 si ricostruisce il dialogo che la scrittrice instaura nella sua testata con i
mazziniani cercando di rafforzare la convergenza politica sul tema dell’imprescindibile unità
d’Italia da perseguire, nonché di mediare fra gli emissari del governo sardo e i mazziniani
perché venga accettata l’unione/annessione della Lombardia al Piemonte, purché si tratti del
primo nucleo di uno Stato da estendere a tutta l’Italia.
58 Per questi testi e per le informazioni sulla loro redazione e pubblicazione facciamo riferimento
all’edizione in italiano curata da Sandro Bortone (Trivulzio, Milano e Venezia).
59 Karoline Rörig dà conto di questa collaborazione, precisando anche che gli articoli comparivano
sulla rivista senza l’indicazione dell’autore, quindi non è possibile stabilire quali e quanti siano
stati i contributi di Cristina Trivulzio (Rörig 2010b, 321-322).
60 Per i rapporti giornalistici fra i due e per le convergenze fra le idee di Cristina Trivulzio e quelle di
Fourier si veda Proia 2010.
61 Vorrei segnalare un interessante articolo scritto da Ferrante Aporti, che descrive tutte le istituzioni
di previdenza, assistenza sociale e istruzione attive nel 1846 nelle proprietà di Locate di Cristina
Trivulzio (Aporti 1846), consultabile sul sito http://www.cristinabelgiojoso.it (13.4.2013)
198 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

sollecitazione di Victor Cousin (1792-1867). Per entrambi la lettura di Vico a decenni


dall’edizione definitiva del testo (1744) fu una vera e propria rivelazione, in esso
trovarono un metodo teorico per conciliare una visione religiosa della storia con il
ruolo fondamentale e attivo nell’uomo nello sviluppo storico (Monsagrati 2011, 28-
31). La traduzione e il commento di Trivulzio s’inseriscono in questo dibattito e la sua
traduzione suscita reazioni di stampa contrastanti, a Parigi e anche a Napoli. Tuttavia
prevale il pregiudizio verso una donna che si occupa di filosofia, come era stata
stigmatizzata la stessa scrittrice quando si era occupata di teologia. Troviamo delle
corrispondenze fra la lettura di Vico da parte della scuola storica francese e quello che
osserva Trivulzio, in riferimento al razionalismo cartesiano. Vico individua una chiave
di lettura della storia per scendere più in profondità rispetto all’interpretazione
matematica e razionale fornita da René Descartes (1596-1650), come osserva
Trivulzio (cfr. Monsagrati 2011, 32):
Épicurien pour plaire aux physiciens des universités, platonicien pour flatter les membres du
clergé, Descartes aurait essayé vainement de mettre d’accord le plus matérialiste et le plus
spiritualiste des philosophes anciens. L’école entière de Descartes n’est pas traitée par Vico
avec plus de ménagemens. Dans son traité sur les passions, Descartes considère le client du
médecin plutôt que la créature de Dieu, et quoique les anatomistes déclarent que l’homme
de Descartes n’est pas de leur ressort, il l’est si peu des philosophes que Malebranche lui-
même n’a pu en faire le sujet d’un traité chrétien. (Trivulzio, Vico XIX) 62
Partendo dalla presa di distanza di Vico da Cartesio, Trivulzio afferma che attraverso
Vico si può recuperare per via filosofica il valore di tutta la tradizione filosofica e
letteraria italiana, che in qualche modo il razionalismo cartesiano cancellava come
obsoleta e superata; in particolare Vico è deluso dalle novità che i cartesiani hanno
portato nel panorama accademico napoletano durante i nove anni in cui era rimasto
lontano dalla capitale partenopea:
Le changement qui s’était opéré pendant ces neuf années dans les doctrines philosophiques,
déplut à Vico. Le conciliateur d’Épicure et de Platon s’était emparé de tous les esprits, avait
détrôné les gloires de l’Italie moderne. La métaphysique d’Aristote altérée par les
scolastiques était délaissée; la métaphysique enseignée dans le seizième siècle par Marsile
Ficin, par Pic de la Mirandole, par Niphus, par Steuchus, par Jacques Mazconi, par
Alexandre Piczolomini, par Matteo Acquavivi et par François Patrizi, cette métaphysique si
favorable au développement de la poésie, de l’histoire et de l’éloquence, cette métaphysique
qui avait fait de l’Italie une nouvelle Attique, était reléguée dans quelques cloîtres.
(Trivulzio, Vico XIX-XX) 63

62 [Epicureo per piacere ai fisici delle università, platonico per accattivarsi i membri del clero,
Descartes avrebbe tentato vanamente di mettere d’accordo il più materialista e il più spiritualista
dei filosofi antichi. L’intera scuola cartesiana non è trattata com maggiore riguardo da Vico. Nel
suo trattato sulle passioni Descartes considera il cliente del medico piuttosto che la creatura di
Dio, e benché gli anatomisti dichiarino che l’uomo di Cartesio non è un loro risultato,
appartiene così poco ai filosofi che Malebranche stesso non ha potuto farne il soggetto di un
trattato cristiano] (Traduzione di chi scrive).
63 [Il cambiamento che si era prodotto durante questi nove anni nelle dottrine filosofiche spiacque a
Vico. Il conciliatore di Epicuro e Platone si era impadronito di tutti gli spiriti, aveva
detronizzato le glorie dell’Italia moderna. La metafisica di Aristotele alterata dagli scolastici era
in abbandono; la metafisica insegnata nel XVI secolo da Marsilio Ficino, da Pico della
Mirandola, da Nifo, da Steuco, da Jacopo Mazzoni, da Alessandro Piccolomini, da Matteo
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 199

Trivulzio riformula il canone del pensiero europeo in modo da passare per gli scrittori
italiani che si sono occupati di filosofia ed eliminare la linea del razionalismo che a
partire dalla scolastica arriva a René Descartes. Trivulzio lega il valore del pensiero di
Vico e l’auspicio di una sua rivalutazione a due elementi fondamentali: recupero della
tradizione italiana del pensiero e adozione di una filosofia che assegni un ruolo
centrale alla poesia e alla letteratura. Il suo lavoro di traduzione e promozione del
pensiero di Vico la lega al percorso identitario del pensiero italiano, e in particolare
alla filosofia italiana del Rinascimento. Ricorre nel saggio di Trivulzio lo stesso
concetto di translatio studiorum già evidenziato nella poesia di Foscolo, in particolare
nelle Grazie, secondo cui la letteratura greca antica era rinata in Italia nel XVI secolo.
Dunque in primo luogo Trivulzio assume da Vico una idea di continuità e lunga durata
della cultura italiana e anche l’idea di primato della cultura italiana come erede della
cultura classica greca. Dal pensiero di Vico deriva inoltre secondo Trivulzio un
rinnovato ruolo privilegiato della poesia e della letteratura, un ruolo che il
razionalismo cartesiano aveva riservato alle scienze matematiche. In questo modo
mediante il recupero di Vico si intende portare al centro del dibattito contemporaneo
sull’Italia il ruolo la letteratura.
Nella sua vasta attività saggistica e giornalistica Trivulzio non si è occupata
direttamente di letteratura, in quanto i suoi saggi si sono orientati piuttosto su
argomenti politico-economici o su ricerche e riflessioni storiche. Tuttavia
nell’Ausonio, il periodico progettato, sostenuto e diretto dalla scrittrice, si riservava un
ampio spazio alla letteratura, con i contributi di scrittori, come Niccolò Tommaseo,
Terenzio Mamiani (1799-1885), Massimo D’Azeglio (1798-1866), Gino Capponi
(1792-1867), Alessandro Manzoni 64.
Per quanto riguarda l’apporto identitario della letteratura, nel primo volume
dell’Ausonio troviamo un saggio di Luigi Cicconi (1804-1856) dal titolo: Dell’officio
della poesia in Italia. Nel saggio si traccia un profilo storico della poesia italiana,
secondo una linea interpretativa nazionale, che definisce come punto di svolta l’epoca
napoleonica. Secondo Cicconi la poesia di quel periodo, pur risentendo della
dominazione straniera in Italia, ha avuto il pregio di far rinascere la cultura italiana
sotto il segno dell’Europa:
La dominazione francese, non propizia agli Italiani perché straniera ed egoista, benché meno
egoista di altre dominazioni, non poteva far sbocciare nella nostra patria una nuova poesia
nativa, ma fa d’uopo confessare che ritemprò la vecchia, la diresse ad uno scopo civile
spogliandola dei vani arcadici abbigliamenti. E sarebbe anche più esattamente il dire, che
risvegliato il popolo italiano al suono delle armi, benché non sorgesse per ripigliare il freno

Acquaviva e da Francesco Patrizi, questa metafisica così favorevole allo sviluppo della poesia,
della storia e dell’eloquenza, questa metafisica che faceva d ell’Italia una nuova Attica, era
relegata in qualche convento] (Traduzione di chi scrive). Cristina Trivulzio ricorda qui alcuni
filosofi italiani del Rinascimento, significativamente provenienti dal centro, dal nord e dal sud
dell'Italia: Marsilio Ficino (1433-1499), Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494), Agostino
Nifo (1469-1534), Agostino Steuco (1497-1548), Jacopo Mazzoni (1548-1598), Alessandro
Piccolomini (1508-1578), Matteo Acquaviva (1458-1529), Francesco Patrizi (1529-1597).
64 Nel primo numero della rivista troviamo una lettera di Alessandro Manzoni sul dramma romantico
e sulla poetica del Romanticismo, la cui pubblicazione senza autorizzazione dell’autore suscitò
critiche e polemiche, anche da parte dello stesso Manzoni (Vercesi 2010, 101)
200 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

di se stesso, fu collegato con altri popoli nel gran destino dell’Europa: ed allora vide che vi
sono altre sorti per le genti che non i molli piaceri delle lettere e delle arti smunte dalla
tirannia e dalla ignavia di ogni nobile pensiero sociale. (Cicconi, Dell’officio 116)
Nel saggio di Cicconi ritroviamo la ricostruzione dello stretto rapporto fra poesia e
formazione dell’idea nazionale italiana, in quanto si ricostruiscono anche i motivi per
la scelta di Dante Alighieri come poeta nazionale, dato che:
quantunque antico, avendo tratto dalle viscere stesse dell’Italia il suo fuoco, ne indovinò la
natura, gli odii, i costumi, i dolori, le speranze, e poté rendere universale l’interesse per tutti
gli Italiani di tutte le epoche, infondendo in essi lo spirito nazionale di cui egli stesso era
acceso. (Cicconi, Dell’officio 116)
Al saggio di Cicconi, Trivulzio fa seguire la canzone a strofe libere di endecasillabi di
Mamiani La linga italiana, una mitica esaltazione della lingua e della poesia italiana,
di cui si celebra il primato rispetto alla letteratura latina, assegnando anche qui un
ruolo fondante alla poesia dantesca. A questo topos si affianca l’invettiva contro il
popolo italiano che non è stato all’altezza né della sua storia antica né della sua poesia
(Mamiani, Lingua italiana).
Il programma culturale e politico adottato da Trivulzio nell’Ausonio riserva
dunque un ruolo fondamentale alla letteratura, il che trova conferma nella
pubblicazione di due lettere in cui Tommaseo polemizza con la presentazione fatta da
Mazzini della figura e degli scritti di Foscolo. Tommaseo solleva riserve sulla
coerenza di Foscolo per i rapporti allacciati con l’amministrazione austriaca di Milano
fra la caduta del Regno d’Italia e la sua decisione dell’esilio in Svizzera (Ausonio,
anno II, vol. III, 115-132). La polemica non verrà raccolta direttamente da Mazzini,
ma si tratta di un contributo importante alla costruzione del mito di Foscolo come
modello di scrittore patriota. A questo proposito vorremmo riportare la nota della
redazione del giornale, riconducibile a Trivulzio:
In fatto il nome di N. Tommaseo è bastante guarentigia della imparzialità dei giudicii che
possono essere da lui dati intorno alle azioni ed alle scritture di qualche suo concittadino,
comeché a taluno possano sembrare oltremodo severi, e talora rilevanti difetto di
benevolenza verso gli autori. Oltre di che queste Lettere non contengono parola che offenda
i sacri principii della Libertà, anzi, se ben vi si riguardi, tendono a mostrare in qual modo un
cittadino debba e possa combattere profittevolmente per essa. (Trivulzio, Ausonio, anno II,
vol. III, 115 nota)
La nota conferma alcune linee della posizione di Trivulzio nei confronti della
letteratura: l’intenzione di dar voce al dibattito fra diverse posizioni; il forte nesso fra
letteratura e valori civili e morali; l’importanza della letteratura nella costruzione
dell’identità nazionale italiana.
Per quanto riguarda la produzione letteraria di Trivulzio, il rapporto con l’idea e la
costruzione dello Stato nazionale italiano si ritrova in primo luogo nel racconto
Rachel, e anche nel primo diario dell’esilio, i Ricordi nell’esilio, in cui la scrittrice
rievoca le esperienze rivoluzionarie italiane durante il viaggio che la conduce verso
l’esilio in Turchia. Rachel costituisce un vero e proprio romanzo storico, in quanto la
cornice che fa da sfondo alle vicende della famiglia Stella corrisponde rigorosamente
alla storia del Risorgimento italiano, visto dalla campagna lombarda, dalla
restaurazione post-napoleonica alla vigilia della seconda guerra d’indipendenza. La
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 201

scrittrice focalizza la narrazione assumendo il punto di vista di una famiglia di ricchi


contadini lombardi, indagando in questo modo l’impatto del Risorgimento sul nucleo
profondo di quello che dovrà costituire il popolo italiano. Il racconto risale al 1859 e
l’ambientazione geo-sociale è molto simile a quella scelta pochi anni prima da
Manzoni per i Promessi sposi. Nel caso di Rachel la cornice del romanzo storico si
colloca fra il passato recente e il presente, una scelta che potrebbe essere accostata a
quella fatta da Ippolito Nievo (1831-1861) nelle Confessioni di un italiano 65. La
rappresentazione rassicurante e conciliante di tutte le contraddizioni vissute dai
personaggi del racconto di Trivulzio richiamano in qualche misura lo stesso stereotipo
positivo dell’unificazione italiana che verrà tracciato, dopo la conclusione del processo
unitario, da Edmondo De Amicis (1846-1908) nel suo romanzo pedagogico Cuore. 66
I coniugi a capo della famiglia si sono sposati con matrimonio concordato e deciso
dalla rispettive famiglie, come avveniva secondo la tradizione, con una gerarchia di
ruoli che prevede il potere assoluto del marito. Tuttavia non sono assenti l’amore e il
rispetto, destinati a rimanere costanti negli anni:
Le fermier et sa femme s’aimèrent, d’abord parce qu’on leur expliqua au sortir de l’église
que le prêtre leur avait ordonné de s’aimer; plus tard, il s’aimèrent comme les nobles cœurs
et les âmes pures savent aimer. […]
La fermière, qui avait été jolie dans sa première jeunesse, perdit de bonne heure tous
ces charmes, mais son mari ne s’en aperçut jamais. Pour lui, elle fut toujours fraîche et belle,
aimable et digne en toute chose de son amour, parce que cet amour était è elle. (Trivulzio,
Rachel 433)
[Inizialmente, il fattore e sua moglie si erano amati perché all’uscita della chiesa gli
avevano spiegato che il parroco aveva loro ordinato di amarsi; successivamente, si erano
amati come solo i cuori nobili e le anime pure sanno amare; (...)
La fattoressa, bella nella sua prima giovinezza, presto perse tutto il suo fascino ma il
marito non se ne accorse mai. Per lui, lei era sempre giovane, bella, gentile e degna
pienamente del suo amore, poiché questo amore le apparteneva.] (Trivulzio, Rachele 49)
Il quadro della famiglia contadina non si conclude senza un riferimento alla prole
(cinque figli e sei figlie), che la inseriscono nel paradigma della famiglia dei patriarchi
biblici, con tanto di riferimento esplicito alla benedizione divina (Trivulzio, Rachel I,
433-434).
I valori positivi della famiglia rivelano tutto il loro spessore allorché il vecchio
Monsieur Stella è chiamato a presentarsi alla polizia milanese per rendere conto di
aver dato rifugio al figlio ferito ricercato come rivoluzionario. La scrittrice costruisce

65 Un’altra analogia profonda fra il racconto di Trivulzio e il romanzo di Nievo è la rappresentazione


del mondo contadino, con lo stesso ideale di miglioramento interno alla classe contadina, del
tutto assente dal romanzo manzoniano, come annota Giovanni Falaschi: «Ma a proposito dei
contadini c’è subito una divaricazione netta, come se Nievo venisse da un altro mondo, perché
se Renzo à un contadino, nel romanzo di Manzoni mancano i contadini. Non solo, ma il
personaggio chiave di Manzoni alla fine cambia il suo status sociale e diventa piccolo
imprenditore; si emancipa. Nievo non ha lo stesso problema, non pensa che i contadini debbano
emanciparsi diventando altro in termini di classe – cosa del resto impossibile – ma pretende che,
restando tali, acquistino i diritti che spettano agli esseri umani tutti[...]» (Falaschi 2012, 249);
queste considerazioni potrebbero essere applicate anche ai protagonisti di Rachel (Trivulzio,
Rachel).
66 Sui contenuti ideologici dell'opera di De Amicis è fondamentale il riferimento a Timpanaro 1983.
202 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

questo episodio proprio per contrapporre, in termini che si avvicinano alla letteratura
del post-colonialismo, la forza morale del futuro cittadino italiano di fronte ai
rappresentanti dell’autorità degli invasori. 67 Nella notte che precede l’interrogatorio,
Monsieur Stella prende una decisione: deve parlare di fronte all’autorità austriaca di
Milano, che per lui è sacra come tutte le autorità istituzionali costituite, quindi a suo
avviso la scelta migliore sarà quella di dire la verità, poiché secondo lui un padre che
ha avuto pietà per il figlio ferito, anche se ricercato dalla polizia, non potrà mai essere
condannato da un’autorità cristiana. La decisione di tenere questa linea di condotta gli
dà una serenità superiore, che cerca di trasmettere alla moglie per rassicurarla:
– Voyons, Anna, il me semble que tu as pleuré, et je crois que que tu t’exagères le
désagrément qui nous arrive. Nous n’avons jamais eu maille à partir ni avec le
gouvernement ni avec la police, et c’est pour cela que tu t’effraies au moindre indice de
mécontentement ou de soupçon de leur part… [...] Quant à moi, je m’attendais à ce qui nous
arrive, et je t’avouerai même que je n’en suis pas fâché, car cela va me procurer l’occasion
de m’expliquer avec eux, de leur déclarer franchement ma façon de penser, et ils seraient
bien difficiles s’ils ne s’en montreraient pas satisfaits. Sois tranquille, ma femme. Quand le
vieux Stella, qui n’a jamais menti, leur dira: je suis un bon et loyal sujet de sa majesté
l’empereur, – je voudrais bien savoir ce qu’ils trouveront à me répondre. Ils me tendrons la
main en me disant: Touchez là, brave homme; si tout le monde pensait comme vous, nous
n’aurions pas eu tant de mauvaises affaires sur le bras… (Trivulzio, Rachel 652-653)
[– Suvvia, Anna, mi sembra che tu abbia pianto e credo che tu stia ingigantendo
l’inconveniente che ci è capitato. Non abbiamo mai avuto a che fare né con l’autorità né con
la polizia ed è per questo che ti spaventi al minimo indizio di scontento o sospetto da parte
loro... [...] Quanto a me, avevo previsto quello che sta succedendo e ti dirò anche che la cosa
non m’infastidisce, perché sarà un’occasione per spiegarmi con loro, per dichiarare
apertamente come la penso e sarebbero davvero incontentabili se ciò non dovesse bastargli.
Stai tranquilla moglie mia. Quando il vecchio Stella, che non ha mai mentito, dirà loro:
Sono un suddito buono e leale di sua maestà l’imperatore, – vorrei proprio sapere cosa
potranno rispondermi. Mi porgeranno la mano dicendomi: Prendetela brav’uomo; se tutti la
pensassero come voi, non avremmo avuto così tanti sporchi affari alle spalle...] (Trivulzio,
Rachele 96-97)
L’esito dell’interrogatorio che si terrà il giorno dopo sarà del tutto imprevedibile per il
vecchio: la condanna a morte per lui e per i due figli che sono stati arrestati e accusati
di aver coperto la fuga degli altri due figli ricercati, ora fuggiti in Piemonte. Trivulzio
suggerisce così che il popolo italiano ha una sua dignità morale profonda e che tutte le
sventure storiche sono da imputare agli stranieri che li hanno dominati nei secoli. Il
seguito del racconto conferma questa immagine. Il vecchio Signor Stella e i figli sono
graziati per l’intervento del padrone, il Conte F., cui appartiene la fattoria. Dal

67 L’idea della superiorità morale di chi ha diritto alla propria libertà rispetto a chi opprime è anche
propria della posizione politica iniziale di Cristina Trivulzio, come ricorda Sandro Bortone:
«Negli anni immediatamente precedenti il 1848, si fece portavoce di quel movimento di
ʿresistenza legaleʾ che ebbe a milano l’adesione di Cattaneo e vide protagonisti a Venezia
Tommaseo e Manin. Si trattava non soltanto di ottenere, gradualmente, delle mutazioni in senso
riformista, di farsi insomma vendere ʿa ritagli la libertàʾ; al fondo di quella linea politica c’era
l’illusione che, per far crollare il potere austriaco, sarebbe bastato costringerlo, per riprendere
un’altra espressione di Cattaneo, ʿnel duro e spinoso campo della legalitàʾ: quel potere appariva
infatti tutto poggiato sull’arbitrio» (Bortone 2011, 23).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 203

colloquio con il benefattore emerge l’aspetto estremo della contrapposizione morale


con gli inquirenti della polizia asburgica. Quando gli inquirenti hanno chiesto
all’anziano padre se conosceva l’esistenza di una legge che proibiva di dare rifugio ai
ribelli, il Signor Stella, con la sua risposta («Je savais»), dicendo la verità, ha firmato
la condanna a morte per sé e per i figli (Trivulzio, Rachel II, 654).
Il Conte è riuscito a rovesciare il verdetto, da un lato, facendo pesare il proprio
titolo nobiliare, dall’altro dichiarando che l’imputato si era sbagliato o confuso, data
l’età e lo spavento. Nella contrapposizione fra il Signor Stella e la polizia asburgica,
dunque, Trivulzio ha rappresentato la contrapposizione fra chi ha dignità morale e chi
invece esercita un’autorità basata solo sul sopruso. Questo cliché del rapporto fra la
sincerità degli italiani oppressi, dotati di piena innocenza morale, e la perfidia degli
inquirenti, al servizio di un potere basato sul sopruso, era stato rappresentato anche da
Manzoni, nei Promessi sposi. Il protagonista Renzo, costretto a fuggire dalla sua città
per la persecuzione da parte di Don Rodrigo, si trova coinvolto a Milano nei disordini
per la fame e la carestia, e in particolare nell’assalto al forno. Dopo aver assistito
anche all’assalto al palazzo del vicario, Renzo comincia a parlare delle ingiustizie
subite e attira l’attenzione di un emissario della polizia, che lo accompagna nella
locanda e il giorno dopo lo fa arrestare: proprio la sua sincerità e convinzione di essere
innocente gli costerà l’arresto da parte del funzionario/spia della polizia (Manzoni,
Promessi sposi XIV).
Il secondo passaggio nella costruzione dell’identità nazionale all’interno del
racconto Rachel è dato dall’iniziativa dello zio, cognato di Monsieur Stella, un
commerciante di formaggi stabilitosi alla periferia di Milano. L’uomo porta nella
famiglia istanze socio-culturali più aperte alle idee del progresso. Non sfuggirà che
potremmo ravvedere in questa figura uno degli alter ego dell’autrice, donna
appartenente all’aristocrazia lombarda, e che aveva avuto l’occasione di trovarsi in
contatto con ambienti culturali molto aperti e avanzati, prima in Italia e poi in Europa,
infine in Asia. Ogni volta che uno dei figli del Signor Stella arriva all’età ginnasiale o
liceale, lo zio vorrebbe convincere il cognato a fargli proseguire gli studi, per acquisire
conoscenze che possano aiutare lo sviluppo e la realizzazione personale nell’epoca
moderna:
Comparé au reste de la famille, le marchand de fromage était presque un homme du monde,
et il ne voyait pas sans frémir l’ignorante candeur de ses parents prête à se perpétuer dans
leur progéniture. Il admettrait que l’aîné de ses neveux, devant remplacer son beau-frère
dans l’exploitation de la ferme, fut formé aussi complètement que possible sur le modèle du
vieux Stella; mais il eût voulu voir les plus jeunes garçons élevés de façon à pouvoir se
frayer un chemin dans ce bas monde. (Trivulzio, Rachel I, 434)
[Paragonato al resto della famiglia, il mercante di formaggio era quasi un uomo di mondo e
fremeva nel vedere l’ignorante candore dei famigliari, pronto a perpetuarsi con la loro prole.
Egli riconosceva che il maggiore dei nipoti, dovendo occupare il posto del cognato nella
gestione della fattoria, venisse formato il più esaurientemente possibile sul modello del
vecchio Stella; ma avrebbe voluto vedere i ragazzi più giovani educati in modo da potersi
fare strada nel mondo in cui vivevano.] (Trivulzio, Rachele 50)
L’altra figura che si confronta con il progresso è quella della protagonista, Rachel,
rimasta orfana e ospitata, quasi adottata, insieme alla sorella Lucie, nella fattoria dei
204 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

signori Stella, suoi zii. Anche in questo caso il cognato commerciante riesce a
convincere Stella a indirizzare agli studi la giovane, che si presenta non solo molto
bella, ma soprattutto debole e non adatta al duro lavoro dei campi. Nel caso di Paolino
gli argomenti per intraprendere un percorso di studi erano stati piuttosto di natura
economica e tecnica, nel caso di Rachel s’intende soprattutto dare un’educazione alla
ragazza e in particolare il canto appreso a scuola porta nella vita della fattoria una
ventata di arte e di bellezza. Il vecchio Stella è così colpito dal canto e dalla grazia
della nipote che decide di concederle il massimo dono in suo potere, il matrimonio con
il figlio primogenito e futuro capo della famiglia.
A questo punto si entra nella terza fase della piccola epopea risorgimentale, quella
della rivoluzione e della guerra, che ha per protagonisti Paolino e Rachel. Il primo, che
si è dedicato più alle letture e alla discussione politica che allo studio, nell’ambiente
universitario di Pavia, entra in contatto con le idee della rivoluzione e allo scoppio
della rivolta milanese si fa coinvolgere in prima persona, diventando anche un ufficiale
delle truppe del governo provvisorio:
On était arrivés cependant au 22 mars de l’année 1848. Légèrement blessé dans les rues de
Milan, Paolo, qui s’était bravement battu sur les barricades, y avait reçu le commandement
d’un corps de volontaires. Lorsqu’il revint à la ferme après la retraite des troupes
autrichiennes, il portait un uniforme pittoresque et un peu théâtral qui lui allait à merveille.
Rachel le reçut avec enthousiasme; elle lui plaça en bandolière une écharpe tricolore qu’elle
avait brodée à son intention, et se fit raconter dans les moindres détails tous les épisodes du
combat. (Trivulzio, Rachel I, 446)
[Nel frattempo eravamo arrivati al 22 marzo del 1848. Lievemente ferito per le strade di
Milano, Paolo, che si era battuto con valore sulle barricate, aveva ricevuto il comando di un
corpo di volontari. Di ritorno alla fattoria, dopo il ritiro delle truppe austriache, indossava
un’uniforme pittoresca e assai teatrale che gli calzava a pennello. Rachele lo accolse con
entusiasmo; gli mise una sciarpa tricolore a tracolla, fatta apposta per lui a maglia, facendosi
raccontare nei minimi dettagli tutte le vicende del combattimento.] (Trivulzio, Rachele 63)
Si tratta di un punto fondamentale nel racconto perché si evidenzia il ruolo
rivoluzionario di Paolo e si manifesta la piena adesione alla rivoluzione di Rachel.
Inoltre viene messa in scena la sciarpa tricolore, per introdurre esplicitamente il
simbolo dell’identità nazionale, perché sarà questo oggetto, dimenticato da Paolo e
ritrovato dalla polizia del ristabilito governo austriaco di Milano, a causare l’arresto di
Monsieur Stella. Paolo rappresenta nel racconto questa adesione totale alla
rivoluzione, per cui dovrà subire tutte le conseguenze, e anche questo personaggio
assume tratti autobiografici in quanto, come Trivulzio è dovuta partire prima in esilio
in Francia e in un secondo tempo in Turchia, Paolo dopo la partecipazione alla
rivoluzione milanese inizia un esilio che lo porta prima in Piemonte, quindi in
America, in Australia e in Cina. Fedele al suo ideale rivoluzionario sarà pronto a
rientrare in Italia e partecipare alla seconda guerra d’indipendenza e alla fine del
racconto viene rivelata anche l’identità del comandante sotto le cui insegne Paolo
aveva combattuto nella rivoluzione lombarda:
Il y a rencontré aussi ce chef à l’éclatant prestige, aux entreprises heureuses, qui, toujours
placé au plus fort de la mêlée, n’a jamais été atteint par les armes ennemies: personnage
héroïque qui semble échappé d’un autre temps. Autour de Garibaldi se groupaient déjà ceux
qui l’avaient connu jadis, et ceux qui par leur âge ne pouvaient être admis dans les troupes
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 205

régulières du Piémont. Paolo s’est présenté au général, qui l’a reconnu et attaché à son état-
major. (Trivulzio, Rachel II, 688)
[Vi aveva ritrovato tutti i vecchi amici e i vecchi compagni d’arme del Tirolo. Aveva rivisto
anche quel capitano così prestigioso, dalle fortunate imprese che, sempre dalla parte più
forte della mischia, non era mai stato colpito dalle armi nemiche: eroico personaggio che
sembrava scappato da altri tempi. Intorno a Garibaldi erano già riuniti coloro che in passato
lo avevano conosciuto e coloro che, data l’età, non potevano essere ammessi nelle truppe
regolari piemontesi. Paolo si era presentato al generale, che lo aveva riconosciuto e assunto
nel suo stato maggiore.] (Trivulzio, Rachele 136)
Con un’ampia costruzione retorica, il comandante del gruppo di volontari di cui aveva
fatto parte Paolo, rimasto anonimo nel racconto, viene nominato solo nel finale, a
distanza di dieci anni da quei primi fatti: solo allora sappiamo che Paolo aveva
combattuto al fianco di Garibaldi. Il personaggio di Paolo rappresenta senz’altro l’eroe
rivoluzionario, di cui riproduce anche alcuni stereotipi, come l’abito di foggia
stravagante e lo scarso amore per lo studio delle discipline scolastiche a favore delle
opere letterarie e politiche. Tuttavia si presentano anche in lui tutti i dubbi e i contrasti
interni che hanno accompagnato le idee rivoluzionarie di Trivulzio, ammiratrice e
avversaria politica di Mazzini, monarchica ma critica verso il moderatismo e la
mancanza di idee democratiche dei monarchici.
L’ideale culturale che emerge dal racconto mostra come l’audacia, l’entusiasmo,
la follia rivoluzionaria siano da frenare e regolarizzare, secondo la mentalità moderata
che sarebbe stata vincente nella successiva storia italiana. Come afferma Alberto
Mario Banti nella sua lucida e disincantata analisi, nel finale del racconto troviamo
«uno sperticato elogio della ʿzona grigiaʾ risorgimentale (o se non proprio ʿgrigiaʾ,
almeno di un pallidissimo tricolore)» (Banti 2012, 146) 68.
Altra opera letteraria della scrittrice è il diario scritto durante il viaggio verso il
suo esilio in Oriente: Ricordi nell’esilio. Il testo comprende il diario epistolare del
percorso di esilio dopo la partenza da Roma, che tocca Malta e Atene e arriva a
Istanbul. Il testo ha una genesi che attraversa tre tappe: si parte dalle lettere di
Trivulzio all’amica Caroline Jaubert, la quale, con il permesso dell’autrice, le fa
pubblicare in forma di articoli nel 1850 sul giornale parigino Le National; in seguito i
testi saranno raccolti in volume e pubblicati a Parigi con il titolo Souvenirs dans
l’exile, presso l’editore Prost (Davì 2001, 16-17).
Siamo piuttosto di fronte a un journal intime che a un diario di viaggio, dato che
nelle lettere si snoda il flusso dei pensieri e delle riflessioni, e non il racconto puntuale
delle tappe del viaggio 69. In questo modo la Trivulzio ha l’occasione di raccontare

68 L’opera letteraria di Trivulzio si colloca in un contesto particolarmente segnato secondo diritti e


funzioni differenziati per genere: «In questo quadro complessivo, ciò che a volte sfugge è
quanto donne che pure si sono distinte per cultura, intelligenza e, in qualche misura,
anticonformismo, accettino, introiettino e sostengano visioni che sono piuttosto coerenti con il
senso comune dominante, e quindi anche col senso comune del maschilismo patriottico» (Banti
2012, 140).
69 A proposito della struttura delle opere di letteratura di viaggio fra Settecento e Ottocento, Elvio
Guagnini osserva che dal punto di vista formale prevale la forma della raccolta epistolare,
mentre dal punto di vista sostanziale il viaggio tende a porsi in secondo piano, riducendosi a
scenario per la descrizione di stati d’animo e ricordi del viaggiatore (Guagnini 2003, 363).
206 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

alcune tappe precedenti della propria vita, come l’attività a capo degli ospedali nella
Repubblica romana, oppure episodi e incontri del precedente esilio parigino. Da un
luogo di frontiera e di non appartenenza fra Oriente e Occidente, lo sguardo
dell’autrice si può posare sul contesto esotico del viaggio e sullo scenario europeo,
dato che i suoi ricordi hanno tutti una forte valenza politica, come risulta dalle
polemiche che i testi suscitano, non solo in Italia e in Francia, ma anche nelle
comunità di esuli italiani in Grecia e a Istanbul (cfr. Davì 2011). Sotto questa lente
tutto ciò che riguarda l’Italia risulta inserito nel contesto europeo e non ci sono
frontiere ristrette per le questioni dell’identità nazionale italiana. Ad esempio le
descrizioni e i racconti della sosta ad Atene sono costellati di parallelismi con
situazioni analoghe a Parigi o a Londra, in quanto la Grecia è per Trivulzio già
inscritta nell’ordine dell’esotismo 70.
Le lettere che compongono il testo presentano in genere una struttura bipartita, in
quanto da un lato narrano una tappa, un incontro, un luogo del viaggio di esilio verso
Costantinopoli/Istanbul, dall’altro ripercorrono una tappa della vita precedente di
Cristina, con un trapasso legato ad un elemento che fa scattare il ricordo: di qui il titolo
Ricordi nell’esilio. Ad esempio nella seconda lettera, intitolata L’Île de Malte si
raccontano le prime esperienze dopo il viaggio, e raccontando una cena con
personaggi bizzarri, la scrittrice afferma: «Que ne suis-je pas Balzac pour vous peindre
ces ridicules!» / [Perché mai non sono Balzac per potervi dipingere tutti questi
personaggi ridicoli!] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 60-61). Da questa esclamazione
scaturisce il ricordo di una visita improvvisa dello scrittore arrivato mentre la scrittrice
e la sua amica e corrispondente stavano cenando da sole a casa a Parigi.
Per quanto riguarda la rappresentazione letteraria dell’identità italiana, troviamo
elementi rilevanti nella lettera inviata dalla Grecia, in cui si parla fra l’altro della visita
alla piana di Maratona (Trivulzio, Ricordi nell’esilio, 170-213). Al centro della lettera
sono due lunghe parentesi, in cui si rievocano le figure di Vincenzo Gioberti e Franz
Liszt (1811-1886), entrambi conosciuti personalmente dalla scrittrice, un testo da cui
risulta anche una certa familiarità con il compositore. Si presentano parallelamente il
mondo europeo e il mondo orientale, costituito in questa lettera dalla Grecia moderna,
di cui la scrittrice mette in evidenza la distanza dalla Grecia classica. Il suo percorso
verso la Grecia è inverso rispetto a quello di Foscolo che era approdato dall’isola greca
di Zacinto a Venezia, inoltre per Trivulzio la Grecia costituisce al tempo stesso il
luogo della memoria culturale europea e la frontiera dell’Oriente.
In questa lettera trova spazio anche un riferimento alla definizione dell’identità
italiana, per mezzo della figura dell’«abate Gioberti». Si tratta di una descrizione
caricaturale, che mira a focalizzare, nel personaggio di Gioberti, gli aspetti negativi
dell’identità italiana, soprattutto se raffrontati ad altre realtà europee:
L’abbé Gioberti atteignait dernièrement, en Italie une immense popularité, mais en peu de
temps il la vit s’évanouir. Cependant, ni le connétable de Bourbon, lorsqu’il déclara la
guerre à son roi et alla mettre le siége devant Rome, ni le général La Fayette, lorsqu’on le
saluait du nom d’héros des deux mondes, ni O’Connel, gouvernant d’un geste ce peuple

70 Ad esempio quando, durante il soggiorno a Malta, Cristina Trivulzio racconta la visita del battello
in cui viaggiava la giovane sultana marocchina con tutto il suo seguito, che aveva fatto tappa
nell’isola durante il suo pellegrinaggio alla Mecca (Trivulzio, Ricordi dell’esilio 40-59).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 207

d’artistes et de poètes en haillons que l’on nomme Irlandais; personne enfin, à aucune
époque, ne se trouva placé plus haut dans l’estime d’un peuple que l’abbé Gioberti, et ne
tomba d’une façon plus rapide et plus violente. Le ridicule l’a tué; [...]
[L’abate Gioberti aveva ultimamente raggiunto in Italia un’immensa popolarità; ma in poco
tempo egli l’ha vista svanire. Tuttavia, né il connestabile di Borbone, quando dichiarò
guerra al suo re e andò ad assediare Roma, né il generale La Fayette, quando era acclamato
eroe dei due mondi, né O’ Connel che governava con un solo gesto gli Irlandesi, quel
popolo di artisti e di poeti cenciosi, nessuno, insomma in nessuna epoca, ha trovato più alta
collocazione nella stima di un popolo dell’abate Gioberti e nessuno è caduto in modo più
rapido e violento. L’ha ucciso il ridicolo; (...)] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio, 172-173)
Le caratteristiche negative di Gioberti, che costituiscono aspetti da evitare o da
superare insiti nell’identità italiana sono: la riesumazione della contrapposizione
Guelfi/Ghibellini, l’incapacità di elaborare un sistema politico democratico, nonostante
il grande consenso di popolo, il rifiuto di collocare in un quadro europeo la sua visione
nazionale. 71 A proposito del terzo punto Trivulzio mette alla berlina in termini
caricaturali l’idea di un primato italiano che non si inserisca in una rete di relazioni
europee, con l’aggravante che Gioberti non ha saputo mettere a frutto l’esperienza
dell’esilio per allargare gli orizzonti e capire le novità che si stavano realizzando negli
altri paesi europei:
En Italie il n’y a école ni pratique: l’étranger nous gouverne. Il ne faut donc pas s’étonner du
désordre qui a accompagné notre mouvement révolutionnaire. Pensez-vouz que Gioberti,
qui avait été exilé en 1838, et avait ensuite passé douze années exerçant les fonctions de
professeur dans un séminaire à Bruxelles, eût pu, dans cette situation, apprendre à connaître
les hommes et les passions révolutionnaires?
[In Italia non c’è scuola né pratica: lo straniero ci governa. Non ci si deve perció
sorprendere del disordine che ha accompagnato il nostro movimento rivoluzionario. Pensate
che Gioberti, che era stato esiliato nel 1838 e aveva in seguito trascorso dodici anni come
professore in un seminario a Bruxelles, avrebbe potuto, in quella situazione, imparare a
conoscere gli uomini e le passioni rivoluzionarie?] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 182-183)
Nella rappresentazione di Gioberti, Trivulzio mostra come la chiusura e la
rivendicazione autoreferenziale di un primato identitario italiano porta ad una
caricatura di eroe nazionale. Nel testo si fa esplicito riferimento all’opera più famosa
dell’abate Gioberti, mettendo in ridicolo il principio su cui poggia la supremazia
culturale secondo l’abate, il fatto che in Italia ci sia la sede del papato. Una volta
presentata l’idea di Italia di Gioberti come una caricatura nazionale, Trivulzio accentua
gli aspetti comici dell’attività di promozione che porta avanti l’abate. Innanzitutto il
fatto che la sua teoria, basata su criteri non razionali ed esposta in modo fumoso, può
essere assunta da tutti i partiti in campo come propria («comme missionaire
représentant de la monarchie italico-fédérative une-temporelle-spirituelle» [come
missionario, rappresentante della monarchia italico-federativa uni-temporo-spirituale]
Trivulzio, Ricordi nell’esilio 176-177). Il ritratto culmina con il racconto della sua

71 Si ricorderà qui per inciso che secondo Gioberti la realizzazione di uno Stato nazionale italiano
poggiava le sue basi sul primato che il vescovo di Roma aveva nell’ambito della Chiesa, e che
dal punto di vista istituzionale il suo sistema politico prevedeva una federazione di Stati italiani
sotto la presidenza del papa (Gioberti, Primato).
208 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

visita a Firenze, dove si mette in scena un personaggio da commedia, che non sa


assolutamente come apparire e come manifestarsi di fronte a folle entusiaste che
vorrebbero rendergli omaggio, una commedia che culmina con la perdita della voce
del famoso oratore:
Une laryngite lui rendait la parole difficile, il s’excusait de ne pouvoir parler, et priait son
ami, secrétaire, disciple, et factotum, M. Massari, de parler à sa plaçe, ce dont celui-ci
s’acquittait avec un zéle admirable.
[Una laringite gli creava difficoltà di parola, si scusava di non poter parlare, e pregava il suo
amico e segretario, discepolo e factotum, Massari, di parlare al suo posto, compito cui questi
adempiva con uno zelo ammirevole.] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 176-177)
Date queste premesse, la promozione, da parte dell’Abate Gioberti, di una identità
italiana che Cristina Trivulzio ha già bollato come irrazionale e inconsistente, non può
che avere un epilogo farsesco. E questo accade a Firenze, la culla stessa della cultura
italiana, come hanno sostenuto anche Foscolo e Mazzini, e come risulta anche dagli
scritti di Belli. A Firenze hanno luogo diversi equivoci dovuti all’ammirazione
generale per il personaggio che non ne è all’altezza, ma l’epilogo sarà l’udienza
concessa da Gioberti a più di mille alunni di un non meglio precisato collegio di frati. I
frati designano un ragazzino come oratore che deve rappresentare il gruppo e il muto
Gioberti decide di accogliere l’oratore sul balcone del suo albergo, affacciandosi così
sulla piazza dove sono rimasti tutti gli altri alunni e i frati che li hanno condotti:
Un hourra unanime est poussé par les neuf cent quatre-vingt-dix-neuf petites voix claires
des garçons demeurés sur la place publique. Neuf cent quatre-vingt-dix-neuf chapeaux sont
lancés dans l’air: mais silence, l’orateur va porter la parole. On se tait. M. Gioberti se place
à l’une des extrémité du balcon, le petit orateur à l’autre; et, tirant un cahier, il commence
une oraison en vingt périodes, chacune desquelles s’ouvre par une invocation au grand
homme, et chaque fois que ce nom est prononcé le petit orateur fait une profonde révérence,
qui le dérobe momentanément aux yeux de l’auditoire, tandis que M. Gioberti y répond à
son tour par un salut, moyennant lequel sa tête disparaît. la ressemblance frappante de cette
scène avec celles que jouent les marionnettes frappe subitement le public, et un rire
immodéré part aussitôt. Tous les théâtres en plein vent s’emparent de ce grotesque épisode,
et la rage avec laquelle cette plaisanterie fut poursuivie prouve que les Florentins
regrettaient leur enthousiasme précédent.
[Un urrà generale è lanciato dalle novecentonovantanove limpide vocine dei ragazzi rimasti
sulla pubblica piazza. Novecentonovantanove cappelli sono scagliati in aria: ma zitti,
l’oratore sta per prendere la parola. Si fa silenzio. Gioberti si mette a una delle estremità del
balcone, il piccolo oratore dall’altra; e, tirato fuori un quaderno, attacca a leggere
un’orazione di venti periodi, ognuno dei quali si apre con un’invocazione al grand’uomo, e
ogni volta che quel nome è pronunciato il piccolo oratore fa una profonda riverenza che lo
nasconde per un attimo all’uditorio, mentre Gioberti risponde a sua volta con un cenno, per
via del quale la sua testa scompare. La sorprendente somiglianza di questa scena con quelle
recitate dalle marionette, colpisce improvvisamente il pubblico, ed ecco scoppiare risa
smodate. Tutti i teatri all’aperto s’impadronirono di questo episodio grottesco, e
l’accanimento con cui si continuò a insistere su questa ridicolaggine, prova che i Fiorentini
si pentivano del loro entusiasmo di una volta.] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 176-177)
Con questa ricostruzione parodica dell’avventura politica e ideologica di Gioberti,
Cristina Trivulzio mostra come si possano per via letteraria costruire e decostruire i
miti fondanti del Risorgimento e dalla sua posizione di esilio. L’esilio le è stato
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 209

procurato in primo luogo dalla restaurata autorità pontificia, che ha messo fine alla
libertà della Repubblica romana, per questo non può che essere particolarmente critica
verso l’idea di costruzione nazionale di Gioberti, che assegnava la guida dello Stato
italiano proprio al papa, e che considerava la presenza del papa a Roma la prima
ragione del primato italiano nell’ambito della cultura europea. 72

6.5.3. La messa in scena del proprio personaggio


Per quanto riguarda l’attività letteraria e politica di Trivulzio, abbiamo già osservato
che la sua figura e le particolarità della sua esperienza biografica hanno attirato
l’attenzione e il dibattito molto più che la sua opera e il suo apporto concettuale
all’elaborazione delle idee risorgimentali. Su tutto questo ha giocato sicuramente un
ruolo la posizione preminente che si è trovata ad avere con il suo salotto in Francia e
con le sue iniziative a sostegno della causa risorgimentale, oltre al fatto di essere
donna e di essere al tempo stesso entrata da protagonista nell’azione risorgimentale. A
questo proposito Anna Maria Isastia nota che nella letteratura del Risorgimento,
soprattutto per quanto riguarda le opere storiche, erano presenti numerose scrittrici,
tutte escluse dal canone allorché la storiografia sul Risorgimento venne
istituzionalizzata: fra gli anni Ottanta e gli anni Novanta dell’Ottocento fioriscono in
Italia musei, istituti e cattedre universitarie di storia del Risorgimento 73.
Inoltre Trivulzio, per rendere più incisiva la sua azione politica diretta, si adopera
attivamente per creare sulla propria figura un vero e proprio personaggio letterario.
Laura Guidi analizza i modi del travestimento delle protagoniste del Risorgimento per
superare l’ostacolo, facendo riferimento alle categorie di «virilità» e «mascolinità»,
che dovevano necessariamente andare abbinate nel sistema di valori corrente. Il
travestimento maschile venne adottato in casi particolari di donne che si sostituirono
ad uomini per prendere parte diretta ai combattimenti, oppure come atteggiamento
collettivo per rimarcare la rottura del cliché tradizionale che vedeva la donna attrice
solo all'interno dello scenario della famiglia, e quindi dotata di un sistema valoriale di
attributi da cui mancavano le caratteristiche proprie del combattente e del soldato 74. A

72 Trivulzio fa qui riferimento solo alla prima fase dell’azione e dell’elaborazione politico-culturale di
Vincenzo Gioberti. Il suo successo continua dopo il viaggio nelle diverse capitali italiane, tanto
che l’abate diventerà addirittura capo del governo del Regno di Sardegna nella prima fase della
guerra d’indipendenza del 1848-49; a questa esperienza di governo segue un nuovo esilio, con
un’evoluzione del suo pensiero in senso democratico e spiritualistico-profetico. Per un profilo
della complessa e articolata figura di Vincenzo Gioberti si vedano Marini 1998, 892-896 e
Omodeo 1941, 13-27.
73 La studiosa osserva anche che sia Benedetto Croce che Walter Maturi nelle loro opere dedicate alla
storiografia non fanno alcun cenno di queste scrittrici (Isastia 2011, 265-266).
74 Laura Guidi riferisce gli esempi di Erminia Manelli, di Firenze, che prende il posto del fratello
Ernesto, garibaldino, per combattere a Venezia nella terza guerra d’indipendenza, nel 1866.
Gravemente ferita nella battaglia di Custoza è riconosciuta dal medico, congedata e mandata a
casa, dove morirà per le ferite subite. Colomba Antonietti, umbra, combatte vestita da uomo
insieme al marito, a Roma, per difendere la Repubblica romana, e muore per una cannonata
nella battaglia di Porta San Pancrazio. Il marito si getta su di lei disperato e così viene
210 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

tale procedimento si sottrasse Trivulzio, che invece si mise in scena sempre come
donna, anche quando arrivò a Milano a capo di duecento volontari napoletani 75.
Tuttavia, come nota Laura Guidi, questo atteggiamento le attirò critiche nel momento
in cui svolgeva attività di comando ritenute esclusivamente virili, cioè maschili, e
anche caricature, come quella che la rappresenta armata e che mira a rendere ridicola
l’immagine delle sue mani esili e delicate che reggono una pesante pistola (Guidi
2000, 583-584). Quindi Trivulzio, attraverso la gestione della propria immagine
pubblica, punta ad imporre un paradigma di cittadino/a patriota che vada al di là degli
stereotipi di genere potendo assumere il ruolo maschile di protagonista degli eventi
bellici e rivoluzionari senza assumere necessariamente vesti e attributi maschili 76.
Trivulzio mostra così una consapevole gestione della propria immagine. In
particolare si trova ad affrontare due ordini di stereotipi che la collocherebbero su un
piano negativo rispetto alla visibilità pubblica e all’accoglimento della sua azione
giornalistica e politica: lo stereotipo di primo livello delle caratteristiche negative
associate al concetto di appartenenza italiana, cui non si accorda diritto di
appartenenza nazionale, e lo stereotipo negativo di secondo livello, relativo alla
categoria delle donne italiane. 77 Foscolo, nel suo saggio sulle donne italiane aveva
posto il problema di un pieno «risorgimento» morale italiano, con un rinnovato
rapporto fra uomo e donna. La preoccupazione di Foscolo era quella di confutare le
affermazioni della stampa e della letteratura inglese, secondo cui le donne italiane
sarebbero state di facili costumi, contro ogni valore morale della famiglia italiana
(Foscolo, Donne italiane 401-403). Giacomo Leopardi aveva auspicato un ruolo
importante per le donne per costruire la (ri)nascita della patria italiana, in particolare
nella canzone composta in occasione delle nozze della sorella Paolina, nel 1821:
Donne da voi non poco
la patria aspetta; e non in danno e scorno
dell’umana progenie al dolce raggio
delle pupille vostre il ferro e il foco
domar fu dato. […] (Leopardi, Canti IV, 31-35)
L’invito alle donne a collaborare per costruire con gli uomini una società fondata su
valori etici ed eroici si conclude nel testo leopardiano con gli esempi canonici latini di

riconosciuta. Per il funerale è vestita con abiti femminili sopra la divisa da garibaldina (Guidi
2000, 573-574).
75 L’episodio è stato analizzato nel paragrafo precedente.
76 A conclusioni analoghe arriva anche l’analisi di Mariasilvia Tatti, in Tatti 2011a, 147.
77 Questo aspetto della rappresentazione letteraria del Risorgimento viene analizzato da Sandra
Gilbert nel suo saggio sulla costruzione dell’identità italiana nell’opera poetica di Elizabeth
Barrett Browning. Gilbert intacca il nucleo dei valori patriottici orientati al maschile, mostrando
un percorso poetico-letterario alternativo che parte da Corinne di Madame de Staël e passa per i
versi di En Route di Christina Rossetti, per identificare in Casa Guidi Windows e Aurora Leigh
di Barrett Browning l’Italia come figura pienamente femminile, introducendo il concetto di
«matria» al posto di «patria» (Gilbert 1984).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 211

Lucrezia (richiamata indirettamente nel testo) e Virginia, le due mitiche eroine latine il
cui ruolo si colloca nello spazio della castità e del sacrificio 78.
Date queste premesse culturali, Trivulzio, con quella caratteristica di mediazione
che ha improntato anche la sua azione politica, sceglie di superare lo stereotipo
negativo legato all’appartenenza italiana, in qualche modo ponendosi a cavallo di essa,
e cioè si spende per una rappresentazione, sia attraverso il proprio personaggio (che,
come vedremo, compare direttamente in scena nei racconti di argomento orientale,
oltre che nelle opere di memorialistica), sia attraverso personaggi fittizi, come Rachel,
sia attraverso le sue analisi saggistiche. Analogamente, Trivulzio non si maschera da
uomo per mettersi alla guida dei suoi volontari, ma sventola la bandiera nazionale e si
affaccia al palazzo del governo cittadino mantenendo la propria eleganza femminile,
per esibire le possibilità di azione a lei concesse in quanto donna (cfr. Guidi 2000).
Dopo aver visto il rapporto esistente fra letteratura e costruzione dell’identità
nazionale, passeremo al tema delle articolazione geografiche e culturali interne
dell’identità nazionale, che sono viste comunque da Cristina Trivulzio come ostacolo e
impedimento ad una piena realizzazione dell’unificazione italiana.

6.6. Differenze locali e identità nazionale


Nei paragrafi precedenti è stato analizzato il forte impegno di Trivulzio per la difesa e
la promozione di una costruzione identitaria nazionale italiana, con l’azione diretta e
con l’attribuzione di una funzione rilevante alla letteratura e alla cultura. A questo
punto vorremmo analizzare la sua visione sulle differenze e articolazioni identitarie
interne all’Italia, relative alle diverse regioni e città.
Trivulzio, come Mazzini, era dell’idea che le divisioni interne avevano impedito
per secoli l’indipendenza nazionale italiana, quindi si sarebbe dovuto progettare uno
Stato italiano unitario contro tutte le spinte autonomistiche locali. Il rapporto con le
identità locali che emerge dalle sue opere si sviluppa a tre livelli: in primo luogo il suo
attaccamento alla terra e alla gestione dei suoi terreni in Lombardia la porta a
conoscere a fondo la cultura locale e in particolare la civiltà contadina della provincia
lombarda, anche se non dimostra al proposito alcun senso di radicamento locale 79; in
secondo luogo nei suoi saggi dedicati all’analisi della situazione italiana parte sempre
dalla descrizione delle particolarità locali e delle differenze, presentandole come un
problema per l’unificazione politica e istituzionale; in terzo luogo nei suoi resoconti

78 La prima, per resistere alla violenza dell’ultimo re di Roma, l’etrusco Tarquinio, si uccide e suscita
la rivolta da cui sorgerà la repubblica romana. La seconda, insidiata dal decemviro Appio
Claudio, chiede di essere accoltellata al padre Lucio Virginio, per preservare la propria virtù: al
suo sacrificio la plebe insorge per la seconda volta e rovescia il governo tirannico dei decemviri;
a lei Leopardi dedica anche delle pagine nei Disegni letterari (vedi commento in nota al testo
citato).
79 Per quanto riguarda il radicamento locale di Cristina Trivulzio, sia dalla sua esperienza biografica,
sia dalle iniziative da lei intraprese non risulta alcun particolare legame identitario con la terra di
appartenenza. Cristina Trivulzio risiede indifferentemente a Milano, a Locate o a Parigi, eppure
segue con scupolo e attenzione le sue proprietà agricole di Locate e in particolare i suoi
contadini e le loro famiglie, con tutte le loro esigenze (cfr. Aporti 1846).
212 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

della rivoluzione del 1848 in Lombardia non manca di sottolineare la presenza di


volontari provenienti dalle diverse regioni italiane.
Nel racconto Rachel non emergono, rispetto al territorio in cui si svolge la storia,
quei fattori culturali locali che saranno invece propri della narrativa regionale verista
della seconda metà dell’Ottocento: sono assenti dal testo aspetti etno-antropologici
come superstizioni, proverbi e tradizioni locali. Tutti i personaggi si muovono su
opzioni politico-culturali più o meno avanzate, ma nessuno di loro è caratterizzato
etnograficamente e antropologicamente in modo da far emergere una contrapposizione
fra cultura locale e cultura nazionale. Possiamo confrontare questo racconto con Un
prince curde, dove non solo si va alla ricerca della cultura esotica, ma si analizzano gli
aspetti pluralistici di quella cultura, ad esempio confrontando gli usi e costumi dei
turchi con quelli dei curdi, oppure nel racconto Emina, in cui si descrivono le diverse
etnie presenti nell’Impero Ottomano (Trivulzio, Emina).
Tale attenzione alle differenze che convivono all’interno di un territorio si ritrova
anche nei saggi dedicati da Trivulzio alla descrizione e all’analisi geo-politica e
culturale dell’Italia. Possiamo citare a questo proposito l’editoriale che apre il primo
numero dell’Ausonio, del 1846:
Questa pubblicazione essendo destinata a far conoscere sì agli Italiani che agli stranieri la
condizione di questa nostra contrada, onde nell’esaminarne le piaghe rintracciare ad esse
rimedio e ristoro, sembrami che giovi l’esporre in sulle prime un quadro esatto e succinto
dello stato attuale dell’Italia sotto ogni suo aspetto, un ragguaglio cioè della condizione
morale, politica, amministrativa, finanziaria di questo paese. Né ciò basta, ché per far ben
nota una contrada a coloro che in quella non nacquero (e sgraziatamente gli Italiani sono gli
uni verso gli altri nella situazione dello straniero verso lo straniero), conviene riandare più
addietro nelle cose, e discorrere brevemente delle origini, poi trattare della popolazione, del
carattere di lei fisico e morale, del grado di coltura morale a cui è giunta, dei lavori ad
industrie cui accudisce, degli studi ai quali attendono le classi degli abitanti più alte; di tutte
quelle materie insomma che compongono la nazione in qualità di individuo, che vuol dire ne
delineano il carattere e ne spiegano i destini. (Trivulzio, Stato attuale dell’Italia, 5)
Secondo Trivulzio non sarà possibile delineare il profilo dell’identità nazionale italiana
senza tener conto delle differenze interne, tanto da dire che gli italiani sono «gli uni
verso gli altri nella condizione dello straniero verso lo straniero». Nel testo si passano
in rassegna dal punto di vista geografico gli Stati in cui era divisa l’Italia e si tracciano
anche dei profili tipologici delle diverse popolazioni italiane, di cui si specificano
anche le differenze dialettali. In un altro passaggio del testo la scrittrice denuncia
anche il rapporto fra cultura e identità locale, in quanto la cultura diventa spesso
erudizione che chiude l’orizzonte dello studioso, curioso solo di ricercare e indagare le
questioni che riguardano la propria città o il proprio piccolo borgo:
Non v’ha città, non v’ha borgo che non racchiuda il suo erudito e talvolta varii eruditi, i
quali fra loro si azzuffano a chi meglio legge una rovinata iscrizione o una sdrucita
medaglia. E qualora si rifletta che codesti studii sono in Italia coltivati da poveri impiegati, e
nelle ore concesse a loro pel riposo, che non conducono a dignità alcuna e neppure a
qualche rinomanza, chè in un paese ove lo spirito pubblico è costretto a dormire, niuno
curasi di sapere quanto accade fuori della casa sua, e non ha con essa alcuna relazione,
qualora a tutto ciò si rifletta ed alla somma difficoltà che incontra non solo il giovane che
tenta il primo passo, ma il vecchio dotto incanutito sugli scartafacci, prima di rintracciare
uno stampatore che consenta a far noti gli scritti suoi, per buoni e belli che sieno, se a tutto
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 213

ciò si rifletta, niuno sarà che ricusi di tributare stima e simpatia a quelli oscuri e costanti
cultori dell’umana sapienza. (Trivulzio, Stato attuale dell’Italia, 16)
Come si può vedere in questo brano l’atteggiamento di Cristina Trivulzio oscilla fra
l’ammirazione per la varietà delle risorse culturali locali e la denuncia della ristrettezza
di questo paradigma culturale orientato sul proprio borgo o sulla propria città di
appartenenza. In ogni caso l’analisi della pluralità e frammentazione storica italiana
sono oggetto di ricerche e riflessioni storiche. Già nel periodo del primo esilio
francese, Cristina Trivulzio aveva raccolto materiali per pubblicare una Histoire des
Municipes italiens, come documentato in alcune lettere ad Augustin Thierry del 1845
(cfr. Rörig 2010, 45-46). Come Mazzini, anche Trivulzio dissente dalle posizioni dello
svizzero Sismonde de Sismondi, che aveva tracciato la storia delle città italiane
medievali, arrivando alla duplice conclusione che in quegli ordinamenti repubblicani e
in quella pluralità di governo locali, poteva trovarsi la radice per un moderno Stato
italiano. Cristina Trivulzio ha un intento politico molto forte nel momento in cui va ad
analizzare le culture e le storie locali, quello di mostrarne i punti deboli e di riunirne le
individualità all’interno della creazione identitaria nazionale 80.
Un testo in qui queste differenze vengono esaltate e lette in chiave positiva è il
racconto delle rivoluzioni a Milano e a Venezia, dove si esalta la varietà della
provenienza dei volontari, tutti uniti nella causa della liberazione dell’Italia, ma
portatori delle loro differenziazioni geografiche e culturali:
Quello che per me è evidente, e resta evidente per ogni mente imparziale, è che l’Italia
intera si era commossa alla notizia dell’insurrezione lombarda, è che l’Italia intera voleva
prendere parte alla guerra contro l’Austria. Furono soltanto pochi uomini a considerare
quello slancio con inquietudine; essi temevano che il Piemonte sarebbe stato sminuito nel
suo prestigio se il resto d’Italia avesse condiviso il merito del suo intervento. Venti milioni
di fratelli chiedevano soltanto di impugnare le armi per la causa della Lombardia: occorreva
invece che questa non dimenticasse di dover aspettare tutto, tutto sperare dal Piemonte e di
non poter aspirare a esistere altrimenti che per suo mezzo. Soltanto un simile pensiero, è ben
certo, spiega gli strani atteggiamenti sprezzanti, le catastrofi misteriose che hanno così
amaramente ripagato lo zelo dei volontari napoletani, toscani e lombardi e finito con il
paralizzare il generoso impeto dei popoli italiani. (Trivulzio, Milano e Venezia 81)
Nel suo racconto del biennio rivoluzionario in Lombardia e a Venezia, e in seguito nei
Ricordi nell’esilio, Trivulzio non manca mai di sottolineare la provenienza al plurale
degli italiani che erano accorsi per realizzare concretamente l’identità nazionale
italiana. Come vedremo nel prossimo paragrafo, il personaggio Cristina Trivulzio,
messo in scena nei Ricordi nell’esilio, nel diario del viaggio a Gerusalemme e nei
racconti esotici, viene presentato con una forte identità culturale e nazionale italiana,
con la tendenza a sfumare questa appartenenza e a indicare la superiore appartenenza
europea, in contrapposizione al mondo orientale che fa da teatro al suo esilio o alle
storie da lei narrate. Si presenta così un’appartenenza fluida, che si manifesta nel
momento in cui Cristina Trivulzio, sentitasi profondamente tradita proprio dai francesi,

80 Per un approfondimento delle posizioni di Sismondi sull'identità italiana ed europea si vedano gli
atti del convegno tenutosi nel 2010 a Firenze, Pescia e Pisa, curati da Letizia Pagliai e Francesca
Sofia (Pagliai; Sofia 2012).
214 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

che hanno abbattuto la Repubblica romana e che intendono arrestarla, decide di


muoversi per il suo esilio prima a Malta, quindi verso Costantinopoli.

6.7. La dimensione europea: l’identità nazionale fra Parigi


e Istanbul

6.7.1. L’esilio come dimensione identitaria europea


Un filo rosso che lega le vicende biografiche e culturali dei quattro autori fin qui
esaminati è la categoria dell’esilio, che per Foscolo (Capitolo 1) e Mazzini (Capitolo
3) diventa una dimensione culturale che consente di guardare con occhio diverso al
rapporto fra identità, appartenenza e frontiere. Anche nel caso di Cristina Trivulzio
abbiamo già visto che una parte consistente della sua vita si è svolta in esilio, prima in
Francia, poi in Turchia e in Medio Oriente. Le opere prodotte durante l’esilio hanno
avuto uno stretto rapporto con l’Italia e la costruzione dell’identità nazionale italiana,
ma hanno anche espresso rispettivamente due tipi di inquadramento internazionale
rispetto alla sua appartenenza identitaria. Vedremo quali sono le caratteristiche
peculiari della sua costruzione identitaria europea, ricavabili rispettivamente dalle
opere legate al primo e al secondo esilio.
La valenza dell’esilio come privazione del suolo di appartenenza risulta
particolarmente appropriata per Cristina Trivulzio, che con il suolo, in senso concreto
di suolo agricolo, ha avuto un rapporto speciale. Nei suoi terreni di famiglia di Locate,
in Lombardia, si è dedicata all’agricoltura con una vera e propria attività
imprenditoriale e sociale. Dunque il bando cui fa seguito l’esilio parigino, che le
sequestrava anche il patrimonio e i possedimenti, doveva costituire per lei una forma
molto forte di mutilazione delle radici 81.
La contrapposizione fra «radicamento nella terra» ed «esilio» trova, o meglio
cerca, una sorta di compensazione durante il suo secondo esilio, in Oriente,
impiantando un’azienda agricola nell’entroterra della penisola anatolica, dove si era
spostata dopo un soggiorno a Istanbul/Costantinopoli. Dal suo esilio in Francia aveva
acquisito, tramite il contatto con Victor Considerant e con le dottrine di Fourier, l’idea
di organizzare il lavoro della terra creando una comunità di lavoratori cui offrire anche
servizi sociali e culturali (Proia 2010, 298-302). Queste idee troveranno applicazione

81 Il suo esilio parigino è preceduto da una sorta di vagabondare politico-culturale dopo la separazione
dal marito Emilio di Belgiojoso, fra Genova, Napoli, Firenze, Ginevra, Torino, Berna, mentre
inizia giuridicamente con il passaggio successivo dalla Lombardia a Lugano, nonostante
l’ordine della polizia milanese che le intimava di presentarsi e consegnare il passaporto
(Bortone 2011, 6). Da lì era passata a Genova ed era poi partita clandestinamente per la Francia,
partecipando all’organizzazione e al finanziamento della spedizione mazziniana, fallita, che nel
1834 aveva tentato di entrare in Piemonte dalla Savoia, per instaurare un governo costituzionale
a Torino. In seguito si trasferisce a Parigi, dove riottiene la disponibilità del proprio patrimonio
e può aprire dopo un periodo di forti ristrettezze il suo salotto frequentato sia dagli esuli italiani
che da molti intellettuali francesi (Bortone 2011, 6-7).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 215

sia nelle sue tenute agricole di Locate, che nella fondazione della tenuta agricola di
Ciaq-Maq-Oolu, vicino ad Ankara, in Anatolia, dove avrebbe voluto costruire una
comunità agricola per gli esuli italiani (Giorcelli 2010, 103-105).
Il rapporto fra esilio e legame con la terra si richiama anche ad una delle linee di
lunga durata dell’identità italiana, che fa capo al legame forte fra appartenenza
culturale, esilio e terra, nella forma in cui è stato espresso da Virgilio a favore della
costruzione/restaurazione imperiale di Augusto. Si tratta di una costruzione
concettuale ripresa da Dante Alighieri nella sua visione di «Italia» 82. Sandro Bortone
sottolinea il rapporto molto forte fra radicamento ed esilio per Trivulzio, richiamando
il saggio su Vico che accompagna la traduzione in francese della Scienza nuova. Nel
profilo biografico del filosofo, parlando della figlia di Vico, Luisa, Trivulzio lamenta
che l’educazione che si dà alle donne sia tutta volta ad accentuare le grazie della
giovinezza in vista del matrimonio, ma non prepara le donne con la riflessione ai
traumi e ai distacchi (e anche al possibile esilio), che arriveranno con la maturità e la
vecchiaia, con un chiaro riferimento autobiografico (cfr. Bortone 2011, 6-7).
Durante l’esilio francese la scrittrice tesse la sua rete culturale europea, soprattutto
da quando il recupero del suo patrimonio le consente di aprire il suo salotto, come
abbiamo già ricordato. Nel momento in cui inizia a scrivere le sue prime opere
saggistiche in francese, Trivulzio è convinta che la realizzazione dell’unificazione e
indipendenza italiana debba realizzarsi promuovendo l’esistenza stessa dell’identità
nazionale italiana a un pubblico europeo. Si tratta del «teatro europeo», al quale
secondo Mazzini deve rivolgersi lo scrittore, affinché anche la letteratura italiana sia
ammessa fra le culture moderne. In altri termini Trivulzio scrive a Parigi sull’Italia per
presentare all’interno dell’Europa la candidatura dell’Italia come cultura nazionale ed
europea a pieno titolo.

6.7.2. Una cultura per l’identità europea


La prima operazione impegnativa in cui Cristina Trivulzio si presenta come mediatrice
della cultura italiana in Europa è la traduzione francese della Scienza nuova di Vico. Si
trattava della prima traduzione integrale in francese dell’opera, che mirava a puntare i
fari della ribalta internazionale sul pensatore italiano, già da Foscolo identificato come
uno dei fondatori di un moderno pensiero italiano. Cristina Trivulzio inizia così la sua
attività di scrittrice assumendo il ruolo di mediatrice e promotrice della cultura
italiana. A Parigi tale attività aveva tre possibili sviluppi: in primo luogo la massiccia
presenza di esuli italiani faceva sì che quello che si pubblicava a Parigi avrebbe avuto
una grande risonanza anche in Italia; in secondo luogo la Francia, retta da una
monarchia costituzionale che promuoveva una relativa libertà di stampa e di pensiero,
costituiva un interlocutore privilegiato per ottenere un appoggio politico alla causa
dell’indipendenza italiana, anche in virtù dei precedenti della politica napoleonica; in

82 Questa linea identitaria costituisce uno degli elementi principali analizzati da Francesco Bruni nel
suo denso e prezioso volume dedicato alla storia dell’Italia come «idea» (Bruni 2010, 58-63; 87-
92).
216 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

terzo luogo Parigi assumeva in quel periodo le caratteristiche di una vera e propria
capitale multiculturale dell’Europa 83.
Secondo Mazzini, gli scrittori italiani devono avere come pubblico, come «teatro»,
per le loro opere, l’Europa e non devono più guardare a un pubblico solo nazionale
(Mazzini, Letteratura Europea 220). Questa è stata la costante preoccupazione di
Trivulzio, che ha pubblicato quasi tutte le sue opere in francese e che nel suo salotto
parigino intendeva dare risonanza europea alle sue idee sulla necessità che la nazione
italiana avesse una sua realizzazione politico-istituzionale. È preoccupazione costante
della scrittrice che la questione italiana sia considerata a pieno una questione europea,
in quanto a suo avviso, in linea con le idee di Mazzini, era necessario che la futura
Europa venisse costruita come un insieme di nazioni libere e democratiche (Cantù
2011, 141-142). Tuttavia la costruzione identitaria europea di Cristina Trivulzio si
spinge oltre. Nelle opere che riguardano l’Oriente, la scrittrice non manca di mettere a
confronto l’identità europea con l’identità non europea. Analizza le società e le culture
che incontra fra Asia Minore e Siria, per mostrarne le sfaccettature, positive o
negative, e per invitare il lettore a interrogarsi sull’identità europea.

6.7.3. Parigi centro della cultura europea


Un ruolo importante nell’europeizzazione della questione identitaria italiana, con il
centro di gravità nella capitale francese, è il riferimento alle precedenti esperienze
degli Stati italiani legati a Napoleone I, esperienze in cui si collocano le vicende e le
opere di Foscolo e Cuoco.
A proposito del riferimento al precedente napoleonico nel quadro di una stretta
alleanza della futura Italia con la Francia, occorre ricordare un saggio storico la cui
attribuzione a Cristina Trivulzio è stata controversa o anche del tutto negata: Studi
intorno alla storia della Lombardia negli ultimi trent’anni. Il testo, pubblicato in
francese a Parigi nel 1846 anonimo, esce in traduzione italiana a Lugano nel 1847, con
un’indicazione d’autore che appare un possibile mascheramento della scrittrice:
«Manoscritto in francese di un Lombardo, voltato in italiano da un Francese»
(Trivulzio, Storia della Lombardia) 84.
Nel già citato saggio sull’apporto degli esuli alla costruzione del Risorgimento
italiano, Maurizio Isabella pone l’accento sul dibattito politico francese seguito alla
restaurazione e ai successivi sviluppi e rivolgimenti politici in Francia, dove Claude
Henri de Saint-Simon e Augustin Thierry, il primo fra i principali modelli politici e
culturali di Trivulzio, il secondo anche amico e corrispondente della scrittrice,

83 Si veda su questo tema il saggio di Philip Mansel e anche quanto scrive Francesca Cantù a
proposito dell’ambiente parigino in cui si muove Cristina Trivulzio (Mansel 2003, 79-84; Cantù
2011, 70-72).
84 L’espressione si potrebbe inserire in una serie d’indicazioni d’autore problematiche che troviamo
nelle prime opere saggistiche di Cristina Trivulzio. Ad esempio il suo Essai sur la formation du
dogme catholique esce anonimo, mentre la successiva traduzione della Scienza nuova di Vico
porta l’indicazione: «Traduite par l’auteur de l’Essai sur la formation du dogme catholique»
(Vico-Trivulzio, Science Nouvelle).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 217

ponevano le basi per un dibattito sulla democrazia e sulle idee liberali che dovevano
rinnovare profondamente l’Europa (Isabella 2011, 125).
A Parigi Trivulzio fonda un periodico, l’Ausonio, con il fine di incentivare la
coscienza nazionale e degli italiani, e di promuovere la causa italiana in Francia 85. Una
strategia comunicativa mirata che si ritrova anche nella scelta del titolo, in quanto
«Ausonia» era il nome con cui in epoca ellenistica si designava l’Italia non greca da
parte dei Greci 86, quindi la scelta di denominare la propria appartenenza identitaria dal
punto di vista dell’altro, dello straniero.

6.7.4. Verso la frontiera dell’Europa, alle origini della cultura


comune
Legata all’esilio e al soggiorno in Oriente è la maggior parte della produzione più
specificamente letteraria di Cristina Trivulzio, in quanto nel viaggio e soggiorno in
Oriente è stata prodotta la memorialistica e la narrativa di argomento esotico. Tuttavia
l’asse che lega la scrittura di Cristina Trivulzio a Parigi non si chiude totalmente
durante l'esilio in Oriente, in quanto a Parigi saranno pubblicate le sue corrispondenze
di viaggio e anche i suoi racconti esotici durante l’esilio, in cui si concretizza l’altro
polo, quello che abbiamo chiamato «Istanbul». In primo luogo i Ricordi nell’esilio, i
cui dodici capitoli sono una rielaborazione di lettere scritte all’amica francese Caroline
Jaubert fra il 1849 e il 1850, durante il viaggio da Roma a Malta, Atene e Istanbul,
pubblicati a puntate nel 1850 sulla rivista Le National. I racconti orientali sono usciti
invece sulla Revue des Deux Mondes, per poi essere ripubblicati in volume, prima in
italiano (Trivulzio 1857a) poi in francese: Scènes de la vie turque. Completa il quadro
degli scritti orientalistici di Cristina di Belgiojoso il diario del viaggio attraverso Asia
Minore e Siria per raggiungere la città di Gerusalemme, pubblicato in francese con il
titolo Asie Mineure et Syrie, anch’esso pubblicato sulla Revue des Deux Mondes e
successivamente in volume (cfr. Giorcelli 2010).
L'esilio in Oriente deriva dalle conseguenze della sua adesione alla Repubblica
romana del 1849, in seguito alla quale viene non solo bandita e ricercata dalle polizie
italiane, ma anche dalle autorità della Repubblica francese, che aveva ristabilito
l’autorità papale a Roma.
Come altri proscritti che avevano partecipato alla Repubblica romana, Trivulzio
s’imbarca su una nave inglese per Malta, e ha così inizio il suo esilio che durerà fino al
suo ritorno in Lombardia nel 1855. Si tratta di una fase biografica in cui la produzione
letteraria aderisce alla nuova esperienza di vita, senza lasciare totalmente da parte le
tematiche riguardanti direttamente la storia e la situazione politica dell’Italia.

85 La cadenza periodica del giornale variò nel tempo, in quanto all’inizio fu un mensile, poi
settimanale, quindi nel 1848 uscì tre volte al mese; i numeri del giornale formarono cinque
volumi: I (marzo-agosto 1846), II (settembre 1846-aprile 1847), III (maggio-agosto 1847), IV
(settembre-dicembre 1847), V (gennaio-febbraio 1848) (Vercesi 2010, 96-97).
86 Pier Luigi Vercesi ricostruisce la genesi e il significato del nome del periodico (Vercesi 2010, 96 e
96 nota 35). Il poeta Mamiani sul primo numero dell’Ausonio pubblica una poesia del titolo La
lingua italiana, in cui troviamo il verso: «La soavezza dell’Ausonio stile» (Mamiani, Lingua
italiana 127).
218 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

Il diario del viaggio verso l’esilio contiene una presentazione parallela e


contrastiva di Oriente e Occidente o, simbolicamente, di Istanbul e Parigi, come poli in
cui la protagonista rispecchia la propria appartenenza identitaria. L’esilio comincia con
la partenza da Roma e il successivo soggiorno nell’isola di Malta, raccontati nelle
prime quattro lettere, in cui prevale lo sconforto per il fallimento della Repubblica
romana, per il tradimento dei francesi e per l’esilio subito. La terza lettera, dal titolo
«À Rome pendant le Siège» (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 63-77) descrive la visita alla
capitale dell’isola di Malta, e dal testo trapela la sofferenza per la ristrettezza del
luogo, e anche la delusione per la mancanza di opere d’arte e di monumenti notevoli.
All’isola di Malta in cui si trova in quel momento, Cristina oppone due orizzonti, e
cioè quello dell’Oriente, in quanto in questa lettera annuncia il suo proposito di partire
per Costantinopoli («Que diriez-vous si j’allais à Costantinople?» [Che ne direste se
andassi a Costantinopoli?] Trivulzio, Ricordi nell’esilio 64-65), e la rievocazione della
sua vita a Roma, durante l’assedio francese alla Repubblica romana. L’elemento di
raccordo fra presente e ricordo del passato è costituito in questo caso dalle
fortificazioni, in quanto Cristina racconta la visita alle fortezze del porto della Valletta,
durante la quale la principessa esule gioca a mettere in scacco l’ufficiale che le fa da
guida, mostrandogli un punto debole della difesa dell’isola. L’ufficiale, per vendicarsi,
le ricorda le accuse che ha ricevuto riguardo all’amministrazione finanziaria degli
ospedali a Roma durante l’assedio. Da qui inizia il suo ricordo dell’assedio romano:
Je veux vous faire un récit véridique des deux mois, juin et juillet, que j’ai passé à Rome, au
milieu des horreurs et des misères les plus dramatiques.
[Voglio farvi un racconto veritiero dei due mesi, giugno e luglio, che ho trascorso a Roma,
in mezzo agli orrori e alle miserie più terribili.] Trivulzio, Ricordi nell’esilio 68-69).
Procedendo nel viaggio verso la meta, a poco a poco si fa chiara la contrapposizione
fra spazio europeo e Oriente, producendo così una progressiva focalizzazione a
distanza dello spazio europeo in generale. L’itinerario da Occidente a Oriente passa
per la Grecia, dove ritrova, con qualche analogia con l’opera di Foscolo, la culla della
cultura e dell’identità europea, intesa in senso classico. Ad Atene, visitando i
monumenti classici, mette la sua esperienza in relazione con la poesia del poeta suo
amico Heinrich Heine (1797-1856), instaurando così questo collegamento ideale fra la
cultura europea e i suoi archetipi greci:
Lisez ce passage, je vous en prie, à Henri Heine, [...]. Souvent je pense à lui, en marchant
sur la petite plate-forme où s’asseyaient le péripatéticiens, en visitant le temple de Minerve,
de Thésée et de Bacchus, en voyageant sur cette mer dont Vénus est sortie. Comme
l’imagination poétique de Heine serait tombée en béatitude sur cette terre hellénique!
[Leggete questo brano, ve ne prego, a Heinrich Heine, (...). Penso spesso a lui mentre
cammino sulla terrazza ove sedevano i peripatetici, mentre visito il tempio di Minerva, di
Teseo e di Bacco, mentre sono in viaggio su questo mare da cui Venere è emersa. Come
l’immaginazione poetica di Heine si sarebbe beata sotto questo cielo e su questa terra
greca!] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 128-129)
All’arrivo in prossimità della Grecia, la minaccia del colera a bordo comporta il
provvedimento della quarantena, da trascorrere in un lazzaretto dell’isola di Egina.
Dopo la descrizione architettonica accurata del lazzaretto, inizia una delle doppie
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 219

descrizioni che mettono in evidenza con elementi stereotipici il contrasto fra la realtà
in cui si trova, quella della Grecia, e l’Occidente, nel momento in cui Cristina
Trivulzio confronta la propria situazione a quella dell’amica a Parigi:
Je ne pense pas que le tableau ci-dessus vous paraisse séduisant, n’est-ce pas, chère amie? à
vous surtout qui éprouvez déjà les picotemens de l’automne parisien. Mais ici l’air est tiède
et embaumé; je suis en présence du plus beau ciel, de la première plus belle mer et de la plus
éclatante lumière du monde. Il y a, je vous assure aussi, un charme infini dans cette solitude
assurée.
[Non penso che il quadretto vi possa apparire attraente, non è vero, mia cara amica?
Specialmente per voi che avvertite già il pungere dell’autunno parigino. Qui invece l’aria è
tiepida e profumata; mi trovo al cospetto del più bel cielo, del più bel mare e della luce più
splendente che ci siano al mondo. Posso altresì assicurarvi che, in questa solitudine
tranquilla, c’è un fascino infinito.] (Trivulzio, Ricordi nell’esilio 80-81)
L’identificazione fra Grecia e matrice culturale dell’Occidente è del tutto trasparente
nella lettera in cui si racconta l’arrivo ad Atene e si rievoca il salotto di Madame
Récamier a Parigi. Il testo comincia con il confronto fra il mito legato alla Grecia e la
realtà concreta:
Avez-vous jamais songé que la Grèce n’était pas un pays fantastique comme l’Arcadie ou le
pays de Cocagne, mais bien un pays pour de bon, avec ses monts et ses vaux, ses fleuves et
ses mers, ses hommes et ses brutes? Si vous y avez songé je vous en fait mon compliment,
et j’avoue mon infériorité, car la Grèce n’était pour moi jusqu’ici que deux points dans le
passé et rien dans le présent. La Grèce ancienne c’est la patrie de tous les gens d’esprit où
l’esprit ne courait pas les grands chemins. La Grèce moderne, ou de 1821, c’est une
pépinière de héros qui ont livré des combats de géants et éveillé la muse polyglotte de MM.
Delavigne et Lamartine, lord Byron et sa pléiade, Berchet et Carrer, etc.;
[Avete mai pensato che forse la Grecia non era un paese immaginario come l’Arcadia o il
paese di Cuccagna, ma invece un paese per davvero, con in suoi monti e le sue vallate, i suoi
fiumi e i suoi mari, i suoi uomini e i suoi animali? Se ci avete pensato mi complimento con
voi e confesso la mia inferiorità, poiché per me la Grecia era stata fino a questo momento
quasi nulla nel passato e nulla nel presente. La Grecia antica è la patria di tutte le persone di
qualità di un’epoca in cui l’intelligenza non si incontrava a spasso per la via maestra. La
Grecia moderna, ovvero quella del 1821, è un vivaio di eroi che si sono impegnati in
battaglie da giganti e che hanno risvegliato la musa poliglotta di Delavigne e di Lamartine,
di Lord Byron e del suo cenacolo, di Berchet e Carrer, etc. (...)] (Trivulzio, Ricordi
nell’esilio 92-94)
Si attribuisce alla Grecia una funzione mitica, quella di culla della cultura e della
civiltà occidentale, e una funzione simbolica, attraverso i valori del Risorgimento
greco, che vengono elevati a valori europei moderni. L’espressione pregnante «muse
polyglotte» ha un senso molto vicino a quello inteso da Mazzini quando scriveva: «Per
tutta l'Europa ferve uno spirito, un desiderio d'innovazione letteraria [...].» (Mazzini,
Letteratura Europea 179). La musa, cioè la matrice dell’ispirazione, della poesia e
della letteratura moderna è poliglotta in quanto comprende e assimila, senza
uniformarle, le letterature prodotte nelle diverse lingue europee, fra le quali si citano,
attraverso i nomi dei poeti, il francese, l’inglese, l’italiano e nella parte successiva del
testo anche il tedesco. È lo stesso percorso culturale, dalla Grecia antica, all’Italia,
all’Europa, che si trova in forma di mito nelle Grazie di Foscolo. Inoltre la presenza
220 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

dei viaggiatori europei alla ricerca delle vestigia greche ricorda la lettura che dei
monumenti e resti antichi aveva fatto Johann Johachim Winckelmann (1717-1768),
rilevandone e attualizzandone i valori estetici assoluti:
Queste figure ideali sono, come uno spirito etereo purificato dal fuoco, spogliate d’ogni
debolezza umana, talmente che non vi si scoprono né tendini né vene. La sublime idea di
quegli artefici era come di crearne dell’essenze dotate di sufficienza astratta e metafisica, la
superficie delle queli servisse di corpo apparente ad un essere etereo condensato negli
estremi suoi punti, e rivestito di sembianza umana sì, ma senza partecipare della materia di
cui è composta l’umanità, ne’ suoi bisogni (Winckelmann 1767, XLI).
L’itinerario culturale che percorre Trivulzio in questo diario non è un vero e proprio
viaggio da Oriente a Occidente. La scrittrice in esilio sperimenta a partire da Malta,
poi a Smirne, quindi ad Atene e infine anche a Costantinopoli, l’attraversamento di
una vasta area che segna il confine fra Occidente e Oriente, senza oltrepassarlo. Anche
a Istabul, che viene significativamente chiamata con il nome greco-latino, e non con
quello turco, si continua a sperimentare il contatto con la frontiera dell’Europa. In tutta
l’opera si ha un continuo riferimento a due coordinate, quella parigina, che orienta il
centro della civiltà europea, e quella orientale, che indica la frontiera, la periferia
dell’Europa. In questa polarità s’inseriscono i racconti e le riflessioni sul processo di
costruzione nazionale dell’Italia, che viene inserita all’interno delle due coordinate,
all’interno dell’orizzonte europeo, né al centro, né alla frontiera, come risulta
dall’incontro al largo di Smirne con un gruppo di esuli italiani che la riconoscono e la
festeggiano:
Les Italiens réfugiés à Smyrne, ayant appris mon passage, étaient venus spontanément me
saluer, suivis d’une musique qui exécutait nos airs nationaux.
Le Télémaque était entouré de légères embarcations sur lesquelles mes compatriotes,
debout, agitaient en l’air ou chapeaux, ou mouchoirs, en me souhaitant l’accomplissement
de mes vœux. Quelques-uns d’entre eux montaient sur le pont: un instant nous pûmes croire
les beaux jours venus, et que nous voguions ensemble vers la patrie victorieuse. À leur tour
les matelots français demandèrent la Marseillaise: nos musiciens la jouèrent avec verve;
matelots et réfugiés fraternisèrent, et de cordiales poignées de main furent échangés.
[Gli Italiani rifugiati a Smirne, avendo saputo del mio passaggio, erano venuti
spontaneamente a salutarmi, seguiti da una banda che eseguiva le nostre arie nazionali.
Il Telemaco era circondato da leggere imbarcazioni sulle quali miei compatrioti, in
piedi, agitavano in aria cappelli o fazzoletti augurandomi di poter realizzare ogni mio
desiderio. Alcuni salirono sul ponte: per un attimo ci fu possibile credere che fossero giunti i
giorni felici, e che potessimo navigare verso la patria vittoriosa. A loro volta i marinai
francesi chiesero la Marsigliese: i nostri musici la suonarono con brio; marinai e rifugiati
fraternizzarono, e ci fu uno scambio di cordiali strette di mano.] (Trivulzio, Ricordi
nell’esilio 238-239)
Questa messa in scena dell’idea di Europa come famiglia di democrazie era stata
enunciata anche da Mazzini: non a caso l’identità francese è evocata per mezzo della
Marsigliese, simbolo al tempo stesso dei valori nazionali e dei valori democratici della
Francia. Analogamente, Trivulzio si rivolge a un pubblico europeo per abbattere una
lunga teoria di riserve e stereotipi negativi che gravavano sull’immagine degli italiani,
secondo cui la loro identità nazionale è incostante e incoerente. Si tratta di
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 221

un’impostazione che si ritrova in tutta la sua attività, fino agli scritti della maturità
(Monsagrati 2010, 41).
Istanbul/Costantinopoli nell’Ottocento non era considerata una città orientale,
quanto piuttosto un luogo di confine e di cerniera fra Europa e Oriente, come scrive,
fra gli altri Edmondo De Amicis nel suo Costantinopoli:
Per vedere la popolazione di Costantinopoli bisogna andare sul ponte galleggiante, lungo
circa un quarto di miglio, che si stende dalla punta più avanzata di Galata fino alla riva
opposta del Corno d’oro, in faccia alla grande moschea della sultana Validè. L’una e l’altra
riva sono terra europea; ma si può dire che il ponte unisce l’Europa all’Asia, perchè in
Stambul non v’è d’europeo che la terra, ed hanno colore e carattere asiatico anche i pochi
sobborghi cristiani che le fanno corona. [...] Le notizie degli avvenimenti d’Europa, che
circolano per Galata e per Pera, vive, chiare, minute, commentate, non giungono all’altra
riva che monche e confuse come un eco lontano; la fama degli uomini e delle cose più
grandi dell’Occidente, s’arresta dinanzi a quella poc’acqua, come dinanzi a un baluardo
insuperabile; e su quel ponte dove passano centomila persone al giorno, non passa ogni dieci
anni un’idea. (De Amicis, Costantinopoli 25)
In qualche misura la capitale dell’Impero ottomano conservava in sé la sedimentazione
della capitale orientale dell’Impero romano, Costantinopoli, e poi dell’Impero
bizantino del Medioevo e questa forte presenza europea a Istanbul viene documentata
da De Amicis 87.
Sempre attenta alla descrizione dei rapporti e dei riti all’interno della famiglia e in
particolare fa i coniugi, durante il soggiorno ad Atene Trivulzio coglie l’occasione per
distinguere gli usi tradizionali greci da quelli europei 88:
I coniugi che passeggiano vestiti all’Europea si danno famigliarmente il braccio, discorrono,
camminano uno accanto all’altro. Per contro, il costume nazionale comporta un altro
concetto della dignità dell’uomo, ed esige una più grande umiltà da parte della donna.
L’uomo, in fustanella e fez, precede di due o tre passi la sua compagna; volta di quando
in quando la testa per rivolgerle poche parole, alle quali la povera donna risponde con un
profondo senso di gratitudine. (Trivulzio, Ricordi dell’esilio 93)
Per quanto riguarda il carattere europeo dell’identità nazionale italiana, nel racconto
della sosta a Smirne, Trivulzio la indica esplicitamente come la prima «città turca» da
lei incontrata: la città riserva alla scrittrice la sorpresa della visita di un harem.
Il viaggio della scrittrice non si arresta a Istanbul, in quanto forse per ragioni
economiche, forse per un richiamo del lavoro dei campi, alla cui organizzazione aveva
dedicato tante energie nei suoi possedimenti di Locate, Cristina Trivulzio acquista una
tenuta agricola nell’entroterra dell’Anatolia, a Ciaq-Maq-Oulu, dove si stabilisce e si
occupa della gestione dell’azienda, oltre che dell’educazione della figlia, e scrive le
sue opere di argomento orientale: i sette racconti, di cui parleremo, e il diario del
viaggio a Gerusalemme per la prima comunione della figlia 89.

87 Cristina Giorcelli osserva che lo stesso Fourier aveva definito Costantinopoli «la capitale del
mondo» (Giorcelli 2010, 105).
88 Come abbiamo detto altrove, Trivulzio distingue nettamente fra l’antica Grecia, culla della civiltà
europea, e la Grecia moderna, per molti tratti assimilata all’Oriente.
89 Per le informazioni biografiche su questo periodo si veda Giorcelli 2010, 103-105 e anche il
volume di saggi Fabris 2010.
222 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

6.7.5. L’Europa vista da Oriente


Nei racconti esotici si ritrova in modo più massiccio questa costruzione di
un’identità europea in cui inserire l’identità nazionale italiana, seguendo in primo
luogo tre linee: la presenza, pur discreta, del personaggio della narratrice, che mostra
la distanza fra la propria identità europea e quella orientale che è oggetto della
narrazione; il confronto fra la dinamica famigliare dell’harem e la famiglia europea,
non senza qualche critica alla seconda; l’individuazione di identità ibride e confronti
con la realtà europea.
La presenza del narratore, che si identifica esplicitamente con l’autrice ed entra in
scena, costituisce un elemento costante di presa di distanza e di prospettiva culturale
della narrazione 90:
All’indomani, la casa che serviva d’asilo alle due mogli del Bey, ricevette altre visite, e
Caida che cercava un mezzo per risvegliare nel cuore di Méhémed dei sospetti sulla sua
taciturna compagna, ne trovò facilmente i mezzi. Questi visitatori venivano dall’Occidente,
erano Europei, e fra essi si trovavano tre donne, una fanciulla, sua madre, e la loro
cameriera. Correva voce che una d’esse conosceva la medicina, che dovunque passava, i
gobbi diventavano ritti ed i ciechi riacquistavano la vista. Una delle mogli del Turco si
ricordò di essere da molti anni ammalata e volle consultare la signora: ch’era io stessa.
(Trivulzio, Un principe curdo 31)
L’elemento di mediazione culturale affidato al personaggio narratore è esplicito in
Emina, dove la narratrice entra in scena come personaggio alla fine della storia. La
protagonista Emina, pur giovanissima, è ormai malata inguaribile e per questo il
marito invita la visitatrice europea a fermarsi, perché possa capire di che malattia si
tratti e guarirla. Trivulzio, come personaggio, è chiamata a partecipare a lunghi
colloqui, che avranno il risultato di far capire al marito che la moglie, malata
inguaribile, ha il solo desiderio di essere amata da lui, di cui è follemente innamorata.
A questo punto è chiaro come la narratrice sia venuta a conoscenza della storia, e viene
usato un «noi» che comprende culturalmente la narratrice e i lettori occidentali, che
vedono come «altra» la vicenda dei Emina, del marito e degli intrighi dell’harem:
La messe era matura, i lavori dei campi erano sospesi per mancanza di operai, perché
correva il mese di ramazan, epoca consacrata al trionfo dell’ozio musulmano. Poco avendo
a fare nella mia valle, decisi di visitare la provincia vicina, e un bel mattino, salii a cavallo e
seguita da una scorta numerosa mi diressi verso il sud-est. Dopo alcuni giorni di cammino,
noi dovevamo arrivare alla città dove Emina altre volte prendeva i suoi bagni. Ma il calore
era stato così soffocante nella giornata, che noi prolungavamo il nostro riposo nel
mezzogiorno così che la notte ci colse nell’aperta campagna. – Cerchiamo dell’acqua e
dell’erba pei nostri cavalli, dissi alla guida, e fermiamoci qui.
- Ancora pochi passi, bessadée, rispose la guida, e noi giungiamo in un villaggio, dove
troveremo quello che ci occorre.
[…] Il padrone della casa mi condusse nel suo harem, dove fui ricevuta da una
bellissima signora, un po’ avanzata in età, e da un reggimento di schiave spoglie, coi piedi e
le gambe nude. (Trivulzio, Emina II, 60-61)

90 Tale tecnica è stata rilevata anche da Cristina Giorcelli secondo cui la voce narrante fa da
denominatore comune fra i racconti, ma più specificamente instaura un rapporto con il lettore
per cui il racconto viene messo in scena (Giorcelli 2010, 112-113; 118).
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 223

Attraverso l’indicazione della città dove Emina si recava per i bagni sappiamo anche
che la narratrice si trova nello stesso spazio d’azione dei suoi personaggi. A questo
punto senza nominarli si identificano indirettamente, ma chiaramente, gli altri due
protagonisti, e cioè Ansha, la moglie rivale di Emina, e Hamid, il marito. La presenza
della narratrice in scena, personaggio accolto con tutti i riguardi e a cui si chiede di
esercitare anche le arti mediche, oltre che la sua autorevolezza, segna tutto il distacco
fra Oriente e Occidente. In effetti la trama del racconto, dal fine intreccio psicologico,
avrà lo sviluppo finale grazie al personaggio Trivulzio, che svolge la funzione
narrativa di aiutante dell’eroe.
Da Edward Said sono state poste le basi per leggere clichés e pregiudizi presenti
nelle opere letterarie europee o occidentali che hanno avuto come oggetto l’Oriente.
Alla luce delle categorie impostate da Said, potremmo dire che nel confronto fra
Occidente e Oriente, inevitabilmente il secondo risulta inferiore 91. Tuttavia nei
racconti di Trivulzio ciò non funziona sulla base di stereotipi, quanto piuttosto
attraverso un dialogo polifonico, che decreta quasi sempre la superiorità della cultura
occidentale e in particolare della religione cattolica, ma intende anche presentare la
profondità delle posizioni dei personaggi che si incontrano.
Nella prima parte del racconto Emina si narra l’infanzia della protagonista,
giovane pastorella orfana di madre e già sfruttata dal padre. Nel testo abbiamo una
sorta di romanzo di formazione, in quanto la pastorella Emina, pascolando le pecore da
sola sulla montagna, elabora una sua filosofia spontanea dell’universo, che cerca di
mettere in relazione con quel poco che sa della religione musulmana, e diventa anche
esperta dell’uso delle erbe fino ad elaborare una vera e propria medicina naturale
(Trivulzio, Emina I, 110-116). La bambina viene presentata qui non con gli stereotipi
di una cultura ritenuta inferiore, in quanto al contrario se ne mostra tutta la ricchezza
spirituale, e viene messa in relazione con la personalità più semplice dell’amico
pastore Saed, che reagisce con una venerazione quasi sacrale per la ragazzina, ma che
non riesce a raggiungere la stessa profondità speculativa. Quindi il pubblico francese,
cui Cristina Trivulzio destinava questi racconti, veniva invitato a riflettere su questa
differenza di genere, piuttosto che sulla differenza culturale.
La questione della differenza di genere viene in primo piano nell’episodio
dell’assalto del lupo. I due pastorelli si accorgono di un lupo che sta per assalire le loro
pecore, mentre Saed scappa e vorrebbe che anche Emina si mettesse in salvo, la
ragazzina mette in fuga il lupo gridando e agitando il suo bastone. Quando ritrova il
suo amichetto che era scappato, questi si giustifica per non averla soccorsa, ma Emina
gli fa notare esplicitamente che lui ha avuto paura:

91 «Essere europei o nordamericani non è in alcun modo un dato inerte, privo di conseguenze,
neppure per un cultore delle scienze umane; significa sapere, più o meno consapevolmente, di
appartenere a paesi con specifici interessi in Oriente, e il cui coinvolgimento con l’Oriente, nel
caso dell’Europa, risale addirittura al tempo di Omero» (Said 2001, 20-21). Nei racconti
orientali e nel diario del pellegrinaggio a Gerusalemme di Cristina Trivulzio, trova conferma
un’altra affermazione di Edward Said, secondo cui: «La maggiore libertà di movimento spettò
comunque sempre all’Occidente; grazie alla sua superiore forza culturale, esso poté indagare ’il
grande mistero asiatico’, come Disraeli lo definí una volta, e dargli forma e significato» (Said
2001, 50).
224 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

– Perdonami, Emina, soggiunse appena ebbe ricuperata la voce: ma che cosa poteva io
contro quel lupo? ci avrebbe divorati entrambi... ecco il bel vantaggio!
– No, Saed, continuò Emina, con aria grave e severa, non è questo che devi dire; non è
quest’idea che ti ha trattenuto, altrimenti non potrei più amarti: la verità è che tu, hai avuto
paura. Ebbene? avvicinati e ti dirò una cosa che in avvenire t’infonderà un po’ di coraggio.
(Trivulzio, Emina I, 124)
In questa sorta di stato naturale, Cristina Trivulzio mette in scena quello che secondo
lei dovrebbe essere il giusto rapporto fra uomo e donna, un rapporto in cui possano
contare le effettive capacità intellettuali e non le strutture e i rapporti imposti dalla
società. Nel momento in cui i personaggi riescono ad essere svincolati dagli obblighi
della società si delinea il tipo di comunità che potrebbe fare da modello anche alla
società europea. Allorché i vincoli, le leggi e le consuetudini imposte dalla società
turca diventano attivi, si entra allora nell’ambiente dell’harem, da cui Trivulzio prende
le distanze contrapponendolo alla struttura più libera, seppur ancora piena di
ingiustizie, della famiglia nella cultura europea.
Il luogo in cui si svolge prevalentemente l’azione narrativa di tutti i racconti
orientali è l’harem, la cui esistenza stessa segna una demarcazione netta fra Oriente
musulmano e Occidente cristiano. Questa distanza si manifesta in modo
particolarmente avvincente nel racconto Un principe curdo, dove al centro della
vicenda c’è il protagonista, il cui nome è Mehemed-Bey, insieme alla quinta moglie
Abibè, mentre l’eroina cattiva è la terza moglie del principe, Caida. La tranquillità del
castello dove vive il principe, con l’harem gerarchicamente strutturato e le cinque
mogli di cinque etnie diverse viene meno per una vicenda di tradimenti che partono
dalla moglie circassa del protagonista, Caida (Trivulzio, Un principe curdo 5-12).
Abibè, che ha intuito le colpe di Caida, ottiene di trovare rifugio insieme a questa,
per poterla controllare, e riesce anche a salvare la vita del marito in più occasioni, fino
all’arresto e alla successiva fuga in una grotta sicura, dove però Abibè si ammala. Il
marito, innamorato di lei, si sacrifica ed esce allo scoperto per farla curare, sapendo di
rischiare l’arresto, che immancabilmente arriva per tradimento. In seguito la coppia
vive una sorta di prigione dorata in un palazzo di Costantinopoli (Trivulzio, Un
principe curdo 91-100).
In quest’ultima parte del racconto, che si svolge nella Costantinopoli capitale
ottomana, c’è la massima contrapposizione culturale fra Occidente e Oriente, in quanto
Trivulzio ci mostra la contorta politica ottomana, in cui alla fine il principe curdo
perde la vita perché avvelenato, pur avendo il sostegno del sultano e pur essendo
trattato come ospite di riguardo. Parallelamente si manifesta la vera identità di Abibè,
che in realtà è figlia di diplomatici danesi, rapita da una banda di zingari, installati
nelle terre dei suoi genitori. Nel personaggio di Abibé si costruisce il tentativo
drammatico di trovare una conciliazione fra identità europea e identità orientale.
Abibè, cristiana, sente come contrario alla propria religione il fatto di aver vissuto
come moglie del principe curdo, sposato secondo un rito di matrimonio musulmano
che non ha valore per la religione cristiana, e per di più poligamo. La soluzione
sarebbe scappare e farsi consegnare alla propria famiglia, la cui autorità è rispettata da
tutti, ma la ragazza, innamorata del marito, sceglie di rimanere con lui e non
abbandonarlo, sperando di salvargli la vita.
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 225

Uno stereotipo dell’orientalismo, evidenziato da Edward Said (Said 2001, 56), è il


livellamento delle differenze culturali, in quanto il diverso, l’esotico, lo si identifica in
quanto tale, senza analizzarne eventuali identità multiple o differenze. Al contrario,
tale attenzione alle differenze culturali si manifestava già nei Ricordi dell’esilio, e
genera minuziose distinzioni culturali all’interno di Asie Mineure et Syrie. Souvenirs
de voyages, il diario del viaggio a Gerusalemme, dove l’autrice non manca di
osservare le tracce della cultura europea che sono pervenute nei luoghi più isolati da
lei attraversati, talora con equivoci e travestimenti:
Notre hôte de Kircheir nous présenta un de ces amis qu’il avait institué maître des
cérémonies pour l’occasion. C’était un Arabe d’Alger, qui se considérait comme Français et
se disait au courant de nos usages. Le fait est qu’il avait complètement dépouillé la réserve
et la gravité orientale, et que ses compatriotes d’Asie le prenaient pour un modèle des
bonnes manières d’Europe. Il entra en riant aux éclats, se frottant les mains branlant la tête
et se trémoussant de toutes ses forces. «Je suis Français, disait-il en arabe; Madame
(s’adressant à ma fille), Mademoiselle (s’adressant à moi), je suis Français (toujours en
arabe) et votre serviteur. Voulez-vous de l’eau-de-vie? – et il tira une bouteille de dessous
son bras, – commandez, disposez de moi et de tout ce qui m’appartient». Et il continua sur
ce ton, portant souvent la bouteille à sa bouche, faisant claquer sa langue à chaque fois qu’il
l’en retirait, se renversant sur le divan, levant ses jambes au-dessous de sa tête, exécutant
toutes les folies naturelles à un homme ivre qui se croit tout permis, sous le prétexte qu’il est
Français parmi les Turcs. (Trivulzio, Asie Mineure et Syrie 50-51) 92
Trivulzio sa individuare qui gli stereotipi sull’europeo assumendo il punto di vista dei
Turchi. Per il suo anfitrione, l’amico algerino, quindi proveniente da una colonia
francese, che parla arabo è un francese che parla francese. Allora l’amico, per
interpretare la parte, dato che gli occidentali rispetto ai musulmani sono quelli che
bevono alcolici, si presenta totalmente ubriaco. Probabilmente anche il modo di sedere
con le gambe in alto è una caricatura del fatto che gli europei non siedono a terra sui
tappeti.

6.7.6. Europa e identità migrante


Il rapporto fra appartenenza identitaria italiana ed europea di Cristina Trivulzio è
scandito dai suoi due esili, il primo orientato su Parigi, considerata capitale europea, il
secondo sulla frontiera fa Asia ed Europa, da Malta ad Atene a Costantinopoli. Questo

92 [Il nostro ospite di Kircheir ci presentò uno di questi amici che aveva istituito come cerimoniere per
l’occasione. Era un Arabo di Algeri, che si considerava come Francese e si diceva al corrente
dei nostri usi. Di fatto aveva del tutto deposto la riserva e la gravità orientale e i suoi compatrioti
dell’Asia lo prendevano per un modello delle buone maniere europee. Entrò ridendo
sguaiatamente, fregandosi le mani, oscillando la testa e scuotendosi con tutta la forza. «Sono
Francese, diceva in arabo; Signora (rivolgendosi a mia figlia), Signorina (rivolgendosi a me),
Sono Francese (sempre in arabo) e vostro servo. Volete dell’acquavite? – e tirò fuori una
bottiglia da sotto il braccio, – comandate, disponete di me e di tutto ciò che mi appartiene». E
continuò con questo tono, portandosi spesso la bottiglia alla bocca, facendo schioccare la lingua
ogni volta che la ritirava, rovesciandosi sul divano, alzando le gambe sopra la testa, eseguendo
tutte le follie naturali per un uomo ubriaco, che crede che tutto gli sia permesso, con il pretesto
che lui è un Francese fra i Turchi] (Traduzione di chi scrive).
226 6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio

duplice itinerario di esilio le ha consentito la percezione lucida di un’identità culturale


europea, pur ibrida e composita, dove promuovere l’accoglienza dell’identità italiana,
e al tempo stesso dove operare per far uscire la cultura italiana da frontiere nazionali
anguste e chiuse. In fuga da Roma a Malta, non potendo rientrare né in Italia né in
Francia, trova limitate le possibilità di vivere nella piccola isola, e su questo offre
anche una sua teoria del rapporto fra migrazione e radicamento, legati a fasi diverse
della vita:
Aussi longtemps que dure la jeunesse, notre vie est comme ces plantes qui tirent la
nourriture de l’air et ne sont attachées à rien; on peut alors se transplanter. Plus tard nous
prenons des racines, et c’est par nos racines que nous nous substenons. Alors l’exil devient
mortel. Je n’en suis poit là encore. Je n’ai pas d’habitude; mes sentiments ne sont pas encore
attachés au sol. L’air, l’élément spirituel et subtil de la pensée, me suffit. Combien de temps
encore serais-je ainsi? C’est ce que j’ignore. Mais pour choisir une résidence définitive sur
un sol fécond, au milieu d’un paysage riant, (hélas! encore un souvenir de ma patrie!) je
n’attendrai pas que l’heure de la défaillance soit venue, et que la force d’aller chercher me
fasse défault. Auparavant, je veux voyager. Que diriez-vous si j’allais à Constantinople?
L’entrée n’est pas défendue par aucun dragon politique...
[Per tutto il tempo della nostra gioventù, la nostra vita è come quella delle piante che
traggono il nutrimento dall’aria e non sono legate a niente; ci si può dunque trapiantare. In
seguito mettiamo radici, ed è per mezzo delle nostre radici che troviamo sostentamento.
Allora l’esilio diviene mortale. Non sono ancora a questo punto. Non ho abitudini, i miei
sentimenti non sono ancora radicati al suolo. L’aria, l’elemento spirituale e sottile del
pensiero, mi basta. Per quanto tempo ancora sarò così? Lo ignoro. Ma per scegliere una
residenza definitiva su una terra fertile, in mezzo a un paesaggio ridente (ahimè! ancora un
ricordo della mia patria!) non aspetterò che sia arrivata l’ora del cedimento, e che mi faccia
difetto la forza di andare in giro. Prima voglio viaggiare. Che ne direste se andassi a
Costantinopoli? L’ingresso non è difeso da alcun cerbero politico...] (Trivulzio, Ricordi
nell’esilio 62-65)
Questa definizione della condizione del migrante e dell’esiliato è particolarmente
efficace, in quanto gli attribuisce una vera e propria identità culturale specifica, e si
trova concretizzata nella critica contemporanea che ha coniato l’immagine della
«mangrovia», della pianta con le radici aeree, per rappresentare tale profilo identitario
(Glissant 1989, 25).
Dopo essersi collocata in questa posizione culturale, Cristina Trivulzio enuncia il
proposito di spostarsi a Costantinopoli, vista come porto franco per chi come lei non
solo non ha cittadinanza (non esistendo ancora l’Italia), ma si trova negata ogni altra
possibile cittadinanza. In una prima fase della sua vita, ha scelto di andare verso il
centro della cultura europea, a Parigi, per avere il «teatro europeo» più ampio possibile
dove promuovere, con i mezzi della stampa e con una rete di intellettuali, la sua
costruzione identitaria nazionale, per far ammettere l’idea di «Italia» nella famiglia
delle nazioni europee. Con il secondo esilio, bandita anche dalla Francia, ha scelto la
direzione opposta, andando verso Costantinopoli, alle frontiere dell’Europa e
dell’Occidente. Nelle opere letterarie prodotte durante questo secondo esilio manifesta
6. Definizione interculturale dell'identità italiana nell'opera di Cristina Trivulzio 227

la propria piena appartenenza europea e la necessità di aderire a un’identità culturale di


livello europeo, che difende come patrimonio di progresso culturale e sociale 93.
All’esperienza e all’elaborazione culturale di Cristina Trivulzio si contrappone
quella di segno totalmente opposto di Giuseppe Gioachino Belli, poeta in italiano e in
dialetto romanesco, che soprattutto nella poesia dialettale ha dato voce alle resistenze
che a livello di cultura locale si contrappongono al riconoscimento di un’identità
nazionale. Applicheremo il nostro metodo d’indagine anche alle sue opere.
Analizzeremo come interagiscono le sue aspirazioni a far parte della repubblica
letteraria italiana, con l’orientamento localistico e profondamente radicato che
esprimono i personaggi da lui messi in scena. Cercheremo anche le eventuali
coordinate di riferimento alla cultura europea presenti nella sua opera.

93 Considerazioni simili sul valore creativo dell’esilio vengono condotte anche da Niccolò
Tommaseo, come osserva Mariasilvia Tatti: «Nel componimento che Tommaseo scrive in
Corsica, prima di tornare in Italia, l’esilio è confermato occasione di crescita intellettuale e
morale: ʿla terra d’esilio avrà gran parte / de’ miei pensier; che nell’esilio crebbe / l’anima
pellegrina: e sa d’amaro, / ma nutre forte il pan della sventura» (Tatti 2011a, 187).
7. Giuseppe Gioachino Belli: la «plebe» di Roma di
fronte all’Italia e all’Europa

7.1.Premessa
La nostra indagine ha mostrato, riguardo agli autori esaminati, attivi in parte durante il
periodo napoleonico, in parte durante la Restaurazione e il processo di costruzione
dello Stato nazionale italiano, come hanno contribuito a costruire l’idea d’identità
nazionale, attraverso la loro produzione letteraria o la loro opera di critica e
promozione letteraria e culturale. Per Foscolo, data la sua originaria identità di esule
dalla cultura greca, le caratteristiche pluralistiche e locali dell’identità italiana sono
risultate del tutto secondarie e irrilevanti. Cuoco, ma soprattutto Mazzini e Trivulzio,
hanno analizzato lucidamente l’esistenza di tante identità e particolarità locali,
considerandole un male storico da curare nella costruzione dell’identità italiana. Con il
poeta Giuseppe Gioachino Belli (1791-1863) siamo di fronte a un autore che
testimonia e rappresenta nella sua opera la resistenza della realtà culturale e linguistica
locale al riconoscimento dell’identità nazionale. Si tratta di un aspetto a lungo rimosso
per promuovere un’immagine unitaria e retoricamente elevata dell’identità nazionale
italiana, che però ci sembra indispensabile scandagliare per avere un quadro completo
delle mappe interculturali che stiamo tracciando 1.

7.2. Coordinate della vita e dell’opera di Belli


Belli ha percorso nella sua produzione poetica due linee distinte: la poesia in lingua
italiana, pubblicata a più riprese 2, onorata anche dal riconoscimento ufficiale da parte
del papa (Teodonio 2005, XXXI); il «libro» dei Sonetti romaneschi, la cui
composizione si concentra in particolare fra il 1831 e il 1837 3, diffusi in declamazioni

1 Il poeta Andrea Zanzotto arriva provocatoriamente a proporre Belli in una triade di classici con
Leopardi e Manzoni, in quanto «dà il vero del nostro paese anche nei più nascosti, nei più
imprevisti risvolti, secondo una catena di ripercussioni. [...] Questa epopea egli la scrive in
dialetto, nel più pecioso dei dialetti: sommo intruglio-monumento di multiforme, bollente e
cascante lordura» (Zanzotto 1991, 136).
2 Per i versi in lingua italiana facciamo riferimento all’edizione di Roberto Vighi (Belli, Poesie
italiane). A proposito dell’atteggiamento di Belli per la pubblicazione delle sue poesie in
italiano, Roberto Vighi, che ne ha curato l’edizione integrale, osserva: «Alla difficoltà di una
valutazione globale dell’opera belliana contribuì certamente, anzitutto, il fatto che Belli stesso
lasciò inedita una grandissima parte delle sue opere italiane: su oltre milleduecento
componimenti, meno di trecento furono da lui licenziati per le stampe; altri 166 furono
pubblicati subito dopo la sua morte; quasi due terzi rimasero inediti. [...] Eccezion fatta per i
pochi componimenti stampati singolarmente, le raccolte di versi, anche se da lui approvate,
furono sempre fatte da altri» (Vighi 1975, VIII).
3 Per quest’opera facciamo riferimento all’edizione completa curata da Marcello Teodonio (Belli,
Sonetti).
230 7. Giuseppe Gioachino Belli: la «plebe di Roma» di fronte al'Italia e all'Europa

in circoli ristretti e quasi tutti rimasti inediti 4, anche se alcuni sonetti hanno circolato
per via orale, o sono stati pubblicati clandestinamente da altri 5. Belli ha lasciato inoltre
uno Zibaldone, in undici volumi manoscritti, strutturato come una raccolta di 4525
«articoli» relativi agli anni 1824-1832, una specie di diario culturale e bibliografico
non pubblicato a stampa e destinato all’educazione del figlio Ciro 6. Una destinazione
famigliare avevano anche i diari di viaggio (Journal du voyage) degli anni 1827, 1828,
1829, anch’essi lasciati inediti, in francese e in parte in italiano, che contengono il
resoconto dei suoi viaggi per la moglie, compresa la nota delle spese e degli acquisti
(Belli, Journal du voyage). Nel momento in cui Belli si accinge a scrivere il suo diario
di viaggio, dato che per lui viaggiare e conoscere la Milano napoleonica era già un
passo avanti per affacciarsi in Europa, sceglie di adottare la lingua francese, che gli
pare più consona ad un genere internazionale come la letteratura di viaggio. Questa
duplice adesione di Belli, poeta dialettale, alla cultura italiana e alla cultura europea ci
sembra ben sintetizzata in questo appunto di viaggio, alla vista della famosa corona
ferrea di Monza:
À six heures nous étions déjà à Monza [...], où se conserve dans la cathédrale [...] la fameuse
couronne de fer avec laquelle on couronnait jadis les anciens rois d’Italie, et qui servit
dernièrement à la même cérémonie lorsque Napoléon au titre d’empereur des Français
voulut l’autre aussi flatteur de monarque de cette belle contrée. (Belli, Journal du voyage
35) 7
Dal punto di vista geografico e culturale, i sonetti in dialetto sono tutti ambientati nella
Roma papalina, ufficialmente capitale di un potere spirituale e culturale europeo, se
non mondiale, in realtà città provinciale, arretrata e oppressa da un regime che è alla
fine del suo potere più che millenario. Questa è la scena geografica in cui i suoi
personaggi agiscono, oppure prendono la parola per raccontare e commentare quello
che accade in Italia e nel mondo 8. Le sue poesie in lingua italiana invece rappresentano

4 Si ricordi che Belli organizzò di fronte ai famigliari un rogo solenne, ma falso, delle proprie opere,
in quanto non si trattava degli originali; questi li lasciò infine in eredità al figlio con l’ordine di
distruggerli, mentre in vita ne aveva pubblicato 1 su 2279 (Teodonio 2005, XV; XXX). Per la
valenza retorica di questo gesto si pensi al modello di Virgilio, che aveva ordinato ai procuratori
testamentari, gli amici Vario Rufo e Plozio Tucca, di bruciare il proprio poema rimasto
incompiuto (Moormann-Uitterhoeve 2004, 742).
5 Il caso più clamoroso della diffusione della fama di Belli in Europa è costituito dai giudizi espressi
da Charles Augustin de Sainte Beuve e da Nicola Gogol’. Il secondo aveva personalmente
assistito alla lettura di alcuni sonetti romaneschi fatta da Belli stesso, il primo parla di Belli in
termini entusiastici dopo averne sentito notizia dallo scrittore russo che viaggiava sulla stessa
nave da Roma a Marsiglia, nel 1839 (Gibellini 1983, 19-21).
6 Nel nostro studio facciamo riferimento all’edizione parziale a cura di Giovanni Orioli (Belli,
Zibaldone).
7 [Alle sei eravamo a Monza (...), dove si conserva nella cattedrale (...) la famosa corona ferrea con la
quale si coronavano un tempo gli antichi re d’Italia, e che è servita ultimamente per la stessa
cerimonia quando Napoleone al titolo di imperatore dei Francesi ha voluto aggiungere l’altro
altrettanto onorevole di monarca di questa bella contrada.] (Traduzione di chi scrive)
8 I vari livelli dellʾenunciazione, in un gioco caleidoscopico per cui si riferiscono parole di un locutore
che a sua volta riporta le parole di altri, vengono analizzati da Giulio Ferroni, secondo cui
«Lʾintero corpus dei Sonetti belliani può essere inscritto sotto il segno della citazione» (Ferroni
1981, 21). Inoltre, sul tema del «locutore» nei sonetti di Belli, si veda Quondam 1981.
7. Giuseppe Gioachino Belli: la «plebe di Roma» di fronte al'Italia e all'Europa 231

una realtà accademica e ufficiale che nelle poesie dialettali si mostra come
inconsistente e falsa, ma in realtà anche queste mostrano le crepe e i segnali di crisi.
Dal punto di vista temporale l’esperienza diretta di Belli comprende i fatti che vanno
dalla Roma giacobina del 1798 alla Repubblica mazziniana del 1849, passando per
l’Impero napoleonico e la Restaurazione e i primi tentativi liberali del Risorgimento.
Belli arriva a vedere il compimento dell’unificazione italiana, ma dopo la parentesi
rivoluzionaria mazziniana non aggiunge al suo «libro» altri sonetti in dialetto.
La produzione letteraria dialettale, che costituisce la sua elaborazione più
complessa e impegnativa, mostra il contributo che all’identità italiana può venire dalla
cultura locale, in che misura l’identità locale si pone in alternativa all’identità
nazionale. Belli, lettore di Foscolo e di Manzoni, oltre che assiduo frequentatore del
poema di Dante, rivolge la sua attenzione alla letteratura italiana, e cerca anche di
accreditarsi all’interno di questo sistema, tramite la partecipazione alle accademie
letterarie romane e la pubblicazione di rime italiane appartenenti a generi diversi, dalla
poesia didascalica alla lirica d’amore 9. La spinta identitaria letteraria e culturale si
esprime nei Sonetti romaneschi con la rappresentazione dei tentativi di superare la
frontiera locale, soprattutto linguistica, con la frustrazione rappresentata nelle
formazioni ibride date dall’ipercorrettismo e dalla reinterpretazione popolare. Nella
costruzione plurimillenaria dell’«idea» di Italia, Francesco Bruni ha individuato il peso
dell’operazione culturale augustea, e in primo luogo del poema di Virgilio. Secondo
Bruni, nel mito letterario di costruzione dell’identità romana, italica e imperiale,
Virgilio assegna un ruolo specifico alla figura dello sconfitto re dei Rutuli Turno. La
sua guerra rappresenta la resistenza dell’elemento locale al processo di costruzione di
una nuova identità romana, destinata a diventare universale, ma che sarà in primo
luogo italiana. La sua sconfitta sarà necessaria per la creazione della cultura romana,
ma comunque gli sconfitti lasceranno il segno, ad esempio nel nome «Latini» che i
vincitori erediteranno (Bruni 2010, 61-62). Nel processo culturale del Risorgimento
italiano, si presenta una dinamica fra culture locali e cultura nazionale, in cui
potremmo assegnare ai personaggi dialettali di Belli un ruolo simile a quello di Turno:
la sua espressione di uno specifico «romanesco» locale è importante in quanto
testimonia una voce della composita cultura italiana altrimenti messa a tacere. In più la
sua poesia consente di traghettare la cultura locale all’interno dell’identità italiana,
basti pensare all’eredità dei sonetti belliani nella linea letteraria che comprende autori
centrali della letteratura italiana come Porta, Gadda, Pasolini 10.

9 A proposito della gerarchia dei generi letterari e della collocazione della letteratura dialettale
all’interno del canone, Luca Serianni osserva: «Dico subito che, almeno per la romanesca,
ritengo appropriata la qualifica di [letteratura] ʿminoreʾ; purché, tuttavia, non la s’intenda in
riferimento a una scala di valori artistici (è pur sempre la letteratura che annovera Belli), ma alla
capacità di pervadere vari generi letterari, dando vita a temi ed espressioni originali – non solo
tributari o competitivi – rispetto alla letteratura nazionale» (Serianni 1996, 233-234); a sostegno
di questa considerazione Serianni cita le argomentazioni offerte da Belli stesso nella sua
Introduzione ai sonetti dialettali (Serianni 1996, 238).
10 Gianfranco Contini, a proposito della Cognizione del dolore di Gadda, scrive nel 1963: «Ciò non è
dunque senza rapporto col fatto elementare che l’italiana è sostanzialmente l’unica grande
letteratura nazionale la cui produzione dialettale faccia visceralmente, inscindibilmente corpo
col restante patrimonio. Svincolata dalla soggezione accademica fiorentina [...], ma anche esente
232 7. Giuseppe Gioachino Belli: la «plebe di Roma» di fronte al'Italia e all'Europa

Nella costruzione dell’identità di appartenenza, la letteratura, e in particolare la


poesia, occupa secondo Belli una posizione centrale 11. Tanto che sia nello Zibaldone
che nel Journal du voyage appare forte il desiderio di viaggiare nello spazio italiano e
di conoscere e assimilare la produzione letteraria italiana, attribuendo un valore
specifico di metropoli italiana moderna a Milano, che era stata la capitale dell’Italia
napoleonica. Belli aderisce all’Accademia Ellenica, quindi all’Accademia Tiberina e
infine all’Arcadia, che dovevano essere espressione della repubblica letteraria a livello
italiano, se non internazionale. Questa esperienza lo delude e così si rivolge alla poesia
in dialetto, rifugiandosi nell’elaborazione letteraria segreta e inedita. Per sua esplicita
dichiarazione, parafrasando Orazio, Belli concepisce i propri Sonetti romaneschi come
«monumento di quello che è oggi la plebe romana» (Belli, Introduzione 2). Non si
tratta di uno sfogo personale e spontaneo, in quanto Belli comincia a scrivere poesia in
dialetto dopo aver letto il romanzo di Manzoni e le poesie in dialetto milanese di Carlo
Porta (1776-1821), riflettendo su due autori che avevano sentito l’esigenza di produrre
una letteratura che adottasse una «lingua» non solo libresca, ma anche parlata 12.
Accanto