Sei sulla pagina 1di 2

Relazione sistemi 24/03/2020

Obiettivo: Simulare l’erogazione d’acqua in un bicchiere attraverso la logica programmata (PLC-


Sistemi di automazione industriale)
Introduzione teorica: - Programmable Logic Controller PLC
Architettura PLC Vantaggi rispetto ad un
computer tradizionale (PC)
 Armadio. Assicura connessione meccanica,  Schedulazione real-time (esigenze temporali, millisecond).
collegamento elettrico, messa a terra.  Ambiente industriale ostile all’uomo: range di temperatura
 Modulo Processore + Memoria: molto ampio, sporcizia, polvere.
Processore: è possibile utilizzare microprocessori  Presenza di forti campi elettromagnetici, disturbi elettrici(1).
comuni o  Alimentazione soggetta a forti variazioni di tensione o
appositamente orientati alla gestione dei singoli bits. Corrente.
Moduli I/O  Calcolo orientato al bit.
Analogici/Digitali  Linguaggi di programmazione molto "vicini" al
Valori di ON/OFF Digitali: 0-24V (raramente 0-5V TTL). linguaggio macchina.
Isolamento galvanico tramite fotoaccoppiatori o
trasformatori per proteggere il PLC da impulsi di
tensione
Indirizzamento dei moduli I/O basato sulla loro posizione
nell'armadio.
Terminale di Programmazione
Tramite terminali a tastiera (per piccoli programmi)
Programmazione off-line da PC (LADDER) e supervisione
online.

Materiale occorrente:
-Programma per la simulazione del funzionamento di un plc reale (ZEN o I.Trilogy).
-Conoscenza dell’obiettivo da raggiungere.
Schema di montaggio

Schema elettrico
*Per "attuare" quanto è stato determinato dall'elaborazione del programma, alle uscite del PLC sono
collegate tutte quelle apparecchiature atte a realizzare quanto necessario per l’esecuzione del processo
(attuatori), che possono essere, a seconda di come viene realizzato l'automatismo, di tipo
pneumatico, oleodinamico od elettromeccanico od anche misto, come ad es. :
relè, telerruttori, elettrovalvole, lampade di segnalazione, suonerie, cilindri pneumatici od
oleodinamici, valvole elettropneumatiche etc .

Codice:

(ZEN
)
Linguaggio di programmazione=>LADDER .

Conclusione
Con questa prova osserviamo una delle funzionalita base, tra le infinite che puo avere il Plc nell’ambito
industriale/programmabile. Tutto grazie alla grande scala di attuatori collegabili in grado di creare combinazioni
molto utili ed efficaci tra di essi. Nel codice soprastante si percepisce la presenza di un elemento(inrgesso)
chiamato “ f.cellula”; la quale rileva la deposizione del bicchiere da riempire e attiva l’uscita associata
all’erogatore, “liv.sensor”invece attiva un temporizzatore(corrispondente a Q1; spia Led ) e ferma
l’erogazione in caso di assenza di liquido nel deposito. Da sottolineare che bisgona modificare
manualmente nelle impostazioni il modello di PLC che si vuole usare nel programma di simulazione per
evitare mancanza di ingressi o uscite(osservazione).