Sei sulla pagina 1di 2

Prima prova ; tipologia B

24 marzo 2020

1. Pasolini sostiene che la televisione riesca ad omologare


psicologicamente gran parte della popolazione. La televisione propone e
propina uno stile di vita uguale per tutti. Così facendo si vanno ad
abbattere le diversità etnico-culturali.

2. L'autore prende in considerazione le due categorie,sottoproletari e


borghesi,sottolineando le differenze che caratterizzano queste due
categorie. Egli sostiene che l'avvento della televisione è riuscito ad
abbattere i il modo di relazionarsi col prossimo. ambedue hanno subito
dei cambiamenti riguardo al modo di rapportarsi.

3. Pasolini mette in correlazione il fascismo con la


televisione,sottolineando il fine che secondo lui li accomuna.
Naturalmente rimarcando le differenze tangibili che si possono
riscontrare nel modo di agire,nei tempi vissuti. Tra le analogie presenti si
può notare il modo in cui si cerca di divulgare il messaggio cercando di
farlo divenire pensiero comune. I modi apparentemente liberali nella
televisione, che al contrario si avvicinano molto più al principio assolutista
fascista.

4. La rivoluzione delle infrastrutture è dovuta ad un evoluzione


tecnologica. Questo comporta un cambiamento nei vari settori.
Conseguentemente anche la comunicazione subisce un mutamento.

5. L'autore spiega come gli individui appartenenti alle due "fazioni" della
società, abbiano subito un cambiamento a livello psicologico,che li ha
portati a mutare il loro modo di vivere e di fare, paradossalmente a quel
che era "di norma" l'atteggiamento solito. Pasolini fa presente il
comportamento del sottoproletariato, spiega appunto,come prima
manteneva con dignità il proprio "status" di ignoranza e al contempo
valorizzava il proprio ruolo nella società disprezzando il borghese "figlio di
papà" , i media lo cambiano,omologandolo, lo fanno vergognare della
Prima prova ; tipologia B
24 marzo 2020

propria ignoranza, provando addirittura imbarazzo verso il proprio ruolo


nella società. Lo stesso vale per la borghesia, la medesima classe che ha
creato questo sistema. Non vede più il confine che li separa dal
sottoproletariato. Di conseguenza s'imbruttisce,
trascurando,dimenticando i "principi" che fino a quel momento li
distingueva.

Il pensiero di Pier Paolo Pasolini si è concretizzato sempre più negl'anni


avvenire. Le cosiddette classi sociali hanno subito dei filtri ed
apparentemente son state abbattute dall' avvento di una "nuova era" che
ha predisposto l'abbattimento delle diversità nella scala sociale.
Concedendo a chiunque, dentro la farsa del possibile raggiungimento da
parte di chiunque,indiscriminatamente,di poter conseguire l'obiettivo
desiderato. Un modo per favorire le grandi industrie ed indurre al
consumo sfrenato l'intera popolazione, senza alcuna distinzione. Senza
filtri,emergono le differenze storiche che, ancora oggi, si possono
cogliere. La comunicazione nel nuovo millennio ha subito dei
cambiamenti radicali con l'arrivo del computer e la nascita di internet.
Questo ha fornito a tutti la possibilità di reperire informazioni,disponibili
per tutti,direttamente dalla fonte. Questo però,non implica in via
esclusiva, l'ottenimento di informazioni veritiere. La veridicità non è
affatto scontata. Oggi il rischio si potrebbe considerare maggiore che in
precedenza. Se prima i messaggi venivano selezionati, vietando l'accesso
ad una determinata fascia di persone, oggi questo meccanismo viene
rotto dalla possibilità di potervi accedere con estrema facilità. Al
contempo diventa difficile analizzare le fonti sapendo da ciò che giusto,e
quel che sbagliato.