Sei sulla pagina 1di 3

ANALISI TECNICHE AZIONI

Unicredit: la struttura tecnica rimane precaria


Nella seduta di venerdì Unicredit ha tentato un recupero ma è stata respinta da
quota 7,05-7,06 euro. La situazione tecnica rimane quindi precaria: prima di
poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà pertanto necessaria
un’adeguata fase riaccumulativa. Da un punto di vista grafico, infatti, soltanto il
ritorno sopra i 7,70 euro potrebbe fornire una prima dimostrazione di forza. Il
cedimento del sostegno posto a 6,50 euro, al contrario, fornirà invece un
pericoloso segnale ribassista, con target teorici a 6,35 prima e in area 6,22-6,20
euro in un secondo momento. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Ferrari: un interessante spunto rialzista


Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica di Ferrari è migliorata. Il titolo
ha infatti compiuto un veloce balzo in avanti e, dopo aver superato anche la
resistenza posta in area 144-145 euro, è salito oltre quota 150. L’analisi
quantitativa evidenzia un rafforzamento della pressione rialzista, con i principali
indicatori direzionali che si trovano in posizione long. Dopo una breve pausa di
consolidamento è possibile un ulteriore allungo con un primo target in area
152,70-153 e un secondo obiettivo a 155 euro. Difficile per adesso ipotizzare
un’inversione ribassista di tendenza: solo una discesa sotto i 135 potrebbe
annullare i recenti progressi e fornire un segnale negativo (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Amazon: il titolo strappa con decisione al rialzo


Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica di Amazon è migliorata. Il
titolo, dopo aver superato la barriera, grafica e psicologica, dei 2.000$ ha infatti
compiuto un veloce balzo in avanti ed è salito oltre i 2.300 dollari. L’analisi
quantitativa evidenzia un rafforzamento della pressione rialzista, con i principali
indicatori direzionali che si trovano in chiara posizione long. Dopo una breve
pausa di consolidamento al di sopra dell’area 2.200-2.180$ è possibile pertanto
un ulteriore allungo con un primo target in area 2.350-2.360 dollari e un secondo
obiettivo a ridosso dei 2.400$. Difficile per adesso ipotizzare un’inversione
ribassista di tendenza. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi
Tre spunti operativi per lunedì 30 marzo
1.

2.

3.

Fca: il titolo prosegue nella sua caduta verticale


Nel corso delle ultime settimane la situazione tecnica di Fca si è deteriorata. I
prezzi hanno infatti subito una violenta ondata ribassista che ha spinto i prezzi
sotto i 6,50 euro. Il trend di breve termine non può che essere negativo, con i
vari indicatori direzionali che si trovano in chiara posizione short. Solo il forte
ipervenduto può impedire un ulteriore cedimento (che avrà un primo target in
area 6,06-6 euro) e favorire una reazione. Un rimbalzo dovrà comunque
affrontare un primo ostacolo attorno a 6,80-6,85 e una seconda barriera a 7,45-
7,50 euro. Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà
pertanto necessaria un’adeguata fase riaccumulativa. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Footsie100: movimento laterale tra i 7.450 e i 7.130 punti


La situazione tecnica dell’indice Footsie100 inglese appare interessante. Da
diverse settimane, infatti, i prezzi si muovono lateralmente tra la resistenza posta
in area 7.425-7.450 e il sostegno posto a quota 7.150-7.130 punti. La rottura di
una di queste due zone darà il via ad un veloce movimento direzionale. Il
cedimento di 7.130 può infatti innescare una rapida flessione verso i 7.000 punti
prima e in area 6.750-6.700 in un secondo momento. Il breakout di 7.450 può
invece innescare un veloce spunto rialzista, con un primo target a 7.550 punti e
un secondo obiettivo in area 7.700-7.720.

Da un punto di vista operativo si può utilizzare un Turbo Short con livello di


KnockOut a quota 8.045, con un prezzo attorno a 8.28 e una leva a 9.
(riproduzione riservata)