Sei sulla pagina 1di 3

Riassunto Introduzione ai media digitali

Il libro si occupa di comprendere le caratteristiche sociali, politiche che hanno apportato i media
digitali che oggi pervadono la nostra vita quotidiana. Possiamo accedere liberamente alle
informazioni in modo semplice e veloce, siamo più propensi alla partecipazione, Collaborazione
democratica. L'informazione processata in maniera digitale È alla base della trasformazione
organizzativa è produttiva dell'economia.

I media digitali viaggiano veloci e possono trasformare codici analogici(sistema binario 0,1) in
digitale e viceversa, queste tecnologie sono composte da hardware e software.

Media digitali sono:

Convergenti: (contenuti audio, video, scritti) su un unico supporto

Ipertestuali: (sistema composto da pagine che il lettore può personalizzare nella sua fruizione non
lineare.

Distribuiti:distribuzione Pc, Accesso alla rete, comunicazione a struttura orizzontale tre utenti

Sociali: social networks

Mobili: sempre con noi

Internet ha una struttura a rete distribuita, È un sistema aperto a Chiara una linea telefonica,
ridondante perché le informazioni viaggiano su percorsi diversi, I linguaggi sono disponibili a
chiunque.

Reti e media digitali

Livello fisico: Computer, server, cavi telefonici, satelliti

Livello logico: Standard e protocolli, I software che gestiscono la rete

Livello contenuti: le informazioni di linguaggio vengono prodotte scambiate in rete

Livello giuridico: leggi internazionali e nazionali che regolano il funzionamento della rete

Tecnologia e società (Studio e legame)

Determinismo tecnologico: sostiene l'idea che la tecnologia orienta e spinge il cambiamento


sociale, il medium è il messaggio cioè il medium utilizzato è già di per sé il messaggio non tiene
conto del rapporto tecnologia è società.

Prospettiva costruzione sociale: le tecnologie dipendono dai processi sociali in cui sono coinvolte
E dipendono dai bisogni e dai valori del gruppo, esse possono ribadire una forma di potere
riconoscendo il ruolo attivo degli utenti.

Coproduzione di tecnologia e società: ovvero i media e la società si influenzano a vicenda.

Società dell’informazione

società in cui vi è più informazione che beni materiali, le tecnologie rendono più flessibili le
strutture sociali e produttive, ciò comporta la speranza di una maggiore democratizzazione, è un
economia basata sulla comunicazione e flessibilità.

Economia dell'informazione

Basata sulla informazione, La competitività, la produttività e redditività dipende dalla capacità di


gestire i contenuti delle informazioni, la ricerca è lo sviluppo sono fondamentali.

L'informazione essendo un bene immateriale è regolato dalla proprietà intellettuale.

Diritto d'autore: tutela la proprietà artistica

Brevetti: tutela le invenzioni industriali

Marchio: contraddistingue un prodotto o un'azienda rendendole riconoscibili al consumatore.

Sfera pubblica

Le trasformazioni della società dell'informazione sono legate al sistema dei media. Gli scontri
politici ed economici della società si basano sul potere di detenere è organizzare le informazioni È
le reti di comunicazione. I media sono prodotti da molti e distribuiti a molti non come prima da
pochi a molti. Il pubblico è attivo nella scelta dei contenuti nella interpretazione e distribuzione
dell'informazione.

La transazione della sfera pubblica in rete È resa possibile con accessibilità accosti quasi nulli, la
struttura non è gerarchica ma orizzontale, chiunque può pubblicare contenuti informativi su i
social. Con i media digitali aumenta il pluralismo dell'informazione, mentre con i mass media
inizialmente l'informazione era prodotta privilegiando un determinato potere politico.

La sfera pubblica nasce con la stampa che permette la diffusione dell'informazione si basa sui
luoghi di ritrovo Dove si critica liberamente e si elaborano temi politici con altri.

Il ruolo del giornalista perde quasi di significato, I giornali prima erano dei GATEKEEPING ovvero
decidevano le notizie che dovevano raggiungere il pubblico, oggi qualunque notizia se di
interesse pubblico può entrare al centro del dibattito.

Le relazioni di potere sono organizzate intorno alle reti, essa può guadagnare maggiore libertà, Ma
anche essere una forma di controllo perché ogni attività diventa tracciabile.

L'attività politica è organizzata in rete, viene analizzato l'elettorato on-line, organizzare i flussi di
informazione. La rete apri la nascita di una nuova cultura civica tramite l'utilizzo delle piattaforme,
attraverso la partecipazione collaborativa, condivisione solidarietà e cause comuni.

Social e media digitali

Permettono di creare un profilo personale pubblico, mantenere contatti e condividere contenuti,


chattare. Il servizio è gratuito per l'utente che fornisce il proprio profilo da vendere a terzi per fini
di marketing.

Siamo insieme ma soli, via è un mondo parallelo, ma sei media sociali e quelli digitali sono messi
insieme diventano fonte di ricchezza. I nativi digitali, ovvero i ragazzi nati nel dal 2000 in poi sono
già ben inseriti in questo mondo, mentre i migranti digitali sono migrati alle nuove tecnologie
imparando nuovi linguaggi. Emerge l'invalidità emerge l'individualismo in rete, l'uomo appartiene a
una moltitudine di reti sociali diverse “l'esperienza sociale dell'uomo è caratterizzata dalla
contemporanea presenza in diverse cerchie” teoria Simmel.

In una comunità sociale il legame tra le persone più stretto mentre nelle reti reti pubbliche
connesse si è transitori sconosciuti. Attraverso i media è facile costruirsi una reputazione, Tramite
la condivisione dei contenuti nasce così la figura dell’influencer o social testimonial che hanno
grande impatto grazie alla capacità comunicativa, Questi ultimi sono cruciali per i brand.

Economia dell'informazione: la creazione di valore si sposta nella fruizione di beni immateriali, Il


brand non è solo un marchio ma uno stile di vita, esso Deve avere la capacità di generare nella
percezione pubblica una differenza tra un prodotto e un altro, associandolo allo stile di vita a
comportamenti E valori che focalizzano l'attenzione è l'affettività dei propri consumatori.

Oggi un prodotto di consumo è un ibrido perché si compone di elementi materiali sia dell'identità
sociale del brand. I manager motivano i prosumer che hanno la responsabilità di creazione
produzione distribuzione dal prodotto.

I media digitali hanno creato nuove figure professionali, Il lavoro impiegatizio si è trasformato in
fluido flessibile e orizzontale.

Teorie e società dell'informazione

Sono i beni immateriali a determinare il successo economico o la possibilità di successo di un


individuo, tramite una rete aperta e senza frontiere. Nel nostro tempo le disuguaglianze sono
legate a Chiara accesso ai flussi di informazione e a chi ne è escluso, la Nuova società è orientata
verso il consumismo e automatizzazione.

Società post industriale

- centralità della produzione immateriale

- ricerca scientifica, sviluppo economico e sociale

- ruolo di potere dalla pianificazione dell'organizzazione

La diffusione di Internet permetterà di diffondere il potere a tutti (tecno liberismo)

Intelligenza collettiva in cui le reti sono distribuite coordinate è valorizzata dalla tecnologia.

Capitalismo cognitivo: basato sullo sfruttamento delle capacità cognitive degli individui.

Il computer è capace di racchiudere in sé diverse funzioni gestite da macchine distinte, l'esigenza


di sviluppare una tecnologia di calcolo ci è data da l'esigenza di un controllo della produzione
industriale È complesse realtà burocratiche e amministrative.

IBM (1924) permette sviluppo di computer con schede perforate che Venne perfezionato durante
la seconda guerra mondiale (Colossus)

Oggi con le nuove tecnologie informatiche, La produzione industriale si organizza in reti globali di
piccole fabbriche connesse tra loro, la produzione è localizzata in paesi con bassi costi salariali
quindi vengono abbattuti i costi di produzione materiale mentre si investe su quelli immateriali
come pubblicità.

Web collaborativo

Nel Web si incontrano prima persone e poi merci e monete via è uno scambio di idee in forma
gratuita tutto ciò, tutto ciò è stato un ingrediente fondamentale.

Economia è informazione in rete

Le economie più avanzate mettono in atto pratiche che riducono limiti imposti dal mercato è
aumentano la libertà, L'economia orientata verso la produzione di informazione è di
manipolazione simbolica (costruzione del significato di un brand) avviene in un ambiente
comunicativo disponibile a buon mercato. L'economia di informazioni in rete sta sostituendo
quella del ‘800 e del ‘900.

Le strategie non commerciali sono sempre più rilevanti per informazioni è culture di beni non
materiali, l'importanza della produzione dell'informazione non commerciale È cresciuta con
Google, queste informazioni sono fornite da soggetti diversi in maniera gratuita.

Progetti cooperativi su larga scala destinati a una produzione orizzontale di informazione e


cultura, la proprietà non è esclusiva ma si va verso la condivisione.

Software open source: software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo,
modificarlo, migliorarlo e distribuirlo con un approccio di programmazione che si basa sulla
condivisione.

Licenza GPL generic public license (1984)

Copyleft: individua un modello alternativo di gestione del diritto d'autore basato su un sistema di
licenze attraverso cui l'autore indica raffa ai fruitori come l'applicazione può essere utilizzata,
modificata è ridistribuita liberamente. Un esempio è il sistema Linux principalmente basato Sulla
condivisione. Questi sono esempi di produzione orizzontale.

Processi suddivisi in tre funzioni

- enunciato: significato iniziale

- rilevanza del significato: ovvero credibilità prima soggettiva e poi qualitativa

- Fase di distribuzione