Sei sulla pagina 1di 16

SEPARATI

PER ESSERE
UNITI..

. .in un mondo migliore!

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI


Cari utenti,
la raccolta differenziata è un impegno di civiltà.

La scelta è tra liberarsi dei rifiuti e basta opurre recuperarli


per liberare nuove risorse.
Separare e riciclare è un’attività che coglie più obiettivi.
Si contengono sprechi e tasse, si salvaguarda l’equilibrio
ambientale del nostro territorio e si migliora il decoro
delle nostre città.

La legge impone ai Comuni un crescente impegno


nel raggiungimento di percentuali sempre più alte di
raccolta differenziata, il 28 febbraio 2004 l’obiettivo del
35% è stato superato e oggi stiamo lavorando per il
prossimo obiettivo stabilito al 41%.
Per cogliere questi risultati occorre che continui
l’impegno di tutti: delle amministrazioni comunali e di
Geofor, che in sinergia, in pochi anni, hanno in molti
casi più che raddoppiato la raccolta differenziata, ma
anche dei cittadini, che stanno sempre più dimostrando
una maturità crescente sui temi ambientali.

Il senso della campagna “SEPARATI PER ESSERE UNITI”


è quello di coinvolgere tutti fornendo un’informazione
semplice ed efficace ed illustrando il profondo significato
che si accompagna ai quei piccoli nostri gesti quotidiani
che sono piccoli gesti di grande valore.

Questo opuscolo, stampato in carta riciclata, è uno


degli strumenti con i quali stiamo contattando migliaia di
persone perché soltanto insieme possiamo raggiungere
e mantenere livelli sempre più efficaci e consapevoli di
rispetto e pulizia dell’ambiente e delle nostre città.

Geofor S.p.A.
un piccolo gesto di grande valore
Carta

Sì: giornali, opuscoli, quaderni, riviste,


fotocopie, scatole di pasta e biscotti, cartone da
imballaggio schiacciato per ridurne il volume.

No: carta assorbente, alimentare, plastificata,


unta, sporca, fazzoletti o tovaglioli di carta usati,
contenitori cartonati del latte o dei succhi di
frutta, sacchi, copertine o fogli in plastica.

COSA DIVENTA

Il cartone torna ad essere cartone.


La carta diventa carta riciclata.
Vetro

un piccolo gesto di grande valore


Sì:bottiglie, barattoli, bicchieri e vasi di vetro,
meglio se sciacquati, di qualsiasi colore.

No: ceramica, buste di plastica, lampadine


e neon, metalli, pirex, porcellana, specchi.

COSA DIVENTA

Il vetro torna vetro.


un piccolo gesto di grande valore
Plastica

Sì: flaconi per detersivi e detergenti,


piccole taniche, bottiglie d’acqua e bibite,
tetrapak (per ridurne il volume, schiacciarle,
far uscire l’aria e serrare il tappo).

No: buste di plastica, piatti e bicchieri


di plastica e/o carta, polistirolo, tubetti di
dentifricio, videocassette, contenitori etichettati
come acidi, colle, insetticidi, mastici,
smalti, soda, solventi, bombolette spray,
penne, giocattoli.

COSA DIVENTA

Dalla plastica si ricavano nuovi oggetti


in plastica, dal tetrapak si ricavano
materiali plastici e cartalatte.
lattine

un piccolo gesto di grande valore


Sì: contenitori di alluminio e per bibite,
barattoli in acciaio per bibite, scatolette e
barattolini metallici per alimenti conservati
(carne, tonno, pelati, legumi, olio), scatolette
di cibo per animali.

No: ferri vecchi, contenitori etichettati


(acidi, colle, insetticidi, mastici, smalti, soda,
solventi, vernici, spray).

COSA DIVENTA

I metalli separa ti tornano metalli.


un piccolo gesto di grande valore
Organico

Sì: scarti alimentari (bucce, fondi di caffè


e tè, gusci, ossi, resti del cibo o della pulitura
del cibo, tovaglioli di carta usati).

No: cibi e liquidi caldi che deteriorano il


sacchetto, lettiera di animali domestici.

COSA DIVENTA

Dall’organico si ricava il fertilizzante


per l’agricoltura.
Ingombranti

un piccolo gesto di grande valore


Gli ingombranti vengono ritirati
a domicilio gratis con prenotazione
al numero verde Geofor:

COSA DIVENTA

Gli oggetti
vengono smontati e i materiali divisi.
un piccolo gesto di grande valore
Abiti usati

Maglieria, coperte, scarpe appaiate


e borse devono essere conferite
negli appositi contenitori.

COSA DIVENTA

Gli abiti usati vengono distribuiti


a persone bisognose o ricilati per produrre
nuovi tessuti.
Batterie

un piccolo gesto di grande valore


auto

Devono essere conferite esclusivamente


ai rivenditori, officine ed elettrauto o presso
le stazioni ecologiche.

COSA DIVENTA

Le batterie delle auto


vengono rigenerate.
un piccolo gesto di grande valore
Scarti di
edilizia

Piastrelle, calcinacci, sanitari ecc., possono


essere conferiti nelle apposite discariche
oppure nelle stazioni ecologiche,
ma solo esclusivamente da cittadini privati
nell’ambito di un piccolo fai-da-te domestico e
non da ditte commerciali o artigianali.
Per maggiori informazioni telefona al:

COSA DIVENTA

Il materiale viene recuperato


per produrre lo stabilizzato, un particolare
tipo di ghiaia in uso in edilizia.
Pile usate,

un piccolo gesto di grande valore


medicinali
scaduti

si:
Devonogiornali,
essereopuscoli,
fotocopie,
conferitiquaderni,
scatole di pasta e
riviste,
esclusivamente
biscotti,
negli appositi contenitori presso farmacie,
cartone
giornalai, da imballaggio
supermercati schiacciato
e rivenditori per
in genere.
La confezione ridurne il volume.
in carta dei medicinali può e

no:
anzi deve essere conferita con la carta.
carta assorbente, alimentare,
plastificata, unta, sporca, fazzoletti o
tovaglioli di carta usati, contenitori cartonati del
latte o dei succhi di frutta, sacchi,
copertine o fogli in plastica.
un piccolo gesto di grande valore
Tutto ciò
che resta
Sono i rifiuti residui
indifferenziati,
chiamati RSU
(Rifiuti Solidi Urbani)

Sì: assorbenti igienici e pannolini, bicchieri di


carta e/o plastica, buste di plastica, cicche di
sigarette, carte assorbenti, metallizzate, plasti-
ficate, unte, sporche, chewing-gum, ceramica,
cotone idrofilo e fazzoletti usati, fotografie,
lampadine, neon, lettiera di animali domestici,
nastro adesivo, porcellana, piatti, pelle, spugne,
polistirolo, videocassette.

No: tutto ciò che è riciclabile, i materiali


ingombranti, i rifiuti pericolosi, gli scarti
dell’edilizia (mattonelle, calcinacci, sanitari).
Percorso di riciclaggio
ORGANICO TRASPORTO AREE DI SELEZIONE
• Sfalci e grandi potature il mezzo durante • Divisione secondo criteri • STOCCAGGIO • COMPOSTAGGIO COMPOST PER
il percorso compatta di qualità per alimentare l’impianto Impianto autorizzato L’AGRICOLTURA
• Cassonetti • Eliminazione degli scarti
il materiale • SCARTO • SMALTIMENTO
• Porta a Porta

CARTA TRASPORTO PIATTAFORMA DI • IL CARTONE


Cartone da imballaggio, il mezzo durante SELEZIONE • CARTONE • CARTIERE AUTO- TORNA CARTONE
giornali ed altri tipi il percorso compatta Separazione delle tipologie • ALTRA CARTA RIZZATE CONAI • LA CARTA TORNA
di carta il materiale ed individuazione degli • SCARTO • SMALTIMENTO
scarti CARTA RICICLATA

MULTIMATERIALE PIATTAFORMA DI • PLASTICA • Impianto CONAI • NUOVI OGGETTI


Per riciclaggio materie plastiche
• Vetro SELEZIONE • LATTINE • Impianto CONAI IN PLASTICA
Per riciclaggio metalli (tessuto, panchine, tubi, flaconi)
TRASPORTO Separazione tipologie, indivi-
• Plastica • VETRO • Impianto CONAI • I METALLI SEPARATI
duazione scarti. I materiali sono Per riciclaggio vetro TORNANO METALLI
• Lattine compattati o frantumati (vetro) • SCARTO • SMALTIMENTO • IL VETRO TORNA VETRO

INGOMBRANTI PIATTAFORMA DI • LEGNO • Impianto CONAI • PANNELLI IN


Per riciclaggio legno
Recupero a domicilio SELEZIONE • METALLO • Impianto CONAI TRUCIOLARE
o presso la stazione TRASPORTO Per riciclaggio metalli • I METALLI SEPARATI
Gli oggetti vengono smontati ed • VETRO
ecologica i materiali divisi. Vengono • Impianto CONAI TORNANO METALLI
Per riciclaggio vetro
individuati gli scarti • SCARTO • IL VETRO TORNA VETRO
• SMALTIMENTO
Raccolta
differenziata
Raccogliere i rifiuti in forma differenziata significa dividerli a seconda del materiale di cui
sono costituiti. La prima fase di separazione spetta ai cittadini, i quali, con semplici gesti
quotidiani, contribuiscono a garantire l’efficacia del processo. Geofor, in collaborazione
con le Amministrazioni Comunali, mette a disposizione dei cittadini diversi modi di
raccolta dei rifiuti differenziati:
• porta a porta
• cassonetti stradali
• stazioni ecologiche.
Col “porta a porta” la raccolta avviene mediante la selezione in casa dei materiali
riciclabili, all’interno di sacchi di colore diverso a seconda del tipo di rifiuto: carta,
organico, indifferenziato e multimateriale (vetro, plastica e lattine). Seguendo un
calendario prestabilito, i diversi sacchi sono raccolti in strada, di fronte al portone delle
abitazioni.
Talvolta il sistema “porta a porta” non è integrale ma combinato con l’uso di alcuni
cassonetti (per esempio conferimento alla campana multimateriale più “porta a porta”
per il resto dei rifiuti).
Con i “cassonetti stradali” la raccolta avviene ancora mediante selezione in casa dei
materiali riciclabili, ma è cura dei cittadini portarli all’interno dei cassonetti colorati:
bianco per la carta; azzurro per vetro, plastica e lattine (multimateriale); marrone per
i rifiuti organici. I cassonetti di diverso tipo possono trovarsi uno accanto all’altro e
formare una “isola ecologica”.
Alla stazione ecologica, utilizzabile solo dai privati cittadini del comune di residenza,
si possono portare tutti i tipi di rifiuti raccolti in forma differenziata, anche quelli per
i quali non esistono contenitori stradali, come olio minerale, batterie delle auto, neon,
contenitori di sostanze tossiche o infiammabili, grandi sfalci di potatura e tutti i rifiuti
ingombranti.
Per informazioni e segnalazioni: