Sei sulla pagina 1di 49

www.finder.

it

FILIALI FINDER
Produttore di relè e temporizzatori dal 1954

Applicazioni 2011

AGENTI FINDER

ZGUITITFPXX - III/11 - 02 - CDM - Printed in Italy

FINDER si riserva il diritto di apportare modifiche ai suoi prodotti in qualsiasi momento e senza preavviso.
FINDER declina ogni responsabilità per i danni a cose o persone derivati da un uso errato o improprio dei suoi prodotti.
Sommario


E10 Comando impianto di illuminazione con spegnimento manuale oppure automatico ___ pag. 2


E11 Comando impianto di illuminazione con spegnimento automatico ________________________________________ pag. 4


E12 Comando impianto di illuminazione con accensione e spegnimento automatici ____________ pag. 6


E13 Comando impianto di illuminazione con spegnimento centralizzato ____________________________________ pag. 8


E14 Comando corpo illuminante con accensione e spegnimento automatici ____________________________ pag. 10


E15 Comando impianto di illuminazione con pulsante a bassissima tensione __________________________ pag. 12


E16 Comando sequenziale di circuiti di illuminazione __________________________________________________________________________ pag. 14


E17 Comando tapparella motorizzata con pulsanti a doppia funzione _______________________________________ pag. 16


E18 Comando indicatore luminoso temporizzato ed intermittente ________________________________________________ pag. 18


E19 Comando in alternanza per motori trifase _______________________________________________________________________________________ pag. 20


E20 Comando sequenziale A-B-C a singolo pulsante ___________________________________________________________________________ pag. 22


E21 Regolatore di luminosità a gradini ________________________________________________________________________________________________________ pag. 24


E22 Comando di giochi d’acqua con illuminazione notturna __________________________________________________________ pag. 26


E23 Comando di un impianto di irrigazione multizona _______________________________________________________________________ pag. 28


E24 Comando crono-crepuscolare __________________________________________________________________________________________________________________ pag. 30


E25 Gestione centrale termica ___________________________________________________________________________________________________________________________ pag. 32


E26 Gestione di diversi punti di illuminazione attraverso pulsanti o controllo remoto ___________ pag. 34


E27 Comando di illuminazione con interruttore orario e crepuscolare __________________________________________ pag. 36


E28 Comando di illuminazione utilizzando un sensore di movimento ___________________________________________ pag. 38


E29 Comando di illuminazione dimmerata con pulsante o controllo remoto _____________________________ pag. 40


E30 Comando tapparella motorizzata con pulsanti o controllo remoto ________________________________________ pag. 42


E31 Gestione dell’illuminazione utilizzando un sensore di movimento
ed un temporizzatore ________________________________________________________________________________________________________________________________________ pag. 44


E32 Comando per l’azionamento manuale o automatica di una pompa idraulica
utilizzando un relè di controllo livello ____________________________________________________________________________________________________ pag. 46

1
E10

Comando impianto di illuminazione con spegnimento manuale


oppure automatico.

Esempi di applicazioni:
- illuminazione di un’autorimessa
- illuminazione di un corridoio

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


I corpi illuminanti E1 ed E2 sono comandati dal relè ad
impulsi temporizzato K1. L’apparecchio viene
K1 = temporizzatore luce scale
normalmente attivato agendo su uno dei pulsanti
tipo 14.01.8.230.0000
luminosi S1 oppure S2. Lo spegnimento delle lampade
può avvenire in modo manuale premendo nuovamente
un pulsante, oppure in modo automatico al termine del
K2 = relè monostabile modulare
tempo impostato su K1 (0.5…20 min).
tipo 22.32.0.230.4500
Il relè K3 permette l’accensione dei corpi illuminanti per
mezzo di un segnale di comando esterno,
elettricamente isolato dal circuito a pulsanti. Al fine di
K3 = relè monostabile modulare
evitare lo spegnimento intempestivo delle lampade, il
tipo 22.32.0.230.4300
relè K2 impedisce l’eccitazione di K3 durante lo
scorrimento di K1.
E1-E2 = corpi illuminanti
S1-S2 = pulsanti luminosi normalmente aperti

2
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E10 K1 = 14.01.8.230.0000


Progetto: Comando impianto di illuminazione K2 = 22.32.0.230.4500
E10

con spegnimento manuale oppure automatico K3 = 22.32.0.230.4300

3
E11

Comando impianto di illuminazione con spegnimento automatico.

Esempi di applicazioni:
- illuminazione di un vano scale
- illuminazione di aree comuni in edifici aperti al pubblico

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


I corpi illuminanti E1.1…3 ed E2.1…3 sono alimentati
per mezzo di due circuiti separati, attraverso i relè di
K1 = temporizzatore luce scale
potenza K2 e K3. Agendo sui pulsanti luminosi S1
tipo 14.01.8.230.0000
oppure S2 si avvia il relè ad impulsi temporizzato K1 il
quale permane attivo fino allo scadere del tempo
impostato (0.5…20 min). Per effetto di K1 si
K2-K3 = relè di potenza
eccitano i relè di potenza K2 e K3, a condizione che i
tipo 62.32.8.230.0040 +
rispettivi selettori S3 e S4 siano in posizione
zoccolo tipo 92.03 +
automatico. Durante lo scorrimento di K1 è possibile
modulo LED/varistore
prolungare il tempo di accensione delle lampade
tipo 99.02.0.230.98
premendo nuovamente un pulsante. Qualora sia
desiderata l’attivazione permanente di uno o di
K4 = relè crepuscolare modulare
entrambi i circuiti di illuminazione, è possibile
tipo 11.41.8.230.0000
impostare il modo manuale agendo sui selettori S3 e
S4. All’imbrunire, il relè crepuscolare K4 abilita il relè
K5 per mezzo del quale è possibile attivare l’impianto
K5 = interfaccia modulare a relè
di illuminazione applicando un segnale di comando
tipo 48.31.8.012.0060
impulsivo esterno. Il relè K5 garantisce l’isolamento
elettrico fra il circuito a pulsanti ed il segnale esterno.
Questa opzione è utile nelle ore notturne: è possibile
E1.1-E1.2-E1.3-E2.1-E2.2-E2.3 = corpi illuminanti
ottenere l’accensione automatica dell’impianto di
S1-S2 = pulsanti luminosi normalmente aperti
illuminazione a seguito dell’azionamento di un
S3-S4 = selettori a due posizioni con un contatto
apriporta elettrico oppure su consenso di un rilevatore
in commutazione
di presenza all’infrarosso.

4
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 14.01.8.230.0000
K2 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
Disegno: E11 K3 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
Progetto: Comando impianto di illuminazione K4 = 11.41.8.230.0000
E11

con spegnimento automatico K5 = 48.31.8.012.0060

5
E12

Comando impianto di illuminazione con accensione e spegnimento


automatici.

Esempi di applicazioni:
- illuminazione di aree esterne di edifici
- piccoli impianti di illuminazione pubblica

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


All’imbrunire il relè crepuscolare K1 attiva automaticamente
i relè di potenza K2, K3 e K4 a condizione che i
rispettivi selettori S1, S2 e S3 si trovino in posizione K1 = relè crepuscolare modulare
automatico. I relè di potenza alimentano tre distinti tipo 11.41.8.230.0000
gruppi di corpi illuminanti (E1.1…3.2) egualmente
ripartiti sulle tre fasi di alimentazione. All’alba il relè K1
provvede allo spegnimento automatico dell’impianto di K2-K3-K4 = relè di potenza
illuminazione. Qualora sia necessario attivare tipo 62.32.8.230.0040 +
permanentemente uno o più circuiti, è sufficiente zoccolo 92.03 +
impostare il modo manuale sui selettori S1…S3. modulo LED/varistore
tipo 99.02.0.230.98

E1.1-E1.2-E2.1-E2.2-E3.1-E3.2 = corpi illuminanti


S1-S2-S3 = selettori a due posizioni con un contatto
in commutazione

6
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 11.41.8.230.0000
Disegno: E12 K2 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
Progetto: Comando impianto di illuminazione K3 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
E12

con accensione e spegnimento automatici K4 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98

7
E13

Comando impianto di illuminazione con spegnimento centralizzato.

Esempi di applicazioni:
- illuminazione di negozi
- illuminazione di abitazioni civili

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


I corpi illuminanti E1, E2, E3 ed E4 sono alimentati
attraverso i contatti dei relè ad impulsi K2, K3, K4 e
K5. Agendo sui rispettivi pulsanti S2, S3, S4 e S5 è K1 = interfaccia modulare a relè
possibile comandare indipendentemente l’accensione e tipo 58.34.8.230.0060
lo spegnimento dei quattro circuiti di illuminazione.
Il pulsante S1 eccita il relè K1 che provvede alla
commutazione dei relè ad impulsi in quel momento K2-K3-K4-K5 = relè ad impulsi
attivi, consentendo lo spegnimento centralizzato e tipo 20.22.8.230.4000
simultaneo di tutti i corpi illuminanti.

E1-E2-E3-E4 = corpi illuminanti


S1-S2-S3-S4-S5 = pulsanti normalmente aperti

8
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 58.34.8.230.0060
K2 = 20.22.8.230.4000
K3 = 20.22.8.230.4000
Disegno: E13 K4 = 20.22.8.230.4000
E13

Progetto: Comando impianto di illuminazione con spegnimento centralizzato K5 = 20.22.8.230.4000

9
E14

Comando corpo illuminante con accensione e spegnimento automatici.

Esempi di applicazioni:
- comando di insegne pubblicitarie
- comando di segnaletica luminosa stradale

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Il relè crepuscolare K1 accende il corpo illuminante E1
all’imbrunire e lo spegne all’alba. Al fine di evitare
pendolazioni e malfunzionamenti nel caso in cui il K1 = relè crepuscolare
sensore fotoelettrico di K1 sia momentanemente tipo 10.41.8.230.0000
illuminato da sorgenti artificiali quali i fari di
un’automobile, la disattivazione del relè è ritardata di
alcuni secondi. Da notare l’estrema semplicità di E1 = corpo illuminante
cablaggio.

10
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E14
E14

Progetto: Comando corpo illuminante con accensione e spegnimento automatici K1 = 10.41.8.230.0000

11
E15

Comando impianto di illuminazione con pulsante a bassissima tensione.

Esempi di applicazioni:
- comando impianti di illuminazione in locali
umidi o bagnati
- comando impianti di illuminazione in luoghi con
grandi masse metalliche conduttrici

Descrizione funzionamento:
Agendo sul pulsante S1 è possibile accendere e Elenco componenti:
spegnere il corpo illuminante E1 per mezzo del relè ad
impulsi elettronico K1. A differenza di quanto avviene K1 = relè ad impulsi elettronico
con i relè ad impulsi elettromeccanici, in caso di tipo 13.01.8.230.0000
mancanza di alimentazione, il contatto del relè K1 si
apre. Al ritorno della tensione di rete è quindi
necessaria un’ulteriore pressione di S1 per attivare la E1 = corpo illuminante
lampada E1. Il relè ad impulsi è dotato di un circuito di S1 = pulsante normalmente aperto
comando elettricamente isolato dal circuito di
alimentazione e dal contatto di potenza (Ui 4000 V).
Ciò è possibile grazie alla presenza all’interno del relè
di un trasformatore di sicurezza costruito in conformità
alla norma EN 61558. Questa particolarità rende il
prodotto adatto ad essere impiegato quando è
necessario installare pulsanti di comando in ambienti a
maggior rischio elettrico, in conformità alle prescrizio-
ni della norma EN 60364 (CEI 64-8).

12
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E15
E15

Progetto: Comando impianto di illuminazione con pulsante a bassissima tensione K1 = 13.01.8.230.0000

13
E16

Comando sequenziale di circuiti di illuminazione.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione in abitazioni civili
- impianti di illuminazione in uffici

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Il relè ad impulsi K1 è comandato dai pulsanti S1
oppure S2. Premendo un pulsante si accende il corpo
K1 = relè ad impulsi modulare
illuminante E2. Una seconda pressione determina
tipo 20.26.8.230.4000
l’accensione della lampada E1. Un terzo impulso
spegne entrambi i corpi illuminanti.
E1-E2 = corpi illuminanti
S1-S2 = pulsanti normalmente aperti

14
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E16
E16

Progetto: Comando sequenziale di circuiti di illuminazione K1 = 20.26.8.230.4000

15
E17

Comando tapparella motorizzata con pulsanti a doppia funzione.

Esempi di applicazioni:
- abitazioni civili
- negozi

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Premendo brevemente il pulsante S1, si eccita il relè
ausiliario K1 che pone in autoritenuta il relè di potenza
K3. Quest’ultimo fornisce alimentazione al motore M1 K1-K2 = interfaccia modulare a relè
e determina la chiusura completa della tapparella. Allo tipo 48.52.8.230.0060
stesso modo, premendo brevemente il pulsante S2, si
ottiene l’apertura completa della tapparella per effetto
dei relè K2 e K4. Se uno dei pulsanti viene premuto per
un tempo maggiore a quello impostato sul temporizzatore K3-K4 = relè di potenza
K5, il movimento della tapparella potrà essere arrestato tipo 56.34.8.230.0000 +
nella posizione di apertura o chiusura desiderata, al zoccolo 96.74 +
rilascio del pulsante. Durante il funzionamento della modulo LED/varistore
tapparella è sempre possibile invertire il senso di tipo 99.01.0.230.98
rotazione del motore M1 premendo il pulsante relativo
al movimento opposto. K5 = temporizzatore
tipo 80.01.0.240.0000

M1 = motore monofase per tapparella o


serranda con finecorsa incorporati
S1-S2 = pulsanti normalmente aperti

16
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 48.52.8.230.0060
K2 = 48.52.8.230.0060
Disegno: E17 K3 = 56.34.8.230.0000 + 96.74 + 99.01.0.230.98
Progetto: Comando tapparella motorizzata K4 = 56.34.8.230.0000 + 96.74 + 99.01.0.230.98
E17

con pulsanti a doppia funzione K5 = 80.01.0.240.0000

17
E18

Comando indicatore luminoso temporizzato ed intermittente.

Esempi di applicazioni:
- chiamata citofonica per persone non udenti
- chiamata apriporta per ambienti silenziosi
(biblioteche, ambulatori medici, studi radiotelevisivi)

Descrizione funzionamento:
Elenco componenti:
Premendo il pulsante S1 si avvia il temporizzatore K1
con funzione di ritardo passante all’eccitazione (DI). Il
contatto normalmente aperto di K1 alimenta il K1-K3 = relè temporizzato ad innesto
temporizzatore K3 impostato con funzione di tipo 85.02.8.240.0000
intermittenza (SW). Il contatto normalmente aperto di
K3 attiva l’indicatore luminoso E1 in modo intermittente,
per il tempo impostato su K1. Agendo sul pulsante S2 K2 = interfaccia modulare a relè
è possibile interrompere il funzionamento dell’indicatore tipo 48.31.8.230.000.0060
luminoso in qualsiasi momento.

E1 = corpo illuminante
S1-S2 = pulsanti normalmente aperti

18
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 85.02.8.240.0000
Disegno: E18 K2 = 48.31.8.230.0060
E18

Progetto: Comando indicatore luminoso temporizzato ed intermittente K3 = 85.02.8.240.0000

19
E19

Comando di alternanza per motori trifase.

Esempi di applicazioni:
- impianti di pompaggio
- compressori d’aria

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Appena il circuito viene alimentato si avvia il temporizzatore
K1 con funzione di ritardo passante all’eccitazione ed
il temporizzatore K5 con funzione di ritardo all’eccitazione. K1-K5 = relè tipo 40.31.8.024.0000 +
Il contatto di K1 attiva temporaneamente la bobina del zoccolo tipo 95.03 +
relè ad impulsi K2. Il contatto normalmente aperto di modulo temporizzato
K2 si chiude predisponendo all’avviamento il motore tipo 86.30.0.024.0000
M1. Alla chiusura del contatto S1, a condizione che il
temporizzatore K5 abbia terminato il conteggio del K2 = relè ad impulsi
tempo impostato, si attiva il relè di potenza K3 e viene tipo 20.23.8.024.4000
ripristinato il temporizzatore K1. All’apertura del
contatto S1 si diseccita il relè K3 e contemporaneamente
il relè ad impulsi K2 commuta lo stato dei propri K3-K4 = relè di potenza
contatti per effetto di un nuovo ciclo del temporizzatore tipo 56.34.8.024.0000 +
K1. Alla successiva chiusura del contatto S1, si attiverà zoccolo tipo 96.74 +
il relè di potenza K4 e verrà nuovamente ripristinato modulo LED/varistore
K1. Il temporizzatore K5 evita il pendolamento dei relè tipo 99.01.0.024.98
di potenza K3 e K4 alla prima messa in tensione del
circuito qualora il contatto S1 fosse in quel momento M1-M2 = motori trifase
già chiuso. Nota: il tempo impostato su K5 deve essere
maggiore di quello di K1.

20
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 40.31.8.024.0000 + 95.03 + 86.30.0.024.0000


K2 = 20.23.8.024.4000
K3 = 56.34.8.024.0000 + 96.74 + 99.01.0.024.98
Disegno: E19 K4 = 56.34.8.024.0000 + 96.74 + 99.01.0.024.98
E19

Progetto: Comando di alternanza per motori trifase K5 = 40.31.8.024.0000 + 95.03 + 86.30.0.024.0000

21
E20

Comando sequenziale A-B-C a singolo pulsante.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione
- comando di un motore a tre velocità

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Ogni qual volta viene azionato il pulsante S1 si eccita
il relè K1. Alla prima pressione del pulsante S1, il
K1-K3-K4= relè interfaccia modulare a relè
contatto normalmente aperto di K1 alimenta la bobina
tipo 58.34.8.230.0060
del relè ad impulsi K2 determinando la chiusura di
entrambi i contatti dello stesso. I contatti di K2 attivano
contemporaneamente i relè K3 e K4, i quali
K2 = relè ad impulsi
determinano l’accensione della lampada E1. Al secondo
tipo 20.24.8.230.4000
impulso di S1, il primo contatto di K2 si apre
disattivando il relè K4, il quale provoca lo spegnimento
della lampada E1 e l’accensione della lampada E2. Al
terzo impulso di S1 si inverte lo stato dei contatti di K1
E1-E2-E3 = corpi illuminanti
e avviene lo spegnimento della lampada E2 e
S1 = pulsante normalmente aperto
l’accensione della lampada E3. La quarta pressione del
pulsante S1 disattiva tutte le lampade.
Nota: l’accensione delle lampade avviene sempre al
rilascio del pulsante S1.

22
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 58.34.8.230.0060
K2 = 20.24.8.230.4000
Disegno: E20 K3 = 58.32.8.230.0060
E20

Progetto: Comando sequenziale A-B-C a singolo pulsante K4 = 58.32.8.230.0060

23
E21

Regolatore di luminosità a gradini.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione a risparmio energetico

Descrizione funzionamento:
Il circuito permette di mantenere artificialmente un Elenco componenti:
livello di luminosità costante all’interno di un ambiente
che riceve illuminazione naturale. Per effetto dei
differenti valori di impostazione dei relè crepuscolari K1-K2-K3 = relè crepuscolari
K1, K2 e K3 si ottiene l’inserimento graduale dei corpi tipo 11.41.8.230.0000
illuminanti E1, E2 ed E3 al diminuire della luminosità
esterna. Nota: gli elementi fotosensibili B1, B2 e B3
devono essere collocati in modo tale da rilevare la luce E1-E2-E3 = corpi illuminanti
solare. Impostare le soglie di accensione dei relè
crepuscolari in modo decrescente partendo da K1.

24
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 11.41.8.230.0000
Disegno: E21 K2 = 11.41.8.230.0000
E21

Progetto: Regolatore di luminosità a gradini K3 = 11.41.8.230.0000

25
E22

Comando di giochi d’acqua con illuminazione notturna.

Esempi di applicazioni:
- fontane

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Alla chiusura del contatto S1 si attivano il temporizzatore
K1 con funzione di intermittenza (SW), l’elettrovalvola
K1-K2 = temporizzatori modulari
Y3 ed il relè crepuscolare K3. Il contatto di K1
tipo 80.01.0.240.0000
determina il funzionamento del temporizzatore K2 con
funzione di intermittenza (SW). La commutazione del
contatto di K2 provoca l’azionamento ciclico delle
K3 = relè crepuscolare modulare
elettrovalvole Y1 e Y2. Quando il contatto di K1 si
tipo 11.31.0.024.0000
diseccita permane in funzionamento la sola elettrovalvola
Y3. All’imbrunire, il relè crepuscolare K3 provvede
all’inserimento dei corpi illuminanti E1 ed E2. Il circui-
E1-E2 = corpi illuminanti
to è esercito alla tensione di 24 V AC considerate le
S1 = interruttore
particolari condizioni di umidità del luogo di installazione.
Y1-Y2-Y3 = elettrovalvole

26
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 80.01.0.240.0000
Disegno: E22 K2 = 80.01.0.240.0000
E22

Progetto: Comando di giochi d’acqua con illuminazione notturna K3 = 11.31.0.024.0000

27
E23

Comando di un impianto di irrigazione multizona.

Esempi di applicazioni:
- giardini
- colture in serra

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


L’interruttore orario P1 provvede all’inserimento del
temporizzatore K1 impostato con funzione di ritardo
all’eccitazione (AI). Attraverso il contatto normalmente K1-K2-K3-K4 = temporizzatori modulari
chiuso di K1 è alimentata l’elettrovalvola Y1. Trascorso tipo 80.11.8.240.0000
il tempo impostato su K1, viene disattivata l’elettrovalvola
Y1, inserito il temporizzatore K2 e attivata l’elettrovalvola
Y2. Il ciclo di funzionamento procede allo stesso modo P1 = interruttore orario
fino all’attivazione dell’elettrovalvola Y4. Nota: il tipo 12.21.8.230.0000
circuito è modulare e pertanto espandibile. Il periodo
di inserimento del contatto di P1 deve essere maggiore
della somma dei tempi impostati sui temporizzatori.
Y1-Y2-Y3-Y4 = elettrovalvole

28
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

P1 = 12.21.8.230.0000
K1 = 80.11.8.240.0000
K2 = 80.11.8.240.0000
Disegno: E23 K3 = 80.11.8.240.0000
E23

Progetto: Comando di un impianto di irrigazione multizona K4 = 80.11.8.240.0000

29
E24

Comando crono-crepuscolare.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione automatici

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


All’imbrunire si attiva il relè crepuscolare K1 il quale
provvede all’inserimento dei corpi illuminanti E1 ed E2.
K1 = relè crepuscolare modulare
Allo scadere del periodo di funzionamento impostato
tipo 11.41.8.230.0000
sull’interruttore orario P1, viene spento il corpo
illuminante E2. L’utenza E1 sarà disattivata all’alba.
Nota: l’orario di attivazione di P1 deve essere
P1 = interruttore orario
determinato in modo tale da avvenire prima
tipo 12.21.8.230.0000
dell’inserimento del relè crepuscolare K1.

E1-E2 = corpi illuminanti

30
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E24 K1 = 11.41.8.230.0000


E24

Progetto: Comando crono-crepuscolare P1 = 12.21.8.230.0000

31
E25

Gestione centrale termica.

Esempi di applicazioni:
- impianti di riscaldamento civili

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Il contatto normalmente aperto dell’interruttore orario
P1 attiva il relè di potenza K1 utilizzato per il comando
K1-K2-K3 = relè di potenza
della pompa impianto radiatori M1. Il contatto
tipo 62.32.8.230.0040 +
omologo di P2 eccita il relè di potenza K2 il cui
zoccolo tipo 92.03 +
contatto normalmente aperto avvia la pompa impianto
modulo LED/varistore
sanitario M2. Il relè di potenza K3 comanda il
tipo 99.02.0.230.98
bruciatore M3 a condizione che almeno una delle
pompe M1 e M2 sia in funzione e che il contatto del
K4 = temporizzatore
termostato di lavoro S1 sia chiuso. Il primo contatto
tipo 80.41.8.240.0000
normalmente aperto di K3 attiva il temporizzatore K4
impostato con funzione di ritardo alla diseccitazione.
Per effetto del temporizzatore K4 si ottiene
P1-P2 = interruttore orario
l’inserimento della pompa anticondensa M4
tipo 12.01.8.230.0000
simultaneamente al bruciatore M3. All’arresto di
quest’ultimo, la pompa M4 permane in funzionamento
per il tempo impostato su K4. Nota: S2 è un contatto
M1 = pompa impianto radiatori
normalmente chiuso di un pressostato o di un
M2 = pompa impianto sanitario
termostato di sicurezza.
M3 = bruciatore
M4 = pompa anticondensa
S1 = termostato di lavoro bruciatore
S2 = pressostato o termostato di sicurezza

32
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

P1 = 12.01.8.230.0000
P2 = 12.01.8.230.0000
K1 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
Disegno: E25 K2 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
K3 = 62.32.8.230.0040 + 92.03 + 99.02.0.230.98
E25

Progetto: Gestione centrale termica K4 = 80.41.8.240.0000

33
E26

Gestione di diversi punti di illuminazione attraverso pulsanti


o controllo remoto.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione civile

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


I corpi illuminanti E1...E6 sono gestiti dai relè K1-K2-
K3; premendo il pulsante del controllo remoto (CR) si
K1-K2-K3 = relè ad impulsi
potrà agire sui contatti CR1- CR2- CR3, che chiudendo-
tipo 27.05.8.230.0000
si, alimenteranno i relè K1- K2- K3; tramite i relè si
potrà così gestire l’illuminazione nei diversi ambienti in
modo sequenziale. Lo stesso procedimento è azionabile
E1-E2-E3-E4-E5-E6 = corpi illuminanti
tramite i pulsanti S1- S2- S3.
CR = controllo remoto
S1-S2-S3 = pulsanti

34
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E26 K1 = 27.05.8.230.0000


Progetto: Gestione di diversi punti di illuminazione K2 = 27.05.8.230.0000
E26

attraverso pulsanti o controllo remoto K3 = 27.05.8.230.0000

35
E27

Comando di illuminazione con interruttore orario e crepuscolare.

Esempi di applicazioni:
- impianti di illuminazione a risparmio energetico

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


L’accensione del corpo illuminante E1 avviene tramite
la programmazione dell’interruttore orario P1. K1 = relè crepuscolare modulare
All’imbrunire si attiva il relè crepuscolare K1 il quale tipo 11.41.8.230.0000
provvede all’accensione del corpo illuminante E2. Al
termine del periodo di funzionamento impostato
sull’interruttore P1 vengono spenti i corpi illuminanti E1 P1 = interruttore orario elettronico digitale
ed E2. settimanale tipo 12.21.8.230.0000

E1-E2 = corpi illuminanti

36
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E27 P1 = 12.21.8.230.0000


E27

Progetto: Comando di illuminazione con interruttore orario e crepuscolare K1 = 11.41.8.230.0000

37
E28

Comando di illuminazione utilizzando un sensore di movimento.

Esempi di applicazioni:
- garage, passaggi pedonali, ingressi

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Al rilevare del movimento all’interno di un ambiente, il
sensore SP1 chiuderà il contatto attivando il corpo
SP1 = rilevatore di movimento
illuminante E1. Il crepuscolare interno al sensore può
tipo 18.01.8.230.0000
essere regolato in modo da rilevare il movimento ad un
determinato valore di intensità luminosa. Il corpo
illuminante rimarrà acceso fino allo scadere del tempo
impostato sul sensore ripristinandosi in caso di nuova
E1 = corpo illuminante
rilevazione.

38
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E28
E28

Progetto: Comando di illuminazione utilizzando un sensore di movimento SP1 = 18.01.8.230.0000

39
E29

Comando di illuminazione dimmerata con pulsante o controllo remoto.

Esempi di applicazioni:
- illuminazione locali abitativi

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Agendo sul controllo remoto CR, il dimmer D1 si abilita
e modifica lo stato del corpo illuminante E1.
D1 = relè ad impulsi regolabile dimmer
Mantenendo premuto il pulsante del controllo remoto si
tipo 15.51.8.230.0400
potrà regolare l’intensità luminosa del corpo illuminante
E1 con 10 diversi livelli di luminosità. Lo stesso processo
si ottiene attraverso il pulsante S1.
CR = controllo remoto
Nota: utilizzare lampade conformi alle specifiche
tecniche del dimmer. E1 = corpo illuminante
S1 = pulsante

40
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E29
E29

Progetto: Comando di illuminazione dimmerata con pulsante o controllo remoto D1 = 15.51.8.230.0400

41
E30

Comando tapparella motorizzata con pulsante o controllo remoto.

Esempi di applicazioni:
- abitazione civile
- negozi

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Agendo sul controllo remoto si chiude il contatto CR1 e
si alimenta il relè K1 che, commutando il proprio
contatto alimenterà il motore M1 aprendo la tapparella. K1 = relè ad impulsi
Agendo nuovamente sul controllo remoto, si potrà tipo 26.08.8.230.0000
fermare la tapparella nella posizione desiderata.
Premendo successivamente il pulsante del controllo
remoto si agirà sul relè K1 e sul contatto K2 che CR = controllo remoto
chiudendosi alimenterà il motore M1 abbassando la M1 = motore monofase
tapparella. Lo stesso processo è possibile utilizzando il S1 = pulsante
pulsante S1.

42
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E30
E30

Progetto: Comando tapparella motorizzata con pulsante o controllo remoto K1 = 26.08.8.230.0000

43
E31

Gestione dell’illuminazione utilizzando un rilevatore di movimento


ed un temporizzatore.

Esempi di applicazioni: Elenco componenti:


- illuminazione locali, aule scuole
K1 = temporizzatore modulare
Descrizione funzionamento: tipo 80.41.8.240.0000
Rilevato un movimento all’interno di un ambiente, il
rilevatore di movimento (SP) aziona il temporizzatore
K1 il quale chiudendo un contatto accende il corpo
illuminante E1. Trascorso il tempo impostato del sensore SP = rilevatore di movimento
e del relè temporizzato, il corpo illuminante E1 si tipo 18.01.8.230.0000
spegnerà. Se il rilevatore registra un movimento prima
dello scadere del tempo, il corpo illuminante E1
rimarrà acceso ed il tempo verrà ripristinato.
Nota: per temporizzazioni massime di 12 minuti è E1 = corpo illuminante
possibile utilizzare solo il relè di movimento 18.01.

44
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

Disegno: E31
Progetto: Gestione dell’illuminazione utilizzando K1 = 80.41.8.240.0000
E31

un rilevatore di movimento ed un temporizzatore SP = 18.01.8.230.0000

45
E32

Comando per l’azionamento manuale o automatico di una pompa


idraulica utilizzando un relè di controllo livello.

Esempi di applicazioni:
- impianti di riscaldamento civili, impianti idrici

Descrizione funzionamento: Elenco componenti:


Azionando il pulsante S1, il relè K1 si eccita
modificando lo stato dei suoi contatti, azionando il relè
K1 = relè ad impulsi modulare
K4 e il programmatore orario P1. In questo modo la
tipo 20.23.8.230.0000
gestione sarà automatica; il relè K4 chiuderà i suoi
contatti a seconda del livello del liquido controllato,
mentre P1 chiuderà i contatti a seconda della
K2 = relè ad impulsi modulare
programmazione utilizzando la pompa C1 o C2;
tipo 20.28.8.230.0000
premendo nuovamente S1, K1 cambia lo stato dei
contatti azionando K3; un contatto di K3 alimenterà E1
che indicherà il funzionamento manuale mentre l’altro
K3 = interfaccia modulare a relè
contatto fornirà il consenso ai due contatti del relè K2;
tipo 48.52.8.230.0060
ad ogni pressione del pulsante, S2 cambierà lo stato
dei contatti di K2 azionando così la pompa C3 o la
pompa C4.
K4 = relè di controllo livello
tipo 72.01.8.230.0000

P1 = interruttore orario
tipo 12.22.8.230.0000

E1 = corpo illuminante
C1-C2-C3-C4 = contatori
S1-S2 = pulsanti

46
SCHEMA ELETTRICO FUNZIONALE

LEGENDA

K1 = 20.23.8.230.0000
K2 = 20.28.8.230.0000
Disegno: E32 K3 = 48.52.8.230.0060
Progetto: Comando per l’azionamento manuale o automatico di una pompa idraulica K4 = 72.01.8.230.0000
E32

utilizzando un relè di controllo livello P1 = 12.22.8.230.0000

47
www.finder.it

FILIALI FINDER
Produttore di relè e temporizzatori dal 1954

Applicazioni 2011

AGENTI FINDER

ZGUITITFPXX - III/11 - 02 - CDM - Printed in Italy

FINDER si riserva il diritto di apportare modifiche ai suoi prodotti in qualsiasi momento e senza preavviso.
FINDER declina ogni responsabilità per i danni a cose o persone derivati da un uso errato o improprio dei suoi prodotti.