Sei sulla pagina 1di 6

C

GEOMETRIE DI TAGLIO IN
FRESATURA

Angolo di spoglia inferiore

L’angolo di spoglia inferiore α fornisce all’inserto il necessario disimpegno


rispetto alla superficie del pezzo da lavorare.
Quando si utilizzano ampi angoli di spoglia inferiore, si possono generare
delle vibrazioni mentre con angoli molto piccoli aumenta la superficie di
contatto accentuando l’usura sul tagliente.

Angolo di spoglia superiore

Angoli di spoglia superiori positivi facilitano l’evacuazione del truciolo e


riducono le forze di taglio limitando così il valore di potenza necessario per
l’asportazione del truciolo.
In particolare i materiali tenaci, come ad esempio le leghe leggere, tendendo
a formare il tagliente di riporto, richiedendo ampi angoli di spoglia
superiore; nella lavorazione di materiali fragili e a truciolo corto (ghisa) si
adottano generalmente angoli di taglio negativi.

α
C
Angolo di taglio
L’angolo di taglio è angolo proprio dell’inserto: non dipende cioè dalle
condizioni di lavoro. Esso è compreso tra la superficie di spoglia inferiore e
superiore e deve essere il più ampio possibile caratterizzando la resistenza a
rottura del tagliente.
Per evitare la rottura gli inserti in metallo duro vengono irrobustiti mediante
arrotondamento del tagliente (ornatura) oppure grazie ad una fase negativa.

Angolo di registrazione

La regolazione del tagliente contro la superficie di lavoro con un


determinato angolo di registrazione influenza lo spessore e la larghezza del
truciolo e la sollecitazione del tagliente.
La potenza richiesta per effettuare la lavorazione per asportazione di
truciolo dipende dalla forza di taglio tangenziale, il cui valore dipende
dall’angolo di registrazione.
Più l’angolo di registrazione è piccolo più la lavorazione richiede potenza,
con angoli di inclinazione più piccoli è possibile spingere maggiormente
con gli avanzamenti.

α
C
Angolo al vertice
L’angolo che si forma nel punto P dove si incontrano il tagliente principale
e il tagliente secondario è denominato angolo al vertice.
Per far risultare più robusto questo angolo spesso è eseguito un raccordo
denominato Raggio di punta.
La finitura superficiale del pezzo e la sua precisione dimensionale sono
influenzate dalla combinazione raggio di punta e dall’ avanzamento al giro
utilizzati.
Un grande raggio di punta offre molti vantaggi in sgrossatura e in finitura,
con l’aumentare del raggio aumenta la resistenza ciò tende a far aumentare
le vibrazioni.
Per avere una migliore finitura superficiale generalmente bisogna utilizzare
un raggio di punta ampio con un basso avanzamento al giro.
r

Angolo d’elica

L’angolo d’elica è l’angolo caratteristico delle frese in metallo duro e porta


gradualmente il tagliente in presa diminuendo l’urto.

α
C
Angolo di spoglia assiale (βa) e radiale (βb) dell’utensile

Gli angoli di spoglia radiali ed assiali dell’utensile influiscono anch’essi


sulla lavorazione, spoglie positive suggeriscono lavorazioni con taglio dolce,
mentre le spoglie negative vengono utilizzate in lavorazioni gravose.

βa

βb

Geometria POSITIVA-POSITIVA

Geometria positiva – positiva, questa soluzione deve essere adottata in caso


di scarsa stabilità del pezzo o quando la potenza disponibile è bassa: questa
è la geometria che permette di contenere le forze di taglio e di ottenere
minori deformazioni del truciolo e di ridurre le superfici di contatto tra
truciolo e inserto.
L’evacuazione del truciolo risulta particolarmente efficiente data la forma
ad elica di quest’ultimo.
C
Questa geometria di taglio è particolarmente indicata nella fresatura di leghe
leggere e dei materiali austenitici dove è possibile un incrudimento del
pezzo lavorato.
+

+
Geometria POSITIVA-NEGATIVA

L’inserto è montato assialmente positive e radicalmente negativo.


Caratteristica di tale geometria è quella di poter impiegare elevati
avanzamenti in quanto la spoglia radiale negativa conferisce maggiore
resistenza all’inserto mentre la spoglia assiale positiva permette un’ottimale
evacuazione del truciolo.
Questa soluzione è particolarmente vantaggiosa in sgrossatura.
+

_
Geometria NEGATIVA-POSITIVA
L’adozione di angoli assiali negativi permette un attacco iniziale del pezzo
in lavorazione nella parte più robusta dell’inserto salvaguardando lo spigolo
C
tagliente ed aumentando la resistenza all’urto; dato che, adottando questa
geometria, il truciolo viene spinto verso il basso è necessario progettare
corpi-fresa dotati di ampi scarichi.
Angoli radiali positivi riducono le forze di taglio contenendo la potenza
assorbita.

+
Geometria NEGATIVA-NEGATIVA

La geometria doppio negativa viene adottata nel caso di materiali di


difficili lavorabilità e/o in condizioni gravose, disponendo di macchine
potenti e stabili capaci di assorbire gli elevati sforzi di taglio che si
generano. Questa soluzione conferisce una maggiore robustezza al tagliente.
Si ottiene un truciolo molto deformato e di grande spessore.
Nella lavorazione di materiali a truciolo lungo possono insorgere difficoltà
nell’ evacuazione del truciolo in quanto questo tende ad avvolgersi a spirale
all’interno del vano di scarico.
__

_
_