Sei sulla pagina 1di 1

RIEPILOGO

(Metastasio)

Alla stagion de' fiori


E de' novelli amori,
È grato il molle fiato
D'un zeffiro legger.
O gema fra le fronde,
O lento increspi l'onde,
Zeffiro in ogni lato
Compagno è del piacer.

D'UN GENIO CHE M'ACCENDE


(Metastasio)
D'un genio, che m'accende,
tu vuoi ragion da me?
Non ha ragione amore,
o, se ragione intende,
subito amor non è.

Un amoroso foco
non può spiegarsi mai:
dì che lo sente poco
chi ne ragiona assai,
chi ti sa dir perché.