Sei sulla pagina 1di 4
LETTERA ALLE FAMIGLIE D E L L A P A R R O C C
LETTERA
ALLE
FAMIGLIE
D E L L A
P A R R O C C H I A
D I
C
A
P
E
Z Z
A
N
O
P
I
A
N
O
R
E
Via Sarzanese 147
-
e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it
- Tel.
0584 914007
347 64 66 961
Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.altervista.org

N° 481

19

DICEMBRE

2010

IV SETTIMANA DI AVVENTO –

LITURGIA DELLE ORE IV SETTIMANA

Il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà un figlio che chiamerà Emmanuele: Dio con noi.

Nel brano di Isaia da cui è tolto questo versetto è presente la figura del re Acaz, un re di Israele che, vivendo un periodo duro, stringe alleanze con popoli stranieri e pagani, invece di appoggiarsi con piena fiducia sul Signore. Di fronte all'invito a chiedere un segno a Dio, Acaz nasconde la sua poca fede dentro un'interpretazione fasulla del Deuteronomio, là dove si dice: "Non tenterete YHWH vostro Dio" nel senso di non pretendere che Dio dia prova del suo operato. Ma Dio stesso, ecco, dà un segno che è per eccellenza il segno di un Amore senza confronti: una vergine concepisce e dà alla luce un figlio che, essendo Dio da Dio, è per antonomasia, Emmanuele – Dio con noi. Anche oggi, ognuno di noi è chiamato a portare un'attenzione di fede vitale al 'segno': il vero segno che al di là delle turbolenze della storia attuale, conferma il cuore in una certezza rassicurante. Sì, Dio non è un Dio che abita nei cieli, ma è il Dio-con-noi. E quando prego con le parole della preghiera insegnata da Gesù, dicendo: Padre nostro che sei nei cieli, sottolineo soltanto, (con una immagine) la trascendenza del Signore che però si accorda perfettamente col suo essere ovunque, un Dio- amore. Quando poi dico 'Emmanuele', mi apro totalmente alla fede nell'Incarnazione. Gesù è il Figlio di Dio che, nel grembo della Vergine Maria, si è fatto uomo per assumere tutta la nostra umanità, tutta la nostra storia. Signore, Dio-con-noi, Dio con me, non permettere che io m'isterilisca in pensieri di solitudine; fammi vivere l'intimità della tua presenza per portare frutti d'amore con te, in te.

La città smemorata

Una volta, in una piccola città, uguale a tante altre, cominciarono a succedere dei fatti strani. I bambini dimenticavano di fare i compiti, i grandi si dimenticavano di togliersi le scarpe prima di andare a dormire, nessuno si salutava più. Le porte della chiesa rimanevano chiuse. Le campane non suonavano più. Nessuno sapeva più le preghiere. Un lunedì mattina, però, un maestro domandò ai suoi alunni:

"Perché ieri non siete venuti a scuola?" "Ma ieri era domenica!" risposero gli scolari, "La domenica non c'è scuola". "Perché?", chiese il maestro. Gli alunni non seppero che cosa rispondere. Si avvicinava il Natale. "Perché suonano questa musica dolce?". "Perché sull'albero ci sono le candele?". Nessuno lo sapeva. Due amici avevano litigato: si erano insultati fino a diventare rauchi. "Ora non ho più nessun amico", pensava tristemente uno di loro il giorno dopo. E non sapeva che cosa fare. La piccola città si faceva sempre più grigia e triste. La gente diventava ogni giorno più egoista e litigiosa. "Ho l'impressione di aver dimenticato qualcosa", ripetevano tutti. Un giorno soffiava un forte vento tra i tetti, così forte da smuovere le campane della chiesa. La campana più piccola suonò. Improvvisamente la gente si fermò e guardò in alto. E un uomo per tutti esclamò:

"Ecco che cosa abbiamo dimenticato:

abbiamo dimenticato Dio!".

Vergine in attesa

La nostra vita, Signore, è fatta di attesa:

attendiamo una notizia, una persona, un evento. Attendiamo perché siamo vivi, incapaci di accontentarci del nostro oggi; desiderosi di superarci per essere nuovi, gioiosi di divenire, in futuro, quelli che ora non siamo. Nuova abitazione, in terra nuova, aspettiamo dove giustizia e pace regneranno. I nostri desideri inappagati, sincere speranze di vita piena, troveranno rifugio nel tuo cuore di Padre. Compi, Signore, la nostra fervida attesa! Le tue promesse sono le nostre speranze, Padre. Hai mandato Gesù Cristo e ancora aspettiamo il Salvatore. Troviamo in lui morto e risorto la gioiosa notizia che tu vinci la morte. Alla sua venuta, debolezza e corruzione svaniranno. Gioiosi cammineremo con Cristo verso di Te. L'impegno per il mondo, le conquiste della scienza, l'infaticabile lavoro, il progresso umano; l'attesa operosa di un mondo migliore preparano, o Padre, la venuta di Cristo; fraternità, libertà, bontà, ogni conquista umana sono l'annuncio del tuo dono più pieno. Vergine in attesa, donaci il coraggio di saper aspettare; aperti al futuro, ma laboriosi nel presente. Santa Maria, promessa compiuta del nostro domani, attendi con noi Gesù Salvatore!

CALENDARIO

DELLA

SETTIMANA

DOMENICA 19 DICEMBRE

SANTE MESSE

ORE

7

-

9

-

11

N. B. – LA SANTA MESSA DELLE ORE 11 SARÀ ANIMATA DALLA

PRESENZA DEI COMPONENTI DELLA NOSTRA FILARMONICA

ORE 15 - PREGHIERA DAVANTI AL PRESEPE

- BENEDIZIONE DEI GESÙ BAMBINI

- LANCIO DELLA MONGOLFIERA CON I MESSAGGI DEI BAMBINI

LUNEDI’ 20

ORE

21

MARTEDI’ 21

MOMENTO DI PREGHIERA IN PREPARAZIONE AL NATALE ANIMATO DAL GRUPPO GIOVANI

ORE

21 MOMENTO DI PREGHIERA IN PREPARAZIONE AL NATALE ANIMATO DAI GRUPPI SCOUT

MERCOLEDI’ 22

ORE

21 MOMENTO DI PREGHIERA IN PREPARAZIONE AL NATALE ANIMATO DAL GRUPPO MISSIONARIO

GIOVEDI’ 23

ORE

21 CONCERTO DI NATALE: 3° RASSEGNA DI CANTI NATALIZI

A CURA DELLASSOCIAZIONE MUSICALE “VIVI

CAPEZZANO

E LA PARTECIPAZIONE

VENERDI’ 24

DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE

ORE 8,30 SANTA MESSA ORE 15 - 18 CONFESSIONI

ORE 23,30

SANTA MESSA DELLE VEGLIA DI NATALE

SABATO 25 - SANTO NATALE -

SANTE

MESSE ORE

7

-

9

11

- DOMENICA 26 DICEMBRE

11

N. B.

che, in questo anno, o si sono uniti nel sacramento del matrimonio

o ne hanno celebrato il venticinquesimo, cinquantesimo o sessantesimo. ORE 18,30 – Il Gruppo Famiglie invita, per un momento di condivisione e cena, le coppie festeggiate alla Messa delle 11

Alla S. Messa delle 11 solenne benedizione a tutti gli sposi

ORE

SANTE

17 SANTA MESSA FESTIVA

ORE

7

-

9

-

MESSE