Sei sulla pagina 1di 9

Estratto dalla Rivista

LA MECCANICA ITALIANA
n. 211 - novembre 1987

CONTROLLO
DELLE SALDATURE
DI ACCIAIO INOSSIDABILE
NDT FOR WELDED STAINLESS TUBES OF MEDIUM AND HIGH THICKNESS

Marchini G., Masetti F., Scasso M.


Istituto Italiano delta Saldatura - Genova

Sommario Summary 1. Generalità sul controllo


Quality contro! of stainless steel
delle saldature
// controllo di qualità delle saldature
di acciaio inossidabile (austenitico, welds (austenitic, martensitic, andfer- Per la sua specifica natura di seve-
martensitico o terrifico), così come di ritic), as well as that of other material, ro intervento nelle proprietà dei mate-
quelle di altri materiali, comprende is made up of three phases: riali che costituiscono una costruzio-
concettualmente più fasi: controlio preliminary contro/, inspection during ne, la saldatura ha posto, più di ogni
preventivo, ispezione in corso d'ope- shop operations and final examina- altro processo produttivo d'officina o
ra, controllo finale. tion. di cantiere,;l'esigenza di verifiche ac-
curate di tutte le condizioni preventi-
Tra i controlli finali, quelli non di- Radiographic and penetrant testing ve dei materiali, delle tecniche e delle
struttivi di normale impiego sugli ac- are, among thè final examinations, risorse umane utilizzati.
ciai inossidabili austenici sono il con- thè more normally employed NDT on
trollo radiografico e quello con liquidi austenitic stainless steels. Lo stesso controllo finale di ogni
penetranti; il controllo ultrasonoro, in- singola saldatura è spesso preceduto
fatti, può essere applicato con oppor- Ultrasonic examination may also be (quando se ne vede (a convenienza
tune tecniche, valutando attentamen- performed with suitable techniques, tecnica) da controlli intermedi, per cui
te i singoli casi. subject to a carefull evaluation of il processo di fabbricazione alterna
each individuai case. vere e proprie fasi operative (saldatu-
I criteri di valutazione dei difetti pos-
sono essere di tipo tradizionale, cioè The evaluation of defects may be ei- ra) e di controllo. Solo il rispetto delle
empirico-convenzionale, come acca- ther traditional, that is empirie- prescrizioni di progetto, di fabbrica-
de generalmente, oppure di tipo conventional, as is mostly thè case, or zione e di messa in opera può garan-
scientifico, cioè legati all'affidabilità scientific depending on their fìtness tire il raggiungimento delle proprietà
per l'uso. for purpose. volute. ;

Tutte le fasi di controlio richiedono Ali thè testing phases should be Pertanto la qualità di un manufatto
personale altamente specializzato, performed by highly specialized per- in cui siano presenti operazioni di sal-
esperto di saldatura nonché di con- sonnel, experienced both in welding datura può essere perseguita conve-
trolli non distruttivi. and in nondestruetive testing. nientemente solo se ogni attività è

34 I LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


stata opportunamente pianificata e sa e della zona termicamente alte- e) inclusioni solide;
per questo è necessario che si coor- rata; d) mancanza di fusione e penetra-
dinino tutte le funzioni operative che — le discontinuità metalliche, che zione;
intervengono nella fabbricazione e possono interessare la zona fusa, e) imperfezioni di forma;
nel controllo. quella termicamente alterata e/o il f) varie (spruzzi, inneschi d'arco, in-
Inoltre in molti, se non in tutti i pro- materiale base accanto ad essa. cisioni di mola ...).
cedimenti di saldatura e nei controlli
interviene il fattore umano, una risor- Questo tipo di difetti (figura 1) è ri-
2.1. Disomogeneità metallurgica levabile mediante esame visivo e
sa cioè che, pur nel rispetto della per-
sonalità d'ognuno, nel campo della Le disomogenea metallurgica tra la controlli non distruttivi, in particolare
saldatura è stata sempre valutata e zona fusa e/o la zona termicamente in funzione di forma, dimensioni ed
certificata per consentire l'utilizzazio- alterata ed il materiale base inaltera- orientamenti delle discontinuità.
ne di operatori idonei al consegui- to sono originate dal riscaldamento,
Le cause che determinano la for-
mento della qualità stessa. sempre più o meno localizzato, e dal
mazione di questi difetti possono ri-
successivo più o meno rapido raffred-
Sulla base delle suddette conside- dursi alle due principali:
damento; esse sono nocive alle ca-
razioni è facile comprendere come da ratteristiche meccaniche e ad altre — metallurgiche e/o tecnologiche,
vari decenni il Controllo di Qualità caratteristiche di esercizio, quali la cioè dipendenti da errori a monte
delle costruzioni saldate comprenda resistenza alla corrosione. Ne sono della operazione di saldatura (er-
oltre al controllo vero e proprio della un esempio, tempra o ingrossamento rata scelta dei materiali, disegno
saldatura finita, prove e verifiche pre- del grano nella saldatura degli acciai
liminari e controlli parziali in corso dei giunti, ecc);
al carbonio, o di quelli inossidabili ri-
d'opera. — operatoria, cioè causata dall'impe-
spettivamente martensitici e ferritici,
rizia del saldatore o della cattiva
Questo proprio perché, per l'eleva- oppure ingrossamento del grano,
messa a punto dei procedimenti.
to numero di fattori in gioco, non è precipitazioni di carburi di cromo o di
possibile prevedere a priori con cer- fase sigma nella saldatura degli ac- Alcuni difetti, tra cui le cricche in
tezza quale risultato, cioè quale «qua- ciai inossidabili austenitìci. modo particolare, hanno in genere
lità», del giunto saldato si otterrà ef- causa metallurgica e tecnologica; al-
fettivamente nella produzione. I fattori che influenzano le caratteri- tri, come le mancanze di fusione e di
stiche metallurgiche della zona fusa penetrazione possono essere origi-
e delta zona alterata sono numerosi, nati sia da cause tecnologiche che da
2. Difetti e saldatura comprendendo la scelta dei materiali imperizie operative; molti difetti (in-
base e d'apporto, il procedimento e i clusioni di scoria soprattutto) sono
La qualità di un giunto saldato può determinati prevalentemente dal sal-
parametri di saldatura, la geometria
essere misurata con riferimento all'u- datore o dall'operatore del procedi-
so del prodotto; in tal modo non può delle giunzioni-
li controllo di tali fattori è operazio- mento automatico.
esistere un sistema assoluto di raf-
fronto, per cui uno stesso giunto ido- ne da condursi a monte della realiz- Quali che siano le cause delle di-
neo per un impiego può non essere zazione del giunto riproducendo con scontinuità metalliche, l'accertamen-
accettabile per un altro in cui suben- opportuni saggi di qualifica le condi- to della loro presenza è possibile ed
trino nuovi problemi, come rottura zioni previste per la fabbricazione. in misura più o meno completa come
fragile, fatica termica, ecc. già detto, attraverso i controlli non di-
Le caratteristiche del giunto cam-
struttivi.
Questo modo di concepire la quali- pione vengono poi valutate mediante
tà, relativamente alla destinazione prove distruttive (meccaniche, macro Deve essere chiaro, comunque,
del giunto, tiene conto di tutti i fattori e talvolta micrografiche). Se il risulta- che l'evitare che i difetti si formino
che possono influenzare la saldatura, to sarà ritenuto soddisfacente per gli (controllo preventivo) è assai più sicu-
da quelli progettuali (scelta dei mate- scopi costruttivi, tali condizioni devo- ra ed economicamente conveniente
riali, geometria) a quelli realizzativi no essere riprodotte nella misura più che non accertarne la presenza con
(trattamenti termici, mano d'opera, fedele possibile in fase di fabbrica- controlli non distruttivi finali, il che
attrezzature), ed infine tiene conto zione. comporta la successiva rimozione, la
della difettosità (presenza di disconti- riparazione ed il ricontrollo.
nuità) e dei controlli distruttivi e non 2.2. Discontinuità metalliche
distruttivi che la evidenziano: la quali- A conclusione di questi cenni sul
tà è quindi influenzata da un com- Le discontinuità metalliche che in- significato di qualità del giunto salda-
plesso di fattori riconducibili ai due teressano il giunto saldato possono to, occorre ricordare che non è asso-
elementi principali sottoindicati, la cui essere riassunte, in accordo con la lutamente corretto identificare la qua-
conoscenza e dominio consentono di terminologia dell'Istituto Internazio- lità della saldatura con quella che ri-
pilotare la qualità finale del giunto: nale della Saldatura (IIW) come di se- sulta dai controlli non distruttivi finali.
guito riportato: Un giunto si può ritenere accettabile
— le disomogeneità metallurgiche, solo se è risultato sano agli esami
che dipendono dalle caratteristi- a) cricche; non distruttivi e se è stato prodotto ri-
che metallurghiche della zona fu- b) cavità; producendo le condizioni di saldatura

35 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


campione di cui sono note le caratte- Fig. 1
ristiche finali.

3. Controllo di qualità
delle saldature
II controllo di qualità delle saldatu-
re si articola, come abbiamo già det-
to, in diverse fasi d'intervento quali:
— controlii indiretti o preventivi;
— ispezione in corso d'opera;
— controlli diretti sulle saldature.
Schematicamente gli esami che i
suddetti tipi di controllo comprendo-
no possono essere cosi raggnippati:
A) Controlli indiretti (o preventivi).
— Esame della documentazione
tecnica.
— Prove di qualificazione dei sal-
datori.
— Prove di sanabilità del materia-
le base.
— Prove di omologazione del ma-
teriale di apporto.
— Prove di qualificazione di pro-
cedimenti di daldatura.
B) Ispezioni in corso d'opera.
C) Controlli diretti.
— Distruttivi,
— Semidistruttivi.
— Non distruttivi:
Esame visivo (EV).
Esame con liquidi penetranti
(LP).
Esame magnetoscopico (MS).
Esame radiografico (RX).
Esame ultrasonoro (US).
Esame per correnti indotte (CI).
Esame per rivelazioni di fughe
(RF).
Esame per emissione acustica
(EA).

4. Controlli indiretti
Questa prima fase del controllo ri-
conosce che un sano empirismo (nu-
trito dalle conoscenze che la pratica
prolungata di fabbricazione e di eser-
cizio di impianti simili ha consentito di
accumulare) basato su qualche prova
preliminare, prima della costruzione,
è tuttora il metodo meno costoso e
più efficace di operare.
IHCLUStéHI PI
Il controllo indiretto preventivo ha
per scopo:
— la verifica che siano state predi-

36 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


termedi o finali (con la relativa ve- metalliche nella zona fusa e nella zo-
locità di riscaldamento o raffredda- na termicamente alterata. Infine: dai
mento), ecc; saggi vengono prelevate delle provet-
— gli eventuali controlli non distruttivi te ed eseguite prove distruttive per la
sui lembi di saldatura e quelli inter- determinazione delle caratteristiche
medi o finali sul giunto saldato. meccaniche (resistenza, duttilità, du-
rezza e tenacità) del giunto, eventual-
Sulta base della specifica di salda- mente di quelle chimiche del deposi-
tura il controllo preventivo può svilup- to e di quante altre necessario ad as-
parsi programmando prove prelimi- sicurare l'assenza di difetti del tipo di-
nari alla costruzione, che nella gene- somogeneità metallurgiche.
sposte le condizioni che si sanno ralità dei casi comprendono le Quali-
migliori (per la buona pratica) af- flazionl del procedimento e le Qua- La normativa maggiormente presa
finchè la realizzazione dei giunti lificazioni del saldatori, mentre in a riferimento in Italia per la qualifica-
saldati abbia le caratteristiche de- taluni particolari casi, nei quali per zione dei procedimenti è rappresen-
siderate; una insufficiente esperienza dei ma- tata dalla Raccolta «S» ANCC e dalla
la verifica che la qualità della giun- teriali impiegati o delle modalità ap- Sezione IX del Codice ASME.
zione saldata effettuata in quelle plicative del procedimento si può rite-
condizioni non sia inferiore a quel- nere piuttosto incerta la previsione di
la prestabilita dalla progettazione massima del risultato ottenibile, il 4.3. Qualificazione dei saldatori
in funzione delle esigenze di servi- programma delle prove preliminari Ha lo scopo di accertare che la ma-
zio. può estendersi e comprendere altri ti- no d'opera impiegata nella esecuzio-
pi di verifiche, quali prove di saldabili- ne delle saldature con procedimenti
tà del materiale base, prove sui mate- manuali o semi-automatici possegga
4.1. Esame della documentazione riali di apporto, prove di criccabilità la necessaria abilità operatoria corri-
tecnica (per esempio a caldo e a freddo), spondente alle difficoltà esecutive del
II primo punto prevede innanzitutto analisi chimiche della zona fusa, ecc. giunto (in funzione del procedimento
dì descrivere (attraverso l'analisi dei del materiale della posizione di salda-
disegni costruttivi) in forma di docu- tura, ecc).
4.2. Qualificazione
mento tecnico (la Specifica del proce-
dimento di saldatura) i materiali ne* del procedimento di saldatura L'omissione di questo accertamen-
cessari e le condizioni esecutive che to preliminare può portare a saldatu-
La qualificazione del procedimento
saranno adottati per l'opera, elencan- re contenenti gravi difetti operatori.
di saldatura ha per scopo l'accerta-
do tutte le condizioni che l'esperien- mento della qualità del giunto saldato Questi potrebbero anche essere rile-
za ha indicato come influenti sulle ca- ottenibile con l'applicazione della vati al termine dell'operazione di sal-
ratteristiche finali della saldatura e specifica dì saldatura; la specifica do- datura da controlli non distruttivi, ma
che il reparto di saldatura ha comun- vrà portare infatti al conseguimento comunque si renderebbe necessaria
que necessità di conoscere per rea- di giunti esenti da difetti e con le ca- la riparazione del giunto; ciò compor-
lizzare il manufatto. ratteristiche desiderate (come quelle terebbe, oltre alla perdita di tempo e
meccaniche, anticorrosione, esteti- di denaro, anche maggiori deforma-
Una Specifica di saldatura com- che, ecc). zioni e, probabilmente, più elevate
prende in generale notizie riguardo ai tensioni residue.
seguenti argomenti: La qualificazione del procedimento
Le prove di qualifica consistono in
di saldatura è in sostanza una verifica
— il tipo, ta forma e ìe dimensioni del pratica nel fare eseguire al saldatore
che il materiale base, quello di appor-
materiale che si deve saldare; uno o più giunti (di prova) di dimen-
to e la tecnica di saldatura (cioè la
— il procedimento di saldatura che si sioni limitate e nel valutarne la qualità
scelta del procedimento e dei diversi
applica, con dettagli circa materia- con esami non distruttivi e/o distrutti-
parametri) siano adeguati per realiz-
le d'apporto, eventuale gas o flus- vi secondo crìteri che ciascuna nor-
zare quanto il progettista ha richie-
so di protezione, tipo di giunto e mativa indica.
sto.
preparazione dei lembi, posizione La valutazione ha per oggetto solo
di saldatura; Le prove di qualificazione consisto-
la eventuale presenza di difetti di sal-
— i parametri di saldatura: tipo di cor- no generalmente nella saldatura di
datura attribuibili al saldatore. Even-
rente, polarità, valore dì corrente, uno o più saggi con i materiali e nelle
tuali difetti che sono provocati da altri
tensione d'arco, velocità dì avan- posizioni previste per la costruzione e fattori, per esempio di carattere me-
zamento della saldatura, velocità con la messa in atto di tutti gli accor- tallurgico, dovuti al tipo di materiale
di alimentazione del filo, ecc, il gimenti previsti in costruzione come base e d'apporto, o al loro cattivo sta-
tutto secondo le peculiarità esecu- preriscaldo, trattamento termico, ecc. to di conservazione, ecc. comportano
tive del procedimento previsto; Dopo la saldatura, i saggi vengono lo scarto del saggio come non valido
— le temperature di preriscaldo e di sottoposti a controlli non distruttivi al- e la prova viene ripetuta dopo aver ri-
interpass, i tempi e le temperature lo scopo di accertare l'assenza dei di- mosso le cause non operative dei di-
di eventuali trattamenti termici in- fetti sistematici del tipo discontinuità fetti.

37 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


Ciò viene conseguito con l'accerta- adeguata conoscenza delle proble-
mento delle varie caratteristiche resi- matiche di saldatura e fornito di ele-
stenziali oppure della natura e della vata esperienza sulle tecniche di esa-
distribuzione delle eventuali disconti- me adottate (non è la stessa cosa
nuità presenti sia all'interno che all'e- giudicare il' film radiografico di un
sterno dei pezzi. giunto saldato tubo piastra tubiera ri-
preso con apparecchio microfocus, o
I controlli diretti possono essere: il film eseguito con raggi gamma su
— distruttivi (come prove di scoppio un giunto di acciaio austenitico spes-
di bombole o di resistenza alla rot- so 60 mm).i
Le modalità per la qualifica dei sal- tura di giunti saldati) ed in questo
datori sono stabilite dalle norme UNI; caso si eseguono solo su pezzi co- 7.1. Esame Visivo
fra esse ricordiamo le norme UNI struiti in serie o su campioni;
6918 e 6916 per la saldatura ad arco — semi-distruttivi come assaggi lo- L'esame ivisivo della superficie e
manuale degli acciai inossidabili al cali delle caratteristiche del mate- del rovesciò (quando anche questo è
Cr-Ni (o leghe di Ni), rispettivamente riale di un pezzo o talloni di salda- accessibile) delle saldature da infor-
tubi e lamiere; la norma UNI 6917 per tura; mazioni preziose ed è in ogni caso
saldatori TIG di tubi di qualsiasi ac- necessario per individuare i difetti di
— non distruttivi, che sono in grado profilo (quali incisioni marginali, ec-
ciaio, con bocchetta di acciaio inossi-
di mettere in evidenza solo difetti cessi di penetrazione, insellamenti,
dabile al Cr-Ni (o leghe di Ni); la nor-
del tipo discontinuità metalliche. slivellamenti, irregolarità di deposito,
ma UNI 6918 per procedimenti misti,
su prima passata e riempimento, le mancanza di penetrazione nel aso di
norme UNI 7711 e 8032 per le salda- 7. Controlli non distruttivi saldatura non ripresa), la posizione di
ture MIG con fili di acciaio inossidabi- delle saldature lavoro e la tecnica seguita (ad esem-
le al Cr-Ni (o lega di Ni), rispettiva- pio maglie regolari sono indice di ve-
mente lamiere e tubazioni. Per il rilievo delle discontinuità me- locità di saldatura uniforme, maglie
talliche interessanti la saldatura i ad angolo acuto sono indice di gran-
controlli non distruttivi generalmente de velocità);
applicati e che soddisfano general-
5. Ispezioni in corso d'opera Le suddette informazioni possono
mente le necessità degli accertamen-
Ha lo scopo di controllare la piena ti, sono l'esame visivo, magnetosco- essere anche utili per ricavare ele-
rispondenza della modalità esecutive pio e con liquidi penetranti, che dan- menti di previsione sui difetti più pro-
sia a quanto stabilito nella documen- no indicazioni sulla eventuale pre- babili derivanti dalla particolare tecni-
tazione tecnica sia alle buone regole senza di difetti superficiali, e gli esa- ca operativa.
dell'arte tratte dall'esperienza. mi radiografico ed ultrasonoro, che
L'impiego di una lente fino a 10 in-
consentono di rilevare eventuali difet-
Si deve ad esempio verificare in of- gradimenti permette un esame più
ti interni; talvolta si applicano anche
ficina o in cantiere: dettagliato, soprattutto in vista della
altri tipi di controlli come le prove di
rivelazione di eventuali cricche su-
— che i saldatori impiegati siano qua- tenuta (rivelazione di fughe), il con-
perficiali.
lificati; trollo con correnti indotte e l'emissio- i
— che i materiali di apporto siano di ne acustica. Nel caso di inaccessibilità all'esa-
tipo omologato o del tipo approva- me visivo diretto (ad esempio tuba-
L'esame di un giunto saldato ri-
to in fase di qualifica del procedi- zioni, bombole, piccoli apparecchi),
chiede molto spesso l'impiego con-
mento e che siano in buone condi- si può fare uso del Tendo scopio per
temporaneo di due o più metodi di
zioni di conservazione; controllare dall'interno la penetrazio-
controllo non distruttivo e la scelta
— che le temperature dell'eventuale ne all'inverso della saldatura.
dei metodi d'indagine e delle tecni-
preriscaldo e gli eventuali tratta- che applicative dipende da vaiu(azio- Osserviamo infine che un attento
menti termici siano rispondenti a ni sulla storia del giunto (dai materiali esame visivo della superficie del
quanto stabilito nel corso della coinvolti, al tipo di procedimento giunto saldato e degli eventuali difetti
qualifica del procedimento; adottato, dal disegno dei cianfrini, al- affioranti facilita spesso (talvolta è ad-
— che i controlli non distruttivi dei l'accessibilità, ecc). dirittura indispensabile) la corretta in-
giunti vengano effettuati secondo terpretazione dei risultati di altri tipi di
le modalità più efficaci e nel mo- La esecuzione e la interpretazione controllo non distruttivo, come l'esa-
mento più opportuno del montag- degli esami non distruttivi richiede
me radiografico e quello ultrasonoro.
gio, secondo quanto previsto dal personale particolarmente addestra-
I
ciclo di lavorazione approvato. to: anche i controlli superficiali ritenu-
ti più semplici necessitano infatti di 7.2. Esame con liquidi penetranti
precauzioni opportune per essere ef-
L'esame con liquidi penetranti è
6. Controlli diretti ficaci.
molto utilizzato per il controllo super-
I controlli diretti vengono utilizzati L'interpretazione delle radiografie ficiale delle saldature, specialmente
per il controllo finale dei manufatti. richiede personale provvisto di una per rilevare piccole cricche sottili

38 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


per il controllo delle saldature di tutti metodo sia su giunti di parti piane
gli altri acciai, compresi quelli inossi- che cilindriche (giunti di tubi, serba-
dabili martensitici ricorrendo princi- toi), onde ottenere la richiesta sensi-
palmente a due tecniche: quella con bilità di esame.
sistema elettrico a puntali (più sensi-
bile) e quella con sistema magnetico Per le radiografie su materiali a
con elettromagnete (meno sensibile), grano di grosse dimensioni, come le
sia con l'uso di rivelatori a secco (per saldature di acciaio inossidabile au-
le saldature a maglia più irregolare) stenitico, di medio ed elevato spesso-
che in sospensione liquida (per quel- re, occorre ricordare che ove possibi-
le con maglia più regolare o regolariz- le è consigliabile l'uso di raggi X, an-
che, pur se affioranti alla superficie, ziché gamma, e di pellicole a grana fi-
zate o lisciate).
possono sfuggire al più attento esa- ne, onde migliorare la sensibilità fina-
me visivo. In genere, ove applicabile, il con- le, sia in termini di contrasto che di
Per una buona affidabilità dell'esa- trollo consente di rivelare rapidamen- definizione.
me è però necessario che la superfi- te soprattutto i difetti bidimensionali,
come le cricche, affioranti o molto Limitazioni dell'esame radiografico
cie da controllare non abbia eccessi- sono l'accessibilità, che ne può ren-
ve asperità (quali ad esempio quelle prossimi alla superficie.
dere difficoltosa l'applicazione e l'im-
dovute a cordoni molto irregolari ef- piego su elevati spessori, che richie-
Citiamo, per questo metodo, la nor-
fettuati con elettrodi rivestiti in posi- de l'impiego alternativo degli ultra-
ma UNI 7704 che può essere presa a
zione verticale) che potrebbero impe- suoni, se possibile.
riferimento come valida guida per i
dire la completa asportazione dell'ec-
controlli delle saldature.
cesso di liquido penetrante, con la Tra le norme italiane metodologi-
conseguente formazione di indicazio- che è da segnalare la norma UNI
ne spurie. 8956, di recente emissione che forni-
7.4. Esame Radiografico
sce ampie informazioni-guida per l'e-
In generale sono pertanto ben con- same radiografico di giunti di acciaio
L'esame radiografico è fondamen-
trollabili le saldature eseguite con o nichel e sue leghe, fino allo spesso-
tale per il controllo della qualità delle
procedimenti automatici e quelle ef- re massimo di 200 mm; ma è soprat-
saldature e di molti altri manufatti me-
fettuate manualmente sotto protezio- tutto da ricordare la norma UNI 7278
tallici e non; esso viene ampiamente
ne grassosa (TIG, MIG). «Gradi di difettosità sulle saldature te-
utilizzato anche per la messa a punto
I liquidi penetranti costituiscono dei procedimenti di saldatura e per la sta a testa riferiti al controllo radio-
per le saldature degli acciai inossida- qualificazione dei saldatori. Con que- grafico; dimensioni, simboli ed esem-
bili austenitici (non magnetizzabili) un sto metodo possono essere eviden- pi di applicazioni» che per la quantità
mezzo fondamentale di controllo non ziati quasi tutti i difetti o le disconti- e la qualità delle indicazioni fornite
distruttivo, che ben si adatta alle con- nuità metalliche delle saldature e può essere di grande aiuto a chi, co-
dizioni geometriche dei cordoni quasi cioè: porosità, cricche, mancanze di me il progettista, debba stabilire eri-
sempre realizzati con procedimenti penetrazione e di fusione, inclusioni teri di valutazione per l'interpretazio-
automatici (placcature) o comunque solide, gassose, ecc. ne radiografica o addirittura definire
sotto protezione di gas inerte. «classi dì qualità» delle saldature rife-
I difetti bidimensionali, come le rite all'esame radiografico, per diver-
I prodotti più usati, per tali applica- cricche o la mancanza di fusione di se categorie di costruzioni saldate.
zioni, sono in genere quelli lavabili un lembo, possono tuttavia essere ri-
con acqua, sia del tipo colorato che levati soltanto se il fascio di radiazio-
fluorescente, con basso contenuto di ne è opportunamente orientato; in li- 7.5. Esame ultrasonoro
alogeni che, sugli acciai inossidabili nea di principio per evitare distorsioni
e rilevanti differenze di annerimento L'esame ultrasonoro è da conside-
austenitici, possono dar luogo a stati
sulla pellicola, il fascio deve essere rarsi, in generale, l'alternativa al con-
di aggressione chimica.
quanto più possibile perpendicolare trollo radiografico di cui può, come
In Italia il controllo con liquidi pene- alla superficie da radiografare. già anticipato, rappresentare il giusto
tranti delle saldature è normalizzato complemento in quei casi in cui la ra-
dalla norma UNI 7679. Sono pertanto radiografabili in ge- diografia non è da sola sufficiente-
nere solo i giunti di testa, poiché la mente affidabile (per esempio per la
radiografia delle saldature a T e d'an- ricerca di difetti bidimensionali di sal-
7.3. Controllo Magnetoscopio golo comporta una sensibile altera- datura non favorevolmente orientati,
zione dell'immagine, a causa delle per giunti a T o d'angolo, nonché per
Questo metodo di controllo superfi-
variazioni di spessore attraversato giunti di elevato spessore).
ciale e subsuperficiale può essere
dai raggi.
applicato, come già detto, solo su Sono a tutti gli altri vantaggi appli-
materiali ferromagnetici; sugli acciai Esistono ormai consolidate espe- cativi del metodo ultrasonoro (soprat-
inossidabili austenitici, non si può rienze di impiego tradotte in norme, tutto per il controllo di componenti in
pertanto utilizzare tale controllo, che prescrizioni e specifiche, tali da ga- esercizio) e non ci sembra qui neces-
viene comunque regolarmente usato rantire la corretta applicazione del sario ricordarli.

39 I LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


Tuttavia nel controllo ultrasonoro fiff.2
delle saldature l'esperienza dell'ope-
ratore e la sua preparazione sono
fondamentali per fa validità dei risul-
tati dell'indagine (che non determina
un documento finale, come la radio-
grafia, oggettivamente interpretabile
e confrontabile).

L'individuazione dei difetti, il loro ri-


conoscimento (auspicabile anche
quando non richiesto), e il dimensio-
namento sono tutti momenti nei quali
esperienza, serietà e precisione gio-
cano ruoli decisivi.
La valutazione della affidabilità di
un giunto in servizio o più in generale
la valutazione della accettabilità di un
difetto con criteri di meccanica della
frattura valorizza l'utilizzo dell'esame
ultrasonoro e, all'interno di questo,
l'adozione di tecniche di rilevazione e
dimensionamento tisicamente fonda-
te, sperimentate e validate.
Una limitazione per il controllo ul-
trasonoro delle saldature è rappre-
sentata dalle difficoltà causate dalle
strutture a grano di grosse dimensio-
ni. Le saldature d'acciaio austenitico
sono uno degli esempi più noti di tali )) ) ) ]
difficoltà. j
Il controllo ultrasonoro di tali giunti
è stato oggetto di crescente interesse
i
i
perché tale materiale è usato in im-
pianti importanti, specialmente di tipo
nucleare.
;)) ) ;>ì.';-;.' r- •'--...,.

Le principali difficoltà che si incon-


" • • • • • • ' • '

•t^K/'^. '.[
trano sono le seguenti:
— iJ rapporto segnale/disturbo è trop-
)7) ) )
po basso per il metodo a riflessio-
ne di impulsi, a causa delle note-
voli dimensioni del grano e del suo
elevato dentritismo; specialmente
nel caso delle onde trasversali l'e-
levato livello di disturbo è accom-
pagnato da elevata attenuazione
ed anche da irregolarità di propa-
gazione, provocate proprio dall'a-
nisotropia della zona fusa del
giunto saldato;
— la localizzazione, il dimensiona-
mento e l'identificazione dei difetti
effettuati con i metodi classici so-
no inutilizzabili nella maggior par-
te dei casi, poiché non solo l'am-
piezza dei segnali ma anche il
tempo di andata e ritorno delle on-
de ultrasonore non sono così affi-
dabili come nel caso degli acciai

40 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


distruttivi si sono evoluti nel tempo, a giunzione con l'esame ultrasonoro
partire dalle prime applicazioni di tali devono essere adottati criteri di ac-
controlli. cettazione alternativi, ma pur sempre
basati sul concetto del controllo di
qualità.
8.1. Criterio del «Controllo
della qualità» (quality control) Tali criteri devono essere espressi
in termini di perametri ultrasonori ed
II criterio del «Controllo della Quali- includono ad esempio:
tà» è un criterio empirico convenzio-
nale nato una cinquantina di anni fa a) l'ampiezza del segnale;
ferritìci e martensitici; ciò significa, con riferimento a livelli possibili di ca-, b) la lunghezza approssimativa del
per esempio, che la posizione di pacità realizzativa da parte di costrut- difetto;
un difetto non può essere sempre tori normalmente attrezzati e forniti di e) il numero di indicazioni per la lun-
ottenuta da tale tempo di transito mano d'opera adeguatamente adde-
ghezza di saldature presa come ri-
senza una specifica conoscenza strata alla esecuzione di giunti salda-
ferimento.
del comportamento acustico della ti. In altri termini il livello qualitativo
della giunzione è stabilito per con- Con l'uso di criteri del tipo illustrato
zona esaminata.
fronto con un giunto tipo realizzato in non è richiesta una misura precisa
Tuttavia possiamo dire che attual- condizioni di maggiore o minore cura delle dimensioni dei difetti, né un ac-
mente tali esami sono fattibili, anche ed attenzione. Il livello di qualità così certamento preciso della loro natura.
se con difficoltà, con discreta affida- stabilito non ha nessun legame diret- Comunque è opportuno che i difetti
bilità. L'uso di sonde ad onde longitu- to con l'affidabilità della saldatura per siano in qualche modo classificati,
dinali inclinate, a doppio cristallo e la l'uso cui è destinata. per lo meno distinguendo fra difetti
tecnica di indagine per fasce di spes- planari e tridimensionali.
sore (utilzizando per ciascuna là son- Questo criterio in effetti è stato ed
da idonea) hanno portato a potere è tradizionalmente utilizzato al servi- Comunque, la validità dei risultati
esaminare con successo i giunti degli zio del controllo radiografico, adat- dipende dal largo margine di conser-
acciai inossidabili austenitici. tandosi alle possibilità di questo me- vatività con cui vengono valutati i di-
todo di controllo non distruttivo, di da- fetti sulla base di questo criterio.
Va detto comunque che permango- re una immagine proiettata della sal-
no notevoli problemi nello studio del- datura e dei suoi eventuali difetti. In ogni caso, siccome la maggior
ta dinamica dell'eco per la caratteriz- parte delle costruzioni saldate con-
zazione della natura dei riflettori. Tuttavia queste condizioni di accet- trollate con radiografia o ultrasuoni fi-
tabilità, studiate e codificate per l'e- no ad oggi è stata valutata sulla base
Esperienze dell'Istituto su saldatu- same radiografico (ad esempio lun- del criterio del controllo di qualità e
re di spessore da 80 a 140 mm di ac- ghezza massima del difetto, distanza siccome i casi di soddisfacente fun-
ciaio tipo AISI 304L confermano tali minima, ecc), assai male si prestano zionamento sono la stragrande mag-
vantazioni. ad essere utilizzate come criterio di gioranza, è logico considerare suffi-
Segnaliamo su questo argomento qualità per il controllo ultrasonoro. cientemente affidabili i principi che
il manuale sul controllo ultrasonoro hanno guidato i giudizi sulla qualità
In effetti anche in Italia la maggior
dei giunti saldati in acciaio austeniti- delle saldature.
parte della normativa ufficiale per co-
co, pubblicato dall'HW: il testo illustra struzioni saldate fa riferimento a cri-
tutti i problemi che l'esame comporta teri di accettabilità radiografica (ricor-
(esaminandoli dal punto di vista teori- 8.2. Criterio della «affidabilità
diamo la «Raccolta S» della ANCC
co e pratico) e fornisce le linee guida per l'uso»
che regofamenta la costruzione di re-
per preparare efficaci procedure di (fitness for purpose)
cipienti in pressione saldati, il D.M. 1-
esame. 4-83 per la disciplina delle costruzioni Utilizzando il più recente e più
Si ritiene comunque necessario ri- metaliiche civili ed industriali di car- scientifico criterio della affidabilità
cordare che un valido contributo per penteria) così che l'utilizzo del con- per l'uso, il rigetto o l'accettazione
migliorare l'affidabilità del controllo, trollo ultrasonoro (utile per certe geo- dei difetti sono basati sulla considera-
può essere dato da una più appro- metrie, procedimenti ed ubicazioni di zione che il difetto comprometta o
priata definizione di specifiche di sal- giunti saldati) incontra delle difficoltà meno l'utilizzazione del giunto e della
datura atte ad ottenere strutture più nel momento di correlare i risultati costruzione.
fini. con le prescrizioni delle classi di ac-
cettabilità che la normativa impone di Normalmente questo criterio basa
soddisfare (pensiamo per esempio al- le sue valutazioni sulla meccanica
della frattura e richiede la conoscen-
8. Criteri di valutazione la difficoltà di stabilire il numero di po-
za delle dimensioni e della posizione
dei difetti del tipo ri a cm 2 con l'esame ad ultrasuoni o
(nello spessore) dei difetti. General-
discontinuità metallica di riconoscere il tarlo dalla inclusione
di scoria). mente la misura del difetto nel senso
I criteri dì valutazione dei difetti di dello spessore e la sua posizione ri-
saldatura evidenziati dai controlli non Per superare tali difficoltà, in con- spetto alle superfici sono gli elementi

41 | LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n° 211


fondamentali di valutazione. Per tale caratteristiche di una giunzione sal- i primi sono fondati essenzialmen-
motivo il metodo di controllo che me- data, verificandole a fronte di para- te sul livello qualitativo tecnologica-
glio consente l'utilizzo del criterio di metri e valori preventivamente speci- mente ottenibile e quindi sulla possi-
affidabilità per l'uso, è tipicamente ficati. bilità di ottenere con i procedimenti
quello ultrasonoro, ove applicabile, le adottati giunti sani, nonché sull'espe-
Tale controllo comprende te se- rienza di costruzioni gestite senza in-
cui valutazioni devono essere peral-
guenti tre fasi: convenienti; essi sono stati sviluppati
tro estremamente accurate.
— controlli preventivi, quali esame con il progredire del controllo radio-
L'uso di questo criterio è, per ora, grafico a partire dalla fine degli anni
disegni e specifiche; prove di sal-
limitato alle seguenti circostanze: 30, e sono stati quindi adattati al con-
dabilità; qualificazione, procedi-
— valutazione dei difetti rinvenuti du- menti e saldatori; trollo ultrasonoro.
rante ispezioni in servizio; — ispezione: verifiche del rispetto I criteri basati sull'affidabilità han-
— eccezionale deroga in corso di co- delle prescrizioni normative, di no un contenuto più scientifico e
struzione, quando un difetto sia da quelle delle specifiche, dei verbali sfruttano le conoscenze della mecca-
riparare per il criterio di controllo di qualifica, ecc; nica della frattura; sono spesso adot-
della qualità e la riparazione possa — controlli diretti: prove di vario ti- tati in congiunzione tutti i parametri
dar luogo ad inconvenienti (defor- po tra cui le più usate sono quelle dimensionali delle anomalie riscon-
mazioni, strappi lamellari, ...) più non distruttive che per gli acciai trate, ma che pone, come già detto,
seri. inossidabili austenitici sono in ge- problemi di applicazione alle saldatu-
nere limitate ai controlli radiografi- re di acciaio inossidabile.
In ogni caso questo criterio dovreb-
co e con liquidi penetranti, anche
be essere applicato per le classi più
se negli ultimi anni sono state svi-
severe di controllo e le tecniche più 9.3. Tutte te fasi del controllo di
luppate tecniche di controllo ultra-
complete di indagine. qualità delle giunzioni saldate richie-
sonoro, peraltro ancora discusse e
limitatamente impiegate. dono l'usò di personale altamente
Con il criterio, della affidabilità per
specializzato, dall'-lngegnere Salda-
l'uso in accordo con le ipotesi conser-
tore» al 2° o 3° livello in PND; in parti-
vative che si formulano quando si ap-
plica la meccanica della frattura, tutti 9.1. La qualità globale delle salda- colare per il controllo finale il rigore e
i difetti sono considerati planari, per ture, per quanto riguarda i difetti me- la serietà nella valutazione del perso-
cui, a rigore, l'interpretazione della tallurgici ed esecutivi, può essere ef- nale è indispensabile e tutte le azioni
loro natura non è strettamente neces- ficacemente ed economicamente ri- volte a garantire imparzialità in tale
saria. levata, misurata e verificata solo me- giudizio devono essere accolte con
diante l'insieme delle indagini pre- favore. !
È invece indispensabile utilizzare ventive, ispettive e finali suddette.
operatori estremamente abili ed
esperti per il riconoscimento degli in- Bibliografia
viluppi dinamici dell'eco e per la ese- 9.2. Le prove non distruttive rap-
presentano comunque un elemento [11 COSTA.G., Principali problemi dì saldatu-
cuzione di misure dimensionali accu- ra e controllo delle costruzioni metallìche,
rate, dati che comunque restano tutti fondamentale nell'accertamento del- ediz. Istituto Italiano della Saldatura, Ge-
di difficile determinazione, in quanto la qualità delle saldature per quanto nova 1985.
[2] AIM, Le prove non distruttive, ediz, Asso-
variabili caso per caso, in particolare riguarda l'individuazione dei difetti ciazione Italiana di Metallurgia, Milano
nel campo degli acciai inossidabili del tipo discontinuità metatliche. 1984. .
|3] TROVA A., LEZZI F., Istituto Italiano della
austenitici. I criteri di accettabilità dei difetti Saldatura, principi di controlio dei giunti
possono essere di tipo empirico con- saldati, Convegno «Ultrasuoni ed emissio-
ne acustica nel controllo delle saldature",
9. Conclusioni venzionale («quality contrai», gene- organizzato da A.I.P.N.D. - U.S. - ITIS
ralmente adottati in costruzione), op- GRASSI, Torino 1985.
pure basati sull'affidabilità per l'uso 14] IIW-VC-423/84, Handbook on thè ultraso-
II controllo di qualità delle saldatu- nic Examìnation of Austenitic Welds, Isti-
re, in particolare di quelle di acciaio («fitness for purpose», talvolta già tuto Internazionale della Saldatura, 1984.
inossidabile, può essere definito co- adottati come collaudo finale, o in ca- [5J BETTI F., Nuovo Pignone, Ultrasonlc
examìnation for stainless Steel welds, 3rd
me quell'insieme di operazioni che si particolari come l'ispezione in ser- European Conference on Mondestructive
permettono di rilevare e misurare le vizio). Testing, Florence 1984.

42 | LA MECCANICA ITALIANA novèmbre 1987 n° 211