Sei sulla pagina 1di 6

ESERCIZI SUGLI INTEGRALI DOPPI

ESEMPIO 1 Calcolare
x
Z Z
dxdy,
D y2
dove
x2
 
2 2
D= (x, y) ∈ R : 1 ≤ x ≤ 2, − y ≤ 0, y − x ≤ 0 .
2

Calcoliamo questo integrale vedendo D come dominio y-semplice. Ab-


biamo
Z 2 Z x2 !
x x
Z Z
dxdy = dy dx
D y x2 /2 y
2 2
1
Z 2 x2
x
= − dx
1 y x2 /2
Z 2 
1 2
= − + dx
1 x x
Z 2
1
= dx = ln 2.
1 x

ESEMPIO 2 Calcolare
xy
Z Z
p dxdy,
D x2 + y 2
dove
( √ )
3
D= (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 − 9 ≤ 0, x2 + y 2 − 1 ≥ 0, y ≥ 0, y ≥ x .
3

Calcoliamo questo integrale in coordinate polari centrate in (0, 0), cioè


con il cambiamento di variabili

x = ρ cos θ
y = ρ sin θ
1
2

dove in questo caso


hπ i
θ∈ , π , ρ ∈ [1, 3].
6
Allora abbiamo che
Z π Z 3
xy ρ cos θ · ρ sin θ
Z Z
p dxdy = p · ρ dρ dθ
D x2 + y 2 π/6 1 ρ2 cos2 θ + ρ2 sin2 θ
Z π Z 3 
2
= ρ cos θ sin θ dρ dθ
π/6 1
Z π Z 3 
2
= cos θ sin θ ρ dρ dθ
π/6 1
π 3
ρ3
Z 
= cos θ sin θ dθ
π/6 3 1
 Z π
1
= 9− cos θ sin θ dθ
3 π/6
 Z π
26 1
= · − (−2 cos θ sin θ) dθ
3 2 π/6
13  2 π
= − cos θ π/6
3  
13 3 13
= − 1− =− .
3 4 12

ESEMPIO 3 Calcolare con un opportuno cambiamento di variabili


Z Z
xy dxdy,
S

dove
S = (x, y) ∈ R2 : 0 < x ≤ y ≤ 2x, 1 ≤ xy ≤ 2 .


Innanzitutto osserviamo che un opportuno cambiamento di coordinate


suggerito dalle condizioni in S è

xy = u
y
x
=v .
Stiamo cioè considerando la trasformazione Ψ : R2 → R2 definita da
 y
Ψ(x, y) = (Ψ1 (x, y), Ψ2 (x, y)) = xy, ,
x
3

la cui trasformazione inversa è Φ : R2 → R2 definita da


u √
r 
Φ(u, v) = , uv .
v
Mediante questo cambiamento di variabili l’insieme S diventa (nelle
nuove coordinate)
T = Φ(S) = (u, v) ∈ R2 : 1 ≤ u ≤ 2, 1 ≤ v ≤ 2 .


Ci riconduciamo quindi a calcolare


Z Z
u|detJΦ (u, v)| dudv,
T
dove JΦ (·, ·) è la matrice jacobiana associata alla trasformazione Φ.
Prima di procedere con il calcolo di questo integrale, è utile osservare
che
1
det(JΦ ) = ,
det(JΨ )
essendo in questo caso la matrice Jacobiana JΨ associata alla trasfor-
mazione Ψ più semplice di JΦ . Abbiamo infatti che
   
Dx Ψ 1 Dy Ψ 1 y x
JΨ (x, y) = = .
Dx Ψ 2 Dy Ψ 2 −y/x2 1/x
y
Quindi, poiché = v, abbiamo che
x
y y y
det(JΨ ) = + = 2 = 2v
x x x
e per quanto osservato prima
1
det(JΦ (u, v)) = .
2v
Allora
Z Z Z Z
xy dxdy = u|detJΦ (u, v)| dudv
S T
u
Z Z
= dudv
T 2v
Z 2 Z 2 
u
= du dv
1 1 2v
Z 2  2
1 u2
= dv
1 2v 2 1
Z 2  
1 1
= 2− dv
1 2v 2
3 3
= [ln |v|]21 = ln 2.
4 4
4

ESERCIZI PROPOSTI.

• Sia D = [3, 4] × [1, 2]. Calcolare


1
Z Z
dxdy.
D (x + y)2

• Calcolare Z Z
x2 ey dxdy,
T
dove T è il quadrato di vertici (0, 1), (1, 0), (0, −1) e (−1, 0).

• Calcolare Z Z
x2 (y + 1) dxdy,
T
dove T è il triangolo di vertici (0, 0), (2, 0) e (0, 2).

• Sia D = {(x, y) ∈ R2 : y ≥ 0, y − x − 3 ≤ 0, y + x − 3 ≤ 0}. Cal-


colare Z Z
xy 2 dxdy.
D

• Sia D = {(x, y) ∈ R2 : x − y 2 + 4 ≥ 0, x + y 2 − 4 ≤ 0}. Calcolare


Z Z
yex dxdy.
D

• Calcolare Z Z
(x2 + y 2 − y + 1) dxdy,
A
dove A è la corona circolare delimitata dalle circonferenze di raggi 2 e
3, centrate nel punto (1, 2).

• Sia D = {(x, y) ∈ R2 : 1 ≤ x2 + y 2 ≤ 4, 0 ≤ x ≤ y}. Calcolare


Z Z
x2 y dxdy.
D

• Sia E = {(x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, y ≥ x2 − 1}. Calcolare


Z Z
x2 dxdy.
E
5

 √
• Sia E = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, 0 ≤ y ≤ 3x . Calcolare
Z Z p 2
x + y2
dxdy.
E 1+x +y
2 2

n o
2 2 2 1 √1
• Sia E = (x, y) ∈ R : x + y ≤ 4 , 3 x ≤ y ≤ 0 . Calcolare
1
Z Z
dxdy.
E 1 − (x + y )
2 2

n o
• Sia E = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 14 , √13 x ≤ y ≤ 0 . Calcolare
1
Z Z
dxdy.
E 1 − (x + y )
2 2

n o
• Sia E = (x, y) ∈ R2 : 0 < √13 y < x < y, x2 + y 2 < 1 . Calcolare
Z Z
x2 cos(x2 + y 2 )2 dxdy.
E

• Siano
f (x, y) = (y − 3x) log(2x + y)
e
D = (x, y) ∈ R2 : x ≥ 0, y ≥ 0, 3x + 1 ≤ y ≤ 3x + 3, 3 ≤ y + 2x ≤ 5 .


Calcolare Z Z
f (x, y) dxdy.
D

• Sia A = {(x, y) ∈ R2 : 1 < xy < 2, 1 < x < 2}. Calcolare


Z Z
x2 yexy dxdy.
A

• Sia E = {(x, y) ∈ R2 : 1 < xy < 3, 1 < x < 3}. Con un opportuno


cambiamento di variabili calcolare
3
Z Z
dxdy.
E 1 + 9x y
2 2

• Sia D = {(x, y) ∈ R2 : 0 ≤ y − x2 ≤ 2, 2 ≤ y + x2 ≤ 3, x > 0}. Me-


diante un opportuno cambiamento di variabili calcolare
Z Z
x dxdy.
D
6

• Sia D = {(x, y) ∈ R2 : x2 − 3 ≤ y ≤ x2 + 3, −1 < x < 1}. Calcolare


Z Z
2
(2x − y)ey−x dxdy.
D
Può essere opportuno il seguente cambiamento di variabili
u = y − x2 v = x.