Sei sulla pagina 1di 4

Illuminismo

A) Linee generali L’illuminismo è un movimento di pensiero che si fonda sulla ragione e che si impegna a
utilizzare la ragione in modo libero e pubblico, con lo scopo di migliorare in concreto la vita.
=> L’illuminismo vaglia alla luce della ragione ogni realtà, per determinare il vero e il falso, e accetta
solo le realtà che appaiono corrette e che sono di utilità alla società.
B) Legame con la borghesia: Borghesia: - classe emergente
=> vuole rompere con il passato
- dinamica
- promuove il progresso, che permette un maggiore sviluppo economico
=> L’illuminismo è un movimento culturale sostenuto principalmente dalla borghesia

C) L’Illuminismo e il passato: le novità della ragione illuminista

Precedenti dell’Illuminismo: - Rinascimento e Umanesimo


- Rivoluzione scientifica

- Quale movimento filosofico rappresenta meglio la rivoluzione scientifica:

NO: Bacone e Cartesio: - non hanno una concezione matura della scienza
- non hanno una concezione matura delle applicazioni pratiche della scienza
SI: Illuminismo: - ha una concezione matura e completa della scienza
- ha una concezione matura delle applicazioni pratiche della scienza

Legami con Razionalismo e Empirismo

Razionalismo: - legami: - crede nella ragione


- differenze: - la ragione non assume valori assoluti, ma ha validità solo nel mondo empirico
- la ragione può indagare tutti i campi del mondo sensibile, senza escluderne
nessuno ( Per esempio Cartesio, razionalista, escludeva dalla ragione la
politica e la morale)

Empiristi: - legame: - l’Illuminismo agisce nel mondo empirico


- differenza: - l’illuminista ha più fiducia nelle capacità dell’uomo
- l’illuminista ha più impegno sociale

Ragione illuminista: - agisce nel mondo empirico, e non ha valore assoluto


=> La ragione è limitata dal mondo fisico
- non pretende di escludere le emozioni e l’istinto
=> nascita del sentimento
Sentimento: - la terza facoltà dell’uomo, oltre a quelle tradizionali di anima e corpo.
- concetto introdotto dagli illuministi e studiato per la prima volta da Kant nella Critica del
Giudizio
- occupa un grado intermedio tra intelletto e fisicità dell’uomo.
- passione: sentimento dominante, che arriva a modificare la personalità dell’uomo

D) Il progresso e la storia

Storia: passato: - atteggiamento pessimistico


- epoca negativa per la storia dell’uomo
presente e futuro: - atteggiamento ottimista
- epoche positive e di progresso

La ragione deve essere uno strumento di progresso concreto della società.


=> L’intellettuale ha un impegno concreto nella società.
Evoluzione della storia: - percorso lineare da un’epoca selvaggia e di ignoranza ad un’epoca civilizzata e
di conoscenza
- il percorso della storia dipende dallo sviluppo della ragione e della conoscenza
umana
- quando la ragione compie nuove conquista, la storia progredisce, quando la
ragione non fa nuove scoperte, la storia non progredisce
- Il percorso storico è uno sforzo di progresso che l’uomo compie
=> la storia è un percorso tortuoso: certe volte il progresso avanza, altre volte resta fermo
Storiografia: - verifica attentamente le fonti
- non dà importanza solo a politica, diplomazia e guerra (come in passato), ma esamina
anche economia, scienza, letteratura e arte.
- ha una visione generale del percorso di evoluzione dell’uomo
- valuta le epoche in base al loro contributo al progresso della ragione umana
E) La politica
Ragione al servizio del bene dell’uomo => impegno politico degli Illuministi
Politica: prima: arte di difesa, offesa e dominio
ora: arte al servizio dell’uomo e dei suoi diritti naturali

Diritti naturali: prima: diritti solo teorici


ora: diritti da applicare nel concreto, mutando le strutture sociali
La felicità:
Condizione: - pace tra gli uomini
- soddisfacimento dei bisogni dell’uomo

=> a) abbattimento di ciò che crea discordia : => - pacifismo


- cosmopolitismo (assenza di barriere nazionali)

b) miglioramento delle condizioni di vita: => - filantropia ( senso di aiuto reciproco tra gli uomini)
- incoraggiamento di scienze economiche e sociali
- promozione di industria e scienza
L’illuminismo crede nella realizzazione dell’uomo attraverso il sapere
=> fiducia ottimista nella scienza
I diritti civili:
1) Uguaglianza
tutti gli uomini sono dotati di ragione => tutti gli uomini sono uguali
Uguaglianza: sì: dei diritti => parità davanti alla legge
+no: di voto: non c’era uguaglianza nel voto politico
sociale: esistono disuguaglianze di ricchezza, giustificate dagli illuministi
Ispira la dichiarazione dei diritti dell’uomo statunitense e francese
2) Libertà
Libertà: SI: - civile: libertà di pensiero
libertà di parole
libertà di stampa
- libertà da: si è liberi dal dominio di: Chiesa - Nobili - Sovrano
NO: libertà di: libertà di partecipare attivamente alla vita politica dello stato
La libertà illuminista libera dalle oppressioni, ma non offre nuove possibilità, come il voto, ai cittadini.
3) Tolleranza
Fanatismo: - opposto della tolleranza
- dogmatismo e assolutismo portati alle estreme conseguenze
- l’uomo ritiene che la sua verità sia l’unica vera e la vuole imporre con la forza
Tolleranza: - pluralità: ammissione dell’esistenza di più atteggiamenti nei confronti della vita
- coesistenza delle varie pluralità
- include ogni settore umano
Lo stato:
a) laico: permette a tutte le religioni di avere lo stesso valore
b) governato da leggi: il giudizio è affidato a elementi imparziali, le leggi, mentre l’uomo sarebbe parte
c) proprietà: garantisce l’ordine sociale
ILLUMINISMO

Sviluppatosi nel XVII secolo in Inghilterra Locke = empirismo


Newton = scienza in Francia= Voltaire, Diderot, Montesquieu.
TESI CENTRALE la ragione sta nel fondamento del conoscere e dell’agire Umano.
“ uso libero e pubblico della ragione, al fine di migliorare le Condizioni materiali e spirituali della vita.”

ANALISI DELLA CONDIZIONE UMANA


L’incapacità di utilizzare la ragione ha fatto sì che nel corso della storia, la vita umana fosse
dominata da forze irrazionali. Le cose da combattere sono l’autorità, la violenza, la fede, la
superstizione e la tradizione.
Definizione di Kant dell’illuminismo: l’uscita dell’uomo dallo stato di minorità che egli deve
imputare a se stesso.
La minorità = l’incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro.
Imputabile a se stesso è questa minorità, se non dipende da un difetto d’intelligenza, ma dalla
mancanza di coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro.
IMMAGINI DELL’ILLUMINISMO
1. LUCE / TENEBRE la funzione del sapere è di liberare l’uomo
dall’ignoranza che è la causa del male.
Tribunale della ragione sottoporre alla critica ogni forma di sapere e
dell’agire in ogni campo, al fine di verificarne la razionalità.
RAGIONE VERITA PROGRESSO.
2. FIGURA DELL’INTELLETTUALE Non contempla semplicemente la verità, ma deve prendersi
l’impegno di riformare la realtà, al fine di garantire il progresso sia spirituale che materiale,
attraverso la divulgazione del sapere.
La guerra per la liberazione dell’uomo è una guerra di idee.

3. TESI TIPICHE DELL’ILLUMINISMO:


 Esaltazione della ragione e della libertà.
 Rifiuto del dogmatismo.
 Rifiuto del principio di autorità.
 Critica della tradizione.
 Denuncia dell’oppressione politica e religiosa.
 Esaltazione della scienza e del progresso.
 Ideale di tolleranza religiosa.
 Riformismo politico.
ILLUMINISMO , BORGHESIA E RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
1. CONTESTO STORICO – BORGHESIA. Ascesa politico –economica della borghesia.
Lotta della borghesia con l’aristocrazia per l’egemonia.
Illuminismo: nuova concezione del mondo e della società, antitetica a quella tradizionale e che:
 La borghesia fa propria
 E ne incarna i valori (scienza, progresso, rifiuto dei privilegi e del feudalesimo e razionalità).
 Al fine di garantirsi il predominio culturale.
2. CONTESTO CULTURALE – SCIENZA.
L’illuminismo si pone come espressione filosofica della rivoluzione scientifica.
Tesi centrale: l’illuminismo assume il metodo scientifico (osservazione, calcolo esperimento
e verifica) come il solo metodo valido del sapere.
3. CONSEGUENZE.
 Lotta con tutto ciò che ostacola la scienza (dogmatismo, religione intolleranza).
 Rifiuto di ogni sapere che non sia fondato sul metodo scientifico (metafisica e religione).
 Concezione attiva del conoscere del sapere è potere e utili
ILLUMINISMO E RAZIONALIMO
EREDITA’ CARTESIO Evidenza razionale
Fondamento sapere
Autonomia e Supremazia ragione
DIFFERENZE
 Rifiuto idea dell’infallibilità della ragione
 Rifiuto esistenza delle Idee Innate
 Limite ragione = Esperienza
 Estensione dominio della ragione anche alla politica e alla morale
 Rifiuto idea di Sistema Insieme ordinato di Conoscenze
Deducibili da alcune Idee Innate Presenti a Priori nella mente

ILLUMINISMO E EMPIRISMO
EREDITA’
 Esperienza fonte conoscenza
 Necessità verifica empirica
 Intrascendibilità dei dati empirici
DIFFERENZE
 Fiducia nelle possibilità conoscitive umane: rifiuto Scetticismo
 Maggiore radicalità nella critica alla politica e morali tradizionali
CONCLUSIONI la ragione
 Non è assoluta né onnipotente
 È finita e limitata dall’esperienza
 Va estesa ad ogni ambito dell’agire umano
 Non è la sola dimensione dell’esistenza umana: passioni, emozioni, ecc.

L’ILLUMINISMO E L’IDEA DI PROGRESSO

Illuminismo e Storia Pessimismo: rifiuto del passato


Ottimismo: fiducia nel futuro
Progetto
 Critica razionale del passato
 Riedificazione di una nuova società
 Fondata sulla ragione
 Fiducia nel futuro ed attivismo

Obbiettivo Civiltà
 Educazione Enciclopedia Arti e scienze
 Impegno Umano
 Ragione Umana è il soggetto della storia
 Problematicità Progresso: non è necessariamente garantito,
dipende dallo sforzo dell’uomo