Sei sulla pagina 1di 39

001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 3

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

ANTONIO ARDOLINO

SCALE E SBALZI
CALCOLO ED ESECUTIVI DI SBALZI D’ANGOLO
E SCALE A SOLETTA RAMPANTE
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 4

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

@
SERVIZI GRATUITI ON LINE
Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line:
• filodiretto con gli autori
• le risposte degli autori a quesiti precedenti
• files di aggiornamento al testo e/o al programma allegato.
L'indirizzo per accedere ai servizi è: www.darioflaccovio.it/scheda/?codice=DF7442
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 5

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI


INDICE

PARTE PRIMA
Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale

Capitolo 1 – Principi generali


1.1. Premessa .................................................................................................................... pag. 9
1.2. I materiali da costruzione .......................................................................................... » 9
1.2.1. Il conglomerato cementizio e i suoi componenti.......................................... » 9
1.2.1.1. Il cemento ........................................................................................ » 10
1.2.1.2. L’acqua ............................................................................................ » 11
1.2.1.3. I materiali lapidei ............................................................................ » 12
1.2.1.4. Gli additivi ...................................................................................... » 13
1.2.1.5. Le caratteristiche dell’impasto ........................................................ » 14
1.2.2. L’acciaio .......................................................................................................... » 16
1.3. La normativa di riferimento ...................................................................................... » 17
1.3.1. Estratto dal D.M. 9 gennaio 1996 .................................................................. » 18
1.3.2. Estratto dal D.M. 14 settembre 2005 .............................................................. » 20
1.4. Cenni sul metodo delle tensioni ammissibili ............................................................ » 27
1.5. Definizione degli stati limite .................................................................................... » 32
1.6. Progetto della sezione rettangolare inflessa .............................................................. » 35
1.6.1. Esempio di calcolo .......................................................................................... » 41
1.7. Equazioni adimensionalizzate .................................................................................. » 42
1.7.1. Esempio di calcolo .......................................................................................... » 44
1.8. Ancora sulla sezione rettangolare inflessa ................................................................ » 45

Capitolo 2 – Gli schemi di calcolo per i solai


2.1. Premessa .................................................................................................................... » 49
2.2. L’impalcato ................................................................................................................ » 49
2.2.1. Schemi di calcolo .......................................................................................... » 50
2.2.1.1. Il concetto di fascia .......................................................................... » 50
2.2.2. Le armature .................................................................................................. » 53
2.2.3. Casi particolari di solai ................................................................................ » 53
2.2.3.1. Solai ad asse spezzato ...................................................................... » 54
2.2.3.2. Sbalzi d’angolo ................................................................................ » 55
2.2.3.3. Sbalzo laterale .................................................................................. » 57

Capitolo 3 – Il calcolo di uno sbalzo


3.1. Lo sbalzo d’angolo .................................................................................................... » 59
3.1.1. Metodo delle tensioni ammissibili ................................................................ » 60
3.1.2. Metodo agli stati limite ................................................................................ » 62
3.1.3. Metodo agli stati limite semplificato ............................................................ » 63
3.2. La trave di contrappeso ............................................................................................ » 63
3.2.1. Metodo delle tensioni ammissibili ................................................................ » 64
3.2.2. Metodo agli stati limite ................................................................................ » 66
3.3. Lo sbalzo laterale ...................................................................................................... » 68
3.3.1. Calcolo di fascia piena e semipiena nello sbalzo ........................................ » 68
3.3.2. Calcolo armature nello sbalzo ...................................................................... » 70
3.3.3. Calcolo travetti .............................................................................................. » 70
3.3.4. Travetti del solaio retrostante........................................................................ » 72

Capitolo 4 – Il calcolo di una scala a soletta rampante


4.1. Geometria e aspetti tecnologici della scala .............................................................. » 73
4.2. Classificazione delle scale ........................................................................................ » 75
4.3. Sfalsamento delle scale ............................................................................................ » 78
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 6

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI


4.4. Tipologie tecniche .................................................................................................... » 81
4.5. Norme sulle scale ...................................................................................................... » 84
4.6. Esempio di calcolo di una scala ad una rampa ........................................................ » 86
4.6.1. Analisi dei carichi ........................................................................................ » 87
4.6.2. Calcolo dei momenti massimi ...................................................................... » 87
4.6.3. Calcolo delle armature (metodo delle equazioni adimensionalizzate) ........ » 89
4.6.4. Calcolo delle armature (metodo semplificato).............................................. » 90

PARTE SECONDA
Il programma allegato

Capitolo 1 – Utilizzo del software


1.1. Generalità .................................................................................................................. » 93
1.2. Installazione .............................................................................................................. » 93
1.2.1. Attivazione del programma .......................................................................... » 94
1.2.1.1. Il sistema di protezione .................................................................... » 94
1.2.1.2. Attivazione via Internet.................................................................... » 94
1.2.1.3. Istruzioni per la attivazione via Internet .......................................... » 94
1.2.2. La chiave software ........................................................................................ » 95
1.2.2.1. Come collegare la chiave per la prima volta .................................. » 95
1.2.2.2. Come scollegare la chiave .............................................................. » 95
1.2.2.3. Come collegare una chiave scollegata ............................................ » 95
1.2.2.4. Esempi riepilogativi sull’utilizzo della chiave software.................. » 96
1.2.3. Attivazione telefonica .................................................................................. » 96
1.3. Assistenza tecnica...................................................................................................... » 96
1.4. Partenza del programma............................................................................................ » 96
1.5. Menu principale ........................................................................................................ » 97
1.5.1. Menu FILE ...................................................................................................... » 97
1.5.2. Menu MODIFICA.............................................................................................. » 98
1.5.3. Menu SBALZO D’ANGOLO................................................................................ » 99
1.5.4. Menu SCALA A SOLETTA RAMPANTE .............................................................. » 99
1.5.5. Menu RAMPA A SOLETTA RAMPANTE .............................................................. » 100
1.5.6. Menu TIPO DI AUTOCAD .............................................................................. » 100
1.6. Possibili problemi con AutoCAD.............................................................................. » 101

Capitolo 2 – Sbalzo d’angolo


2.1. Prima pagina dati ...................................................................................................... » 103
2.2. Seconda pagina dati .................................................................................................. » 107
2.3. Calcolo e definizione degli esecutivi ........................................................................ » 109

Capitolo 3 – Scala a soletta rampante


3.1. Prima pagina dati ...................................................................................................... » 113
3.2. Seconda pagina dati .................................................................................................. » 117
3.3. Calcolo e definizione degli esecutivi ........................................................................ » 120
3.4. La singola rampa ...................................................................................................... » 122

Capitolo 4 – Esempi pratici


4.1. Calcolo di uno sbalzo d’angolo ................................................................................ » 123
4.2. Calcolo di una scala a soletta rampante .................................................................... » 128
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 7

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

PARTE PRIMA

Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale


001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 9

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CAPITOLO 1
PRINCIPI GENERALI

1.1. PREMESSA
In questo primo capitolo sono riportati i principi fondamentali sui quali si basa
la teoria del cemento armato. Ampio spazio è dedicato alle caratteristiche dei
materiali e al legame costitutivo acciaio calcestruzzo. Per comodità del lettore è
stata riportata integralmente la normativa di riferimento relativa alle strutture in
esame.

1.2. I MATERIALI DA COSTRUZIONE


Il calcestruzzo cementizio armato è formato dall’accoppiamento del calcestruz-
zo e dell’acciaio. Il primo è un materiale che resiste bene a compressione, il
secondo è un materiale resistente a trazione. Il successo di tale accoppiamento è
dovuto ad alcune circostanze fondamentali: uguale coefficiente di dilatazione ter-
mica; aderenza tra i materiali; capacità che ha il calcestruzzo di proteggere l’ac-
ciaio sia dal fuoco che dalla corrosione. Una caratteristica importante del con-
glomerato cementizio armato è la sua attitudine di essere plasmato in qualsiasi
forma; quando è fresco, infatti, non ha forma propria e quando indurisce acqui-
sisce la forma della geometria della cassaforma.

1.2.1. Il conglomerato cementizio e i suoi componenti


Il calcestruzzo è costituito da cemento + materiale lapideo + acqua.
Un normale conglomerato è composto per ogni metro cubo di impasto da 300 kg
di cemento, 0,400 mc di sabbia, 0,800 mc di ghiaia o pietrisco, 120 - 160 litri di
acqua. Aumentando il quantitativo di cemento e di sabbia rispetto alla ghiaia si
ottengono calcestruzzi grassi che sono utilizzati per strutture particolari come
archi e travate di ponti, capriate, travature reticolari, tubi, ecc., questi, per ogni
m3 di impasto contengono 400 - 500 kg di cemento, 0,450 - 0,500 mc di sabbia,
0,750 - 0,700 mc di ghiaia, 180 - 200 litri di acqua. Riducendo, invece, dall’im-
pasto normale la quantità di cemento a 150 - 200 kg si ottengono i calcestruzzi
magri utilizzati per le fondazioni, i muri, i blocchi.
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 10

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT


PARTE PRIMA – Teoria per il-calcolo
TUTTIdegli
I DIRITTI
sbalzi e RISERVATI
delle scale

1.2.1.1. Il cemento
La scoperta del cemento è avvenuta tra i secoli XVIII e XIX, ma la sua diffusione si è
avuta nella seconda metà dell’800 a seguito di una lunga sperimentazione che ha
portato alla produzione di un legante idraulico con caratteristiche uguali a quelle di
una pietra calcarea esistente nelle isole Portland in Gran Bretagna. Proprio da queste
isole ha preso il nome il cemento portland che è il più diffuso dei leganti idraulici.
Il cemento si ottiene principalmente da materiali quali calcare ed argilla, estratti dal-
le cave, e successivamente trasformati in un prodotto chiamato clinker, il quale, com-
binato con altri componenti, dà luogo a vari tipi di cemento. Il clinker può essere
naturale od artificiale. Il primo si ottiene da materiali (marne) che già contengono i
componenti necessari; il secondo si ottiene da miscele preparate artificialmente.
Per ottenere il clinker si prepara prima la miscela cruda mediante frantumazione,
miscelazione, omogeneizzazione. La seconda fase consiste nella cottura della
miscela, fino ad una temperatura di circa 1450°C, generalmente effettuata in
grandi forni a rotazione.
Il cemento si ottiene con la miscelazione, in proporzioni prestabilite, del clinker
raffreddato e degli altri componenti a secondo del tipo di prodotto finale. Questa mi-
scela viene, infine, macinata fino ad ottenere una polvere finissima ed omogenea.
Nel corso degli anni si è avuto un notevole aumento dei cementi prodotti. Il più
diffuso nel mondo rimane il cemento portland ottenuto dalla macinazione di
clinker con opportune aggiunte di gesso o anidrite. Il Italia è molto diffuso il
cemento pozzolanico anche a causa della larga disponibilità del materiale di base
con cui è ottenuto, la pozzolana, che è di origine vulcanica. Il cemento d’al-
toforno è ottenuto dalla macinazione di clinker con scorie d’altoforno granulate;
il cemento alluminoso è ottenuto dalla macinazione di clinker di calcare e bauxi-
te. Molto importanti sono i cementi speciali il cui impiego è dovuto a particola-
ri necessità, e possono essere prodotti anche su commissione: cementi bianchi,
ferrici, ferrici pozzolanici, per sbarramenti di ritenuta, per pozzi petroliferi.
Il contatto tra cemento ed acqua provoca una reazione di idratazione che fa entra-
re in combinazione i due materiali che formano una massa solida che lega i mate-
riali lapidei. La reazione di idratazione si esplica in due fasi: presa ed indurimento.
La presa è dovuta ad una rapida idratazione di alcuni componenti, mentre l’in-
durimento si deve ad una più lenta idratazione del silicato bicalcico ed alla for-
mazione di idrosilicati gelatinosi, che avvolgono i granuli di cemento, rendendo
più lenta l’idratazione in profondità. La presa dura alcune ore, mentre l’induri-
mento si protrae, è rapido nei primi 28 giorni e più lento nel successivo tempo.
Dopo 7 giorni si raggiungono i tre quarti della resistenza a compressione che il
cemento ha dopo 28 giorni. Durante la presa e l’indurimento si ha un notevole
sviluppo di calore ed una riduzione del volume (ritiro).
I cementi più usati si dividono in: tipo normale e tipo ad alta resistenza. Il primo ha
una resistenza minima a 28 giorni di 325 kg ed è il più diffuso; il secondo ha una
resistenza minima a 28 giorni di 425 kg (o 525 kg se è anche a rapido indurimento)

10
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 11

ABSTRACT
CAPITOLO 1 TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
– Principi generali

e ha il vantaggio del risparmio di tempo nella esecuzione dei lavori in cantiere.


In definitiva, i cementi normalizzati prodotti in Italia sono i seguenti:
• di tipo A (portland, altoforno e pozzolanico);
• di tipo B (alluminoso);
• di tipo C (cementi per sbarramenti di ritenuta).
Per le opere di normali caratteristiche sono da preferire i cementi 325, ma
comunque ragioni particolari possono portare all’uso degli altri. Ad esempio, nel
caso si richieda elevata resistenza meccanica a tempi brevi è preferibile l’uso dei
cementi alluminosi, che vanno usati sempre con maestranze specializzate.
Per le opere in c.a.p. in genere si impiegano i cementi ad alta resistenza e quan-
do la pretensione delle armature avviene in tempi brevi è preferibile il cemento
525 ad alta resistenza e rapido indurimento.
Per i manufatti prefabbricati vanno bene i cementi di tipo A.
Per le opere in ambiente aggressivo si usano i cementi d’alto forno e pozzolanici di
tipo 325 (capaci di fissare in composti stabili la calce che si libera durante la presa)
perché è necessario che nel calcestruzzo indurito non sia presente calce libera.
Per le strutture a faccia-vista si preferiscono i cementi bianchi.
In caso di strutture massicce si utilizzano i cementi di Tipo C anche se sono a
minore resistenza. Infatti, in tali opere il calore d’idratazione viene disperso all’e-
sterno molto lentamente, con accelerazione dell’indurimento del cemento che
provoca fessurazione.
Il dosaggio di cemento è funzione delle modalità di posa in opera, dell’assortimen-
to granulometrico, della forma e dimensione dei getti, della qualità del cemento
impiegato e della resistenza a compressione richiesta per il calcestruzzo. Alti dosag-
gi migliorano la lavorabilità del conglomerato in quanto il cemento favorisce la
plasticità e migliora la fluidità. Dosaggi troppo elevati, però, portano ad un ecces-
sivo ritiro del calcestruzzo, soprattutto quando è alto il rapporto acqua/cemento.

1.2.1.2. L’acqua
L’acqua per gli impasti deve essere limpida, priva di sali (particolarmente solfa-
ti e cloruri) in percentuali dannose e non essere aggressiva.
In genere l’acqua potabile è sempre idonea per confezionare il calcestruzzo, ad
eccezione delle acque sulfuree che, anche se sono potabili, hanno un elevato con-
tenuto di sali. I solfati ed i cloruri, se sono presenti nell’acqua in misura supe-
riore allo 0,5 ÷ 1,0%, provocano una riduzione della resistenza meccanica.
L’acqua di mare può essere utilizzata ma comporta un abbassamento della resi-
stenza meccanica, non può essere adoperata per il cemento armato precompresso.
L’acqua di impasto si divide in acqua di presa, acqua di bagnatura e acqua di
lavorabilità.
L’acqua di presa è la quantità d’acqua necessaria per le reazioni di presa e di
indurimento del cemento ed è funzione della qualità e del dosaggio di cemento
impiegato.

11
001-090 27-06-2007 8:35 Pagina 12

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT


PARTE PRIMA – Teoria per il-calcolo
TUTTIdegli
I DIRITTI
sbalzi e RISERVATI
delle scale

Si può scrivere:
Ap = ap . C
dove ap è l’acqua di presa unitaria in l/kg, mentre C è il dosaggio di cemento in kg/m3.
In genere l’acqua di presa unitaria varia, in funzione della qualità del cemento,
da 0,23 a 0,33 litri per ogni chilogrammo di cemento.
L’acqua di bagnatura serve a bagnare gli inerti. La quantità d’acqua necessaria
per l’impasto è tanto maggiore quanto più sono fini i grani dell’inerte, ed è diret-
tamente proporzionale alla quantità di inerte. Infatti, aumentando la quantità di
inerte o diminuendo i diametri dei granuli aumenta la superficie di inerte e quin-
di l’acqua di bagnatura.
Per l’inerte fino l’acqua di bagnatura unitaria si può calcolare con il metodo della
parabola: si pesa un chilogrammo di inerte fino e si versa su di essa una piccola
quantità d’acqua, rimescolando il tutto. Si riempie un recipiente col miscuglio e
si pesa. Si svuota il recipiente e si aggiunge la stessa piccola quantità d’acqua
messa in precedenza. E così via sempre la stessa operazione mettendo ogni volta
la stessa piccola quantità d’acqua. Man mano i pesi del miscuglio andranno dimi-
nuendo fino a raggiungere un minimo, dopodiché aumenteranno. L’acqua corri-
spondente al peso minimo è l’acqua di bagnatura unitaria.
Per l’inerte grosso si usa un metodo diverso: si riempie un recipiente di inerte e
si pesa; si versa poi acqua nel recipiente fino al suo riempimento. Svuotato il
recipiente si fa scolare l’inerte e lo si pesa ancora bagnato. A questo peso si sot-
trae il peso dell’inerte iniziale (senza bagnatura) e il risultato ottenuto si divide
ancora per il peso iniziale di inerte, ottenendo l’acqua di bagnatura unitaria.
L’acqua di lavorabilità riduce l’attrito tra i materiali migliorando la fluidità e la
lavorabilità.

1.2.1.3. I materiali lapidei


I materiali lapidei o inerti sono lo scheletro portante del conglomerato. Essi si
classificano in naturali ed artificiali. Gli inerti naturali sono quelli che derivano
da fiumi, depositi fluviali, alluvionali, depositi di materiale sciolto. Quelli artifi-
ciali provengono dalla frantumazione di rocce. Gli inerti naturali hanno una
superficie liscia ed arrotondata. Quelli artificiali hanno superficie rugosa ed a
spigoli vivi.
Altra classificazione può essere data dalla dimensione. Gli inerti con dimensio-
ne inferiore a 7 mm sono gli inerti fini e si chiamano sabbie; quelli di dimensio-
ni maggiori di 7 mm sono gli inerti grossi e si chiamano ghiaie e pietrischi a
seconda che si tratti di roccia sciolta o di roccia lapidea frantumata.
Le sabbie naturali, a seconda della roccia da cui provengono, si distinguono in
silicee, quarzose, granitiche, calcaree, gessose. Le più usate sono quelle silicee e
vive (lavate cioè da materiali terrosi, prive di calcari teneri e con una percentua-
le di argilla che non superi il 10%) e preferibilmente di cava o di fiume. È da evi-
tare la sabbia di mare perché contiene salsedine.

12
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 91

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

PARTE SECONDA

Il programma allegato
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 103

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CAPITOLO 2
SBALZO D’ANGOLO

2.1. PRIMA PAGINA DATI


Uno sbalzo d’angolo, nella sua schematizzazione di calcolo, può risultare come
mensola incastrata nel pilastro oppure può essere ancorato nel solaio retrostante
(vedere il paragrafo 1.3.2. della parte prima del testo). Qui è stato considerato
solo il caso di ancoraggio nel solaio retrostante tramite una trave di contrappeso,
schema che comporta minori problemi sul pilastro.
Per lanciare la sezione dello sbalzo basta scegliere INSERIMENTO DATI dal menu
SBALZO D’ANGOLO, oppure cliccando sul relativo pulsante situato nella barra degli
strumenti. Si apriranno le finestre per l’input dati in cui occorre inserire i valori
necessari a caratterizzare lo sbalzo che vogliamo calcolare e disegnare.
L’inserimento dei dati avviene in maniera molto semplice ed intuitiva. Per mag-
giore facilità, oltre che la barra di stato, è stata prevista la presenza di un picco-
lo riquadro in cui appariranno i necessari suggerimenti per l’inserimento dei
valori nelle varie caselle che compongono la finestra.
Nella prima pagina bisogna inserire le caratteristiche dei materiali utilizzati e i
dati geometrici dello sbalzo. Si può, ma non è obbligatorio, descrivere il proble-
ma nella casella OGGETTO, descrizione che sarà riportata nella relazione finale,
ma che non serve al calcolo. È obbligatorio, invece, ma solo ai fini del disegno,
indicare la scala con cui quest’ultimo sarà portato su carta. In genere, per avere
una più chiara e precisa rappresentazione dell’esecutivo, si preferisce utilizzare
la scala 1:20, già memorizzata nella casella corrispondente. L’utente può comun-
que utilizzare la scala che più preferisce, tenendo, però, presente che più la scala
diminuisce (1:50, 1:100, ecc.) più le scritte aumenteranno di dimensione e
potranno sovrapporsi tra loro o con delle linee.
Le caratteristiche dei materiali sono indicate dalla resistenza caratteristica cubi-
ca del calcestruzzo che, in genere, per i casi più utilizzati, vale 250 oppure 300
kg/cmq, dalla tensione ammissibile dell’acciaio (il più usato è 2200 kg/cmq) e
dal coefficiente di omogeneizzazione n che viene posto sempre pari a 15 (solo
tensioni ammissibili).
Le resistenze caratteristiche variano a seconda che si utilizzi la verifica alle ten-
sioni ammissibili oppure quella agli stati limite. Nel secondo caso le resistenze
indicate verranno divise, dal programma, per un coefficiente e diventeranno resi-
stenze di calcolo, con cui si confronteranno le azioni di calcolo ottenute molti-
plicando le azioni agenti sulla struttura per un coefficiente di amplificazione.
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 104

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

Figura 2.1. Indicazione delle dimensioni dello sbalzo

Solo se si sceglie la verifica agli stati limite sarà possibile inserire i valori di que-
sti coefficienti (uno di riduzione per il calcestruzzo, uno di riduzione per l’acciaio
e due di amplificazione dei carichi). In caso di verifica alle tensioni ammissibili
le caselle dei coefficienti saranno disabilitate.
I dati geometrici riguardano principalmente le lunghezze dello sbalzo, sia dalla
parte dello sbalzo di prosecuzione che dalla parte dello sbalzo laterale. Non è

104
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 105

CAPITOLO 2 TRATTO
ABSTRACT – Sbalzo d’angolo
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Figura 2.2
Prima pagina
sessione sbalzi

accettato un valore minore di 50 cm. Occorre, poi, inserire le dimensioni della


sezione del pilastro e indicare la direzione dei travetti del solaio inserendo le let-
tere V oppure O a seconda che il verso sia verticale o orizzontale (figura 2.1). In
figura 2.2 è visualizzato il caso in cui la direzione dei travetti è verticale.
Indicare poi le larghezze delle due travi che confluiscono nel pilastro, ed infine
gli scostamenti tra i centri delle travi e dei pilastri. Questi ultimi servono per l’al-
lineamento tra travi e pilastro. Cambiando il loro valore si sposta la trave fino
alla posizione voluta.
In ogni momento si possono controllare gli effetti dei dati inseriti osservando il
disegno.

I campi della prima finestra di dati sono:

OGGETTO Indicare, in questo campo, una descrizione del calcolo che


si va ad effettuare. Quanto riportato in questo campo viene
copiato semplicemente nella relazione di calcolo finale. Ad
esempio si può scrivere qualcosa che indichi la posizione
dello sbalzo: Sbalzo n. 1 del piano primo.

SCALA DEL DISEGNO Indicare in che scala si stamperà il disegno finale. Inserire
20 per la scala 1:20; 50 per la scala 1:50, ecc. Il valore di
default è 20, che è la scala più adatta per questo tipo di par-
ticolari. Il valore di questo campo agirà esclusivamente sulla
dimensione dei caratteri e dei numeri del disegno. Le linee
saranno disegnate sempre con la scala: 1 unità video = 1 m.

105
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 106

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

RESISTENZA RCK Inserire il valore della resistenza caratteristica cubica del


DEL CALCESTRUZZO calcestruzzo. I valori consigliati variano da 150 a 500
kg/cmq, ma quelli utilizzati frequentemente sono 250-300.
Da questo valore il programma calcolerà la tensione di rot-
tura di calcolo fc.

TENSIONE AMMISSIBILE Il valore da inserire in questo campo dipende dal tipo di


DEL FERRI verifica che si va a fare. Per le tensioni ammissibili occorre
indicare la tensione ammissibile del ferro in kg/cmq. Per le
usuali armature potremo avere: 1600-1900-2200-2600. Per
gli stati limite occorre indicare la tensione caratteristica di
snervamento che potrà essere: 2150-3150-3750-4300.

AMPLIF.CARICHI Composto da due campi. Nel primo bisogna indicare il


coefficiente amplificativo dei carichi γg (peso proprio +
permanenti); l’EC2 lo pone pari a 1.4. Nel secondo indica-
re il coefficiente amplificativo γq (accidentali); l’EC2 lo
pone pari a 1,5. I due campi saranno disabilitati se è sele-
zionato il metodo delle tensioni ammissibili.

COEFF. PER CLS Indicare il coefficiente riduttivo per il calcestruzzo γc. La


normativa attuale fornisce 1.5 per il cemento armato pre-
compresso ed 1,6 per il cemento armato e il cemento arma-
to parzialmente compresso. Il campo sarà disabilitato se è
selezionato il metodo delle tensioni ammissibili.

COEFF. ACCIAIO Indicare il coefficiente riduttivo per l’acciaio γa. La nor-


mativa attuale fornisce 1,15. Il campo sarà disabilitato se è
selezionato il metodo delle tensioni ammissibili.

LUNGH. SBALZO L1 Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come


L1 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm.

LUNGH. SBALZO L2 Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come


L2 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm.

BASE PILASTRO Indicare in centimetri la dimensione orizzontale di figura


della sezione del pilastro.

ALTEZZA PILASTRO Indicare in centimetri la dimensione verticale di figura


della sezione del pilastro.

106
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 107

CAPITOLO 2 TRATTO
ABSTRACT – Sbalzo d’angolo
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

ORDITURA SOLAIO In questo campo sono ammesse solo due lettere. Inserire la
lettera O se l’orditura del solaio è orizzontale rispetto al
disegno visualizzato. Inserire la lettera V se è verticale.

LARGHEZZA TRAVE T1 Indicare in centimetri la larghezza T1 della trave verticale


del disegno.

LARGHEZZA TRAVE T2 Indicare in centimetri la larghezza T2 della trave orizzon-


tale del disegno.

SCOSTAMENTI Indicare in centimetri le distanze tra i centri delle travi e


dei pilastri. Questi valori servono a posizionare bene le
travi rispetto al pilastro. Verificarne l’esattezza guardando
il disegno.

2.2. SECONDA PAGINA DATI


La seconda pagina riguarda l’analisi dei carichi che gravano sulla struttura.
Buona parte dei dati è già assegnata per default e riguarda il peso specifico e lo
spessore dei materiali che normalmente si utilizzano in uno sbalzo, quali il pavi-
mento, il massetto e l’intonaco. Rimane da inserire solamente lo spessore dello
sbalzo che, in genere, è di circa 4 cm più piccolo dello spessore del solaio (il
solaio, a sua volta, varia con la luce, così come da normativa), e lo spessore della
soletta collaborante che è di circa 4-5 cm.

ALTEZZA DELLO Indica in centimetri l’altezza complessiva dello sbalzo. In


SBALZO genere l’altezza dello sbalzo è 4 cm più bassa di quella del
solaio retrostante. Modificando il valore si aggiorna auto-
maticamente il carico fisso sullo sbalzo mostrato nel riqua-
dro a destra.

SPESSORE SOLETTA Indica lo spessore della soletta dello sbalzo. Questa dimensio-
ne è utile per l’analisi dei carichi sullo sbalzo laterale, visto
che il programma considera lo sbalzo d’angolo come zona
tutta piena di calcestruzzo, senza alleggerimenti con laterizi.

PESI SPECIFICI Nelle caselle dei pesi specifici sono già indicati i valori
tipici per i materiali che completano lo sbalzo, quali into-
naco, pavimento, massetto.

SPESSORI Anche le caselle degli spessori dei predetti materiali con-


tengono già dei valori prestabiliti. Modificando tutti questi

107
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 108

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

valori nei modi opportuni si potrà raggiungere qualsiasi


valore del carico che possa servire.

CARICO Indica il valore del carico accidentale dello sbalzo. È sta-


ACCIDENTALE bilito dalla normativa in base alla destinazione d’uso del-
l’edificio. Per gli usuali edifici per civile abitazione va
posto pari a 400 kg/mq.

Figura 2.3
Seconda pagina
sessione sbalzi

Anche i dati del solaio servono per definire i carichi necessari al calcolo. In un
normale solaio si è soliti utilizzare, in un metro, due travetti da 10 cm e due late-
rizi di 40 cm. Se la casella dello spessore del solaio è vuota, nel momento in cui
si inserisce lo spessore dello sbalzo sarà calcolato automaticamente anche quel-
lo del solaio pari a 4 cm più grande. Nel riquadro DATI DEL SOLAIO si hanno i
seguenti campi, riferiti ad un metro di solaio.

ALTEZZA SOLAIO Questo campo sarà definito in automatico quando si indica


l’altezza dello sbalzo. Comunque è sempre possibile modi-
ficarne il valore per adeguare i carichi alla situazione reale.

SPESSORE SOLETTA Indicare lo spessore della soletta collaborante presente nel


solaio. In genere è pari a 4-5 cm.

NUMERO TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2


ciascuno con larghezza di 10 cm. L’analisi può essere

108
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 109

CAPITOLO 2 TRATTO
ABSTRACT – Sbalzo d’angolo
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esem-


pio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale
ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm.

SPESSORE TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2


ciascuno con larghezza di 10 cm. L’analisi può essere
effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esem-
pio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale
ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm.

INCIDENZA TRAMEZZI In genere, per tener conto del peso dei tramezzi si conside-
ra un carico di 100 kg/mq spalmato sul solaio.

CARICO ACCIDENTALE Il carico accidentale sul solaio è dato dalla normativa in


funzione della destinazione d’uso dell’edificio.

3.3. CALCOLO E DEFINIZIONE DEGLI ESECUTIVI


Una volta inseriti tutti i dati fondamentali, si può passare al calcolo con l’appo-
sito comando CALCOLO del menu SBALZO D’ANGOLO. Sarà visualizzata una fine-
stra con l’indicazione dell’armatura calcolata per lo sbalzo d’angolo, per la trave
di contrappeso e per lo sbalzo laterale. È possibile cambiare l’armatura calcola-
ta in automatico scegliendo dei tondini che più si preferisce utilizzare. Nel riqua-
dro ARMATURA DELLO SBALZO D’ANGOLO si hanno i campi di seguito indicati.

NUMERO Nel campo è indicato il numero di tondini calcolato in


automatico dal programma. Inserire un diverso valore nel
caso si voglia cambiare l’armatura calcolata. Per rendere
effettivo il cambio del numero dei ferri eseguire [INVIO] per
memorizzare il nuovo valore.

FERRI DI DIAMETRO Indica il diametro dei ferri; è possibile inserire un diametro


diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfa-
cente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO].
Nel riquadro ARMATURA SULLA TRAVE DI CONTRAPPESO si hanno i campi di segui-
to indicati.
LARGHEZZA Indica la larghezza della trave di contrappeso; nel caso che
si preferisca una trave più larga di quella calcolata basta
cambiare il valore in questo campo ed eseguire [INVIO] per
memorizzarlo e renderlo effettivo.

109
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 110

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

ARMATURA SUP. N. Indica il numero di tondini che formano l’armatura. È pos-


sibile indicare un diverso numero di tondini superiori per la
trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo.

FERRI DI DIAMETRO È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che


quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il
nuovo diametro eseguire [INVIO].

ARMATURA INF. N. Indica il numero di tondini che formano l’armatura infe-


riore. È possibile indicare un diverso numero di tondini
inferiori per la trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per
memorizzarlo.

FERRI DI DIAMETRO È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che


quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il
nuovo diametro eseguire [INVIO].
Nel riquadro ARMATURA SULLO SBALZO LATERALE si hanno i campi di seguito indicati

ARMATURA NUMERO Indica il numero di tondini che formano l’armatura dello


sbalzo laterale. Eventualmente è possibile indicare un
diverso numero di tondini tenendo presente la larghezza
del travetto. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo.

FERRI DI DIAMETRO Indica il diametro dei ferri. È possibile indicare un diame-


tro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddi-
sfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire
[INVIO].

FASCIA PIENA Indica la larghezza della fascia piena. Eventualmente cam-


biare il valore della fascia piena indicata in questo campo.
Eseguire [INVIO] per memorizzare.

FASCIA SEMIPIENA Indica la larghezza della fascia semipiena. Eventualmente


cambiare il valore indicato in questo campo. Eseguire
[INVIO] per memorizzare.

Dopo il controllo delle armature il successivo passo è quello di creare il disegno


esecutivo e la relazione di calcolo. Per ottenere ciò bisogna ricorrere ai comandi
del menu ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA.
Con il primo comando sarà visualizzata la finestra di dialogo per l’inserimento
del nome del file e sarà creato il file dxf del disegno esecutivo formato da una

110
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 111

CAPITOLO 2 TRATTO
ABSTRACT – Sbalzo d’angolo
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Figura 2.4
Pagina
correzione
armature sbalzi

carpenteria della zona dello sbalzo d’angolo e dai particolari di tre sezioni con
relativa distinta ferri: una sezione sullo sbalzo d’angolo; una sezione sulla trave
di contrappeso; una sezione sullo sbalzo laterale.
I colori utilizzati nel disegno sono tre: il rosso per le linee più sottili (general-
mente pennino 0,25); il verde per le linee intermedie (generalmente pennino
0,35); il nero per le linee doppie (generalmente pennino 0,50).
Comunque, ogni particolare del disegno è posto in layer (piani) differenti, in
modo che il suo colore può essere modificabile facilmente cambiando il colore
del layer corrispondente. I layer creati dal programma sono i seguenti:
– LIN-EST per le linee esterne delle sezioni;
– LATERIZI che contiene le linee dei laterizi;
– FERRI che contiene i disegni dei ferri;
– RIPART per la rete di ripartizione;
– TRATPUNT per le linee tratto-punto;
– TESTO1 per le scritte più grandi;
– DIMENS per le linee di dimensione;
– TESTO2 per le scritte del tipo di ferro;
– TESTO3 per le dimensioni dei ferri;
– DESCRIZ per le indicazioni.
Selezionando il comando RELAZIONE TECNICA, si aprirà una finestra con la rela-
zione creata dal programma. È possibile modificarla e stamparla. Volendo usare
un word processor più completo si può salvare la relazione in un file e ripren-
derla con qualche altro elaboratore testi.
È conveniente salvare le modifiche effettuate in un file anche quando si ritorna
alle schermate precedenti, in quanto ogni volta che si eseguirà il comando RELA-

111
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 112

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI
ZIONE TECNICA ci sarà una nuova elaborazione e saranno perse le modifiche effet-
tuate in precedenza.
Una volta creati il disegno e la relazione il lavoro è concluso. A questo punto si
possono salvare i dati inseriti, si può tornare alle pagine di inserimento dati oppu-
re si può chiudere il programma. Se dalla finestra INDICAZIONE E CORREZIONE
DELLE ARMATURE si ritorna a quelle di inserimento dati e si cambiano alcuni valo-
ri i comandi ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA saranno di nuovo disa-
bilitati. Per abilitarli nuovamente sarà necessario rieffettuare il calcolo.

112
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 113

ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CAPITOLO 3
SCALA A SOLETTA RAMPANTE

3.1. PRIMA PAGINA DATI


Per accedere alle pagine relative alla soletta rampante, occorre scegliere INSERI-
MENTO DATI dal menu corrispondente. Si può calcolare una intera gabbia scala
composta da diversi piani (max 9) e con la forma classica ad U, oppure una sin-
gola rampa nei casi più complessi. Questi ultimi casi si possono risolvere, ad
esempio, calcolando e disegnando ogni singola rampa.
Nel caso della forma ad U, e se il numero di pedate della prima rampa è uguale
al numero di pedate della seconda rampa, il programma determinerà anche lo
sfalsamento.
La prima finestra serve ad inserire le caratteristiche dei materiali e alcuni valori
della scala che rimangono identici per tutti i piani. Sono presenti anche una casel-
la relativa al numero di piani e una relativa alla scala del disegno per la quale val-
gono le considerazioni espresse nel capitolo dello sbalzo d’angolo.

OGGETTO In questo campo si può inserire una eventuale descrizione


del calcolo che si va ad effettuare. Quanto riportato in que-
sto campo viene copiato semplicemente nella relazione di
calcolo finale; ad esempio si può scrivere qualcosa che
indichi il numero della scala: “Calcolo della scala A”.
Questo campo può anche essere lasciato in bianco.

SCALA DEL DISEGNO Indica in che scala si stamperà il disegno finale. Inserire 20
per la scala 1:20; 50 per la scala 1:50, ecc. Il valore di default
è 20 che è la scala più adatta per questo tipo di particolari. Il
valore di questo campo agirà esclusivamente sulla dimen-
sione dei caratteri e dei numeri del disegno. Le linee saran-
no disegnate sempre con la scala: 1 unità video = 1 m.

PIANI Indica il numero di piani di cui si compone la gabbia scala.


Il numero massimo è 9.

RESISTENZA RCK Inserire il valore della resistenza caratteristica cubica del


DEL CALCESTRUZZO calcestruzzo. I valori consigliati variano da 150 a 500
kg/cmq, ma quelli utilizzati frequentemente sono 250-300.
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 114

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

Da questo valore il programma calcolerà la tensione di rot-


tura di calcolo fc.

TENSIONE AMMISSIBILE Il valore da inserire in questo campo dipende dal tipo di


DEL FERRO verifica che si deve fare. Per le tensioni ammissibili occor-
re indicare la tensione ammissibile del ferro in kg/cmq; per
le usuali armature potremo avere: 1600-1900-2200-2600;
per gli stati limite occorre indicare la tensione caratteristica
di snervamento che potrà essere: 2150-3150-3750-4300.

AMPLIF.CARICHI Composto da due campi. Nel primo va indicato il coeffi-


ciente amplificativo dei carichi γg (peso proprio + perma-
nenti); l’EC2 lo pone pari a 1,4. Nel secondo bisogna indi-
care il coefficiente amplificativo γq (accidentali); l’EC2 lo
pone pari a 1,5. I due campi saranno disabilitati se è sele-
zionato il metodo delle tensioni ammissibili.

COEFF. PER CLS Indica il coefficiente riduttivo per il calcestruzzo γc. La


normativa attuale fornisce 1,5 per il cemento armato pre-
compresso ed 1,6 per il cemento armato e il cemento arma-
to parzialmente compresso. Il campo sarà disabilitato se è
selezionato il metodo delle tensioni ammissibili.

COEFF. ACCIAIO Indica il coefficiente riduttivo per l’acciaio γa. La normati-


va attuale fornisce 1,15. Il campo sarà disabilitato se è sele-
zionato il metodo delle tensioni ammissibili.

Figura 3.1
Come indicare
il numero di
partenza

114
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 115

CAPITOLO 3 TRATTO
ABSTRACT – Scala a soletta rampante
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
I dati della scala elencati all’interno del riquadro GEOMETRIA DELLA SCALA riguardano:

LARGHEZZA È ammessa un’unica dimensione per tutte le rampe della


DELLA RAMPA gabbia: non si può calcolare una gabbia scala con rampe di
diversa larghezza. Per risolvere una scala con rampe di diversa
larghezza bisognerà calcolare i dati rampa per rampa.

NUMERO Indica il numero di travetti in una rampa. Ad esempio una


DI TRAVETTI rampa larga 1,10 m può essere composta da tre travetti di 10
cm di larghezza e da due laterizi di alleggerimento di 40 cm.
In alcune zone è di uso non usare i laterizi di alleggerimento
ma realizzare un’unica soletta piena formata da calcestruzzo
armato. In tal caso bisogna inserire il valore ‘1’ ad indicare
che nella rampa c’è un solo travetto della larghezza pari a
quella della rampa.

LARGHEZZA Indica in centimetri la larghezza del singolo travetto. Come


DEI TRAVETTI specificato in precedenza, se la soletta è piena, la larghezza
del singolo travetto è pari a quella della rampa.

ALTEZZA Indica in centimetri l’altezza dei travetti. Ad es. nel caso di


DEI TRAVETTI tre travetti e laterizi con soletta collaborante superiore, se lo
spessore dell’intera rampa è 20 cm, e lo spessore della solet-
tina collaborante è di 4 cm, l’altezza dei travetti da inserire in
questo campo sarà di 16 cm.

SPESSORE Indica l’intero spessore della soletta rampante. Occorre


DELLA SOLETTA indicare lo spessore dell’intera rampa pari, secondo l’esem-
pio precedente, ai 16 cm dei travetti vanno aggiunti i 4 cm
della soletta collaborante, con il risultato di 20 cm.
Naturalmente, in caso di soletta piena, l’altezza dei travetti e
lo spessore della soletta coincidono e saranno pari, nell’e-
sempio, a 20 cm.

SPESSORE Indica in centimetri l’intero spessore del pianerottolo di


PIANEROTTOLO partenza e di arrivo, che quindi saranno uguali.
DI PARTENZA

SPESSORE
PIANEROTTOLO Indica in centimetri l’intero spessore del pianerottolo di riposo
DI RIPOSO

115
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 116

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

PUNTO DI PARTENZA Inserire in questo campo i numeri ‘1’ oppure ‘2’. Se, guar-
PRIMA RAMPA dando dall’appoggio sinistro all’appoggio destro della
trave continua, si vede la prima rampa sulla destra, inseri-
re ‘1’; se la si vede sulla sinistra inserire ‘2’. Vedere la
figura 3.1 per maggior chiarimento: con ‘1’ si indica che il
senso di salita è antiorario; con ‘2’, invece, che il senso di
salita è orario.

Figura 3.2
Prima pagina
sessione scale

Il programma effettuerà l’analisi dei carichi in automatico in base ai valori dei


pesi specifici dei materiali che costituiscono la scala e che si trovano nei riqua-
dri DEFINIZIONE CARICHI DEI SOLAI e CARICHI PERMANENTI SULLA SCALA.

CARICHI FISSI La campata della scala può, in alcuni casi, essere compresa in
SOLAIO una trave continua. I carichi sui solai delle campate diverse da
quella della scala avranno valore differente dal carico della
scala stessa. Per la risoluzione dello schema di trave continua
è necessario indicare (con calcolo a parte) il carico fisso del
solaio. Per gli usuali solai di 20 cm formati da due travetti e
laterizi, il carico fisso è in genere di 500 kg/m. Naturalmente
se lo schema di trave continua è formato dalla sola campata
della scala il valore di questo campo non verrà considerato.

CARICO Il carico accidentale sul solaio è dato dalla normativa in fun-


ACCIDENTALE zione della destinazione d’uso dell’edificio. Anche in questo

116
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 117

CAPITOLO 3 TRATTO
ABSTRACT – Scala a soletta rampante
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

caso se lo schema di trave continua è formato dalla sola campa-


ta della scala il valore di questo campo non verrà considerato.

PESI SPECIFICI Nelle caselle dei pesi specifici sono già indicati i valori tipici
per i materiali che completano la scala, quali intonaco, pavi-
mento, massetto.

SPESSORI Le caselle degli spessori dei predetti materiali, così come


quelle dei pesi specifici, contengono già dei valori prestabili-
ti. Modificando tutti questi valori nei modi opportuni si potrà
raggiungere qualsiasi valore del carico che possa servire.

CARICO Indica il valore del carico accidentale sulle scale ed è stabili-


ACCIDENTALE to dalla normativa in base alla destinazione d’uso dell’edifi-
cio. Per gli usuali edifici per civile abitazione va posto pari a
400 kg/mq.

PESO SPEC. Indica il peso specifico del materiale col quale sono formati i
MAGRONE gradini riportati. In genere si utilizza il magrone che ha un
peso specifico di 2200 kg/mc.

All’interno della finestra è inoltre possibile scegliere il tipo di verifica tra quello
alle tensioni ammissibili e quello agli stati limite.
Nell’ambito degli stati limite è possibile un’ulteriore scelta tra le equazioni adi-
mensionalizzate e il metodo semplificato (vedere il capitolo 4 della prima parte
per le differenze). È preferibile usare il secondo metodo, in quanto quello delle
equazioni adimensionalizzate non va bene per spessori troppo esigui della solet-
ta rampante; il programma comunque avverte qualora non sia possibile usarlo.

3.2. SECONDA PAGINA DATI


Nella finestra successiva per ogni piano si devono introdurre i valori della trave
continua e delle altre dimensioni che caratterizzano le rampe e che possono
variare piano per piano.
La scala sarà certamente inserita in uno schema di trave continua, che nel caso
più semplice sarà costituita da una sola campata. Il numero massimo di campate
previsto dal programma è di nove più i due eventuali sbalzi alle estremità destra
e sinistra.
Se gli sbalzi non sono compresi nella specifica trave continua, bisogna lasciare
in bianco la casella.

117
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 118

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

Figura 3.3
Schematizzazione
in trave continua

Successivamente bisogna indicare:


– quale campata è quella della scala (nella figura 3.3, ad esempio, è la campata
n. 2);
– l’interpiano;
– le dimensioni delle sezioni delle travi di appoggio (giusto per il disegno);
– il numero di pedate delle due rampe;
– la dimensione della pedata;
– le dimensioni dei pianerottoli di partenza e di arrivo;
– la larghezza del trombino (anche questa solo per il disegno della pianta).
Da questi dati deriveranno la quota e la larghezza del pianerottolo di riposo e la
dimensione dell’alzata.
Per l’inserimento dei dati ai piani superiori, cliccare sul comando DATI DEL PIANO
SUCCESSIVO. Se i valori sono uguali al piano precedente, l’inserimento è facilita-
to eseguendo il comando COPIA DAL PIANO PRECEDENTE. Si può anche passare al
piano successivo cliccando sul comando DATI DEL PIANO SUCCESSIVO CON COPIA

Figura 3.4
Seconda pagina
sessione scale

118
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 119

CAPITOLO 3 TRATTO
ABSTRACT – Scala a soletta rampante
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
AUTOMATICA DEI DATI DEL PIANO CORRENTE. In tal caso nel passaggio alla pagina
successiva il programma provvederà direttamente alla copia dei dati del piano.

Nella sezione TRAVE CONTINUA Si trovano i seguenti campi:

NUMERO Indica il numero di campate della trave continua in cui è inse-


CAMPATE rita la scala. Il massimo previsto è 9. Una volta inserito il
numero si apriranno i campi necessari per l’inserimento delle
luci delle campate.

LUCE SBALZO In questo campo bisogna inserire la luce dell’eventuale sbal-


A SX zo di sinistra della trave continua. Lasciare la casella in bian-
co (oppure inserire zero) se non è presente uno sbalzo.

LUCE CAMPATA Indica in centimetri le luci delle campate della trave continua.

LUCE SBALZO In questo campo si inserisce la luce dell’eventuale sbalzo di


A DX destra della trave continua. Lasciare la casella in bianco
(oppure inserire zero) se non è presente uno sbalzo.

Nella sezione DIMENSIONI DEGLI ELEMENTI DELLA SCALA si trovano i seguenti campi:

NUMERO Indica in quale campata della trave continua è presentata la


CAMPATA scala. I numeri accettati vanno da 1 a 9.

INTERPIANO Indica in centimetri l’interpiano, cioè la distanza tra l’estra-


dosso del pianerottolo di partenza e l’estradosso del pianerot-
tolo di arrivo.

LARGHEZZA TRAVE Indicare in centimetri la larghezza della trave di appoggio di


PRIMO APPOGGIO sinistra della campata della scala.

ALTEZZA TRAVE Indica in centimetri l’altezza della trave di appoggio di sini-


PRIMO APPOGGIO stra della campata della scala.

LARGHEZZA TRAVE Indica in centimetri la larghezza della trave di appoggio di


SECONDO APPOGGIO destra della campata della scala.

ALTEZZA TRAVE Indica in centimetri l’altezza della trave di appoggio di destra


SECONDO APPOGGIO della campata della scala.

119
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 120

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

NUMERO PEDATE
Indica quante pedate sono previste per la prima rampa.
PRIMA RAMPA

NUMERO PEDATE
Indica quante pedate sono previste per la seconda rampa.
SECONDA RAMPA

DIMENSIONE
PEDATA
Indica in centimetri la dimensione della pedata.

LARGHEZZA Indica in centimetri la larghezza del pianerottolo di partenza


PIANEROTTOLO della scala. Tale dimensione deve essere identica al pianerot-
DI PARTENZA tolo di arrivo del piano inferiore.

LARGHEZZA Indica in centimetri la larghezza del pianerottolo di arrivo


PIANEROTTOLO della scala. Tale dimensione deve essere identica al pianerot-
DI ARRIVO tolo di partenza del piano superiore.

LARGHEZZA
TROMBINO
Indica in centimetri la larghezza del trombino.

Man mano che si inseriscono i valori in questi campi saranno calcolati in automa-
tico la dimensione dell’alzata e la quota e la larghezza del pianerottolo di riposo.
In questa finestra è possibile, infine, scegliere i diametri dei tondini di ferro che
il programma deve tenere in considerazione nel calcolo; ad esempio se si vuole
che l’armatura della scala debba avere tutti tondini almeno di diametro 14, basta
togliere il segno di spunta dalle caselle di controllo DIAMETRO 10 e DIAMETRO 12.

3.3. CALCOLO E DEFINIZIONE DEGLI ESECUTIVI


Una volta inseriti tutti i dati si può passare al calcolo della scala. Eseguendo il
comando CALCOLO sarà visualizzata la finestra INDICAZIONE E CORREZIONE ARMA-
TURE dove sarà indicata l’armatura calcolata piano per piano. Si passa da un
piano all’altro con i comandi presenti nella finestra. È possibile cambiare il dia-
metro dei ferri calcolati, modificando il valore nei campi FERRI DI DIAMETRO. La
variazione sarà effettiva solo dopo aver eseguito il comando [INVIO].
Un’armatura più piccola di quella indispensabile non sarà accettata.
Dopo il controllo delle armature il successivo passo è quello di creare il disegno
esecutivo e la relazione di calcolo. Per ottenere ciò bisogna ricorrere ai comandi
del menu ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA in maniera simile a quan-
to fatto per lo sbalzo d’angolo.
Con il primo comando sarà visualizzata la finestra di dialogo per l’inserimento

120
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 121

CAPITOLO 3 TRATTO
ABSTRACT – Scala a soletta rampante
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Figura 3.5
Pagina correzione
armature scale
della finestra
indicazione e
correzione
armature

del nome del file e sarà creato il file dxf del disegno esecutivo formato dalla
sezione dell’intera gabbia scala, e, per ogni piano, dalla pianta della scala con le
sezioni eseguite sui travetti per la distinta dei ferri, sia per la prima che per la
seconda rampa. Saranno indicate le quote dei vari pianerottoli e tutte le dimen-
sioni che occorrono per caratterizzare e piegare esattamente i ferri in cantiere.
I colori utilizzati saranno anche qui il rosso, il verde ed il nero per i tre diversi
spessori di linea. Ciascun particolare sarà inserito in un layer con possibilità di
cambiare facilmente il colore per qualsiasi componente del disegno.
I layer creati sono:
– LIN-EST per le linee esterne;
– SEZION per le linee sezionate;
– FERRI per il disegno dei ferri;
– INVISTA per le linee delle parti in vista nelle sezioni;
– TRATPUNT per le linee tratto-punto;
– TESTO1 per le scritte più grandi;
– DIMENS per le linee delle dimensioni;
– TESTO2 per le scritte del topo di ferro;
– TESTO3 per le dimensioni delle piegature dei ferri;
– TESTODIM per il testo delle dimensioni e delle quote;
– FRECCDIM per le frecce delle dimensioni.
Selezionando il comando RELAZIONE TECNICA si aprirà una finestra con la rela-
zione creata dal programma che è possibile modificare e stampare. Volendo usare
un word processor più completo si può salvare la relazione in un file e ripren-
derla con qualche altro elaboratore testi. È conveniente salvare le modifiche
effettuate in un file anche quando si ritorna alle schermate precedenti, in quanto

121
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 122

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI
ogni volta che si eseguirà il comando RELAZIONE TECNICA ci sarà una nuova ela-
borazione e saranno perse le modifiche effettuate in precedenza.
Una volta creati il disegno e la relazione il lavoro è concluso. A questo punto si
possono salvare i dati inseriti, si può tornare alle pagine di inserimento dati oppu-
re si può chiudere il programma. Se dalla finestra INDICAZIONE E CORREZIONE
DELLE ARMATURE si ritorna a quelle di inserimento dati e si cambiano alcuni valo-
ri i comandi ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA saranno di nuovo disa-
bilitati. Per abilitarli nuovamente sarà necessario rieffettuare il calcolo.

3.4. LA SINGOLA RAMPA


Nel caso si volesse calcolare la singola rampa, le finestre di INSERIMENTO DATI
sono le stesse. La differenza consiste solo nella mancanza di alcune voci non
necessarie, come il numero dei piani e la posizione di partenza della prima rampa
nella prima finestra; il numero di pedate della seconda rampa, la larghezza del
pianerottolo di arrivo e la larghezza del trombino nella seconda finestra. Non ci
saranno, naturalmente, i tasti per passare da un piano ad un altro e non ci sarà il
pulsante di copia dal piano precedente.
Un’ultima differenza la si vede nel disegno finale che sarà composto dalla pian-
tina della rampa e dalla sezione su un travetto della rampa con la distinta ferri.
Mancherà la sezione della gabbia scala.

122
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 130

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI
Esempio di relazione realizzata dal programma

RELAZIONE DI CALCOLO

La struttura della scala è in cemento armato con n. 3 travetti alleggerita da laterizi.


Lo schema di calcolo è quello di trave continua.
Le verifiche vengono condotte con il metodo degli stati limite.
L’armatura viene calcolata con le formule adimensionali relative allo stato limite.
I carichi permanenti vengono moltiplicati per un coefficiente pari a 1.4
I carichi accidentali vengono moltiplicati per un coefficiente pari a 1.5
in modo da avere le azioni di calcolo.

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI


Tensione caratteristica di rottura Rck del calcestruzzo = 250 kg/cmq
Tensione caratteristica di snervamento dell’acciaio = 4300 kg/cmq
Tensione di rottura di calcolo del calcestruzzo = 110 kg/cmq
Tensione di snervamento di calcolo dell’acciaio = 3739 kg/cmq

DIMENSIONI
Numero di piani: 2
Larghezze delle rampe [m]: 1,1
Numero di travetti per rampa : 3
Larghezza dei travetti [cm]: 10
Spessore della soletta delle rampe [cm]: 12
Spessore pianerottolo di partenza [cm]: 20
Spessore pianerottolo di riposo [cm]: 20
Carico accidentale sulla scala [kg/m]: 400

Piano n. 1
Interpiano [m]: 3,2
Numero di pedate della prima rampa: 9
Numero di pedate della seconda rampa: 9
Dimensione della pedata [cm]: 30
Dimensione dell’alzata [cm]: 16,00
Larghezza pianerottolo di partenza [m]: 1,2
Larghezza pianerottolo di arrivo [m]: 1,2
Larghezza trombino [cm]: 10
Quota del pianerottolo di riposo [m]: 1,60
Larghezza del pianerottolo di riposo [m]: 1,40

Piano n. 2
Interpiano [m]: 3,2
Numero di pedate della prima rampa: 9
Numero di pedate della seconda rampa: 9
Dimensione della pedata [cm]: 30
Dimensione dell’alzata [cm]: 16,00
Larghezza pianerottolo di partenza [m]: 1,2
Larghezza pianerottolo di arrivo [m]: 1,2
Larghezza trombino [cm]: 10
Quota del pianerottolo di riposo [m]: 1,60
Larghezza del pianerottolo di riposo [m]: 1,40

130
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 131

CAPITOLO 4 TRATTO
ABSTRACT – Esempi pratici
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CARICHI
Piano n. 1
Peso proprio della soletta rampante = 221,20 kg
Sovraccarichi permanenti + gradini = 304,04 kg
TOTALE carichi permanenti g = 525,24 kg

Il carico da applicare sulla trave continua va diviso per la larghezza della rampa, per cui nella
campata della scala vanno applicati i seguenti carichi:
g= 477,49 kg/m
p= 400,00 kg/m
che vanno moltiplicati per gli opportuni coefficienti per ottenere le azioni di calcolo.

Piano n. 2
Peso proprio della soletta rampante = 221,20 kg
Sovraccarichi permanenti + gradini = 304,04 kg
TOTALE carichi permanenti g = 525,24 kg

Il carico da applicare sulla trave continua va diviso per la larghezza della rampa, per cui nella
campata della scala vanno applicati i seguenti carichi:
g= 477,49 kg/m
p= 400,00 kg/m
che vanno moltiplicati per gli opportuni coefficienti per ottenere le azioni di calcolo.

RISULTATI TRAVE CONTINUA DEL PIANO N. 1

CONDIZIONE DI CARICO N. 1

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 1000,00 kg/m

TAGLIO
T1d = 1518,47 T1s = -2681,53
Taglio = 0 per X = 1,52

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 1152,88

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 3,036

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 668,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 2307,91 T2s = -1435,62
Taglio = 0 per X = 3,45

131
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 132

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 1541,54

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 1,304
M = 0 per Xo = 5,599

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 1518,47
M2 = -2442,41 R2 = 4989,44
M3 = 0,00 R3 = 1435,62

CONDIZIONE DI CARICO N. 2

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 700,00 kg/m

TAGLIO
T1d = 635,97 T1s = -2304,03
Taglio = 0 per X = 0,91

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 288,90

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 1,817

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 1268,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 4177,28 T2s = -2926,24
Taglio = 0 per X = 3,29

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 3375,24

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0,986
M = 0 per Xo = 5,599

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 635,97
M2 = -3502,91 R2 = 6481,31
M3 = 0,00 R3 = 2926,24

132
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 133

CAPITOLO 4 TRATTO
ABSTRACT – Esempi pratici
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CONDIZIONE DI CARICO N. 3

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 1000,00 kg/m

TAGLIO
T1d = 1198,47 T1s = -3001,53
0 per X= 1,20

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 718,17

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 2,396

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 1268,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 4227,91 T2s = -2875,62
Taglio = 0 per X = 3,33

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 3259,47

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 1,066
M = 0 per Xo = 5,6

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 1198,47
M2 = -3786,41 R2 = 7229,44
M3 = 0,00 R3 = 2875,62

CONDIZIONE DI CARICO N. 4

Questa condizione si riferisce alla trave incastrata-incastrata con l’intero carico.

Si considera solo la trave incastrata della campata della scala depurata delle luci delle travi.

Il momento sui due appoggi della campata della scala dovuto a questa condizione è:

M = kgm -2969,32

133
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 134

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

RISULTATI TRAVE CONTINUA DEL PIANO N. 2

CONDIZIONE DI CARICO N. 1

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 1000,00 kg/m

TAGLIO
T1d = 1518,47 T1s = -2681,53
Taglio = 0 per X = 1,52

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 1152,88

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 3,036

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 668,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 2307,91 T2s = -1435,62
Taglio = 0 per X = 3,45

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 1541,54

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 1,304
M = 0 per Xo = 5,6

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 1518,47
M2 = -2442,41 R2 = 4989,44
M3 = 0,00 R3 = 1435,62

CONDIZIONE DI CARICO N. 2

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 700,00 kg/m

134
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 135

CAPITOLO 4 TRATTO
ABSTRACT – Esempi pratici
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

TAGLIO
T1d = 635,97 T1s = -2304,03
Taglio = 0 per X = 0,91

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 288,90

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 1,817

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 1268,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 4177,28 T2s = -2926,24
Taglio = 0 per X = 3,29

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 3375,24

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0,986
M = 0 per Xo = 5,599

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 635,97
M2 = -3502,91 R2 = 6481,31
M3 = 0,00 R3 = 2926,24

CONDIZIONE DI CARICO N. 3

CAMPATA N. 1

DATI INIZIALI
Lunghezza = 4,20 m
Carico = 1000,00 kg/m

TAGLIO
T1d = 1198,47 T1s = -3001,53
Taglio = 0 per X = 1,20

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 718,17

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 0
M = 0 per Xo = 2,396

135
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 136

PARTE SECONDA – Il programma allegato


ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CAMPATA N. 2

DATI INIZIALI
Lunghezza = 5,60 m
Carico = 1268,49 kg/m

TAGLIO
T2d = 4227,91 T2s = -2875,62
Taglio = 0 per X = 3,33

MOMENTO MASSIMO (dove T = 0):


Mmax = 3259,47

SEZIONI dove M = 0:
M = 0 per Xo = 1,066
M = 0 per Xo = 5,6

DATI SUI VINCOLI

MOMENTI REAZIONI
M1 = 0,00 R1 = 1198,47
M2 = -3786,41 R2 = 7229,44
M3 = 0,00 R3 = 2875,62

CONDIZIONE DI CARICO N. 4

Questa condizione si riferisce alla trave incastrata-incastrata con l’intero carico.

Si considera solo la trave incastrata della campata della scala depurata delle luci delle travi.

Il momento sui due appoggi della campata della scala dovuto a questa condizione è:

M = kgm -2969,32

CALCOLO DELLE ARMATURE


Le sollecitazioni calcolate nella campata della scala vanno moltiplicate di nuovo per la larghezza della
rampa.

Le sollecitazioni si riferiscono a tutti i travetti della rampa.

L’armatura va calcolata per un solo travetto per cui le sollecitazioni calcolate

con gli schemi precedenti vanno divise per il numero di travetti presenti nella rampa.

Piano n. 1
Il momento massimo in campata per un travetto è: kgm 1237,59
ottenuta con la condizione di carico n. 2
Il momento massimo sull’appoggio sinistro per un travetto è: kgm -1388,35
ottenuta con la condizione di carico n. 3
Il momento massimo sull’appoggio destro per un travetto è: kgm -1088,75
ottenuta con la condizione di carico n. 4

136
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 137

CAPITOLO 4 TRATTO
ABSTRACT – Esempi pratici
DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Piano n. 2
Il momento massimo in campata per un travetto è: kgm 1237,59
ottenuta con la condizione di carico n. 2
Il momento massimo sull’appoggio sinistro per un travetto è: kgm -1388,35
ottenuta con la condizione di carico n. 3
Il momento massimo sull’appoggio destro per un travetto è: kgm -1088,75
ottenuta con la condizione di carico n. 4

L’area di armatura è stata calcolata con la formula Af = M / (0.9 x h x sigmaf).

CALCOLO ARMATURE DEL PIANO N. 1


L’area di ferro necessaria in campata è cmq 3,68
L’area di ferro necessaria sull’appoggio sinistro è cmq 4,13
L’area di ferro necessaria sull’appoggio destro è cmq 3,24
In campata vanno 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 16 pari a cmq 4,02.
Sull’appoggio sinistro 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 18 pari a cmq 4,55.
Sull’appoggio destro 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 14 pari a cmq 3,55.

CALCOLO ARMATURE DEL PIANO N. 2


L’area di ferro necessaria in campata è cmq 3,68
L’area di ferro necessaria sull’appoggio sinistro è cmq 4,13
L’area di ferro necessaria sull’appoggio destro è cmq 3,24
In campata vanno 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 16 pari a cmq 4,02
sull’appoggio sinistro 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 18 pari a cmq 4,55
Sull’appoggio destro 1 ferri diam. 16 + 1 ferri diam. 14 pari a cmq 3,55

Figura 4.4 parte 1


Esempio
di disegno
realizzato
dal programma

137
091-148 27-06-2007 8:32 Pagina 138

- TUTTI– IIlDIRITTI
PARTE SECONDA
ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT programma allegato
RISERVATI

Figura 4.4 parte 2.


Esempio di disegno
realizzato dal programma

138