Sei sulla pagina 1di 1

Sto guardando le pareti dell'aria.

Oggi non sento niente.


Oggi sono la testimone della vita di un passante.

Per la pornodiva che ero,


star numero uno della sofferenza.

Sono la regina degli angeli maldestri delle calde notti sole di violini ascoltati.
Sono la regina del sottile sentire ansiosi di angeli maldestri fragili gelsomini in
fiore
che passeggiano battendo ritmi che corrono dentro ferendo tremanti cuori in
equilibrio
sulla linea della mia inquieta lingua.
Sono la regina di angeli in attesa di dolce risveglio...

leccatemi bastardi non talentuosi leccatemi

"Trasformiamo i gesti volgari in gentile musica da camera"