Sei sulla pagina 1di 24

FESTIVAL MUSICA NOVA 2019

9-12 settembre

coordinamento Prof. Maurizio Azzan


CALENDARIO
LUNEDÌ 6 MAGGIO 2019 - ANTEPRIMA
ore 17.00-18.00 Aula docenti
PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO SEE THE SOUND –
HOMAGE TO HELMUT LACHENMANN
ore 18.00-19.00 Aula docenti
LA MUSICA PER ARCHI DI HELMUT LACHENMANN
Seminario a cura di Lorenzo Gentili-Tedeschi e Giorgio Casati
(mdi ensemble)
ore 20.30 Sala concerti di Corso Mazzini
SEE THE SOUND: LACHENMANN E OLTRE, concerto

LUNEDÌ 9 SETTEMBRE 2019


ore 11.30-13.00 Aula docenti
THE EXTENDED PIANO, Seminario a cura di Anna D’Errico
ore 14.00-17.00 Sala concerti di Corso Mazzini
MASTERCLASS della pianista Anna D’Errico
ore 17.15-19.00 Aula docenti
GESTUALITÀ SONORA DI UNA MATERIA SILENTE
Seminario a cura della compositrice Daniela Terranova
ore 20.30 Sala concerti di Corso Mazzini
A LANDSCAPE IN MY HAND, concerto

MARTEDÌ 10 SETTEMBRE 2019


ore 9.00-13.00 Aula docenti
MASTERCLASS della compositrice Daniela Terranova
ore 14.00-17.00 Aula docenti
INTRODUZIONE ALL'IDEA MUSICALE
Seminario del compositore Simone Movio
ore 17.30-18.30 Aula Magna della succursale di Via Arzeron
PROSPETTIVE SULL’ORGANO NEL XX SECOLO
Lezione-concerto a cura di Margherita Dalla Vecchia.
ore 20.30 Sala concerti di Corso Mazzini
ET MAINTENANT C’EST A VOUS DE JOUER,
Ensemble Musica Nova
MERCOLEDÌ 11 SETTEMBRE 2019
ore 9.00-13.00 Aula docenti
MASTERCLASS del compositore Simone Movio
ore 14.00-15.00 Sala concerti di Corso Mazzini
PIERLUIGI BILLONE E LE PERCUSSIONI: MANI. De Leonardis,
Lezione-concerto a cura di Federico Tramontana
ore 15.30-16.30 Aula docenti
TRANSTESTUALITÀ E MANIPOLAZIONE SPETTRALE NELLE
ULTIME OPERE DI FAUSTO ROMITELLI.
Conferenza di Luca Guidarini, Dipartimento di Musicologia e
Beni Culturali, Università di Pavia
ore 17.00-18.30 Aula Magna della succursale di Via Arzeron
PROSPETTIVE SUL PIANOFORTE NEL XX SECOLO, concerto
ore 18.30-19.00 Aula Magna della succursale di Via Arzeron
PROSPETTIVE SUL VIOLINO NEL XX SECOLO, concerto
ore 20.30 Sala concerti di Corso Mazzini
OMAGGIO A STEFANO GERVASONI
Dialogo-intervista con Stefano Gervasoni e, a seguire, concerto

GIOVEDÌ 12 SETTEMBRE 2019


ore 9.00-11.00 Aula docenti
MINIMALISMI. DA CAGE A OGGI
Seminario a cura di Alberto La Rocca
ore 11.30-13.00 Aula docenti
THE EXTENDED SAXOPHONE
Seminario a cura di Michele Bianchini
ore 14.00-15.00 Aula docenti
PRESENTAZIONE DEL DISCO “SET7” (Kairos, 2019)
Musiche per chitarra di Maurizio Pisati. Con Ruben Mattia
Santorsa
ore 15.00-16.30 Aula docenti
TŌRU TAKEMITSU E LA CHITARRA. ULTIME OPERE E
TRASCRIZIONI
Lezione-concerto a cura di Flavio Nati e Gianpaolo Russo
ore 17.30-19.00 Sala concerti di Corso Mazzini
CHITARRE E DINTORNI, concerto
ore 20.30 Sala concerti di Corso Mazzini
GRIDO, concerto
LUNEDÌ 6 MAGGIO 2019 - ANTEPRIMA

ore 17.00-18.00 – Aula docenti


PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO SEE THE SOUND – HOMAGE TO HELMUT
LACHENMANN

ore 18.00-19.00 – Aula docenti


LA MUSICA PER ARCHI DI HELMUT LACHENMANN
Seminario a cura di Lorenzo Gentili-Tedeschi e Giorgio Casati (mdi ensemble)

ore 20.30 – Sala concerti di Corso Mazzini


SEE THE SOUND: LACHENMANN E OLTRE
Mikel Urquiza
Cinq pièges brefs (2012) per violino, violoncello e pianoforte
Daniela Terranova
Rainbow dust in the sky (2018) per violino, viola e violoncello
Helmut Lachenmann
Trio d’archi (1965) per violino, viola e violoncello
Giorgio Netti
Inoltre (2006) per due violini
Helmut Lachenmann
Pression (1969, rev. 2010) per violoncello
Francesco Filidei
Esercizio di pazzia II (2014) per quattro esecutori

mdi ensemble
Lorenzo Gentili-Tedeschi, violino
Paolo Fumagalli, viola
Giorgio Casati, violoncello
Luca Ieracitano, pianoforte
LUNEDÌ 9 SETTEMBRE 2019

ore 11.30-13.00 – Aula docenti


THE EXTENDED PIANO
Seminario a cura di Anna D’Errico

ore 14.00-17.00 – Sala concerti di Corso Mazzini


MASTERCLASS della pianista Anna D’Errico per pianisti e compositori

ore 17.15-19.00 – Aula docenti


GESTUALITÀ SONORA DI UNA MATERIA SILENTE
Seminario a cura della compositrice Daniela Terranova

Ore 20.30 – Sala concerti di Corso Mazzini


A LANDSCAPE IN MY HAND
Daniela Terranova
A landscape in my hands (2017)
Daniele Bravi
Solo (2008/11)
Nicola Stefanello
Enchanted forest (2019) – prima esecuzione assoluta
Giulia Lorusso
Déserts (2018)
Wadi rum - Uyuni - Atacama - Murzuq - Hammada
Filippo Perocco
selezione dai Preludi (2007-in progress)
Enno Poppe
Thema mit 840 Variationen (1993/97)

Anna D’Errico, pianoforte


MARTEDÌ 10 SETTEMBRE 2019

ore 9.00-13.00 – Aula docenti


MASTERCLASS della compositrice Daniela Terranova

ore 14.00-17.00 – Aula docenti


INTRODUZIONE ALL'IDEA MUSICALE
Seminario del compositore Simone Movio

ore 17.30-18.30 – Aula Magna della succursale di Via Arzeron


PROSPETTIVE SULL’ORGANO NEL XX SECOLO
Lezione-concerto a cura di Margherita Dalla Vecchia.
Allievi delle classi di organo di Margherita Dalla Vecchia* e Maurizio Corazza**
Riccardo Giavina
Veni Emmanuel
Giulia Voltolina, organo*
Anton Heiller
Nun komm der Heiden Heiland (1975)
Marta Valeri, organo*
Marcel Dupré
Vitrail op. 65 (1969)
Alex Bacci, organo**
Flor Peeters
Suite Modale op. 43 (1938)
Emanuele Ballan, organo**
Ore 20.30 – Sala concerti di Corso Mazzini
ET MAINTENANT C’EST A VOUS DE JOUER

Luca Bardelle
Catabasi (2019), per ensemble – prima esecuzione assoluta
Giacinto Scelsi
Et maintenant c’est à vous de jouer (1974), per violoncello e contrabbasso
Simone Movio
d’albe incantate (2004)
Simone Movio
Come uno studio (2010)
Daniela Terranova
Still life with roses (2016), per ensemble
Gyorgy Ligeti
Arc en ciel (1985), per pianoforte
Franco Evangelisti
Proiezioni sonore. Strutture per piano solo (1955-56), per pianoforte
Beatrice Galasso
Body music (2019), per quattro gruppi di esecutori – prima esecuzione
assoluta

Ensemble Musica Nova


Isabella Menetto, flauto
Maddalena Paganin, clarinetto
Fang Zhou Liu e Luca Rettore, violini
Sarah Musco e Daniele Tessarin, violoncelli
Biagio Modena, contrabbasso
Luca Bardelle, Marco Barizza, Chiara Cerioni e Alberto Pavanello, pianoforte
Paolo Ius, Marco Moriello, Bianca Sartor, percussioni
Emanuele Vallone, direzione
MERCOLEDÌ 11 SETTEMBRE 2019

ore 9.00-13.00 – Aula docenti


MASTERCLASS del compositore Simone Movio

Ore 14.00-15.00 – Sala concerti di Corso Mazzini


PIERLUIGI BILLONE E LE PERCUSSIONI: MANI. De Leonardis
Lezione-concerto a cura di Federico Tramontana

Ore 15.30-16.30 – Aula docenti


TRANSTESTUALITÀ E MANIPOLAZIONE SPETTRALE NELLE ULTIME OPERE DI
FAUSTO ROMITELLI.
Conferenza di Luca Guidarini, Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali,
Università di Pavia

ore 17.00-18.30 – Aula Magna della succursale di Via Arzeron


PROSPETTIVE SUL PIANOFORTE NEL XX SECOLO
Allievi delle classi di pianoforte di Renata Benvegnú*, Leonora Armellini**, Giorgio
Farina°, Olaf Laneri°°

Dmitrij Kabalevskij
Valzer
Ilaria Casellato, pianoforte*

Dmitrij Kabalevskij
Clowns e Galop
Valeria Paneghetti, pianoforte*

Christopher Norton
Inter-city stomp
Simone Pacchiega, pianoforte*
Dmitrij Kabalevskij
Toccata
Nedziba De Santis, pianoforte*

Martin Cuéllar
Toccata
Filippo Orsi, pianoforte*

Béla Bartók
Danza rumena
Siria Bettelle, pianoforte**

Sergej Prokof'ev
Historiette
Chiara Gibin, pianoforte**

Franco Margola
Preludio
Paul Creston
Preludio
Giorgia Scaramuzza, pianoforte°

Nino Rota
Preludi
Giada Ponte, pianoforte°

Gian Francesco Malipiero


Preludio autunnale
Gianluca Bergamasco, pianoforte°

Robert Muczynski
Sei preludi op.6
Francesca Ferro, pianoforte°

Sergej Prokof'ev
Suggestion diabolique op. 4 n.4
Luca Celegato, pianoforte°°
ore 18.30-19.00 – Aula Magna della succursale di Via Arzeron
PROSPETTIVE SUL VIOLINO NEL XX SECOLO
Allievi della classe di Carlo Lazari

Tiziano Bedetti
Serenissima (2018), per due violini * °°
Luciano Berio
dai Duetti per due violini (1979-83):
6. BRUNO (Maderna) ° °°
14. PIERRE (Boulez) ° °°
24. ALDO (Bennici) * **
28. IGOR (Stravinsky) * **
20. EDOARDO (Sanguineti) * ** ° °°
Witold Lutosławski
Four Silesian Melodies (1954), per quattro violini.
Noemi Colcera*, Giulia Gallo**, Niccolò Penzo° e Riccardo Penzo°°, violini

Ore 20.30 – Sala concerti di Corso Mazzini


OMAGGIO A STEFANO GERVASONI
Dialogo-intervista con Stefano Gervasoni e, a seguire, concerto

Stefano Gervasoni
Odoi II (2015-17), per due sassofoni – prima esecuzione italiana
Maura Capuzzo
Scura e incerta la lunga leggerezza del mare (2018), per sassofono e
percussioni
Marco Nodari
Contrasti (1996), per pianoforte
Andrea Nicoli
Il bosco del Fatonero (2018), per sassofono e percussioni
Stefano Gervasoni
Rigirìo (2000), per sassofono, pianoforte e percussioni
Duo Dubois
Alberto Cavallaro, sassofono
Federico Tramontana, percussioni
con la partecipazione di Andrea Carrozzo, sassofono e Arianna Granieri, pianoforte
GIOVEDÌ 12 SETTEMBRE 2019

ore 9.00-11.00 – Aula docenti


MINIMALISMI. DA CAGE A OGGI
Seminario a cura di Alberto La Rocca

Ore 11.30-13.00 – Aula docenti


THE EXTENDED SAXOPHONE
Seminario a cura di Michele Bianchini

ore 14.00-15.00 – Aula docenti


PRESENTAZIONE DEL DISCO “SET7” (Kairos, 2019)
Musiche per chitarra di Maurizio Pisati. Con Ruben Mattia Santorsa

ore 15.00-16.30 – Aula docenti


TŌRU TAKEMITSU E LA CHITARRA. ULTIME OPERE E TRASCRIZIONI
Lezione-concerto a cura di Flavio Nati e Gianpaolo Russo
Ore 17.30-19.00 – Sala concerti di Corso Mazzini
CHITARRE E DINTORNI
Allievi delle classi di chitarra di Paolo Benedetti, Alberto La Rocca, Fabiano Merlante,
Giulio Tampalini
Alberto Ginastera
Sonata op. 47 (1976)
Claudio Covato
nuovo lavoro (2019) – prima esecuzione assoluta
Nicola Stefanello, chitarra
Tomàs Marco
La Lune
Michele Barbuiani, chitarre
Maurice Ohana
Tiento (1957)
Matteo Curto, chitarra
Giulio Viozzi,
Fantasia (1949)
Alessio Benvenuto, chitarra
Roland Dyens,
Saudade n. 3
Luca Maddalosso, chitarra
Marco Nodari
Tiliguerta (2011)
Nicola Stefanello
Studio n. 1 (2019) – prima esecuzione assoluta
Nicola Stefanello, chitarra
Tiziano Bedetti
Interludi Elegiaci I e II (1994)
Paolo Alongi, chitarra
Alberto La Rocca
La Dame à la Licorne (2012), per quattro chitarre
Storie di anguane (2019), per quattro chitarre
Luca Maddalosso, Giovanni Noventa, Matteo Curto, Paolo Alongi, chitarre
Bruno Bettinelli
Musica a due (1982), per flauto e chitarra
Miriam Costa, flauto e Matteo Curto, chitarra
ore 20.30 – Sala concerti di Corso Mazzini
GRIDO

Salvatore Sciarrino
Canzona di ringraziamento (1985, vers. per sassofono soprano solo del 2018)
Franck Bedrossian
La solitude du coureur de fond (2000), per sassofono contralto
Mark Andre
iv 12 (2013), per sassofono contralto
Fabrizio Volpi
Stepspets (2017), per sassofono tenore
Ann Cleare
Luna (the eye that opens the other eye) (2014), per sassofono contralto
Alexander Khubeev
Magenta (2018), per sassofono contralto
Wei Chieh Lin
Grido (2017), per sassofono tenore

Michele Bianchini, sassofoni


I COMPOSITORI PROTAGONISTI
STEFANO GERVASONI
Nato a Bergamo nel 1962, Stefano
Gervasoni ha iniziato gli studi di
composizione nel 1980 su consiglio di
Luigi Nono: questo incontro, come
pure quelli successivi con Brian
Ferneyhough, Peter Eötvös ed Helmut
Lachenmann, risulteranno decisivi nel
suo percorso. Dopo il diploma al
Conservatorio “G. Verdi” di Milano,
Stefano Gervasoni si perfeziona con
György Ligeti e frequenta il Coursus
d’Informatique musicale all’IRCAM di
Parigi. Con commissioni da parte di istituzioni come la WDR, la SWR, l’Orchestra Nazionale
della RAI, la Münchner Kammerorchester, il Festival d'Automne, Radio France, l’IRCAM, Casa
da Musica di Porto, Festival Archipel di Ginevra, Divertimento Ensemble, Ensemble
Intercontemporain, Ensemble Modern, Ensemble Contrechamps, Maerzmusik festival, Ars
Musica Bruxelles, Festival Musica di Strasbourg, Ministère Français de la Culture, Teatro alla
Scala e Suntory Hall di Tokyo, Stefano Gervasoni si è imposto come uno dei più importanti
compositori italiani della sua generazione. Il suo catalogo è edito da Casa Ricordi e Suvini
Zerboni.
Vincitore di numerosi premi, fra cui il "Serge Koussevitzky Music Foundation Award" e Premio
della Critica Musicale "Franco Abbiati", Stefano Gervasoni è stato a borsista e/o artist in
residence di istituzioni quali la Fondation des Treilles di Parigi, la DAAD di Berlino, Villa Médicis
- Académie de France di Roma e Domaine de Kerguéhennec. Invitato a insegnare ai
Ferienkurse di Darmstadt, alla Fondation Royaumont, alla Toho University di Tokyo, alla
Columbia University, alla Harvard University e al Takefu International Music Festival, è stato
visiting professor alla ESMUC di Barcellona e, dal 2006, è docente di composizione al
Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse di Parigi.

SIMONE MOVIO
Fondamentali per la sua formazione
sono stati gli incontri con Beat Furrer
all’Universität für Musik und
Darstellende Kunst di Graz
(2005/2006), al Rostock Summer
Campus 2009, ad IMPULS 2005, 2007
e 2009.
Simone Movio ha ricevuto il
“Komponisten-Förderpreise 2014”
della Ernst von Siemens Musikstiftung
ed è risultato vincitore di numerosi
concorsi di composizione fra cui:
Wiener Konzerthauses Composition Contest “Towards the Next 100 Years” (2012) - String
Quartet, “International Composition Competition Franz Schubert and Modern Music 2011”
(Graz, Austria), “IVME International Composition Contest 2011” (due primi premi nelle due
diverse categorie – Anversa, Belgio), “Gianni Bergamo Classic Music Award 2007 –
Composition” (Lugano, Svizzera).
Ha tenuto seminari di composizione in diverse istituzioni fra le quali si ricordano: l'Accademia
Filarmonica Romana, l’Universität für Musik und Darstellende Kunst di Graz (Austria), il centro
Creama Hanyang University di Seoul, l'Università Nazionale della Musica di Bucarest, il
Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze, il Conservatorio “C. Pollini” di Padova.
Importanti artisti ed ensembles (come Beat Furrer, Patricia Koptatchinskaja, Giovanni
Antonini, Klangforum Wien, Il Giardino Armonico, mdi ensemble, Ensemble Recherche) hanno
interpretato le sue opere in significative occasioni quali: Elbphilharmonie Hamburg,
Musikfestival Bern (Svizzera), Festival d'Aix-en-Provence, Festival Présences–Radio France,
Wiener Konzerthaus.

DANIELA TERRANOVA
Daniela Terranova ha studiato composizione con Azio
Corghi, Ivan Fedele e Beat Furrer (Universität für Musik
und Darstellende Kunst di Graz). Negli ultimi anni i suoi
lavori hanno ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i
quali: I premio al concorso internazionale Gianni
Bergamo Classic Music Award (Lugano); il premio
‘Nuova Musica alla Fenice’; la Menzione Speciale per la
musica italiana (premio SIAE); il premio ‘Incontri
Internazionali Franco Donatoni’ (Divertimento
Ensemble, in collaborazione con Ernst von Siemens
Music Foundation); il Premio Banca Monte dei Paschi di
Siena (Accademia Chigiana). La sua musica è stata
programmata ed eseguita all’interno di prestigiose
stagioni musicali: London Sinfonietta’s Season; Stagione
di concerti dell’IRCAM; Biennale Musica di Venezia;
Fondazione BBVA di Madrid; Time of Music Festival
(Vitasaari, Finlandia); Konzerthaus di Vienna;
Musikaliska Concert Hall (Stoccolma); Budapest Music
Center; Tallin Chamber Music Festival; Stagione di concerti dell’Orchestra della Svizzera
Italiana; Festival Traiettorie (Parma); Gran Teatro La Fenice; Festival Play it! (Orchestra della
Toscana); Accademia Filarmonica di Bologna; Auditorium Parco della Musica; Rondò 2013-
2015 (stagione di concerti del Divertimento Ensemble); Accademia Musicale Chigiana; Festival
Pontino. Le sue opere sono edite dalla casa editrice Suvini Zerboni-Sugar di Milano. Dal 2016 è
docente di Elementi di composizione e analisi per Didattica della musica presso il
Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto.
GLI INTERPRETI PROTAGONISTI
MICHELE BIANCHINI
Saxofonista umbro, dedica la sua
attività alla ricerca e allo sviluppo del
repertorio contemporaneo del
saxofono sia in ambito solistico che
cameristico.
È membro e fondatore di diversi
ensemble contemporanei con i quali si
è esibito per importanti festival e
associazioni nazionali ed
internazionali. Dal 2016 in
collaborazione con il compositore
greco Theocharis Papatrechas
organizza l’International il Suono Contemporary Music Week, settimana dedicata alla musica
contemporanea con concerti e masterclass per giovani compositori che si tiene annualmente
a Città di Castello.
Si è diplomato e laureato con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica di
Perugia, sotto la guida del M° Roberto Todini. Ha inciso brani per le etichette Icia, Navona
Records, A Simple Lunch Record, MAP editions e Brilliant Classics.

ANDREA CARROZZO
Andrea Carrozzo si diploma in sassofono con il massimo
dei voti presso il Conservatorio "N. Rota" di Monopoli
sotto la guida del M° Vittorio Cerasa. Prosegue i suoi
studi musicali presso il Conservatorio di Lyon, con il M°
Jean-Denis Michat ottenendo, nel Maggio 2016, il
D.E.M. (Diplôme d'Etudes Musicales) in sassofono con
menzione “très bien à l’unanimité” e conclude i propri
studi presso il Conservatorio di Lyon nel 2017 con il
conseguimento del diploma di 4ème cycle.
Si perfeziona continuamente con musicisti di fama
mondiale, tra i quali C. Delangle, V. David, C. Wirth, J. Y.
Fourmeau, A. Bornkamp, D. Gauthier e, nell’estate del
2014, prende parte ai corsi organizzati dalla “Université
Européenne de Saxophone” di Gap (Francia).
Si è distinto in numerosi concorsi nazionali ed
internazionali risultando vincitore di 11 primi premi. Nel
novembre 2018 è stato finalista al Concorso
Internazionale per Sassofono "ProMusica" di Iasi (Romania) e nel gennaio 2019 è risultato
vincitore del I premio al Concorso Internazionale per Sassofono "Adolphe Sax" di Castelbuono
(Italia).
Ha preso parte inoltre a numerose rassegne musicali sia in qualità di solista che in formazioni
da camera esibendosi in Italia e all'estero (Croazia, Francia e Romania). Ha eseguito in qualità
di solista con orchestra il “Concerto” di A. Glazunov e il "Konsert" di L. E. Larsson.
Attualmente collabora, per lo sviluppo del repertorio sassofonistico, con i compositori italiani
Roberto Vetrano e Cesare Saldicco.

ALBERTO CAVALLARO
Sassofonista di formazione classica, inizia i suoi studi nel
con Roberto Armocida e consegue la laurea di I livello al
Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia nella
classe di Francesco Marini, con il massimo dei voti e la
lode. Dopo essere stato ammesso al CRR di Cergy-
Pontoise nella classe di Jean Yves-Fourmeau, vi
consegue all’unanimità il Diplome d’Etude musicales in
sassofono e musica da camera per poi proseguire gli
studi al Conservatorio “G. Verdi” di Milano nella classe
di Mario Marzi. Negli anni si è perfezionato con docenti
di fama internazionale come Jean Yves Fourmeau,
Claude Delangle, Alexandre Doisy, Mario Marzi,
Christian Wirth, Daniel Gauthier, Jean Denis Michat, Otis
Murphy e Antonio Felipe Belijar. Vincitore di numerosi
premi nazionali e internazionali sia in veste solistica che
cameristica, è membro fondatore del Duo Dubois,
formazione con cui si dedica costantemente allo
sviluppo del repertorio per sassofono e percussioni collaborando con compositori come
Stefano Taglietti, Maura Capuzzo, Andrea Nicoli, Alessandro Milia, Maurizio Azzan e Jose
Manuel Lopez Lopez. Ha collaborato con l’ensemble di sassofoni “Saxovoce” sotto la direzione
di Jean Pierre Ballon, con l’Orchestra “A. Vivaldi” per le “Serate Musicali” e la “Società dei
Concerti” di Milano, con l’orchestra Civica di Milano e con l’Orchestra dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia.

ANNA D’ERRICO
Il repertorio di Anna D'Errico spazia dal
classicismo alla musica d’oggi, alla quale
dedica uno speciale interesse che l’ha
portata a collaborazioni con alcuni dei
più interessanti compositori della scena
attuale.
Ha suonato in istituzioni internazionali
tra le quali Lucerne Festival, Carnegie
Hall, Elbphilarmonie Hamburg, Wien
Modern, Mozarteum Salzburg,
Konzerthaus Berlin, Heidelberger
Frühling. Ha suonato come solista con
l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino,
l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra della Svizzera Italiana. La stagione
corrente la vede impegnata in progetti solistici con Radio France, Ircam-Centre Pompidou,
ZKM Karlsruhe.
Ha lavorato con compositori tra cui Lachenmann, Sciarrino, Boulez, Poppe, Aperghis, Andre,
Billone, Furrer, e con direttori quali Peter Eötvös, Lucas Vis, Marco Angius, Matthias Pintscher,
Ilan Volkov. Collabora stabilmente con Ensemble Interface, di cui è co-fondatrice, e Syntax
Ensemble. Ha inciso per le editrici Stradivarius, Raccanto, Ars Publica, Wergo, CMC Canada.
Tiene workshop presso istituzioni accademiche in tutto il mondo ed è da anni tutor presso
l’Impuls Academy Graz. Suoi progetti educativi sulla musica d’oggi sono stati premiati con il
“Leone d’argento” della Biennale di Venezia e il Premio Abbiati.
Tra i riconoscimenti ricevuti, il Kranichsteiner Stipendienpreis ai Ferienkurse Darmstadt, e il
Pianist/Composer Commissioning Project dell’Yvar Mikhashoff Trust for New Music di Buffalo
(NY).

DUO DUBOIS
Il Duo Dubois nasce dalla passione condivisa per la
musica contemporanea dei due strumentisti:
Alberto Cavallaro (Saxofono) e Federico
Tramontana (Percussioni). Il nome del gruppo è un
omaggio al compositore francese Pierre-Max
Dubois che negli anni '80 fu il primo a pensare e
scrivere un'opera per questo organico. L’interesse
per lo sviluppo di nuove possibilità sonore ha
portato il Duo Dubois a collaborare ad un progetto
di ricerca promosso dal CIDIM - Comitato Nazionale
Italiano Musica per la creazione di un nuovo
repertorio per questa formazione. Negli ultimi anni
il duo ha lavorato con vari compositori italiani, come Andrea Nicoli, Andrea Talmelli, Stefano
Taglietti, Alessandro Mila, Maurizio Azzan, Maura Capuzzo, Manuela Guerra e Marco
Lombardi. Il Duo si è esibito per festival e rassegne come "Musica nei Musei" (Città del
Vaticano), il Roccella Jazz Festival, AMA Calabria, l'associazione di compositori CLUSTER di
Lucca, per l’Hochschule di Berna, la rassegna "MACRO asilo" curata da Giorgio De Finis e per il
festival di musica contemporanea “Rumore bianco”. Nel 2019 ha collaborato come esecutore
interprete insieme al Syntax ensemble per il Master in composizione del Conservatorio "Verdi"
di Milano alla presenza del compositore spagnolo Jose Manuel Lopez Lopez. Il Duo ha in
programma per la prossima stagione un lavoro discografico per l'etichetta EMAvinci e concerti
in Italia, Svizzera, Belgio.

ENSEMBLE MUSICA NOVA


L’Ensemble Musica Nova è un progetto del Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria finalizzato ad
approfondire le prassi esecutive e interpretative della musica del secondo Novecento e
contemporanea con particolare attenzione per i linguaggi più sperimentali legati alla
tradizione delle avanguardie europee ed extra-europee. Costituito da studenti dei corsi
superiori di strumento e direzione, l’ensemble lavora a contatto con compositori ospiti,
studenti di composizione e interpreti specializzati nella musica d’oggi dedicandosi a specificifi
repertori che vengono studiati ed approfonditi nei tempi e nei modi tipci di ogni produzione di
settore. Agli studenti viene così offerta un’esperienza professionalizzante a tutto tondo,
dall’approfondimento di tecniche esecutive estese o comunque non classiche fino all’analisi
delle partiture e alle prove d’insieme con tutoraggio costante, che sfocia poi in un concerto
finale nell’ambito del Festival Musica Nova.
ARIANNA GRANIERI
Pianista, consegue sotto la guida del M°
Cinzia Damiani presso il Conservatorio
“Santa Cecilia” di Roma il Diploma
Istituzionale e il Diploma Accademico di
II livello in Pianoforte, indirizzo solistico,
con lode e menzione d’onore. Ha
conseguito con lode anche la Laurea
Magistrale in Filosofia presso
l’Università “Tor Vergata” di Roma, con
una tesi sull’estetica del Giappone e del
samurai.
Si è perfezionata in diversi workshop e
masterclass tra cui Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt e New Music Week di Roma, con
musicisti quali Nicolas Hodges, mdi ensemble e compositori quali Brian Ferneyhough, Beat
Furrer e Simone Movio.
È stata invitata ad esibirsi come solista e in formazioni cameristiche in diversi festival,
riscuotendo sempre vivo interesse e calorosi consensi, eseguendo spesso prime italiane e
assolute tra cui EMUfest, ArteScienza, Novantenario dalla nascita di Franco Evangelisti,
convegno su Vanitas di e con Salvatore Sciarrino etc.Nel 2018 ha ideato, suonato, curato la
regia e scritto i testi per una performance avente come soggetto la nascita ed evoluzione del
cosmo e della vita umana, dal titolo: “Nei meandri del cosmo – Un viaggio multisensoriale”,
già presentato nell’ambito di “S. Cecilia a Via Giulia” e presso la Fondazione “Cristo Re” di
Roma.
È pianista-performer dell’opera “Stop, repair, prepair – Variations on Ode to Joy for prepared
piano” di Allora&Calzadilla, realizzata presso le OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino.

LUCA GUIDARINI
Luca Guidarini ha studiato musicologia
al Dipartimento di Musicologia e Beni
Culturali dell’Università di Pavia e di
musica elettronica al Conservatorio G.
Nicolini di Piacenza.
Chitarrista di Formazione, ha studiato
chitarra classica e jazz al Conservatorio
A. Buzzolla di Adria e chitarra elettrica
contemporanea alla Civica Suola di
Musica C. Abbado. I suoi principali
campi di ricerca sono le tecniche
compositive e di improvvisazione e la
teoria musicale dei compositori ed esecutori della fine del XX e del XXI secolo.

ALBERTO LA ROCCA
Alberto La Rocca è nato a Thiene nel 1967. Diplomatosi
in chitarra al Conservatorio di Musica di Verona sotto la
guida del M° Giancarlo Rado, ha frequentato corsi di
perfezionamento tenuti da Angelo Gilardino, Stefano
Grondona, Ruggero Chiesa, Leo Brouwer, Michele
Calgaro; per quanto riguarda l’approccio creativo alla
musica ha frequentato corsi con Meredith Monk, John
Paynter e Roberto Dani. Tiene concerti in Italia e
all’estero sia in veste di solista, sia in varie formazioni
cameristiche e orchestrali. È vincitore di alcuni concorsi
internazionali. Si è laureato col massimo dei voti in
D.A.M.S. a Bologna con una tesi sulla didattica creativa della chitarra. Ha inciso otto CD tra cui
"mutAzioni" (GuitArt), FOGLI D'ALBUM" (GuitArt) e "SEGOVIA - GUITAR MUISC" (Brilliant
Classics). Ha composto la musica per numerose performance collettive, coreografi e pièces
teatrali, tra cui “SURFACING”, “QUELLA SEGRETA LENTEZZA”, “LA CENERE DELLE ROSE”,
“mutAzioni”, “SALOMÈ DI OSCAR WILDE”, “MARCO POLO” e “ANGUANE”. Si occupa di
pedagogia musicale e compone numerosi brani di carattere didattico per chitarra e per
pianoforte, tra cui “L’ALTRA CHITARRA” (Ed. Santabarbara). Ha insegnato chitarra presso varie
Scuole Musicali e presso i Conservatori di Trieste e di Cagliari. Attualmente è docente al
Conservatorio “Buzzolla” di Adria. Tiene conferenze sulla musica contemporanea e corsi di
didattica musicale per insegnanti. Svolge anche attività pittorica e grafica.
mdi ensemble
mdi ensemble, formatosi a Milano nel 2002, è stato
insignito nel 2017 dal Teatro alla Fenice di Venezia del
premio “Una Vita nella Musica”, per aver perseguito
“con tenacia e infaticabile studio uno scopo molto
preciso, affrontare cioè la produzione di musica
contemporanea con una forte identità di stile
interpretativo, alla stregua delle formazioni cameristiche
dedite al repertorio tradizionale”.
Artist-in-residence presso il festival Milano Musica dal
2012 al 2017, mdi ensemble è ospite regolare delle le
più importanti istituzioni musicali italiane e straniere,
tra cui Mito-Settembre Musica, Biennale Musica di
Venezia, Società del Quartetto di Milano, Ravenna
Festival, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Festival
Traiettorie di Parma, Bologna Festival, Festival
Présences di Radio France, Festival Jeunesse di Vienna,
Open Music di Graz, ORF di Innsbruck, Villa Concordia a
Bamberg, SWR di Stoccarda, SMC di Losanna. Negli USA
si esibisce al LACMA di Los Angeles e al Chelsea Music Festival di New York; nel 2008 debutta a
Tokyo. Ha collaborato con direttori del calibro di Stefan Asbury, Emilio Pomarico, Beat Furrer,
Pierre André Valade.
A partire dal 2016 assume la direzione artistica di “Sound of Wander”, rassegna di concerti,
incontri e masterclass a Milano; dal 2015 cura a Firenze il ciclo di concerti “Contrasti”, inserito
nel calendario di Estate Fiorentina. Il DVD See the Sound – Homage to Helmut Lachenmann,
prodotto e realizzato dall’ensemble presso la Fondazione Cini di Venezia e pubblicato
dall’etichetta parigina l’empreinte digitale, è stato trasmesso da Rai 5 e Sky Classica e
promosso con un tour in 14 festival e Conservatori italiani nel 2018.

FLAVIO NATI
Flavio Nati è un giovane chitarrista
classico apprezzato per la “maturità e
qualità interpretativa di altissimo
livello” i cui concerti sono stati
descritti come una “autentica
esperienza per i distinti stili musicali
magistralmente interpretati” (Diaro de
Àvila). Nato a Roma del 1990, deve la
sua formazione ad artisti quali Arturo
Tallini, Carlo Marchione, Oscar Ghiglia,
Giuliano Balestra, Paolo Pegoraro,
Adriano del Sal, sotto la guida dei quali
ha conseguito il diploma con lode presso il Conservatorio “Santa Cecilia” della sua città natale
e la laurea con lode presso il Conservatorio di Maastricht (Paesi Bassi).
Si è esibito in varie città italiane, europee ed ha effettuato delle tournée in Giappone ed in
Korea, sempre con grande successo di critica e di pubblico. È stato invitato in trasmissioni
televisive e radiofoniche e negli ultimi anni si è aggiudicato numerosi premi in concorsi
nazionali ed internazionali sia in Italia che all’estero.
Il Comitato Scientifico del prestigioso Convegno di Chitarra di Alessandria “Michele Pittaluga”
gli ha conferito la Chitarra d’Oro come “Giovane Promessa” dell’anno 2016. Nel 2018 è
risultato vincitore del Respighi Prize, riconoscimento che lo porterà ad esibirsi negli Stati Uniti
come solista con la New York Chamber Orchestra nella stagione 2019/2020 presso la Carnegie
Hall/Weill Hall.
Dal 2017 è docente di chitarra per i corsi pre-accademici presso il Conservatorio “G. B.
Martini” di Bologna ed il Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria.

RUBEN MATTIA SANTORSA


Ruben Mattia Santorsa è un chitarrista classico ed
elettrico italiano. La musica contemporanea
rappresenta al momento il fulcro del suo lavoro e del
suo manifesto artistico. Crede fermamente che
attraverso di essa si possa veicolare un messaggio di
apertura, accoglienza e rinnovamento sociale, politico e
culturale sempre più necessario nella società di oggi.
Ama viaggiare e incontrare musicisti, e la sua attività lo
ha portato a tenere concerti e lectures in Europa, Stati
Uniti e Sud America, in luoghi quali la Northwestern
University di Chicago, il Conservatorio Superiore di
Parigi, l'Elbphilarmonie di Amburgo e il KKL di Lucerna.
Fondamentale per la sua crescita artistica è il lavoro con
compositori quali Helmut Lachenmann, Rebecca
Saunders e Luca Francesconi.
Ha suonato con direttori quali Sir Simon Rattle, Matthias
Pintscher e Peter Eötvös, e con orchestre ed ensemble
quali la Lucerne Festival Academy Orchestra, il Mosaik
Ensemble, l'MDI Ensemble e l’ensemble Contrechamps. Nel 2019 suonerà con la RSO Wien e
con la Lucerne Festival Academy Orchestra dirette da Marin Alsop e Sir George Benjamin, e
come solista con l'Orquestra Metropolitana de Lisboa diretta da Pedro Amaral.
Il suo disco «Set7», con musiche di Maurizio Pisati, è stato pubblicato dall'etichetta Kairos. Ha
inoltre collaborato in progetti registrati per etichette quali Stradivarius e Neos.
Ha studiato con Yaron Deutsch, Walter Zanetti ed Elena Càsoli, frequentando il Conservatorio
di Bologna e l'Hochschule di Berna.

FEDERICO TRAMONTANA
Performer e percussionista, si diploma
con il massimo dei voti, lode e
menzione d’onore al Conservatorio “F.
Torrefranca” di Vibo Valentia con
Vittorino Naso, concludendo poi
brillantemente gli studi “mit
Auszeichnung” (con distinzione) presso
l’Hochschule der Künste di Berna sotto
la guida di Brian Archinal, Jochen
Schorer e Christian Hartmann. Federico si esibisce come solista e in diversi Ensemble,
eseguendo diverse prime assolute e collaborando con numerosi compositori quali, fra gli altri,
Simon Steen-Andersen, Alisir Sijaric, Josè Manuel Lopez Lopez, Thomas Demenga, Maurizio
Azzan, Alessandro Milia, Maura Capuzzo, Andrea Nicoli. Ha vinto le borse di studio della
fondazione Lyra Stiftung (CH), Hirschmann Foundation (CH), Geert und Lore Blanken –
Schlemper – Stiftung (CH). Si è esibito in festival e rassegne di musica contemporanea come
Concert in Progr – Bern (CH), HKB GEHT AND LAND (CH), Burgdorf Kunstmuseum Bern (CH),
Festival Rumore Bianco (IT), Milano Musica (IT), Soneumus Festival Sarajevo (BA), Festival
Wege der Wahrnehmung (CH), Cluster Music Festival (IT), MACRO – Museo d’arte
contemporanea Roma, Sala Verdi del Conservatorio “G. Verdi” di Milano (IT), Forum Kammer
Musik (CH).

Potrebbero piacerti anche