Sei sulla pagina 1di 1

Tecnica delle Costruzioni da me tenuto dal 2004 al 2008 presso l’Università degli Studi Roma Tre - Facoltà di

Ingegneria, in particolare, le lezioni sul cemento armato precompresso. Alcuni argomenti vengono ripresi e
approfonditi mentre altri sono stati inseriti ex-novo, come ad esempio il dimensionamento di travi in cemento
armato precompresso, la verifica di sezioni composte c.a–c.a.p., il progetto dei dettagli costruttivi e la diffusione
delle forze di precompressione. Le esercitazioni svolte durante gli anni, sono un utile strumento didattico, che
ho adoperato con molta convinzione e che ho utilizzato anche nel presente testo. Gli argomenti sono corredati
da molti esercizi svolti, che dovrebbero mettere in grado lo studente di utilizzare gli strumenti di calcolo forniti
durante le lezioni in maniera più proficua. Ogni scritto presuppone uno sforzo notevole che deve coinvolgere in
primis il docente ma anche gli studenti, che con il loro apporto e continua interazione contribuiscono ad una
migliore definizione degli argomenti trattati. Questi appunti costituisco il testo di riferimento del corso di
Cemento Armato Precompresso tenuto attualmente dal sottoscritto nel corso di Laurea di Ingegneria Civile per
la Protezione del Territorio dai Rischi Naturali dell’Università degli Studi Roma Tre, ma spero possano essere utili
a quanti vorranno farne buon uso. Roma, 30 Settembre 2018 Prof. Fabrizio Paolacci Fabrizio Paolacci – Progetto
di travi in c.a.p _________________________________________________________________________ 4
INDICE 1. INTRODUZIONE 2. CONCETTI BASE 2.1. Definizione di stato di coazione e di presollecitazione 2.2. Lo
stato di presollecitazione nel c.a.p. 2.3. Vantaggi e svantaggi della precompressione 3. METODI DI
APPLICAZIONE DELLA PRECOMPRESSIONE 3.1. Precompressione interna 3.1.1.Precompressione a fili aderenti
3.1.2.Precompressione a cavi post-tesi 3.1.3. Precompressione nelle strutture composte c.a.-c.a.p. 3.2.
Precompressione esterna 3.3. Precompressione mista e interna non aderente. 4. I MATERIALI 4.1. Il calcestruzzo
4.1.1. Resistenza e deformabilità 4.1.2. I modelli di calcolo 4.1.3.Tensioni massime iniziali e di esercizio 4.1.4. La
viscosità 4.1.5. Il ritiro 4.2. L’acciaio da cemento armato precompresso 4.2.1. Resistenza e deformabilità 4.2.2. I
modelli di calcolo 5 4.2.3. Tensioni massime in condizioni iniziali e in esercizio 4.2.4. Il rilassamento 5. STATICA
DELLE SEZIONI IN C.A.P. 5.1. Il calcolo elastico di una trave in c.a.p. inflessa in presenza di precompressione
totale o limitata 5.1.1. Richiami di geometria delle aree 5.1.2. Il calcolo delle tensioni 5.1.2.1. Il calcolo delle
tensioni nel calcestruzzo in condizioni iniziali 5.1.2.2. Calcolo delle tensioni nel calcestruzzo a lungo termine
5.1.2.3. Calcolo delle tensioni nell’ac