Sei sulla pagina 1di 100

I

lmode
lloe
sempl
arede
lle

perl
edonnedioggi
IL MODELLO DELLE

ṢAḤĀBIYĀT
PER LE DONNE DI OGGI

di:
Maulana Abdus-Salām Nadwi

Tutti i diritti sono riservati a Abdus-Salām Nadwi, autore di "The


Ṣaḥābiyāt, role models for today’s women". La traduzione in italia-
no è stata realizzata per favorire diffusione la conoscenza dell'Islām,
a puro scopo di Da'wah e senza fini di lucro.

Tutta la lode e i ringraziamenti appartengono ad Allāh


e pace e benedizioni sul Messaggero Muḥammad.
© Abdus-Salām Nadwi
Impaginazione di al-Muhājirah
SentierodiAllah.wordpress.com
Sommario

GLOSSARIO DELLE LETTERE ARABE ............................................... 7

ACCETTAZIONE DELL’ISLĀM .......................................................... 8


Proclamare l’Islām .................................................................... 9
Sopportare fardelli imposti ....................................................... 9
Cessazione delle relazioni all’accettazione dell’Islām ............... 10

CREDENZE ................................................................................... 12
Tawḥīd (unicità di Allāh) ............................................................ 12
Distanziarsi dal politeismo ........................................................ 12
Il credo nella profezia di Muḥammad ....................................... 13

`IBĀDĀT ....................................................................................... 15
Ṣalāh .......................................................................................... 15
L’offerta della preghiera in congregazione ........................... 15
La ṣalāh di Jumu`ah .............................................................. 15
La ṣalāh di ŝurūq ................................................................... 16
La ṣalāh di Tahajjud .............................................................. 16
Zakah e Ṣadaqāt ........................................................................ 16
Carità verso amici e parenti ................................................. 17
L’assistere il povero secondo le loro necessità ...................... 18
Il Digiuno ................................................................................... 18
Digiunare continuamente .................................................... 18
Digiuni facoltativi ................................................................ 19
Digiuno in favore del deceduto ............................................. 19
I`tikāf ......................................................................................... 19
Ḥajj ............................................................................................ 20
Ḥajj per conto dei genitori .................................................... 21
`Umrah ...................................................................................... 21
Jihād .......................................................................................... 22
Desiderio per il martirio ....................................................... 22
La pratica del Qur’ān ................................................................. 22

ASTENERSI DALLE PROIBIZIONI DELLA ŜARĪ`AH ........................... 24


Astensione dagli strumenti musicali ......................................... 24
Astensione dalle cose dubbie ................................................... 24

DIFFERENTI ASPETTI DELLA VITA RELIGIOSA ............................... 26


Il ricordo di Allāh ....................................................................... 26
Visitare i luoghi sacri ................................................................. 26
Sopportare sofferenze fisiche per conseguire
gli obblighi del Dīn .................................................................... 26
Conseguire i propri giuramenti ................................................. 27

RISPETTO PER RASŪLULLĀH ........................................................ 28


Ricevere benedizioni dal Rasūlullāh ......................................... 28
Salvaguardando i possedimenti di Rasūlullāh .......................... 28
Rispetto per Rasūlullāh ............................................................. 29
Supportare Rasūllullāh .............................................................. 30
Servire Rasūllullāh ..................................................................... 30
Riverenza verso Rasūllullāh ....................................................... 31
Cantare gli elogi per .................................................................. 31
Aderire agli ordini di Rasūllullāh ............................................... 32
Cercare la compiacenza di Rasūllullāh ...................................... 33
Affidare gli affari a Rasūllullāh ................................................... 34
Ospitare Rasūllullāh .................................................................. 35
Amore per Rasūllullāh ............................................................... 36
Desiderare di stare in compagnia di Rasūllullāh ....................... 36

CARATTERE VIRTUOSO ED EDUCAZIONE ..................................... 37


Astinenza .................................................................................. 37
Preferire gli altri a se stessi ........................................................37
Generosità ................................................................................ 38
Astenersi dal reclamare vendetta dall’avversario .................... 39
Ospitalità .................................................................................. 40
Onore personale ....................................................................... 40
Pazienza e forza d’animo ........................................................... 41
Coraggio .................................................................................... 42
Astinenza .................................................................................. 43
Spensieratezza e vivacità .......................................................... 43
Riserbo ...................................................................................... 43
Castità ....................................................................................... 44

RELAZIONI SOCIALI E RAPPORTI .................................................. 46


Riconciliazione e purità del cuore ............................................. 46
Mantenere buone relazioni ...................................................... 46
Scambiare i doni ........................................................................ 47
Rapporti con la servitù .............................................................. 47
Cooperazione reciproca ............................................................ 48
Visitare il malato ....................................................................... 48
Prendersi cura del malato ......................................................... 49
Condoglianze alla famiglia del deceduto .................................. 49
Amore per i bambini ................................................................. 50
Amore per fratelli e sorelle ....................................................... 50
Difendere i propri genitori ........................................................ 51
Allevare gli orfani ...................................................................... 52
Salvaguardare i beni degli orfani .............................................. 52
Allevare i bambini ..................................................................... 53
Salvaguardare i possessi del marito ......................................... 53
Compiacere il marito ................................................................ 54
Amore per il marito ................................................................... 55
Servire il marito ......................................................................... 56

MODO DI VIVERE ........................................................................ 58


Povertà ...................................................................................... 58
Abbigliamento........................................................................... 58
Abitazioni .................................................................................. 59
Effetti domestici ........................................................................ 59
Gioielli ....................................................................................... 59
Cosmetici .................................................................................... 59
Compiere le proprie commissioni .............................................. 60
Purdah ......................................................................................... 61
Adempimento dei debiti ............................................................. 63
Rinunciare ai debiti ..................................................................... 63
Giustizia ed equità nel distribuire l’eredità .................................63

TRANSAZIONI ................................................................................ 63

SERVIZI RESI .................................................................................. 65


Servizi religiosi ............................................................................ 65
Diffusione dell’Islām ............................................................... 65
Proteggere nuovi Musulmani ................................................ 66
Servire i mujahidīn ................................................................. 66
Prendersi cura delle moschee ................................................. 68
Eliminazione delle innovazioni ............................................... 68
Iḥtisāb .................................................................................... 69
Contributo morale ...................................................................... 70
Proibire dai giochi di distrazione ............................................ 70
Alcool ..................................................................................... 71
La proibizione di usare capelli falsi (parrucche) .................... 71
Contributo intellettuale ............................................................. 71
La scienza del Tafsīr ............................................................... 71
La scienza dei misteri della religione (Asrar ad-Dīn) ............. 78
La scienza degli Aḥadīṯ ........................................................... 85
La scienza del Dirāyah ........................................................... 86

CONCLUSIONE ................................................................................. 90

GLOSSARIO ...................................................................................... 97
GLOSSARIO DELLE
LETTERE ARABE

‫ ا‬ Ā, ā (a aperta, a metà fra ğ (è un suono gutturale che


la lettera a ed e – prende il ‫ غ‬ si produce nella parte supe-
suono della vocale breve che riore della gola)
l’accompagna a, i, u) f
‫ ب‬ b ‫ ف‬ q (si pronuncia coma una k
‫ ت‬ t ‫ ق‬ dura)
‫ ث‬ ṯ (si legge come la th inglese k (si pronuncia come la c di
di thumb) ‫ ك‬ casa)
‫ ج‬ j (si legge come la g di giar- l
dino) ‫ ل‬ m
‫ ح‬ ḥ (è una h dura che viene ‫ م‬ n
pronunciata nel centro della ‫ ن‬ w, ū (quando è consonante si
gola) ‫و‬ pronuncia come la u di uovo;
‫ خ‬ ḳ (è un suono gutturale simi- se viene dopo una lettera che
le alla ch tedesca di Bach) ha come vocale u ne diventa
d il suo allungamento)
‫ د‬ ḏ (si pronuncia come la th h (si pronuncia come una h
‫ ذ‬ inglese di thus) neutra)
r ‫ ه‬ y, ī (uando è consonante si
‫ ر‬ z pronuncia come la i di iuta,
‫ ز‬ s ‫ي‬ se viene dopo una lettera che
‫ س‬ ŝ (si pronuncia sc di sciare) ha come vocale i ne diventa
‫ ش‬ ṣ (s enfatica) il suo allungamento)
‫ ص‬ ḍ (d enfatica) (corrisponde al simbolo ‘ è
‫ ض‬ ṭ (t enfatica) un’interruzione del suono)
‫ ط‬ ẓ (z enfatica)
‫ ظ‬ (corrisponde al simbolo ' e ‫ء‬
‫ع‬ il suono si produce al centro
della gola)
ACCETTAZIONE DELL’ISLĀM

Educazione, dolcezza e dare la preferenza agli altri davanti a se


stessi è l’essenza di una persona pia. È attraverso queste qualità
che si può accettare ogni tipo di avvertimento, istruzione, cultura,
consiglio e guida. I petali di un fiore sono influenzati dalla dolce
brezza del mattino. Tuttavia, la salute degli alberi non è certamen-
te influenzata da ogni forte vento. I raggi del sole possono andare
attraverso una finestra ma le frecce d’acciaio non possono avere
nessun effetto su certe pietre. Questa è esattamente la condizione
dell’uomo. Una persona gentile e dolce può accettare ogni “vera”
chiamata con facilità, mentre i grandi miracoli non possono in-
fluenzare persone dal cuore duro. Esempi di differenza nel tempe-
ramento possono essere trovati ovunque. Tuttavia, l’intera storia
della diffusione Islamica è piena di tali esempi. Conosciamo i nomi
di molti sfortunati miscredente che non si sottomisero ad Allāh
Ta`āla nonostante innumerevoli sforzi spesi per loro. Tuttavia, ci
sono milioni tra i Ṣaḥābah che entrarono nella causa dell’Islām
subito dopo aver udito la chiamata verso l’Unicità di Allāh. Insie-
me ai Ṣaḥābah, molte Ṣaḥābiyāt sono incluse in questa virtù. Non
sono solamente comprese in questo, ma li hanno anche superati
nell’accettare l’Islām senza alcuna sorta di sforzo persistente e sen-
za alcuna costrizione. Accettando l’Islām, loro ebbero subito sot-
tomesso se stesse ad Allāh Ta’ālā. Rāfi’ raḍiya-Llāhu `anhu narrò
che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam disse: “Ho ricevuto la
profezia un lunedì e Ḳadījah offrì la ṣalāh alla fine di quello stesso
giorno. `Alī offrì la ṣalāh di Martedì ed egli fu seguito da Zayd ibn
Ḥariṯah e Abū Bakr.”

Dalla narrazione sopra narrata, possiamo dedurre che i raggi della


luce che brillavano sul primo giorno di sole della missione profetica,
riverberarono dall’illuminato cuore di una dolce e nobile donna.

8
Proclamare l’Islām

All’inizio dell’Islām, si aveva bisogno di più coraggio, ardore e de-


terminazione nell’esporsi, piuttosto che accettare l’Islām stesso.
Nonostante le derisioni, l’oppressione e la tirannia dei miscreden-
ti, i Ṣaḥābah, insieme alle Ṣaḥābiyāt, esibirono grande coraggio nel
mostrare il loro Islām.
Tra le sette persone pie che accettarono l’Islām all’inizio, sei di loro
erano uomini. Essi furono: Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam stesso, Abū Bakr, Bilāl, Ḳabbāb, Suhayl, ‘Ammār raḍiya-Llāhu
`anhum e la settima fu una povera Ṣaḥābiyāt, Sumayyah raḍiya-
Llāhu `anhā, la madre di ‘Ammar raḍiya-Llāhu `anhu.

Le Ṣaḥābiyāt con le loro povere disposizioni, non solo accettarono


l’Islām spontaneamente, ma lo diffusero volentieri. È menzionato
nel Ṣaḥīḥ Buḳari nel Kitāb at-Tayammum, che i Ṣaḥābah catturaro-
no una donna in uno dei loro viaggi e la presentarono a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Ella aveva dei contenitori pieni d’ac-
qua e fu a causa del bisogno di dissetarsi che i Ṣaḥābah la cattu-
rarono. Tuttavia, quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
prese quell’acqua, glieli pagò in accordo al loro valore. Dopo aver
visto questa sua pietà, ella divenne subito convinta della sua mis-
sione profetica e accettò l’Islām. Grazie a ciò, l’intera tribù di lei
accettò l’Islām.

Sopportare fardelli imposti


a causa dell’accettazione dell’Islām

Insieme ai Ṣaḥābah, anche le Ṣaḥābiyāt sopportarono tutti i tipi di


fardelli per la causa dell’Islām. Questo non generò nemmeno l’om-
bra del dubbio nel loro īmān.

Quando Sumayyah raḍiya-Llāhu `anhā accettò l’Islām, i miscre-

9
denti cominciarono a imporle numerose difficoltà. Il tormento più
pesante, fu che loro la fecero stare in piedi sulla calda sabbia di
Makkah, legandola con catene d’acciaio. Nonostante questo, lei ri-
mase costante nell’Islām. Un giorno loro la legarono come sovente
facevano e la costrinsero a stare in piedi sotto il caldo sole, quando
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam apparve. Dopo averla vista,
disse: “Abbi pazienza, sarai ricompensata con il paradiso.” Tutta-
via, i miscredenti non furono soddisfatti di questa punizione che le
avevano riservato. Abū Jahl la martirizzò conficcandole una lancia
nelle sue parti intime, così lei fu benedetta con la virtù di essere
la prima martire dell’Islām. Questo è una grande virtù in favore
delle Ṣaḥābiyāt che una Ṣaḥābiyāt fu la prima persona ad accettare
l’Islām e una Ṣaḥābiyāt fu la prima persona a essere benedetta con
il martirio.

Quando la sorella di `Umar1 raḍiya-Llāhu `anhu accettò l’Islām e


lui apprese ciò, la aggredì in un modo tale che il suo intero corpo
fu leso. Nonostante questo, lei con fermezza disse: “Fai qualunque
cosa desideri, ho già accettato l’Islām.” `Umar raḍiya-Llāhu `anhu si
era molto stancato dopo avere colpito Luīnah2 raḍiya-Llāhu `anhā.
Dopodiché disse: “Non ti lascio perché ho pietà di te, ma perché
sono esausto.” Allo stesso modo impose una severa punizione a
Zinnīrah raḍiya-Llāhu `anhā che era la schiava della sua famiglia.

Cessazione delle relazioni all’accettazione dell’Islām

All’accettazione dell’islām, tutte le relazioni e i vincoli familiari dei


Ṣaḥābah furono interrotti. Tuttavia, questo non fu causa di alcun
dubbio nella solidità del loro īmān. In questo contesto, la condi-
zione delle Ṣaḥābiyāt fu più intricata di quella dei Ṣaḥābah. Sebbe-

1
Il suo nome era Faṭimah
2
Una schiava della sua famiglia

10
ne l’uomo abbia correlazione dall’aiuto e l’assistenza di tutti i suoi
amici e parenti intimi, la vita di una donna si aggira interamente at-
torno all’aiuto e l’assistenza di suo marito. Lei non può fare a meno
di lui in nessuna circostanza. Se un figlio taglia le relazioni con suo
padre e viceversa, entrambi possono condurre una vita normale.
Ma quando una donna si separa da suo marito, diventa assolu-
tamente indifesa e bisognosa. Ciononostante, molte Ṣaḥābiyāt
tagliarono le loro complesse relazioni per la causa dell’Islām e si
separarono per sempre dai loro mariti miscredenti. Dopo il trattato
di Ḥudaybiyyah, fu rivelato il seguente verso:

[int. sign.]3 “Non mantenete relazioni con le donne miscredenti”

Come i Ṣaḥābah divorziarono dalle loro mogli miscredenti, molte


Ṣaḥābiyāt inoltre lasciarono i loro mariti miscredenti e migrarono a
Madīnah. Non una sola fra loro ritornò dai loro precedenti mariti.
'Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Noi non sappiamo di una sola
donna che emigrò e in seguito si allontanò dall’Islām.”

3
Interpretazione significativa

11
CREDENZE

Tawḥīd (unicità di Allāh)

I miscredenti imposero difficoltà indicibili sulle Ṣaḥābiyāt. Nono-


stante questo, nessuna parola di politeismo fu emanata dalle loro
bocche. Pronunciarono soltanto la kalimah del Tawḥīd.

Quando Umm al-Ŝarik raḍiya-Llāhu `anhā accettò l’Islām, i suoi


parenti la cacciarono e la costrinsero a stare al calore della luce
solare. Quando si trovava in tale stato e si scottava per il sole ro-
vente, essi la nutrivano con pane e con qualcosa di “caldo”, come il
miele, al fine di farle provare sete e poi le era negata l’acqua. Dopo
aver trascorso tre giorni in quest’indicibile difficoltà, quei tiranni le
dissero: “Abbandona la religione alla quale hai aderito”. Lei perse
il controllo dei sensi a tal punto che fu incapace di comprendere
il significato di quelle parole. Loro quindi alzarono le dita verso il
cielo. Vedendo questo, lei capì che volevano che rifiutasse l’Unicità
di Allāh Ta`āla. Esclamò: “Giuro in Allāh che resto salda su questo
credo”.

Distanziarsi dal politeismo

In genere le donne si attenevano rigidamente alle loro vecchie abi-


tudini, costumi e credenze. Le credenze politeiste si erano diffuse
per diverso tempo tra gli Arabi ed erano diventate fermamente
incorporate nei loro cuori. Ciononostante, immediatamente dopo
aver accettato l’Islām, le Ṣaḥābiyāt rifiutarono queste credenze in
modo deciso e manifesto. Era credenza degli Arabi che se si par-
lasse in modo avverso degli idoli, egli sarebbe stato inondato di
malattie. Dopo aver accettato l’Islām, Zinnīrah raḍiya-Llāhu `anhā
divenne cieca. Vedendo questo, i miscredenti iniziarono a sostene-

12
re che Lāt e ‘Uzzā4 la avessero accecata. Tuttavia, lei replicò esplici-
tamente: “Lāt e ‘Uzzā non sono nemmeno a conoscenza di quelle
stesse persone che li adorano [così come possono causare que-
sto?] – in verità, questo proviene da Allāh Ta`āla”.

Nei giorni della jāhilīyyah, gli Arabi erano soliti tenere un rasoio
sotto il letto del bambino e lo facevano credendo che, in questo
modo, il bambino sarebbe stato protetto dalle disgrazie. Una vol-
ta, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā notò un rasoio a fianco alla testa di
un bambino. Lei fermò [i genitori] dal far ciò e disse: “Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam detestava amuleti di questo tipo”.

Il punto focale del politeismo presso gli Arabi era che gli idoli era-
no collocati in ogni abitazione. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt espressero
la loro ripugnanza verso essi in ogni occasione. Quando Hind bint
‘Utbah raḍiya-Llāhu `anhā accettò l’Islām, ruppe e frantumò tutti
gli idoli che erano in casa sua e rimarcò: “È a causa vostra che noi
eravamo così ingannati”.

Quando Abū Ṭalḥah raḍiya-Llāhu `anhu espresse il suo desiderio


di sposare Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā, lei rimarcò: “O Abū
Ṭalḥah! Non sai che il dio che adori è un albero (un idolo di legno)
che è stato sradicato dalla terra e che ha fatto ciò un certo Abissi-
no?”. Egli replicò: “Lo so”. Lei chiese: “Non provi vergogna nell’ado-
rarlo?”. Finché lui non si pentì del politeismo e proclamò l’Unicità
di Allāh, lei si rifiutò di sposarlo.

Il credo nella profezia di Muḥammad


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Il credo nella Profezia di Muḥammad ṣallallāhu `alayhi wa sallam,


4
Nomi di due idoli

13
oltre ad essere fermamente assorbito nel cuore delle Ṣaḥābiyāt, fu
allo stesso modo assorbito nei cuori delle loro giovani figlie. Una
volta Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam si rivolse ad una gio-
vane ragazza dicendole: “Possa tu non crescere” a causa della sua
ferma convinzione in Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, cre-
dette a ciò e andò piangendo da Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā
per lamentarle che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam avesse
fatto questo cattivo du`ā’ contro di lei, e quindi non sarebbe mai
invecchiata. Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā andò da Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam e chiese: “Perché hai fatto questo
cattivo du`ā’ contro questa mia povera bambina?”. Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam iniziò a ridere e disse: “Sono un essere
umano – divengo felice come gli esseri umani diventano felice e mi
arrabbio come gli esseri umani si arrabbiano. Se ho fatto un du`ā’ a
una persona che non lo meritava, esso diverrà una fonte di purità,
pulizia e pietà per quella persona.”

14
`IBĀDĀT

Ṣalāh

L’offerta della preghiera in congregazione

Sebbene non sia incombente per le donne offrire la ṣalāh in con-


gregazione, sulla base di questo, nonostante il fatto che ad alcuni
Ṣaḥābah non piaceva che le loro mogli partecipassero alla congre-
gazione, ciò non tratteneva alcune Ṣaḥābiyāt. Esse solevano offrire
la loro ṣalāh in congregazione al giusto tempo. La moglie di `Umar
raḍiya-Llāhu `anhu usava offrire regolarmente le sue preghiere di
‘Iŝa’ e Fajr in congregazione. Una volta qualcuno le disse: “Non sai
che `Umar non è contento di questo?”. Lei replicò: “Perché non mi
ferma lui stesso?”. 5

La ṣalāh di Jumu`ah

Sebbene Jumu’ah non sia obbligatorio per le donne, le Ṣaḥābiyāt


solevano onorare grandemente questo giorno e ricavarne le bene-
dizioni in bei modi. C’era una Ṣaḥābiyah che era solita piantare nel
suo giardino delle barbabietole. Di venerdì, soleva cucinare queste
barbabietole e offrirle come pasto a tutti i Ṣaḥābah dopo la pre-
ghiera di Jumu’ah.

5
Nonostante `Umar radiyAllāhu `anhu disapprovasse, non le proibì esplici-
tamente di farlo, a causa del Ḥadīṯ di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
che afferma che alle donne non dovrebbe essere impedito di andare in masjid.
Allo stesso tempo, noi teniamo a mente l’opinione di `Ā’iŝah radiyAllāhu `anhā,
quando disse che: se Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam fosse stato presen-
te nella sua epoca, avrebbe sicuramente proibito alle donne di andare in masjid.
Ciò sulla base che gli ‘ulamā’ non condannano le donne che si recano nel masjid.

15
La ṣalāh di ŝurūq

Sebbene Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam offrì la preghiera


di ŝurūq una sola volta nella sua intera vita – come narrato da Umm
Ḥanī raḍiya-Llāhu `anhā – alcune Ṣaḥābiyāt erano solite compiere
questa ṣalāh regolarmente. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “No-
nostante non abbia mai visto Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam offrire la ṣalāh di ŝurūq, la compio regolarmente perché egli
era solito approvare molti atti ma asteneva sé stesso da questi così
che essi non venissero considerati obbligatori per la ummah”.

La ṣalāh di Tahajjud

Quando i Ṣaḥābah compivano la preghiera di Tahajjud, anche le


Ṣaḥābiyāt si univano a loro. Quando `Umar raḍiya-Llāhu `anhu sve-
gliava i membri della sua famiglia per il Tahajjud, usava recitare il
verso seguente:

[int. sign.] “E comanda di offrire la ṣalāh alla gente della tua


casa e te stesso rimani saldo su essa. Noi non ti chiediamo alcun
sostentamento. Noi ti diamo il sostentamento” [Ṭā-hā 20:132]

Abū Hurayrah raḍiya-Llāhu `anhu divideva la notte in tre parti: per


se stesso, per sua moglie e per i suoi servi. Tutti loro facevano a
turno nell’offrire il Tahajjud ed erano soliti svegliarsi a vicenda.

Zakah e Ṣadaqāt

Generalmente, le donne hanno un amore e un’inclinazione natu-


rale per i gioielli. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt avevano più amore per il
compiacimento di Allāh Ta`ālz. Una volta, una Ṣaḥābiyah andò da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam con una sua figlia. La figlia
aveva spessi bracciali d’oro sulle sue braccia. Vedendo questi brac-

16
ciali egli chiese: “Vuoi dare la zakah con questi bracciali?”. Lei re-
plicò: “No”. Allora lui chiese: “Ti piacerebbe se Allāh le farebbe in-
dossare bracciali di fuoco nel Giorno del Giudizio al posto di questi
bracciali d’oro?”. Sentendo questo, immediatamente li rimosse e
li diede a Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam dicendo: “Questi
sono per Allāh e il suo Rasūl”.

Una volta Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam menzionò le virtù


della ṣadaqah e della carità mentre pronunciava la ḳuṭbah di `Īd. Vi
fu un raduno di Ṣaḥābiyāt. Bilāl raḍiya-Llāhu `anhu aveva disteso
un telo e le Ṣaḥābiyāt iniziarono a gettare i loro orecchini, collane
e anelli in esso.

Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā aveva solo una schiava. La vendette e


sedette con i soldi in grembo. Proprio allora, suo marito, Zubayr
raḍiya-Llāhu `anhu entrò e disse: “Dai a me quei soldi”. Lei replicò:
“Ho già deciso di darli in carità”.

Carità verso amici e parenti

Una volta la moglie di `Abdu-Llāh ibn Mas`ūd raḍiya-Llāhu `anhu,


Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā, gli disse: “Tu sei una persona povera.
Vai da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e informalo che ho
della ṣadaqah da dare. Se lui permette, vorrei darla a te”. Invece,
`Abdu-Llāh ibn Mas`ūd chiese a lei di andare. Quando lei raggiunse
la casa di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, trovò lì un’altra
Ṣaḥābiyah, anche lei andata per lo stesso motivo. Entrambe man-
darono Bilāl raḍiya-Llāhu `anhu che andò e informò Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam dicendo: “Ci sono due donne che vor-
rebbero dare la ṣadaqah ai loro mariti e ad alcuni orfani che sono
sotto la loro custodia. È possibile per loro fare ciò?”. Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose: “Sì. E riceveranno una duplice
ricompensa – una basata sulle loro relazioni intime, e l’altra per
aver dato la ṣadaqah”.

17
Una volta Umm Salamah raḍiya-Llāhu `anhā chiese a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam: “Se do la ṣadaqah ai figli di Abū Sala-
mah, sarò ricompensata? Non posso abbandonarli [in questo stato
di povertà] perché sono i miei figli”. Egli rispose: “Sì, riceverai ri-
compensa per questo”.

Una Ṣaḥābiyah dette come ṣadaqah la sua giovane schiava a sua


madre. Quando sua madre morì, lei andò e chiese a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam in riguardo alla proprietà di questa gio-
vane. Egli rispose: “Hai già ricevuto la ricompensa della ṣadaqah; e
ora questa schiava è entrata nella tua eredità”.

L’assistere il povero secondo le loro necessità

Le Ṣaḥābiyāt erano solite aiutare i bisognosi. Safiyyah raḍiya-Llāhu


`anhā venne alla battaglia di Uḥud e portò due pezzi di tessuto che
servì come sudario per suo fratello, Hamzah raḍiya-Llāhu `anhu.
Tuttavia, si accorse di un corpo svestito di un Anṣārī che giaceva vi-
cino al corpo di suo fratello. Lei si vergognò molto che suo fratello
fosse coperto da due pezzi di stoffa e l’Anṣārī non avesse neanche
un singolo pezzo di panno. Quando misurò entrambi i tessuti, ne
trovò uno più lungo dell’altro. Allora tirò a sorte e diede il panno
più lungo a colui in favore del quale fu destinato.

Il Digiuno

Digiunare continuamente

Di questi tempi le nostre donne lamentano e trovano difficile


eseguire regolarmente il digiuno, mentre alcune Ṣaḥābiyāt sole-
vano digiunare giornalmente. Ovvero, digiunavano tutto il tem-
po. Abū Umamah raḍiya-Llāhu `anhu richiedeva costantemente a
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam di fare du`ā’ per lui, che egli

18
potesse ottenere il martirio. Invece, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam faceva du`ā’ per il suo benessere. Infine gli chiese di
mostrargli un tale atto per il quale Allāh Ta`āla lo avrebbe ricom-
pensato abbondantemente. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam gli ordinò di digiunare. Quindi iniziò a digiunare assiduamente.
Anche sua moglie e la sua serva si unirono a lui nel digiuno. Questo
loro digiuno divenne caratteristica saliente della sua casa. Se in un
particolare giorno del fumo si levava dal comignolo della loro casa,
la gente pensava che vi erano degli ospiti in casa loro. Se non era
così, perché mai del cibo sarebbe stato cotto lì durante il giorno?

Digiuni facoltativi

Alcune Ṣaḥābiyāt solevano compiere digiuni facoltativi causando


con ciò inconvenienze per i loro mariti, i quali le fermavano dal
digiuno, e questo le rendeva molto infelici. Allora andavano da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e si lamentavano a lui. Tut-
tavia egli le informò che una donna non può intraprendere il digiu-
no facoltativo senza il permesso del proprio marito.

Digiuno in favore del deceduto

Le Ṣaḥābiyāt non digiunavano soltanto per loro stesse, ma digiu-


navano anche in favore dei loro deceduti. Una Ṣaḥābiyah andò da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e disse: “Mia madre è mor-
ta e alcuni digiuni erano obbligatori per lei. Posso compiere questi
digiuni per lei?”. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam le conces-
se il permesso di fare ciò (solamente a lui fu consentito esplicita-
mente).

I`tikāf

Le Ṣaḥābiyāt avevano un estremo desiderio di partecipare al I`tikāf


a tal punto che quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ave-

19
va richiesto che fosse montata una tenda per I`tikāf, `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā impiantò la su tenda separatamente. Vedendo questo,
anche tutte le altre mogli di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
impiantarono le loro tende.

Ḥajj

Sebbene Ḥajj sia obbligatorio solo una volta nella vita, come sareb-
bero potute essere soddisfatte le Ṣaḥābiyāt compiendolo una sola
volta? Pertanto loro erano solite compiere Ḥajj ogni anno. Una
volta, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā chiese il permesso di Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam per il Jihād. Egli rispose. “Il miglior
Jihād è un Ḥajj accettato (Ḥajj al-mabrur)”. Perciò lei non lasciò
passare anno senza aver compiuto Ḥajj.

La volontà e il desiderio che le Ṣaḥābiyāt ebbero per il compimento


del Ḥajj è stato ampiamente mostrato al mondo durante il Ḥajjat
al-Widā’ o Pellegrinaggio dell’Addio. Quando Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam annunciò la sua intenzione di compiere il Ḥajj,
anche Asmā’ bint Umays raḍiya-Llāhu `anhā iniziò i preparativi per
andare nonostante fosse gravida.
Molte Ṣaḥābiyāt viaggiarono col fine di partecipare al Ḥajjat al-
Widā’. Durante il corso del viaggio, una Ṣaḥābiyah individuò
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Corse verso di lui, gli pre-
sentò il suo bambino e gli chiese se anche il suo Ḥajj sarebbe potu-
to essere eseguito. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose
affermativamente e disse: “E tu riceverai la ricompensa”.

Le Ṣaḥābiyāt erano solite percorrere grandi distanze per adempi-


re all’importante pilastro del Ḥajj. Una Ṣaḥābiyah fece giuramen-
to di raggiungere la Ka`bah a piedi. Quando chiese a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam a proposito di questo, lui le chiese di
andare a piedi e anche cavalcando un animale.

20
Quando anticipatamente capivano di mancare il Ḥajj per un valido
motivo, le Ṣaḥābiyāt erano solite diventare molto afflitte. Durante
il Ḥajjat al-Widā’, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu anhā non poté eseguire il
Ḥajj per via del suo periodo mestruale mensile. Dopo essere pas-
sato da lei, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam notò che stava
piangendo. Egli chiese: “Perché piangi?”. Lei rispose: “Non ho an-
cora compiuto il mio Ḥajj”. Egli rispose: “Gloria ad Allāh! Questa è
una cosa naturale. Completa tutti i riti del Ḥajj ma non eseguire il
ṭawāf della Ka`bah”.

Ḥajj per conto dei genitori

Le Ṣaḥābiyāt non compivano il Ḥajj solo per sé stesse, ma anche per


conto dei loro genitori. Durante il Ḥajjat al-Widā’, una Ṣaḥābiyah
andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e disse: “Ḥajj è
obbligatorio per i miei genitori, ma a causa della loro età avan-
zata non possono guidare alcun animale. Posso compiere il Ḥajj
per conto loro?”. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam le per-
mise di fare ciò. La madre di un’altra Ṣaḥābiyah morì. Lei andò da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e chiese: “Mia madre non
ha mai compiuto il Ḥajj. Posso eseguire questo compito per conto
suo?”. Egli diede il permesso anche a lei.

`Umrah

Che la `Umrah sia farḍ o no, le Ṣaḥābiyāt erano solite compierla re-
golarmente. Se capitava loro di mancarla, diventavano molto afflitte.
Durante il Pellegrinaggio dell’addio, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam annunciò che coloro che non avevano i loro animali per il sa-
crificio potevano compiere la `Umrah. Quando entrò nella sua tenda,
vide `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā che piangeva. Quando le domandò il
motivo, lei rispose: “Io sono stata giustificata per le mie mestruazioni,
ma il popolo sta prendendo una doppia ricompensa [per il Ḥajj e per

21
la `Umrah] mentre io sto ricevendo una sola ricompensa”. Egli rispo-
se: “Non essere preoccupata, Allāh ti concederà anche la ricompensa
della `Umrah”. Ciononostante la inviò con `Abdur Raḥmān ibn Abī
Bakr6 raḍiya-Llāhu `anhumā a Tan’im dove lei indossò il iḥrām per la
`Umrah e completò la sua `Umrah nella metà della notte.

Jihād

Desiderio per il martirio

Nell’era di Rasūllāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, il martirio era con-


cepito una vita senza fine. Pertanto, ognuno era assetato di questa
vita senza fine. Umm Waraqāh bint Nawfal raḍiya-Llāhu `anhā era
una Ṣaḥābiyah. Quando la battaglia di Badr era ormai vicina, andò
da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallame disse: “Io vorrei essere
autorizzata a prendere parte al Jihād. Mi occuperò dei feriti e maga-
ri conseguirò il martirio”. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ri-
spose: “Rimani nella tua casa, Allāh ti concederà il martirio in essa”.
Come poteva questa miracolosa profezia di Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam essere errata? Lei aveva due schiave nel mudab-
bir7. Entrambe la martirizzarono in modo che potessero accelerare
la loro libertà.

La pratica del Qur’ān

Il Qur’ān aveva un effetto veramente forte sulle Ṣaḥābiyāt. Una


volta `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse a Rasūlullāh ṣallallāhu `alay-
hi wa sallam: “Questo verso del Qur’ān: ‘Chiunque avrà commesso

6
Egli era suo fratello
7
Uno schiavo mudabbir è uno il cui padrone lo può ottenere con un impiego e
acquistare la sua libertà con il reddito che ottiene

22
anche un minimo torto sarà ricompensato per esso’ è estrema-
mente severo”. Egli rispose: “O `Ā’iŝah! Non sai che se anche una
spina punge un Musulmano, egli sarà ricompensato per essa dai
suoi peccati?”. Lei rispose: “Ma Allāh dice: ‘Egli terrà conto di ogni
singolo peccato’”. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose:
“Questo significa che ogni opera sarà presentata ad Allāh. Solo co-
lui il cui conto sarà controverso sarà punito”.

Il risultato di questa influenza che il Qur’ān ebbe su di loro fu che


le Ṣaḥābiyāt erano solite affrettarsi agendo in direzione degli ordini
del Qur’ān.

Ḥuḏayfah ibn ‘Utbah raḍiya-Llāhu `anhu adottò come figlio Salim


raḍiya-Llāhu `anhu. In base ai costumi della Jāhilīyyah, egli aveva
gli stessi diritti di quelli di un figlio vero. Ma quando questo verso
del Quran: “Rivolgetevi a loro secondo i nomi dei loro padri natu-
rali”, fu rivelato, sua moglie andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam e disse: “All’inizio, Salim era solito vivere con noi a casa
nostra e non c’era purdah con lui. Ora, qual è la tua regola a que-
sto riguardo?”. Egli rispose: “Fagli bere del latte [esternato dal tuo
seno] e diverrà tuo figlio di latte”.

Ai tempi della Jāhilīyyah, le donne arabe erano veramente negli-


genti nell’indossare un copricapo. A causa di questo, i loro petti
e le loro teste solevano essere scoperti. Per questo, fu rivelato il
seguente verso: “Le donne dovrebbero allacciare gli indumenti sui
loro petti”. L’effetto di questo fu che le donne stracciarono la loro
lingeria e altri vestiti, e coprirono nascondendosi con teli neri in
maniera tale che, come definì `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā, era come
se le loro teste fossero diventate colonie di corvi.

23
ASTENERSI DALLE PROIBIZIONI DELLA ŜARĪ`AH

Astensione dagli strumenti musicali

Per non parlare di canto e strumenti musicali, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu


`anhā detestava sentire il suono delle campane che venivano mes-
se al collo dei cammelli. Quando il suono di questo scampanellio
proveniva da davanti, ella soleva chiedere al guidatore del cam-
mello di fermarsi, cosicché il suono non arrivasse alle sue orecchie.
In alternativa, quando sentiva quel suono, chiedeva al guidatore
del cammello di incrementare la sua velocità in modo tale che il
suono dello scampanellio fosse sommerso dalla velocità.

Una volta, una ragazza che indossava cavigliere tintinnanti, entrò


a casa sua. Sentendo il tintinnio di quelle cavigliere, le ordinò di
non entrare in casa sua con tali ornamenti e disse: “Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam ha detto che gli angeli non entrano in
una casa in cui sono presenti dei suoni”.

Astensione dalle cose dubbie

È menzionato in un Ḥadīṯ che ci si dovrebbe astenersi dalle cose che


sono dubbie e approvare quelle cose sulle quali non v’è dubbio. Ciò
che è ḥalāl è stato reso chiaro, e ciò che è ḥarām è stato reso chiaro.
Tuttavia, tra loro ci sono diverse cose dubbie. Colui che si astiene
dal dubbio sarà più cauto nell’astenersi dal ḥarām. Colui che non è
cauto riguardo al dubbio è più facile per lui commettere ciò che è
ḥarām. Il peccato è il santuario di Allāh, e colui che pascola nei pressi
del santuario, è più probabile che il suo gregge cadrà nel santuario.

Le Ṣaḥābiyāt erano solite agire in virtù di questo Ḥadīṯ con grande


fervore.

24
Una Ṣaḥābiyah aveva dato la sua schiava in carità alla madre. Quan-
do sua madre morì, apparve un dubbio sulla proprietà di questa
schiava perché l’aveva data in carità, e non è permesso riprendere
indietro la carità. Sua madre era divenuta proprietaria di questa
schiava e dopo la sua morte lei aveva ereditato questa schiava. Po-
teva quindi riceverla in eredità. Con lo scopo di rimuovere questo
dubbio, andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ed espose
la situazione. Egli rispose: “Hai ricevuto la ricompensa della carità
e lei ora è sotto tua proprietà come eredità”.

La madre di Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā 8, Qutaylah, fu una miscre-


dente. Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu l’aveva divorziata nel tempo
della Jāhilīyyah. Una volta lei andò da Asmā’ con diversi regali.
Poiché questi regali venivano da un miscredente, rifiutò di accet-
tarli e chiese a `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anha di chiedere a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam in riguardo a ciò. Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam le diede il permesso di accettare quei regali.

8
Lei era la figlia di Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu e sorella di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā

25
DIFFERENTI ASPETTI DELLA VITA RELIGIOSA

Il ricordo di Allāh

Glorificare e ricordare Allāh sono aspetti salienti di una vita religio-


sa pura. Quest’aspetto era solito nelle Ṣaḥābiyāt. Una volta, una
Ṣaḥābiyah che teneva alcuni sassolini o semi davanti a lei, era im-
pegnata nel ricordo di Allāh. Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam vide ciò, le chiese: “Qual è la necessita di tutto questo?
Ti mostrerò qualcosa di più semplice”. E successivamente, le inse-
gnò un particolare du`ā’.

Visitare i luoghi sacri

Il desiderio di ricevere benedizioni spingeva le Ṣaḥābiyāt verso i


luoghi sacri. Una volta, una Ṣaḥābiyah si ammalò. Allora fece giura-
mento: se fosse guarita, sarebbe andata a Bayt al-Maqdis e avreb-
be offerto lì la ṣalāh. Dopo essersi ripresa dalla sua malattia, fece i
preparativi per il viaggio. Andò da Maymunah raḍiya-Llāhu `anhā
per dirle addio. Maymūnah le propose di offrire la sua ṣalāh nel
Masjid al-Nabawī poiché Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
disse che offrire la ṣalāh nel suo masjid è meglio di offrire 1000
ṣalawāt in altri masjid.

Una volta, una Ṣaḥābiyah fece giuramento che sarebbe andata a


piedi al Masjid al-Quba. Tuttavia, morì prima di poter compiere
questo giuramento. `Abdu-Llāh ibn `Abbās raḍiya-Llāhu `anhu
emise un verdetto per il quale sua figlia avrebbe potuto conseguire
il giuramento per lei.

Sopportare sofferenze fisiche per conseguire gli obblighi del Dīn

26
La volontà e il desiderio per la `ibādah, allevia tutte le difficol-
tà fisiche. Questa volontà e desiderio si trovava nelle Ṣaḥābiyāt.
Pertanto, esse sopportavano tutti i tipi di difficoltà conseguendo
i comandi dell’Islām con tutto il cuore. Ḥamnah bint Jaḥaŝ raḍiya-
Llāhu `anhā fu una Ṣaḥābiyah. Era sua abitudine compiere conti-
nuamente la ṣalāh. Così legò una fune ai pilastri del masjid. Ogni
volta che si sentiva stanca, faceva una pausa facendosi supportare
da questa fune. Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
vide ciò, disse: “Lei dovrebbe soltanto compiere il totale di ṣalāh
di cui è capace. Quando diventa stanca, deve sedersi.” Egli quindi
ordinò che la fune fosse slegata e scartata.

Conseguire i propri giuramenti

Noi facciamo giuramenti su cose banali e non ci rendiamo conto


di quanto sia seria la responsabilità di ciò. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt
erano solite fare veramente pochi giuramenti. Se prendevano un
giuramento, lo portavano portato a termine. Una volta `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā si arrabbiò con `Abdu-Llāh ibn Zubayr9 raḍiya-
Llāhu `anhu e fece giuramento che non gli avrebbe parlato. Quan-
do `Abdu-Llāh ibn Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu le chiese perdono e
altri Ṣaḥābah intervennero per conto suo, lei li respinse dicendo:
“Ho preso un giuramento, e fare un giuramento è qualcosa di vera-
mente serio.” Alla fine, dopo molta persistenza, lo perdonò. Come
espiazione per aver rotto il giuramento, liberò quaranta schiavi.

9
Egli era suo nipote

27
RISPETTO PER RASŪLULLĀH
Ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Ricevere benedizioni dal Rasūlullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt erano solite ricevere benedizioni dal Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Ogni volta che nasceva un bambino,
loro erano solite portare, come prima cosa, il bambino a Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Egli passava le mani sopra la testa
del bambino, masticava alcuni datteri e li metteva nella bocca del
bambino e poi faceva du`ā’ per lui.

Salvaguardando i possedimenti di Rasūlullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt avevano più amore per i possedimenti del Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam che per le loro stesse vite. `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā aveva una jubbah del Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam. Quando finì la sua vita terrena, Asmā’ raḍiya-
Llāhu `anhā la tenne con sé e la custodì. Ogni volta che qualcuno
nella sua famiglia si ammalava, lavava questa jubbah e faceva bere
alla persona la sua acqua così che potesse curarsi.

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā custodì i vestiti nei quali Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam lasciò questo mondo. Una volta mo-
strò una lingeria yemenita e uno scialle a un Ṣaḥābi e disse: “Giuro
per Allāh che il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam lasciò que-
sto mondo proprio in questi vestiti.”

Una volta una Ṣaḥābiyah invitò Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-


lam. Dopo aver mangiato, egli bevve acqua da un particolare conte-

28
nitore. Lei custodì questo contenitore e quando qualcuno si ammala-
va o c’era un’occasione che richiamava l’acquisizione di benedizioni,
faceva bere l’acqua e altre bevande da questo contenitore.

Quando Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam andava a casa di


Anas raḍiya-Llāhu `anhu, sua madre era solita strizzare il suo sudo-
re, ne riempiva una bottiglia e la conservava.

Durante la conquista di Ḳaybar, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa


sallam fece indossare a una Ṣaḥābiyah una collana con le sue stes-
se mani 10. Lei teneva così tanto a questa collana che non la tolse
per il resto della sua vita. Quando si avvicinò alla morte, espresse
che fosse sepolta con lei.

Una volta il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam andò a casa di


Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā. Un contenitore fu appeso nella
casa. Egli portò il contenitore alla sua bocca e bevve da esso. Umm
Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā tagliò la bocca del contenitore e la ten-
ne come ricordo.

Qualche volta, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam si fermava a


casa di Ŝafa bint `Abdullāh raḍiya-Llāhu `anhā. Per questa ragione,
lei preparò un letto speciale e una lingeria per lui, che egli usava in-
dossare e riposarci sopra. Questi furono custoditi dalla sua famiglia
per diverso tempo. Col tempo Marwān li portò via.

Rispetto per Rasūlullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

10
Ciò era permesso a quel tempo poiché la regola riguardante il purdah non
era stata ancora rivelata. (Riferimento al Musnad Ibn Ḥanbāl, vol. 6, p. 380 per
i dettagli)

29
Ogni qual volta le Ṣaḥābiyāt erano in presenza di Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam, indossavano tutti i loro vestiti per ri-
spetto e onore verso di lui. Una Ṣaḥābiyah disse: “Indosso tutti i
miei vestiti e poi vado da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.”

Se accidentalmente dicevano qualcosa che mostrava mancanza di


rispetto per il suo status, cercavano perdono da lui. Il bambino di
una Ṣaḥābiyah morì, così lei pianse per questa calamità. Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam passò di lì, così disse: “Temi Allāh e
abbi pazienza”. Lei replicò: “Cosa sai della calamità che mi ha afflit-
to?”. Egli continuò la sua strada. La gente le disse: “Quello al quale
hai parlato [in maniera brusca] era Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam.” Lei si affrettò verso di lui e con tono rammaricato dis-
se: “Non sapevo che eri tu”.

Supportare Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt avevano un’estrema speranza nei loro cuori nel sup-


portare e difendere Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Ṭālib
ibn ‘Umayr raḍiya-Llāhu `anhu accettò l’Islām e poi informò sua
madre, Arwa bint `Abdul Muṭṭalib di ciò. Sentendo questo, disse:
“Questa persona che hai supportato è più degna di questo suppor-
to. Se avessimo avuto la forza e la potenza degli uomini, lo avrem-
mo protetto e avremmo combattuto al suo posto.”

Servire Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam
Le Ṣaḥābiyāt erano solite servire Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam come loro più grande onore e privilegio. Salma raḍiya-Llāhu
`anhā servì Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam con tale devo-
zione che ricevette il titolo di “Serva di Rasūllullāh ṣallallāhu `alay-

30
hi wa sallam”.
Safinah fu la schiava della madre di Salma. Lei volle liberarla a
condizione che avrebbe impiegato il resto della sua vita serven-
do Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Lei rispose: “Anche se
tu non stabilissi questa condizione, vorrei non smettere di servirlo
fino alla morte”.

Riverenza verso Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt erano così riverenti per l’elevata spiritualità di


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam che tremavano in sua
presenza. Una volta Ḳadījah raḍiya-Llāhu `anhā vide Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam sedersi nel masjid. L’effetto di questo
suo umile e sottomesso stato fu tale che iniziò a tremare.

Cantare gli elogi per


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Anche le piccole figlie delle Ṣaḥābiyāt erano solite fare molte lodi
a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Quando emigrarono da
Makkah ed entrarono a Madīnah, le bambine iniziarono a suonare
il duff e recitarono il seguente distico:

“Siamo le figlie della tribù di Banū Najjār.


Qual buon vicino è Muḥammad!”

Le donne recitarono questo poema:

“Una luna piena si è innalzata su di noi dal Ṯanīyyatul Widā.


Proprio come un invito ci chiama ad Allāh,
è incombente su di noi essere riconoscenti quando colui che invita

31
ci invita a Lui [per essere stata inviata a noi una tale
nobile persona come Rasūllullāh]”.

Quando `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā sposò Rasūllullāh ṣallallāhu


`alayhi wa sallam e andò nella sua casa, le bambine iniziarono ad
usare il duff e recitare i poemi sugli avvenimenti che ebbero luogo
a Badr. Esse recitarono anche il seguente distico:

“E fra noi c’è un Profeta che conosce ciò che avverrà domani.”

Sentendole cantare questo, le fermò e chiese loro di cantare quello


che stavano intonando in precedenza [che era, riguardo Badr].

Aderire agli ordini di Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt aderivano strettamente agli ordini e ai comandi di


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Egli proibì alle donne di
piangere alla morte di qualcuno, eccetto i loro mariti per più di
tre giorni. Le Ṣaḥābiyāt aderirono così strettamente a questo, che
quando il fratello di Zaynab bint Jaḥaŝ raḍiya-Llāhu `anha morì, al-
cune donne andarono a incontrarla il quarto giorno. Vedendole, si
profumò alla presenza di tutte loro. Poi disse: “Non c’è alcun biso-
gno per me di mettere del profumo, [ma ho fatto questo] perché
ho sentito il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam dire che non è
permesso a una donna musulmana piangere la morte di qualcuno,
eccetto suo marito, per più di tre giorni”. Allora (disse questo) in
conformità a tale comando.

Quando il padre di Umm ḥabibah raḍiya-Llāhu `anhā morì, applicò


del profumo e dell’olio al suo corpo dopo il terzo giorno e disse:
“Non c’è bisogno per me di fare questo. Tutto ciò che volevo fare
era seguire il tuo comando”.

32
Una volta un mendicante andò da `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā e
lei gli diede un pezzo di pane. Poi arrivò una persona ben vestita e
lei lo fece sedere e gli diede un intero pasto. La gente la contestò
a causa di questa disugualità e differenza. Lei replicò: “Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam disse: “Tratta le persone in base alla
loro condizione”.

Una volta il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam stava uscendo


dal masjid quando vide sulla strada uomini e donne che parlavano
insieme. Egli si rivolse alle donne dicendo: “Camminate dietro di
loro, non potete camminare in mezzo alla strada”. Poi, le donne
iniziarono a camminare sul lato delle strade a tal punto che i loro
vestiti iniziarono a sciuparsi ai lati a causa dello strisciamento sul
muro.

Cercare la compiacenza di Rasūllullāh


ṣallallāhu ‘alayh wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt erano sempre preoccupate del compiacimento di


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Se qualche volta si arrab-
biava o dispiaceva, esse provavano ogni mezzo possibile per rista-
bilire la sua soddisfazione. Quando egli partì per Ḥajjat al-Widā’
(l’ultimo pellegrinaggio), anche tutte le sue mogli lo accompagna-
rono. Purtroppo, il cammello di Safiyyah raḍiya-Llāhu `anhā si stan-
cò lungo la strada e si sedette. Lei quindi iniziò a piangere. Quando
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam venne a conoscenza di ciò,
andò lui stesso da lei e asciugò le lacrime dal suo viso con le sue
mani benedette. Più provava a consolarla, più lei piangeva. Quan-
do non poté più fermarla, la rimproverò e ordinò a tutte le perso-
ne di smontare. Inoltre piantò la sua tenda. Safiyyah raḍiya-Llāhu
`anhā si rese conto che era arrabbiato con lei. Pianificò dunque di
riconquistare il suo piacere. Andò da `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā

33
e le disse: “Tu sai che non posso cedere il mio turno [la mia notte
con Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam] a qualcuno in cam-
bio di qualcosa in questo mondo. Tuttavia, se tu puoi migliorare
il piacere di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam per me, sono
pronta a cederti il mio turno”. `Ā’iŝah h raḍiya-Llāhu `anhā mostrò
la sua disponibilità e si coprì con un panno tinto di zafferano. Poi
schizzò dell’acqua su di esso così che la fragranza si diffondesse.
Quindi andò dal Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e sollevò
la cortina della sua tenda. Vedendola egli disse: “`A’iŝah, non è il
tuo turno stanotte!” Lei rispose [con il seguente verso del Qur’an]:

[int. sign.] “Questo è il favore di Allāh. Lo accorda a chiunque


Egli vuole”.

Affidare gli affari a Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Per le donne, il matrimonio è una delle cose più importanti. Tutta-


via, le Ṣaḥābiyāt misero i loro interi affari nelle mani di Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Pertanto egli eseguì i loro matrimoni
con chiunque voleva e loro accettarono con piacere la sua deci-
sione. Faṭimah bin Qays raḍiya-Llāhu `anhā fu una Ṣaḥābiyah. Da
una parte, `Abdur Raḥmān ibn ‘Awf raḍiya-Llāhu `anhu un facol-
toso Ṣaḥābi, voleva sposarla. Dall’altra parte, anche ‘Usamah ibn
Zayd raḍiya-Llāhu `anhu era interessato. Ciononostante, lei affidò
la questione a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e gli dis-
se: “L’intero affare è nelle tue mani. Svolgi il mio matrimonio con
chiunque voi”.

Jālbib raḍiya-Llāhu `anhu fu un Ṣaḥābi che di natura era molto


umoristico. Raccontava anche cose divertenti e aneddoti umoristi-
ci per le strade. A causa di ciò non era generalmente apprezzato
dai Ṣaḥābah. Una volta, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam

34
inviò una proposta a una donna Anṣārī sul suo conto. Lei replicò
che si sarebbe consultata per primo con sua madre. Quando sua
madre sentì il nome di Jālbib, rigettò la proposta. Ma la donna dis-
se: “Non posso rifiutare la proposta di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam. Affidatemi nelle mani di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam e farà sì che nessuna afflizione mi colpisca”.

Ospitare Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Se le Ṣaḥābiyāt avevano l’opportunità di avere come ospite


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, conseguivano questo do-
vere con grande onore, amore e rispetto. Una volta egli andò a
casa di Umm Ḥarām raḍiya-Llāhu `anha. Lei lo invitò per un pasto
che lui accettò. Inoltre si riposò.

Una volta un Ṣaḥābi invitò Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam


a casa sua. Dopo mangiato, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam iniziò a prepararsi per andare. La moglie del Ṣaḥābi levò la
tenda e disse: “Oh Rasūllullāh! Manda le tue benedizioni su di me
e mio marito e poi vai”. Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
rispose: “Che Allāh metta la Sua misericordia su di te e tuo marito”.

Talvolta le Ṣaḥābiyāt erano solite preparare una nuova pietanza e


servirla Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Una volta, Umm
Aymān raḍiya-Llāhu `anhā setacciò della farina e ne fece dei roti
11
e li presentò al Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Veden-
doli chiese: “Cos’è?” Lei rispose: “Questo è comunemente man-
giato nelle nostre parti. Sentivo di preparare alcuni di questi anche
per te”. Così, con continenza e longanimità, Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam disse: “Mescola qualche baccello nella farina e
impastala”.

35
Amore per Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam

I cuori delle Ṣaḥābiyāt erano pieni di amore per Rasūllullāh ṣallallāhu


`alayhi wa sallam ed erano solite esprimere questo loro amore in
vari modi. Umm ‘Atiyyah raḍiya-Llāhu `anhā era una Ṣaḥābiyah.
Ogni volta che menzionava il nome di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam, diceva: “bi abī”, ovvero: possa mio padre essere sacrifi-
cato per te. Diceva questo per l’intenso amore per lui.

Quando Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam andava in batta-


glia, le Ṣaḥābiyāt facevano giuramenti per il suo ritorno in salute.
Una volta, quando ritornò da una battaglia, una Ṣaḥābiyah andò
da lui e disse: “Oh Rasūllullāh! Ho fatto giuramento che se Allāh
Ta`āla ti avrebbe fatto ritornare sano e salvo, avrei suonato il duff
e cantato davanti a te”.

Desiderare di stare in compagnia di Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam

Le Ṣaḥābiyāt avevano grande desiderio di beneficiare della com-


pagnia di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Qaylah raḍiya-
Llāhu `anhā divenne vedova e i suoi bambini furono portati lon-
tano da suo zio. Era libera dalle responsabilità mondane. Quindi
accompagnò un Ṣaḥābi e partecipò alla benedetta compagnia di
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Ottenne beneficio dagli
insegnamenti e istruzioni di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam per tutto il resto della sua vita.

11
focacce rotonde di pane

36
CARATTERE VIRTUOSO ED EDUCAZIONE

Astinenza

La pratica e l’educazione di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-


lam fece di ognuna delle Ṣaḥābiyāt un esempio di dignità, auto-
controllo e onore. Fu per questo motivo che esse si astennero dal
protendere le loro mani a qualcuno per mendicare. Generalmente
nessuno si vergogna di chiedere ai suoi genitori qualcosa, ma il
senso di dignità che le Ṣaḥābiyāt avevano, non permetteva a loro
di chiedere ai loro genitori qualcosa neanche alla presenza di altri.
Faṭimah raḍiya-Llāhu `anhā diventava veramente stanca a causa
delle numerose faccende domestiche. Rasūllullāh ṣallallāhu `alay-
hi wa sallam venne in possesso di alcuni schiavi, così lei andò da
lui per domandarli una schiava. Tuttavia, quando vide che lui stava
conversando con alcuni, immediatamente fece ritorno a casa per
la vergogna e la timidezza.

Preferire gli altri a se stessi

La generosità è una grande qualità e virtù. Ma preferire gli altri a se


stessi è la più alta forma di generosità. Questa caratteristica si trova
nell’aspetto più completo presso le Ṣaḥābiyāt. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā teneva da parte una sepoltura per se stessa vicino a quella
di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e Abū Bakr raḍiya-Llāhu
`anhu. Ciononostante, quando `Umar raḍiya-Llāhu `anhu le chiese
quel posto, lei glielo cedette dicendo: “Lo avevo messo da parte
per me, ma oggi darò preferenza a te su me stessa”.

Una volta, lei stava digiunando e in casa non c’era nulla a parte un
pezzo di pane. Un povero stava mendicando, così lei chiese alla
sua schiava di dare quel pane al mendicante. La schiava le chie-

37
se: “Con cosa romperai il digiuno?” Lei rispose: “Dallo e basta”.
La sera, qualcuno le mandò della carne. Vedendola, chiamò la sua
schiava e le disse: “Questa carne è meglio del tuo pezzo di pane”.

Generosità

L’Islām ha ottenuto molto vigore e potenza attraverso la generosità


delle Ṣaḥābiyāt, così come attraverso la generosità dei Ṣaḥābah.
Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā lasciò in eredità il suo giardino
specificamente a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā fu così generosa che tutto ciò che ve-
niva in suo possesso era dato in elemosina. `Abdullāh ibn Zubayr
raḍiya-Llāhu `anhu provò a fermarla dalla sua eccessiva generosi-
tà. Fu talmente irritata e infastidita al tal punto che giurò di non
rivolgergli più la parola.

Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā fu ancora più generosa di `Ā’iŝah raḍiya-


Llāhu `anhā. Era abitudine di quest’ultima raccogliere e conserva-
re [cibo e altre cose]. Quando raccoglieva una notevole quantità,
distribuiva il tutto ai poveri. A differenza di questo, era abitudine
di Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā non conservare niente per i giorni che
seguivano. Qualsiasi cosa della quale entrava in possesso, la dava
lo stesso giorno.

Una volta, Munkadir ibn `Abdullāh raḍiya-Llāhu `anhu andò da


`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei gli chiese se aveva dei bambini. Egli
rispose: “No”. Allora lei disse: “Se avessi avuto 10.000 dirham, avrei
voluto darli a voi”. Il Ḳalīfah Mu’awīyah raḍiya-Llāhu `anhu le inviò
del denaro la sera stessa. Lei pensò circa la velocità con la quale
era stata messa alla prova. Immediatamente inviò una persona a
invitare Munkadir raḍiya-Llāhu `anhu e gli diede 10.000 dirham.
Egli comprò una schiava ed ebbe molti figli da lei.

38
Fra le nobili mogli del Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam,
Zaynab bint Jaḥaŝ raḍiyalahu `anhā fu particolarmente generosa.
Lei lavorava la pelle con le sue stesse mani e tutto quello che ne
ricavava, soleva donarlo ai poveri. Una volta Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam si rivolse alle sue mogli dicendo: “Fra voi, colei le
cui mani sono più lunghe, mi incontrerà [lasciando questo mondo]
per prima”. Sentendo ciò, le mogli iniziarono a misurarsi le mani. Le
mani di Zaynab erano le più corte. Tuttavia, quando fu lei la prima
a morire, le altre mogli capirono che quando Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam aveva detto “le mani più lunghe” aveva inteso
“la più generosa”.

Astenersi dal reclamare vendetta dall’avversario

Quando un nemico è colto da una calamità, è uno dei migliori mo-


menti per avvalersi di una vendetta su di lui. Tuttavia, come avreb-
be potuto l’amore per Allāh e il Suo Messaggero ṣallallāhu `alayhi
wa sallam, che era così profondo nei cuori delle Ṣaḥābiyāt, avere
mai del posto per dell’odio e la vendetta?
C’era una continua “disputa” fra `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā e
Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā. Tuttavia, quando `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā fu accusata di adulterio e Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam chiese a Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā riguardo il caratte-
re morale di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā, invece di avvalersi di un
qualche tipo di vendetta disse: “Preservo completamente le mie
orecchie e i miei occhi, e posso dire che non conosco nient’altro
che bene su di lei”. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā asserì a se stessa:
“Nonostante sia mia rivale, Allāh Ta`āla la salvi per la sua pietà”.

Nemmeno cercare vendetta, le Ṣaḥābiyāt non avevano neanche


odio per qualcuno nei loro cuori. Mu’awīyah ibn Ḳudayj raḍiya-
Llāhu `anhu uccise Muḥammad ibn ‘Abi Bakr raḍiya-Llāhu `anhu
che era il fratello di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Una volta, egli fu

39
nominato comandante di un’armata. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā in-
terrogò una persona riguardo alla leaderŝip di Mu’awīyah raḍiya-
Llāhu `anhu. La persona rispose: “Non ci sono mancanze in lui.
Tutti lo elogiano. Quando qualche cammello si smarrisce, egli lo
rimpiazza con un altro. Qualche cavallo muore e lo rimpiazza con
un altro cavallo. Quando qualche schiavo scappa, lui lo sostituisce
con un altro schiavo”. Sentendo questo `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā
disse: “Cerco il perdono da Allāh se dovessi avere odio verso lui
solo perché ha ucciso mio fratello. Ho sentito Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam fare la seguente supplica: ‘O Allāh! A colui che
mostra benevolenza alla mia Ummah, mostra a lui benevolenza. E
a colui che opprime la mia Ummah, sii duro con lui’.

Ospitalità

Umm Ŝarik raḍiya-Llāhu `anhā fu una Ṣaḥābiyah molto ricca e ge-


nerosa. Aveva reso la sua abitazione, una casa aperta all’accoglien-
za. Era per questo motivo che tanti viaggiatori che andavano da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam da lontano usavano fermar-
si a casa sua.

Onore personale

Le Ṣaḥābiyāt erano una personificazione dell’onore personale e del


rispetto. `Abdullāh ibn Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu visitò sua ma-
dre, Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā lo stesso giorno in cui fu martirizza-
to. Vedendolo lei disse: “Difronte alla morte non accettare alcuna
condizione che ti porterà a condurre una vita di sottomissione e
umiliazione. Giuro per Allāh che tu dovrai morire con onore me-
diante una spada. È assolutamente meglio che sopportare delle
frustate in modo remissivo e umiliante”.

40
Pazienza e forza d’animo

Piangere la morte del marito, tirarsi i capelli, strapparsi l’abi-


to in disparte, compiere lamentazioni a lungo tempo erano tut-
te un comune aspetto della vita Araba. Tuttavia, l’insegnamento
che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam impartì, fece delle
Ṣaḥābiyāt baluardi di pazienza e forza d’animo. Una volta, il figlio
di Abū Ṭalḥah Anṣārī raḍiya-Llāhu `anhu si ammalò. Il mattino che
seguì egli lasciò il figlio e andò a lavorare. Mentre era distante, suo
figlio morì. Sua moglie informò le persone intorno a lei di non rife-
rire dell’accaduto ad Abū Ṭalḥah raḍiya-Llāhu `anhu. Ritornando a
casa, egli chiese a sua moglie: “Come si sente mio figlio?” Lei rispo-
se: “E’ più in pace con se stesso di prima”. Dopo aver detto questo,
gli presentò un pasto a cui lui prese parte e nella mattina gli chiese:
“Se qualcuno presta qualcosa a una persona e dopo, colui che ha
prestato, chiede il suo ritorno, la persona che l’ha presa in prestito
ha diritto di rifiutare?” Egli rispose: “No”. Lei disse: “Dunque sii
paziente per la morte di tuo figlio”.

Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam fece ritorno dalla


battaglia di Uḥud, tutte le Ṣaḥābiyāt andarono da lui in modo da
ricevere informazioni sui loro amati e parenti. Fra queste Ṣaḥābiyāt
c’era Ḥamnah bint Jaḥaŝ raḍiya-Llāhu `anhā. Quando andò da
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam lui disse: “O Ḥamnah! Sii
paziente per la morte di tuo fratello, `Abdullāh ibn Jaḥaŝ”. Sen-
tendo questa notizia lei recitò: “Inna lillahi wa inna ilayhi raji’ūn”
e fece una supplica chiedendo perdono per lui (du`ā’ mağfirah).
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam poi le disse: “Sii paziente
per la morte di tuo zio, Hamzah ibn `Abdul Muṭṭalib raḍiya-Llāhu
`anhu”. Sentendo questo, lei recitò di nuovo: “Inna lillahi wa inna
ilayhi raji’un” e fece du`a’ mağfirah per lui e rimase in silenzio.

Al tempo in cui `Abdullāh ibn Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu intraprese


una guerra contro Ḥajjaj, la madre del primo, Asmā’ raḍiya-Llāhu

41
`anhā si ammalò. `Abdullāh ibn Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu andò a
visitarla. Dopo essersi informato sulla sua salute, disse: “C’è molto
conforto nella morte”. Lei rispose: “Forse tu speri che lascio velo-
cemente questo mondo, [affinché non debba provare molto dolo-
re]. Ma finché questi due miei desideri non sono soddisfatti, non
vorrei morire. I miei desideri sono che: o divieni martire cosicché
io possa esercitare pazienza per la tua morte, o che tu vinca la
guerra cosicché possa essere soddisfatta di te”. Alla fine, quando fu
martirizzato, Ḥajjaj lo fece appendere a una croce. Nonostante la
sua malattia fisica e la sua condizione, lei andò a guardare questa
triste scena. Invece di lamentarsi e piangere, andò in direzione di
Ḥajjaj e disse: “Non è arrivato il tempo per questa persona che è
stata sospesa di essere abbassata?”.

Coraggio

Il coraggio che è fu mostrato dalle Ṣaḥābiyāt è più sorprendente


di quello che fu manifestato dai Ṣaḥābah in battaglia. Nella bat-
taglia di Ḥunayn, l’attacco dei miscredenti fu così imponente che
l’intero campo di battaglia tremò. Nonostante questo, il coraggio
di Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā fu tale che lei stette in attesa
del nemico con un pugnale in mano. Nel momento in cui qualche
miscredente l’avrebbe affrontata, sarebbe stata pronta a ucciderlo.
Abū Ṭalḥah raḍiya-Llāhu `anhu notò il pugnale nella sua mano, così
le chiese perché lo avesse con sé. Lei rispose: “Attendo che un mi-
scredente venga da me cosicché possa conficcare questo pugnale
nel suo stomaco”.

Nella battaglia di Ḳandaq, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam


raccolse tutte le donne in una fortezza. Un ebreo si avvicinò alla
fortificazione e iniziò ad aggirarla. Quando Safiyyah raḍiya-Llāhu
`anhā si accorse di lui, informò Ḥassan ibn Ṯābit raḍiya-Llāhu `anhu
dicendo: “Sembra una spia, vai e uccidilo”. Egli rispose: “Sai che

42
non posso farlo”. Safiyyah raḍiya-Llāhu `anhā scese da sola e ri-
mosse un paletto dalla fortezza. Allora lo colpì con tale forza che
morì immediatamente.

Astinenza

Le Ṣaḥābiyāt conducevano una vita di assoluta astinenza e asceti-


smo. Una volta una persona andò da `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā.
Quando era sul punto di entrare in casa, lei disse: “Aspetta un mo-
mento. Sto solamente andando a cucire il mio vecchio vestito”. La
persona rispose: “Se informassi il popolo di questo, penserebbero
a riguardo che tu fossi molto avara”. Lei rispose: “Coloro che non
indossano abiti vecchi e strappati non riceveranno abiti nuovi nella
vita futura”.

Spensieratezza e vivacità

Il fervore delle Ṣaḥābiyāt aveva reso l’Islām “fresco e fiorito”. La


spensieratezza e la vivacità quindi erano ritrovabili in loro. Nei giorni
di `īd, i giovani e le giovani andavano da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam e suonavano il duff davanti a lui e cantavano per lui.

Riserbo

I petti delle Ṣaḥābiyāt erano tombe per i segreti, irremovibili fino al


Qiyāmah. Una volta, tutte le moglie di Rasūlullāh ṣallallāhu `alay-
hi wa sallam erano sedute attorno a lui. Inoltre, anche Faṭimah
raḍiyalahu `anha andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.
Egli la accolse e la fece sedere alla sua destra. Dopo essersi sedu-
ta accanto a lui, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam sussurrò
qualcosa nelle sue orecchie che la fece piangere ad alta voce, do-

43
podiché sussurrò qualcosa che la fece ridere. Quando Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam lasciò la vita terrena, tutte le mogli le
chiesero la ragione di quanto accaduto in precedenza. Lei rispose:
“Non posso rivelare il segreto di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam finché è vivo”.

Castità

Le lezioni sul carattere integro e sulla purità che erano insegnate


dall’Islām, erano così fermamente radicate nelle Ṣaḥābiyāt che
fecero di loro una personificazione di castità. C’era una Ṣaḥābiyāt
il cui carattere al tempo della Jāhilīyyah non era di natura stima-
bile. Dopo aver accettato l’Islām, una persona provò a sedurla.
Lei rispose: “Vai via da me! Quei tempi sono andati e l’Islām è
arrivato”.

L’effetto degli insegnamenti islamici furono tali che anche le giova-


ni schiave iniziarono ad astenersi dalle relazioni illecite. Musaykah
era una schiava. Lei andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam e si lamentò con lui che il suo padrone la forzava ad avere rap-
porti con lei. Per questa ragione fu rivelato il seguente verso: “Non
forzate le vostre schiave alla prostituzione”.

Per le Ṣaḥābiyāt era impossibile commettere peccati maggiori.


Non sopportavano neanche che un ğayr maḥrām le guardasse.
Muğīrah ibn Ŝu’bah raḍiya-Llāhu `anhu desiderava sposarsi, così
andò da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam per informarlo.
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam gli chiese prima di andare a
guardare la donna. Muğīrah raḍiya-Llāhu `anhu andò a casa della
donna con l’intenzione di guardarla allo scopo di sposarla. La don-
na rispose da dietro una copertura: “Se Rasūlullāh ṣallallāhu `alay-
hi wa sallam ti ha ordinato di fare così, acconsentirò. Altrimenti
dovrai giurare per Allāh”.

44
Nemmeno pensavano di commettere tali peccati, se qualche
Ṣaḥābiyah era accusata di qualche crimine, avrebbe perso i sensi
e il controllo sulla sua mente. Quando `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā
fu accusata di un crimine durante l’incidente di ifk12, si abbatté in-
teriormente, fu sopraffatta da una forte febbre e iniziò a piangere
profusamente.

12
Questo si riferisce all’episodio che accadde al ritorno di Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam dalla spedizione di Banū Muṣtaliq. Prima che la carovana di
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam potesse rientrare a Madeenah, si fermò
presso un luogo. I membri della carovana scesero per svolgere i loro bisogni,
necessità ecc. Anche `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā scese. Dopo aver svolto i suoi
bisogni, fece per tornare alla carovana. Sul ritorno, però, realizzò che la sua col-
lana era caduta da qualche parte, così retrocedé per cercarla. Nel momento
in cui ritornò alla carovana, scoprì che essa era già partita. Quelli che erano
responsabili del suo cammello non si erano accorti che lei non c’era perché era
così leggera a causa della giovane età. [Si dovrebbe prendere nota che a quel
tempo le donne usavano sedersi in una portantina posta sul cammello. Non era
dunque possibile sapere chi vi era all’interno]. Vi era anche un Ṣaḥābi di nome
Ṣafwān ibn al-Mu’ṭṭal as-Sulamee raḍiya-Llāhu `anhu che era rimasto indietro.
Raggiunto il luogo, trovò `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Osservò immediatamente
il purdah, la fece sedere sul cammello e la condusse fino al raggiungimento della
carovana principale. Nessuno prestò attenzione all’accaduto poiché non c’era
nulla d’insolito in ciò. Tuttavia, il capo degli ipocriti, `Abdullāh ibn ‘Ubayy, trovò
in ciò un’opportunità per accusare `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā di adulterio e così
disonorare Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Anche certi Musulmani di
fede debole cominciarono a dubitare della sua innocenza. Questo causò un tu-
multo in Madeenah fino a quando Allāh non rivelò i seguenti versi che assolsero
completamente `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā da ogni crimine. I versi sono: “Coloro
che avanzano la calunnia [contro `Ā’iŝah] sono un gruppo tra voi. Non considera-
telo un male per voi. In verità, è un bene per voi. Ogni uomo tra loro sarà pagato
con ciò che avrà guadagnato dal peccato, e così per colui che ha il più grande
contributo in ciò, avrà un grande tormento. Perché, dunque, i credenti, uomini
e donne, quando odono [la calunnia], non pensano bene delle loro persone e
dicono: ‘Questa è una bugia evidente’” [24:11-12]

45
RELAZIONI SOCIALI E RAPPORTI

Riconciliazione e purità del cuore

Ogni volta che le Ṣaḥābiyāt erano scontente o arrabbiate con qual-


cuno, diventavano molto dispiaciute per la situazione. Una volta
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā si arrabbiò con `Abdu-Llāh ibn Zubayr
raḍiya-Llāhu `anhu e fece giuramento che non gli avrebbe rivolto
la parola. Tuttavia, dopo averlo perdonato, ogni volta che pensava
a quel giuramento, piangeva così profusamente che il suo velo ini-
ziava a bagnarsi.

Mantenere buone relazioni

Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā mantenne ottimi contatti con i suoi


amici, parenti e vicini. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Non ho
mai visto una donna più religiosa, più pia, più onesta e vicina ai
suoi parenti, di Zaynab”.

Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā ricevette una certa proprietà in eredità.


Inoltre, Mu’āwīyah raḍiya-Llāhu `anhu le diede 100.000 dirham.
Tuttavia, lei non tenne tutti questi averi per se stessa. Li diede, inve-
ce, a Qasīm ibn Muḥammad e Ibn Abī Atiq raḍiya-Llāhu `anhumā,
entrambi suoi parenti.

Il contatto amichevole e cordiale che le Ṣaḥābiyāt dimostravano


non era riservato soltanto ai loro parenti musulmani, ma anche ai
loro parenti kuffār. Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā emigrò per Madīnah.
Sua madre che era miscredente andò a visitarla e le chiese dell’as-
sistenza economica. Poiché era incerta, Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā
andò da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e gli chiese se
poteva mantenere buone relazioni con sua madre. Rasūllullāh

46
ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose: “Si”. Lei ritornò indietro e aiu-
tò sua madre.

Safiyyah raḍiya-Llāhu `anhā aveva lasciato una proprietà per uno


dei suoi parenti ebrei.

Scambiare i doni

È menzionato in un Ḥadīṯ che scambiarsi regali è un mezzo per ac-


crescere l’amore. Per tale ragione le Ṣaḥābiyāt erano solite scam-
biarsi regali.

Nasībah Anṣārīyah raḍiya-Llāhu `anhā era così povera che fu ido-


nea a ricevere Zakah. Nonostante questo, era solita inviare doni
alle mogli del Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Una volta,
ricevette una capra per ṣadaqah. Dopo averla sgozzata, inviò la sua
carne a `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā in dono.
Anche Barirah raḍiya-Llāhu `anhā usava inviare quel che riceveva
come ṣadaqah alle mogli del Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam in regalo.

Rapporti con la servitù

La maniera in cui le Ṣaḥābiyāt erano solite comportarsi con i loro


servi e lavoratori può essere valutata da questa situazione… Una
notte, `Abdul Malik si svegliò e chiamò il suo servo. Il servo ritar-
dò ad arrivare, così egli lo maledisse. Umm Dardā’ era a casa sua.
La mattina, lei lo rimproverò dicendo: “Come puoi maledire il tuo
servo quando il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ha detto
che coloro che maledicono non riceveranno né intercessori né te-
stimoni nel Giorno del Giudizio?”.

47
Cooperazione reciproca

Le Ṣaḥābiyāt erano solite assistere e aiutare gli altri ogni vol-


ta che essi facevano fronte a dei problemi. La maggioranza delle
Ṣaḥābiyāt aiutavano i loro vicini in qualsiasi modo potevano. Asmā’
raḍiya-llāhu `anhā non sapeva fare il pane, così le sue vicine lo
preparavano per lei.

Se le Ṣaḥābiyāt avevano qualche lamentela verso i loro mariti,


erano solite andare a informare `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei
trasmetteva le loro lamentele al Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam e intercedeva in loro favore. Una volta, una donna che
indossava un velo verde andò da lei, espose una certa parte del
corpo e le mostrò il punto in cui suo marito l’aveva colpita in tal
modo che era divenuto blu. Quando arrivò Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam, lei riferì a lui: “Le difficoltà a cui le donne mu-
sulmane sono sottoposte e reggono al momento non sono state
sperimentate prima. Guarda la sua pelle, è diventata più verde del
suo copricapo”. Alla fine di questa narrazione nel Saḥīḥ Buḳari, è
aggiunto che le seguenti parole sono state riferite alle donne: “E’
natura delle donne aiutarsi vicendevolmente”.

La moglie di una persona si ammalò. Egli andò da Umm Dardā’


raḍiya-Llāhu `anhā. Quando lei chiese di sua moglie, egli rispo-
se che era malata. Sentendo questo, lo fece sedere e gli preparò
un pranzo. Fin tanto che sua moglie rimase malata, lei continuò a
chiedere sulla sua salute e nutrire questa persona.

Visitare il malato

Le Ṣaḥābiyāt visitavano il malato in ogni modo possibile. Una volta


un Ṣaḥābi fra Ahl uṣ-Ṣuffah si ammalò. Umm Dardā’ raḍiya-Llāhu
`anhā cavalcò un cammello e lo andò a visitare.

48
Prendersi cura del malato

Le Ṣaḥābiyāt si prendevano cura del malato con grande cura e


attenzione. `Abdullāh ibn Maz’ūn raḍiya-Llāhu `anhu si ammalò.
Umm Haslā’ raḍiya-Llāhu `anhā e la sua intera famiglia si prese-
ro cura di lui. Quando fu avvolto dopo essere morto, Umm Haslā’
raḍiya-Llāhu `anhā disse quanto segue in tono veramente affet-
tuoso: “Che Allāh ti calmi con la Sua misericordia. Faccio testimo-
nianza che Allāh Ta`āla ti ha onorato”.

Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā era nel suo marad ul-mawt, così `Umar
raḍiya-Llāhu `anhu inviò un messaggio alle mogli del Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam chiedendo chi fosse pronta ad assister-
la. Tutte le mogli risposero che erano pronte ad assisterla. Quando
morì, egli inviò un messaggio chiedendo loro chi la avrebbe lavata
e sepolta. Tutte risposero che lo avrebbero fatto.

Condoglianze alla famiglia del deceduto

Le Ṣaḥābiyāt erano solite solidarizzare con la famiglia del decedu-


to come loro dovere. Una volta il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam fece ritorno dopo aver sepolto un Ṣaḥābi. Sulla strada, vide
Faṭimah raḍiya-Llāhu `anhā, così le chiese la ragione per cui fosse
uscita di casa. Lei rispose: “Sono andata in quella casa a fare le mie
condoglianze”.

Il metodo usato durante il tempo della Jāhilīyyah per le condo-


glianze era che le donne andavano dalla famiglia del deceduto e
piangevano ad alta voce insieme agli uomini. L’Islām cancellò que-
sto costume della Jāhilīyyah. Di conseguenza, quando una donna
accettava l’Islām, faceva promessa di astenersi da questi costumi.
Una volta Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam volle tale pro-
messa da Umm Atiyyah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei rispose: “Ai tem-

49
pi della Jāhilīyyah una certa famiglia venne e pianse sopra ai no-
stri deceduti. Andrò quindi a ricambiare per uno dei loro morti”.
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam le permise di farlo. 13

Amore per i bambini

Le Ṣaḥābiyāt avevano grande amore per i bambini. Una volta un


Ṣaḥābi divorziò da sua moglie e volle portare il bambino lontano
da lei. Lei andò dal Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e disse:
“Il mio utero è stato il suo ricettacolo[del bambino], il mio petto
la sua sacca d’acqua, e il mio grembo la sua culla. Ora suo padre
ha divorziato da me e vuole portarlo lontano da me”. Il Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose: “Fintantoché non ti sarai spo-
sata una seconda volta, hai il più grande diritto di custodia su tuo
figlio”.

Sebbene l’amore per i bambini si trovava comunemente in tutte


le Ṣaḥābiyāt, questa caratteristica era particolarmente riscontra-
bile nelle donne dei Qurayŝ. Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam stesso le elogiò per questa grande caratteristica quando disse:
“Quanto nobili sono le donne dei Qurayŝ! Amano i loro bambini e
salvaguardano i possessi dei loro mariti”.

Amore per fratelli e sorelle

Le Ṣaḥābiyāt amavano intensamente i loro fratelli e sorelle.

13
Questo permesso fu concesso solo a lei e solamente per quella particolare
famiglia. Ella non offrì tali condoglianze a nessun’altra famiglia. Un’altra spiega-
zione è che il permesso fu concesso a condizione che le condoglianze fossero
nei limiti della Ŝaree’ah. (Riferimento al commentario di An-Nawawee su Saḥīḥ
Musleem, vol. 6, pag. 477, Beirut edition).

50
`Abdullāh ibn Abī Bakr raḍiya-Llāhu `anhu morì in Abissinia e il suo
corpo fu sepolto a Makkah. Per il profondo amore per lui, `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā andò alla sua tomba e recitò un famoso poema:

“Per del tempo abbiamo vissuto insieme


come i due compagni di Banū Ḳuzaymah,
[eravamo così vicini] che le persone iniziavano a dire
che mai ci saremmo separati. Tuttavia,
quando ci separammo, fu come se Malik e io
non avessimo nemmeno speso una notte insieme
sebbene siamo stati insieme per tanto tempo.

Hamza raḍiya-Llāhu `anhu fu martirizzato nella Battaglia di Uḥud.


Sua sorella, Safiyyah raḍiya-Llāhu `anhā andò sul campo di batta-
glia per chiedere di lui. Tuttavia, poiché la gente sentiva che sareb-
be diventata profondamente addolorata, non la informarono. In-
fine andò dal Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Egli temeva
che lei avrebbe perso i sensi se fosse venuta a conoscenza dell’ac-
caduto. Quindi si mise le mani al petto. Lei recitò: “Inna lillahi wa
Inna ‘ilayhi raji’ūn” e iniziò a piangere.

Quando Ruqayyah raḍiya-Llāhu `anhā morì, tutte le donne pianse-


ro. Faṭimah raḍiya-Llāhu `anhā andò alla sua tomba e pianse. E il
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam asciugò con le sue mani le
lacrime di lei.

Difendere i propri genitori

Le Ṣaḥābiyāt non trascuravano di difendere i propri genitori ne-


anche nelle situazioni più difficili. Una volta, mentre Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam compiva la ṣalāh, i kuffār gettarono
l’intestino di un cammello sulla sua nuca. Faṭimah raḍiya-Llāhu
`anhā corse da lui, rimosse gli intestini dalla sua nuca, li lanciò via

51
e rimproverò i kuffār.

Allevare gli orfani

Allevare gli orfani è un atto molto virtuoso. È menzionato in un


Ḥadīṯ che il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam disse: “Io e co-
lui che si prende cura degli orfani saremo vicini assieme così come
queste due dita”.
È per questo motivo che le Ṣaḥābiyāt consideravano il fatto di alle-
vare gli orfani, loro dovere.
Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā si prendeva cura di tanti orfani. Una
volta andò da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e gli chiese:
“Mi è permesso dare la ṣadaqah a mio marito e questi orfani?”.
Un’altra Ṣaḥābiyah andò da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
a chiedere su una simile questione. Bilāl raḍiya-Llāhu `anhu infor-
mò Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam riguardo le domande
e coloro che chiedevano. Egli rispose: “Informali che riceveranno
doppia ricompensa; una per mantenere buone relazioni e un’altra
per l’aver dato in carità”.

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā aveva un fratello di nome Muḥammad


ibn Abī Bakr raḍiya-Llāhu `anhu. Quando suo figlio divenne orfano,
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā si prese cura di lui.

Salvaguardare i beni degli orfani

Per quanto riguarda la salvaguardia e la protezione dei beni degli


orfani, Allāh Ta`āla ha rivelato un verso molto esaustivo: “E prova
orfani finché raggiungono un età maritabile…” Sulla base di questo
verso, le Ṣaḥābiyāt non solo salvaguardarono i loro beni, ma anche
li investirono. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā dava i beni degli orfani
alle persone così che potessero investirli nel commercio per conto

52
degli orfani.

Allevare i bambini

Le Ṣaḥābiyāt sacrificavano le loro comodità e riposo per allevare i


bambini. Quando Umm Sulaym raḍiya-Llāhu `anhā diventò vedo-
va, Anas ibn Malik raḍiya-Llāhu `anhā era solo un bambino. Quin-
di, lei prese la ferma decisione che fintantoché non fosse cresciuto
considerevolmente e completamente, non si sarebbe sposata una
seconda volta. Anas raḍiya-Llāhu `anhā stesso ammise questo fat-
to in tono riconoscente dicendo: “Che Allāh Ta`āla ricompensi mia
madre per aver conseguito il suo dovere nel prendersi cura di me”.

Le Ṣaḥābiyāt amavano Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam


enormemente. Nonostante questo, quando il Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam inviò una proposta a Umm Hany raḍiya-Llāhu
`anhā lei si scusò e disse: “O Rasūllullāh! Tu sei amato da me più
dei miei stessi occhi. Ma i diritti di un marito sono molti. Io temo
che se dovessi adempire i diritti di un marito, non sarei capace di
adempire i diritti dei miei bambini. E se occupo me stessa con i
bambini, non sarei capace di soddisfare i diritti di un marito”.

Salvaguardare i possessi del marito

La salvaguardia e la protezione dei beni, dei possedimenti e della


casa del proprio marito da parte della moglie in modo onorabile,
ha un grande impatto sulla relazione sociale fra marito e moglie.
Quest’ affidabilità era comunemente riscontrabile nelle Ṣaḥābiyāt.
Il matrimonio di Asmā’ bint Abī Bakr raḍiya-Llāhu `anhā si era svol-
to con Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu. Mentre lei era nella sua casa,
un povero venditore arrivò e le chiese il permesso di vendere la
sua merce all’ombra del suo muro. Lei rimase confusa per que-

53
sta richiesta. Voleva concedere questo permesso a cuore aperto e
con generosità. Tuttavia, non avrebbe accordato il permesso senza
prima di averlo chiesto a suo marito. Così gli disse: “Se ti do il per-
messo e Zubayr non vuole, sarà per me un problema. È meglio che
tu venga a chiedermi quando Zubayr è presente”. Egli ritornò dopo
e disse: “O madre di `Abdullāh! Sono una persona bisognosa. De-
sidero vendere la mia merce all’ombra del tuo muro”. Lei rispose:
“In tutta Madīnah, questa è l’unica casa che hai trovato!” Zubayr
raḍiya-Llāhu `anhu disse: “Quale male può colpirti che neghi a un
povero di svolgere i suoi affari?” E questa era la sua vera intenzio-
ne, ovvero far concedere il permesso da lui (Zubayr raḍiya-Llāhu
`anhu) stesso. Questa povera persona ottenne quindi il permesso.
Lei era estremamente generosa e pertanto amava dare in carità e
ṣadaqah. Tuttavia, non aveva nient’altro che i beni di suo marito
e non poteva spenderli senza il suo permesso. Alla fine, andò da
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e gli chiese: “Se dò in carità
coi beni di Zubayr, commetterò un peccato?” Lui le disse di dare
tutto ciò che voleva.

Sebbene questa caratteristica era comunemente riscontrabile in


tutte le Ṣaḥābiyāt, era particolarmente riconoscibile nelle donne
dei Qurayŝ. Il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam le elogiò per
questa loro caratteristica nelle seguenti parole: “Quanto nobili
sono le donne dei Qurayŝ! Amano i loro bambini e proteggono i
possessi dei loro mariti”.

Compiacere il marito

Le Ṣaḥābiyāt avevano grande cura nell’ottenere il compiacimento


e la felicità dei loro mariti. Ḳawla raḍiya-Llāhu `anhā vendeva pro-
fumi. Una volta andò da `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā e disse: “Mi
metto il profumo ogni notte, mi adorno e abbellisco come una spo-
sa e vado a dormire accanto a mio marito soltanto per il compiaci-

54
mento di Allāh Ta`āla. Nonostante tutto questo, lui non mi guarda
e volta la sua faccia. Allora lo giro verso di me, ma lui continua
a voltarsi”. Quando arrivò Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
menzionò ciò anche a lui. Egli rispose: “Va’ e resta obbediente a
tuo marito”.

Una volta il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam notò alcuni


anelli d’argento nelle mani di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā così chie-
se: “O `Ā’iŝah! Per cos’è questo?” Lei rispose che lo aveva fatto per
adornarsi e abbellirsi per lui.

Una Ṣaḥābiyah andò dal Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.


Indossava alcuni braccialetti d’oro, così egli la fermò dall’indossarli.
Lei rispose: “Se una moglie non si abbellisce e adorna per suo ma-
rito, non è gradita da lui”.

Amore per il marito

Le Ṣaḥābiyāt avevano estremo amore per i loro mariti. Zaynab


raḍiya-Llāhu `anhā sposò `Abdul ‘Ās. Era ancora un miscredente
quando si svolse la Battaglia di Badr. Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam volle liberare i prigionieri di guerra accettando il riscat-
to. Zaynab raḍiya-Llāhu `anhā quindi mandò una delle sue collane
che Ḳadījah raḍiya-Llāhu `anhā le aveva dato al tempo in cui si spo-
sò, e pagò il riscatto per `Abdul ‘Ās.

Quando Ḥamnah bint Jaḥaŝ raḍiya-Llāhu `anhā ricevette la notizia


del martirio di suo marito, iniziò a piangere per il profondo amore
per lui.

`Umar raḍiya-Llāhu `anhu non aveva molto tempo per la famiglia.


Per questo, sua moglie, ‘Atikah raḍiya-Llāhu `anhā baciava la sua
testa anche quando era in digiuno per il grande amore.

55
‘Atikah raḍiya-Llāhu `anhā amò molto il suo primo marito, `Abdullāh
bin Abī Abakr. Quando ottenne il martirio a Ta’if, lei compose la se-
guente ode per lui: “Ho giurato che i miei occhi rimarranno dolenti
per te, e il mio corpo trascurato”.
Da allora, `Umar raḍiya-Llāhu `anhu la sposò. `Alī raḍiya-Llāhu
`anhu che era presente nel loro walimah, le ricordò della lode che
aveva composto, così lei iniziò a piangere. Quando `Umar raḍiya-
Llāhu `anhu fu martirizzato, lei compose un’ode anche per lui. Poi
sposò Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu. Quando anch’egli divenne mar-
tire, anche per lui compose un ode.

Servire il marito

Le Ṣaḥābiyāt servivano i loro mariti con piena cura.


Dovuto alla sua grande attenzione nei riguardi della purità,
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam lavava il suo miswak ripe-
tutamente. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā era solita conseguire questo
nobile compito. Una volta, egli si avvolse con uno scialle ed entrò
nel masjid. Un Ṣaḥābi gli disse: “Rasūllullāh! Ho notato una mac-
chia sporca (sullo scialle)”. Il Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sal-
lam lo diede a una delle schiave e lo inviò ad `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā. Lei ordinò un recipiente d’acqua e lavò lo scialle con le sue
stesse mani. Lo asciugò e lo mandò al Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam.
Quando egli metteva o toglieva il suo iḥrām, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā profumava il suo corpo benedetto. 14
Quando egli mandava l’animale sacrificale alla Ka`bah, lei ne allac-
ciava il collare attorno al collo.

Quando i Ṣaḥābah si privavano dell’aiuto e l’assistenza del mon-


do intero, solo le loro mogli gli erano vicine in questa situazione
solitaria e di bisogno. Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam era
scontento poiché Hilāl ibn ‘Umayyah raḍiya-Llāhu `anhu non par-

56
tecipò alla Battaglia di Ṭabūk. A tutti i musulmani fu ordinato di
boicottarlo. A sua moglie di rompere le relazioni con lui. Infine,
lei andò da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e disse: “Egli è
vecchio e non ha servi che lo assistano. Se lo servo e assisto, sarai
scontento?” Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose: “No”.

Non importa quanto obbediente e volenterosa una donna possa


essere, una volta che le relazioni con suo marito sono tagliate, lei
è incapace di essere propensa a lui di nuovo. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt
ruppero questa consuetudine. Un Ṣaḥābi pronunciò ẓihār su sua
moglie. In altre parole, la rese ḥarām a se stesso per un determina-
to periodo. Nonostante questo, lei rimase al suo servizio.

14
L’applicazione di profumo mentre si è in iḥrām non è permessa. Tuttavia, è
permesso usarlo e dopo rimuoverlo.

57
MODO DI VIVERE

Povertà

Agli inizi dell’Islām, le Ṣaḥābiyāt conducevano una vita di estrema


povertà e deprivazione. L’effetto di ciò appariva nei loro vestiti, abi-
tazioni, effetti domestici, personali, e anche in tutte le altre loro
cose.

Abbigliamento

Le Ṣaḥābiyāt provarono grande difficoltà nel procurarsi i vestiti. Il


drappo di Fāṭimah raḍiya-Llāhu `anhā, la più amata dal Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam, era così piccolo che una volta provò
a coprire il suo intero corpo per rispetto e pudore di Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam, ma non ci riuscì. Quando copriva la
testa, le sue gambe si scoprivano; quando copriva le gambe, si sco-
priva la testa.

Alcune Ṣaḥābiyāt non avevano neanche un panno. Quando


Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam consentì loro di parteci-
pare al `īd ğa, una Ṣaḥābiyah andò da lui e chiese: “Cosa può fare
una donna se non possiede un panno coprente?” Egli rispose che
un’altra donna avrebbe dovuto prestarglielo.

Al momento del matrimonio, anche le più povere delle persone vo-


gliono preparare un bel corredo per la sposa. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt
non potevano permettersi neanche un semplice, basilare corredo.
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Ho un abito che fu fatto con una
stoffa ruvida. Quando qualche donna era vestita per il matrimonio,
prendeva questo vestito in prestito da me”.

58
Abitazioni

Le case delle Ṣaḥābiyāt erano veramente semplici, umili e di poco


valore. Non avevano bagni nelle loro case e quindi dovevano anda-
re nel deserto di notte per i propri bisogni ed esigenze. Non aveva-
no neanche tende sulle loro porte e non possedevano alcun tipo
di luce per la notte.

Effetti domestici

Le case delle Ṣaḥābiyāt erano possessi molto semplici, tanto che


un marito e una moglie avevano solamente un giaciglio in cui poter
dormire. Per di più, questo giaciglio era fatto di foglie di palma.

Gioielli

Le Ṣaḥābiyāt usavano gioielli molto semplici ed essenziali. Dopo


aver esaminato i libri di Ḥadīṯ, si apprende che usavano indossare
bracciali, braccialetti, orecchini, collane, anelli e cavigliere. Inoltre
indossavano orecchini al naso. La collana di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā che aveva perso in un viaggio era dallo Yemen.

Cosmetici

Le Ṣaḥābiyāt usavano surmah e henna. Dopo aver partorito un


bambino, applicavano il wars (un tipo di erba rossastra) sulle loro
facce. Applicavano l’impasto di questa pianta così che i segni e le
macchie sui loro volti scomparivano. Usavano lo zafferano, ‘itr e sik
nei loro profumi. Sik è un tipo di fragranza che si applica alla testa.

59
Compiere le proprie commissioni

Le Ṣaḥābiyāt erano solite eseguire i compiti domestici da sé e


sopportavano le più dure difficoltà nel conseguire questo dovere.
Fāṭimah raḍiya-Llāhu `anhā fu la più amata delle figlie di Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Nonostante questo, macinava il grano
con le sue stesse mani tanto da farsi spuntare piaghe. A forza di
trasportare acqua, anche sul suo petto apparivano piaghe. A forza
di pulire, i suoi abiti diventavano sporchi e disordinati.

Le mogli del Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam erano solite


fare a turno nel compiere i lavori domestici. Una volta fu il turno di
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei macinò il grano, fece il pane, e atte-
se il ritorno di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Egli ritardò,
così lei si addormentò. Quando fece ritorno, la svegliò.

Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā era la figlia di Abū Bakr raḍiya-Llāhu


`anhu. Fu sposa di Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu. Lui era così povero
che non aveva altro che un cavallo. Asmā’ raḍiya-Llāhu `anhā era
solita andare nei campi a prendere l’erba per il cavallo. Poi, Abū
Bakr raḍiya-Llāhu `anhu le mandò una schiava in modo da sostitu-
irla in questo lavoro. Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam diede
un pezzo di terra a Zubayr raḍiya-Llāhu `anhu come concessione.
Questa terra era a circa cinque chilometri fuori Madīnah. Asmā’
raḍiya-Llāhu `anhā era solita andarci giornalmente e portava i rami
di dattero sulla sua testa. Dopo aver battuto questi rami, li dava
in nutrimento al suo cammello che usava per trasportare l’acqua.
Oltre a portare a termine i basilari lavori domestici, era solita tra-
sportare l’acqua [per i suoi lavori domestici]. Se la borsa d’acqua
si rompeva, la riparava. Era anche solita macinare il grano e fare il
pane.

Oltre a svolgere i lavori domestici, le Ṣaḥābiyāt si occupavano an-


che dei lavori manuali. Sawdah raḍiya-Llāhu `anhā conciava la pel-

60
le che solitamente arrivava da Ta’if. Per questo, la sua posizione
finanziaria era migliore di tutte le mogli di Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam. Alcune Ṣaḥābiyāt erano anche solite cucire ve-
stiti.

Purdah

Il metodo del purdah non era molto stretto nell’era iniziare di


Rasūllullāh ṣallallāhu alayhi wa sallam. Comunque, le donne non
erano del tutto esposte. Erano solite viaggiare in un mihfah (un
tipo speciale di trasporto che copriva le donne in viaggio), indossa-
vano il niqāb, e osservavano il purdah verso i ğayr maḥram. `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Durante Ḥajjat al-widā’, ogni volta che
qualcuno veniva davanti a noi, coprivamo le nostre facce con un
panno. Una volta che se n’erano andati, li scoprivamo di nuovo”.

Una volta, Aflah ibn Abil Qays raḍiya-Llāhu `anhu andò incontro
ad `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei immediatamente si nascose. Di-
fronte a ciò egli disse: “Perché osservi il purdah con me? Sono tuo
zio”. Lei disse: “Come stai zio mio?” Egli rispose: “La moglie di mio
fratello ti ha allattata”. Lei rispose: “Un uomo non mi allatta”.

Il figlio di una Ṣaḥābiyah fu martirizzato. Lei indossò il niqāb e andò


verso di lui. Vedendola così, i Ṣaḥābah osservarono: “Sei venuta
per il martirio di tuo figlio eppure sei in purdah?” Lei replicò: “Pos-
so aver perso mio figlio ma non ho perso il mio pudore e la mia
modestia”.

Nei nostri tempi purdah è qualcosa di consueto e superficiale, ov-


verosia se una donna osserva il purdah con un maḥram su una
base di consuetudine, lei continua a osservare purdah con lui per
sempre. Ma se dovesse incontrare un ğayr maḥram in diverse oc-
casioni, molto presto romperà tutti i limiti di purdah con lui. Le

61
Ṣaḥābiyāt non erano in linea con questo purdah consuetudinario.
Il loro purdah era in totale conformità con la Ŝarī`ah. Se la Ŝarī`ah
permetteva loro di venire in presenza di una certa persona, lo
avrebbero fatto. Tuttavia, al momento in cui la Ŝarī`ah imponeva li-
miti a questo riguardo, loro immediatamente avrebbero osservato
il purdah proprio con quella persona. È riportato da `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā che non è necessario osservare il purdah con i propri
schiavi. E per questa ragione che lei era solita andare in presenza di
Abū `Abdullāh Salim raḍiya-Llāhu `anhu che fu uno schiavo molto
pio, e parlava anche con lui in modo informale. Un giorno egli andò
e la informò che Allāh Ta`āla lo aveva reso libero e che non era più
uno schiavo. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā immediatamente osservò
il purdah con lui e non andò più in sua presenza per il resto della
sua vita.

62
TRANSAZIONI

Adempimento dei debiti

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā prendeva prestiti molto spesso. Qual-


cuno le chiese la ragione del suo prendere prestiti indebitandosi
così spesso. Lei rispose: “Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
ha detto che colui che ha l’intenzione di adempiere ai suoi debiti,
Allāh Ta`āla stabilisce Se Stesso come soccorritore [nel conseguire
il suo debito]. Così io faccio questo nella speranza di ottenere il Suo
aiuto e la Sua assistenza”.

Rinunciare ai debiti

Umm Salāmah raḍiya-Llāhu `anhā fece di uno schiavo un mukātab


15
. Quando egli volle iniziare a pagare affinché fosse libero, lei gli dis-
se di sottrarre una certa cifra dal prezzo stabilito, che lui fece [e con
ciò ottenne la sua libertà a un prezzo inferiore a quello concordato].

Giustizia ed equità nel distribuire l’eredità

Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu diede alcune palme da dattero a `Ā’iŝah


raḍiya-Llāhu `anhā in dono. Tuttavia, lei non aveva ancora preso pos-
sesso delle palme. Quest’atto di darle a lei fu quindi incompleto.16

15
Uno schiavo mukātab è colui a cui è permesso pagare per ottenere la sua
libertà a un prezzo accordato con il suo padrone. Sul pagamento del prezzo pat-
tuito, egli è libero.
16
Ciò perché una delle condizioni quando si regala qualcosa a una persona è
che quest’ultima deve prendere possesso di esso. Solamene dopo sarà divenuta
il suo proprietario.

63
Quando Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu fu quasi sul punto di lasciare
questo mondo, le disse: “Se tu avessi preso possesso degli alberi che
ti ho dato, sarebbero stati tuoi. Tuttavia, essi sono ora inclusi nella
mia eredità, gli eredi di ciò sono i tuoi fratelli e sorelle. Dovrai quin-
di distribuire l’eredità secondo la legge imposta dal Qur’ān”. `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā rispose: “Anche se ci fosse stato più vantaggio di
questo, lo avrei comunque lasciato per loro”.

64
SERVIZI RESI

In riguardo alla partecipazione politica delle Ṣaḥābiyāt non c’è mol-


to da menzionare. È solo nel libro al-Iṣābah che si fa menzione di
Ŝifā’ bint ‘Adawiyyah raḍiya-Llāhu `anhā che `Umar raḍiya-Llāhu
`anhu era solito dare preferenza alle sue opinioni e la rispettava.
Inoltre lei rese servizi per la piazza del mercato. A parte la par-
tecipazione politica, le Ṣaḥābiyāt resero ogni possibile servizio
all’Islām, i dettagli di ciò possono essere esaminati dai seguenti
argomenti.

Servizi religiosi

Diffusione dell’Islām

In riguardo ai servizi religiosi, la diffusione dell’Islām è il più im-


portante contributo. Dall’inizio dell’Islām, il meraviglioso sforzo
delle Ṣaḥābiyāt fu incluso. Umm Ŝarik raḍiya-Llāhu `anhā invitava
segretamente verso l’Islām le donne dei Qurayŝ. Quando i Qurayŝ
seppero delle sue attività, la bandirono da Makkah.

Durante una battaglia, i Ṣaḥābah uscirono in cerca di acqua per


la sete estrema. Allo stesso tempo, incontrarono una donna che
aveva una borraccia. I Ṣaḥābah la presentarono prima a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam e consumarono l’acqua dopo aver ot-
tenuto il suo permesso. Nonostante l’avessero pagata per l’acqua,
i Ṣaḥābah furono così riconoscenti per la sua generosità che quan-
do invasero il suo villaggio, non attaccarono la sua casa e neppure
quella della sua famiglia. L’effetto di questo loro gesto fu tale che
lei spinse la sua intera famiglia ad accettare l’Islām.

Umm Ḥakīm bin al-Ḥāriṯ raḍiya-Llāhu `anhā fu sposata a Ikrimah ibn

65
Abī Jahal. Lei accettò l’Islām il giorno in cui Makkah fu conquista-
ta dai Musulmani. Ma suo marito fuggì in Yemen. Lei viaggiò ver-
so lo Yemen e lo invitò all’Islām. Egli accettò l’Islām e si presentò a
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Vedendolo esultò con gioia.

Quando Abū Ṭalḥah raḍiya-Llāhu `anhu era ancora un miscreden-


te, desiderava sposare Umm Salim raḍiya-Llāhu `anhā. Tuttavia lei
rispose: “Tu sei un miscredente ed io sono una Musulmana. Come
potremmo sposarci? Se tu accetti l’Islām, essa [la tua accettazione
dell’Islām] sarà la mia dote. Non ti chiedo altro”. Egli accettò l’Islām
e la sua accettazione dell’Islām fu considerata come dote.

Proteggere nuovi Musulmani

Coloro che accettavano l’Islām durante i periodi iniziali erano


costretti ad abbandonare le loro case, mogli, famiglie, parenti,
beni, proprietà ecc.. In base a questo, insieme alla propagazione
dell’Islām, il più importante servizio che poteva essere reso, era
proteggere e prendersi cura dei nuovi Musulmani. Le Ṣaḥābiyāt
presero la gran parte di questo compito. La casa di Umm Ŝarik
raḍiya-Llāhu `anhā diventò una casa per accogliere questi nuovi
Musulmani. C’erano così tanti nuovi Musulmani a casa sua che
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam non permise a Faṭimah bin
Qays raḍiya-Llāhu `anhā di osservare la sua `idda in quella casa,
poiché sarebbe stato estremamente difficile per lei osservare il
purdah a causa delle tante persone che erano lì.

Anche Durrah bint Lahab raḍiya-Llāhu `anhā fu molto generosa e


costantemente nutriva i Musulmani.

Servire i mujahidīn

Proprio come i Ṣaḥābah partecipavano alle battaglie con grande


entusiasmo, le Ṣaḥābiyāt non volevano restare indietro in questo

66
nobile atto. Il loro compito più prezioso fu bendare e prendersi
cura dei feriti e a ristorare i mujaidīn. Compivano questo compito
con grande sincerità e dedizione. Diverse Ṣaḥābiyāt parteciparono
alla battaglia di Ḳaybar. Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam seppe di questo, si rivolse a loro con tono veramente scon-
tento: “Con chi siete venute e chi vi ha dato il permesso di venire?”
Esse risposero: “O Rasūlullāh! Noi tagliamo la lana e attraverso
questo siamo arrivate ad assistere sulla via di Allāh. Abbiamo tutte
le medicazioni ed altre necessità per i feriti, raccogliamo le frecce
per i mujahidīn e gliele portiamo, e facciamo loro da bere sattū 17.

Umm ‘Atiyyah raḍiya-Llāhu `anhā partecipò in sette battaglie con


Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Custodiva i possessi dei
mujahidīn, preparava il cibo e si prendeva cura dei feriti e dei malati.

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā partecipò alla battaglia di Uḥud. Lei e


Umm Salim raḍiya-Llāhu `anhā portavano l’acqua sulle loro schie-
ne e la fornivano alla gente.

Rabī’ bint Mas`ūd raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Tutte noi partecipa-


vamo alle battaglie. Fornivamo l’acqua, servivamo i mujahidīn e
portavamo i feriti e i morti direttamente a Madīnah.

Rāfiḍah raḍiya-Llāhu `anhā aveva piantato una tenda nel masjid


al-Nabawī. Lei tendeva a tutti i feriti che erano portati nella sua
tenda. Sa’d ibn Mu’āḏ raḍiya-Llāhu `anhu fu ferito nella battaglia
di Ḳandak. Fu curato in questa tenda.

Questi servigi delle Ṣaḥābiyāt erano molto apprezzati dai Ṣaḥābah


stessi. I Ḳulafa’ stessi l’apprezzavano. Una volta `Umar raḍiya-Llāhu
`anhu iniziò a distribuire panni presso e donne di Madīnah. Dopo
aver distribuito tutto, ne rimase uno costoso. Qualcuno gli disse

17
Una bevanda di orzo

67
di darlo a sua moglie, Umm Kulṯūm raḍiya-Llāhu `anhā. Egli rispo-
se: “Umm Salit è più indicata per questo, perché nella battaglia di
Uḥud lei ci portava l’acqua, la quale bevevamo”.

Prendersi cura delle moschee

Le Ṣaḥābiyāt prestavano grande cura nel mantenere le moschee po-


lite e ordinate. Una volta una persona sputò nel Masjid al-Nabawī.
Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam vide ciò, fu così ar-
rabbiato che il suo viso diventò rosso. Una Ṣaḥābiyah si alzò, pulì
e applicò una fragranza nel posto. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam fu davvero contento e la elogiò per ciò che aveva fatto.

C’era una Ṣaḥābiyah che puliva sempre il Masjid al-Nabawī. Questo


fu un tale nobile atto che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
apprezzava enormemente. Quando ella morì, i Ṣaḥābah la seppel-
lirono la notte stessa e non informarono il Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam della sua morte. Quando egli seppe della sua
morte, chiese a loro: “Perché non mi avete informato della sua
morte?” Loro risposero: “Rasūlullāh! Eri in riposo e non volevamo
disturbarti”.

Eliminazione delle innovazioni

Un’innovazione è come una nausea per il dīn. Molte prominenti


Ṣaḥābiyāt quindi presero particolari precauzioni nell’assicurare che
questa nausea non prendesse posto nell’Islām. Per esempio, come
risultato del rispetto che i Musulmani hanno per il rivestimento
della Ka`bah quando una nuova copertura è messa, fanno di tut-
to per ottenere la vecchia copertura dai servitori. Lo fanno consi-
derandolo un tipo di grande benedizione. Lo tengono nelle loro
case, lo distribuiscono fra gli amici, mettono in esso i Qur’ān, lo
appendono nelle moschee, e lo soffiano sul malato. Tuttavia, que-
ste situazioni non c’erano all’inizio dell’Islām. Il tutore della Ka`bah

68
seppelliva la vecchia copertura nella terra così che essa non fosse
utilizzata dalle mani impure dell’uomo [faceva questo per rispetto
e onore della copertura]. Ŝaybah ibn ‘Uṯmān, che fu il principa-
le tutore della Ka`bah, a quel tempo menzionò questa situazione
ad `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei immediatamente comprese che
quest’onore e rispetto per la copertura della Ka`bah non era in ac-
cordo con la Ŝari’āh e che Allāh e il Suo Rasūl ṣallallāhu `alayhi wa
sallam non avevano ordinato questo. Inoltre era possibile che ciò
avesse condotto alla corruzione della fede e innovazioni nel futu-
ro. Quindi disse a Ŝaybah: “Questo non è corretto. Una volta che
la copertura della Ka`bah è tolta e una persona la tocca con mani
impure, anche allora non c’è male in questo. Invece [di seppellirla],
dovreste vendere la vecchia copertura e i soldi che ne ricavate,
darli ai poveri e ai viaggiatori”.

Iḥtisāb

Ciò che conserva il dīn e l’etica su principi giusti e opere, è cono-


sciuta come iḥtisāb nella Ŝari’āh. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam impostò tre gradi per esso. Disse: “Chiunque fra di voi vede
un male essere perpetrato, provi a correggerlo con le sue mani. Se
non ne è capace, allora con la sua lingua. Se non ne è capace, allora
con il suo cuore. E questo è il grado più debole dell’īmān”.

Molte prominenti Ṣaḥābiyāt conseguirono questo servizio religio-


so attraverso i primi due metodi. Una volta `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā andò in una casa come ospite. La sua assistente aveva due
figlie che erano vicine all’età della maturità. Lei notò che stavano
compiendo la ṣalāh senza coprirsi con un tessuto. Enfaticamente
le informò che in futuro nessuna giovane avrebbe offerto la ṣalāh
senza coprire per bene se stessa poiché Rasūlullāh ṣallallāhu `alay-
hi wa sallam aveva ordinato ciò.

Una volta il fratello di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā, `Abdur-Raḥmān

69
ibn Abī Bakr raḍiya-Llāhu `anhu andò a casa sua. Compì il suo wuḍū
in gran fretta e iniziò ad andare. Vedendo questo, lei disse: “O Abdur-
Raḥmān! Devi sempre compiere il tuo wuḍū nel modo corretto per-
ché ho sentito Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam dire che l’arto
che non viene bagnato nel wuḍū’ sarà maledetto con l’inferno.”

Una volta lei vide una donna che stava indossando del vestiario
con delle croci su di esso. Immediatamente rimproverò la donna.
Le chiese di rimuoverlo e la informò che ogni volta che Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam vedeva tale vestiario, lo faceva a pezzi.

Una volta sua nipote, Ḥafṣah bin `Abdir-Raḥmān andò da lei in-
dossando un velo sulla testa estremamente frivolo. Al momento in
cui lo vide, lo strappò con rabbia. Poi disse: “Non conosci tutte le
regole che Allāh Ta`āla ha rivelato in Sūrah Nūr18?”. Poi comprò un
altro velo consistente e lo fece indossare a sua nipote.

Contributo morale

Proibire dai giochi di distrazione

Dopo la conquista di terre non arabe, dama, scacchi e il combat-


timento fra galli divennero in voga fra gli Arabi. Le Ṣaḥābiyāt am-
monirono contro ciò in modo molto tenace. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā aveva degli inquilini in casa sua. Sentì che giocavano a dama.
Divenne estremamente arrabbiata e gli inviò un messaggio infor-
mandoli che se non avessero gettato via le perline della dama da
casa sua lei li avrebbe cacciati.

18
Molte ingiunzioni riguardanti il purda e questioni relative sono menzionate
in questa sūrah. Le donne dovrebbero fare un punto di studio questa sūrah
in particolare.

70
Alcool

Dopo la conquista di terre non arabe, gli Arabi furono introdotti


a nuove forme e nuovi tipi di alcool. Uno di questi fu il vino. Poi-
ché gli Arabi si riferivano all’alcool come ḳamr e questo riferimento
era solo al ḳamr che era ricavato dall’uva, ebbero dubbi in riguardo
alla regola concernente questo vino. Tuttavia, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā non ebbe alcun dubbio in riguardo. Annunciò apertamente
che i tipi di vini non dovevano essere usati neanche per ammorbidi-
re datteri secchi. Poi si rivolse alle donne informandole che, anche
se qualche intossicante con acqua era contenuta nei loro recipienti,
essa sarà proibita. Questo perché Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam ci ha proibito di consumere qualsiasi intossicante.

La proibizione di usare capelli falsi (parrucche)

Fra i molti mali morali che erano diffusi tra le donne Ebrī, era quel-
lo che, quelle di loro che perdevano i propri capelli, si attaccavano
falsi capelli sulla testa. Ma, Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
aveva proibito alle donne di fare ciò. Quando le donne iniziaro-
no a usare questi falsi capelli, dopo la morte terrena di Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam, furono le Ṣaḥābiyāt a proibirono en-
faticamente di fare ciò. Una volta una donna disse a `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā: “Mia figlia è sul punto di essere sposata. A causa di
una malattia, i suoi capelli sono caduti. Posso attaccare finti capelli
sulla sua testa?” Lei rispose che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam aveva maledetto tali donne.

Contributo intellettuale

La scienza del Tafsīr

Il Qur’ān è un tale libro divino e sacro che anche se un singolo verset-

71
to riguardante una particolare persona è rivelato, esso è sufficiente
per l’onore di quella persona. In base a ciò, Zaynab raḍiya-Llāhu
`anhā era molto fiera del verso che fu rivelato sul suo matrimonio.

`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā perse una collana in uno dei suoi viag-
gi. Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam mandò alcuni Ṣaḥābah
a cercarla. Mentre la stavano cercando, si avvicinò il tempo della
ṣalāh. Offrirono la loro preghiera senza compiere il wuḍū’. Quan-
do ritornarono, riferirono ciò a Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam. Su questo, fu rivelato il verso concernente il tayammūm.
Usayd ibn Ḥuḍayr raḍiya-Llāhu `anhu considerò questo indicati-
vo del grande stato di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Egli si rivolse a
lei dicendo: “Allāh ti ricompensi. Ogni qual volta fai esperienza di
qualche problema, Allāh Ta`āla provvede a te con una soluzione e
dispone benedizioni19 in essa per i Musulmani”.

Il seguente verso fu rivelato in riferimento a Ḳawlah raḍiya-Llāhu


`anhu, che fu la moglie di ‘Ubadah ibn Samit raḍiya-Llāhu `anhu:

“Allāh ha udito il discorso di colei che discuteva con te


[Muḥammad]…” [Sūrah al-Mujādilah]

Questo verso elevò il suo stato a tal punto che una volta `Umar
raḍiya-Llāhu `anhu era di ritorno dal masjid quando la incontrò sul-
la via. Egli la salutò. Lei rispose: “O `Umar! Ricordo il tempo quando
la gente si rivolgeva a te semplicemente come `Umar al mercato di
‘Ukkaz. Ora sei conosciuto come Amīr al-Mu’minīn. Dovresti dun-
que temere Allāh quando si tratta dei tuoi affari. E avere la comple-
ta convinzione nel fatto che quando una persona teme la punizione
di Allāh, quelli che sono lontani da Lui, gli saranno vicini e la per-
sona che teme la morte, avrà sempre la paura di essere nell’erro-

19
La benedizione qui allusa, è in riferimento al tayammūm che è sicuramente
una benedizione e una grande fonte di facilità per i Musulmani.

72
re”. Una persona che era con lui disse: “O sorella, hai parlato così
duramente al Amīr al-Mu’minin.” `Umar raḍiya-Llāhu `anhu disse:
“Lasciala stare. Lei è Ḳawlah bint Ḥakim e la moglie di ‘Ubadah Ibn
Samit. Allāh ha udito il suo discorso dai sette cieli [riferendosi al
precedente citato verso]. Per `Umar è quindi doveroso ascoltarla”.

Un singolo verso del Qur’ān è sufficiente per l’onore e rispetto


dell’uomo. Tuttavia, un’intera sūrah fu rivelata a proposito delle
Ṣaḥābiyāt, ovvero Sūrah an-Nisā’. Questa sūrah tratta specifica-
mente delle ingiunzioni applicabili alle Ṣaḥābiyāt e la loro vita so-
ciale. Diversi versetti di Sūrah an-Nisā’ fanno specifico riferimento
a loro. Oltre a questo, sono stati rivelati molti altri versi concernen-
ti le Ṣaḥābiyāt.

Sebbene le condizioni della rivelazione (Sabāb al-nuzūl) e l’inter-


pretazione di queste sūwar e versetti erano note alla maggior par-
te delle Ṣaḥābiyāt, la comprensione del Tafsīr del Qur’ān in uno
specifico modo e l’essere chiamato mufassir era una prerogativa di
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Lei era alla pari dei Ṣaḥābah più anzia-
ni. Seguì l’interpretazione di versetti molti complessi. Le sue narra-
zioni che trattano del tafsīr del Qur’ān possono essere divise in due
categorie. Una è che una certa questione ha attraversato la sua
mente e lei ebbe un dubbio su di essa. Quindi chiedeva a Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam per una spiegazione; per esempio, una
volta Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam disse: “La persona che
ha un conto nel giorno del giudizio sarà punita”. Sentendo questo
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “O Rasūlullāh! Ma Allāh dice nel
Qur’ān: ‘Un conto facile sarà preso da lui’”. Egli rispose: “Questo
si riferisce all’udienza preliminare degli atti. Come per colui che ha
qualche mancanza nelle sue azioni, egli è certamente rovinato”.

In un’occasione lei disse: “O Rasūllullāh! Allāh dice: ‘Il giorno che


la terra sarà sostituita con un’altra terra, e i cieli [saranno anche
sostituiti] ed essi saranno difronte ad Allāh, l’Unico, l’Onnipoten-

73
te’”. È menzionato in un’altra narrazione che lei recitò il seguente
verso: “Quando tutta la terra sarà nella Sua mano nel Giorno del-
la Resurrezione, e i cieli saranno avvolti nella Sua mano destra”.
Dopo aver letto questo verso, lei gli chiese: “Quando non ci sarà
terra né cieli, dove sarà la gente?” Egli rispose che essi saranno
nel ṣirāt.

C’è un verso nel Qur’ān la cui traduzione è: “E quelli che danno


quello che danno con cuore timoroso, perché sanno che ritorne-
ranno al loro Signore”. [23:60]
`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā ebbe un dubbio riguardante questo
versetto per coloro che sono ladri, adulteri, alcolisti, ecc. ma te-
mono Allāh; sono anche loro inclusi in questo verso? Rasūlullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam rispose a ciò: “No. O `Ā’iŝah! Questo
si riferisce a coloro che sono costanti nella loro ṣalāh, coloro che
digiunano, pagano la loro zakah e temono Allāh”.

La seconda categoria sono i versi il cui significato non era chiaro


ad altri compagni. Loro chiedevano a `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā
a proposito di questi versetti e lei convincentemente rimuoveva i
loro dubbi e richieste. Esempi:

(1) Il correre fra Ṣafā e Marwah è uno dei riti del Ḥajj. Il versetto
Coranico riguardante questo rito è il seguente:

[int. sign.] “Certamente Ṣafā e Marwah sono fra i segni di Allāh.


così chiunque compie il Ḥajj della Casa di Allāh o compie la
`Umrah, non c’è peccato per lui che compie il ṭawāf fra i due.”
[Sūrah al-Baqarah, 2:158]

‘Urwah raḍiya-Llāhu `anhu le chiese: “Zia mia! Questo significa che


anche se qualcuno non va attorno a loro, non sarà danneggiato”.
Lei rispose: “O nipote mio! Non sei corretto. Se il versetto significa
quel che tu hai capito, allora Allāh avrebbe detto: non c’è peccato

74
nel non andare attorno a loro”. Questo verso fu originariamente ri-
velato in riguardo agli Anṣār. Precedentemente all’Islām, gli Aus e i
Ḳazraj [due tribù presso gli Anṣār] adoravano l’idolo Manat. Questo
idolo fu collocato su Muŝallal. Quindi, consideravano male andare
attorno a Ṣafā e Marwah. Quando accettarono l’Islām, andarono
da Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e si rivolsero a lui così:
“Noi usavamo fare ciò prima di accettare l’Islām. Qual è adesso la
regola?” E’ su questo che Allāh rivelò il verso che loro dovrebbero
andare attorno a Ṣafā e Mawrah e che non c’è male in ciò.

Abū Bakr ibn Abdur-Raḥmān fu un sapiente di Ḥadīṯ. Quando sep-


pe di questa spiegazione di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā, sottolineò:
“Questo è ciò che si dice conoscenza”.

(2) C’è un verso del Qur’ān che dichiara quanto segue:

[Int. sig.] “Fin quando i Messaggeri si scoraggiarono e sentiro-


no di essere stati smentiti, venne il Nostro aiuto”. [Sūrah Yūsuf,
12:110]

‘Urwah chiese: “Furono loro fatte false promesse (kuḏibū) o venne-


ro smentiti (kuḏḏibū)?” Rispose: “Vennero smentiti”. A ciò ‘Urwah
rispose: “Avevano piena convinzione di essere smentiti e che i loro
popoli rigettavano la loro dichiarazione di essere Profeti. Questo
non era un sentimento o un pensiero [ma una piena convinzione,
come menzionato nel Qur’ān], per cui kuḏibū (furono loro fatte
false promesse) è quella corretta”. Rispose lei: “Mi rifugio in Allāh!
I Profeti di Allāh non possono attribuire questi pensieri ad Allāh,
pensando che vennero loro fatte false promesse d’aiuto”. Chiese
‘Urwah: “Qual è quindi il significato di questa Āyah?” Lei rispose:
“Si riferisce ai seguaci dei Profeti. Quando credettero in loro e testi-
moniato la loro profezia, le loro genti iniziarono a opprimerli. Essi [i
seguaci] sentivano un ritardo nell’aiuto di Allāh tanto che i Profeti
divennero scoraggiati per quelli che avevano rigettato l’īmān. Per

75
questo si preoccuparono che anche coloro che avevano creduto
iniziassero a smentirli. L’aiuto di Allāh arrivò subito dopo”.

(3) Il verso in cui è garantito il permesso di sposare quattro donne:

[Int. sig.] “Se temi di non essere capace di agire giustamente con
gli orfani, allora sposate due, tre o quattro donne.” [Sūrah an-
Nisā’, 4:3]

Sembra non esserci connessione fra la prima parte e la seconda


del versetto. Quale relazione c’è fra l’agire correttamente con gli
orfani e il permesso di sposare quattro donne? In conformità a ciò,
una persona presentò tale questione a `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā.
Lei rispose dicendo che il motivo della rivelazione di questo verso
è che alcune persone usavano diventare guardiani legittimi (walī)
sugli orfani. Nel fare ciò, essi stabiliscono un rapporto di eredità
basato sulla forza della loro tutela, desideravano sposarli e con ciò
prendere possesso delle loro proprietà e di altri averi. Poiché que-
ste giovani orfane non avevano nessuno per parlare a loro nome,
queste persone usavano opprimerle come desideravano. Allāh si
rivolge a queste persone dicendo che se non si è capaci di agire
giustamente verso queste giovani orfane, allora si sposino donne
oltre a loro – due, tre o quattro. Ma non prenderle [giovani orfane]
sotto il vostro assoluto controllo sposandole.

(4) C’è un altro verso nella stessa sūrah:

[Int. sig.] “Essi cercano il tuo permesso nello sposare le donne.


Dì: “Allāh vi concede il permesso riguardo a loro e quel che vi è
recitato nel Qur’ān. Così l’ordine è concernete a quelle orfane
alle quali non date quello che è prescritto e quelle che desidera-
te sposare.” [Sūrah an-Nisā’, 4:127]

La stessa persona chiese riguardo al significato di questo verso. Lei

76
rispose dicendo che in questo verso si afferma che prima di que-
sto, qualsiasi cosa è stata menzionata nel Qur’ān riguardo a loro vi
è stato recitato. Tale riferimento è stato fatto al verso menzionato
prima. Questa regola è riguardo a quei tutori che non desiderano
sposare le loro giovani orfane poiché esse non sono belle, né vo-
gliono che sposino qualcun altro poiché temono che i loro beni
(quelli delle orfane) vengano sottratti a loro controllo (quello dei
tutori).

(5) La gente diverge sul significato del seguente verso:

[Int. sig.] “Chi è ricco se ne astenga, e chi è povero ne usi con


moderazione.”[4:6]

Questo verso fu rivelato in riferimento ai tutori degli orfani che, se


sono poveri è permesso a loro prendere dalla ricchezza degli orfa-
ni. Tuttavia, in accordo a Ibn `Abbās , questo verso è stato abrogato
dal seguente:

[Int. sig.] “Coloro che consumano la ricchezza degli orfani ingiu-


stamente, non fanno che alimentare il fuoco nel loro stomaco.”
[Sūrah an-Nisā’, 4:10]

La punizione menzionata in questo verso è applicabile a coloro che


consumano i beni degli orfani ingiustamente. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā affermò che il verso in cui la permissione è stata concessa è
in riferimento a coloro che custodiscono i beni degli orfani e pro-
pendono ai loro affari. Se il tutore è ricco, non deve prendere alcun
corrispettivo per questo suo servizio. Ma se è povero, è permesso
a lui prendere, a patto che sia fatto in modo equo e in accordo al
suo stato.

(6) Il verso che si riferisce a una donna avente una lamentela con-
tro suo marito è quello che segue:

77
[Int. sig.] “Se una donna teme l’avversione da suo marito e la sua
disaffezione, allora non c’è male se si riconciliano. E la riconcilia-
zione è la cosa migliore.” [Sūrah an-Nisā’, 4:128]

Effettivamente una riconciliazione al fine di rimuovere lo scontento


è un metodo comune. Quale fu il motivo per cui Allāh ha menzio-
nato questo in modo specifico? `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā affermò
che questo versetto si riferisce a quella donna il cui marito non gli
si accosta, o quella donna la quale è anziana è quindi incapace di
propendere al marito. Conseguire la normale relazione matrimo-
niale è un obbligo religioso imposto su entrambi, marito e moglie.
Tuttavia, in questa speciale situazione, se una donna non desidera
essere divorziata ed è disposta a rinunciare ai suoi diritti matri-
moniali, allora questo mutuo accordo non è considerato essere un
male. Infatti, è meglio della completa separazione.

Oltre i versetti menzionati sopra, l’interpretazione di altri versetti


da parte di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā, sono presenti nei libri di
Aḥadīṯ. Oltre al suo intuito, ciò che appare chiaramente da queste
sue interpretazioni è la sua padronanza e completa comprensione
di questi versetti che sono connessi alle questioni di matrimonio
e di divorzio delle donne, quanto bene li ha compresi e quanto
bene li ha ricordati. Con evidenza, se una donna vuole proteggere
i propri diritti, deve cercare con particolare attenzione di acquisire
conoscenza da Qur’ān e Aḥadīṯ.

La scienza dei misteri della religione (Asrar ad-Dīn)

La scienza del Asrar ad-Dīn si riferisce alla scienza nella quale la ragio-
ne e circostanze delle ingiunzioni della Ŝarī`ah sono spiegate e nella
quale i benefici della saggezza dietro ogni regola è spiegata. Questa
scienza è talmente intricata, che solo alcuni Ṣaḥābah che furono
competenti nella giurisprudenza islamica furono capaci di allestirne
i suoi principi base e i regolamenti. Questi pochi Ṣaḥābah furono:

78
`Umar, `Alī , Zayd, `Abdu-Llāh ibn `Abbās e alcuni altri raḍiya-Llāhu
`anhum. Quanto agli altri Ṣaḥābah, il loro sforzo in questa scienza è
limitato; come per le Ṣaḥābiyāt il cui contributo in questo riguardo
è molto ridotto. Tuttavia i misteri e i segreti che `A’ŝah raḍiya-Llāhu
`anhā ha svelato, compensano ampiamente questa mancanza. In-
fatti, il suo contributo sembra superare quello dei Ṣaḥābah. Il con-
tributo dei Ṣaḥābah in riguardo ai differenti aspetti di questa scien-
za è menzionato nei differenti libri di Aḥadīṯ. Tuttavia, il numero di
Masa’īl che `A’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā ha esposto, è maggiore del
loro. Lei ha superato i sopracitati Ṣaḥābah nello svelare misteri e
segreti della Ŝarī`ah e ha profusamente spiegato i motivi base delle
ragioni e circostanze dei differenti Masa’īl. Ad esempio, poiché il
rango morale delle donne al tempo di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam era sicuro, era loro permesso offrire la propria preghiera
in congregazione in moschea. Tuttavia, quando ci fu una degene-
razione morale presso loro verso l’ultima parte della sua vita (di
`A’iŝah), lei chiaramente dichiarò: “Se Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam avesse visto i cambiamenti che le donne hanno introdot-
to nelle loro vite, avrebbe proibito loro di andare alla moschea così
come fu proibito alle donne dei Banū Isrā’īl”.

Ci sono diverse differenze e peculiarità fra le Sūwar che furono ri-


velate a Makkah e quelle rivelate a Madīnah, per esempio il sog-
getto prevalentemente trattato nelle Sūwar rivelate a Makkah è il
credo e la vita futura, mentre quelle rivelate a Madīnah contengo-
no la graduale introduzione degli ordini e delle proibizioni. Poiché
l’Islām giunse a un popolo ignorante, furono informati del paradiso
e dell’infermo in modo ammonitorio. Una volta che il popolo di-
venne inciso e convinto su questo, furono rivelate le regole, nor-
me, ordini e proibizioni. Se l’astensione dall’adulterio, bere alcool
e altri vizzi fosse stata comandata dal primo momento, chi avreb-
be fatto attenzione a questo estraneo e sconosciuto comando?
`A’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā rivelò questa differenza proprio dall’i-
nizio. Il Ṣaḥīḥ Buḳari menziona la sua seguente narrazione: “La pri-

79
ma Sūrah rivelata fu Sūrah Mufaṣṣal, nella quale sono menzionati
il paradiso e l’inferno. Quando il popolo divenne propenso verso
l’Islām, fu rivelata la questione del Ḥalāl e del Ḥarām. Se la prima
cosa rivelata fosse stata che non si dovrebbe consumare alcool,
la gente avrebbe detto ‘Noi non lasceremo mai l’alcool’. Se fosse
stato rivelato del non commettere adulterio, avrebbero detto ‘Noi
non abbandoneremo mai l’adulterio’. Quando io ero ancora una
bambina che giocava per Makkah, il versetto “Il loro giorno pro-
messo è il giorno della resurrezione, e il giorno della resurrezione
è estremamente severo e molto duro” fu rivelato. Sūrah al-Baqa-
rah e Sūrah an-Nisā’ furono rivelate solo dopo che io ero con lui
[Rasūlullāh].”

Prima dell’avvento dell’Islām, le tribù di Madīnah erano impegnate


in un conflitto interno. Il risultato di questo fu che la maggior parte
dei loro capi, che di norma aveva posto ostacoli a ogni nuovo movi-
mento al fine di custodire e preservare il proprio comando, furono
uccisi. Gli Anṣār furono così feriti da queste guerre che quando ar-
rivò l’Islām, lo considerarono una misericordia. Da quando la mag-
gior parte dei loro capi fu uccisa, non vi furono ostacoli immediati
alla loro accettazione dell’Islām. In questo modo, Allāh aprì la stra-
da per la crescita dell’Islām a Madīnah, anche prima dell’emigra-
zione in tale città. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā ha rivelato a noi: “La
Battaglia di Bu’āṯ20 fu un episodio che Allāh ha creato fin dall’inizio
per il Suo Rasūl ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Quando egli arrivò a
Madīnah, l’unità degli Anṣār era già frantumata e i loro leader era-
no già stati uccisi. Affinché questi entrassero facilmente nell’Islām,
Allāh ha quindi preparato questi avvenimenti21 in anticipo.

20
Questa battaglia fu combattuta tra le tribù dei Aws e i Ḳazraj. Gli Anṣār di
Madīna appartenevano a queste due tribù. Questa battaglia fu combattuta tra
queste due tribù ininterrottamente per un perdo di 120 anni.
21
Riferito alla Battaglia di Bu’āṯ

80
Quando uno è in viaggio, le ṣalāwāt di quattro rak`āt sono ridotte a
due rak`āt. Esternamente potrebbe sembrare che due rak`āt siano
tralasciate al fine di semplificare le cose. Tuttavia, `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā fornì la ragione di questo: “A Makkah, erano obbliga-
torie due rak`āt di ṣalāh. Da quando Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam migrò a Madīnah, quattro rak`āt furono rese obbliga-
torie, mentre la ṣalāh durante il viaggio fu lasciata al suo numero
originale (due rak`āt).”

Allāh ha permesso la Sua adorazione tutto il tempo. Tuttavia è


narrato da `Umar raḍiya-Llāhu `anhu che non vi è ṣalāh dopo ‘aṣr
e fajr permessa in misura che anche le ṣalāh sunnah e nafl non
sono permesse. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā ha spiegato la ragione
di questo. Lei disse: “Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ha
proibito ciò affinché nessuno ritardi la sua ṣalāh fino al tempo del
tramonto o del sorgere del sole.” In altre parole, non imitando gli
adoratori del sole al momento di questa `ibādah.

È menzionato negli Aḥadīṯ che Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa


sallam usava compiere da seduto la ṣalāwāt nafl. In conformità a
ciò, gente che non ha alcuna scusa considera desiderabile offrire le
ṣalāwāt nafl da seduti. Una persona andò da `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā e chiese se Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam era so-
lito sedersi e offrire la sua ṣalāh. Lei spiegò che accadeva quando
divenne debole e anziano. Ci sono Aḥadīṯ simili in Abū Dāwud e
Muslīm. Dal quale è stato provato che egli usava fare ciò a causa
della debolezza e dell’età avanzata.

Quando le ṣalāh da due rak`āt furono aumentate a quattro rak`āt


dopo l’emigrazione a Madīnah, la ṣalāh del mağreb non fu resa
da quattro. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā diede la ragione di questo:
“Poiché esso è il wiṭr del giorno”. Pertanto, proprio come dopo la
ṣalāh della notte [‘iŝa’] vi sono tre rak`āt di wiṭr, la ṣalāh di mağreb
è il wiṭr del giorno.

81
Al tempo del fajr, ogni cosa è più tranquilla e pacifica del resto del-
la giornata. Quindi, in riguardo al numero di rak`āt per la ṣalāh del
fajr ci si può chiedere come mai non sia di più. Invece, è il minore
di tutte le altre ṣalāh. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā spiegò la ragione
di ciò: “Non è stata fatta aggiunzione al numero di rak`āt per la
ṣalāh fajr poiché la qirā’ah [la recitazione del Qur’ān] in queste due
rak`āt è più lunga. Pertanto, la riduzione nel numero di rak`āt è
stato compensato da una lunga qirā’ah.

La gente dei tempi preislamici usava digiunare nel giorno di


‘aŝura’23. Prima della promulgazione del digiuno [di Ramaḍān], di-
giunare in questo giorno era obbligatorio anche per i Musulmani.
Aḥadīṯ al riguardo sono riportati da `Abdu-Llāh ibn `Umar raḍiya-
Llāhu `anhu. Tuttavia, egli non fornisce la ragione per la quale que-
sto digiuno era obbligatorio sui Musulmani. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu
`anhā ci ha fornito la ragione. Lei disse: “Prima della promulga-
zione del digiuno, gli arabi usavano digiunare il giorno di ‘aŝura’
poiché fu in questo giorno che la Ka`bah veniva coperta.”

Alcuni dei riti del Ḥajj, come il ṭawāf, correre in specifici posti,
fermarsi in certi luoghi, il lancio delle pietre ecc. apparentemen-
te possono sembrare fini a sé. Tuttavia, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā
disse: “Compiere il ṭawāf della Ka`bah, correre fra Ṣafā e Marwah
e tirare le pietre sono stati prescritti per il ricordo di Allāh”.

Si può inoltre stimare da alcuni versi del Qur’ān che questi riti fu-
rono una forma di `ibādah nel tempo di Ibrāhīm `alayhi-ssalām.
In quanto al Ḥajj, esso è in commemorazione di Ibrāhīm `alayhi-
ssalām, le stesse forme di `ibādah sono prescritte.

C’è una valle vicino Makkah di nome Muḥassab. Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam si fermava in questo luogo durante i

23
Il 10 di Muḥarram

82
giorni del Ḥajj. Anche i Ḳalifā’ Ar-Raŝidūn usavano fermarsi in que-
sto posto. In conformità a ciò, `Abdu-Llāh ibn `Umar, considerò
ciò una sunnah del Ḥajj. Tuttavia, `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā non
lo considerò allo stesso modo. Spiegò la ragione del fermarsi: “Il
motivo per cui Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam si fermò in
questo posto, fu perché sarebbe stato una facilità per lui conti-
nuare il suo viaggio da qui [dopo essersi ben risposato]”. Anche
Ibn `Abbās raḍiya-Llāhu `anhu e Abū Rafī’ concordano con lei in
questo mas’alah.

Una volta Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam ordinò ai


Ṣaḥābah di non tenere la carne del qurbāni oltre tre giorni. Diversi
Ṣaḥābah considerano quest’ordine da applicare per sempre. Tut-
tavia diversi altri Ṣaḥābah lo considerarono da applicare solo per
quella volta. Anche `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā prese parte all’o-
pinione dell’ultimo gruppo. E spiegò la ragione di questo: “Non
significa che la carne del qurbāni diventa ḥarām dopo tre giorni. La
ragione di questo fu che, al tempo pochissime persone potevano
permettersi di compiere il qurbāni. Quindi Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam diede quest’ordine così che quelli che avevano
compiuto il qurbāni, dessero la carne a coloro che non avevano
potuto permetterselo”.

Questo Ḥadīṯ di `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā è contenuto nel Ṣaḥīḥ


Muslīm in forma di storia. I villaggi attorno a Madīnah furono colti
da siccità così Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam emise il so-
pracitato ordine. L’anno seguente quando non vi fu più siccità, egli
abrogò questo suo ordine. Anche Salamah ibn Akwā’ raḍiya-Llāhu
`anhu narrò un Ḥadīṯ simile.

Su un lato della Ka`bah c’è un basso muro a forma di semicer-


chio. Questo muro è chiamato hatim. Questo muro ricade entro
il ṭawāf (si gira attorno ad esso e non entro questo nel compiere
il ṭawāf). Può essere passato dalla mente di ogni persona perché

83
questo muro, che è fuori dalla Ka`bah, dovrebbe essere incluso nel
ṭawāf. Questa domanda attraversò la mente di `Ā’iŝah che chiese
al Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam: “O Rasūlullāh! Anche
questo piccolo muro è parte della Ka`bah?” Egli rispose: “Sì”. Lei gli
chiese: “Allora perché non fu incluso alla Ka`bah quando fu edifica-
to?” Egli rispose: “Non avevano risorse sufficienti; quindi lo fecero
più piccolo”. Allora lei chiese: “Perché la porta della Ka`bah è così
elevata?” Egli rispose: “Fecero così in modo che potevano permet-
tere o impedire a chiunque volevano, di entrare”.

Ibn `Umar raḍiya-Llāhu `anhu disse che se questa narrazione di


`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā è corretta, possiamo dedurre la ragione
per la quale Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam non baciò gli
angoli di questi due muri. Tuttavia, sorge la domanda che quan-
do Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam seppe che la Ka`bah
non era costruita sulle sue fondamenta originali, basato sul fatto
che era il rivivificatore della Ŝarī`ah di Ibrāhīm `alayhi-ssalām, era
suo dovere romperla e ricostruirla sulle sue fondamenta originali.
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam stesso da’ la ragione per
cui non lo fece: “O `Ā’iŝah, se la tua gente non fosse stata così vi-
cina all’era dell’ignoranza, avrei distrutto la Ka`bah e la avrei rico-
struita sulle fondamenta di Ibrāhīm”.

In questi giorni, Hijrah è considerata come lasciare la propria casa


e famiglia e stabilirsi a Madīnah, indipendentemente da quanto
salva fosse la propria abitazione originale. Tuttavia, `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā spiega la realtà della Hijrah dicendo: “Ora non c’è più
Hijrah, la Hijrah era applicabile per quel tempo in cui i Musulmani
doveva fuggire con la propria religione verso Allāh e il Suo Rasūl
ṣallallāhu `alayhi wa sallam per paura di essere perseguitati per
aver adottato una nuova religione. Ora Allāh ha dato forza all’Islām
e i Musulmani possono adorarlo ovunque vogliono. È ancora appli-
cabile la ricompensa per il Jihād e l’intenzione”.

84
Dopo Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam i Ṣaḥābah differiro-
no per quanto riguarda dove sarebbe dovuto essere sepolto. È ri-
portato in una narrazione che Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu disse
che un Profeta deve essere sepolto nel luogo della sua morte fisi-
ca. Tuttavia fu `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā a spiegare la ragione di
questo: Quando Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam fu nel suo
marad ul-maut, egli disse: “Possa Allāh inviare le Sue maledizioni
sui cristiani e sugli ebrei per aver trasformato le tombe dei loro
Profeti in luoghi di prosternazione”. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā dis-
se: “Se non fosse per la situazione, la sua tomba sarebbe stata in
un campo aperto. Tuttavia, poiché vi fu la paura che la sua tomba
fosse trasformata in un luogo di prosternazione, fu sepolto nella
sua camera da letto”.

La scienza degli Aḥadīṯ

In riguardo alla narrazione dei Aḥadīṯ, i Muhaddiṯūn hanno diviso


i Ṣaḥābah in cinque diversi gruppi. Le Ṣaḥābiyāt si trovano presso-
ché in tutti questi gruppi:

Primo grado: Quei Ṣaḥābah che narrarono mille o più Aḥadīṯ.


`Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā è inclusa in questa categoria.

Secondo grado: Quei Ṣaḥābah che narrarono cinquecento o più


Aḥadīṯ. Non ci sono Ṣaḥābiyāt in questa categoria.

Terzo grado: Quei Ṣaḥābah che narrarono fra cento e cinquecento


Aḥadīṯ. Umm Salamah raḍiya-Llāhu `anhā è inclusa in questa ca-
tegoria.

Quarto grado: Quei Ṣaḥābah che narrarono fra quaranta e cento


Aḥadīṯ. Ci sono molte Ṣaḥābiyāt che sono incluse in questa catego-
ria. Alcune di loro sono: Umm Habībah, Maymūnah, Umm ‘Atiyyah
Anṣārīyyah, Ḥafṣah, Asma’ bint Abī Bakr, Umm Hānī raḍiya-Llāhu

85
`anhunna.

Quinto grado: Quei Ṣaḥābah che narrarono quaranta o meno


Aḥadīṯ. Anche in questa categoria sono incluse molte Ṣaḥābiyāt.
Alcune di loro sono: Umm Qays, Faṭimah bint Qays, Rabī’ bint
Mas`ūd, Sabūrah bint Safwān, Kulṯūm bint Ḥusayn Ğifārī, Jadar
bint Waḥb raḍiya-Llāhu `anhunna.

La scienza del Dirāyah

A parte la narrazione dei Aḥadīṯ, la scienza della spiegazione


(dirāyah) degli Aḥadīṯ fu iniziata anche dalle Ṣaḥābiyāt. `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā fece una critica esaminazione di certi Aḥadīṯ e
con ciò impostò determinati principi per questa branca della cono-
scenza. Per esempio, quando qualcuno le riferì l’Ḥadīṯ dicendo che
il deceduto è punito nella tomba quando i famigliari piangono su di
lui, lei rifiutò di accettare tale Ḥadīṯ in base al dirāyah e riportava
il seguente versetto del Qur’ān: “Nessuno sarà caricato del peso
dei peccati di un altro”. In conformità a questo versetto, lei disse
che l’atto di piangere sul deceduto è quello dei famigliari; perché il
deceduto dovrebbe essere punito per questa loro azione? Da que-
sto fu stabilito un principio, che un Ḥadīṯ che è in contrasto con le
chiare ingiunzioni del Qur’ān non può essere accettato. Secondo a
questo principio, molti altri Aḥadīṯ andarono sotto minuzioso esa-
me. Ad esempio, durante l’era dei Ṣaḥābah era ampiamente cre-
duto che Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam avesse visto Allāh
Ta`āla durante la notte del Mi’rāj. Tuttavia, quando questo fu riferi-
to a `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhunna, ella dichiarò che la persona che
supporta tale credenza andrà all’inferno. Riportò il seguente verso
al fine di confermare il suo credo: “La vista non Lo comprende, ma
Egli vede ogni cosa. Egli è il Gentile, il Sapiente”. [Sūrah Al-An`ām,
6:103]

Quando le fu riferito dell’Ḥadīṯ secondo il quale vi è disgrazia in

86
una donna, un cavallo e una casa, lo rigettò e riportò il seguente
verso: “Qualsiasi difficoltà ti affligge sulla terra o in voi stessi, è
già stata scritta”. [Sūrah Al-Ḥadīd, 57:22]

Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam si fermò alla tomba dei


miscredenti che furono uccisi nella battaglia di Badr e si rivolse
a loro dicendo: “Avete trovato quel che il vostro Sostenitore vi ha
promesso?” È narrato in un Ḥadīṯ che `Umar raḍiya-Llāhu `anhu
chiese: “O Rasūlullāh! Parli al morto?” Egli rispose: “Non puoi
sentire più di quello che loro sentono, ma l’unica differenza è che
non possono rispondere”. Quando questo fu menzionato a `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā, rispose: “Egli [Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam] non ha detto questo. Quel che ha realmente detto: ‘Essi
[i miscredenti morti] ora sanno per certo che, di qualunque cosa
li avevo informati in tutto questo tempo, era la verità’”. Al fine di
confermare ciò, recitò il seguente verso del Qur’ān: “[O Profeta]
non puoi far sì che il morto senta le tue parole, né puoi farlo per
coloro che sono nelle loro tombe”. Il significato di questo è che i
miscredenti non possono sentire neanche il tuo discorso.

Generalmente, persone riportano certi Aḥadīṯ al fine di provare


che il Mut`ah è ḥarām. Tuttavia `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse
che, una delle sue studentesse le chiese del Ḥadīṯ che dimostra
che il Mut`ah è ḥarām. In risposta alla domanda della studentessa,
lei non riportò alcun Ḥadīṯ, invece disse: “Il Libro di Allāh è prima
di noi”. Quindi recitò il seguente versetto: “Coloro che salvaguar-
dano le loro parti private, eccetto con le loro mogli e schiave, per
questo non c’è colpa su di loro”. In conformità a questo versetto,
a parte queste due condizioni (mogli e schiave), non è permesso
altro metodo. [In quanto il Mut`ah non è incluso nei parametri di
questi due casi, è ḥarām.]

Abū Hurayrah raḍiya-Llāhu `anhu narrò un Ḥadīṯ riguardante un


figlio illegittimo nel quale è riportato che Rasūllullāh ṣallallāhu

87
`alayhi wa sallam disse che il figlio illegittimo è il peggiore dei tre
[il padre, la madre e il figlio illegittimo]. Quando `Ā’iŝah raḍiya-
Llāhu `anhā sentì ciò, disse che non è corretto. La vera situazione
fu che c’era un ipocrita che usava insultare e deridere Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam. La gente lo informò che oltre ad es-
sere un ipocrita, era anche un figlio illegittimo. Sentendo questo
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam disse: “Egli è il peggiore dei
tre”. Così è, egli è peggiore di suo padre e sua madre [che compiro-
no l’atto proibito dell’adulterio]. Questo fu uno specifico episodio
che non si applica a tutti, poiché Allāh ha detto: “Nessuno sarà ca-
ricato del peso dei peccati di un altro”. Pertanto, se la colpa risiede
nella madre, quale peccato ha commesso il bambino perché lui sia
etichettato come una cattiva persona?

La scienza della giurisprudenza

Al tempo di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, la giurispru-


denza islamica (fiqh) non era una branca della conoscenza codi-
ficata e sistemata con cui i Ṣaḥābah avrebbero potuto imparare
in modo sistematico. Senza dubbio, essi fecero molte domande a
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam e ne estrassero le regole
per varie situazioni. Tuttavia, dovuto all’estremo rispetto per lui e
poiché il Qur’ān ha proibito domandare eccessivamente, i Ṣaḥābah
raramente chiedevano a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Il
Musnād Dārmī narra da `Abdu-Llāh ibn `Abbās raḍiya-Llāhu `anhu
che i Ṣaḥābah chiesero solo tredici masa’il a Rasūllullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam e che tutti e tredici sono menzionati nel Qur’ān.
In base a ciò, il metodo di imparare il fiqh da lui, fu che i Ṣaḥābah
usavano osservarlo attentamente quando eseguiva le sue azioni
come per il wuḍū’, la ṣalāh, il digiuno, il Ḥajj, zakah, ecc. giudican-
do certe situazione e circostanze, dedussero i prerequisiti e fonda-
menti di queste azioni e inoltre stabilirono il permesso, l’obbliga-
torio, l’abrogato ecc.. Tuttavia, le Ṣaḥābiyāt raramente trovarono
occasione di beneficiare da questo metodo. Per di più, i masa’il

88
specifici per le donne non erano discussi in presenza di tutti. È per
questa ragione che le Ṣaḥābiyāt ebbero la più grande ragione di
chiedere e domandare a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.
`A’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā disse: “Quanto bene fu nelle donne de-
gli Anṣār! Modestia e pudore non le ostacolò dall’acquisire la com-
prensione della religione”.

I Ṣaḥābah e le Ṣaḥābiyāt beneficiarono in vari modi da questi me-


todi d’insegnamento. In conformità a ciò, sono stati divisi in tre
categorie:

1. Quelli da cui furono narrati molti masa’il.


2. Quelli da cui furono narrati veramente pochi masa’il.
3. Quelli che si trovano fra queste due categorie.

Le Ṣaḥābiyāt che sono menzionate in queste tre categorie, insieme


ai Ṣaḥābah sono:

1. Dal primo gruppo riguardo a colui che, ‘Allamah Ibn


Hazm raḍiya-Llāhu `anhu dice che: se si dovessero raccogliere tut-
te le loro fatāwā (verdetti legali), le fatāwā di ognuno di questi ri-
empirebbero voluminosi libri. `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā è inclusa
in questo gruppo.
2. Dal secondo gruppo le cui fatāwā sono molto poche;
ci sono molte Ṣaḥābiyāt. Alcune di loro sono: Umm ‘Atiyyah, Sa-
fiyyah, Ḥafṣah, Umm Ḥabībah, Ya’la bint Qalif, Asmā’, Umm Ŝarik,
Ḳawla’, ‘Atikah bint Zayd, Sahlah, Juwayriyah, Maymūnah, Faṭimah,
Faṭimah bint Qays, e altre raḍiya-Llāhu `anhunna.
3. Dal terzo gruppo le cui fatāwā riempiono piccoli libri;
Umm Salamah raḍiya-Llāhu `anhā è inclusa in questo gruppo.

89
CONCLUSIONE
LO STATO DELLE ṢAḤĀBIYĀT

C’è differenza di opinione riguardo chi fu il più grande Ṣaḥābi. È


credo della maggioranza degli Ahlūl Sunnah wal Jama`ah che
i al-Ḳulafā’ ar-Raŝidūn sono i più grandi fra i Ṣaḥābah. Inoltre, il
più grande fra di loro è in accordo all’ordine in cui si succedette-
ro come califfi. Tuttavia, ‘Allamah Ibn Hazm Zahiri è dell’opinione
che le mogli di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam sono le più
grandi. Egli ha approfondito in gran dettaglio la materia nel suo
libro al-Milal wa an-Niḥal. Ma noi non dobbiamo scavare in que-
ste questioni. Invece, le virtù delle Ṣaḥābiyāt che possono essere
dimostrate da un punto di vista religioso e morale sono riportate
negli Aḥadīṯ. In questo modo saremo in grado di dimostrare che le
stesse ragioni per le quali le virtù dei Ṣaḥābah sono stabilite posso-
no essere applicate per stabilire le virtù e lo stato delle Ṣaḥābiyāt.

Nell’Islām, la più grande virtù è considerata essere il primeggiare


nell’accettare l’Islām. Questa virtù è una delle più importanti di Abū
Bakr. Tuttavia, anche due donne condividono questa virtù con lui, e
sono: Ḳadījah raḍiya-Llāhu `anhā e Sumayah raḍiya-Llāhu `anhā o
Umm Ayman raḍiya-Llāhu `anhā. Nel Ṣaḥīḥ Buḳari, sotto le virtù di
Abū Bakr raḍiya-Llāhu `anhu, è riportata a seguente narrazione di
‘Ammar raḍiya-Llāhu `anhu: “Ho visto Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam quando non c’era nessuno con lui, eccetto cinque schia-
vi, due donne, e Abū Bakr”.

Dopo la virtù di essere “il primo nell’accettare l’Islām”, la virtù


dell’essere “il primo a intraprendere l’Hijrah” è considerata la più
grande. Tutte le muhajirāt23 dividono questa virtù con i Ṣaḥābah
che emigrarono. ‘Allamah Ibn Hazm Zahiri scrive in al-Milal wa an-

23
Ṣaḥābiyāt che emigrarono da Makkah a Madīnah

90
Niḥal:

<<Non abbiamo alcun dubbio che le mogli dei Ṣaḥābah condivi-


dono con loro la virtù dell’essere fra loro le prime donne ad aver
emigrato. [In riguardo all’emigrazione] alcune donne superarono
altre donne, mentre uomini superarono altri uomini. Alcune donne
superarono molti uomini e allo stesso tempo, alcuni uomini supe-
rarono molte donne. Allāh non ha menzionato alcuna virtù degli
uomini senza anche menzionare le donne, esempio: Egli dice, “I
Musulmani e le Musulmane…”.

La prima emigrazione fu in Abissinia. In questa emigrazione, una


delle Ṣaḥābiyāt ottenne l’onore che non ottenne nessuno tra quelli
che emigrarono in Abissinia. Abū Mūsā Ash’arī raḍiya-Llāhu `anhu
narrò: “Quando udimmo dell’emigrazione di Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam verso Madīnah, anche noi decidemmo di emigra-
re insieme con 52 o 53 persone della nostra gente. In adempimen-
to a questo scopo, ci imbarcammo su una nave e salpammo per
Madīnah. Per coincidenza, approdammo in Abissinia e incontram-
mo Ja’far ibn Abī Ṭālib raḍiya-Llāhu `anhu e i suoi compagni. Ja`far
raḍiya-Llāhu `anhu ci informò che Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam aveva inviato a loro [in Abissinia] un ordine di rimanere là.
Pertanto voi dovrete stare con noi. Noi scegliemmo per rimanere
dietro con loro, fino a che Ḳaybar fu conquistata. Salpammo tutti
insieme e incontrammo Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam a
Ḳaybar. Tutti questi Ṣaḥābah che vennero dall’Abissinia furono be-
nedetti con l’onore che, tutti coloro che non avevano partecipato
alla conquista di Ḳaybar, non ricevettero alcun bottino di guerra,
con l’eccezione di queste persone. Alcune degli altri Ṣaḥābah com-
mentarono a proposito di questo dicendo che, nonostante loro pri-
ma emigrazione [a Madīnah], queste persone che erano venute più
tardi [riferendosi a quelli che vennero dall’Abissinia] avevano rice-
vuto una parte del loro bottino [mentre noi eravamo stati lasciati
fuori]. Anche Asmā’ bint ‘Umays raḍiya-Llāhu `anhā fu tra quelli

91
che vennero dall’Abissinia. Quindi fece visita a Ḥafṣah raḍiya-Llāhu
`anhā. Per coincidenza, anche arrivò anche `Umar raḍiya-Llāhu
`anhu. Nel vederla, egli chiese a sua figlia chi fosse quella donna.
Ḥafṣah raḍiya-Llāhu `anhā rispose che era Asmā’ bin ‘Umays. Sen-
tendo io suo nome, disse: “Lei è un’Abissina, è di quelli che vivo-
no sulla costa.” Asmā’ bin ‘Umays rispose: “Sì, sono io, una.” A ciò
`Umar disse: “Noi emigrammo prima di voi, abbiamo più diritto
di voi su Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam.” Udendo questo,
Asmā’ divenne annoiata e disse: “O `Umar! Ti sbagli. Giuro per
Allāh che eri nella compagnia di Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa
sallam, egli nutriva i poveri tra voi, e insegnava all’ignorante tra voi.
Nel frattempo, noi eravamo in un posto di miseria in Abissinia, dove
eravamo in tumulto e paura. Tutto questo semplicemente per Allāh
e il Suo Messaggero ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Giuro per Allāh
che fino a quando non menziono tutto ciò a Rasūlullāh ṣallallāhu
`alayhi wa sallam, non mangerò e non berrò. Giuro per Allāh che
non mento, non inganno e non aggiungo nulla a quello che ho det-
to.” Quando Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam arrivò, lei lo
informò di ciò. Dopo aver ascoltato ogni cosa che aveva da dire, lui
rispose: “I suoi diritti su di me non sono più dei diritti che voi avete
su di me. `Umar e i suoi compagni sono solamente emigrati una
volta, mentre la tua gente che viaggia per nave, emigrò due vol-
te.” Asmā’ dichiarò che Abū Mūsā e gli altri che vennero per nave,
vennero una volta e ancora da lei a chiederle di questo Ḥadīṯ. Non
considerano più che gioioso ed eccellente che questo. Lei diceva:
“Abū Mūsā mi chiedeva riguardo a questo Ḥadīṯ di volta in volta.”

Un maggior fattore di grado e virtù è l’amore per il Messaggero. Fu


per quest’amore che delle Ṣaḥābiyāt raggiunsero un livello di vici-
nanza a Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam che era riservato
solo a un numero ristretto di Ṣaḥābah. È riportato nel Ṣaḥīḥ Muslīm
che, a parte le sue mogli, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam
evitava tutte le altre donne con eccezione di Umm Sulaym raḍiya-
Llāhu `anhā [la madre di ‘Anas raḍiya-Llāhu `anhu]. Una volta gli fu

92
chiesto la ragione di ciò. Egli rispose: “Mi dispiace per lei per via di
suo fratello che fu martirizzato mentre era in battaglia con me”. La
dolcezza e l’amore che egli mostrò nel visitarla, fu anche espresso
da lui nell’indirizzarle disponibilità per qualsiasi cosa. È riportato in
Buḳari, Kitāb al-Isti’ḏān, che quando egli le faceva visita, lei stende-
va per lui una stuoia quando era il momento di rilassarsi. Quando
si alzava per andare, lei raccoglieva tutto il suo sudore in una bot-
tiglia. Al tempo della sua morte, ella fece richiesta che quel sudore
benedetto fosse sepolto con lei. Umm Ḥarām raḍiya-Llāhu `anhā,
la zia di ‘Anas raḍiya-Llāhu `anhu, fu anche benedetta con l’onore
di essere visitata da Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Era
noto che ogni volta che aveva l’occasione di andare a Qubā’, egli
andava senza dubbio a visitarla. Lei era solita offrirgli cibo. Quando
lui si addormentava, lei gli rimuoveva i pidocchi dai capelli.24

A parte specifiche Ṣaḥābiyāt, alcune di loro godevano di uno status


sociale nell’essere parte di una particolare tribù o famiglia (lo sta-
tus di cui godevano includevano tutti coloro che erano parte della
tribù). Una volta Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam espres-
se la sua volontà di sposare Umm Hānī raḍiya-Llāhu `anhā. Lei si
scusò dicendo che era troppo vecchia e aveva bambini [il cui alle-
vamento era necessario]. Da questo, egli menzionò le virtù delle
donne Qurayŝ dicendo: “Fra le donne che cavalcano cammelli, le
donne Qurayŝ sono le migliori. Amano i loro infanti e si preoccupa-
no di salvaguardare i beni dei loro mariti”.

Gli Anṣār godevano di uno stato speciale nell’Islām. Rasūllullāh


ṣallallāhu `alayhi wa sallam aveva grande amore verso i loro uo-

24
Umm Sulaym (Menzionata Precedentemente) E Umm Ḥarām raḍiya-Llāhu
`anhumā erano sorelle. I sapienti sono unanimi che loro erano maḥram di
Rasūlullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam. Non c’è, dunque, nessuna questione sul
purdah con loro. [Riferito da at-Ta’leeq as-Sabeeh, vol. 7, p. 128 per ulteriori
dettagli]

93
mini e le loro donne. ‘Anas raḍiya-Llāhu `anhu disse: “Una volta,
donne e bambini Anṣār erano di ritorno da un matrimonio. Veden-
doli, Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam si alzò in piedi e disse
per tre volte le seguenti parole: ‘Siete i più amati alla mia vista’”.
In un’altra narrazione è riportato che una donna Anṣār andò da
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam con un suo bambino e co-
minciò a conversare con lui. Fu in quel momento che affermò due
volte quanto segue: “Giuro per Colui nelle cui mani è la mia vita,
voi siete i miei più amati”.

Secondo queste virtù, anche i Ḳulafā’ ar-Raŝidūn hanno affermato


quest’onore e stato delle Ṣaḥābiyāt. È riportato in Ṣaḥīḥ Muslīm
che Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam visitava Umm Aymān
raḍiya-Llāhu `anhā. Dopo la sua morte fisica, Abū Bakr raḍiya-Llāhu
`anhu disse a `Umar raḍiya-Llāhu `anhu: “Vieni, andiamo a visitar-
la così come Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam usava visitar-
la”. Quando andarono da lei, lei iniziò a piangere. Loro le chiesero:
“Perché stai piangendo. Lo stato che Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi
wa sallam ha ricevuto da Allāh, è molto meglio per lui [di quello in
mezzo a noi]”. Lei rispose: “Non piango perché non lo sappia, ma
perché la catena di rivelazione dai cieli è stata tagliata”. Sentendo
ciò, entrambi loro iniziarono a piangere.

A parte le Ṣaḥābiyāt in generale, lo status che è stato concesso alle


mogli di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam è imparagonabi-
le nella storia delle donne. Quando una delle mogli di Rasūllullāh
ṣallallāhu `alayhi wa sallam morì, `Abdu-Llāh ibn `Abbās raḍiya-
Llāhu `anhu cadde in prostrazione. La gente gli chiese il motivo
per il quale cadde in prostrazione. Egli rispose: “Quando vedete
qualcuno dei segni del Qiyāmah, dovreste prosternarvi. Quali dei
segni del Qiyāmah può essere più grande della morte di una delle
sue pure mogli?”. Quando Maymūnah raḍiya-Llāhu `anhā morì nel
luogo chiamato Ṣarif, era presente anche `Abdu-Llah ibn `Abbās.
Egli disse: “Questa è Maymūnah! Quando compite il suo janāzah

94
non osate muoverlo attorno o trascinarlo”.

Alcuni Ṣaḥābah lasciarono le proprie proprietà in favore delle mo-


gli di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam per l’amore per loro
e l’alta considerazione che essi avevano. Abdur-Raḥmān ibn ‘Awf
raḍiya-Llāhu `anhu lasciò un frutteto in favore delle pure mogli di
Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, che fu più tardi venduto al
prezzo di quattromila dirham.

Anche i Ḳulafā’ solevano trattarle con grande rispetto e onore,


nel corso del suo Ḳilafāt, `Umar raḍiya-Llāhu `anhu preparò nove
utensili per ciascuna delle mogli. Quando arrivava qualsiasi grano
di alta qualità, lo distribuiva tra loro in questi utensili.

Quando `Umar raḍiya-Llāhu `anhu si preparò per partire [da


Makkah], come capo di quelli che andavano per il Ḥajj, prese con
sé le mogli di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam con grande
onore. Uṯmān e Abdur-Raḥmān ibn ‘Awf raḍiya-Llāhu `anhum fu-
rono incaricati di guidare i cavalli. Loro si misero davanti e dietro e
non permisero a nessun altro cavalcatore di avvicinarsi. Quando le
mogli scesero in ogni sosta, i due Ṣaḥābah impedirono a chiunque
di avvicinarsi a loro.

L’alto livello di rispetto e fiducia che i Musulmani avevano delle mo-


gli di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam, poteva essere valuta-
to dal fatto che la gente soleva portare i propri bambini da `Ā’iŝah
raḍiya-Llāhu `anhā e le chiedevano di fare du`ā’ per loro. `Ā’iŝah
bin Ṭalḥah raḍiya-Llāhu `anhā fu educata sotto la tutela di `Ā’iŝah.
Lei disse: “La gente veniva da me da luoghi lontani per lo stretto
contatto che ebbi con `Ā’iŝah raḍiya-Llāhu `anhā. Anziani e giovani
venivano da me, portandomi doni e mandando lettere da ovunque”.

Tutti questi episodi stabiliscono il fatto che l’Islām ha innalza-


to lo status di entrambi, uomini e donne. I Ḳalafā’ ar-Raŝidūn e i

95
Musulmani in generale hanno affermato il loro stato. Tuttavia, le
Ṣaḥābiyāt raggiunsero questo status soltanto per conto della pro-
pria religiosità, carattere e perfetto modo di vita. Anche oggi, le
donne possono seguire questo alto satus con queste stesse qua-
lità.

96
GLOSSARIO
(Spiegazione dei termini Islamici)

Ahl uṣ-ṣuffah: Un gruppo di Ṣaḥābah poveri che vivevano in una


piattaforma sollevata del Masjid al-Nabawī a Madīnah.

Du`ā’: supplica.
Duff: un tipo di tamburo.

Ğayr maḥram: una persona con la quale il matrimonio è permes-


so. Questo include una i cugini di una persona. Rigoroso purdah
deve essere osservato con tali persone.

Ḥadīṯ: le azioni e i detti di Rasūllullāh ṣallallāhu `alayhi wa sallam


narrati dai Ṣaḥābah.
Ḥajj: Il pellegrinaggio a Makkah. È obbligatorio solamente per quei
Musulmani che hanno i mezzi per adempiervi ed è uno dei cinque
pilastri dell’Islām.

`Ibādah (plur. - `ibādāt): l’atto di adorare Allāh. Questo è anche


riferito a differenti azioni di culto.
`Īd ḳuṭbah: il sermone che è fatto nel giorno di `īd.
`Īd ğā: il luogo dove la ṣalāh di `īd e la ḳuṭbah sono compiute.
`idda: Normalmente tradotto come “periodo d’attesa”. È riferito al
periodo durante il quale una donna non può risposarsi dopo che
lei è divenuta vedova o e stata divorziata.
Iḥrām: due pezzi di stoffa non cuciti di colore bianchi per l’uomo
che compie il ḥajj o `Umrah. Questo è anche riferito allo stato nel
quale una persona è quando adempie a ḥajj o `Umrah.
Īmān: fede.
I`tikāf: l’atto di ritirarsi nel masjid e occupare se stessi nell’adora-
zione di Allāh. Questo atto è normalmente compiuto durante le
ultime dieci notti del mese di Ramaḍān.

97
Jāhilīyyah: Generalmente riferito all’era prima dell’avvento
dell’Islām.
Jubbah: un tipo di mantello o toga.
Kalimah

Maraḍ al-mawt: il malore di una persona in seguito alla quale ella


trapassa.
Mas’alah (plur. - Masā’il): una questione, un problema, un’argo-
mentazione o una regola.
Mut`ah: un matrimonio contratto per un tempo specifico o una
data. Tale matrimonio è soprattutto contratto per il godimento
sessuale. Questo è assolutamente ḥarām nell’Islām.

Niqāb: un pesso di stoffa usato dalle donne per coprire i loro volti.

Purdah: si riferisce alla ritiro delle donne dagli estranei. Ci sono dif-
ferenti stadi di purdah, il più alto dei quali è quello in cui la donna
dovrebbe uscire dalla sua casa, eccetto che per una ragione Isla-
micamente valida. Purdah è l’equivalente del termine arabo Ḥijāb.

qurbāni: è il sacrificio dei un offerta (corrispondente a un animale)


che si avanza durante il giorno della festa del sacrificio.

Sadaqah: carità. Questa dovrebbe riferirsi alla carità obbligatoria


o facoltativa.
Ṣalāh (plur. - Ṣalawāt): preghiera rituale obbligatoria. Essa viene
compiuta 5 volte al giorno ed è uno dei cinque pilastri dell’Islām.
Le cinque preghiere prendono il nome del tempo in cui vengono
compiute: Ṣalātul fajr, Ṣalātul Ẓuhr, Ṣalātul Aṣr, Ṣalātul Mağrīb,
Ṣalātul `Iŝa’.
Ŝurūq: una ṣalāh facoltativa offerta circa un quarto d’ora dopo il
levare del sole. C’è grande virtù nell’offrire questa ṣalāh.

Tahajjud: una ṣalāh facoltativa offerta nell’ultima parte della notte.

98
Ci sono enormi virtù nell’offrire questa ṣalāh.
Ṭawāf: l’atto di girare attorno alla Ka`bah sette volte.
Tawḥīd: è il fondamento base su cui si fonda l’Islām, che impica in
sé il concetto del Monoteismo, cioè l’adorazione di nessuno essere
eccetto Allāh.
Tayammum: l’atto di usare terreno puro in modo da purificarsi in
assenza di acqua o altre valide ragioni.

`Umrah: pellegrinaggio minore. È simile al ḥajj con l’eccezione che


molti dei riti del ḥajj non sono inclusi e che è possibile compierla in
qualsiasi mese dell’anno.

99