Sei sulla pagina 1di 12

RESISTENZA

Pag. 1 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

Organo del Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza - per il Comunismo (CARC) - Anno 26 - www.carc.it / carc@riseup.net

n.4/2020 Versione ridotta. Il numero completo è pubblicato e scaricabile su www.carc.it 1,5 euro
Resistenza - Anno 26 - dir. resp. G. Maj - Redazione c/o Centro Nazionale del P.CARC: via Tanaro 7 - 20128 Milano; tel./fax 02.26.30.64.54. Reg. Trib.MI
n. 484/19.9.94 - sip il 25/03/2020. Per abbonamenti e sottoscrizioni: CCB Intestato a Gemmi Renzo – IBAN: IT79 M030 6909 5511 0000 0003 018

EDITORIALE NIENTE DI BUONO VERRÀ DA CHI CI HA PORTATO A QUESTO PUNTO


FARE FRONTE ALL’EMERGENZA SANITARIA E GUARDARE AVANTI

7 TESI TUTTO IL POTERE


SULL’EMERGENZA ALLE ORGANIZZAZIONI
COVID-19 E SU
COME SE NE ESCE OPERAIE E POPOLARI
1
Indipendentemente dalle cause parti-
colari che l’hanno scatenata, la pan-
demia da Covid-19 è la conseguen-
za in campo sanitario della seconda crisi
generale per sovrapproduzione assoluta
di capitale che opprime il mondo con mil-
le effetti devastanti (economici, politici,
ambientali) man mano che avanza. Essa
si inserisce in un contesto di problemi e
contraddizioni già esistenti aggravandoli
ulteriormente: ha solo scoperchiato con-
temporaneamente e a livello mondiale le
storture, le falle, i cortocircuiti della società Il 31 gennaio 2020, il Consiglio dei no) e scaricato progressivamente la
capitalista. Ministri ha deliberato lo stato di emer- responsabilità della situazione sui sin-
genza sanitaria per la durata di 6 mesi goli cittadini, complice una criminale

2
L’emergenza sanitaria è esplosa in per “mettere in atto tutte le iniziative e martellante propaganda di regime.
modo dirompente in un contesto in cui di carattere straordinario” necessarie Le uniche misure davvero efficaci per
convivevano altre emergenze, ognu-
a fronteggiare l’emergenza Covid-19 contenere il contagio, prima fra tutte la
na delle quali non aveva e non ha solu-
(Gazzetta Ufficiale dell’1 febbraio chiusura delle aziende la cui produzio-
zione nell’ambito della società capitalista.
Nel capitalismo non può essere affrontata 2020). ne non è strettamente necessaria a fare
in modo efficace l’emergenza ambientale, Oggi, 23 marzo, sappiamo che quella de- fronte all’emergenza sanitaria e socia-
né quella economica. Per quanto riguarda libera è rimasta carta straccia, benché il le, al contrario non sono state imposte
la crisi politica, in ogni paese imperialista è pericolo fosse conosciuto. E’ emerso in se non, parzialmente, dal 22 marzo.
da tempo in atto la tendenza all’eliminazio- tutta la sua evidenza lo sfacelo in cui da Il Covid-19 ha potuto circolare libe-
ne dei diritti democratici, che le masse po- decenni versa il Sistema Sanitario Nazio- ramente perché, irresponsabilmente e
polari avevano conquistato quando il mo- nale e gli ospedali sono diventati veicolo con piena consapevolezza del rischio,
vimento comunista era forte nel mondo. La di contagio anziché argine al virus: è suc- il governo ha evitato di sospendere la
classe dominante non riusciva più a gover- cesso a Codogno e Lodi, è successo ad produzione capitalista delle merci per
nare con i modi e gli strumenti con cui ave- Alzano Lombardo (BG) ed è successo a cercare di garantire a qualunque costo
va governato prima dell’inizio della fase Brescia. Gli ospedali sono diventati foco- la produttività e i profitti per i padroni.
acuta della crisi generale (2008/2009). lai dell’infezione che ha colpito anzitutto
Probabilmente l’emergenza sanitaria pas- medici, infermieri e soccorritori per pro- Gli ospedali sono trincee, le fabbriche e
serà nel giro di qualche mese, lasciando pagarsi poi fra i pazienti, dal momento gli uffici sono luoghi di contaminazione
comunque conseguenze profonde e inde-
che nessuna misura realmente efficace di di massa, le case sono diventate prigio-
lebili (numero di morti, impatto sullo stile di
prevenzione e contenimento è stata pre- ni per i cittadini e le carceri mattatoi per
vita, ecc.), ma nulla sarà più come prima
disposta e attuata. i detenuti. Le strade sono pattugliate da
perché la crisi economica e quella politica
si aggraveranno ulteriormente e determi- Non solo. Dal 23 febbraio si sono sus- polizia ed esercito e agli anziani, a quei
neranno le condizioni della lotta che deci- seguiti decreti ministeriali che hanno pensionati che con il lavoro di una vita
de il futuro dell’umanità. alimentato confusione, paura, com- hanno contribuito a costruire quello che
portamenti impulsivi da parte della c’è di positivo in questo paese, è riservata
popolazione (i “treni per il sud” tanto
SEGUE A PAG. 2 criticati sono responsabilità del gover- SEGUE A PAG. 3
Pag. 2 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta
siccia intossicazione dell’opinione dal movimento anarchico dell’economica
EDITORIALE pubblica attraverso la propaganda di
regime, mentre le loro istituzioni sono
capitalista. La fase terminale della crisi che
si è aperta nel 2008 ha fatto un ulteriore
7 TESI impegnate a favorire e accrescere ol-
tre misura la speculazione sull’emer-
salto. E’ impossibile garantire la salute
pubblica senza riorganizzare la produzione
SULL’EMERGENZA genza (vedi le “convenzioni” con la
sanità privata, le speculazioni in bor-
di beni e servizi che servono, è impossibile
riorganizzare la produzione in modo
E SU COME... sa, la tutela degli interessi materiali e
immateriali dei grandi gruppi econo-
conforme alle necessità dell’emergenza
senza sconvolgere l’assetto economico,
CONTINUA DA PAG. 1 mici, finanziari e immobiliari come il gli interessi individuali o di piccoli gruppi

3
Vaticano, la speculazione sui beni e i ai fini dell’interesse della popolazione.
“Andrà tutto bene” è solo uno
servizi anche essenziali resa possibi- E’ impossibile garantire le cure mediche
slogan della propaganda di guer-
le dal libero mercato). necessarie a un alto numero di persone
ra attraverso cui la classe domi-
Tuttavia, i tentativi di mobilitazione re- senza riorganizzare il sistema sanitario
nante cerca di mantenere il controllo
azionaria delle masse popolari incon- pubblico (dispiegamento di medici e
sulle masse popolari. Neppure prima
trano mille difficoltà: la classe domi- infermieri, personale tecnico, la produzione
dell’epidemia andava tutto bene e anzi
nante sta dimostrando di operare per e la distribuzione di macchinari, dispositivi,
è proprio per come andavano le cose
i propri interessi e di curarsi ben poco ecc.) e senza eliminare la sanità privata,
prima dell’epidemia che il Covid-19 ha
del “bene comune” a cui tanto si ap- la mercificazione delle cure e dei farmaci,
trovato terreno fertile e condizioni fa-
pella. La propaganda e l’intossicazio- delle visite e dei ricoveri.
vorevoli per diffondersi. Non c’è alcu-
ne durano quel che durano: le autorità Serve un ordine superiore, un ordine
na ragione per confidare che le cose si
che cercano di imporre ordine e disci- politico che mette il benessere della
sistemeranno passata l’epidemia.
plina (caccia a chi passeggia, ma fab- popolazione al di sopra delle esigenze
La crisi generale, entrata nella sua fase
briche aperte per oltre un mese!) sono dei mercati finanziari, della produzione
terminale nel 2008, ha corroso il sistema
le uniche responsabili dell’emergenza finalizzata al profitto sempre e comunque.
economico in misura tale da renderlo
e della strage provocata dal Covid-19. I comunisti devono rapidamente raccogliere
fragilissimo. La necessità storica impone
e mobilitare le organizzazioni operaie e

5
quindi, immediatamente, da una settimana
Per quanto riguarda la mobilitazio- popolari, le forze che possono prendere
all’altra, l’adozione di misure proprie
ne rivoluzionaria delle masse popo- in mano il governo del paese e dirigerle
di uno Stato socialista per fare fronte
lari, l’emergenza Covid-19 mette in nella lotta per rovesciare la borghesia
all’emergenza, misure volte a creare subito
evidenza anzitutto la necessità di instau- imperialista e instaurare il socialismo.
un'unità sociale sul piano economico,
rare un ordinamento economico e socia-

7
politico e sociale, antitetica al modo di
le superiore al capitalismo, il socialismo; Il socialismo per cui lottiamo è l’esito
produzione capitalista.
dimostra non solo che le condizioni sono della trasformazione che la società at-
La società capitalista è arrivata a un
mature, ma pure che esso è l’unica pro- tuale sta percorrendo, è il sistema di
punto di svolta e solo due sono gli
spettiva positiva per l’umanità. relazioni sociali di cui il capitalismo stesso
sbocchi possibili: o la strada della
L’emergenza Covid-19 cambia radical- ha creato i presupposti e che ne supera
mobilitazione reazionaria delle masse
mente le condizioni della lotta politica le contraddizioni. Come l’esperienza dei
popolari, sotto la direzione della bor-
rivoluzionaria e rende più evidente, più primi paesi socialisti ha confermato anche
ghesia imperialista, o la strada del-
chiaro, che la rivoluzione socialista è sperimentalmente, esso combina
la mobilitazione rivoluzionaria delle
una guerra popolare rivoluzionaria di - il potere in mano alle masse popolari
masse popolari, nel solco della rina-
lunga durata il cui sviluppo e il cui esi- organizzate e in primo luogo alla classe
scita del movimento comunista e della
to dipendono dalla concezione con cui i operaia organizzata attorno al suo parti-
seconda ondata della rivoluzione pro-
comunisti la conducono e dal ruolo che to comunista (dittatura del proletariato),
letaria mondiale.
i comunisti assumono; da quanto impa- che ha il compito principale di reprime-

4
rano a essere promotori e costruttori del re i tentativi di rivincita della borghesia
Per quanto riguarda la via della
nuovo potere. A questo proposito sono imperialista e del clero e di promuovere
mobilitazione reazionaria essa si
profondamente sbagliate le tesi di chi l’universale partecipazione delle masse
manifesta palesemente nelle se-
sostiene “aspettiamo che passi l’emer- popolari alle attività da cui le classi domi-
guenti tendenze, già in atto
genza e poi faremo i conti” (intendendo nanti le hanno sempre escluse;
- i tentativi della classe dominante di
l’inizio di un ciclo di lotte e di rivendica-
- il passaggio (nelle forme e con i tempi
far coincidere gli interessi dei maggiori
zioni). Le centinaia di scioperi sponta- adeguati alle condizioni concrete) dalla
gruppi imperialisti mondiali con gli inte-
nei delle scorse settimane per fermare produzione fatta in aziende capitaliste e
ressi degli stati-nazione e uno sviluppo
la produzione di quelle merci, di quei in piccole aziende individuali e familia-
del nazionalismo borghese;
beni e servizi che non sono essenziali ri alla produzione fatta in agenzie pub-
- manovre per portare parte delle mas-
a fronteggiare l’emergenza, dimostrano bliche che lavorano secondo un piano
se popolari a sostenere apertamente, o
che la classe operaia è più avanzata di pubblicamente deciso per produrre tutti
almeno ad accettare passivamente, mi-
chi sostiene quella tesi. Il Covid-19 non e solo i beni e i servizi necessari alla vita
sure atte a instaurare uno Stato di poli-
sospende la lotta di classe, anzi la ali- dignitosa della popolazione (al livello di
zia (caccia a chi esce di casa, richiesta
menta e la dispiega e rende evidente e civiltà che l’umanità ha oggi raggiunto) e
dell’esercito nelle strade, sostegno alla
urgente la questione della presa del po- ai rapporti di solidarietà, di collaborazio-
repressione e al controllo dispiegato). In
tere politico da parte della classe opera- ne e di scambio con gli altri paesi;
Italia, in due settimane, sono state pre-
ia e delle masse popolari. - la partecipazione crescente di tutta la
se misure poliziesche mai viste prima in
popolazione alla gestione, alla direzione

6
nessuna epoca;
L’unità economica globale raggiunta e alla progettazione della vita sociale, al
- tentativi di garantire al governo e alle
dal mondo nella fase imperialista del patrimonio culturale e al resto delle atti-
autorità borghesi il consenso delle
capitalismo non può essere governata vità propriamente umane.
masse popolari attraverso una mas-
Pag. 3 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

TUTTO IL POTERE sanitaria, economica e sociale prodotta dal adottate immediatamente e “senza rischi”: tra
Covid-19 nell’interesse delle masse popo- esse l’accesso gratuito per tutti alla rete inter-
ALLE ORGANIZZAZIONI lari. Quali misure? Le più urgenti sono net e alla linea telefonica.
OPERAIE E POPOLARI... 1. Garantire la salute di tutto il personale me- 4. Sostenere con tutte le misure necessarie il
dico e sanitario, sia attraverso il reperimento “reddito di quarantena” per ogni adulto e ogni
CONTINUA DA PAG. 1
e la distribuzione di Dispositivi di Protezione nucleo famigliare. Vanno destinate ad esso
Individuale (DPI), sia avviando la produzio- tutte le risorse che ordinariamente vengo-
oggi una vita in isolamento per la paura del ne su ampia scala di DPI sotto il suo control- no stanziate per onorare i vincoli economici
contagio o la morte in solitudine. La classe lo, adibendo a questo scopo tutte le aziende (vedi interessi sul debito pubblico) derivanti
dominante ha sprofondato la società in una pubbliche e private che già lavorano mate- dalla nostra servitù alla UE, alla Nato o al Va-
situazione in cui le polemiche, i piagnistei e le riali adeguati. Contestualmente va iniziata ticano. Si deve emettere, se necessario, una
rivendicazioni non servono a niente. la distribuzione capillare, continua e gratui- moneta per la circolazione interna, alternativa
Bisogna urgentemente porre rimedio ai ta di DPI alla popolazione per evitare corse all’Euro. Bisogna risollevarci dignitosamente
danni incalcolabili e gravissimi (vite uma- all’accaparramento e speculazioni. Stesso dalla quarantena, non uscirne impoveriti e se-
ne, contagi fuori controllo, Stato di poli- discorso vale per la produzione di ventilatori polti dai debiti! Servono soldi anche per i pre-
zia, guerra fra poveri, corsa all’accaparra- meccanici per la respirazione assistita: il bre- cari, per i lavoratori in nero, per i disoccupati,
mento di beni di prima necessità che apre vetto va requisito immediatamente e la loro per i milioni di persone che per un motivo o
alla speculazione) prodotti dal Governo produzione va imposta alle aziende idonee l’altro non percepiscono il Reddito di Cittadi-
a produrli su ampia scala, a partire da quelle nanza o altri ammortizzatori sociali.
Conte 2 e dallo stuolo di affaristi e specu-
latori a capo delle Regioni, prima fra tutte altamente specializzate dell’industria milita- 5. Sequestro di tutte le case vuote e sfitte e
la Lombardia di Fontana e Gallera. re. Vanno requisite senza alcun indennizzo loro assegnazione a quanti vivono in con-
Bisogna urgentemente porre le basi per ge- tutte le strutture private ospedaliere e tutta dizioni di precarietà abitativa o che un tetto
stire in modo democratico, solidale, efficace la filiera di produzione di DPI, macchinari e non ce l’hanno proprio. Non serve requisire
e risoluto l’emergenza sanitaria in corso e le strumenti medici e sanitari. Vanno riaperti gli le “seconde case” comprate con i risparmi di
emergenze economiche e politiche che con- ospedali chiusi a seguito dei tagli alla sanità, una vita di lavoro dalle famiglie delle masse
tinueranno e si aggraveranno anche dopo che ma che sono ancora funzionanti o che potreb- popolari: Chiesa, fondazioni, immobiliari,
l’emergenza Covid-19 sarà superata. bero esserlo a seguito di minimi interventi fondi di investimento e banche hanno centi-
Bisogna prepararsi a difendere con ogni di manutenzione e recupero. Va ripristinata naia di migliaia di appartamenti che tengono
mezzo il tessuto produttivo del paese per e garantita la cura e l’assistenza ordinaria a vuoti ed è sufficiente requisire quelli per dare
evitare che sia spolpato dalle speculazioni, chi è affetto da altre patologie: l’emergenza a tutti la possibilità di affrontare l’emergen-
che centinaia di migliaia di posti di lavoro Covid-19 è anche l’emergenza della chiusu- za. Il principio è assegnare a tutti una casa
siano cancellati e che, in nome dell’emer- ra dei centri di assistenza per disabili fisici e anche per evitare che permangano “sacche
genza economica, siano spazzati via anche mentali che vengono abbandonati alle fami- di contagio”: la migliore forma di tutela
gli ultimi diritti e tutele della classe operaia. glie – di norma non preparate e non fornite non è la polizia nelle strade, ma garantire a
Bisogna urgentemente impedire che il nostro degli strumenti per prendersene cura effi- chiunque condizioni di vita dignitose.
paese resti alla mercé della Comunità Inter- cacemente – è l’emergenza di chi oggi non
6. Svuotare le carceri con misure davvero
nazionale degli imperialisti UE, USA e sio- può fare esami specialistici perché sospesi o
efficaci (non fittizie come quelle previste dal
nisti. Abbiamo già visto i governi “fratelli” di chi, colpito da infarto, non sarà trasportato
DL Cura Italia), per impedire la propagazio-
della UE tentare di requisire le mascherine per tempo in un pronto soccorso.
ne del virus all’interno e, di conseguenza,
destinate all’Italia ai confini di Francia, Ger- 2. Chiusura di tutte le aziende capitaliste e all’esterno tramite chi tutti i giorni le fre-
mania e Repubblica Ceca, abbiamo già visto pubbliche che non producono beni e servizi quenta a vario titolo. Chiudere le strutture
gli USA accaparrarsi 500 mila tamponi pro- essenziali per fare fronte all’emergenza sa- sovraffollate, fatiscenti e prive di adeguate
dotti da un’azienda di Brescia, abbiamo già nitaria e sociale e mobilitazione dei milioni misure igieniche. Le carceri devono essere
visto le speculazioni in Borsa e i caporioni di lavoratori nelle attività che invece sono luoghi di rieducazione, questo dice la Co-
della BCE strofinarsi le mani perché i prestiti necessarie. Per alcune attività specifiche stituzione, non lazzaretti in cui “se muore
accordati oggi saranno ripagati domani con servono particolari competenze (in campo qualcuno tanto meglio”.
gli interessi dai lavoratori e dalle masse po- medico, farmacologico, tecnico, ecc.), ma Queste non sono le misure “belle e giuste,
polari (è probabilmente questa l’occasione per moltissime altre attività servono solo ma irrealizzabili”, queste sono le misure
per imporre il MES). organizzazione, mezzi e disponibilità di necessarie per fare fronte alla situazione.
Bisogna quindi rompere con tutti i tratta- DPI. Solo con la mobilitazione diretta della Sono le misure che la classe dominan-
ti, gli accordi, le condizioni capestro che classe operaia e delle masse popolari è pos- te non vuole mettere in campo perché in
sottomettono il nostro paese alla UE e agli sibile “sconfiggere” il Covid-19! aperta contraddizione con l’imperativo
USA per iniziare a collaborare, invece, della società capitalista: il profitto.
3. Organizzare la distribuzione di beni di pri-
con quei paesi – molti dei quali definiti, Costituire un governo di emergenza che
ma necessità (che non sono solo la pasta e
non a caso, “Stati canaglia” – che si mo- attua queste misure è l’obiettivo che il
fagioli, ma anche la formazione e l’informa-
strano solidali e aperti alla collaborazione P.CARC persegue e su cui chiama a con-
zione, la cura della persona, la cultura, ecc.)
come Cina, Cuba, Venezuela, Iran, ecc. vergere gli operai, i lavoratori, gli organi-
in modo coordinato e organizzato, secondo
Quello che serve è un governo di emergen- criteri trasparenti e pubblici, in modo da tu- smi popolari, le organizzazioni e i partiti
za popolare che prenda le misure neces- telare sia chi opera la distribuzione che chi
sarie a fare fronte efficacemente alla crisi ne usufruisce. Alcune misure possono essere SEGUE A PAG. 4
Pag. 4 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta
TUTTO IL POTERE gie che non vengono adeguatamente trattate
perché la sanità è al collasso) rimarranno gli
La questione è che la luce non si accende
da sola, non è “una questione di tempo”. La
ALLE ORGANIZZAZIONI effetti dell’emergenza economica e politica: questione è che la classe operaia e le masse
OPERAIE E POPOLARI... strade militarizzate e centinaia di migliaia di
persone che si sono impoverite, indebitate,
popolari devono impugnare la fiaccola della
lotta di classe per prendere il potere. Il com-
CONTINUA DA PAG. 3 che hanno perso casa e lavoro. pito dei comunisti è guidare questo processo.
E’ profondamente sbagliato confidare che Lo hanno fatto durante la Resistenza,
comunisti, i progressisti, i patrioti e tutti la soluzione possa arrivare dalle stesse au- quando a uccidere non era un virus, ma
quelli che si dicono di sinistra. torità e istituzioni (italiane e internazionali)
le squadracce fasciste, la polizia politica,
E’ profondamente sbagliata la tesi di “aspetta- che sono parte del problema e che, anziché le SS e i treni piombati che portavano ai
re che passi l’emergenza” perché l’emergenza risolverlo, lavorano alacremente per garanti- campi di concentramento. Lo faranno an-
non passerà: anche quando essa sarà rientrata re la perpetuazione del sistema economico e cora. Lo faremo ancora. E, facendo tesoro
(e di questo passo costerà comunque un nu- sociale che è la causa di tutto questo. dei limiti e degli errori commessi in pas-
mero elevatissimo di malati e di morti non Sembra tutto nero e si susseguono gli sfoghi sato, lo faremo stavolta in modo definitivo
solo per Covid-19, ma anche per altre patolo- di chi “non vede la luce in fondo al tunnel”. arrivando a instaurare il socialismo.

Bridgewater
IL CAPITALISMO NON SI PUÒ RIFORMARE
Il 18 marzo il Fatto Quotidiano, tra gli altri giornali, dà notizia che Bridgewater,
il più grande fondo di investimento mondiale, gestore di un capitale da 1600
miliardi di dollari con base negli USA, ha “scommesso” 14 miliardi di dollari
sul tracollo delle Borse europee entro marzo 2020.
La notizia ha alimentato le tesi complottiste che indicano nel Covid-19 l’arma
che gli USA rivolgono contro nemici e concorrenti ma, più che di un complotto,
l’operazione di Bridgewater è dimostrazione del fatto che, a causa della crisi
generale, la borghesia deve inventare mille modi per valorizzare il suo capita-
le, ivi compresi la distruzione di capitale concorrente e lo sconvolgimento del
mercato finanziario.
Anzi, man mano che la crisi si aggrava, la distruzione di capitale è la scommessa
più redditizia. 14 miliardi di dollari sarebbero stati utili per salvare migliaia di
aziende, creare decine di migliaia di posti di lavoro, per riconvertire le aziende
inquinanti, ecc. La borghesia li ha usati invece per scommettere sul tracollo
dell’economia globale perché quello era l’unico modo per farli fruttare al mas-
simo. Ecco perché il capitalismo non si può riformare e non ci sono alternative
al suo abbattimento.

SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALISTA
Viva Cuba, avanguardia della ricerca e della sanità!
Riprendiamo dall’Agenzia Stampa “Staf- razione sia in corso per sostenere l’emergenza za tra l’Italia e Cuba, e i primi paesi sociali-
fetta Rossa”. sanitaria anche in altri paesi imperialisti. sti, è l’orizzonte politico ed economico che
“Per molto tempo abbiamo assistito al “man- Ci si chiede come mai il sistema sanitario la classe al potere persegue: il benessere dif-
tra” dell’eccellenza del sistema sanitario ita- cubano sia in grado di affrontare una emer- fuso per la massa della popolazione oppure
liano nel mondo. In effetti, così è stato per genza sanitaria come quella per il Covid-19, il profitto e l’accumulazione di ricchezze per
diversi anni dopo che le lotte dei lavoratori mentre un paese come l’Italia, nettamente pochi. Per questo secondo motivo la sanità
hanno imposto la garanzia del diritto ad una più sviluppato economicamente, non è in pubblica in Italia è stata ed è tutt’oggi ambito
sanità pubblica, gratuita e accessibile a tutti e grado di farvi fronte se non con interventi di sciacallaggio, di depauperamento delle ri-
finché il movimento comunista, ancora forte emergenziali. sorse, campo di privatizzazioni. (...) Chi lot-
nel mondo e in Italia, ha tenuto alta la ban- Il sistema sanitario cubano, nonostante l’embar- ta oggi per una sanità pubblica e gratuita di
diera della lotta in difesa e per l’estensione go statunitense a cui collaborano gli altri paesi qualità deve prendere a modello queste espe-
dei diritti delle masse popolari. imperialisti da oltre 50 anni, si basa sulla logica rienze storiche per promuovere le proprie
Con il declino del movimento comunista, però, “socialista” della sanità: l’estensione più ampia battaglie: dalla riapertura degli ospedali alla
è iniziato il progressivo smantellamento del- possibile dell’accesso alle cure mediche di ogni requisizione della sanità privata, fino all’as-
la sanità pubblica, proprio dietro al paravento livello, una importante politica di prevenzione sistenza territoriale e diffusa, alla prevenzio-
dell’eccellenza italiana. (...) La situazione è tal- promossa unendo interventi economici, costru- ne di massa (e non solo per i ricchi) e all’ac-
mente grave che le autorità italiane sono state zione di strutture sanitarie di base e educazione cesso alle cure. Allo stesso tempo, lottare per
costrette a far riferimento agli specialisti di uno di massa, investimento nella ricerca e abolizione una sanità pubblica e gratuita oggi vuol dire
dei migliori sistemi sanitari al mondo, quello del brevetto sulle scoperte scientifiche in campo lottare per una società socialista, una società
cubano, interamente pubblico e accessibile a sanitario. che si basa sulla partecipazione delle masse
tutti e all’avanguardia in termini di competenze In Italia già oggi abbiamo le potenzialità popolari alla gestione del paese: solo così ci
tecniche e ricerca scientifica: non era mai suc- tecnologiche e scientifiche, economiche, le sarà garanzia che l’ambito sanitario non sia
cesso prima d’ora che brigate di medici cubani competenze tecniche e il personale qualifica- campo di arricchimento per pochi ma stru-
avessero messo piede in un paese imperialista to, le strutture e le apparecchiature per poter mento per curare il benessere di ogni indivi-
come l’Italia per sostenere degli interventi in estendere il diritto ad una sanità gratuita ed duo! Viva Cuba, avanguardia internazionale
ambito sanitario e sembra che una simile ope- efficiente a tutta la popolazione. La differen- nella ricerca scientifica e nella sanità!”
Pag. 5 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

IL FUTURO È NELLE MANI


le aziende riguarda tutta la società: se vi
fermate voi, si ferma tutto, ma se siete voi
a spingere in avanti per i i vostri interessi,

DELLA CLASSE OPERAIA allora tutta la società avanza.


Operai,
finché permane questo sistema sociale, la
rovina dei capitalisti si trasforma neces-
sariamente in rovina vostra e dell’intera
società. L’emergenza che affrontiamo
oggi aggrava la crisi generale già in corso,
una crisi alla quale la borghesia imperia-
lista non ha altro rimedio che la guerra e
la devastazione del pianeta. L’emergenza
Coronavirus è solo la goccia che ha fatto
traboccare il vaso ormai colmo.
Usate il ruolo sociale che avete e che
l’emergenza Coronavirus ha reso anco-
ra più evidente! Fate valere tutta la vo-
stra forza nella lotta in corso e in quella
futura. Imparate a prendere voi in mano
Operai! rezza: la vita dei lavoratori vale più del la produzione senza il padrone per far
La crisi sanitaria legata al Covid-19 ha profitto dei padroni! ripartire le aziende nell’interesse della
fatto emergere in modo dirompente il Questo grave momento per il paese dimo- collettività. Quelle aziende che, appro-
fittando della situazione, quei padroni
vostro ruolo nella società. La situazio- stra quanto gli interessi della borghesia
che fanno carte false per non chiudere
ne è grave per il nostro paese e voi sie- imperialista siano antisociali, dannosi e
oggi, domani vorranno ridimensionare,
te chiamati a mettere in campo tutto il opposti a quelli delle masse popolari. Nel
ristrutturare, delocalizzare. “rilanciare
vostro senso di responsabilità di fronte sistema capitalista pensare di fermarsi,
sul mercato” sulla pelle vostra, delle
alle masse popolari e alla situazione di anche se temporaneamente, è un proble-
vostre famiglie e del paese intero.
emergenza. Imporre la chiusura genera- ma, la legge della concorrenza non cono-
Siete voi che potete imporre al governo
lizzata di tutte le attività non essenziali sce tregua e altri capitalisti sono pronti ad
di prendere in carico le fabbriche che
è l’imperativo del momento, abbiamo approfittare del temporaneo arresto delle
verranno abbandonate mobilitandovi e
aspettato già troppo! aziende italiane.
coordinandovi assieme a tutti quei col-
Confindustria si oppone strenuamente alla Per valorizzare il loro capitale i capita-
lettivi operai che avranno ognuno il vo-
chiusura generalizzata delle attività non listi sono disposti a passare sopra a tut-
stro stesso problema.
essenziali (e tutte le attività in questo mo- to e a tutti. Questo è il criterio che diri-
Se il governo non accetterà di fare quanto
mento sembrano esserlo...) e il governo ge la società capitalista e che ci ha por-
con determinazione chiedete, allora dalla
tergiversa e la asseconda. I padroni non vo- tato a questo punto. Gli interessi della
vostra organizzazione e mobilitazione ar-
gliono fermare la produzione e il governo borghesia imperialista sono opposti ai
riverà la spinta necessaria a sostituirlo, a
finge di lavorare alla tutela della salute pub- vostri interessi e a quelli delle masse costituirne uno nuovo che sia realmente
blica, mentre in realtà lavora per garantire popolari tutte. La proprietà privata dei espressione della vostra forza e che ri-
che la macchina del profitto per i capitalisti mezzi di produzione ormai è una cami- sponda direttamente a voi del suo operato.
non si fermi o lo faccia il meno possibile. cia di forza che ci ingabbia. Non torneremo più alla vita precedente.
Nonostante tutte le chiacchiere che ci han- La chiusura temporanea delle aziende E non possiamo più stare ad aspettare
no propinato per anni sulla fine della classe che non producono beni essenziali, in risposte da chi ci ha sprofondati in que-
operaia e sugli operai sostituiti dai robot, i questo senso, non è abbastanza: serve un sto marasma e non ha interesse alcuno a
fatti hanno la testa dura e la realtà dimostra cambiamento radicale e complessivo che tirarcene fuori
che l’economia capitalista si basa sul vostro metta mano a tutte le emergenze preesi-
sfruttamento! Tutto si può fermare, ma non stenti al Coronavirus: la disoccupazione, Operai!
le fabbriche. L’economia speculativa, la lo smantellamento dell’apparato produt- Il futuro può essere radioso, ma dipende
Borsa, e via dicendo si basano sull’econo- tivo, i morti sul lavoro, la devastazione in gran parte da voi, dalla vostra genero-
mia reale, sulla produzione di beni e servizi: ambientale, lo sfacelo della sanità pubbli- sità, dalla vostra capacità di mobilitarvi e
se si fermano le fabbriche crolla il circo del- ca e dell’istruzione. Passata l’emergenza organizzarvi attorno al partito comunista.
la finanza, se non possono sfruttarvi anche Covid-19, i problemi resteranno e anzi si Il comunismo è il futuro dell’umani-
la valorizzazione dei titoli finanziari e la approfondiranno. tà, la rivoluzione socialista è l’unica
speculazione sono a repentaglio. A voi operai il ruolo da protagonisti nel soluzione positiva all’incubo in cui la
In una fase di emergenza sanitaria bi- cambiamento necessario! borghesia ci ha cacciati e la lotta im-
sogna sospendere la produzione di tutti Tocca a voi assumere la direzione delle mediata per un governo di emergenza
i beni e i servizi non essenziali e per masse popolari. Voi producete quanto è popolare è il modo più rapido per farla
quelli che vanno garantiti devono es- indispensabile alla vita quotidiana di tutta avanzare!
sere garantite anche le misure di sicu- la popolazione e quello che accade dentro
Pag. 6 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta
Guardati dall'inquietudine che spezza il cuore

Il comunismo è il futuro dell’umanità!


Fra le molte corrispondenze, le relazioni, consapevole del disastro in corso, sa del cambiamento in corso.
le discussioni che stiamo avendo con di avere l’acqua alla gola e di giocarsi la Le autorità borghesi godono di sempre
operai, lavoratori, compagni, amici e sua stessa esistenza. Per questo promette minore credibilità e fiducia da parte delle
famigliari, abbiamo scelto di affrontare misure straordinarie per realizzare quel- masse popolari. Ma l'attuale movimento
un argomento che in varie forme e modi lo che si è rifiutata di realizzare fino a 20 comunista cosciente e organizzato non
è ricorrente e che lo stralcio di una giorni prima della pandemia da Covid-19, è ancora abbastanza forte e radicato per
conversazione con un giovane operaio per rendere dignitosa la vita di milioni di assumere il ruolo storico che gli compete.
che pubblichiamo di seguito mette nero persone: aiuti economici per lavoratori e Il suo sviluppo e consolidamento restano
su bianco. famiglie, sospensione degli sfratti, dila- obiettivi urgenti, poiché da essi dipende
zione dei mutui, investimenti nella sanità, la nascita delle nuove autorità pubbliche,
“Trovo difficile convivere con questo mobilitazione di montagne di denaro, ecc. il loro rafforzamento e la loro capacità di
clima di incertezza e non sapere cosa mi ecc. Queste lusinghe sono necessarie per arrivare a dirigere parti crescenti della
riserva il futuro. Ho sempre cercato di tenere calme quelle masse popolari che società, altrimenti allo sbando. In questa
avere il controllo della situazione, di tene- fino a ieri ha spremuto, tartassato, salas- situazione di emergenza generale ognuno
re sempre tutto sotto controllo (nel senso sato, umiliato, vessato. Ma per contro au- può dare – e deve dare – il suo contributo
positivo, non a livello maniacale). Adesso mentano il controllo sociale e la repressio- alla rinascita del movimento comunista
con questa emergenza sento di non ave- ne, l’esercito per le strade, il “coprifuoco” cosciente e organizzato.
re più il controllo del mio futuro e, per e la minaccia delle pene pecuniarie o del Ognuno nel suo piccolo può dare il suo
quanto possa voler combattere, sento che carcere per chi non lo rispetta. Lusinghe e contributo alla rinascita del movimento
comunque l’esito della situazione non di- controllo sociale servono le une all’altro, comunista cosciente e organizzato.
pende da me. Non so se riesco a spiegar- non c’è altro modo per far ingoiare alle Non importa quale sia il suo livello
mi: sento di avere a che fare con qualcosa masse uno Stato d’emergenza che fa carta di preparazione e quali siano le sue
di molto più grande di me. E per quanto straccia dei più elementari diritti (libertà di conoscenze di partenza: quello che
possa contribuire, sento che il mio contri- movimento, di riunione, di organizzazio- importa è la volontà di contribuire, ognuno
buto risulta comunque insignificante”. ne, ecc.). Ma così come la borghesia non nel suo piccolo, di contribuire a qualcosa
manterrà le sue promesse – farlo signifi- di grande, che supera ogni individualità.
Qualcosa di epocale è successo. L’emer- cherebbe per lei estinguersi, rinunciare al
genza sanitaria sta accelerando il tracollo suo ruolo di classe dominante – allo stesso Ci sono mille modi che l’industria della
del sistema basato sullo sfruttamento che verrà meno la “collaborazione” delle mas- diversione dalla realtà mette a disposizio-
ha generato disuguaglianze, speculazione, se popolari che oggi si conformano alle ne per rinchiudersi in un mondo parallelo,
morti, devastazione ambientale e anche sue imposizioni solo temporaneamente e ma ci sono anche mille modi per usare la
la strage provocata dal Covid-19. L’unica solo per la paura dell’emergenza sanitaria. rete internet e le relazioni sociali per farne
possibilità che il sistema si riprenda – a strumenti di discussione, confronto, stu-
caro prezzo e in ogni caso con lo spettro Tornare a vivere “come si viveva pri- dio, approfondimento, coordinamento e
della guerra fra Stati e paesi – è che gli ma” è un’illusione e chi non ne prende azione (vedi gli articoli sulle attività del
operai e le masse popolari tornino ad oc- atto è destinato a vivere nell’inquietudine, Partito a pag. 5 e 6). Ci sono anche mille
cupare nelle aziende, in silenzio e a testa nella paranoia e nel senso di impotenza. modi per uscire dalle case – nel rispetto
bassa, il loro posto nell’ingranaggio pro- E’ necessario prendere atto del cambia- delle misure sanitarie di sicurezza – per
duttivo, ad essere nuovamente pedine e mento in corso e decidere di esserne pro- praticare il mutuo soccorso, fare inchiesta
vittime sacrificali da immolare in nome motori e protagonisti. ed esercitare il controllo popolare sul
del profitto. Cosa che però difficilmen- E’ una decisione che sembra “più gran- quartiere, sulle città e sull’operato delle
te accadrà, in Italia come nel resto del de di noi” perché siamo stati educati e istituzioni borghesi.
mondo, perché l’emergenza Covid-19 ha formati a fare “il nostro lavoro”, a obbe- Ci sono mille modi per affrontare la
minato l’intero sistema economico e pro- dire e a delegare ad altri il governo della confusione che abbiamo dentro di noi e
duttivo e ha aperto gli occhi a milioni di società mondo. Al modo in cui deve an- di fronte a noi e riportarla sul piano delle
proletari (vedi l'articolo "Il futuro è nelle dare il mondo ci pensano di norma altri, cose concrete, nel suo senso storico, nel
mani della classe operaia" a pag. 1). quelli che comandano, che hanno i soldi suo significato politico, per trasformarla in
Tuttavia non basta che il sistema e sono esperti. Gli operai e i lavoratori consapevolezza, in tenacia e combattività.
capitalista sia in disfacimento, bisogna sono stati abituati solo a protestare e a Il P.CARC offre ai tanti lavoratori giovani
sostituirlo con un sistema superiore, rivendicare. Ma quelli che comandano, i e meno giovani, ai pensionati, agli anziani,
con il socialismo. Questa è la sfida ricchi e gli esperti hanno portato il mon- agli studenti, a tutti gli elementi delle
che abbiamo di fronte, che è all’ordine do alla rovina, al punto in cui protestare masse popolari l'opportunità di operare
del giorno per milioni di proletari, per e rivendicare non basta più. insieme per favorire questo processo.
l’umanità intera. Prenderne atto è il primo
passo per affrontare l’inevitabile senso di Operai, lavoratori e masse popolari, dob- Non limitiamoci ad aspettare tempi
impotenza. biamo assumerci collettivamente la re- migliori, costruiamo adesso il futuro
sponsabilità di stabilire il corso delle migliore.
La classe dominante è perfettamente cose e della società! Questo è il contenuto
Pag. 7 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

La sanità è allo sfascio!


MOBILITARSI PER UN NUOVO E VERO
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE!

Quei politicanti delle Larghe Intese che per non “agitare i pazienti e i famigliari”, zioni con bandi rapidi e agevolati.
oggi si definiscono “in trincea” sono i re- sono specchio del degrado avviato con la
Sicurezza per chi lavora! Pretendere la for-
sponsabili diretti o indiretti (hanno taglia- sponsorizzazione del concetto “ il privato
nitura di mascherine, guanti e tute che impe-
to o hanno retto il sacco a chi tagliava) del è meglio”.
discano il contagio degli operatori anche sta-
disastro della sanità pubblica. Negli ulti-
Ma tutto il paese è allo sfascio. I politicanti bilendo accordi straordinari con paesi come
mi 10 anni sono stati tagliati 37 miliardi
delle larghe intese si definiscono “in trincea”, la Cina (che ha già inviato spontaneamente e
di euro, 70.000 posti letto, 42.000 posti di
ma la prima linea del fronte, che si ammala gratuitamente respiratori, mascherine, tute e
lavoro a tempo indeterminato. Sono solo
mentre presta servizio ininterrottamente, guanti, alla faccia della chiusura del confine
pochi numeri nel mare degli ospedali chiu-
generosamente, è composta dai medici, che ci ha regalato la UE). Requisire subito le
si, accorpati o ridimensionati, dei presidi e
dagli infermieri, dagli OSS, dagli addetti fabbriche italiane che già producono DPI o
ambulatori eliminati, dei Pronto Soccorso
alle pulizie, dai soccorritori, dai barellieri. respiratori e aumentarne la produzione (questi
e delle Pubbliche Assistenze avviati allo
E' composta dalle migliaia di lavoratori che, sono servizi essenziali!), riconvertire le fab-
sfacelo. Al contrario, sono spuntati come
dalla Lombardia alla Sicilia, si sono dovuti briche adatte allo scopo!
funghi presidi e ospedali completamente
far carico delle carenze e della gestione
privati oppure convenzionati, foraggiati
inadeguata e improvvisata di un sistema Requisire le cliniche private! Se c’è caren-
comunque, in un modo o in un altro, con
sanitario avviato al collasso ben prima za di posti letto bisogna requisire le cliniche
denaro pubblico e trasformati di fatto in
dell’emergenza Covid-19, che l'emergenza private e convenzionate: si tratta di strutture
corsie preferenziali, quando non uniche,
Covid-19 ha solo esasperato e mostrato in che abbiamo pagato profumatamente con le
per esami tempestivi e visite specialistiche nostre tasse. Gli ospedali privati vanno requi-
tutta la sua tragica evidenza.
a pagamento. siti davvero però, non foraggiati ulteriormen-
Sono i lavoratori della sanità che stanno te come prevede il Decreto Cura Italia del 17
La Lombardia ne è l’emblema.
salvando la popolazione e il paese. A loro, marzo 2020. Gli indennizzi previsti dal DL
“Eccellenza” in tema sanitario (e
che la stomachevole retorica governativa rap- vogliono dire infatti ancora soldi pubblici alla
non solo) della privatizzazione, delle
presenta oggi com “eroi e angeli”, al contrario sanità privata!
speculazioni, delle ruberie e delle
di ieri quando erano solo furbetti e lavativi,
appropriazioni indebite a danno dei
deve andare il sostengo morale e materiale Un piano straordinario per la sanità pub-
cittadini (Formigoni è in tal senso il
di tutti i lavoratori e di tutte le masse popo- blica! Avviare la mobilitazione per imporre
più noto della larga schiera di ladroni e
lari impegnate nella lotta per riconquistare un un piano straordinario di costruzione, recu-
truffatori e sconta comodamente a casa la
sistema sanitario pubblico, nazionale ed effi- pero e manutenzione delle strutture sanitarie
condanna, godendosi i proventi dei suoi
ciente. Siamo in una situazione d’emergenza pubbliche nazionali, seguendo le indicazioni
traffici), la Lombardia è anche la regione
che richiede misure d’emergenza e solo la di lavoratori e utenti.
più flagellata dal Covid-19. I camion
mobilitazione popolare potrà imporle. Sosteniamo la costruzione in ogni ospe-
dell’esercito, usati per trasportare le bare,
incolonnati in uscita da Bergamo e lo Assunzioni subito! Far scorrere subito tutte dale di organizzazioni di lavoratori e
scandalo delle Direzioni Sanitarie – tra le graduatorie per l’assunzione, a tempo inde- comitati di utenti che si occupano della
cui quella del Don Gnocchi di Milano terminato, di infermieri e operatori socio-sa- gestione dell’emergenza secondo gli in-
(Corriere della Sera, 23 marzo 2020) – nitari (OSS) e internalizzare, assumere e sta- teressi delle masse popolari!
che imponevano a infermieri e OSS di bilizzare tutti i lavoratori precari della sanità.
non indossare le mascherine nei reparti Procedere immediatamente al piano di assun-
Pag. 8 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta
APPELLO ALLA
SOTTOSCRIZIONE ECONOMICA
NULLA SARÀ PIÙ COME PRIMA – il ripristino del sistema sanitario pubblico e statale;
– misure per impedire la ripresa esponenziale dell’inquina-
mento dell’aria (che ha strettissima correlazione con la stra-
La necessità di precauzioni per limitare o evitare il con-
ge provocata dal COVID-19).
tagio dal virus Covid-19 sono strumentalmente usate dal
Tutto andrà bene se la classe operaia e le masse popola-
governo e dalle autorità per imporre un regime poliziesco
ri organizzate riusciranno a imporre un governo di emer-
e uno Stato di eccezione basato sul terrorismo mediatico
genza che operi su loro mandato e faccia i loro interessi.
e la militarizzazione dei territori. Un regime che vale nelle
strade e nelle piazze, ma non vale nelle aziende dove mi-
gliaia di operai e lavoratori si ammassano per garantire
la produzione anche nel caso in cui essa non è necessa-
ria, né utile, a fronteggiare l’emergenza sanitaria. Quindi
uno Stato di polizia che obbliga gli operai a produrre,
che rinchiude in casa i cittadini, salvo consentire loro di
spendere soldi nei supermercati ed essere spennati dal-
le speculazioni su mascherine e disinfettanti.

L’EMERGENZA SANITARIA
PASSERÀ
Fra 10 giorni o forse un mese, l’emergenza sanitaria
rientrerà. Non rientreranno invece l’emergenza econo-
mica e l’emergenza politica legate all’epidemia di Co-
vid-19. Questo perché l’epidemia di Covid-19 ha solo
scoperchiato contemporaneamente – tutte insieme – le
storture, le falle, i cortocircuiti di un sistema economi-
co, politico e sociale già avviato alla distruzione, il si-
stema della borghesia imperialista, la società capitalista.
Come sono evidenti i limiti imposti dalla logica del profit- APPELLO
to nella gestione dell’emergenza sanitaria, così sono già
evidenti, e lo saranno sempre di più, i limiti nella gestione In queste settimane e nelle prossime, nonostante i
degli effetti in campo economico e politico. Siamo come tentativi di imporre uno Stato di polizia, i divieti di riu-
in una guerra: è la guerra dei ricchi contro i poveri. E gli nione e di assemblea, i divieti di sostenere attivamente
effetti peggiori si manifesteranno in tutta la loro chiarezza la classe operaia che sciopera e si organizza, i tenta-
fra un po’, passata la retorica dell’inno nazionale sul bal- tivi di selezionare chi può circolare e chi no, il P.CARC
cone e l’effetto della disinformazione e della diversione ha continuato a operare per rafforzare e coordinare le
sparata h24 nelle televisioni. organizzazioni operaie e popolari e dare una prospetti-
va di organizzazione e mobilitazione ai tanti compagni
che hanno la falce e il martello nel cuore, che non si ac-
NON È VERO contentavano di “aspettare che l’emergenza passi” e la-
CHE TUTTO ANDRÀ BENE sciare nel frattempo mano libera alla classe dominante.
Ma in queste settimane e nelle prossime, le princi-
Tutto andrà invece peggio perché per garantire profitti a ca- pali attività attraverso cui il P.CARC raccoglie le ri-
pitalisti, padroni, speculatori e fondi di investimento la classe sorse per l’attività politica nazionale e locale sono
dominante ricorrerà a qualunque mezzo. Esattamente come sospese. Mai come in questa fase la possibilità di
oggi, anche nel nostro paese, ricorre a qualunque mezzo dare continuità alla nostra azione dipende dalle sot-
per sfruttare l’emergenza sanitaria a beneficio degli spe- toscrizioni economiche volontarie della rete che ab-
culatori della sanità privata, sacrificando medici, infermieri, biamo intorno e dalla solidarietà di tanti compagni, di
personale tecnico del sistema sanitario pubblico e cittadini. tanti comunisti, che esistono ancora in questo paese.
Per questo facciamo appello a tutti i comunisti a usare
Tutto andrà bene solo se la classe operaia e le masse
gli strumenti presenti sul sito (il modulo “Fai una sotto-
popolari organizzate riusciranno a imporre
scrizione”) o il canale che ognuno preferisce per fare una
– misure di emergenza per sostenere le famiglie di lavoratori
sottoscrizione alla lotta politica rivoluzionaria.
dipendenti, artigiani, lavoratori in nero, disoccupati garanten-
do beni e servizi;
Pag. 9 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

ORGANIZZARSI PER AFFERMARE protesta, proposte e azioni concrete tra


cui l’occupazione di parte della struttura
GLI INTERESSI DELLE MASSE POPOLARI e l’autorganizzazione delle attività ambu-
latoriali di cui si è imposta la riapertura.
DUE ESEMPI DA NAPOLI
L’avvio dell’emergenza Coronavirus ha
posto il Comitato davanti a una serie di do-
La Consulta popolare salute e sani- e anche diversi decessi. La risposta del Si- mande. Come proseguire l’attività? Quali
tà della città di Napoli: stema Sanitario Regionale al contenimen- sono le misure più urgenti che servono
to del contagio è stato quello di svuotare alle masse popolari in questa fase? Cosa
I posti letto per affrontare l’emergenza le strade, chiudere le attività e riempire gli fare per non subire l’emergenza sanitaria
ci sono, andiamoceli a prendere! ospedali già al collasso, un collasso non ma giocare d’attacco? Dopo un profondo
Il 22 marzo la Consulta popolare salute dovuto al virus, ma ai continui tagli fatti confronto il Comitato ha deciso di non ar-
e sanità della città di Napoli diffonde un alla sanità. Hanno provveduto a riempire restare la propria attività, ma di mettere in
comunicato tanto semplice quanto chiaro e creare unità di rianimazione e terapia pratica una serie di azioni utili a rafforza-
ed efficace:“Requisire subito i posti letto intensiva in molti ospedali, ma non hanno re la propria lotta e le masse popolari del
nelle cliniche private napoletane! Ecco pensato a reperire nuovo personale a tem- quartiere e della città.
dove sono i posti letto che ci servono, sono po indeterminato, né a fornire i dispositivi Il primo passo, in questo senso, è stato te-
quelli che hanno tagliato dal pubblico in di sicurezza necessari, né a riaprire, e per nere aperto tutti i giorni e con tutte le pre-
questi anni per darli in mano ai privati. sempre, gli ospedali e i posti letto necessa- cauzioni necessarie (massimo due persone
Ecco l’elenco: Ospedale Internazionale – ri. Non ci sentiamo tutelati. munite di guanti e mascherine) lo sportello
50 posti letto (di cui 30 accreditati); Vil- Pretendiamo insieme e con urgenza nuove popolare rivolto ai lavoratori e agli utenti
la Camaldoli – oltre 245 posti letto (tutti assunzioni, siamo al collasso. dell’ospedale;
accreditati); Villa Angela – 40 posti letto Pretendiamo i dispositivi di sicurezza e a il secondo passo è stato utilizzare lo spor-
(tutti accreditati); Clinic Center – 250 po- norma previsti per legge. tello per raccogliere le proposte dei lavo-
sti letto (tutti accreditati); Hermitage Ca- Pretendiamo che tutti gli operatori che in ratori (vincolati dalla legge sull’obbligo di
podimonte – 269 posti letto (di cui 250 servizio sono venuti a contatto con chi si fedeltà aziendale) e degli utenti;
accreditati); Villa delle Querce – 65 posti è contagiato siano sottoposti a tampone e il terzo, pubblicare un video in cui si ren-
letto (di cui 55 accreditati); Ruesch – 60 messi in quarantena nel rispetto di tutti. devano pubbliche le esigenze e le denunce
posti letto (nessuno accreditato); Clinica Pretendiamo per la sicurezza dei nostri raccolte tra i lavoratori e gli utenti;
Vesuvio – 44 posti letto (di cui 33 accre- cari e a tutela dei pazienti, che tutti gli il quarto, avviare una filiera popolare di
ditati); Clinica Mediterranea – 180 posti operatori sanitari effettuino il tampone autoproduzione di mascherine che sono
letto (di cui 150 accreditati); Clinica Santa perché potrebbero essere dei vettori. state distribuite nel quartiere e conse-
Patrizia – 90 posti letto (tutti accreditati); Vi chiediamo di stampare questa lettera e gnate agli operai del porto di Napoli che
Villa Cinzia – 75 posti letto (tutti accredi- di diffonderla con tutti i mezzi nei repar- avevano denunciato di essere costretti a
tati); Villa Bianca – 74 posti letto (di cui ti, negli ospedali e nei quartieri. Inviate lavorare senza dispositivi di protezione
54 accreditati); Sanatrix – 114 posti letto alla Consulta Popolare Sanità e Salute di individuale.
(di cui 104 accreditati). Per un totale di Napoli le vostre denunce, indicazioni e la
1.556 POSTI LETTO, di cui 1.436 accre- situazione che vivete nei vostri ospedali. Queste esperienze dimostrano che per la
ditati. I posti letto non ci sono? Andia- Organizziamoci in comitati di lavoratori in mobilitazione delle masse popolari non
moceli a prendere!” tutti gli ospedali! Bisogna unirsi, diffonde- c’è quarantena e misura che tenga, le mas-
re questa lettera in ogni reparto e comin- se popolari se prendono in mano l’iniziati-
Il 23 marzo ha rilanciato una lettera rice- ciare ad alzare la voce e a organizzarci. Ne va possono ribaltare ogni difficoltà e ogni
vuta da alcuni lavoratori della sanità rivol- va della nostra professionalità, della nostra emergenza.
ta ai loro colleghi operatori sanitari: (infer- vita e della vita di tutti i nostri concittadi-
mieri, OSS, medici, soccorritori): “Colle- ni. I vostri colleghi”.
ghi medici, infermieri e operatori sanitari,
siamo lavoratori della sanità come voi. Il Comitato per la riapertura
Sfiniti, stanchi e spesso contagiati per il vi- dell’ospedale S. Gennaro
rus che sta falcidiando l’intero paese. Ogni
giorno è sempre più lungo. Sempre più ci Il Comitato è nato per contrastare la chiu-
sentiamo vittime del dovere e della gran- sura dell’ospedale del Rione Sanità, un
de professionalità che ci contraddistingue. quartiere popolare di Napoli, prevista dai
Come voi siamo in prima linea in una lotta tagli selvaggi imposti dalla Regione Cam-
combattuta da OSS, infermieri e medici a pania (capeggiata da quel De Luca che
mani nude, vista la scarsa quantità di DPI oggi invoca leggi marziali e lanciafiamme
necessari per evitare il contagio. Mancano per chi le viola anziché prendersi la re-
mascherine, maschere facciali, camici e sponsabilità di rilanciare la sanità pubblica
guanti monouso. Un problema denunciato che ha contribuito a smantellare).
dai sindacati e dagli ordini professiona- Abbiamo più volte trattato su Resistenza
li. Il risultato di tanta superficialità conta delle battaglie e delle attività del Comita-
numerosi contagi tra medici e infermieri to che nel corso degli anni ha combinato
Pag. 10 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta

COME IL CLN NELLA RESISTENZA


Celebriamo il 75° Anniversario della Liberazione dal nazifascismo
riprendendo l’esperienza del Comitato di Liberazione Nazionale
Si susseguono denunce sulla gestione dell’e- 3. Garantire, con criteri trasparenti e pubblici spressione più compiuta del nuovo potere delle
mergenza da parte del governo, sulle respon- e attraverso fondi speciali, di cui il CLN si fa masse popolari.
sabilità dei tagli alla sanità pubblica, sulle garante, il “reddito di quarantena” per ogni
pericolose conseguenze della militarizzazione adulto in stato di necessità (badanti, baby Da dove derivava il potere del CLN
del territorio. Portavoce di movimenti, gran- sitter, disoccupati, sottoccupati, lavoratori Il Partito Comunista Italiano, che fu il princi-
di associazioni nazionali, dirigenti di sinistra, in nero) che oggi il ridicolo Decreto “Cura pale promotore e animatore del CLN, grazie
sindacati di regime e di base stanno usando Italia” abbandona a se stesso. alla sua autorevolezza e alla sua influenza
l’autorevolezza di cui godono fra ampi setto- sulle masse popolari e sulla classe operaia,
4. Imporre con la politica del “fatto com-
ri della classe operaia e delle masse popolari di cui era ormai divenuto Stato Maggiore, si
piuto” la riapertura degli ospedali chiusi a
per mettere in chiaro tutto quello che non va. fece portavoce dell’aspirazione diffusa a far-
seguito dei tagli alla sanità che ancora fun-
E fanno bene. Ma se vogliono avere un ruolo la finita col fascismo. La sua azione spinse
zionano o potrebbero tornare a essere fun-
davvero positivo in questa situazione devo- tutti gli altri partiti antifascisti a rompere gli
zionanti attraverso minime opere di recupero
no fare un passo in più: devono usare la loro indugi e a scendere sul terreno della mobi-
(riaprirli senza aspettare le autorità e le isti-
influenza, le loro conoscenze, gli strumenti, litazione e dell’organizzazione delle masse
tuzioni: in ogni regione e in ogni provincia
le risorse e le relazioni derivanti dalla loro popolari. Il CLN, di conseguenza, non fu un
la lista è lunga, iniziamo a individuarli, a
posizione per promuovere l’organizzazione semplice coordinamento di partiti antifasci-
“schedarli”). Allestire subito ambulatori at-
e la mobilitazione della classe operaia e delle sti, ma un centro autorevole in grado di dare
trezzati a gestire l’assistenza “ordinaria” che
masse popolari. slancio all’iniziativa delle masse popolari.
oggi viene trascurata o elusa (quante sono le
Devono coordinarsi e costituire un nuovo La sua forza era data dal legame con le mas-
persone chiuse in casa senza diagnosi e sen-
CLN che abbia, riportato all’oggi, lo stesso se popolari, che si concretizzava nella for-
za cure adeguate?).
ruolo che ebbe il CLN durante l’occupazio- mazione di numerosi CLN di base e che lo
ne nazista. Oggi il paese non è occupato dai 5. Organizzare l’astensione di massa dal lavoro rendeva capace di elaborare parole d’ordine
funzionari del capitale in uniforme nazista, nelle aziende la cui produzione non è neces- che le masse seguivano perché le riconosce-
ma da quelli in giacca e cravatta, a uccidere saria a fare fronte all’emergenza sanitaria e vano utili ai loro interessi. Da qui, in defini-
non sono le squadracce fasciste e le SS, ma sociale e la mobilitazione degli operai e dei la- tiva, derivò il potere del CLN, l’efficacia e il
è un virus, la distruzione non è provocata dai voratori non impiegati nelle attività necessarie. riconoscimento delle sue disposizioni e della
bombardamenti, ma dalla frantumazione del sua organizzazione magistralmente descritta
sistema economico e finanziario che stran- L’ESPERIENZA DEL CLN in quest’estratto del libro CLN il Comitato
gola l’economia reale. NELLA LIBERAZIONE di Liberazione Nazionale della Lombardia
E’ il momento di passare dalla denuncia Tra il 25 luglio e l’8 settembre 1943, la classe al lavoro, nella cospirazione, nell’insurre-
all’assunzione di responsabilità. Di usare e dominante italiana travolta da una disfatta bel- zione, nella ricostruzione di Emilio Sere-
far valere l’organizzazione, i mezzi, i soldi lica ormai sicura, decide di sbarazzarsi di Mus- ni, dirigente del PCI e presidente del CLN
e le risorse e la capillare presenza sul territo- solini e dell’alleanza con la Germania di Hitler. Lombardia, nel 1945: “Il CLN vi chiama alla
rio di ARCI, ANPI, LIBERA, CGIL, FIOM, In tutta Italia cominciano a formarsi spontanea- lotta. Due duri inverni di guerra, ma centi-
EMERGENCY, ecc. Devono mettersi in mente, nelle aziende, nei quartieri e nei caseg- naia di migliaia di lavoratori sospendevano
gioco i sindacati dei medici, degli infermie- giati, comitati popolari che si pongon l’obiettivo il lavoro nelle officine di Milano, di Busto,
ri, degli operatori della sanità, le Pubbliche di condurre fino alla vittoria la guerra di libe- di Varese (…) nelle scuole, negli uffici de-
Assistenze, i consorzi di produzione e distri- razione contro il nazifascismo. Il 9 settembre cine di migliaia di giovani, donne, fanciulli
buzione, gli eletti a tutti i livelli del M5S e le ’43, i sei principali partiti antifascisti (comuni- manifestavano in mille forme lo sdegno e
Amministrazioni locali. sti, socialisti, liberali, democristiani, azionisti, l’odio del popolo contro l’oppressione na-
Cosa deve fare il nuovo CLN? Deve iniziare demo-laburisti) costituiscono il Comitato di zi-fascista. Tutto un popolo in armi risponde
ad attuare le misure necessarie, partendo da ciò Liberazione Nazionale, un organismo centrale all’appello, su per le valli e per le montagne,
che già oggi è possibile fare che ha il compito di coordinare l’azione dei co- tiene duro contro il freddo e contro la fame,
mitati già esistenti, promuovere la formazione di ingrossa i reparti dei gloriosi partigiani, del
1. Reperire in modo indipendente dalle auto-
nuovi comitati, inserirli in un quadro naziona- Corpo dei Volontari della Libertà, dei Gap
rità statali i Dispositivi di Protezione Indivi-
le. Il CLN agisce come governo alternativo del invincibili, delle ardite Sap. CLN! Ordine
duale adeguati a tutelare il personale medico
paese, in grado di contendere colpo su colpo il del CLN! Queste iniziali ricorrono su tutte
e sanitario. Questo implica anche iniziare a
potere al governo ufficiale e alle sue istituzioni le labbra. Da mesi già, nelle officine, nei ca-
organizzarne direttamente la produzione. Di-
e dotato di proprie forze armate (le brigate par- seggiati popolari, negli uffici, nelle scuola, la
stribuire capillarmente i DPI secondo criteri
tigiane). Nelle zone di occupazione tedesca, in sigla misteriosa è apparsa sui muri, nei fo-
trasparenti e pubblici (evitare corse all’acca-
particolare, esso non si limita alla lotta armata gli clandestini e nei reparti delle fabbriche
parramento).
contro i nazifascisti, ma attraverso i CLN locali la produzione di guerra che doveva andare a
2. Reperire beni di prima necessità e a lunga svolge la funzione di nuovo potere, organizzan- sostenere le ultime folli speranze di Hitler si
conservazione da distribuire in modo coor- do scioperi, sabotaggi, riorganizzando la pro- rallentava. (…)
dinato e organizzato alla popolazione delle duzione, la requisizione e la distribuzione alla Centinaia di migliaia di patrioti lombardi hanno
zone più colpite secondo criteri trasparenti e popolazione dei viveri in partenza per la Ger- imparato a conoscere questa sigla misteriosa.
pubblici e in modo da tutelare sia chi si occu- mania. Nell’estate del 1944, si costituiscono nel Tutti hanno sentito parlare del Comitato di Li-
pa della distribuzione che chi ne usufruisce nord del paese 21 repubbliche partigiane, zone berazione Nazionale, hanno risposto a un suo
(fare in grande quello che già fanno a livello libere dall’occupazione tedesca dove si installa- appello o a un suo ordine. (…) Ma come, a chi
territoriale le Brigate di Solidarietà). no giunte di governo locale che prefigurano il
futuro assetto dell’Italia liberata. In esse vive l’e- SEGUE A PAG. 11
Pag. 11 - Resistenza n. 4/2020 - versione ridotta
COME IL CLN Italia lancia a Milano la parola d’ordine
dell’insurrezione generale e impartisce a tut-
le fabbriche di Milano riprenderanno la loro
attività per iniziativa delle maestranze; i dele-
NELLA RESISTENZA... te le brigate partigiane l’ordine di attaccare gati degli operai si improvviseranno dirigenti
intimando ai nazisti di “arrendersi o perire”. e, valendosi della collaborazione dei tecnici
CONTINUA DA PAG. 10 L’operazione, pianificata nel dettaglio, riesce non compromessi, dimostreranno di essere in
perfettamente e quando gli alleati entrano in grado di mandare avanti la produzione.
si trasmettevano questi ordini del Comitato di città, tre giorni dopo, la trovano in piena at- (…) Uno dei primi atti a Sesto S. Giovanni
Liberazione Alta Italia, del Comitato di Libe- tività grazie all’azione del CLN: i trasporti subito dopo la liberazione è quello di eleg-
razione della Lombardia, degli organi dirigen- pubblici sono funzionanti, i vigili dirigono gere l’Amministrazione cittadina. A sindaco
ti del movimento di liberazione nazionale? In il traffico, le banche hanno riaperto gli spor- è designato Rodolofo Tamagni, un operaio
ogni città, in ogni villaggio, in ogni azienda, in telli, a Palazzo Marino il sindaco Greppi ha della Breda. L’amministrazione si mette su-
ogni ufficio, nelle amministrazioni comunali, preso posto dietro la scrivania e la Giunta bito al lavoro. Non è un compito facile: c’è
da mesi e mesi dei patrioti di diversa fede politi- Comunale della liberazione è in piena attivi- da sgomberare le macerie, da ricostruire,
ca, di diverse concezioni filosofiche o religiose, tà, i CLN aziendali sono riuniti per affrontare rimettere in moto la produzione e sanare le
si erano stretti in un patto, avevano creato, dal e risolvere i problemi immediati della ripresa falle economiche; c’è da pensare all’approv-
basso, centinaia e centinaia di CLN di base”. del lavoro e molte fabbriche hanno già ripre- vigionamento e a far riprendere le lezioni
so la produzione. nelle scuole. Numerosi operai offrono gratu-
L’insurrezione e la ricostruzione Il ruolo della classe operaia è decisivo, come itamente al Comune ore di lavoro giornaliere
E’ nel momento dell’insurrezione che le illustrato in questi estratti del libro Quando dopo i turni in fabbrica; tra i primi gli operai
masse popolari organizzate e dirette dal cessarono gli spari, scritto dal capo partigiano della Breda. Questi volontari, suddivisi in
CLN dimostrano di poter gestire il paese Giovanni Pesce, nel 1977, riguardanti la libe- squadre, sgomberano le macerie, riparano le
meglio della borghesia e delle sue istituzioni. razione e la ricostruzione a Milano e Sesto San case meno danneggiate per ospitarvi nume-
La mattina del 25 aprile ’45, il CLN Alta Giovanni: “A liberazione avvenuta quasi tutte rose famiglie senza tetto”.

AI PROLETARI modello a cui ispirarsi per formare le or-


ganizzazioni della classe operaia, spina
sfaticati, da esuberi appunto.
Quella che dobbiamo costruire è una so-

IN PENSIONE dorsale della costruzione di una nuova e


migliore società.
cietà dove nessuno è un esubero, perché
si basa sul lavoro e l’organizzazione delle
Per questo negli ultimi mesi ci siamo im- masse popolari per conseguire i propri in-
Raramente sulle pagine di Resistenza ci pegnati nel raccogliere da molti di voi la teressi.
siamo rivolti direttamente e specifica- testimonianza viva di quelle che furono le Una società dove è bandita la legge del
mente a voi proletari in pensione, ma in lotte e le organizzazioni degli operai degli profitto. Una società alla cui costruzione
un momento come questo, in cui la figura anni ’70 e successivi, producendo e pub- molti di voi hanno dedicato in passato
del pensionato viene considerata l’agnello blicando sul nostro sito svariate interviste tempo, risorse, energie ed esperienza. Una
sacrificale dell’emergenza Covid-19, pen- sui Consigli di Fabbrica. società che a ognuno dà quanto serve per
siamo serva invece sottolineare l’impor- vivere e che da ognuno chiede un contri-
tanza del vostro contributo: per il lavoro in Ma non solo di memoria e testimonianza è buto per funzionare nell’interesse di tutti,
produzione che avete svolto e per il ruolo fatto il contributo che potete e che dovete che quindi ha bisogno e offre un ruolo a
nella lotta di classe che potete assumere dare, che vi chiediamo di dare! ognuno dei suoi componenti. Questo tipo
ancora oggi, in pensione. La lotta attuale per imporre un governo di di società che non conosce esuberi, non
Molti di voi sono depositari dell’esperien- emergenza delle masse popolari organizzate abbandona nessuno, non lascia indietro
za delle lotte della classe operaia e delle per avanzare verso il socialismo ha bisogno nessuno, si chiama socialismo.
masse popolari dal dopoguerra fino a oggi. di tutti voi e a tutti quelli che vogliono riscat-
to offre un posto per combattere. La rivoluzione socialista è la prospettiva
Siete stati protagonisti della lotta per le Il sistema capitalista vi tratta da esube- di riscatto per voi come per i vostri figli
conquiste e per i diritti in ogni ambito ri, instillando in voi il senso di inutilità, e nipoti, contribuire a costruirla è il più
(lavoro, scuola, sanità, diritto di famiglia, la spossatezza, lo smarrimento, vi rende grande servizio e atto d’amore che possia-
diritti civili, ecc.) che da quarant’anni a cavie per i suoi prodotti farmaceutici, te fare verso di voi e verso chi vi circonda.
questa parte la classe dominante sta sman- vi relega a quell’inattività che toglie un
tellando un pezzo alla volta. Molti di voi senso anche al riposo. La borghesia ci Per questo vi invitiamo a contattare le no-
hanno partecipato all’assalto al cielo negli spreme fino all’osso, ci deforma fisica- stre sezioni (vedi gli indirizzi a pag. 8) per
anni ’60 e ’70 del secolo scorso, alcuni fra mente e moralmente per mantenere in confrontarvi, per discutere insieme su cosa
i più anziani di voi hanno affrontato i fasci- vita il suo sistema, mina alla radice lo fare e per attivarvi. Coinvolgete i vostri fi-
sti e i nazisti con le armi in pugno o come sviluppo intellettuale, morale e fisico gli e nipoti e avviateli alla lotta per costru-
staffette partigiane. Questa è la tradizione dell’essere umano proletario piegandolo ire un futuro radioso!
e l’esperienza di cui siete depositari. ai suoi interessi. Quando poi è costretta Questa lotta è la vostra lotta e i comunisti
a rinunciare ai nostri servigi, quando ci vi chiamano a farne attivamente parte.
Attingiamo a piene mani e traiamo validi ha spremuto abbastanza mettendoci fuo- Il socialismo non è una bella utopia, ma il
insegnamenti dall’esperienza dei Consigli ri uso o perché costretta da quelle resi- futuro dell’umanità!
di Fabbrica nati dopo il ’69: oggi, come due leggi che ancora ci tutelano (frutto
mai prima d’ora, è necessario riscoprire soprattutto delle vostre lotte negli anni
quella pratica che noi indichiamo come passati!), lo fa trattandoci da parassiti o
CONTRO L’ALLEANZA
Pag. 12 - Resistenza CON LA
n. 4/2020 - versione BORGHESIA
ridotta

NAZIONALE E LA DIFESA DELLA PATRIA


La classe dominante del nostro paese sta cer- porre problemi che il movimento comunista ta rivoluzionaria di massa” può consistere
cando di creare un clima di unità naziona- ha già affrontato. E’ quindi sicuramente utile soltanto nelle misure concrete della rivo-
le attorno alle sue istituzioni nonostante le al ragionamento sul Che fare? oggi, ripren- luzione socialista, non nel “socialismo” in
evidenti responsabilità per la crisi sanitaria. dere quanto Lenin indica nei suoi scritti ri- generale (...) annullamento dei debiti dello
“Ci mobiliteremo quando l’emergenza sarà spetto alla tesi del PSI e più in generale ai Stato (del debito pubblico), espropriazione
finita, ora non è il momento delle polemi- compiti dei comunisti nella fase del primo delle banche, espropriazione di tutte le gran-
che” è una delle tesi alimentate dalla sinistra conflitto mondiale. di imprese. Invece quando da noi si chiede
borghese che favorisce le manovre per im- Anzitutto, Lenin raffigura nei suoi scrit- di indicare esattamente queste misure con-
porre l’unità nazionale e che fa presa anche ti la tesi del “né aderire, né sabotare” del crete (...) si riceve sempre la stessa risposta
su una parte di coloro che hanno la falce e il PSI come uno dei frutti dell’influenza della dilatoria, elusiva e sostanzialmente sofistica:
martello nel cuore. borghesia nelle fila del movimento comuni- il popolo non è ancora preparato, ecc. ecc.!
Anche nel pieno dell’emergenza, non dobbia- sta, un’influenza tesa a disarmare la classe Bene, se non è ancora preparato, il nostro
mo dimenticare che è la classe dominante l’u- operaia portandola ad attestarsi a una pra- compito è di iniziare subito questa prepara-
nica vera responsabile del problema: perché tica attendista e parolaia. Così è anche per zione e di portarla avanti inflessibilmente!”
omette la gravità della situazione ed evita di la tesi attuale “Aspettiamo che l’emergenza Questo significa che i comunisti devono agi-
adottare le misure necessarie (vedi l’articolo passi”. Anch’essa in definitiva si propone re fin da subito, nelle forme e nei modi più
“Tutto il potere alle organizzazioni operaie e l’impotenza della classe operaia a fronte del- adatti alla situazione (vedi gli articoli sulle
popolari” a pag. 1), perché da decenni sacrifica la gestione criminale della borghesia. In uno attività di partito a pag. 5 e 6), per dare alla
la sanità pubblica a favore di quella privata, per- scritto del 1916 (Agli operai che sostengono mobilitazione delle masse popolari che ori-
ché con le manovre che promuove fomenta an- la lotta contro la guerra e contro i socialisti gina dai problemi concreti che l’emergenza
cor più la guerra fra poveri e prova a instaurare che si sono schierati con i loro governi), Le- pone loro, una prospettiva politica e indiriz-
uno Stato di polizia. Le soluzioni all’emergenza nin descrive efficacemente come la situazio- zarla verso la costruzione della rivoluzione
che prendono e prenderanno le istituzioni della ne generata dalla guerra faccia emergere con socialista, unica vera soluzione alla crisi che
classe dominante, di chi incarna e ha interesse a forza la necessità del socialismo: “La verità ci attanaglia. Alle condizioni attuali concre-
perpetuare questo sistema che mette al centro il che all’inizio della guerra era un convinci- tamente questo significa sostenere gli operai
profitto, non sono quelle che servono alle masse mento teorico di pochi — la verità cioè che che chiedono la chiusura temporanea delle
popolari. Vediamo già ora che a fronte di ogni non si può affatto parlare di lotta seria contro aziende che non producono beni o servizi es-
scelta si evidenziano soluzioni opposte che fan- la guerra, di lotta per la soppressione delle senziali e l’adozione di misure di sicurezza
no capo agli opposti interessi della borghesia e guerre e l’instaurazione di una pace durevo- adeguate in quelle che restano aperte. Vuol
delle masse popolari: o si chiudono le fabbriche le, senza l’azione rivoluzionaria delle masse dire requisire la sanità privata e difendere e
come vogliono gli operai o le si tengono aper- di ciascun paese, dirette dal proletariato, con- potenziare quella pubblica; significa appog-
te come vuole Confindustria; o si requisisce la tro i propri governi, senza il rovesciamento giare i precari, i lavoratori autonomi, chi è
sanità privata oppure si continua a speculare e del dominio borghese, senza la rivoluzione rimasto senza lavoro e stipendio perché si
a fare mercimonio della salute; o si cancellano i socialista — diviene ora d’una evidenza trovi una soluzione certa (e dignitosa) ai loro
finanziamenti destinati alle grandi opere inutili tangibile per un numero sempre più grande problemi; significa creare una rete solidale
investendo in servizi di pubblica utilità oppure di operai coscienti. La guerra stessa, impo- attorno a chi è più esposto al contagio. Signi-
si va avanti con l’ingrassare i malavitosi e gli nendo ai popoli una tensione di forze che fica in definitiva organizzare e sviluppare la
speculatori. Da comunisti rigettiamo la logica non ha precedenti, sospinge l’umanità verso rete di organizzazioni operaie e popolari che
dell’unità nazionale e chiamiamo la classe ope- quest’unica via d’uscita dal vicolo cieco in iniziano ad agire da nuove autorità pubbliche
raia e le masse popolari a fare altrettanto: non cui si trova, costringendola a percorrere a (in questo sta la base del nuovo potere del-
abbiamo niente a che spartire con chi è il primo passi da gigante la via del capitalismo di Sta- le masse popolari organizzate che gestirà la
responsabile dell’emergenza, con chi specula to e mostrando nella pratica come si debba società nel socialismo), e che si prefiggono
su di essa facendone ricadere tutto il peso sui e si possa organizzare un’economia sociale l’obiettivo di costituire un governo di emer-
lavoratori e le masse popolari: non possiamo pianificata, non nell’interesse dei capitalisti, genza popolare deciso a prendere tutte le mi-
lasciare a tali squali la gestione dell’emergenza ma espropriandoli e agendo, sotto la guida sure d’emergenza che la situazione richiede.
e del paese! del proletariato rivoluzionario, nell’interes-
se delle masse, che sono oggi vittime della
Pillole di concezione comunista del mondo fame e delle altre calamità della guerra”.
contro l’influenza della concezione bor- Bene, anche oggi la situazione d’emergenza
ghese approfondisce la crisi del capitalismo cau-
A guardare bene, la tesi attuale “Ci mobili- sando rapidi cambiamenti nella coscienza
teremo quando l’emergenza sarà finita, ora delle masse popolari rispetto alla necessità
non è il momento delle polemiche” è mol- di farla finita col capitalismo.
to simile alla tesi “né aderire né sabotare” In Posizioni di principio sul problema del-
adottata dal PSI a fronte della Prima Guerra la guerra (dicembre 1916) Lenin indica ai
Mondiale. Certo, siamo in una situazione per comunisti svizzeri i passi da compiere e li
molti versi differente da quella che i comu- incita ad agire subito, a cogliere gli appigli
nisti si trovarono ad affrontare allora, ma di creati dalla situazione, a non lasciare cam-
simile vi sono lo stato di emergenza gene- po libero alla borghesia nella sua guerra per
ralizzata, il rapido procedere degli eventi, il bande e contro le masse popolari: “Si tratta
veloce precipitare della crisi del capitalismo, di opporre la pratica concreta della concreta
il tentativo di promuovere un clima di unità “lotta rivoluzionaria di massa” ad un male
nazionale favorevole alla guerra imperialista concreto, cioè all’odierno rincaro della vita,
ponendo argini al dissenso. Situazioni simili, all’odierno pericolo di guerra o alla guerra
nel senso su indicato, possono quindi ripro- in corso. (…) L’oggetto concreto della “lot-