Sei sulla pagina 1di 4

cantıerı

VITA 24 DICEMBRE 2010 - NUMERO 50


Imprese A Terni la riconversione è green
Cantieri creativi Ringhiera, il teatro sul fronte

Getty Images
Molti disabili visivi in tutta
Europa sempre più spesso
trovano occupazione nei
call center. Nella sola Mosca
sono oltre mille

Questo lavoro
fa per noi
Sono arrivati a quota 400mila i disabili disoccupati. Eppure in Italia ci sono 100mila posizioni
loro riservate rimaste scoperte. Malgrado una legislazione all’avanguardia. Un cortocircuito che
va superato. Focus sulle migliori esperienze sperimentate da amministrazioni locali, aziende e
cooperative sociali. Con un’intervista all’attore-handicappato David Anzalone
work
24 DICEMBRE 2010 VITA 2

disabili
cantıerı

Fra loro i disoccupati


sono 400mila. Ma oltre
100mila posti riservati
4.100.000
rimangono scoperti. PERSONE DISABILI IN ITALIA

Perchè e cosa si può fare


dell’handicap. «La crisi ha inciso ancora di più sulla di-
soccupazione: l’effetto è stato devastante. Senza tenere
conto del fatto che noi siamo esclusi anche dai contratti
a termine: non abbiamo la possibilità neanche di essere
precari», aggiunge.

Disabili psichici, il buco nero


Ma come si giustifica il comportamento delle aziende?
2.600.000

S
a cura di Antonio Sgobba «I controlli sono carenti e si preferisce correre il rischio»,
dice Messori. Colpa delle norme? No, perché la legge che
ONO ALMENO 400MILA I DISABILI DISOCCUPATI IN ITALIA. regola la materia, la numero 68 del 12 marzo 1999, ha
DISABILI IN ETÀ LAVORATIVA
Un esercito di persone, tenendo conto del fatto anche ridotto la cosiddetta “quota di riserva”: con la
che in totale le persone con disabilità in età lavo- vecchia legge (la 482 del 1968) l’obbligo, ampiamente
rativa sono 2 milioni e 600mila. Di questi tempi è disatteso, era del 15% dei dipendenti, dieci anni fa è stato
dura per tutti, si può pensare, ma per i diversa- portato al 7. «Un’azienda spende anche 9mila euro l’anno
mente abili il paradosso è che ci sono almeno per pagare l’esonero di un singolo lavoratore, piuttosto
100mila posti nel settore pubblico e privato a loro che inserirlo», ricorda il consulente del lavoro. Oltre agli
riservati che rimangono vuoti. Le aziende preferi- obblighi, la legge stabilisce anche degli incentivi alle im-
scono pagare le multe piuttosto che assumerli. Lo prese, come il Fondo per il diritto al lavoro delle persone
strumento principe per l’inserimento lavorativo è con disabilità, del ministero del Welfare: serve per fi-
il collocamento mirato, istituito dalla legge 68 del nanziare le convenzioni e nel 2010 era di 42 milioni.
1999. «Una delle più avanzate al mondo», secondo Clau- Tornando agli ultimi dati a disposizione, nel 2007 so-
dio Messori, consulente dell’Anmil Lombardia. no stati fatti 15mila avviamenti lavorativi di disabili, la
maggior parte direttamente tra le aziende e gli uffici
Nemmeno precari pubblici, mentre solo per una minima parte (183 perso-
Oltre i due terzi delle persone con disabilità del nostro ne, l’1% dei lavoratori disabili inseriti nella cooperazione)
Paese sono fuori dal mercato del lavoro, se si considera si è fatto ricorso alle convenzioni con le cooperative so-
che gli iscritti al collocamento sono 721.613 e il 54,4% di ciali introdotte dall’articolo 14 del decreto legislativo
loro dichiara di essere disposto a rimboccarsi le maniche. 276 del 2003. Eppure questo potrebbe essere uno stru-
Gli ultimi dati disponibili sono del 2007, contenuti nella mento utile per alleggerire le aziende da quello che con-
quarta Relazione al parlamento sull’attuazione delle nor- siderano “un peso”. «Prendiamo ad esempio un’azienda
me per il diritto al lavoro dei disabili: tre anni fa i posti di 136 dipendenti, che ha una “quota di riserva” di 10
da riservare erano 311.289 e ne rimanevano scoperti lavoratori disabili», spiega Messeri. «In effetti non sono
65.346. Più di un quinto del totale. «Ma oggi sono certa- pochi e le cooperative sociali possono intervenire to-
mente di più», stima Claudio Messori, che di recente ha gliendo alle imprese fino al 20% del “carico”».
curato la relazione Lavoro e disabilità: lo scenario in Italia Ma ci sono disabili e disabili: le difficoltà maggiori
per il convegno “Dalle parole ai fatti” della Fondazione nella ricerca - e nel mantenimento - di un posto di lavoro
Sodalitas. Ed è d’accordo Franco Deriu, ricercatore del- le incontrano i disabili psichici. «Su di loro c’è il pregiu-
l’Isfol che cura per il ministero la relazione al parlamento: dizio più pesante», osserva Barbieri. L’Organizzazione
«Nel corso degli anni è sicuramente aumentato il numero mondiale della sanità ha stimato che entro il 2020, tra
dei posti non assegnati», dichiara. «Solo in Lombardia», le persone con disabilità, il 50% della popolazione attiva
fa notare Messori, «più di 20mila sono quelli non asse- e in cerca di lavoro sarà composto da disabili psichici. E
gnati ed èimpossibile che una sola regione esaurisca un già ora sono quelli con le percentuali di inserimento più
terzo del totale nazionale. Possiamo perciò stimare che basse. Anche qui, nessun dato a livello nazionale, ma
in tutto il Paese siano almeno 100mila i posti vacanti». sttistiche a macchia di leopardo. In Provincia di Milano
«Siamo così invisibili che non ci sono a disposizione nel 2009 sono stati solo l’1,7% del totale degli inseriti al
neanche le statistiche», dice Pietro Barbieri, presidente lavoro. Un po’ meglio a Torino, dove secondo la Provin-
della Fish - Federazione italiana per il superamento cia un decimo degli assunti è un disabile intellettivo o
psichiatrico. «Se questi sono i dati del Nord, per il resto
La crisi ha inciso ancora di più sulla disoccupazione d’Italia possiamo immaginare solo percentuali disastro-
se», “azzarda” Messori. Come riparare? «Si potrebbe par-
dei disabili: l’effetto è stato devastante.
tire da un’attività ispettiva più intensa. Ma dal ministero
Senza tenere conto del fatto che sono esclusi ci rispondo con un desolante “non abbiamo risorse ad
anche dai contratti a termine hoc”».
in progress
3 VITA 24 DICEMBRE 2010

cantıerı

Getty Images
481.987 OCCUPATI IN ITALIA E PERSONE DISABILI % sugli occupati italiani
DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER SETTORE DI ATTIVITÀ % sugli occupati disabili
(anno 2006, valori in%)
i disabili disponibili al lavoro
agricoltura 4,0
4,1
20
industria
23,4

costruzioni 6,0
3,3

commercio 16,6
11,3

6,5%
trasporti 5,6
e comunicazioni 7,1
intermed. finanziaria 12,2
e serv. alle imprese 1,9
pubblica amministrazione, 25,7

31.535
istruzione e sanità 40,2

altri servizi 10
8,6
gli avviamenti al lavoro
registrati nel 2007 Fonte: Isfol - Relazione annuale al Parlamento 2007

Stage 15mila disabili lavorano nella cooperazione sociale


I ragazzi down
del Quirinale Il 3 per mille che occupa l’8 per cento
Uno stage al Quirinale per i ragazzi down.

I
Nata in collaborazione con l’Associazione
Italiana persone down, la possibilità esiste l 3 per mille dell’economia dà lavoro all’8% dei disabili. me la bolognese Virtualcoop, fondata nel 1996 da Mau-
dal 2000. Il presidente Napolitano ha Stiamo parlando delle oltre 15mila persone occupate rizio Cocchi, 58 anni, affetto da tetraparesi spastica.
incontrato i ragazzi per il decennale. Ecco
nella cooperazione sociale. Il settore fattura quasi 2 mi- «Siamo partiti con l’idea dell’autogestione dei disabili
le sue parole: «Questa per voi è un
occasione di preparazione al lavoro, che è liardi di euro a fronte dei 1.600 del Pil nazionale e im- e ci siamo specializzati in particolare nel settore del-
il vostro grande obiettivo». Finora sono piega circa 65mila persone su 23 milioni di lavoratori l’informatica e della comunicazione», spiega Cocchi.
stati coinvolti circa italiani. Il calcolo lo ha fatto Gianfranco Marocchi di Fe- La cooperativa oggi offre servizi per alcune delle più
200 ragazzi, che si dersolidarietà sul blog libroverdefedersolidarieta.word- importanti aziende della zona come Atc, l’azienda dei
sono alternati nei press.com. Per il presidente del consorzio “Idee in rete” trasporti di Bologna, e Hera, la multiutilities dell’Emi-
tirocini presso i si tratta di «un vero miracolo», confermato dalle espe- lia-Romagna. «Su 23 soci, 18 sono disabili», continua
giardini e le cucine
rienze sul territorio. Cocchi, «e uno dei nostri problemi maggiori riguarda la
del Colle. «Anche se
dura solo una «Le cooperative sociali nascono per dare lavoro a formazione. Noi abbiamo bisogno di personale molto
settimana diventa persone svantaggiate», ricorda Alberto Fontana, presi- qualificato ma non è facile trovare un ingegnere mec-
un momento dente Uildm - Unione italiana per la lotta alla distrofia canico disabile...». Infatti le statistiche segnalano che
importante», muscolare e socio della cooperativa milanese Spazio oltre il 60% dei disabili ha al massimo la licenza media.
sostiene Monica aperto. «La nostra attenzione si concentra soprattutto «Invece di starcene a casa a far niente, noi disabili do-
Berarducci su quelli che hanno maggiori difficoltà lavorative, come vremmo impegnarci di più nello studio: è difficile, ma
dell’Aipd. Tanto che alcuni di loro hanno
chi non ha un titolo di studio elevato o ha un handicap non impossibile», chiosa Cucchi.
fatto valere l’esperienza nel curriculum.
«Di recente 7 ragazzi di Potenza sono stati mentale», continua Fontana. La sua è una delle poche Difficoltà simili a Padova, alla cooperativa Sinfonia.
assunti a tempo determinato in una coop a lavorare anche in convenzione con un’azienda «Ci occupiamo di comunicazione sul web, pubbliche
cooperativa. Altri trovano posto in grandi privata, la farmaceutica Boehringher Ingelheim, che dal relazioni e ufficio stampa. Il nostro lavoro è di alto livello
catene come McDonald’s. Le aziende poi 2005 ha attivato una partnership per curare le pulizie qualitativo e richiede una competenza tecnica notevole
ci dicono che hanno una grandissima della sede milanese. «Siamo entrati in contatto con Spa- e nel nostro staff sono inseriti a pieno titolo quattro
motivazione», spiega la Berarducci. zio Aperto grazie al servizio della Provincia di Milano», portatori di handicap: due stabilmente inseriti, altri due
racconta Concettina Costanza, responsabile Risorse tirocinanti», spiega il presidente Antonio Cabras. «Le
umane di Boehringer, «Abbiamo iniziato con due disa- nostre strutture lavorano sul mercato come tutte le al-
bili e oggi lavorano con noi sette disabili psichici». Un tre, partecipiamo a gare per appalti pubblici e privati.
Nelle foto a sinistra. In alto, i lavoratori caso in cui la rete tra amministrazione pubblica, privato Ma allo stesso tempo vogliamo che il lavoratore dia il
dipendenti della cooperativa Spazio Aperto
sociale e imprese ha funzionato a dovere. Ma sembra massimo, per questo siamo dotati di educatori e psico-
di Milano.
Al centro, Maurizio Cocchi, presidente della una storia quasi isolata. «Sì», riconosce Fontana, «le logi», ricorda Fontana. Non senza difficoltà, però: «Si
cooperativa sociale Virtualcoop di Bologna. convenzioni sono uno strumento da migliorare». dovrebbero rivedere i criteri per le gare d’appalto nella
In basso, un gruppo di impiegati della stessa Il 99% delle persone con disabilità che lavorano nel pubblica amministrazione, assegnando punteggi più
Virtualcoop settore è impiegato direttamente nelle cooperative, co- alti a chi rispetta le categorie protette».
work
24 DICEMBRE 2010 VITA 4

cantıerı

Il caso Randstad

La disabilità? Nessuna paura


per noi è un investimento

P
er professione cercano lavoro. Di questi tempi portunities ci sono le circa 10mila candidature
non è facile per nessuno, figuriamoci per un por- presentate.
tatore di handicap. Ma Randstad, multinazio- «La legge 68 delimita un preciso settore del
nale specializzata nella ricerca di risorse umane, mercato del lavoro», continua la Bruno, «attra-
dal 2003 ha deciso di investire nell’inserimento verso la nostra specializzazione creiamo un effi-
di persone appartenenti alle categorie protette, cace ponte comunicativo dando significato a un
con un ramo della sua azienda completamente inserimento lavorativo tanto obbligatorio quanto
dedicato. Si chiama “Hopportunities” e natural- opportuno».
mente non è un refuso, l’iniziale è quella di E a fare da consulenti per la terza agenzia per
“handicap”. il lavoro al mondo ci sono
proprio delle persone con
La sfida disabilità. «Almeno un ter-
«La nostra divisione nasce zo del nostro staff è com-
da un caso aziendale al- posto da disabili«, afferma
l’intero della Select del gruppo Vedior. Ci siamo la Bruno, «Sono tutti molto qualificati, hanno
resi conto che c’era da parte delle aziende una una laurea in psicologia o pedagogia, oppure
richiesta in questo ambito. I posti scoperti sono hanno frequentato un master. Chi meglio di loro
tantissimi e non tutti amano pagare le sanzioni conosce la situazione di un lavoratore in quella
previste dalla legge», spiega Mariella Bruno, re- condizione? Grazie al loro apporto siamo in gra-
sponsabile della divisione. do di individuare il candidato adatto per i posti
Identikit Per l’agenzia quindi si apre un’interessante disponibili e in più forniamo alle aziende la con-
Randstad area di business: oggi ci sono quattro sedi spe- sulenza necessaria per un inserimento adegua-
Randstad è una multi- cializzate in Italia (Roma, Milano, Torino e Ca- to».
nazionale olandese che lusco d’Adda, in provincia di Bergamo) e altre Il decalogo
si occupa di ricerca, se- quattro in Francia, Belgio, Spagna e Argentina. Il posto giusto per i ciechi Prepararsi a un colloquio
lezione e formazione di L’età media del gruppo è bassa, intorno ai 30 an- in dieci mosse
risorse umane, presen- Un ponte per cento aziende ni. «Da loro viene un contributo fondamentale
te con le sue filiali in 19
Stati. Nel 1999 sbarca in
«Oggi diamo lavoro a 250 persone all’anno, per
una media di 100 aziende nostre clienti. Quasi
per la motivazione del nostro team», dice la ma-
nager.
1. Fare una sincera “ricognizione” della propria
condizione personale. Situazione fisica, capacità
Italia con più di 150 sedi tutti sono stati stabilizzati con un contratto», Così si cerca di realizzare il migliore incrocio effettive, cultura, ma soprattutto motivazioni,
su tutto il territorio. spiega la manager. Alla base del lavoro di Hop- tra domanda e offerta, come in un caso recente: spinta verso una scelta decisiva e complessa:
«Abbiamo collocato dei non vedenti all’interno trovare un lavoro significa infatti molto spesso per
di grandi produzioni cinematografiche. La loro una persona con disabilità “cambiare vita”.
Da parte delle aziende c’era richiesta in questo
capacità di lavorare al buio è stata molto apprez-
ambito. I posti scoperti sono tantissimi e non tutti zata per lavorare al montaggio di pellicole parti-
2. Scrivere il proprio curriculum di competenze,
anche quando non si hanno precedenti lavorativi,
amano pagare le sanzioni previste dalla legge colarmente sensibili alla luce». puntando con forza sulle proprie capacità positive,
non sui deficit. Esplorare se stessi, facendosi
aiutare da esperti, rivolgendosi alle associazioni
L’azienda sanitaria della provincia siciliana nel proprio territorio, ai servizi pubblici, alle
organizzazioni del lavoro.

L’Italia ribaltata dei malati psichici: 3. Completare il corso di studi, non perdere la
fiducia, esigere i propri diritti, conoscere le leggi di

così Catania straccia Milano


riferimento e soprattutto imparare a memoria la
Convenzione Onu.

4. Non accettare “qualsiasi lavoro”, e soprattutto


non accettare di essere “sottopagati” sin dall’inizio.

D
al 2005 ad oggi abbiamo avviato al lavoro oltre numero da record, basti pensare che nella provincia di Piuttosto è preferibile scegliere un orario ridotto,
compatibile con le altre esigenze della propria vita.
100 persone con disabilità mentale. Adesso gran Milano la percentuale è solo dell’1,7. Il risultato è stato
parte di loro ha un contratto a tempo determina- ottenuto col progetto “Interventi in rete”, realizzato con 5. Diffidare degli stage, delle offerte di “corsi di
to», dice Roberto Ortoleva, dell’Azienda sanitaria l’Ufficio per l’impiego della Provincia e i sindacati. «Anche formazione”, degli annunci poco chiari. Cercare
provinciale di Catania. Il numero sarebbe sorprendente se a Catania c’è ancora molto da fare: è necessario un os- comunque un primo riscontro dal servizio
per qualsiasi zona d’Italia, ma lo è ancora di più per questaservatorio provinciale per applicare la legge 68», dice Alfio pubblico della propria Provincia, competente in
provincia siciliana che non brilla nelle classifiche nazio- Giulio, segretario generale della Cisl Catania materia.
nali. «Noi ci preoccupiamo innanzitutto di loro perché sono
quelli con una minore capacità contrattuale, sono i meno
6. Non escludere a priori il lavoro proposto dalle
agenzie per il lavoro temporaneo, ma selezionare
L’eccellenza nel deserto difesi e i meno organizzati», spiega Ortoleva. L’obiettivo quelle che si impegnano seriamente a fare da
Qualche numero può aiutare a comprendere il contesto. per l’Asp è «portare la riabilitazione fuori dal contesto sa- interfaccia fra la domanda e l’offerta.
Nel 2009 a Catania sono rimasti scoperti 670 posti desti- nitario verso l’ambiente lavorativo non protetto. Quando
nati ai disabili e le persone collocate sono state solo 150. si parla di disabilità mentale infatti si parla di malattie 7. Avvicinarsi al mondo delle cooperative se la
Un dato sotto la media del resto d’Italia, determinato an- della relazione, per quello è fondamentale lavorare sul strada di una assunzione diretta non è percorribile,
che da inadempienze del settore pubblico: negli uffici del- contesto sociale». Si organizzano così tirocini e corsi di puntando però solo su realtà serie e consolidate
della cooperazione sociale.
le amministrazioni ci sono 219 posti scoperti. Ma in una formazioni con le aziende. I partner sono vari: si va dalle
situazione così difficile trova spazio una realtà pubblica compagnie aeree ai centri commerciali, passando anche 8. Documentarsi, leggere, cercare: non fermarsi
d’eccellenza, l’Azienda sanitaria provinciale per il settore pubblico. «Il nostro compito è reso mai, e non piangersi addosso. L’atteggiamento
con la sua attività per l’inclusione sociale dei ancora più difficile dal fatto che l’economia del- psicologico a volte è determinante per far
soggetti svantaggiati. Un lavoro riconosciuto la zona soffre molto la crisi. In questo periodo cambiare idea a un datore di lavoro.
di recente anche dal premio “Flavio Coconari”, le imprese tendono a liberarsi dei loro dipen-
intitolato dalla Cisl al sindacalista che si era oc- denti, non è facile che si interessino ai più svan- 9. Imparare lingue straniere, almeno l’inglese,
utilizzare bene il computer e i principali programmi
cupato della tutela delle condizioni dei disabili taggiati», osserva il dirigente. Le buone prati-
da ufficio.
nel mondo del lavoro. che catanesi sono state anche notate dal Co-
mune di Parma, con cui è nata una collabora- 10. Esigere il massimo da se stessi: curare
Un modello da esportazione zione. I progetti sono in rete nel portale l’aspetto, vestirsi dignitosamente, controllare
«Più del 30% delle persone che collochiamo europeo “Disability and social exclusion” l’efficienza degli ausili, mantenere alta l’autostima.
sono disabili psichici», ricorda Ortoleva. Un Roberto Ortoleva (http://dse.west-info.eu/).