Sei sulla pagina 1di 5

Arequipa, seconda città del Perù per numero di abitanti, è anche una delle più belle città del

paese.

La città vanta un seducente centro storico di epoca coloniale che nel 2001 fu inserito nella lista dei
Patrimoni mondiali dell'Umanità dell'UNESCO. Su strade e piazze dei barrios centrali si affacciano chiese,
monasteri e palazzi nobiliari tutti costruiti nella locale pietra vulcanica dall'aspetto tufaceo e dalla
caratteristica colorazione bianca che hanno valso ad Arequipa il soprannome "ciudad blanca".

Arequipa ha un carattere proprio, dissimile da qualsiasi altra città peruviana. Alcuni l'hanno definita un
pezzo di Andalusia in terra peruviana.

Secondo la tradizione il nome di Arequipa deriva dalla lingua quechua. Quando i sudditi dell'Inca Mayta
Cápac, meravigliati dalla bellezza della valle del Chili, gli chiesero il permesso di fermarsi e costruire una
città, egli rispose Ari qhipay, cioè sì, fermatevi qui.

Cenni geografici

Arequipa è situata sulle rive del fiume Chili e sorge ai piedi del grande vulcano El Misti (5.822 m s.l.m.) la cui
ultima eruzione risale al 1784.

Quando andare

Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic

Massime (°C) 20 20 20 21 20 20 20 21 21 21 21 21

Minime (°C) 10 10 10 9 8 7 7 7 8 8 8 9

Precipitazioni (mm) 42,4 74,4 10 5,3 0,2 0 0 0 0 0 0


17

Il sole splende su Arequipa 300 giorni all'anno e anche più. Si tratta di un record ineguagliato in tutto il
continente sud-americano. Purtroppo anche l'irradiazione ultravioletta è alta, ragion per la quale bisogna
prendere le dovute precauzioni. Il clima si mantiene costantemente secco. Solo durante l'estate australe
(dicembre-marzo) il tasso di umidità si eleva fino a raggiungere valori del 60-65%. Il termometro raramente
scende sotto i 10° d'inverno (giugno-settembre) e raramente supera i 30° d'estate. Un clima da eterna
primavera, non c'è che dire!

Cenni storici

Nel 2001 un terribile terremoto dell'8° della scala Richter colpì la città ma gli edifici storici ne rimasero
indenni.

Come orientarsi
Dynamic mapsArequipa centro (Plaza de Armas): mappa a tutto schermo.

Il centro storico di Arequipa fa perno sulla Plaza de Armas (o Plaza Mayor), sulla sponda orientale del rio
Chili. Vi si affacciano il palazzo municipale (palacio de la ciudad o alcaldía), la cattedrale e, nell'angolo di
sud-est, la Iglesia de La Compañía, appartenuta all'ordine dei Gesuiti. Gli altri monumenti sono a un tiro di
schioppo. Il monastero di Santa Catalina e la chiesa di San Francesco stanno qualche isolato più a nord, in
fondo alle strade che rasentano i fianchi della cattedrale.

A nord del famoso monastero sta il pittoresco barrio di San Lázaro, con antiche case che si affacciano su
stretti vicoli. Al centro del rione sta la piazzetta di Campo Redondo ove frati domenicani costruirono un
eremitaggio che costituì il nucleo originario della città di Arequipa.

Dalla Plaza de Armas si imbocca la via dei Bolognesi in direzione ovest e, attraversato il ponte sul Rio Chili,
incontriamo il monastero de Rocoleta, raggiungibile anche dal puente Grau, situato un po' più a nord.
Sempre sulla sponda occidentale e a nord del monastero sta il quartiere di Yanahuara ove sono presenti
altri monumenti del periodo coloniale tra i quali spicca la chiesa dedicata a San Giovanni Battista. Nel
quartiere è situato anche "el mirador", un famoso punto panoramico sulla campagna circostante dominata
dai picchi innevati di vulcani di oltre 6.000 m.

Come arrivare

In aereo

Arequipa possiede un aeroporto internazionale, il "Rodríguez Ballón International Airport" dove opera la
compagnia LAN Perú

In autobus

Arequipa ha due capolinea di autobus extraurbani, situati l'uno accanto all'altro all'incrocio della Avenida
Andrés Avelino Cáceres con Arturo Ibáñez nella zona Parco Industrial, qualche km a sud del centro storico.

Alla stazione nota come Terrapuerto fanno capolinea gli autobus provenienti da Lima che effettuano
fermate intermedie lungo i centri della costa, Nazca (8-10 ore), Pisco, Ica. Tenete presente che gli autobus
diretti a Lima non entrano all'interno dei 3 centri citati ma vi lasceranno sulla Pan-American.

L'altro, detto "Terminal Terrestre", accoglie tutti gli autobus da/per località del Perù meridionale, Puno in
circa 6 ore, Cuzco in 10 ore via Juliaca, ecc.

Vi operano le autolinee Ormeño, "Transportes Cruz del Sur" e Expreso Cial, Oltursa, le principali del paese e
le più affidabili.

Si ricorda che le stazioni degli autobus in Perù sono il regno dei ladri e quelle di Arequipa non fanno certo
eccezione. Dovreste evitare di attirare l'attenzione, vestendovi in modo dimesso e senza alcun aggeggio
addosso che possa tradire l'identità del turista spensierato. Spostarsi in autobus non è consigliato,
soprattutto di notte, per via di frequenti episodi di rapina a danno dei passeggeri.

Altre compagnie di autolinee hanno un capolinea separato dai due menzionati dianzi. Il consiglio è di non
prenderle in considerazione in quanto non affidabili. Salite solo a bordo di autobus che stazionano al
Terrapuerto e al Terminal Terrestre. Non chiedete informazioni al vostro albergo a meno che non abbiate
preso alloggio in uno di quelli elencati di seguito. Il personale dell'albergo potrebbe intentare una trappola
a vostro danno con scopo l'estorsione di denaro e con la complicità del conducente di taxi che verrà a
prelevarvi.

Come spostarsi

Cosa vedere

Arequipa - Cattedrale

Arequipa - Particolare della facciata della Compagnia di Gesù

Arequipa - Casa del Moral

Cattedrale. Edificata nel 1656 e ricostruita nel XIX secolo. modifica

Chiesa del Gesù (Iglesia y Complejo de La Compañía). modifica

Casa del Moral, Calle Moral 318. Edificata nel 1773, questa magione nobiliare in stile barocco-moresco deve
il suo nome ad una pianta ultracentenaria di gelso che sta nel patio. Ciò che rende unica La casa del Moral è
il suo magnifico portale d'ingresso in pietra riccamente scolpita. La visita agli interni offre l'opportunità di
rivivere al meglio perdute atmosfere coloniali. Imponenti porte in legno intagliato si aprono su saloni
arredati con mobili d'epoca. Le pareti delle sale sono ornate da pitture ad olio di artisti locali della scuola di
Cuzco (Escuela Cusqueña). Un secondo patio dalle mura dipinte in un intenso colore blu-cobalto si apre sul
retro della casa. modifica

Casa Tristan del Pozo, Calle San Francisco 108, ☎ +51 54 212 209. Risale al 1738 e fu la residenza del
generale Domingo Carlos Tristán del Pozo.. Dopo di lui si avvicendarono diversi proprietari tra i quali il
vescovo Manuel Yllana. Oggi appartiene al Banco Continental. Come altre magioni nobiliari di Arequipa, ciò
che colpisce è il portale in pietra scolpita. La casa ha pianta rettangolare e comprende 5 patio. modifica

Monastero di Santa Catalina (Monasterio de Santa Catalina), ☎ +51 54 60828. Ecb copyright.svg Ingresso
40 S/., guida 5 S/.. Fondato dall'ordine dei Domenicani nel 1579, il convento di Santa Catalina è il più
suggestivo dei monumenti religiosi di Arequipa e anche di tutto il Perù. È un complesso costituito da chiostri
adorni di fontane, cappelle votive collegati tra loro da sentieri che si snodano tra aiuole fiorite. Le monache
vissero nel monastero dall'anno della sua fondazione fino al 1972, anno in cui un decreto municipale le
costrinse a trasferirsi in un'altra struttura. Il comune infatti desiderava aprirne le porte al pubblico. Il
complesso è in stile moresco (mudéjar), simile a quello di molti edifici religiosi andalusi. In tutto conta 3
chiostri, 80 unità adibite a celle per monache e una piccola pinacoteca che si apre sulla piazzetta. Il
complesso per quanto integro è stato seriamente danneggiato dalle scosse del terremoto del 2008.
modifica

Chiesa di San Francesco (Complejo e Iglesia de San Francisco). modifica

Museo dei Santuari Andini - UCSM (Museo Santuarios Andinos de la Universidad Católica de Santa María),
Calle La Merced 110. Le collezioni comprendono oggetti artistici di epoca Inca rinvenuti sulle falde e sulle
cime dei vulcani nei dintorni di Arequipa. Il pezzo forte del museo è costituito dalla mummia di una vittima
sacrificale dei sacerdoti Inca. Si tratta del corpo di una ragazza rinvenuto nel settembre del 1995 in perfetto
stato di conservazione sotto i ghiacci che ricoprono la vetta del Monte Ampato a oltre 6.000 metri di
altitudine. Alla mummia fu dato il nome di Juanita in onore del capo della spedizione scientifica che la
rinvenne, il professor Johan Reinhard della National Geographic Society. Fu appurato che Juanita è rimasta
sepolta sotto i ghiacci per 550 anni e che era di 13 anni quando fu sacrificata. La mummia è stata posta in
un congelatore dalle pareti di cristallo per permettere ai visitatori di osservarla. modifica

Monastero Rocoleta (Monasterio de la Recoleta), Recoleta 117 (Sulla sponda occidentale del rio Chili).
Edificato nel 1648 per l'ordine dei Francescani, il monastero Recoleta si distingue per il suo alto campanile
in mattoni bianchi e rossi. Esso conteneva ben 7 chiostri dei quali ne sono rimasti 4. Vi è annessa una
biblioteca con circa 20,000 volumi.. Altre stanze sono adibite a museo. In una sono esposti oggetti inca e
pre inca, maschere funebri, totem, tessuti, mummie e una serie di pitture che raffigurano imperatori. In
un'altra sala sono esposti costumi indossati da indigeni dell'Amazzonia portati ad Arequipa da missionari
francescani. modifica

Eventi e feste

Cosa fare

Acquisti

Come divertirsi

Dove mangiare

Dove alloggiare

Prezzi modici

Hostal La Casa de Melgar, Calle Melgar n° 108, ☎ +51 54 222 459. Il più fascinoso e il più romantico degli
hostal economici del centro storico è ospitato in uno storico edificio coloniale costruito in "sillar", la bianca
pietra locale. Fu la residenza del vescovo di Arequipa. Il complesso si articola su tre patio. Le stanze, 30 in
tutto, sono ampie e quelle al pian terreno hanno un soffitto a volta. La prenotazione è necessaria
considerata la fama dell'hostal. modifica

Los Balcones de Moral y Santa Catalina, Calle Moral 217, ☎ +51 54 201 291. Un altro simpatico hostal del
centro storico. È ospitato in un edificio di epoca coloniale. Ha solo 17 stanze discretamente spaziose e tutte
con bagno privato. Alcune sono dotate di balconi con vista sulla cattedrale, altre si affacciano sul patio
interno e sono meno accattivanti delle precedenti per quanto godano di una maggiore tranquillità. modifica

Hostal Tambo Viejo, Avenida Malecon 107 (Socabaya), ☎ +51 54 288 195, @ room@tamboviejo.com.
modifica

La Casa de Mi Abuela, Jerusalén 606, ☎ +51 54 241 206, fax: +51 54 242 761. ."Hostal" di 50 stanze a
conduzione familiare. Personale molto cordiale. Ha una minuscola piscina e un servizio di lavanderia.
Provvede anche giri turistici nella regione intorno Arequipa. È molto noto il che significa che si riempe
facilmente. La prenotazione è dunque raccomandata. modifica

Hostal La Reyna, Zela 209 angolo Santa Catalina, ☎ +51 54 286 578. La Reyna è il più economico degli
hostal del centro, luogo d'incontro di giovani da tutto il mondo che viaggiano con il sacco a pelo. Oltre ai
posti letti nelle stanze dormitorio offerte a qualcosa come 2-3 euro (anno 2009), l'hostal dispone di un paio
di stanze sotto il terrazzo con il loro bagno privato che costano un'inezia in più, circa 5 euro incluse le tasse.
La Reyna è a un isolato dal monastero di Santa Catalina, lontano dal chiasso di bar e night che popolano il
rione intorno la plaza Mayor. Come gli altri hostal elencati precedentemente è insperabile trovarvi posto a
meno che non abbiate prenotato per tempo. modifica

Prezzi medi

La Maison d' Elise, Av. Bolognesi 104 (Sulla sponda occidentale del rio Chili, quartiere di Yanahuara), ☎ +51
54 256 185, +51 54 253 343. Un complesso alberghiero costituito da casette sparse in un parco molto
curato e dotato di piscina di piccole dimensioni. modifica