Sei sulla pagina 1di 4

Carmen 14

Se non ti amassi più dei miei occhi,


piacevolissimo Calvo, dopo il regalo che mi hai inviato
ti dovrei odiare di odio vatiniano1.
Ma che cosa ho fatto e che cosa ho detto,
perché mi rovinassi con tanti cattivi poeti?
Gli dèi diano molti mali a questo cliente,
che ti spedì in regalo una tale nefandezza.
Che se, come sospetto, questo strano e geniale dono
te lo dà il maestrucolo Silla,
per me non fa una grinza, anzi ne sono lieto e felice,
perché le tue fatiche non vanno in malora.
O dèi grandi, che orribile ed esecrando libretto!
E tu naturalmente lo spedisti al tuo Catullo,
perché crepasse subito il giorno dei Saturnali, il migliore dei giorni!
No, questa non la passerai liscia, imbroglione.
Non appena sarà giorno,
correrò agli scaffali dei librai,
i Cesi, gli Aquini, il Suffeno,
raccoglierò tutti i veleni.
Ma ti ripagherò di queste torture.
Voi intanto addio, via di qui, andatevene là,
da dove moveste il passo sciagurato,
rovine del secolo, pessimi poeti!

Carmen 38
Sta male, o Cornificio, il tuo Catullo,
sta male, mio dio, e peggiora
ogni giorno, ogni ora che passa.
E tu nemmeno una parola di conforto,
che è una cosa da nulla, che non costa!
Sono in collera con te. È così che
mi vuoi bene? Una minima parola basterebbe,
purché più mesta di un verso mesto di Simonide.

Carmen 5
Vivamus, mea Lesbia, atque amemus,
rumoresque senum severiorum
omnes unius aestimemus assis.
Soles occidere et redire possunt:
nobis, cum semel occidit brevis lux,
nox est perpetua una dormienda.
Da mi basia mille, deinde centum,
dein mille altera, dein secunda centum,
deinde usque altera mille, deinde centum.
Dein, cum milia multa fecerimus,
conturbabimus illa, ne sciamus
aut ne quis malus invidere possit,
cum tantum sciat esse basiorum.

Carmen 7
Mi chiedi quanti tuoi baci,
1
Vatinio era un protetto di Cesare, nemico di Catullo e di Calvo, che lo aveva accusato in più processi.
o Lesbia, mi bastino e avanzino.
Quanto grande è il numero dei granelli
di sabbia nel deserto di Libia disteso
intorno a Cirene che nutre aroma di silfio
fra l’oracolo di Giove infocato e l’antico sepolcro di Batto,
o quante le stelle che spiano
nel silenzio notturno i furtivi amori degli uomini,
con altrettanti baci baciarti è abbastanza
a Catullo impazzito d’amore,
tanti che i curiosi non possano
contarli né gettare il malocchio con parole d’invidia.

Carmen 43
Salve, nec minimo puella naso
nec bello pede nec nigris ocellis
nec longis digitis nec ore sicco
nec sane nimis elegante lingua,
decoctoris amica Formiani.
Ten provincia narrat esse bellam?
Tecum Lesbia nostra comparatur?
O saeclum insapiens et infacetum!

Carmen 51
Ille mi par esse deo videtur,
ille, si fas est, superare divos,
qui sedens adversus identidem te
spectat et audit
dulce ridentem, misero quod omnis
eripit sensus mihi: nam simul te,
Lesbia, aspexi, nihil est super mi
* * * * * * * * < vocis in ore >
Lingua sed torpet, tenuis sub artus
flamma demanat, sonitu suopte
tintinant aures gemina, teguntur
lumina nocte.
Otium, Catulle, tibi molestum est:
otio exsultas nimiumque gestis:
otium et reges prius et beatas
perdidit urbes.

Carmen 2
Passer, deliciae meae puellae,
quicum ludere, quem in sinu tenere,
cui primum digitum dare appetenti
et acris solet incitare morsus,
cum desiderio meo nitenti
carum nescio quid lubet iocari
et solaciolum sui doloris,
credo ut tum gravis acquiescat ardor:
tecum ludere sicut ipsa possem
et tristis animi levare curas!
Carmen 8
Miser Catulle, desinas ineptire,
et quod vides perisse, perditum ducas.
Fulsere quondam candidi tibi soles,
cum ventitabas quo puella ducebat
amata nobis, quantum amabitur nulla!
Ibi illa multa tum iocosa fiebant,
quae tu volebas nec puella nolebat.
Fulsere vere candidi tibi soles.
Nunc iam illa non vult: tu quoque, impotens, noli
nec quae fugit sectare, nec miser vive,
sed obstinata mente perfer, obdura.
Vale, puella. Iam Catullus obdurat,
nec te requiret nec rogabit invitam.
At tu dolebis, cum rogaberis nulla:
scelesta, vae te! Quae tibi manet vita?
Quis nunc te adibit? Cui videberis bella?
Quem nunc amabis? Cuius esse diceris?
Quem basiabis? Cui labella mordebis?
At tu, Catulle, destinatus obdura.

Carmen 70
Nulli se dicit mulier mea nubere malle
quam mihi, non si se Iuppiter ipse petat.
Dicit: sed mulier cupido quod dicit amanti,
in vento et rapida scribere oportet aqua.

Carmen 72
Dicebas quondam solum te nosse Catullum,
Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem.
Dilexi tum te non tantum ut vulgus amicam,
sed pater ut gnatos diligit et generos.
Nunc te cognovi: quare etsi impensius uror,
multo mi tamen es vilior et levior.
«Qui potis est?» inquis. Quod amantem iniuria talis
cogit amare magis, sed bene velle minus.

Carmen 85
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Carmen 101
Multas per gentes et multa per aequora vectus
advenio has miseras, frater, ad inferias,
ut te postremo donarem munere mortis
et mutam nequiquam alloquerer cinerem,
quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum,
heu miser indigne frater adempte mihi.
Nunc tamen interea haec prisco quae more parentum
tradita sunt tristi munere ad inferias,
accipe fraterno multum manantia fletu,
atque in perpetuum, frater, ave atque vale.