Sei sulla pagina 1di 18

Cerca questo sito

La chiesa celtica e la tradizione monastica del Medio Oriente


Iona: l'isola sacra dell'ovest Mistero della Chiesa madre
Archivio e-zine

San Giovanni Amato con il calice del Graal

La Johannine Celtic Church


di Barry Dunford

Sembra che ci siano stati due streamings primari della Chiesa di Cristo come ordinati da Gesù
stesso. In primo luogo, la Chiesa petrina più storicamente familiare fondata da San Pietro, che
alla fine si sviluppò nel Papato romano-ca olico. Inoltre, sembra che l'affermazione del papato
ca olico romano sul primato della Chiesa di Roma sia alquanto in dubbio. L'anzianità petrina
dell'antica Chiesa di Roma è stata messa in discussione da Charles Maitland ne La Chiesa nelle
Catacombe: una descrizione della primitiva Chiesa di Roma(1847): "Tu a la massa dell'antica
testimonianza, con una sola eccezione, dichiara che gli Apostoli ordinarono Linus [un principe
della stirpe reale celto-britannica - BD] primo vescovo di Roma ... la primitiva chiesa di Roma
mai pretese di rivendicare San Pietro come suo vescovo ... Vi è nel calendario romano un
festival, intitolato "La ca edra di San Pietro ad Antiochia", che esiste dal sesto secolo.Vi è anche
una festa di San Pietro presidente a Roma, 'nominato da Paolo IV, circa l'anno 1550. La festa di
Antiochia, che non può essere ora cancellata dal calendario, ha esercitato profondamente
l'ingegnosità degli scri ori romani.L'anzianità di Antiochia era evidente, Roma, come la più
giovane sorella, deve rinunciare alla sua pretesa per l'eredità della 'regalia Petri'. "
In secondo luogo, tu avia, esisteva un flusso primitivo cristico meno conosciuto stabilito da San
Giovanni Evangelista. Per citare Benjamin Walker nel suo lavoro Gnosticism: Its History and
Influence (1983): "Fin dagli inizi della nuova Chiesa c'era un corpo di do rine derivante da
Giovanni a cui, si diceva, erano stati comunicati i veri segreti del cristianesimo da Gesù. Questo
insegnamento era fortemente tinto di gnosticismo: l' apocrifo di Giovanni, o il libro segreto di
Giovanni, pretende di rivelare i "misteri celati nel silenzio" che Gesù gli ha insegnato. Il libro fu
citato da Ireneo e una sua versione fu trovata anche a Nag Hammadi. Molte scuole gnostiche
rivendicavano il vangelo canonico di Giovanni come un'opera che incarnava le loro stesse
do rine, e lo usavano come una fonte primaria dei loro insegnamenti .... Presenta un mistico
piu osto che un Gesù storico, con conce i derivati dalla filosofia di Alessandria. "Questo La
Chiesa di Giovanni e i suoi seguaci, che sono stati chiamati Cristiani Giovanniti, sembra aver
avuto radici sia in Medio Oriente che in Europa occidentale.

È interessante notare che durante il I secolo dC, Alessandria fu il centro fondatore della Chiesa
copta cristiana (principalmente basata in Egi o, Siria ed Etiopia) che, sebbene tradizionalmente
fondata da San Marco, aveva inclinazioni verso il corpus mystica di Johannine. La controparte
monastica copta nell'Europa occidentale, efficacemente la chiesa celtica di Britannia e Gallia,
sosteneva che i suoi principi religiosi derivavano dire amente dall'insegnamento mistico di San
Giovanni Apostolo. In Gran Bretagna questi monaci celtici erano conosciuti come Culdees, dal
gaelico Culdich, che è stato trado o come "alcuni estranei". Erano anche conosciuti con il nome
latino Coli Dei (servi di Dio). La connessione celto-copta è nota da Mary Caine che afferma: "Per
copto e celtico cristiano, Cristo ha riaffermato gli antichi Misteri. E sebbene la Chiesa successiva
abbia soppresso questa credenza, i monaci di Glastonbury l'hanno segretamente perpetuata ...
Gli eremiti copti del III secolo si sono stabiliti in Irlanda, e le capanne eremitiche di
Glastonbury recentemente scavate recano lo stesso marchio. "(The Glastonbury Zodiac: Key to
the Mysteries of Britain , 1978)

Sembra che ci fossero due correnti alla Chiesa di Cristo originaria ordinata da Yeshua / Gesù -
una chiesa esoterica di Giovanni e una Chiesa petrina exoterica. Questo è delineato in un
articolo intitolato "Il Graal - Alfa a raverso Omega" ( Porte del Tempio1998) di Maia e Simeon
Nartoomid, che affermano: "La Chiesa Giovannina fu fondata quando Yeshua concesse l'autorità
a San Giovanni l'Amato / Divino per stabilire una chiesa" nascosta ", cioè che portasse il mistero
del Cristo in un modo in cui la maggior parte delle anime incarnate sul pianeta in quell'epoca
non erano ancora pronte a ricevere: per il più grande corpo di anime sul pianeta, il Cristo ha
ordinato una chiesa so o Pietro ". È possibile che originariamente fosse inteso che in qualche
futuro punto del destino dell'umanità queste due correnti di coscienza cristica dovessero
fondersi insieme in un'unità sinergica sacra per formare quella che potrebbe essere chiamata la
Chiesa di Cristo. Per ora questo deve ancora realizzarsi.

Secondo Godfrey Higgins, un antiquario del 19 ° secolo, "I cristiani avevano un esoterico e un
exotericoreligione ". Commentando la prima chiesa cristiana, fa l'osservazione intrigante:" Al
tempo di cui ora parlo, i misteri delle genti non furono completamente aboliti, e l'umanità,
educata al rispe o per loro, non sentì obiezioni a il principio dei segreti o dei misteri nella
religione; ma ora, dal momento che è diventato l'interesse dei sacerdoti, o almeno dal momento
che pensano che sia diventato il loro interesse, per respingerli, le persone possono vedere
l'assurdità di loro. Ma non dubito che un sistema segreto sia ancora nel conclave, custodito con
tanta o più cura, o almeno con più potere, dei segreti della massoneria. I sacerdoti sanno che
uno dei modi migliori per separarli è negare che esistano. In effe i, i capi della chiesa devono
ora vedere molto chiaramente,ciò che non si può negare è che (se si crede al più colto e
rispe abile dei primi padri della chiesa) il cristianesimo conteneva una religione segreta, che la
popolazione non acconsentiva a restare nell'oscurità. Ma se la do rina segreta sia perduta o no, è
un fa o che fu la fede dei primi padri cristiani, ammessa da loro stessi, che c'era una tale
do rina segreta. "( Anacalypsis: o Un'inchiesta sull'origine delle lingue , Nazioni e religioni , 1836,
vol. I). Questa do rina segreta si basava su una tradizione esoterica del mistero di Giovanni,
distinta dalla exoterica Petrine Church?

Le correnti spirituali cristiane di Petrine e Johannine sono ulteriormente identificate e


differenziate in The Beginnings of Christianity: mistero di Essene, rivelazione gnostica e visione
cristianae ci fa una domanda. Si chiede se sia stato raggiunto un certo stadio di sviluppo nello
sviluppo dell'umanità, rendendo possibile la visione spirituale autocosciente rappresentata
dall'Immaginazione. Anche il riconoscimento della sua possibilità è di per sé un inizio, in
accordo con la formula di Johannine "L'ora sta arrivando ed ora è ...". "

San Giovanni Evangelista di van Dyck, anni 1620

C'era una tradizione che durante il regno dell'imperatore romano Domiziano (81-96 d.C.) alcuni
dei discepoli dell'apostolo Giovanni visitarono Caledonia (rif. Storia del paganesimo in
Caledonia di Thomas Wise, 1884). Ciò avrebbe potuto costituire la base di una Chiesa del Graal
di Giovanni che incorporava l'insegnamento misterioso di San Giovanni Evangelista. Come
risultato di una possibile fusione tra questo gruppo mediorientale, probabilmente l'esseno, e gli
elementi di un druido magi preesistente, una chiesa giovannea potrebbe essersi sviluppata
a raverso una linea monastica che divenne nota nella Britannia celtica come i Culdees. Nel suo
libro, Celt, Druid e Culdee, l'autrice, Isabel Hill Elder, afferma: "John Colgan, il celebre
hagiologo e topografo, traduce Culdich" Quidam Advanae "- alcuni estranei - particolarmente
estranei da lontano: questa sembrerebbe un'interpretazione inesplicabile del nome di questi
primi cristiani non per la dichiarazione di Freculphus che alcuni amici e discepoli di nostro
Signore, nella persecuzione che seguì la sua Ascensione, trovarono rifugio in Gran Bretagna nel
37 d.C. " A sostegno di questa datazione di una missione apostolica in Gran Bretagna, l'erudito
vescovo Ussher (1580-1656) scrive in Bri annicarum Ecclesiarum Antiquitates: "La Chiesa
nazionale britannica fu fondata 36 d.C., 160 anni prima che Roma pagana confessasse il
cristianesimo". Inoltre, secondo lo storico ecclesiastico Eusebio di Cesarea (2664-340 d.C.): "Gli
apostoli passarono oltre l'oceano verso le isole chiamate Isole Britanniche".

Thomas Innes, nella sua storia civile ed ecclesiastica della Scozia (1853, Spalding Club), cita lo
storico scozzese, George Buchanan, come a dire "gli antichi britannici riceve ero il
cristianesimo dai discepoli di S. Giovanni da monaci istruiti e devoti di quell'epoca". Innes cita
ulteriormente David Buchanan, un altro scri ore scozzese, che osserva che "coloro che
entravano nelle nostre regioni se entrionali", cioè la Scozia, "e per primi hanno fa o conoscere
ai nostri padri i misteri del cielo, erano i discepoli di S. Giovanni Apostolo". David Buchanan
prosegue dicendo che gli scozzesi avevano ricevuto "i loro principi e riti", cioè la do rina e la
disciplina del cristianesimo, "dai loro primi apostoli, i discepoli a S. Giovanni". Inoltre,(1811),
l'autore, John Jamieson, commenta: "Tertulliano, che fiorì in questa epoca [il II secolo d.C.],
afferma che il Vangelo non solo era stato propagato in Gran Bretagna, ma aveva raggiunto
quelle parti dell'Isola in cui le armi romane non erano mai penetrate [le Highlands della Scozia
- BD] .Questo concorda perfe amente con la difesa, fa a dai Culdees, dei loro peculiari modi di
adorazione, poiché affermano ancora di averli ricevuti dai discepoli di Giovanni Apostolo ".

Commentando i Culdees, il reverendo Alexander Low, nella sua Storia della Scozia dal primo
periodo alla metà del nono secolo (1826) osserva: "Gli ordini religiosi degli uomini tra gli antichi
scozzesi erano conosciuti con il nome di Culdees, da cuil , o cel , una ritirata, e De, Dio. Come i
difensori dei loro peculiari modi di culto osservano, che li ricevono dai discepoli di San
Giovanni, è probabile che fosse un nome dato a quei rifugiati, che erano fuggiti in luoghi di
sicurezza nel nord, che erano inaccessibili a i Romani durante le persecuzioni diocesiane, nel
secondo o terzo secolo. L'establishment Culdee si avvicina alla semplicità della chiesa nei tempi
antichi, prima che venissero introdo e le distinzioni papali, di qualsiasi stru ura politica
ecclesiastica forse nel mondo .... L'establishment Culdee aveva ormai acquisito una solida base
nella nazione. Alcuni dei suoi membri non solo eccellevano in astronomia, poesia e retorica, ma
anche in filosofia, matematica,

L'importante legame tra la leggendaria missione di Josephian nelle isole britanniche e lo


sviluppo della fraternità di Culdee è chiaramente mostrato in The Drama of the Lost Disciples
indica chiaramente che erano considerati più che semplici estranei. Il nome li distingue come
qualcuno di speciale. In questo caso, da quando sono arrivati in Gran Bretagna in una missione
speciale con un messaggio speciale, possiamo tranquillamente acce are il titolo che significa
identificarli come "certi stranieri, servi del Signore" ... Nelle antiche triadi britanniche, Joseph ei
suoi dodici compagni sono tu i indicati come Culdees, come anche Paul, Peter, Lazarus, Simon
Zelotes, Aristobulus e altri. Questo è importante. Il nome non era conosciuto al di fuori della
Gran Bretagna e quindi poteva essere assegnato solo a coloro che in realtà avevano dimorato tra
i Cymri britannici. Il nome non è mai stato applicato a nessun discepolo non associato alle
prime missioni britanniche. Anche se la Gallia era celtica, il nome non fu mai impiegato lì.

Secondo il Libro di Fenagh , un manoscri o irlandese del XVI secolo, San Giovanni era un
Culdee. Inoltre, Christine Hartley in The Western Mystery Tradition(1968) scrive: "Il primo
suggerimento dell'idea che San Giovanni il Divino era un Kelt proveniva da un documento dato
nella Loggia scozzese della Società Teosofica nel 1894 ... L'apertura del suo Vangelo è l'apertura
naturale di il Kelt che era venuto al cristianesimo C'è la certezza base del Keltic che all'inizio
c'era la Parola - Logos - l'Essere Supremo - "lo stesso era all'inizio con Dio" ... .Questi primi
cinque versi separano San Giovanni da gli altri Apostoli: gli altri tre Evangelisti, si noti, parlano
sempre del "popolo", ma St.John invariabilmente scrive "Gli ebrei", come se fossero per lui
stranieri ". Questo autore nota inoltre: "Iona '. "

Per quanto riguarda i Culdees, Christine Hartley dice: "Accanto all'adorazione degli antichi dèi
è nata la se a poco nota dei Culdees, che si ritiene siano stati i discendenti dire i dei vecchi
Druidi e che siano stati il ponte con il quale i il divario tra la vecchia dispensazione e il nuovo
fu finalmente superato ... Che i Culdees fossero in qualche misura i successori dei Druidi è una
teoria ragionevole in considerazione del fa o che i più grandi insediamenti di Culdee furono
trovati dove i Druidi sono noti per avere stato fortemente radicato ... la loro fortezza in Scozia
era Iona ... Nel corso degli anni le scuole misteriche occidentali dei primi secoli furono assorbite
nel rito cristiano, ma ugualmente naturalmente rimasero alcuni dei loro insegnamenti ".

La sede principale dell'apprendimento per la chiesa Celtic Culdee si trovava nell'Abbazia di


Dull, nel Perthshire, nella Scozia centrale. Si ritiene che risalga al 700 dC e continuò per sei
secoli fino a quando non fu soppiantato, nel 1311, dall'Abbazia di St. Andrews, sulla costa
orientale della Scozia. C'è un'antica tradizione che l'abbazia di Culdee a Dull si trovasse su un
precedente sito religioso risalente al I secolo dC Il suo fondatore sarebbe stato un certo
Mansueto, un membro della stirpe reale caledoniana, che fu reputato ba ezzato da Giuseppe
d'Arimatea a Glastonbury.

Una pietra del santuario che segna l'


Abbey Lands a Dull, nel Perthshire

William F. Skene, Storiografo Reale per la Scozia, afferma che la Chiesa Culdee fu fondata su
una tradizione giovannea, a raverso l'opera missionaria di San Patrizio, che aveva studiato con
lo zio, San Martino di Tours, nell'antica Gallia. Nel suo lavoro The Highlanders of
Scotland(Edizione 1902) Skene afferma: "La chiesa dei Pi i se entrionali e degli scozzesi
se entrionali, a cui venne in seguito dato il nome di Culdee, e che doveva la sua origine a San
Patrizio ... .manuato dalla chiesa di Gallia, una chiesa sempre contraria a quella di Roma, e
sostenendo una discesa dalla chiesa di Efeso, e il suo fondatore, San Giovanni Evangelista, e fu
so o l'insegnamento di San Martino di Tours che San Patrizio incornicò il sistema di governo
ecclesiastico che egli successivamente Il principale scri ore da cui derivano tu e le
informazioni riguardanti la chiesa di Culdee è il Venerabile Beda, e di conseguenza troviamo
che lo scri ore imputa alla chiesa di Culdee certe peculiarità nella sua forma esteriore e governo
che implica di non essere esistito in altre chiese ".

Inoltre, in The Ecclesiastical Antiquities of the Cymry: o nell'antica chiesa britannica (1844), il
reverendo John Williams, MA commenta: "Veramente la successione dei vescovi era in possesso
della comunione britannica al tempo di Ireneo, circa 169 dC, o lui, che espressamente lo
appellava contro le pretese di eretici e a favore delle affermazioni del ca olicesimo, non avrebbe
mai incluso indiscriminatamente i Celti Cristiani all'interno delle vere chiese ... .Irenaeus
identifica evidentemente il credo e le tradizioni della Chiesa Britannica con quelli dell'Est ... Ciò
spiegherà il fa o che in in seguito riferirono le loro tradizioni a San Giovanni e giurarono sul
suo vangelo ... Nel V secolo, una successione del loro apostolo preferito San Giovanni fu
introdo a tra i cristiani di Cymry ".

In The History of the Culdees: the Ancient Clergy of the British Isles A.D.177-1300 by Rev.
Duncan McCallum (1855) we find: "It is certain that Culdees introduced Christianity into the
island in the third century....In the north, the Culdees quoted the apostle John as their authority
for departing from the dogmas of the Church of Rome....The Culdees changed not the terms
used by the Druids, the ancient priests of the Celtae. Their language being a dialect of the
Celtic, which is a descriptive language, no other terms could be chosen more appropriate; for
instance, clachan, which was the druidical edifice for worship, and clachan was the proper name
of the building in which the Culdees worshipped....Seats of learning, or colleges, were called
Cathair-Chuldich, - the seat or chair of the Culdees. These were many. Wherever was a clachan,
there was a cathair-chuldich, as a parochial school is adjacent to every parish church in
Scotland." The Culdee colleges or seats of learning which were styled "Cathair Culdich" (the
Chair of the Culdees) are of particular interest when one considers the possible origin of the
Christian orientated Cathar fraternity, based in France around the 12th century. The close
similarity between the names Cathair and Cathar may be significant especially when the
spiritual philosophy of the Cathars was believed to revolve around a secret book a ributed to
the Apostle John. Like the Culdees, the Cathars of France were also deemed to be a threat by the
Church of Rome which systematically suppressed both Christ orientated orders.

La connessione Celtic Culdee con il Medio Oriente è commentata dallo studioso francese Henry
Corbin in The Imago Templi in Confrontation (1974) che afferma: "La primitiva chiesa celtica,
prima della romanizzazione, è rappresentata da gruppi di monaci noti come Culdees ... I gruppi
di compagni chiamati con questo nome sembrano, inoltre, avere un ruolo molto più importante
in Scozia che in Irlanda ... questi gruppi autonomi di fratelli eremiti corrispondono a ciò che
sappiamo della stru ura originale della Chiesa celtica .... questi Coli Dei[Culdees] ha avuto un
ruolo nel lato celtico analogo al ruolo a ribuito sul lato orientale ... ai canoni del Santo
Sepolcro, i discendenti spirituali degli Esseni. L'appello a una lontana filiazione celto-scozzese è
parallelo all'appello fa o all'affiliazione con i costru ori del Tempio di Salomone e la comunità
di Gerusalemme. È come se la doppia linea di discendenza, ierosolimita e scozzese, fosse
collegata, Ab origine symboli , la Chiesa di Giacomo e la Chiesa celtica nelle prove e disgrazie da
cui il cavalierato del Tempio deve salvarli ". Corbin continua:" I Coli deisono inclusi anche nella
linea spirituale di discendenza dai costru ori del Tempio di Salomone, la linea degli Esseni, gli
Gnostici, persino i Manichei e gli Ismailiti. Furono stabiliti a York, in Inghilterra, a Iona, in
Scozia, nel Galles e in Irlanda; il loro simbolo preferito era la colomba, il simbolo femminile
dello Spirito Santo. In questo contesto, non sorprende trovare il druidismo mescolato con la loro
tradizione e le poesie di Taliesin integrate nel loro corpus . Anche l'epopea della Tavola rotonda
e la ricerca del Santo Graal sono state interpretate come riferite ai diri i della Coli Dei . Era,
inoltre, ai tempi della Coli Deia questo viene assegnata la formazione del cavalier scozzese la
cui sede è rappresentata dal misterioso santuario di Kilwinning, all'ombra del monte Heredom
nell'estremo nord della Scozia. "

Dalla Chiesa nascosta del Santo Graal: le sue leggende e il simbolismo(1909) di AE Waite,
apprendiamo: "L'abate Gregoiré affermava che il nostro Salvatore mise i suoi discepoli so o
l'autorità di San Giovanni, che non abbandonò mai l'Oriente e da cui furono trasmessi alcuni
insegnamenti segreti ai suoi successori, i cristiani giovanni , portando dopo molti secoli
all'istituzione dei Templari ... L'ultimo asilo di San Giovanni era Efeso, che era una grande casa
di speculazioni teosofiche, e sebbene il perno e il centro del quarto vangelo sia che la Parola fu
fa a la carne, quel testo composito e meraviglioso porta tu i i segni di essere scri o in
un'atmosfera gnostica ... La nozione che ha comunicato qualcosa, e che questo qualcosa è
rimasto, è così ricorrente, e in mezzo a così tanti interessi divisi, che è difficile rifiutarlo come
una finzione;è difficile persino dire che nessun Cavaliere Templare soggiornante in Oriente non
ha mai sentito, nei secoli avanzati, strane notizie ... la Tradizione Segreta si collegava più
stre amente con il lato della Chiesa del cristianesimo in un punto di conta o giovannesco .... Ci
sono strane indicazioni di fonti dietro ilVangelo secondo San Giovanni . Dietro ai memoriali
della Gnosi ci sono anche indicazioni di uno stadio in cui non esisteva ancora la separazione
delle scuole ortodosse ed eretiche, ma piu osto un'unione nella più alta esperienza dire a,
come se i misteri fossero celebrati, e ad uno stadio di questi vi era la presenza del Maestro. Ma
la presenza del Maestro era il termine dell'esperienza nel Graal. Lascio quindi la tradizione
giovannea, la sua possibile perpetuazione, tu o segretamente all'interno della Chiesa e la sua
possibile transizione verso ovest, come una ricerca finora incompleta per mancanza di materiali.
"

Altrove, AE Waite riferisce inoltre: "Quando Origene negò in tu a la verità e sincerità che la
Do rina Cristiana era un sistema segreto, si affre ò a determinare la sussistenza di una parte
esoterica che non fu dichiarata alla moltitudine, e lo giustificava non solo riferimento al lato più
arcano dell'Insegnamento pitagorico, ma alla segretezza che lega tu i i Misteri. Sorge quindi la
questione se la disciplina arcani, che si riferisce di solito all'Eucaristia, perché a tu i gli altri
deve essere estraneo, non può essere incorporato in quella Tradizione di San Giovanni il Divino
di cui abbiamo certamente tracce ... Le tradizioni riguardanti il discepolo amato sono numerose
in la Chiesa cristiana, e dal lato taumaturgico che emanano dalle intimazioni evasive del suo
Vangelo, che sarebbe rimasto sulla terra fino alla seconda venuta del Salvatore. Dal suo calvario
di martirio uscì quindi vivo, secondo la sua leggenda, e così rimase, secondo l'opinione di
sant'Agostino, riposando come un addormentato nella sua tomba a Efeso. San Cirillo testimonia
anche che non è mai morto ... Ciò che in realtà sopravvisse fu la Tradizione della sua
Conoscenza Segreta, il cui implicito è che chi si è riposato sul pe o del suo Maestro non si è
alzato ed è uscito senza un'intima partecipazione ai Misteri del Sacro Cuore .... Quando ho
parlato della Tradizione Giovannina nelle sezioni precedenti non deve essere inteso come
riferimento a una specifica comunità esterna, come quella che è stata descri a in passato come
Giovanni Giovannino. "Waite commenta anche:" È necessario porre l'esistenza di un singolo
libro primordiale, quindi il SANCTUM GRAAL, LIBRE GRADALIS o MISSA DE CORPORE
CHRISTI conteneva questi elementi ... Nessuno scri ore del Graal aveva mai visto questo libro,
ma le voci di esso riguardavano il mondo. Era tenuto in riserva, non in un monastero a
Glastonbury, ma da una scuola segreta di cristiani la cui posizione nei confronti dell'a uale
ortodossia era quella dell'apice alla base di ogni triangolo perfe o: il suo completamento e non
la sua distruzione. C'erano più voci fuori casa di quanto ci si potesse aspe are
antecedentemente, come se una Chiesa di San Giovanni il Divino fosse stata piantata da
qualche parte in Occidente, ma non negli spazi aperti. "(The Holy Grail: The Galahad Quest in
the Arthurian Literature , 1933). Questo testo del Graal nascosto potrebbe riguardare un libro
segreto di San Giovanni Apostolo che si diceva fosse un elemento centrale nell'adorazione
spirituale dei Catari?

questo sembra un punto troppo spesso trascurato dai commentatori delle Leggende del Graal.
Affinché la mistica del Santo Graal potesse fiorire e fru ificare, era essenziale che Giuseppe
sfuggisse a tu e le influenze legalistiche: tanto la giurisprudenza rabbinica di Gerusalemme
come la giurisprudenza canonica di Roma. Né tra i popoli ebrei né quelli latini era possibile
uno sviluppo così mistico; aveva bisogno della natura speciale della razza celtica, la cui anima è
un rifugio del Mistero. Spesso viene chiesto perché il Santo Graal avrebbe dovuto viaggiare così
lontano, finalmente a casa in Bretagna; nel sud-ovest dell'Inghilterra e nel Galles. La risposta è
la più semplice. Questi sono i paesi della razza celtica. Inoltre, in questi paesi splendeva la luce
della Chiesa celtica, antica come quella di Roma, conosciuta come '

dopo molti secoli di aspri confli i con la Chiesa di Roma - il misticismo che si difendeva contro
il dogmatismo - fu ufficialmente sciolto dal decreto papale nel 850, continuò ad esercitare una
potente influenza durante i secoli della cavalleria. Molte delle Leggende della Tavola Rotonda -
inclusa la Ricerca del Santo Graal - sono incomprensibili senza la chiave celtica ... È indubbio
che l'origine della Leggenda del Santo Graal sia in Palestina. Non è meno evidente che il culto
del Graal e la ricerca del Graal appartengono ai paesi celtici occidentali. Gli incidenti miracolosi
che accompagnano i viaggi dei Guardiani del Graal non alterano in alcun modo il fa o storico
che la Leggenda è stata sviluppata e resa reale in un'atmosfera celtica e non altrove. " continuò a
esercitare una potente influenza durante i secoli della cavalleria. Molte delle Leggende della
Tavola Rotonda - inclusa la Ricerca del Santo Graal - sono incomprensibili senza la chiave
celtica ... È indubbio che l'origine della Leggenda del Santo Graal sia in Palestina. Non è meno
evidente che il culto del Graal e la ricerca del Graal appartengono ai paesi celtici occidentali. Gli
incidenti miracolosi che accompagnano i viaggi dei Guardiani del Graal non alterano in alcun
modo il fa o storico che la Leggenda è stata sviluppata e resa reale in un'atmosfera celtica e non
altrove. " continuò a esercitare una potente influenza durante i secoli della cavalleria. Molte
delle Leggende della Tavola Rotonda - inclusa la Ricerca del Santo Graal - sono incomprensibili
senza la chiave celtica ... È indubbio che l'origine della Leggenda del Santo Graal sia in
Palestina. Non è meno evidente che il culto del Graal e la ricerca del Graal appartengono ai
paesi celtici occidentali. Gli incidenti miracolosi che accompagnano i viaggi dei Guardiani del
Graal non alterano in alcun modo il fa o storico che la Leggenda è stata sviluppata e resa reale
in un'atmosfera celtica e non altrove. " È indubbio che l'origine della Leggenda del Santo Graal
sia in Palestina. Non è meno evidente che il culto del Graal e la ricerca del Graal appartengono
ai paesi celtici occidentali. Gli incidenti miracolosi che accompagnano i viaggi dei Guardiani
del Graal non alterano in alcun modo il fa o storico che la Leggenda è stata sviluppata e resa
reale in un'atmosfera celtica e non altrove. " È indubbio che l'origine della Leggenda del Santo
Graal sia in Palestina. Non è meno evidente che il culto del Graal e la ricerca del Graal
appartengono ai paesi celtici occidentali. Gli incidenti miracolosi che accompagnano i viaggi
dei Guardiani del Graal non alterano in alcun modo il fa o storico che la Leggenda è stata
sviluppata e resa reale in un'atmosfera celtica e non altrove. "
Francis Rolt-Wheeler osserva anche un nesso tra il mito del Graal celtico e il Cavaliere
Templare: "Molti passaggi nelle leggende della tavola rotonda mostrano un parallelismo con i
Cavalieri Templari, proprio come la Divina Commediadi Dante è principalmente uno studio
esoterico delle Religioni della Luce ... Il simbolo della Luce era una prova acce ata di eresia. Era
anche un simbolo acce ato di opposizione alla Chiesa romana. Roger Bacon fu imprigionato
dalla Chiesa per avere un medaglione del Sole in suo possesso. Alchimia spirituale era so o il
divieto a causa del "Sole nascente". Il "Sole radioso" della fraternità iniziatica era un segno
nascosto e segreto ... Molte di queste corrispondenze e questi parallelismi si trasformano in un
paradiso celeste, una nuova Gerusalemme, una cavalleria spirituale e un santuario più interno
dei santuari. Questi sono di esoterismo del Santo Graal, e anche dei Cavalieri Templari, che
rivendicavano il loro diri o a continuare come cavalleria spirituale in cielo e che avevano una
propria messa in un Santuario Interiore. Un ulteriore collegamento si trova nel confronto tra il
Santo Graal e la Chiesa spirituale o interiore, di cui la Chiesa esterna era un velo. Con le
Religioni della Luce, i Templari cercarono di sollevare il Cristianesimo dalla melma in cui si
crogiolava durante il Medioevo .... la Liturgia inLa Queste del Santo Graal non è latino. È
orientale, e quindi in questo periodo, in accanita opposizione a Roma. Le frasi sono tra e dal
Vangelo di San Giovanni - un Vangelo odiato dalla Chiesa - ed era un'accusa formale di eresia
nelle prove dei Cavalieri Templari che usavano questo Vangelo ... Qui, quindi, non c'è né
identità né successione tra la ricerca del Santo Graal e i Cavalieri Templari, ma il contenuto
spirituale è lo stesso. Lo spirito della missione si trova nelle opere dei Cavalieri Templari; la
fede e l'ardore del templare si trovano nella ricerca del Santo Graal. "( Mystic Gleams from the
Holy Grail , c. 1940s)

An intriguing connection between the european Knights Templar and the eastern Coptic priests
is recorded by Dr. Karl Roessler in his History of Freemasonry (1836, Leipzig). Roessler states:
"We find in the Instructions of the Chevalier d’Orient where are celebrated the foundation of
the Knights Templars and the spread of their teachings in Europe the following declaration on
the ma er is given: ‘Eighty-one Masons under the leadership of Garimonts, the Patriarch of
Jerusalem, went, in the year 1150, to Europe and betook themselves to the Bishop of Upsala
[Sweden] who received them in very friendly fashion and was consequently initiated into the
mysteries of the Copts which the Masons had brought with them; later he was entrusted with
the deposit of the collection of those teachings, rites and mysteries. The Bishop took pains to
enclose and conceal them in the subterranean vaults of the tower of the ‘Four Crowns’ which at
that time, was the crown treasure chamber of the King of Sweden. Nine of these Masons,
amongst them Hugo de Paganis, founded in Europe the Order of the Knights Templars; later on
they received from the Bishop the dogmas, mysteries and teachings of the Coptic Priests,
confided to him." Dr. Roessler also says: "Scotch Templars were occupied in excavating a place
at Jerusalem in order to build a temple there, and precisely on the spot where the temple of
Solomon – or at least that part of it called the Holy of Holies – had stood. During their work
they found three stones which were the corner stones of the Solomon temple itself. The
monumental form of these excited their a ention; this excitement became all the more intense
when they found the name Jehovah engraved in the elliptical spaces of the last of these stones –
this which was also a type of the mysteries of the Copt – the sacred word which, by the murder
of the Master Builder, had been lost, and which, according to the legend of the first degree,
Hiram had had engraved on the foundation stone of Solomon’s temple. After such a discovery
the Scotch Knights took this costly memorial with them, and, in order eternally to preserve their
esteem for it, they employed these as the three corner stones of their first temple at Edinburgh’."
La connessione Templare Johannine è ulteriormente evidenziata in Secret Society and
Subversive Movements (1924) di Nester H. Webster: "Il Dr. Ranking, che ha dedicato molti anni
di studio alla questione, è giunto alla conclusione che il Johannismo è la vera chiave per l'eresia
dei Templari. In un articolo molto interessante pubblicato nella rivista massonica Ars Quatuor
Coronatorumosserva che "il registro dei Templari in Palestina è una lunga storia di intrighi e
tradimenti da parte dell'Ordine", e infine, "che fin dall'inizio del cristianesimo si è trasmesso
a raverso i secoli un corpo di do rina incompatibile con il cristianesimo nelle varie Chiese
ufficiali ... Che i corpi che insegnavano queste do rine professavano di farlo sull'autorità di San
Giovanni, al quale, come sostenevano, i veri segreti erano stati commessi dal Fondatore del
Cristianesimo. Che durante il Medioevo il sostegno principale dei corpi gnostici e il principale
deposito di questa conoscenza era la Società dei Templari. "Inoltre, scrivendo sulla tradizione
dei Templari Giovannini in un documento presentato alla società Folk-Lore nel 1917, DF de l '
trasmise nel 1118 d.C. i suoi poteri di Gran Pontefice dei "cristiani" di Johannite a Hugo de
Payens [fondatore dei Cavalieri Templari], che nominò anche suo successore. Questi Johanniti
(non li chiamerò cristiani) erano un corpo gnostico, altrimenti noto come Nabatei, Nasoroeans
(Nusari), Mandoeans o Sabians .... il mio suggerimento è che la Graal Legend era la leggenda
centrale del rito Templare - un rito di origine orientale .... che il significato nascosto del Graal
stesso era la chiesa di Johannite ". trasmise nel 1118 d.C. i suoi poteri di Gran Pontefice dei
"cristiani" di Johannite a Hugo de Payens [fondatore dei Cavalieri Templari], che nominò anche
suo successore. Questi Johanniti (non li chiamerò cristiani) erano un corpo gnostico, altrimenti
noto come Nabatei, Nasoroeans (Nusari), Mandoeans o Sabians .... il mio suggerimento è che la
Graal Legend era la leggenda centrale del rito Templare - un rito di origine orientale .... che il
significato nascosto del Graal stesso era la chiesa di Johannite ".

Ulteriori retroscena storica sul mito di Giovanni Celtico e lo sviluppo di una tradizione del
mistero occidentale è fornita in The Flaming Door: uno studio preliminare della missione
dell'anima folk celtica per mezzo di Legends and Myths (1962) di Eleanor C. Merry che Scrive:
"L'impulso spirituale dei vecchi Misteri celtici, lavorando in modo più o meno nascosto e
incontrando, a raverso l'opera missionaria dei monaci irlandesi in Europa centrale con il
cristianesimo gnostico giovanile , ha dato origine, nel qua ordicesimo secolo secolo, alla
fondazione della scuola segreta di Christian Rosenkreuz, la Confraternita della Rosa Croce,
chiamata anche " Giovanni Cristiani"'... Nel Vangelo di Giovanni troviamo qualcosa di
completamente diverso. La Madre di Gesù, Maria-Sophia , deve essere unita all'amato
discepolo: "Donna, ecco tuo figlio!" Giovanni prende la divina Sapienza del mondo nel suo
cuore. E le ultime parole dalla Croce sono: "È finita". Cosa è finito? Non la missione di Cristo,
perché il suo adempimento è appena iniziato. Ma la "contrazione" di tu o l'universo spirituale
nella creazione materiale dell'uomo e della Terra era finita. L''espansione' doveva iniziare; la
redenzione della divina Sapienza da parte dell'uomo doveva iniziare. Il Libro dell'Apocalisse
guarda lontano nel futuro è stato il suo primo fru o. "

Eleanor Merry continua: "John osserva con occhi d'aquila l'infinita evoluzione futura del mondo
e scrive del passato:" È finito ". Giovanni a raversa il passato e il futuro, perché ha il segreto di
la parola creativa che continua: "Sono sempre con te, fino alla fine del mondo". Vede il futuro
perché ha capito l'inizio. È unito alla divina Sapienza Sophia-Maria, il cui simbolo, dal Padre, è
la Colomba. L'aquila della visione diventa la "Colomba dell'eterno". Giovanni, a raverso i
"Giovanni Cristiani", porta nel futuro i Misteri della Parola da est a ovest. Da qui nacque quello
che divenne noto nel IX secolo come la Saggezza del Graal, i cui Cavalieri avevano l'emblema
della Colomba sulla loro armatura. Ma prima, come già de o, doveva essere unito al flusso dei
Misteri Celtici dell'Occidente, portato verso l'Europa verso l'Europa dagli alunni di San
Colombano. E questa unione è già prefigurata nelle parole della figlia dell'occidente, sposa: "La
mia veste '(Misteri Occidentali)' sarà posata sul Signore del Mondo . ' E così avvenne, nel
qua ordicesimo secolo [in concomitanza con l'apparente decesso della tradizione Templare -
BD], non solo il fru o maturo dell'incontro di questi due aspe i dei vecchi Misteri come
l'insegnamento esoterico della Rosa e il Croce, ma in questa Fratellanza segreta anche tu i gli
altri aspe i sono stati disegnati insieme per formare un nucleo di insegnamento che è
sopravvissuto so o la superficie della civiltà nel nostro tempo e sarà in grado di farsi conoscere
poco a poco. "

In The Sign of the Dove (1983) di Elizabeth van Buren, l'autore osserva: "Ci sono diversi casi
registrati nella storia della Bibbia che potrebbero indicare che la chiesa che Pietro doveva
rappresentare, non era la vera chiesa ... Il futuro materialismo della Chiesa di Roma e la sua
mancanza di comprensione dello spirito di Cristomessaggio, vengono profetizzati in questi
verse i [dai Vangeli canonici - BD], così come la sua futura negazione della Vera Chiesa. Inoltre,
il tema di Giovanni come capo della chiesa esoterica, è raffigurato nella storia della scoperta che
Cristo è risorto. Quando la Maddalena va al sepolcro e la trova aperta, corre a chiamare Pietro e
"Il discepolo che Gesù amava". Si affre ano verso il sepolcro, ed è il discepolo senza nome che
scaccia Pietro e vi arriva prima. (San Giovanni 20: 2) Recentemente è stato suggerito che la storia
di Lazzaro risuscitato dai morti è legata a San Giovanni, cioè che Lazzaro e Giovanni sono la
stessa persona .... Ci sono leggende risalente al IV secolo che parla di Maria Maddalena in fuga
dalla Terra Santa e che va in Francia, portando il Graal con sé. Si diceva che la accompagnassero
Giuseppe di Arimatea, Marta, Lazzaro e altri. Giuseppe d'Arimatea avrebbe dovuto recarsi dalla
Francia a Glastonbury, in Inghilterra, dove fondò una chiesa paleocristiana .... Cesare Baronius,
bibliotecario del Vaticano nel 1596, scrisse nella sua "Annales Ecclesiastici" della sua scoperta
nella Biblioteca Vaticana di un manoscri o molto antico che raccontava del viaggio di una
compagnia di amici di nostro Signore, che viaggiava su una vecchia barca che era stata
abbandonata dal suo padrone e che era senza remi o vele. Baronio ha datato l'arrivo di questa
barca in Francia nel 35 d.C. L'arrivo di Lazzaro e delle sue sorelle in Occidente non era solo per
convertire la gente al cristianesimo, ma per perpetuare la vecchia religione Mistero. Lazzaro,
come Giovanni,chiesa segreta di Cristo, che possedeva la conoscenza che era solo per gli iniziati.
Era la stessa conoscenza che era stata amata da coloro come i Celti, che la Chiesa exoterica
avrebbe dovuto condannare come pagani in epoche successive ".

Lazarus "innalzato" in una gro a suggerisce un inizio di mistero esoterico. Secondo il mistico
tedesco Rudolf Steiner (1861-1925), quando Gesù risuscitò Lazzaro, l'anima di Giovanni Ba ista
tornò a dimorare nel corpo di Lazzaro e in seguito divenne noto come San Giovanni il Divino,
autore del Quarto Vangelo e rivelazione. L'implicazione è che "colui che il Signore amava" era
sia Lazzaro che Giovanni. La doppia identità di Lazzaro e San Giovanni è confermata dalle
ricerche di Robert Eisler, Ph.D., in L'enigma del quarto vangelo(1938), che osserva: "Tu a la
storia è raccontata nel quarto Vangelo con la massima chiarezza che poteva essere fa a senza
immodestia da colui che lo scrisse, cioè da Lazzaro stesso il cui racconto l'evangelista professa di
'sapere di essere vero' ..... Lazzaro è morto, ma Giovanni è molto vivo, è lui che aggiunge la sua
testimonianza alla testimonianza del morto, la cui testimonianza "sa di essere vero". Inoltre, il
professor William Brownlee, uno studioso della Bibbia, afferma: "Dalle prove interne del quarto
Vangelo ... la conclusione è che il discepolo amato è Lazzaro di Betania". ( Donde il Vangelo
secondo Giovanni , 1972)
Elizabeth van Buren scrive anche in The Secret of the Dove : "Nel 'Segreto di Mont-Ségur'
apprendiamo che esiste un libro, un libro che era stato custodito e conservato dai Cathari, un
manoscri o che si trova in un cofane o di piombo nelle profondità di una caverna .... Il
manoscri o è chiamato 'Il libro dell'amore' .... Questo manoscri o è a ribuito a San Giovanni il
Divino, e si dice che contenga: '.... insegnamenti sublimi meravigliose rivelazioni, le parole più
segrete confidate da nostro Signore Gesù Cristo al discepolo amato: il loro potere sarebbe tale
che ogni odio, ogni rabbia, ogni gelosia svanirebbe dal cuore degli uomini. L'Amore Divino,
come una nuova alluvione, immergeresti tu e le anime e mai più verrebbe versato del sangue
su questa terra ".Si dice che questo librovolereessere trovato, in un "periodo preordinato, da una
persona predestinata". Inoltre, afferma in "Il segreto di Mont-Ségur", che questa persona
predestinata, "un essere di perfe a candore, innocenza e assoluta purezza", sarà "SOTTO IL
SEGNO DELLA CAMERA". Non è generalmente noto che la Colomba fosse il simbolo più
venerato dai Catari ... Infa i, i Cathari erano chiamati i "Fedeli della Colomba", gli "Amici di
Dio" .... La Colomba simboleggiava il Consolatore, il Uno che avrebbe portato la pace nel
mondo un giorno. Negli antichi Misteri la Colomba era il simbolo della terza persona della
Triade Creativa, la Trinità ... Se si acce a che il prezioso tesoro del Cathari fosse il Vangelo
Perduto di San Giovanni, si dovrebbe notare che il vero nome della colomba è Ionah o Iönas
(Giona). Giovanni Ba ista, il precursore di Cristo, si chiamava Ioannes, e l'Apostolo dell'Amore,
autore del quarto Vangelo e dell'Apocalisse, era chiamato Ionnes, in Grecia. Quindi, per il
Cathari la Colomba avrebbe potuto essere, non solo il simbolo del Paraclito o dello Spirito
Santo, ma anche l'emblema del "Libro dell'Amore" stesso, scri o da Ionnes, Giovanni il Divino.
"Come accennato in precedenza, potrebbe questo essere il testo nascosto del Graal a cui allude
AE Waite?

Un possibile anello di congiunzione tra una tradizione mediorientale di Johannine e i catari


europei è suggerito in Il tesoro di Mont Segur: The Secret of the Cathars(1987) di Walter Birks e
RA Gilbert: "C'è una tradizione persistente di un insegnamento interiore che è associato al"
discepolo amato "a cui è stato dato il nome Giovanni, ma che non potrebbe essere stato il figlio
di Zebedeo. Come abbiamo visto, il Vangelo chiamato Giovanni è stato "modificato" in senso
ca olico). Questo insegnamento, "il vero Vangelo", deve essere stato trasmesso da una sorta di
successione apostolica a raverso i secoli ". Scrivendo sui Catari, gli autori osservano: "Ma in se
stessi era il tesoro, il potere di trasme ere la successione apostolica, il seme forse di una forma
superiore di cristianesimo da rivelare quando il mondo è pronto a riceverlo". In una
reminiscenza personale, tra a dalla stessa opera, Walter Birks scrive: " Questo simbolismo della
coppa mi ha portato a dire al mio ospite [un leader Nosairi] la leggenda del Santo Graal.
Quando ho finito, ha de o: "Ti rivelerò il più grande segreto della nostra religione, ma non devi
mai rivelare che sono stato io a dirtelo. Questo Graal di cui parli è un simbolo e rappresenta la
do rina che Cristo ha insegnato solo a Giovanni il Beneamato. Ce l'abbiamo ancora '.... C'è una
preghiera Nosairi,' Liberaci da queste forme umane e rime ici in luce tra le stelle. ' C'è un
elemento mistico nel catarismo della Linguadoca, che non sembra dover nulla a Bogomils o
Paulicians. È evidente in questo immaginario di Luce e delle stelle, che è anche una
cara eristica così notevole delle immagini di Nosairi. "

Scri o sull'esplosione spirituale in Medio Oriente durante il terzo secolo, in seguito all'avvento
di Cristo, Robert Temple, nella sua opera, Icone e origini mistiche del cristianesimo, 1990, scrive:
"Questo è il periodo in cui vediamo la proliferazione di società filosofiche, culti religiosi, gruppi
gnostici, varie scuole essoteriche ed esoteriche come i Therapeuts e la scuola degli Esseni da cui
provenivano Giovanni Ba ista ed eventualmente Cristo .... Questa tradizione spirituale fu, come
vedremo, anche quella dei Padri cristiani, le cui comunità nel deserto, fondate nel terzo secolo,
non sono che un anello in una catena mistica di scuole che risale a Pitagora e alle religioni
misteriche E 'collegato con il cristianesimo nel deserto egiziano, in seguito è stato collegato con
il Monte Athos e, dopo il XIV secolo, anche passato in Russia dove era ancora da trovare
all'inizio del XX secolo nella tradizione degli star io "anziani" ... Dopo il quarto secolo
l'essenza spirituale del mistero cristiano fu gradualmente sovrapposta dall'istituzionalizzazione
della Chiesa come organizzazione sociale e politica. Il cristianesimo segreto non scomparve con
l'avvento del cristianesimo di stato ma doveva ritirarsi in aree dove, per quanto possibile, non
avrebbe provocato l'ira dei cacciatori di eresie né avrebbe compromesso se stessa a raverso un
malinteso ben intenzionato. Queste sono alcune delle ragioni per cui le origini del
cristianesimo sono così oscure. Dimentichiamo che sappiamo poco degli eventi reali della vita
di Cristo e delle poche persone che lo conoscevano, a parte i racconti incompleti forniti dagli
evangelisti che li scrissero quasi un secolo dopo che si erano verificati. L'esoterismo è una verità
nascosta e tu avia disponibile per chiunque la cerchi veramente. In certi momenti, come
l'a uale crisi spirituale a raverso cui l'umanità sta passando, diventa brevemente più
generalmente disponibile ... la tradizione esoterica riappare nell'arte della pi ura iconica nei
secoli XIV e XV. "

Icona di Cristo a St. John's Kirk, Perth, Scozia

Infine, in The Glastonbury Zodiac: Key to the Mysteries of Britain , l'autrice Mary Caine scrive:
"St. Columba (la colomba) immersa nel mare dall'Irlanda per portare il cristianesimo a Iona,
un'isola di grande santità druidica già molto prima che arrivasse. Gli Ebridiani placarono un dio
del mare chiamato Shoni (Johnny!) Che probabilmente precederebbe Christian St. John. Fu
tu avia Johannine Christianity che i Celti portarono il loro cuore: la sua visione apocali ica e la
sua visione cosmologica erano talmente peculiari da essere supposto da alcuni di essere un Celt
o una Gallia dalla Galazia, un sospe o approfondito dalla sua tradizionalmente snella, poetica,
fiera - le rappresentazioni a cavallo nelle catacombe e in altri dipinti antichi. "Mary Caine
commenta anche" la più grande polarità di tu i - quella le cui tensioni sono state sentite durante
tu i i secoli cristiani, e che ancora oggi ci tormenta - il Leone di Roma contro l'unicorno della
segreta chiesa giovannea del futuro. La Chiesa, una volta e quella futura, è indissolubilmente
connessa con Artù, il re una volta e il futuro .... I cristiani insoliti hanno quindi visto Giovanni
come la Chiesa del futuro, destinata infine a sostituire la Roccia petrina, una cui illuminazione
eclissa la cieca fede di Pietro. Altri hanno visto i due come coesistenti. La chiesa di Pietro come
il leone trionfante, John è l'inafferrabile Unicorno. I rari momenti in cui i due sono coesistiti in
amicizia, sostengono, hanno prodo o alti punti di civilizzazione; i nostri sostenitori delle armi
reali sono un simbolo idealistico, non spesso operativo. Prete (Presbitero) Il regno di Giovanni
era un luogo segreto, molto ricercato, raramente trovato. Ma ci sono segni che in questi giorni
apocali ici la comprensione segreta, la percezione chiaroveggente della visione giovannea sta
arrivando a se stessa. L'uomo sce ico e interrogativo della nascente Età dell'Acquario
devesapere , con mezzi normali o paranormali, di cosa si tra a; la fede cieca e incondizionata
dell'era dei Pesci non è più adeguata. È quasi qui il giorno della Chiesa di Giovanni? "

In conformità con la natura trinitaria della realtà, sembra probabile che ci siano tre aspe i
mistici dell'iniziazione che portano a uno stato di "coscienza di Cristo". In primo luogo, il
ba esimo dell'acqua praticato da Giovanni Ba ista, in secondo luogo, il ba esimo del fuoco da
parte del santo fantasma ("lo spirito della verità") rivelato a Pentecoste e, in terzo luogo, il
ba esimo della luce o dell'amore come raffigurato a raverso il iniziazione dell'Amato
Discepolo (Lazzaro / Giovanni), che fu 'risuscitato dai morti' (inconscio). Quest'ultimo facilita la
più alta induzione cristica nei regni della rivelazione cosciente (che san Giovanni Evangelista
sperimentò su Patmos) e che si manifesta anche nell'IO "IO SONO" cosciente

Amore (cosciente) Conquista Morte (incosciente)


Cappella di Rosslyn, Scozia, per gentile concessione di sacredsites.com

Questo terzo aspe o mistico dell'iniziazione cristica può essere illustrato dal seguente esempio
di iconografia cristiana. Commentando un'icona del XV secolo "L'innalzamento di Lazzaro"
(Scuola di Novgorod), Richard Temple, un'autorità sull'iconografia cristiana, fa l'osservazione
pertinente: "Lazzaro non rappresenta l'impossibilità fisica di un uomo morto che esce dalla
tomba, ma la possibilità della risurrezione spirituale dalla morte spirituale È interessante il
fa o che, mentre Lazzaro sembra essere il centro dell'azione, non è la fonte della luce ma il
veicolo a raverso cui si manifesta. Guarda con un'espressione di gioia e meraviglia, alla figura
relativamente rido a di Cristo che è l'iniziatore degli eventi e il vero centro e fonte di luce
nell'icona.Icone e le origini mistiche del cristianesimo )
"The Raising of Lazarus" (Scuola di Novgorod)

Il ruolo umano centrale interpretato da Lazzaro (Giovanni) nel dramma di Cristo è chiaramente
identificato da Valentin Tomberg nel suo tra ato Pa o del cuore: Meditazioni di un Ermetista
Cristiano sui Misteri della Tradizione(1992). Tomberg spiega: "Lazzaro era l'amico spirituale di
Gesù, proprio come Maria era un'amica nella sfera dell'anima e Martha nella sfera degli eventi
esteriori e della vita quotidiana. E il servizio che rendeva Gesù era di tipo spirituale. Dite di
aver preso parte al nucleo più essenziale dell'opera di Cristo: la sua morte e risurrezione.La
partecipazione di Lazzaro all'opera e alla via di Gesù Cristo andò oltre la semplice acce azione
e comprensione del credere, arrivò al punto di passare effe ivamente a raverso un esperienza
che non era, ovviamente, identica, ma analoga all'esperienza di morte, sepoltura e risurrezione
che Gesù Cristo subì, perché quando i futuri apostoli rimasero perplessi dinanzi all'enigma
delle parole di Cristo: "Un po 'e vedrai io non più;Giovanni xvi, 17) - ce n'era uno che conosceva
dalla propria esperienza l'andare e il ritornare, e quindi era in grado di comprendere il mistero
della Via, della Verità e della Vita che era stato rivelato a raverso Gesù Cristo. In Lazzaro
l'umanità terrena possedeva una sorta di "organo" per il mistero del cristianesimo, in modo che
potesse essere compreso - e non rimanere per sempre un miracolo sconosciuto e inconoscibile ".

ma una partenza per tornare; era una morte per rinascere. Ora è proprio questo a o di morire -
verso il mondo per vivere e lavorare nel mondo senza forze e motivazioni di azione - che non è
di questo mondo. Questo è esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza
dell'iniziazione. Un iniziato era sempre considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è
stato sperimentato nei misteri pre-cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella
mala ia, morte e risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e
corpo - un evento che era contemporaneamente un destino umano e la grazia divina ... L'evento
della morte e della risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come
iniziatore ". era una morte per rinascere. Ora è proprio questo a o di morire - verso il mondo per
vivere e lavorare nel mondo senza forze e motivazioni di azione - che non è di questo mondo.
Questo è esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato
era sempre considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei
misteri pre-cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella mala ia, morte e
risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e corpo - un evento
che era contemporaneamente un destino umano e la grazia divina ... L'evento della morte e della
risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come iniziatore ". era
una morte per rinascere. Ora è proprio questo a o di morire - verso il mondo per vivere e
lavorare nel mondo senza forze e motivazioni di azione - che non è di questo mondo. Questo è
esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato era sempre
considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei misteri pre-
cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella mala ia, morte e risveglio di
Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e corpo - un evento che era
contemporaneamente un destino umano e la grazia divina ... L'evento della morte e della
risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come iniziatore ". Ora è
proprio questo a o di morire - verso il mondo per vivere e lavorare nel mondo senza forze e
motivazioni di azione - che non è di questo mondo. Questo è esa amente ciò che è sempre stato
considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato era sempre considerato come un "nato due
volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei misteri pre-cristiani come un processo cultico di
coscienza è stato, nella mala ia, morte e risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che
abbraccia spirito, anima e corpo - un evento che era contemporaneamente un destino umano e la
grazia divina ... L'evento della morte e della risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata
avanti da Gesù Cristo come iniziatore ". Ora è proprio questo a o di morire - verso il mondo per
vivere e lavorare nel mondo senza forze e motivazioni di azione - che non è di questo mondo.
Questo è esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato
era sempre considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei
misteri pre-cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella mala ia, morte e
risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e corpo - un evento
che era contemporaneamente un destino umano e grazia divina ... L'evento della morte e della
risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come iniziatore ".
Questo è esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato
era sempre considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei
misteri pre-cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella mala ia, morte e
risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e corpo - un evento
che era contemporaneamente un destino umano e grazia divina ... L'evento della morte e della
risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come iniziatore ".
Questo è esa amente ciò che è sempre stato considerato l'essenza dell'iniziazione. Un iniziato
era sempre considerato come un "nato due volte". Tu avia, ciò che è stato sperimentato nei
misteri pre-cristiani come un processo cultico di coscienza è stato, nella mala ia, morte e
risveglio di Lazzaro, un evento reale e completo che abbraccia spirito, anima e corpo - un evento
che era contemporaneamente un destino umano e grazia divina ... L'evento della morte e della
risurrezione di Lazzaro fu un'iniziazione portata avanti da Gesù Cristo come iniziatore ".

troveremo il suo significato principale esclusivamente in quel contesto psicologico e non faremo
alcuna concessione all'idea di una posizione geografica effe iva. Allo stesso modo, non
considereremo l'evento come accaduto nel tempo storico. Che tipo di tempo esiste nelle icone?
Nel mondo razionale la linea orizzontale del tempo che va dal passato al futuro è l'unica volta
che le nostre menti le erali possono concepire. Ma nel mondo spirituale solo 'ora', un fenomeno
indipendente dal tempo lineare, è reale. Il nostro tempo terrestre, composto di ore, giorni e anni,
è misurato dalla rotazione diurna del nostro pianeta sul proprio asse insieme con la sua
rotazione intorno al sole. Il tempo lineare è, per noi, un fenomeno unicamente sogge ivo
relativo solo al nostro pianeta e al suo rapporto con il nostro sole. Oltre il sistema solare, il
nostro tempo e i fa ori con cui lo misuriamo non hanno alcun significato. Di conseguenza, il
fa ore "storico" nella religione diventa irrilevante sulla scala cosmica. 'Ora', cioè, il momento
presente può essere pensato come l'ingresso dell'eternità nel tempo e l'unica volta che esiste
nelle icone è quindi l '"eterno presente". ( Icone e origini mistiche del cristianesimo ).

È ora che l'umanità si disimpegni da una preoccupazione indo a dalla paura con il "passato" e
passi ad un apprezzamento basato sull'amore e alla consapevolezza cosciente del presente
eterno con il potenziale futuro illimitato che ne scaturisce. Secondo il Vangelo di Giovanni,
"Prima che Abramo fosse, IO SONO" (Giovanni Ch.8, v.58).

Nel suo saggio intitolato Easter - the Legends and the Fact (1938), Eleanor C. Merry conclude: "Se
si dovesse immaginare quale potrebbe essere la relazione segreta di Cristo con la Terra, penso
che dovremmo dire che è sceso di Eternità nel Tempo, e pone il Suo sigillo sul Tempo
benedicendolo con il potere della risurrezione in ogni momento ... 'Ecco, io sono con te sempre,
fino alla fine del mondo' ". In termini di tempismo cosmico ci è stato de o che "Un giorno è con
il Signore come mille anni e mille anni come un giorno" (2.Peter, c.3, v8). È interessante notare,
in un primo testo gnostico, il Pistis Sophia, è scri o, "un giorno di luce è un migliaio di anni nel
mondo". Inoltre, "Così è scri o, e quindi è stato necessario che Cristo soffrisse e risorgesse dal
morto [inconscio] il terzo giorno" (Luca, 24, v.46).

Quando l'umanità entrerà nel terzo millennio (il giorno cosmico della risurrezione) dell'era
cristiana, la rivelazione cosciente alla fine prevarrà sulla terra, inaugurando veramente la
"Nuova Gerusalemme"? E quale parte potrebbe essere interpretata dalle Beate Isole Celtiche di
Avalon - la Terra Santa dell'Occidente.

"... il vangelo segreto di San Giovanni è nascosto e non perduto, qualcuno deve trovarlo quando è
giunto il momento ... Qualcuno deve trovare il libro, nonostante le forze dell'oscurità, un uomo tra
gli uomini. ... Il resto rimane misterioso, come tu e le cose so o il segno della Colomba. "
(Il segreto di Mont-Segur, Parigi 1952, di Ramond Escholier e Maurice Gardelle )

© Copyright 2004 Barry Dunford. Tu i i diri i riservati. PERMESSO PER L'USO : Nessuna
parte di questo articolo può essere pubblicata senza il permesso dell'autore Barry Dunford

Barry Dunford è l'autore di The Holy Land of Scotland : Jesus in Scotland e il Gospel of the Grail
(rivisto e ampliato nel 2002).

Gli articoli e-zine precedenti di Barry Dunford sono disponibili nella nostra pagina di archivio .

Se desideri essere inserito nella nostra lista e-mail per future e-zines di Barry Dunford, ti
preghiamo di inviarci un'e-mail . Vedi anche informazioni aggiornate sulla nostra pagina di
archivio .

Se ti senti in risonanza con queste informazioni gratuite e altro materiale di ricerca gratuito su
questo sito web, accogliamo con favore il sostegno alle donazioni per espandere il nostro raggio
d'azione al mondo e finanziare ulteriori ricerche per pubblicazioni future. Per de agli vedi la
nostra pagina di supporto .