Sei sulla pagina 1di 26

Bollinger Bands

Applicazioni pratiche daily e intraday


Michele Maggi & Igor Boggio

Il primo passo: le envelope


„ Bande di trading costruite attorno a una
tendenza centrale, normalmente costituita
da una media mobile
„ Le bande superiore e inferiore sono
calcolate aggiungendo e sottraendo dalla
media centrale un valore fissato a priori
(offset)
„ Obiettivo è il ““contenimento”” dei prezzi per
individuare zone di reazione

1
Il primo passo: le envelope

I prezzi……

Il primo passo: le envelope

I prezzi……
…… la media centrale……

2
Il primo passo: le envelope

I prezzi……
…… la media centrale……
…… e le bande con un offset del 7%

Il primo passo: le envelope


„ Nonostante l’’ottima intuizione, le envelope
hanno un punto debole costituito dalla
misura della percentuale di offset,
arbitraria per definizione
„ Tali strumenti rischiavano quindi di essere
troppo ampi nei momenti di scarsa
volatilità e troppo stretti nei periodi di
elevata volatilità

3
Il primo passo: le envelope
„ La logica dello strumento prevedeva che
le bande superiori e inferiore costituissero
un naturale punto di arrivo per i movimenti
di prezzo
„ Il contatto con una banda poteva poi far
ipotizzare un movimento contrario, per il
principio di ritorno verso la media

Il primo passo: le envelope

Envelope troppo strette generano falsi segnali sui contatti prezzi-bande

4
Il primo passo: le envelope

Envelope troppo ampie rischiano di non generare segnali

Dalle envelope ai canali dinamici


„ Un passo avanti fu fatto con i canali
costruiti sui minimi e sui massimi di
periodo
„ Strumenti per identificare i ““punti chiave””
dei grafici
„ Utili per prendere posizione in
corrispondenza del contatto tra prezzi e le
pareti del canale

5
Dalle envelope ai canali dinamici
Punti chiave del mercato

Movimento dei prezzi verso l’’alto


caratterizzato da reazioni contrarie
e riprese del movimento

Dalle envelope ai canali dinamici


Punti chiave del mercato identificati automaticamente dai canali

Movimento dei prezzi verso l’’alto


caratterizzato da reazioni contrarie
e riprese del movimento

6
Dalle envelope ai canali dinamici
„ I canali consentono di identificare
immediatamente almeno due elementi:
… Iltrend di fondo
… I punti chiave del grafico
„ Resistenze, supporti e relativi breakout
„ Poiché sono costruiti in funzione di
massimi e minimi assoluti (di periodo)
tendono a identificare i punti di supporto e
resistenza ““naturali””

Dalle envelope ai canali dinamici


Breakout

Resistenze

Supporti

Movimento rialzista ““a gradini””

7
I canali: sfruttamento operativo
„ Se i prezzi toccano la parete inferiore del
canale due o più volte per poi rimbalzare
verso l’’alto, è possibile identificare tale
zona come supporto
„ Se i prezzi toccano la parete superiore del
canale per due o più volte per poi
rimbalzare verso il basso, è possibile
definire tale zona come resistenza

I canali: sfruttamento operativo

Supporti

8
I canali: sfruttamento operativo
Resistenze

Oltre i canali
„ I canali offrono un ottimo spunto per il
““contenimento”” dei movimenti del mercato
„ Non sono particolarmente veloci
nell’’adattarsi poiché risentono dei massimi
e dei minimi a n giorni
„ Pur essendo dinamici non offrono la
necessaria flessibilità
„ In pratica, si adattano ““a scatti””

9
I canali: sfruttamento operativo
I prezzi salgono……

……ma la parete
inferiore non li
segue

Dopo envelope e canali…… Bollinger


„ L’’intuizione di John Bollinger riguarda la
volatilità
„ Per primo comprende che le bande
devono allargarsi e restringersi
automaticamente in funzione del variare
della volatilità
„ Non per niente, Bollinger aveva iniziato
come trader di opzioni……

10
Dopo envelope e canali…… Bollinger

Dopo envelope e canali…… Bollinger


„ Capacità di adattarsi automaticamente attorno
alla tendenza centrale espressa da una media a
20 periodi (un mese di trading)
„ Per la misura della volatilità è stata utilizzata la
deviazione standard, intesa come sommatoria
degli scarti rispetto alla media, elevata poi al
quadrato
„ In tal modo le bande arrivano a contenere
approssimativamente il 95% dei prezzi

11
Le bande di Bollinger: i parametri
„ Media mobile semplice a 20 giorni
„ Due deviazioni standard

„ In tal modo si ottengono bande superiori e


inferiori allineate alla media per quanto
riguarda la tendenza ma di ampiezza
variabile in funzione della volatilità

Le bande di Bollinger: lo schema

Media a 20 periodi + 2 deviazioni standard

Media a 20 periodi

Media a 20 periodi –– 2 deviazioni standard

12
Le bande di Bollinger

Le bande contengono il 95% dei prezzi


„ Il primo punto da tenere in considerazione
è il concetto di ““contenimento”” del 95% dei
prezzi
„ Significa che quei prezzi che ““eccedono””
le bande saranno probabilmente dei casi
isolati ed eccezionali
„ È pertanto possibile aspettarsi un ritorno
verso valori medi, cioè quelli contenuti
nelle bande, confermati da altri indicatori

13
Le bande di Bollinger
La maggior parte dei prezzi è contenuta
all’’interno delle bande…… con alcune eccezioni

Le bande di Bollinger: la logica


„ Le bande di Bollinger segnalano quindi
quando i prezzi sono ““alti”” o ““bassi”” su
basi relative e non su basi assolute, come
nel caso dei canali
„ Con l’’ausilio di indicatori è possibile
ottenere potenti segnali di conferma su
possibili inversioni di tendenza, anticipati
da divergenze

14
Le bande di Bollinger: la logica

I prezzi fanno segnare nuovi massimi


che non sono confermati dall’’oscillatore

Proprietà delle bande di Bollinger


„ I prezzi manifestano una tendenza a muoversi
velocemente dopo un periodo di bassa volatilità
segnalata da un restringimento delle bande
„ Movimenti dei prezzi oltre la banda superiore o
inferiore indicano rispettivamente notevole forza
o debolezza
„ Movimenti che si originano da una banda
tendono a svilupparsi verso l’’altra, specialmente
nei mercati in trading range
„ Da queste proprietà Igor Boggio ha derivato
una precisa strategia operativa intraday

15
Un indicatore derivato dalle bande
„ %b
„ Concetto di ““relatività””
„ Tramite il %b è possibile conoscere la
posizione dei prezzi relativamente alle
bande stesse

16
%b, la formula costruttiva

(Chiusura –– Banda inferiore)


(Banda superiore –– Banda inferiore)

%b, la formula costruttiva


„ Pur essendo un indicatore normalizzato,
il %b può assumere valori anche inferiori
a zero o superiori a 1 proprio perché
anche i prezzi possono muoversi sopra o
sotto le bande

17
%b, i valori possibili
„ %b = 1 in corrispondenza della banda superiore
„ %b = 0,5 in corrispondenza della banda mediana
„ %b = 0 in corrispondenza della banda inferiore
„ %b > 1 se i prezzi superano la banda superiore
„ %b < 0 se i prezzi sono sotto alla banda inferiore

%b, con Metastock


I movimenti del %b oltre il livello 1 indicano la violazione rialzista delle bande

I movimenti del %b al di sotto dello zero indicano una violazione ribassista

18
%b: operatività
„ L’’indicatore %b segnala che è avvenuto un
contatto tra i prezzi e le bande
„ Un contatto con la banda superiore non implica
necessariamente un segnale di vendita
„ Un contatto con la banda inferiore non comporta
necessariamente un acquisto
„ Con il %b e un preciso pattern grafico è
possibile ottenere un eccellente segnale
operativo che costituisce il cuore della strategia
di Boggio

Inversioni di breve termine


„ Concetto di reazione in corrispondenza
del contatto con le bande di Bollinger
„ Eccellente funzionamento nelle fasi
laterali di mercato
„ Necessità di un segnale di conferma
„ Utilizzo delle Gimmee Bars di Joe Ross

19
Inversioni di breve termine

Inversioni di breve termine: lo schema


„ Identificazione di un trading range,
caratterizzato da un movimento delle bande
sostanzialmente orizzontale
„ Per le vendite (short):
… Attendere una violazione rialzista delle bande e il
successivo rientro al loro interno nella giornata
successiva
… Verifica della presenza di una divergenza o di un
doppio massimo sul %b
… Short alla violazione del minimo precedente
… Stop sopra al massimo precedente

20
Inversioni di breve termine: lo schema
Stop Livello di ingresso short

Violazione della banda superiore

Inversioni di breve termine: lo schema


„ Per gli acquisti (long):
… Attendere una violazione ribassista delle
bande e il successivo rientro al loro interno
nella giornata successiva
… Verifica della presenza di una divergenza
o di un doppio minimo sul %b
… Long alla violazione del massimo
precedente (no gap)
… Stop sotto al minimo precedente

21
Inversioni di breve termine: lo schema

Livello di ingresso long

Violazione della banda inferiore Stop

Inversioni di breve termine

Falso segnale……
è ripreso il trend

22
Inversioni di breve termine: target
„ Questi movimenti tendono a trovare un
naturale punto di arrivo dapprima al livello della
media mobile centrale e, successivamente, al
livello della banda opposta
„ Gestione della posizione:
… Liquidaremetà della posizione alla media centrale,
spostando lo stop al punto di ingresso
… Chiudere il resto della posizione in prossimità della
banda opposta

Le Bande nell’’intraday
Massimi in divergenza

Doppio massimo sul %b

23
Le Bande nell’’intraday
Si entra in chiusura di barra
perché l’’ultimo prezzo è
posizionato nella metà inferiore
del range

È la seconda barra che conferma


la debolezza della prima……

Le Bande nell’’intraday

Minimi in divergenza

Divergenza rialzista sul %b

24
Le Bande nell’’intraday

Si entra alla violazione del


massimo dei due doji

Minimi decrescenti

Due Doji

Le Bande nell’’intraday

Massimi multipli

Divergenza ribassista sul %b

25
Le Bande nell’’intraday
Si entra in chiusura

Trailing stop

Le slide appena mostrate


sono disponibili
gratuitamente in formato
PDF sul sito di IntesaTrade e
Trading Professionale.
www.intesatrade.it
www.tradingprofessionale.it

www.intesatrade.it
www.tradingprofessionale.it
Powered by

26