Sei sulla pagina 1di 3

Scheda delle caratteristiche spirituali, animiche ed eteriche

del coronavirus
e terapia spirituale

Il processo psicosomatico:
Il coronavirus è, come tutti i virus, la manifestazione eterico-fisica di una larva astrale, e tende ad
evidenziare a livello individuale e sociale alcune precise immaturità:

• PAURE (secondo petalo del secondo chakra)


• SFIDUCIA NELLA VITA, RABBIE, RANCORI (quarto petalo del terzo chakra)
• SCARSA PROPENSIONE VERSO IL VERO BENE DEGLI ALTRI (quinto petalo del terzo
chakra)

Non sempre nelle persone colpite sono presenti tutte insieme queste immaturità.

La base comune di fondo è comunque il materialismo che genera incomprensione della vita, e
quindi paure, rabbie, sfiducia, egoismo accentuato.

In tutte le persone colpite sono sempre presenti delle forme pensiero – amplificatori di problemi
o traumi della vita, che non sono stati risolti e che sono visibili sul terzo e/o secondo chakra.

I casi più gravi di complicazioni hanno in genere a che fare con il circuito della paura che parte da
paure irrisolte amplificate da esseri visibili sul secondo chakra.

Il coronavirus è una sorta di chiave genetica, che ha criptato in sé un messaggio delle forze
dell’ostacolo che da psichico vuole diventare fisico attraverso il virus, per evidenziare gli effetti
psichici già presenti, le immaturità già presenti e non risolte.

Quindi diciamo che nella “chiave criptica” di questo particolare virus c’è un cocktail adatto alla
trasmissione nel fisico di alcuni precisi elementi psichici:

PAURE, SFIDUCIA, RABBIE E RANCORI, EGOISMO.

Un essere larvale viene spinto al momento opportuno ad entrare attraverso il chakra interessato
nei circuiti eterici e va a finire per produrre ordini di malattia a partire dall’ipofisi.

Questo particolare cocktail di elementi psichici del coronavirus si riflette nelle direzioni prese
dall’infezione proprio verso i polmoni.

Gli organi colpiti, ed i polmoni in particolare, vengono più facilmente aggrediti in quanto erano
già intrinsecamente indeboliti da precedenti ed abituali atteggiamenti e comportamenti mossi da
paure, sfiducia, egoismo, rabbia e rancore della persona infettata. Non necessariamente tutti
insieme, ma almeno alcuni di questi.
Al livello di primo chakra, dove si incontrano le correnti eteriche del Cielo e quella proveniente
dalla Terra, determinando in noi il corretto equilibrio tra Spirito e Materia, il virus, una volta
entrato, opera una strozzatura delle correnti di etere chimico che provengono da Madre Terra.
Facilitato dalla condizione psichica sostanzialmente materialista della persona, che già di per sé
rendeva precario l’equilibrio Spirito-Materia del primo chakra.

Il virus, nella sua componente eterica, produce quindi una parziale chiusura del flusso di etere
chimico dalla Terra. Il che genera un indebolimento generale del corpo eterico, e soprattutto della
sua capacità di costruire e mantenere organi e strutture cellulari sufficientemente forti.
Aggravando ulteriormente la già precaria risposta dei polmoni al virus.

Temperamenti più colpiti:


Nell’ordine: più SANGUINICO e MALINCONICO, meno COLLERICO e FLEMMATICO

Cosa si aspetta il Cielo con questa malattia da chi viene infettato

Ogni malattia viene per far crescere in noi determinate qualità della nostra anima.

Questa in particolare si aspetta che proprio attraverso di essa ci si rafforzi combattendo le paure,
ricercando i veri affetti, rivedendo le priorità ed i valori della propria vita in senso cosciente,
placando le proprie intemperanze ed aprendosi maggiormente verso gli altri.

La nostra azione terapeutica deve tendere a favorire la realizzazione di queste intenzioni del Cielo.

CURA
La terapia fisica va fatta con la terapia medica. Che interviene come può per curare o contenere i
danni compiuti dal processo psicosomatico.

Per quanto riguarda una terapia di tipo spirituale, il campo di intervento è molto vasto, ma molto
preciso.

Prima di tutto occorre, laddove è possibile, combattere il materialismo che è alla base di tutto.

Occorre idealmente infondere con pazienza nella persona due elementi fondamentali:

• la conoscenza del quadro spirituale di fondo (il senso della vita ed il suo
funzionamento)
• lo sforzo d’amore quotidiano.

Questo combatterà l’egoismo e le paure, rafforzando i polmoni e la risposta immunitaria del


nostro Io amoroso, che sarebbe più presente e più forte attraverso il sangue.

Ma dove non è possibile operare in modo completo e comprensivo, bisogna fare di tutto per
spingere le persone almeno a:

• azioni d’amore disinteressato, anche piccole, e


• un maggiore e più amoroso rapporto con gli ideali, con gli affetti, con il Bene, con
la Natura.
• ragionare sull’insensatezza delle paure, delle rabbie, dei rancori, dell’egoismo.

Fornendole in tal modo di strumenti per placare le proprie paure e le proprie intemperanze.

Per quanto realisticamente è possibile fare caso per caso.

Ogni passo che riusciamo a mettere in campo in queste direzioni, è un passo concreto verso la
difesa dell’organismo psicofisico e verso la lotta al virus.

ARCHETIPI
Gli archetipi come sapete li decidiamo noi, ci arrivano per intuizione o si presentano da soli.

Quelli più appropriati per il Coronavirus sono:

il LEONE, la STELLA A OTTO PUNTE, il DOPPIO TRIANGOLO, LA CIVETTA

Buon Lavoro intorno a voi !

Potrebbero piacerti anche