Sei sulla pagina 1di 4

 Dimostrare che

b b

∫ f ( a+b−x ) d x=∫ f ( x ) d x
a a

Svolgimento:

Poniamo a+ b−x= y , si ha che d x=−d y e che x=a+ b− y ; pertanto sostituendo nella funzione
integranda e negli estremi di integrazione risulta
x=b a+b− y=b y=a y=b b

∫ f ( a+b−x ) d x= ∫ f ( y )(−d y )=− ∫ f ( y ) d y= ∫ f ( y ) d y=∫ f ( x ) d x


x=a a+b− y=a y=b y=a a

 Dimostrare che
2
a a

∫ x f ( x ) d x= 12 ∫ xf ( x ) d x
3 2

0 0

Svolgimento:

1
Poniamo x 2= y , allora d x= d y ; perciò risulta
2
2 2
x=a x=a x=a y=a a
1 1 1
x f ( x ) d x= ∫ x ∙ x f ( x ) d x= ∫ 2 x ∙ x 2 f ( x 2 ) d x=
3 2 2 2
∫ ∫ yf ( y ) d y= ∫ xf ( x ) d x
x=0 x=0
2 x=0
2 y=0
20

 Dimostrare che
x+1
t 2 +1
lim ∫ 2
d t=1
x→+∞ x t + 20t +8

Svolgimento:

f è continua in [ x , x+1] e pertanto è possibile applicare il lemma della media integrale, ottenendo che
x+1 x+1 '
t 2 +1 t 2 +1 c 2+ 1

x t 2 +20 t+8
d t =( x+1−x )
(∫ x t 2+20 t +8
d t
)
=
c 2 +20 c +8

Dove c ∈ ( x , x +1 ).
Quando x →+ ∞, risulta che c →+ ∞.
Pertanto
x+1
t 2 +1 ( c 2+ 1 )
lim ∫ d t= lim =1
t 2+ 20t +8 2
x→+∞ x c →+∞ c +20 c +8
 Calcolare
1 n
x
lim ∫ dx
n →+∞ 1+ x
0

Svolgimento 1:

Ci sono due possibili approcci: usando il lemma della media integrale, risulta che

1 1 '
x2 xn cn
∫ 1+ x d x =( 1−0 )
0
(
∫ 1+ x d x
0
) x=c
=
1+c

Con c ∈ ( 0,1 ) .

Pertanto

1 lim c n
xn n →+∞
lim ∫ d x=
n →+∞ 0 1+ x 1+ c

Essendo c ∈ ( 0,1 ) essi tendono a zero per n →+∞ , pertanto

lim c n
n→+ ∞
=0
1+c

Svolgimento 2:

Un secondo modo è semplicemente notare che, per x ∈ [ 0,1 ], risulta che

xn n
0≤ ≤x
1+ x

Pertanto, per monotonia dell’integrale risulta che

1 1 1 1
xn x n+ 1 1
0 0 0
[ ]
∫ 0 d x ≤ ∫ 1+ x d x ≤∫ x n d x= n+1 = n+ 1
0

Passando al limite in tutte le disuguaglianze risulta che

1 1 1 lim 1
xn n n →+∞
lim ∫ 0 d x ≤ lim ∫ d x ≤ lim ∫ x d x=
n →+∞ 0 n →+∞ 0 1+ x n→+ ∞ 0 n+ 1

Ossia

1 lim 1
xn n →+∞
0 ≤ lim ∫ dx ≤ =0
n →+∞ 0 1+ x n+1

Perciò, per il teorema dei due carabinieri, il limite è zero.


 Sia dato per ogni n ∈ N l’integrale
1
xn
I n ≔∫ dx
0 x+ 5

1
Dopo aver mostrato che I n> 0, verificare che vale la relazione I n+ 5 I n−1= per ogni n ≥ 1.
n

Svolgimento:

xn
Notiamo che la funzione integranda è positiva per ogni x ∈ [ 0,1 ], perciò I n> 0.
x+5

1
Procediamo per induzione: verifichiamo P ( 1 ), esso dovrà valere P ( 1 )=I 1+5 I 0= =1:
1
1 1 1 1
x x+ 5−5 1
I 1=∫ d x=∫ d x=∫ d x−5 ∫ d x =1−5 I 0
0 x +5 0 x+5 0 0 x+5

Perciò si ha P ( 1 )=I 1+5 I 0=1−5 I 0 +5 I 0 =1 e il passo base risulta verificato.

1
Supponiamo ora che valga P ( n )=I n +5 I n −1= e dobbiamo dimostrare che risulta
n
1
P ( n+1 )=I n+1 +5 I n= ; notiamo innanzitutto che, usando l’ipotesi induttiva si ha che
n+1
1
I n=−5 I n−1+ e dunque
n

1 5
5 I n=5 −5 I n−1+ ( )
= −25 I n−1
n n

5 1
Perciò dimostrare il passo ( n+1 ) -esimo coincide con dimostrare che I n+1 + −25 I n−1= ; calcoliamo a
n n+1
parte la quantità I n+1−25 I n−1

1 1 1
x n+1 xn−1 x n+1−25 x n−1
I n+1−25 I n−1=∫
0 x +5
d x−25∫
0 x+ 5
d x=∫
0 x +5
d x=¿( )
2
25 n x −25

¿∫
1 xn x − ( x ) 1 x

d x =∫
x (1

d x=∫
)
x n ( x 2−25 )
1

d x=∫
x n ( x 2−25 )
d x=¿
0 x+5 0 x+5 0 x ( x +5 ) 0 x ( x+ 5 )
1 1 1 1
x n ( x−5 ) ( x+5 ) x n ( x −5 )
¿∫ d x =∫ d x=∫ x n−1 ( x−5 ) d x=∫ ( x n−5 x n−1 ) d x=¿
0 x ( x +5 ) 0 x 0 0

1 1
1 5
¿ ∫ x d x−5 ∫ x n−1 d x=
n

0 0 n+1 n
Dove nell’ultima uguaglianza per integrare come fatto va imposto n ≠−1 , ma ciò è vero perché n ∈ N .
Sostituendo nell’uguaglianza del passo ( n+1 ) -esimo otteniamo

5 1 5 5 1
I n+1 + −25 I n−1= − + =
n n+1 n n n+1

Ossia ciò che volevamo dimostrare.

Un secondo modo per svolgere l’esercizio è mostrare l’uguaglianza “a mano”; ossia notiamo che
1 1 1 1
x n+1 xn x n+1+ 5 x n x n ( x +5 )
I n+1 +5 I n =∫ d x +5∫ d x=∫ d x=∫ d x=¿
0 x +5 0 x +5 0 x +5 0 x +5

1 x=1
xn +1 1
0
n
¿ ∫ x d x=
n+1 |
x=0
=
n+1

1
Ciò è corretto in quanto è stato mostrato che I n+1 +5 I n = ; ponendo n+1=m si ha
n+ 1

1
I m +5 I m−1=
m

Ossia la tesi è dimostrata.

Abbiamo usato l’ipotesi m ≥1 perché nell’integrazione di x n è implicitamente richiesto che n ≠−1 ; ma se


n ≠−1 allora m≠ 0 in quanto l’unico modo affinché m=0 è che sia n=−1.

Tutto ciò unito ala condizione che m∈ N risulta in m ≥1.