Sei sulla pagina 1di 103

Direzione Tecnica Professioni Sanitarie

Infermieristica Ostetrica Tecnico-Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Schede operative per la corretta


applicazione delle attività
dell’Operatore Socio Sanitario

MATERIALE PER PROGRESSIONI - APRILE 2015

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Indice:

PREMESSA ...................................................................................................................................................................... 4

REGOLE GENERALI PER LA PREPARAZIONE DELL’ASSISTITO E DELL’AMBIENTE ............................. 6

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO................................................................................................. 10


1.1 PREPARAZIONE DEL CARRELLO DELLE CURE IGIENICHE ....................................................................... 10
1.2 CURE IGIENICHE AL LETTO ............................................................................................................................. 11
1.3 CURE IGIENICHE IN BAGNO ............................................................................................................................. 14
1.11 LAVAGGIO DELLE MANI DELL’ASSISTITO................................................................................................. 17
1.12 IGIENE INTIMA.................................................................................................................................................. 19
1.13 PEDILUVIO ......................................................................................................................................................... 21
1.15 POSIZIONAMENTO DELL’ASSISTITO ........................................................................................................... 23
1.17 AIUTO NELLA DEAMBULAZIONE ................................................................................................................. 26
1.18 TRASPORTO DELL’ASSISTITO ....................................................................................................................... 28
1.19 RIFACIMENTO DEL LETTO VUOTO............................................................................................................... 30
1.20 RIFACIMENTO DEL LETTO OCCUPATO ....................................................................................................... 32
2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA SALUTE ............................................................ 34
2.1 LAVAGGIO DELLE MANI................................................................................................................................... 34
2.1.1 LAVAGGIO SOCIALE DELLE MANI DELL’OPERATORE.......................................................................... 34
2.1.2 DECONTAMINAZIONE ALCOLICA ............................................................................................................. 35
2.1.3 LAVAGGIO ANTISETTICO DELLE MANI.................................................................................................... 36
2.1.4 L’USO DEI GUANTI ...................................................................................................................................... 37
2.2 ACCOGLIENZA DELL’ASSISTITO .................................................................................................................... 38
2.3 AIUTO ALL’ASSUNZIONE DEI FARMACI ....................................................................................................... 40
2.4 ISOLAMENTO....................................................................................................................................................... 41
2.5 GESTIONE DEI DISINFETTANTI ....................................................................................................................... 43
2.6 LAVAGGIO E PREPARAZIONE DEL MATERIALE PER LA STERILIZZAZIONE......................................... 46
2.7 CONSERVAZIONE E UTILIZZO DEL MATERIALE STERILE ........................................................................ 48
2.8 TRASPORTO DEI MATERIALI ........................................................................................................................... 50
2.9 IGIENE E PULIZIA DEGLI AMBIENTI............................................................................................................... 53
2.10 CONTROLLO E PULIZIA DELLA SEDIA A ROTELLE................................................................................... 55
3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO..................................................................................................... 56
3.1 SOMMINISTRAZIONE DEL CIBO E ASSISTENZA DURANTE I PASTI ........................................................ 56
3.3 RILEVAZIONE DEL PESO .................................................................................................................................. 58
3.4 RILEVAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA .................................................................................... 60
3.5 ESECUZIONE DELLO STIK GLICEMICO.......................................................................................................... 63
3.6 PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO ............................................................................................ 66
4. MODELLO DI ELIMINAZIONE ............................................................................................................................ 69
4.1 CAMBIO PANNOLONE ....................................................................................................................................... 69
4.2 POSIZIONAMENTO E RITIRO DELLA PADELLA............................................................................................ 71
4.3 POSIZIONAMENTO E RITIRO DEL PAPPAGALLO ......................................................................................... 73
4.4 POSIZIONAMENTO DI UN UROCONTROL...................................................................................................... 75
4.5 SVUOTAMENTO SACCA PER LA RACCOLTA URINE ................................................................................... 77
4.6 MISURAZIONE E CAMPIONAMENTO DELLE URINE.................................................................................... 78
4.6.1 RACCOLTA URINE NELLE 24 ORE .............................................................................................................. 78
4.6.2 RACCOLTA CAMPIONE URINA ESAME STANDARD ................................................................................. 79
4.6.3 RACCOLTA CAMPIONE URINA PER URINOCOLTURA............................................................................. 80
4.8 RACCOLTA CAMPIONE DI MATERIALE FECALE ......................................................................................... 83
4.9 CAMBIO DI SACCHE PER STOMA .................................................................................................................... 85
4.9.1 CAMBIO DI UNA SACCA DA COLONSTOMIA ............................................................................................ 85

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 2


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4.11 ASSISTENZA ALLA PERSONA CON VOMITO............................................................................................... 89


6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO................................................................................................ 92
6.1 RILEVAZIONE DELLA FREQUENZA CARDIACA........................................................................................... 92
6.2 RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA ........................................................................................... 93
6.3 RILEVAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIA................................................................................... 95
6.4 RILEVAZIONE DELLA SATURAZIONE............................................................................................................ 96
6.6 PREPARAZIONE DEL MATERIALE PER L’OSSIGENOTERAPIA.................................................................. 97
6.7 COLLABORAZIONE PER L’AEROSOLTERAPIA ............................................................................................. 99
6.8 PARAMETRI IN GRAFICA ................................................................................................................................ 101
6.9 PRIMO SOCCORSO ............................................................................................................................................ 102

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 3


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Premessa
Il presente documento è stato voluto dalla Direzione Infermieristica e
Tecnica aziendale con la finalità di fornire uno strumento pratico agli operatori
dedicati all’assistenza di base delle persone ricoverate in ospedale e assistite al
domicilio.
E’ stato elaborato da un gruppo di Operatori Socio Sanitari e Infermieri
che hanno fornito una descrizione puntuale delle principali attività dell’OSS
stesso durante l’esercizio del suo ruolo in azienda, nell’anno 2011. E’ in linea
con la procedura generale aziendale “Ruolo del personale di supporto
all’assistenza (Operatore Socio Sanitario) nell’Azienda USL di Imola” del 24
novembre 2009.
L’approccio metodologico è stato scelto in base al modello concettuale di
riferimento (Carpenito), seguito dai professionisti dell’assistenza, quindi
l’impostazione dell’indice delle schede è articolato, di massima, secondo i
modelli funzionali di salute della Gordon.
Le attività menzionate nelle schede operative devono essere svolte
dall’OSS nel rispetto dei valori etici e di buona pratica che guidano i
professionisti sanitari nell’agire quotidiano:
 rispettare la dignità e libertà della persona assistita
 impostare la relazione di aiuto nel rispetto della persona e dei suoi
bisogni
 informare la persona prima e dopo ogni intervento assistenziale
 tutelare la salute psico-fisica dell’ assistito, agendo in sicurezza durante
le manovre assistenziali
 assolvere con competenza le proprie funzioni
 rispettare il segreto professionale e tutelare la privacy delle persone:
l’OSS deve mantenere il segreto su tutte le informazioni che riguardano i
dati personali e lo stato di salute dell’assistito

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 4


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 rispettare le precauzioni standard per la prevenzione della trasmissione


delle infezioni: effettuare il lavaggio delle mani secondo procedura, usare
i guanti quando indicato e con corrette modalità, così come per gli altri
dispositivi di protezione individuali.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 5


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Regole generali per la preparazione dell’assistito e


dell’ambiente
1. Preparazione dell’operatore:
Informazioni sull’assistito e sulla procedura:
prima di eseguire ogni prestazione bisogna informarsi e verificare cosa
bisogna fare, a chi e come.
2. Preparazione del materiale:
preparare tutto il materiale necessario per eseguire la prestazione in
modo da non uscire dalla stanza di degenza e non allontanarsi dal
paziente.
3. Preparazione dell’assistito e dell’ambiente:
a. Salutare e presentarsi
Salutare e presentarsi dicendo la qualifica, anticipando tacitamente il tipo
di prestazione che dovremo compiere.
b. Curare il microclima
Per MICROCLIMA si intende una condizione di equilibrio tra caratteristiche
fisiche (temperatura, umidità e velocità dell’aria), chimiche (pressione
parziale ossigeno e pressione parziale anidride carbonica),
microbiologiche (polveri e microrganismi).
Un controllo del microclima si consegue con una continua verifica e
correzione di:
 ILLUMINAZIONE:
o congrua e uniformemente distribuita;
o artificiale e/o naturale (da preferirsi);
 VENTILAZIONE:
 naturale (porte, finestre,o da preferirsi “vasistas”) da eseguirsi almeno
ogni trenta- quaranta minuti per almeno dieci minuti;
 artificiale (tramite appositi areatori) almeno sei ricambi ogni ora.
 RISCALDAMENTO
 CONDIZIONAMENTO

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 6


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

c. Rispettare la privacy
Ogni paziente ha diritto al rispetto della sua privacy e del rispetto dei
propri tempi. Privacy intesa nel suo toto quindi bisognerà non solo
proteggerlo visivamente dai presenti (per i visitatori, farli uscire dalla
stanza di degenza; per gli altri pazienti, utilizzare i paraventi) ma anche
far attenzione a ciò che viene detto (parlare a bassa voce e non di
argomenti personali o informazioni cliniche inerenti al paziente).

d. Informare sulla procedura e chiedere il consenso


Ogni volta che si compie un’operazione su di un paziente bisogna
informare su ciò che si sta per compiere, accertarsi che l’assistito abbia
compreso e raccoglierne il consenso.
4. Eseguire la prestazione
a. Valutare e osservare
Guardare ed osservare il paziente nella sua totalità, facendo particolare
attenzione non solo allo stato generale inteso sia dal punto di vista fisico
che psichico, ma anche al grado di collaborazione.
b. Relazionarsi con empatia e ascolto
Alcuni atteggiamenti che caratterizzano una comunicazione-relazione
eticamente efficace sono:
 atteggiamento empatico: conoscere e comprendere l’altro rispettando
il suo stato: fisico,psichico, sociale e spirituale;
 atteggiamento autentico: essere se stessi, quindi spontanei ed aperti
alla comunicazione;
 capacita’ di ascolto;
 mostrare interesse per la persona.
c. Igienizzare le mani
d. Indossare i guanti
e. Posizionare il letto

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 7


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Alcuni pazienti necessitano o richiedono l’utilizzo delle sponde al letto


per eseguire alcune manovre. Quando non vi sono indicazioni particolari
sarà a cura dell’operatore e in accordo con il paziente se utilizzare o
meno la sponda del letto, sempre ricordando di lavorare in sicurezza non
solo per il paziente ma anche per l’operatore stesso. E’ consigliato anche
alzare il letto fino a quando l’operatore lo ritiene necessario per
lavorare in comodità e sicurezza.
f. Posizionare il paziente
Ove non vi siano indicazioni particolari il paziente va posizionato in modo
confortevole a seconda della prestazione da effettuarsi.
g. Eseguire la prestazione
5. Riposizionamento dell’assistito e ripristino dell’ambiente
a. Riposizionare l’assistito
Sistemare il paziente in modo confortevole e/o come desidera e/o come
indicazione infermieristica.
b. Ripristinare il letto e l’unità
 Ripristinare le sponde alzandole o abbassandole;
 Abbassare completamente l’altezza del letto per la sicurezza del
paziente;
 Avvicinare in posizione comoda e facilmente raggiungibile il comodino
ed il sistema di chiamata.
c. Ripristinare il microclima
d. Salutare
6. Riordino del materiale.
a. Riordino del materiale pulito
Sistemare in modo corretto il materiale non utilizzato e detergere
secondo protocollo il carrello.
b. Rimozione e smaltimento rifiuti e biancheria
Smaltire in modo appropriato e secondo protocollo sia i rifiuti che la
biancheria sporca, detergere secondo protocollo il carrello.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 8


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

ATTENZIONE: Mai appoggiare a terra lo sporco, tenere sempre vicino il


carrello per lo smaltimento in modo tale da introdurre immediatamente il
materiale nell’apposito sacco.
c. Igienizzare le mani
7. Registrare e riferire
Registrare l’avvenuta prestazione e riferire a chi di competenza eventuali
anomalie o problematiche riscontrate.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 9


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.1 PREPARAZIONE DEL CARRELLO DELLE CURE IGIENICHE

OBIETTIVI
 Permettere all’O.S.S. di avere a disposizione tutto il materiale necessario
per la realizzazione delle cure igieniche e delle medicazioni semplici.

MATERIALE OCCORRENTE

 Il carrello va preparato in una stanza adeguata.


 Il carrello deve contenere almeno:
o Materiale sterile e pulito;
o Biancheria;
o Disinfettanti e detergenti;
o Crema idratante;
o Materiale per medicazioni semplici;
o Pannoloni;
o Sacche diuresi;
o Condom;
o Guanti puliti (sterili e non);
o Traverse monouso;
o Contenitore per pungenti e taglienti;
o Soluzione alcolica per mani;

TECNICA DI ESECUZIONE

 Detergere il carrello prima di riordinarlo


 Il carrello va preparato in una stanza adeguata, come il deposito della
biancheria pulita
 Allestire a parte il carrello per lo smaltimento della biancheria sporca e dei
rifiuti

IMPORTANTE
 Preferire il materiale monouso quando possibile.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 10


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.2 CURE IGIENICHE AL LETTO

OBIETTIVI
 Assicurare il benessere fisico e psichico dell’assistito.
 Mantenere l’igiene e la pulizia della cute per garantire un comfort adeguato
evitando la comparsa di cattivi odori e arrossamenti
 Osservare e raccogliere dati sullo stato dell’assistito.

INDICAZIONI
 Persone parzialmente o non auto-sufficienti.
 Persone con il divieto di alzarsi.

MATERIALE OCCORRENTE
 Biancheria pulita.
 Sapone liquido.
 Padella.
 Guanti monouso.
 Manopola
 Carrello smaltimento rifiuti e biancheria.
 Materiale per la prevenzione delle lesioni da decubito e la cura di quelle di
1°-2° grado.

TECNICA DI ESECUZIONE
Le cure igieniche al letto vengono eseguite con la presenza di due operatori.
 Mantenere il più possibile la privacy dell’assistito.
 Procurarsi tutto il materiale per eseguire la metodica incluso il carrello della
biancheria sporca e smaltimento rifiuti.
 Informare la persona sulle manovre che si intendono effettuare e garantire
un microclima adeguato.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti monouso.
 Posizionare l’assistito a seconda delle sue possibilità (nel caso di una
persona con problemi respiratori lasciarlo sollevato con la testa).
 Aiutare l’assistito a spogliarsi assicurandosi che non abbia freddo ed
eventualmente coprirlo con un lenzuolo.
 Cominciare praticando l'igiene intima, procedendo sempre dall’area più
pulita a quella più sporca (la zona del meato urinario è la più pulita, quella
anale la più sporca).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 11


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Eseguire l’igiene della cute della persona, procedendo dalla zona più pulita
verso quella più sporca.
 VISO
 Uomo:
Proteggere il paziente posizionando un telino o un
asciugamano sul torace,procedere lavando viso,
occhi,orecchie e collo. Quindi risciacquare e asciugare
tamponando.
 Donna:
Procedere come descritto sopra,eventualmente applicare una
crema per il viso se la paziente ne è provvista e pettinare i
capelli .
 CORPO


Insaponare le braccia e le mani da entrambi i lati, passare poi al
torace prestando attenzione alle pieghe mammarie e alle ascelle
.
 Risciacquare e asciugare con cura, tamponando la cute.
 Procedere lavando l'addome e in seguito passare agli arti
inferiori.
 Risciacquare e asciugare con cura, tamponando la cute.
 Eseguire la toilette genitale.
 Posizionare il paziente in decubito laterale e procedere all'igiene
della schiena con movimenti rotatori, proseguire verso le
natiche, risciacquare e asciugare accuratamente tamponando la
cute.
 Attuare la manovre per la prevenzione e la cura delle lesioni da
decubito (su indicazione dell’infermiere).
Al termine dell’igiene del corpo in ogni sua parte, valutare la necessità di
applicare creme idratanti/nutrienti (fornite dalla farmacia).
Rivestire l’assistito, riordinare l’unità del malato e smaltire tutto il materiale
utilizzato.
Rimuovere i guanti e lavarsi le mani.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Il comportamento dell’assistito (dolore, stato di coscienza).
 Osservazione dello stato della cute (rossori, irritazioni, graffi, tagli,
lesioni, ecchimosi).
 Riferire eventuale evacuazione e relative caratteristiche delle feci.

IMPORTANTE
 Non lasciare mai l’assistito solo senza sponde o senza una persona che lo
sorvegli.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 12


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Eseguire correttamente la procedura igienica avendo cura di cambiare il


catino,la manopola e la teleria per ogni segmento corporeo evitando così
il trasferimento di microrganismi da una zona del corpo all'altra.
 Durante l’igiene osservare l’assistito nella sua totalità.
 Stimolare la collaborazione del paziente in relazione al suo grado di
autonomia.
 La frequenza consigliabile dell’igiene:
 Mattino: viso, occhi, orecchie, ascelle, cavo orale, mani, igiene
intima(da ripetere ogni qual volta ve ne sia necessità: es.
evacuazioni frequenti);
 Prima del pranzo e prima della cena: igiene delle mani;
 Pomeriggio: cavo orale
 Sera: cavo orale, igiene intima;
 Doccia, bagno al letto: secondo le necessità ogni 7 giorni.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 13


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.3 CURE IGIENICHE IN BAGNO

OBIETTIVI
 Stimolare/aiutare la persona a mantenere e/o raggiungere una maggiore
autonomia nell’igiene quotidiana.

INDICAZIONI
 Stimolare l’assistito ad agire in autonomia.
 Stimolare la relazione con il paziente.
 Rispettare le sue abitudini e metterlo in sicurezza.
 Provvedere all’igiene totale dell’assistito.

MATERIALE OCCORRENTE
Privilegiare, quando disponibile, il materiale della persona:
 Sapone liquido, spazzolino da denti e dentifricio, bicchiere, pettine,
spazzola, crema, rasoio, lozione dopo barba.
 Salviette e asciugamani.
 Guanti monouso.
 Biancheria personale per il cambio se necessario.
 Sacco di raccolta per la biancheria sporca.
 Sedia o sgabello.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare l’utente.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti monouso.
 Alzare il paziente e accompagnarlo in bagno dopo aver controllato il
microclima.
 Farlo sedere sulla sedia dopo averla protetta con una traversa, davanti al
lavandino.
 Lasciare che l’assistito faccia tutto ciò che riesce a fare da solo,
aiutandolo e, all’occorrenza, vigilando sulla sua sicurezza; se possibile,
salvo controindicazioni, rispettare le sue abitudini
 collaborare col paziente all’igiene di viso (orecchie, occhi, naso),denti,
collo, mani, ascelle,torace, schiena e igiene intima.
 Fargli indossare la biancheria scelta e aiutandolo se necessario.
 Quando l’assistito finisce, aiutarlo a raccogliere le proprie cose dal bagno.
 Rimuovere i guanti e lavarsi le mani.
 Riaccompagnare l’assistito nella propria unità riordinata, avvicinargli il
comodino e il sistema di chiamata.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 14


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Segnalare all’infermiere eventuali alterazioni della cute, modifiche
rilevanti del grado di autonomia.
 Registrare le cure effettuate nella apposita documentazione.

IMPORTANTE
 Tenere conto dell’opinione dell’assistito per la temperatura dell’acqua.
 Proporre all’assistito di pettinarsi e/o applicarsi creme o lozioni dopo
barba.
 Riordinare tutto il materiale.
 Durante le cure igieniche stimolare la comunicazione con il paziente.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 15


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 16


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.11 LAVAGGIO DELLE MANI DELL’ASSISTITO

OBIETTIVI
 Prevenire infezioni ed infiammazioni.
 Mantenere una adeguata igiene personale.
 Garantire il benessere psico-fisico.
 Facilitare la cura delle unghie.
 Educare l’assistito e/o i suoi familiari sulle modalità dell’effettuazione
delle cure igieniche
 Mantenimento delle capacità residue.

INDICAZIONI:

 Procedura da effettuare a tutti gli assistiti parzialmente e totalmente


dipendenti sia in ambito ospedaliero che territoriale, al mattino, prima e
dopo i pasti ed al bisogno.

MATERIALE OCCORRENTE

Su un carrello pulito ( utilizzare in preferenza il materiale dell’assistito per cio’


che e’ disponibile):
 catino
 bricco con acqua tiepida
 spazzolino per unghie morbido e monouso
 guanti monouso non sterili
 taglia unghie o forbice dell’assistito
 limetta di cartone.
 telino
 asciugamano
 sapone detergente
 crema idratante
 solvente per unghie (acetone) se necessario

TECNICA DI ESECUZIONE:

Si ricorda di stimolare le capacità residue dell’assistito e sostituirsi a lui solo nel


caso non sia collaborante:

 informare l’assistito
 lavarsi le mani
 mettersi i guanti monouso
 togliere lo smalto in quanto il letto ungueale pulito favorisce l’osservazione
del colorito ed un corretto utilizzo del saturimetro.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 17


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 tagliare le unghie, secondo la volontà della persona/care giver


 bagnare le mani
 insaponare le mani e spazzolare le unghie
 risciacquarle scrupolosamente
 asciugarle accuratamente e limarle.
 applicare la crema idratante se necessario
 riordinare il materiale
 togliersi i guanti
 lavarsi le mani

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI:

Segnalare la capacità di cura di sè della persona, l’aspetto della cute, la


presenza di eventuali arrossamenti, eritemi e lesioni.

IMPORTANTE

È preferibile l’uso di saponi liquidi a ph neutro evitando l’uso di saponi solidi


che, qualora bagnati, sono un ricettacolo di germi.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 18


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.12 IGIENE INTIMA

OBIETTIVO
 Prevenire ed eliminare le infezioni ed i cattivi odori e promuovere il
benessere della persona.
 Assicurare l’igiene della pelle.
 Assicurare il confort ed il benessere e la dignità delle persone
incontinenti.

INDICAZIONI
 Persone non autosufficienti e persone incontinenti.

MATERIALE OCCORRENTE
 Brocca.
 Telino monouso.
 Sapone detergente liquido.
 Biancheria pulita del paziente
 Manopola, se disponibile
 Padella.
 Creme dermo-protettive.
 Guanti.
 Pannolone se necessario.
 Sacco per i rifiuti.
 Carrello per la biancheria sporca.

TECNICA DI ESECUZIONE

L’igiene dei genitali femminili e maschili va sempre fatta almeno una volta al
giorno e, comunque, al bisogno dell’assistito.
 Informare l’assistito.
 Assicurare la privacy.
 Lavarsi le mani
 Indossare i guanti.
 Invitare l’assistito ad assumere una posizione supina.
 Mantenere l’assistito coperto con il lenzuolo.
 Posizionare la padella.
 Lavare la zona dalle aree pulite a quelle sporche.
 La temperatura dell’acqua deve essere adeguata.
 Usare detergente apposito.
 Sciacquare abbondantemente.
 Asciugare bene tamponando.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 19


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IGIENE DEI GENITALI FEMMINILI

 Si puliscono i genitali esterni dalla sinfisi pubica alla zona anale, per
prevenire infezioni uro vaginali.

 La pulizia inizia dall’orifizio uretrale a quello vaginale(dall’alto verso il


basso).

IGIENE DEI GENITALI MASCHILI

 Retrarre il prepuzio.
 Lavare la punta del pene con movimenti circolari dal meato urinario
verso l’esterno.
 Sciacquare la zona e poi procedere verso il basso.
 Lavare lo scroto ed il perineo.
 Dopo aver asciugato tamponando riportare il prepuzio nella zona
normale.
 Togliere i guanti e lavarsi le mani
 Riordinare il materiale utilizzato

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Quantità, aspetto, colore, odore delle feci se il paziente ha evacuato.
 Quantità, colore, odore delle urine.
 Stato della cute (presenza di irritazioni, rossori, lesioni).
 Presenza di perdite dal catetere vescicale, dai genitali.
 Alterazioni della fisiologia dell’apparato genito-urinario.
 Presenza di catetere vescicale fuori sede.
 Osservare nell’uomo la presenza di fimosi (se il prepuzio non scivola
all’indietro).

IMPORTANTE
Nell’assistito portatore di catetere vescicale prestare particolare attenzione al
punto di entrata del catetere e al meato uretrale esterno. Importante è
mantenere il catetere vescicale pulito (rimuovere residui fecali, secrezioni ed
eventuale sangue).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 20


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.13 PEDILUVIO

OBIETTIVI
 Assicurare l’igiene e il confort dell’assistito prevenendo odori sgradevoli.
 Facilitare le cure alle unghie.
 Eliminare le fonti di infezione e prevenire i traumi dovuti alle unghie
troppo lunghe.

INDICAZIONI
 Su indicazione dell’infermiere, su richiesta dell’assistito o quando si
ritenga necessario.

MATERIALE OCCORRENTE
 Guanti monouso.
 Vaschetta per pediluvio.
 Brocca dell’acqua.
 Traversa impermeabile.
 Biancheria varia.
 Sapone contenuto in una confezione a dispenser.
 Crema idratante/emoliente.
 Manopola di cotone o telino.
 Taglia unghie/limetta di cartone se occorre.
 Carrello smaltimento biancheria e rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 I piedi devono essere lavati con acqua tiepida e sapone neutro.
 Informare il paziente e concordare se possibile un orario.
 Preparare tutto il necessario e recarsi al letto del paziente.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti.
 Se il paziente è parzialmente autosufficiente farlo sedere sulla poltrona o
seduto sul letto. Se non è autosufficiente semi-seduto o supino.
 Posizionare sotto alla bacinella una traversa impermeabile.
 Usando la brocca si riempie la bacinella, quindi immergere un piede alla
volta se allettato, lasciarlo immerso per qualche minuto.
 Lavare le gambe e poi i piedi con il guanto da bagno o un telino
insaponato.
 Risciacquare dal ginocchio fino alle dita del piede.
 Asciugare con un telino la gamba e il piede, asciugare molto bene gli
spazi interdigitali (piegare all’occorrente una garza a fisarmonica).
 Procedere con l’altra gamba.
 Valutare con l’assistito/care giver se procedere al taglio delle unghie.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 21


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Tagliare le unghie a quadrato (prima si tagliano le unghie diritte e poi si


arrotondano gli angoli con una limetta di cartone), prestare attenzione
agli occhi durante il taglio.
 Massaggiare con la crema idratante/ nutriente delicatamente dal basso
(dita del piede) verso l’alto (polpaccio) allo scopo di facilitare il ritorno
venoso.
 Riposizionare l’assistito.
 Sistemare l’unità dell’assistito e smaltire il materiale utilizzato.
 Togliersi i guanti e lavarsi le mani

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Comunicare o registrare la prestazione.
 Alterazione della cute e delle unghie: colorazione, cute fragile, presenza
di ecchimosi, deformazioni, irritazioni.
 Presenza di lesioni fra le dita di qualunque natura.
 Presenza di calli o duroni.
 Eventuali traumi legati alla prestazione effettuata.

IMPORTANTE
 Rispettare le regole di sicurezza, per evitare cadute o lesioni alla
persona.
 Posizionare l’assistito in modo confortevole.
 Adeguare la temperatura dell’acqua secondo i gusti dell’assistito.
 Durante la prestazione parlare con la persona.
 Non posare il materiale per terra, per evitare infezioni nosocomiali.
 Adottare precauzioni idonee nelle persone con patologie infettive, disturbi
della coagulazione, patologie dismetaboliche (in particolare il diabete) per
manovre a rischio come il taglio delle unghie
 Sciacquare e asciugare accuratamente gli spazi interdigitali al fine di
prevenire l’insorgenza di micosi e macerazioni conseguenti all’umidità.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 22


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.15 POSIZIONAMENTO DELL’ASSISTITO

OBIETTIVI:
 prevenire l’insorgenza di lesioni da decubito e di edemi declivi .
 mantenere una postura adeguata alle condizioni dell’assistito prevenendo
schemi posturali patologici.
 garantire il confort e la sicurezza dell’assistito
 conservare la mobilità delle articolazioni e monitorare lo stato della cute.
 Favorire l’adeguato espletamento dei bisogni primari con adeguata
mobilizzazione.

INDICAZIONI:
 le indicazione sul tipo di postura sono fornite dall’infermiere responsabile
dell’assistenza e sotto la sua supervisione.
 alcune posture possono essere controindicate in caso di:
o particolari patologie dell’assistito (problemi cardiaci e /o respiratori)
o condizioni generali: età avanzata, stato di coscienza, grado di
mobilità, alimentazione enterale.

MATERIALE OCCORRENTE:
 Telo di scorrimento
 Sollevatore
 Archetto alza coperte
 Letto articolato
 Cuscini per postura
 Cunei di varie misure

TECNICA DI ESECUZIONE:

A) POSIZIONAMENTO CORRETTO NEL LETTO:

1 )DECUBITO DORSALE
 mettere un cuscino sotto la testa dell’assistito
 al bisogno posizionare un archetto (il peso delle coperte può causare
lesione da decubito e/o piede equino)
 posizionare un supporto in fondo al letto per mantenere i piedi ad
angolo retto.
 rispettare l’allineamento corretto del corpo.

2) DECUBITO LATERALE DESTRO E SINISTRO:


 mettere un cuscino sotto la testa dell’assistito per rispettare
l’allineamento del corpo

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 23


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 girarlo sul fianco prescelto mantenendo l’arto contro-laterale inferiore


flesso
 posizionare un cuscino sotto il ginocchio per mantenere l’anca in asse
ed evitare pressioni
 posizionare l’arto superiore contro-laterale su un cuscino
 posizionare cuscino dietro la schiena.

3)- POSIZIONE SEDUTA O SEMI-SEDUTA A LETTO

 mettere un cuscino dietro la schiena dell’assistito per sostenere la


nuca e la testa
 flettere leggermente le ginocchia e le anche mettendo un cuscino o un
altro dispositivo morbido sotto le cosce per prevenire gli effetti
dell’iper-estensione
 posizionare un supporto in fondo al letto per mantenere i piedi ad
angolo retto proteggendo i talloni con un adeguato rialzo.
 sollevare il bacino (nel letto articolato) per prevenire lo scivolamento
dell’assistito verso la pediera.

B) POSIZIONAMENTO CORRETTO IN POLTRONA

 preparare la poltrona al lato del letto piu’ indicato


 procedere all’alzata dell’assistito secondo le indicazioni ricevute, nel
massimo del rispetto della sicurezza sia dell’assistito che dell’operatore
 al bisogno posizionare un cuscino dietro la schiena dell’assistito
 mantenere l’allineamento del corpo
 coprire l’assistito con abbigliamento adatto o un panno
 prevenire la caduta
 avvicinargli il sistema di chiamata
 controllarlo periodicamente e stimolarlo al movimento per decomprimere
i punti di appoggio

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/ REGISTRAZIONI:

 registrazione dell’ esecuzione della prestazione


 riferire anomalie legate al posizionamento, difficoltà a mantenere la
posizione, variazioni importanti sul grado di collaborazione, dolore e
eventuali atteggiamenti viziati del corpo
 riferire i mezzi utilizzati per mantenere la postura
 indicare i progressi o le difficoltà dell’assistito

IMPORTANTE
 prestare la massima attenzione durante le manovre di posizionamento ad
eventuali cateteri venosi, vescicali, drenaggi e sondini naso gastrici ecc…..

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 24


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 riordinare la stanza di degenza in funzione della posizione e delle necessità


dell’assistito nel rispetto dei suoi bisogni.
 Variare la postura ogni 2 ore nei paziente che presentano LDD.
 Assicurarsi che il sistema di chiamata sia accessibile al paziente.

TECNICA PER PREVENIRE ATTEGGIAMENTI VIZIATI DEL CORPO:


 stimolare l’assistito alla mobilizzazione attiva o passiva dei propri arti

SCHEMA PER L’ANALISI DELLA MOBILITA’ DELL’ASSISTITO

CARATTERISTICHE SEGNI DI BENESSERE SEGNI DI ALTERAZIONE


Ampiezza dei completa  limitazione di uno o più
movimenti movimenti
 esagerati gesti dolorosi
Forza e massa completa  diminuita
muscolare  rigidità, contratture,
crampi, indolenzimenti
Marcia autonoma, agevole - permanenza a letto
- incapacità di camminare
- messa in carico limitata
- marcia insicura
Equilibrio stabile  instabile
 vertigini
 vacillante
 rischio di cadute
Controllo del completo  incapacità di
movimento cambiare posizione
nel letto o di alzarsi
dal letto
 paralisi
 paresi
 tremori
 movimenti non
coordinati
Posizione del corpo e Fisiologico e variato  atteggiamenti viziati:
degli arti piede equino,
rotazione interna,
rotazione esterna
dell’arto
 posizione fetale
(raggomitolata)
 abbandono di metà
corpo

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 25


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.17 AIUTO NELLA DEAMBULAZIONE

OBIETTIVI
 Conservare o favorire l’autonomia della persona
 Favorire il miglioramento dello stato generale della persona
 Garantire il confort e la sicurezza del paziente

INDICAZIONI
Su indicazione dell’infermiere,in particolare vanno stimolati:
 gli anziani, affaticati o non motivati
 gli assistiti convalescenti
 gli assistiti emiplegici in corso di rieducazione

MATERIALE OCCORRENTE
 Calzature chiuse con suola antiscivolo
 Se necessario un deambulatore o una stampella, o altro presidio indicato
dal fisioterapista

TECNICA DI ESECUZIONE
 Seguire le indicazioni del fisioterapista
 Stabilire un orario con l’assistito, se possibile
 Lavarsi le mani
 Fornire l’assistito una stampella o un tripode o un deambulatore, o altro
presidio indicato dal fisioterapista
 Verificare che le scarpe siano ben chiuse e allacciate
 Farlo guardare diritto davanti a lui
 Sostenere l’assistito a livello del braccio libero e in caso di paziente
emiplegico porsi dal lato plegico.
 Prevedere delle pause
 Non andare oltre le sue forze
 Riaccompagnarlo alla sua camera
 Aiutarlo a sedersi sulla poltrona o sul letto

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/ REGISTRAZIONI


 Percorso effettuato, se aiutato
 Comportamento ed atteggiamenti dell’assistito
 Informazioni raccolte dall’assistito

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 26


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IMPORTANTE
 Agire sempre in sicurezza, avendo l’accortezza di adottare tutti i
comportamenti consigliati per la prevenzione delle cadute accidentali.
 In caso di paziente emiplegico,le manovre devono essere effettuate in
direzione dell’arto sano tenendo bloccato il ginocchio plegico e i piedi del
paziente.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 27


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.18 TRASPORTO DELL’ASSISTITO

OBIETTIVO:
trasportare l’assistito preservando la sua sicurezza in base alle indicazioni
infermieristiche.

INDICAZIONI:
l’assistito può essere trasportato in caso di necessità di indagini diagnostiche,
in caso di trasferimento da una unità operativa all’altra e trasporto in sala
operatoria.
Le indicazioni per le modalità di trasporto sono fornite dall’infermiere in base
alla condizioni dell’assistito.

TECNICA DI ESECUZIONE:

a ) trasporto dell’assistito con il letto o con la barella:


liberare il letto dalle prese e dal sistema di chiamata, staccare (mettendo in
modalità di trasporto) eventuali materassi anti decubito e sbloccare il letto.
In caso di presenza di catetere vescicale durante le manovre prestare
particolare attenzione.

In caso di necessità di ossigeno terapia preparare la bombola dell’ossigeno


con relativo supporto, dopo essersi assicurati della quantita’ contenuta nella
stessa, regolare il flusso secondo l’ indicazione infermieristica.

In caso di trasporto dell’assistito dal letto alla barella avvicinare la stessa al


letto bloccando entrambi e in caso di:
 paziente collaborante: chiedergli di spostarsi autonomamente dal letto
alla barella con il nostro aiuto
 paziente parzialmente collaborante: provvedere allo spostamento
utilizzando il roller effettuando la manovra con 2 operatori.
 paziente totalmente dipendente: provvedere al passaggio tramite
sollevatore o roller.

In caso di assistito portatore di catetere vescicale e di necessità di ossigeno


terapia sono valide le stesse indicazioni del trasporto con il letto.

b) trasporto dell’assistito in carrozzina


posizionare l’assistito in carrozzina secondo le modalità di passaggio e le
manovre di mobilizzazione del caso, dopo aver bloccato sia la stessa
carrozzina che il letto.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 28


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

In caso di assistito portatore di catetere vescicale, occorre prestare


attenzione affinché il catetere non subisca trazioni, agganciandolo nella
carrozzina senza mai posizionarlo al di sopra del livello della vescica.

In caso di assistito che necessita di ossigeno terapia, inserire la bombola


dell’ossigeno nell’apposito supporto della carrozzina dopo averne controllato
il livello e regolare il flusso in base alle indicazioni infermieristiche. Valutare,
tramite controllo del manometro la quantità residua di ossigeno ed,
eventualmente, sostituire la bombola se la pressione è sotto i 50 mm/Hg.

IMPORTANTE
 accertarsi che letto,barella e carrozzina siano muniti di palo per flebo
e supporto per bombola d’ossigeno.
 Il trasporto del paziente tramite barella o letto deve avvenire con
l’operatore dalla parte della pediera in modo da avere una visione
completa del paziente.
 Durante il trasporto non consegnare la cartella clinica in mano al
paziente.
 Tenere in tasca alcuni guanti monouso non sterili in caso di
emergenza durante i trasferimenti(es. vomito del paziente).
 Tenere il piano del letto adeguatamente sollevato durante il trasporto.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 29


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.19 RIFACIMENTO DEL LETTO VUOTO

OBIETTIVO:
 Garantire il confort del paziente e assicurare l’igiene.

INDICAZIONI:
 Tutti giorni al mattino quando l’assistito si alza ed ogni volta che e’
necessario.

MATERIALE OCCORRENTE:
Su un carrello pulito
 lenzuolo/a
 traversa
 traversa assorbente , se disponibile e di consuetudine
 copriletto
 federa/ e
 carrello della biancheria sporca (deve rimanere fuori dalla stanza)
 coperta di lana al bisogno
 guanti monouso non sterili

TECNICA DI ESECUZIONE:

A) ASSISTITO CHE SI ALZA DAL LETTO

 informare l’assistito
 lavarsi le mani
 mettersi i guanti monouso non sterili
 coprire l’assistito
 aprire la finestra per aerare
 mettere una sedia ai piedi del letto
 disfare il letto come segue:
 mettere il cuscino sulla sedia
 piegare il copriletto partendo dai piedi verso la testa
 ripetere la stessa operazione con la coperta di lana, il lenzuolo sopra, la
traversa ed il lenzuolo sotto facendo una cernita di ciò che necessita di
essere cambiato e ciò che va mantenuto,
 smaltire nel sacco della raccolta della biancheria sporca ciò che va
sostituito evitando di appoggiarlo per terra
 rifare il letto riprendendo la biancheria dalla sedia e/ o dal carrello della
biancheria pulita

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 30


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 al termine fare correttamente gli angoli del letto e ripiegare le lenzuola


per facilitare il ritorno al letto dell’assistito,
 rimettere il cuscino
 chiudere la finestra
 riordinare la camera
 togliersi i guanti
 lavarsi le mani

B ) ASSISTITO CHE VIENE DIMESSO (locanda)


La tecnica e’ la stessa sopra citata dopo aver effettuato una scrupolosa
disinfezione secondo protocollo aziendale di tutta l’unita’ dell’assistito
(letto, comodino, sedia e armadio ecc.).
Evitare di scuotere eccessivamente la biancheria sporca rimuovendola con
cautela.
Successivamente rifare il letto con tutta la biancheria pulita.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI:
Segnalare malfunzionamento di parti dell’ unità dell’assistito.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 31


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

1. MODELLO DI ATTIVITA’ ESERCIZIO FISICO

1.20 RIFACIMENTO DEL LETTO OCCUPATO

OBIETTIVO:
 Garantire il confort dell’assistito, assicurare l’igiene, privilegiare la
sicurezza e salvaguardare la sua privacy.

INDICAZIONI:
 Tutti i giorni al mattino dopo le cure igieniche ed ogni volta che e’
necessario .
 Tale procedura deve essere effettuata da due operatori

MATERIALE OCCORRENTE
Su un carrello pulito:
 lenzuolo/a
 traversa
 tela cerata
 copriletto
 federa/e
 traversa assorbente , disponibile e di consuetudine
 coperta di lana al bisogno
 carrello della biancheria sporca (deve rimanere fuori dalla stanza)
 guanti monouso non sterili

TECNICA DI ESECUZIONE:
 informare l’assistito
 lavarsi le mani
 mettersi i guanti monouso non sterili
 mettere una sedia ai piedi del letto
 lasciare un cuscino sotto la testa e l’eventuale secondo cuscino metterlo
sulla sedia
 scalzare il letto
 togliere il copriletto e coperta di lana ripiegandoli partendo dai piedi
verso la testa e appoggiarli sulla sedia
 mantenere il lenzuolo sopra l’assistito ripiegando i bordi
 girare l’assistito sul fianco mantenendolo coperto
 arrotolare il lenzuolo e la traversa sporchi sotto l’assistito
 posizionare sul letto il lenzuolo, traversa e tela cerata puliti
 arrotolare il lenzuolo e la traversa puliti verso il dorso dell’assistito
 evitare il contatto della biancheria pulita con la sporca
 far ruotare, aiutandolo, l’assistito sul fianco opposto
 togliere la traversa ed il lenzuolo sporchi e smaltirli nel sacco di raccolta
della biancheria sporca evitando di appoggiare per terra

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 32


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 srotolare il lenzuolo e la traversa puliti e rincalzare sotto il materasso


evitando la formazione di pieghe.
 rimettere l’assistito supino
 rimettere o sostituire al bisogno il lenzuolo superiore
 mettere la coperta di lana se necessario
 mettere il copriletto
 cambiare la federa del cuscino al bisogno
 al termine fare correttamente gli angoli del letto
 rimettere le sponde all’assistito per cui erano state prescritte
 riordinare la camera e l’unita’ dell’assistito
 togliersi i guanti
 lavarsi le mani

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI:
Segnalare malfunzionamenti di parti dell’unita’ dell’assistito e variazioni del
grado di collaborazione dell’assistito.

IMPORTANTE
Al termine abbassare il piano di giacenza.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 33


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA SALUTE

2.1 LAVAGGIO DELLE MANI

2.1.1 LAVAGGIO SOCIALE DELLE MANI DELL’OPERATORE

OBIETTIVI
E’ la principale manovra da attuare per prevenire le infezioni ospedaliere ed
evitare la trasmissione di infezioni da contatto.

INDICAZIONI
Il lavaggio delle mani deve essere sistematico:
 all’arrivo sul posto di lavoro
 quando sono visibilmente sporche o contaminate da materiale
organico
 prima e dopo ogni attività di tipo alberghiero;
 dopo aver eseguito QUALUNQUE manovra a contatto con l’assistito
 prima di passare ad un altro assistito
 prima e dopo l’utilizzo dei servizi igienici
 prima e dopo essersi soffiati naso
 prima e dopo aver mangiato e bevuto
 dopo aver manipolato, anche con i guanti, degli oggetti inanimati
 prima di indossare i guanti e dopo averli tolti
 dopo l’effettuazione di pulizie di superfici
 dopo la chiusura dei sacchi della biancheria sporca/sacchi dei rifiuti
speciali.
 prima di terminare il servizio

MATERIALE OCCORRENTE
 Acqua
 Sapone liquido
 Salviette monouso
 Cestino rifiuti
 Altri sistemi di igiene delle mani in mancanza di acqua
(soluzioni alcoliche utilizzate con appositi dispenser o
tascabili ) VEDI PUNTO 2.1.2

TECNICA DI ESECUZIONE
 Bagnare le mani e avambracci con l’acqua
 Raccogliere dal distributore una quantità necessaria di sapone liquido
(seguendo le indicazioni della ditta produttrice)

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 34


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Frizionare accuratamente le mani per almeno 15 secondi prestando


particolare attenzione agli spazi interdigitali, i palmi, i dorsi, i polsi e gli
avambracci
 Sciacquare sotto l’acqua corrente tenendo sempre le mani più in alto
rispetto ai gomiti ( distanti dalla divisa)
 Assicurarsi di essersi asciugati completamente con le salviette di carta
monouso, tamponando per non irritare la cute
 Se il lavandino è sprovvisto di rubinetto a gomito o a pedale, chiuderlo
con con la salvietta utilizzata per l’asciugatura .
 Smaltire la salvietta utilizzata nell’apposito cestino

IMPORTANTE
 L’uso dei guanti non dispensa mai dal lavaggio delle mani
 Tenere le unghie corte e senza smalto
 Limitare il più possibile l’utilizzo di monili e orologi da polso
 Non utilizzare acqua troppo calda perché tale uso può aumentare il
rischio di dermatiti.
 In mancanza immediata dell’acqua provvedere al lavaggio delle mani, nei
casi sopraindicati, con soluzione alcolica con apposito dispenser e
frizionare accuratamente fino al completo assorbimento.

2.1.2 DECONTAMINAZIONE ALCOLICA

OBIETTIVO
Ridurre rapidamente la maggior parte della flora transitoria compresi i
microrganismi antibiotico resistenti (Stafilococco Aureo Meticillino resistente ) e
la maggior parte della parte microbica residente .

INDICAZIONI
La decontaminazione alcolica deve essere effettuata:
 in caso di emergenza ed in mancanza di lavandino
 quando le mani non sono visibilmente sporche
 prima e dopo aver utilizzato i guanti
 tra un assistito e l’altro
 prima e dopo un contatto diretto con gli assistiti ( rilevazione polso,
pressione arteriosa, rilevazione temperatura corporea ecc…..)
 dopo il contatto con oggetti inanimati comprese le attrezzature
mediche ed arredi
 all’ entrata e all’ uscita della stanza di degenza di un paziente

MATERIALE OCCORRENTE
 soluzione alcolica con dispenser o tascabili per la decontaminazione
alcolica

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 35


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

TECNICA DI ESECUZIONE
 applicare il prodotto nel palmo di una mano ( per la quantità seguire le
indicazioni del produttore),
 strofinare le mani fra di loro coprendo tutta la superficie delle stesse e
delle dita fino a completo assorbimento

IMPORTANTE

 non effettuare nessun tipo di prestazione fino a quando le mani


non sono completamente asciutte
 la contaminazione alcolica non sostituisce il lavaggio delle mani

2.1.3 LAVAGGIO ANTISETTICO DELLE MANI

OBIETTIVO
Ridurre tramite una soluzione antisettica la maggior parte della flora transitoria
compresi i microrganismi antibiotico resistenti ( Stafilococco Aureo Meticillina
resistente) e parte della carica microbica residente.

INDICAZIONI
Il lavaggio antisettico delle mani deve effettuarsi:
 prima di manovre invasive
 prima di prelievi per esami culturali
 dopo il contatto con fluidi/ secrezioni , mucose, cute non integra
dell’assistito
 dopo il contatto con assistiti nei quali e’ stato isolato un microrganismo
antibiotico-resistente
 prima di assistere pazienti immunodepressi

MATERIALE OCCORRENTE
 acqua
 soluzione antisettica in uso secondo protocollo aziendale
 salviette monouso
 cestino rifiuti

TECNICA DI ESECUZIONE
 bagnare le mani ed i polsi con acqua
 applicare nelle mani la quantità di antisettico raccomandato dal
produttore e frizionare vigorosamente fra di loro le mani per almeno
un minuto, coprendo tutte le superfici delle mani e delle dita, ponendo
particolare attenzione agli spazi interdigitali, alle estremità delle dita ed
alla zona peri-ungueale

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 36


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 sciacquare le mani ed i polsi con abbondante acqua corrente ed


asciugare scrupolosamente tamponando le zone con le salviette
monouso, utilizzare la stessa anche per la chiusura del rubinetto ( se lo
stesso non è a pedale o a gomito)
 smaltire le salviette nell’apposito cestino

IMPORTANTE
Non utilizzare acqua troppo calda in quando l’uso ripetuto della stessa può
aumentare il rischio di dermatiti.

2.1.4 L’USO DEI GUANTI

OBIETTIVI
I guanti sono un importante mezzo di prevenzione perché creano una vera e
propria barriera fisica.
Lo scopo del loro uso è,infatti, quello di separare la cute delle mani
dell’operatore dall’ambiente esterno.
Essi, per tanto,vanno considerati,non solo come presidi utili alla prevenzione
delle infezioni (tutela del malato), ma, proprio per questo, anche come
dispositivi di protezione individuale (tutela dell’operatore).

AZIONI
 devono essere cambiati fra un paziente e l’altro
 devono essere cambiati per procedure di diverso tipo sullo stesso paziente
 devono essere sostituiti quando si verifica una rottura o lacerazione
 è necessario lavarsi sempre le mani dopo la loro rimozione

INDICAZIONI
I guanti sono diversi per caratteristiche in relazione all’utilizzo che ne deve
conseguire.
All’interno delle strutture sanitarie, le principali tipologie di guanti che
l’operatore ha a disposizione sono le seguenti:
 guanti in lattice non sterile
 guanti in lattice sterile
 guanti in PVC non sterile
 guanti in nitrile
 guanti in vinile

IMPORTANTE
L’uso dei guanti non riduce la necessità e la frequenza del lavaggio delle mani.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 37


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.2 ACCOGLIENZA DELL’ASSISTITO

OBIETTIVI
 Accogliere e ricevere l’assistito il più serenamente possibile rispettando il
suo diritto alla privacy.

INDICAZIONI
Ospedalizzazione :
o in urgenza
o programmata
o trasferimento da altra struttura o da altro servizio
o ingresso in Day hospital o Day surgery
o ambulatoriale
o ingresso in casa di riposo (si tratterà di ospite “residente”)

TECNICA DI ESECUZIONE
 Presentarsi con nome e qualifica.
 Accogliere l’assistito all’ingresso evitando di farlo attendere troppo.
 Se è affaticato, accompagnarlo con una sedia rotelle.
 Verificare che l’assistito non abbia gravi problemi fisici, in tal caso
avvisare immediatamente l’infermiere .
 Qualunque sia la situazione, mantenere un viso “aperto”, rassicurante.
 Rassicurarlo .
 Prendere la valigia.
 Consegnare se disponibile la Carta dei Servizi.
 Presentare il servizio (es. la sala terapia, l’ambulatorio, il telefono
pubblico, il salone con la televisione se presente, la sala da pranzo).
 Indicare il suo numero di camera, dando dei punti di riferimento se
necessario.
 Presentare la camera,il bagno.
 Presentare il vicino o la vicina di letto.
 Spiegare il funzionamento del sistema di chiamata, della luce, del
telefono, della televisione se presente.
 Dare gli orari di visita dei parenti e amici.
 Dare gli orari di “rito” del reparto (dei pasti,delle visite mediche,delle
attività infermieristiche…)
 Aiutare l’assistito a sistemarsi: riordinare i suoi effetti personali, svestirlo
o aiutarlo, metterlo a letto o sulla poltrona e domandare se deve
espletare bisogni fisiologici in previsione della visita medica.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 38


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Domandare all’assistito se ha una dieta o un trattamento particolare da


seguire.
 Verificare insieme all’infermiere se ha delle consegne per i sanitari.
 Mettere un bicchiere sul comodino.
 Ordinare il menu seguendo i desideri dell’assistito e la sua dieta.
 Stimolare le domande,rispondere e riassicurarlo (informarsi presso
l’infermiere per le domande particolari).
 Raccogliere il massimo di informazioni con l’osservazione e l’ascolto al
fine di completare la documentazione prevista dal servizio, ricordarsi di
chiedere almeno un recapito telefonico a cui rivolgersi in caso di bisogno.
 In caso di presenza di lesioni da pressione, provvedere a documentarne lo
stato con eventuale fotografia, da allegare in cartella clinica.
 Trasmettere le informazioni raccolte all’infermiere.
 Sarà a dicrezione di ogni unità operativa il controllo e/o la gestione dei
valori personali ( denaro ed oggetti di valore).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 39


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.3 AIUTO ALL’ASSUNZIONE DEI FARMACI

OBIETTIVI

Lo scopo e quello di uniformare i comportamenti degli operatori su questa


pratica al fine di garantire con appropriatezza la continuità delle cure anche in
assenza dell’infermiere

INDICAZIONI
La somministrazione dei farmaci è di competenza infermieristica. L’OSS può
provvedere unicamente all’aiuto nell’assunzione di farmaci, ma deve
essere presente nell’organizzazione una procedura o un documento formale
che ne definisca esattamente le modalità.
La pratica dell’OSS è quindi di carattere esecutivo e viene svolta in situazioni
dove il paziente non riesce da solo ad assumere il farmaco orale già
predisposto dall’infermiere.
L’operatore deve quindi aiutare il paziente nell’assunzione verificando che il
farmaco venga assunto correttamente secondo il programma terapeutico

TECNICA DI ESECUZIONE
 Lavaggio delle mani
 Identificare la persona
 Informare il paziente
 Attuare la modalità prescritta di preparazione del farmaco: ad esempio se
deve essere assunto per via orale schiacciato, con acqua, con the o acqua
gel
 Aiutare all’assunzione, facendo particolare attenzione nei soggetti con
disfagia (alterazioni della deglutizione) e facendo assumere al paziente una
posizione consona all’ azione

IMPORTANTE
Informare l’infermiere se il paziente ha o non ha assunto il farmaco.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 40


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.4 ISOLAMENTO

OBIETTIVI
 Proteggere l’assistito dal rischio di infezioni nosocomiali (ospedaliere)
 Evitare che l’assistito contagioso trasmetta germi patogeni all’ambiente e ad
altri assistiti.
 Garantire il diritto alla privacy del paziente e fornirgli un adeguato
microclima.

INDICAZIONI:
Per l’applicazione della presente scheda operativa, fare riferimento al Protocollo
aziendale vigente specifico .
Si applica per assistiti affetti da patologia contagiosa, immunodepressione, o
sottoposti a manovre particolarmente cruente/invasive .

MATERIALE OCCORRENTE:
 camera singola, laddove non è possibile cercare di collocarlo
adeguatamente
 carrello pulito con il materiale occorrente, a seconda delle indicazioni
medico-infermieristiche, per l’applicazione delle misure di isolamento:
 dispositivi di protezione individuale (camice monouso, maschera e
visiera monouso, cuffia monouso, guanti monouso)
 soluzione alcoolica
 biancheria pulita necessaria
 se indicato, materiale necessario per l’igiene
 carrello per la raccolta della biancheria sporca infetta ( sacco
idrosolubile trasparente dentro il sacco rosso ) e per lo smaltimento
dei rifiuti ad alto rischio biologico ( sacco giallo in contenitore rigido)

TECNICA DI ESECUZIONE:
su indicazioni dell’infermiere:
 Allestire il carrello pulito con i dispositivi di protezione individuale, soluzione
alcoolica e materiale occorrente per l’igiene
 Allestire i sacchi per la biancheria infetta (sacco idrosolubile trasparente
dentro al sacco rosso) e sacchi dei rifiuti ad alto rischio biologico (sacco
giallo)
 Segnalare all’infermiere se si notano comportamenti non conformi al
protocollo da parte dell’assistito, parenti o visitatori, dopo averli
adeguatamente educati
 Ripristinare il materiale al termine dell’isolamento

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 41


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IMPORTANTE
Entrare nella stanza dell’assistito, cercando di concentrare il maggior numero
possibile di prestazioni, al fine di ridurre gli accessi

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 42


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.5 GESTIONE DEI DISINFETTANTI


OBIETTIVI
 Conservare, diluire e utilizzare correttamente i disinfettanti.

INDICAZIONI
Per l’applicazione della presente scheda operativa, fare riferimento al Protocollo
aziendale vigente specifico

I dispositivi medici (es. termometro) e i presidi sanitari (es. comoda) che


vengono utilizzati prima per un assistito e poi per un altro , si prevede che
vengano disinfettati o sterilizzati dopo aver verificato l’ integrità

MATERIALE OCCORRENTE
 Guanti monouso.
 Occhiali o visiera, camice o manicotti.
 Contenitore di capacità tale da conservare la qualità totale della soluzione
(brocca, tanica) pulito e asciutto; se indicato il contenitore deve essere
sterilizzato.
 Contenitore graduato per la diluzione.
 Disinfettanti.
 Solvente, acqua fredda, (alcuni disinfettanti sono inattivanti dal calore),
solo se richiesto utilizzare acqua sterile o microbiologicamente
controllata.

TECNICA DI ESECUZIONE

Diluizione:i disinfettanti vanno diluiti secondo protocollo vigente, rispettando


scrupolosamente le concentrazioni (es. soluzione al 10% significa 10 parti di
disinfettante e 90 parti di acqua)
 Igienizzare le mani prima e dopo la diluizione
 Indossare i dispositivi di protezione individuali (guanti, occhiali /visiera,
camice/manicotti).
 Stabilire la quantità totale di soluzione da utilizzare.
 Identificare la concentrazione idonea che è espressa in percentuale.
 Calcolare la quantità di disinfettante e di acqua da impiegare.
 Utilizzare contenitori puliti e asciutti
 Effettuare la diluzione secondo quanto precedentemente calcolato.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 43


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Identificare la soluzione ottenuta con: il nome del disinfettante, la


concentrazione, la data di preparazione e la data di scadenza (etichetta
dedicata)
 Le soluzioni preparate, conservate nel flacone ben chiuso, devono essere
consumate entro 7 giorni, salvo diversa indicazione.
 Le soluzioni utilizzate in vaschette da immersione devono essere sostituite
entro 24 ore, salvo diversa indicazione
 Alcune soluzioni sono fotosensibili e vanno conservate in flacone scuro

Conservazione:
 Evitare di fare scorte.
 Identificare il locale idoneo: non accessibile all’utenza, ben ventilato, con
temperatura bassa, con armadi chiusi, non utilizzati per altri materiali
(antisettici, farmaci).
 Preferire contenitori di dimensioni piccole .
 Mantenere il disinfettante nella confezione originale .
 I contenitori devono essere chiusi dopo l’uso, i tappi devono essere quelli
originali allo scopo di non contaminare il prodotto
 L’etichetta della confezione deve essere quella originale della casa
produttrice o della farmacia .
 Evitare di travasare il disinfettante dalla confezione originale ad un’altra,
per non contaminarlo.
 Non mescolare fra di loro disinfettanti diversi, o disinfettanti con
detergenti.
 Non aggiungere disinfettante nuovo in contenitori già usati e/o sporchi,
evitare di rabboccare il prodotto.
 Fare attenzione all’ integrità della confezione durante l’ utilizzo.

Tecnica di disinfezione dei presidi sanitari e dispositivi medici:


 L’operatore deve proteggersi con i dispositivi individuali
 Detergere il presidio (detergente/proteolitico)
 Risciacquare
 Asciugare accuratamente
 Disinfettare (giusto disinfettante, giusta concentrazione/rispetto dei
tempi)
 N.B. I presidi sanitari/superfici ambientali (unità assistito, padella,
catino…) vanno lasciati asciugare lentamente o facendo uso di carta
monouso
 N.B I dispositivi medici semicritici (laringoscopio, canula tracheostomica,
endoscopi…) vanno risciacquati con acqua sterile, mentre quelli non critici
(termometro…) vanno risciacquati con acqua corrente/distillata)

VELENI E SOSTANZE INFIAMMABILI


 Devono essere conservati, trasportati, nella loro confezione originale.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 44


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 I contenitori devono avere indicato nell’etichetta il simbolo che indica il


tipo di prodotto contenuto e il rischio della sostanza.
 Il tappo del contenitore deve essere originale e a tenuta.
 Prima del trasporto assicurarsi della tenuta del tappo e delle confezioni,è
indicato l’impiego di carrelli e cassette per uno spostamento sicuro.

IMPORTANTE
 Durante l’utilizzo del disinfettante non produrre aerosol.
 Far precedere sempre alla disinfezione un accurata pulizia.
 Rispettare le concentrazioni d’uso e i tempi di contatto indicati.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 45


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.6 LAVAGGIO E PREPARAZIONE DEL MATERIALE PER LA


STERILIZZAZIONE

OBIETTIVI
Decontaminare e pulire gli strumenti metallici e in plastica riutilizzabili prima
delle operazioni di sterilizzazione.

INDICAZIONI
Per l’applicazione della presente scheda operativa, fare riferimento al Protocollo
aziendale vigente specifico

MATERIALE OCCORRENTE
 Decontaminante
 Detergente
 Dispositivi di protezione individuale:guanti(preferibilmente di
gomma),occhiali /visiera/camice/manicotti.
 Materiale per la diluizione del disinfettante(vedere”gestione dei
disinfettanti”).

TECNICA DI ESECUZIONE
 Indossare i dispositivi di protezione individuale (in seguito DPI).
 Preparare la soluzione decontaminante .
 La decontaminazione è parte integrante della sterilizzazione, è un
processo che utilizza metodi fisici e/o chimici per inattivare,distruggere o
rimuovere organismi patogeni dalla superficie di uno strumento,è
finalizzata alla protezione degli operatori durante le manovre di
ricondizionamento dei dispositivi medici riutilizzabili.
 Immergere i dispositivi riutilizzabili, dopo l’uso e lasciarli in immersione
secondo quanto indicato dalla ditta produttrice del prodotto
 Sciacquare in acqua corrente e procedere con le operazioni di lavaggio
con detergente enzimatico,se non è previsto il lavaggio automatico in
centrale di sterilizzazione.
 Asciugare il materiale.
 CONTROLLARE CHE SIA PULITO ,INTEGRO ,FUNZIONANTE
 Riporlo nelle apposite buste
 Registrarlo nella bolla di accompagnamento alla centrale di sterilizzazione
 Provvedere al trasporto presso la centrale di sterilizzazione nell’ apposito
contenitore (container, griglia, vaschetta, ecc.)

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 46


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IL PROCESSO DEI STERILIZZAZIONE:

1. protezione dell’operatore: indossare guanti, visiera e maschera FFP1


2. raccolta degli strumenti sporchi: metterli in un contenitore con il
decontaminante diluito in acqua fredda, come da protocollo, avendo
l’avvertenza di aprirli
3. decontaminazione: lasciare agire come da protocollo
4. risciacquo, mantenendo guanti e DPI
5. eventuale smontaggio (es. fibre ottiche)
6. detersione con detergente diluito in acqua tiepida (40°C circa) con
concentrazione come da protocollo
7. risciacquo sotto acqua corrente, mantenendo guanti e DPI
8. asciugatura
9. controllo dello strumentario: pulizia delle eventuali zigrinature,
valutazione del funzionamento , dell’ affilatura e posizionamento del
proteggi punta se necessario
10. confezionamento ,di norma viene effettuato in Centrale di
Sterilizzazione. Se indicato usare la busta di adeguate dimensioni,
proteggere le punte dei ferri, inserire in busta i manici verso il fondo, la
saldatura deve essere effettuata lasciando qualche centimetro dal
materiale. Gli indicatori di viraggio vengono utilizzati solo in centrale di
Sterilizzazione.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
-Presenza di materiale rotto o alterato.
-Mancanza di materiale,trousse incomplete.

IMPORTANTE
N.B.-Per legge tutti gli strumenti appuntiti e taglienti riutilizzabili, prima
della loro detersione, devono essere immediatamente immersi in un
disinfettante attivo contro tutti gli agenti patogeni, compreso l’HIV.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 47


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2.7 CONSERVAZIONE E UTILIZZO DEL MATERIALE STERILE

OBIETTIVI
 Mantenere la sterilità di un oggetto allo scopo di evitare la diffusione di
infezioni nosocomiali.
 Disporre di materiale sicuro per le manovre invasive sugli assistiti

INDICAZIONI
Il processo di corretta conservazione si applica ogni volta che viene sterilizzato
un dispositivo ri-sterilizzabile e per ogni dispositivo monouso fornito sterile in
confezione originale

MATERIALE OCCORRENTE
 Armadi chiusi e puliti

TECNICA DI ESECUZIONE
Conservazione
 La manipolazione delle confezioni deve essere effettuata previo lavaggio
delle mani
 Per il mantenimento della sterilità,il materiale deve essere conservato in
armadi chiusi, puliti, asciutti, al riparo della luce, dalla polvere, dal calore,a
30 centimetri dal pavimento, in locali ad accesso controllato.
 Verificare sempre il corretto viraggio degli indicatori esterni, la data di
scadenza
 Le confezioni devono essere riposte in ordine cronologico rispetto alle
scadenze.
 Se le confezioni di materiale già sterilizzato si presentano lacerate,
danneggiate, aperte, cadono a terra o vengono a contatto con materiale
sporco, sono da considerarsi non sterili. In tal caso gli strumenti devono
essere riprocessati e il materiale di medicazione eliminato.
 Il materiale sterile deve essere controllato periodicamente per valutare lo
stato di conservazione e la scadenza.

Utilizzo
 Lavarsi le mani.
 Controllare la data di scadenza della sterilizzazione posta sul materiale da
utilizzare.
 Aprire il pacco al momento dell’utilizzo.
 Se si tratta di materiale sterile aprire il pacco dall’invito per metà busta,
porgendolo in modo che l’operatore possa prelevarlo con tecnica asettica.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 48


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Presenza di materiale scaduto.
 Presenza di confezioni non integre.
 Errori durante la manovra che possono avere contaminato il materiale.

IMPORTANTE
 Aprire il pacco solo al momento dell’uso ed in prossimità della zona di
utilizzo.
 Mantenerlo lontano dalla divisa.
 Non sporgersi mai sopra una zona sterile per non contaminarla.
 Evitare la formazione di correnti d’aria mentre è presente un campo
sterile.
 Non parlare, tossire starnutire sopra il campo sterile.
 Non bagnare il campo sterile, l’involucro bagnato a contatto con una
superficie non sterile perde la sterilità.
 I margini dell’involucro sono sempre da considerarsi contaminati.
 La durata della sterilità è direttamente correlata alle modalità di
conservazione .

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 49


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.8 TRASPORTO DEI MATERIALI

OBIETTIVI
 Conservare l’integrità del materiale trasportato.
 Garantire la corretta destinazione del materiale
 Rispettare tempi di trasporto e di consegna.
 Evitare la contaminazione dell’ambiente e del personale con il materiale
trasportato e viceversa
 Rispettare la riservatezza sulle informazioni apposte sui materiali

INDICAZIONI
Su indicazioni del personale infermieristico rispettando tempi e modalità di
trasporto.

MATERIALE
 Materiali biologici e campioni diagnostici:
o guanti, lasciare libera la mano dominante
o appositi contenitori o sacchetti di plastica con chiusura
o separatori (es. spessori), uno per prodotto;
o richieste che accompagnano il materiale, consegnate dall’infermiere
con indicazione di priorità
o vassoio o carrello
o posta pneumatica
 Sangue ed emoderivati:
o contenitori termoisolanti dotati di appositi sistemi di controllo della
temperatura interna, secondo quanto previsto dalla normativa
vigente
o relative richieste, consegnate dall’infermiere.
 Materiale economale tecnico-sanitario, farmaci, presidi medico-chirurgici
o carrello proporzionato al volume del materiale da trasportare
o contenitori con coperchio.
o Se necessaria relativa bolla di accompagnamento.
 Radiogrammi cartelle cliniche e referti:
o carrello se necessario;
o buste e contenitori appositi per documenti.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 50


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

TECNICA DI ESECUZIONE
 Trasporto materiale biologico e campioni diagnostici:
o Lavare le mani.
o Indossare i guanti monouso, portare con se un paio di guanti di
riserva.
o Inserire i campioni negli appositi contenitori o sacchettini di plastica
che andranno ben chiusi.
o I contenitori vanno tenuti in posizione verticale.
o Controllare la destinazione del materiale.
o Chiedere all’ infermiere la priorità di consegna dei vari materiali.
o Unire al campione la relativa richiesta che dovrà essere consegnata
dall’infermiere.
 Trasporto sangue ed emoderivati:
o il ritiro e il trasporto del sangue deve essere effettuato in tempi
rapidi utilizzando l’apposito contenitore
o verificare l’integrità delle sacche al momento del ritiro dal Servizio
Immunotrasfusionale
o durante il trasporto non sottoporre le sacche a urti ,vibrazioni
violente per non danneggiare il loro contenuto
o avvertire sempre gli infermieri dell’avvenuto ritiro e arrivo in
reparto del sangue e/o emoderivati
 Trasporto materiale economale, tecnico-sanitario, farmaci, presidi medico-
chirurgici:
o utilizzare un carrello proporzionato al volume del materiale da
trasportare
o prima del trasporto verificare l’integrità della confezione
o durante il trasporto fare attenzione a non danneggiare gli involucri
per non deteriorare il contenuto
o i farmaci vanno trasportati nell’apposito contenitore ben chiuso
o alcuni farmaci vanno conservati in frigorifero, in questo caso
devono essere consegnati rapidamente in reparto e informato
l’infermiere
o per il trasporto di prodotti pericolosi e infiammabili (alcool, etere,
acetone, benzina, ecc.) devono essere tenuti lontano da fonti di
calore. Prima del trasporto assicurarsi della tenuta del tappo e dell’
integrità della confezione
o per il trasporto di bombole di gas devono essere sistemate in modo
da evitare urti, sia tra loro che con altri oggetti o sporgenze;
abitualmente vengono impiegati appositi carrelli dotati di cinghie
che fissano in posizione verticale le bombole e le valvole vengono
protette da cappellotti. Le bombole non possono essere
manomesse o esposte a sorgenti di calore, naturali o artificiali

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 51


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Trasporto di radiogrammi, cartelle cliniche e referti:


o si tratta di materiale molto importante ,il trasporto dovrà evitare
danni di qualsiasi natura e deve garantire il rispetto della
riservatezza del contenuto
o il materiale va inserito in apposite buste
o deve essere consegnato direttamente al personale infermieristico o
nelle mani di personale autorizzato a riceverlo e gestirlo

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 L’avvenuta consegna del materiale.
 Eventuali comunicazioni da chi ha ricevuto il materiale.

IMPORTANTE
 Garantire nel trasporto del materiale la riservatezza del contenuto
 Non aprire mai i contenitori che devono mantenere la sterilità
 Il materiale non deve essere abbandonato
 Attenersi alle modalità di trasporto
 Nella consegna e nel ritiro rispettare le priorità indicate dal personale
infermieristico, in particolare per quanto riguarda gli emoderivati e il sangue
 Se accidentalmente avviene una dispersione all’esterno di materiale infetto,
tossico o nocivo, provvedere immediatamente alla pulizia e disinfezione
dell’ambiente secondo il protocollo in uso, adottando i DPI, al lavaggio delle
mani e a informare il responsabile.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 52


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.9 IGIENE E PULIZIA DEGLI AMBIENTI

OBIETTIVI
 Combattere le infezioni nosocomiali
 Assicurare l’igiene degli ambienti
 Rispettare il confort ed il benessere del paziente garantendogli un
adeguato microclima
 Preservare in condizioni adeguate l’ambiente circostante.

INDICAZIONI
 Tutti i giorni, 2 o 3 volte al giorno a seconda del bisogno e disposizioni date
dall’ U.O.

MATERIALE OCCORRENTE
 Il carrello delle pulizie deve rimanere sempre fuori della stanza di degenza e
mai incustodito.
 Detergente e disinfettante (solo se indicato) in contenitori identificati con
diversi colori.
 Straccetti uno per prodotto.
 Prodotto per wc.
 Sopracamice.
 Guanti monouso e dpi ove necessita.
 Per pulizia dei pavimenti a umido :
 1 scopa snodabile articolata (scopa elettrostatica a trapezio)
 1 panno speciale monouso in garza di cotone o in tessuto non
tessuto (TNT)leggermente inumidito.
Per il lavaggio del pavimento con sistema Mop:
 carrello Duo-Mop, con due secchi di colori diversi detti C1 e C2;
 un attrezzo Mop (scopa a frange)

TECNICA DI ESECUZIONE
 Possono essere attuate variazioni secondo il CIO (Comitato Infezioni
Ospedaliere) .
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti monouso.
 Arieggiare la stanza, coprendo il paziente se vi si trova all’interno.
 Rimuovere la polvere da lampade, campanelli, sedie.
 Svuotare i cestini dei rifiuti secondo protocollo aziendale.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 53


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

Pulire il pavimento a umido:


 Fissare il panno alla scopa snodabile articolata;
 Una mano sostiene il manico mentre l’altra dirige la scopa.
 Spingere la scopa davanti a se senza alzarla da terra .L’impugnatura
effettua una leggera rotazione per far si che la base della scopa descriva
delle larghe S sul pavimento,in questo modo i rifiuti e la polvere vengono
raccolti dal panno .
 Aiutarsi con una paletta se necessario.
 Accartocciare il panno usato e gettarlo nell’apposito contenitore.
Pulire il pavimento con sistema Mop:
 Riempire i 2 secchi ,uno con acqua (C2),e uno con il prodotto
disinfettante(C1),rispettando i criteri per la diluzione.
 Inumidire il Mop nel secchio C1 e strizzarlo;
 Lavare il pavimento ,disponendo il Mop a ventaglio sul pavimento e
procedendo con una leggera rotazione per fare si che la base del Mop
descriva delle larghe S sul pavimento ,in questo modo i rifiuti e la polvere
vengano raccolti dal Mop.
 Sciacquare il Mop nel secondo secchio C2 e strizzare .
 Inumidire il Mop nel secchi C1 e ripetere l’operazione.
 L’acqua dei 2 secchi va cambiata di camera in camera.
 Prendere la quantità necessaria sia stracci che di Mop per pulire tutte le
stanze ,avendo cura di separare il materiale pulito da quello sporco;

 Il sistema Mop e più indicato per i grandi spazi ( es .corridoi)


 Se utilizzati altri sistemi attenersi alle istruzioni date dalla ditta
produttrice.
 Togliere i guanti e lavare le mani.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Eventuale presenza alterazioni del microclima.
 Presenza di materiali o arredi rotti.

IMPORTANTE
 Iniziare la pulizia dall’alto verso il basso.
 Muoversi dalle zone più pulite verso quelle più sporche .
 Rispettare le diluizioni e i tempi di contatto indicati per i disinfestanti.
 Verificare la data di scadenza dei prodotti.
 Lasciare asciugare naturalmente.
 Il carrello delle pulizie non deve mai entrare nella stanza del paziente,
ma deve restare nel corridoio.
 Possono essere attuate varianti in base al tipo di servizio e/o alle
indicazioni date dal Comitato Infezioni Ospedaliere.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 54


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

2. MODELLO DI MANTENIMENTO - PERCEZIONE DELLA


SALUTE

2.10 CONTROLLO E PULIZIA DELLA SEDIA A ROTELLE

OBIETTIVI.:
 Assicurare l’igiene ,il buon funzionamento, la presenza di tutti gli accessori
(porta bombola, asta flebo, poggia testa e pediera) della sedia a rotelle al
fine di garantire il confort e la sicurezza dell’assistito

INDICAZIONI :
 La manutenzione deve effettuarsi periodicamente a seconda del piano delle
attività e dei protocolli dell’unità operativa.

TECNICA DI ESECUZIONI:
 verificare che le ruote siano gonfie e libere
 controllare l’efficacia dei freni
 controllare che l’imbottitura non sia danneggiata
 controllare i braccioli e i poggia-piedi che siano facilmente estraibili e ben
funzionanti
 detergere e disinfettare secondo protocollo aziendale

COMUNICAZIONI:
 cattivo funzionamento delle varie parti della sedia a rotelle
 richiesta di intervento del personale addetto alla manutenzione
straordinaria/ordinaria con bolla di accompagnamento

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 55


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO

3.1 SOMMINISTRAZIONE DEL CIBO E ASSISTENZA DURANTE I


PASTI

OBIETTIVI

-Aiutare il paziente nell’alimentazione stimolandolo ad essere il più possibile


autonomo.
-Garantire al pz il diritto alla privacy e fornirgli un adeguato microclima

INDICAZIONI

 Pazienti anziani
 Pazienti con lesioni neurologiche che creano deficit alla deglutizione.
 Pazienti immobilizzati con alterazioni dello stato generale.
 Consentire il processo di guarigione ed il ripristino dello stato di salute

TECNICA DI ESECUZIONE

 Avere un aspetto ordinato e pulito.


 Indossare un apposito camice e cuffia.
 Lavarsi le mani ed indossare i guanti ( dove necessita)
 Curare il microclima.
 Ridurre la presenza di estranei nella camera di degenza.
 Evitare nel limite del possibile la presenza di contenitori con materiale
organico.
 Assicurare al paziente le migliori garanzie igieniche ,lavaggio mani.
 Controllare il vassoio facendo riferimento al foglio prenotazione
 Verificare che non ci siano ingredienti sparsi sul vassoio.
 Rispettare le abitudini alimentari o i divieti imposti dalla cultura o
religione del paziente senza esprimere giudizi.

Paziente parzialmente autosufficiente e costretto a letto

 Far assumere al malato una posizione comoda, alzando la testata del


letto o utilizzando dei cuscini.
 Aiutare il paziente a lavarsi le mani
 Verifica dello stato del cavo orale con o senza protesi dentaria
 Porre il tavolino all’ altezza del pz,sistemando il vassoio a portata di
mano
 Scoprire i piatti,aprire i contenitori ed assisterlo secondo le condizioni del
paziente.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 56


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Dire quali alimenti si stanno offrendo.


 Cercare di rendere il momento del pasto il più piacevole possibile.
 Porgere al paziente il materiale per le cure igieniche del cavo orale.
 Provvedere a rimuovere i residui alimentari ed alla pulizia delle posate.
 Compiere le azioni necessarie a favorire il riposo post-prandiale.

Paziente non autosufficiente:


 Far assumere al paziente una posizione comoda.
 Lavarsi le mani.
 Verifica dell’ igiene del cavo orale.
 Sistemare il vassoio con il cibo.
 Mettergli il tovagliolo.
 Alimentare con bocconi piccoli, onde evitare che il paziente possa
incorrere nella gravissima complicanza di inalazione di cibo nelle vie
aeree.
 Offrire alimenti preferiti dal paziente, alternando liquidi e solidi per
permettergli un’adeguata masticazione e deglutizione.
 Concedere al paziente il tempo necessario per poter consumare il pasto.
 Cercare di rendere piacevole il momento del pasto.
 Eseguire l’igiene del cavo orale.
 Provvedere a rimuovere i residui alimentari ed alla pulizia delle posate.
 Togliere i guanti e provvedere all’igiene delle mani.
 Riordinare l’unità dell’assistito
 Compiere le azioni necessarie a favorire il riposo post-prandiale.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
-Comportamento del paziente.
-Disfagia.
-Dispepsia.
-Nausea.
-Vomito.
-Espressioni di disgusto.
-Notare la quantità assunta sia di liquidi che di cibi solidi.
-Registrazione nell’ apposita scheda.

IMPORTANTE
-Prima di somministrare il pasto al paziente assicurarsi che non debba
osservare il digiuno.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 57


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO

3.3 RILEVAZIONE DEL PESO

OBIETTIVI
 Conoscere il peso del paziente.
 Monitorare il dimagrimento o l’aumento di peso per motivi clinici.
 Garantire la privacy

INDICAZIONI
Su indicazione infermieristica o secondo protocollo stabilito dall’unità operativa
 Controllare gli effetti di un trattamento e/o di un regime dietetico.
 Controllare l’evoluzione di una patologia.

MATERIALE OCCORRENTE
 Bilancia per un paziente autonomo.
 Sedia-bilancia per paziente parzialmente autonomo.
 Sollevatore con bilancia per paziente non autonomo.

TECNICA DI ESECUZIONE
Su bilancia o sedia-bilancia:
 informare il paziente.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti.
 Aiutare il paziente a svestirsi.
 Mettere la bilancia al bordo del letto.
 Controllare che la lancetta o il timer siano sullo 0.
 Aiutare il paziente a posizionarsi sulla bilancia.
 Verificare che il paziente non appoggi sul bordo del letto o su altre
superfici.
 Leggere il peso.
 Annotare il peso sul foglio della grafica o dove predisposto.
 Aiutare l’assistito nel rivestirsi ed eventuale riposizionamento nel letto
 Riposizionare la bilancia o sedia-bilancia nel posto dedicato
 Togliersi i guanti e lavarsi le mani
Su sollevatore con bilancia:
 Informare il paziente.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti.
 Svestire il pz.
 Posizionare l’ imbrago del sollevatore al pz.
 Aggangiare l’ imbrago al sollevatore.
 Accendere la bilancia.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 58


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Controllare che il display indichi 0


 Sollevare il pz in modo da non fargli toccare alcuna superficie.
 Leggere il peso.
 Annotare il peso sul foglio della grafica o dove predisposto.
 Riposizionare il pz al letto.
 Sfilare l’ imbrago .
 Rivestire il pz.
 Riposizionare il sollevatore nel posto dedicato.
 Togliere i guanti e lavarsi le mani.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Comunicare il valore del peso rilevato.
 Segnalare se durante la metodica ci sono stati dei problemi.

IMPORTANTE
 Pesare il paziente al mattino a digiuno, preferibilmente alla stessa ora,
preferibilmente con lo stesso tipo di indumento.
 Il paziente deve essere sempre pesato con la stesso tipo di bilancia.
 Nel caso in cui il pz abbia drenaggi o catetere vescicale, verificare che
non incidano sul peso.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 59


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO

3.4 RILEVAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA

CARATTERISTICHE SEGNI DI BENESSERE SEGNI DI ALTERAZIONE


Grado di temperatura Di norma tra i 36,6 e i Alterazione della
corporea 37 °C temperatura al di fuori dei
valori normali della persona
Segni/sintomi in relazione Facies e stato corporeo -Brividi anche leggeri, cute
alla temperatura corporea nella norma fredda, pallore
-Cute calda e rossa
-Colorito grigiastro
-Sudorazione
-Orripilazione (pelle d’oca)
Sensazioni riferite dalla Stato fisiologico in base -Vampate di calore
persona alle condizioni climatiche -Sensazione di freddo
-Richiesta di variare la
temperatura dell’ambiente

OBIETTIVI:
 Monitorare la temperatura corporea dell’assistito.

INDICAZIONI :
 Su indicazione infermieristica ricercare segni di alterazione della
temperatura corporea secondo i protocolli dell’unita’ operativa.

MATERIALE OCCORRENTE:
A seconda della disponibilità e/o consuetudine della U.O.:
 termometro auricolare con coprisonda monouso
 termometro al gallio
 termometro ad infrarossi
 termometro digitale
 arcella non sterile
 garza non sterile per uso termometri al gallio
 guanti monouso non sterili

TECNICA DI ESECUZIONE:
 Informare l’assistito
 Lavarsi le mani
 Indossare guanti monouso

A) USO DI TERMOMETRO TIMPANICO

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 60


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 verificare lo stato del condotto uditivo


 posizionare il termometro con il coprisonda monouso , dopo averlo
acceso, all’entrata del condotto uditivo , sollevare leggermente il lobo
auricolare per facilitare la lettura timpanica; quando l’apparecchio suona,
rimuoverlo e visionare la temperatura
 rimuovere il coprisonda monouso e smaltirlo adeguatamente
 annotare la temperatura .ricordarsi di sottrarre dalla T.C. indicata sul
display 0,4 gradi Centigradi se non indicato diversamente dalla casa
produttrice
 seguire le indicazioni della ditta produttrice per la pulizia e disinfezione
delle varie componenti del termometro e per la sua manutenzione

B) USO DI TERMOMETRO AL GALLIO


 aiutare l’assistito ad assumere una posizione confortevole
 controllare del gallio non superi i 36°C
 tamponare la zona ascellare o inguinale prescelta controllando che non vi
siano alterazioni della cute:
1. se la rilevazione è ascellare porre il termometro sotto l’ascella e far
piegare il braccio sul torace in modo che il bulbo sia a contatto diretto
con la cute
2. se la rilevazione e’ inguinale, garantendo la privacy dell’assistito,
scoprirlo e porre il termometro nell’inguine e far stringere le cosce una
contro l’altra in modo che il bulbo sia a contatto diretto con la cute
 tenere il termometro in sede per dieci minuti
 togliere il termometro
 leggere la temperatura
 appoggiare il termometro nell’arcella
 provvedere alla disinfezione secondo protocollo
 togliersi i guanti monouso
 lavarsi le mani
 registrare la temperatura secondo consuetudine dell’U.O.

C) USO DI TERMOMETRO AD INFRAROSSI


 Rilevare la temperatura corporea dell’assistito seguendo le indicazioni ed
istruzioni della casa produttrice seguendo parte delle indicazione sopra
citate.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI:
 segnalare tempestivamente le alterazioni importanti rispetto ai valori di
normalità.
 in caso di ipertermia segnalare i sintomi dell’assistito (dolori, iperidrosi,
brividi)

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 61


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IMPORTANTE
Se la T.C. e’ superiore ai 38°C, alleggerire l’assistito dalle coperte.
Eventualmente posizionare un sacchetto di ghiaccio sulla fronte o sull’inguine
dell’assistito previa indicazione infermieristica.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 62


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO

3.5 ESECUZIONE DELLO STIK GLICEMICO

OBIETTIVO
 Controllo della concentrazione di glucosio nel sangue in modo rapido .

INDICAZIONI
 Su stretta indicazione infermieristica.
 Su attribuzione agli orari prestabiliti.

MATERIALE OCCORRENTE
 Vassoio .
 Guanti non sterili.
 Materiale per la disinfezione (cotone, disinfettante).
 Materiale per pungere il polpastrello:
 penna, di uso strettamente personale;
 lancetta monouso manuale
 lancetta monouso su supporto automatico di plastica.
 Apparecchio per la lettura del valore glicemico (variabile in base alla ditta
fornitrice).
 Arcella per porre il materiale utilizzato.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare la persona e spiegare la prestazione che si sta per compiere.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti monouso.
 Accendere l’apparecchio per la lettura della glicemia.
 Togliere la striscia reattiva dalla confezione facendo attenzione a non
toccare l’area relativa e richiudere immediatamente il coperchio del
flacone (l’area reattiva deve essere bianca o color avorio e non
presentare pieghe o strappi).
 Seguire le istruzioni che compaiono sullo schermo del riflettometro.
 Inserire la striscia reattiva nell’apposito supporto che si trova
nell’apparecchio, assicurandosi di inserire completamente la striscia
reattiva.
 Prendere un dito della mano del paziente.
 Detergere e asciugare bene prima di effettuare la puntura.
 Se l’assistito è autonomo è sufficiente fargli lavare le mani; invitare
l’assistito a lavarsi le mani preferibilmente con acqua calda per stimolare
il flusso sanguineo o mantenere le braccia stese lungo il corpo per alcuni
secondi prima di effettuare la puntura per rendere più facile il prelievo
della goccia di sangue

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 63


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Pungere il dito, preferire la parte laterale del polpastrello.


 Premere delicatamente il dito per ottenere una grossa goccia di sangue
sufficiente a coprire completamente l’area reattiva, se si è disinfettata la
zona, occorre buttare la prima goccia e utilizzare la seconda.
 Applicare il campione di sangue sulla striscia.
 Tamponare sul punto in cui si è effettuata la puntura, chiedendo dove
possibile la collaborazione del pz.
 Non muovere la striscia reattiva durante l’applicazione della goccia di
sangue, altrimenti rimetterla nella posizione iniziale più velocemente
possibile.
 Attendere il risultato che comparirà sullo schermo dell’apparecchio dopo
alcuni secondi; il tempo varia a seconda del tipo di riflettometro.
 Riordinare il materiale, gettare la lancetta nell’halibox .
 Pulire e disinfettare l’apparecchio seguendo le istruzioni, evitando di
utilizzare alcool o altri detergenti corrosivi o abrasivi.
 Rimuovere i guanti e lavarsi le mani.
 Annotare il risultato sulla grafica o dove preposto.
 Comunicare all’infermiere il risultato.

Glucosimetro Clorossidante DECS Se sporco di sangue Indossare:


elettrolitico gr. Utilizzare al e al termine della guanti in nitrile
dispositivo 1,1% di cloro 10% tecnica
elettronico per la attivo (cloro attivo - Pulire e
lettura dei valori 0,1%) disinfettare
della glicemia con panno monouso
(mod. Breeze) Diluire in 100 inumidito di
ml di soluzione soluzione
in disinfettante
900 ml di acqua
Strofinare l’esterno
dello strumento
facendo attenzione
che il disinfettante
non penetri nella
fessura della striscia
reattiva.

Lasciare agire per 12’

Sciacquare con
panno monouso
imbevuto di acqua e
asciugare

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 64


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Risultato della glicemia.
 Mal funzionamento dell’apparecchio.
 Eventuali problemi durante l’esecuzione della prestazione.

IMPORTANTE
Se la misura della glicemia è eseguita in modo scorretto i valori ottenuti
possono non essere attendibili; le fonti di errore più comuni sono:
 scorretta applicazione del campione di sangue
 danneggiamento delle strisce reattive a causa di calore, umidità o perché
scadute
 secondo indicazioni infermieristiche monitorare la glicemia agli orari, ad
esempio prima dei pasti
 conoscere l’apparecchio e soprattutto i codici errore, è utile leggere le
indicazioni della ditta fornitrice
 controllare ogni volta che il numero del codice della striscia reattiva
corrisponda al numero che compare nello schermo dell’apparecchio e la
data di scadenza
 se si utilizza alcool per la disinfezione, assicurarsi di rimuoverlo
completamente prima di pungere
 cambiare dito ogni volta che si effettua una determinazione, poiché
punture ripetute nello stesso punto formano fastidiose callosità
 non utilizzare mai una lancetta già usata, gettarla sempre nel contenitore
per oggetti appuntiti

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 65


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

3. MODELLO NUTRIZIONALE METABOLICO

3.6 PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

OBIETTIVI
 Garantire il confort e la sicurezza della persona non autosufficiente
 Prevenire le lesioni della cute sana
 Attivare la vascolarizzazione in corrispondenza dei punti d’appoggio
descritti nella figura (vedi retro)
 Collaborare con l’infermiere per posizionare il giusto ausilio antidecubito
in base al rischio di lesione
 Garantire il diritto alla privacy e fornire un adeguato microclima

INDICAZIONI
Monitoraggio e prevenzione del rischio di lesioni da decubito in pazienti sia
in ambito ospedaliero sia in ambito territoriale

TECNICA DI ESECUZIONE

 Ispezionare la cute di tutte le zone a rischio almeno 1 volta/die prestando


particolarmente attenzione a:
 Prominenze ossee (talloni, sacro, tuberosità ischiatiche, trocanteri
femorali, gomiti, spalle, dita dei piedi, regione temporale e
posteriore del cranio)

Parti soggette a traumi per la presenza di elementi esterni come


indumenti e calze antitrombo
 Parti sottoposte a frizione
 Parti dove possono essere esercitati traumi da parte di presidi
come il tubo tracheale, le linee venose, i cateteri ecc…
 Mantenere una buona igiene cutanea, eseguire la pulizia della cute
quotidianamente e ad ogni necessità
 Evitare acqua troppo calda, utilizzare detergenti delicati che riducano al
minimo l’irritazione e la secchezza della pelle
 Risciacquare ed asciugare bene tamponando, evitando sfregamenti
 Idratare la cute con creme idratanti/emollienti senza massaggiare
energicamente ma stimolare la vascolarizzazione
 Ridurre al minimo l’esposizione della cute ad umidità causata da
incontinenza, sudorazione e ferite.
 Prevenire la macerazione della cute nei soggetti con incontinenza urinaria
e/o fecale tramite:
 uso di pannoloni o mutande assorbenti che presentino una
superficie asciutta a contatto della pelle
 uso di Urocontrol

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 66


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 un’assistenza regolare nell’evacuazione


 utilizzo di agenti topici che agiscano da barriera contro l’umidità
 in caso di sudorazione profusa, detergere periodicamente l’assistito con il
materiale a disposizione
 mantenere una dieta bilanciata, controllare, riferire e documentare la
quantità di pasto assunto

Per i soggetti costretti a letto


 Su indicazione dell’infermiere posizionare un ausilio antidecubito
adeguato e documentare
 Effettuare cambi posturali possibilmente ogni 2/3 ore anche se in
presenza di presidi antidecubito
 Favorire l’ utilizzo di letti articolati
 Eseguire i cambi posturali/alzata evitando i danni da frizione e stiramento
(non fare strisciare il soggetto sul letto utilizzando traverse, ma
utilizzando teli dedicati ad alto scorrimento, trapezio, sollevatore)
 Evitare di posizione il paziente direttamente sul trocantere
 Mantenere la postura seduta per i tempi più brevi possibili
compatibilmente con le condizioni del soggetto e possibilmente
mantenere la testata del letto al minimo grado di elevazione (30°)
 Usare cuscini o supporti di schiuma per evitare il contatto reciproco tra
prominenze ossee
 Usare dispositivi che allevino completamente la pressione sul tallone
(tenere sospesi i talloni)
 Usare archetti per sollevare le coperte
 Verificare che l’assistito posturato non scivoli
 Controllare che la biancheria del letto sia stesa e priva di corpi estranei

Per i soggetti su poltrona


 Cambiare la posizione possibilmente almeno ogni ora
 Nei pazienti autonomi a rischio, insegnare di cambiare i punti d’appoggio
almeno ogni 15 min.
 Usare presidi antidecubito per superfici di seduta

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
Segnalare se ci sono anomalie dello stato della cute:
 Eritema (macchie rosse)
 Flittene (bolle sierose o ematiche, nere)
 Macerazione(danno dei tessuti superficiali e profondi)
 Lesioni da decubito multiple
 Necrosi (morte cellulare definitiva)
 Presenza di dolore o di altri sintomi riferiti dal paziente
 Stato di idratazione del paziente, quantità e tipo di dieta che
assume

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 67


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Fare attenzione anche a cateteri per infusione venosa ,


tracheostomia, drenaggi, valve ortopediche.

IMPORTANTE
 Limitare al massimo il numero di strati (biancheria, pannolone) fra il
presidio antidecubito e il paziente
 Verificare che nel letto non ci siano pieghe, tirando bene le lenzuola.
 Rispettare gli orari di cambio di postura come da procedura
 Evitare il massaggio energico in corrispondenza delle prominenze ossee
 Monitorare le superfici cutanee a rischio, in corrispondenza delle
prominenze ossee, nei decubiti supino e laterale:

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 68


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.1 CAMBIO PANNOLONE

PREMESSA
I pannoloni vanno utilizzati solo per assistiti incontinenti, in tal caso adoperare
pannoloni a graduale assorbenza che mantengono la cute asciutta e, se
cambiati al momento giusto, evitano la macerazione della cute.
Non è indicato in pazienti con catetere vescicale a meno che non vi sia
un’incontinenza fecale.

OBIETTIVI
 Permettere il comfort e l’igiene del paziente incontinente (feci/urine).
 Mantenere la cute pulita e asciutta.
 Prevenire le lesioni da decubito, evitando il contatto prolungato con il
pannolone sporco e bagnato.
 Prevenire le irritazioni da incontinenza.

INDICAZIONI
 Persone incontinenti alle feci, alle urine o ad entrambi.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Pannolone, i pannoloni vengono così classificati:
o Per assorbenza:
 Bassa
 Media
 Alta
o Per taglia (utilizzare la taglia adeguata).
Su indicazione dell’infermiere valutare il tipo d’incontinenza e cambiare il
pannolone quando l’indicatore non è completamente virato (es. scomparsa
dell’indicatore o cambio di colore).
 Una brocca con acqua tiepida.
 Guanti non sterili monouso.
 Sapone ph neutro o eventuali salviette personali senza alcool.
 Asciugamano o telo.
 Traversa.
 Telini assorbenti monouso.
 Decontaminante alcolico.
 Carrello smaltimento rifiuti e biancheria.
 Occorrente per prevenzione irritazioni (creme idratanti o protettive
disponibili).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 69


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente su decubito laterale.
 Nel caso in cui la persona abbia evacuato, pulire dalle feci con un telo dal
davanti all’indietro, poi proseguire con le cure igieniche.
 Ricordarsi di raccogliere l’eventuale campione di urine o feci se richiesto,
tramite appositi presidi.
 Eliminare il materiale (biancheria e rifiuti) secondo protocollo.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani, indossare i guanti.
 Infilare il pannolone dal davanti (al fine di evitare di spostare i germi fecali
verso la regione genitale), distendere così il più possibile la parte anteriore
del pannolone.
 Girare il paziente sull’altro fianco.
 Distendere completamente la parte dietro del pannolone.
 Rimettere il paziente supino.
 Far aderire bene il pannolone agli inguini.
 Fissare prima le strisce adesive inferiori, poi quelle superiori.
 Verificare il corretto posizionamento.
 Controllare che la biancheria dell’assistito o del letto non siano bagnate o
sporche, nell’eventualità provvedere alla sostituzione.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Irritazioni, rossore, lesioni da decubito.
 Caratteristiche delle urine.
 Caratteristiche delle feci.

IMPORTANTE
 E’ importante mantenere la pelle pulita e asciutta.
 Se il paziente è incontinente, dopo il lavaggio e l’applicazione della crema
protettiva, posizionare il pannolone.
 È vietato sovrapporre più pannoloni per ridurre i cambi.
 Evitare l’utilizzo di pannolini rettangolari che non hanno uno strato
sufficiente a mantenere la pelle asciutta

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 70


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.2 POSIZIONAMENTO E RITIRO DELLA PADELLA

OBIETTIVI
 Soddisfare il bisogno di eliminazione nella persona che non
deambula/allettata e l’igiene della persona.
 Promuovere e mantenere le capacità funzionali della persona non
autonoma.
 Mantenere la cute integra.

INDICAZIONI
 Immobilizzazione totale e parziale.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Padella.
 Guanti monouso non sterili.
 Carta igienica.
 Materiale per l’igiene intima.
 Materiale per la prevenzione e cura lesioni da decubito.
 Biancheria.
 Telini assorbenti monouso.
 Decontaminante alcolico.
 Carrello smaltimento rifiuti e biancheria.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente:
Se l’assistito può sollevare il bacino, inserire rapidamente la padella.
Se l’assistito non può sollevare il bacino, ruotarlo sul fianco, appoggiando la
padella contro i glutei mantenendola ferma mentre si fa ruotare l’assistito.
 Se l’assistito lo desidera, o è indicato, posizionare una protezione per ridurre
l’attrito con la padella.
 Coprire l’assistito, consegnare la carta igienica e l’occorrente per il lavaggio
delle mani, consegnare il campanello da cui potrà chiamare una volta
terminato.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 71


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Togliersi i guanti.
 Igienizzare le mani.
 Quando l’assistito ha terminato, indossare i guanti, chiedere di flettere le
ginocchia e sollevare i glutei, in alternativa, aiutare l’assistito a girarsi sul
fianco e tenendo la padella ferma rimuoverla.
 Prelevare campioni di feci o urine se indicato dall’infermiere.
 Coprire la padella e portarla nel deposito-vuotatoio per inserirla nel lava-
padelle (macchina che effettuerà lo scarico, il lavaggio e la
decontaminazione) sorreggendo la padella nella mano non dominante con il
guanto.
 Togliere il guanto, igienizzare le mani.
 Se necessario indossare i guanti ed eseguire una toilette intima, o attuare
manovre per la prevenzione e cura della lesioni da decubito.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Caratteristiche delle feci e urine.
 Eventuali dolori o bruciori.
 Presenza irritazioni, rossori, lesioni da decubito.

IMPORTANTE
 Non appoggiare la padella sul letto e/o per terra
 Prima di buttare le urine, verificare se è prevista la raccolta diuresi.
 Prima di buttare le feci verificare se è necessaria la visione medica.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 72


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.3 POSIZIONAMENTO E RITIRO DEL PAPPAGALLO

OBIETTIVI
 Rispondere al bisogno di eliminazione di urine nell’assistito continente di
sesso maschile.

INDICAZIONI
 Immobilizzazione parziale o totale dell’assistito.
 Raccolta diuresi per esami.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Guanti non sterili monouso.
 Telo per coprire il pappagallo.
 Pappagallo.
 Carta igienica.
 Decontaminante alcolico.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente.
 Se l’assistito è autosufficiente, spiegare le modalità per l’utilizzo del
pappagallo.
 Consegnare la carta igienica.
 Fornire il materiale per l’igiene delle mani.
 Se l’assistito non è autosufficiente o allettato mettere in posizione
semiseduta o in posizione più consona per facilitare l’eliminazione.
 Posizionare pappagallo.
 Coprire l’assistito e invitarlo ad urinare.
 Prima di allontanarsi avvicinare il materiale per eseguire il lavaggio delle
mani e il campanello da cui l’assistito potrà chiamare una volta terminato.
 Togliersi i guanti.
 Igienizzare le mani.
 Quando l’assistito ha terminato, indossare i guanti, rimuovere il pappagallo,
coprirlo e portarlo nel deposito-vuotatoio per inserirlo nel lava-padelle

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 73


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

(macchina che effettuerà lo scarico, il lavaggio e la decontaminazione)


sorreggendo il pappagallo nella mano non dominante con il guanto.
 Togliere il guanto, igienizzare le mani.
 Risistemare un pappagallo pulito vicino al letto se necessario.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Caratteristiche urine.
 Eventuale dolore o bruciore durante la minzione.

IMPORTANTE
 Prima di svuotare il pappagallo,verificare che non ci sia in corso una raccolta
urine.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 74


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.4 POSIZIONAMENTO DI UN UROCONTROL

OBIETTIVI
 Raccogliere le urine nel paziente incontinente all’interno di una sacca
apposita.
 Mantenere la cute più asciutta.

INDICAZIONI
 Su indicazione dell’infermiere.
 Persone incontinenti di sesso maschile.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Materiale per tricotomia.
 Condom della misura adatta.
 Sacca raccolta urine e supporto.
 Guanti monouso non sterili.
 Decontaminante alcolico.
 Carrello smaltimento rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente.
 Valutare se necessario eseguire la tricotomia.
 Verificare che la cute sia pulita ed asciutta, appoggiare il condom sul glande,
poi farlo scorrere e farlo aderire al pene.
 Raccordare il condom alla sacca per la raccolta delle urine.
 Posizionare la sacca urina con il supporto per non lasciarla a terra e
assicurarsi che sia sempre posta ad un livello più basso della vescica.
 Controllare che il tubo di connessione non sia piegato o schiacciato ed il
rubinetto della sacca sia chiuso.
 Rimuovere i guanti e igienizzare le mani.
 Riposizionare il paziente.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 75


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Ripristinare il letto e l’unità.


 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Stato della cute (rossori, irritazioni, presenza di lesioni cutanee).
 Presenza di secrezioni.

IMPORTANTE
 Agire con tatto, spiegando le azioni svolte.
 Evitare di radere la persona con la lametta perché questa manovra è fonte
di infezioni.
 Se il paziente lo richiede cambiare il condom tutti i giorni dopo l’igiene
intima.
 Non strappare il condom per toglierlo. Staccarlo dolcemente utilizzando
acqua e sapone.
 Non mettere mai un cerotto per mantenere in sede il condom.
 Controllare a distanza di tempo la tenuta del condom.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 76


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.5 SVUOTAMENTO SACCA PER LA RACCOLTA URINE

OBIETTIVO:
Svuotamento di una sacca di raccolta urine raccordata ad un catetere
vescicale a circuito chiuso (mantenendolo tale per limitare il rischio di
infezione).

MATERIALE OCCORENTE
 Guanti monouso.
 Un contenitore per raccolta diuresi o una sacca urine non sterile.
 In caso di accertamento di infezione e/o su indicazione dell’infermiere
utilizzare dispositivi specifici a seconda dell’agente infettivo.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Preparare il materiale su un carrello pulito.
 Informare l’assistito della procedura che ci si appresta ad eseguire.
 Lavarsi le mani.
 Indossare i guanti monouso.
 Prendere visione della quantità di urine.
 Chiudere il circuito della sacca.
 Posizionare il contenitore per la raccolta urine o la sacca a terra
raccordata al rubinetto della sacca sterile.
 Sollevare la sacca sterile, aprire il rubinetto prestando la massima
attenzione a non toccare il rubinetto.
 Richiudere il rubinetto e riposizionarlo nell’apposito dispositivo di
raccolta.
 Riapplicare la sacca nell’apposito supporto.
 Riaprire il circuito del catetere vescicale.
 Eliminare le urine considerando eventuali raccolte diuresi nelle 24 ore.
 Togliersi i guanti.
 Lavarsi le mani.
 Registrare la quantità nella grafica dell’assistito.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONE
In relazione alla quantità, al colore, alla densità e all’odore.

IMPORTANTE
 Non posizionare mai la sacca sul letto dell’assistito e mantenerla a livello
inferiore rispetto alla vescica.
 Verificare che il tubo non sia mai piegato o schiacciato.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 77


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.6 MISURAZIONE E CAMPIONAMENTO DELLE URINE

4.6.1 RACCOLTA URINE NELLE 24 ORE

OBIETTIVI
 Conoscere la quantità di diuresi emessa da un assistito durante un tempo
prestabilito, generalmente nelle 24 ore.

INDICAZIONI
 Diagnostica.
 Sorveglianze di un trattamento.
 Monitoraggio dell’ evoluzione di una patologia.
 Valutazione delle entrate e delle uscite ( bilancio idrico).

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Recipiente graduato per la raccolta della diuresi e relativo coperchio, con
indicato i dati dell’assistito, l’ora ed il giorno di inizio della raccolta
(posizionarlo in bagno ad uso dell’utente).
 Una padella o pappagallo o altro recipiente per la raccolta.
 Guanti monouso non sterili.
 Decontaminante alcolico.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura il paziente ed i famigliari.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente.
 Fare urinare l’assistito ed introdurre le urine nel vaso di raccolta, come tutte
le successive minzioni delle 24 ore.
 Togliersi i guanti.
 Igienizzare le mani.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 78


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Riordino del materiale.


 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.
AL TERMINE DELLE 24 ORE:
 Indossare i guanti monouso.
 Portare nel deposito-vuotatoio il contenitore per inserirlo nel lava-
padelle (macchina che effettuerà lo scarico, il lavaggio e la
decontaminazione) sorreggendolo nella mano non dominante con il
guanto.
 Togliere il guanto.
 Igienizzare le mani.
 Annotare la quantità totale presente nel vaso.
 Se prosegue la raccolta sostituire il vaso e aggiornare i nuovi dati.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Caratteristiche urina.
 Eventuali dolori o bruciori alla minzione
 Eventuali perdite di urina.

4.6.2 RACCOLTA CAMPIONE URINA ESAME STANDARD

OBIETTIVI
 Diagnosi attraverso l’esame chimico, fisico e microscopico del sedimento
delle urine.

INDICAZIONI
 Eseguire la raccolta del campione secondo prescrizione/necessità.
 Rispettare le norme di esecuzione corrette per non contaminare il campione.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Guanti non sterili monouso.
 Decontaminante alcolico.
 Carta igienica.
 Padella o pappagallo.
 Provetta e stativo.
 Etichetta con dati.
 Carrello per lo smistamento dei rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 79


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Informare sulla procedura.


 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente in modo confortevole, con padella o pappagallo,
invitandolo ad urinare (se possibile primo mitto del mattino), consegnando
il sistema di chiamata e invitandolo a suonare una volta terminato.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani.
 Quando il paziente è pronto indossare i guanti.
 Versare l’urina nella provetta.
 Chiudere la provetta.
 Controllare che la superficie esterna del contenitore sia pulita e verificarne
l’integrità e la chiusura del coperchio.
 Togliere i guanti e igienizzare le mani.
 Etichettare la provetta e posizionarla nello stativo.
 Indossare i guanti.
 Portare nel deposito-vuotatoio il contenitore per inserirlo nel lava-padelle
(macchina che effettuerà lo scarico, il lavaggio e la decontaminazione)
sorreggendolo nella mano non dominante con il guanto.
 Togliere i guanti e igienizzare le mani.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’ INFERMIERE/REGISTRAZIONI


 Comunicare variazioni sulle caratteristiche dell’urina.
 Comunicare dolori o bruciori alla minzione.

4.6.3 RACCOLTA CAMPIONE URINA PER URINOCOLTURA

OBIETTIVI
 Esame dell’urina che serve ad identificare la presenza in esse di batteri e a
definirne la specie.

INDICAZIONI
 Eseguire la raccolta del campione secondo prescrizione/necessità.
 Rispettare le norme di esecuzione corrette per non contaminare il campione.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 80


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Guanti monouso non sterili.
 Decontaminante alcolico.
 Occorrente per igiene intima (se il paziente non è autonomo).
 Carta igienica.
 Padella o pappagallo.
 Contenitore sterile apposito.
 Etichetta identificativa.
 Carrello per smistamento della biancheria e dei rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
Se con paziente autonomo:
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Invitare ad eseguire igiene intima seguendo la procedura indicata.
 Indossare i guanti.
 Ritirare il campione.
 Controllare che la superficie esterna del contenitore sia pulita e verificarne
l’integrità e la chiusura del coperchio.
 Togliere i guanti,igienizzare le mani.
 Etichettare, inviare il campione.
Se paziente dipendente ma collaborante:
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Chiedere di chiamare quando deve urinare.
 Alla chiamata:
 Detergere il piano d’appoggio del contenitore.
 Eseguire l’igiene intima.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani, indossare i guanti.
 Posizionare nuova padella o pappagallo.
 Rimuovere il coperchio del contenitore facendo attenzione a non venire a
contatto con i bordi interni del medesimo (o del contenitore), appoggiarlo sul
piano di appoggio prescelto.
 Se il paziente è in grado, chiedere di urinare e poi di trattenere l’urina (per
buttare via il primo getto e raccoglierne il secondo).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 81


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Posizionare il contenitore sotto al mitto e raccogliere il campione riempiendo


il contenitore secondo le indicazioni.
 Chiudere e appoggiare il contenitore sul piano prescelto.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani, indossare i guanti.
 Controllare che la superficie esterna del contenitore sia pulita e verificarne
l’integrità e la chiusura del coperchio.
 Togliere i guanti e igienizzare le mani.
 Etichettare il contenitore.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONE ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Comunicare dolori o bruciori alla minzione.
 Controllare caratteristiche dell’urina.

IMPORTANTE
 Se paziente donna mestruata, comunicare e posizionare un tampone
vaginale.
 Se paziente non collaborante e/o incontinente, o si vuole essere
assolutamente certi di non avere contaminazioni, in collaborazione con
l’infermiere si può raccogliere l’urina mediante un catetere vescicale
(NELATON).
 Se i pazienti sono bambini molto piccoli utilizzare appositi sacchetti sterili con
rubinetto da applicare ai genitali esterni.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 82


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.8 RACCOLTA CAMPIONE DI MATERIALE FECALE

OBIETTIVI
 Raccogliere il materiale fecale per la ricerca di parassiti, sangue (SOF) o di
altre sostanze o per l’esecuzione di esami (es: coprocoltura, clostridium
difficile).

INDICAZIONI
 Eseguire la raccolta del campione secondo prescrizione e protocollo.
 Rispettare le norme di esecuzione corretta per non contaminare il campione.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Contenitore sterile.
 Etichetta con dati del paziente.
 Guanti monouso non sterili.
 Decontaminante alcolico.
 Padella, vaso (solo se l’assistito è autosufficiente), pannolone (solo nei casi
in cui l’assistito sia incontinente alle feci).
 Carta igienica.
 Materiale per eventuale igiene intima.
 Carrello per lo smaltimento della biancheria e dei rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Quando il paziente è pronto,igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare il paziente.
 Fare urinare la persona prima di evacuare.
 Posizionare la padella se il paziente è allettato, o il vaso se è parzialmente
autonomo in bagno.
 Assicurare la privacy, avendo cura di avvicinargli il sistema di chiamata.
 Togliere i guanti e igienizzare le mani.
 Quando la persona sarà pronta, indossare i guanti.
 Se il paziente è autonomo, porgere la carta igienica ed il necessario per
eseguire l’igiene delle mani.
 Togliere il presidio.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 83


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Prelevare il materiale e introdurlo nel contenitore, assicurarsi di non toccare


con le dita né il bordo del contenitore, né l’interno del coperchio, poiché
sono sterili.
 Controllare che la superficie esterna del contenitore sia pulita e verificarne
l’integrità e la chiusura del coperchio.
 Coprire la padella e portarla nel deposito-vuotatoio per inserirla nel lava-
padelle (macchina che effettuerà lo scarico, il lavaggio e la
decontaminazione) sorreggendo la padella nella mano non dominante con il
guanto.
 Togliere il guanto e igienizzare le mani.
 Se necessario effettuare un igiene intima.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Inviare il campione.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Effettuazione del campionamento e orario.
 Caratteristiche delle feci.

IMPORTANTE
 Spiegare bene alla persona la finalità della manovra.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 84


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.9 CAMBIO DI SACCHE PER STOMA

4.9.1 CAMBIO DI UNA SACCA DA COLONSTOMIA

L’O.S.S. esegue questa manovra su stretta indicazione dell’infermiere. Se è


necessaria una medicazione complessa la prestazione è di competenza
infermieristica.

OBIETTIVI
 Assicurare igiene e confort all’assistito.

INDICAZIONI
 Paziente portatore di colonstomia.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Contenitore con acqua tiepida.
 Telino monouso assorbente.
 Guanti non sterili monouso.
 Decontaminante alcolico.
 Garze in TNT.
 Arcella reniforme.
 Una nuova placca.
 Sacca monopezzo o due pezzi (placca e secca).
 Forbici pulite.
 Materiale per tricotomia.
 Biancheria pulita.
 Carrello per lo smaltimento della biancheria e dei rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare confortevolmente l’assistito con un telo di protezione sotto la
sacca.
 Staccare la sacca usata dal bordo nella parte superiore per evitare perdite.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 85


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Osservare la scarica e se necessario prelevare campioni per esami


diagnostici.
 Mettere la sacca usata nel contenitore portarifiuti.
 Controllare se la placca è pulita e ben adesa, se sporca togliere la placca
sempre dall’alto verso il basso.
 Togliere il materiale attorno alla stomia con garze asciutte.
 Lavare accuratamente la stomia con l’acqua tiepida, dalla zona più pulita a
quella più sporca.
 Asciugare tamponando con le garze.
 Evitare di usare altri prodotti oltre l’acqua e non strofinare troppo forte per
non irritare inutilmente la stomia.
 Esaminare lo stato della cute e della mucosa.
 Se presenti peli cutanei nella zona peristomale eseguire tricotomia per
facilitare l’aderenza della placca o del sacchetto monopezzo.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani, indossare guanti puliti.
 Se la placca è da tagliare la prestazione deve essere esguita in
collaborazione con l’infermiere.
 Se la placca è preformata e se monopezzo, togliere il film protettivo.
 Applicare l’orifizio della placca sulla cute vicino all’ano artificiale.
 Assicurarsi della perfetta aderenza.
 Posizionare la sacca verso il basso se l’assistito è in piedi oppure di lato se è
a letto.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani, indossare guanti puliti.
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Tutte le anomalie della cute e della mucosa. In questo caso non collegare
una nuova sacca da stomia.
 Caratteristiche delle feci.
 Livello di autonomia nella gestione della stomia da parte dell’assistito e/o
caregiver.

IMPORTANTE
 Non utilizzare etere o altre sostanze irritanti per togliere residui di colla, ma
vasellina liquida, olio di mandorle o olio di paraffina.
 Per una migliore adesione della placca tenerla tra le mani qualche istante
per scaldarla.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 86


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4.MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.10 AIUTO NELL’ESECUZIONE DEL CLISTERE EVACUATIVO

OBIETTIVO
 Provocare l’espulsione del contenuto dell’ultimo tratto intestinale.

INDICAZIONE
 Il ruolo dell’O.S.S in questa prestazione è quello di preparare, riordinare il
materiale e di collaborare con l’infermiere nell’esecuzione del clistere dietro
prescrizione medica o secondo protocolli dell’unita’ operativa.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Sonda rettale di calibro adeguato.
 Gel lubrificante.
 Perette monouso (o clisteri evacuativi di pulizia).
 Guanti monouso non sterili.
 Decontaminante alcolico.
 Telino assorbente monouso.
 Padella, comoda o pannolone al bisogno se l’assistito non può recarsi in
bagno.
 Materiale necessario per le cure igieniche.
 Biancheria pulita.
 Carrello smaltimento della biancheria e dei rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Salutare e presentarsi.
 Curare il microclima.
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.
 Posizionare la traversa assorbente per proteggere il letto.
 Aiutare il paziente ad assumere il decubito laterale sinistro con le gambe
flesse ( per facilitare il flusso della soluzione all’interno dell’intestino).

CLISTERE CON SONDA:


 L’O.S.S. deve in questo caso collaborare con l’infermiere, l’introduzione
della sonda è di competenza infermieristica.
 Lubrificare la sonda rettale per circa dieci centimetri, inserirla per cinque
centimetri, far scorrere un po’ di liquido e introdurre la sonda per altri

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 87


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

cinque centimetri, introdurre quindi tutto il liquido lentamente. Se il


soggetto accusa dolore o se si incontra una resistenza, ritrarre la sonda
ed eseguire una esplorazione rettale per verificare l’eventuale presenza
di fecaloma (in tale caso procedere alla rimozione manuale), al bisogno
introdurre 40/50 cc di olio di vasellina per facilitare l’eliminazione.

CLISTERE SENZA SONDA RETTALE:


 Lubrificare il beccuccio della peretta monouso, l’introduzione del
beccuccio è di competenza infermieristica.
 Inserire delicatamente il beccuccio all’interno dello sfintere anale.
 Svuotare delicatamente la peretta con pressione costante.

 Al termine aiutare l’assistito, se necessario eseguire igiene intima (paziente


non autosufficiente).
 Riposizionare il paziente.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONE ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Registrare l’esito del clistere evacuativo.
 Caratteristiche delle feci.
 Sensazioni del paziente (dolore all’evacuazione, bruciore).

IMPORTANTE
 Invitare il soggetto, a trattenere la soluzione per dieci minuti circa e
aiutarlo ad assumere la posizione più consona alla situazione (padella,
comoda, pannolone oppure in bagno) assistendolo adeguatamente.
 Esaminare il materiale fecale prima di smaltirlo e prelevare eventuali
campioni di esami prescritti dal medico.
 Creare comfort e privacy durante la metodica.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 88


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

4. MODELLO DI ELIMINAZIONE

4.11 ASSISTENZA ALLA PERSONA CON VOMITO

OBIETTIVI
 Assicurare l’igiene e il comfort dell’assistito.
 Individuare e/o sorvegliare le condizioni cliniche dell’assistito.
 Evitare l’inalazione del vomito all’assistito.

INDICAZIONI
 Assistenza a persone durante l’episodio di vomito.
 Collaborare con l’infermiere durante l’assistenza e la rilevazione delle
caratteristiche del vomito.

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello preposto.
 Guanti monouso.
 Decontaminante alcolico.
 Bacinella.
 Materiale per l’igiene della persona e del cavo orale.
 Biancheria pulita.
 Indumenti puliti dell’assistito.
 Materiale per la raccolta di eventuale vomito a terra (es. rotoli grandi di
carta monouso).
 Carrello smaltimento rifiuti e biancheria.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Rispettare la privacy.
 Informare sulla procedura.
 Valutare e osservare.
 Relazionarsi con empatia ed ascolto cercando di tranquillizzare il paziente.
 Igienizzare le mani ed indossare i guanti.
 Posizionare il letto.

PAZIENTE VIGILE:
 Provvedere immediatamente a procurarsi una bacinella e i teli per
proteggere il letto e l’assistito.
 Posizionare l’assistito sul fianco se non può stare seduto.
 Invitare l’assistito a rimanere tranquillo e fare dei respiri profondi
preferibilmente dal naso.
 Se l’assistito ha una ferita chirurgica contenere la ferita durante i conati di
vomito.
 Controllare quantità e aspetto del vomito.
 Aiutare l’assistito nell’igiene della bocca e nell’igiene personale.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 89


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Togliere i guanti, igienizzare le mani,indossare i guanti puliti.


 Aiutarlo a cambiarsi gli indumenti se necessario.
 Cambiare la biancheria del letto se sporca.
 Pulire in terra se necessario o avvisare chi di competenza.

PAZIENTE NON COSCIENTE:


 Sollevare leggermente la testa dell’assistito e girarla di lato per evitare che
il vomito penetri nelle vie respiratorie.
 Salvo controindicazioni, porre l’assistito in posizione laterale.
 Porre un telo per proteggere l’assistito e il letto.
 Predisporre il materiale per un’eventuale aspirazione tracheo-bronchiale.
 Provvedere all’igiene della persona e a un’accurata igiene del cavo orale.
 Togliere i guanti, igienizzare le mani,indossare i guanti puliti.
 Cambiare la biancheria personale.
 Cambiare la biancheria del letto se necessario.
 Riposizionare l’assistito in decubito laterale di sicurezza salvo
controindicazioni e mettere un telo di protezione sotto il viso, nel caso
l’episodio possa riverificarsi.
 Ripristinare il letto e l’unità.
 Igienizzare le mani.
 Ripristinare il microclima.
 Salutare.
 Riordino del materiale.
 Igienizzare le mani.
 Registrare e riferire.

COMUNICAZIONE ALL’INFERMIERE /REGISTRAZIONI


 Quantità e aspetto del vomito:
 A “fondi di caffè”(materiale granulare di colore scuro);
 Vomito nero (vomito costituito da sangue digerito);
 Vomito rosso vivo (vomito contenente sangue non digerito);
 Vomito di colore giallastro o verdastro (può contenere bile);
 Cibo non digerito;
 Privo di odore;
 Odore aspro;
 Liquido;
 Vomito contenente muco o pus.

Caratteristiche con cui viene espulso il vomito:


 Preceduto da nausea;
 A getto (il materiale viene bruscamente proiettato fuori dalla bocca
e può non essere preceduto da nausea);
 Vomito asciutto (conati di vomito con solo emissione di gas);
 Vomito gravidico (che insorge nelle prime ore della mattina).

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 90


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IMPORTANTE
 Riferire le caratteristiche del vomito e le condizioni del paziente durante
l’episodio e subito dopo l’evento.
 Aver cura di controllare il paziente durante le ore dopo l’evento.
 Seguire le indicazioni medico/infermieristiche sull’idratazione e
sull’alimentazione.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 91


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.1 RILEVAZIONE DELLA FREQUENZA CARDIACA


OBIETTIVO
Controllare il ritmo, la frequenza e l’ampiezza delle contrazioni cardiache

INDICAZIONI
 Su indicazione dell’infermiere
 Controllare l’efficacia di una terapia
 Seguire l’evoluzione di una patologia

MATERIALE OCCORRENTE
Un orologio con lancette dei secondi

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare l’assistito
 Lavarsi le mani
 Comprimere leggermente l’arteria radiale con i polpastrelli del dito indice
e del medio
 Contare il numero di pulsazioni in un minuto

IMPORTANTE
 I valori normali per l’adulto si aggirano attorno ai 60-80 battiti al minuto
 Riferire all’infermiere le alterazioni
 Il polso può essere misurato su altre arterie, come indicato nella figura 1

FIGURA 1

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 92


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.2 RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

OBIETTIVO
Valutazione delle condizioni cliniche dell’assistito

INDICAZIONI
 Su indicazione dell’infermiere.
 Alterazioni della PA
 Controlli nel pre e post-operatorio

MATERIALE OCCORRENTE
 Sfigmomanometro,
 Fonendoscopio.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare la persona.
 Lavarsi le mani.
 L’assistito va disteso, in posizione di riposo, tranquillo e rilassato, oppure
in posizione seduta con il braccio appoggiato su di un piano.
 Liberare il braccio da indumenti che ostacolino il flusso di sangue.
 Avvolgere il bracciale intorno all’arto, alcuni centimetri al di sopra della
piega del gomito.
 Controllare il polso radiale.
 Poggiare il microfono del fonendoscopio alla piega del gomito.
 Chiudere la valvola della polpetta.
 Insufflare lentamente aria nel bracciale(si noterà lo spostamento della
lancetta del manometro) sino a quando la pressione pneumatica
supererà quella esercitata dal sangue nell’arteria (generalmente si arriva
intorno ai 200mmHg) e non si percepisce più il polso arterioso.
 Aprire la valvola e far defluire lentamente l’aria del bracciale.
 Leggere il dato sul manometro appena il flusso ricompare e si sente il
primo battito (che corrisponde alla pressione massima o sistolica).
 Decomprimere ancora il bracciale: le pulsazioni, prima forti, diminuiscono
di intensità fino a scomparire e l’ultimo battito corrisponde alla pressione
minima o diastolica.
 Trascrivere il dato.
 Riordinare il materiale usato.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 93


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

IMPORTANTE
 I valori della pressione arteriosa sistolica e diastolica considerati normali
nell’adulto sono:
o PA sistolica 130-139mmHg
o PA diastolica 85-89mmHg
 Verificare l’efficienza dello strumento utilizzato
 Se il valore risulta alterato rispetto alla norma, avvisare immediatamente
l’infermiere

Figura 2: decorso arterie

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 94


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.3 RILEVAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIA

OBIETTIVI
Controllare il ritmo, la frequenza e l’ampiezza del respiro di un assistito.

INDICAZIONI
 Su indicazione infermieristica.
 Controllare l’evoluzione di una patologia.
 Rilevare segni di aggravamento delle condizioni dell’assistito.

MATERIALE OCCORRENTE
Un orologio con lancette dei secondi

TECNICA DI ESECUZIONE
 Non informare l’assistito per evitare una modifica incosciente della
frequenza respiratoria
 Mettere il polso dell’assistito sul suo torace.
 Contare le ispirazioni (sollevamento del torace) per un minuto.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAIONI
 Annotare il parametro sulla grafica.
 Riportare all’infermiere i segni e sintomi di alterazione respiratoria come
indicato nella schede di osservazione.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 95


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.4 RILEVAZIONE DELLA SATURAZIONE

OBIETTIVI
Monitorare la saturazione di ossigeno capillare

INDICAZIONI
 Su indicazione infermieristica
 Per gli assistiti con dispnea di varia natura o che richiedono un
monitoraggio dei parametri vitali

MATERIALE OCCORRENTE
Saturimetro

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare l’assistito.
 Lavarsi le mani
 Eseguire la rilevazione della saturazione con le modalità idonee in base al
tipo di apparecchio
 Riordinare il materiale usato: detergere e disinfettare l’apparecchio come
da indicazioni della ditta produttrice

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Esecuzione della prestazione.
 Comportamento ed atteggiamenti dell’assistito.
 Segni di alterazioni respiratoria, secondo quanto indicato dalla scheda di
osservazione.
 Malfunzionamento dell’apparecchiatura o del materiale.

IMPORTANTE
Prima di effettuare la rilevazione accertarsi che:
 Non vi sia smalto per le unghie
 Non vi siano vistosi edemi
 Non vi siano fonti di luce intensa

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 96


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.6 PREPARAZIONE DEL MATERIALE PER L’OSSIGENOTERAPIA

Per questa manovra fare riferimento al protocollo aziendale vigente

OBIETTIVO
Garantire che tutto il materiale necessario alla somministrazione dell’ossigeno
terapia sia completo e funzionante.

INDICAZIONI
L’O.S.S. assicura la predisposizione del materiale. La somministrazione è di
competenza infermieristica

MATERIALE OCCORRENTE
( verificare che in ogni camera ci sia una presa per l’ossigeno)
 Sul carrello pulito:
o un flussometro
o acqua sterile
o tubi di collegamento
o cerotto ipoallergenico
o maschera o altro dispositivo (cannule nasali, maschera con sistema
Venturi, maschera con reservoir)

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare l’assistito
 Lavarsi le mani
 Su indicazione dell’infermiere allestire il flussometro monouso o viceversa
riempire il flussometro per 2/3 d’acqua sterile
 Inserire il tubo di collegamento
 Lavarsi le mani

SORVEGLIANZA
 Non utilizzare lubrificanti grassi (esplosivi a contatto con l’ossigeno)
 Monitorare i segni di sovradosaggio e avvisare l’infermiere in caso di:
o cefalea
o stato euforico
o viso arrossato, couperose
 Controllare le narici e la zona in cui passa la sonda per l’ossigeno per
prevenire lesioni da decubito da sondino
 Controllare il funzionamento del flussometro, avvisare l’infermiere in caso
di problemi

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 97


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Malfunzionamento del flussometro e/o del materiale
 Segni/ sintomatici di beneficio per il paziente (viso colorato,ritmo
respiratorio normale, scomparsa dell’angoscia )
 Segni/ sintomi di sovradosaggio

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 98


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.7 COLLABORAZIONE PER L’AEROSOLTERAPIA

OBIETTIVI
 Somministrazione di farmaci per via respiratoria.
 Umidificare le vie respiratorie.

INDICAZIONI
Su prescrizione medica

MATERIALE OCCORRENTE
 Manometro ad aria secondo il tipo di presa murale nella camera
 Nebulizzatore, boccaglio o una mascherina naso-bocca, un tubo di
raccordo
 acqua sterile o farmaci su indicazione infermieristica. I farmaci devono
essere stati preparati dall’infermiere all’interno del nebulizzatore.
 Fazzoletti di carta
 Arcella
 Sacco per i rifiuti.

TECNICA DI ESECUZIONE
 Informare l’assistito.
 Garantire il confort, prima di iniziare la manovra.
 Lavarsi le mani.
 Montare il nebulizzatore, il manometro ad aria.
 Mettere l’assistito in posizione semi-seduta.
 Fare soffiare il naso all’assistito.
 Spiegare la manovra all’assistito, dirgli di respirare normalmente:
 con la mascherina, ispirare dal naso ed espirare dalla bocca;
 con il boccaglio, inspirare dalla bocca ed espirare dal naso;
 invitare l’assistito a compiere un’ ispirazione forzata ogni 20 ispirazioni.
 Posizionare la mascherina, aprire l’aria fino a trasformare il liquido in un
film nebulizzato.
 In caso di tracheotomia, dirigere l’imbocco verso la cannula.
 Il tempo di manovra varia da 10 a 15 minuti.
 Aiutare l’assistito a tenere l’attrezzatura se è troppo affaticato o
impossibilitato a fare da solo.
 Al termine, depositare il materiale sul carrello (per pulirlo).
 Riposizionare l’assistito, riordinare la stanza. Avvicinare il sistema di
chiamata.
 Togliere i guanti e lavarsi le mani.
 Per la disinfezione e il riordino del materiale far riferimento al protocollo
vigente.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 99


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI
 Esecuzione della prestazione.
 Comportamento ed atteggiamenti dell’assistito.
 Segni di alterazioni respiratoria, secondo quanto indicato dalla scheda di
osservazione.
 Malfunzionamento dell’apparecchiatura o del materiale.

IMPORTANTE
Prevedere questa prestazione lontano dai pasti.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 100


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.8 PARAMETRI IN GRAFICA

La grafica è un documento medico–legale di fondamentale importanza


nell’ambito della documentazione clinica dell’assistito .
Esistono vari modelli di grafica in relazione della tipologia dell’unità operativa
(modelli cartacei o informatizzati)

OBIETTIVO:
Collaborare al monitoraggio mediante l’annotazione in grafica dei vari
parametri dell’assistito.

INDICAZIONI:
Ogni rilevazione effettuata dall’OSS, sotto supervisione infermieristica, deve
essere registrata nella documentazione clinico-assistenziale

TECNICA DI ESECUZIONE
 Scrivere in modo chiaro e leggibile, rispettare i colori previsti per una
visione di insieme più chiara ( in caso di grafiche cartacee)
 Annotare solo l’essenziale per facilitare la lettura diagnostica
 I dati da annotare nella data ed ora di rilevazione possono essere:
 Peso corporeo in kg.
 Frequenza respiratoria dei battiti cardiaci al minuto.
 Pressione arteriosa sistolica e distolica in mm/hg
 Saturazione ( % ossigeno legata all’emoglobina)
 Diuresi delle 24 ore in millilitri
 Temperatura corporea in gradi centigradi
 Evacuazioni ed eventuali caratteristiche anomale
 Valori stick glicemici
 Quantità pasto assunto ( se richiesto)

IMPORTANTE
 Ogni volta che viene riportato un parametro in grafica deve essere
segnalato all’infermiere responsabile
 In caso di grafica informatizzata il procedimento di registrazione avviene
in base al programma aziendale installato e predisposto, in base alle
abitudini e necessità dell’unita’ operativa.

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 101


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

6. APPARATO CIRCOLATORIO RESPIRATORIO

6.9 PRIMO SOCCORSO

OBIETTIVO:
il primo soccorso e’ l’aiuto dato alla persona, attraverso azioni standardizzate
compiute in attesa dell’intervento specializzato.

INDICAZIONI:
l’azione del soccorritore si fonda sul seguente principio: ogni volta che una
funzione vitale ( coscienza, respirazione e circolazione) e’ compromessa,
occorre sostituirla con adeguate manovre di supporto alle funzioni vitali.
Il ruolo dell’OSS e’ quello di riconoscere l’urgenza, eventualmente il grado di
coscienza e riferirlo nel momento in cui si chiede l’intervento urgente
dell’infermiere e/o del medico

MATERIALE OCCORRENTE
 Carrello per le emergenze (con defibrillatore)
 Saturimetro
 Elettrocardiografo
 Aspiratore

TECNICA DI ESECUZIONE:
L’OSS che lavora in ambiente protetto deve portare in camera di degenza il
carrello delle emergenze e tutte le attrezzature richieste e collabora, per
quanto di competenza, con medico e infermiere nelle tecniche sanitarie di
primo intervento.
In caso di necessita’ di primo soccorso al di fuori del proprio servizio, (durante
un trasferimento dell’assistito), rintracciare con urgenza nell’unità operativa
piu’ vicina un medico e/o un infermiere .
Nel caso di necessita’ di primo soccorso al domicilio, dopo aver valutato lo stato
di coscienza, chiamare subito i soccorsi al 118, fornendo indirizzo esatto,
mantenendo la calma e fornendo indicazione sull’accaduto. In attesa dell’arrivo
del Servizio di Soccorso Territoriale, mettere in atto le seguenti manovre: BLS
precoce = sostegno delle funzioni vitali, ventilazione e circolazione
(rianimazione cardio polmonare) per mantenere un flusso ematico accettabile e
l’ossigenazione agli organi in un assistito che ha un’ostruzione delle vie aree o
si trova in uno stato di apnea per altri motivi, oppure e’ in arresto cardiaco.

RIEPILOGO DEI COMPITI DEL PRIMO SOCCORRITORE:

 Valutare la situazione (cosa è successo, pericoli potenziali ecc…)

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 102


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203
Direzione Tecnica Professioni Sanitarie
Infermieristica Ostetrica Tecnico Sanitaria Riabilitativa Preventiva

 Valutare la persona e, se necessario sostenere le funzioni vitali mediante


a b c ( ostruzione vie aeree, respirazione, circolazione)
 attivare o far attivare la chiamata dei soccorsi
 arrestare una emorragia esterna
 proteggere ferite e ustioni
 preservare la vittima da ulteriori danni
 non far azioni inutili e/o dannose

IMPORTANTE
AZIONI INUTILI O DANNOSE
 somministrare da bere alla persona (acqua o bevande alcoliche)
 spostare la persona (a meno che l’ambiente non sia seriamente
pericoloso e/o che le condizioni della vittima richiedono una posizione
diversa)
 rimuovere corpi estranei conficcati profondamente (serio rischio di
causare gravi emorragie)

Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola 103


Piazzale Giovanni delle Bande Nere 11/a – 40026 Imola (BO) Sede legale Viale Amendola, 2 – 40026 Imola (BO)
T. +39 0542 604437 – F. +39 0542 604505 T. +39 0542 604011 – F. +39 0542 604013
d.carollo@ausl.imola.bo.it - www.ausl.imola.bo.it Partita IVA 00705271203