Sei sulla pagina 1di 2

Il suono e i suoi parametri

Il suono è una ​vibrazione ​che si propaga in un ​mezzo di propagazione


che può essere solido, liquido o gassoso. Nella maggior parte dei casi,
come quando parliamo con qualcuno o ascoltiamo la radio, il mezzo di
propagazione del suono è l'​aria, ​ovvero un gas.
Il suono viaggia dunque dalla ​fonte sonora ​(l'oggetto o la persona che
produce il suono) e, attraverso l'aria, arriva ​fino alle orecchie
dell'​ascoltatore​.

Le qualità del suono

Solitamente i suoni vengono classificati utilizzando quattro ​parametri (o


caratteristiche): altezza, intensità, durata e timbro

1 L'altezza è il parametro che determina se un suono è più o meno


acuto/grave.
L'altezza di un suono dipende dalla sua ​frequenza, ​ovvero dal numero
di vibrazioni al secondo, la cui unità di misura è l'​Hertz (Hz). ​Maggiore è
il numero di vibrazioni al secondo, più è acuto il suono.
L'altezza è anche la qualità che determina le ​note musicali: ​ciò che
differenzia un ​Do​ da un ​Re​, un ​Mi​ da un ​Sol​ è infatti la frequenza.
I suoni che hanno un’altezza ben definita sono detti suoni ​determinati
(ad esempio le note del flauto dolce o di una voce che canta ben
intonata).
I suoni di cui non riusciamo a stabilire precisamente l'altezza sono
invece detti suoni ​indeterminati ​(ad esempio quelli prodotti dalla
batteria o dalla voce parlata/rappata).
Alto/acuto e ​basso/grave sono aggettivi riferiti all’altezza del suono.
(Quindi se noi diciamo che un suono è ​alto​, intendiamo che è ​acuto,​
non che è ​forte!​ ​)
2 ​L'intensità ​è il parametro che determina ​il ​volume del suono.
L'intensità dipende dall’​ampiezza delle vibrazioni sonore e si misura in
decibel​ ​(dB)​.
L'intensità è anche il parametro che rende il suono potenzialmente
dannoso per la nostra salute; ascoltare per troppo tempo musica ad alto
volume (soprattutto in cuffia!) o essere spesso esposti ad ambienti molto
rumorosi può causare perdite anche permanenti dell'udito, nonché
disturbi di natura psicologica.
Gli aggettivi relativi all’intensità sono: ​piano, forte, pianissimo​, ​fortissimo​,
ecc. (Attenzione! Per essere precisi, se noi vogliamo intendere che un
brano “va piano”, dobbiamo dire che è ​lento, n ​ on che è ​piano​!)​.

3 La ​durata ​è il parametro che determina se un suono è più o meno


lungo/corto. ​Nella vita quotidiana misuriamo la durata degli eventi in
secondi/minuti ecc, mentre nella pratica musicale assegnamo alle
note/suoni una durata in termine di numero di ​pulsazioni​, che
indichiamo sul pentagramma con simboli appositi, detti ​figure musicali
(la semibreve, la minima ecc)

4 Il ​timbro ​è il parametro che ci permette di cogliere la ​qualità


complessiva di un suono, ovvero la sua ​identità. ​Grazie al timbro
riusciamo a riconoscere le persone ad occhi chiusi (semplicemente
ascoltandone la ​voce)​, a distinguere gli strumenti musicali tra di loro, a
distinguere un tuono da un martello pneumatico ecc.

Per capire meglio e ​vedere ​concretizzati ​i concetti, clicca sul link per
accedere al video ​1. i pARaMetRi del SuOno